REGOLAMENTO BIBLIOTECA 3 DEFINIZIONE DELLE AREE PER LE FUNZIONI OBIETTIVO 12 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AULE INFORMATICHE 15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO BIBLIOTECA 3 DEFINIZIONE DELLE AREE PER LE FUNZIONI OBIETTIVO 12 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AULE INFORMATICHE 15"

Transcript

1 ALTRI REGOLAMENTI REGOLAMENTO BIBLIOTECA 3 PREMESSA 3 TITOLO PRIMO - APERTURA E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO 5 ART. 1 - REGOLAMENTO INTERNO 5 ART. 2 - APERTURA E CHIUSURA 5 ART. 3 - RESPONSABILI BIBLIOTECA 5 ART. 4 - ATTIVITÀ DI VOLONTARI 6 ART.5 - CATALOGAZIONE DEL MATERIALE BIBLIOGRAFICO 6 ART. 6 - RICHIESTE DI ACQUISTO 6 ART. 7 - APPROVAZIONE RICHIESTE DI ACQUISTO 6 ART. 8 - DISPONIBILITA EXTRA-ORARIO 6 ART. 9 - DISPONIBILITÀ CHIAVI 6 TITOLO SECONDO - SERVIZI AL PUBBLICO: CONSULTAZIONE 6 ART ACCESSO E COMPORTAMENTO 7 ART RICHIESTA DI DOCUMENTI IN LETTURA 7 ART CONSULTAZIONE DI MANOSCRITTI E DI MATERIALI RARI O DI PARTICOLARE PREGIO 7 ART CONSULTAZIONE DI DOCUMENTI RIPRODOTTI 7 ART RESTITUZIONE 7 TITOLO TERZO - SERVIZIO AL PUBBLICO: RIPRODUZIONI 7 ART OGGETTO E MOTIVI DELL AUTORIZZAZIONE 7 ART TUTELA DEL MATERIALE 7 TITOLO QUARTO - SERVIZI AL PUBBLICO: PRESTITO 8 ART SERVIZI DI PRESTITO 8 ART PRESTITO DIRETTO 8 ART OBBLIGHI DELL UTENTE 8 ART OGGETTO DEL SERVIZIO 8 ART MODALITÀ DI SERVIZIO 8 ART GARANZIA DI TUTELA DEL MATERIALE 9 ART DURATA DEL PRESTITO 9 ART SANZIONI 9 ALLEGATI AL REGOLAMENTO DELLA BIBLIOTECA: 10 CHIAVI BIBLIOTECA 10 PRESTITO GIORNALIERO 11 DEFINIZIONE DELLE AREE PER LE FUNZIONI OBIETTIVO 12 CRITERI GENERALI 12 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AULE INFORMATICHE 15 NORME DI SICUREZZA E PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI NEI LABORATORI DI CHIMICA 16 1

2 DOCUMENTO RIGUARDANTE LA SICUREZZA NEI LABORATORI DI MICROBIOLOGIA, MICROSCOPIA E BIOCHIMICA 40 DECRETO LEGISLATIVO N.626/94 ARTICOLI 75,76,77 E DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 12 NOVEMBRE NORMATIVA CONCERNENTE L'IMPIEGO DI AGENTI BIOLOGICI 52 Art Classificazione degli agenti biologici 52 DECRETO LEGISLATIVO N. 626/94 ALLEGATO XI - E DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE 12 NOVEMBRE ELENCO DEGLI AGENTI BIOLOGICI CLASSIFICATI 52 BATTERI e organismi simili 53 VIRUS 57 PARASSITI 61 DECRETO LEGISLATIVO N.626/94 - ALLEGATO XII 63 Specifiche sulle misure di contenimento e sui livelli di contenimento 63 RISCHIO DA MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE BIOLOGICHE 75 PERICOLO E RISCHIO 75 PERICOLO E RISCHIO 76 PERICOLO E RISCHIO 77 2

3 REGOLAMENTO BIBLIOTECA REGOLAMENTO UNIFICATO BIBLIOTECHE D ANNUNZIO FABIANI PREMESSA L I.S.U. D Annunzio -Fabiani possiede due biblioteche che sono ubicate presso i rispettivi Istituti, la cui specificità d indirizzo intendono degnamente rappresenta re. Esse, oltre a promuovere e migliorare l offerta formativa, hanno il compito di conservare mem oria diretta ed indiretta dell evoluzione storica di due istituzioni profondamente radicate nel terr itorio ed interagenti con esso a vari livelli. La loro valorizzazione ed il relativo progetto di crescita, sia quantitativa, sia qualitativa, fanno capo al Programma per la promozione e lo sviluppo delle Biblioteche Scolastiche, Legge n. 440/97 e Direttiva Ministeriale n. 180/99, volto al potenziamento del servizio documentario e di promozione alla lettura attraverso il miglioramento delle dotazioni infrastrutturali e bibliografiche degli istituti scolastici, nonché all incremento e al corretto impiego dei supporti e dei canali mu ltimediali. L iniziativa assume pa rticolare rilievo nella realtà scolastica attuale, al punto da doversi proporre in forma di progetto con lo scopo di mobilitare il maggior numero di risorse possibili. Un progetto biblioteca appare in questo contesto una risorsa da non trascurare, come spesso è avvenuto nelle diverse situazioni scolastiche, ma da valorizzare arricchendola delle nuove possibilità comunicative legate alla multimedialità, cui oggi è necessario rivolgersi con competenza, ma cautela. Rispetto alla situazione analizzata è indispensabile: creare un ambiente bibliotecario aperto, accogliente e stimolante, capace di sdrammatizzare e dunque promuovere l incontro con i saperi rendere il servizio bibliotecario parte effettivamente integrante dell offerta formativa e delle d iverse attività didattiche, integrando il tradizionale materiale cartaceo con i nuovi mezzi di cui dotare la biblioteca: CD rom, enciclopedie multimediali, discoteca, filmoteca, internet fornire opportunità ben modulate e orientative, cioè graduate anche per un pubblico sprovvisto di previe esperienze di lettura e perciò disorientato rispetto alle opportunità della lettura garantire un uso frequente, normale, degli spazi bibliotecari fino a farli diventare centrali nella vita scolastica e nei rapporti scuola-territorio rendere la biblioteca un luogo di socialità anche per l attrattiva che le tecnologie informatiche e multimediali esercitano sulle nuove generazioni sfruttare questa attrattiva come ponte per lo stabilirsi di un contatto duraturo con la parola scritta La biblioteca dell I.S.A. Fabiani, ubicata presso la grande Aula Magna dell Istituto, è strutt urata nelle seguenti sezioni: -storia politica (saggi) -storia universale (enciclopedie) -storia del Friuli-Venezia Giulia -storia della letteratura italiana -narrativa -storia dell arte (saggi) -storia dell arte universale (enciclopedie) -storia dell architettura ed urbanistica -storia dell arredo -storia della pittura -storia della scultura -arte del tessuto e storia della moda e del costume 3

4 -storia delle arti minori (oreficeria, glittica, metalli, fotografia,, grafica, grafica pubblicitaria) -arte del disegno e disegno tecnico geometrico e rilievo -chimica e tecnologia dei materiali -tecnologia delle costruzioni -scienze naturali, biologia, botanica, zoologia, geografia. Molte le riviste possedute: Architettura: Interni, Ville e giardini, Lotus, AD, Domus, Abitare Fotografia: Progresso fotografico, Zoom Pittura: Flash Art, Modo, Arte Triveneta, Juliet Scienza: Le Scienze, Airone. Il fondo storico comprende numerose tavole geografiche e storiche, atlanti storici, artistici, illustrativi, nonché materiale vario proveniente dall ex biblioteca della scuola media e riviste varie. Le biblioteche, proprio perché aperte allo scambio culturale e alla sinergia interdisciplinare, vengono riconosciute quale luoghi privilegiati di studio personale e collettivo, sia per allievi, insegnanti, personale tutto della scuola, sia per enti e persone estranee all istituzione che ne intend ano fruire previa richiesta. Per questo motivo è in fase di attuazione un programma di rete fra scuole, aperto al territorio, le cui finalità sono quelle di: 1. favorire l avvio di un approccio multimediale nel nuovo ambito dell informazione e della comunic azione 2. ottimizzare le risorse mettendo in comune i fondi bibliografici di ogni ente della rete attraverso la convenzione con il SBM che procurerà di aggiornare periodicamente (una o due volte la settimana) la banca dati di ogni biblioteca del servizio. 3. valorizzare il patrimonio bibliografico delle singole scuole potenziando i settori di indirizzo che divengano punto di riferimento per gli operatori nei diversi campi culturali e professionali 4. istituire un regolamento comune (orari, modalità di prestito, regolamentazione degli acquisti) affinché sia possibile offrire un servizio quanto più ampio e articolato possibile, rivolto all utenza ristretta d egli istituti scolastici e a quella allargata dell intero territorio 5. favorire l integrazione fra scuola e territorio con l apertura pub blica delle biblioteche scolastiche 6. facilitare la circolazione dei libri o altro materiale bibliografico all interno del territorio 7. creare un accesso on line via Internet per inserirsi nel circuito regionale e nazionale dell OPAC (On line Public Access Catalogue) 8. fornire un servizio di reference, sia rispetto alla reperibilità (ubicazione e disponibilità) del materiale, sia rispetto all orientamento nella ricerca (istituzione della figura del bibliotecario doc umentarista) 9. promuovere la lettura e l auto ori entamento In seguito al lavoro svolto dagli operatori del CISI guidati dal prof. Livio Caruso, dal 12 marzo la Biblioteca dell Istituto Max Fabiani è entrata nel circuito regionale e nazionale delle bibli oteche con i primi 88 testi catalogati. Ciò permette fin d ora a qualsiasi Ente o persona di accedere alle inform azioni riguardanti tale biblioteca e all eventuale prestito via INTERNET. L indirizzo è attraverso cui si entra di seguito nell OPAC sco lastico (biblioteche scolastiche). Le ricerche bibliografiche possono dar luogo a richieste di prestito, inviando una alla casella postale della biblioteca: I dati bibliografici via via disponibili saranno aggiornati in seno al sito sopra indicato, gestito dalla ditta fornitrice del software BIBLIOWIN 4.0, la CGSI di Udine. Nella Biblioteca dell ITSAS D annunzio è stato avviato un progetto analogo che troverà attuazi one nei prossimi mesi. A regime il servizio sarà in grado di: 1. fornire su supporto elettronico il patrimonio bibliografico esistente, catalogato secondo le regole internazionali, attraverso uno schedario informatizzato per Titoli e Autori e per Soggetti 2. offrire alla consultazione informatica i fondi bibliografici e multimediali di tutte le biblioteche della rete (si fa presente che attualmente il SBM ha firmato una convenzione con le biblioteche di tutta la provincia di Gorizia e pertanto il servizio offerto copre l intero territorio provi nciale) 3. accrescere costantemente, ma in modo funzionale, la propria dotazione libraria, anche sulla base di richieste specifiche da parte dell utenza 4

5 4. incentivare le donazioni da privati e da istituzioni pubbliche 5. sviluppare la dotazione di CD rom didattici con particolare attenzione per gli indirizzi specifici dei diversi istituti 6. istituire una sezione musicale sia relativa alla musica classica, sia alle maggiori espressioni della musica popolare del Novecento (blues, jazz, rock, etnica), senza escludere i più recenti fenomeni musicali che fanno presa sul pubblico giovanile 7. offrire un servizio di promozione alla lettura: scrittura creativa, incontri, conferenze, concorsi ecc. 8. offrire un servizio di documentazione e metodologia della ricerca 9. offrire una o più postazioni Internet allo scopo di: collegarsi con i siti delle più importanti case editrici nazionali collegarsi con la Rete civica di Monfalcone e Mandamento per fornire agli allievi informazioni aggiornate sulle attività culturali del territorio mandamentale e sulle opportunità di lavoro collegarsi con i siti di diretto interesse didattico, quali, per esempio, il webscuola che immette al programma ARIEL, finalizzato alla fornitura gratuita di testi da un amplissima b iblioteca online collegarsi con i siti delle varie università italiane per offrire un servizio di orientamento informativo agile ed efficace avviare un attività di documentazione intelligente attraverso Internet, finalizzata all orientamento nell informazione e alla selezione della stessa. TITOLO PRIMO - APERTURA E FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO ART. 1 - REGOLAMENTO INTERNO Il presente regolamento contiene norme atte a disciplinare i servizi e a fornire disposizioni idonee per un corretto funzionamento delle biblioteche. ART. 2 - APERTURA E CHIUSURA Le operazioni di apertura e chiusura saranno effettuate dal responsabile dei servizi di biblioteca o dal personale autorizzato alle operazioni di prestito, in modo da garantire la sicurezza del patrimonio custodito. Le biblioteche rimangono chiuse durante i periodi di sospensione dell attività didattica. Le biblioteche verranno comunque chiuse al pubblico alla fine di ogni anno scolastico per il controllo d inventario. Entro tale data dovranno rientrare tutti i prest iti in corso, ad eccezione dei testi richiesti specificatamente da docenti e necessari per gli esami di Stato. Il calendario e l orario di apertura e chiusura delle biblioteche vengono stabiliti all inizio di ogni a nno scolastico. ART. 3 - RESPONSABILI BIBLIOTECA Vengono nominati ogni anno per ciascun Istituto un responsabile del servizio biblioteca e un suo sostituto. Essi hanno il compito di: -coordinare tutti i servizi erogati -verificare che essi siano coerenti con quanto previsto dal P.O.F. e dal presente regolamento -offrire consulenza sul regolamento e sulle modalità di funzionamento del servizio -raccogliere proposte di acquisto e provvedere al loro inoltro all ufficio competente -coordinare eventuali lavori di catalogazione e riordino di materiali bibliografici e audiovisivi, collaborando eventualmente con persone o enti esterni incaricati di farlo -collaborare con il personale ATA per il lavoro d inventario (carico e scarico) -mantenere i contatti con enti esterni e altre istituzioni scolastiche interessati alla fruizione o valorizzazione del patrimonio e delle risorse delle due biblioteche -promuovere iniziative di formazione, educazione alla lettura e all attività di documentazione e r icerca 5

6 -favorire sulla base delle proprie competenze e possibilità l innovazione tecnologica, al fine di semplif icare la catalogazione, la ricerca e la consultazione del patrimonio librario in dotazione alle biblioteche ART. 4 - ATTIVITÀ DI VOLONTARI Al servizio di cui all art. 3 possono collaborare docenti volon tari, il cui numero viene stabilito all inizio di ogni anno scolastico. Essi potranno utilizzare ore a disposizione oppure ore soprannumerarie non retribuite da detrarre dal monte ore annuo. Eventuali retribuzioni per ore straordinarie dovranno essere preventivamente stabilite e quantificate sulla base di progetti di lavoro e collaborazione volti al miglioramento dei servizi e dell offerta formativa dell I.S.U. Le attività di catalogazione e inventario, se svolte al di fuori dell orario di apertura, saranno retribuite secondo quanto stabilito dalla contrattazione decentrata d Istituto. Possono collaborare nell attività di catalogazione, previo accordo con i propri docenti, anche alunni del triennio, ai quali verrà riconosciuto un credito formativo secondo quanto previsto dal P.O.F. ART.5 - CATALOGAZIONE DEL MATERIALE BIBLIOGRAFICO Tutto il materiale già presente nelle biblioteche o di nuova acquisizione va catalogato su supporto informatico, utilizzando il software specifico. Ogni documento deve possedere: il numero di inventario, il numero di catalogo, il riferimento alla collocazione. ART. 6 - RICHIESTE DI ACQUISTO Le richieste di eventuali acquisti dovranno venir presentate ai responsabili del servizio da docenti, allievi, personale ATA e genitori degli allievi, tenendo presenti le caratteristiche e la specializzazione delle due biblioteche, nonché gli accordi con gli altri istituti della rete, entro il mese di dicembre e il mese di giugno di ogni anno. Tali richieste, corredate di opportune giustificazioni da parte dei proponenti, vanno vagliate dai coordinatori di dipartimento e/o di indirizzo, che dovranno esprimersi sull opportunità o meno di tali a cquisti con motivato parere scritto. Il rinnovo degli abbonamenti a quotidiani e riviste in corso è automatico, salvo che non venga fatta richiesta di disdetta sempre entro le scadenze previste dal precedente comma. ART. 7 - APPROVAZIONE RICHIESTE DI ACQUISTO Le richieste di cui all art. 5 verranno valutate ed eventualmente approvate nel Consiglio d Ist ituto successivo alla data di scadenza prevista per l inoltro della domanda. Avranno la precedenza le richieste coerenti con le linee di sviluppo previste dal P.O.F. per ciascun Istituto e comunque miranti a favorire la sinergia tra le due biblioteche, al fine di evitare inutili doppioni e dispendiose sovrapposizioni. ART. 8 - DISPONIBILITA EXTRA-ORARIO Le biblioteche sono a disposizione dei docenti che vogliano usufruirne con l intera cla sse o con una sua parte durante il normale orario scolastico, anche in orario di chiusura, ma esclusivamente per la consultazione e previa firma da apporre su apposito registro al momento del ritiro delle chiavi. Tale registro viene conservato dal Dirigente Scolastico o da un suo delegato. ART. 9 - DISPONIBILITÀ CHIAVI Le chiavi della biblioteca sono affidate al Dirigente Scolastico, che a sua volta le può affidare a tempo determinato o indeterminato al personale ATA, che ne è responsabile. TITOLO SECONDO - SERVIZI AL PUBBLICO: CONSULTAZIONE 6

7 ART ACCESSO E COMPORTAMENTO L utente si impegna a rispettare le norme di legge che regolano l uso dei locali pubblici e le disp osizioni del presente regolamento. In particolare è rigorosamente vietato: a) danneggiare, in qualsiasi modo, il patrimonio dell Istituto b) apportare scritte, note o segni qualsiasi, anche a matita, su libri e documenti delle biblioteche c) disturbare, in qualsiasi modo, l attività di studio e di lavoro di altri utenti. ART RICHIESTA DI DOCUMENTI IN LETTURA Ogni libro, rivista o documento che si voglia fare oggetto di lettura o consultazione deve venir richiesto tramite modulo fornito dalla biblioteca, da compilare chiaramente in tutte le sue parti. ART CONSULTAZIONE DI MANOSCRITTI E DI MATERIALI RARI O DI PARTICOLARE PREGIO La consultazione e lo studio di testi rari o di pregio deve avvenire secondo le seguenti modalità. I manoscritti e i documenti rari o di pregio vengono concessi in lettura uno per volta, salvo eccezionali e motivate esigenze di studio, da valutare di volta in volta. Il materiale raro o di pregio deve essere consultato con la necessaria cautela per assicurarne la salvaguardia e in ogni caso l utente per farlo deve usufruire dei tavoli appositamente riservati e r iconsegnare al responsabile il documento in lettura ogni volta che si allontani dalla sala, anche per breve tempo. ART CONSULTAZIONE DI DOCUMENTI RIPRODOTTI Al fine di tutelare il proprio patrimonio documentario, qualora le biblioteche dispongano di una riproduzione del documento richiesto, su qualsiasi supporto (fotocopia cartacea, floppy disk, CD-R o altro), sono tenute a fornire questa in lettura in sostituzione dell originale, a meno che l utente non dimostri la reale necessità di utilizzare l originale. ART RESTITUZIONE Prima di uscire dalla biblioteca, l utente deve riconsegnare tutti i documenti ricevuti in lettura. Essi pera ltro possono, su richiesta, essere tenuti in appositi spazi a disposizione dell utente per i giorni successivi. TITOLO TERZO - SERVIZIO AL PUBBLICO: RIPRODUZIONI ART OGGETTO E MOTIVI DELL AUTORIZZAZIONE La riproduzione di documenti posseduti dalla biblioteca è un servizio erogato previa autorizzazione del responsabile della stessa e le spese sostenute restano a carico dell utente. L autorizzazione per la riproduzio ne è concessa, a richiesta dell interessato, per motivi di studio o di lavoro, qualora lo stato di conservazione dell esemplare lo consenta. In ogni caso non po ssono venir sottoposti a fotocopiatura documenti originali anteriori al 1920, per i quali va concordata eventualmente riproduzione fotografica senza impiego di luce o di calore artificiali. La concessione alla riproduzione s intende sempre e comunque nel rispetto della vigente legisl azione sul diritto d autore e fatti salvi altri eventuali vincoli g iuridici ai quali il testo o l immagine in questione siano, in tutto o in parte, sottoposti. ART TUTELA DEL MATERIALE E cura del responsabile della biblioteca, una volta accertato che lo stato di conservazione del d ocumento ne consente la riproduzione, controllare che le tecniche ed i procedimenti utilizzati siano adeguati all operazione, onde evitare deterioramenti o rischi. Qualora la biblioteca possieda già un negativo o altro supporto riproducibile, l operazione r ichiesta sarà eseguita ricorrendo a questo, anziché all originale. 7

8 TITOLO QUARTO - SERVIZI AL PUBBLICO: PRESTITO ART SERVIZI DI PRESTITO Il prestito viene riconosciuto come servizio qualificato rivolto a tutti gli utenti della scuola, disponibile ad offrire, far conoscere e valorizzare le proprie risorse sul territorio. Tale disponibilità si attua mediante: a) prestito del documento originale, quando le condizioni dello stesso lo permettano b) prestito della riproduzione, se posseduta dalla biblioteca c) fornitura, in alternativa, di una riproduzione eseguita su richiesta e a spese dell utente. ART PRESTITO DIRETTO Il prestito diretto si effettua a favore degli allievi frequentanti, del personale docente e non docente, in servizio presso l Istituto o in quiescenza e di utenti est erni, questi ultimi, fino alla completa integrazione scuola territorio come indicato nella premessa, previa autorizzazione del Dirigente Scolastico o di un suo delegato, o dello stesso responsabile della biblioteca qualora se ne assuma la responsabilità. L utente che non restituisca il documento ottenuto in prestito o lo restituisca danneggi ato, o lo smarrisca, anche per fatti intervenuti e a lui non imputabili, è soggetto alle sanzioni previste dall art. 25 del presente regolamento. ART OBBLIGHI DELL UTENTE Chi fruisce del servizio di prestito è tenuto a comunicare immediatamente eventuali cambi di residenza o di domicilio. E vietato prestare ad altre persone i documenti ricevuti in prestito a proprio nome. Chi trasgredisce le norme di cui ai commi precedenti è sospeso o escluso dal servizio di prestito secondo le modalità di cui al successivo art. 25. ART OGGETTO DEL SERVIZIO Oggetto del servizio di prestito e il patrimonio documentario di entrambe le biblioteche, che viene erogato secondo le disposizioni di cui agli articoli precedenti del presente regolamento. Di regola viene escluso dal prestito in originale materiale: -che sia sottoposto a vincoli giuridici -che sia soggetto a particolari tecniche di protezione -che si trovi in precario stato di conservazione -che sia tratto da periodici, sia sciolti, sia rilegati in fascicolo o volume -che appartenga a testi di consultazione generale, ivi compresi dizionari, enciclopedie, reperti catalografici e bibliografici, o comunque considerati di rilevanza bibliografica, in rapporto alla specificità ed integrità delle raccolte. -che sia costituito da CD, videocassette o diapositive. Il prestito di manoscritti e di documenti rari o di pregio si attua nel rispetto delle norme di tutela e il fruitore è obbligato ad osservare scrupolosamente le norme previste per la loro utilizzazione e conservazione. ART MODALITÀ DI SERVIZIO Al prestito diretto si accede in maniera automatica attraverso le funzioni del programma di catalogazione informatica. Salvo casi eccezionali, rimessi al giudizio del responsabile dei servizi di biblioteca, o, in seconda istanza, al Dirigente Scolastico, possono essere dati in prestito contemporaneamente più di due documenti per volta. Per il prestito giornaliero ed esclusivamente nell ambito scolastico, all interno delle si ngole sedi, è sufficiente compilare l apposito modulo allegato e restituire il o i beni prelevati entro l orario scol astico antimeridiano. I dizionari linguistici possono essere dislocati nelle singole classi per tutta la durata dell anno sc olastico, previa richiesta dell insegnante interessato, controfirmata dagli allievi della classe medes ima, da consegnare al responsabile della Biblioteca. 8

9 ART GARANZIA DI TUTELA DEL MATERIALE L addetto al prest ito deve controllare l integrità e lo stato di conservazione del docume nto, sia al momento della concessione del prestito, sia alla riconsegna dello stesso, nonché le particolarità di rilevante interesse dell esemplare ed eventuali allegati. Tali elementi, unitamente alle mancanze e ai guasti eventualmente riscontrati che non incidano sulla conservazione del documento richiesto e ne consentano quindi il prestito, vanno fatti rilevare agli utenti e di essi sarà fatta eventuale esplicita menzione sul modulo di prestito, onde evitare contestazioni al momento della riconsegna. Ottenuto in prestito il documento, il fruitore firma la relativa ricevuta (modulo), con la quale si impegna a rispettare le norme che regolano il servizio. All atto della riconsegna, il r esponsabile, su richiesta dell utente, può rilasciare ricevuta con la sua firma comprovante l avvenuto rientro del documento. ART DURATA DEL PRESTITO Il prestito ha la durata massima di 30 giorni. Un documento già in prestito può essere prenotato da altro utente. In caso di provata necessità ed in assenza di prenotazioni, il prestito può essere prolungato per altri 30 giorni. Il responsabile dei servizi di biblioteca ha la facoltà di esigere in qualsiasi momento la restituzione immediata di un documento in prestito. Una volta all anno deve essere effettuata la revisione delle registrazioni connesse al se rvizio di prestito e nei 15 giorni precedenti tale revisione tutti i documenti in prestito devono rientrare alla biblioteca. Tempi e modalità del rientro sono stabiliti dal responsabile dei servizi di biblioteca all inizio di ogni anno scol astico. ART SANZIONI Il responsabile dei servizi di biblioteca può escludere dall utilizzazione della stessa, per un p eriodo di tempo determinato, chi trasgredisce le norme del presente regolamento. I nomi degli esclusi, cui va data comunicazione del provvedimento, vengono indicati con apposito avviso affisso in biblioteca. Fatta salva ogni responsabilità civile e penale, chi si renda responsabile di asporto, o anche tentato asporto, di materiale documentario, di danneggiamento intenzionale ai locali o a quanto in essi contenuto, nonché di altri gravi mancanze, con provvedimento del responsabile verrà escluso cautelativamente dalla fruizione della biblioteca. Lo stesso responsabile esporrà i fatti in una dettagliata relazione al Dirigente d Istituto per i provvedimenti del caso. All utente che non restituisca puntualmente il documento ricevuto in prestito viene inviato un i nvito a farlo quanto prima a mezzo di lettera raccomandata con avviso di ricevimento a carico del destinatario. L invito può venir iterato per una sola volta prima di adire a regolare denuncia all autorità giudiziaria. Fino alla restituzione del documento in ritardo l utente viene escluso dal s ervizio di prestito della biblioteca. Reiterati ritardi o non giustificati motivi consentono al responsabile della biblioteca di negare all interessato, a sua discrezione, ulteriori prestiti per un tempo determinato. All utente che restituisca danneggiato un documento ricevuto in prestito, ovvero lo smarrisca, viene inviato a mezzo di lettera raccomandata formale invito a provvedere al suo reintegro o alla sua sostituzione. Quest ultima può avvenire a giudizio del responsabile del servizio di biblioteca con esemplare della stessa edizione, con esemplare di edizione diversa purché di valore pari o superiore, nonché di analoga o superiore veste tipografica. Nel caso questo non sia possibile per oggettive condizioni di mercato, l utente sarà tenuto al versamento di una somma stabilita dal responsabile della biblioteca e comunque non inferiore al doppio del valore commerciale del documento smarrito. Le somme introitate in questo modo saranno utilizzate per integrare i fondi dell Istituto per nu ovi acquisti per le due biblioteche. Trascorsi 30 giorni dalla ricezione dell invito di cui ai commi precedenti, ove non sussistano m otivi ostativi indipendenti dalla volontà personale, l utente inadempiente viene escluso dalla fr equenza della biblioteca e denunciato all aut orità giudiziaria. Il responsabile dei servizi di biblioteca può a sua discrezione proporre l esclusione dalla fr equenza delle biblioteche anche coloro che, resisi responsabili di danneggiamenti o smarrimenti di documenti ricevuti in prestito, abbiano poi provveduto a restituirli o risarcirli. Chi è stato escluso dal prestito a norma del precedente articolo può essere riammesso al servizio, qualora a discrezione del responsabile della biblioteca appaiano rimosse o superate le ragioni che hanno indotto all e sclusione. 9

10 ALLEGATI al regolamento della Biblioteca: -modulo chiavi biblioteca -modulo prestito giornaliero CHIAVI BIBLIOTECA NOME A* DATA ORA PRELIEVO ORA RICONSEGNA * Indicare la funzione (D= docente; A= alunno; B=personale ATA) 10

11 PRESTITO GIORNALIERO NOME E CLASSE BENE PRELEVATO NUMERO A* DATA * Indicare la funzione (D= docente; A= alunno; B=personale ATA) 11

12 DEFINIZIONE DELLE AREE PER LE FUNZIONI OBIETTIVO Criteri generali Congruità tra il curricolo professionale e le competenze, conoscenze e abilità necessarie per l assolvimento delle varie funzioni obiettivo, con riferimento in particolare a: Eventuale partecipazione a corsi di aggiornamento e formazione, con particolare riferimento a quelli attivati ad hoc dall Amministrazione sc olastica Eventuali collaborazioni prestate all interno dell istituzione scolastica Capacità organizzativa e abilità nella conduzione del lavoro di gruppo dimostrate in attività svolte nel contesto scolastico e/o in contesti diversi Anni di servizio prestati nella scuola Legislazione scolastica e contratto collettivo. I candidati dovranno poi dichiarare esplicitamente la propria disponibilità a: Partecipare a corsi di formazione specifici attivati eventualmente dall amministrazione scol astica permanere nell Istituto per l anno scolastico in corso collaborare con i colleghi. I docenti candidati alle funzioni obiettivo devono presentare, contestualmente alla domanda, un programma in cui siano specificati in modo dettagliato gli obiettivi che intendono raggiungere e i rispettivi indicatori di valutazione finale. N AREA 1 DEFINIZIONE DELL AREA GESTIONE DEL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA In base alle proposte dei dipartimenti, dei consigli di classe e delle deliberazioni del Collegio dei docenti la figura a) coordina e verifica la congruenza con il P.O.F. delle attività, progettate nell ambito degli indirizzi, connesse allo sviluppo ed all integrazione dei curricoli ( flessibilità,attività ontegrative facoltative,attività integrate scuola-lavoro,corsi di formazione integrata ) b) individua e predispone modalità di verifica, correzione e sviluppo delle scelte del P.O.F., anche in riferimento a standard già esistenti a livello nazionale RELAZIONI Docenti Coordinatori di dipartimento Coordinatori dei Consigli di classe.. Dirigente scolastico Collaboratori del Dirigente scolatico Coordinatori di indirizzo. Famiglie. Comitato dei genitori. CONOSCENZE E COMPETENZE NECESSARIE conoscenza del P.O.F. della scuola conoscenza dei curricoli conoscenza di procedure e tecniche di valutazione competenze relazionali e comunicative competenza progettuale e organizzativa 2 SOSTEGNO AL LAVORO DEI DOCENTI La figura propone percorsi e fornisce supporto all attività dei docenti attraverso azioni di: a) tutoraggio dei nuovi docenti fornendo loro informazioni sulle finalità, sulla struttura organizzativa e sulle modalità operative dell istituzione scolastica b) gestione delle risorse informatiche e multimediali e informazione sull utilizzazione delle stesse, in particolar modo per Docenti Coordinatori dei Consigli di classe. Funzione obiettivo P.O.F.. Dirigente scolastico Collaboratori del Dirigente scolatico Coordinatori di indirizzo. Coordinatori di dipartimento Enti esterni Commissione biblioteca Competenze informatiche e multimediali; Competenze organizzative; Competenze nell reperire e trattare le risorse documentarie; Conoscenza della normativa sulla formazione; 12

13 3 4 informatiche e multimediali e informazione sull utilizzazione delle stesse, in particolar modo per la progettazione didattica e per la catalogazione del materiale librario e multimediale delle biblioteche; c) raccolta e riordino del materiale prodotto nello svolgimento dell attività educativa e didattica (archivio); d) analisi dei bisogni formativi e conseguente elaborazione di un piano di formazione; e) controllo della validità dei processi comunicati interni ed esterni e predisposizione di interventi di miglioramento. PROMOZIONE E COORDINAMENTO DI INTERVENTO E SERVIZIO PER GLI STUDENTI La figura recepisce le esigenze e le proposte, coordina e fornisce supporto alle attività e agli interventi rivolti agli studenti al fine di valorizzarne le attitudini in funzione della prevenzione della dispersione scolastica e del disagio. Gli ambiti di sua competenza sono i seguenti: a) Orientamento in ingresso. b) Orientamento e riorientamento legati all attuazione dell obbligo scolastico e formativo c) Attivazione di percorsi rivolti agli studenti nel campo della formazione professionale. d) Orientamento in itinere e eventuale gestione di interventi didattici integrativi e/o moduli passerella. e) C.I.C. (di cui è parte integrante con lo spicologo). f) Contatti con le famiglie per quanto concerne gli ambiti di sua competenza. REALIZZAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI DI INTESA CON ENTI ED ISTITUZIONI ESTERNE La figura recepisce le esigenze e le proposte, coordina e fornisce supporto alle attività e agli interventi rivolti agli studenti al fine di valorizzarne le attitudini in funzione della prevenzione della dispersione scolastica e del disagio. Gli ambiti di sua competenza sono i seguenti: Coordinatori dei Consigli di classe. Psicologo. Funzione obiettivo P.O.F. Docenti Docente responsabile progetto dispersione. Dirigente scolastico Collaboratori del Dirigente scolatico Coordinatori di indirizzo. Famiglie. Comitato dei genitori. Enti esterni Coordinatori dei Consigli di classe. Psicologo. Funzione obiettivo P.O.F. Coordinatori di dipartimento. Docenti Coordinatori di indirizzo. Dirigente scolastico Collaboratori del Dirigente scolatico Famiglie. Comitato dei genitori. normativa sulla formazione; Conoscenza delle iniziative in tema di formazione attivate da IRRSAE e/o altri enti; Psicologia della comunicazione Conoscernza dei curricoli. Conoscenza della normativa (obbligo scolastico, continuità, riordino dei cicli, diversità ed handicap) Conoscenza dei progetti ministeriali per la scuola media superiore. Conoscenza delle iniziative locali sull orientamento. Conoscenza delle attività già svolte nell Istituzione scolastica e della relativa documentazione. Conoscenza dei metodi di indagine. Competenze gestionali. Competenze comunicativerelazionali. Conoscernza dei curricoli. Conoscenza della normativa (obbligo scolastico, continuità, riordino dei cicli, diversità ed handicap) Conoscenza dei progetti ministeriali per la scuola media superiore. 13

14 sua competenza sono i seguenti: a) Orientamento in uscita. b) Attività in collaborazione con enti esterni: - stages, - corsi di formazione integrata, - corsi aggiuntivi, - FIS, - allestimento mostre, - partecipazione concorsi, c) Contatti con le famiglie per quanto concerne gli ambiti di sua competenza. Enti esterni pubblici e privati per la scuola media superiore. Conoscenza delle iniziative locali sull orientamento. Conoscenza delle attività già svolte nell Istituzione scolastica e della relativa documentazione. Conoscenza della normativa sulla riforma degli studi universitari. Conoscenza delle opportunità offerte dal mondo del lavoro. Conoscenza dei metodi di indagine. Competenze gestionali. Competenze comunicativerelazionali. Nel caso vengano assegnate successivamente altre figure obiettivo (come successo nell anno sc olastico 2002/2003), le priorità individuate dalla commissione sono le seguenti: Ulteriore figura obiettivo: sdoppiamento dell area 4 REALIZZAZIONE DI PROGETTI FORMATIVI DI INTESA CON ENTI ED ISTITUZIONI ESTERNE In tal caso l eventuale figura aggiuntiva permetterebb e di differenziare gli interventi sui due Istituti NOTA Sarebbe auspicabile che tutte le figure e in particolare modo quella che si occupa della gestione del P.O.F., si avvalessero della collaborazione di un gruppo di lavoro. 14

15 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AULE INFORMATICHE L aula informatica è un bene condiviso il cui utilizzo richiede responsabilità e conoscenze da parte degli utenti. L aula e le sue attrezzature non devono essere utilizzate senza la presenza di un docente responsabile che è tenuto a firmare il registro di presenza. Per poter accedere all aula informatica è necessario firmare comunque il registro di presenza. La priorità nell uso dell aula viene data alle lezioni delle classi (con precedenza a quelle indicate nell orario). L utilizzo delle macchine e del software deve sempre prevedere, da parte del docente, la possibilità di risalire al responsabile di eventuali danni o utilizzi inappropriati. Si deve sempre segnalare immediatamente al docente responsabile eventuali malfunzionamenti. Nel caso di desktop comuni è vietato cambiare sui PC l aspetto originale (configurazioni, sfondi, salvaschermi, tipi di caratteri, colori, ecc.) se non espressamente previsto dall attività didattica in svolgimento. E vietato creare, modificare o rinominare file, programmi, directory se non espressamente previsto dall attività didattica in svolgimento. E vietato installare ed utilizzare software senza la relativa licenza e comunque senza l esplicita autorizzazione del responsabile del laboratorio. E vietato collegare qualsiasi tipo di hardware ai PC senza esplicita autorizzazione del responsabile del laboratorio. E vietato utilizzare i lettori CD/DVD per ascoltare musica durante le lezioni se non espressamente previsto dall attività didattica in corso. È vietato introdurre o consumare cibo o bevande all interno dell aula informatica. Le postazioni vanno lasciate nelle stesse condizioni in cui sono state trovate. Indicazioni e precauzioni d uso Le procedure di accensione e di spegnimento del PC devono essere eseguite correttamente; in particolare non devono essere inseriti floppy, CD, DVD o altri supporti rimovibili prima dell accensione del computer e del caricamento del s istema operativo ed il computer non deve essere spento con floppy, CD, DVD o altri supporti rimovibili ancora inseriti. Non potendo garantire l integrità dei dati i propri elaborati devono essere salvati sui supporti rimovibili disponibili (floppy, chiavette USB, CD, DVD, ecc.) per evitare che vengano danneggiati o persi a seguito di successive attività didattiche o di manutenzione. In generale, a prescindere dalle aree di memorizzazione messe a disposizione degli utenti del Laboratorio (es. server centrali), la responsabilità di una corretta conservazione dei dati degli utenti ricade esclusivamente sugli utenti stessi. 15

16 NORME DI SICUREZZA E PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI NEI LABORATORI DI CHIMICA ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITA SOCIALI G. D ANNUNZIO VIA BRASS N. 22 D.L. 19/9/94 N MODIFICATO DAL D.Lgs.242/96. 16

17 Premessa Nei laboratori chimici, per il particolare tipo di operazioni che vi si eseguono e per la particolarità delle apparecchiature e soprattutto delle sostanze che si utilizzano, è sempre da temere il pericolo di infortuni. Occorrerà quindi curare che la scelta e la disposizione degli ambienti e degli arredi, la organizzazione del lavoro in generale ed i procedimenti operativi adottati, i dispositivi di sicurezza disponibili e quelli in particolare che vengono utilizzati volta per volta, siano sempre rispondenti alla esigenza di minimizzare la possibilità di incidenti e di infortuni. Chi opera in un laboratorio chimico deve sempre tenere presente che oltre a salvaguardare la propria salute ed incolumità fisica, deve salvaguardare anche quella degli altri operatori, compagni, colleghi che utilizzano le stesse strutture ed attrezzature; per fare questo deve conoscere nel modo migliore tutto ciò che è oggetto del proprio lavoro, operazioni da eseguire, apparecchiature da usare, caratteristiche di pericolosità delle sostanze che vengono impiegate, i pericoli che possono derivare da certe operazioni e le norme per evitarli o minimizzarli, e per questo gli devono essere messi a disposizione tutti gli strumenti di informazione necessari. In particolare quando si eseguono reazioni non abbastanza conosciute o si trattano prodotti chimici nuovi, occorre abbondare nelle misure di sicurezza, considerando pericolosa qualsiasi sostanza di cui non si conoscono bene le caratteristiche. Un altro aspetto che deve essere sempre tenuto presente da chi opera in un laboratorio chimico è un corretto rapporto con le problematiche ambientali (scarichi, smaltimento dei rifiuti ecc.), sempre con l'obbiettivo prioritario di evitare danni alla propria ed alla altrui salute. Caratteristiche di progettazione degli spazi Muri, soffitti e pavimenti devono essere lisci, facili da pulire, impermeabili ai liquidi e resistenti ad agenti chimici e ai disinfettanti. Illuminazione adeguata, evitando riflessi e luce troppo forte. Superfici dei banconi unite ai muri con sostanze sigillanti, resistenti a sostanze chimiche e disinfettanti e impermeabili all acqua. Presenza di lavabi dotati di acqua corrente. Le porte devono rispondere agli standard antincendio, chiudendosi da sé e avere pannelli di ispezione. Disponibilità di un autoclave nel laboratorio o nello stesso edificio. Areazione possibilmente meccanica che assicuri un flusso d aria entrante senza ricircolo. Se non esiste areazione meccanica, le finestre devono essere apribili. Sistemi di sicurezza devono comprendere: o sistema antincendio o impianto elettrico di emergenza o illuminazione di emergenza o docce di emergenza o presidi di pronto soccorso o dotazione per il lavaggio degli occhi. 17

18 Misure generali di tutela Le misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza sono le stesse valide per tutti gli ambienti di lavoro e devono essere attuate tenendo presente l'ordine gerarchico di priorità richiamato nel D. Lgs 626/94: 1. valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza; 2. eliminazione dei rischi in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico e, ove ciò non è possibile, loro riduzione al minimo; 3. riduzione dei rischi alla fonte; 4. programmazione della prevenzione mirando ad un complesso che integra in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche operative ed organizzative del laboratorio nonché l'influenza dei fattori dell'ambiente di lavoro; 5. sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso; 6. rispetto dei principi ergonomici nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, anche per attenuare il lavoro monotono e quello ripetitivo; 7. priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; 8. limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio; 9. utilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici, sui luoghi di lavoro; 10. controllo sanitario (se è prevista la presenza del medico) dei lavoratori in funzione dei rischi specifici; 11. allontanamento del lavoratore dall'esposizione a rischio, per motivi sanitari inerenti la sua persona; 12. misure igieniche; 13. misure di protezione collettiva ed individuale; 14. misure di emergenza da attuare in caso di pronto soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave ed immediato; 15. uso di segnali di avvertimento e di sicurezza; 16. regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, macchine ed impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti; 17. informazione, formazione, consultazione e partecipazione dei lavoratori ovvero dei loro rappresentanti, sulle questioni riguardanti la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro; 18. istruzioni adeguate ai lavoratori (gli studenti sono parificati ai lavoratori art. 2, comma 1, Legge 626/94). Principali norme di sicurezza Le principali norme di sicurezza da rispettare nei laboratori chimici sono le seguenti: 1. Le porte dei laboratori devono essere apribili verso l'esterno 2. Gli ingressi e le uscite, comprese quelle di sicurezza, devono essere facilmente accessibili ed adeguatamente segnalate ed i corridoi devono essere lasciati sgombri. 3. Le zone pericolose devono essere segnalate opportunamente. 4. Tutti gli impianti elettrici devono essere adeguati alla classificazione di rischio antideflagrante dei locali o strutture (per es. le cappe). 5. Tutti gli apparati elettrici devono avere il collegamento elettrico a terra. 6. I cavi elettrici (compresi quelli di alimentazione delle apparecchiature di laboratorio mobili), devono essere sempre adeguatamente protetti. 7. Gli estintori di incendio devono essere bene in vista e facilmente raggiungibili. 8. Ogni laboratorio deve disporre di doccia di emergenza e di docce oculari facilmente raggiungibili. 18

19 9. I Dispositivi di Protezione Individuale necessari devono essere sempre disponibili e facilmente accessibili. 10. La cassetta di pronto soccorso deve trovarsi in un luogo bene in vista e segnalato e deve essere sempre completa del necessario materiale di primo intervento. (D.P.R. 103 in vigore da agosto 2004) 11. Ogni locale deve essere bene aerato. 12. Le cappe da laboratorio devono essere adeguate al tipo di operazioni che si svolgono, e deve essere chiaramente indicato su ognuno di esse le operazioni per le quali sono utilizzabili (uso di solventi, manipolazione di sostanze tossiche ecc.). 13. Su ogni apparecchio telefonico devono essere indicati i numeri dell'ambulanza, dei VIGILI DEL FUOCO e del CENTRO ANTIVELENI. Norme elementari per la prevenzione degli infortuni Coloro che usano un comportamento inadeguato in laboratorio non mettono a repentaglio solo la propria salute, ma anche quella degli altri. 4.1 Accesso ai laboratori. L'accesso ai laboratori è consentito solo al Dirigente Scolastico, agli Insegnanti dei laboratori, agli Assistenti Tecnici e i Collaboratori Scolastici in organico nel laboratorio, agli studenti negli orari di svolgimento delle esercitazioni didattiche: tutte le altre persone che intendono accedere ai laboratori lo possono fare solo se sono presenti i docenti e gli assistenti tecnici operanti in quel laboratorio. Gli alunni non possono mai lavorare da soli in laboratorio, gli incidenti accadono senza preavviso e possono risultare fatali in mancanza di un soccorso immediato. 4.2 Comportamento in laboratorio 1. È proibito agli studenti accedere al laboratorio in assenza dell'insegnante o del personale preposto. 2. In laboratorio sono assolutamente proibiti scherzi di qualsiasi genere. 3. In laboratorio è assolutamente vietato bere, mangiare, fumare. 4. Nei laboratori e nei corridoi adiacenti non si deve correre, né aprire o chiudere violentemente le porte. 5. Sono proibiti tutti gli esperimenti non autorizzati o che non siano stati espressamente descritti e illustrati dall'insegnante. 6. Non sedersi o sdraiarsi mai sui banchi di lavoro. 7. I pavimenti ed i passaggi tra i banchi e verso le porte, le porte stesse, i corridoi e tutte le vie di fuga devono essere sempre tenuti sgombri, i cassetti e gli armadietti dei banchi devono essere tenuti chiusi (borse, libri abiti ombrelli ecc. devono essere lasciati negli appositi spazi al di fuori del laboratorio); 8. Sedie e sgabelli devono essere allontanate dal banco operativi durante l'esecuzione delle esercitazioni. 9. In laboratorio non si può accedere senza camice, chi ne fosse sprovvisto non potrà essere autorizzato a svolgere alcuna esercitazione, potrà invece essere impegnato dall'insegnante in altra attività didattica. 10. I camici devono essere lavati frequentemente e, comunque, ogni volta che si verifichino contaminazioni con sostanze pericolose. Gli indumenti di protezione da agenti chimici (camici con maniche lunghe, completo giacca con maniche lunghe e pantaloni, tuta intera con maniche lunghe) devono essere sempre scelti tenendo conto dell attività svolta, tuttavia ci sono alcune regole generali a cui attenersi: protezione delle parti anatomiche esposte che possono comprendere la base del collo, il busto, le braccia e le gambe; 19

20 i camici devono avere lunghezza almeno al di sotto del ginocchio; l indumento deve essere realizzato con maniche lunghe le cui estremità devono essere provviste di elastici e aderire ai polsi per impedire l esposizione della parte interna delle braccia; gli indumenti costituiti da più parti devono essere progettati in modo tale da garantire la protezione di tutte le prevedibili posture di lavoro; deve sempre essere assicurata una adeguata protezione lungo le parti di chiusura; gli indumenti devono essere indossati per tutto il tempo in cui permane il rischio di esposizione agli agenti biologici; gli indumenti devono sempre adattarsi alle esigenze lavorative e devono garantire il comfort durante tutto il periodo del loro impiego. 11. Gli alunni devono e avere con sé (in caso di effettiva necessità), nelle ore di laboratorio, gli occhiali ed i guanti di sicurezza messi a loro disposizione dalla direzione didattica, usarli e conservarli con le opportune precauzioni perché siano sempre efficienti e funzionali. 12. Gli alunni devono utilizzare tutti i necessari mezzi di protezione individuale e collettivi indicati dall'insegnante per la specifica esercitazione. 13. Coloro che usano lenti a contatto dovranno indossare occhiali di protezione. 14. I capelli lunghi devono essere tenuti raccolti e gli abiti devono essere ben allacciati. 15. I laboratori chimici ed i banchi di lavoro devono essere sempre ordinati e puliti, per diminuire il rischio di incidenti. 16. Usare gli appositi contenitori per smaltire gli oggetti di vetro rotti. 17. Non gettare mai scarti solidi negli scarichi dei lavelli. 18. Segnalare immediatamente agli insegnanti ogni incidente che si verifica, anche se di lieve entità e se non ha comportato infortuni. 4.3 Norme elementari per l'uso e manipolazione delle sostanze e preparati. 1. Tutte le sostanze e preparati utilizzati nei laboratori devono essere accuratamente etichettate con etichette riportanti tutte le indicazioni obbligatorie per legge (simboli di rischio, frasi di rischio e consigli di prudenza ecc.) 2. Tutte le sostanze e preparati utilizzati nei laboratori devono essere corredate di una apposita scheda di sicurezza conservata in un luogo apposito, noto ed accessibile a tutti gli operatori del reparto. (nessuno deve asportare le schede di sicurezza se non per una breve consultazione). 3. Prima di iniziare una nuova esercitazione leggere sempre attentamente l'etichetta e la scheda di sicurezza dei prodotti che si devono usare durante l'esercitazione e seguire le indicazioni d'uso ed i consigli di prudenza (non usare mai il contenuto di confezioni prive di etichetta o che non siano etichettate opportunamente). 4. Chiudere sempre bene i contenitori dei prodotti dopo l'uso. 5. Le sostanze conservate in frigorifero devono essere contenute in recipienti accuratamente sigillati (specie se trattasi di solventi volatili), ed etichettati con il nome della sostanza ed il nome dell'operatore. 6. È proibito conservare nei frigoriferi prodotti infiammabili o occorre conservarli in speciali frigoriferi antideflagranti. 7. Anche i campioni utilizzati per la analisi didattiche e per conto terzi devono essere tenute ben chiuse, accuratamente etichettate con il nome della sostanza, e dell'operatore. 8. Non assaggiare mai una qualsiasi sostanza in laboratorio, anche quelle apparentemente innocue. 9. Non aspirare mai liquidi con la bocca, usare pipette a stantuffo, propipette, dosatori ecc. (specie per le sostanze pericolose). 20

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 )

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA (Articolo 3, Dpr 21 Novembre 2007,n.235 ) ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G.M.ANGIOY" Via Principessa Mafalda sn 07100 SASSARI; Tel. 079 219408; Fax 219077; C.F. 80004330900 e-mail SSTF010007@istruzione.it www.itiangioy.sassari.it Anno Scolastico

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI

ISTRUZIONE OPERATIVA N. 10 MANIPOLAZIONE DI ESPLODENTI Revisione 01 - Maggio 2013 A cura di: Servizio Prevenzione, Protezione, Ambiente e Sicurezza 1 MANIPOLAZIONE ESPLODENTI Premessa Rientrano in questa situazione di rischio tutte le attività che prevedono

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI

REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI REGIONE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI SOPRINTENDENZA PER I BENI LIBRARI E DOCUMENTARI ISTITUTO PER I BENI ARTISTICI, CULTURALI E NATURALI DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA,

Dettagli