UNO SGUARDO VERSO IL FUTURO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNO SGUARDO VERSO IL FUTURO"

Transcript

1

2 MANAGERITALIA TORINO BILANCIO SOCIALE 2014 UNO SGUARDO VERSO IL FUTURO Manageritalia Torino - Bilancio sociale

3 Manageritalia Torino - Bilancio sociale

4 Sommario 1. Lettera del Presidente Metodologia... 7 Linee di riferimento... 7 Obiettivi e perimetro del presente documento Identità... 8 Manageritalia... 8 Manageritalia Torino: la nostra storia Renzo Scianca Assetto istituzionale e governance: il capitale umano La governance a livello territoriale in Piemonte e Valle d Aosta La nostra partecipazione alla governance nazionale Il livello operativo I dipendenti La Vision: alleanze e solidarietà Gli stakeholder I Gruppi di lavoro: finalità Il Piano Operativo: un ruolo più incisivo Azioni e risultati Lo scenario Promuovere la managerialità nel sistema politico e istituzionale CIDA Manager e alte professionalità per l Italia #Prioritalia: meeting dei manager Elezioni Regionali Rappresentare gli interessi degli associati Il Contratto di Lavoro Governance Orientare e supportare gli associati Consulenza Contrattuale e Sindacale Consulenza Legale AskMit Assistenza Sanitaria Integrativa - Fasdac Assistenza Sanitaria Integrativa Carlo De Lellis Previdenza Complementare Integrativa Fondo Mario Negri Il Programma Assicurativo Contrattuale - Associazione Antonio Pastore Servizio di Patronato e Consulenza Fiscale Favorire lo sviluppo della rete professionale dell associato e dell associazione Osmosi Incontro nuovi iscritti Gruppo Giovani Manager Gruppo Donne Manager Gruppo Pensionati Gruppo Attività culturali sociali e ricreative Festa degli Auguri Manageritalia Torino - Bilancio sociale

5 Valorizzare la professionalità dei manager Produttività & benessere Gruppo di lavoro Manager in Attività Quadri ed Executive Professional La formazione e l aggiornamento - CFMT Politiche attive, servizi per la ricollocazione ed interventi a contrasto della crisi FONDIR Diffondere la cultura manageriale Youmanager Talenti manageriali Imagine - Community Giovani Talenti Ponte sul Futuro Consegna borse di studio e attestati di assiduità d iscrizione La comunicazione Diffondere la responsabilità sociale Il Gruppo Volontariato Professionale Etica e responsabilità sociale d impresa Promuovere l innovazione nel settore terziario Innovazione organizzativa per le imprese Forum dell innovazione terziaria Prospettive di miglioramento Ringraziamenti Manageritalia Torino - Bilancio sociale

6 1. Lettera del Presidente Le tre regole del lavoro: 1. Esci dalla confusione, trova semplicità. 2. Dalla discordia, trova l armonia. 3. Nel pieno delle difficoltà risiede l occasione favorevole. Albert Einstein Care e cari colleghi, in una organizzazione ci sono momenti che invogliano a capire e ad approfondire le attività che si svolgono per valutare la loro coerenza con gli obiettivi che si intendono perseguire. Questi momenti coincidono spesso con i passaggi importanti della vita lavorativa, in cui si avverte che si modificano le condizioni e che si deve essere al passo con i tempi per affrontare il cambiamento diventato ormai una regola nel mondo attuale. Con queste considerazioni, con grande soddisfazione, a nome del Consiglio Direttivo e del personale della struttura, ci accingiamo a presentare per il secondo anno il Bilancio Sociale di Manageritalia Torino che abbiamo realizzato, convinti che rappresenti uno strumento essenziale per la verifica e la comunicazione dei risultati raggiunti. Il Bilancio Sociale in sintesi è uno strumento di dialogo aperto e costruttivo con il mondo esterno che contribuisce all interazione con tutti coloro che sono al tempo stesso fruitori ed attori dei servizi resi dall Associazione. Esso offre informazioni che vanno ad aggiungersi, non a sostituire i tradizionali documenti di rendicontazione contabile di natura economico-finanziaria. Ingloba informazioni prevalentemente focalizzate su aspetti economici e le integra in una visione sociale volta a comunicare gli elementi che caratterizzano i valori, ne ispirano l azione e le risorse disponibili per il perseguimento dei fini istituzionali, i risultati raggiunti e gli obiettivi di miglioramento ritenuti opportuni. Inoltre, è uno strumento per mettersi in discussione al proprio interno, per verificarne la corrispondenza con gli obiettivi e i programmi di azione. Desidero sottolineare che questo lavoro è frutto dell insieme delle molteplici esperienze di tutti coloro che hanno partecipato alla redazione. Non è un lavoro imposto dall esterno, ma è la sintesi degli elementi positivi e non che sono emersi nell ultimo anno ed in quello precedente. Il Bilancio Sociale che presentiamo è, insomma, frutto di un progetto complesso, impegnativo e, come tale, è il risultato di un lavoro di squadra che ha richiesto il contributo di tutti coloro che a vario titolo operano all interno ed a supporto dell Associazione. Un testo, quindi, non autoreferenziale, che oltre a fornire un quadro esaustivo della realtà dell Associazione e della sua evoluzione, mette a disposizione degli organi di governo significative valutazioni delle attività svolte, anche verso il territorio di riferimento. In questo senso esso costituisce anche un utile mezzo di verifica delle attività dell Associazione, in grado di funzionare sia come supporto nei processi decisionali, sia come promozione nello sviluppo di una cultura interna di valutazione e di riconoscimento del merito. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

7 Manageritalia Torino, oltre a fornire ottimi servizi, ha necessità di avere maggiore visibilità nella società civile, ha bisogno di rendere evidente il proprio impegno nei confronti dei propri iscritti, dei partner e dei fornitori. Dal mio punto di vista questi aspetti sono ancora più evidenti in una Associazione di dirigenti, quadri e professional, come la nostra. Penso che la soddisfazione non possa non essere condivisa da tutte le persone coinvolte nella nostra organizzazione. Quest anno abbiamo continuato il lavoro svolto nei progetti del Piano Operativo. I progetti hanno fornito un grande slancio verso la compartecipazione qualificata delle Associazioni Territoriali nei propri Consigli Direttivi. L altro importante elemento che ha caratterizzato l Associazione è il lavoro dei gruppi: Manager in Attività, Giovani Manager, Donne, Pensionati, Volontariato professionale, Attività culturali, sociali e ricreative, infine l Area Quadri, Professional ed il progetto Fiocco in Azienda. Negli ultimi anni abbiamo intensificato le nostre attività anche attraverso la partecipazione volontaria nei gruppi di lavoro dei numerosi associati, che hanno dedicato tempo nelle varie iniziative di formazione, culturali e di orientamento lavorativo (in particolare ai figli dei nostri associati). La scelta è finalizzata ad attivare un sistema di maggiore coinvolgimento partecipativo, valorizzando i nostri iscritti, siano essi dirigenti, quadri o professional. Ovviamente occorre tener presente il difficile momento che stanno attraversando i nostri colleghi da alcuni anni a questa parte, situazione che ha toccato molti con la perdita del posto di lavoro e i conseguenti problemi personali e familiari che possono esserne derivati. Questo documento vuole anche, in un certo senso, far capire che siamo vicini a loro, evidenziando in chiaro il nostro modo di operare. Non bisogna dimenticare l attività quotidiana che realizza la nostra struttura e il lavoro svolto nella redazione del fascicolo presentato nell Assemblea che forniva già molti dati del presente bilancio sociale. Il nostro intento è quello di rendere partecipi maggiormente gli stakeholder, i partner, i fornitori e tutti coloro che sono vicini al nostro mondo, per far comprendere meglio l Associazione, cosa fa e cosa potrà fare in futuro. La speranza è che questo sia un significativo passo di un nuovo ampio progetto di comunicazione e un percorso per appassionare e legare chi ci sta intorno. Nella consapevolezza del limite di ogni resoconto, che non darà mai abbastanza ragione della passione dei colleghi che hanno contribuito alla redazione, si spera di aver prodotto uno strumento utile ed esplicativo. Questo Bilancio Sociale vuole essere uno strumento prezioso per valutare e migliorare le performance dell Associazione, valorizzare una strategia comunicativa diffusa e trasparente, consolidare e sviluppare i rapporti con gli stakeholder; quindi, in definitiva, dare continuità a una solida tradizione e rafforzare sempre i valori che sono patrimonio distintivo della nostra organizzazione. Voglio, dunque, ringraziare tutti coloro che hanno portato le loro idee, il loro lavoro e la loro esperienza, certo di poter contare sulla loro disponibilità ad essere coinvolti nel proseguimento del processo di rendicontazione sociale. Infine, voglio esprimere fin d ora un ringraziamento non formale a tutti coloro ai quali è destinato questo documento e che, come osservatori interni o esterni all Associazione, vorranno comunicarci la loro valutazione sui contenuti di questo secondo Bilancio Sociale. A tutti un plauso ed un vivo grazie. Silvio Tancredi Massa Presidente Manageritalia Torino Manageritalia Torino - Bilancio sociale

8 2. Metodologia Linee di riferimento Questo documento nasce da due riferimenti metodologici: le Linee guida Sustainability Reporting Guidelines definite dalla G.R.I. (Global Reporting Initiative), che sono attualmente tra gli standard più accreditati a livello internazionale; il lavoro svolto da Manageritalia Roma come Project leader nazionale del progetto Etica e Responsabilità Sociale, che ha elaborato le linee guida per la redazione del Bilancio sociale che costituirà il riferimento metodologico per tutte le altre associazioni territoriali. Naturalmente, le linee guida GRI sono elaborate e diffuse pensando principalmente ad aziende di produzione con finalità di lucro, spesso di dimensioni multinazionali. Per questa ragione, abbiamo potuto usarle solo come elemento di riferimento e confronto, tenendo presente la profonda differenza che caratterizza un associazione di rappresentanza di interessi come la nostra. Obiettivi e perimetro del presente documento È importante chiarire fin dall inizio quali sono gli obiettivi che hanno portato Manageritalia Torino a iniziare a pubblicare il proprio Bilancio sociale. L Associazione, ovviamente, redige e comunica il Bilancio economico-patrimoniale, sia preventivo, sia consuntivo. La finalità del documento è di informare in modo chiaro e dettagliato sulla situazione patrimoniale e sull andamento economico dell anno. Il Bilancio sociale fornisce dati che permettono ai lettori una valutazione precisa in merito all affidabilità etica dell associazione, al suo impatto sui fenomeni sociali con i quali viene in contatto (i suoi rapporti con dipendenti, clienti, fornitori, comunità locali, pubblica amministrazione, associazionismo, ecc.). In sintesi potremmo dire che con il Bilancio sociale l associazione dimostra che, benché la sua attività sia condizionata anche dal valore economico-patrimoniale, nel farlo riesce a non perdere di vista e anzi spesso a migliorare anche altri valori - quelli sociali appunto attraverso condotte eticamente corrette, finanziamenti ad attività di utilità pubblica, lavoro di rete con le Istituzioni, ecc. Questi sono dunque i perimetri dei due documenti (il Bilancio d esercizio e il Bilancio sociale) in un organizzazione la cui finalità sociale non è una conseguenza (importante ma secondaria), bensì il cuore stesso dell attività. Lo scopo statutario di Manageritalia Torino è infatti di natura sindacale, assistenziale, previdenziale, culturale e in generale di promozione del ruolo delle categorie rappresentate. Occorre quindi che i due documenti s integrino e non si sovrappongano, come sotto riportato: BILANCIO Economicopatrimoniale Sociale CONTENUTO Documenta l attività core, quella che risponde alle finalità associative riportando per ogni anno il dettaglio delle voci che compongono lo Stato Patrimoniale e il Conto Economico, oltre alla pianificazione delle attività da svolgere. Si articola su un documento previsionale e uno di consuntivo. Documenta la correttezza dell azione, l efficacia sociale per il territorio, la partecipazione alla rete delle Istituzioni di riferimento, la collaborazione con altre realtà della formazione, della ricerca, dello sviluppo d impresa, dell assistenza, dell associazionismo e del volontariato. Il tutto a livello locale e, nel rispetto dei ruoli, anche ai livelli nazionale e internazionale. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

9 3. Identità Manageritalia Manageritalia - Federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional del commercio, trasporti, turismo, servizi, terziario avanzato - è oggi l'organizzazione apartitica di riferimento nella rappresentanza degli interessi collettivi, istituzionali, contrattuali, sociali, professionali e culturali, nella tutela e nell'assistenza dei dirigenti, quadri e professional del terziario e dei servizi. Con sede a Roma e Milano, è presente con 13 Associazioni e 10 Delegazioni Territoriali che coprono tutte le regioni d'italia. È strutturata centralmente e sul territorio per essere vicina ai suoi associati, con servizi qualificati e consulenze personalizzate. Garantisce l esistenza di un sistema completo di tutele e servizi: assistenza sanitaria integrativa, previdenza integrativa, coperture assicurative e formazione professionale permanente. Un welfare privato, unico nel suo genere, che viene aggiornato e sviluppato nel tempo per anticipare e rispondere ai continui cambiamenti demografici, sociali e di impresa. Promuove e valorizza il ruolo e il contributo del management allo sviluppo economico e sociale del Paese. Manageritalia opera a livello nazionale e locale rappresentando gli associati nella stipula dei contratti collettivi (dei settori: commercio, trasporti, alberghi, agenzie marittime, magazzini generali), nelle vertenze collettive e nei rapporti con Enti, Autorità e Istituzioni. Le linee guida strategiche della Federazione sono elaborate a livello centrale, una volta programmate, sono individuate e distribuite le risorse necessarie per attivarle e per sostenere le azioni dei piani operativi territoriali, verificando infine i risultati ottenuti. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

10 Le tappe fondamentali nella storia della Federazione: 1945 Nasce Andac: Associazione nazionale dei dirigenti di aziende commerciali 1947 Assume struttura federale e diventa Fendac: Federazione nazionale dirigenti aziende commerciali 1948/ Firma i primi contratti collettivi per i dirigenti di aziende commerciali, di trasporto e spedizione Crea il FASDAC, Fondo di assistenza sanitaria (Mario Besusso) Crea il FPDAC, Fondo di previdenza integrativa (poi Mario Negri) Negli anni 60' vengono stipulati i primi contratti collettivi per i dirigenti d'albergo, magazzini generali e agenzie marittime Fonda le basi per quello che diventerà nel 1998 il programma assicurativo contrattuale Convenzione Antonio Pastore Crea Fendac Servizi, oggi Manageritalia Servizi Srl, società di editoria, marketing e comunicazione Tramite le rispettive società di servizi Fendac e Confcommercio costituiscono Assidir Srl, intermediario assicurativo 1992 Viene istituito il CFMT, centro di formazione per il management del terziario Fendac apre a nuove figure manageriali (quadri e professional) e varia la denominazione in Manageritalia CFMT, Manageritalia e Confcommercio danno vita a Cibiesse, una nuova scuola di formazione manageriale Manageritalia Servizi controlla GPA Wide Group Srl società nata nel 1981 per offrire una serie di servizi relativi alla gestione e manutenzione del sistema informativo Manageritalia Torino - Bilancio sociale

11 In seguito alle nomine avvenute a fine 2014 ecco il quadro attuale: Guido CARELLA - Presidente Alessandro BALDI - Vicepresidente Mario MANTOVANI - Vicepresidente Marco Ballaré Luigi Catalucci Pietro Luigi Giacomon Alberto Corsi Silvestre Bertolini Marco Cosma Fabrizio Pulcinelli Alessandro Vecchietti Alessandro Baldi Roberto Saliola Marisa Montegiove Manageritalia Torino - Bilancio sociale

12 Manageritalia Torino: la nostra storia Manageritalia Torino è l organismo che rappresenta manager del commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato in Piemonte e Valle d Aosta. L'Associazione fornisce a tutti i suoi iscritti, dirigenti quadri e professional, un sistema completo di servizi e consulenze, li coinvolge e li rende partecipi delle attività istituzionali, organizza e propone incontri formativi e di approfondimento, attività culturali e per il tempo libero. È un unità operativa con autonomia organizzativa, gestionale e amministrativa ed opera in sintonia con le norme federali. Ha propri organi direttivi e di controllo, oltre ad essere il vero punto di contatto con gli associati. Manageritalia Torino trova la sua origine nell Associazione Dirigenti Piemonte, costituita il 12 gennaio Il 5 febbraio 1946 il Consiglio Direttivo dell Associazione si riunì per la prima volta dopo la fine della guerra e il 23 febbraio dello stesso anno aderì ufficialmente all ANDAC variando conseguentemente la denominazione in APDAC (Associazione Piemontese dei Dirigenti di Aziende Commerciali, dei Trasporti, dei Servizi, Ausiliarie, e del Terziario Avanzato). L 11 ottobre 2003 l Assemblea dell APDAC ha deliberato di variare la denominazione in Manageritalia Torino. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

13 Renzo Scianca Nel mese di luglio 2014 è mancato improvvisamente il Revisore dei Conti di Manageritalia Torino Rag. Renzo Scianca. Renzo Scianca è stato uno dei pilastri di Manageritalia: Presidente del Fondo Mario Negri, Fondatore del club CIDA Piemonte e successivamente Presidente Unione Regionale Cida Piemonte, è stato consigliere Fendac, Fendac Servizi e Membro di Giunta Manageritalia Torino. Il Vicepresidente Manageritalia e Presidente del Fondo Mario Negri, Alessandro Baldi, lo ricorda così: Lorenzo Guerriero (Ndr storico Presidente Fendac Manageritalia) riunì i componenti Manageritalia del consiglio di amministrazione e ci chiese chi pensassimo fosse il più adatto fra di noi a sostituirlo nella funzione di Presidente del Fondo Mario Negri: non ci furono dubbi ne tentennamenti e unanimemente indicammo Renzo Scianca. Così inizio la nostra collaborazione, stima reciproca e infine profonda amicizia. Da allora ci siamo scambiati consigli, pareri, valutazioni, impressioni, conforto; in ambito lavorativo, certo, (competenza e attaccamento al sindacato emergevano fra le innumerevoli qualità) ma soprattutto nel personale con allegria e grande umanità. Un immenso grazie a Renzo. Tra le varie attività e proposte pensate in memoria di Renzo Scianca è stato deliberato dal Consiglio Direttivo di intitolare le Borse di Studio assegnate, ai figli meritevoli di quadri, professional e aderenti di Manageritalia Torino, a suo nome. Nel marzo 2015 la premiazione delle Borse di Studio è avvenuta in presenza della Sig.ra Scianca. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

14 Assetto istituzionale e governance: il capitale umano La governance a livello territoriale in Piemonte e Valle d Aosta Organo Politico Assemblea Presidenza Giunta Esecutiva Consiglio Direttivo Collegio dei Revisori Collegio dei Probiviri Livello Operativo Segretario Generale Assistenza Sindacale Assistenza Sanitaria Segreteria Amministrazione ASSEMBLEA Organo di indirizzo politico e strategico dell Associazione, si riunisce almeno due volte l anno, entro il mese di giugno ed entro il mese di dicembre, comunque prima delle assemblee annuali della Federazione. L Assemblea è costituita da tutti gli iscritti in regola con il pagamento dei contributi associativi. All Assemblea compete principalmente: determinare l indirizzo generale dell attività dell Associazione; procedere ogni quattro anni all elezione dei componenti il Consiglio direttivo, il Collegio dei Revisori dei conti e il Collegio dei Probiviri; approvare ogni anno il bilancio consuntivo ed il bilancio preventivo dell Associazione; deliberare sulla misura dei contributi associativi annui; Manageritalia Torino - Bilancio sociale

15 PRESIDENTE Ha la rappresentanza legale dell Associazione ed attua le determinazioni del Consiglio Direttivo e della Giunta Esecutiva, impartendo le direttive conseguenti ed assumendo le iniziative necessarie per le delibere e gli adempimenti statutari. Il Presidente è nominato tra i componenti eletti dall Assemblea, il suo mandato è quadriennale e non può essere rinnovato dopo due mandati consecutivi. Partecipando ai Comitati di Presidenza convocati dalla Federazione, fa in modo che le linee guida indicate dalla stessa si traducano in linee operative per l associazione territoriale. A tal fine, convoca circa una volta al mese la Giunta Esecutiva ed il Consiglio Direttivo per aggiornare rispetto alle delibere adottate dai Comitati di Presidenza e per decidere come tradurre operativamente le idee proposte. Mantiene inoltre le relazioni con gli stakeholder. VICEPRESIDENTI DI AREA Il Consiglio Direttivo elegge nel proprio ambito due Vicepresidenti di area, i quali: 1. agiscono in collegamento con i rispettivi responsabili di area di Manageritalia e forniscono al Presidente il sostegno per garantire il mantenimento degli standard operativi e di erogazione dei servizi; 2. sviluppano piani relativi alle aree di pertinenza, organizzando le appropriate coperture finanziarie da sottoporre all approvazione degli Organi direttivi sociali competenti. I Vicepresidenti di area che abbiano svolto tre mandati consecutivi non possono essere rieletti per il successivo mandato. GIUNTA ESECUTIVA Organo di proposta, di gestione e di governo dell Associazione, nell'ambito delle determinazioni del Consiglio Direttivo. CONSIGLIO DIRETTIVO Organo di attuazione delle linee di indirizzo e delle risoluzioni espresse dall Assemblea. Viene eletto dall Assemblea dei Soci ogni quattro anni. COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Organo di controllo finanziario e amministrativo dell Associazione ed è costituito da tre Revisori effettivi e due supplenti, eletti ogni quattro anni dall'assemblea. COLLEGIO DEI PROBIVIRI Organo giudicante dell Associazione ed è costituito da tre a cinque membri effettivi, oltre due supplenti, eletti ogni quattro anni dalla Assemblea, fra gli iscritti che abbiano almeno 45 anni di età e cinque di iscrizione. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

16 Nel 2012 sono state effettuate le elezioni per il rinnovo dei mandati conferiti ai componenti del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Probiviri e del Collegio dei Revisori dei Conti. Ad oggi la squadra è la seguente: PRESIDENTE Silvio Tancredi Massa VICEPRESIDENTI Alfredo Lanfredi Daniele Testolin GIUNTA ESECUTIVA (OLTRE AI PRECEDENTI) Giuseppe Candela Nicola Longo Roberto Sandri Giachino Claudio Trucato CONSIGLIO DIRETTIVO (OLTRE AI PRECEDENTI) Giuseppe Bruno Maurizio Coriasso Angelo Dezzani Piero Griginis Rosella Griginis - Valeriano Pantanetti Claudio Pasini Claudio Saporito COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Presidente Ercole Svaicari Membri effettivi Giuseppe Mosca Vittore Rizzo Membri supplenti Paolo Veglia COLLEGIO DEI PROBIVIRI Presidente Giulio Airaghi Membro effettivo Luigi Rosso AREA QUADRI Rappresentante Dario Dadone Membro supplente Elena Nara AREA PROFESSIONAL Rappresentante Guido Giaume Inoltre collaborano attivamente con Manageritalia Torino: Chiara Daviddi - consulente Smart Welfare Giovanna Giordano - coordinatrice Un Fiocco in Azienda Liliana Remolif - coordinatrice Gruppo Donne Manager Manageritalia Torino - Bilancio sociale

17 Silvio Tancredi Massa Laureato in Scienze Politiche indirizzo economico. Inizia a lavorare in un gruppo multinazionale occupandosi di organizzazione aziendale e attualmente è consulente di direzione nell area delle risorse umane gestendo principalmente la ricerca, valutazione e selezione di figure manageriali con posizioni organizzative di rilievo. Dal 1996 nel Consiglio Direttivo di Manageritalia Torino, dal 2004 in Giunta Esecutiva e dal 2008 Presidente. Dal 2008 ricopre alcuni incarichi federali. Alfredo Lanfredi Laureato in Giurisprudenza nel Esperienze sociali nella propria città come Presidente della Polisportiva e come Amministratore Locale. Dopo 15 anni di attività da dipendente in multinazionali e PMI con incarichi dirigenziali, inizia la libera professione di Avvocato. Dal 2004 nel Consiglio Direttivo di Manageritalia Torino, dal 2008 in Giunta Esecutiva e dal 2012 Vicepresidente. Dal 2011 ricopre alcuni incarichi federali. Daniele Testolin Laureato in Scienze politiche nel 1994 consegue un Master di secondo livello nel Esperienze sociali nel proprio comune come Consigliere del locale Ski Club. Dopo 13 anni di attività da dipendente del Ministero dell Interno, ha continuato l attività come Direttore di Esercizio / Direttore Commerciale e Marketing in una azienda a partecipazione pubblica e Direttore del Gabinetto della Presidenza della Regione Autonoma Valle d Aosta. Dal 2004 nel Consiglio Direttivo di Manageritalia Torino, dal 2012 Vicepresidente. Dal 2011 ricopre alcuni incarichi federali. Giuseppe Candela Nato e vissuto a Tunisi per 22 anni. Studi in lingua francese al liceo scientifico. Giunto in Italia: Il primo problema è stato la lingua che conoscevo scarsamente. Dopo aver assolto gli obblighi di leva come ufficiale di complemento ho trovato occupazione nel campo dell automobile rimanendoci per 35 anni cambiando 2 aziende e varie mansioni (dal tecnico al commerciale alla gestione). Gli ultimi 8 anni come direttore di filiale (3 anni a Roma e 5 a Milano) quest ultima filiale ha fatturato nell anno 2000 (mio ultimo anno di lavoro) 180 miliardi di lire con un organico di 80 dipendenti. Nei primi anni di lavoro, come studente lavoratore, mi sono laureato in scienze matematiche. Oggi in seno a Manageritalia Torino, come consigliere e membro di Giunta mi occupo di pensionati. Nicola Longo Laureato in Economia e Commercio all Università di Torino nel 1982, ha operato nell area Amministrazione e Controllo di Gestione di importanti Gruppi Multinazionali fino al Passato successivamente alla consulenza direzionale e alla formazione manageriale, si è specializzato in progetti di change management collaborando con oltre 500 organizzazioni, tra Aziende private e Istituzioni pubbliche, dove ha anche ricoperto il ruolo di componente di diversi Nuclei di Valutazione. E docente di management presso il CFMT ed altre corporate university ed è autore di numerosi articoli e pubblicazioni sui temi del management nelle organizzazioni pubbliche e private. Entrato in Manageritalia Torino nel 1990, dal 2008 ne è componente del Consiglio Direttivo e dal 2012 è componente della Giunta Esecutiva; è inoltre Project Leader Territoriale per "Politiche Attive" e "Prioritalia". Ha fondato nel 1986 l ATLEC (Associazione Torinese Laureati in Economia e Commercio) ed è socio del Rotary Club Milano Cordusio, dove attualmente riveste la carica di Presidente. Roberto Sandri Giachino Dopo aver acquisito nei primi anni di lavoro, una preparazione approfondita ed operativa nelle aree Risorse Umane, Commerciale, Marketing e Comunicazione, sono stato per 10 anni Direttore di Divisione ed Amministratore Delegato di società multinazionali nel campo della componentistica per auto e veicoli industriali in Francia, Turchia ed Italia. Da 14 anni sono direttore di un Museo di storia occupandomi della sua gestione. Per alcuni anni sono stato vice presidente della Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e sono membro della Giunta e del Consiglio Direttivo di Manageritalia Torino Manageritalia Torino - Bilancio sociale

18 Claudio Trucato Nato Alpignano TO 20/11/1945 Capitano in congedo della Fanteria Alpina Dirigente dal 1/1/1975 al 1/7/2002 Global Key Account Manager per un gruppo automobilistico. Consigliere di amministrazione del Fondo Mario Besusso, Fondo Assistenza Sanitaria Dirigenti Commerciali dal 1992 al Presidente di APDAC Associazione Piemontese Dirigenti di Aziende Commerciali dal 1996 al Consigliere di amministrazione del Fondo di formazione dei Manager del terziario CFMT dal 1998 al Presidente del Fondo Mario Besusso, Fondo Assistenza Sanitaria Dirigenti Commerciali dal Luglio 2002 al l ottobre Consigliere del Fondo Mario Besusso dal novembre 2014 Giuseppe Bruno Sono nato nel 1950, laureato in Ingegneria Elettronica nel 1975 presso il Politecnico di Torino ed attualmente pensionato. Dopo un breve periodo di insegnamento, ho svolto la mia attività lavorativa presso una società di consulenza di Torino. In un primo tempo ho sviluppato applicazioni software in qualità di programmatore e successivamente di analista e capo progetto. Ho prestato la mia opera presso società in un gruppo petrolifero (a Firenze, Ragusa e Ravenna), di un gruppo automobilistico (a Torino e Milano) e di un gruppo informatico, di multinazionali (a Goteborg Svezia), di medie industrie, di studi professionali e di Enti pubblici. Sono diventato dirigente nel mese di maggio 1990 e mi sono occupato di organizzazione aziendale, di personale e naturalmente di software. Facevo parte del consiglio di amministrazione di una azienda di proprietà della società di consulenza. Nel 2006, in occasione delle Olimpiadi invernali di Torino ed in collaborazione con una società americana, mi sono occupato della gestione del flusso degli spettatori nei siti olimpici. Coordinavo un team di 50 giovani plurilingui, dislocati sul territorio, nell aeroporto, nelle stazioni e negli impianti sportivi. Maurizio Coriasso Nato a Torino nel 1962 vive ad Alpignano. Sposato padre di due figlie e nonno di Cecilia. Inizia la sua attività come studente lavoratore. Dopo varie esperienze professionali all estero rientra in Italia e inizia a lavorare in un azienda automobilistica. Agli inizi degli anni 90 entra in un Istituto di ricerche Biochimiche ed inizia la carriera nel settore farmaceutico, prima nel settore informazione medica e successivamente anche in settore commerciale. Dal 1994 lavora in un azienda leader nella distribuzione del farmaco alle Farmacie, prima come Direttore vendite oggi come Direttore Commerciale. Angelo Dezzani Esperienze sia nel settore pubblico che privato. Nel privato presso case vinicole padronali e cooperative in Piemonte, Lombardia e Puglia. Ed inoltre in sindacati economici dei viticoltori. Nel pubblico presso la Regione Piemonte Assessorato Agricoltura. Da più legislature componente del consiglio di Manageritalia Torino. Iscritto all'ordine nazionale dei Giornalisti dal Presidente per due mandati del collegio dei tecnici agrari di Asti. Attualmente componente dell Assemblea Nazionale di Fondir e della CIDA MAPI. Piero Griginis Dal 1978 sono Dirigente e dal 1980 milito nelle Consigliature dell allora Apdac divenuto negli anni 2000 Manageritalia. Ciò significa che sono stato presente e partecipe al cambiamento di orientamento che è passato da una conduzione Territoriale che prevedeva un Presidente territoriale confluente in una governance centrale mentre negli anni 2000 Manageritalia, come detto, ha modificato la struttura con una conduzione centralizzata (Federazione) collegata a tutte le Sedi territoriali che pur nella loro indipendenza hanno unificato la linea gestionale e concettuale. E stata insomma una interpretazione dei tempi che esigevano dal singolo Dirigente, così come nelle Aziende da lui condotte, un filo conduttore univoco e coerente tra la testa dell azienda e la filosofia direzionale del lavoro aziendale. Questo ancor oggi, pur nella mia posizione di Pensionato, mi appassiona e vivo questi cambiamenti con particolare interesse cercando di interpretare e trasmettere le nuove politiche che avanzano nella vita di lavoro in profonda trasformazione, di cui è nostra missione essere i principali interpreti e, per quanto possibile, precursori. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

19 Rosella Griginis La mia carriera lavorativa si è sviluppata principalmente in società appartenenti al settore pubblicitario: inizialmente, presso una società Concessionaria di pubblicità di primaria importanza nazionale, acquisendo esperienza nei vari media di comunicazione come televisione, radio, stampa, ecc. in seguito, in un Agenzia italiana leader, presso la quale ho ricoperto il ruolo di dirigente, gestendo l acquisto, per le grandi Aziende nostre clienti, di spazi pubblicitari televisivi, radiofonici ecc.. Dal 1999 sono in pensione. Dal giugno 2004, nel Collegio dei Probiviri, poi Presidente Probiviri fino al Nel 2005 nel Gruppo Donne Manageritalia Piemonte, del quale sono stata la Coordinatrice per un paio di anni. Dal 2014 sono membro del Consiglio. Valeriano Pantanetti Consigliere Manageritalia Torino dal 2008, Coordinatore Gruppo Volontariato Professionale. Laureato in Ingegneria Aeronautica al Politecnico di Torino marzo Aeronautica Militare Ufficiale di complemento Aeroporto di Padova. Dal settembre 1977 impiegato presso una nota prestigiosa società multinazionale di pneumatici con la qualifica di Automotive Engineer e promosso Manager nel gennaio Responsabile dei contatti nel campo della progettazione, sviluppo e introduzione nel mercato di primo equipaggiamento degli pneumatici per autovetture, veicoli industriali, trattori e macchine movimento terra. Dal 1999 al 2006 Direttore Vendite Primo Equipaggiamento Auto nella stessa società. Dirigente Industria dal luglio1984 e Commercio dal gennaio Lingue: inglese e tedesco. Interessi: viaggi e auto d epoca. Claudio Pasini La specializzazione e le cognizioni professionali sono fortemente connesse ad una carriera di oltre 39 anni completamente effettuata nel mondo immobiliare. Nel corso degli anni ho sviluppato le mie competenze occupandomi dei vari settori immobiliari quali il property e l asset management, le attività commerciali con i principali Clienti, curando inoltre l ambito specialistico dei rapporti locativi e condominiali in campo residenziale, terziario ed industriale. Ho coordinato tutte le attività nell ambito dell ottenimento della Certificazione alle norme ISO 9000 a Società immobiliari. A completamento dell esperienza, negli ultimi anni ricopro la carica di Responsabile Risorse Umane di un Gruppo immobiliare e sono Amministratore Unico di una Società di mediazione creditizia. Attualmente sono membro del Consiglio Direttivo di Manageritalia Torino, dove ricopro anche la responsabilità del Gruppo di lavoro Manager in attività, sono membro del Consiglio Direttivo del Gruppo Dirigenti Fiat e sono iscritto alla Associazione AIDP. Claudio Saporito Classe 1963, è stato Responsabile HR di una Società di leasing e credito al consumo fino al In seguito diventa Responsabile Generale di una Società di Servizi e Direttore di un Contact Center. Nel 1998 entra in una Multinazionale leader nel mondo delle Risorse Umane. Ha gestito in qualità di Direttore di Area (Piemonte, Liguria, Lazio, Sardegna, Marche e Provincia di Varese) lo sviluppo e lo start up organizzativo dell Area. All interno della Multinazionale è stato negli ultimi anni General Manager della Società del gruppo che offriva servizi ad alto valore aggiunto (Ricerca e Selezione del personale, Formazione Manageriale, Outplacement e Consulenza HR). Nel 2007 ha fondato una Società di Ricerca e Selezione del Personale, Formazione e Consulenza in ambito HR. Formatore, eroga corsi di formazione manageriale presso le Aziende ed Enti di formazione; ha creato la prima App nella formazione manageriale insieme a Laura e Luca Varvelli. Dal 2012 è Regional Sales Director di una Società Leader nel settore della Continuità professionale (Outplacement) Ercole Svaicari Diploma ragioneria perito commerciale. Diploma in marketing università internazionale studi sociali. Diploma di amministrazione e finanza sociale università internazionale studi sociali. Revisore ufficiale dei conti e revisore contabile iscritto all albo. Stella al merito dei maestri del lavoro Premio della fedeltà al lavoro e per il progresso economico Camera di Commercio Torino Ha lavorato presso uno studio commercialista Vice capocontabile dal società di acciai utensili di Torino Direttore finanziario e amministrativo azienda acciai inossidabili direttore finanziario e amministrativo, successivamente presidente società di alluminio. Attualmente Revisore dei conti e revisori contabili in una società di commercio alluminio e prodotti derivati. Ha avuto incarichi federali come presidente del collegio sindacale e revisore dei conti in società collegate Giuseppe Mosca Diploma di perito industriale capo tecnico specializzazione edile ha lavorato nel settore dell edilizia con vari incarichi. Attualmente consulente presso una ditta nel settore della distribuzione all ingrosso e al minuto di materiali per l edilizia. Ha avuto incarichi federali in Fendac e Fendac Servizi per la quale aveva delega per la gestione ordinaria e straordinaria degli immobili di proprietà. Dal 1989 è socio del Lions Club International di Chivasso. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

20 Vittore Rizzo Controller Iscritto all'odcec (Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti contabili) Iscritto al Registro dei Revisori Legali Paolo Veglia Nato a Torino nel 1960, sono Laureato in Economia e Commercio e sono il Direttore Amministrativo e del Personale di un importante Studio Professionale di Torino in cui sono impegnati oltre 50 professionisti ed oltre 100 dipendenti. Ho precedenti esperienze in qualità di Responsabile Amministrativo e Finanziario in importanti imprese Italiane e Multinazionali. Nell attuale attività mi occupo di tutte le questioni di natura finanziaria, amministrativa ed organizzativa del lavoro e del il controllo analitico del business (sono quindi anche responsabile dei rapporti con le banche, della Contabilità Clienti e della Contabilità Fornitori per tutte le transazioni finanziarie nazionali ed internazionali). Coordino l Ufficio del Personale e mi occupo in prima persona di selezione e formazione del personale dipendente. Giulio Airaghi Nato nel 1929, ha conseguito la maturità classica. Ha lavorato per un importante azienda di spedizioni. Iscritto sin da subito a Manageritalia, ben presto si è inserito attivamente nella vita associativa, non solo come promotore ma anche partecipe. Ha portato delle conoscenze all interno per ampliare la rete Manageritalia Torino. Molto presto è stato nominato dall Assemblea ed entrato a far parte del Consiglio Direttivo. Tra le onorificenze: Cavaliere del Lavoro della Repubblica e Stelle al Merito di Manageritalia. Luigi Rosso Classe 42. Dopo la maturità classica al San Giuseppe e frequentazioni universitarie la passione x la fotografia mi porta ad impiegarmi presso un importatore come tecnico professionale. Successivamente porto la mia esperienza in un importante gruppo fotografico italiano. Una parentesi di alcuni anni x occuparmi di videodischi), stabilimento videoduplicazioni e servizi tv. Termino la carriera con la mia grande passione: la fotografia. Entro in Apdac nel 1987, ma solo dal 2001 con il tempo libero permessomi dalla pensione posso offrire la mia disponibilità all' associazione. Inizialmente mi occupo delle convenzioni commerciali locali prima che le stesse vengano centralizzate a Milano. Successivamente sono eletto come probiviro supplente e ultimamente effettivo. Seppur per motivi di famiglia soggiorni sovente in Veneto mi tengo costantemente in contatto con l Associazione. Dario Dadone Inizia la carriera alberghiera nel 1980 a Francoforte sul Meno, per poi proseguire a Londra e Parigi per una durata totale di sei anni. Nel periodo ha la possibilità di acquisire conoscenze approfondite in tutti i reparti strategici, quali: ristorazione, front office, marketing, amministrazione e controllo, all interno di alberghi a cinque stelle delle più note compagnie alberghiere internazionali. Rientrato a Torino, dal 1986 al 1989, accresce la sua esperienza in altri settori della filiera del turismo, per poi riprendere negli alberghi, in un quattro stelle, quale impiegato di Front Office e successivamente Capo Ricevimento/Vice Direttore. Dal 1999 ricopre la carica di Direttore Generale. Attualmente è Consulente, Formatore e ricopre la carica di Coordinatore del Comitato Scientifico del Centro Studi Manageriali Raffaello Gattuso, organo formatore interno all A.D.A. Associazione Direttori d Albergo. Elena Nara Chi sono? Da 15 anni nel mondo della consulenza, ho lavorato per la maggior parte del tempo nell area dell organizzazione dei processi e del supporto al business. Nel 2009 assumo il ruolo di Knowledge Manager favorendo la collaborazione, la diffusione delle conoscenze e l innovazione. Credendo fortemente nella collaborazione, nella condivisione e nella co-creazione, sono responsabile dell utilizzo e della promozione dei knowledge asset dell azienda lavorando per favorire il network, lo scambio di conoscenze e di opportunità tra i team interni, i clienti e i partner. Il mio background? Sono laureata in Fisica all Università degli studi di Torino I miei Hobby? Gioco a tennis e ho un passato da pallavolista. Pratico Yoga, amo la fotografia e adoro fare foto al mio bimbo dai capelli rossi La mia giornata ideale sarebbe: Yoga al mattino presto, una grande e tranquilla colazione con la mia famiglia sul balcone e insieme decidere cosa fare durante il giorno e scattare foto, tante foto... Manageritalia Torino - Bilancio sociale

21 Guido Giaume Sono nato nel 1962 a Roma, ma la mia famiglia è di origini franco provenzali. Vivo a Torino dagli anni 70 e mi sento piemontese d adozione: apprezzo in particolare l understatement sabaudo. Sono sposato con Maria Grazia, astigiana D.O.C., e abbiamo un figlio meraviglioso. GUSTI: Musica: Mozart, Queen; LA MIA FILOSOFIA: La verità non è evidente (K. Popper); IL MIO LAVORO: Collaboro con una Società di Intermediazione Mobiliare; Il MIO IMPEGNO IN MANAGERITALIA: Creare una rete di rapporti sia tra gli associati sia con l'ambiente esterno, in modo da poter sviluppare e rappresentare gli interessi della categoria ma promuovendo al contempo la crescita della società e lo sviluppo del Paese; DIFETTI: Tendenza al decisionismo e cura maniacale dei dettagli; INTERESSI: Psicologia; Gastronomia; Terzo settore e associazionismo. Il filo che collega questi temi è il valore dell unicità: ciascuna mente è unica, come ciascuna vivanda o bevanda dotate di una storia. Ed è naturalmente unica anche ogni persona che incontriamo. Chiara Daviddi Ho alle spalle una importante esperienza professionale nell ambito delle Risorse Umane maturata in aziende di medie e grandi dimensioni in Gruppi Multinazionali Italiani ed esteri, con particolare riferimento ai settori dell Information Tecnhology, Telecomunicazioni e Engineering ambientale. Ho assunto nel tempo responsabilità crescenti in diverse aree del Personale, in particolar modo nell ambito della Gestione e dello Sviluppo, ed ho ricoperto più volte il ruolo di Direttore del Personale. Durante il mio percorso professionale ho avuto l opportunità di affrontare situazioni e tematiche tecnico-organizzative molto varie e di diversa complessità, che mi hanno consentito di arricchire il mio bagaglio professionale, sia in termini di conoscenze e competenze specifiche, sia per quanto riguarda l acquisizione di capacità di gestione delle diverse aree del personale, anche in occasione di importanti trasformazioni aziendali e di change management (start-up, acquisizioni, fusioni e riorganizzazioni). Giovanna Giordano Laureata in Scienze dell Informazione nel 1979 con il massimo dei voti, ha iniziato un percorso fortemente tecnico nelle telecomunicazioni lavorando in importanti realtà del settore in Italia e in Canada. Successivamente ha ampliato i suoi orizzonti manageriali dapprima come responsabile di gruppi di progettazione e poi ricoprendo il ruolo di Large Account Manager presso una grande società di ingegneria informatica a supporto di realtà industriali italiane e estere nei settori della siderurgia e dell energia. Attualmente dirige una società di consulenza indipendente che opera nel settore delle piccole e medie aziende e, con un marchio appositamente sviluppato, fornisce servizi di assistenza a formazione a professionisti e privati. Da sempre è impegnata a promuovere le donne sul posto di lavoro e a diffondere cultura sul contributo delle donne al mondo dell informatica. Liliana Remolif Ho dedicato 40 anni della mia vita al lavoro e mi ritengo fortunata perché ho vissuto in ambienti di lavoro di settori diversi che mi hanno dato la possibilità di crescere e di affermarmi divertendomi, prima nell ambito amministrativo come responsabile di contabilità e bilanci, successivamente come direttore delle risorse umane. Da settembre del 2006 sono in pensione e sto continuando a fare cose che mi gratificano e riempiono pienamente le mie giornate. Sono coordinatrice del Gruppo Donne Manager di Manageritalia, organizzo, ogni due mesi, serate a cui partecipano indistintamente donne e uomini. Per occuparmi maggiormente di volontariato e raggiungere un obiettivo che mi ero prefissata, nel 2008 mi sono iscritta al Rotary Torino Nord Est; come socia partecipo in numerosi progetti che mi danno la possibilità di aiutare persone meno fortunate di me; seguo anche progetti nei confronti di Enti o Associazioni. Al primo luglio di quest anno sarò nominata Presidente del mio club, sono stata la prima donna ad essere ammessa e sarò la prima donna Presidente. Sempre nel mondo del volontariato seguo la R.a.Vi - Ricominciare a vivere (Associazione a sostegno delle donne dopo il cancro al seno), occupandomi del progetto di umanizzazione dei luoghi di cura. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

22 La nostra partecipazione alla governance nazionale Silvio Tancredi Massa è componente del Comitato di Presidenza Renato Rinaudo è componente del Collegio dei Probiviri Daniele Testolin è componente della Delegazione Sindacale (Project Leader Nazionale Welfare Contrattuale) Alfredo Lanfredi è Project Leader nazionale del progetto Governance Alfredo Lanfredi è componente del Consiglio di Amministrazione Alfredo Lanfredi è membro dell Assemblea Alfredo Lanfredi è componente del Coordinamento Regionale (Piemonte) Daniele Testolin è componente del Coordinamento Regionale (Valle d Aosta) Alfredo Lanfredi è componente del Comitato Regionale INPS (Piemonte) in rappresentanza di CIDA Daniele Testolin è componente del Comitato Esecutivo Daniele Testolin è componente del Consiglio di Amministrazione Claudio Trucato è componente del Consiglio di Gestione Angelo Dezzani è membro dell Assemblea Silvio Tancredi Massa è componente del Consiglio di Amministrazione Manageritalia Torino - Bilancio sociale

23 Il livello operativo La struttura operativa di Manageritalia Torino è organizzata per erogare in modo autonomo la maggior parte dei servizi agli associati con un adeguato standard qualitativo. SEGRETARIO GENERALE UFFICIO SINDACALE UFFICIO SANITARIO UFFICIO SEGRETERIA UFFICIO AMMINISTRATIVO Si occupa della gestione e del coordinamento delle Risorse Umane interne e di tutte le attività e servizi svolti dall Associazione. Gestisce l Associazione secondo le delibere della Giunta Esecutiva e del Consiglio Direttivo e predispone la documentazione per il corretto funzionamento degli Organi, di cui svolte la funzione di Segretario, redigendo verbali e relazioni. Fornisce informazioni generali sui servizi di Manageritalia Torino agli associati in particolar modo ai nuovi iscritti. Offre assistenza agli associati in merito al CCNL ed ai Fondi Contrattuali; verifica proiezioni, trasferimenti, prosecuzioni volontarie e liquidazioni delle posizioni; espleta ricorsi al Collegio di Conciliazione e Arbitrato, transazioni e risoluzioni in sede sindacale, ricostruzioni retributive, calcolo dell indennità sostitutiva del preavviso, dell indennità risarcitoria e del TFR. Garantisce l assistenza agli associati in merito a tutte le questioni riguardanti il Fasdac: offre informazioni e consulenza sull utilizzo delle prestazioni assistenziali, svolge l esame preliminare e l istruttoria pratiche sanitarie, la verifica delle liquidazioni Fasdac, la gestione di eventuali richieste di revisione dei rimborsi, l aggiornamento costante degli archivi Fasdac (dati bancari, codici fiscali, dati anagrafici anche del nucleo familiare), ed offre consulenza su strutture convenzionate e sulle richieste di convenzionamento diretto. Inserisce le domande d iscrizione, le variazioni dati personali e professionali degli iscritti e ne verifica la regolarità amministrativa. Gestisce l agenda dei consulenti interni ed esterni e le prenotazioni agli eventi ed alle iniziative culturali. Invia e monitora le newsletter e gli aggiornamenti sul sito. Si occupa della gestione contabile / amministrativa dell Associazione, dei rapporti con gli istituti di credito e con i fornitori, della predisposizione bozza di bilancio, coadiuva il Segretario Generale nell amministrazione del personale e nell organizzazione eventi e logistica. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

24 I dipendenti Al 31 dicembre 2014 i dipendenti di Manageritalia Torino sono 5, di cui 4 full time ed 1 part time, 4 donne ed 1 uomo. Assistenza Sindacale Amministrazione Segretario Generale Assistenza Sanitaria Segreteria Tutti i collaboratori sono assunti con contratto tempo indeterminato e ciò conferma l attenzione dell Associazione ad una politica volta a fidelizzare i dipendenti ed a garantire condizioni professionali ed economiche stabili. Manageritalia Torino si conferma associazione interessata al benessere delle persone: per questo riconosce l importanza di offrire a tutti dipendenti un benefit consistente nell assicurazione sanitaria Carlo De Lellis. L anzianità aziendale media è di circa 13 anni e l età media è di 47 anni. IL TEAM DI MANAGERITALIA TORINO Barbara Bruno Ufficio Segreteria Lavora in Manageritalia Torino dall ottobre Si occupa di segreteria ed iscrizioni Bruna Falco Ufficio Sanitario / Segreteria Lavora in Manageritalia Torino da marzo 97. Dopo una lunga esperienza nell ufficio segreteria, ora affianca anche l Ufficio Sanitario. Domenico Lucivero Segretario Generale / Ufficio Sindacale Lavora in Manageritalia Torino dall aprile Ha avuto esperienze nell Ufficio Segreteria, Sanitario e Amministrativo e si occupa dell Ufficio Sindacale. Franca Parandero Ufficio Sanitario Lavora in Manageritalia Torino da gennaio 94. Ha sempre lavorato nell Ufficio Sanitario di cui ora ne è responsabile Sara Piludu Ufficio Amministrativo Lavora in Manageritalia Torino da dicembre Si occupa dell Ufficio Amministrativo, supporta l Ufficio Sindacale nella predisposizione dei vari conteggi retributivi ed il Segretario Generale nell organizzazione degli eventi. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

25 Inoltre Manageritalia Torino si avvale del supporto di consulenti esterni presso la propria sede, per: Assistenza fiscale: 50&Più Caaf è un centro autorizzato che svolge per gli associati un servizio di assistenza fiscale, certificato del visto di conformità e da una polizza assicurativa. Assistenza previdenziale: 50&Più ENASCO è un istituto di patronato che fornisce la propria assistenza gratuita per risolvere nel modo più favorevole tutte le pratiche previdenziali. Consulenza assicurativa: ASSIDIR S.r.l., società d intermediazione assicurativa di Manageritalia, che offre consulenze personali su diversi aspetti riguardanti soluzioni individuali e personalizzate. Consulenza legale: per il tramite di studi professionali in convenzione a tariffe agevolate. CONTATTI MAIL GENERALE: PRESIDENZA Silvio Tancredi Massa UFFICIO SANITARIO SEGRETARIO GENERALE Domenico Lucivero UFFICIO SINDACALE SEGRETERIA AMMINISTRAZIONE La Vision: alleanze e solidarietà Manageritalia è una componente sociale rilevante nel Paese, posizionandosi come l'associazione di riferimento nella rappresentanza degli interessi collettivi, istituzionali, sociali, professionali e culturali, nella tutela e nell'assistenza al management e alle alte professionalità del terziario e dei servizi. Promuove e valorizza il contributo dei manager alla crescita economica e sociale. In sintesi, l offerta verso gli associati implica: rappresentarli nella stipula dei contratti di lavoro collettivi, nelle vertenze collettive e neri rapporti con enti, autorità e istituzioni; fornire soluzioni diversificate di assistenza sanitaria e previdenziale; stimolare la loro crescita professionale con iniziative culturali e di formazione; offrire servizi, anche a livello locale, attraverso un'organizzazione qualificata sul territorio. Manageritalia è accreditata ai tavoli sociali con il Governo attraverso la CIDA Mapi e dialoga costantemente, anche a livello internazionale, attraverso una rete di alleanze e di collaborazioni con quelle organizzazioni che, da una parte, possono contribuire ad amplificare la voce del terziario ai tavoli istituzionali e, dall altra, aumentare il peso quantitativo della rappresentanza del settore. Il valore centrale è la rappresentanza contrattuale: il contratto, innovativo e fortemente tutelante, è il primo valore che Manageritalia garantisce ai suoi associati. Manageritalia è un organizzazione che ha finalità non solo sindacali, ma anche sociali. Per questo, svolge una serie di attività che integrano e si affiancano a quelle tipiche di un associazione sindacale e che apportano valore aggiunto alla collettività, richiamandosi al concetto di responsabilità sociale e di solidarietà. Le azioni attuate per il raggiungimento degli obiettivi prefissati sono dovute per il riconoscimento che all Italia serve maggiore managerialità cioè un mix di competenza, visione, capacità di gestire e coraggio di cambiare che solo i manager possono garantire. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

26 Gli stakeholder Ogni programmazione e valutazione sul proprio operato parte da una chiara e approfondita individuazione dei soggetti interessati al buon andamento delle attività proprie dell Associazione. Tra questi, innanzitutto gli associati e i loro familiari. Usando un termine aziendale, potremmo dire che costoro costituiscono il nostro core business. Le attività che a loro si riferiscono, sono pertanto ben documentate prima di tutto dal Bilancio economico-patrimoniale. Questo Bilancio sociale riprende la descrizione degli scenari e dei rapporti con questi stakeholder, ma tiene conto del fatto che un Associazione come la nostra deve saper allargare l orizzonte strategico, tenendo conto di tutti i dirigenti, quadri e professional, con specifica attenzione al settore del terziario e dei servizi, ma in generale a quell enorme capitale di competenze e motivazioni che è costituito da queste figure in tutti i settori lavorativi. Al tessuto che è proprio di Manageritalia Torino si affiancano altri soggetti che intrecciano le loro competenze con le nostre formando relazioni utili a promuovere e valorizzare il ruolo ed il contributo del management allo sviluppo economico e sociale del territorio. Amministrazioni locali Associazioni di Categoria Fondi contrattuali Aziende Sistema Manageritalia Controparti Datoriali Associati Terzo settore Colletività Mondo Accademico Istituzioni Manageritalia Torino - Bilancio sociale

27 Associati Comunità locali. Pubbliche amministrazioni locali. Altre associazioni nazionali aderenti a CIDA - Manager e alte professionalità per l Italia: Le Federazioni aderenti a CIDA- Manager e Alte Professionalità per l Italia sono: CIMO (Coordinamento Italiano dei Medici Ospedalieri) Federazione 3 Settore CIDA (Dirigenti e delle Alte Professionalità degli Enti e delle Istituzioni non profit) Federmanager (Federazione Nazionale dei Dirigenti e delle Alte Professionalità delle Aziende Industriali) FeNDA (Federazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità dell Agricoltura e dell Ambiente) FIDIA (Federazione Italiana Dirigenti Imprese Assicuratrici) FNSA (Federazione Nazionale Sindacato Autori) FP-CIDA (Federazione Nazionale dei Dirigenti e delle Alte Professionalità della Funzione Pubblica) Manageritalia (Federazione dei Manager del Terziario) SAUR (Sindacato Autonomo Università e Ricerca) Sindirettivo Banca Centrale (Sindacato del Personale Direttivo della Banca d Italia) Associazioni nazionali complementari (come altre associazioni sindacali e di categoria, organizzazioni datoriali, altre organizzazioni del terzo settore, mondo accademico, Istituzioni, Ordini professionali) e con rapporti importanti con in particolare Unione Industriale e con le altre controparti imprenditoriali: Confcommercio (Confederazione generale italiana del commercio, del turismo, dei servizi e delle piccole e medie imprese) Confetra (Confederazione generale italiana dei trasporti e della logistica) Federalberghi (Federazione delle Associazioni italiane alberghi e turismo) Aica (Associazione italiana catene alberghiere), aderente a Federturismo Federagenti (Federazione nazionale agenti raccomandatari marittimi, agenti aerei e mediatori marittimi) Assologistica (Associazione italiana imprese di logistica, magazzini generali, terminal operators portuali, interportuali e aeroportuali) YES4TO, tavolo interassociativo costituitosi per contribuire, con la formulazione di proposte unitarie e condivise, alle scelte strategiche e politiche per lo sviluppo del territorio aderiscono i Gruppi Giovani di 18 associazioni di giovani imprenditori, professionisti e dirigenti d azienda del territorio torinese, in rappresentanza di oltre persone. Manageritalia Torino ospita APDIA (Associazione Piemontese Dirigenti Imprese Assicurative). Manageritalia Torino - Bilancio sociale

28 Altre associazioni internazionali analoghe a quelle del punto precedente: Comunità nazionali e internazionali, loro Istituzioni. Mass media. Ricerca. Scuole università formazione professionale, formazione aziendale, fondi interprofessionali. Volontariato. Beneficienza. L associazione, pur perseguendo i suoi scopi fondanti, tende ad allinearli nel lungo periodo con gli interessi degli altri stakeholder, a seguito dell impegno costante, consapevole e responsabile del nostro management. L attitudine di gestire le aspirazioni dei diversi portatori d interesse ricopre un ruolo rilevante. L organizzazione consta di un sistema di gestione dinamico, in grado di adattarsi ai continui cambiamenti. La capacità di generare valori necessita di rapporti solidi e positivi con tutti gli stakeholder, ovvero con quei soggetti che hanno interessi verso l associazione e che possono influenzarla. Un coinvolgimento degli stakeholder efficace e strategicamente allineato può infatti: condurre ad uno sviluppo sociale più equo, democratico e sostenibile dando l opportunità al soggetto attivo di essere ascoltato e coinvolto nei processi decisionali; accrescere la reputazione delle categorie che rappresentiamo; portare a fattor comune l insieme delle risorse fruibili (conoscenza, persone, disponibilità economica, tecnologica, ecc. ) per risolvere problemi e raggiungere obiettivi che non sarebbero altrimenti concretizzati dal singolo; permettere la comprensione in profondità dell ambiente in cui si opera, compresi gli sviluppi del mercato e l identificazione di nuove opportunità strategiche; informare, educare e coinvolgere i portatori di interessi e l ambiente esterno perché migliorino i loro processi decisionali e le azioni che hanno un impatto sul sociale. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

29 I Gruppi di lavoro: finalità I Gruppi di lavoro sono costituiti dal Consiglio Direttivo su particolari aree di interesse associativo e vengono posti sotto la supervisione di un coordinatore. Donne Manager - Liliana Remolif Incontrarsi, raccontarsi e confrontarsi per diventare più promuovere la crescita professionale delle donne. forti e Giovani Manager - Alfredo Lanfredi Avvicinare alla vita associativa i giovani manager (con età massima di 49 anni) e favorire la relazione e l'interscambio di esperienze. Manager in Attività - Claudio Pasini Rispondere in maniera pronta, concreta e professionale ai diversi problemi del mondo manageriale, costruendo relazioni e opportunità. Pensionati - Giuseppe Candela Aumentare la partecipazione dei pensionati, coinvolgerli e stimolarli a dedicare un po del proprio tempo alla vita associativa. Volontariato Professionale - Valeriano Pantanetti Operare a favore della solidarietà sociale mettendo gratuitamente a disposizione delle organizzazioni di volontariato le competenze professionali degli Associati. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

30 Il Piano Operativo: un ruolo più incisivo Il Congresso Nazionale del 2011 aveva evidenziato le linee prioritarie d intervento per la Federazione, allargando l orizzonte e il campo di Manageritalia e focalizzando l attenzione sui nuovi bisogni degli iscritti. Un impegno che si somma a quello principale di rappresentanza contrattuale degli iscritti, di manutenzione ed evoluzione del nostro sistema di welfare e di partecipazione ai processi di cambiamento dei modelli organizzativi d impresa. Le risposte di Manageritalia alla complessità dei nuovi e tradizionali obiettivi sono sviluppate nel Piano operativo , che traduce le indicazioni congressuali in progetti e azioni. Il metodo e l organizzazione del piano sono innovativi e si propongono come strumento di una nuova governance, più partecipata e condivisa rispetto al passato. Tra le novità sostanziali, il Piano Operativo riconosce un ruolo più incisivo alle Associazioni territoriali, che concorrono sia alla progettazione sia alla realizzazione delle priorità e degli obiettivi definiti. Un coinvolgimento esteso e allargato, portato a termine con modalità organizzative tipiche del program management: attraverso l assegnazione di ruoli e attività di progetto si rende possibile un ampia partecipazione, anche a persone con differenti disponibilità di tempo e livelli di conoscenza dell argomento. Le proposte di tutte le Associazioni Territoriali per il tramite del Project Leader Territoriale (PLT) sono trasmesse al Project Leader Nazionale (PLN) che a sua volta riporterà le informazioni al Coordinatore di riferimento. La riorganizzazione avvenuta a fine 2014 del Piano Operativo, costantemente monitorato e armonizzato dalla Federazione, si è resa necessaria al fine di rendere ancora più efficaci le attività e gli sforzi profusi per i progetti. A Marco Ballarè, Mario Mantovani e Flavio Leone, coordinatori delle aree Rappresentanza e Politica, Sostenibilità e Crescita e Lavoro e Welfare, il compito di guidare i lavori del Piano Operativo, verificandone l esecuzione e mantenendo la coerenza a livello federale e territoriale. Rappresentanza e Politica #Prioritalia: meeting dei manager PLT: Nicola Longo Sostenibilità e Crescita Governance Innovazione Organizzativa per le Imprese Quadri Professional Etica e Responsabilità Sociale Talenti Manageriali PLN: Alfredo Lanfredi PLT: Roberto Sandri Giachino PLT: Elena Nara PLT: Elena Nara PLT: Valeriano Pantanetti PLT: Claudio Pasini Lavoro e Welfare Smart Welfare Interageing Politiche Attive Forum Innovazione Terziaria PLT: Maurizio Coriasso PLT: Giuseppe Bruno PLT: Nicola Longo PLT: Claudio Trucato Manageritalia Torino - Bilancio sociale

31 4. Azioni e risultati Lo scenario I dati della nostra base associativa piemontese e valdostana, composta da associati, sono i seguenti: Manageritalia Torino - Bilancio sociale

32 Altri: Alberghi (Federalberghi), Alberghi (A.I.C.A.), Magazzini Generali, Agenzie marittime, Aderenti Manageritalia Torino - Bilancio sociale

33 Il totale dei soci non comprende 126 associati superstiti L identità dei nostri iscritti e l attitudine della nostra Associazione si collocano in uno scenario sociale, economico e politico ben noto. Viviamo un momento molto delicato ed in un contesto siffatto Manageritalia Torino ha individuato macro aree in cui operare e nell ambito delle quali agire per raggiungere risultati concreti e misurabili: o o o o o o o o Promuovere la managerialità nel sistema politico e istituzionale Rappresentare gli interessi degli associati Orientare e supportare gli associati Fornire lo sviluppo della rete professionale dell associato e dell associazione Valorizzare la professionalità dei manager Diffondere la cultura manageriale Diffondere la responsabilità sociale Promuovere l innovazione nel settore terziario Manageritalia Torino - Bilancio sociale

34 Promuovere la managerialità nel sistema politico e istituzionale L impegno dei manager per il Paese In politica e nella società servono più managerialità e più cultura manageriale, in un ottica di crescita, competitività e sviluppo per dare vita ad un Italia figlia del merito, del valore e del talento. CIDA Manager e alte professionalità per l Italia E la Confederazione sindacale che rappresenta unitariamente a livello istituzionale 800mila dirigenti, quadri e alte professionalità del pubblico e del privato. La nuova CIDA nasce formalmente il 4 luglio 2012 e tiene l 11 luglio successivo l Assemblea Costituente che elegge il Presidente e gli altri organi. Promuove e accresce il dialogo, la concertazione, la partecipazione e il coinvolgimento, proponendosi quale interlocutore unitario del management e delle alte professionalità verso Istituzioni e compagini politiche e sociali. Porta il contributo dei manager e delle alte professionalità al rilancio del Paese. Le Federazioni aderenti a CIDA con Manageritalia sono: CIMO-ASMD, Federazione 3 Settore CIDA, Federmanager, FeNDA, FIDIA, FNSA, FP CIDA, SAUR e Sindirettivo. Membro del coordinamento piemontese è il Vicepresidente di Manageritalia Torino, Alfredo Lanfredi, mentre membro del coordinamento valdostano è il Vicepresidente di Manageritalia Torino, Daniele Testolin. A livello locale, CIDA si occupa di intrattenere rapporti con le Istituzioni relativamente alle materie che interessano il lavoro ed esprime propri membri in vari enti quali ad esempio il Comitato regionale INPS (Alfredo Lanfredi) o i vari tavoli di coordinamento o lavoro a livello di Regione Piemonte. #Prioritalia: meeting dei manager È il movimento d'opinione nato il 5 agosto 2012 a Roma, voluto dalla nuova CIDA, da Federmanager e da Manageritalia. Aggrega tutti i manager e le alte professionalità per contribuire a cambiare e rilanciare il Paese. L obiettivo è occuparsi della cosa pubblica offrendo competenze, progetti e uomini esperti per aiutare la politica a fare le cose bene, rendere reale il terzo livello di rappresentanza (oltre a Manageritalia e CIDA): quello rivolto a tutte le componenti della società italiana, con la volontà di trasmettere i valori e la cultura manageriale, a favore dell interesse comune, attraverso azioni, risorse e strumenti da mettere a disposizione delle Istituzioni e del sociale, con l ambizione di divenire soggetto attivo per rappresentare nel modo più ampio le istanze del ceto medio al quale apparteniamo. La mission è quindi quella di ispirare i partiti e le forze politiche per promuovere un rinnovamento non solo anagrafico ma di mentalità e comportamenti per costruire una nuova classe politica competente, meritocratica, generatrice di buona politica. I 3 ambiti di attività del progetto sono: A) Ambito progettuale definire con quali strutture e in quali modi dare corpo al progetto disegnare i necessari strumenti, impegnarsi per favorirne la realizzazione e promuoverne l uso costruire strumenti per la ripresa e la diffusione dei contenuti e del manifesto Manageritalia Torino - Bilancio sociale

35 B) Ambito delle iniziative nazionali dare, sul proprio territorio, supporto e contributi alle iniziative che via via vengono avviate da #Prioritalia, anche in occasione delle diverse tornate elettorali. C) Ambito territoriale adoperarsi per dare concretezza e garanzie di successo all iniziativa già avviata manager per 100 progetti individuare e gestire azioni finalizzate a dare visibilità agli indirizzi individuati dall organizzazione manager per 100 progetti È l iniziativa di Manageritalia e i suoi manager a supporto di organizzazioni non profit e amministrazioni pubbliche. Il progetto, che si avvale dell indispensabile collaborazione dei gruppi di volontariato, merita un chiarimento di fondo per non generare incomprensioni: il Gruppo Volontariato Professionale si rivolge principalmente al terzo settore, mentre questo progetto ha come interlocutore principale le Istituzioni con un obiettivo di visibilità politica della Associazione. Scopo è individuare professionalità e progetti che possano portare valore alle Amministrazioni locali e alle Organizzazioni non profit. In questo modo, l impegno in prima persona dei manager (in attività o in pensione) valorizzerà queste professionalità e aprirà varie strade per essere di aiuto alla società. Il progetto prevede esclusivamente un impegno volontario, e dunque disinteressato, di carattere professionale, sia per quanto riguarda le organizzazioni umanitarie sia per le collaborazioni da sviluppare a sostegno della pubblica amministrazione. Sulla scia del successo delle iniziative portate a termine negli anni precedenti e nell'ambito delle diverse opzioni discusse è stato avviato nel corso del 2014 un progetto denominato Adotta il Comune di Leinì a supporto della lista civica uscita vincente dalle elezioni del giugno 2014, indette dopo il commissariamento per mafia. Su segnalazione di un nostro Associato il Project Leader Territoriale, Nicola Longo, ha incontrato il Sindaco ed alcuni componenti della Giunta per pianificare un primo workshop di allineamento. L obiettivo è stato quello di definire un Piano strategico di Legislatura partendo dal Programma elettorale per poi avviare un efficace progetto di Change Management. Vasta eco sui media ha suscitato questa operazione che ha permesso al Comune di ripartire con entusiasmo e metodo attraverso una riorganizzazione della macchina comunale basata su tre asset: organizzazione del personale, digitalizzazione e sede del comune. Inoltre è stato strutturato un piano delle opere per ridare slancio e crescita al territorio Elezioni Regionali 2014 Manageritalia Torino ha organizzato il 20 maggio 2014 un incontro sul tema Cosa chiedono i Manager Piemontesi alla politica con alcuni dei candidati alle Elezioni Regionali 2014 per ascoltare durante l esposizione dei programmi elettorali quanto previsto per la nostra categoria. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

36 Rappresentare gli interessi degli associati La centralità della Rappresentanza Come da Statuto, Manageritalia opera nella tutela degli interessi generali dei manager e delle alte professionalità del terziario attraverso lo sviluppo di efficaci azioni di rappresentanza sindacale, assistenziale, culturale e istituzionale: ponendosi come punto di riferimento e interlocutore professionale per le forze politiche e di Governo - a livello centrale (Ministeri e Parlamento) e territoriale (Regioni e Province) - nell'attività legislativa e nell'indirizzo di quella economico-sociale; rappresentando e tutelando gli interessi di status, economici e professionali dei manager, rappresentandoli nella stipula dei contratti collettivi, nelle vertenze collettive e nei rapporti con enti, autorità e Istituzioni; elaborando studi e proposte in materia di lavoro, fisco, previdenza, sanità e su tematiche di interesse della collettività e delle categorie rappresentate. Il Contratto di Lavoro Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro è il punto di riferimento ed il primo valore che Manageritalia garantisce ai suoi associati dirigenti. Disciplina diritti e doveri nel rapporto di lavoro e regola la corretta applicazione degli istituti economici e normativi. In quest'ambito, infatti, si concentrano i parametri e si manifestano i valori guida della rappresentanza degli interessi collettivi: la concretezza, l'innovazione e la forza della collettività al servizio del singolo. Il CCNL cuore della rappresentanza garantisce un welfare privato rassicurante ed innovativo che integra quello pubblico per salvaguardare: tutele normative prestazioni di assistenza sanitaria previdenza integrativa complementare programmi assicurativi formazione permanente strumenti per la riqualificazione e ricollocazione I contratti collettivi di cui Manageritalia è firmataria sono: Settore Commercio Trasporti Alberghi Agenzie marittime Magazzini generali Controparte imprenditoriale Confcommercio (Confederazione generale italiana del commercio, del turismo, dei servizi e delle piccole e medie imprese) Confetra (Confederazione generale italiana dei trasporti e della logistica) Federalberghi (Federazione delle Associazioni italiane alberghi e turismo) Aica (Associazione italiana catene alberghiere), aderente a Federturismo Federagenti (Federazione nazionale agenti raccomandatari marittimi, agenti aerei e mediatori marittimi) Assologistica (Associazione italiana imprese di logistica, magazzini generali, terminal operators portuali, interportuali e aeroportuali) Manageritalia Torino - Bilancio sociale

37 Governance Il progetto ha l obiettivo principale di realizzare un modello di governance basato su di una leadership condivisa, da applicare ad ogni livello, dai vertici federali alle associazioni territoriali. Il conseguimento di tale proposito dovrà comportare un maggiore coinvolgimento del territorio nella definizione di strategie future, garantire governabilità e meritocrazia per continuare ad assicurare, in un mutato contesto economico sociale, un adeguata rappresentanza e tutela di tutti i nostri associati. Orientare e supportare gli associati L offerta e il Welfare di Manageritalia Consulenza Contrattuale e Sindacale L'impegno primario di tale attività è supportare e affiancare l associato su tutti gli aspetti legati al rapporto di lavoro nella sua interezza: dalla sua instaurazione alla sua cessazione e nei rapporti con i fondi contrattuali anche successivamente. Il perdurare della crisi, con le conseguenze evidenti sul mercato del lavoro, costringe la classe manageriale ad affrontare contrarietà personali e professionali in un contesto precario. L assistenza contrattuale e sindacale, sempre più intensa, ardua e delicata, si è trasformata in un viaggio all interno non solo di conoscenze tecniche e normative specifiche, ma anche di universi umani in cui occorre calarsi per supportare a 360 l associato. I servizi principalmente forniti sono: Consulenza ed assistenza in merito al CCNL ed ai Fondi Proiezioni, trasferimenti, prosecuzioni volontarie, pensionamenti e liquidazioni delle posizioni concernenti i fondi dirigenziali Transazioni e risoluzioni in sede sindacale Ricostruzioni retributive, rivendicazioni, calcolo dell indennità sostitutiva del preavviso, dell indennità risarcitoria e del TFR Nel 2014 sono stati effettuati 680 incontri. Manageritalia Torino - Bilancio sociale

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

La Responsabilità Sociale d Impresa

La Responsabilità Sociale d Impresa La Responsabilità Sociale d Impresa Claudio Toso Direttore Soci e Comunicazione claudio.toso@nordest.coop.it Piacenza 21 giugno 2005 1 Coop Consumatori Nordest Consuntivo 2004 460.000 Soci 78 supermercati

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli