16 Edizione italiana II. 2007

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "16 Edizione italiana II. 2007"

Transcript

1 16 Edizione italiana II. 2007

2 Editoriale Cari lettori, il sedicesimo numero della nostra rivista è un numero veramente corposo con contributi che arrivano dalle nostre filiali in Europa, ma anche dai nostri distributori nel mondo. In questo numero viene presentato il progetto che ha visto la collaborazione con la Brembo all interno del primo Parco Scientifico Tecnologico italiano, secondo il masterplan di Jean Nouvel. Come sempre i settori d intervento sono molto diversi fra di loro: l architettura contemporanea di Nouvel e l allestimento museale di Palazzo Madama a Torino, un abbazia inglese ed una mostra presso il Grand Palais di Parigi, la sede di un azienda danese ed il memoriale per le vittime dell attentato dell undici marzo in Spagna. In questo numero viene presentato inoltre la seconda edizione del progetto Conoscere la Forma che il Centro Studi e Ricerca della iguzzini ha ideato in collaborazione con l Istituto Centrale per il Restauro e che tra marzo e giugno 2007 è stato allestito presso il Louvre. Adolfo Guzzini II

3 16 Incontroluce II Sommario II Editoriale Le Marche Industria e Territorio: sostegno alla scuola e all attività sportiva giovanile Progettazione Il potere della luce Progetti Nuovo Centro Ricerche e Sviluppo di Brembo Palazzo Madama e il Museo Civico di Arte Antica della Città di Torino Nhow Hotel Vuoto Azzurro. Memoriale per le vittime dell 11marzo. Avinguda de Meritxell Trésors englouits d Egypte Una nuova illuminazione per l Abbazia di Romsey GN Store Nord Illuminazione per il divertimento. Sihlcity e Rüsterei La luce ideale per i negozi Bally Augustinus Muziekcentrum Aeroporto di Melbourne, arrivi internazionali Il piano della luce per l Avana Vieja Ideapark Cultura dell azienda Praxitele, connaitre la forme Ron Arad a Designer s Days Less CO 2 ReLighting Renzo Piano Building Workshop. Le città visibili iguzzini al Salone del Mobile Uno spettacolo per i Partners iguzzini Primavera italiana del film d autore & Fotografie Alinari Workshop sui Piani della Luce Presentazione More than Vision

4 Le Marche Industria e Territorio: sostegno alla scuola e all attività sportiva giovanile Un impresa è forte quando può contare su risorse umane con una valida preparazione culturale e predisposizione all innovazione. Per ritrovare queste caratteristiche sul proprio territorio la iguzzini ha creato una serie di legami e rapporti, con il territorio in cui si colloca, che vanno dalle collaborazioni con le scuole locali alla creazione di opportunità culturali. Quella di creare rapporti con le scuole del proprio territorio e quelle nazionali legate all ambito specifico della propria attività, mettendo a disposizione le proprie strutture ed offrendo spazi e opportunità per un rapporto più stretto fra mondo del lavoro e mondo della scuola, è un azione molto importante per l azienda. Da una parte l azienda sostiene in questo modo gli alunni e le famiglie offrendo percorsi formativi legati alle opportunità d impiego presenti sul proprio territorio. Dall altra offre alla scuola delle possibilità per ampliare la propria offerta didattica. Le azioni svolte dall azienda vanno quindi dalla possibilità di svolgere stages, alla collaborazione per la realizzazioni di tesi (da circa 20 anni abbiamo contribuito a circa 70 tesi), alla partecipazione all attività didattica con docenze e interventi specialistici nei corsi, fino alla vera e propria adozione di una scuola come è successo nel In quell anno l azienda (in collaborazione con Fratelli Guzzini, Teuco Guzzini, comune di Recanati e il Provveditorato agli Studi di Macerata) ha adottato l Istituto scolastico di Istruzione Secondaria Superiore Enrico Mattei di Recanati, che è stato uno dei primi istituti in Italia ad organizzare corsi per il rilascio della patente per ciclomotori

5 Foto: Istituto Enrico Mattei 1.2. Momenti di vita scolastica 3. Progetto Itis in moto, sviluppato in collaborazione con l azienda Campetella che progetta e produce robot per l industria, sistemi di iniezione e veicoli elettrici. 4. Incontro con Carlo Campetella 3 4 L adozione prevede sostegno economico per la realizzazione di percorsi didattici specifici, acquisto di attrezzature. Il ruolo dell azienda è anche quello di offrire nuove opportunità didattiche: per esempio visite a centri di design industriali, come il Centro Design Mercedes, e musei d impresa, come il Museo Ducati, realtà con cui la iguzzini ha collaborato. Sempre nel 2001 la iguzzini ha contribuito alla realizzazione di due corsi I.F.T.S. (Istruzione e Formazione Tecnica Superiore) per la formazione di tecnici progettisti per l illuminazione, conservazione e valorizzazione di Beni artistici e culturali ed il corso Progettazione e Design dell oggetto. Il livello di adesione a questo tipo di corsi è molto alto e c è una notevole selezione: 25 è il numero massimo di iscritti a cui si è arrivato selezionando 120 candidati. Il livello d occupazione alla conclusione del corso è stato pari all 80%, mentre il 15% degli iscritti ha poi deciso di continuare gli studi. L Istituto Enrico Mattei ha ormai una storia consolidata: nel dicembre 2006 ha compiuto quaranta anni di vita che sono stati festeggiati con una cerimonia che si è svolta presso il Teatro Persiani di Recanati a cui ha partecipato il ministro per le Politiche giovanili e attività sportive, Giovanna Melandri. La vitalità della scuola è testimoniata dall incremento delle iscrizioni e delle specializzazioni: nel 2004 si è creato il corso in Informatica e nel 2005 un corso professionale in elettronica, proprio per rispondere alla richiesta sempre più forte che viene dalle aziende del territorio. Un altra specializzazione molto richiesta dal territorio è quella di figure preparate nel settore della meccanica. Anche in questo caso i corsi sono stati potenziati. Il ministro inoltre ha premiato durante questa cerimonia anche i calciatori della US Recanatese, la società sportiva che vanta una squadra vincitrice, per il 2006, a livello provinciale nella sezione giovanissimi, squadra che l Itis Enrico Mattei sponsorizza, perché lo scopo educativo e formativo non si fermi ai banchi di scuola. incontroluce 16 3

6 Progettazione Il potere della luce Un commento personale di Jonathan Speirs È tutta una questione di passione - o almeno questa è la mia modesta opinione! Sono convinto che soltanto chi ama il magico potenziale della luce possa manipolarne i poteri, e con la pratica e l esperienza possa creare spazi e ambienti meravigliosi di cui le persone possano godere. Ci sono ovviamente molti altri aspetti da considerare, e anche per questi la mia opinione potrebbe apparire in qualche modo parziale, ma sono persuaso che, per essere un architetto e lighting designer di talento, sia essenziale essere in grado di vedere la tridimensionalità, amare e apprezzare tutti gli aspetti dell architettura, avere capacità di autocritica (sostenendo il processo creativo finché l idea è assolutamente quella giusta) e amare il gioco del tennis! Quello che intendo dire con questa analogia sportiva è che quando voi, in qualità di lighting designer, lavorate fianco a fianco con l architetto o il designer d interni, e uno di voi lancia un idea sul campo di gioco, può capitare che quell idea torni a voi di rimbalzo con un certo effetto, e che con una sorta di allungo mentale voi riusciate a ribatterla con un abile pallonetto in modo da indurre il vostro interlocutore a fare uno scatto e se è veramente bravo a rispondervi con un idea ancora migliore. È così che l idea o la soluzione creativa prende finalmente forma e i giocatori segnano tutti insieme il punto decisivo della partita. Nel vero e proprio gioco del tennis, quando il pubblico assiste a un grande scambio tra due giocatori, che termina con il punto decisivo segnato da uno dei giocatori, quello cui il pubblico applaude è in definitiva lo scambio più che il punto finale segnato. In altre parole, non è importante chi ha avuto l idea conclusiva, poiché se questa è assolutamente l idea migliore per il progetto, è il progetto in definitiva a vincere! Io adoro giocare a tennis e amo la fase in cui si palleggiano le idee per il tempo necessario a individuare una soluzione veramente creativa. Mi preoccupo un po quando sento dire a lighting designer che preferiscono lavorare sui progetti senza il contributo di architetti o designer d interni. Il lighting design ovvero la progettazione di sistemi d illuminazione ha fatto molta strada negli ultimi 25 anni. Ed è esattamente lo stesso numero di anni dai quali esercito la professione, da quando cioè ho deciso che la luce offre maggiori opportunità in termini di sbocchi professionali e soddisfazioni personali rispetto ai rami dell architettura principali. Da quando ho preso questa decisione, ho avuto incredibili opportunità di lavorare e imparare da alcuni tra i migliori architetti del mondo. Questo processo di apprendimento continuo mi ha dato l opportunità di approfondire ethos e filosofie dell architettura diverse, e mi ha permesso di confrontarmi in modo significativo con l architettura a livello sia pratico sia teorico. Il mio originale interesse per l illuminazione è nato con la scoperta del mio teatro scolastico, quando avevo 12 anni, che si è poi trasformata in un profondo interesse per le diverse forme di spettacolo, sia teatrale sia musicale. Il mio interesse è sempre stato rivolto tanto alla musica quanto all aspetto della produzione degli eventi. Mentre studiavo architettura, ho lavorato con rock band locali che nelle proprie performance impiegavano luci, suoni e persino giochi pirotecnici! La mia tesi di laurea, dal titolo Architecture Using Theatrical Lighting Techniques and Technology to Create Atmosphere in Buildings riassumeva il mio interesse di allora e di oggi per l uso delle tecniche e tecnologie dell illuminazione teatrale in architettura. Tutte queste influenze ed esperienze mi hanno permesso di acquisire una prospettiva molto più ampia in termini di design e progettazione da quando ho intrapreso questo affascinante percorso professionale. La co-fondazione della Lighting Design Partnership di Edinburgo (Scozia) come primo Studio professionale indipendente di lighting design nel Regno Unito, nel 1983, ha segnato un passo davvero importante, e grazie al puro entusiasmo, alla creatività e al duro lavoro si è guadagnata una reputazione nel campo della progettazione di sistemi d illuminazione per edifici che non aveva precedenti in ambito europeo. Credo sappiate che verso la fine degli anni 70 e l inizio degli anni 80, non vi erano concrete opportunità di carriera come lighting designer in architettura: 4

7 Foto: Gabriele Basilico, Adam Mork, Sophie Milligan 1. Apparecchio speciale realizzato per GOGGS - Government Offices at Great George Street GOGGS, Londra, Regno Unito Architetto: Foster + Partners Nell ambito della ristrutturazione degli uffici governativi britannici ospitati nella Whitehall di Londra, ci è stato chiesto di sviluppare una soluzione d illuminazione per la grandiosa scalinata d ingresso ed abbiamo ideato un elemento sospeso in grado di utilizzare luce riflessa. L idea si è poi evoluta in una serie di anelli riflettenti in acrilico, sospesi sotto downlight a fascio stretto inseriti nel soffitto a cupola. Dietro la semplicità degli oggetti realizzati, si cela una grande mole di lavoro necessaria per mantenere il loro aspetto pulito. In un certo senso, la scelta della forma e delle dimensioni dei componenti è stata imposta dalle caratteristiche della luce più che dalle nostre preferenze di designer. 1 incontroluce 16 5

8 Progettazione Il potere della luce Made of Light Questo progetto è un analisi, fatta cercando di identificare gli elementi di ispirazione, del processo di lighting design e del modo di pensare alla luce e all architettura da parte di Major e Speirs. L analisi è stata compiuta durante un weekend di lavoro con l organico dei due studi presso la sede di Londra per una sessione di brainstorming sul tema dell ispirazione. Made of Light ha prodotto quattro risultati: il libro edito da Birkhauser, ora alla sua terza ristampa; l esposizione sinora ospitata dalla sede centrale del Royal Institute of British Architects e dall ARC 06 a Londra, dalla Biennale dello Swiss Institute of Architects a Berna (Svizzera) e dal PALME INSTALL a Dubai, più recentemente inserita in un evento svoltosi a Graz (Austria) e prossimamente in tour in Scandinavia, in Germania ed in Italia nel 2008; una conferenza tenuta a Francoforte, Las Vegas, New York, Dubai e Graz, e infine il sito web Il sito web è ancora nella fase iniziale e diventerà, secondo le intenzioni dei due Lighting Designers, un giacimento di materiale stimolante ed ispiratore: tutta l attività di ricerca e la produzione progettuale sono stati finanziati dalla SaMA non come veicolo autopromozionale ma con l intento di istruire e ispirare i designer sul formidabile mezzo con cui essi lavorano. I fondi di sponsorizzazione dell esposizione sono stati raccolti presso aziende sensibili e interessate al progetto, grazie alle quali è stato possibile acquistare le attrezzature necessarie per organizzare l esposizione itinerante. Alla realizzazione del volume hanno contribuito con materiale testuale e iconografico molti dei collaboratori interni degli studi, ma anche persone operanti al di fuori di essi. Il risultato ottenuto non sarebbe stato possibile senza il contributo e il supporto editoriale di Anthony Tischauser questo campo era di dominio dell ingegnere elettrico che di solito preferiva la via della scienza a quella dell estetica artistica. L uscita dalla LDP, nel 1992, e la successiva fondazione della Jonathan Speirs and Associates mi hanno offerto l opportunità di reinventare il mio modo di lavorare, permettendomi di dirigere le attività di uno studio come mai mi era stato possibile fare sino a quel momento. In quel periodo, ho potuto riprendere le fila della mia amicizia e collaborazione professionale con Mark Major che aveva lavorato con me alla LDP per un certo numero di anni, verso la metà degli anni 80. Ne sono seguite la costituzione a Londra della Speirs and Major e nel 2003 la fusione dei due Studi nella Speirs e Major Associates (SaMA). È stato al momento della fusione che Mark e io abbiamo deciso di imbarcarci in un progetto didattico interno che ha poi varcato i confini dello studio sotto forma del progetto denominato Made of Light. Non vogliamo con ciò affermare che questo è l unico modo di progettare o considerare la luce, ma piuttosto che questo è l unico modo per noi di considerare un progetto. Anche il cammino verso lo sviluppo del progetto si è rivelato istruttivo per tutti i soggetti coinvolti. Al futuro del lighting design e della nostra professione emergente, ora guardiamo con grande ottimismo velato solo da alcune incertezze, che analizzeremo nel prossimo numero. 6

9 Mostra Made of Light 5. Jonathan Speirs 6. Immagine notturna della Copenhagen Opera House 6 Copenhagen Opera House, Danimarca Architetto: Henning Larsen Tegnestue Un dono fatto da un generoso e illuminato benefattore alla popolazione danese. Questo progetto ha richiesto un uso ingegnoso del lighting design per nascondere gli apparecchi di illuminazione alla vista e rendere l architettura elegantemente luminosa durante la notte. La vista dall esterno era molto importante data la posizione dell edificio sull acqua. L aspirazione era quella di attirare lo sguardo dell osservatore verso l interno dell edificio, facendo in modo che esso funzionasse come una lanterna. Gran parte dell illuminazione del foyer è stata ottenuta con un apparecchio speciale grazie al quale si è evitato di cospargere di downlight il soffitto. La conca dell auditorium è stata illuminata con apparecchi a incasso nel tetto che utilizzano lampade con due diverse temperature di colore: fredda durante il giorno e calda per le ore serali. Di giorno, la luce naturale permea lo spazio, mentre di notte una luce blu illumina il foyer creando un piacevole contrasto con l arancio dei pannelli lignei. La fibra ottica è stata utilizzata per gran parte della platea. Ogni testa lenticolare è stata messa a fuoco, puntata e fissata su ogni seduta. I frontali della balconata presentano una successione di apparecchi ad incasso lineari a LED bianchi. Tutte le teste a fibra ottica e le unità a LED sono accessibili singolarmente. incontroluce 16 7

10 Progettazione Il potere della luce 7 The Eden Project, Cornovaglia, Regno Unito Architetto: Grimshaw Il brief di progetto dell illuminazione per questa opera verteva su due principali obiettivi: in primo luogo quello di realizzare l illuminazione per il Time of Gifts Festival ed attuare una strategia di illuminazione generale per l intero sito. I due obiettivi si sovrapponevano alla richiesta principale di un sistema di illuminazione per gli interni dei Biomi (le cupole che contengono l insieme di animali e vegetali che vivono in un determinato luogo o ambiente geografico). Un budget ed un tempo limitato, fra il brief e l inaugurazione c erano solo cinque mesi, sono state le difficoltà da superare. Apparecchi di illuminazione a bassa tensione e apparecchi ad alogenuri metallici con varie dotazioni accessorie sono stati installati in punti strategici all interno dei biomi, scegliendo colore, orientamento ed esposizione in funzione della vegetazione, delle sculture e dell architettura di ognuno di essi. L illuminazione dall alto delle torri di servizio ha creato giochi di luci e ombre sul terreno. All esterno, sono state impiegate luci diffuse ad alogenuri metallici come sfondo per i biomi e per le nicchie a parete, sottolineando il carattere dinamico del contesto paesaggistico in cui si trova inserito l Eden Project. I principali sentieri pedonali sono stati illuminati con luci blu nelle colonnine esistenti o con luci a LED blu inserite negli alberi. 8

11 7. Eden Project 8. Apparecchio speciale realizzato per la sede centrale della HBOS. Sede centrale HBOS, Edimburgo, Regno Unito Architetto: Malcolm Fraser Architects Questo importante intervento di ristrutturazione di un edificio storico (Grade I), con tutti i rigorosi vincoli architettonici e di illuminazione che ne conseguono, ha posto i progettisti di fronte a un certo numero di sfide. L obiettivo prioritario era riuscire a inserire gradevolmente un illuminazione contemporanea in un edificio storico, abbinando il rispetto per le caratteristiche originarie dell edificio per creare un armonioso equilibrio tra vecchio e nuovo. Molti dei soffitti dell edificio sono decorati con intonaci: per l integrità estetica non sono stati utilizzati apparecchi ad incasso. L illuminazione della Great Hall deve essere sufficientemente versatile per potervi svolgere diverse funzioni e nel contempo inserirsi armoniosamente in questo contesto d epoca senza disturbare l intonacatura decorativa del soffitto. Abbiamo creato sei aperture per l incasso delle luci nel soffitto che pur essendo visibili non interferiscono con l elaborato disegno dell intonacatura. Le luci illuminano i punti principali, valorizzando le opere e i dettagli architettonici. Luci bianche e blu a catodo freddo sono celate nel cornicione per illuminare la doratura del soffitto. Il tocco finale è dato da uno straordinario lampadario centrale di 5 metri di altezza per 3 metri di larghezza, in acciaio inox lucidato a specchio, che è stato realizzato appositamente. 8 incontroluce 16 9

12 Progetti Nuovo Centro Ricerche e Sviluppo di Brembo Stezzano - Bergamo, Italia Progetto preliminare, definitivo ed esecutivo, direzione artistica Jean Nouvel Consulente di Jean Nouvel Hubert Tonka Capo progetto Alessandro Carbone Il nuovo Centro Ricerche e Sviluppo di Brembo è il primo edificio ad essere completato nell ambito dei nuovi interventi architettonici individuati dal Master Plan di Jean Nouvel per l area del Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso. Il nuovo Centro Ricerche ospita uffici direzionali e amplia gli spazi di ricerca di Brembo, prima azienda a insediarsi all interno di Kilometro Rosso. L unico edificio preesistente nell area del Parco Scientifico, infatti, firmato dal grande studio statunitense SOM, Skidmore Owings & Merrill, originariamente costruito per Hewlett- Packard, ospita già da alcuni anni le attività di ricerca di Brembo e Brembo Ceramic Brake System, joint venture con il gruppo Daimler- Chrysler. Il nuovo Centro Ricerche e Sviluppo deve il progetto architettonico a Jean Nouvel, già autore del Master Plan di Kilometro Rosso, il progetto degli interni allo Studio Blast Architetti, Bombassei, Siccardi, Traversa e il progetto del verde allo Studio Land. Il Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso, che copre un area di mq per mq di superficie coperta si trova alle porte di Bergamo, lungo l autostrada A4 Milano-Venezia. Concepito al suo interno come un campus immerso nel verde, è caratterizzato, lungo l autostrada, da una spettacolare quinta architet- tonica in alluminio estruso di colore rosso Kilometro Rosso. Il Muro Rosso ideato da Jean Nouvel, concepito essenzialmente come barriera di protezione degli edifici e del parco contro il rumore e l inquinamento delle auto, è sorretto da una struttura in cemento armato e acciaio interamente rivestita da profili alettati in alluminio estruso. La continuità del fronte lamellare è interrotta da grandi aperture, che ricordano le prese d aria di una scocca d auto. Queste sono state realizzate per consentire sia il passaggio delle auto che l accesso pedonale ai vari edifici nel Parco. Tra le diverse opere d architettura di Kilometro 1 10

13 Team Livia Tani, Cristina Ventura, Andrea Ciofi degli Atti, Raffaella Falbo, Andrew Todd, Gwenola de Quelen, Sergio Noero, Cristiano Benzoni, Laurent Pereira, Anna Ugolini. Blast Architetti - Luca Bombassei, Simona Traversa, Franz Siccardi Coordinamento progettuale, progetto degli interni, direzione artistica. Capi progetto Luca Bombassei Simona Traversa Team Francesca Ciuffreda, Antonio Runco, Luigi Pezone, Chiara Giussani, Aria Behbehani, Luca Cattaneo, Anna Cattaneo, Andrea Fiorucci, Matteo Mazzola, Paola Badoino Foto: Matteo Piazza, Pietro Savorelli 1. Visione notturna del Kilometro Rosso dall autostrada A4 2. Schizzo dello Studio Land per il Parco 3. Rendering dell area del Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso 2 3 Rosso Nouvel ha previsto il fluire del verde, privo di recinzioni, ha ridotto al minimo la viabilità automobilistica in superficie e ha affidato a percorsi interrati la possibilità di raggiungere in auto le nuove costruzioni. In questo contesto di eccellenza architettonica sono promosse attività multidisciplinari di ricerca e innovazione tecnologica, finalizzate a creare un network della conoscenza e in grado di occupare oltre 3000 persone nei prossimi sei-otto anni. Il Centro Ricerche e Sviluppo di Brembo ha una superficie di mq e si trova, all estremità sud-occidentale dell area del Parco Scientifico tecnologico Kilometro Rosso. L edificio si integra nel Muro Rosso che qui si dilata per accoglierne i percorsi orizzontali principali e si compone di volumi parallelepipedi che si allungano verso il Parco. Questi sono collegati e composti tra di loro secondo una logica che prevede variazioni di dimensioni, slittamenti e aggetti. L ingresso avviene attraverso un cilindro, rivestito in acciaio che si incunea nel Muro. Le pelli vetrate esterne delle facciate ventilate sono in realtà un sofisticato sistema di lamelle che possono essere regolate a seconda delle necessità; le facciate assumono così uno spessore e una densità simili a quelli del ghiaccio, lasciando intuire la presenza interna di svariate funzioni vitali. Sono tre i materiali esterni: la lamiera del Muro Rosso, che racconta la scala territoriale, il vetro dei parallelepipedi, simbolo del lavoro amministrativo, e il metallo argenteo che riveste il piano più alto e il cilindro d ingresso che ci illustra il lavoro concettuale. Questi tre materiali corrispondono a tre forme diverse (la linea, il volume puro, la forma libera) e ci parlano di tre anime, ciascuna corrispondente a un diverso messaggio. Gli sbalzi, quattro, due a sud e due a ovest, sono realizzati tramite una soluzione strutturale che combina travi-parete in calcestruzzo con solette metalliche in travi in acciaio e lamiera grecata. Il più ardito a ovest, al piano più alto e viene accentuato dal fatto che appoggia su un fronte che arretra con dei gradoni. Il Centro Ricerche di Brembo è accessibile direttamente dal parcheggio lungo l autostrada che si trova a una quota superiore rispetto a quella del parco su cui si imposta il complesso. L ingresso all edificio, al primo piano, quindi, avviene attraverso il cilindro che introduce agli spazi interni diventando il fulcro di smistamento dei vari percorsi. Qui si connettono le rue corridor di distribuzione orizzontale che ricavate nello spessore del Muro Rosso si dilatano verso incontroluce 16 11

14 Progetti Nuovo centro Ricerche e Sviluppo di Brembo il Parco con una sezione curva. La rue corridor principale dall ingresso conduce, con un andamento sinuoso, a ovest ad alcuni uffici e alla sala conferenze ospitata interamente in un corpo aggettante; verso est scende collegando il nuovo edificio con il preesistente edificio dei SOM. Ai piani superiori questo spazio longitudinale ospita, oltre ai percorsi orizzontali, lo showroom dei prodotti Brembo e una caffetteria. Mediante due collegamenti a ponte che si staccano dal corpo del Muro si raggiungono, al primo e al secondo piano, i blocchi longitudinali, adibiti ad uffici. L ultimo piano, parallelo al muro è raggiungibile dal cilindro d ingresso. Al piano terreno sono presenti gli open-space dei laboratori di ricerca e gli spazi produttivi di prototipazione. Le scelte dei materiali e delle cromie adottate dallo studio Blast Architetti per tutti gli interni sono improntate ad un estetica rigorosa: la matericità del cemento armato a vista delle pareti perimetrali dialoga con il rigore delle superfici verticali finite con gesso cerato e con la leggerezza e la trasparenza delle partizioni in vetro serigrafato che suddividono gli uffici e garantiscono la continuità visiva verso il parco circostante. Le nicchie espositive, scavate nello spessore dei muri laterali della rue corridor principale contengono raffinati pezzi meccanici prodotti da Brembo; all interno di queste nicchie la luce può virare di tonalità e di colore, grazie all adozione di particolari led. Esternamente l edificio Brembo è composto da blocchi ortogonali, come fosse un Lego 4 12

15 Sistemazione del verde e degli spazi aperti Progetto completo e assistenza tecnica alla direzione dei lavori Studio LAND Capi Progetto Andreas Kipar Giovanni Sala Team Mauro Panigo, Giuliano Garello, Anna Comi, Alain Carnelli, Prisco Ferrara, Andrea Giuradei, Mina Fiore 4-5. Visione diurna e notturna del Centro Ricerche e Sviluppo di Brembo assemblato con una certa casualità, all interno i percorsi lineari fanno apparire l architettura più semplice e più chiara. La complessità distributiva risulta ampiamente compensata dalla ricchezza delle vedute dei percorsi che ne scaturiscono, e dal grado di autonomia e di identità di cui gode ciascun reparto dell azienda. Le passerelle che collegano il Muro Rosso ai parallelepipedi vetrati rappresentano punti nevralgici di cerniera; da qui lo sguardo abbraccia a 360 il panorama completo del progetto e ne riassume il concept. Negli uffici, le partizioni interne di vetro serigrafato si confondono con le vetrate esterne, i controsoffitti in metallo microforato richiamano il metallo argenteo che riveste il piano del terzo livello e il cilindro d ingresso. Per quanto riguarda le tonalità cromatiche, Blast lavora quasi sempre sulle nuances dei grigi. Le luci, sempre incassate, bagnano le superfici verticali e orizzontali senza creare forti contrasti di densità: si crea un atmosfera avvolgente e quasi priva di ombre. La luce e il colore si combinano, negli spazi di transito, a rappresentare la mobilità. Il progetto illuminotecnico per questo grande centro si è basato sulla integrazione fra luce naturale e luce artificiale: durante il giorno la luce naturale si diffonde e garantisce comfort visivo, durante la notte l illuminazione rende le grandi superfici vetrate delle quinte luminose. Negli uffici gli incassi Optica garantiscono 500 lux medi sulle superfici orizzontali e non creano problemi di abbagliamento e riflessioni sui videoterminali. 5 incontroluce 16 13

16 Progetti Nuovo centro Ricerche e Sviluppo di Brembo 6 Nelle sale riunioni sono stati utilizzati dei Cestello a fluorescenza che forniscono sia luce d ambiente che luce d accento. Gli incassi Lineup, con ottica wall washer, sono installati lungo i corridoi e la luce emessa si combina con quella fornita dal basso dagli incassi Linealuce. Il progetto del verde del Centro Ricerche e Sviluppo di Brembo è parte del disegno complessivo realizzato dallo Studio Land (Landscape Architecture Nature Development) per l intero Parco Scientifico. Il progetto di Land intende Kilometro Rosso come la metafora di una galleria del vento, intorno alla quale l elemento fluido, scontrandosi con le geometrie rigide dell architettura, genera movimenti, onde, gorghi e vortici. I gorghi e i vortici sono, tradotti nella realtà, morbidi rilievi di terra e specchi d acqua. Il terreno è cosparso da increspature raffigurate come piccole dune collocate a protezione della viabilità interna o a delimitare i diversi comparti. Le alberature sono disposte secondo la logica della progressiva diminuzione, a partire dalle aree prossime al Muro Rosso verso il tessuto agricolo circostante. Il Parco è illuminato attraverso apparecchi dal limitato impatto visivo, per cui sono stati utilizzati incassi Ledplus per i percorsi pedonali e apparecchi iway per quelli stradali. Scritto liberamente tratto dal testo di Sebastiano Brandolini contenuto in Centro Ricerche e Sviluppo di Brembo

17 6. Particolare notturno di uno dei percorsi 7. Jean Nouvel e Luca Bombassei 8-9. Variazione del colore nei corridoi 7 Studio Blast Architetti Bombassei, Siccardi, Traversa Luca Bombassei (Bergamo, 1966), e Simona Traversa (Milano, 1968) fondano lo studio Blast a Milano nel Nel 2005 si unisce a loro Franz Siccardi (Milano, 1964). Accomunati dal luogo di studio, la Facoltà d Architettura del Politecnico di Milano, Luca Bombassei, Simona Traversa e Franz Siccardi, dopo la laurea, svolgono diverse esperienze formative e professionali in Italia e negli Stati Uniti che oggi arricchiscono la versatilità dello studio Blast, attualmente composto da venti professionisti. Numerose sono le opere ultimate recentemente tra le quali troviamo il recupero di diversi edifici storici a Venezia, il nuovo stand Brembo, la Casa del Habano di Milano. Oltre a numerose abitazioni private, sono in fase di ultimazione la sede milanese di Rezia Energia Italia, il Master Plan di un insediamento residenziale in Costa d Avorio, il progetto per la riqualificazione funzionale e ambientale di un area industriale dismessa in Toscana. Il Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso nato su Master Plan di Jean Nouvel rappresenta l esperienza più completa dello studio. Il Centro delle Professioni, primo intervento architettonico nella provincia di Bergamo con rendimento energetico certificato, sarà completato entro la fine del L edificio raggiunge un fabbisogno energetico complessivo inferiore alla metà di quello necessario ad un edificio tradizionale e una riduzione del 70% delle emissioni nocive nell aria. Tali risultati consentono al Centro delle Professioni di rientrare nei parametri di eccellenza definiti dai protocolli di certificazione più prestigiosi, quali la classe A secondo il protocollo italiano CASACLIMA e il livello Platinum secondo la certificazione americana LEED (Leadership in Energy and Environmental Design). Risultati questi che Blast si è posto di superare con il progetto del Distretto Interdisciplinare della Ricerca e della Tecnologia (completamento previsto per fine 2008). 8 9 incontroluce 16 15

18 Progetti Palazzo Madama e il Museo Civico di Arte Antica della Città di Torino Torino, Italia 1 Nel dicembre 2006, con la riapertura del Museo Civico di Arte Antica di Palazzo Madama si sono conclusi i lavori di restauro, recupero funzionale e riallestimento iniziati nel La considerevole durata delle attività di studio e intervento sul Palazzo sono da imputare alla complessità del progetto. Durante questi anni, in parallelo alle attività di restauro del Palazzo è stata condotta, in collaborazione tra il Politecnico di Torino, dipartimento di Energetica, ed il gruppo incaricato del Progetto Palazzo Madama, una attività di ricerca inerente l illuminazione e la climatizzazione negli ambienti espositivi. Il bimillenario Palazzo Madama presenta un eccezionale stratificazione di testimonianze architettoniche di diversi periodi storici: in origine porta romana di ingresso alla città, diviene, nel corso del Trecento, un castello fortificato. In seguito l austera fortezza viene ridisegnata dall architetto Filippo Juvarra e trasformata in residenza, prima di Maria Cristina di Francia, poi di Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours; al palazzo viene 16

19 Direzione del progetto Arch. Carlo Viano Assistente alla direzione del progetto Arch. Diego Giachello Progetto impianti tecnologici Ing. Alfonso Famà Progetto illuminotecnico Gruppo di progetto della Città di Torino e il Politecnico di Torino, Dipartimento di Energetica nell ambito dei contratti di ricerca e consulenza: Attività di ricerca progettuale e sperimentazione in laboratorio sui problemi di illuminazione e climatizzazione in ambienti espositivi temporanei e permanenti, responsabile prof. Marco Filippi; gruppo di lavoro: Chiara Aghemo, Anna Pellegrino, Laura Galeazzo; Definizione di sistemi di illuminazione artificiale delle sale e dei percorsi espositivi del Museo Civico di Arte Antica in Palazzo Madama, responsabile prof. Anna Pellegrino. Consulenza al progetto illuminotecnico per gli allestimenti museali Anna Pellegrino Foto: Paolo Carlini 1. Camera di Madama Reale 2. Sala Quattro Stagioni inoltre aggiunto un grandioso avancorpo, completato nel 1721, che diviene uno degli esempi più rilevanti del barocco europeo. Il monumentale scalone d onore che in esso si trova si caratterizza per la presenza di grandi superfici finestrate che creano una reciproca comunicazione tra l esterno e l interno, caratteristica peculiare dell architettura juvarriana. Durante il giorno, le grandi aperture consentono alla luce naturale e alla vita esterna di penetrare all interno, durante la notte invece gli spazi interni illuminati e le attività che vi si svolgono, sono visti all esterno dai cittadini presenti sulla piazza. Per ottenere la percezione della profondità dell avancorpo, si è creato un contrasto di luminanza tra le superfici interne al volume dello scalone, visibili dall esterno, e le superfici esterne della facciata. Per l illuminazione dello scalone monumentale si è deciso di sostituire i tre lampadari esistenti con nuove strutture luminose, in grado di rispondere ai requisiti specificati mantenendo i punti di alimentazione esistenti ed evitando nuovi interventi sull edificio. I nuovi lampadari, realizzati da iguzzini sulla base dell apparecchio Cestello, garantiscono la percezione dell architettura e dell apparato decorativo dell ambiente, sono strutture flessibili, dotate di sorgenti orientate verso l alto per l illuminazione della volta, i lati per l illuminazione delle pareti e il basso per l illuminazione funzionale della scala. Considerando le dimensioni dell avancorpo e le caratteristiche materiche e cromatiche dell apparato decorativo, sono state scelte sorgenti a ioduri metallici da 70W con temperatura colore di 3000 K. 2 incontroluce 16 17

20 Progetti Palazzo Madama e il Museo Civico di Arte Antica della Città di Torino 3. Sala Acaja 4. Scalone dell avancorpo juvarriano Le caratteristiche formali di questo sistema sono state un riferimento per le soluzioni individuate in seguito per il resto del Palazzo, per mantenere unitarietà progettuale e formale. In particolare una struttura analoga, anche se di dimensioni ridotte e dotata di sorgenti alogene QR 111 (tecnologia IRC) è stata adottata nella Sala Acaja e nella Sala Stemmi del primo piano. Nel progetto la necessità di molti e diversificati terminali impiantistici e la volontà di non aumentare le tracce esistenti hanno portato all individuazione di una soluzione tecnica integrata multifunzionale (concentratore di impianti), studiata dal gruppo di progettazione e realizzata ad hoc. Nell ambito dell intero percorso espositivo del Palazzo il concentratore di impianti riunisce i terminali degli impianti di segnalazione e diffusione sonora, ed è l unico elemento tecnico ed accoglie anche gli apparecchi d illuminazione. Questa scelta, funzionale al principio di limitare gli interventi sull edificio, ha rappresentato una sfida particolarmente ardua per il progetto illuminotecnico: la posizione dei concentratori di impianti era predeterminata dai punti di alimentazione esistenti; il numero di punti luce era limitato in base alla dimensione del concentratore e alla co-presenza con gli altri elementi dell impianto. In alcune sale è stato necessario integrare sorgenti alogene (QR111 di potenza e apertura di fascio diverse, tecnologia IRC), con sorgenti a ioduri metallici per poter garantire, pur nella limitatezza della disponibilità di spazi, la quantità e la distribuzione di luce necessari. 3 18

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Efficienza, comfort, e semplicità

Efficienza, comfort, e semplicità UM UM Efficienza, comfort, e semplicità La gamma UM offre diffusori con tecnologia MesoOptics. I vantaggi di questa tecnologia (altissima efficienza e distribuzione grandangolare della luce) uniti ad un

Dettagli

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain

HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Communiqué de presse Octobre 2013 HI- MACS vous presente son nouveau mobilier contemporain Minimal e asimmetrici, due tavoli firmati Mjiila in HI-MACS Il design, è l arte di progettare degli oggetti per

Dettagli

passione coinvolgente

passione coinvolgente passione coinvolgente Arte ed eleganza impreziosiscono gli interni di una villa appena ristrutturata. L arredo moderno incontra la creatività di artisti internazionali. progettazione d interni far arreda

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

La luce dà emozione agli acquisti

La luce dà emozione agli acquisti Comunicato stampa La luce dà emozione agli acquisti Un nuovo supermercato Spar con illuminazione interamente LED studiata da Zumtobel Per il suo nuovo supermercato a Budapest, la catena Spar ha chiamato

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico

Illuminotecnica. Introduzione al calcolo illuminotecnico Illuminotecnica Introduzione al calcolo illuminotecnico 1 Illuminotecnica La radiazione luminosa Con il termine luce si intende l insieme delle onde elettromagnetiche percepibili dall occhio umano. Le

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Studio sull efficienza degli edifici

Studio sull efficienza degli edifici Studio sull efficienza degli edifici Effetti dei comandi di luce e schermature antisolari sul consumo energetico di un complesso di uffici Gennaio 2012 I rilevamenti in tempo reale confermano che il risparmio

Dettagli

index Un classico: Cirkant Sferos 50... P15

index Un classico: Cirkant Sferos 50... P15 index TAL showroom... P03 Novità: Siebe.... P04 Santiago vince il Red Dot Award... P05 Progetto: Selfridges London... P06 Manifestazione fieristica: Ecobuild... P07 Prodotto: Eckon... P08 Progetto: Office

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate

Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Corso Programmare e progettare la biblioteca pubblica Dal progetto alla gestione: la Biblioteca di Vimercate Angelo Marchesi con la collaborazione di Alessandro Agustoni e Giulia Villa Il contesto Vimercate

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design

Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Principioattivo Architecture Group presenta cre-active garden: arte, design e food al fuori salone Porta Venezia in Design Dove: Principioattivo Via Melzo 34, 20129 Milano Giorni/Orari apertura: 14/19

Dettagli

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio

PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio GENER-AZIONI PROGETTO internazionale di TEATRODANZA 26/ 31 maggio 2014 TEATRO MASSIMO DI CAGLIARI A cura di Ars et Inventio Con il sostegno di Circuito Regionale Danza in Sardegna, Associazione Enti Locali

Dettagli

Luce di prim ordine e massima flessibilità

Luce di prim ordine e massima flessibilità Comunicato stampa Dornbirn, settembre 2010 Luce di prim ordine e massima flessibilità I magazzini Globus puntano sull illuminazione Zumtobel e risparmiano il 30% di energia B1 I La prima impressione è

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

APPARECCHIO da TAVOLO o da PAVIMENTO

APPARECCHIO da TAVOLO o da PAVIMENTO APPARECCHI DA TAVOLO E DA PAVIMENTO SERIE: CILINDRO QI 220 Volt Tri APPARECCHIO da TAVOLO o da PAVIMENTO VERSIONI, ACCESSORI e DIMENSIONI CILINDRO.QI 220 Volt Tri Piccolo apparecchio in ottone da porre

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER

QUANDO. nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC CENTER C O N V E G N O N A Z I O N A L E 16_05_2012 Roma Sala della Comunicazione del MIUR Viale Trastevere 76/a QUANDO LO SPAZIO INSEGNA nuove architetture per la Scuola del nuovo millennio DALLA SCUOLA AL CIVIC

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO. RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014

COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO. RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014 COLLEZIONE ARCHE DA BAGNO RADIATORE IN ACCIAIO VASCO ITALIA In vigore a partire dal 03/2014 Quando la climatizzazione si fa arte Mai come a casa propria ci si occupa del comfort con tanta passione, l estetica

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 -

- GIOVEDÌ 9 APRILE DOMENICA 19 APRILE 2015 - COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE DI UN ECCEZIONALE INSIEME DI CREAZIONI DI JEAN PROUVÉ E DI UNA SELEZIONE DI GIOIELLI E OROLOGI DA COLLEZIONE CHE SARANNO PROPOSTI NELLE PROSSIME ASTE. - GIOVEDÌ 9 APRILE

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO

TRIBUTO AL GRAN PREMIO PARCO VALENTINO TRIBUTO AL Fai sfilare la tua passione tra le strade di Torino. Iscrivi la tua vettura al DOMENICA, 14 GIUGNO 2015 la parata celebrativa delle automobili più importanti di sempre PARCO VALENTINO - SALONE

Dettagli

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact

Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Resistenza agli urti Acoustichoc e sistemi Impact Nuova dimensione : pannello 600 x 600 mm Assorbimento Acustico Elevato Una scelta di 7 colori Resistenza al Ball Test www.eurocoustic.com Un offerta dedicata

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli