ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2013"

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE T. CATULLO - BELLUNO Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Socio Sanitari Liceo Artistico Distretto Scolastico n. 3 - Presidenza e Segreteria: Via Garibaldi, Belluno Tel Fax C.F ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO 2013 CLASSE 5 F TECNICO DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA a.s. 2012/2013

2 INDICE PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO 3 PRESENTAZIONE DELL INDIRIZZO DI STUDIO E PROFILO PROFESSIONALE 5 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE 6 - analisi della classe - livello comportamentale; 6 - definizione degli obiettivi comportamentali 6 - obiettivi cognitivi trasversali 7 - obiettivi disciplinari specifici contenuti 7 - valutazione e verifica; 7 - attività interdisciplinari svolte; 8 - attività integrative svolte; 9 - attività di orientamento; 9 ELENCO DOCENTI 9 PROGRAMMAZIONE PER DISCIPLINA (PROGRAMMI E RELAZIONI FINALI) 10 ITALIANO 10 STORIA 13 MATEMATICA 14 EDUCAZIONE FISICA 21 RELIGIONE 24 INGLESE 26 PICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE 30 PROGETTAZIONE GRAFICA 34 PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA 36 TECNICA FOTOGRAFICA 40 STORIA DELL ARTE 43 CARATTERISTICHE E CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA TERZA PROVA 47 RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (ASL) 48 2

3 PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO L Istituto Catullo, fondato nel 1822, è una delle scuole storiche della città di Belluno. E dedicato a Tomaso Catullo ( ), studioso e naturalista bellunese, docente di Girolamo Segato, che si occupò di mineralogia e geologia. La scuola nacque per rispondere alla domanda di personale qualificato nell amministrazione e nella contabilità d impresa. In 180 anni di attività ha saputo formare migliaia di addetti alla segreteria e alla contabilità apprezzati nei luoghi di lavoro in cui si sono inseriti, in molti casi anche con notevole successo personale. Con la riforma degli istituti professionali e dopo cinque anni di sperimentazione, l Istituto ha ampliato la propria offerta formativa introducendo quattro indirizzi scolastici: Aziendale, Turistico, Socio-Sanitario e della Grafica Pubblicitaria. L Istituto è inoltre iscritto negli elenchi degli Organismi di Formazione della Regione Veneto, Ambito della Formazione Superiore n. A0331, con Decreto Regionale n. 780 del 20 agosto L edificio in cui si trova oggi la sede principale della scuola ha una lunga storia. Il Consiglio della Serenissima, con lettera ducale del 27 giugno 1608, approvò la richiesta del Consiglio dei Nobili di Belluno di fondare un convento femminile governato dalla regola delle Clarisse annesso alla chiesa di Santa Maria di Loreto. La costruzione iniziò nel marzo del 1612 in località detta Favola, oggi Borgo Garibaldi, fu completato nel 1632 e fu occupato dalle suore nel Il monastero fu soppresso giuridicamente con decreto Napoleonico il 25 aprile I locali, acquistati nel 1811 dal Comune di Belluno, furono usati prima come magazzino e poi anche come caserma. Nel 1822 furono destinati alla Scuole Comunali Minore e Maggiore. Nel 1851 i due corsi di quarta classe furono trasformati in Scuole Reali. Nel 1863 anche il piano superiore dell ex convento fu adibito a sede scolastica, con tre classi che nel 1867 formarono la Real Scuola Tecnica "T. Catullo". Il 25 novembre 1822, furono istituiti in Belluno i due corsi di quarta classe annessi alla Imperial Real Scuola Elementare Maggiore. Nel 1834 fu istituita una Scuola Professionale che operava anche nelle giornate festive impartendo due ore di lezione di ornato, di geometria meccanica e di architettura agli artieri, agli operai della città e agli alunni della Scuola Elementare. Questa utile istituzione crebbe in breve in tal credito da richiamare un gran numero di allievi provenienti anche dai comuni limitrofi. Che abbia continuato a dare ottimi risultati ne fanno prova gli attestati onorevoli che ottenne, oltre che nelle mostre della città, anche a Parigi e a Milano, nonché i premi che vi riportarono artisti bellunesi come Besarel, Seffer, Bortotti, Danielli, Sommavilla, Giacomini, Bettio, Gasperini e molti altri che avevano appreso in questa Scuola i primi rudimenti del disegno, della pittura, dell intaglio in legno e della scultura. Nel 1851 fu formulato un nuovo piano d insegnamento tecnico inferiore e superiore, applicato ai corsi di quarta classe, e l Istituto fu trasformato in Scuola Reale Inferiore, con aggiunta di un terzo anno di studio. Le materie 3

4 d istruzione obbligatorie per questo nuovo corso completo erano: religione, lingua italiano e tedesco, geografia e chimica, aritmetica e pratiche cambiarie e daziarie, storia naturale, fisica, disegno lineare e a mano libera e calligrafia, distribuite per ogni corso con 33 ore di lezione per settimana, delle quali almeno otto per classe erano dedicate al disegno, due alla religione e due o tre alla calligrafia. La scuola nel 1867 fu pareggiata alle altre del Regno, con facoltà di rilasciare attestati valevoli per l ammissione agli Istituti Tecnici Superiori e ai concorsi per l impiego pubblico. Nel 1868, il Governo Nazionale, separando, come esigeva la Legge, l istruzione tecnica dall elementare, affidava l intero peso economico dell istruzione tecnica al Comune. E fu il Comune a intitolarla a "Tomaso Catullo". I risultati conseguiti da questa scuola nel corso della sua storia si possono desumere dalle medie dei frequentanti e dei promossi, e dal positivo collocamento che i licenziati hanno potuto trovare nei diversi rami delle pubbliche amministrazioni e delle imprese private. Oggi, in stato di grave carenza occupazionale, sarebbe troppo bello affermare che tutti i neo-diplomati della nostra scuola vengono adeguatamente assorbiti dal mondo del lavoro; ci piace di più sottolineare che sono in aumento coloro che trovano occupazione coerente con il proprio diploma e quelli che continuano la loro formazione all Università. 4

5 PRESENTAZIONE DELL INDIRIZZO DI STUDIO E PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA E DELLA FOTOGRAFIA La figura del tecnico grafico pubblicitario è già delineata nei percorsi formativi previsti dalla Regione Veneto. Egli è l interfaccia tra aziende di stampa e committenza, con la funzione di interprete e mediatore delle rispettive esigenze. Trova così collocazione possibile su entrambi i versanti: dialoga con i responsabili delle principali funzioni aziendali e con i fornitori ed è responsabile tecnico del contatto con il fornitore/cliente. E in grado di operare in modo autonomo o in stretta relazione con lo staff creativo/commerciale in aziende di varie dimensioni che producono o commissionano materiale stampato. Egli deve: conoscere i materiali, processi, problemi, limiti e possibilità per le diverse tecniche di produzione di stampati e affini; deve saper gestire una commessa. interpretare le indicazioni dello staff creativo/committente, sul piano grafico, estetico, funzionale e dei costi. collaborare con la stesura dei preventivi. saper definire i tempi per la realizzazione del prodotto a stampa. curare la fase di realizzazione distribuendo ruoli e compiti alle varie sezioni delle aziende di produzione. seguire lo sviluppo e la produzione compiendo verifiche successive con la committenza (staff creativo) con particolare attenzione ai difetti tecnici delle lavorazioni. verificare la corrispondenza ad un progetto di qualità. saper verificare i consuntivi di spesa e la corrispondenza alle specifiche dei preventivi. QUADRO ORARIO CLASSI Discipline I II III IV V Lingua e letteratura italiana Storia Matematica informatica Lingua inglese Diritto economia 2 2 Scienze della terra e biologia 3 3 Scienze motorie e sportive Storia dell arte Disegno grafico e progettazione grafica Disegno professionale 5 5 Comunicazioni Visive 4 Tecnica e pianificazione pubblicitaria Tecnica fotografica Psicologia della comunicazione 2 2 Religione cattolica o alternative Totale ore settimanali

6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ANALISI DELLA SITUAZIONE - LIVELLO COMPORTAMENTALE Composizione della classe La classe V F è composta da 19 alunni (13 femmine e 6 maschi); uno di questi presenta difficoltà di apprendimento, ma segue comunque il programma curricolare per tutte le discipline (pur limitatamente agli obiettivi minimi). Non ci sono ripetenti del quinto anno. Il gruppo classe si presenta rispettoso, ben coeso, improntato ad un certo autocontrollo; altro aspetto positivo da evidenziare è la frequenza scolastica che negli anni si è mantenuta regolare. Oltre a ciò, va riconosciuto il giusto merito di alcuni allievi che, nel corso del triennio superiore, hanno sempre offerto positivi esempi, stimolando così gli elementi più deboli della classe. Nel complesso, l impegno e la partecipazione sono stati mediamente costanti. Nel corso dell ultimo anno scolastico, il contributo al dialogo educativo offerto dagli alunni è risultato senz altro soddisfacente: discreto il numero e la qualità degli interventi dal posto, generalmente buona la disponibilità ad interagire con gli insegnanti. I rapporti tra gli studenti sono apparsi pressoché sempre corretti. La classe, che nei primi due anni dell ultimo triennio appariva costituita da un insieme di tanti piccoli gruppetti non molto interagenti tra loro, nel corso del corrente anno scolastico è apparsa molto migliorata; tra gli allievi si è manifestata una maggiore naturale disponibilità alla reciproca collaborazione (percepita come importante valore aggiunto da non sottovalutare). È il caso tuttavia di evidenziare come, in base alle diverse inclinazioni e motivazioni personali, gli allievi della classe possano ritenersi sostanzialmente ripartiti in tre gruppi piuttosto omogenei. Un gruppo capace, con buona preparazione, in grado di produrre, se richieste, anche interpretazioni ed elaborazioni personali dei problemi. Un altro gruppo di alunni dalle discrete capacità che, in base ad una attività di studio anche domestico regolare, ha raggiunto una preparazione sostanzialmente discreta; infine, un gruppo di allievi, meno numeroso, che si attesta su livelli di sufficienza, con qualche maggiore difficoltà, soprattutto nella matematica e nelle materie tecniche. Tali difficoltà, in genere dovute a carenze pregresse e ad un impegno altalenante, sono state in parte superate. I rapporti con gli insegnanti si sono sempre mantenuti assolutamente corretti. Per quanto riguarda la continuità didattica, si segnala che, nell ultimo anno scolastico, sono cambiati gli insegnanti di Psicologia delle comunicazioni e di Storia dell arte. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI Gli obiettivi programmati dal consiglio di Classe sono stati i seguenti: 1. AUTOREALIZZAZIONE ED ARRICCHIMENTO INDIVIDUALE 6

7 - acquisire la coscienza che è possibile aumentare le proprie conoscenze e migliorare le proprie prestazioni professionali e culturali. Acquisito da una parte della classe; - dimostrare una certa autonomia di giudizio e spirito critico. Acquisito da una parte della classe. - operare proficuamente ed autonomamente nei vari contesti disciplinari. Acquisito da una parte della classe. 2. PROMOZIONE DEL SENSO DI RESPONSABILITA Aumentare la propria autonomia di giudizio e consolidare la percezione della responsabilità individuale e comune nel momento in cui si operano scelte insieme. Acquisito e praticato da tutti gli allievi. OBIETTIVI COGNITIVI TRASVERSALI Gli obiettivi cognitivi trasversali si riferiscono all acquisizione da parte degli allievi di strategie utili all apprendimento e all acquisizione di competenze di valore generale considerate pre-requisiti. - saper comprendere ed utilizzare in modo appropriato il linguaggio specifico delle varie discipline, esprimendosi in modo chiaro e corretto. Questa competenza è da considerarsi raggiunta anche se, per alcuni allievi permangono difficoltà in alcune discipline. - saper comprendere un testo o un immagine, saperne individuare gli aspetti fondamentali e saperne esporre i punti più significativi. Raggiunto. - saper programmare i tempi dello studio. Parzialmente raggiunto. - essere in grado di stabilire relazioni tra causa ed effetto. Parzialmente raggiunto. OBIETTIVI DISCIPLINARI SPECIFICI CONTENUTI Si rinvia ai piani di lavoro individuali dei docenti e alle scelte di dipartimento. VALUTAZIONE E VERIFICA I criteri di valutazione adottati sono quelli deliberati e adottati nel POF. Le tipologie degli strumenti di verifica sono varie: test strutturati vero falso, con domande a risposta multipla, a risposta aperta, collegamenti e completamenti, volte a verificare le conoscenze acquisite e la competenza nel utilizzare tali conoscenze al fine di risolvere semplici quesiti. Le verifiche orali che consistono in interrogazioni volte a valutare il grado di competenza linguistica e la capacità di analisi e sintesi nonché di argomentare e sostenere le proprie opinioni. Le verifiche scritte volte a valutare la capacità di esprimere in forma corretta (per ortografia, sintassi e lessico) le conoscenze acquisite e le competenze consolidate e la capacità di costruire testi con registri diversi (temi, articoli di giornale, relazioni tecniche) coltivando, in particolare, a competenza a costruire brevi relazioni sintetiche o report. 7

8 Le modalità e strategie per il recupero sono state le seguenti: attività aggiuntive pomeridiane (laddove possibile), sportello didattico e attività di consolidamento e recupero durante le ore curricolari. ATTIVITA INTERDISCIPLINARl SVOLTE Segue elenco descrittivo delle attività interdisciplinari svolte: - Progetto Teatro : partecipazione a spettacoli teatrali (Pirandello; La patente, L uomo dal fiore in bocca ); - Progetto Openpics : concorso di cultura fotografica organizzato dal salone internazionale. NEW DESIGN 2013: progettazione di un prodotto innovativo. R4ART SHOPPER: progettazione di una shopper biodegradabile a scopo pubblicitario. PUBBLICITA PROMOZIONALE PER L ISTITUTO CATULLO: progettazione nuovo pieghevole, copertina pof, locandine per scuola aperta. BIBLIOTECA CIVICA DI BELLUNO: realizzazione di locandine in occasione di conferenze. ILLUSTRAZIONI DI SUPPORTO PER ACCOMPAGNARE UN OPERA MUSICALE DEL MAESTRO COMPOSITORE DIEGO DE PASQUAL. SAMARCANDA E I SUOI 20 ANNI: realizzazione della grafica, visual e slogan, da stampare su magliette a scopo pubblicitario. CONCORSO EUROPEO PER LA MIGRAZIONE IN EUROPA: realizzazione di materiale pubblicitario con manifesti, foto, locandine REALIZZAZIONE DI UN PIEGHEVOLE PER L ORIENTAMENTO ALL UNIVERSITA indetto dalla PROVINCIA DI BELLUNO: materiale pubblicitario per promuovere una serie di incontri, rivolto ai diplomandi, in vista della scelta universitaria. REALIZZAZIONE DI UN MANIFESTO IN MEMORIA DI FEDERICA, alunna dell istituto Catullo. ALLESTIMENTO MOSTRE GALLERIA 4 ARCHI DELL ISTITUTO CATULLO FESTA DELLO SPORT: realizzazione della grafica da stampare su magliette in occasione della festa dello sport di fine anno scolastico. ORIENTAMENTO GIOB ORIENTA : viaggio di studio a Verona in occasione di orientare gli alunni alla scelta universitaria e all inserimento nel mondo del lavoro. PERCORSO FORMATIVO DI ASL NEL BIENNIO Progettazione tesina di maturità CONCORSO OPEN PICS : realizzazione di una serie fotografica illustrativa di libri letti. Collaborazione con il comitato RETE DI SOLIDARIETA, indetto dalla Presidente Anna Orsini, per la progettazione del logotipo aziendale e del manifesto a scopo divulgativopubblicitario. I concorsi e le collaborazioni con gli enti sono state seguite della prof. Furnari Nicoletta, nella disciplina di progettazione grafica. 8

9 ATTIVITA INTEGRATIVE SVOLTE VISITE STAGE VIAGGIO DI STUDIO Periodo Attività Docente referente Novembre Visita a Verona (22^ Mostra-convegno 2012 nazionale Job & Orienta ) Furnari, Protti Incontro in preparazione al viaggio Pompanind istruzione Comar Incontro in preparazione al viaggio Chiericatod'istruzione Cason Marzo 2013 Viaggio di istruzione ad Amsterdam Segantin ATTIVITA DI ORIENTAMENTO Gli alunni intenzionati a proseguire il percorso di studi dopo il conseguimento del diploma sono stati autorizzati a recarsi autonomamente o in gruppo in visita agli Atenei universitari, alle Accademie o Scuole di specializzazione nei giorni dedicati all orientamento dai singoli istituti. Una di tali attività di orientamento è stata svolta in questa scuola nello scorso mese di aprile. ELENCO DOCENTI MATERIA ITALIANO STORIA MATEMATICA EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE INGLESE PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PROGETTAZIONE GRAFICA PIANIFICAZIONE PUBBLICITARIA TECNICA FOTOGRAFICA STORIA DELL ARTE SOSTEGNO DOCENTE Bortoluzzi Francesca Bortoluzzi Alessandro De Gasperin Daniele Sciaramenti Anna Maria Pasquali Paula Ferrigno Rita Carmela Furnari Nicoletta Segantin Tarcisio Protti Raffaella Pompanin Irene Panarello Antonino 9

10 Docente: Francesca Bortoluzzi ore settimanali: Relazione finale ITALIANO E STORIA 2.Programmazione didattico disciplinare 1.RELAZIONE FINALE Profilo della classe La classe V F si presenta come un gruppo coeso e rispettoso, improntato ad un certo autocontrollo, capace di conformarsi alle regole della convivenza democratica e della disciplina scolastica. Il numero relativamente ridotto degli alunni ha permesso di instaurare un rapporto più che discreto con l insegnante e l attuazione di percorsi formativi anche personalizzati, in modo da assecondare e soddisfare le curiosità dei singoli a beneficio del gruppo. Numerose le iniziative di approfondimento personale della materia soprattutto da parte di alcune allieve che, nel corso degli anni, hanno sempre offerto esempi positivi ai compagni e hanno avuto il merito di stimolare e trainare gli elementi meno motivati della classe. La frequenza scolastica negli anni si è mantenuta abbastanza regolare. La classe ha anche partecipato al concorso fotografico Open Pics indetto dal salone del libro di Torino, dimostrando impegno e partecipazione notevoli. Andamento didattico L andamento didattico è stato regolare e soddisfacente, soprattutto per l orale. Va segnalato, per la maggior parte degli alunni, un percorso di maturazione e di crescita adeguato e confortante anche se, in alcuni casi, permane qualche difficoltà allo scritto; impegno e studio si sono mantenuti generalmente costanti. Metodi d insegnamento utilizzati Lezione frontale Discussione guidata Approfondimenti personali Mezzi utilizzati Libri di testo in dotazione Materiale fornito dall insegnante Audiovisivi Spazi del percorso formativo Aula Biblioteca 10

11 Criteri e strumenti di valutazione ITALIANO Griglie di valutazione per la prova scritta di italiano (riportate in copia nelle pagine seguenti). Valutazione per l orale in base alle finalità minime qui sotto indicate come criterio per la sufficienza: 1. saper esporre in modo corretto, organico e coerente; 2. saper svolgere autonomamente l analisi del testo; 3. conoscere ed individuare le tematiche fondamentali dei movimenti letterari; 4. conoscere, individuare e contestualizzare il nucleo centrale del pensiero e ricordare le opere principali di un dato autore; 5. avere un idea chiara e coerente della disposizione storica e cronologica di correnti, autori e opere. STORIA Griglie di valutazione apposite (concordate con il Dipartimento di lettere) per ogni verifica scritta valida per l orale. Valutazione della prova orale in base alle finalità minime qui sotto indicate come criterio per la sufficienza: 1. conoscere e individuare gli elementi fondamentali dei movimenti storici analizzati; 2. disporre cronologicamente i fatti; 3. saper cogliere cause e conseguenze dei movimenti storici; 4. saper fare collegamenti interdisciplinari; 5. saper esprimersi in modo chiaro e corretto. Belluno, 14 maggio 2013 L Insegnante (Francesca Bortoluzzi). 11

12 2.PROGRAMMAZIONE DIDATTICO DISCIPLINARE ITALIANO LINGUISTICA E ATTIVITA PRATICHE Analisi del testo narrativo e poetico (tipologia A della prima prova d esame). Saggio breve e articolo di giornale (tipologia B della prima prova d esame). STORIA DELLA LETTERATURA Settembre ottobre: Il Verismo italiano (alcuni cenni al Positivismo, al Realismo e al Naturalismo francese. Verga ( Rosso Malpelo, Fantasticheria, Libertà, La roba; Mastro don Gesualdo: alcuni passi; I Malavoglia: alcuni passi). Novembre - dicembre La poesia italiana tra Scapigliatura e ritorno al classicismo: cenni. La poesia italiana del primo Novecento: il Decadentismo, i Crepuscolari, il Futurismo. Gennaio - febbraio Pascoli ( La poetica del fanciullino, Lavandare, Novembre, X Agosto, Il lampo, Il tuono, La mia sera, Il gelsomino notturno, Nebbia). Marzo Gozzano (cenni). D Annunzio ( La sera fiesolana, La pioggia nel pineto). Marinetti (Il Manifesto futurista). Aprile Pirandello (Il sentimento del contrario: un passo; Novelle: Il treno ha fischiato, Lumie di Sicilia, La patente, L uomo dal fiore in bocca; Il fu Mattia Pascal: alcuni passi; Uno, nessuno, centomila:alcuni passi; Così è( se vi pare): alcuni passi; Sei personaggi in cerca d autore: alcuni passi). Maggio Svevo ( La coscienza di Zeno: alcuni passi). Dopo il 15 maggio La poesia tra le due guerre: l Ermetismo e le altre voci poetiche. Ungaretti (Veglia, Sono una creatura, I fiumi, S. Martino del Carso, Soldati, Fratelli). Quasimodo (Ed è subito sera, Alle fronde dei salici, Uomo del mio tempo). Montale ( I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato, Cigola la carrucola del pozzo, Non chiederci la parola, Non recidere, forbice, quel volto, Ho sceso, dandoti il braccio). Manuale: A. DENDI - S. RE, MODULI E MODELLI LETTERARI voll.1, 2 Signorelli Belluno, 14 maggio 2013 L Insegnante (Francesca Bortoluzzi) In rappresentanza degli alunni 12

13 STORIA Settembre:Ripasso del programma dell anno precedente, con particolare attenzione alla nascita del Fascismo e del Nazismo Ottobre. LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1. La guerra in Europa 2. La guerra nel Pacifico 3. Le grandi vittorie alleate tra il 42 e il La guerra in Italia 5. Il crollo del Terzo Reich 6. La fine della guerra nel Pacifico Novembre: LE RESISTENZE IN EUROPA 7. I termini fondamentali 8. Guerra di massa e guerra partigiana 9. La seconda guerra mondiale come guerra civile. 10. Le Resistenze e il rapporto con gli alleati. 11. La nascita dei movimenti Dicembre. LA DISTRUZIONE DEGLI EBREI 1. Olocausto e Shoa 2. Dalle leggi di Norimberga alla notte dei cristalli 3. I ghetti 4. Le operazioni mobili di massacro 5. Deportazione e sterminio 6. Le responsabilità Gennaio - Febbraio DALL ALLEANZA ANTI FASCISTA ALLA GUERRA FREDDA 1. Le conseguenze della guerra 2. Il nuovo ordine economico 3. La nascita dell ONU e il nuovo diritto internazionale. 4. I trattati di pace 5. L Europa orientale 6. Bipolarismo e guerra fredda 7. La nascita delle due Germanie Marzo Aprile: LA GUERRA FREDDA 1. Le origini della guerra fredda 2. La distensione Maggio: RIPASSO Manuale:A. BRANCATI- T. PAGLIARINI, LE VOCI DELLA STORIA 3,La Nuova Italia Belluno, 14 maggio 2013 L Insegnante (Francesca Bortoluzzi) In rappresentanza degli alunni. 13

14 MATEMATICA Docente: Alessandro Bortoluzzi ore settimanali: 3 1.Relazione finale 2.Programmazione didattico disciplinare 1.RELAZIONE FINALE La classe risulta abbastanza omogenea. Essa ha sempre mantenuto nel corso dell Anno scolastico un comportamento corretto, educato e rispettoso dei ruoli, dimostrando costante disponibilità al dialogo educativo. L impegno nello studio domestico si è rivelato mediamente più che sufficiente, anche se piuttosto altalenante e, non di rado, caratterizzato da un approccio agli argomenti mnemonico e parziale. Solo per due o tre allievi l impegno profuso è stato eccessivamente discontinuo e quindi inadeguato. Nel corso del primo mese dell Anno scolastico si è provveduto ad un intensa attività di rinforzo-recupero dei prerequisiti necessari allo svolgimento del previsto programma curricolare (obiettivi afferenti alle disequazioni, alla topologia su R ed alle funzioni reali vedansi Unità didattiche 1-0, 2-0 e 3-0 più avanti descritte). Nei mesi successivi si è dato corso allo svolgimento degli argomenti di programma. Più volte nel corso dell Anno scolastico, si è reso necessario ritornare su argomenti già trattati; ciò nel tentativo di colmare lacune essenzialmente dovute a difetti di attenzione in classe e/o al tipo di studio domestico. Il profitto complessivo raggiunto dalla classe risulta mediamente più che sufficiente/discreto; in alcuni casi buono o ottimo. Metodologie d insegnamento, strumenti e mezzi utilizzati Al fine del raggiungimento degli obiettivi, si è proceduto per fasi. La prima fase è consistita in: - stimolo al dialogo ed alla partecipazione attiva; - analisi dello stato di fatto della classe attraverso domande e\o esercitazioni alla lavagna; - attività di rinforzo e recupero attraverso lo svolgimento dell apposito modulo 0. Riportata la classe ad un livello il più possibile omogeneo, si è dato corso alla seconda fase consistente nello sviluppo degli argomenti del programma. I metodi utilizzati sono stati vari. In particolare, si è fatto ricorso a: - lezione frontale (metodo espositivo); - discussione guidata (in particolare durante le interrogazioni); 14

15 - esercitazioni collettive e/o individuali. Ho sempre cercato di evitare il più possibile un apprendimento passivo e di tipo mnemonico; ciò a favore di un apprendimento essenziale ma consapevole. Gli strumenti utilizzati sono stati: - libro di testo ( Matematica per temi Elementi di analisi matematica tema Q ed. Il capitello); - appunti alla lavagna; - sintesi dei concetti esposti (scritte alla lavagna); - correzioni e discussioni alla lavagna degli esercizi assegnati per casa. Criteri e strumenti di valutazione Sono state condotte verifiche scritte di vario tipo (di tipo tradizionale, strutturate e semistrutturate) e verifiche orali. Per le verifiche scritte si è attribuito per ogni esercizio (o item) un punteggio grezzo parziale, funzione della complessità dell esercizio stesso e del tempo necessario per la sua risoluzione. La valutazione delle singole verifiche è stata quindi effettuata sulla base del punteggio grezzo totale (somma dei punteggi grezzi parziali degli esercizi risolti) associando ad esso un voto in decimi; ciò utilizzando spesso il seguente criterio di trasformazione: P Pmin V max Vmin Voto Vmin Pmax Pmin con: P min = punteggio grezzo totale minimo P max = punteggio grezzo totale massimo V min = voto minimo assegnato (a P min ) V max = voto massimo assegnato (a P max ) Ho sempre ritenuto opportuno fissare in partenza un L.A.R. ( limite di accettabilità del rendimento da comunicare agli allievi prima dell inizio della prova), cioè un limite (di punteggio grezzo totale) al di sotto del quale la prova non sarebbe stata considerata sufficiente (prova criteriale). La relazione tra P min e V min e tra P max e V max è stata quindi calibrata in modo tale da associare la sufficienza (voto=6) al punteggio grezzo totale corrispondente al prefissato L.A.R. Le verifiche orali sono state utilizzate in particolare per la verifica di alcuni specifici obiettivi, quali: la capacità di presentare in modo organico un argomento, la capacità di effettuare collegamenti o approfondimenti personali, il recupero di specifici singoli obiettivi. Belluno, 14 maggio 2013 L Insegnante (Alessandro Bortoluzzi) 15

16 2. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO DISCIPLINARE PROGRAMMA SVOLTO (Obiettivi e contenuti) MODULO 0: RINFORZO E RECUPERO U.D. 1-0 : DISEQUAZIONI E SISTEMI DI DISEQUAZIONI OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Enunciare i principi di equivalenza delle disequazioni. Saper riconoscere e definire una disequazione lineare, di secondo grado o di grado superiore, fratta, sistemi di disequazioni. Competenze: Saper risolvere disequazioni lineari, di 2 grado, di grado superiore al 2, disequazioni fratte, sistemi di disequazioni CONTENUTI: Principi di equivalenza delle disequazioni. Disequazioni di primo grado intere. Disequazioni di 2 grado intere: risoluzione algebrica. Disequazioni di grado superiore al secondo. Disequazioni fratte. Sistemi di disequazioni. U.D. 2-0 : TOPOLOGIA SU R OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Definizione di insieme dei numeri reali. Definizione di intervallo numerico (aperto, chiuso, limitato, illimitato). Definizioni di centro, raggio, lunghezza di un intervallo. Definizione di intorno. Definizione di punti interni, esterni e di frontiera di un intervallo. Competenze: Saper rappresentare gli intervalli e gli intorni. Saper calcolare centro, raggio, lunghezza di un intervallo. CONTENUTI Numeri reali. Intervalli numerici. Estremi superiore ed inferiore di un intervallo. Centro, raggio, lunghezza di un intervallo. Intorni di un numero e di un punto. Punti interni, esterni e di frontiera. U.D. 3-0 : LE FUNZIONI REALI OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Definizione di funzione. 16

17 Definizione di funzioni empiriche, analitiche algebriche (razionali ed irrazionali, intere e fratte) e trascendenti. Definizione di dominio, condominio, insieme immagine. Definizione di f. suriettiva, f. iniettiva, f. biiettiva (o biunivoca o invertibile). Definizione di grafico di funzione. Definizione di intervalli di crescenza e decrescenza. Definizione di massimi e minimi relativi ed assoluti. Competenze: Riconoscere e classificare una funzione Precisare il concetto di funzione e riconoscerne le proprietà. Determinare di una funzione (dal grafico): dominio, immagine, segno, intervalli di crescenza e decrescenza, massimi e minimi. Determinare di una funzione (analiticamente): dominio, segno e grafico approssimativo. CONTENUTI: Concetto di funzione reale di variabile reale. Classificazione delle funzioni. Determinazione del dominio di una funzione: algebrica razionale e irrazionale. Determinazione del segno di una funzione: algebrica razionale e irrazionale. Determinazione (dal grafico) dell immagine, degli intervalli di positività, degli intervalli di crescenza e decrescenza, delle intersezioni con gli assi, dei massimi e dei minimi di una funzione. MODULO 1: LIMITI, FUNZIONI CONTINUE, ASINTOTI U.D. 1-1 : LIMITI OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Concetto intuitivo di limite. Definizione di limite di una funzione (limiti finiti ed infiniti di una funzione in un punto ed all infinito). Competenze: Sapere determinare i limiti delle funzioni sulla base del loro grafico. CONTENUTI: Limite finito per una funzione in un punto. Limite infinito per una funzione in un punto. Limite destro e sinistro. Limite finito per una funzione all infinito. Limite infinito per una funzione all infinito. U.D. 2-1 : FUNZIONI CONTINUE E CALCOLO DEI LIMITI OBIETTIVI SPECIFICI : Conoscenze: Definizione di funzione continua. 17

18 Continuità delle principali funzioni (razionali intere e fratte, esponenziali, logaritmiche, irrazionali). Tipologie di discontinuità (1^, 2^ e 3^ specie). Teoremi fondamentali relativi alle operazioni con i limiti. Competenze: Riconoscere le funzioni continue. Individuare i punti di discontinuità e stabilirne la relativa tipologia. Calcolare i limiti (forme determinate). CONTENUTI: Definizione di funzione continua. Continuità delle principali funzioni. Tipologia dei punti di discontinuità delle funzioni. Teoremi fondamentali relativi alle operazioni con i limiti. Calcolo dei limiti (forme determinate). U.D. 3-1 : LIMITI DI FORME INDETERMINATE (O DI INDECISIONE) OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Riconoscere una forma indeterminata (o di indecisione). Competenze: Eliminare la forma di indecisione (calcolo del limite). CONTENUTI: Forme indeterminate del tipo Metodi di calcolo di limiti di forme indeterminate. U.D. 4-1 : ASINTOTI OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Definizione di asintoto. Competenze: Saper determinare le equazioni degli asintoti orizzontali, verticali ed obliqui di una funzione. CONTENUTI: Asintoti orizzontali di una funzione. Asintoti verticali di una funzione. Asintoti obliqui di una funzione. MODULO 2: DERIVATE DI FUNZIONE U.D. 1-2 : DERIVATE OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Concetto di retta secante e tangente ad una curva in un punto. Definizione di rapporto incrementale e suo significato geometrico. Definizione di derivata e suo significato geometrico (derivate prima e seconda). Legame (teorema) continuità-derivabilità. 18

19 Regole di derivazione (funzioni elementari, somma, prodotto, quoziente, funzioni composte). Competenze: Interpretare geometricamente il significato di rapporto incrementale e di derivata. Confrontare derivabilità e continuità. Saper calcolare derivate. CONTENUTI: Concetto di retta tangente ad una curva in un punto. Rapporto incrementale e derivata. Legame continuità-derivabilità. Derivate di funzioni razionali elementari. Derivata della somma, di un prodotto e di un quoziente di funzioni. Derivata di una funzione composta. Derivate di ordine superiore. U.D. 2-2 : APPLICAZIONI DELLE DERIVATE OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Definizioni di retta tangente e perpendicolare ad una curva in un punto. Competenze: Determinare le equazioni della retta tangente e della retta perpendicolare ad una curva in un punto. CONTENUTI: Equazioni delle rette tangente e normale ad una curva. MODULO 3: STUDIO DI FUNZIONE (FUNZ. RAZIONALI INTERE E FRATTE) U.D. 1-3: FUNZ. CRESCENTI E DECRESCENTI, MASSIMI, MINIMI, FLESSI OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Definizione di funzione crescente e decrescente. Definizione di massimi e i minimi relativi ed assoluti di una funzione. Definizione di concavità e convessità del grafico di una funzione. Definizione di punti di flesso di una funzione. Metodi per la ricerca di massimi e minimi relativi. Competenze: Saper determinare gli intervalli di positività e negatività di una funzione. Saper determinare i punti di intersezione del grafico di funzione con gli assi cartesiani. Saper determinare gli intervalli di crescenza e decrescenza di una funzione. Saper determinare i punti di massimo e minimo relativo di una funzione. Saper determinare gli intervalli di concavità e convessità di una funzione. Saper determinare i punti di flesso di una funzione. CONTENUTI: 19

20 Positività e negatività delle funzioni. Intersezioni con gli assi. Crescenza e decrescenza delle funzioni. Massimi e minimi assoluti e relativi. Metodi per la ricerca dei punti di massimo e minimo. Concavità e convessità. Punti di flesso. U.D. 2-3: GRAFICO DI FUNZIONE OBIETTIVI SPECIFICI: Conoscenze: Definire il grafico di una funzione. Competenze: Studiare le funzioni e saperne tracciare il grafico (dominio, segno, intersezione con gli assi, limiti, punti di discontinuità, asintoti, massimi e minimi, concavità e convessità, flessi). CONTENUTI: Studio di funzioni razionali intere e fratte. OBIETTIVI MINIMI Come stabilito a livello di programmazione di Dipartimento, sono stati considerati come minimi i seguenti obiettivi (necessariamente da raggiungere per una valutazione complessiva finale di sufficienza): saper calcolare limiti finiti e infiniti di funzioni algebriche intere e fratte; conoscere il concetto di derivata; saper calcolare la derivata di funzioni razionali intere e fratte; saper studiare e rappresentare il grafico di una funzione razionale, intera e fratta. Belluno, 14 maggio 2013 L Insegnante (Alessandro Bortoluzzi). In rappresentanza degli alunni 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli