La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti"

Transcript

1 2 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti SOMMARIO 1. I soggetti attivi. Continuità normativa con la previgente fattispecie. 2. La condotta. 3. L elemento soggettivo del reato. 4. Le circostanze; il tentativo. 5. Il concorso di persone. 6. Il concorso di reati. 1. I soggetti attivi. Continuità normativa con la previgente fattispecie Il reato di dichiarazione fraudolenta mediante l uso di fatture o di altri documenti per operazioni inesistenti è previsto e punito dall art. 2, d.lgs. n. 74/2000, il quale così dispone: Normativa «È punito con la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni chiunque, al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, indica in una delle dichiarazioni annuali relative a dette imposte elementi passivi fittizi. Il fatto si considera commesso avvalendosi di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti quando tali fatture o documenti sono registrati nelle scritture contabili obbligatorie, o sono detenuti a fine di prova nei confronti dell amministrazione finanziaria. Se l ammontare degli elementi passivi fittizi è inferiore a euro ,07, si applica la reclusione da sei mesi a due anni». Trattasi della fattispecie sanzionatoria più grave fra quelle regolate dalla normativa di riforma del sistema penale tributario. La gravità della sanzione penale applicabile deriva in concreto dalle molteplici difficoltà che essa crea nell accertamento dell imposta dovuta all Erario, essendo connotata da una particolare frau-

2 14 Gli illeciti penali in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto dolenza, consistente nell uso di fatture o di altri documenti per dichiarare passività inesistenti. Rispetto alla previgente disciplina, l attuale formulazione della norma de qua appare sostanzialmente diversa. In passato, l art. 4, comma 1, lett. d), d.l. n. 429/1982 (convertito nella legge n. 516/1982), prevedeva infatti la punibilità di chi emetteva o utilizzava fatture o altri documenti per operazioni in tutto o in parte inesistenti, o recanti l indicazione dei corrispettivi o dell imposta sul valore aggiunto in misura superiore a quella reale; ovvero, emetteva o utilizzava fatture o altri documenti recanti l indicazione di nomi diversi da quelli veri, in modo che risultasse impedita l identificazione dei soggetti cui si riferivano. In linea con la ratio della normativa delle c.d. manette agli evasori, il legislatore del 1982 aveva quindi inteso punire anche la semplice condotta prodromica di emissione o utilizzazione di fatture o altri documenti non veritieri, mediante il loro inserimento nella contabilità aziendale, a prescindere dal loro concreto uso in sede di dichiarazione. L ipotesi di dichiarazione fraudolenta mediante uso di documentazione falsa era invece oggetto di apposita e distinta disposizione, contenuta nell art. 4, comma 1, lett. f), d.l. n. 429/1982, a norma del quale era punibile chi indicava, nella dichiarazione dei redditi ovvero nel bilancio o rendiconto ad essa allegato, al di fuori dei casi previsti dall art. 1 del d.l. n. 429/1982, ricavi, proventi od altri componenti positivi di reddito, ovvero spese od altri componenti negativi di reddito in misura diversa da quella effettiva, utilizzando documenti attestanti fatti materiali non corrispondenti al vero, ovvero ponendo in essere altri comportamenti fraudolenti idonei ad ostacolare l accertamento di fatti materiali. Punto di partenza del vigente testo dell art. 2 è costituito dalla nuova e diversa nozione di frode fiscale accolta dal legislatore delegato nel Questa consiste nella dichiarazione fraudolenta fondata su falsa documentazione, idonea a fornire una falsa rappresentazione contabile della situazione fiscale del contribuente. Come per le altre ipotesi delittuose di cui al d.lgs. n. 74/2000, il bene giuridico tutelato dalla fattispecie in esame coincide con l interesse dell Erario alla percezione dei tributi, a differenza di quanto disposto dalla previgente legge del 1982, che proteggeva principalmente l interesse del Fisco al corretto svolgersi dell azione di accertamento tributario. Tanto la giurisprudenza quanto la dottrina, subito dopo l entrata in vigore della riforma del 2000, si sono misurate in un acceso dibattito circa la presunta continuità normativa sussistente fra la vecchia e la nuova formulazione del delitto in esame. Invero, presumibilmente al fine di scongiurare il rischio che potesse giungersi ad una vera e propria depenalizzazione del delitto di frode fiscale, come in precedenza disciplinato dall art. 4, comma 1, lett. d), legge n. 516/1982, la Cassazione, rinvenendo identità di bene giuridico tutelato fra vecchio e nuovo reato, e ravvisando una tipica fattispecie di abrogatio sine abolitione, ha in un primo momento stabilito che:

3 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti 15 Giurisprudenza «Vi è continuità normativa fra la frode fiscale mediante utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti ed il delitto di cui all art. 2 d.lg. n. 74 del Elemento specializzante di quest ultimo delitto è l indicazione degli elementi passivi fittizi supportati dalle f.o.i. [fatture per operazioni inesistenti, n.d.r.] nella dichiarazione annuale. Per nozione di comune esperienza, secondo la quale non si utilizzano delle f.o.i. se non per trasfonderle nelle dichiarazioni annuali, può ritenersi sussistente il dolo, almeno eventuale, sull anzidetto elemento specializzante, anche nei confronti dell autore della frode ex art. 4 lett. d) l. n. 516 del 1982». Cass. pen., sez. III, 27 aprile 2000, n Tale assunto, per quanto approfonditamente argomentato, è stato poi sostanzialmente sconfessato dalle Sezioni Unite della Suprema Corte, le quali hanno affermato l intervenuta abolitio criminis con riguardo all ipotesi prodromica di reato di cui all art. 4, comma 1, lett. d), legge n. 516/1982. Le stesse Sezioni Unite hanno però ravvisato continuità normativa fra il vigente art. 2 d.lgs. n. 74/2000 e la fattispecie prima prevista dalla lett. f) del suddetto art. 4, sul presupposto che: Giurisprudenza «Per la frode fiscale ex art. 4 lett. f) l. n. 516 del 1982 può ravvisarsi, stante l omologa strutturazione e la sovrapposizione delle due previsioni punitive (salvo per quanto attiene all estensione dell attuale incriminazione alla dichiarazione annuale i.v.a., rispetto alla quale non è configurabile un rapporto di successione modificativa tra leggi), una continuità normativa d illecito con la nuova ipotesi dell art. 2 comma 1 d.lg. n. 74 del 2000, rispetto alla quale la prima si atteggia come lex mitior per i profili del trattamento sanzionatorio e dei termini prescrizionali, sempre che non ricorra l ipotesi attenuata prevista dall art. 2 comma 3 del medesimo decreto». Cass. pen., SS.UU., 7 novembre 2000, n La particolare gravità del delitto in commento ha fatto sì che, conformemente a quanto previsto dall art. 9, comma 2, lett. a), n. 1, legge n. 205/1999, il testo di legge vigente non contenesse alcun riferimento ad eventuali soglie di punibilità, bensì prevedesse una semplice diminuzione di pena nell ipotesi di cui al terzo comma dell art. 2 (cioè in caso di ammontare dei passivi fittizi inferiore ad ,07). Soggetto attivo del reato può essere unicamente colui il quale è contribuente ai fini delle imposte dirette e dell IVA, oppure è amministratore, liquidatore o 1 In questo senso BISORI, Illiceità delle false fatturazioni dopo la depenalizzazione dei reati tributari, in Dir. pen. e processo, 2001, 1, 79, secondo cui potrebbe desumersi l esistenza di una abrogatio sine abolitione dal fatto che anche oggi, con riguardo al vigente art. 2, è previsto il dolo specifico di evasione delle imposte, è assente una soglia di punibilità ed è in ogni caso autonomamente punita la condotta di emissione di fatture per operazioni inesistenti (art. 8, d.lgs. n. 74/2000). 2 A favore della tesi dell abolitio criminis anche CORSO, La Cassazione contesta la depenalizzazione dell utilizzo di fatture false, in Corriere trib., 2000, 26, 1911, e CERQUA, La persistente rilevanza penale dell utilizzazione di fatture per operazioni inesistenti, in Giur. trib., 2000, 12, 1065.

4 16 Gli illeciti penali in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto rappresentante del contribuente soggetto ad imposizione (art. 1, comma 1, lett. c), d.lgs. n. 74/2000). L ambito soggettivo di applicazione dell art. 2 appare dunque ampio, potendo riguardare anche i titolari di redditi di lavoro dipendente, di terreni, di fabbricati o comunque di entrate non soggette all obbligo di tenuta delle scritture contabili, bensì soltanto all obbligatoria presentazione della dichiarazione annuale. È rilevante (in vista della presentazione in dichiarazione) anche la condotta di chi si limita a detenere la falsa documentazione fiscale previa registrazione nelle scritture contabili obbligatorie, pur se per fini diversi da quelli di prova nei confronti dell Amministrazione finanziaria. * * * All indomani dell entrata in vigore del novellato art. 127, d.p.r. 22 dicembre 1986, n. 917 (c.d. TUIR) 3 in materia di responsabilità in un consolidato fiscale nazionale, parte della dottrina 4 si è interrogata sull applicabilità dell art. 2, in tema di dichiarazione fraudolenta mediante fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, alle ipotesi del c.d. consolidato tributario. In linea di principio, nell ambito della tassazione consolidata, ai sensi dell art. 3 Tale norma oggi dispone che «1. La società o l ente controllante è responsabile: a) per la maggiore imposta accertata e per gli interessi relativi, riferita al reddito complessivo globale risultante dalla dichiarazione di cui all art. 122; b) per le somme che risultano dovute, con riferimento alla medesima dichiarazione, a seguito dell attività di controllo prevista dall art. 36 ter D.P.R. 600/1973, riferita alle dichiarazioni dei redditi propria di ciascun soggetto che partecipa al consolidato e dell attività di liquidazione di cui all art. 36 bis del medesimo decreto; c) per l adempimento degli obblighi connessi alla determinazione del reddito complessivo globale di cui all art. 122; d) solidalmente per il pagamento di una somma pari alla sanzione di cui alla lettera b) del comma 2 irrogata al soggetto che ha commesso la violazione. 2. Ciascuna società controllata che partecipa al consolidato è responsabile: a) solidalmente con l ente o società controllante per la maggiore imposta accertata e per gli interessi relativi, riferita al reddito complessivo globale risultante dalla dichiarazione di cui all art. 122, in conseguenza della rettifica operata sul proprio reddito imponibile, e per le somme che risultano dovute, con riferimento alla medesima dichiarazione, a seguito dell attività di controllo prevista dall art. 36 ter D.P.R. 600/1973, e dell attività di liquidazione di cui all art. 36 bis del medesimo decreto, in conseguenza della rettifica operata sulla propria dichiarazione dei redditi; b) per la sanzione correlata alla maggiore imposta accertata riferita al reddito complessivo globale risultante dalla dichiarazione di cui all art. 122, in conseguenza della rettifica operata sul proprio reddito imponibile, e alle somme che risultano dovute con riferimento alla medesima dichiarazione, a seguito dell attività di controllo prevista dall art. 36 ter D.P.R. 600/1973, e dell attività di liquidazione di cui all art. 36 bis del medesimo decreto, in conseguenza della rettifica operata sulla propria dichiarazione dei redditi; c) per le sanzioni diverse da quelle di cui alla lettera b). [ 3. ( ).] 4. L eventuale rivalsa della società o ente controllante nei confronti delle società controllate perde efficacia qualora il soggetto controllante ometta di trasmettere alla società controllata copia degli atti e dei provvedimenti entro il ventesimo giorno successivo alla notifica ricevuta anche in qualità di domiciliatario secondo quanto previsto dall art. 119». 4 TOMASSINI, Responsabilità penale tributaria nel consolidato e nei distretti, in Corriere trib., 2006, 27, 2116.

5 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti TUIR, la consolidante è la sola ad avere l obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi del consolidato. Appare pertanto opportuno distinguere, ai fini che qui interessano, la posizione della consolidante da quella delle singole consolidate. Secondo l opinione citata, in tanto la consolidante potrà ritenersi penalmente responsabile per il delitto di dichiarazione fraudolenta ex art. 2, d.lgs. n. 74/2000 commesso da una consolidata, in quanto sia dimostrata la sussistenza di un coinvolgimento psicologico dell ente, a titolo di concorso morale nel reato commesso. In caso contrario, sarà la sola consolidata a rispondere penalmente della propria condotta, nei limiti in cui il suo comportamento abbia prodotto una imposta evasa a livello di gruppo, con superamento delle soglie di punibilità previste dalla legge. In altri termini, secondo tale prospettazione dottrinaria, la consolidante andrebbe esente da responsabilità penale in applicazione dello schema del c.d. autore mediato 5. Tale istituto presuppone che l autore materiale del reato sia strumentalizzato con l inganno dal deceptor, che induce nel deceptus una falsa rappresentazione della realtà, così da determinarne la condotta criminosa. La non punibilità del deceptor è tuttavia condizionata alla ricorrenza di tutti i presupposti indicati dall art. 47 c.p. (dovendo pertanto sussistere il c.d. error facti). È dunque necessario che l errore dell autore mediato, determinato dall altrui inganno, verta sul fatto di reato, e non sul precetto penale. Al di là di tali considerazioni, va ricordato che i delitti tributari sono oggi (quasi) tutti punibili a titolo di dolo specifico di evasione delle imposte: pertanto, appare difficile configurare una responsabilità colposa in capo alla consolidante che, pur a fronte della condotta penalmente rilevante di una controllata, si sia limitata ad effettuare la presentazione della dichiarazione, relativa al consolidato fiscale nazionale in ossequio al disposto di legge dell art. 122 TUIR. 2. La condotta Il comportamento punito in virtù della norma in esame ha una struttura articolata in due fasi 6. 5 Occorre tuttavia ricordare che la figura dell autore mediato costituisce un istituto specifico dell ordinamento tedesco, utilizzato al fine di giustificare la punibilità di quelle ipotesi di concorso di persone che non rientrano nelle fattispecie tipizzate dal codice penale germanico: di qui, per autorevole dottrina, la sua problematica applicazione nell ordinamento italiano (cfr. sul punto FIAN- DACA, MUSCO, Diritto penale Parte generale, Bologna, 2007, 458, sub nota n. 19). 6 Conformi, in dottrina, PUOTI, SIMONELLI, I reati tributari, Padova, 2008, 73-74, e SOANA, I reati tributari, Milano, 2009,

6 18 Gli illeciti penali in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto In primo luogo, vi è la condotta prodromica di tenuta delle fatture o degli altri documenti per operazioni inesistenti, mediante la loro registrazione e/o detenzione a fini probatori nei confronti dell Erario. Successivamente, vi è il concreto utilizzo di tali documenti mediante indicazione, in dichiarazione, di elementi passivi fittizi o di attivi inferiori a quelli reali, così fornendo all Amministrazione finanziaria una falsa rappresentazione della situazione contributiva. * * * Particolare importanza assume, con riguardo al delitto de quo, la nozione di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. A tal proposito, occorre far riferimento alla definizione autentica di fattura, contenuta nell art. 1, comma 1, lett. a), d.lgs. n. 74/2000. In base alla suddetta norma, sono rilevanti tanto le fatture, quanto tutti quei documenti aventi analogo valore probatorio sotto il profilo fiscale (es.: ricevute, note, conti, parcelle, contratti, documenti di trasporto, note di addebito e di accredito, ecc.), che abbiano ad oggetto operazioni mai avvenute dal punto di vista materiale, e quindi esistenti solo sulla carta. Va poi esaminata la nozione di operazione inesistente. Il concetto di inesistenza dell operazione fiscalmente rilevante è tradizionalmente tripartito dalla dottrina 7 con riguardo ad operazioni oggettivamente inesistenti (in quanto mai effettuate, totalmente o parzialmente), sovrafatturazioni (consistenti nell aumento fittizio di passività in parte esistenti) ed operazioni soggettivamente inesistenti (in quanto concluse fra soggetti in tutto o in parte diversi da quelli che le hanno poste in essere). La Corte di Cassazione 8, con riguardo all inesistenza oggettiva di operazioni relative ad imposte dirette, ha recentemente chiarito che essa può essere anche soltanto materiale, e cioè può consistere unicamente in cessioni di beni o in prestazioni di servizi che non sono mai avvenute nella realtà (inesistenza oggettiva totale), oppure sono avvenute per quantità o qualità minori rispetto a quelle dichiarate (inesistenza oggettiva parziale). Attraverso operazioni oggettivamente inesistenti, si produce dunque un costo fittizio che l utilizzatore dichiara per abbattere imponibile e imposta. L inserimento in dichiarazione, un operazione inesistente, ad esempio, può aversi nel caso di indicazione di costi di ricerca applicata e di sviluppo 9 : questi, infatti, potrebbero prima essere stati indebitamente iscritti all attivo del bilancio socie- 7 Per tutti, ANTOLISEI, Manuale di diritto penale Leggi complementari, Milano, 2008, II, Cass. pen., sez. III, 14 marzo 2010, n OLDRÀ, Costi di ricerca e sviluppo a rischio di frode fiscale o di falso in bilancio, in Corriere trib., 2004, 46, 3627.

7 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti 19 tario, giustificandoli in relazione ad un progetto di ricerca asseritamente realizzabile, oppure svalutati (facendoli risultare come costi effettivi di un progetto in realtà non più realizzabile), al fine specifico di evadere le imposte. L inesistenza oggettiva si ha pure nell ipotesi di c.d. sovrafatturazione di operazioni effettivamente avvenute, consistente nella diversità, totale o parziale, tra costi indicati in dichiarazione e costi di fatto sostenuti. Per la giurisprudenza di legittimità, la sovrafatturazione ricorre Giurisprudenza «( ) sia nell ipotesi di inesistenza relativa (ovvero quando l operazione vi è stata, ma per quantitativi inferiori a quelli indicati in fattura) sia, infine, nell ipotesi di sovrafatturazione qualitativa (ovvero quando la fattura attesti la cessione di beni e/o servizi aventi un prezzo maggiore di quelli forniti), in quanto oggetto della repressione penale è ogni tipo di divergenza tra la realtà commerciale e la sua espressione documentale». Cass. pen., sez. III, 25 ottobre 2007, n Potrà poi aversi un inesistenza soggettiva della prestazione, caratterizzata dalla diversità tra il soggetto che ha effettuato la prestazione e quello indicato in fattura. In tema di inesistenza soggettiva, occorre distinguere fra la c.d. interposizione fittizia e quella c.d. reale 10. La prima figura ricorre quando l operazione è in realtà avvenuta, ma fra soggetti diversi da quelli dichiarati, e tutti i soggetti di essa vogliono che gli effetti del negozio si producano nei confronti di una persona diversa da quella che appare nell atto. L interposizione fittizia sussiste dunque quando le parti abbiano effettivamente posto in essere un negozio, ma quest ultimo sia stato oggetto di quella che, in termini civilistici, è definita simulazione relativa soggettiva (che ricorre quando fra le parti sia intervenuto un accordo di fatto diverso da quello risultante ex contractu, in modo da dissimulare il contraente effettivo). Consapevole della frequenza con cui si verificano le fattispecie di interposizione fittizia in ambito tributario, il legislatore ha appositamente introdotto nell ordinamento una disposizione antielusiva (art. 37, comma 3, d.p.r. n. 600/1973), secondo cui: Normativa «In sede di rettifica o di accertamento d ufficio sono imputati al contribuente i redditi di cui appaiono titolari altri soggetti quando sia dimostrato, anche sulla base di presunzioni gravi, precise e concordanti, che egli ne è l effettivo possessore per interposta persona» Cfr. ANTONACCHIO, Interposizione reale e fittizia nel delitto di frode fiscale, in Fisco, 2005, 36,

8 20 Gli illeciti penali in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto L interposizione reale (cui la prevalente dottrina non ritiene applicabile il citato art. 37, comma 3, d.p.r. 29 settembre 1973, n. 600) 11 si ha invece quando gli effetti della vendita si producono realmente in capo all acquirente, e quindi manca un accordo simulatorio. Pertanto, affinché possano aversi effetti tributari penalmente rilevanti, occorre che una terza persona (di solito un nullatenente) ponga in essere un successivo negozio di trasferimento in favore di un altro soggetto. Nell interposizione reale, è dunque l interposto il soggetto passivo dell obbligazione tributaria, che nasce dal fatto-presupposto a sua volta originatosi dal compimento del negozio giuridico con il terzo. Non così nell interposizione fittizia, ove invece è l interponente il soggetto passivo della relativa obbligazione tributaria. Sul punto va segnalata un interessante pronuncia della giurisprudenza di merito, secondo cui: Giurisprudenza «Non può parlarsi di operazioni soggettivamente inesistenti ex art. 2, d.lg. 10 marzo 2000 n. 74, nel caso in cui non si tratti di transazioni simulate, bensì di operazioni reali effettivamente intervenute tra il fornitore nazionale (acquirente comunitario) ed il cessionario italiano, e sia escluso ogni diretto rapporto tra quest ultimo ed il venditore estero». App. Torino, sez. I, 3 novembre 2008, n Trattasi di pronuncia che sicuramente rompe con la consolidata giurisprudenza di legittimità 12 che invece non distingue, ai fini penali tributari, fra ipotesi di interposizione fittizia e reale, ritenendo entrambe punibili, sul presupposto che esse costituiscono operazioni che comunque non consentono di individuare il vero soggetto cui si riferisce la fattura. Non è peraltro mancato chi ha vivacemente criticato l orientamento giurisprudenziale che afferma in ogni caso l indetraibilità dell IVA assolta sugli acquisti, ove la fattura non provenga dal soggetto che ha effettuato la cessione o la prestazione. A tal proposito parte della dottrina 13 ritiene, infatti, che in tanto l IVA debba ritenersi indetraibile, in quanto sia stato previamente ed in concreto verificato che l acquisto non c è stato, o che lo stesso sia avvenuto per importo diverso da quello contabilizzato, o che manca l inerenza tra l acquisto effettuato e l attività economica. 11 Ex multis, GALLO, Prime riflessioni su alcune recenti norme antielusive, in Dir. e prat. trib., 1992, Cfr. Cass. pen., sez. III, 16 dicembre 1986; in questo senso anche PUOTI, SIMONELLI, I reati tributari, cit., BEGHIN, Le frodi IVA e il malleabile principio di neutralità del tributo, in Corriere trib., 2010, 19, 1511, il quale rammenta l importanza del concetto di neutralità dell IVA nel quadro dell attività dell impresa-contribuente, per la quale il tributo non deve assumere connotazioni di fatto parasanzionatorie.

9 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti 21 Per autorevole dottrina 14, l inesistenza dell operazione dovrebbe poi essere valutata caso per caso, a seconda che la c.d. società cartiera sia del tutto fittizia, oppure sia reale. In questa seconda ipotesi, infatti, nessuna censura dovrebbe essere mossa, quando l esistenza delle ragioni economiche e della ragion d essere della società asseritamente interposta risulta da elementi di fatto del tutto convincenti (quali ad esempio la stipula di affidamenti bancari e garanzie fideiussorie valide, o il possesso di beni immobili, che lasciano presumere l effettivo esercizio di un attività economica). Più in generale, il contribuente non dovrebbe essere incriminato per frode fiscale per il semplice fatto di avere avuto rapporti commerciali con una c.d. società cartiera: ciò non dovrebbe automaticamente condurre a ritenere che il destinatario delle fatture (contestate come) false fosse a conoscenza della natura criminale dell attività economica esercitata. Occorre sempre tener presente che gli automatismi probatori propri del contenzioso tributario non possono trovare applicazione diretta ed immediata nel processo penale, che resta invece governato da principi costituzionali e regole a sé stanti, ispirate non già al favor fisci, bensì al favor rei 15. L inesistenza dell operazione indicata in dichiarazione può essere anche solo giuridica: si tratta, per lo più, dei casi in cui la fattura (o il diverso documento ad essa equipollente sul piano fiscale) attesti una cessione di beni od una prestazione di servizi diversa da quella che le parti hanno consapevolmente e volontariamente dissimulato 16. Non così ritiene una parte della giurisprudenza di merito 17, la quale pone l accento sulla definizione normativa di operazioni inesistenti, contenuta nel corpo dell art. 1, comma 1, lett. a), d.lgs. n. 74/2000: perciò devono considerarsi tali (solo) le transazioni non realmente effettuate. Ne consegue che, in caso di mendacio che riguardi esclusivamente la qualificazione giuridica di un operazione realmente e- sistita, non può aversi frode fiscale, e si impone dunque l assoluzione del contribuente. * * * Con riguardo alla distinzione fra costi non inerenti alla gestione societaria e costi falsi (cioè imputabili ad operazioni inesistenti), la giurisprudenza di legitti- 14 CARACCIOLI, Interposizioni e norme antifrode in materia di IVA: profili penali, in Fisco, 2006, 14, Sempre CARACCIOLI, Sulla prova nei processi per falsa fatturazione in ipotesi di c.d. cartiere parziali, in Fisco, 2005, 37, Ad esempio, il contribuente può far figurare un mutuo quale prestazione di un servizio, ad es., di leasing; oppure come si è detto può effettuare un acquisto non inerente all attività economica o professionale esercitata, dichiarandolo invece come tale. 17 Trib. Trento, 13 giugno 2007, n

10 22 Gli illeciti penali in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto mità 18, in una recente pronuncia, ha chiarito che non è punibile l amministratore di società che usa fatture false emesse sull azienda, a fronte di servizi dalla stessa non fruiti. Secondo la Suprema Corte, l attività di iscrizione di costi fittizi si differenzia infatti da quella di fatturazione per operazioni inesistenti, poiché avviene mediante l intestazione, in capo alla società, di acquisti di beni e servizi destinati al consumo da parte della persona fisica collegata alla stessa: trattasi cioè di un operazione commerciale realmente intercorsa tra i soggetti, che risultino essere da un lato l effettivo committente della merce o del servizio e dall altro il cessionario degli stessi, nella quale il primo abbia effettuato il relativo pagamento 19. Per il semplice fatto che il cliente (amministratore di società) è in possesso di partita IVA, il fornitore (emittente la fattura) è legittimato a considerarlo soggetto passivo, senza ulteriore indagine sulla destinazione inerente o non inerente dell acquisto. Pertanto, ove sia provata la non inerenza dei costi rispetto all attività societaria, e sussista effettivamente l imputazione di spese non completamente aziendali, tali operazioni saranno punibili a titolo di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici ex art. 3, d.lgs. n. 74/2000, o di dichiarazione infedele ex art. 4, d.lgs. n. 74/2000, ma non per frode fiscale ex art. 2, d.lgs. n. 74/2000. * * * In tema di ripartizione dell onere probatorio, l inerenza dei costi all attività imprenditoriale, specie nel caso di attività prodromiche al suo esercizio, può ritenersi provata dall apparente destinazione a finalità imprenditoriali dell operazione imponibile, nonché dalla qualità soggettiva del soggetto passivo d imposta. Per contro, costituisce circostanza sfavorevole al riconoscimento dell inerenza dei costi all attività imprenditoriale il fatto che l operazione, inizialmente programmata dal contribuente, non abbia poi avuto attuazione. In tal caso, parte della dottrina 20 sostiene che, in caso di contenzioso tributario, sia onere del contribuente dimostrare che ciò è stato determinato da ragioni intrinseche alla logica imprenditoriale (ad es., a seguito dell esito negativo di valutazioni di redditività del costo preventivato). Tali considerazioni devono però essere rapportate alle disposizioni che informano il processo penale tributario. In altri termini, occorre sempre considerare 18 Cass. pen., sez. III, 23 gennaio 2009, n. 3203, con nota di CENTORE, Il confine tra costi non i- nerenti e falsi nella norma penale, in Corriere trib., 2009, 11, Nello stesso senso CARDONE, PONTIERI, Fatture o altri documenti per operazioni soggettivamente inesistenti: l ipotesi dell interposizione reale, in Fisco, 2009, 26, MARCHESELLI, Allegazione e prova dell inerenza di costi detraibili per spese di impianto, in Corriere trib., 2004, 44, Cfr., nella giurisprudenza, Cass. civ., sez. V, 18 giugno 2007, n

11 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti 23 che un conto sono le regole probatorie proprie del contenzioso tributario; altre sono quelle che governano il processo penale (e quindi i procedimenti aventi ad oggetto i reati tributari). Ciò posto, va rilevato che, in sede penale, l onere della prova del carattere fittizio dei costi indicati nella dichiarazione annuale è a carico del P.M., stante il principio di presunzione di innocenza fino a condanna definitiva, di cui all art. 27, comma 2, Cost.; diversamente avviene come si è detto nel contenzioso tributario, ove invece l onere della prova della non fittizietà delle fatture ricade sul contribuente, mentre l Ente impositore potrà limitarsi ad offrire un fumus di elementi suffraganti la tesi della fittizietà delle fatture 21. In altri termini, in sede di processo penale, in cui i meri indizi risultino essere preponderanti rispetto alle prove, il combinato disposto degli artt. 192 c.p.p. e 530, comma 2, c.p.p. vieta al Giudice di pronunciare sentenza di condanna, se sulla colpevolezza dell imputato persiste un ragionevole dubbio: il permanere di una lettura alternativa di determinati fatti, anche se assistita da un minor grado di probabilità, genera un dubbio non irragionevole sulla responsabilità dell imputato, ed impone l assoluzione 22. Per contro, ove il giudice del merito ritenga sussistente il disegno criminoso di evasione fiscale ed il reato di dichiarazione fraudolenta sulla base di una prova logica, fondata su indizi gravi, precisi e concordanti la relativa pronuncia sarà immune dai vizi denunciati dall imputato mediante ricorso per Cassazione, e consentirà, al di là di ogni ragionevole dubbio, di pervenire ad un giudizio di responsabilità del ricorrente 23. La consumazione del reato in esame avviene con la presentazione della dichiarazione fraudolenta, e cioè con l unico atto mediante il quale nelle intenzioni del legislatore della riforma penale tributaria l interesse erariale alla percezione dei tributi è messo concretamente a repentaglio. Poiché ad ogni dichiarazione corrisponde una potenziale lesione all interesse erariale, in presenza di più dichiarazioni fraudolente sussiste una pluralità di violazioni penalmente rilevanti Così sostiene autorevole dottrina: CORSO, Frode fiscale e ripartizione dell onere della prova, in Corriere trib., 2009, 7, 507. Contra, peraltro, nella giurisprudenza tributaria di legittimità, Cass. civ., sez. trib., 21 agosto 2007, n Cfr., nella giurisprudenza di merito, App. Milano, 10 aprile 2006, n. 1424, con nota di CORSO, Frode fiscale e prova al di là di ogni ragionevole dubbio, in Corriere trib., 2006, 33, Ad esempio, Cass. pen., sez. III, 6 marzo 2008, n , ha ritenuto che la coincidenza fra l importo di fatture contestate, in quanto riferite ad operazioni inesistenti, e la sussistenza di un insieme di assegni circolari tratti da fornitori dalla società contribuente, ed incassati dal legale rappresentante e dai familiari di quest ultimo, costituisca prova logica sufficiente per addivenire alla condanna della società imputata. 24 MARCHESELLI, Effetti della natura istantanea della dichiarazione fraudolenta in caso di reiterazione del reato, in Corriere trib., 2008, 46, 3699.

12 24 Gli illeciti penali in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto Nello stesso senso si è attestata la giurisprudenza di legittimità, secondo cui: Giurisprudenza «In caso di frazionamento in successive dichiarazioni annuali delle quote di ammortamento dell importo di fatture per l acquisto (inesistente) di beni strumentali, il reato di cui all art. 2 d.lg. n. 74 del 2000 è integrato da ogni dichiarazione nella quale vengono indicati i corrispondenti elementi passivi fittizi in detrazione dei redditi». Cass. pen., sez. III, 24 settembre 2008, n Invero per la Cassazione, se in ipotesi di costo frazionato si ritenesse realizzato il reato solo con la prima dichiarazione (relativa alla prima frazione di costo), si finirebbe per considerare ingiustificatamente irrilevante, dal punto di vista penale, il tentativo di sottrarre all imposizione il resto del costo (corrispondente alle frazioni di cui alle dichiarazioni successive). Invece, al fine di evitare che vengano a crearsi zone franche di punibilità, l ipotesi di cui alla norma in commento deve ritenersi configurabile anche nel caso di un frazionamento in successive dichiarazioni annuali delle quote di ammortamento dell importo di fatture per l acquisto (inesistente) di beni strumentali, ogni qualvolta siano indicati nella singola dichiarazione, i corrispondenti elementi passivi fittizi in detrazione dei redditi. È stato quindi superato quel risalente indirizzo giurisprudenziale 25 secondo cui la fattispecie criminosa di cui all art. 2, d.lgs. n. 74/2000 si consuma nell anno in cui le fatture per operazioni inesistenti sono registrate nella contabilità e recepite nella dichiarazione dei redditi, mentre sarebbe irrilevante il loro riutilizzo nelle dichiarazioni dei redditi per gli anni successivi, allorché si verifichi un ipotesi di ammortamento frazionato di beni nei successivi esercizi. Ribadendo la natura istantanea del reato in esame, sempre la Suprema Corte di Cassazione, in un recente arresto giurisprudenziale, ha statuito che: Giurisprudenza «Il reato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti si consuma nel momento della presentazione della dichiarazione. (Fattispecie in tema di conflitto, nella quale la Corte ha ritenuto che il luogo della consumazione fosse da individuare in quello di utilizzazione delle fatture, e cioè di presentazione della dichiarazione, e non già in quello di emissione)». Cass. pen., sez. I, 5 marzo 2009, n Cfr. Cass. pen., sez. III, 10 aprile 1991 n Conforme Cass. pen., sez. III, 21 novembre 2008, n. 626; in dottrina, PUOTI, SIMONELLI, I reati tributari, cit., 72.

13 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti 25 Tanto in dottrina 27, quanto in giurisprudenza 28, l ipotesi di cui all art. 2, d.lgs. n. 74/2000 è stata pure considerata di pericolo concreto, sul presupposto che per la sua integrazione non è richiesta evasione d imposta. In questo senso, si è ritenuto che la fattispecie in argomento possa restare integrata anche quando, ad esempio, gli elementi passivi fittizi incrementino una perdita riportata a nuovo, i cui effetti, in termini di evasione fiscale, potranno a- versi in un successivo esercizio. 3. L elemento soggettivo del reato Il delitto in esame è punito a titolo di dolo specifico: è quindi richiesta la finalità di conseguire un evasione delle imposte sui redditi o sul valore aggiunto. L art. 1, comma 1, lett. d), d.lgs. n. 74/2000, definisce il fine di evadere le imposte come quello che consente Normativa «di conseguire un indebito rimborso o il riconoscimento di un inesistente credito d imposta ( )». Il dolo specifico sussiste, dunque, quando non è stata neppure prospettata un esclusiva finalità extraevasiva della condotta del contribuente. In altri termini, la condotta di utilizzo di fatture deve essere strumentalmente idonea a conseguire l indebito risparmio fiscale: è quindi necessario che l evasione sia un fine della condotta, rientrando così nell intenzione dell agente. Il fine di evasione, ad esempio, non sussiste ove l obiettivo del contribuente, nel periodo di imposta considerato, non appaia tanto quello di evadere le imposte, quanto piuttosto quello di cercare di tamponare gravi carenze contabili, creando almeno una parvenza di regolarità nella tenuta della contabilità aziendale. Manca il dolo di evasione pure nel caso in cui risulti documentato (attraverso documenti contabili, ai quali corrispondono regolari pagamenti, ad es. con assegni bancari) che una determinata operazione, relativa all acquisto di beni inerenti l esercizio dell attività di impresa, si è realmente perfezionata. Peraltro, la precipua finalità di evasione non esclude affatto la compatibilità di tale specifico elemento psicologico con altri scopi (più o meno leciti, e più o meno evidenti), avuti di mira dall autore del reato. Ciò consente, ad esempio, che, in 27 LO MONTE, Prime osservazioni sul progetto di decreto legislativo ai sensi dell art. 9 l. n. 205/99 di riforma dei reati tributari, in Rass. trib., 2000, 139; GOLINO, Prime riflessioni sulla riforma delle sanzioni penali tributarie, in Fisco, 2000, Cass. pen., sez. II, 11 gennaio 2007, n. 5656; vedasi anche la già citata Cass. pen., sez. III, 27 aprile 2000, n

14 26 Gli illeciti penali in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto relazione alla medesima condotta, al contribuente possano essere contestati, oltre alla frode fiscale, anche i reati di truffa aggravata (nelle ipotesi di cui agli artt. 640 c.p. e 640 bis c.p.) e di falso in bilancio (artt e 2622 c.c.: sul punto, si veda infra) 29. Bisogna poi tener presente che l attuale formulazione dell art. 2, d.lgs. n. 74/2000 non contempla più, fra gli scopi dell agente, l agevolazione all evasione altrui: pertanto, il fatto di chi abbia utilizzato fatture per operazioni soggettivamente inesistenti al solo fine di agevolare l evasione di terzi (e non la propria) è oggi privo di rilevanza penale Le circostanze; il tentativo Il reato di dichiarazione fraudolenta ex art. 2, d.lgs. n. 74/2000 prevede un ipotesi base, al comma 1, ed una ipotesi attenuata, al comma 3, ove la pena è fortemente ridotta nei casi in cui gli elementi passivi fittizi, documentati con fatture false, siano complessivamente inferiori a ,07. Il legislatore ha preferito non inserire alcuna soglia di punibilità in relazione al delitto in esame, limitandosi a prevedere una circostanza attenuante speciale e ad effetto speciale (che quindi, ai sensi dell art. 63 c.p., importa una diminuzione di pena superiore ad un terzo). Secondo il più recente orientamento della giurisprudenza di legittimità, Giurisprudenza «Il delitto di cui all art. 2, comma terzo, del D.Lgs. n. 74 del 2000 è circostanza attenuante e non fattispecie autonoma di reato». Cass. pen., sez. III, 8 maggio 2008, n Peraltro, nell ambito della medesima sezione della Corte di Cassazione 31 vi è attualmente contrasto sul punto, atteso che è stato pure ritenuto che l art. 2, comma 3 in esame costituisca un ipotesi autonoma ed attenuata di frode fiscale, sulla scorta della necessità di evitare gli effetti testualmente definiti perversi del giudizio di equivalenza o prevalenza delle attenuanti. Quest ultimo orientamento, per quanto motivato da comprensibili ragioni di tutela sostanziale degli interessi erariali, non appare condivisibile sul piano strettamente giuridico, per un duplice ordine di motivi. 29 Cfr. SOLDI, Interposizione inconsapevole di società di leasing nell emissione di fatture per operazioni inesistenti, in Riv. dir. trib., 2008, 5, Uff. indagini preliminari Milano, 8 giugno Cass. pen., sez. III, 6 marzo 2008, n

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014

La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La riforma delle sanzioni tributarie La revisione degli aspetti penali ai sensi dell articolo 8 Legge delega 23/2014 di Sanvito Corrado Milano, Corso Europa,

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale:

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale: Accertamento e Verifiche di Thomas Tassani Il principio di specialità nelle sanzioni tributarie, amministrative e penali il caso dell indebita compensazione dei crediti e dell infedele dichiarazione Rapporti

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole La Corte di Giustizia Europea ha dichiarato non punibile l utilizzatore finale che dimostra di non essere parte dell

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO

pag. ABBREVIAZIONI... SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA... 15 CAPITOLO PRIMO pag. ABBREVIAZIONI... XIX SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 GIURISPRUDENZA E DOTTRINA......................... 15 CAPITOLO PRIMO I DELITTI IN MATERIA DI DICHIARAZIONE: ELEMENTI COMUNI 1. I

Dettagli

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it

STUDIO BELCASTRO. Dott. Claudio Belcastro. claudio.belcastro@studiobelcastro.it web www.studiobelcastro.it Dott. Claudio Belcastro Dott. Emanuela Candido Rag. Maria Teresa Cimarosa Dott. Franco Chiudino Rag. Sandra Macrì Rag. Caterina Piccolo Dott. Sergio Policheni Rag. Santina Sansotta Dott. Francesco Strangio

Dettagli

SANZIONI TRIBUTARIE PENALI

SANZIONI TRIBUTARIE PENALI SANZIONI TRIBUTARIE PENALI Le sanzioni tributarie trovano il loro primo fondamento nella legge "manette agli evasori" D.L. 10 luglio 1982, n. 429, convertito con modificazioni dalla L. 7 agosto 1982, n.

Dettagli

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia

(Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia (Artt. 5-quinquies e 5-septies D.L. 167/1990) Avv. Mario Garavoglia VOLUNTARY DISCLOSURE (Legge n. 186 del 15 dicembre 2014) Procedura straordinaria di collaborazione volontaria tesa a consentire ai contribuenti

Dettagli

Sanzioni penal-tributarie: riforma operativa dal 22 ottobre della Dott.ssa Roberta De Pirro

Sanzioni penal-tributarie: riforma operativa dal 22 ottobre della Dott.ssa Roberta De Pirro Sanzioni penal-tributarie: riforma operativa dal 22 ottobre della Dott.ssa Roberta De Pirro Le modifiche al sistema delle sanzioni penali tributarie hanno decorrenza immediata: infatti, la riforma della

Dettagli

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE

Informativa n. 38. La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE Informativa n. 38 del 21 settembre 2011 La manovra di Ferragosto ( DL 13.8.2011 n. 138 convertito nella L. 14.9.2011 n. 148) - Novità in materia di reati tributari INDICE 1 Premessa... 2 2 Operatività

Dettagli

REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE

REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE REATI TRIBUTARI PRIMA PARTE di Massimiliano Manni Premessa Con il termine frode fiscale, la dottrina e la giurisprudenza 1 aveva accomunato il carattere fraudolento in tutti quei comportamenti che, pur

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

NOTE SULLA RIFORMA DEI REATI TRIBUTARI IN ALCUNE RECENTI DECISIONI DELLA CASSAZIONE * * *

NOTE SULLA RIFORMA DEI REATI TRIBUTARI IN ALCUNE RECENTI DECISIONI DELLA CASSAZIONE * * * NOTE SULLA RIFORMA DEI REATI TRIBUTARI IN ALCUNE RECENTI DECISIONI DELLA CASSAZIONE * * * Premessa La riforma dei reati tributari, portata a compimento con il decreto legislativo 10 marzo 2000, n. 74,

Dettagli

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA

PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ DI PROVENIENZA ILLECITA 1 PARTE SPECIALE E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITÀ

Dettagli

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014

Fiscal News N. 90. Il reato di omessa dichiarazione. La circolare di aggiornamento professionale 25.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 90 25.03.2014 Il reato di omessa dichiarazione Dal 18 settembre 2011 soglia di punibilità più bassa Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati

Dettagli

Nuovi orientamenti della Cassazione Nuova disciplina dei costi da reato Il nuovo reato di falso in verifica fiscale

Nuovi orientamenti della Cassazione Nuova disciplina dei costi da reato Il nuovo reato di falso in verifica fiscale Nuovi orientamenti della Cassazione Nuova disciplina dei costi da reato Il nuovo reato di falso in verifica fiscale Milano, 5 giugno 2012 Avv. Angelo Vozza (a.vozza@gpjus.it) Nuovi orientamenti della Cassazione:

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Indice XIII. Introduzione

Indice XIII. Introduzione Indice Introduzione XIII 1 L evasionefiscaleel usodellostrumentopenalepercontrastarla 1 1.1 Il fenomeno dell evasione 2 1.1.1 Le frodi fiscali 6 1.1.2 Alcuni dati sull evasione 11 1.2 Il ricorso allo strumento

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE

QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA NORMATIVA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE QUANDO LA VIOLAZIONE DELLA FISCALE HA RIFLESSI DI NATURA PENALE di Teodoro Lateana Nell attuale sistema normativo, tra le fattispecie di reato aventi natura delittuosa (azioni volontarie che producono

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231

Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Torino, 27 novembre 2015 Riciclaggio, autoriciclaggio e responsabilità 231 Avv. Gian Piero Chieppa Foro di Torino Dott.ssa Lucia Starola Dottore Commercialista in Torino FATTI di riciclaggio e responsabilità

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011)

I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) I principali reati tributari (normativa in vigore dal 17/9/2011) by Redazione - Tuesday, February 03, 2015 http://www.ascheri.net/2015/02/03/principali-reati-tributari-normativa-vigore-dal-1792011/ Attenzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

INQUADRAMENTO GENERALE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE. I Modulo

INQUADRAMENTO GENERALE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE. I Modulo INQUADRAMENTO GENERALE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE I delitti in materia di documenti e pagamenti di imposte I Modulo 1 DEFINIZIONE DI IMPOSTA EVASA Art. 1 d.lgs. N. 74/2000 E l imposta effettivamente

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO 1. Il diritto tributario e le entrate dello Stato... pag. 1 2. Le fonti del diritto...» 6 3. Le fonti

Dettagli

DIRITTO PENALE TRIBUTARIO

DIRITTO PENALE TRIBUTARIO DIRITTO PENALE TRIBUTARIO a cura di GIOVANNI FIANDACA - ENZO MUSCO SECONDA EDIZIONE MVLTA PAVCIS AG GIUFFRÈ EDITORE MILANO INDICE-SOMMARIO Premessa alla seconda edizione Pagv CAPITOLO I L'ART. 1 DELLA

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni,

vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, 1 Brevi note sulla novella in tema di reati tributari recata dall art. 2, comma 36- vicies semel, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011 n.

Dettagli

I REATI TRIBUTARI PUNITI PENALMENTE

I REATI TRIBUTARI PUNITI PENALMENTE I REATI TRIBUTARI PUNITI PENALMENTE INTRODUZIONE I contribuenti che effettuano comportamenti "illeciti" da un punto di vista tributario devono conoscere le conseguenze non solo amministrative, ma spesso

Dettagli

LE FRODI IVA NEL CONTESTO INTRA-UNIONALE Responsabilità (il)limitata dell operatore coinvolto

LE FRODI IVA NEL CONTESTO INTRA-UNIONALE Responsabilità (il)limitata dell operatore coinvolto LE FRODI IVA NEL CONTESTO INTRA-UNIONALE Responsabilità (il)limitata dell operatore coinvolto PROFILI PENALI DEL COINVOLGIMENTO ESTERNO DELL OPERATORE NELLA FRODE Avv. Armando Simbari Roma, 15 aprile 2015

Dettagli

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale

Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Prima pronuncia di merito a favore della cedibilità del credito IVA infrannuale Per anni l Amministrazione Finanziaria ha mantenuto un atteggiamento assolutamente restrittivo nei confronti della cedibilità

Dettagli

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo

Torino, 18 gennaio 2012. Dott.ssa Elena De Carlo Torino, 18 gennaio 2012 Dott.ssa Elena De Carlo - Abbassamento soglie di punibilità - Proroga dei termini per l accertamento IVA - Preclusione degli accertamenti presuntivi in relazione agli studi di settore

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 71 del 13 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi I reati fiscali tenui potrebbero essere non punibili Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. 28352: reati fiscali e tributari in relazione ad attività di trasporto rifiuti. «Questa Corte ha costantemente affermato, sulla scia

Dettagli

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3 ALLEGATO 3 REATI SOCIETARI 1. False comunicazioni sociali Art. 2621 c.c. Salvo quanto previsto dall articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari Newsletter 231 n. 3/2014 I reati Tributari 1. Premessa I reati Tributari di cui al D.lgs 10 marzo 2000, n. 74 non sono ancora - contemplati tra i reati presupposto della responsabilità amministrativa degli

Dettagli

Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti

Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti Stampa Occultamento e distruzione di scritture contabili: analisi delle fattispecie penalmente rilevanti admin in Contenzioso e processo tributario La Corte di Cassazione, sezione Penale, si è pronunciata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... LA DISCIPLINA DEI REATI IN MATERIA DI IMPO- STE SUI REDDITI E SUL VALORE AGGIUNTO PARTE PRIMA

INDICE SOMMARIO. Premessa... LA DISCIPLINA DEI REATI IN MATERIA DI IMPO- STE SUI REDDITI E SUL VALORE AGGIUNTO PARTE PRIMA INDICE SOMMARIO Premessa... XV PARTE PRIMA LA DISCIPLINA DEI REATI IN MATERIA DI IMPO- STE SUI REDDITI E SUL VALORE AGGIUNTO CAPITOLO 1 LA REPRESSIONE DEGLI ILLECITI PENALI TRI- BUTARI 1. L illecito tributario...

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte prima LA FRODE FISCALE E RIFORMA PENAL-TRIBUTARIA CAPITOLO I NOZIONE ED EVOLUZIONE DELLA FRODE FISCALE

INDICE SOMMARIO. Parte prima LA FRODE FISCALE E RIFORMA PENAL-TRIBUTARIA CAPITOLO I NOZIONE ED EVOLUZIONE DELLA FRODE FISCALE INDICE SOMMARIO Prefazione alla quarta edizione... Prefazione... pag. V VII Parte prima E RIFORMA PENAL-TRIBUTARIA CAPITOLO I NOZIONE ED EVOLUZIONE DEL 1. La figura della frode fiscale in giurisprudenza

Dettagli

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015

Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Circolare N. 154 del 5 Novembre 2015 Reati penali fiscali: per le fattispecie elusive il contribuente va assolto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che la Cassazione, con una recente

Dettagli

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9

Sommario. I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 I. Il reato di riciclaggio e le misure antiriciclaggio pag. 9 1. Le norme antiriciclaggio previste dal decreto legislativo n. 231 del 21 novembre 2007: applicabilità al nuovo reato di autoriciclaggio pag.

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 36/2015 RIFORMA DEL SISTEMA SANZIONATORIO: ASPETTI PENALI

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati CIRCOLARE N. 36/2015 RIFORMA DEL SISTEMA SANZIONATORIO: ASPETTI PENALI Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 16/11/2015 Ai Signori

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

Paesi black-list: la comunicazione periodica

Paesi black-list: la comunicazione periodica Paesi black-list: la comunicazione periodica Oltre ad indicare nel Modello UNICO i costi relativi ad operazioni intraprese con paesi Black list l art. 1 D. MEF 30 marzo 2010 ha previsto un nuovo obbligo

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Alcuni rilievi emersi in sede di controllo. Antonio Cologno 27 gennaio 2015

Alcuni rilievi emersi in sede di controllo. Antonio Cologno 27 gennaio 2015 Alcuni rilievi emersi in sede di controllo Antonio Cologno 27 gennaio 2015 1 Principali rilievi/criticità esclusiva o prevalente attività comm.le tracciabilità pagamenti mancanza attività istituzionale

Dettagli

Federazione Autonoma Bancari Italiani

Federazione Autonoma Bancari Italiani Federazione Autonoma Bancari Italiani Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Loc. Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287 Operatori

Dettagli

CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE. di GIUSEPPE REBECCA

CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE. di GIUSEPPE REBECCA CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE di GIUSEPPE REBECCA Sommario: 1. Premessa 2. Il corrispettivo 3. Persona fisica cedente 4. Il presupposto impositivo 5. Cosa può fare l Agenzia? 6. La norma antielusione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002

Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 Circolare dell'agenzia delle Entrate n. 69 /E del 14 agosto 2002 OGGETTO: Imposta di registro - agevolazioni fiscali prima casa - Cass. SS.UU. 6-21 ottobre 2000, n. 1196 - termine di decadenza triennale

Dettagli

RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015

RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015 RAVVEDIMENTO OPEROSO E NUOVI REATI TRIBUTARI RAG. GUIDO BERARDO CREMA, 12 NOVEMBRE 2015 PROGRAMMA Gli strumenti deflattivi: esame delle novità introdotte dalla Legge di stabilità 2015 Come cambia l approccio

Dettagli

Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015

Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015 Il nuovo sistema sanzionatorio dei reati tributari. Guida breve al D. Lgs. 158/2015 di Lorenzo Roccatagliata 1. Premessa. Dopo due esami preliminari, con il Consiglio dei Ministri n. 82 di venerdì 22 settembre,

Dettagli

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE \ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE SCHEDA INFORMATIVA SU : IL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO A) SCELTA DEL TEMA : RAGIONI.

Dettagli

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI Gli aggiornamenti più recenti Sanzioni in materia di monitoraggio fiscale aggiornamento gennaio 2015 SANZIONE AMMINISTRATIVA MONITORAGGIO FISCALE REATI TRIBUTARI SANZIONI

Dettagli

SANZIONI (tabelle di sintesi)

SANZIONI (tabelle di sintesi) (tabelle di sintesi) DELL OBBLIGO DI DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ART. 5 - DLGS 471/1997 Dichiarazione omessa: con IVA dovuta senza IVA dovuta (IVA a credito o saldo a zero) Dichiarazione infedele con incidenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 31/E. Roma, 7 giugno 2010. OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 giugno 2010 OGGETTO: Agevolazioni prima casa chiarimenti 2 INDICE PREMESSA...3 1. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE DESTINATE A SERVIZIO DI CASE

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI

LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI LE SANZIONI TRIBUTARIE E PENALI Gli aggiornamenti più recenti Sanzioni in materia di monitoraggio fiscale aggiornamento agosto 2014 SANZIONE AMMINISTRATIVA MONITORAGGIO FISCALE REATI TRIBUTARI SANZIONI

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, 03 marzo 2009 CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 marzo 2009 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito al corretto trattamento fiscale delle spese relative a prestazioni alberghiere e

Dettagli

L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine?

L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine? L evasione dell IVA all importazione quale autonoma fattispecie di reato Tributo interno o diritto di confine? di Michele Petito e Tommaso De Angelis 1 La giurisprudenza penale di legittimità ha spesso

Dettagli

LA NATURA DEL REATO TRIBUTARIO ED IL PROCEDIMENTO DI CONTESTAZIONE

LA NATURA DEL REATO TRIBUTARIO ED IL PROCEDIMENTO DI CONTESTAZIONE LA NATURA DEL REATO TRIBUTARIO ED IL PROCEDIMENTO DI CONTESTAZIONE 1. Premessa. Il D.Lgs. 10 marzo 2000 n. 741, rubricato Nuova disciplina dei reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto,

Dettagli

La norma: art. 648-bis c.p.:

La norma: art. 648-bis c.p.: Il trasferimento e la detenzione di capitali all estero Dal reato di riciclaggio al reato di autoriciclaggio Prof. Avv. Roberto Cordeiro Guerra 13 marzo 2015 Riciclaggio e reati tributari La norma: art.

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it OPINIONI CONTRASTANTI: IL VALORE DELL AZIENDA RISPETTO

Dettagli

OMESSI VERSAMENTI IVA

OMESSI VERSAMENTI IVA OMESSI VERSAMENTI IVA Profili pratici e sviluppi giurisprudenziali a seguito della pronuncia della Corte Costituzionale n. 80/2014 in materia di omesso versamento Iva Normativa La disciplina dei reati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ENNA SEZIONE PRIMA SENT. N. 145 del 2010 REPUBBLICA ITALIANA N 1 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ENNA SEZIONE PRIMA DEL 29/1/2010

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI MILANO TRENTATREESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Luglio Giuseppe - Presidente Cordola Michele - Relatore

Dettagli

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013

SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 Circolare informativa per la clientela n. 6/2013 del 21 febbraio 2013 SALDO IVA 2012 VERSAMENTO ENTRO IL 18 MARZO 2013 In questa Circolare 1. Calcolo dell'iva dovuta 2. Modalità e termini di versamento

Dettagli