Pensiero Democratico Circolo PD Online Attilio Tonelli Libertà è Partecipazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pensiero Democratico Circolo PD Online Attilio Tonelli Libertà è Partecipazione"

Transcript

1 Pensiero Democratico Circolo PD Online Attilio Tonelli Libertà è Partecipazione Pensiero Democratico

2 Collana Pensiero Democratico E-book Selezione di articoli, discussioni, pagine, del circolo online Libertà è Partecipazione 20 giugno 2013 Questa pubblicazione è rilasciata sotto una licenza Creative Commons A NC ND 3.0 Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Una copia della licenza è reperibile nel sito http: //creativecommons.org/licenses/by-ncnd/3.0/it/legalcode La licenza suddetta non si applica al materiale pubblicato proveniente da opere o documenti di pubblico dominio. Questa pubblicazione non rappresenta una testata giornalistica in quanto i contenuti non vengono aggiornati con regolarità pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7/03/2001. SOMMARIO Reportage Turchia di Fabio Colasanti Riforma vitale ignorata di Roberto Vacca Il partito delle riforme di Giuseppe Ardizzone L organizzazione del fattore lavoro di Giuseppe Ardizzone Il PD e l alternativa diabolica di Alberto Rotondi Oscar Giannino e l enigma della competenza di Salvatore Venuleo La strana storia del grano Creso di Alberto Rotondi I giochi della mente di Giorgio Mauri La grandezza e la bellezza di Salvatore Venuleo Sport di massa al tempo della Belle Epoque di Giuseppe Picciolo Le foto di Emilia Sede del sito: Bruxelles In copertina: Albert Edefelt (Porvoo, 21 luglio 1854 Porvoo, 18 agosto 1905, pittore finlandese) Idyll (1878) Quest'opera è nel pubblico dominio in tutti i Paesi nei quali il copyright ha una durata di 75 anni dopo la morte dell'autore o meno. 2 Pensiero Democratico

3 Reportage Turchia di Fabio Colasanti Che pensare della Turchia e del suo ruolo in Europa? Da Istanbul Fabio Colasanti 1. Istanbul, martedì 11 giugno, Sono in un albergo al centro di Istanbul. presiedo organizza una conferenza a Istanbul con il supporto della società telefonica turca, Türk Telekom. Questa ci ha messo a disposizione una sala di riunione nell'albergo Divan, dall'altra parte del parco Gezi, la cui sostituzione con un centro commerciale ed una moschea ha scatenato le proteste in corso. Ho prenotato una camera nello stesso albergo dove si doveva tenere la conferenza per ovvi motivi pratici. Sabato scorso però, Türk Telekom ha preferito spostare la conferenza in un albergo dalle parti dell'aeroporto. Io ho però deciso di rimanere nello stesso albergo visto che poi resterò fino a domenica a Istanbul da turista. L'istituto che Sono arrivato oggi verso le cinque. Il taxi mi ha lasciato ai piedi di una grossa barricata di oggetti di metallo a cinquanta metri dall'albergo. Ho attraversato una piazza e la larga strada lungo il parco che erano piene di gente. L'aria era da festa popolare. Molti però si pavoneggiavano sui resti di un veicolo conquistato un camion parzialmente bruciato. C'era perfino un venditore ambulante che ne approfittava per proporre grosse bandiere con il ritratto di Ataturk. Sono entrato in albergo e ho fatto il check-in. Come richiesto ho avuto una camera su di un lato dell'albergo, lontano dai cori e dalla musica. Mentre stavo firmando il modulo di registrazione sono entrate tre o quattro persone che avevano respirato gas lacrimogeni. Il personale dell'hotel mi è sembrato considerare la cosa normale, vicino alla porta avevano già pronti secchi d'acqua, spruzzatori e asciugamani. Le persone sono state soccorse rapidamente anche se uno si è dovuto sedere per riprendersi. Verso le otto sono uscito, anche per cercare un posto dove mangiare qualcosa. Nelle strade vicine tutti i locali erano chiusi e tutte le strade che portano alla piazza erano bloccate da barricate. Avvicinandomi alla piazza Taksim lungo il parco Gezi, ho sentito lo scoppio dei lacrimogeni e ho visto una nuvola di gas alzarsi altissima alla fine della strada. Il volume del brusio della gente si è anche trasformato in vere e proprie urla. Ho quindi LETTERE DAL CARCERE A MUNEVVER (Prigione di Bursa, Anatolia) 1942 Il più bello dei mari è quello che non navigammo. Il più bello dei nostri figli non è ancora cresciuto. I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti. E quello che vorrei dirti di più bello non te l'ho ancora detto. deciso che era forse più opportuno rientrare in albergo. Rientrando mi sono reso conto che questa è una protesta della classe media e degli intellettuali. La maggioranza dei dimostranti sono studenti universitari, ma si vedono anche molte persone di mezza età che devono essere di tutto (da insegnanti a professionisti). Non ho visto quasi nessuno che mi facesse pensare ad un operaio o a un rappresentante del popolo povero (questi purtroppo sostengono Erdogan). Ho mangiato un'insalata nel ristorante dell'albergo dove ho trovato già molte giovani coppie con le mascherine bianche (anti-nulla). Il ristorante e l'albergo non sono a buon mercato. La situazione è diventata surreale, ma anche simpatica, quando al tavolo accanto al mio è venuta a sedersi una coppia dall'aria molto distinta tra i cinquanta e i sessanta. Hanno deposto sulla sedia libera tra di loro due grossi caschi da cantiere bianchi e due vere e grosse maschere a gas! 2. Istanbul, giovedì 13 giugno, Nuovo "rapporto" da Taksim giovedì sera. In questi due giorni, durante le pause, la cena e i due pranzi ho parlato a lungo con vari partecipanti turchi alla conferenza: dirigenti di imprese telefoniche, analisti, avvocati e una professoressa universitaria. Ieri sera ho anche parlato con un giovane dimostrante. Tutte le persone con cui ho parlato erano contro Erdogan e penso che non abbiano mai votato per lui, anche nel passato. Mi hanno detto che l'europa si è fatta illudere dai successi economici della Turchia (che sono reali) e non ha prestato sufficiente attenzione alle restrizioni delle libertà fondamentali che Erdogan e i tre partiti che lo sostengono hanno introdotto. Qualche anno fa la polizia è stata ristrutturata. Le si è affidato come compito principale "la difesa del governo" e ha ricevuto anche armi pesanti. La cosa si spiega con la paura dell'esercito che hanno i partiti islamisti e i partiti democratici. Il governo ha voluto creare un possibile contrappeso all'esercito in caso di nuovi tentativi di colpo di stato (ce ne sono stati tanti, l'ultimo qualche anno fa contro Erdogan). Anche se si può capire le ragioni di questa riforma, rimane il fatto che la polizia non è al servizio della magistratura o dell'ordine pubblico, ma del governo. Pensiero Democratico 3

4 Reportage Turchia di Fabio Colasanti La magistratura sarebbe anche in pratica sotto il controllo del governo (i partiti islamici hanno i ministeri della giustizia e degli interni), così come il grosso della stampa e della televisione. Quando ci sono stati i primi scontri con feriti a piazza Taksim, la televisione di stato ha ignorato la notizia per tutta la serata. Per fortuna, una piccola televisione privata ha avuto il coraggio di mandare un giornalista e un cameraman sul posto e ha dato informazioni in diretta. La stampa governativa avrebbe inventato notizie su presunte violazioni e oscenità commesse dai manifestanti (un iman ha effettivamente aperto le porte della sua moschea a dimostranti feriti dalla polizia, uomini e donne; questi sono stati poi medicati all'interno della moschea ed erano vestiti come possono esserlo persone ferite e medicate) Erdogan ha ripetuto alla televisione la storia delle oscenità varie volte. Per lui i dimostranti sono dei vandali. Ieri sono stati arrestati 72 avvocati colpevoli di aver voluto entrare nella sede del tribunale di Istanbul per assistere al processo di un avvocato arrestato nei primi giorni di rivolta! Erdogan avrebbe oggi un patrimonio personale di circa ottocento milioni di dollari accumulato in venti anni di vita politica La sua famiglia sarebbe presente in tanti gruppi industriali. Ho avuto conferma di una storia che mi avevano raccontato l'ultima volta che sono stato qui nel 2010: la costruzione dell'hotel Ritz-Carlton. Piazza Taksim è su una collina dalla quale si ha bella vista sul Bosforo. Qualche anno fa qualcuno ha chiesto di costruire un grattacielo di una trentina di piani sotto piazza Taksim, tagliando la vista a tutti i palazzi esistenti. Il comune di Beyoglu, dove si voleva costruire, si è rifiutato di concedere la licenza edilizia visto che questa sarebbe stata contraria al piano regolatore. Il governo nazionale ha ridisegnato le frontiere tra due comuni di Istanbul e ha spostato il terreno dove si doveva costruire il grattacielo da Beyoglu al comune limitrofo, Sisli, che ha immediatamente concesso la licenza. Perché lo si noti meglio, il grattacielo è oggi rivestito di pietra rossa e nera! Avevo già notato l'atteggiamento molto amichevole del personale del mio albergo nei confronti dei manifestanti. Oggi ne ho saputo di più. L'albergo appartiene alla famiglia Koç, una delle famiglie più ricche del paese. Il patriarca Koç ha preso pubblicamente posizione contro Erdogan nella storia di Gezi Park; il fisco avrebbe già annunciato una serie di controlli amministrativi e fiscali su tutte le imprese del gruppo Koç. Nello spazio dove di solito sono i tavolini del bar dell'albergo stasera c'era una vera e propria infermeria da campo con flebo, tendine, materiale vario e un'ambulanza privata è ferma di fronte all'ingresso principale dell'albergo. Ieri c'è stato un incontro tra Erdogan e un gruppo di intellettuali che i dimostranti non considerano i loro rappresentanti. Dopo l'incontro qualcuno ha parlato della possibilità di un referendum tra i cittadini di Istanbul sul progetto Gezi. Ho chiesto ieri sera al giovane manifestante cosa ne pensava e mi ha risposto che il problema oggi non è più la costruzione del centro commerciale sul parco. Le cose sono andate troppo in la. Purtroppo Erdogan, come Giovanni l'ha indicato, viene da una cultura che considera negoziati e trattative come un segno di debolezza. I turchi con i quali ho parlato mi hanno detto che effettivamente il più grosso problema è che i politici turchi sembrano pensare che la vittoria elettorale da loro un mandato completo e senza limiti che rende le consultazioni popolari inutili. Erdogan ha dato ai manifestanti 24 ore per lasciare il parco, la sua pazienza sarebbe al limite. Stasera, scadenza dell'ultimato, ci sono moltissime persone nel parco e nella zona attorno. Quello che mi ha un po' preoccupato è stato il fatto di rendermi conto che il personale della reception del mio albergo stasera rientrando ci sono andato per chiedere un'informazione ha una maschera a gas per ogni postazione in bella vista sul tavolo accanto alla tastiera del computer! 3. Istanbul, venerdì 14 giugno, È un fatto, che la maggioranza della popolazione turca sia con Erdogan. Ma è anche un fatto che ognuno di noi, specialmente le persone di sinistra, se confrontati con i problemi di cui si discute oggi in Turchia sarebbe con i dimostranti e non con Erdogan. Non si puo dimenticare che la Turchia è un paese dove sono attualmente detenuti una cinquantina di giornalisti per quelli che noi chiameremo "delitti d'opinione". Esiste un articolo della costituzione che punisce ogni espressione critica dell'identità turca (altro che il nostro vilipendio), che nella pratica magistratura ee stampa sono in gran parte sotto l'influsso del governo altro che la concentrazione che conosciamo noi in Italia. La Turchia è certo una democrazia se paragonata all'egitto, alla Tunisia o ad altri paesi arabi, ma è ancora abbastanza lontana dal concetto di democrazia che abbiamo tutti in questo circolo. In ogni caso, la crisi attuale ha cambiato completamente la percezione interna e esterna di Erdogan. Finora si presentava - ed era anche percepito - come il paladino della "modernità". Oggi appare come un sultano che si aggrappa ai suoi poteri ereditati da passato. L'immagine internazionale della Turchia ne ha sofferto enrmemente. I rapporti tra Unione europea e Turchia non 4 Pensiero Democratico

5 Reportage Turchia di Fabio Colasanti sono mai stati cosi tesi. Ieri il Parlamento europeo ha condannato l'azione della polizia a Taksim Square e Erdogan ed i suoi ministri hanno reagito furiosi con termini molto poco diplomatici. Condanne della Turchia sono venute anche da Stati Uniti e dalle Nazioni Unite. Il turismo verso la Turchia ha preso una botta enorme. Sembra che le prenotazioni siano crollate. Il settore spera che il Ramadan ad agosto gli porti un po' di turisti arabi altrimenti la situazione è nera. Posso testimoniare che la cosa è assolutamente ingiustificata visto che io sto facendo il turista senza nessun problema con un albergo sul parco Gezi. Oggi sono stato al Gran Bazar e al bazar delle spezie senza aver mai la sensazione di un problema o di una difficoltà qualsiasi (a parte il casino e la confusione soliti di Istanbul). 4. Istanbul, sabato 15 giugno, Un altro "rapporto" da piazza Taksim basato sulla lettura quotidiana della versione in lingua inglese di Hurriyet e altre conversazioni con cittadini turchi. Ieri sera eravamo a cena a Bebek, sulla riva del Bosforo. La coppia al tavolo accanto ci ha sentito parlare in tedesco e si è rivolta a noi in tedesco. Lei aveva studiato alla scuola tedesca di Istanbul e lui a quella austriaca. Abbiamo finito la serata seduti ad un solo tavolo con scambio di fotografie e indirizzi. Naturalmente si trattava di turchi della classe alta, feroci oppositori di Erdogan. Ma i commenti che aggiungo vengono dal giornale. Erdogan dopo dieci anni al potere, con molto successo, si sente onnipotente e interviene in ogni minima decisione. Secondo un commento di Hurriyet, è "il sole attorno al quale tutto ruota in Turchia". Ha deciso personalmente il tipo di illuminazione sul primo ponte sul Bosforo e ha deciso personalmente molti dettagli del progetto per piazza Taksim. Strano che un primo ministro si occupi dei dettagli di un progetto immobiliare di competenza delle autorità comunali, anche se si tratta della piazza centrale della città più importante del paese. Un po' di storia del progetto e dei disordini. Alcune persone hanno fatto ricorso contro la licenza edilizia per il progetti Taksim/Gezi. Un tribunale ha ordinato il blocco dei lavori in attesa di una decisione sul merito del ricorso. Non ostante questa decisione le demolizioni di alcuni negozi e di una galleria d'arte lungo il parco sono riprese. Il 31 maggio un gruppo di manifestanti piuttosto piccolo - sembra circa cinquecento persone ha dimostrato contro le demolizioni in corso. La polizia - che a rigor di logica avrebbe dovuto intervenire per bloccare i lavori come ordinato dal tribunale - ha invece attaccato i dimostranti da tre lati lasciando loro poche possibilità di fuga. Questo ha portato all'alto numero di feriti e ai morti che si sono registrati nei primi giorni. La brutalità dell'intervento della polizia, inizialmente negata dal governo e ignorata dai media più allineati con il potere, ha portato alla reazione che si vede attualmente. Il giornale stamattina presentava i risultati di un sondaggio condotto - non so come - tra i dimostranti del parco Gezi. Solo il quindici percento ha dichiarato di essere li perché contrario alle demolizioni e alla sparizione del parco. La stragrande maggiorana ha detto di dimostrare contro l'autoritarismo di Erdogan, la brutalità della polizia e gli arresti degli avvocati. PS. Ho sentito anch'io i dimostranti cantare "Bella ciao" ieri sera dopo la mezzanotte. Ci stavamo prendendo una birra seduti ad un tavolino del nostro albergo (nel luogo dove fino al giorno prima c'era l'infermeria d'emergenza) e l'ho fatto notare a mia moglie. Più che segno di libertà (cosa quasi ovvia), la cosa mi ha colpito per quello che rivela sul grado di informazione dei giovani manifestanti. "Bella ciao" non è qualcosa che si sente comunemente sulle radio FM che i giovani di solito ascoltano. Se l'hanno potuta cantare in decine di persone significa che tra i partecipanti ce ne sono tantissimi che hanno viaggiato, che conoscono la storia e che conoscono gli altri paesi. 5. Istanbul, sabato 15 giugno, Un quinto rapporto da Taksim, un po' più drammatico dei precedenti. Erdogan, fedele alla cultura che Giovanni aveva già denunciato, ha deciso di mostrare chi comanda e ha fatto intervenire la polizia per liberare il parco Gezi. Oggi pomeriggio avevamo fatto una passeggiata nel parco. L'aria era di festa, il parco era diventato un'attrazione turistica, c'erano molte famiglie con i bambini. Erano apparsi anche venditori ambulanti, non solo di bevande e cibo, ma anche di portafogli, cappelli e altro. La situazione era anche ferma dal punto di vista del progetto. Erdogan aveva annunciato di voler aspettare la sentenza del tribunale sul ricorso presentato qualche settimana fa da alcune associazioni. Non c'era quindi nessun pericolo immediato e nessuna ragione oggettiva di intervenire a parte l'ego di Erdogan. Purtroppo nello stadio di sviluppo nel quale si trova la Turchia, questo atteggiamento da uomo forte rischia di portargli voti. Il comportamento della polizia è stato ancora una volta indegno. L'ho visto alla televisione e l'ho sperimentato Pensiero Democratico 5

6 Reportage Turchia di Fabio Colasanti di persona. I dimostranti non hanno fatto grande resistenza nell'evacuazione del parco Gezi, del resto la polizia l'aveva riempito subito di gas lacrimogeno. Molti dimostranti si sono rifugiati negli alberghi e la polizia li ha attaccati, in particolare il Divan dove siamo. Lungo la Istiklal Caddesi, la strada principale di Istanbul, la polizia anziché contenere i dimostranti li ha letteralmente attaccati. Vengo alla parte personale che ha avuto aspetti piacevoli e alcuni molto meno. Eravano a cena nello stesso ristorante di Bebek dove siamo stati ieri sera, un posto con una vista incantevole sul Bosforo. Poco dopo le nove, il cameriere, con il quale avevamo scambiato qualche parola, ci ha chiesto in quale albergo eravamo e ci ha detto dell'attacco della polizia. Avevamo finito di cenare, ma i camerieri ci hanno pregato di restare. Hanno chiamato per noi l'albergo e mi hanno passato la reception dove una persona mi ha detto che la situazione era "molto seria" e di non rientrare subito. Moltissime auto hanno cominciato a suonare il clackson in maniera ritmata, altri battevano le mani, altri battevano qualunque cosa avessero, una sorta di "cacerolazo". L'impressione era di un larghissimo supporto ai manifestanti, ma eravano a Bebek una zona bella e ricca di Istanbul. Verso le dieci e venti abbiamo deciso di tentare il rientro, il proprietario del ristorante ci ha trovato un taxi e ha spiegato all'autista la nostra situazione: avrebbe cercato di portarci il più vicino possibile all'albergo. Lungo il tragitto non si sentivano che i clackson ritmati e il battito di oggetti. A metà strada, a vari chilometri da Taksim, ci siamo trovati con la strada bloccata, si era formata una manifestazione in una piazza e la polizia era intervenuta con cannoni ad acqua e aveva bloccato le strade. Nuovo tentativo via il lungomare, ma a un chilometro da Taksim abbiamo trovato la strada di nuovo sbarrata. Il tassista ha fatto un ultimo tentativo e ha chiesto informazioni a dei giovani manifestanti. Questi si sono offerti di aiutarci loro. Il primo consiglio è stato quello di indirizzarci verso altri hotel dove passare la notte, poi un gruppo di tre giovani, saputo che eravamo al Divan, si sono offerti di accompagnarci loro. Lungo il tragitto ci hanno confessato che volevano anche loro andar al Divan, che era diventato un punto di riferimento, e che la scusa di aiutare dei clienti dell'albergo avrebbe permesso anche a loro di arrivarci. Ci siamo arrampicati lungo una strada ripidissima e siamo arrivati a Istiklal Caddesi dove abbiamo trovato il primo sbarramento di polizia. Mostrando il mio cartoncino dell'albergo (quello che danno con la chiave), i tre turchi hanno ottenuto di poter passare. Abbiamo attraversato piazza Taksim arrivando alle spalle di una fila di poliziotti che ginocchio a terra erano pronti a sparare altri lacrimogeni. Davanti al nostro albergo non si vedeva nessuno, ma solo quattro o cinque veicoli di polizia e due o tre ambulanze. Abbiamo aspettato un po' all'esterno, con noi c'erano solo dei fotografi e forse qualche giornalista. Visto che non si vedeva nessun movimento, anche se si vedeva ancora una nuvola di gas lacrimogeno, abbiamo deciso di raggiungere la porta dell'albergo, la salvezza, che era a pochi metri e siamo entrati di corsa nell'albergo. Quello che non ci aspettavamo è che la situazione all'interno dell'albergo fosse più grave che per strada. Quello che non potevamo immaginare è che la polizia fosse entrata nell'albergo qualche minuto prima sparando gas a destra e a manca e che la concentrazione di gas, che all'esterno era bassa e tollerabile, all'interno fosse tremenda. L'intervento della polizia è stato una lezione mafiosa data al signor Koç da Erdogan e i suoi sgherri; è stato punito per aver aiutato i dimostranti e aver preso pubblicamente posizione contro Erdogan. L'esperienza del gas lacrimogeno non è piacevole - manca il respiro - e in più c'è stato l'elemento di sorpresa; mia moglie aveva appena rimesso in tasca il fazzoletto che aveva utilizzato per proteggersi quando eravamo per strada. Abbiamo attraversato la hall e siamo andati agli ascensori. Non dobbiamo aver fatto più di quindici metri dalla porta di ingresso, ma è stata dura. Mi sono dovuto sedere su di una sedia aspettando l'ascensore e Marianne si è seduta per terra. Era pieno di dimostranti che soffrivano con noi. Uno mi ha invitato a respirare lentamente, un altro per verificare che fossi coscente mi ha chiesto la mia età e un terzo mi ha offerto la sua maschera a gas! Quando è arrivato l'ascensore la situazione è diventata più difficile; era pieno di giovani dimostranti che vi si erano rifugiati per sfuggire al gas. Siamo riusciti ad entrare, noi avevamo la carta che permetteva di azionare i pulsanti loro no, abbiamo cercato di farlo partire, ma non si riusciva a far chiudere la porta perché tanti cercavano disperatamente di entrare impedendone la chiusura e la partenza. Alla fine siamo riusciti ad arrivare al secondo piano dove li ho invitati ad uscire - noi eravamo al settimo - dicendo loro che li dovevano essere al sicuro. Sono usciti scusandosi per il disturbo che ci avevano dato! Dopo un istante eravamo sotto la doccia e tutto è passato. Il momento spiacevole non è durato forse più di dieci-quindici minuti, ma è certo stato molto spiacevole. 6 Pensiero Democratico

7 Reportage Turchia di Fabio Colasanti Stiamo a vedere come evolveranno le cose adesso. Lo scontro in corso è tra la parte colta e sviluppata della Turchi che vuole vivere nel 21esimo secolo (questa parte avrebbe tutto il diritto di essere nell'unione europea) e la parte che vuole i valori del diciannovesimo secolo. Purtroppo numericamente questa seconda parte è fortemente maggioritaria e sostiene Erdogan. Il capitolo dell'adesione della Turchia all'unione europea era già chiuso da tempo. Dopo la crisi di Taksim non se parlerà più fino a quando non ci sarà un cambio molto improbabile di governo. 6. Bruxelles, domenica 16 giugno, Sono a casa a Bruxelles. Questa mattina abbiamo però avuto una piccola sorpresa. Avevamo un aereo alle tre del pomeriggio e pensavamo di lasciare l'albergo verso mezzoggiorno. Alle nove, andando a fare colazione, ho chiesto alla reception quanto tempo bisognava prevedere per il tragitto in taxi fino all'aeroporto verso mezzoggiorno, di domenica. Ci hanno invitati caldamente ad andare via dall'albergo subito, visto che la situazione stava peggiorando e temevamo una nuova irruzione della polizia nell'albergo! Abbiamo fatto le valigie in qualche minuto, rinunciato alla colazione, preso un taxi - con l'aiuto del personale dell'albergo - e passato cinque ore all'aeroporto. Qualche considerazione personale sulla Turchia Premetto di non conoscere la Turchia, ma di conoscere abbastanza bene Istanbul dove sono stato quattro volte e sulla quale ho letto parecchio, incluso il bel libro autobiografico di Orhan Pamuk. Tutte le visite ad Istanbul sono state dovute a conferenze professionali alle quali ho sempre potuto aggiungere qualche giorno da turista. Le conferenze sono state importanti perché mi hanno offerto moltissime occasioni di parlare della città e del paese con tanti cittadini turchi o persone che conoscono la Turchia meglio di me. Ho anche molti amici turchi. La Turchia è chiaramente un paese dualistico. Da una parte esiste un'elite, specie a Istanbul, estremamente colta e raffinata (nel 2001 sono stato a cena con il vicepresidente della Confindustria turca, Tusiad. Aveva un cognome polacco e parlava un italiano perfetto, avendo fatto l'università a Venezia). Dall'altro, esiste una grossa maggioranza che sta emergendo solo oggi dalla povertà rurale. Il problema dell'adesione della Turchia all'unione europea è imbarazzante. L'adesione all'unione europea è stata promessa alla Turchia la prima volta nel 1963, quando il paese era una pedina fondamentale nella guerra fredda. L'Italia, la Farnesina, ha sempre sostenuto l'idea dell'adesione della Turchia. Ma cinquanta anni dopo, anche prima della crisi attuale, le possibilità di adesione erano praticamente nulle, la Germania e soprattutto la Francia non sono in grado di accettarla. Sulla base dei trends attuali, tra pochissimi anni la Turchia, se fosse membro della UE, ne sarebbe il paese più grande, con il più alto numero di deputati al Parlamento europeo e il più alto numero di voti al Consiglio. Tutti sanno che i negoziati non vanno da nessuna parte, ma finora la Turchia non ha fatto il favore all'unione europea di ritirare la sua domanda di adesione che rimane sempre sul tavolo. Eppure l'adesione sarebbe proprio quello di cui l'elite avrebbe bisogno per accelerare e consolidare il processo di modernizzazione del paese. Rifiutare l'adesione della Turchia mi sembra quasi un "tradimento" nei confronti della parte più moderna del paese. La povertà relativa del paese non può essere invocata come argomento, il PIL pro capite della Turchia è superiore a quello di Bulgaria e Romania. Molte infrastrutture turche sono di ottima qualità. L'aeroporto Ataturk di Istanbul (che Erdogan vorrebbe sostituire con uno nuovo e più grande) è mille volte meglio di Fiumicino o Malpensa. Nel 2011 Turkish Airlines ha vinto il premio della migliore compagnia aerea europea ed è oggi una delle più grandi compagnie aeree al mondo. Al tempo stesso, mi sembra impossibile immaginare il paese nell'unione europea. Le differenze sono enormi. Se la Turchia dovesse applicare le regole europee, il Grand Bazar di Istanbul dovrebbe chiudere; le migliaia di negozi di stoffe e altri prodotti tessili tra il Grand Bazar e la Nuova Moschea, uno degli spettacoli più affascinanti di Istanbul, dovrebbero scomparire. Il dibattito su cosa è l'europa e quali ne sono i confini è complicatissimo e senza una risposta chiara, ma quando si è in un taxi nel traffico di Istanbul è difficile pensare di essere in Europa, comunque la si voglia definire. All'interno dell'unione europea abbiamo un riconoscimento reciproco delle decisioni amministrative prese degli altri paesi, perfino delle decisioni giudiziarie sull'arresto di una persona. È possibile immaginare che la polizia di Malmoe arresti qualcuno, forse un giornalista, sulla base di un mandato emesso da un tribunale di Izmir (quello che ha fatto arrestare qualche giorno fa 29 persone per quello che hanno scritto su Twitter)? E poi c'è l'islam... Pensiero Democratico 7

8 Riforma vitale ignorata - e risparmi di centesimi! di Roberto Vacca L Italia diventa povera perché non fa abbastanza ricerca. Si piange sulla disoccupazione che sale tragicamente, ma non si dice che l occupazione è più alta ove i livelli di innovazione sono più elevati. La Commissione Europea pubblica i dati 2012 la classifica al 2012 dei 27 paesi dell Unione in base al livello di innovazione raggiunto, espresso da un indice (compreso fra 0 e 1) funzione di 25 indicatori (lauree, ricerca scientifica, investimenti pubblici e privati in R&D, brevetti, etc.) vedi istogramma seguente e tavole alla fine della presente nota. In Italia gli investimenti pubblici in ricerca e sviluppo sono lo 0,53 (nel 2011 erano 0,54) del PIL (0,71 della media europea) e quelli privati sono lo 0,68 (nel 2011 erano 0,71 %) del PIL (0,54 della media europea). Questo divario dura da 30 anni. Non è solo questione di investimenti, ma di cultura media. La percentuale della popolazione che ha completato l educazione terziaria è in Italia il 20,3%. La media europea è 34,6 %, Danimarca, Norvegia, Svezia e Finlandia 47%, Francia 43,4%, UK 45,8 %, Irlanda 49,4 %. A livello più basso dell Italia c è solo la Turchia. L Italia è, dunque, carente nei livelli di istruzione e negli investimenti in R&D particolarmente nel settore privato. Diminuire gli investimenti e le spese (che creano lavoro), aumentare le imposte e i tassi di interesse sono politiche di austerità inopportune: non favoriscono la ripresa e aggravano la depressione. La tavola seguente mostra, insieme al livello di innovazione, il tasso di crescita relativo. Per l Italia è poco meno del 3% - più basso di quello di Slovacchia, Malta e delle Repubbliche Baltiche. In Italia mass media e dibattiti politici non menzionano questi dati. Sarebbe urgente la riforma vitale che portasse l industria a triplicare gli investimenti in Ricerca e Sviluppo spinta a farlo dal Governo. Invece non se ne parla nemmeno. Si discute di riforme formali, come l elezione diretta del Presidente della Repubblica. Si commentano con favore piccoli risparmi: un milione per aver reso sobria la parata del 2 Giugno e 500 milioni di finanziamenti pubblici ai partiti da ridurre gradualmente [ma già il referendum del 1993 li aveva aboliti, per vederli tornare un anno dopo]. I 4 Paesi europei più innovatori (Svezia, Germania, Finlandia, Danimarca) hanno un PIL pro capite del 25% più alto del nostro e il loro PIL cresce ogni anno di 4 punti percentuali più del nostro. Se innovassimo come loro ogni anno il PIL crescerebbe di 60 miliardi di Euro, rispetto ai quali i risparmi citati pure opportuni appaiono trascurabili. Il baratro di cui parlava il Presidente della Confindustria, dipende non solo da imposte alte e da ritardi nei pagamenti della pubblica amministrazione, ma anche dalla critica e triste situazione che ho descritto. Smettiamo di scavare baratri. Figura 1: European Countries innovation performance. Finlandia, Danimarca, Germania e Svezia sono i paesi con il più alto tasso di innovazione (Leader dell innovazione). All estremo opposto Bulgaria, Romania, Polonia e Lettonia. L Italia è uno dei paesi innovatori moderati con prestazioni sotto la media (EU). 8 Pensiero Democratico

9 Riforma vitale ignorata - e risparmi di centesimi! di Roberto Vacca Figura 2: Crescita della resa innovativa nel periodo La crescita della resa innovativa è stata calcolata per ciascun paese e per l'ue-27 sulla base dei dati relativi ad un periodo di cinque anni. Si osserva che i paesi leader dell'innovazione e quelli che tengono il passo (Paesi Bassi, Lussemburgo, Belgio, Regno Unito, Austria, Irlanda, Francia, Slovenia, Cipro ed Estonia) sono riusciti ad incrementare la crescita dell'innovazione nel periodo di crisi , mentre l'indice è crollato nei gruppi degli innovatori moderati (Italia, Spagna, Portogallo, Repubblica Ceca, Grecia, Slovacchia, Ungheria, Malta e Lituania) e nei paesi in ritardo (Polonia, Lettonia, Romania e Bulgaria). I principali innovatori sono sempre più forti mentre gli innovatori moderati e i paesi in ritardo non riescono a recuperare terreno. La tabella nella pagina seguente presenta alcuni parametri significativi per lo studio del legame tra ricerca e innovazione: l'italia è messa a confronto con la media dei paesi europei. Tabelle e grafici da: COMMISSIONE EUROPEA MEMO Bruxelles, 26 marzo 2013 Pensiero Democratico 9

10 Riforma vitale ignorata - e risparmi di centesimi! di Roberto Vacca Annex B: Current performance 10 Pensiero Democratico

11 Il partito delle riforme di Giuseppe Ardizzone G li ultimi dati sulla disoccupazione giovanile che ha superato il 40%, le preoccupate dichiarazioni prima del Presidente di Confindustria Squinzi e dopo del Governatore della Banca d Italia Visco impongono a tutti un momento di riflessione e la disponibilità a mettere da parte ogni eventuale pregiudizio ed ogni difesa dei propri privilegi per renderci tutti disponibili e compartecipi del cambiamento del nostro Paese. Senza di questo, rischiamo tutti di perdere il contatto con i paesi più sviluppati e con la stessa Europa. La conseguenza è sotto i nostri occhi: un bilancio dello Stato pericolante, una disoccupazione a livelli insopportabili un livello inaudito di corruzione, di delinquenza organizzata e di rendita che pesano come macigni sul mondo produttivo, un progressivo impoverimento delle famiglie, la perdita di competitività delle nostre imprese, un rischio di vera e propria deindustrializzazione del nostro sistema economico con modeste prospettive di crescita. E nostro dovere reagire operando su due livelli, quello interno e quello europeo. Sul piano interno è necessario recuperare il divario di competitività crescente con i paesi europei più avanzati agendo sia sulla riduzione del cuneo fiscale sul lavoro sia dando un serio impulso ai progetti di ricerca e sviluppo. La limitata innovazione delle imprese italiane negli ultimi anni ha determinato, infatti, una progressiva perdita di produttività orientando la specializzazione del nostro settore manifatturiero (che copre ca. il 16,7% del valore aggiunto lordo dell Italia, dati 2011) verso prodotti a bassa intensità tecnologica. Secondo quanto riportato nel recente Documento di lavoro dei servizi della Commissione Europea-Esame approfondito per l'italia-a norma dell'articolo 5 del regolamento (UE) n. 1176/2011 sulla prevenzione e la correzione degli squilibri macroeconomici, del 10/4/2013 La quota del valore aggiunto manifatturiero nei settori a basso o medio-basso contenuto tecnologico ammontava al 62% nel 2009, rispetto al 44% della Germania, il 59% della Francia e il 64% della Spagna Negli ultimi vent anni inoltre la specializzazione settoriale dell Italia è rimasta sostanzialmente stabile (il settore ad alta tecnologia rappresentava il 6,7% del valore aggiunto lordo totale del settore manifatturiero nel 2011, rispetto al 6,5% nel 1992) si conclude quindi che Il modello di specializzazione dell Italia ha esposto l economia all accesa concorrenza delle economie emergenti. La specializzazione dell Italia nei prodotti a basso e medio-basso contenuto tecnologico implica un mix di prodotti per l esportazione molto simile a quello della Cina e di altri mercati emergenti che possono beneficiare di manodopera a basso costo. Se a tutto questo aggiungiamo un costo dell energia mediamente superiore del 30% a quello sostenuto dai nostri competitors europei, la difficoltà del credito ed il suo costo elevato, le eccessive incombenze burocratiche, l insufficienza delle infrastrutture, l inefficienza dell amministrazione pubblica, l incompleta liberalizzazione del mercato ed una lentezza della giustizia che rende difficile la certezza del credito possiamo renderci conto delle ulteriori difficoltà che gravano in Italia sul fare impresa. L elevato costo e le difficoltà di accesso al credito sono poi uno dei problemi più importanti che occupano la vita delle aziende italiane. Il costo del denaro è inevitabilmente influenzato sia dall aumento delle sofferenze sia dal rendimento dei titoli del debito pubblico. Secondo quanto espresso dal Governatore Visco nella sua recente relazione annuale Alla fine del 2012 la consistenza dei prestiti in sofferenza è salita al 7,2 per cento degli impieghi complessivi, dal 3,4 del 2007; quella degli altri crediti deteriorati al 6,3 per cento, dall 1,9. Per le imprese, il flusso delle nuove sofferenze in rapporto agli impieghi ha recentemente superato, su base annua e al netto di fattori stagionali, il 4 per cento, un livello non toccato da venti anni. L aumentato livello delle sofferenze, le perdite realizzate sul valore dei titoli in portafoglio ed i nuovi criteri di Basilea tre comportano per il sistema bancario italiano la necessità di una maggiore patrimonializzazione per riprendere con la dovuta efficacia il ruolo di finanziamento del sistema delle imprese che oggi non è soddisfacente. D altra parte, la maggior parte delle imprese italiane, anche a causa della piccola dimensione, attinge con difficoltà ad altre forme di finanziamento della propria attività che non siano quelle bancarie. E stata utile a questo scopo l azione del Fondo Centrale di garanzia e della Cassa Depositi e Prestiti che fra il 2009 e il 2012 hanno permesso quasi 60 miliardi d intervento a favore delle piccole e medie imprese fra nuovi finanziamenti e moratorie. Il sistema bancario italiano ha superato bene l esame della crisi finanziaria del 2008 e gli interventi dello Stato a suo favore sono stati ben inferiori da quelli sostenuti dagli altri paesi europei. Basti pensare che, come ci spiega il Governatore Vinco nella sua relazione: Lo scorso dicembre il sostegno dello Stato alle banche ammontava all 1,8 per cento del PIL in Germania, al 4,3 in Belgio, al 5,1 nei Paesi Bassi, al 5,5 in Spagna, al 40 in Irlanda. In Pensiero Democratico 11

12 Il partito delle riforme di Giuseppe Ardizzone Italia l analoga quota è pari allo 0,3 per cento includendo gli interventi per il Monte dei Paschi di Siena. Bisogna tuttavia fare di più perseguendo due obiettivi: a) separare il legame esistente oggi fra l andamento del settore bancario e quello del debito pubblico b) Ripristinare il ruolo di finanziatore del sistema delle imprese. Sul secondo punto bisogna che sia rafforzata la patrimonializzazione delle aziende bancarie sia capitalizzando gli utili prodotti sia aprendo la loro composizione sociale a nuovi investitori italiani ed esteri e riducendo il ruolo delle fondazioni. Un altra strada da percorrere è rappresentata dal potenziamento del ruolo del Fondo Centrale di Garanzia e della cassa depositi e Prestiti che con il loro credito di firma possono decisamente sbloccare l attuale pericolosa situazione di stretta creditizia impegnando in misura limitata le finanze dello Stato e consentendo un effetto moltiplicativo dei fondi stanziati. Per quanto riguarda invece il primo punto il risultato è conseguibile solo grazie ad un azione concertata a livello europeo. Si ritiene utile a questo fine riportare ancora dei brani del testo della recente relazione del Governatore Visco: Il progetto di unione bancaria mira a spezzare la spirale tra debito sovrano e condizioni delle banche e del credito. La creazione di un supervisore unico, imperniato nella BCE e nelle autorità nazionali, è il primo passo; va rapidamente completato da uno schema comune di risoluzione delle crisi bancarie e da un assicurazione comune dei depositi. Vanno precisati i contorni, definiti i tempi di attuazione, del progetto di un bilancio pubblico comune dell area dell euro... L istituzione di meccanismi di sostegno finanziario comuni per le riforme strutturali nei singoli paesi può fornire l occasione per avviare il progetto ed intraprendere, in via sperimentale, l emissione di titoli di debito congiunti. Queste ultime considerazioni del Governatore Visco, unite ai suoi richiami indirizzati alle forze politiche italiane perché non pensino di poter ottenere in sede europea una deroga al tetto del deficit del 3% (, dato il continuo e previsto incremento del rapporto debito /PIL al di fuori delle condizioni del Fiscal Compact ), pongono alla nostra attenzione il ruolo delle istituzioni europee nei confronti del processo di crescita economica del continente. Timidamente Visco parla di emissione, in via sperimentale, di titoli di debito congiunti per finanziare le riforme strutturali dei singoli paesi.in realtà l unico modo di affrontare definitivamente la questione sarebbe quello di fotografare l attuale situazione del debito dei singoli paesi europei, la cui possibile evoluzione è già definita dalle regole del fiscal compact; e presentarsi come unica entità di fronte ai mercati con la garanzia della BCE e di tutti i governi europei : Successivamente, la BCE dovrebbe a sua volta finanziare il debito dei singoli stati membri, internamente a tassi differenti ( spread all interno di un ventaglio di oscillazione prestabilito) in base a criteri di valutazione ( rating) comunemente accettati e condivisi. Questa misura permetterebbe di separare definitivamente il destino delle singole banche di un paese da quello delle finanze pubbliche dello steso. Permetterebbe inoltre di rendere efficace la politica monetaria europea e di muoversi verso una parità di condizioni del credito nei confronti delle imprese di tutti i paesi membri. Il cammino verso una maggiore integrazione europea di tipo federale non può che realizzarsi a patto di ridurre le differenze ed i vincoli rispetto all utilizzo dei principali fattori di produzione: capitale, lavoro e tecnologia. Muoversi verso una riduzione delle differenze sul costo del denaro, sulla facilità di credito e sulla garanzia universale dei depositanti costituirebbe un passo avanti nel senso dell integrazione. Avere la capacità di porre un limite minimo europeo ai salari ed ai diritti dei lavoratori sarebbe un altro punto importante. Incrementare il bilancio europeo, anche con il ricorso all emissione di titoli di debito, per finanziare centri di ricerca comuni di eccellenza, per delineare un programma di approvvigionamento comune delle fonti energetiche al fine di equipararne i costi, per realizzare una politica militare ed internazionale comune, per realizzare le più importanti infrastrutture comuni, porrebbe le basi per un governo politico federale. Se non si faranno passi in questo senso. su quali altre basi si potrà procedere? Le forze politiche del nostro paese si trovano impegnate su due fronti quello nazionale e quello europeo. Entrambi sono essenziali per il futuro del paese e richiedono un progetto di riforme difficili e radicali. Avremmo bisogno di un grande partito delle riforme più che di tanti movimenti di protesta e/o di protezione dei privilegi acquisiti. 12 Pensiero Democratico

13 L organizzazione del fattore lavoro di Giuseppe Ardizzone L a velocità con cui, nel mondo attuale, il capitale finanziario si muove, cercando le occasioni più interessanti di guadagno, costringe a rivedere le categorie mentali con cui siamo soliti osservare l evoluzione della società. Vengono finanziate le combinazioni più vantaggiose di capitale e lavoro ovunque trovano un ambiente favorevole e disponibile, anche a scapito di quelle conquiste salariali e del welfare, patrimonio dei paesi occidentali. Vi è una capacità organizzativa mondiale del fattore produttivo capitale, di fronte a cui appare evidente la difficoltà organizzativa e la frammentazione del mondo del lavoro. La gestione dei capitali può contare su di un sistema finanziario mondiale, che supera la dimensione nazionale, l influenza ed il peso degli stessi Stati. Esistono poi, accanto alle situazioni ufficiali, tutta una serie di paradisi fiscali e zone franche dove si sviluppano e crescono i rapporti fra capitali rivenienti da attività illegali e legali. La maggiore capacità di guadagno, ottenuta dai capitali produttivi, grazie alla disorganizzazione, frammentazione e sfruttamento mondiale del lavoro, consente poi alla finanza ed alla rendita di chiedere una fetta sempre più grossa della ricchezza prodotta. Certo, in qualche modo, questo processo ha permesso una crescita quantitativa del prodotto mondiale; ma, se guardiamo, nelle pieghe dello sviluppo, qual è la qualità della vita delle diverse popolazioni, ci accorgiamo che la crescita è spesso fondata su aspetti contraddittori e, come sempre è successo in passato, urge procedere verso un miglioramento generalizzato delle condizioni di lavoro e di vita, un maggior rispetto per l ambiente che ci circonda, una maggiore attenzione per un orientamento dello sviluppo. L'intérieur d'un lavoir parisien. Illustration, 7 mars 1891, numéro Quello che appare evidente è che, al contrario del capitale, il lavoro si presenta come un fattore produttivo non sufficientemente organizzato e le cui condizioni organizzative e di reddito variano in maniera significativa fra una nazione e l altra e all interno dello stesso Paese. Certo l emigrazione consente ad un singolo lavoratore di cercare le condizioni migliori in un altro paese; ma, questo processo è personalmente molto più impegnativo rispetto a quello di un capitalista, che cerca nel mondo la maggiore redditività per il proprio investimento finanziario. All interno degli stessi Paesi occidentali, il mondo del lavoro risulta frammentato e disunito. La necessaria flessibilità produttiva, richiesta dalle aziende per competere all interno di una globalizzazione sempre più vincolante, impone di poter disporre dell utilizzo del fattore lavoro con duttilità sia in ingresso sia in uscita. È poi richiesta la possibilità del passaggio dei lavoratori da settori o aziende in crisi a quelle più produttive, dal pubblico al privato e viceversa., da un territorio all altro. Il quarto stato (1898) di Giuseppe Pelizza da Volpedo simboleggia l affermazione di una nuova classe sociale, il proletariato, che diventa consapevole dei propri diritti nei confronti della società industriale. Pierre Carniti (CISL), Luciano Lama (CGIL), Giorgio Benvenuto (UIL) leader sindacali degli anni 70 e 80 del secolo scorso a colloquio con il Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Pensiero Democratico 13

14 L organizzazione del fattore lavoro di Giuseppe Ardizzone Primo Congresso Internazionale dei Sindacalisti. Londra Il problema che ci troviamo ad affrontare oggi ha una portata storica: - Come assicurare la necessaria flessibilità e duttilità del fattore produttivo lavoro, mantenendo nel frattempo la continuità del lavoro, dei diritti e del welfare del singolo lavoratore? - Chi assicurerà e gestirà la libera circolazione del lavoro secondo le esigenze del mercato senza prevaricare i diritti del lavoratore e senza marginalizzarlo? - È preferibile una gestione centralizzata dei processi o è sufficiente un sistema articolato di ammortizzatori sociali e di welfare? La prima questione da risolvere è quella di assicurare alle persone la continuità del lavoro anche se non nello stesso posto di lavoro. Quando la disoccupazione e la precarizzazione assumono livelli tali, come in Italia e nel Sud d Europa, da costituire un problema complessivo di tenuta delle nostre società, è necessario capire che il fattore lavoro deve essere gestito nella sua interezza per garantire alla singola persona una continuità di Campagna comunicativa dei Giovani Democratici Bergamo. Lavoro, Diritti, Sapere. condizioni di vita accettabili. Nello stesso modo in cui all inizio del Novecento il movimento operaio e sindacale si posero l obiettivo di creare un fondo per le pensioni di vecchiaia e di porre un limite concordato all orario di lavoro settimanale; oggi, con la stessa determinazione va sottolineato il concetto del diritto alla continuità del lavoro, alla formazione permanente e ad una possibile crescita della mansione e della professionalità. Il singolo lavoratore deve essere seguito durante tutta la sua vita lavorativa, potendo contare su adeguati sussidi di disoccupazione e di adeguati centri per l impiego che consentano il suo reinserimento. Un obiettivo di questo tipo è di natura strategica per le nostre società e pretende un contributo di solidarietà dei singoli lavoratori, delle imprese e della fiscalità generale per la costituzione di un fondo adeguato a sostenere i costi di quest organizzazione. È da riflettere se, in quest ipotesi, non possa modificarsi il ruolo e la stessa natura giuridica del sistema sindacale. C è da chiedersi se non sia proprio il mondo sindacale a dover costituire l ossatura dell organizzazione della gestione del fattore produttivo del lavoro che non contratterà solo le condizioni del salario e del lavoro ma organizzerà anche tutta la vita lavorativa del singolo lavoratore nel suo passaggio fra periodi di occupazione, disoccupazione, formazione e reinserimento in una nuova esperienza lavorativa. Per avere un senso ed un futuro. un progetto del genere dovrebbe avere poi un respiro almeno europeo e costituire la saldatura del mondo del lavoro e dei produttori attorno a cui potrebbe crescere in maniera significativa l esperienza comunitaria. Susanna Camusso, segretario generale della CGIL in carica. CGIL Bergamo su Facebook. 14 Pensiero Democratico

15 Il PD e l alternativa diabolica di Alberto Rotondi I n politica o anche nelle operazioni militari, si usa definire alternativa diabolica (o del diavolo) quella situazione in cui ci si può trovare quando si è obbligati a scegliere tra due opzioni sfavorevoli e non esiste alternativa. Scegliere il male minore sembra in questi casi l unica scelta ragionevole, anche se reca danno. Appena dopo le elezioni, il PD si è trovato ad affrontare una serie micidiale di alternative diaboliche. La prima è costituita dallo stesso risultato elettorale: il PD primo partito, ma costretto a fare una alleanza col movimento di Grillo o col PDL di Berlusconi. Un alleanza con Grillo implicava una trattativa umiliante, il sentirsi dire noi abbiamo un progetto trentennale e voi non ne fate parte e la condivisione del programma del Movimento5Stelle, in realtà appena abbozzato e tutto da costruire. L alleanza con Berlusconi, poi realizzata, si sta rivelando una trappola senza via di uscita, con Berlusconi che più che salvare l Italia cerca di salvare se stesso e i suoi utilizzando la stabilità del governo come ricatto. Il governo col PDL ha spaccato il PD, ma anche l alleanza con Grillo avrebbe fatto lo stesso. Altre alternative diaboliche nascono ogni giorno: se il PD mandasse avanti la ineleggibilità di Berlusconi per conflitto di interessi verrebbe accusato di supplire con atti formali alla mancanza di una sua linea politica; se non la mandasse avanti verrebbe accusato di ignavia e connivenza. Lo stesso vale per la interdizione ai pubblici uffici, sempre di Berlusconi. Qui, per la verità, ci sarebbe il fatto nuovo delle recenti sentenze, che potrebbero offrire al PD una giustificazione per fare una prova di forza proprio adesso, dopo 20 anni. Quei furboni del PDL si sono accorti di questa situazione e, a loro volta, stanno attuando una strategia volta a disseminare, sul percorso politico del PD, una quantità impressionante di scelte diaboliche. In sintesi questa strategia, descritta in dettaglio in -di-governo-in-pochi-semplici-passi/ si può così riassumere: 1. fai una proposta di legge che non deve spaventare il tuo elettorato di riferimento ma deve fare schifo all elettorato potenziale del PD; 2. dopo poche ore di indignazione contro il PDL, l elettorato di centrosinistra inizierà (anche grazie all aiuto di Grillo) a chiedersi: perché siamo alleati di questa gente? 3. una parte di elettori del centrosinistra penserà di cambiare partito o addirittura deciderà di non andare a votare più; 4. il PD proverà a replicare con una controproposta rivolta al suo elettorato, per provare a motivarlo; 5. il PDL, ascoltata la proposta del PD, dirà: se passa questa proposta cade il governo. 6. nel frattempo il Movimento5Stelle prenderà alla lettera la proposta del PD e annuncerà di voler discutere la legge in Parlamento. Il PD, però, sarà già tornato sui suoi passi dopo la minaccia del PDL di far cadere il governo; 7. il PD si trova ora davanti alla scelta diabolica: se appoggio la legge cade il governo che ho costituito e perdo parte del mio elettorato, se non la appoggio perdo un altra parte del mio elettorato 8. si torna al punto 1., con il PDL che guadagna qualche punto in più nei sondaggi. Come mai il PD è giunto a questa situazione? Non dobbiamo dimenticare la causa esterna e imprevista, cioè voto degli italiani. Però dalla parte del PD pesa l accumulo di scelte sbagliate, il rinvio perenne di decisioni da prendere sulla linea politica da seguire (centro, centro sinistra, centro-sinistra col trattino, ecc), la divisione tra i dirigenti provenienti dalle diverse anime che compongono il partito. Ora però e venuto il momento delle scelte importanti (non diaboliche). Il PD, pur continuando nel governo di emergenza, deve darsi un assetto completamente nuovo: invece di dividersi in due nuovi partitini, guidati dai vecchi dirigenti, è forse meglio che rimanga un partito unico ma con nuovi dirigenti. Si dia una linea politica chiara per il futuro, da attuarsi col governo che verrà dopo le prossime elezioni, e faccia finalmente delle scelte chiare prima del voto. Pensiero Democratico 15

16 Le foto di Emilia Dove si nasconde il sole 16 Pensiero Democratico

17 Oscar Giannino e l enigma della competenza di Salvatore Venuleo I talentuosi imbroglioni Succedono fatti che dovrebbero indurci in riflessioni radicali o in autentiche rivoluzioni nei modi di pensare. Invece. Invece i commenti si sprecano nella periferia del fatto. Un esempio per me è lo scandalo Giannino. Preferisco parlarne ora proprio perché è ormai inattuale ciò che ha scandalizzato. Una forse promettente carriera politica stroncata dalla rivelazione di una bugia. Il professor Zingales, economista prestigioso e titolato, nonché membro autorevole di Fermare il declino, il movimento promosso da Giannino, scopre e senza indugi rivela che il plurilodato giornalista economico ha mentito. Ha vantato nel proprio curriculum un master nella prestigiosa Università Chigaco Booth in cui, disgraziatamente per Giannino, insegna proprio Zingales. Il master in realtà non è stato mai conseguito. Le bugie si scoprono come si mangiano le ciliegie. Una dietro l altra. Sicché si scopre che anche le due lauree (giurisprudenza ed economia) vantate sono una bugia. Giannino si vergogna immagino come un bambino colto a rubare la marmellata e si dimette. Un altra carriera politica troncata da una bugia, come per Fini, Di Pietro, etc. Che dire? Non è una storia nuova. Qua e là nel mondo ministri e politici si dimettono per analoghe bugie (anche più lievi): una tesi scopiazzata, ad esempio. Ma appunto a me non interessa il dato etico. Giustissimo dimettersi. Censurabile l imbroglio. A me interessa il fatto che nessuno sospettasse la verità. Né i lettori, né i dotti conferenzieri cui si accompagnava Giannino, né i prestigiosi economisti come Zingales. Per tutti economisti compresi Giannino era un grande esperto di cose economiche e nessuno si sarebbe stupito se i master fossero stati due invece che uno e le lauree tre invece che due. Non somiglia ad altre storie questa storia? I ragazzi universitari che il giorno prima della laurea confessano che non danno esami da anni, ad esempio. Conclusione tragica qualche volta. Oppure le migliaia di dentisti mai laureati e giustamente perseguiti per esercizio abusivo della professione. Qualche differenza con Giannino, ma lieve a mio parere. La professione di giornalista economico non è tutelata da norma alcuna. E si può dire non si rischia di ammazzare nessuno, fingendosi laureati ad Harvard. Però, nella maggior parte dei casi neanche i falsi dentisti hanno ammazzato qualcuno. Non riesco ad escludere che alcuni imbroglioni abbiano acquisito la competenza odontoiatrica per vie diverse dall università. È probabile, non certo, che gli abusatori del titolo siano praticoni che, posti di fronte a un problema imprevisto, metterebbero a rischio la salute (o la vita) del cliente. Beh, la stessa cosa può succedere al chirurgo laureatissimo e brillantissimo che soffre di depressione o di alcolismo o di insonnia. In questo caso la vittima potrà tranquillamente dire di essere stato assassinato da un dotto e certificato laureato. E non da un imbroglione. Non da un imbroglione? Non direi: la personalità e i disturbi della personalità sono parte integrale della competenza. Doris Day/Zingales, Clark Gable/Giannino La vicenda Giannino mi ha fatto ricordare un vecchio film, una commedia americana di un certo successo del 1958: Dieci in amore (Teacher s pet). La citai a suo tempo nella mia tesi di laurea sul tema della formazione professionale. La cito di nuovo perché il tema resta attualissimo, come un nodo irrisolto. Nel film Doris Day è una docente universitaria di giornalismo, figlia di un famoso direttore di un rinomato giornale. Clark Gable è un giornalista valente che non ha dedicato molto tempo allo studio nelle aule, ma che sa tutto del suo mestiere. Brevemente, Gable si finge studente frequentando i corsi della professoressa Day. Ne diventa l alunno prediletto. Poi la scoperta dell inganno. Ma, infine, la scoperta che le tesi sul buon giornalismo della professoressa e del praticone coincidono. Insomma, il buon apprendimento teorico e il buon apprendimento esperienziale conducono allo stesso risultato. Bene. Noi abbiamo separato da tempo i percorsi di apprendimento formale da quelli dell apprendimento informale (sul campo). E, dopo averli separati, cerchiamo ponti per collegarli, da qualche tempo. Dopo la scuola o l università uno stage (il famigerato stage che è diventato tutt altra cosa dall apprendimento guidato sul campo), il tirocinio oppure anche in Italia l apprendistato. Apprendistato con un intreccio aula/lavoro che non casualmente è nell agenda degli ultimi governi nazionali. Anzi ha smesso di essere un dispositivo pensato per i mestieri di medio-basso livello, guardando anche alle competenze più alte (formazione superiore). Importiamo dalla Germania del cosiddetto sistema duale (scuola/ azienda) il favore al dispositivo. Le competenze invisibili Ma cos è la competenza di cui parliamo?. Secondo la definizione di Guy Le Boterf, da cui peraltro altre definizioni non sono distanti, La competenza è un insieme, riconosciuto e provato, delle rappresentazioni, conoscenze, capacità e comportamenti mobilizzati e combinati in maniera pertinente in un contesto dato. Nella definizione è assente giustamente ogni riferimento alla fonte della competenza ovvero ai canali formali (scolastici, universitari), non formali (corsi e attività frequentate a scopo di apprendimento) e informali Pensiero Democratico 17

18 Oscar Giannino e l enigma della competenza di Salvatore Venuleo (l apprendimento non intenzionale o risultante da attività culturali, lavorative, etc.). Secondo i teorici della descolarizzazione, in prospettiva tutti apprenderemmo in modo informale o non formale. Intanto però l informale stenta a ricevere quel riconoscimento che può certificare la competenza. O meglio, in diversi paesi europei e in Scandinavia e Danimarca soprattutto, si affermano procedure di riconoscimento. In Italia siamo fermi a qualche sperimentazione. Su questo e sul libretto formativo che dovrebbe raccogliere le competenze maturate dal cittadino. E le sperimentazioni riguardano essenzialmente la certificazione di competenze di mestiere cui non concorre la scuola, ma al più il sistema di formazione professionale. Così per il mestiere di badante, ad esempio. Al più ragioniamo di crediti derivanti da esperienze anche di volontariato (così a scuola) che consentirebbero un punteggio aggiuntivo o (università) una riduzione dei tempi del corso. Tutto questo col frequente sospetto di attivare un meccanismo di favore. Insomma è ragionevole pensare che Lucas Van Leyden (Leida, ). Dentista medioevale in azione. Lucas Van Leyden (Leida, ). Chirurgo all opera sul capo del paziente Giannino (e qualcuno dei dentisti imbroglioni) abbia non solo dovuto fare a meno dell università, ma anche che abbia potuto farne a meno. Costruendo la propria competenza con i propri ritmi, pause di mesi o di anni, immersioni in convegni e biblioteche, ricerca, confronto, lavoro. Perché mai Giannino non avrebbe dovuto ricevere una certificazione equipollente al titolo di laurea o al master? O, meglio, quale giustificazione hanno due distinti e non dialoganti certificazioni, una del sistema formale, l altra proveniente dalla vita, dal lavoro e dalla validazione continua ricevuta dai pari? Aspettiamo pure il giorno in cui ci occuperemo di questo. Dell immane spreco costituto dalle competenze che ci passano accanto, non riconosciute e irriconoscibili quando cerchiamo una badante o un manager. Al contempo siamo assediati da titoli cartacei che nulla dicono sulle competenze possedute. E sappiamo che se dietro quei titoli c erano un giorno competenze, quelle competenze oggi potrebbero essere evaporate. Già è un altro tema mai all ordine del giorno: chi verifica se oggi merito ancora il titolo di ragioniere o quello di ingegnere che meritai trenta anni fa? Immagino che chiedere di replicare periodicamente esami e abilitazioni sarebbe una proposta di riforma senza largo consenso. 18 Pensiero Democratico

19 La strana storia del grano Creso di Alberto Rotondi T utti sanno che la pasta e molti alimenti mediterranei sono basati sul grano duro, un cereale tipico della cultura del Nordafrica e del Medio Oriente ed oggi diffuso anche al di là delle zone di origine. Però pochi sanno che la varietà Creso, una di quelle maggiormente utilizzate negli ultimi trenta anni nelle coltivazioni italiane, fu ottenuta nel Centro di studi nucleari del CNEN della Casaccia (Roma) nel Il grano duro Creso è infatti un incrocio tra la varietà messicana Cymmit e l'italiana Cp B144, mutante della Cappelli ottenuta sottoponendo quest'ultima a bombardamento con raggi gamma. L azione mutagenica dei raggi X e gamma era stata scoperta già negli anni 1927 e 1928 e una folta schiera di genetisti aveva studiato la possibilità di indurre, anche in molte piante superiori, modificazioni ereditarie del patrimonio genetico e di ottenere in tal modo un ampliamento talvolta prezioso della variabilità già esistente in natura. Va ricordato che ci sono anche numerosi mutageni chimici che vengono utilizzati in alternativa alle radiazioni e che oggi sono migliaia le specie alimentari selezionate con mutazioni genetiche (una delle più note è il pompelmo rosa, anche lui frutto di un irraggiamento nucleare avvenuto negli USA negli anni 70). Il Campo Gamma della Casaccia dove fu irraggiato il grano (da Luigi Rossi, rivista ENEA, ENERGIA, AMBIENTE E INNOVAZIONE n. 6/2010) Nel caso del Creso, il trattamento all intera pianta veniva eseguito nel Campo Gamma, una vasta area circolare, circondata da un argine di protezione, con al centro una sorgente di Cobalto 60 normalmente interrata. Per effettuare gli irraggiamenti la sorgente veniva alzata, ovviamente a distanza, e le radiazioni si diffondevano orizzontalmente su tutto il campo gamma, nel quale erano collocate le varie piante da irraggiare, con dosi di radiazioni programmate sulla base della distanza dalla sorgente e del tempo di irraggiamento. I raggi gamma rompono i legami chimici e biologici, ma non inducono, a differenza dei neutroni, alcuna radioattività nelle sostanze che incontrano. Fino agli anni 60 tutte le varietà di grano duro erano caratterizzate da una taglia molto alta, cm, che le rendeva soggette al ripiegamento della pianta fino a terra, il che arrecava gravissimi danni alla resa delle colture. Con la mutagenesi fu possibile selezionare molti mutanti a taglia bassa, resistenti al ripiegamento e adatti a ricevere le concimazioni azotate. Furono questi i primi grani duri ad essere coltivati anche nei terreni fertili. Per migliorare le caratteristiche dei mutanti e per trasferire i caratteri mutati in nuove varietà, fu poi realizzato un ampio programma di incroci biologici, con successive selezioni genetiche per caratteristiche di interesse agroalimentare. Tra le nuove linee fu selezionata una specie con piante basse e vigorose, spighe molto fertili, resistente alle malattie e in particolare alle ruggini. Essa fu iscritta nel1974 nel Registro Nazionale delle varietà di grano duro con il nome Creso. Questa varietà era il frutto di un incrocio fra un grano mutante (B144), ottenuto irraggiando la varietà Cappelli, e una pianta di origine messicana. In pochi anni la varietà Creso diventò quella più coltivata in Italia (già nel 1982 rappresentava il 60% della semente di grano duro certificata) facendo raddoppiare la produzione italiana di grano duro a parità di superficie. Pensiero Democratico 19

20 La strana storia del grano Creso di Alberto Rotondi Ancora oggi, dopo oltre 30 anni dalla sua registrazione, il Creso è coltivato nel nostro Paese su un area superiore al 20% della superficie totale a grano duro, ed ha contribuito a fare dell industria molitoria e pastaria italiana la prima al mondo. Il Creso è stato utilizzato nei programmi di miglioramento genetico del grano duro anche in molti paesi esteri, dalla Cina al Canada; è certo ormai che buona parte della relativa produzione mondiale è ottenuta con varietà da esso derivate. Questa è la storia, che ho ripreso da un esaustivo e interessante articolo di Luigi Rossi, apparso nel numero 6 della rivista ENEA del 2010: produzione_scientifica/pdf_eai/2010/6/casocreso.pdf. La mutazione genetica indotta da radiazioni è in realtà un fenomeno che avviene anche in natura. Tutti gli esseri viventi sono colpiti da radiazione: noi siamo costantemente attraversati dai raggi cosmici, che sono particelle nucleari di alta energia provenienti dal Sole e dallo spazio extraterrestre. Queste particelle attraversano il nostro corpo con una frequenza di circa 100 al secondo. Inoltre siamo anche costantemente bombardati da particelle nucleari provenienti dal decadimento radioattivo dei molti radioisotopi (la maggior parte naturali) presenti nell ambiente. A causa del Potassio 40, isotopo radioattivo naturale, nel corpo umano avvengono circa 8000 disintegrazioni nucleari al secondo. Tutto questo bombardamento nucleare a volte colpisce le molecole del DNA degli esseri viventi, provocando mutazioni genetiche che alterano il fenotipo, cioè le caratteristiche di una certa specie. Queste sono mutazioni casuali, perché non si controlla quale parte del DNA o del materiale genetico è stata modificata. Una azione simile è svolta naturalmente anche da molti virus e da alcune sostanze chimiche. Dopo la mutazione casuale, la pressione evolutiva dell ambiente seleziona gli organismi che si adattano meglio. Mutazione casuale e pressione evolutiva dell ambiente sono i meccanismi principali che, secondo la maggior parte degli scienziati, regolano l evoluzione delle specie viventi. Alla Casaccia si è semplicemente accelerato e pilotato questo processo naturale utilizzando le radiazioni del Cobalto 60. Diversa è l ingegneria genetica, dove pezzi di DNA o di altro materiale genetico vengono sostituiti o alterati n modo mirato e non casuale, per ottenere mutazioni. Con l ingegneria genetica è anche possibile mischiare materiale genetico di specie diverse, il che non avviene invece nella mutazione da radiazioni nucleari. Mi chiedo se oggi si potrebbe ripetere questa vicenda, allora passata del tutto inosservata al grande pubblico, senza un forte dibattito sociale e politico, come quello che oggi sta avvenendo intorno all uso degli OGM. Non sono un biologo ma un fisico, quindi non posso discutere con cognizione di causa le implicazione sull uso degli OGM. Ricordo solo che qualche anno fa un giornale tedesco, forse con l intento di colpire l industria alimentare italiana, riportò nei dettagli (ma in modo assolutamente corretto) la storia del grano Creso. Apriti cielo! L allora ministro dell ambiente, Pecoraro Scanio, minacciò sfracelli, ed Ermete Realacci, attuale responsabile della green economy per il PD dichiarò: L ingegneria genetica permette di saltare i confini tra una specie e l altra, e perfino tra regno vegetale e regno animale. Invece trattando con i raggi un seme si accelera la produzione di individui mutanti: è un processo naturale. C è del vero nelle parole di Realacci, anche se in realtà molte mutazioni e incroci saltano i confini tra le specie; tuttavia, le ultime parole sono significative (e sbagliate): tutto ciò che è naturale fa bene all uomo, o almeno non è pericoloso. Si mangerebbe Realacci una insalata di Ammanite Falloidi? Oppure farebbe resuscitare il virus del Vaiolo? Più naturale di così! Occorre quindi un nuovo atteggiamento culturale, e anche politico, nei confronti del progresso scientifico. La pseudo cultura, di tipo commerciale e pubblicitario, che afferma la superiorità dei prodotti naturali, andrebbe sostituita con dei principi etici che definiscano le azioni e le pratiche, naturali o meno, rivolte al benessere dell uomo, delle altre specie animali ed alla integrità dell ambiente che ci circonda. Insomma, dobbiamo agire sapendo cosa si può fare, cosa non si può fare ed in nome di che cosa. Per arrivare a questo abbiamo bisogno del metodo obiettivo e imparziale della scienza, ma anche di una buona politica, che sappia trovare la strada migliore (etica e pratica) per il progresso delle società umane e la conservazione del pianeta. 20 Pensiero Democratico

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea?

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente. Cos è l Unione europea? L Europa in sintesi Cos è l Unione europea? È europea È un unione = si trova in Europa. = unisce paesi e persone. Guardiamola più da vicino: cosa hanno in comune gli europei? Come si è sviluppata l Unione

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente

L Europa in sintesi. L Europa: il nostro continente L Europa in sintesi L Europa: il nostro continente L Europa è uno dei sette continenti del mondo. Essa si estende dall Oceano Artico a nord al Mare Mediterraneo a sud e dall Oceano Atlantico a ovest fino

Dettagli

Sondaggio di opinione L Unione europea e i suoi cittadini promosso da OGI Osservatorio sulle relazioni tra Germania e Italia

Sondaggio di opinione L Unione europea e i suoi cittadini promosso da OGI Osservatorio sulle relazioni tra Germania e Italia Sondaggio di opinione L Unione europea e i suoi cittadini promosso da OGI Osservatorio sulle relazioni tra Germania e Italia Gentile partecipante, La invitiamo ad aderire al presente sondaggio, realizzato

Dettagli

di prossima pubblicazione:

di prossima pubblicazione: di prossima pubblicazione: 1 (la sintesi) Fare cessare l artificiale scarsità di moneta in Italia L economia italiana sta asfissiando a causa della scarsità di moneta. Gli altri problemi di sprechi e inefficienze

Dettagli

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA

L OSSERVATORIO. 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA L OSSERVATORIO 14 Aprile 2014 CATEGORIA: SOCIETA EFFICACIA DELLA LAUREA LAUREATI, DISOCCUPATI E SCORAGGIATI 14 Aprile 2014 Nella prima metà degli anni Cinquanta, per le strade circolavano poco più di 400mila

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE GOVERNO ITALIANO Dipartimento Politiche Comunitarie COMMISSIONE EUROPEA PARLAMENTO EUROPEO LE POLITICHE DELL U.E. PER LA SCUOLA LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE LE ISTITUZIONI E LE POLITICHE EUROPEE

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc.

Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Notizie Merrill Lynch & Co., Inc. Merrill Lynch Investment Managers - Europe, Middle East & Africa (EMEA) 33 King William Street London EC4R 9AS Data di pubblicazione: Venerdì 30 Aprile 2004 MERRILL LYNCH

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese

BIELLA Associazione Provinciale. Energia, bolletta molto salata per le piccole imprese BIELLA Associazione Provinciale Via Repubblica 56-13900 Biella Tel: 015 351121- Fax: 015 351426 Internet: www.biella.cna.it email: mailbox@biella.cna.it Certificato n IT07/0030 Energia, bolletta molto

Dettagli

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese

Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese VINCENZO MAGGIONI Lo sviluppo economico del Meridione e i sistemi di sostegno alle imprese Parlare del Mezzogiorno è al tempo stesso cosa molto facile e molto difficile: facile, perché tutti sono pieni

Dettagli

Germania: il modello da seguire?

Germania: il modello da seguire? Daniel Gros Germania: il modello da seguire? Negli ultimi dieci anni l economia europea ha visto svariati rovesciamenti di fronte: la Germania, ad esempio, da malato d Europa ne è diventato il modello.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato

Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Il Denaro è in cancrena e quando c'è cancrena va imputato Qui voglio fare un esempio per capire dove siamo arrivati col denaro: Ammettiamo che io non abbia a disposizione quasi nulla come denaro, ma voglio

Dettagli

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione In questa edizione: Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Consumatori: inaugurato un nuovo master

Dettagli

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET

L OSSERVATORIO. 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET L OSSERVATORIO 30 Dicembre 2013 CATEGORIA: SOCIETA POPOLO DI NAVAGATORI MA NON SU INTERNET POPOLO DI NAVIGATORI MA NON SU INTERNET 30 Dicembre 2013 Nella fascia di popolazione tra i 54 e i 59 anni, la

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi

Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Non è un Paese per giovani. E neppure per vecchi Sei idee per una riforma delle pensioni Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Quest anno, 2014, il messaggio è più positivo. Tutta l'unione registra un miglioramento. Enterprise and Industry DG

Quest anno, 2014, il messaggio è più positivo. Tutta l'unione registra un miglioramento. Enterprise and Industry DG Enterprise and Industry DG Vice-President Antonio TAJANI Speaking Point Ogni anno, il Quadro di valutazione dell'unione dell'innovazione (Innovation Union Scoreboard) misura la temperatura dell'innovazione

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio

Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio Ampliamento e riforma dei Fondi strutturali: prospettive di policy e implicazioni di bilancio Sintesi 1. INTRODUZIONE In un contesto caratterizzato da una fase di ampliamento, l Unione Europea sta per

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

NOI E L UNIONE EUROPEA

NOI E L UNIONE EUROPEA VOLUME 1 PAGG. IX-XV MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE NOI E L UNIONE EUROPEA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: paese... stato... governo...

Dettagli

La politica monetaria

La politica monetaria Lezione 27 1 consiste nelle decisioni delle autorità monetarie che influenzano il tasso di interesse. Come abbiamo visto, le banche centrali mediante le operazioni di mercato aperto possono influenzare

Dettagli

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera

Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Buona integrazione nel mercato del lavoro dei cittadini dell UE/AELS in Svizzera Riassunto dei principali risultati dello studio Oggetto dello studio L inizio della crisi economica, nel 2008, in Svizzera

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori

29 gennaio 2016. Italia: prestiti per settori Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 19/ del 9// Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca. Italia:

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto

Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto Ottobre 2008. La Commissione Europea fa il punto sugli obiettivi di Kyoto La Commissione ha pubblicato a metà ottobre un documento dove, con un occhio al passato e uno al futuro, passando per il momento

Dettagli

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale

Convegno. Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Convegno E-JOB 2002 FLESSIBILITÀ, INNOVAZIONE E VALORE DELLE RISORSE UMANE Strategie di compensation delle risorse umane: lo scenario nazionale e internazionale Prof. Luigi Prosperetti Ordinario di Economia

Dettagli

Cose da fare: Agenda

Cose da fare: Agenda Cose da fare: Agenda digitale... ELO formatzione pro su tempus benidore E Testo di Marco Mura Illustrazioni di Adriana Perra L Europa, si dice, ha due velocità: un Nord produttivo, parsimonioso, con i

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo.

COSA FARE PER NON CADERE IN QUESTA TRUFFA? Non fidarti degli sconosciuti che ti fermano per strada e non dare mai loro denaro, per nessun motivo. ATTENTO ALLA TRUFFA! Sei appena stata in Banca a ritirare denaro o in Posta per prendere la pensione. All uscita ti si avvicinano una o più persone sconosciute che ti mostrano un tesserino e ti dicono:

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

WELFARE E ATTRATTIVITA : PIU INCENTIVI E MENO SPESA. Roberto Perotti Università Bocconi - Milano

WELFARE E ATTRATTIVITA : PIU INCENTIVI E MENO SPESA. Roberto Perotti Università Bocconi - Milano WELFARE E ATTRATTIVITA : PIU INCENTIVI E MENO SPESA Roberto Perotti Università Bocconi - Milano Italia poco attraente Per aumentare l efficienza dell economia italiana e renderla più attraente per gli

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Il differenziale retributivo in Europa

Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo in Europa Il differenziale retributivo di genere gender pay gap, misura la differenza relativa alle retribuzioni delle donne e degli uomini, ovvero il risultato delle discriminazioni

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO

L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Consultazione della Commissione Europea L impatto dell attuale crisi economica sulle imprese del settore TURISMO Lanciata dalla Commissione Europea lo scorso 17 febbraio, la consultazione ha lo scopo di

Dettagli

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica.

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica. FARONOTIZIE.IT Anno II - n 11 Febbraio 2007 Redazione e amministrazione: Scesa Porta Laino, n. 33 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Testata giornalistica registrata

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale

L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale L azione della Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Presentazione del rapporto annuale L'ASSICURAZIONE ITALIANA 2011-2012 Umberto Guidoni Segretario Generale Fondazione ANIA per la sicurezza stradale

Dettagli

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI

SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA FATTI a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 856 SETTE DOMANDE A MATTEO RENZI. ATTENDIAMO RISPOSTE PUNTUALI, MAGARI SEGUITE DA

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013

OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste. Rilevazione 16 Dicembre 2013 OSSERVATORIO SOCIO-POLITICO L Italia nella bufera: crisi e proteste Rilevazione 16 Dicembre 2013 Le notizie della settimana: i Forconi COSA RICORDANO GLI ITALIANI Le proteste in piazza/ il movimento dei

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1

Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Famiglia e crisi economica Marica Martini 1 Premessa La crisi economica è ancora argomento d attualità. Lungi dal perdersi nell analisi approfondita di indici economici e nella ricerca di una verità nei

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Approfondimento su Schengen

Approfondimento su Schengen Approfondimento su Schengen INFORMAZIONI SUL DIRITTO COMUNITARIO INTRODUZIONE Le disposizioni dell accordo di Schengen prevedono l abolizione dei controlli alle frontiere interne degli Stati membri facenti

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi

Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi Fondi strutturali: leva per uscire dalla crisi 26 giugno 2014 Alessandro Laterza Vice Presidente per il Mezzogiorno e le Politiche regionali Con la crisi, in calo gli investimenti pubblici in Europa 4,5

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa L Europa continua ad essere impantanata nella crisi. Dall inizio della grande crisi, nel 2007, la debolezza della crescita

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 12.7.2012 COM(2012) 385 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI sull attuazione

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Senato della Repubblica Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sulla crisi economica e finanziaria in Grecia Roma 9 luglio2015 www.mef.gov. Signor Presidente,

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

editoriale L eccezione tedesca?

editoriale L eccezione tedesca? editoriale L eccezione tedesca? In un quadro europeo di grave preoccupazione per il lavoro, soprattutto giovanile, la Germania sembra fare storia a sé. Quasi come se il nucleo economico del sistema europeo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse.

Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Difesa Elastica e Difesa a Zona, due sistemi a confronto con tattiche difensive diverse. Proseguendo la mia tesi sulla disamina della Difesa Elastica attuata con il controllo visivo attivo ho ritenuto

Dettagli

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti Osservatorio Permanente Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa Onlus Viale Venezia 112 25123 Brescia C.F.98114040177 Website: www.opalbrescia.org - Email: info@opalbrescia.org Le armi leggere hanno

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura

MIGRANTI. La classe I B. incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti. Progetto di intercultura MIGRANTI La classe I B incontra la professoressa Giovanna Cipollari (CVM) docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti Progetto di intercultura Essere giovani nella società globale: in viaggio da me a

Dettagli

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013

FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE. Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 FONDAMENTI NELLA GESTIONE DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Ing. Giancarlo Notaro POLITECNICO-CHILAB 12 febbraio 2013 Gestione dei brevetti corretta ed efficiente I punti fondamentali da ricordare nella gestione

Dettagli

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015)

UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) UN ALBO, ALCUNI INDIZI, TANTE INTERPRETAZIONI: ma un interpretazione può essere più corretta delle altre? di Roberta Casali (agosto 2015) Da circa otto mesi sto svolgendo un percorso di letture ad alta

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Pagare tutti per pagare meno

Pagare tutti per pagare meno Pagare tutti per pagare meno Sei idee per una strategia su fisco ed evasione Position Paper - Draft Settembre 2011 Il documento costituisce una prima bozza di un position paper che Vision svilupperà nei

Dettagli

Rassegna Stampa 21-23.07.2012

Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rassegna Stampa 21-23.07.2012 Rubrica Stefano Micossi Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 28 il Sole 24 Ore 21/07/2012 LEASING, IL CONTRATTO "LIBERO" COMPLICA LADEDUCIBILITA' 3 14

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli