711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO. Data chiusura esercizio 31/12/2012"

Transcript

1 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2012 CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE IN SIGLA CONAP S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Sede legale: PERUGIA PG VIA BENUCCI GUSTAVO 162 Numero Rea: PG Procedure in corso: SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE Indice Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL Capitolo 3 - VERBALE ASSEMBLEA ORDINARIA Capitolo 4 - RELAZIONE GESTIONE Capitolo 5 - RELAZIONE SINDACI Capitolo 6 - ALTRO DOCUMENTO (PROCURA SPECIALE )...

2 Pag. 2 di Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Sede in PERUGIA - PONTE SAN GIOVANNI - VIA G. BENUCCI, 162 Codice Fiscale Rea PG P.I.: Capitale Sociale Euro i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Bilancio al 31/12/2012 Gli importi presenti sono espressi in Euro Bilancio al 31/12/2012 Pag. 1 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

3 Pag. 3 di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Stato patrimoniale Attivo A) Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti Parte richiamata - - Parte da richiamare - - Totale crediti verso soci per versamenti ancora dovuti (A) - - B) Immobilizzazioni I - Immobilizzazioni immateriali 1) costi di impianto e di ampliamento - - 2) costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità - - 3) diritti di brevetto industriale e diritti di utilizzazione - - delle opere dell'ingegno 4) concessioni, licenze, marchi e diritti simili - - 5) avviamento - - 6) immobilizzazioni in corso e acconti - - 7) altre Totale immobilizzazioni immateriali II - Immobilizzazioni materiali 1) terreni e fabbricati ) impianti e macchinario ) attrezzature industriali e commerciali ) altri beni - - 5) immobilizzazioni in corso e acconti Totale immobilizzazioni materiali III - Immobilizzazioni finanziarie 1) partecipazioni a) imprese controllate - - b) imprese collegate - - c) imprese controllanti - - d) altre imprese - - Totale partecipazioni - - 2) crediti a) verso imprese controllate esigibili entro - - l'esercizio successivo esigibili oltre - - l'esercizio successivo Totale crediti - - verso imprese controllate b) verso imprese collegate esigibili entro - - l'esercizio successivo esigibili oltre - - l'esercizio successivo Totale crediti verso imprese collegate - - c) verso controllanti d) verso altri esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo Totale crediti verso controllanti Bilancio al 31/12/2012 Pag. 2 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

4 Pag. 4 di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre - - l'esercizio successivo Totale crediti verso altri Totale crediti ) altri titoli - - 4) azioni proprie - - azioni proprie, valore nominale - - complessivo (per memoria) Totale immobilizzazioni finanziarie Totale immobilizzazioni (B) C) Attivo circolante I - Rimanenze 1) materie prime, sussidiarie e di consumo - - 2) prodotti in corso di lavorazione e semilavorati - - 3) lavori in corso su ordinazione ) prodotti finiti e merci - - 5) acconti - - Totale rimanenze II - Crediti 1) verso clienti esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale crediti verso clienti ) verso imprese controllate esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale crediti verso imprese controllate - - 3) verso imprese collegate esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale crediti verso imprese collegate - - 4) verso controllanti esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale crediti verso controllanti bis) crediti tributari esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale crediti tributari ter) imposte anticipate esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale imposte anticipate - - 5) verso altri esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale crediti verso altri Totale crediti III - Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni 1) partecipazioni in imprese controllate - - 2) partecipazioni in imprese collegate - - 3) partecipazioni in imprese controllanti - - 4) altre partecipazioni - - 5) azioni proprie - - azioni proprie, valore nominale - - complessivo (per memoria) 6) altri titoli. - - Bilancio al 31/12/2012 Pag. 3 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

5 Pag. 5 di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Totale attività finanziarie che non costituiscono - - immobilizzazioni IV - Disponibilità liquide 1) depositi bancari e postali ) assegni - - 3) danaro e valori in cassa Totale disponibilità liquide Totale attivo circolante (C) D) Ratei e risconti Ratei e risconti attivi Disaggio su prestiti emessi - - Totale ratei e risconti (D) Totale attivo Passivo A) Patrimonio netto I - Capitale II - Riserva da soprapprezzo delle azioni - - III - Riserve di rivalutazione IV - Riserva legale V - Riserve statutarie VI - Riserva per azioni proprie in portafoglio - - VII - Altre riserve, distintamente indicate Riserva straordinaria o facoltativa Riserva per rinnovamento impianti e macchinari - - Riserva ammortamento anticipato - - Riserva per acquisto azioni proprie - - Riserva da deroghe ex art Cod. Civ - - Riserva azioni (quote) della società controllante - - Riserva non distribuibile da rivalutazione delle - - partecipazioni Versamenti in conto aumento di capitale - - Versamenti in conto futuro aumento di capitale - - Versamenti in conto capitale - - Versamenti a copertura perdite - - Riserva da riduzione capitale sociale - - Riserva avanzo di fusione - - Riserva per utili su cambi - - Differenza da arrotondamento all'unità di Euro -1 - Riserve da condono fiscale: Riserva da condono ex L. 19 dicembre , n. 823; Riserva da condono ex L. 7 agosto 1982, - - n. 516; Riserva da condono ex L. 30 dicembre , n. 413; Riserva da condono ex L. 27 dicembre , n Totale riserve da condono fiscale - - Varie altre riserve Totale altre riserve VIII - Utili (perdite) portati a nuovo - - IX - Utile (perdita) dell'esercizio Utile (perdita) dell'esercizio Acconti su dividendi - - Copertura parziale perdita d'esercizio - - Utile (perdita) residua Totale patrimonio netto B) Fondi per rischi e oneri 1) per trattamento di quiescenza e obblighi simili - - 2) per imposte, anche differite ) altri Totale fondi per rischi ed oneri C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato - - Bilancio al 31/12/2012 Pag. 4 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

6 Pag. 6 di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE D) Debiti 1) obbligazioni esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale obbligazioni - - 2) obbligazioni convertibili esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale obbligazioni convertibili - - 3) debiti verso soci per finanziamenti esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti verso soci per finanziamenti - - 4) debiti verso banche esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo Totale debiti verso banche ) debiti verso altri finanziatori esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti verso altri finanziatori - - 6) acconti esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale acconti - - 7) debiti verso fornitori esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti verso fornitori ) debiti rappresentati da titoli di credito esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti rappresentati da titoli di credito - - 9) debiti verso imprese controllate esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti verso imprese controllate ) debiti verso imprese collegate esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti verso imprese collegate ) debiti verso controllanti esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti verso controllanti ) debiti tributari esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti tributari ) debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale esigibili entro l'esercizio successivo - - esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale debiti verso istituti di previdenza e di - - sicurezza sociale 14) altri debiti esigibili entro l'esercizio successivo esigibili oltre l'esercizio successivo - - Totale altri debiti Totale debiti E) Ratei e risconti Ratei e risconti passivi 71 - Aggio su prestiti emessi - - Totale ratei e risconti 71 - Bilancio al 31/12/2012 Pag. 5 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

7 Pag. 7 di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Totale passivo Bilancio al 31/12/2012 Pag. 6 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

8 Pag. 8 di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Conti d'ordine Rischi assunti dall'impresa Fideiussioni a imprese controllate - - a imprese collegate - - a imprese controllanti - - a imprese controllate da controllanti - - ad altre imprese - - Totale fideiussioni - - Avalli a imprese controllate - - a imprese collegate - - a imprese controllanti - - a imprese controllate da controllanti - - ad altre imprese - - Totale avalli - - Altre garanzie personali a imprese controllate - - a imprese collegate - - a imprese controllanti - - a imprese controllate da controllanti - - ad altre imprese Totale altre garanzie personali Garanzie reali a imprese controllate - - a imprese collegate - - a imprese controllanti - - a imprese controllate da controllanti - - ad altre imprese - - Totale garanzie reali - - Altri rischi crediti ceduti pro solvendo - - altri - - Totale altri rischi - - Totale rischi assunti dall'impresa Impegni assunti dall'impresa Totale impegni assunti dall'impresa - - Beni di terzi presso l'impresa merci in conto lavorazione - - beni presso l'impresa a titolo di deposito o comodato - - beni presso l'impresa in pegno o cauzione - - altro - - Totale beni di terzi presso l'impresa - - Altri conti d'ordine Totale altri conti d'ordine - - Totale conti d'ordine Bilancio al 31/12/2012 Pag. 7 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

9 Pag. 9 di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Conto economico A) Valore della produzione: 1) ricavi delle vendite e delle prestazioni - - 2) variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di - - lavorazione, semilavorati e finiti 3) variazioni dei lavori in corso su ordinazione - - 4) incrementi di immobilizzazioni per lavori interni - - 5) altri ricavi e proventi contributi in conto esercizio - - altri Totale altri ricavi e proventi Totale valore della produzione B) Costi della produzione: 6) per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci - - 7) per servizi ) per godimento di beni di terzi - - 9) per il personale: a) salari e stipendi - - b) oneri sociali - - c) trattamento di fine rapporto - - d) trattamento di quiescenza e simili - - e) altri costi - - Totale costi per il personale ) ammortamenti e svalutazioni: a) ammortamento delle immobilizzazioni immateriali b) ammortamento delle immobilizzazioni materiali c) altre svalutazioni delle immobilizzazioni - - d) svalutazioni dei crediti compresi nell'attivo circolante e - - delle disponibilità liquide Totale ammortamenti e svalutazioni ) variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, - - di consumo e merci 12) accantonamenti per rischi ) altri accantonamenti ) oneri diversi di gestione Totale costi della produzione Differenza tra valore e costi della produzione (A - B) C) Proventi e oneri finanziari: 15) proventi da partecipazioni da imprese controllate - - da imprese collegate - - altri - - Totale proventi da partecipazioni ) altri proventi finanziari: a) da crediti iscritti nelle immobilizzazioni da imprese controllate - - da imprese collegate - - da imprese controllanti - - altri - - Totale proventi finanziari da crediti iscritti nelle - - immobilizzazioni b) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non - - costituiscono partecipazioni c) da titoli iscritti nell'attivo circolante che non - - costituiscono partecipazioni d) proventi diversi dai precedenti da imprese controllate - - da imprese collegate - - da imprese controllanti - - altri Totale proventi diversi dai precedenti Totale altri proventi finanziari Bilancio al 31/12/2012 Pag. 8 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

10 Pag. 10di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE 17) interessi e altri oneri finanziari a imprese controllate - - a imprese collegate - - a imprese controllanti - - altri Totale interessi e altri oneri finanziari bis) utili e perdite su cambi - - Totale proventi e oneri finanziari ( bis) D) Rettifiche di valore di attività finanziarie: 18) rivalutazioni: a) di partecipazioni - - b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono - - partecipazioni c) di titoli iscritti all'attivo circolante che non costituiscono - - partecipazioni Totale rivalutazioni ) svalutazioni: a) di partecipazioni - - b) di immobilizzazioni finanziarie che non costituiscono - - partecipazioni c) di titoli iscritti nell'attivo circolante che non costituiscono - - partecipazioni Totale svalutazioni - - Totale delle rettifiche di valore di attività finanziarie (18-19) - - E) Proventi e oneri straordinari: 20) proventi plusvalenze da alienazioni i cui ricavi non sono iscrivibili al n Differenza da arrotondamento all'unità di Euro - - altri Totale proventi ) oneri minusvalenze da alienazioni i cui effetti contabili non sono iscrivibili al n imposte relative ad esercizi precedenti - - Differenza da arrotondamento all'unità di Euro - - altri Totale oneri Totale delle partite straordinarie (20-21) Risultato prima delle imposte (A - B + - C + - D + - E) ) Imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, differite e anticipate imposte correnti - - imposte differite - - imposte anticipate - - proventi (oneri) da adesione al regime di consolidato fiscale / - - trasparenza fiscale Totale delle imposte sul reddito dell'esercizio, correnti, - - differite e anticipate 23) Utile (perdita) dell'esercizio Bilancio al 31/12/2012 Pag. 9 di 9 Generato da INFOCAMERE S.C.p.A. - Conforme alla tassonomia itcc-ci Capitolo 1 - BILANCIO PDF OTTENUTO IN AUTOMATICO DA XBRL

11 Pag. 11di CONSORZIO ACQUEDOTTI PERUGIA S.R.L. IN LIQUIDAZIONE Sede Legale Via G. Benucci, Ponte San Giovanni - PERUGIA Iscritta al Registro Imprese di PERUGIA - C.F. e n. iscrizione Iscritta al R.E.A. di PERUGIA al n Capitale Sociale ,00 interamente versato NOTA INTEGRATIVA al bilancio di esercizio chiuso al 31/12/2012 Signori Soci, il progetto di bilancio ch e viene sottoposto alla vostr a approvazione prende in considerazione l esercizio In data 14/12/2011 l Assem blea Straordina ria dei Soci, ai sensi art.2484 C.C., ha deliberato lo scioglim ento e la liq uidazione della Soc ietà, atto re cepito con rog ito Notaio A. Crispolti in data 30/ 12/2011 Rep.n Racc.n depositato al Registro im prese in data 03/01/2012 e is critto il 10/1/2012. Pertanto nel corso dell esercizio 2012 la Società è risultata in liquidazione. Tuttavia l assem blea ordinaria dei soci, tenutasi il giorno 10 m aggio 2013, ha dato mandato al liquidatore di convocare una nuova assem blea straordinaria per la revoca della liquidazione. Tale assemblea si terrà nella stessa data prevista per la convocazione dell adunanza che dovrà approvare il bilancio dell esercizio Alla luce di tali eventi, e nel presupposto che l assem blea in seduta straordinaria confermerà quanto deliberato in sede ordi naria revocando così la liquidazione della Società, il liquidatore ha pred isposto il bilancio di eserci zio 2012 utilizzando i criteri di valutazione previsti, nel presupposto di con tinuità aziendale, dall articolo 2426 codice civile senza esporre le com ponenti del patr imonio a valori di realizzo com e sarebbe richiesto in fase di liquidazione. Pertanto i criteri di valutazi one, conformi alle disposizioni contenute nell art c.c., risultano omogenei rispetto a quelli utilizzati nel

12 Pag. 12di Premesso questo, ai sensi dell art bis si evidenzia che il Comune di Perugia detiene il 52,7193% del Capitale Sociale del Consorzio Acquedotti srl. Il bilancio di esercizio è stato redatto in ottemperanza alle norme del Codice Civile ed è costituito dallo Stato Patrim oniale, dal Conto Econom ico - predisposti in confor mità agli schem i previsti agli ar ticoli 2424 e seguenti del Codi ce Civile - e dalla N ota Integrativa. I principi adottati, ove previsto dalla nor Sindacale. mativa, sono stati concordati con il Collegio Non si è provveduto al raggruppam ento di voci nello Stato Patr imoniale e nel C onto Economico (art ter, comma 2, c.c.). Le voci del preceden te Stato Patrimoniale e d el Conto Eco nomico chiuso al 31/12 /12, riportate per comparazione,, sono omogenee, risp etto a quelle dell esercizio chiusosi al 31/12/11 in quanto non sono stati m odificati i criteri di valu tazione adottati nell esposizione delle com ponenti del patrim onio aziendale (art ter, comm a 5, c.c.). Anche questo bilancio tiene conto della deci sione congiunta, da parte dell ATI 1 e 2 (Delibere n.4 Assemblea Unica dell ATI 1 e 2 e delibera n. 7 dell ATI 2 entram be del 27/04/2010) relativa ai 2 atti d indirizzo che determinano, con efficacia retroattiva, un nuovo canone d utilizzo delle reti da parte del soggetto gestore fin dall anno La perdita dell esercizio ch iuso al 31/12/2012 è pari ad = rispetto alla perdita del bilancio di periodo chiuso al 31/12/2011 di = I. CRITERI APPLICATI NELLA VALUTAZIONE DELLE VOCI DEL BILANCIO E NELLE RETTIFICHE DI VALORE (art punto 1 c.c.) Le valutazioni sono state effettuate con prudenza e considerando la funzione economica degli elementi patrimoniali (art bis punto 1 c.c.). 2

13 Pag. 13di A Immobilizzazioni immateriali Le immobilizzazioni immateriali sono iscritte, ai sensi dell art bis punto 1 c.c., al costo di acquisto comprensivo degli oneri di diretta imputazione. All interno di ta le classe rientrano le spese di stipula d egli atti notarili di m utuo, relativi al finanziam ento contratto al tempo con la Ba nca dell Umbria 1462 spa per il Rifornim ento idropotabile dell Acquedotto della M.V.T e del Lago Trasim eno, e l im posta sostitu tiva sull erogazione dei fin anziamenti. Tali immobilizzazioni vengono ammortizzate in funzione della durata ventennale dei mutui. B Immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono iscritte al costo di acquisto comprensivo degli oneri di diretta imputazione. Tali beni, nel co rso dell esercizio 1997, furono oggetto di rivalutazione volontaria, ai se nsi della Legge 549/1995, al fine di adeguarne il costo di iscrizione al loro valore i ndustriale, che è stato determ inato attraverso una relazione giurata di s tima, in f unzione del costo di so stituzione o di ricostru zione dei b eni, rettificato per effetto di elem enti obiettivi, costituiti dall anzianità del bene, e d a altri fattori di stima che ne misurassero l obsolescenza. Nel corso del 2012 sono stati capitalizzati alcu ni cespiti, precedentemente iscritti tra le immobilizzazioni in costruzione, quali il Rifo rnimento idropotabile Lago Trasim eno 2* Lotto, l Acquedotto MVT 1* Lotto 1* 3* 4* 5* St ralcio, alcuni interventi relativi al Monitoraggio e Ripristino della funzionalità della Diga di Accian o nonché interventi vari relativi all Emergenza idrica. I coefficienti di amm ortamento applicati al le singole categorie di immobilizzazioni, in relazione alla loro residua possibilità di utilizzazione futura (art punto 2 c.c.), determinata considerando la vita econom ica e tecnica dei beni, sono di seguito dettagliati: gli im pianti idrici in esercizio sono ammortizzati con aliquote differenziate, a seconda della com ponente di im pianto e di macchinario, pari a 1,25%, 1,75%, 2 %, 2,5%, 4%, 5%; le attrezzature collocate presso gli impianti idrici di proprietà, quali app arecchiature, attrezzature e apparecchi di misura, vengono ripartite applicando l aliquota del 5%. 3

14 Pag. 14di I coefficienti di ammortam ento non hanno subì to variazioni rispetto a quelli dell anno precedente. Inoltre, in g enerale, le aliquot e vengono dimezzate nell esercizio di entrata in funzione dei beni. Si osserva che tali a liquote prescelte appaiono coerenti con la possibilità residua di u tilizzazione dei ben i an che in considerazione che il soggetto gestore del servizio idrico integrato, che ha in uso le opere, provvede alla m anutenzione ordinaria e straordinaria. C - Rimanenze Al 31/12/12 non esistono rim anenze di beni. Le rim anenze dei lavori in corso sono valorizzate al costo sostenuto. D Crediti verso clienti I crediti verso i clienti sono iscritti al presumibile valore di realizzo. E Disponibilità liquide Le disponibilità liquide sono iscritte al valore nominale. F- Ratei e Risconti In tali voci sono iscri tte quote di proventi ed oneri com uni a uno o più esercizi, in base al principio di competenza temporale. G- Fondi per rischi ed oneri I fondi per rischi ed oneri com prendono costi di natura determinata, di esistenza certa o probabile, dei quali, alla chiu sura dell esercizio, non sono determ inabili con esattezza l ammontare o la data di sopravvenienza. H Fondo T.F.R. Il fondo trattam ento di fine rapporto non è st 31/12/12, non occupa dipendenti. ato alim entato in quanto la società, al I - Debiti I debiti risultano iscritti per importi corrispondenti al loro valore nominale. 4

15 Pag. 15di L Ricavi e Costi I ricavi e i costi sono determ inati secondo i pr incipi di prudenza e di com petenza, al netto di resi, sconti, abbuoni e premi (art bis c.c.). M Imposte Le imposte sono computate nel rispetto de l principio di com petenza, comprendendo sia le imposte correnti, che quelle differite ed anticipate. Le imposte differite passive vengono rilevate nel caso in cui le stesse comportino un effettivo onere nei futuri esercizi, mentre le imposte anticipate vengono rilevate soltanto se vi è la ragionevole certezza di un loro futuro recupero. Nel Conto Economico e nello Stato Patrimoniale non sono recepite le eventuali imposte differite cor relate alle poste del p atrimonio netto la cu i f utura im ponibilità è s olo ipotetica e dipendente da volont arie determinazioni della so cietà. Uguale trattam ento è riservato alle im poste anticipate per le qua li non vi sia ragionevole certezza di futu ro recupero. In particolare, nell esercizio in chiusu ra non sono state com putate imposte differite attive, in quanto il risultato di esercizio ne gativo non consente di attribuire un beneficio futuro alle variazioni tem poranee dell i mponibile fiscale, né di m aturare una ragionevole certezza circa la po ssibilità di com pensare le perdite con futuri im ponibili fiscali positivi. Al contrario, nei precedenti es ercizi sono state iscritte nei fondi per rischi ed oneri le teoriche imposte differite passive relative al ripristino del valore delle immobilizzazioni, per effetto del disinquinamento fiscale. II. MOVIMENTI DELLE IMMOBILIZZAZIONI (art punto 2 c.c.). A - Immobilizzazioni immateriali S.do S.do Variazion i (in euro) (in euro) (in euro) (1.125) 5

16 Pag. 16di Le immobilizzazioni immateriali sono costituite da costi relativi alle spese sostenute per i m utui contratti n ell esercizio Com plessivamente, tale voce ha subìto un decremento rispetto all esercizio precedente, imputabile all ammortamento, per B - Immobilizzazioni materiali S.do S.do Variazion i (in euro) (in euro) (in euro) ( ) Per quanto concerne le immobilizzazioni materiali, il prospetto riportato in allegato n. 1 evidenzia la suddivisione tecn ica, per singole com ponenti, di ogni im pianto, nonchè le movimentazioni intervenute (increm enti e decrementi dei beni strum entali) e le capitalizzazioni per immobilizzazioni in corso di realizzazione a tutto il 31/12/2012. I terreni e fabbricati sono iscritti per un valore i ndustriale com plessivo di euro = (al netto dei relativi fondi di am mortamento) e presentano un decrem ento netto di euro =, attribu ibile sia a lla q uota di am mortamento di com petenza dell esercizio ( =) sia alla capitalizzazione dei lavo ri relativi al ripristino della funzionalità della Diga di Acciano. ( ) Gli impianti e i macchinari sono iscritti per un va lore com plessivo d i e uro =, al netto dei relativi fondi di ammo rtamento, con un increm ento netto di euro = rispetto al bilancio dell esercizio precedente, derivante da: Incrementi - maggiori investimenti, di =; relativi alla capitalizzazione dei cespiti in costruzione quali l Acquedotto MV T 1* L 1*3*4*5* stralcio, il Rifornim ento idrico L.Trasimeno 2* lotto e alcuni interventi dell Emergenza idrica Decrementi - deduzione della quota di ammortamento di competenza, pari ad euro =; Nella voce in commento figurano spese progettuali e indennità servitù occupazioni, che vengono ammortizzate utilizzando lo stesso co efficiente applicato ai cespiti cui si riferiscono. 6

17 Pag. 17di Le attrezzature indu striali e commerciali sono iscritte per un valore netto complessivo di euro =, co n un decremento netto di euro = risp etto 31/12/2011, dovuto interam ente alla quota di a mmortamento di com petenza dell esercizio. La categoria altri beni è cos tituita al 3 1/12/12 da radiom obili interam ente ammortizzati sin dal 31/12/09. La movimentazione della voce immobilizzazioni materiali in corso e acconti ha saldo nullo e subisce nel co rso del 2012 un decrem ento di =dovuto a capitalizzazione di im pianti finiti da po rre in ammorta mento (Acqued.MVT 1* L.1*3*4*5* Stralcio, R iforn.idrop.l.trasimeno 2* lotto, Interventi Monitoraggio e Ripristino Diga di Acciano, Interventi vari Emergenza idrica )per totali = 3.494= per dismissione di alcuni cespiti di modesto valore e privi di utilità. C - Immobilizzazioni finanziarie S.do S.do Variazion i (in euro) (in euro) (in euro) = Le i mmobilizzazioni finanz iarie, pari ad euro 9.145, sono co stituite da crediti per depositi cauzionali per attraver samenti stradali e ferrov iari, resisi necessari a g aranzia dei lavo ri p er l Acqu edotto M.V.T. 1* Lotto 1 *-3*-4* e 5 * stra lcio e Rif ornimento Idropotabile Lago Trasimeno 1* e 2* Lotto. Nel corso del 2012 tale posta non ha subìto variazioni a causa dell accensione di nuovi depositi cauzionali III. COMPOSIZIONE DELLE VOCI "COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO", "COSTI DI RICERCA, DI SVILUPPO E DI PUBBLICITÀ" (art punto 3 e3 bis c.c). Non esistono costi di impianto e ampliamento, né spese di ricerca, sviluppo e pubblicità. 7

18 Pag. 18di IV. VARIAZIONI INTERVENUTE NELLE ALTRE VOCI DELL ATTIVO E DEL PASSIVO (art punto 4 c.c.) Rimanenze S.do S.do Variazion i (in euro) (in euro) (in euro) = Le rimanenze di lavori in corso su ordinaz ione costituiscono la valorizzazione dei lavori realizzati su com messa di terzi, ancora in ess ere al la ch iusura dell ese rcizio. L ammontare di tale voce è pa ri a ed è relativa agli incrementi delle commesse per conto dell amministrazione provinciale sull acquedotto di Cannara 1* lotto, le quali, rispetto all esercizio precedente, non hanno subìto variazioni. Crediti S.do 31/12/12 S.do 31/12/11 Variazioni (in euro) (in euro (in euro) = = (12.546=) I crediti pari ad = sono iscritti al presumibile valore di realizzo. Le poste creditorie verso clienti, pari ad euro =, sono costituite da ricavi fatturati e da fatturare, e rappresentano crediti a breve termine nei confronti di Umbra Acque sia per l affitto delle reti sia per rivalsa canoni demaniali cui Conap srl è ancora intestatario delle concessioni. Al 31/12/2012 i crediti commerciali non sono stati oggetto di svalutazione. Crediti tributari I crediti verso l Erario ha nno un s aldo di 2 8= e sono co stituiti in teramente dalle ritenute d acconto su interessi attivi bancari al 31/12/2012 ; Crediti verso altri 6.608= Sono composti dalle seguenti voci: 8

19 Pag. 19di - crediti verso la Regione, di 2.582, per residua erogazione di un contributo relativo al monitoraggio della sorgente di Bagnara San Giovenale; - crediti verso altri 2.346, relativi a crediti verso Umbra Acque SpA pe r pagamento, da parte di Conap, di due fatture Enel di competenza di Umbra Acque; - Crediti verso Um bra Acque per 1.679= relativi a canoni dem aniali per attraversamenti ferroviari a carico del Gestore e da rifatturare su Umbra Acque Risconti e ratei attivi 190= I risconti attivi, pari ad 182=, sono costituiti da comm issioni relative a fidejussioni sostenute nel corso del 2012 la cui com petenza è parzialm ente rinviata all esercizio successivo ; 8= rappresenta il rateo attivo relativo ad inte ressi attivi su c/c ban cario competenze accreditate nel mese di gennaio Totale attivo S.do 31/12/12 S.do 31/12/11 Variazion i (in euro) (in euro (in euro) = = ( =) Complessivamente l attivo registra un decremento di euro = rispetto all esercizio chiuso al 31/12/2011. Patrimonio netto (All.4) Capitale sociale S.do 31/12/12 S.do 31/12/11 Variazioni (in euro) (in euro (in euro) Al 31/12/2012 il Capitale soci ale non ha registrato alc una variazione rispetto all esercizio precedente e con l avvento della trasformazione in Srl risulta suddiviso in quote. 9

20 Pag. 20di Riserva Legale Tale voce, pari ad euro =, com prende l accantonamento del 5% dell utile di competenza dell esercizio 2002, deliberato da ll Assemblea dei Soci in data 16/05/2003 ( 9.748=) e l accan tonamento del 5% dell u tile di com petenza dell esercizio 2009 ( ), deliberato dall Assemblea dei Soci in data 30/06/2010; Riserva di rivalutazione S.do 31/12/12 S.do 31/12/11 Variazion i (in euro) (in euro (in euro) La Riserva di Rivalut azione Dlgs 267/2000 è stata costituita, per euro , in sede di redazione della Stim a del Patrim onio dell allora Società Consorzio Acquedotti SPA. E stata decrem entata di euro , nel 2007 per l operazione di scissione del ramo servizio gas nella beneficiaria SI(e)NERGIA, avvenuta in data1/01/2007. Riserve statutarie e regolamentari Sono costituite dal fondo riserva disponi bile per investim enti, pari ad , alimentato dalla p arziale destinazio ne degli utili preg ressi accanton ati nel bilancio al 31/12/2002 e finalizzato alla realizzazion e di un intervento relativo all Em ergenza idrica dell anno Altre riserve S.do 31/12/12 S.do 31/12/11 Variazion i (in euro) (in euro) (in euro) ( )= Le altre riserve hanno subìto un decrem ento di =, per copertura perdita di esercizio anno Il Fondo contributi in conto impianti regionali ammonta ad euro = e rappresenta i contributi erogati al Consorzio da parte della Regione dell Umbria, al fine di realizzare 10

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Immobilizzazioni immateriali

Immobilizzazioni immateriali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni immateriali Gennaio 2015 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli