BIG SOCIETY. Nascita ed evoluzione del concetto tra Regno Unito e Italia sulla stampa generalista ed economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BIG SOCIETY. Nascita ed evoluzione del concetto tra Regno Unito e Italia sulla stampa generalista ed economica"

Transcript

1 BIG SOCIETY Nascita ed evoluzione del concetto tra Regno Unito e Italia sulla stampa generalista ed economica

2 Copyright 2011 Euricse - European Research Institute on Cooperative and Social Enterprises Via S. Giovanni 36, Trento, Italy T F Realizzato da per conto di Euricse Rizoma Studio Giornalistico Associato Gli articoli raccolti nell Appendice sono ritagli stampa ad uso privato del destinatario, non riproducibili. LEGENDA per il formato PDF: Gli articoli citati nel testo contengono un link diretto ai corrispondenti articoli situati nell Appendice. Una volta visualizzato l articolo è possibile ritornare al testo principale cliccando sul tasto BACK. A margine del testo sono presenti i riferimenti al numero di pagina dell Appendice (A) dove si trovano per intero gli articoli citati.

3 DOSSIER N. 01 BIG SOCIETY Nascita ed evoluzione del concetto tra Regno Unito e Italia sulla stampa generalista ed economica Novembre Marzo

4 1. Uno strumento per la campagna elettorale 1. Uno strumento per la campagna elettorale A 20 A 31 A 33 Tradizionalmente, il mondo cooperativo nel Regno Unito è un feudo dei Laburisti. A cavallo tra il 2009 e il 2010, però, qualcosa è cambiato. Nel corso del 2009 David Cameron leader del partito dei Tories, storicamente opposto al socialismo del Labour ha preparato il suo cavallo di battaglia per la campagna elettorale del 2010, anche se è da molti da anni che lavora alla proposta teorica. In una serie di discorsi, dentro e fuori il partito, ha insistito sulla necessità di ridurre il Big Government e le sue enormi e crescenti spese e favorire, di contro, lo sviluppo dell iniziativa dei liberi cittadini ad associarsi. In un motto, Cameron si professa favorevole alla redistribuzione del potere : alla limitazione del potere statale, unita a un rinascere della spinta dal basso, sia in termini economici che sociali. Il discorso di Cameron del 10 novembre 2009 The Big Society rende bene l intenzione del futuro premier britannico di andare in questa direzione. Nel corso dei mesi successivi, in particolare nel periodo che va dal febbraio al maggio 2010, periodo di elezioni, Cameron insiste molto sul ruolo che le cooperative, le imprese sociali e il volontariato svolgerebbero in quella che lui chiama Big Society. Già il Labour a modo suo aveva provato a spostare la fornitura di alcuni servizi dallo stato alle cooperative, in particolare il tentativo è stato fatto con il Servizio Sanitario Nazionale (NHS). I Laburisti però non sono riusciti a creare le condizioni sufficienti perché il processo potesse svilupparsi e le cooperative fossero più libere di rivendere i propri servizi allo stato. I Tories invece promettono di mettere in pratica le necessarie riforme legislative, anche perché il progetto ha un respiro più ampio dell originale idea del Labour. La formazione delle imprese sociali e lo spostamento di alcune responsabilità dallo Stato ai cittadini sono sostenuti a tutto campo, per attuare un radicale cambiamento nella società e nel governo. Le reazioni alle proposte dei Tories sono da una parte entusiaste, dall altra scettiche e preoccupate. Riusciranno i Tories a sostenere dall alto un processo che deve nascere dal basso? Sembra contraddittorio, infatti, che un progetto fortemente voluto dal premier stesso si possa poi concretizzare dalla base (The Daily Telegraph, Dave's Big Society is not a top-down project that's why it was launched by the Prime Minister, 19 luglio 2010, G. Warner). E ancora: l operazione è in realtà finalizzata alla privatizzazione dei servizi? (N. Timmins, Financial Times, 16 febbraio 2010, New ways to prop up old concept hard to find.) 2

5 2. Decentralizzare i servizi 2. Decentralizzare i servizi, ridurre la burocrazia La riduzione del peso dello Stato nel Regno Unito ha principalmente due obiettivi: da una parte risparmiare, dall altra incentivare l iniziativa dei cittadini e il senso comunitario (questo secondo fine, in realtà, è anche un mezzo per il primo). Le due strategie proposte dai Tories per conseguire il risparmio sono la decentralizzazione dei servizi e la riduzione della burocrazia. (N. Timmins, Financial Times, 13 aprile 2010, Tories claim good government will cost less.) Il piano previsto dalla Big Society è apparentemente semplice: spostare i servizi dallo Stato centrale alle comunità locali, e in queste stesse comunità far sì che siano i cittadini stessi a intraprendere direttamente le azioni necessarie al loro benessere, rivendendo i loro servizi allo Stato. Il servizio fornito direttamente all interno della comunità che lo richiede viene così a costare meno, perché si evita il passaggio dalla comunità al centro governativo e ritorno. Le azioni nel locale, inoltre, possono essere direttamente mirate sulle reali necessità della popolazione, evitando così sprechi. Questi sono alcuni punti dell agenda della Big Society. Il programma però, come è chiaro a Cameron stesso, non può prescindere dallo spirito di iniziativa dei cittadini, i quali dovrebbero assumersi alcune delle responsabilità tradizionalmente attribuite allo Stato (per fare un esempio, l istruzione). Non a caso Cameron richiama nei suoi discorsi la sfida che John F. Kennedy rivolse agli americani e dice ai cittadini inglesi: Non chiedetevi cosa può fare il vostro paese per voi, chiedetevi cosa potete fare voi per il vostro paese. In Italia dove il dibattito sulla Big society è arrivato come riflesso delle elezioni britanniche e si è sviluppato nei mesi successivi sull eventuale importabilità del modello inglese si è sottolineato proprio questo aspetto della Big Society: esito di una spinta vitale che sale dal basso, di esperienze consapevoli, di passione condivisa rispetto alla realtà e ai problemi che presenta (Il Sussidiario, 8 settembre 2010, Un Cameron per l Italia, G. Frangi). Fa da contraltare all idea la riconosciuta necessità che questo tipo di cambiamenti siano diretti dall amministrazione, che deve gestire e organizzarne le forme. Infatti Il dimagrimento dello stato indotto dalle necessarie misure di risanamento della finanza pubblica in favore della big society è destinato ad accrescere il ruolo dei privati nella produzioni di beni e servizi collettivi. Questa trasformazione, tuttavia, non potrà avvenire semplicemente mettendo da parte l'amministrazione. Questa, invece, dovrà svolgere un inedito e difficile ruolo di facilitatore dell'iniziativa privata. (Il Sole24Ore, 28 settembre 2010, Se il funzionario cambia cultura, G. Napolitano) A 34 A 36 A 37 3

6 3. Rivendere i servizi 3. Rivendere i servizi: incentivare i cittadini a formare imprese A 39 A 41 A 42 A 44 Come debba esattamente avvenire il passaggio di consegne tra Stato e privati e in quale misura debba rimanere un controllo statale sui servizi è stato oggetto di molteplici proposte e precisazioni da parte del Governo. Gli interventi dello staff di Cameron (tra cui il ministro del Cabinet Office, Francis Maude) sembrano infatti avere l esigenza di rispondere ai dubbi esposti dall opinione pubblica e dalle principali testate nazionali. David Cameron sostiene che lo Stato non può avere il monopolio della fornitura dei servizi pubblici: una percentuale di questi devono essere devoluti al settore privato e a quello del volontariato. Un articolo del Financial Times (N. Timmins e J. Pickard, Cameron scraps idea of quotas in service provision, 21 febbraio 2011), riportando le parole del primo ministro, spiega che la riforma del settore create(s) a new presumption ( ) that public services should be open to a range of providers competing to offer a better service. Ma il punto secondo il quale the state does not have to be the default provider (ibid.) non è condiviso da tutti, tanto che il Financial Times sostiene che there are tensions over the extent to which that means traditional privatisation (ibid.). Alla base delle tensioni c è anche l apparente contraddizione di lanciare un progetto dal basso, fondandolo sull iniziativa individuale dei lavoratori, attraverso l intervento e la direzione dall alto dello Stato centrale (N.Timmins, Financial Times, Maude backs private role for public services, 10 febbraio 2011). Il piano di Cameron invita infatti i cittadini a partecipare al governo della Gran Bretagna, andando così a operare a un livello che non è localistico in senso tradizionale, non riguarda cioè quelle che The Economist definisce Britain s impotent local authorities ( Second invitation. David Cameron puts muscle into his favourite theme, 22 luglio 2010); è invece chiaro che chiamando alle armi i cittadini, Mr Cameron wants to push power further down, to the nano level. This vision sees parents helping to set up new schools, public-sector workers running their own services as co-operatives, and small groups of people volunteering on local projects. Un livello, quello della cittadinanza attiva, che non sembra così facilmente coinvolgibile, anche perché i lavoratori sono reticenti ad abbandonare un sistema che li ha sempre sostentati. Forse per colmare queste lacune il governo britannico ha cercato di tradurre la Big Society in azioni e proposte concrete, a partire dal programma di governo presentato dai Tories nelle elezioni del 2010, definito come a sort of Five Year Plan without Stalin (C. Cavendish, The Times, This is a five-year plan that might really work, 21 4

7 4. Filosofia e sostanza della Big Society maggio 2010) per la sua concretezza operativa. Altre proposte sono state avanzate, quali i laboratori per il decentramento, o le enterprise zones, dieci aree di sviluppo agevolato che sono state commentate anche in Italia (G. Gentili, Il Sole24Ore, Il nuovo sviluppo è zona franca, 15 marzo 2011) in merito al divario tra Nord e Sud del nostro Paese. La Big Society e la sua realizzazione risultano essere un tema molto dibattuto, ma per il momento i verbi che più frequentemente appaiono sui giornali sono proporre, lanciare l idea, annunciare a breve, sognare. Segno che l attuazione del programma non è così facile e che il cittadino medio non è sempre preparato a una riforma così radicale, che modifica la sua vita di ogni giorno. A Filosofia e sostanza della Big Society Il 31 marzo 2010 il Daily Telegraph ( Eureka! At last, I can see what David Cameron is on about ) si dimostra ottimista nei confronti del progetto dei conservatori inglesi: ritiene che, benché molto ambiziosi, gli intenti siano chiari. Ciò che va cambiato è il rapporto tra lo Stato e gli individui e il modo in cui questi si relazionano; il punto è spostare il centro sulle piccole comunità. Su questa linea si tiene anche professore-guru Richard Florida, recentemente assunto dal premier inglese come consigliere. Come riporta Il Sole24Ore il 12 dicembre 2010 nell articolo La mia utopia: un Tamigi da Silicon Valley, Florida vede nel progetto di Cameron una forte spinta innovatrice, proiettata verso il futuro, disposta a mettersi in gioco e a rinegoziare l intero apparato dei rapporti tra Stato e individuo e tra centro e periferia. Felice di un progetto dall ampia portata anche Joaquìn Navarro-Vals che dice: si devono creare comunità che abbiano verve; quartieri che si facciano carico del proprio destino, che sentano che mettendosi insieme possono plasmare il mondo attorno a loro. In una parola, si tratta di proporre un grande disegno etico-politico, capace di comprendere e gestire laicamente le dinamiche culturali del momento, e non solo di presentare una serie minimale di punti programmatici. (Repubblica dell 11 ottobre 2010, Il Ritorno dei valori in politica.) La Big Society viene spesso enunciata come una riappropriazione delle libertà individuali contro uno Stato opprimente (19 luglio 2010, The Guardian, "Cameron promises power for the 'man and woman on the street'"). Secondo altre descrizioni dell idea di Big Society, tra cui a volte quelle del premier inglese stesso, questa visione del progetto è riduttiva. Per Cameron A 48 A 50 A 52 A 54 5

8 4. Filosofia e sostanza della Big Society A 56 A 58 la Big Society non è semplicemente una riaffermazione del diritto di impresa o del singolo, essa è allo stesso tempo il rinascere di un sentimento comunitario. John Kay sul Financial Times del 22 febbraio 2011 ( Time for the Big Society to get down to the nitty-gritty ) ha enfatizzato proprio questo punto dandone una spiegazione filosofica: secondo il modello filosofico politico del contratto sociale attualmente prevalente, dato da John Rawls e filosofi affini nel ventesimo secolo, le società sono costituite da atomi individuali, uniti da una spinta razionale a costituire un ordine efficiente. In uno scenario di questo tipo viene dato poco spazio ai sentimenti di solidarietà e un gran peso invece alle libertà individuali. Nell impostazione dell Inghilterra della Thatcher e di Gordon Brown, invece, sostiene Kay, vi è, di base, una netta distinzione tra la sfera pubblica e quella privata, entrambi con una loro autonomia, dove il singolo e lo stato sono essenzialmente separati (anche se la linea di demarcazione può essere tirata in punti diversi). Ancora diversa l impostazione di Blair e di questa Big Society, la cosiddetta Terza Via. Qui i confini sono ben più sfumati: le istituzioni locali sono un ibrido di cittadino e Stato; nella Big Society la comunità non è costituita da atomi indipendenti, essa è in un certo senso preesistente agli individui che la abitano. In Italia si continua a discutere sulla Big Society, sui suoi principi fondanti e su quale ne sia l effettiva sostanza. In un articolo del 22 febbraio 2011 il Corriere della Sera intervista Lord Wei, l ideologo dietro il progetto di Big Society ( I tagli da soli non bastano La vera ripresa è la Big Society ). Come per molti inglesi anche qui si fa ancora difficoltà a capire che cosa sia effettivamente la Big Society. Per spiegarlo Lord Wei usa una metafora: La Big Society è un progetto politico che stimola la comunità ad essere protagonista della modernizzazione. Libera l iniziativa, promuove la solidarietà. Sposta il baricentro del potere dallo Stato alla società. Riassumo con una immagine: la Big Society è la coral reef, la barriera corallina, l ecosistema nel quale i cittadini vivono, partecipano, si associano. A proposito dell analogia con Terza Via di Blair, Wei risponde: In un certo senso è la sua evoluzione. La terza via laburista valorizzava il ruolo e il contributo dei privati ma non parlava di volontariato. Ci sono quattro dimensioni di cui dobbiamo tenere conto: l individuo, la famiglia, le associazioni di cui è parte l individuo, le istituzioni. Noi poniamo l accento non soltanto sull' individuo e sulle istituzioni ma anche sulla famiglia e sul volontariato. La sfida è trovare l equilibrio fra queste dimensioni. Per Wei, infatti, esempi di Big Society sono dati dall iniziativa personale e volontaria a migliorare un servizio pubblico: se in una zona di Londra, di Manchester, di una qualsiasi città, vi sono un giardino, una scuo- 6

9 5. Big Society e sussidiarietà all italiana la, una struttura pubblica che non funzionano bene o che hanno problemi di manutenzione anche perché il titolare del contratto non è all' altezza o è negligente, allora perché non offrire ai cittadini l' opportunità di intervenire direttamente? Si possono coinvolgere i pensionati per il controllo dei parchi, si possono creare gruppi di volontariato sia per supervisionare e correggere le spese destinate ai servizi pubblici sia per vigilare sulla crescita urbanistica. I cittadini, attraverso le organizzazioni del volontariato, decidono con chi stipulare i contratti e controllano il flusso di cassa. Da una recente inchiesta del Financial Times, però, risulta che la percezione delle piccole e medie imprese non è così chiaramente orientata a considerare la Big Society come diversa dalla Terza Via di Blair ( SMEs divided on big society idea, 28 febbraio). Non mancano i tentativi di comprendere il fenomeno inglese paragonandolo a casi italiani e usandone l ideologia. Il Corriere della Sera del 10 settembre 2010 ( I cittadini ridisegnano la città ) riporta che l assessore all urbanistica di Milano, per esempio, ha aperto alle osservazioni in materia di chiunque sia interessato a dare il proprio contributo: Come dice Cameron, dobbiamo cambiare l approccio verso il governare, perché la gestione dall alto al basso, con controllo rigido e totale, ha finito con l indebolire la responsabilità, l iniziativa locale e l azione civica. A 60 A Big Society e sussidiarietà all italiana Un filone importante del dibattito italiano sulla Big Society è costituito dal paragone con la nostra struttura sociale e dall evidenziazione di punti in comune e di differenza. Secondo alcuni, infatti, la Big Society da noi c è già, ed è costituita dall associazionismo e dalla solidarietà: questa l opinione di Emanuele, presidente della Fondazione Roma ( Tappa di Lord Wei a Roma, la via italiana della Big Society, Corriere della Sera, 25 febbraio). Si spinge oltre Carlo Borzaga, presidente di Euricse, che in un intervento su Vita del 14 gennaio 2011 ( Il modello italiano che fa invidia a Cameron ) fa notare agli entusiasti della Big Society quanto la situazione italiana sia altrettanto se non più interessante: due le ragioni positive per approcciare almeno con sano realismo le proposte d Oltremanica: la prima perché l Italia ha già sviluppato, assai prima degli inglesi, proprie forme di imprenditorialità sociale ampiamente studiate da economisti e sociologi di quei Paesi, e la seconda perché ha fatto di queste nuove forme imprenditoriali un soggetto non semplicemente sostitutivo dell intervento pubblico, come nella proposta di Cameron, ma nella A 63 A 64 7

10 5. Big Society e sussidiarietà all italiana A 66 A 71 A 72 A 74 A 75 A 76 maggior parte dei casi aggiuntivo. Su Italianieuropei Borzaga stesso precisa che nella formula italiana la cooperazione sociale è riuscita ad andare anche oltre: Poichè una buona parte dei servizi sociali del paese - probabilmente più del 40% - è oggi offerta da cooperative sociali, si può certamente affermare che la cooperazione sociale ha dato un contributo decisivo al passaggio da un sistema di welfare tutto incentrato su erogazioni monetarie a uno più attento alla domanda di servizi ( La cooperazione sociale, marzo 2011). Lo stesso Phillip Blond, consigliere del primo ministro britannico, ritiene che in Italia le associazioni religiose costituiscano già il collante sociale che il Regno Unito sta cercando di ricreare ( Il modello è già in casa: la big society all'italiana, Il Sole24Ore, 9 settembre 2010). In particolare il modello di sussidiarietà citato da Phillip Blond, è quello della Lombardia, grazie alla sua fitta rete di assistenza cattolica. Blond ha anche incontrato il governatore della regione, proprio per questa ragione ( Big Society, Lombardia modello. Il governo inglese guarda a noi. Video dal Forum Terzo Settore). Ma anche alcuni italiani, come Luca Antonini, insistono nel sostenere che la sussidiarietà sia una delle basi fondanti del nostro Paese e che sia sostanzialmente questo che si intende con Big Society (Il Sole24Ore dell 11 febbraio 2011 Rinascere da un nuovo 41 ). Recentemente Panorama è tornato sull argomento, presentando i numeri del terzo settore in Italia ed equiparandolo alla Big Society inglese ( Ma quanto è grande la Big Society in Italia?, 15 febbraio 2011). Il Sussidiario dedica all argomento una serie di articoli dove si sostiene che in sostanza la Big Society in Italia ci sarebbe già, ma non è valorizzata, né potenziata come dovrebbe. Si ripete del modello virtuoso della Lombardia ( La Big Society? Grazie Cameron, ma in Lombardia c è e funziona, 19 settembre 2010). E interessante notare come in alcuni passaggi ( Ecco la filiera che manca nell Inghilterra di Cameron, 23 ottobre 2010) la stessa testata parli di ciò che è la Big Society non associandola solo al mondo no-profit: A valle, la Big Society, in italiano, si traduce operativamente come filiera sussidiaria aziendale composta da imprese sociali di sistema (associazioni, cooperative mutualistiche e sociali, fondazioni, comitati, ong ) ed ex lege (L.118/05, D.Lgs.155/06 e decreti attuativi) e imprese private profit che producono beni e servizi di utilità sociale per l interesse generale e per il bene comune. La sfida è passare dal principio di sussidiarietà in termini di mission politica e di principio giuridico all operatività incidente nel sistema tramite i risultati di bene comune perseguiti dalle imprese sociali profit e non profit. Su questa linea ampia di definizione della Big Society, che include terzo 8

11 5. Big Society e sussidiarietà all italiana settore, società civile e imprese sociali, si muove lo stesso Cameron nella non facile impresa di dare una chiara idea di quale sia il suo progetto (Financial Times, Even Cameron struggles to define concept, 10 febbraio 2010). Anche il governo italiano rielabora una sua versione della Big Society e la esalta come ossatura del piano di sviluppo economico e sociale dell attuale legislatura: in un intervista rilasciata al Corriere della Sera il ministro Sacconi sostiene che Il governo pratica fin dall'inizio una rigorosa disciplina di bilancio, ma lo fa nell' ambito di una visione che si compone di due elementi tra loro incrociati: il federalismo fiscale e il nuovo modello sociale sussidiario ( ) vale a dire, l' incrocio della sussidiarietà verticale con quella orizzontale. Meno Stato, più società. E precisa: È una rivoluzione nella tradizione. Una rivoluzione che affonda le radici nella tradizione della fraternità francescana, delle opere pie, delle società di mutuo soccorso, delle cooperative laiche e socialiste (A. Cazzullo, Sacconi: diamo più spazio alla società. Con la crisi è finito lo Stato pesante, 30 agosto 2010). Ma un problema grosso, segnala Carlo Borzaga (Il Sole24Ore, Il terzo settore vince con più reti, 4 ottobre 2010) è proprio il mancato riconoscimento da parte della politica. Non ci sono forme di sostegno né benefici fiscali, né strategie di sviluppo dell impresa sociale: mentre nel Regno Unito il governo Cameron lancia il progetto di una Big Society qui da noi, dove la società civile è anche più radicata, si naviga a vista. Alcune testate, per quanto riconoscano la presenza in Italia di qualcosa di molto vicino alla Big Society, evidenziano come anche in Italia andrebbe ripensato il rapporto tra lo Stato e i produttori di servizi sociali. La Stampa vi dedica un articolo il 30 novembre 2010 ( Ora serve una svolta straordinaria nel sociale ) e su Il Sole24Ore, il primo marzo 2011, Guido Gentili sottolinea che è l Italia la culla storico-culturale di un progetto del genere e qui dovrebbe tornare sebbene il concetto abbia preso piede in Inghilterra ( La Big Society? Farebbe bene anche all Italia ). Il tema è stato anche al centro delle giornate sul mondo cooperativo tenutesi a Milano inizio febbraio Legacoop riporta: Per molti anni si sono contrapposti due modelli, quello dello Stato e quello del mercato libero. Il risultato è stata la monopolizzazione dei capitali nelle mani di pochi, Stato o oligarchie di quelli già ricchi, ha sottolineato Phillipp Blond. La crisi ha spazzato via entrambi gli approcci. Ma come si costruisce allora un modello più giusto? Secondo Blond la strada è ridistribuire: L attività cooperativa, la sussidiarietà, il mutualismo, a lungo considerati marginali nel futuro dell economia e della società, rappresentano una terza via. A 78 A 79 A 82 A 84 A 86 A 88 9

12 6. Big Society Bank 6. Big Society Bank A 90 A 91 A 92 A 94 La Banca per la Big Society, il tassello fondamentale per l attuazione del progetto, dovrebbe prendere finalmente il via quest anno. Il Financial Times spiega che la storia della banca inizia, in realtà, con il Labour, come Social Investment Bank, la Banca per l Investimento Sociale ( Big Society Bank a decade in the making, 14 febbraio 2011). La Banca ha vissuto una continua storia di ridimensionamenti: con i Laburisti doveva avere a disposizione due miliardi di sterline di fondi, che poi si è scoperto non essere disponibili. Nell ultimo periodo del governo laburista la cifra era stata ridotta a 75 milioni di sterline. La notizia era stata accolta positivamente dal mondo del volontariato, benché la cifra potesse essere più alta dato che si sarebbe potuto attingere ai conti corrente dormienti ( Social investment wholesale bank will be established, Third Sector, 24 marzo 2010). Ora si vuol dare finalmente vita alla Big Society Bank, con una somma iniziale che oscilla tra i 60 e i 100 milioni di sterline nel primo anno, attinti principalmente dai ricavi della lotteria nazionale. Ci si aspetta però di portare entro i prossimi anni la cifra prima a 200 e poi 400 milioni di sterline, sbloccando il denaro presente sui conti correnti bancari dormienti e attingendo a fondi messi a disposizione dalle banche commerciali. Qui nasce un problema: un operazione di questo tipo richiede l autorizzazione dell Unione Europea, che potrebbe bloccare tutto. Per difendere il progetto di una banca per Big Society, David Cameron torna a difendere l idea stessa che è alla base, rispondendo così ai critici: Some people say it s too vague. Well, if they mean by that there isn t one single policy that s being rolled out across the country, well yes, I accept that because actually what we are talking about here is a whole stream of things that need to be done. ( EU obstacle to Big Society plan, 14 febbraio 2011, Financial Times). Secondo il Financial Times ( Big Society plan will not plug cuts gap, 10 febbraio 2011), però, ci sono molte buone idee e proposte nel progetto ma fondi di questa entità non bastano a coprire l ampia scala dei tagli. La banca, infatti, dovrebbe avere un capitale iniziale di alcune centinaia di milioni di sterline, cui si vanno ad aggiungere i fondi provenienti da azioni di filantropia e simili; nulla a che vedere, però, con gli annunciati tagli di 81 miliardi di sterline, dei quali tra i 3 e i 5 miliardi colpiranno le organizzazioni di beneficienza. E interessante comunque notare come il governo britannico si stia sforzando di coinvolgere le banche nella Big Society. La notizie viene data an- 10

13 7. Uscire dalla crisi economica: uscire dalla crisi sociale che in Italia da Il Sole24Ore ( Accordo tra governo e banche inglesi sui bonus dei ceo e i prestiti alle imprese, 9 febbraio 2011). Nick Clegg, il vice primo ministro britannico, infatti, sta riuscendo in una certa misura a convincere gli istituti finanziari a spendersi in iniziative socialmente utili, anche perché, cosa da non sottovalutare, sembra che questo sia un tema che diventa sempre più caro ai singoli investitori. Questo tipo di investimenti dovrebbe colmare lacune che un governo centrale non può riuscire a colmare e allo stesso tempo permetterebbe di tagliare sui costi statali. Il primo fondo di impatto sociale, di 5 milioni di sterline, proveniente da filantropi e organizzazioni di beneficienza, è stato usato per la prigione di Peterborough, finalizzato al reinserimento nella società degli ex-galeotti. In questo caso, il profitto proverrà dall auspicata diminuzione dei recidivi. Altri progetti di questo tipo sono in corso di progettazione e istituti come JPMorgan e Deutsche Bank si stanno interessando alla cosa ( Clegg tackles banks on social investing, Financial Times, 18 gennaio 2011). Su la Repubblica ( La Big Society: una storia italiana, 3 febbraio 2011), Leonardo Becchetti ha evidenziato come in Italia esista da tempo un tradizione di banche cooperative, etiche e impegnate in investimenti socialmente utili: Con tutto il rispetto ( ) per le avveniristiche innovazioni promesse per il sistema bancario britannico la ricchezza e vitalità della nostra società civile ha partorito da tempo un sistema di banche cooperative e popolari e, ultimamente di banche etiche, che svolgono da tempo questa funzione e che hanno saputo capitalizzarsi raccogliendo risorse finanziarie e consensi dalla società non dormiente dei nostri territori. A 96 A 97 A Uscire dalla crisi economica: uscire dalla crisi sociale Negli ultimi tempi il Financial Times è tornato più di una volta sull argomento: gli investitori sono sempre più attenti a dove vanno a finire i loro soldi. In particolare, aumenta la sensibilità nei confronti di investimenti tesi non solo a un profitto ma anche ad un vantaggio per la società ( Investors seek returns in social gain, 10 febbraio 2011) e, chiaramente, se il loro interesse per questi temi cresce, proporzionalmente fa lo stesso quello degli istituti finanziari. In una certa misura è a pulsioni come questa che si appella David Cameron quando chiede ai cittadini britannici di tornare ad avere un sentimento comunitario. Ancora di più. Il premier ritiene che uscire dalla crisi economica A

14 8. I critici (1): la Big Society è una scusa per tagliare fondi? A 103 non sia sufficiente, se allo stesso tempo non si supera anche quella, più grave, che è la crisi sociale ( Cameron targets social recovery, Financial Times, 14 febbraio). Con questi argomenti Cameron risponde anche a chi lo accusa di aver messo su l intero progetto esclusivamente per giustificare gli enormi tagli apportati alla spesa statale: We need a social recovery to mend the broken society to me, that s what the Big Society is all about (ibid.). Cameron insiste che la Big Society non è solo un progetto passeggero: è la sua mission, l idea di radicale cambiamento per un Paese in difficoltà. 8. I critici (1): la Big Society è solo una scusa per tagliare fondi e privatizzare? A 105 A 107 A 109 E un dato di fatto che il governo inglese stia mettendo mano ai conti pubblici, tagliando centinaia di milioni di sterline di fondi. Mancano i fondi. Questa è la ragione principale per cui almeno posti di lavoro statali verranno tagliati nei prossimi 5 anni (B. Groom, Financial Times, Former public sector workers are a hard sell, 23 febbraio 2011). Alcuni di questi lavoratori, si auspica, prenderanno l iniziativa di formare un impresa sociale, o qualcosa del genere, ma sempre stando al FT More than half of private sector companies say they have no interest in taking on ex-public sector workers and think they lack the right skills, according to a poll by Barclays Corporate and the Financial Times. Alcuni critici ritengono quindi che quella dei tagli necessari sia solo una scusa: il vero scopo è privatizzare tutto. E i primi a sottolineare i problemi sono proprio i dirigenti delle organizzazioni del terzo settore, quelle che dovrebbero essere direttamente coinvolte nel progetto. La priorità in un momento di così grande difficoltà per l economia mondiale dicono dovrebbe essere risolvere i problemi occupazionali: per la grande società c è tempo (D. Kruger, Death by a thousand cuts for Big Society, 6 febbraio 2011, Financial Times). Di avviso simile Matthew Scott, rappresentante di organizzazioni sociali e di volontariato, che dalle pagine di Third Sector Online spinge i conservatori a chiarire la loro idea di big society, prima che venga associata da molti all idea di grossi tagli. Scott loda l interesse alle attività della società civile, ma sostiene che per riuscire nei suoi propositi il governo deve ascoltare i piccoli gruppi già attivi e dimostrarsi disponibile a fare investimenti nel terzo settore, altrimenti le attività locali potrebbero diminuire invece che permeare la società (J. Plummer, Explain 'big society' or cynicism will kill it, go- 12

15 8. I critici (1): la Big Society è una scusa per tagliare fondi? vernment is warned, 12 maggio 2010). Più drastica la denuncia dell ACEVO (Association of Chief Executives of Voluntary Organisation), secondo la quale, contrariamente a quando annunciato dal presidente Cameron, i progetti del settore volontario vengono tagliati piuttosto che incrementati, e questo prima ancora che siano annunciati i previsti tagli ai vari distretti (N. Timmins, Financial Times, Voluntary sector projects already being cut, 9 settembre 2010). E su questo punto insiste anche James Boxell del Financial Times, sostenendo che i charity bosses have told him [Cameron, n.d.r.] he risks killing the Big Society at birth because of deep cuts to councils voluntary sector grants, tagli che rischiano di rendere inutile la comprovata continuità delle donazioni al no-profit anche in periodo di crisi. Affinché il terzo settore fornisca più servizi sarebbero necessari più fondi, non più tagli. Secondo quanto riporta The Economist il 10 febbraio 2011 ( Platoons under siege ) la mancanza di esiti concreti a quasi un anno dalle elezioni ha portato malumori sia nell opinione pubblica David Cameron needs examples ( ) to show that his big idea is more than wishful thinking, or worse. His government s inclusive motto We re all in this together is being drowned out by accusations that its grand project is a cynical cover for public-sector cuts sia nel suo stesso partito, dove some Tories believe that last year s general election might have been won outright had Mr Cameron not harped on about his pet philosophy, and are not reconciled to it. Anche in Italia le critiche su questo versante non sono mancate, soprattutto nel mondo della stampa economica. Il Sole24Ore pubblica il 26 febbraio 2011 un articolo dal titolo Se la big society non dà la felicità proviamo col Pil, dove Riccardo Sorrentino sostiene che la big society non è il tentativo di rivitalizzare e risvegliare la società civile, la partecipazione, l'innovazione e l'"imprenditorialità" - in senso lato, anche non-profit - nella gestione beni pubblici o comuni. È il semplice tentativo di tagliare le spese statali senza dover fare e annunciare scelte impopolari, un po' scaricando la responsabilità e gli oneri su altri soggetti. Il 2 gennaio 2011 lo stesso Il Sole24Ore aveva commentato aspramente la proposta inglese di tassare gli istituti di credito i soldi per alleviare la stretta sullo stato sociale: le mani nel portafogli dei banchieri che le associazioni britanniche del volontariato suggeriscono d'infilare, una volta di più e con rinnovata lena, sono l'immagine di un contrappasso dantesco. Ad alta dose di populismo. Sarebbe però riduttivo liquidare solo come propagandistica l'operazione all'esame del cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, chiamato a valutare se un balzello sui bonus dei bankers debba attutire le conseguenze della stretta al welfare imposta dal deficit di A 110 A 111 A

16 9. I critici (2): piccole imprese sociali per una grande società? A 114 bilancio, operazione che il giornale italiano considera segno di una verticale caduta di credibilità ( Se la Big Society inizia in banca ). 9. I critici (2): come possono piccole imprese sociali partecipare a un gioco così grande? A 115 A 116 A 118 La Grande Società nelle mani delle piccole imprese. L ossimoro non sembra solo linguistico, almeno a giudicare dalla seconda ricorrente critica rivolta alla Big Society: le imprese sociali locali e il volontariato delle comunità possono davvero sopperire al bisogno nazionale di assistenza e servizi sociali? Innanzitutto le organizzazioni che si vogliano mettere a disposizione devono affrontare problemi enormi: uno dei criteri per ottenere l accesso ai finanziamenti pubblici (il Transition Fund stanziato è di 100m) stabilisce che l organizzazione deve avere prove o sostanziali ragioni per credere che tra aprile 2011 e marzo 2012 subirà un taglio di almeno il 30% dei fondi provenienti dall offerta di servizi front-line (Sophie Hudson, Third Sector Online, Transition Fund criticised over eligibility criteria, 13 gennaio 2011). Il problema è ben chiaro anche ai commentatori italiani: su Bene Comune del 9 marzo 2011 Leonardo Becchetti ( La big society. Ecco come realizzarla ) scrive che usare come unico criterio il prezzo finisce per aumentare il rischio che imprese di dubbia reputazione possano vincere, interrompendo a metà contratto l erogazione del servizio per chiedere altri soldi. Inoltre usare esclusivamente questo criterio vuol dire trasferire precarietà sulle cooperative sociali che vincono la gara, le quali sono costrette a sottopagare il lavoro. Qualità e copertura dei servizi sono gravemente compromesse. Il 19 novembre 2010 Il Fatto Quotidiano, parlando dell Inghilterra cameroniana, riporta: sono molti i settori in cui le coop potranno operare. A patto che presentino un piano di gestione che dimostri la convenienza economica rispetto al servizio statale. Le opposizioni: Dopo i tagli, è la ricetta sicura per il fallimento (D. Ameri, Big Society, in Gran Bretagna le cooperative di lavoratori si sostituiscono allo Stato ). Alla base di tutto ci sarebbe dunque una riduzione dei costi, tattica che il governo inglese suggerisce anche all Italia Phillip Blond, della think tank ResPublica, che fa da consulente a Cameron, sostiene che il modello di Big Society possa essere esportato anche in Italia. Anzi, il nostro Paese sarebbe avvantaggiato, perchè le numerose organizzazioni religiose incarnano già, pur senza profitto, questo modello di imprenditoria del sociale, 14

17 9. I critici (2): piccole imprese sociali per una grande società? diffuso soprattutto in Lombardia. In Italia inoltre ci sono più di cooperative sociali, fondazioni e associazioni. Ci lavorano circa persone che forniscono servizi a 5 milioni di utenti (ibid.). Ma i numeri del terzo settore sono davvero sufficienti a colmare il vuoto statale? Secondo The Economist ( No such thing. What s wrong with David Cameron s Big Society, 10 febbraio 2011) uno dei punti deboli della Big Society è proprio nel volontariato: non sarebbe sufficiente per la parte importante che lo Stato gli riserva nello svolgimento di servizi pubblici. Britons already do a respectable amount of volunteering by European standards, but there are reasons to doubt that they are willing to do the type or amount that he hopes (ibid.). La devolution inglese delle responsabilità statali alle imprese sociali e ai privati cittadini sembra avere anche delle ricadute sul respiro generale della politica cameroniana: ripiegata sul localismo e incapace di guardare al resto del mondo, l Inghilterra potrebbe affondare. Il rischio di una visione troppo ristretta per l Inghilterra viene presto segnalata dagli addetti ai lavori italiani, a partire da Filippo Addarii, Direttore esecutivo di Euclid, che scrive su Vita un commento dal significativo titolo BIG SOCIETY. Una grande società per un piccolo paese (13 ottobre 2010). Incalza il Volontariato del Lazio con un intervento dal titolo La taglia small della Big Society, dove si ribadisce che in teoria si passa da un primo ad un secondo Welfare, più efficace e vicino ai cittadini, in pratica si scivola da una sussidiarietà circolare ad una della delega. In cui difficilmente gli ultimi saranno i primi. Le problematiche dunque non mancano. Irene Tinagli riassume bene sulle pagine de La Stampa ( Grande società. L'illusione di Cameron, 21 luglio 2010) gli snodi fondamentali della critica: il problema che Cameron non considera o non vuol vedere è duplice. Il primo è che, se davvero lo Stato vuole stimolare e supportare degnamente le associazioni civili in tutti i settori di assistenza in cui attualmente opera, con la stessa capillarità territoriale, il costo dell'operazione non sarà inferiore al costo dello Stato attuale. La seconda ( ) questione riguarda l'effettiva adeguatezza della società civile, pur grande e dinamica che sia, di raggiungere e mantenere su tutto il territorio nazionale quel livello qualitativo e quel minimo di omogeneità territoriale che serve per far crescere il Paese e attutire le diseguaglianze tra regione e regione. ( ) tutti i grandi passi avanti delle società moderne ( ) sono stati compiuti grazie alla capacità di investimento massivo, costante e d'avanguardia che gli Stati hanno fatto in istruzione, in ricerca, in infrastrutture, in servizi sociali che consentissero al Paese di muoversi tutto intero verso un obiettivo A 120 A 122 A 124 A

18 9. I critici (2): piccole imprese sociali per una grande società? A 129 A 132 condiviso, di qualità, di competitività internazionale. Purtroppo le numerose comunità sociali che si creano a livello locale, pur avendo centinaia di pregi lodevolissimi e meritevoli di supporto, tuttavia hanno anche dei limiti intrinseci legati alla qualità dei servizi che sono in grado di fornire, alla loro capacità di visione strategica di lungo periodo e di comprensione delle dinamiche economiche e sociali globali. E conclude sostenendo che da questo punto di vista il problema principale della Big Society ( ) è proprio quello di frammentare il Paese in un mosaico di iniziative locali che non saranno in grado di garantire omogeneità e qualità ( ), accentuando le disuguaglianze che si propone di affrontare. Secondo alcuni giornali italiani questi timori si sono già rivelati fondati proprio in Italia, nel caso della recente riforma della Social Card. Un emendamento inserito nel cosiddetto decreto Milleproroghe ha rilanciato la social card anche in versione privatista con l'entrata in campo degli enti caritativi impegnati nel volontariato. Secondo Roberto Mania (La Repubblica Affari&Finanza, Torna la social card, una beffa con pochi fondi, gestita dai privati, 18 febbraio 2011) si vuole affidare anche agli enti caritativi un pezzo della gestione della social card. Saranno loro, una volta selezionati (entro trenta giorni dall'approvazione arriverà un decreto del ministero del Lavoro), a individuare i soggetti davvero bisognosi. Un esame empirico, sul territorio. Senza i soggetti pubblici. Ma chi controllerà? Quale sarà, se ci sarà, il ruolo dei Comuni?. E ancora Tito Boeri dalla prima pagina de La Repubblica scrive, facendo appello a un altro aspetto dell assistenza privata: lo Stato assegnerà la carta acquisti a imprecisati "enti caritativi" e saranno questi ultimi a dover decidere a chi dare la social card e a chi no, sottraendo questo compito ai servizi assistenza dei Comuni. ( ) chi deciderà quali enti caritativi sono degni di ricevere e distribuire le carte acquisti e quali no? Nel vuoto delle nostre politiche di assistenza, mortificate ulteriormente dai tagli ai bilanci dei Comuni ( ), spesso sono gli enti religiosi o associazioni culturalmente se non politicamente caratterizzate ad assistere i più poveri. Finché gestiscono risorse proprie che, in principio, dovrebbero integrare le prestazioni pubbliche, non c'è nulla di male. Ma perché obbligare un immigrato di religione musulmana a doversi rivolgere a un ente caritatevole cattolico per ricevere l' assistenza cui ha diritto secondo una legge dello Stato? ( Welfare, l' inganno della carità, 23 febbraio 2011). 16

19 10. L Unione Europea e la Big Society 10. L Unione Europea e la Big Society. Ci sono state reazioni da parte delle istituzioni? L Unione Europea, intesa come le sue istituzioni centrali, ha dovuto confrontarsi con la Big Society non solo a fronte delle richieste inglesi girate alla legislazione europea (eliminare la regola Ue secondo cui ogni contratto del valore superiore di sterline deve essere pubblicizzato e soggetto a una gara d appalto, oppure avere il via libera per impossessarsi dei fondi racchiusi nei cosiddetti conti bancari dormienti), ma anche rispetto a un generale impulso al rinnovamento del welfare che ha attraversato l Europa in questa fase di crisi. Non era forse possibile per l UE evitare l argomento, in quanto la Big Society appare come una delle poche proposte concrete avanzate dai governi membri a riguardo. Agli occhi de Il Sole24Ore infatti David Cameron rischia di trovarsi nella posizione di unico faro ideologico pienamente funzionante su scala europea dopo che la sinistra europea ha la febbre ancora alta e l'impressione è che le punte del centro-destra europeo siano impegnate nella gestione dell'emergenza piuttosto che nella manutenzione di un orizzonte ideale che possa essere fonte di ispirazione per le altre forze conservatrici (A. Romano, Cameron e l'equivoco della big society, 8 ottobre 2010). In uno speciale de Il Sole24Ore dedicato alla Big Society, Paolo Venturi evidenzia uno dei percorsi intrapresi dalle istituzioni europee per rispondere all esigenza di ripensare lo Stato sociale. Si tratta delle proposte per un Single Market Act, esposte dalla Commissione Europea nell ottobre 2010, in cui l imprenditorialità sociale diviene il centro vivo di un mercato unico europeo che si rafforza dando supporto al business che fa bene alle relazioni sociali. Scrive Venturi: Più società, meno stato : questo era lo slogan che ha alimentato la richiesta di politiche capaci di esaltare il protagonismo in Italia dell impresa sociale. A più di tre decenni dalle esperienze pioniere, in una fase in cui siamo chiamati a costruire un nuovo modello di welfare occorre recuperare il senso di queste parole, traducendole in una nuova stagione di politiche per e con l impresa sociale. Soltanto nel momento in cui la costruzione della dimensione sociale verrà percepita non come un costo, bensì quale investimento si potrà affermare di aver messo le fondamenta per un competitivo e duraturo mercato unico. La Big society europea passa da questa sfida che non possiamo più rinviare ( Il Single Market Act libera talenti e risorse finanziarie, 28 novembre 2010). Leggiamo infatti tra le proposte della Commissione Europea ( Verso un atto per il mercato unico. Per un economia sociale di mercato altamente competitiva, 27 ottobre 2010) la seguente idea: n. 36: nel 2011 la Commis- A 134 A

20 10. L Unione Europea e la Big Society A 138 sione proporrà un'iniziativa per l'imprenditoria sociale intesa a sostenere e ad accompagnare lo sviluppo di progetti imprenditoriali innovativi sul piano sociale nell'ambito del mercato unico, utilizzando in particolare il rating sociale, l'etichettatura etica e ambientale, gli appalti pubblici, l'attuazione di un nuovo regime per i fondi di investimento e la raccolta del risparmio dormiente. La Commissione europea sembrerebbe quindi venire incontro alla volontà inglese di rafforzare e finanziare il settore, ma allo stesso tempo avverte: l'applicazione delle regole europee in materia di servizi pubblici solleva numerose questioni di ordine pratico per le autorità pubbliche competenti e alcuni operatori del settore, in particolare nell'ambito dei servizi sociali. L'Unione e i suoi Stati membri devono pertanto continuare a farsi garanti dell'esistenza di un quadro regolamentare che consenta ai servizi pubblici di compiere la loro missione e di soddisfare effettivamente le esigenze di tutti i cittadini. Il potenziamento dell economia sociale viene dunque inquadrato dall UE in termini transnazionali, di mercato unico, contrariamente a quella che è la visione localistica spesso propugnata dal governo inglese. Alla recente la notizia della conclusione della procedura di consultazione da parte della Commissione europea sul documento, potrebbe seguire una validazione anche da parte di Parlamento, Consiglio, Comitato Economico e Comitato delle Regioni delle proposte che auspicano un rafforzamento della solidarietà mediante ( ) l accesso ai nuovi mezzi per l economia sociale di mercato (Guido Antolini, Milano Finanza, Mercato unico ed economia sociale, 25 marzo 2011). 18

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Mobilità in Erasmus+ - Sostegno Linguistico Online: Dimostrazione

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti

APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti APPENDICE 2 Proposta di creazione di un fondo condiviso interest-free interno a Banca Etica di Giorgio Simonetti In qualità di socio di Banca Etica vorrei lanciare la proposta di offrire un servizio simile

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a

GIORNATA DEL VOLONTARIATO. Torino 7 aprile 2013. regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a GIORNATA DEL VOLONTARIATO Torino 7 aprile 2013 Desidero porgere un caloroso saluto a nome dell intera Assemblea regionale a tutti i volontari piemontesi che hanno accolto l invito a partecipare a questa

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Ventinove

U Corso di italiano, Lezione Ventinove 1 U Corso di italiano, Lezione Ventinove U Oggi, facciamo un altro esercizio M Today we do another exercise U Oggi, facciamo un altro esercizio D Noi diciamo una frase in inglese e tu cerca di pensare

Dettagli

Fabio Baione. Roma, 28 novembre 2012

Fabio Baione. Roma, 28 novembre 2012 Fabio Baione Roma, 28 novembre 2012 Agenda La visibilità della professione attuariale, un problema risolvibile! Il futuro della professione: la tradizione come punto di partenza per l innovazione. Che

Dettagli

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015 Famiglie e welfare comunitario Stefania Mazza 11 febbraio 2015 LE COMPETENZE A) Analizzare I bisogni B) Creare C) Progettare D) Realizzare E) Valutare IL FARE QUALE SENSO DELLA PROGETTAZIONE Che cosa ci

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

WELFARE AZIENDALE. Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale

WELFARE AZIENDALE. Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale WELFARE AZIENDALE Ottimizzare il costo del lavoro migliorando il clima aziendale L esperienza di Muoversi nella gestione di piani benefit e work life balance: il caso concreto di BPER Milano, 15 Aprile

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE La liberalizzazione del mercato dell energia elettrica e del gas in Italia

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Intelligence, globalizzazione e interesse nazionale: il caso italiano. XXVIII Convegno SISP Perugia, 12 settembre 2014 Marco Moschetta

Intelligence, globalizzazione e interesse nazionale: il caso italiano. XXVIII Convegno SISP Perugia, 12 settembre 2014 Marco Moschetta Intelligence, globalizzazione e interesse nazionale: il caso italiano. XXVIII Convegno SISP Perugia, 12 settembre 2014 Marco Moschetta 1947: Europe must move together Our whole concept of the unification

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali COMUNICATO STAMPA CREDITO, CATANIA: NUOVI STRUMENTI PER L AGRICOLTURA ITALIANA Il nostro Paese sta attraversando una congiuntura difficile ed uno

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Relatore: Diego Bevilacqua Centro di Sviluppo Politico e Sociale 1. Fund raising: una definizione Il fund rainsing

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles

L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles L UE PER LE PMI Notizie da Bruxelles n 4 Marzo/Aprile 2014 in collaborazione con S O M M A R I O A C C E S S O A I F I N A N Z I A M E N T I Horizon 2020 Operativo lo strumento PMI N E W S D A L L E I

Dettagli

È fondamentale liberalizzare la società

È fondamentale liberalizzare la società È fondamentale liberalizzare la società NEL NOSTRO PAESE SI È PARLATO E SI PARLA ANCORA DI LIBERALIZZAZIONI. TUTTAVIA, CIÒ AVVIE- NE SOLO IN CAMPO ECONOMICO E CON RISULTATI POCO SODDISFACENTI. INFATTI,

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore

La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore La microfinanza in America Latina: il punto di vista degli operatori del settore Un indagine esplorativa condotta dalla Fondazione Giordano Dell Amore e dalla Rete Italia America Latina sulle sfide attuali

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia NELLA TRAPPOLA DELLA CRISI, IL LAVORO COME QUESTIONE SOCIALE Le politiche sociali del lavoro Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia Libertà e Giustizia, Scuola 2013, Collegio Spunti di discussione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito

PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI. Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito PROPOSTA DI LEGGE D iniziativa dei Deputati PEZZOTTA, BARETTA, BERNINI Misure per favorire la promozione e la diffusione del microcredito Onorevoli Colleghi! - Negli ultimi anni il settore della microfinanza

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO Politiche e strumenti di sostegno alle piccole e medie imprese Intervento del Presidente del CNEL On.

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Il sistema sanitario degli Stati Uniti. pag. 1

Il sistema sanitario degli Stati Uniti. pag. 1 Il sistema sanitario degli Stati Uniti pag. 1 pag. 2 pag. 3 pag. 4 Spesa Sanitaria USA 1960-2001 e percentuale su PIL $1,600 $1,400 13.4% 13.2% 13.3% 13.1% 13.1% 14.10% 16.0% 14.0% $1,200 $1,000 $800 7.0%

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo

Chi siamo In cosa crediamo In chi crediamo Le priorità per il 2014-2019 Chi siamo Siamo la più grande famiglia politica europea, ispirata da una visione politica di centrodestra. Siamo il Gruppo del Partito Popolare Europeo al Parlamento europeo.

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Trenta

U Corso di italiano, Lezione Trenta 1 U Corso di italiano, Lezione Trenta M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada M Two cousins meet in the street U Due cugini si incontrano in strada F Hi Osman, what are you

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica 14 a Commissione Politiche dell Unione europea Audizione Audizione sull Atto n. 227 Affare assegnato "Il Programma di lavoro della Commissione per il 2014 e la Relazione programmatica

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate

Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate 12. Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Favorire l inserimento lavorativo di persone svantaggiate Il problema Uno degli aspetti più preoccupanti del fenomeno della disoccupazione

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

CAV. LAV. MARIO RESCA Presidente Confimprese. Stati Generali del Commercio Regione Lombardia. Milano, 4 febbraio 2013

CAV. LAV. MARIO RESCA Presidente Confimprese. Stati Generali del Commercio Regione Lombardia. Milano, 4 febbraio 2013 CAV. LAV. MARIO RESCA Presidente Confimprese Stati Generali del Commercio Regione Lombardia Milano, 4 febbraio 2013 1 CONFIMPRESE -L ASSOCIAZIONE DEL COMMERCIO MODERNO I NUMERI 100 Associati 300 Marchi

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Modula. Perchè ogni impresa è diversa

Modula. Perchè ogni impresa è diversa Modula Perchè ogni impresa è diversa Troveremo la risposta giusta alle vostre esigenze Indipendentemente dalla natura e dalle dimensioni della vostra attività, sicuramente c è una cosa su cui sarete d

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare. Prof. Carlo Borzaga

Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare. Prof. Carlo Borzaga Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare Prof. Carlo Borzaga Sommario! alcune definizioni! perché servono politiche di welfare! i principali ambiti di intervento e i modelli di welfare!

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO

I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO READ ONLINE AND DOWNLOAD EBOOK : I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO

Dettagli

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato

Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato Società per la Biblioteca Circolante Programma Inglese Potenziato STRUTTURE GRAMMATICALI VOCABOLI FUNZIONI COMUNICATIVE Presente del verbo be: tutte le forme Pronomi Personali Soggetto: tutte le forme

Dettagli

law firm of the year Chambers Europe Awards

law firm of the year Chambers Europe Awards Oltre 360 avvocati 4 volte Law Firm of the Year agli IFLR Awards nell ultimo decennio (2011, 2010, 2006, 2004) 9 sedi, 5 in Italia e 4 all estero law firm of the year Chambers Europe Awards for excellence

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Capital Markets Union

Capital Markets Union Capital Markets Union Obiettivi, proposte e posizioni ABI Giovanni Sabatini Direttore Generale ABI Milano, 17 Settembre 2015 Capital Markets Union: cosa è? La CMU mira a creare entro il 2019 un mercato

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Principi di gestione aziendale per sviluppare l innovazione in azienda. Gestione dell Innovazione a.a. 2004/2005 AB

Principi di gestione aziendale per sviluppare l innovazione in azienda. Gestione dell Innovazione a.a. 2004/2005 AB Principi di gestione aziendale per sviluppare l innovazione in azienda Gestione dell Innovazione a.a. 2004/2005 AB 1 L ECONOMIA DELLA CONOSCENZA Nei prossimi decenni la competizione fra aziende, e sistemi-paese,

Dettagli

CONFESERFIDI - BREVI CENNI STORICI VISION CONFESERFIDI

CONFESERFIDI - BREVI CENNI STORICI VISION CONFESERFIDI CONFESERFIDI - BREVI CENNI STORICI I confidi sono nati negli anni 50 per attenuare la maggiore forza contrattuale delle banche rispetto alle micro e piccole Imprese, le quali sono costrette a pagare tassi

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE

Investire nell azione per il clima, investire in LIFE Investire nell azione per il clima, investire in LIFE UNA PANORAMICA DEL NUOVO SOTTOPROGRAMMA LIFE AZIONE PER IL CLIMA 2014-2020 istock Azione per il clima Cos è il nuovo sottoprogramma LIFE Azione per

Dettagli

Intervento di Mario Nava 1 alla Conferenza Le banche nell economia reale: ripensare ruoli, responsabilità, regole

Intervento di Mario Nava 1 alla Conferenza Le banche nell economia reale: ripensare ruoli, responsabilità, regole Intervento di Mario Nava 1 alla Conferenza Le banche nell economia reale: ripensare ruoli, responsabilità, regole Milano 7 ottobre 2013 Nel mio breve intervento per lanciare il dibattito vorrei dare essenzialmente

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA La Sicurezza Economica nell Età Anziana: Strumenti, Attori, Rischi e Possibili Garanzie. Courmayeur, 20 settembre 2008 Annamaria Lusardi Dartmouth College, NBER,

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza

Meeting 2012. Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Meeting 2012 Osservatorio Regionale Banche-Imprese di Economia e Finanza Mezzogiorni d Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, Nuovi Argonauti Intervento del Presidente del Consiglio Nazionale dell

Dettagli

Mark Scheme (Results) Summer 2007

Mark Scheme (Results) Summer 2007 Mark Scheme (Results) Summer 2007 GCE GCE Italian (6566/02) Edexcel Limited. Registered in England and Wales No. 4496750 Registered Office: One90 High Holborn, London WC1V 7BH 6566/02 Reading and Writing

Dettagli

Procurement per l innovazione e l integrità

Procurement per l innovazione e l integrità Procurement per l innovazione e l integrità Forum P.A. 2012 Roma, 18 maggio 2012 Key note speech Prof. Gustavo Piga Direttore Master Procurement Management Università di Roma Tor Vergata Dipartimento di

Dettagli

Chi siamo? Cosa facciamo? Perché lo facciamo? www.apid.to.it

Chi siamo? Cosa facciamo? Perché lo facciamo? www.apid.to.it Chi siamo? Cosa facciamo? Perché lo facciamo? Tematiche I Essere imprenditore II Difficoltà e sfide III Case history I - Essere imprenditore Perché fare l imprenditore Coltivi le tue passioni Batti

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Il Futuro. The Future Tense

Il Futuro. The Future Tense Il Futuro The Future Tense UNIT GOALS Unit Goals By the end of this unit the learner will be able to: 1. Conjugate the Futuro Semplice Simple Future regular verbs of all three major Italian conjugations.

Dettagli

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009

IL WEB WRITING. di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale PARTE PRIMA. 15 0ttobre 2009 IL WEB WRITING di Vincenzo Rodolfo Dusconi, Esperto in Marketing e Comunicazione Legale 15 0ttobre 2009 PARTE PRIMA Perché gli studi professionali sottovalutano ciò che viene riportato nei testi del loro

Dettagli

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi

«Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi «Confidi 2.0»: il nuovo corso dei Confidi #1] Premessa, scenario #2] Missione: «Confidi 2.0» #3] Sintesi delle nuove attività Milano, Lunedi 5 ottobre 2015 Leonardo Marseglia - Fidicomet Milano 1 Premessa

Dettagli