Il Cremlino deve cambiare strategia per evitare una crisi economica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Cremlino deve cambiare strategia per evitare una crisi economica"

Transcript

1 N.65 A cura de Il Sole 24 ORE S.p.A. in collaborazione con Intesa Sanpaolo N febbraio 2008 QUINDICINALE D INFORMAZIONE PER INVESTIRE IN RUSSIA E NELLE REPUBBLICHE DELLA CSI Sommario EDITORIALE 1. Il Governo russo deve cambiare la strategia per evitare una crisi economica APPROFONDIMENTI 4. La Russia rafforza i controlli sulle finanze dei cittadini stranieri TREND E MERCATI 6. Il mercato russo di cioccolata e di cioccolatini GUIDA PRATICA 9. La regione di Novosibirsk MERCATI FINANZIARI : i prestiti record per le società russe LEGGI E NORME 14. Il calendario fiscale russo DA IL SOLE 24 ORE 16. Una selezione di articoli, pubblicati sulle pagine de Il Sole 24 ORE BUSINESS CENTER 26. Investimenti e collaborazioni industriali 29. Proposte commerciali CALENDARIO FIERE 33. Fiere internazionali a Mosca nel 2008 (aprile - giugno) Il Cremlino deve cambiare strategia per evitare una crisi economica L economista Egor Gaidar: Il Governo russo deve cambiare urgentemente la politica finanziaria, altrimenti le conseguenze della recessione globale potrebbero essere disastrose per il Paese - Le elezioni legislative e quelle presidenziali: i problemi finanziari sono coincise nel tempo con il cambio di guardia al vertice politico della Russia e il Governo non cambierà S urgentemente la politica finanziaria, le conseguenze della recessione globale per la Russia potrebbero essere davvero disastrose. Lo ha dichiarato l economista e già primo ministro della Russia, Egor Gaidar. Secondo Gaidar il successore di Vladimir Putin, potrebbe cercare di evitare nel periodo l eventuale calo dell economia russa e la svalutazione del rublo aumentando la spesa pubblica. Questo tipo di politica finanziaria potrà far sprofondare il Paese in una crisi economica e finanziaria su larga scala, ha sottolineato Gaidar, mentre alcuni esperti governativi del ministero delle Finanze hanno dichiarato che le previsioni dell ex premier, che attualmente gestisce un proprio Centro studi per le economie in stato di transizione, sembrano abbastanza realistiche. A mio avviso, Egor Gaidar, non esagera le proporzioni di rischio di una recessione globale e mette a fuoco i pericoli che ne deriverebbero per l economia della Russia, ha dichiarato il vice ministro delle Finanze, Serghej Shatalov. La crisi e il mutamento della congiuntura economica globale richiederanno al nuovo Governo della Russia (che con molta probabilità sarà gestito dal presidente uscente, Vladimir Putin) una revisione di fondo della politica economica e creditizia per i prossimi 2-3 anni. Ma per il momento - ha detto Shatalov - non si è nemmeno discusso di questo tema al vertice del Governo. Secondo Gaidar, che nel 1992 gestì il passaggio della Russia da un sistema di economia pianificata sovietica a un sistema di libero mercato, il principale motivo dell attuale crollo dei mercati azionari internazionali sarebbe legato alla conclusione di un periodo di sviluppo favorevole in modo anomalo dell economia mondiale nel periodo , e all inizio della recessione negli Stati Uniti, in Cina e nella zona europea. In futuro, dice Gaidar, per la Russia potrebbe realizzarsi uno scenario piuttosto drammatico: il calo della domanda Egor Gaidar

2 internazionale di petrolio e di metalli, una drastica riduzione dei redditi ricavati dall esportazione, la fuga di capitali stranieri dal Paese e, infine, la svalutazione del rublo. Gaidar ha lanciato un monito: Le speranze che la Russia, sullo sfondo della crisi americana, possa rimanere una isola felice' per i capitali stranieri non possono essere confermate dall andamento delle precedenti crisi economiche mondiali, quando gli investitori ritiravano i propri fondi dai mercati emergenti per investirli in treasuries statunitensi. Il principale pericolo per lo sviluppo economico e finanziario della Russia consiste nel fatto che l aggravarsi dei problemi economici e finanziari drammaticamente coincide con il cambio della guardia al Cremlino, con il periodo tra le elezioni legislative del dicembre 2007 e quelle presidenziali del 2 marzo prossimo. Qualora con un nuovo presidente la crescita economica annuale dovesse scendere dall attuale 7-8% al 2-3% del Pil, con il pericolo di una svalutazione del rublo, le autorità potrebbero cominciare a stimolare l economia artificialmente attraverso un aumento della spesa pubblica e il sostegno del rublo, spendendo le riserve aurifere e valutarie finora accumulate. L insieme di questi fattori potrebbe avere delle conseguenze disastrose per la Russia, ha detto Gaidar, secondo cui il Governo russo potrebbe trovarsi del tutto impreparato a realizzare una politica anti crisi nelle condizioni di un generale peggioramento della congiuntura globale, un processo destinato a durarsi con molta probabilità per un periodo di due o tre anni. Inoltre, la Russia non potrà contare sui motori dell economia mondiale come Cina, India, Europa e nemmeno sulle repubbliche ex sovietiche dove nei prossimi anni il rallentamento della crescita economica potrebbe scendere al 2% del Pil. Intanto, l esperienza dei cicli economici mondiali indica che un rallentamento della crescita del 2% del Pil locale provoca una riduzione dei prezzi mondiali dei principali commodities, in primo luogo del petrolio e dei metalli, del per cento. È soggetto a una reazione addirittura più intensa il capitale internazionale, la cui fuga su larga scala può rovinare anche le economie nazionali sane e forti. Come esempio Gaidar ha citato l esperienza Editoriale La tua banca italiana nel cuore della Russia Petroverigskij per, 2 - str. 2, Mosca Tel: +7 (495) Fax: +7 (495)

3 vissuta dalla Thailandia, un Paese dove la fuga di capitali stranieri ha fatto scendere i ritmi della crescita economica dal +10% al -10% del Pil annuo. Purtroppo nemmeno un programma economico statale dedica un capitolo all analisi dei cicli economici globali, mentre le autorità non sembrano aver capito che il periodo della favorevole congiuntura economica internazionale è ormai alle spalle, ha dichiarato Gaidar. Molti analisti indipendenti hanno però dichiarato di non essere d accordo con le previsioni apocalittiche dell ex premier russo. Per gli esperti della Citi il mercato russo dovrebbero riuscire a resistere al crollo dei mercati internazionali cominciato nel gennaio del 2008 per le sue solide caratteristiche: Le posizioni della Russia sembrano buone. Malgrado una serie di crolli dei mercati globali i prezzi del petrolio rimangono piuttosto alti. Fino a quando i prezzi del greggio rimarranno sugli attuali livelli elevati, la Russia non dovrà temere un peggioramento della propria situazione macroeconomica ; ha sottolineato l analista della Citi, Dmitrij Vinogradov. Di conseguenza, il boom degli investimenti nella costruzione edilizia, l espansione dei consumi e l aumento dei redditi reali della popolazione dovrebbero proseguire in Russia ancora per i prossimi 2-3 anni. Nello stesso tempo, gli analisti russi e internazionali hanno sottolineato che il mercato russo non può essere immune del 100% ai problemi dei mercati globali. Ma ciò significa che i problemi del mercato russo, che nella prima metà di gennaio era sceso sotto la quota psicologica di 2mila punti dell indice Rts, potrebbero offrire agli investitori delle opportunità di acquistare dei titoli a buon mercato. Bisogna essere molto prudenti con gli investimenti in titoli delle società che producono commodities. Nel 2008 dovrebbero trovarsi in vantaggio le società che guadagneranno direttamente dalle tendenze macroeconomiche russe: boom degli investimenti nel mattone, la crescita vertiginosa dei consumi. Si consiglia dunque di investire in azioni di società di telecomunicazioni, di immobili e anche nelle banche, ha sottolineato Vinogradov della Citi. All inizio del 2008 la maggior parte delle blue chips russe sono scese ai minimi degli ultimi 4-5 mesi, disponendo di un potenziale di crescita fino al 70 per cento. Nonostante l invito alla cautela per i titoli delle società che producono energia e metalli, sono sempre interessanti gli investimenti nelle azioni di Gazprom, del monopolio elettrico in via di ristrutturazione Rao- Ues, di Norilsk Nickel, uno dei maggiori produttori nel mondo di nickel e di platinoidi, dei gruppi metallurgici Evraz e Mechel. Notiziario dai mercati Csi Editoriale 3

4 La Russia rafforza i controlli sulle finanze dei cittadini stranieri La Banca centrale ordina agli istituti di credito di controllare le attività finanziarie di un ampio circolo di cittadini stranieri - L iniziativa fa parte della legge Sulla lotta contro il riciclaggio di denaro sporco - La lista delle persone soggette ai controlli è molto ampia e potrebbe creare non poche difficoltà alle banche russe che rischiano di perdere la licenza per la lotta insufficiente al reato di riciclaggio a Banca centrale della Russia ha inviato L a tutti gli istituti di credito operanti nel Paese una circolare che precisa la lista dei cittadini stranieri nei confronti dei quali le banche russe devono svolgere i controlli finanziari nell ambito della legge federale sulla lotta contro il riciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo no. 115-FZ. L elenco delle persone soggette ai controlli finanziari è molto vasto e va dai capi di Stato, ai primi ministri e ai cugini dei membri del Comitato olimpico internazionale. Secondo gli esperti un elenco così vago potrà creare molte difficoltà alle banche per l individuazione delle persone da controllare. Nello stesso tempo, gli errori - anche involontari - potranno permettere agli organismi di controllo di dichiarare certe banche colpevoli di non osservare la legge sulla lotta al riciclaggio. La lista delle persone pubbliche straniere da controllare con le spiegazioni della Banca centrale sono state pubblicate sul Notiziario della Tsentrobank (Vestnik TsB). Le nuove regole sono entrate in vigore il 15 gennaio scorso, ma la legge russa Sulla lotta al riciclaggio non ha specificato la lista delle persone pubbliche straniere soggette ai controlli finanziari in Russia. Di conseguenza, nel telegramma no. 8-T siglata dal Governatore della Banca centrale, Serghej Ignatiev, l istituto ha suggerito alle banche di basarsi sui documenti della Fatf, dell Unione Europea e del gruppo di Wolfsberg. Dal canto suo, l intelligence finanziaria russa (Rosfinmonitoring) ha proposto alle banche di prendere in considerazioni i suggerimenti del comitato antiriciclaggio dell Associazione delle banche russe (Arb). In base a questi suggerimenti la lista delle persone pubbliche è molto lunga, ma anche molto vaga. Secondo Fatf, fanno parte di questa lista oltre ai capi di Stato e dei Governi anche i politici stranieri, i rappresentanti dei Governi, i funzionari pubblici di vario rango, i giudici, i militari di alti ranghi, i top manager delle imprese statali, i leader dei partiti politici. Dal canto suo, il Gruppo di Wolfsberg comprende nella lista di ufficiali pubblici i cosiddetti influenti funzionari delle società statali e dei settori dell economia nazionalizzati. L Unione Europea allarga la lista ai membri dei consigli di direzione delle Banche centrali. Come se non bastasse l Associazione delle banche russe ha consigliato agli istituti di credito di prendere in considerazione oltre ai suggerimenti della Fatf, del Gruppo di Wolfsberg e della Ue, anche gli standard elaborati della Rete degli Stati Uniti per la lotta contro i reati finanziari, del gruppo per la lotta contro il riciclaggio delle Gran Bretagna e, infine, anche della Commissione bancaria federale della Svizzera. Vale a dire che nel gruppo dei personaggi pubblici rientrano anche i capi e i loro vice delle organizzazioni internazionali come l Onu, l Opec, il Coi (Comitato olimpico internazionale), la Banca mondiale, il Parlamento europeo, Approfondimenti 4

5 gli organismi giudiziari internazionali (il Tribunale internazionale dell Aia, il Tribunale internazionale per i diritti umani). Ma oltre ai conti bancari che eventualmente saranno aperti in Russia da queste persone, le banche russe dovranno controllare anche i conti dei membri delle famiglie di queste persone pubbliche e anche dei loro parenti stretti. Inoltre, le banche dovranno controllare le attività finanziarie delle persone che congiuntamente con le persone pubbliche controllano una società o una persona giuridica di qualche altro tipo, oppure che hanno un business in comune. Dovranno essere controllati i conti bancari dei consiglieri personali delle persone pubbliche straniere. In base alla legge della Legge antiriciclaggio, le banche dovranno prendere delle misure adeguate per scoprire le fonti dei redditi, dei finanziamenti e degli altri beni materiali delle persone pubbliche straniere. L Associazione delle banche russe ha suggerito alle banche russe di ottenere dalle persone pubbliche straniere delle spiegazioni esaurienti riguardo ai motivi e alla necessità di aprire un conto bancario proprio in Russia. I banchieri devono essere messi in guardia da spiegazioni contrastanti riguardo i rapporti di parentela con una persona pubblica straniera, oppure l afflusso sui conti intestate alle persone pubbliche straniere dei consistenti bonifici emessi dagli organismi di Stati esteri, dalle società statali, comprese le Banche centrali, oppure dalle organizzazioni non commerciali. In altri termini, le banche russe avranno molto lavoro da fare per individuare e per controllare le persone pubbliche straniere: due violazioni della legge anti-riciclaggio saranno sufficienti per far perdere a una banca la propria licenza. Vestnik (Notiziario) della Banca centrale: Prtid=Vestnik Notiziario dai mercati Csi Approfondimenti 5

6 Saturazione vicina per il mercato russo di cioccolata e cioccolatini La crescita annuale è del 5% - Quello della cioccolata è il 45% dell intero mercato di dolci russo - Un russo consuma fino a 5-6 chili di cioccolata e di cioccolatini l anno - Sono tre i maggiori produttori che insieme controllano il 42% del mercato russo dei prodotti a base di cioccolata a domanda di cioccolata e di L cioccolatini in Russia è vicina al punto di saturazione: nel 2007 le vendite retail sono cresciute del 5% (indicatore quantitativo), mentre nei sette anni precedenti ( ) le vendite aumentavano in media dell 8-10% l anno. Secondo le stime dell agenzia Business analitica, il volume del mercato russo di cioccolata e di cioccolatini è stato nel 2005 di 620mila tonnellate, ovvero di 3,5 miliardi di dollari. Il 37% dell intero mercato di cioccolata e di cioccolatini viene consumato a Mosca e a San Pietroburgo. Una favorevole situazione economica e la crescita dei redditi reali disponibili hanno permesso di aumentare le vendite di cioccolata di qualità medio-alta. Al momento della scelta del prodotto i russi sempre più spesso badano alla notorietà del produttore e prendono a riferimento la pubblicità. L aumento dell offerta dei prodotti di alta qualità ha fatto crescere nel 2007 i prezzi medi dei cioccolatini del 7 per cento, mentre negli anni precedenti i prezzi diminuivano di anno in anno. I consumatori russi preferiscono a molti altri prodotti di cioccolata i cosiddetti snack : barre di cioccolata (Mars, Snickers), dolci a base di cioccolata che possono essere consumati per strada (M&M s, Hershey s Kisses, ecc.). Questi tipi di dolci sono venduti nei piccoli chioschi insieme a giornali, sigarette e altri prodotti della cosiddetta domanda impulsiva. I cioccolatini in scatola oppure la cioccolata della fascia premiale, che molto spesso vengono acquistati per fare regali, si comprano prevalentemente nei supermercati e nei negozi specializzati. Trend e mercati Il mercato russo di cioccolata (i maggiori produttori) Obedinenny e Konditery 18% Altri produttori 38% Nestle SA 16% Fonte: Euromonitor 6 Ruzskaja KF 2% Ferrero Group 2% Odinzov skaja KF 3% Orcla Group 6% Mars Inc. 7% Craf t Foods Rus 8%

7 Consumi Il settore degli snack di cioccolata si è sviluppato molto attivamente negli ultimi cinque anni grazie alla pubblicità che posiziona questi prodotti come tramezzini e non come un prodotto che si mangia in occasioni speciali. A differenza della vendita di cioccolata (+5% nel 2007), le vendite di snack di cioccolata sono aumentate l anno scorso del 14%, raggiungendo quota 20,2 miliardi di rubli. Molti esperti sostengono, però, che anche il settore di snack di cioccolata è vicino alla saturazione, mentre la crescita delle vendite nel 2007 è il risultato di un fortissimo sostegno pubblicitario a questi prodotti (domina la pubblicità di Bounty, Snickers, M&M s). Un tratto particolare del mercato russo di prodotti di questo tipo è legato all aumento di consumi di snack di cioccolata da parte degli uomini adulti, che rappresentano un gruppo molto importante di consumatori. In passato il gruppo di consumatori era stato dominato da bambini e da adolescenti. I ritmi della vita sempre più celeri spinge la popolazione adulta a cercare nuovi alimenti energetici, preferendo snack di cioccolata a molti altri prodotti della categoria. Un altro fatto interessante è rappresentato dal fatto che i consumatori russi acquistano cioccolatini in scatola di alta qualità e costosi innanzitutto per fare regali,mentre per sé stessi acquistano prodotti della fascia economica, spesso venduti a peso. Lo spostamento della domanda verso la fascia alta spinge le vendite di cioccolatini in scatola e di cioccolata amara in barre. Di conseguenza, le vendite di confezioni di cioccolatini denominate in denaro sono aumentate del 14% grazie all aumento della domanda di prodotti più costosi soprattutto a Mosca e negli altri maggiori centri abitati. Ciononostante, nel settore della cioccolata in barre i russi preferiscono quella al latte senza additivi. Nel 2007 la quota di cioccolata di latte ha rappresentato il 70% delle vendite totali denominate in denaro. Gli elevati consumi di cioccolata dolce al latte sono legati alla lunga tradizione del consumo di questo prodotto in Russia: per molti decenni la cioccolata al latte è stata l unica prodotta dalle fabbriche di dolci dell Unione Sovietica. La cioccolata amara si trova al secondo posto per popolarità tra i consumatori russi. L aumento dei consumi in questo segmento è legato alla crescente popolarità di prodotti di classe Trend e mercati La dinamica delle importazioni di cioccolata e di cioccolatini nel (quantità, %) % Cioccolatini confezionati Cioccolatini a peso Cioccola Snack di cioccolata Cioccolata (totale) Fonte: Business Analitika 7

8 alta, prodotta soprattutto sotto forma di cioccolata amara. Stando alle valutazioni più diffuse, un russo in media consuma ogni anno due chili di cioccolatini venduti a peso, 1,5-2 chili di cioccolata in barre e 0,5-1 chili di cioccolatini confezionati in scatole. Mentre in Russia cioccolata e cioccolatini occupano il 45% dell intero mercato di dolci, nel mondo la quota di cioccolata è del 60 per cento. Dal momento in cui in Germania e negli Stati Uniti i consumi annui di cioccolata e di cioccolatini sono di 13 chili e di 19 chili per persona, il mercato russo ha buone prospettive di crescita. Produttori Il mercato russo di cioccolata e di cioccolatini è fortemente consolidato: nel 2006 (l ultimo dato disponibile) tre società hanno controllato il 42% delle vendite al minuto denominate in denaro. Si tratta di un dato piuttosto alto al confronto con la media europea di concentrazione che non supera il 38 per cento. La prima trojka è composta dal gruppo russo Obedinennye kondidery, che controlla il 18% di mercato, dalla svizzera Nestlé (16%) e al terzo posto Craft Foods (6%). Nel periodo questi produttori sono riusciti a conservare le proprie posizioni grazie al lancio di campagne di promozione in televisione, sui giornali e direttamente nei luoghi di vendita. Il biennio è stato contrassegnato da numerose fusioni e take-over. Nell aprile del 2006 il gruppo norvegese Orkla ha acquisito il controllo della celebre fabbrica di dolci ex sovietica KF Krupskoj per 50 milioni di dollari. Due anni prima Orkla aveva acquisito il controllo di un grande produttore di dolci SladKo. Un altro evento che nel 2007 ha suscitato l interesse degli esperti è l acquisizione della fabbrica di cioccolata A.Korkunov da parte del gruppo Wrigley per 300 milioni di dollari. Il passaggio dal mercato di gomma da masticare a quello di cioccolata rappresenta un evento unico e conferma il crescente interesse nei confronti del mercato russo di cioccolata dimostrato da parte dei maggiori gruppi internazionali di generi alimentari. Notiziario dai mercati Csi Trend e mercati LA CHIAVE CHE GARANTISCE LA SICUREZZA DI TUTTE LE OPERAZIONI ONLINE Internet ancora più sicuro! Dal 4 febbraio 2008 potrai accedere al servizio con la nuova chiave O-Key. Ritira al più presto la tua chiave personale: è disponibile gratuitamente in Filiale dal 4 febbraio. Che cos'è... O-Key è un dispositivo che genera un codice di 6 cifre (Codice O-Key) da inserire nell apposito campo quando richiesto. Una volta utilizzato, il Codice O-Key non sarà più valido. 8

9 La regione di Novosibirsk L a regione di Novosibirsk si trova nella Siberia Occidentale, nel territorio tra i fiumi Ob e Irtysh. Il territorio è di oltre 178mila chilometri quadrati. La regione di Novosibirsk confina nella zona sud con il territorio di Altaj e con il Kazakhstan, nella parte ovest ha un confine comune con la regione di Omsk, a nord con quella di Tomsk, a est con Kemerovo. Il territorio è prevalentemente una pianura ricoperta dalla steppa nella parte meridionale. A nord il territorio è ricoperto dalle foreste e sono presenti zone paludose. Il clima è continentale con inverni lunghi e freddi, mentre i periodi estivi sono brevi. Nella regione abitano 2,7 milioni di persone, di cui 1,4 nel capoluogo della regione, la città di Novosibirsk (anno di fondazione 1903). Il tratto principale della regione è l estensione della taiga, una notevole quantità di paludi e più di mille tra fiumi e laghi. Dopo la costruzione della diga sul fiume Ob si è creata un enorme riserva artificiale, nota anche come il Mare di Obskoe, lunga 230 chilometri. Più del 5% del territorio della regione è occupato da laghi tra cui quello di Chany, uno dei più grandi nel mondo. Le risorse naturali Il sottosuolo della regione è molto ricco di materie prime: finora sono stati scoperti 523 giacimenti industriali di petrolio, di gas naturale, di carbone fossile, di oro, di bauxite. Attualmente la produzione industriale avviene presso 83 giacimenti. Tutti gli altri sono di riserva statale. Le principali riserve di greggio e di gas sono concentrate nella parte settentrionale della regione. Le provate riserve di petrolio superano 514 milioni di tonnellate, mentre quelle di gas sono pari 9 Guida pratica Una delle aree della Russia a più alto potenziale scientifico - Le ricchezze naturali contano oltre 530 giacimenti di petrolio e di gas naturale - I settori dominanti del sistema economico regionale sono la metallurgia, l agroindustriale e la produzione di energia elettrica

10 a 110 miliardi di metri cubi. Le riserve minerarie della r e g i o n e contengono giacimenti di metalli rari tra i quali disossido di zirconio e titanio, le cui r i s e r v e ammontano rispettivamente a 7,2 milioni e 1,7 milioni di Il Governatore della regione di tonnellate. Ci Novosibirsk, Mikhail Tolokonskij sono due giacimenti industriali di bauxite, mentre nella parte sud-est della regione ci sono 25 giacimenti auriferi. Il territorio della regione è assai ricco di sorgenti di acque minerali: molte sono famose per le proprietà curative e mediche. Le riserve estraibili di acque minerali sono stimate in 472mila decalitri mentre la reale produzione ammonta ad appena 140mila decalitri al giorno. Le maggiori riserve di carbone sono concentrate nelle tre regioni carbonifere nella parte est del territorio: le riserve di antracite di altissima qualità sono stimate in milioni di tonnellate, quelle di carboni di qualità inferiore è di milioni di tonnellate. Le riserve di torba contengono 7,6 miliardi di tonnellate di questa preziosa materia naturale. Nella regione si sviluppa a ritmi accelerati la produzione di materiali da costruzione. Oltre ai materiali comunemente diffusi come sabbia, breccia e argilla, ci sono giacimenti di argille resistenti al calore, di materia prima per la produzione di cemento e di marmo. Economia I principali settori dell economia regionale sono l agroindustriale, l industria metalmeccanica, la metallurgia, la produzione di energia elettrica, la metallurgia non ferrosa, la produzione di materiali da costruzione. Il peso complessivo di questi settori supera il 79% dell economia della regione. L industria agroalimentare è specializzata nella produzione di pasta, di prodotti di carne, di latte e di latticini. Nella regione sono ben sviluppati tutti i tipi di trasporti. L elevato peso dei trasporti ferroviari è legato a una notevole quantità di carichi che passano per il territorio della regione. L estensione dei binari ferroviari è di chilometri, mentre la densità delle ferrovie è di 86 chilometri ogni 10mila di chilometri quadrati (la media russa è di 50 chilometri). Nella regione ci sono 12 aeroporti: Tolmachevo è internazionale ed è in grado di far atterrare aeromobili di tutti i tipi. Una comoda posizione geografica ha permesso all aeroporto di Novosibirsk di diventare un importante nodo di transito per i voli russi e internazionali. L estensione delle vie fluviali è di 647 chilometri. La regione di Novosibirsk gode di alti rating d investimento: il 18 aprile del 2007 l agenzia di valutazione Fitch Ratings ha assegnato alla regione il rating a lungo termine per i crediti in rubli e in valute pregiate di BB-; per i crediti a breve termine in valute estere a quota B, mentre il rating su scala nazionale è di A+ (rus). La previsione per tutti i rating è Stabile. Amministrazione regionale di Novosibirsk Russia Novosibirsk, Krasnij Prospekt, dom 18 Tel: +7 (3832) Fax: +7 (3832) Internet: Notiziario dai mercati Csi in collaborazione con l Amministrazione regionale di Novosibirsk Il distintivo dei costruttori sovietici della metropolitana a Novosibirsk Guida pratica 10

11 Prestiti record per le società russe sul mercato globale nel 2007 Il volume dei crediti ottenuti dalle società russe sui mercati internazionali è cresciuto da 70 miliardi di dollari a 115 miliardi - Sul mercato del debito in rubli molte emissioni sono state rinviate al 2008 el 2007 il volume dei crediti ottenuti N sul mercato globale dei debiti è cresciuto da 70 miliardi di dollari (2006) a 115 miliardi. Di quasi due volte sono aumentati i volumi dei prestiti sindacati (syndicated loans), mentre è diminuito il volume dei crediti Abs (prestiti securitizzati). Il volume complessivo dei crediti sindacati ottenuti da società russe è stato nel 2007 di 68,3 miliardi di dollari contro 35,5 miliardi ottenuti nel Secondo gli analisti finanziari il boom di questo tipo di prestiti è legato direttamente ai problemi sul mercato globale di capitali, che hanno portato a una drastica diminuzione dei volumi di emissioni dei buoni di debito con un adeguata crescita di metodi alternativi di ottenimento di prestiti di notevoli dimensioni. Alle fine del inizio del 2008 la situazione è cambiata. La parte principale di crediti sindacati è stata registrata nel periodo settembre-ottobre del 2007, mentre all inizio del 2008 i volumi sono diminuiti notevolmente. Nel 2007 sono mutate le posizioni delle banche russe all interno di questo settore del mercato del debito: il leader del 2006, la banca Abn Amro, ha ceduto le proprie posizioni alla Bnp Paribas, che è diventata la maggiore organizzatrice dei crediti sindacati, ottenendo per i clienti russi oltre 10 miliardi di dollari. Ricordiamo che nel 2006 la Bnp Baribas si era trovata al quinto posto, organizzando 12 crediti per un totale di 2,1 miliardi di dollari. Tra gli organizzatori russi nella lista delle 30 maggiori banche si trova soltanto la Sberbank che nel 2007 ha organizzato solo un prestito sindacato alla Fabbrica d alluminio di Boguchansk per 130 milioni di dollari. Invece, la situazione sul mercato di Cln e di Eurobond appare molto più uniforme. Malgrado la crisi internazionale di liquidità il volume del mercato di Cln, dei bond in valuta pregiata e in rubli è aumentato di 1,5 volte salendo a quota 44,7 miliardi di dollari. Le società russe hanno aumentato di parecchie volte i volumi di crediti ottenuti in rubli (RUR), ma la parte principale di prestiti (come era stato anche nel 2006) è stata ottenuta nel 2007 in Eurobond in valuta pregiata per 37,1 miliardi di dollari. Il volume di affari nell ambito di prestiti Abs (prestiti securitizzati) è sceso nel 2007 di due volte, a 1,8 miliardi di dollari. Secondo gli analisti russi la diminuzione di prestiti securitizzati indica che gli investitori stranieri perdono l interesse per le attività ad alto tasso di rischio. Nella seconda metà del 2007 è diminuito l interesse delle società russe per gli Eurobond; molti prestiti sono stati rinviati al 2008 e attualmente gli organizzatori aspettano una congiuntura più favorevole. Tra i partecipanti al mercato di Eurobond non ci sono stati cambiamenti di rilievo: come nel 2006 il maggiore organizzatore è stata la banca Abn Amro che ha gestito 15 emissioni per un totale di 3,6 miliardi di dollari. Gli organizzatori russi non riescono a competere alla pari con le banche straniere. Soltanto la banca Vtb che ha partecipato all organizzazione di quattro emissioni di bond valutari per un totale di 1,6 miliardi di dollari è entrata nella lista dei maggiori 10 organizzatori del settore. Per quel che riguarda gli organizzatori e gli undertrader dei prestiti obbligazionari in rubli, nel 2007 le società russe hanno diminuito le emissioni del 4% rispetto ai risultati registrati nell anno precedente. Il leader tra gli organizzatori è stata la Mercati finanziari 11

12 banca Vtb che ha rubato il primato alla banca Gazprombank, mentre la società finanziaria Troyka Dialog è salita dall ottavo al terzo posto. Secondo i dati del centro di analisi finanziari Cbonds, nel 2007 sul mercato del debito russo sono stati emessi obbligazioni per un totale di oltre 521 miliardi di rubli, ovvero 21,6 miliardi in meno rispetto al La trojka dei leader nel 2007 è composta dalla banca Vtb che ha organizzato emissioni per 78,15 miliardi di rubli, dalla banca Gazprombank che ha organizzato emissioni per 60,6 miliardi e dalla società finanziaria Troyka Dialog che ha organizzato emissioni per 52,6 miliardi. Una riduzione dei volumi dei prestiti ottenuti dalle società sul mercato russo del debito è stata più che prevedibile, dal momento che la crisi di liquidità, cominciata in Russia nell agosto 2007 e durata fin quasi alla fine dell anno, non ha permesso di fare investimenti a lungo termine. Molti emittenti hanno rinviato le operazioni finanziarie fino all inizio del 2008 aspettando una stabilizzazione dei mercati. Il volume di offerte rinviate ha raggiunto la cifra elevata di 478 miliardi di rubli. Malgrado un afflusso notevole sul mercato alla fine del 2007 dei mezzi provenienti dal budget, la situazione sul mercato del debito in rubli è cambiata poco o niente. Gli investitori pretendono premi maggiori per le obbligazioni, sul mercato è disponibile una notevole quantità di denaro poco costoso e a breve termine, mentre gli emittenti non sono per niente disposti a pagare questi premi. Non bisogna dimenticare che gli investitori occidentali tardano ancora a ritornare sul mercato russo del debito, mentre la domanda russa permette alle emissioni di arrivare a quota 1-3 miliardi di rubli. Su grandi linee anche la prima metà del 2008 dovrebbe essere abbastanza modesta per quel che riguarda il numero e le dimensioni di emissioni obbligazionarie, mentre per la seconda metà dell anno gli analisti si aspettano un aumento esplosivo di emissioni. E questo perché nei periodi di recessione i mercati del debito ricevono una spinta: gli investitori sono disposti a pompare i fondi in buoni con un tasso di redditività bassa, ma garantita. Notiziario dai mercati Csi su dati Cbonds Mercati finanziari 1 Banca d investimento 12 La banca Vtb compresa la banca Vtb24 e la Vtb Severo-Zapad Top-10 organizzatori di emissioni dei bond in rubli nel 2007 Volume in milioni di rubli Numero degli emittenti Numero delle emissioni 78, Gazprombank 60, Società d investimento Troyka Dialog 52, Rosbank 35, Raiffeisenbank 30, Transkreditbank 22, Gruppo finanziario Uralsib 19, Deutsche Bank 16, Bank Moskvy 15, Svyaz-Bank 14, Fonte: Cbonds

13 13

14 Il calendario fiscale russo Tutte le tasse della nuova Russia - Le scadenze previste per il febbraio 2008 Imposta sui terreni I contribuenti devono presentare la dichiarazione fiscale sull imposta sui terreni per il Tassa sui mezzi di trasporto I contribuenti devono presentare agli organismi tributari del luogo di immatricolazione dei mezzi di trasporto le dichiarazioni fiscali per il Imposta sugli utili delle società I contribuenti per i quali il periodo tassabile è un mese devono pagare la tassa sugli utili della società sotto forma di interessi ottenuti dai bond municipali e federali nel mese di gennaio del Accise I contribuenti (tranne quelli che hanno una licenza per le operazioni con la benzina a distillazione diretta, oppure che hanno la licenza per le operazioni con l alcol denaturato) devono pagare il 50% della somma di accise per il dicembre del L unica tassa sociale I contribuenti che pagano somme a persone fisiche devono versare la tassa unica sociale per il gennaio del Tasse assicurative e assicurazione obbligatoria pensionistica I datori di lavoro devono trasferire rispettive somme di tasse assicurative e di assicurazione obbligatoria pensionistica sui conti dei dipendenti. Pagamento per il legname tagliato nei boschi I contribuenti devono versare il 15% di imposta annua Imposta sui giochi d azzardo I contribuenti devo presentare una dichiarazione fiscale e pagare la tassa per il gennaio Imposta sullo sfruttamento delle risorse ittiche I contribuenti devono pagare il contributo fisso. Tassa sul legname I produttori di legname devono presentare il certificato che conferma le quantità di legno tagliato in conto della tassa per il gennaio del I proprietari dei fondi forestali devono presentare un resoconto sulla quantità di legname passata per gli ammassi ai produttori, sui pagamenti per il legname tagliato, i certificati di eventuali multe come da situazione al 15 di febbraio Accise I contribuenti (tranne quelli che hanno la licenza per le operazioni con la benzina a distillazione diretta oppure che hanno la licenza per le operazioni con l alcol denaturato) devono pagare il 50% della somma di accise e devono presentare la dichiarazione fiscale per il gennaio del I contribuenti che hanno la licenza per le operazioni con la benzina a distillazione diretta, oppure che hanno la licenza per le operazioni con l alcol denaturato, devono pagare le accise per la benzina e per l alcol e presentare la dichiarazione fiscale per il novembre Tassa sulla produzione di materie fossili I contribuenti devono versare la tassa per il gennaio Resoconti sull utilizzo di alcol etilico Le società che hanno la licenza per le operazioni con alcol etilico denaturato devono presentare un adeguato Leggi e norme 14

15 resoconto sull utilizzo dell alcol etilico denaturato Imposta sugli utili di società Gli agenti tributari devono presentare le valutazioni dei risultati economici del periodo soggetto all analisi. I contribuenti devono versare il secondo pagamento mensile anticipato per il primo trimestre del 2008 come dall Articolo 286 del Codice fiscale della Federazione russa. I contribuenti che calcolano i pagamenti anticipati mensili sulla base degli utili ottenuti, devono presentare la dichiarazione fiscale e versare il pagamento anticipato per il gennaio del Tassa sulla produzione di materie fossili I contribuenti devono presentare la dichiarazione fiscale per il gennaio del Notiziario dai mercati Csi su dati del Servizio tributario RF Leggi e norme 15

16 Intesa Sanpaolo sbarca nei mezzanini La partenership è già operativa e punta a società con un Ebitda di 5 milioni di euro e forti prospettive di crescita Laura Galvagni MILANO Una partnership triennale, potenzialmente prolungabile, proietta Intesa Sanpaolo nel business dei prestiti mezzanini per le aziende. Ca' de Sass ha siglato un accordo con Dam Capital, società specializzata di settore, per sostenere le medie imprese italiane. Sdoganando di fatto un prodotto molto diffuso all'estero ma che nel paese, almeno fino ad oggi, è stato impiegato principalmente come supporto nelle operazioni di acquisizioni. «È un esperimento all'avanguardia che tra l'altro arriva in una fase in cui, considerato l'andamento dei mercati e l'impatto di Basilea 2, può servire da utile supporto a quelle aziende che, pur con progetti di crescita, non possono ricorrere al mercato dei capitali», ha spiegato Giuseppe Castagna, responsabile della direzione relazioni corporate di Intesa Sanpaolo. Ma quali saranno i target potenziali? Una prima fase di collaborazione tra Ca' de Sass e Dam Capital ha permesso di individuare già oltre una ventina di aziende potenzialmente interessate a sottoscrivere un prestito mezzanino. Il mercato di riferimento è costituito da tutte quelle società che hanno un margine operativo lordo di almeno 5 milioni e che, pur con un profilo di rischio non investment grade e un rapporto tra debito ed ebitda anche superiore alle quattro volte, presentino forti potenzialità di crescita e i presupposti per un rilancio industriale. Rispetto invece alle risorse che il tandem potrà mettere sul piatto per sostenere le pmi Dirk van Daele, ceo di Dam Capital ha dichiarato: «Il mio limite non è il denaro, per noi l'importante era trovare il partner giusto che ci permettesse di entrare nel mercato italiano». E in effetti Dam Capital attualmente ha 600 milioni di euro di fondi disponibili per investimenti. Le fonti di finanziamento comprendono 300 milioni di euro di esposizione di Anschutz (la società che controlla Dam), composti da un finanziamento della Royal Bank of Scotland e da un impegno diretto di Anschutz, oltre a 300 milioni di finanziamenti di investitori terzi. Nel 2008, tra l'altro, è previsto che Anschutz aumenti il proprio impegno. Quanto alle tecnicalità di un prestito mezzanino, Dam Capital concede prestiti fino a 40 milioni di euro con durata che varia da 5 a 10 anni e una preferenza a mantenere rapporti di lungo termine con i clienti. Anche se sia Dirk van Daele che Castagna hanno precisato che sebbene la durata minima superi i cinque anni, spesso i finanziamenti vengono rimborsati nell'arco dei primi due o tre anni. Questo perché, essendo una via di mezzo tra il debito classico e l'equity, ha un costo più elevato rispetto ai finanziamenti base e di conseguenza è la prima posta a venir rimborsata appena l'azienda ha le disponibilità. Lo spread applicato, infatti, varia tra il 6 e l'11% a seconda del profilo di rischio che presenta la società. Sui tempi di concessione del prestito, Dirk van Daele ha precisato che normalmente «dalla prima visita all'ok passano normalmente tra le otto e le dieci settimane». Questo perché viene sempre effettuata un'analisi approfondita e soprattutto prospettica dell'azienda target. Dam, in questo, ha un approccio molto simile ai fondi di private equity, con la differenza, tuttavia che non ha alcuna ingerenza nella gestione della società a cui concede il mezzanino. La partenership dovrebbe portare a concludere tra le 10 e le dodici operazioni dal taglio compreso tra 10 e 15 milioni di euro. Ma i tempi di avvio dell'accordo? «Siamo pronti a partire fin da subito», ha precisato Dirk van Daele. E Castagna ha chiosato: «Facciamo da apripista». Da Il Sole 24 ORE 16

17 San Paolo, perché vincerà Benessia La partita nella Compagnia riguarda anche i vertici della banca di Fabio Tamburini L'incarico in gioco è la presidenza della Compagnia di San Paolo ma, ad un esame più attento, spunta l'ombra lunga di Banca Intesa Sanpaolo. Il nuovo presidente, infatti, avrà un ruolo importante nella partita per le nomine al vertice del gruppo bancario. Ufficialmente è una partita chiusa perché, per l'ultima volta proprio mercoledì scorso, l'amministratore delegato Corrado Passera ha smentito seccamente che lascerà l'istituto per altri incarichi. «È escluso ha detto che io lasci Intesa Sanpaolo per andare all'eni, diciamolo una volta per tutte». Ma l'esperienza insegna che, in vicende del genere, colpi di scena possono sempre accadere. E, in ogni caso, il rinnovo dei vertici in Compagnia di San Paolo risulta un passaggio cruciale sia perché avviene a circa metà del primo mandato della governance del gruppo bancario, sia perché a Torino e dintorni i mal di pancia non mancano. La convinzione, ben radicata in città, è che la fusione sia avvenuta penalizzando il fronte torinese a vantaggio di quello milanese e bresciano. Una circostanza aggravata dall'opinione che la dote portata dal San Paolo in termini di performance e redditività sia risultata prevalente. Ecco perché viene teorizzata la necessità che il nuovo presidente della Compagnia debba avere una doppia caratteristica: conoscere bene il mondo bancario e avere la schiena dritta per reggere il confronto con Giuseppe Guzzetti, l'esperto padre padrone della Fondazione Cariplo, e con Giovanni Bazoli, presidente del consiglio di sorveglianza e regista di ogni operazione. L'identikit corrisponde a quello di Angelo Benessia, avvocato esperto nonché conoscitore profondo del Sanpaolo fin dall'epoca della prima grande fusione, quella con l'imi. La candidatura è firmata dal sindaco di Torino, Sergio 17 Chiamparino, ma è stata subito appoggiata dal presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso. Entrambi hanno un ruolo determinante perché gli enti locali sono, insieme alle Camere di commercio, i designatori dei 17 consiglieri che guidano la compagnia. E hanno condiviso la scelta con il presidente della Provincia, Antonio Saitta, in prima battuta mica tanto convinto. Risulta così confermata l'anticipazione con cui giovedì scorso l'agenzia di stampa Radiocor ha annunciato il deciso sorpasso di Benessia nei confronti del candidato concorrente, cioè l'ex presidente della Corte costituzionale Gustavo Zagrebelski, un raffinato professore da convertire al sapere bancario. L'unico rischio è che, nell'attesa della formalizzazione dell'incarico, il nome di Benessia finisca per venire bruciato. Un po' come è avvenuto in passato, sempre a Torino, per un'altra scelta di Chiamparino: l'indicazione dell'ex amministratore delegato della Fiat, Paolo Cantarella, per la guida della Fondazione Crt, a cui faceva capo la cassa di risparmio prima di confluire in UniCredit. Sulle scelte in Compagnia di San Paolo, almeno per il momento, non pesano gli orientamenti di Fiat e dell'ifil. Il numero uno attuale di Fiat, Sergio Marchionne, ha rapporti eccellenti con Chiamparino, con cui, durante gli anni difficili dell'auto, ha chiuso un accordo importante su Mirafiori. Franzo Grande Stevens, presidente in uscita della Compagnia, è invece su posizioni diverse, essendo il principale sostenitore di Zagrebelski insieme con Enrico Salza, presidente del consiglio di gestione della Banca Intesa Sanpaolo, punto di riferimento tradizionale delle vicende torinesi e artefice dell'accordo con Bazoli che ha portato alla fusione. Da Il Sole 24 ORE

18 Intesa Sanpaolo entra in Goglio MILANO Intesa Sanpaolo, attraverso Imi investimenti, ha rilevato nei giorni scorsi una quota pari al 16% circa del capitale della Goglio specializzata nel packaging. Imi Investimenti si legge in una nota ha sottoscritto un prestito obbligazionario convertibile emesso dalla controllante Gofin (finanziaria della famiglia Goglio) per un impegno di Intesa Sanpaolo pari a circa 20 milioni. A seguito dell'accordo, Intesa Sanpaolo avrà la facoltà di nominare due consiglieri d'amministrazione nella società «per contribuire ad attuare le strategie e intraprendere le azioni necessarie al rafforzamento del gruppo». Per Franco Goglio, presidente e a.d. dell'azienda, «questa scelta garantisce continuità ed allarga nuovi orizzonti di sviluppo possibili con l'immutato impegno da parte di tutti; questa evoluzione sia un fatto positivo per tutte le persone che operano nel gruppo, chiamato ad affrontare le sfide della globalizzazione e della gestione manageriale, per portare al successo i nostri prodotti mediante la continua spinta all'innovazione e alla qualità». La Goglio è una multinazionale con 157 anni di storia che opera nel settore del packaging. Il gruppo ha 8 impianti di cui 4 in Italia, 2 negli Usa, 1 rispettivamente in Olanda e Cina. Il fatturato 2007 è stato di circa 300 milioni. Intesa Sanpaolo lancia l'opa cash sul 41,1% di Carifirenze Da Il Sole 24 ORE MILANO Intesa Sanpaolo perfeziona l'acquisto tramite permuta azionaria del pacchetto di controllo della Cassa di Risparmio di Firenze e lancia l'opa in contanti sul residuo 41,1% del capitale. Dopo mesi di trattative e un lungo percorso autorizzativo (cui manca ancora il via libera della Banca Centrale della Romania, coinvolta perchè entrambe le banche hanno controllate a Bucarest), ieri il gruppo guidato dall'amministratore delegato Corrado Passera ha formalizzato gli accordi con i grandi soci di Carifirenze. Il 40,3% del capitale della banca toscana attualmente detenuto da Ente Cassa di Risparmio di Firenze, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Fondazione Cassa di Risparmio di La Spezia e Sofibar è stato oggetto di permuta con azioni Intesa. Per effetto dello "swap" azionario, l'ente Cassa Firenze (cui appartiene la maggior quota tra i venditori) deterrà il 3,38% del capitale di Intesa Sanpaolo e, stando agli accordi abbozzati a luglio, dovrebbe avere un proprio rappresentante nel consiglio di sorveglianza del gruppo. A seguito della permuta, «Intesa Sanpaolo ha acquisito il controllo di Carifirenze si legge in una nota venendo a detenere complessivamente il 58,9% del capitale di quest'ultima per effetto della predetta permuta e della quota già detenuta direttamente da Intesa Sanpaolo (18,6% circa)». Entro venti giorni, il gruppo milanese fornirà i dettagli dell'opa nell'ambito del documento d'offerta che sarà presentato alla Consob. Gli accordi con i venditori, ribaditi ieri anche da una nota dell'ente Cassa Firenze, prevedono che quest'ultima mantenga il 10,29% di Carifirenze. L'Opa, dunque, dovrebbe avere a oggetto il 30% circa del capitale della banca. A luglio 2007, quando furono preannunciati i termini dell'accordo, Intesa Sanpaolo aveva annunciato che il prezzo dell'offerta sarebbe stato pari a 6,73 euro per azione. Livello destinato a essere confermato, anche se per l'ufficialità bisognerà attendere la documentazione che sarà trasmessa alla Consob. In Piazza Affari, il titolo Carifirenze è sostanzialmente allineato con i valori dell'opa (ieri +0,15% a 6,66 euro). Al. G. 18

19 Sì finale all'ucraina nella Wto L'ex repubblica sovietica ottiene così il via libera prima della Russia che tratta da anni ma incontra l'opposizione degli Stati Uniti Riccardo Sorrentino Dentro! E prima della Russia. L'Ucraina è pronta a entrare nella Wto, l'organizzazione mondiale per il commercio. Si sono conclusi positivamente, quindi, i quindici anni di trattative con i maggiori partner del Paese dell'est europeo. L'adesione non sarà immediata, occorrono ancora alcuni passaggi; ma si tratta ormai quasi solo di formalità. Il protocollo approvato dal working party della Wto dedicato all'adesione - che comprende un rapporto con tutte le iniziative prese da Kiev per adeguare il suo sistema giuridico e amministrativo ai trattati multilaterali e un programma preciso di apertura delle frontiere - sarà ora presentato il 5 febbraio al Consiglio generale per l'approvazione definitiva per consensus, quindi senza voci contrarie. Alla riunione parteciperà il presidente Viktor Yuschenko. Entro tre mesi l'ucraina potrà poi firmare il protocollo e, un mese dopo la ratifica del Parlamento - entro agosto - diventerà un membro a tutti gli effetti, il 153, dell'organizzazione. Grande, anche se un po' rituale, la soddisfazione dei partner. L'Unione europea ha però rivelato di aver detto il sì decisivo: l'approvazione del protocollo Wto è avvenuta dopo la firma dell'«accordo, soddisfacente per tutti, sulle tariffe all'esportazione», che è stato raggiunto la settimana scorsa dal Commissario Ue Peter Mandelson e Hryhoriy Nemyria, il parlamentare di Kiev, specializzato in politica estera, molto vicino al primo ministro Yulia Tymoshenko. «I nostri team, a Ginevra, hanno poi lavorato giorno e notte per completare gli ultimi problemi tecnici, e siamo ora in posizione di avere un consensus, alla Wto, sull'adesione dell'ucraina». L'iter per l'adesione era cominciato nel '93, tre anni dopo l'indipendenza dall'ex Unione Sovietica. Le tensioni interne avevano però rallentato la procedura, che 19 prevede una serie di intese bilaterali a volte molto vincolanti politicamente. Ora tutto è finito. Entro breve un'economia da 106 miliardi di dollari, delle dimensioni paragonabili quindi a quelle dell'egitto o dell'ungheria, aprirà le sue porte al commercio mondiale. Kiev ha esportato nel 2005 beni per 29,5 miliardi di dollari: soprattutto ferro, acciaio, combustibili minerali, petrolio e distillati. Ha importato 32,7 miliardi di elettrodomestici, macchinari, e dispositivi elettronici ed elettrici. Sono cifre ora destinate ad aumentare e a sostenere una crescita economica che ormai dura ininterrotta da otto anni e raggiunge il sette per cento. L'anno scorso la produzione industriale è aumentata del 10% con vendite al dettaglio in aumento del 29% circa. Con la decisione della Wto l'ucraina sorpassa quindi l'ingombrante Paese vicino, la Russia, che sta cercando da anni di entrare nell'organizzazione incontrando però soprattutto l'opposizione degli Stati Uniti. Nulla esclude ora che Mosca sia costretta a trattare anche con l'ucraina per ottenere quel via libera definitivo che Mandelson, comunque, spera arrivi entro l'anno. Insieme, i due giganti dell'est europeo sono tra i maggiori Paesi in attesa alle porte della Wto, insieme all'iran e l'algeria. Il presidente ucraino, Viktor Yuschenko Da Il Sole 24 ORE

20 Gazprom rilancia sul p etrolio di Belgrado Putin per due giorni a Sofia, dove il presidente spera di concludere l'intesa su South Stream, il gasdotto rivale dell'europeo Nabucco Sissi Bellomo La campagna per le elezioni presidenziali in Serbia si intreccia con la complessa partita a scacchi che il Cremlino sta conducendo, per disegnare a proprio favore i destini energetici dell'europa. Da giocatore esperto, il presidente russo Vladimir Putin in questi giorni sta organizzando le sue mosse su più tavoli: il tavolo serbo, dove cerca di far digerire al Governo una sostanziale svendita della compagnia petrolifera di Stato, la Nis, in cambio dell'appoggio politico nella contesa sull'indipendenza del Kosovo e della promessa di trasformare il suo territorio in un "hub" strategico per il trasporto di combustibili. E il tavolo bulgaro, dove si gioca una partita ancora più importante, forse addirittura decisiva, per perpetuare la supremazia di Mosca nella distribuzione del gas nel Vecchio continente. Il fil rouge che accomuna i negoziati con Belgrado e quelli con Sofia - dove Putin è arrivato ieri sera - è South Stream: il controverso gasdotto promosso da Eni e Gazprom, che rischia di far naufragare il progetto concorrente del Nabucco, con cui l'unione europea vorrebbe attenuare la dipendenza dalla Russia nelle forniture di gas. Putin mira a ottenere al più presto dai bulgari il via libera per il passaggio del gasdotto sul loro territorio: un passo indispensabile per consentire la nascita del progetto, ma che il Governo di Sofia, appena accolto nella Ue, esita a compiere. Il passaggio di South Stream, inoltre, fa parte del pacchetto che Gazprom ha proposto al Governo serbo, per convincerlo a cederle il 51% di Nis al prezzo irrisorio di 400 milioni di euro: sul piatto i russi hanno aggiunto la promessa di altri 500 milioni in futuri investimenti e la scelta della Serbia come territorio di transito e di stoccaggio del gas di South Stream (che in questo caso potrebbe anche prendere una direzione alternativa). Entrambe le partite potrebbero arrivare a un punto di svolta proprio oggi, a Sofia, dove Putin si è fatto accompagnare dal vice premier Dmitrij Medvedev, suo delfino, nonché presidente di Gazprom. Ufficialmente il viaggio in Bulgaria è legato alle celebrazioni per i 130 anni dalla liberazione dal dominio turco, per mano dei russi. In realtà, gli eventi centrali saranno tutti legati alla politica energetica: il programma prevede la firma di un contratto da 4 miliardi di euro con la russa Atomstrojexport, per la costruzione di una centrale nucleare, e la costituzione della società che dovrà realizzare l'oleodotto Burgas-Alexandroupolis (51% Russia, 24,5% Grecia e 24,5% Bulgaria). Ma lo scacco matto, per Putin, potrebbe arrivare da due fuori-programma, su cui si rincorrono voci insistenti. A Sofia, a quanto si dice, il capo del Cremlino potrebbe incontrare oggi anche con il premier serbo Vojislav Kostunica, pronto a servirgli su un piatto d'argento la Nis e tutto il resto: una mossa mirata ad anticipare un eventuale cambio di rotta politico, in seguito alle elezioni di domenica. Putin, inoltre, potrebbe forse ottenere già oggi il via libera dei bulgari al passaggio della pipeline, anche se alcuni esponenti del Governo hanno gettato acqua sul fuoco: «L'accordo non sarà firmato durante la visita di Putin», ha affermato il ministro degli Esteri, Ivaylo Kalfin, mentre quello dell'economia, Petar Dimitrov, ha spiegato che le parti condividono ormai «due terzi della bozza di accordo, ma restano ancora alcune questioni da risolvere», tra cui la proprietà dei tubi e della società destinata ad operare il progetto, nonché le tariffe di transito del gas. Da Il Sole 24 ORE 20

A REGIONE DI KRASNODAR: NUOVO POLO DI CRESCITA NEL SUD DELLA RUSSIA

A REGIONE DI KRASNODAR: NUOVO POLO DI CRESCITA NEL SUD DELLA RUSSIA A REGIONE DI KRASNODAR: NUOVO POLO DI CRESCITA NEL SUD DELLA RUSSIA Anche nella regione di Krasnodar un distretto industriale italiano. La regione per prima ha aperto una propria Rappresentanza ufficiale

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest

Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest 16 Jarai 24-05-2000 9:46 Pagina 135 135 Zsigmond Járai Ministro delle Finanze dell Ungheria, Budapest L integrazione con l Unione Europea, la rapida crescita economica, un migliore equilibrio finanziario

Dettagli

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi

Dove Famiglia SpA assorbe la crisi Nel 200 si prevede che la ricchezza finanziaria delle famiglie in Europa centro-orientale raggiungerà i 1 miliardi di euro, sostenuta da una forte crescita economica e da migliorate condizioni del mercato

Dettagli

Il Sole 24 Ore. Giovedì 31 Gennaio 2008. (pag.25) - 1 -

Il Sole 24 Ore. Giovedì 31 Gennaio 2008. (pag.25) - 1 - RASSEGNA STAMPA Il Sole 24 Ore (pag.25) - 1 - Milano Finanza (pag.25) - 2 - Italia Oggi (pag.48) - 3 - Corriere della Sera (pag.35) - 4 - Libero Mercato (pag.5) - 5 - La Prealpina (pag.21) - 6 - La Provincia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Investimenti Esteri Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 3 INVESTIMENTI ESTERI La Russia ha ricevuto negli ultimi anni ingenti investimenti esteri. Nel 2013 gli investimenti

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere.

Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. 30 Novembre 2015 Commodities: tra rischi e opportunità da cogliere. Tutto è iniziato lo scorso novembre con la riunione dell OPEC (Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), durante la quale è

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON

AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON AUDIZIONE DELLE COMMISSIONI RIUNITE X E XIII PACCHETTO UNIONE DELL ENERGIA INTERVENTO DELL ING. BRUNO LESCOEUR AMMINISTRATORE DELEGATO DI EDISON Onorevole Presidente Mucchetti, Onorevole Presidente Marinello,

Dettagli

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA

LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA 593 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LA GRANDE CRISI DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO 18 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nell ultima riunione Ecofin del

Dettagli

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica

Aprile 2014. Nota congiunturale sintetica Aprile 2014 Nota congiunturale sintetica Eurozona La dinamica degli indicatori di fiducia basati sulle indagini congiunturali fino a marzo è coerente con il perdurare di una crescita moderata anche nel

Dettagli

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007

SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 COMUNICATO STAMPA BIENNE, 14 MARZO 2008 SWATCH GROUP: CIFRE PRINCIPALI 2007 Utile netto supera per la prima volta il tetto di 1 miliardo di CHF. Margine operativo migliorato a 21.9% (anno precedente 20.2%);

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Principali Aree Economiche della Russia Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 5 PRINCIPALI AREE ECONOMICHE DELLA RUSSIA Come dimostrano i grafici seguenti, l economia

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Notiziario della C.C.I-MD Anno I, Nr. 004, Novembre, 2008

Notiziario della C.C.I-MD Anno I, Nr. 004, Novembre, 2008 Notiziario della C.C.I-MD Anno I, Nr. 004, Novembre, 2008 Rep. Moldova, Chisinau, MD-2012 Str. Vlaicu Pircalab 63 etajul 5, of.a2 tel: +373 22 855600 / fax: +373 22 855666 web:www.ccimd.eu / e-mail: info@ccimd.eu

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Risultati al 31 Marzo 2010

COMUNICATO STAMPA. Risultati al 31 Marzo 2010 COMUNICATO STAMPA Risultati al 31 Marzo 2010 Vendite di cemento e di calcestruzzo preconfezionato in diminuzione rispettivamente del 19,6% e del 14,1% La domanda debole e le avverse condizioni climatiche

Dettagli

IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA

IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA IL PROGETTO NABUCCO E LA CONCORRENZA RUSSA FRANCESCO F. MILAN GIUGNO 2009 Nel 2006, mentre le grandi compagnie di diversi paesi europei, dopo aver concluso gli studi preliminari sulla fattibilità dell

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009

Rapporto Ice 2009-2010. L Italia nell economia internazionale. 2007 2008 2009 (1) quota Var % 2008/2009 234 contributi L Italia nei mercati internazionali dell energia: effetti della crisi e strategie delle imprese nazionali di Matteo Verda * La crisi e i mercati dell energia La contrazione dell economia

Dettagli

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri

RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014. Parte 2 Mercati Esteri an event by RAPPORTO ASSALCO ZOOMARK 2014 ALIMENTAZIONE E CURA DEGLI ANIMALI DA COMPAGNIA Parte 2 Mercati Esteri Con la collaborazione di IL CONTESTO INTERNAZIONALE Panoramica europea del petcare Pag.

Dettagli

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio.

Relazione Annuale. Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013. anno 2012 centodiciannovesimo esercizio. anno centodiciannovesimo esercizio Presentata all'assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 31 maggio 2013 esercizio CXIX 16. Il sistema finanziario Gli andamenti nell anno Nel il sistema finanziario

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate:

Le principali modifiche sui target economici conseguenti all aggiornamento del Piano Strategico 2009-2011 appena approvato sono di seguito riportate: COMUNICATO STAMPA GABETTI PROPERTY SOLUTIONS RIORGANIZZA L INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE, AGGIORNA IL PIANO STRATEGICO 2009-2011 E LANCIA UN NUOVO PRESTITO OBBLIGAZIONARIO Conversione al modello del franchising

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO

GERMANIA IL MERCATO TURISTICO GERMANIA IL MERCATO TURISTICO Superficie: 357.021 kmq Popolazione: 83.251. Densità: 230 ab/kmq Lingua: Tedesco Religione: Protestanti, Cattolici Capitale: Berlino Forma istituzionale: Repubblica Federale

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

Business Forum Italia Russia Mosca, San Pietroburgo, Ekaterinburg. Krasnodar, Novosibirsk- 5-9 aprile 2009

Business Forum Italia Russia Mosca, San Pietroburgo, Ekaterinburg. Krasnodar, Novosibirsk- 5-9 aprile 2009 Seminari di presentazione 19 Gennaio: Roma - Unione degli Industriali e delle imprese di Roma 20 Gennaio: Milano - Assolombarda 21 Gennaio: Vicenza - Unindustria Vicenza 22 Gennaio: Bologna - Unindustria

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015

Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Outlook trimestrale del Centro Studi AIB su euro/dollaro, Brent e metalli industriali Gennaio marzo 2015 Euro/dollaro Le dinamiche divergenti delle politiche monetarie di FED e BCE hanno portato nei primi

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria

Strategia d investimento obbligazionaria Strategia d investimento obbligazionaria Valutazione del mercato Analisi delle variabili del reddito fisso Strategia d investimento per gli asset obbligazionari Bollettino mensile no. 7 luglio A cura dell

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA

Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA La liberalizzazione elettrica italiana e i principali effetti sul mercato, sulla politica energetica, sulle imprese e sull occupazione Documento sull esperienza

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani.

SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani. SWISSCHAM-AFRICA: il Suo partner per ogni attività economica nell'africa. Disponiamo di una valente rete di contatti nei differenti paesi africani. Siamo membro dell'ebcam (European Business Council for

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

I rischi sono più vicini di quello che sembrano

I rischi sono più vicini di quello che sembrano Attenzione! I rischi sono più vicini di quello che sembrano 9 maggio, 2011 Dopo un eccezionale rally dell euro, in cui la moneta unica è passata dal livello di 1,25 dollari a 1,5 dollari, le preoccupazioni

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map LIBANO Capitale Beirut Popolazione (milioni) 4,06 73/100 71/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 64,31 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Le tendenze globali della produzione di generi alimentari: meno quantità e più qualità

Le tendenze globali della produzione di generi alimentari: meno quantità e più qualità Conferenze stampa Anuga 2015 Le tendenze globali della produzione di generi alimentari: meno quantità e più qualità Dal 10 al 14 ottobre 2015 la fiera del Food & Beverage più grande e importante al mondo

Dettagli

Fare Affari in Russia

Fare Affari in Russia Federazione Russa Fare Affari in Russia Commercio Estero Agenzia ICE Mosca Settembre 2014 4 COMMERCIO ESTERO La Russia svolge un ruolo importantissimo nel commercio mondiale. Da un lato, esporta materie

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

Dati generali e indici di rischio

Dati generali e indici di rischio ANGOLA Dati generali e indici di rischio Capitale Luanda Popolazione (milioni) 20,82 61/100 80/100 70/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 131,79 controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013

COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013 COMUNICATO STAMPA SAIPEM: Previsioni riviste sui risultati del 2012 e previsioni per l esercizio 2013 Previsioni 2012 in leggero calo dopo l esame dell andamento e delle prospettive dei contratti in portafoglio

Dettagli

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI CASALGRASSO E SANT ALBANO STURA SOCIETÀ COOPERATIVA in qualità di Emittente CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO BCC Casalgrasso S.Albano

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA

NOTA DI SINTESI PROGRAMMA Società cooperativa per azioni Sede sociale: Vicenza, Via Btg. Framarin n. 18 Iscritta al n. 1515 dell Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari, codice ABI 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare di

Dettagli

fino a 6,73 euro, da cui è disceso il rapporto di 1,194 azioni ordinarie Intesa Sanpaolo per ciascuna azione Carifirenze.

fino a 6,73 euro, da cui è disceso il rapporto di 1,194 azioni ordinarie Intesa Sanpaolo per ciascuna azione Carifirenze. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: I CONSIGLI APPROVANO L ACCORDO CON ENTE CASSA DI RISPARMIO DI FIRENZE PER L ACQUISIZIONE DEL CONTROLLO DI CARIFIRENZE - Intesa Sanpaolo acquisirà il 40,3% del capitale

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Problematiche generali

Problematiche generali Problematiche generali Secondo la Banca centrale, tra luglio e settembre il debito estero della FR, per la prima volta dal luglio dell anno scorso, e` diminuito di $19,2 miliardi ed al primo ottobre ammontava

Dettagli

Russia Scheda Paese marzo 2013

Russia Scheda Paese marzo 2013 Russia Scheda Paese marzo 2013 Dipartimento Promozione dell'internazionalizzazione Area Agro-alimentare Tel.: 06-59926707 agro.alimentari@ice.it A cura di: Pietro Simonelli Impaginazione e grafica Vincenzo

Dettagli

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA

10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA 10 MOTIVI PER INVESTIRE IN EUROPA Agosto 2012 In questo momento l'europa va tutt'altro che evitata e riteniamo che l'attenzione che gravita intorno ai problemi fiscali abbia creato un'opportunità d'investimento,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE

CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI DI GARANZIE PER LA PRIMA VOLTA IN CONTRAZIONE COMUNICATO STAMPA Il Sistema Confidi al centro dello studio curato da Fondazione Rosselli, Gruppo Impresa, Unicredit in collaborazione con l Università degli Studi di Torino CONFIDI, UN SISTEMA DA 21 MILIARDI

Dettagli

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1

Rinnovabili 2015. Energia felice. Roberto Meregalli 1 Energia felice Roberto Meregalli 1 L Italia è uno dei paesi più avanzati in Europa e nel mondo in materia di energie rinnovabili. Ricordiamo che già lo scorso anno abbiamo raggiunto il target previsto

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

Crisi Grecia: Nuove Previsioni del Fmi e Dilemmi della Troika

Crisi Grecia: Nuove Previsioni del Fmi e Dilemmi della Troika Reforming.it RN 27 Luglio 2015 Crisi Grecia: Nuove Previsioni del Fmi e Dilemmi della Troika di Amedeo Panci Nel giro di un paio di mesi il Fondo monetario internazionale ha ripetutamente rettificato le

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto )

a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto ) I Numeri della Giustizia a cura di Irene Testa (Associazione Radicale Detenuto Ignoto ) Fonti: Le analisi di Confindustria, Confartigianato, Banca d Italia e Banca Mondiale Vediamolo nei numeri, questo

Dettagli

SPRECO ALIMENTARE. Link utili - Esempi di campagne e iniziative

SPRECO ALIMENTARE. Link utili - Esempi di campagne e iniziative SPRECO ALIMENTARE Nel mondo si sprecano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo all anno, equivalenti a circa un terzo della produzione totale di cibo destinato al consumo umano. Un quantitativo che, se recuperato,

Dettagli

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana

BIELORUSSIA 81/100 70/100 81/100 53/100 81/100 71/100. Contesto Politico. Esproprio e violazioni contrattuali. Mancato pagamento controparte sovrana BIELORUSSIA Capitale Minsk Popolazione (milioni) 9,34 81/100 70/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 150,42 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map KAZAKISTAN Capitale Astana Popolazione (milioni) 17,23 41/100 71/100 83/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 243,56 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

I mercati finanziari, l economia mondiale e il prezzo del petrolio

I mercati finanziari, l economia mondiale e il prezzo del petrolio I mercati finanziari, l economia mondiale e il prezzo del petrolio Torino, 20 ottobre 2004 Schema della presentazione Il rallentamento dell economia USA Alcuni indicatori macroeconomici per quantificarlo

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

L economia australiana brilla sulle altre

L economia australiana brilla sulle altre L economia australiana brilla sulle altre 28 marzo 2011 Le stime sulla crescita per molti paesi sviluppati hanno subito una flessione a causa della tragedia che continua a investire il Gippone, uno dei

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 BENESSERE CASA BELLEZZA RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ ANNO 2012 Il potenziale imprenditoriale in Italia in tempo di crisi RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITÀ IN EUROPA E IN ITALIA ANNO 2012 CASA

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Prospettive in breve

Prospettive in breve OECD-FAO Agricultural Outlook 2009 Summary in Italian Prospettive OCSE-FAO sull agricoltura 2009 Sintesi in italiano Prospettive in breve Il contesto macroeconomico che fa da sfondo alle presenti prospettive

Dettagli

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008

Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione In questa edizione: Notizie Europee dal 17 al 29 novembre 2008 Consumatori: inaugurato un nuovo master

Dettagli

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia

Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Camera dei deputati Informativa urgente del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan sugli sviluppi della situazione del debito della Grecia Roma, 1 luglio 2015 www.mef.gov.it 1 Il

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE

BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DEL VENEZIANO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETÀ COOPERATIVA Sede legale: via Villa 147 30010 Bojon di Campolongo Maggiore (VE), Sede amministrativa: riviera Matteotti 14 30034 Mira (VE) Iscritta

Dettagli

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile

Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile Gennaio 2015 Analisi Macroeconomica e Strategia di Investimento Aggiornamento Mensile Gennaio 2015 (Versione Italiana) SCENARIO

Dettagli

Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre

Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre Geopolitica e trasporto di energia ovvero come può il commercio aiutare a conoscersi e allontanare le guerre Antonio Sileo IEFE - Università Bocconi GREEN WEEK 2015, Padova 19 febbraio Contesto L energia

Dettagli

Informazioni stampa MAN SE. Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record. Monaco di Baviera, 14.02.2012

Informazioni stampa MAN SE. Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record. Monaco di Baviera, 14.02.2012 MAN SE Bilancio di esercizio 2011: MAN registra un fatturato record Fatturato: 16,5 miliardi di Euro (anno precedente: 14,7 miliardi di ) Ordini pervenuti: 17,1 miliardi di Euro (15,1 miliardi di ) Reddito

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli