Farmaci in cure palliative, terapia del dolore e degli altri sintomi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Farmaci in cure palliative, terapia del dolore e degli altri sintomi"

Transcript

1 D.ssa Maria Teresa Ambrosini S.S.D. UOCP 2 - SAMCO Onlus ASL TO4 Chivasso Farmaci in cure palliative, terapia del dolore e degli altri sintomi La MEDICINA PALLIATIVA: un movimento di pensiero ed una strategia di cura per i pazienti in fase terminale a domicilio, in ospedale e nelle Strutture territoriali. Foglizzo, 15 dicembre 2010

2 Tra gli obiettivi dell'assistenza in cure palliative... Identificare i sintomi comuni associati all'assistenza di fine vita Descrivere la diversa posologia dei farmaci utili ad alleviare tali sintomi ed i rispettivi effetti collaterali Valutare la risposta del paziente Insegnare al paziente quanto concerne la terapia in atto Comunicare tutto questo in equipe Guida per lo sviluppo della formazione infermieristica in cure palliative in Europa EAPC 2004

3 Terapia farmacologica in cure palliative I farmaci non sono la risposta completa per il controllo del dolore e degli altri sintomi misure non farmacologiche. Il farmaco è utilizzato nel contesto di un approccio sistematico al trattamento dei sintomi: valutazione; spiegazione al paziente e famigliari; trattamento: delle cause, non farmacologico, farmacologico; monitoraggio. Attenzione al dettaglio: TERAPIA DI FONDO AROUND THE CLOCK E AL BISOGNO ACCURATA ANAMNESI FARMACOLOGICA FORNIRE ISTRUZIONI SCRITTE

4 Terapia farmacologica in cure palliative In cure palliative, anche la terapia farmacologica ha delle particolarità... PRESCRIZIONE DI FARMACI OFF LABEL UTILIZZO DELLA VIA SOTTOCUTANEA SOMMINISTRAZIONE IN INFUSIONE CONTINUA DI MISCELE DI FARMACI

5 Prescrizione di farmaci off label Impiego di farmaci per indicazioni, vie di somministrazione, posologia diverse da quelle indicate in scheda tecnica. Non è un uso improprio! L'industria non ha condotto trials clinici e che quindi non sono disponibili evidenze di sicurezza ed efficacia che soddisfino le autorità deputate ad autorizzarne la commercializzazione Riguarda molto spesso molecole conosciute ed utilizzate da tempo, per le quali le evidenze scientifiche suggeriscono un loro razionale uso anche in situazioni cliniche non approvate da un punto di vista regolatorio Condizioni permissive: Consenso informato Inesistenza di alternative terapeutiche Notorietà dell'impiego off label e conformità a lavori apparsi su pubblicazioni scientifiche

6 Prescrizione di farmaci off label Farmaco Utilizzo off label aloperidolo desametasone furosemide ketorolac Via sottocutanea metoclopramide midazolam scopolamina butilbromuro morfina cloridrato e solfato octreotide scopolamina butilbromuro Dispnea in pazienti in cure palliative Occlusione intestinale Rantolo terminale ASLTO4 - Off label per le Cure Palliative

7 La via sottocutanea E' da preferire la via di somministrazione dei farmaci meno invasiva possibile, generalmente la via orale Ci possiamo trovare di fronte a diverse situazioni in cui la via orale è impraticabile e la via sottocutanea si presenta come valida alternativa: Disfagia Nausea e vomito Eccessivi effetti collaterali con l'assunzione per os (es sonnolenza da oppiacei) Malassorbimento (resezioni intestinali, occlusione intestinale) Deficit cognitivi Scarsa adesione al trattamento orale, in particolare negli ultimi giorni di vita

8 La via sottocutanea VANTAGGI Somministrazione sia a bolo che in infusione continua (CSCI) Effetto depot Concentrazioni plasmatiche simili all'infusione endovenosa Il sistema impiantato riduce la necessità di iniezioni Facilità d'uso per i caregiver anche in setting domiciliare (è sufficiente perforare un tappino o raccordare una siringa) la CSCI permette il controllo di più sintomi con una combinazione di farmaci l'impiego nella CSCI di elastomeri, leggeri e portatili, aiuta a mantenere quanto possibile l'autonomia SVANTAGGI Necessaria la formazione del personale per la preparazione dei sistemi di infusione Possibile infiammazione e dolore nella sede di infusione, possibile formazione di granulomi Scarsi dati sicuri di compatibilità per le misture di farmaci

9 La via sottocutanea Attenzione a adeguato pannicolo adiposo, area non irradiata, non infiammata non edematosa postura del paziente facilità di accesso per il caregiver Controindicata in pazienti in stato anasarcatico, fibrosi o flogosi cutanea Controindicata nelle coagulopatie

10 L'infusione continua sottocutanea di miscele I farmaci vengono somministrati attraverso: - Infusione di soluzione fisiologica 500 ml a 21 ml/ora, da rinnovare all'esaurirsi della flebo (durata nominale 24 ore) - Pompa elastomerica serbatoio elastomerico e regolatore di flusso. Durata da 2 a 7 giorni, anche a flusso variabile. ATTENZIONE: Aumentano il flusso rispetto la velocità nominale: - riduzione del volume di riempimento - aumento della temperatura - utilizzo di soluzione fisiologica Non utilizzare cateteri più piccoli di 22 G

11 Quali farmaci infondere sottocute? E' possibile infondere sottocute: morfina cloridrato, buprenorfina (Temgesic), tramadolo (Contramal), metadone desametasone, betametasone (Bentelan), metilprednisolone (Solumedrol) metoclopramide (Plasil), levosulpiride (Levopraid), alizapride (Limican) scopolamina butilbromuro (Buscopan) furosemide (Lasix) ranitidina (Zantac) midazolam (Ipnovel) delorazepam (En) E' controindicato l'uso sottocute perché irritanti: diazepam (Valium); clorpromazina (Largactil) esperienze diverse secondo i centri Dati di compatibilità tra farmaci sono scarsi - valutare sempre la compatibilità fisica della miscela attenzione a cristallizzazioni, opalescenze, alterazioni del colore - spesso desametasone e ketorolac creano problemi di compatibilità -

12 12

13 Trattamento dei sintomi in cure palliative oncologiche Quali sintomi bisogna trattare? Quelli soggettivi, che creano sofferenza fisica e psichica al malato. Chi decide l importanza che un sintomo ha per il paziente? Il paziente stesso.

14 Teunissen S et al, Symptom Prevalence in Patients with Incurable Cancer: A Systematic Review J Pain Symptom Manage 2007;34:

15 Dolore è quello che il paziente dice di avere Esperienza sensoriale ed emozionale spiacevole associata a danno tissutale, in atto o potenziale, o descritta in termini di danno. International Association for the Study of Pain I think the simplest and probably the best definition of pain is what the patients says hurts. I think that thay may be expressing a very multi-faceted thing. They may have physical, psycological, family, social and spiritual things all wound up in this one whole experience. But I think we should believe people and once you believe somebody you can begin to understand, and perhaps tease out the varous elements that are making up the pain. Dame Cicely Saunders

16 Le quattro dimensioni del dolore: il dolore totale La vicinanza alla morte porta ad un progressivo deterioramento di ogni connotazione personale: benessere fisico, ruolo sociale, equilibrio psichico, spiritualità. Questa condizione genera uno stato di sofferenza che è stato definito come dolore totale Sofferenza fisica Sofferenza sociale Sofferenza psicologica Sofferenza spirituale La medicina palliativa riafferma l unità fisica, psichica, sociale e spirituale della persona

17 Il dolore fisico nel paziente oncologico Circa il 70% dei pazienti con cancro in fase avanzata di malattia, anche più di un tipo di dolore Cause di dolore oncologico neoplasia Coinvolimento di osso, visceri, tessuti molli; ulcerazioni, compressione/infiltrazione nervi, complicanze LDP, stipsi, candidosi, linfedema trattamento Neuropatie, mucositi comorbidità Angina, artrosi, neuropatia diabetica Può essere acuto o cronico; il dolore cronico ha due componenti: background pain: dolore di base persistente terapia analgesica di base breakthrough pain: aumento transitoro dell'intensità del dolore in un paziente con un dolore di base ben controllato da una terapia analgesica somministrata in modo continuativo terapia al bisogno

18 Classificazione del dolore Dolore nocicettivo: dolore prodotto dagli stimoli che danneggiano o possono danneggiare i tessuti. Il dolore è prodotto dall'attivazione dei nocicettori. Somatico: (pelle, muscolo, osso): sensazione dolorosa acuta, localizzata, continua, pulsante o come pressione Viscerale: sensazione dolorosa mal localizzata, crampiforme, o urente, profonda, riferita anche ad aree distanti Dolore neuropatico: ogni dolore acuto o cronico che si suppone sia sostenuto da un processo somatosensoriale aberrante nel sistema nervoso periferico o centrale. sensazione dolorosa urente, parossistica, come scossa elettrica. Può essere associato a parestesia, allodinia, iperalgesia

19 Valutazione del dolore il fallimento di un'adeguata valutazione del dolore porta spesso a scarso controllo della sintomatologia il dolore severo non controllato è un'emergenza medica Localizzazione Dove fa male? Si irradia da qualche parte? Severità Quanto è forte? Quanto la limita nella vita quotidiana? Fattori temporali C'è tutto il tempo o va e viene? Peggiora in alcuni particolari momenti del giorno o della notte? Fattori che alleviano/aggravano Cosa migliora il dolore? Risponde ai farmaci? Cosa lo peggiora? Qualità Che tipo di dolore è? A cosa assomiglia?

20 Scale di valutazione del dolore Unidimensionali: forniscono informazioni riguardo l'intensità del dolore nelle ultime 24 ore Visual Analogue Scale (VAS) Categorical Verbal Rating Scale (VRS) Categorical Numerical Rating Scale (NRS)

21 Scale di valutazione del dolore Multidimensionali: forniscono informazioni riguardo aspetti aggiuntivi del dolore come la storia, la localizzazione, le componenti emotive e la qualità del dolore Brief Pain Inventory Breve questionario per la valutazione del dolore

22 Nel paziente con difficoltà a comunicare Come valutere il dolore nel paziente con difficoltà a comunicare? Osservare un comportamento inusuale e la risposta alla terapia antalgica Ascoltare i famigliari e i caregivers Scale di misura dedicate espressioni verbali: pianto se toccati, grida, silenzio, confabulazione espressioni comportamentali: retrazione, confusione, inappetenza, toccare zone dolenti espressioni facciali: smorfie, occhi chiusi, espressione preoccupata espressioni fisiche: freddo, pallido, cambio di parametri vitali nel dolore acuto.

23 Principi di trattamento farmacologico nel dolore da cancro METODO WHO FARMACI ANALGESICI FARMACI ADIUVANTI GESTIONE DEGLI EFFETTI SECONDARI TITOLAZIONE BREAKTHROUGH PAIN ROTAZIONE DEGLI OPPIOIDI

24 Metodo WHO Dose giusta = controlla il dolore senza causare effetti collaterali intrattabili Seguendo i principi di base della WHO si può raggiungere il controllo del dolore in almeno l'80% dei pazienti PER VIA ORALE A ORARIO FISSO SECONDO UNA SCALA TITOLARE DOSE INDIVIDUALE ATTENZIONE AL DETTAGLIO

25 I farmaci analgesici Non oppioidi: paracetamolo; FANS Oppioidi: deboli : codeina, tramadolo forti : morfina, ossicodone, fentanyl, idromorfone, buprenorfina, metadone Adiuvanti: Antidepressivi Anticonvulsivanti Antispastici Bifosfonati Corticosteroidi Miorilassanti Anti NMDA

26 Falsi miti e credenze sulla morfina Poi viene a visitarmi un medico dell Antalgica che mi ripete lei non deve avere male e mi prescrive una terapia con MS Contin. In effetti il dolore si attenua, per un paio di giorni mi sento molto meglio, ma una sera passa il medico di turno che mi dice signora, vedo che sta decisamente meglio, allora possiamo diminuire la dose! Dottoressa, non dia la morfina a mia madre, è troppo presto e poi le brucia tutte le cellule del cervello...

27 I farmaci del 1 scalino: analgesici non oppioidi Utilizzati anche in associazione ai farmaci maggiori PARACETAMOLO dosaggio: mg per os, via rettale, endovenosa (Perfalgan) massimo 3000 mg/die inizio azione: 1 ora per os; 15' endovena durata: 4-8 ore effetti avversi: FANS effetti avversi: trombosi, sanguinamento, gastriti, insufficienza renale IBUPROFENE (Brufen) dosaggio: mg per os massimo 3 volte al giorno inizio azione: 20-30' durata: 4-6 ore KETOROLAC (Toradol) dosaggio: mg s.c. massimo 3 volte al giorno non più di 2 giorni inizio azione: 10-30' durata: 4-6 ore Tende a precipitare nelle miscele. E' da preferire il KETOPROFENE

28 I farmaci del 2 scalino: oppioidi deboli CODEINA Agonista debole recettore μ oppiacei, viene trasformata in morfina dosaggio: mg per os. E' fornita in associazione a paracetamolo 500 mg (Tachidol, Coefferalgan) inizio azione: 30-60'; 1-2 ore effetto antitussivo durata: 4-6 ore TRAMADOLO Agonista debole recettori oppioidi; inibitore selettivo del reuptake della serotonina e della noradrenalina dosaggio: per os: Contramal 50 mg (20 gtt) ogni 3 ore, dosaggio massimo 400 mg. Esistono anche preparazioni a rilascio modificato! Durata ore Esistono anche preparazioni in associazione al paracetamolo s.c. /e.v. fiale da 100 mg, anche in infusione continua inizio azione: 30'-1 ora durata: 4-9 ore ha metaboliti attivi, aumenta nell'insufficianza renale ed epatica attenzione a: riduzione soglia epilettogena sindrome serotoninergica in associazione ad antidepressivi

29 I farmaci del 3 scalino: oppioidi forti MORFINA E' il farmaco di scelta nel dolore oncologico Agonista forte dei recettori μ. Metabolizzata a livello epatico con produzione di metaboliti attivi: morfina-3-glicuronide e morfina-6-glicuronide vie di somministrazione: orale: morfina solfato rilascio normale: Oramorph sciroppo 20mg/ml (8 gtt=10 mg); fialoidi predosati mg. Utilizzabile anche come dose al bisogno. rilascio modificato: Mscontin compresse; Twice capsule mg parenterale: morfina cloridrato per via sottocutanea, endovenosa, spinale fiale 10mg/ml; 20 mg/ml; 50 mg/5 ml; a bolo o in infusione continua vie alternative: buccale; rettale; topica dosaggio: Dose iniziale titolazione. Dose massima: non esiste effetto tetto inizio e picco d'azione: per os: 30' 60'; s.c. 15' 60-90'; e.v. 5-10' 20' durata: 3-6 ore; 12 ore le formulazioni a rilascio modificato attenzione a: ridurre la frequenza delle somministrazioni nell'insufficienza renale

30 I farmaci del 3 scalino: oppioidi forti OSSICODONE Agonista forte dei recettori k. Metabolizzato a livello epatico con produzione di metaboliti attivi vie di somministrazione: orale: rilascio normale: Depalgos mg in associazione a quota fissa di paracetamolo 325 mg. Utilizzabile anche come dose al bisogno. rilascio modificato: Oxycontin compresse; mg dosaggio: Dose iniziale Depalgos ogni 8-6 ore. Dose massima: non esiste effetto tetto inizio e picco d'azione: per os: 30' 60' durata: 6-8 ore; 12 ore le formulazioni a rilascio modificato attenzione a: riduzione soglia epilettogena ridurre la frequenza delle somministrazioni nell'insufficienza renale Evidenze di efficacia nel dolore neuropatico

31 I farmaci del 3 scalino: oppioidi forti FENTANYL Agonista forte dei recettori μ. Metabolizzato a livello epatico con produzione di metaboliti inattivi utilizzo nell'insufficienza renale. vie di somministrazione: Transdermica: cerotti (a matrice): Durogesic - Matrifen mcg/h/72 ore Il sistema transdermico è controindicato nel paziente con dolore acuto è va utilizzato solo nei pazienti con dolore stabile L'indicazione a usare fentanyl TD invece della morfina sono: effetti collaterali della morfina con necessità di rotazione insufficienza renale scarsa compliace alla terapia orale rischio di abuso con la terapia orale inizio e picco d'azione: 3-23 ore ore durata: 72 ore; in alcuni pazienti 48 ore

32 I farmaci del 3 scalino: oppioidi forti FENTANYL vie di somministrazione: Orale: fentanyl citrato pastiglie su stick: Actiq mcg compresse orali: Effentora Abstral Indicazione unicamente per il breakthrough pain Non esiste chiara corrispondenza tra dose della terapia di fondo e dose del BTcP Il dosaggio va titolato Il dosaggio dei diversi farmaci NON è equivalente inizio e picco d'azione: 5-10 minuti minuti durata: 1-3 ore

33 I farmaci del 3 scalino: oppioidi forti BUPRENORFINA Agonista recettori μ e antagonista recettori k e δ a dosaggi clinici è agonista anche in associazione alla morfina Metabolizzata a livello epatico con produzione di metaboliti inattivi utilizzo nell'insufficienza renale. vie di somministrazione: Transdermica: cerotti a matrice: Transtec 35-52,5-70 mcg/h Sublinguale: compresse: Temgesic 0,2 mg Parenterale: fiale Temgesic 0,3 mg Il sistema transdermico è controindicato nel paziente con dolore acuto è va utilizzato solo nei pazienti con dolore stabile inizio e picco d'azione: sublinguale: 15-45' 30'-3 ore; e.v. 5-15' 5-15'; TD ore 60 ore durata: sublinguale: 6-8 ore; e.v. 6-8 ore; TD 4 giorni

34 I farmaci del 3 scalino: oppioidi forti IDROMORFONE Agonista forte dei recettori μ; metabolizzato a livello epatico con produzione di metaboliti attivi vie di somministrazione: Orale: compresse a rilascio modificato Jurnista mg inizio e picco d'azione: 6-8 ore durata: 24 ore METADONE Agonista forte dei recettori μ e δ, antagonista del recettore NMDA. Metabolizzato a livello epatico con produzione di metaboliti inattivi utilizzo nell'insufficienza renale. vie di somministrazione: Orale: soluzione orale di metadone a diverse concentrazioni Parenterale: Eptadone fiale 10 mg/ml inizio e picco d'azione: per os: < 30 min 4 ore; im: 15' 1 ore durata: 4-5 ore. Attenzione alla lunga emivita (8-75 ore) e al rischio di sovradosaggio

35 I farmaci adiuvanti Terapia del dolore in oncologia AIOM 2009

36 Gestione degli effetti secondari degli oppioidi Nausea e vomito frequenti all'inizio della terapia autolimitantesi normalmente richiedono solo un breve ciclo di terapia antiemetica. Se i sintomi persistono: metoclopramide mg x 3/die per os levosulpiride 25 mg (15 gtt) x 3/die per os aloperidolo 1-3 mg (10-30 gtt al 2%) alla sera per os Stipsi NON autolimitantesi profilassi con lassativi non evidenze sul lassativo migliore (pratica locale!) generalmente associazione di lassativo stimolante (senna) e emolliente-lubrificante metilnatrexone (Relistor) specifico per OIC Se i sintomi persistono: clisteri aggiunta di procinetici rotazione dell'oppiaceo (Fentanyl meno costipante) Approcci non farmacologici

37 Gestione degli effetti secondari degli oppioidi Sonnolenza frequenti all'inizio della terapia autolimitantesi avvisare il paziente! Se il sintomo persiste attenzione a concause igiene del sonno farmaci ad azione centrale (BDZ) disturbi metabolici (ipercalcemia, insufficienza epatica, insufficienza renale, disidratazione) Delirium Associato a concause (trattare se possibile) infezioni disturbi elettrolitici metastasi encefaliche insufficienza d'organo Se i sintomi persistono: aloperidolo rotazione dell'oppiaceo Approcci non farmacologici Xerostomia Igiene cavo orale

38 Gestione degli effetti secondari degli oppioidi Prurito più frequente nelle somministrazioni spinali utili i 5- HT3 antagonisti (ondansetron) Approcci non farmacologici Sudorazione Escludere altre cause Se i sintomi persistono: farmaci antimuscarinici Raramente... Iperalgesia e allodinia con alte dosi, associati a segni di tossicità

39 Sovradosaggio Cause eccessivo aumento della dose disidratazione o insufficienza renale infezioni riduzione della necessità analgesica altri cambi nello stato di malattia (fz epatica, peso...) Sintomi e segni sonnolenza, sopore; allucinazioni; confusione; vomito; mioclono; miosi; depressione respiratoria Trattamento gestione delle cause (idratazione) riduzione dose mioclono: benzodiazepine allucinazioni: aloperiodolo depressione respiratoria: naloxone aneddotico in cure palliative!!

40 Diventerò drogato... Tolleranza farmacologica Necessità di aumentare la dose per avere il medesimo effetto Rara sul sintomo dolore Si ha per effetti come la nausea e la sedazione Dipendenza psicologica Rara nel setting palliativo Dipendenza fisica La sospensione improvvisa del farmaco può portare a In particolare in soggetti con storia di abuso sintomi di astinenza agitazione malessere sudorazione lacrimazioni sbadigli sintomatologia gastrointestinale Somministrare dose rescue Si risolve in pochi giorni con sospensione controllata

41 Start therapy e titolazione Titolazione: processo di adeguamento della dose basato sui bisogni e sulle risposte del paziente sull'intensità del dolore e sulla frequenza del bisogno di dosi aggiuntive. Come si inizia e si titola una terapia con morfina orale? Raccomandazioni EAPC morfina a rilascio normale ogni 4 ore somministrazione della stessa dose per le riacutizzazioni dolorose improvvise dose di soccorso secondo necessità (anche ogni ora) rivalutare ogni giorno il dosaggio totale quotidiano di morfina in seguito, la dose regolare può essere aggiustata sommando la quantità totale di morfina di soccorso British Journal of Cancer 2001;84,

42 Breakthrough pain Esacerbazione transitoria del dolore, di intensità moderataelevata, che insorge, sia spontaneamente sia a seguito di un fattore scatenante, in pazienti con dolore di base mantenuto per la maggior parte della giornata sotto controllo o di intensità breve. Categorie di BTcP Dolore spontaneo-idiopatico (40-60%) Dolore provocato (40-60%) Volontario (indotto dal movimento o dallo sfioramento della cute) Non volontario (indotto da cause inattese) Da procedura (prevedibile ma non spontaneo, come nel caso della medicazione di una ferita)

43 Terapia farmacologica del BTcP La dose equivalente dell oppioide al bisogno è in genere un sesto di quella necessaria nelle 24 ore La somministrazione di farmaci al bisogno rappresenta il cardine del trattamento del BTcP E' raccomandato che il dolore di base venga controllato adeguatamente con i farmaci o i trattamenti disponibili, per gestire meglio il BTcP e migliorare la qualità di vita del paziente Nel caso di un dolore spontaneo o non volontario, il farmaco va prescritto all'inizio dell'episodio, Nel caso di un dolore prevedibile o procedurale il farmaco potrebbe essere somministrato già prima che l'evento previsto si verifichi. Rivista Italiana di Cure Palliative - n 1 -Primavera 2010

44 Quali farmaci per il BTcP? La morfina orale, per le sue caratteristiche farmacocinetiche, non si adatta alle caratteristiche temporali del BTcP. Può essere quindi raccomandata solo per il trattamento di episodi che s'instaurano lentamente, prevedibili o procedurali, della durata di oltre 60'. La somministrazione deve avvenire circa 30' prima dell'evento. Nel trattamento del BTcP nuove formulazioni di fentanyl citrato offrono oggi sostanziali vantaggi dal punto di vista sia farmacocinetico (rapido assorbimento, maggiore biodisponibilità ed efficacia), sia della compliance. Rivista Italiana di Cure Palliative - n 1 -Primavera 2010 L'evidenza della necessità di questi oppioidi a rapido assorbimento e ad azione immediata è limitata, e ignoriamo -a nostro rischio e pericolo- il loro potenziale di abuso e assuefazione C'è un bisogno di maggiori evidenze e maggior considerazione dei costi comparativi dei farmaci Questi 'nuovi oppioidi' sono stati creati dall'industria, per l'industria? Abbiamo creato noi, nella professione, una sindrome apposta per questi nuovi farmaci? European Journal of Palliative Care 2010; 17(2)

45 Rotazione degli oppioidi Rotazione: sospensione della terapia con oppiaceo in corso e inizio di un nuovo oppioide Perché? per insufficiente controllo del dolore per la presenza di effetti collaterali che limitano l'aumento della dose La risposta interindividuale può variare a seconda dell'oppioide e la rotazione può portare a una miglior risposta con minori effetti collaterali. Scelta dell'oppiaceo alternativo: per via di somministrazione (es TD, parenterale) per indicazioni specifiche (es fentanyl, buprenorfina, metadone in insufficienza renale) per disponibilità del farmaco

46 Rotazione degli oppioidi Scelta della dose: tabelle di equianalgesia. Sono solo approssimative. ASSICURARSI CHE IL PAZIENTE ABBIA RAPIDO ACCESSO AD APPROPRIATE DOSI RESCUE RIVALUTARE E TITOLARE LA NUOVA DOSE IN BASE AL DOLORE E AGLI EFFETTI COLLATERALI

47 Nausea e vomito Nausea: sensazione spiacevole di aver bisogno di vomitare, spesso accompagnata da sintomi autonomici: pallore sudori freddi, scialorrea, tachicardia, diarrea. Si definisce cronica quando dura da più di una settimana in assenza di una causa ben definita e autolimitantesi (CT e RT) Vomito: espulsione forzata del contenuto gastrico Stasi gastrica Occlusione intestinale Cause più comuni di nausea e vomito nel paziente oncologico in fase avanzata di malattia Ipertensione endocranica Farmaci Altro Cause biochimiche

48 Meccanismo della nausea e del vomito Distensione gastrica o intestinale PARETE TRATTO GASTROINTESTINALE Candidosi Stipsi Chemio/radioterapia Uremia Morfina ZONA TRIGGER CHEMORECETTRICE Ipercalcemia Necrosi tumorale Paura, ansia CORTECCIA CEREBRALE Dolore Ipertensione endocranica Movimento VESTIBOLO CENTRO DEL VOMITO

49 Trattamento della nausea e del vomito Correggere i fattori correggibili Trattamento non farmacologico Ambiente calmo, lontano da odori fastidiosi e dalla vista del cibo Piccoli snack, non grandi pasti Trattamento farmacologico Procinetici Antimuscarinici Antipsicotici 5HT3 antagonisti Steroidi

50 I farmaci per nausea e vomito Farmaco Indicazione Posologia Procinetici (50%) gastrite stasi gastrica riduzione peristalsi Metoclopramide 10 mg per os x 3/die mg/24h CSCI 10 mg s.c. al bisogno Levosulpiride 25 mg per os x 3/die mg CSCI/h 25 mg s.c. al bisogno Antipsicotici (25%) cause chimiche: morfina, ipercalcemia, uremia (zona trigger) Aloperidolo 1-3 mg per os alla sera 2-10 mg/24h CSCI 2 mg al bisogno Antimuscarinici occlusione intestinale coliche Scopolamina butilbromuro 20 mg s.c mg/24h CSCI 20 mg al bisogno 5HT3 antagonisti chemio/radioterapia insufficienza renale Ondansetron 8 mg per os x 2/die steroidi ipertensione endocranica adiuvante Desametasone 4 mg per os 4-16 mg /24h CSCI

51 Stipsi Defecazione difficoltosa o dolorosa, associata ad evacuazioni poco frequenti e feci scarse e dure Sintomo spesso sottostimato 32-87% dei pazienti in cure palliative (50% dei pazienti oncologici) Costo economico per farmaci e tempo speso per l'assistenza Impatto sulla qualità della vita di paziente e caregiver Se non trattata può portare a gravi complicanze ANORESSIA, NAUSEA, VOMITO DISTENSIONE E DOLORE ADDOMINALE DOLORE E TENESMO RETTALE DISFUNZIONI URINARIE: RITENZIONE, INCONTINENZA PERDITE RETTALI, DIARREA PARADOSSA ANSIA, AGITAZIONE, DELIRIUM

52 Stipsi Cause di stipsi neoplasia ipercalcemia, neuropatia, ostruzione farmaci oppiacei, triciclici, antistaminici antiemetici debilitazione inattività, ipoalimentazione, disidratazione, debolezza occlusione intestinale importante la diagnosi differenziale! Valutazione della stipsi Frequenza delle evacuazioni (3 a settimana) Consistenza delle feci Dolore e difficoltà Sensazione di evacuazione incompleta Variazione della funzione intestinale Importanza per il paziente Fattori ambientali

53 Stipsi

54 Trattamento della stipsi Correggere i fattori correggibili Trattamento non farmacologico Trattamento farmacologico Lassativi idrofili - formanti massa osmotici emollienti - lubrificanti stimolanti o di contatto Antagonisti degli oppioidi metilnatrexone ossicodone in associazione a naloxone Obiettivi: Prevenzione Evacuazione di feci morbide frequenti a sufficienza a mantenere il confort

55 Trattamento non farmacologico della stipsi Educazione sanitaria del paziente e della famiglia Preoccupazioni, cause, obiettivi, interventi Uso delle misure terapeutiche Aumentare quantità di liquidi se possibile Aumentare la quota di fibre se possibile Aumentare l attività fisica se possibile Utilizzo del bagno o della sedia comoda piuttosto che utilizzo di pannoloni o padelle Adeguata postura Ambiente adeguato

56 Lassativi Tipo Formanti massa Osmotici Emollienti Stimolanti da contatto molecole disponibili somministrazione latenza effetti collaterali Psillio (Fibrolax) per os, associato a molto liquido 3-4 giorni rischio di occlusione intestinale Salini: Fosfato di sodio rettale 1-6 ore irritazione locale carboidrati lattulosio per os rettale 1-3 giorni 1-6 ore meteorismo, flatulenza, crampi PEG (Movicol) per os 1-3 bst/die 8 bst per fecaloma 1-3 gg Olio di vaselina per os in associazione Bisacodile (Verecolene) Senna (Pursennid) per os irritazione 6-12 ore

57 metilnaltrexone Antagonista selettivo dei recettori oppioidi periferici, antagonizza il ritardato transito intestinale indotto da oppioidi Utilizzo in pazienti oncologici in fase avanzata di malattia in cure palliative con stipsi indotta da oppioidi quando non vi sia risposta a terapia lassativa convenzionale Emivita di circa 2,5-3 ore Per via sottocutanea dosaggio 0,15 mg/kg a giorni alterni (8 mg se peso inferiore a 62 Kg; 12 mg se superiore) effetto lassativo entro un intervallo di tempo: 30 min - 4 ore effetti collaterali: rare reazioni vasomotorie, ipotensione ortostatica fugace, crampi addominali, flatulenza e nausea Segnalati da AIFA 10 casi di perforazione intestinale

58 Impacco fecale Accumulo di feci nel retto, il materiale fecale raggiunge una massa tale da diventare praticamente impossibile da evacuare Le feci possono essere sia dure che morbide Si associa a tenesmo rettale, dolore rettale spasmodico, coliche addominali, distensione addominale, nausea e vomito. Può esserci diarrea paradossa. Trattamento: Lassativi per os (senna; macrogol) Supposte di glicerina Clisteri Rimozione manuale (somministrare sedativi es Diazepam per os)

59 Trattamento della CIO - Gruppo Italiano per la Costipazione indotta da Oppioidi Mauro 4/12/2010

60 Larkin PJ et al The management of constipation in palliative care: clinical practice recomandation 60 Palliative Medicine 2008;22:

61 Dispnea Percezione soggettiva spiacevole di difficoltà respiratoria La tachipnea non comporta necessariamente dispnea Terapia farmacologica sintomatica Misure non farmacologiche Correzione del correggibile Da sforzo A riposo Terminale

62 Trattamento farmacologico della dispnea Farmaco Utilizzo Morfina farmaco d'elezione Oramorph 2,5-5 mg (2-4 gtt) per os al bisogno e a orario fisso Morfina Cloridrato 2,5 mg s.c. eventuale passaggio a rilascio prolungato o CSCI Se il pz già assume oppiacei per il dolore somministrare frazione della dose rescue Altri oppiacei segnalazioni con fentanyl citrato Lorazepam (Tavor) 0,5-1 mg per os, sublinguale, al bisogno (anche dopo 1 ora) x 4 /die Midazolam 2,5-5 mg s.c mg/24h CSCI Diazepam (Valium) 2-5 mg alla sera x 2/die e al bisogno Oppioidi Benzodiazepine Corticosteroidi Desametasone 4-24 mg/die per os o s.c. in particolare nella linfangite carcinomatosa, ostruzione endobronchiale e della VCS Broncodilatatori Breva,Ventolin Aerosol: utili nel broncospasmo, in particolare nei pazienti con cancro e BPCO Diuretici Furosemide (Lasix) mg s.c. Nello scompenso cardiaco o ostruzione VCS Ossigeno? non chiara efficacia rispetto altre misure (es ventilatore)

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi

Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico del dolore persistente nei bambini con patologie croniche gravi FONDAZIONE IRCCS ISTITUTO NAZIONALE DEI TUMORI Linee guida dell OMS sul trattamento farmacologico

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Farmaci e situazioni adiuvanti nel trattamento del dolore

Farmaci e situazioni adiuvanti nel trattamento del dolore Villasimius, 5 ottobre 2004 Trattare il paziente con dolore: nel trattamento del dolore Definizione Adiuvare: : aiutare, giovare a, soccorrere, contribuire a. Adiuvante: : tutto ciò che aiuta, contribuisce

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

IL DOLORE NELL ANZIANO

IL DOLORE NELL ANZIANO IL DOLORE NELL ANZIANO Caratteristiche, diagnosi e trattamento Manuel Ventura SC di Geriatria SS di Lungodegenza PRESUPPOSTI Stephen W. Arkins FISIOPATOLOGIA DEL DOLORE La modulazione del dolore è a doppio

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Dolori da cancro e loro cura. Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari

Dolori da cancro e loro cura. Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari Dolori da cancro e loro cura Una guida della Lega contro il cancro per pazienti e familiari Impressum _Editore Lega svizzera contro il cancro Effingerstrasse 40 Casella postale 8219 3001 Berna Tel. 031

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

LINEE GUIDA AZIENDALI PER LA GESTIONE DELLA PERSONA CON DOLORE

LINEE GUIDA AZIENDALI PER LA GESTIONE DELLA PERSONA CON DOLORE LINEE GUIDA AZIENDALI PER LA GESTIONE DELLA PERSONA Pagina 1 di 31 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. SCOPO DEL DOCUMENTO..3 3. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 4. PERCORSO PER LA GESTIONE DEL DOLORE NEL PAZIENTE

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

MORFINA ORALE E ALTRI OPPIOIDI

MORFINA ORALE E ALTRI OPPIOIDI MORFINA ORALE E ALTRI OPPIOIDI NEL DOLORE ONCOLOGICO Perchè occuparsene? Il oncologico rappresenta un grave problema di salute pubblica a livello mondiale; si stimano annualmente 10 milioni di nuove diagnosi

Dettagli

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEI SINTOMI NEL MALATO ONCOLOGICO

VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEI SINTOMI NEL MALATO ONCOLOGICO Associazione Italiana di Oncologia Medica VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEI SINTOMI NEL MALATO ONCOLOGICO Per una precoce integrazione delle cure oncologiche e palliative (cure simultanee) A cura di Leonardo

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE

COCAINA: MECCANISMO D AZIONE COCAINA COCAINA La cocaina è una sostanza liposolubile che attraversa facilmente qualsiasi membrana, usata per tanto tempo come anestetico locale di superficie. Emivita plasmatica in media inferiore a

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo.

Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Chemioterapia e i suoi principali effetti collaterali. Guida informativa per i pazienti. Unità Operativa Ematologia e Centro Trapianti Midollo Osseo. Ospedale Oncologico Armando Businco Cagliari. Le informazioni

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC

REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) SOC SOC REAZIONI SEGNALATE (anche più di una per singolo caso) TOTALE PERC Esami diagnostici Pressione arteriosa ridotta 1 0.2% Patologie cardiache Cianosi 2 0.4% Bradicardia 1 0.2% Tachicardia 9 1.9% Extrasistoli

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ciascun individuo. In media, occorre una settimana di tentativi e di controlli radiologici (una Rx diretta al giorno) per individuare il giusto tipo

ciascun individuo. In media, occorre una settimana di tentativi e di controlli radiologici (una Rx diretta al giorno) per individuare il giusto tipo incontinenza fecale è una delle condizioni più debilitanti e gravi che causano isolamento dell individuo, provocano seri problemi psicologici e ne compromettono l integrazione nella società. L incontinenza

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003

effetti collaterali Come evitare e gestire gli OTTOBRE 2003 Come evitare e gestire gli effetti collaterali Quando, cosa, e perché Cambio di terapia Terapie convenzionali e alternative Tu ed il tuo medico Riferimenti internet Sommario Sezione 1: Informazioni generali

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE

ANATOMIA E FISIOLOGIA DEL DOLORE COS E IL DOLORE In termini fisiopatologici moderni il dolore corrisponde ad una "sensazione spiacevole e ad una esperienza emozionale ed affettiva associata a danno dei tessuti o descritto nei termini

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO?

STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? STANCHI, FIACCHI, SENZA ENERGIA CARENZA DI FERRO? Allestimento e produzione dell opuscolo da parte di Mediscope AG. www.mediscope.ch Indice 1. Prefazione Prof. Dr. Dr. med. Walter A. Wuillemin, ematologo,

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

ASPIRINA 500 mg granulato acido acetilsalicilico

ASPIRINA 500 mg granulato acido acetilsalicilico PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che potete usare per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli