DOCUMENTO DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Superiore Statale CAMILLO GOLGI - Brescia ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5.2) ANNO SCOLASTICO 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE 5 SEZIONE C INDIRIZZO GRAFICO MATERIA DOCENTE FIRMA ITALIANO Giuseppa Augello STORIA MATEMATICA LINGUA INGLESE PSICOLOGIA TECNICA FOTOGRAFICA PIANIF. PUBBLICITARIA STORIA DELL ARTE RELIGIONE ED. FISICA SOSTEGNO PROG. GRAFICA Giuseppa Augello Rosella Righetti Maria Rosalia Cuozzo Nadia Bombesi Fabrizio Ferri Bruna Ghersina Antonio Rapaggi Elena Mombelli Luigi Vielmi Sabatino Tosto Sergio Ziveri REDATTO ED ESPOSTO ALL ALBO DELL ISTITUTO IL GIORNO 15 maggio 2012 Istituto di Istruzione Superiore Statale CAMILLO GOLGI settori: chimico - grafico - turistico Via Rodi Brescia - tel /454 - fax C.F certificata: - Circ convocazione consigli classe

2 Il documento contiene: 1) Presentazione della classe 2) Percorso didattico 3) Tematiche pluridisciplinari 4) Attività extracurricolari e progetti educativi particolari 5) Scheda simulazioni prove d esame Al presente documento vengono allegati: A) Relazioni finali dei docenti B) Programmi effettivamente svolti C) Testi delle simulazioni della terza prova D) Criteri di valutazione delle simulazioni di terza prova E) Relazione, progetto e valutazione AREA PROFESSIONALIZZANTE (Alternanza scuola-lavoro) pag. 1

3 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe: candidati interni Cognome e Nome Classe di provenienza 1) Barucco Giada IV 2) Beccalossi Pamela IV 3) Beletti Viola IV 4) Bovoloni Paolo IV 5) Fonassi Daniele IV 6) Gerardini Luana IV 7) Jedrzejczyk Margherita IV 8) Lenne Zenabo IV 9) Mazzocchi Cesare IV 10) Noris Daniela IV 11) Pasquariello Mattia IV 12) Quattromani Giovanni V 13) Raffi Giulia IV 14) Reali Giulia IV 15) Rezzola Davide IV 16) Rizzardi Luca IV 17) Sandonini Francesca IV 18) Tejinder Kaur Bant Kaur IV 19) Torri Luca IV 20) Zanola Davide IV 21) 22) 23) 24) pag. 2

4 Docenti del Consiglio di classe Docente Disciplina Ore settimanali Continuità didattica Supplenti nell a. s. Giuseppa Augello Italiano 4 Si Giuseppa Augello Storia 2 Si Rosella Righetti Matematica 3 Si Maria Rosalia Cuozzo Inglese 3 Si Nadia Bombesi Psicologia 2 Si Fabrizio Ferri Tecnica fotografica 2 Si Bruna Ghersina Pianif. Pubblicitaria 3 Si Antonio Rapaggi Storia dell arte 3 Si Elena Mombelli Religione 1 Si Luigi Vielmi Educazione fisica 2 Si Sabatino Tosto Sostegno Si Sergio Ziveri Progettazione grafica 5 Si Commissari interni: DOCENTI Maria Rosalia Cuozzo Bruna Ghersina Sergio Ziveri DISCIPLINE Inglese Pianificazione pubblicitaria Progettazione grafica Piano di studi della classe: Disciplina I II III IV V Italiano X X X X X Storia X X X X X Matematica X X X X X Inglese X X X X X Educazione fisica X X X X X Religione X X X X X Scienze della terra X X Diritto ed economia X X Storia arti visive X X X X Storia dell arte e stampa X Disegno grafico X X X Progettazione grafica X X Disegno professionale X X Comunicazioni visive X Tecnica fotografica X X X Tecnica pubblicitaria X Pianificazione pubbl. X X Psicologia della comun. X X La storia della classe relativa al biennio post-qualifica pag. 3

5 5 anno 4 anno Ripetenti Provenienza altro Istituto Respinti Sospensione giudizio Sospensione giudizio anno scolastico 2010 /2011 Disciplina N Studenti ITALIANO 5 STORIA 4 INGLESE 1 STORIA DELL ARTE 1 PIANIFICAZIONE PUBBL. 4 PSICOLOGIA 1 pag. 4

6 Profilo complessivo della classe Partecipazione e frequenza La classe ha partecipato alle lezioni evidenziando una frequenza talvolta discontinua. La partecipazione al dialogo educativo è stata sollecitata durante l'anno scolastico al fine di ottenere risultati sufficienti. Interesse ed impegno L interesse è risultato sufficiente; l impegno non sempre adeguato. Disponibilità all approfondimento personale Si rileva solo in acluni elementi la disponibilità all approfondimento personale. Comportamento Il comportamento è risultato generalmente corretto sebbene non sempre responsabile. Grado di preparazione e profitto Il grado di preparazione e il profitto sono risultati generalmente sufficienti. Partecipazione alle attività della scuola La partecipazione alle attività della scuola è risultata discreta. pag. 5

7 2. PERCORSO DIDATTICO Obiettivi programmati OBIETTIVI TRASVERSALI RISULTATI RAGGIUNTI CONOSCENZE (Contenuti) La maggior parte degli allievi ha raggiunto sufficienti conoscenze dei contenuti delle discipline. COMPETENZE (Comprensione Esposizione Argomentazione Rielaborazione) CAPACITA' (Analisi Sintesi Valutazione) La maggior parte della classe dimostra sufficienti competenze riguardo alla comprensione e appena sufficienti in merito alla rielaborazione, esposizione e argomentazione. Nel corso dell anno gli allievi, sebbene con qualche eccezione, hanno messo in evidenza una capacità di analisi e sintesi sufficiente. In merito agli obiettivi specifici e ai contenuti delle singole discipline si rinvia alle relazioni finali dei docenti. Metodologie adottate Disciplina Lezione frontale Lezione multimed iale Lezione pratica Lavoro di gruppo Attività Laborator io Discussio ni guidate Simulazio ni o esercizi guidati Italiano X X X Storia X X X Matematica X X X Inglese X X X X X X Educazione fisica X X X X Religione X X Storia arti visive X X X Tecnica fotografica Psicologia della comun. Pianificazione pubbl. Progettazione grafica X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X pag. 6

8 Mezzi e spazi didattici Utilizzo in ambito Disciplinare Palestra Laboratori Biblioteca Sussidi audiovisivi Strumenti multimediali Italiano X X Storia X X Matematica Inglese X X X X Educazione fisica X Religione Storia arti visive X X Tecnica fotografica X X X Psicologia della comun. Pianificazione pubbl. Progettazione grafica X X X Attività di recupero, integrazione, approfondimento Disciplina Recupero curricolare Corso extracurricolare di recupero Sportello Didattico Corso di approfondimento. ITALIANO SI INGLESE SI MATEMATICA SI * Tenuto/Non tenuto dal docente titolare. Per le indicazioni particolari si rinvia alla relazione del singolo docente. pag. 7

9 Strumenti di verifica * Ambito disciplinare Linguistico Letterario e Umanistico Tipologie prevalentemente adottate per Prove scritte Prove orali Prove pratiche Analisi Testi Discussione Prove semistrutturate dialogata Test grammaticali Registrazioni Temi-Saggi brevi Questionari a risposta libera o Verifiche orali multipla Scientifico Prove semi-strutturate Esercizi Verifiche orali Professionale Prove semi-strutturate Esercizi Verifiche orali Attività di laboratorio Educazione Fisica Attività motoria di base individuale e di gruppo. Gare- tornei * Per l'individuazione degli strumenti di verifica nelle singole discipline si rinvia alla relazione dei docenti pag. 8

10 Criteri di valutazione deliberati dal Consiglio di classe Il Consiglio di classe si è attenuto ai seguenti criteri adottati dal collegio docenti: a) la valutazione ha avuto valore sia sommativo che formativo, ed è stata tesa ad accertare la preparazione dello studente nelle singole fasi del percorso cognitivo: i voti assegnati alle singole prove vanno intesi esclusivamente come la quantificazione di una prestazione e non come giudizio sulla persona; b) la valutazione quadrimestrale e finale non è risultata dalla media aritmetica dei voti delle verifiche, ma ha tenuto conto, oltre che dei dati sul livello complessivo di acquisizione di contenuti e competenze, della generale situazione scolastica di ogni alunno; c) sono stati quindi considerati come fattori influenti positivamente: la progressione rispetto ai livelli di partenza; il grado di impegno, di interesse e partecipazione all attività scolastica; la regolarità della frequenza; la lealtà e la correttezza nei rapporti con gli insegnanti e i compagni d) la gamma dei voti utilizzata nelle varie prove è stata da 1 a 10 secondo la seguente griglia: 1/2 Rifiuto dell attività scolastica: l alunno si sottrae ripetutamente alle verifiche; consegna compiti in bianco. 3 L alunno dimostra gravissime lacune nelle conoscenze e nelle competenze, incapacità ad orientarsi, attenzione ed impegno del tutto insufficienti. 4 Situazione di grave carenza nelle conoscenze: inadeguata assimilazione di nozioni, che non vengono organizzate in modo sistematico né si traducono in abilità applicative; impegno discontinuo e superficiale. 5 Conoscenze e competenze carenti; applicazione imprecisa e difficoltosa, anche in presenza di un impegno complessivamente sufficiente. 6 Livello minimo accettabile di conoscenze e competenze, affiancato da impegno serio. 7 Sicuro possesso delle conoscenze e competenze; capacità di operare analisi e sintesi organiche; atteggiamento motivato e costruttivo. 8 Sicuro possesso delle conoscenze e competenze; buone capacità logiche e di rielaborazione; partecipazione critica e costruttiva; interesse costante e profondo. 9 Sicura e completa padronanza delle conoscenze e delle abilità; ottime capacità logiche; autonomia critica e di rielaborazione personale; originalità espressiva; costante disponibilità all approfondimento dei contenuti. 10 Si identifica un rendimento eccellente: agli elementi del grado precedente si aggiungono l eccezionale regolarità del rendimento, la capacità di portare a termine con successo compiti complessi e divergenti rispetto alla norma, l impegno in ricerche bibliografiche o in approfondimenti personali di ottimo livello. pag. 9

11 3. TEMATICHE PLURIDISCIPLINARI PERCORSO Nucleo Tematico Comunicazione pubblicitaria Correnti artistiche e letterarie, figure del 900 Materie interessate Prog. Grafica, Tec. Fotograf., Pian. Pubbl., Inglese Storia dell arte, Italiano, Inglese Argomenti specifici Il linguaggio della comunicazione Simbolismo, Realismo, Decadentismo, Estetismo, Futurismo. 4. ATTIVITA EXTRACURRICULARI E PROGETTI EDUCATIVI PARTICOLARI (esempio) DISCIPLINA LUOGHI ARGOMENTI Interdisciplinare Italiano St. arte Ferrara, Padova Simbolismo Prog. Grafica Audiovisivi Comunicazione d impresa 5. SIMULAZIONI PROVE D ESAME Tipologia Discipline N.ro Analisi e commento di testo letterario e non Italiano 1 I Prova Saggio breve Italiano 1 II Prova Temi a carattere professionale Progettazione grafica, Pianificazione pubblicitaria 3 pag. 10

12 Prima simulazione: Tipologia B+C Psicol., St. arte, Tec. Fotogr., Matem. III Prova Quesiti a risposta singola e multipla (Allegato "C") Seconda simulazione: Tipologia B+C Tec. Fotogr., Inglese, Ed. fisica, Storia 3 Terza simulazione Tipologia B+C Matem., St. arte, Inglese, Pianif. Pubbl. Colloquio Criteri adottati (obiettivi e griglie valutative) Prove scritte: Si rinvia, per opportuna conoscenza, agli esempi prodotti di cui agli Allegati "C" e "D" Nel corso dell'anno, il Consiglio di Classe della V ha favorito l'acquisizione di alcune abilità fondamentali in vista del Colloquio d'esame, alla luce delle quali gli allievi sono stati normalmente valutati. Si riporta la griglia di valutazione utilizzata. Il presente documento, ratificato dal Consiglio della Classe V sezione C Grafico il giorno 10/05/2012 viene sottoscritto e pubblicato all Albo d Istituto in data odierna. Brescia, 15 maggio 2012 Il Dirigente scolastico Ercole Melgari pag. 11

13 Allegato A RELAZIONI FINALI 15 MAGGIO pag. 12

14 A. S. 2011/2012 RELAZIONE FINALE CLASSE V C GRAFICO PUBBLICITARIO ITALIANO Docente prof.ssa AUGELLO Giuseppa Libro di testo adottato: Mappe di letteratura vol.1 e vol.2. Paolo Di Sacco - Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori Ore di lezione effettuate fino al 15 maggio:109; si prevede di effettuare, entro la fine dell anno scolastico, altre 13 ore di lezione. Obiettivi cognitivi disciplinari raggiunti relativamente alle conoscenze a) si sono consolidate, con risultati diversificati ma globalmente accettabili, le abilità di comprensione mediante l approccio costante a problematiche e testi letterari. b) si è ampliato l orizzonte culturale con riferimento la periodo compreso tra la seconda metà dell 800 e i primi decenni del 1900, stimolando la conoscenza degli eventi letterari inseriti, per linee generali, nella loro cornice storicocronologica ed individuati attraverso l esame delle principali caratteristiche tematiche e formali dei testi. La classe è complessivamente migliorata rispetto al livello di partenza: la maggior parte degli alunni dimostra una sufficiente conoscenza degli argomenti. C) si è promosso l interesse per la cultura proponendo la lettura individuale di opere narrative riferite al periodo considerato: non sempre la classe ha svolto questo lavoro con il necessario impegno. relativamente alle competenze a) si sono potenziate, a vario livello, le competenze linguistiche: non tutti hanno acquisito una sufficiente padronanza, in molti permangono difficoltà espositive. b) si è migliorata, generalmente, l esposizione scritta, stimolando l elaborazione di testi scritti, soprattutto argomentativi (saggi brevi, articoli di giornali, analisi del testo). Tuttavia gli elaborati di una parte della classe evidenziano ancora lacuna ortografiche e morfosintattiche ed una certa superficialità nel contenuto. relativamente alle capacità a) si è potenziata la capacità di rielaborazione personale e critica esercitando gli alunni a cogliere collegamenti tra gli autori e tra i vari ambiti disciplinari, pur conseguendo risultati accettabili solo per un numero ristretto di casi. 1 pag. 13

15 b) si è arricchita, mediamente, la capacità di analisi e sintesi riferita ai temi affrontati e ad argomenti tratti dall attualità. c) si è, infine, sollecitata una graduale riorganizzazione personale dei contenuti mediante una modalità di lavoro più costruttiva nel tentativo di correggere la tendenza, tuttora prevalente in alcuni alunni, ad un assimilazione mnemonica e settoriale delle conoscenze. Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente: Prove orali a) conoscenza essenziale degli argomenti b) individuazione e comprensione dei contenuti più significativi dei testi letterari proposti c) organicità espositiva d) uso corretto delle strutture linguistiche e del lessico Prove scritte a) attinenza all argomento proposto b) esposizione coerente c) correttezza ortografica e morfo-sintattica d) proprietà lessicale Nella valutazione delle prove scritte, data l esistenza diffusa di carenze pregresse, sono stati presi in considerazione, accanto a tutti gli elementi di positività presenti, anche gli eventuali progressi rispetto al livello di partenza. METODO DI INSEGNAMENTO Lezione frontale, lezione dialogata, discussione guidata. MEZZI E STRUMENTI Libri di testo, integrati da appunti. Schemi, percorsi costruiti in classe. Testi di consultazione e di lettura reperibili nella biblioteca di istituto, fotocopie. STRUMENTI DI VERIFICA Prove scritte strutturate e semistrutturate a risposta aperta e a risposta chiusa; interrogazioni orali. Temi, analisi di testi, relazioni e prove scritte secondo il modello del saggio breve e dell articolo di giornale. CRITERI DI VALUTAZIONE Sono stati utilizzati quelli stabiliti dal consiglio di classe. VALUTAZIONE FINALE La partecipazione è stata attenta per quasi tutti gli alunni, alcuni hanno evidenziato una certa discontinuità nell interesse e uno studio superficiale. La frequenza è stata regolare tranne per alcuni alunni che hanno effettuato un numero di assenze superiore alla media della classe. 2 pag. 14

16 Quasi tutti gli alunni hanno carenze espositive e difficoltà ad elaborare in modo personale quanto è oggetto di studio, per cui è stato necessario rallentare lo svolgimento del programma. Nella valutazione finale si è tenuto conto dei livelli di partenza, dell interesse e dell impegno di ciascun allievo. Il grado di preparazione raggiunto è nel complesso sufficiente. 3 pag. 15

17 ANNO SCOLASTICO 2011/2012 RELAZIONE FINALE CLASSE V C GRAFICO STORIA Docente prof.ssa AUGELLO Giuseppa Libro di testo adottato: Franco Bertini Storia 3 Mursia scuola Ore di lezione effettuate fino al 15 maggio:52, si prevede di effettuare, entro la fine dell anno scolastico, altre 10 ore di lezione. Obiettivi cognitivi disciplinari raggiunti relativamente alle conoscenze: La maggior parte degli alunni ha acquisito una conoscenza d insieme del periodo compreso fra il 1876 e la 2^ guerra mondiale, con rapidi cenni al secondo dopoguerra (guerra fredda), cogliendone le dinamiche principali con particolare riferimento agli avvenimenti della storia italiana ed integrando, talora, le informazioni attinte dal Quadro storico, con la lettura di alcuni documenti, selezionati in prevalenza dalle sezioni Testimonianze o Testi storiografici. relativamente alle competenze: La constatata mancanza, nel patrimonio culturale pregresso della classe, di riferimenti nozionistici sufficientemente consolidati, non ha consentito un illustrazione ed una sperimentazione adeguate dalle diverse metodologie di approccio critico all analisi dei fenomeni, inducendo a privilegiare l obiettivo dell acquisizione dei contenuti essenziali degli argomenti, con un supporto minimo di letture storiografiche. Quasi tutti gli alunni, comunque, hanno imparato in modo accettabile a comprendere termini e concetti presenti nel manuale e ad esporre con sufficiente proprietà le conoscenze attraverso un uso adeguato del linguaggio storico. relativamente alle capacità: a) gli alunni hanno consolidato la capacità di analisi e sintesi, traendo spunto dagli avvenimenti del passato per conseguire, in parte, una maggiore consapevolezza critica del presente; b) hanno complessivamente migliorato la capacità di collegare gli eventi storici tra loro e con le manifestazioni letterarie coeve. Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente: dimostrare di avere acquisito i contenuti essenziali dei moduli e di saperli esporre in forma orale con linguaggio chiaro e sufficientemente appropriato. comprendere ed utilizzare in modo accettabile le categorie storiche e la terminologia. 1 pag. 16

18 Metodi di insegnamento Lezione frontale. Lezione dialogata. Discussione guidata. Mezzi e strumenti Libri di testo, integrati da appunti, schematizzazione degli argomenti. Strumenti di verifica Prove scritte strutturate e semistrutturate a risposta aperta e a risposta chiusa (a risposta fissa, a scelta multipla, a collegamento, a completamento) Criteri di valutazione Sono stati utilizzati quelli stabiliti dal consiglio di classe. Risultati finali La partecipazione degli alunni è stata attenta ma piuttosto passiva, difficoltà sono emerse nell elaborazione e nell analisi critica degli argomenti esaminati per carenze nel metodo di studio e discontinuità nell impegno. Complessivamente il profitto è sufficiente. 2 pag. 17

19 RELAZIONE FINALE 15 maggio 2012 CLASSE V C Grafico pubblicitario a.s. 2011/12 Materia: MATEMATICA Docente: prof.ssa RIGHETTI ROSELLA Libro di testo in adozione : " Formazione all analisi" N. Dodero - P. Baroncini - R. Manfredi Ghisetti e Corvi Editori - Ore di lezione effettuate nell'anno scolastico 2011/12 fino al 07 maggio: n. 77 ore su n. 99 previste dal piano di studi (3 ore alla settimana per 33 settimane); inoltre sono previste altre 15 ore circa fino al termine delle lezioni. CONTENUTI TRATTATI CON INDICAZIONE DEI TEMPI (APPROSSIMATIVI) E DEGLI OBIETTIVI SPECIFICI Gli obiettivi preceduti da un asterisco * sono gli obiettivi minimi. Modulo 0: ripasso di funzioni reali in una variabile reale (10 ore) OBIETTIVI COGNITIVI * Saper determinare dominio, positività ed intersezioni con gli assi di una funzione. * Saper effettuare lo studio di una funzione giungendo a possibili grafici. CONTENUTI Classificazione di funzione reale. Campo di esistenza di una funzione. Positività di una funzione. Disequazioni Modulo 1: Limiti ( 14 ore ) OBIETTIVI COGNITIVI - Conoscere in modo approssimativo la definizione di limite finito in un punto. * Conoscere i teoremi sui limiti. * Saper calcolare i limiti di una funzione. - Saper riconoscere e risolvere le forme indeterminate. CONTENUTI Limiti. Operazioni con i limiti. Forme indeterminate. Modulo 2: funzioni continue ( 12 ore ) OBIETTIVI COGNITIVI CONTENUTI * Conoscere la definizione di funzione Funzioni continue. pag. 18

20 continua in un punto. - Saper riconoscere e classificare i vari tipi di discontinuità di una funzione. Punti di discontinuità di prima, seconda e terza specie. Modulo 3: derivata di una funzione ( 24 ore) OBIETTIVI COGNITIVI CONTENUTI * Conoscere la definizione di derivata Definizione di derivata e suo significato in un punto di una funzione. geometrico. * Conoscere le derivate fondamentali e Continuità e derivabilità. le regole di derivazione. Derivate fondamentali di funzioni - Saper determinare l'equazione della algebriche. retta tangente ad una curva in un Teoremi sul calcolo delle derivate punto. (enunciati: derivata di somma, * Saper calcolare la derivata prima di prodotto e quoziente di due funzioni, una funzione. derivata di funzione composta). - Conoscere e comprendere l enunciato Equazione della retta tangente ad una dei teoremi di Rolle e di Lagrange. curva. - Conoscere la definizione di punto Regola di De l Hôspital. stazionario, di flesso a tangente Enunciato e significato geometrico dei verticale, di cuspide e di punto teoremi di Rolle e di Lagrange. angoloso. Punti di non derivabilità. Modulo 4 : studio di funzione razionale, intera e fratta ( 20 ore ) OBIETTIVI COGNITIVI * Sapere determinare l andamento di una funzione utilizzando il calcolo delle derivate. * Saper determinare massimi, minimi e flessi a tangente orizzontale di una funzione. - Saper ricercare gli asintoti di una funzione. - Saper effettuare lo studio completo di una funzione con la costruzione del suo grafico approssimativo. * Saper analizzare il grafico di una funzione. CONTENUTI Massimi e minimi relativi di una funzione. Flessi a tangente orizzontale e verticale di una funzione. Asintoti verticale, orizzontale ed obliquo. Studio completo di una funzione razionale, intera e fratta. Analisi di un grafico. CONSIDERAZIONI SUL PROGRAMMA SVOLTO Il programma preventivato è stato svolto, anche se non sempre in modo approfondito, in quanto un certo numero di ore è stato dedicato ad uscite didattiche, attività di orientamento, assemblee e soste didattiche finalizzate al recupero. pag. 19

21 GRADO DI RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI Più di metà classe ha raggiunto gli obiettivi in modo soddisfacente, una parte in modo sufficiente e una minima parte in modo parziale. Entro il termine dell anno scolastico, saranno fornite ancora possibilità di recupero con indicazioni e suggerimenti da parte dell'insegnante. Nel complesso, la frequenza è stata regolare (tranne un alunno) e la partecipazione attiva. L applicazione in classe è stata costante e l impegno a casa è stato generalmente adeguato. METODOLOGIE ADOTTATE Alle spiegazioni dirette dell insegnante sono state alternate esercitazioni e presentazioni di situazioni problematiche, stimolando gli allievi a fare riflessioni e proporre soluzioni, inducendoli a sfruttare al massimo le conoscenze e le abilità già acquisite. STRUMENTI DI LAVORO Vista la difficoltà della classe nell utilizzo del libri di testo, si è spesso integrato il materiale con schemi riassuntivi, fotocopie ed esercizi con graduale livello di difficoltà. STRUMENTI DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Nella seguente tabella è indicato il numero di verifiche sommative effettuate, nell intero anno scolastico, utilizzando le diverse tipologie di prove. Prove orali (numero Prove scritte semistrutturate Problemi, esercizi medio per ogni alunno) Le interrogazioni orali ed i test di teoria hanno lo scopo di individuare il grado delle conoscenze (più o meno approfondite e consapevoli) dell alunno, considerando anche il modo di argomentare e l organicità della esposizione. Negli elaborati scritti è stata valutata soprattutto la capacità di applicare le conoscenze (competenze) per risolvere quesiti di vario genere attraverso l uso di tecniche, metodi e procedure specifiche nonché abilità logiche. La continuità e il grado di partecipazione e impegno, scolastici e domestici, costituiscono elementi fondamentali soprattutto per la valutazione di fine anno, insieme all'assiduità della frequenza, alla situazione di partenza, ai voti delle verifiche e all'andamento del rendimento. CRITERI DI VALUTAZIONE Nelle verifiche scritte e nei test, ad ogni quesito è assegnato un punteggio in relazione alle difficoltà concettuali, logiche e di calcolo; la somma dei punteggi conseguiti conduce, con un semplice calcolo proporzionale, al voto ( da 1 a 10). Nelle verifiche orali, voti 1-2-3:preparazione pressoché inesistente; voto 4: gravi lacune nella preparazione; voto 5: qualche lacuna e/o numerose incertezze, esposizione solo o quasi con esempi; voto 6: conoscenza degli pag. 20

22 elementi essenziali delle questioni trattate, esposizione non organica; voti 7-8: qualche incertezza, esposizione organica; 9-10 preparazione approfondita e consapevole, esposizione organica. ATTIVITÀ DI RECUPERO Gli alunni che hanno conseguito valutazioni insufficienti nelle verifiche sono stati interessati ad attività di recupero effettuate nei seguenti modi: Lavoro in classe: chiarimenti dell'insegnante su questioni specifiche a richiesta della classe o dei singoli alunni con lavori individuali o a piccoli gruppi su compiti assegnati dall insegnante. Sosta didattica: anche senza richieste specifiche da parte degli alunni sono state effettuate attività tese al recupero di argomenti soffermandovisi per un tempo maggiore del previsto. Sportello didattico: dietro richiesta specifica da parte di alcuni alunni, sono state svolte attività di recupero in orario extracurricolare. Lavoro a casa: studio individuale, ripasso, esercizi su contenuti e procedimenti. Brescia, 07/05/12 L'insegnante Rosella Righetti pag. 21

23 I.I.S.S."C.GOLGI" Anno Scolastico RELAZIONE FINALE DI INGLESE Docente Cuozzo M.Rosalia Classe 5 Sezione C Grafico La classe 5C Grafico all'inizio dell'anno risultava eterogenea per senso di responsabilità e per desiderio di affermazione, ma col passare del tempo, le differenze si sono attenuate e ciò ha comportato un laborioso lavoro di recupero iniziale, ha limitato in parte stimoli ed opportunità per ampliare gli orizzonti culturali, ha determinato un profitto ed un rendimento generalmente diversificati. Quasi tutti gli alunni provengono dai paesi limitrofi e da un ambiente socioeconomico modesto. Il gruppo classe risulta formato da alunni provenienti dalla stessa classe(ex 4C Grafico),eccetto un alunno,proveniente da altra provincia e istituto, inseritosi solo quest anno; nel gruppo classe si è instaurato un clima rispettoso con l insegnante. Si è cercato di stabilire una sana e positiva relazione tra docente e studente, di facilitare un dialogo costruttivo ; La preparazione iniziale è apparsa, per la maggior parte poco solida, tuttavia, la classe possiede qualche buona individualità che si è distinta per costanza di impegno, motivazione, interesse e che è stata in grado di fornire qualche contributo personale. Nel complesso gli allievi hanno mostrato interesse alla materia, anche se scoraggiati da carenze linguistiche pregresse; col passare del tempo hanno mostrato maggiore attitudine per le prove orali ma l'impegno è risultato incostante eccetto per quei pochi che si sono distinti per capacità organizzative ed interesse. Il programma scolastico è stato svolto secondo quanto previsto nella programmazione con soste didattiche, recupero in itinere e con corso specifico pomeridiano,finalizzando l'insegnamento a far acquisire una mentalità aperta pag. 22

24 alle problematiche della disciplina, dare la formazione di base e contribuire al miglioramento del metodo di studio e della capacità di documentarsi autonomamente. Ho cercato di individuare una metodologia didattica di facile acquisizione, organizzando spesso con gli alunni lavoro in gruppi eterogenei per potenzialità, in modo da stimolare anche gli alunni più timidi, alternando i momenti informativi a quelli di dibattito aperto e cercare di rendere omogenee le conoscenze e le competenze degli alunni. Ho presentato i contenuti con chiarezza, evidenziando gli argomenti principali e ricercando collegamenti e correlazioni fra essi; sono stati contattati i docenti di discipline affini per promuovere l'analisi delle problematiche da più punti di vista e sviluppare negli alunni,adeguate capacità di collegamento e di sintesi delle nozioni assimilate. Ho cercato di aiutare gli allievi a conoscere meglio se stessi ed a sviluppare valide capacità auto-orientative, facendo affiorare abilità e tendenze, così da permettere una scelta professionale coerente con le attitudini ed adeguata alle capacità. Il lavoro a casa per la maggior parte degli alunni non ha avuto la necessaria continuità ed il metodo di studio è apparso dispersivo e poco efficace; per pochi è stato lodevole ed il metodo di studio è apparso efficace. La maggior parte si è impegnata in maniera discontinua e non sempre adeguata per cui l'apprendimento dei contenuti è stato lento e faticoso mentre pochi si sono distinti per la passione mostrata verso la disciplina, lavorando con entusiasmo. I risultati ottenuti sono da ritenersi accettabili per parte della classe, gli obbiettivi minimi formativi e disciplinari sono stati, nel complesso, conseguiti, per cui la preparazione risulta globalmente sufficiente tranne per qualche elemento di spicco. pag. 23

25 RELAZIONE CONSUNTIVA CLASSE 5^ C GRAFICO Materia : EDUCAZIONE FISICA Docente: prof. LUIGI VIELMI Libri di testo adottati : Praticamente sport Ore di lezione effettuate nell anno scolastico fino al 15 maggio: n. ore 52 su n. ore 62 previste dal piano di lavoro Obiettivi cognitivi: - La presa di coscienza del ruolo dell ed. fisica e dello sport nella vita di ognuno, inseriti nell ambito ben più ampio dell educazione permanente. - La consapevolezza dell importanza della corporeità, del saper fare nell ambito motorio e dell utilità del movimento razionale per il mantenimento di una buona salute ed una buona forma fisica. - La conoscenza delle tecniche e delle metodiche che stanno alla base del miglioramento delle capacità fisiche, condizionali e coordinative. - La conoscenza delle attività sportive praticate nelle ore curricolari. Competenze operative: - Miglioramento del livello delle proprie capacità fisiche, condizionali e coordinative. - Perfezionamento e consolidamento degli schemi motore di base - Padronanza delle tecniche di base delle attività sportive, individuali e di squadra, praticate nel corso del ciclo scolastico quinquennale. Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente : Raggiungimento, al minimo grado, degli obiettivi disciplinari sopra descritti, abbinato alla partecipazione costante e consapevole alle lezioni ed alla capacità di lavorare con spirito collaborativo. La classe, composta da 20 alunni, ha svolto il programma di ed. fisica dell intero ciclo di studi con lo stesso insegnante, il sottoscritto. pag. 24

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco

Istituto Comprensivo Via Casal Bianco MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casal Bianco PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO COORDINATO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia)

Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Scuo1a Media Statale G. Leopardi - Mira (Venezia) Anno scolastico 2010-2011 CLASSE III SEZ. RELAZIONE FINALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE E CRITERI DEL COLLOQUIO D'ESAME Il Consiglio di Classe della 3 sez.,

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12

PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA. Classe Quarta. (Aggiornato) ANNO SCOLASTICO 2011/12 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni

VALUTAZIONE scuola primaria valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni VALUTAZIONE In base all art. 3 del decreto legge del 30 ottobre 2008, n.169, dall'anno scolastico 2008/09, nella scuola primaria la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni è espressa

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1

I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 I.S.I.S. Zenale e Butinone - Dipartimento di Matematica P.A.L. CLASSE 5^ TECNICO TUR. a.s. 14/15 pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo

Dettagli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli

Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Liceo Scientifico Tito Lucrezio Caro Napoli Criteri di valutazione degli studenti per tutte le classi I singoli docenti attraverso i propri piani di lavoro, i consigli di classe e la programmazione di

Dettagli

Criteri di valutazione degli alunni

Criteri di valutazione degli alunni Funzioni della valutazione Criteri di valutazione degli alunni La valutazione degli alunni risponde alle seguenti funzioni fondamentali: verificare l acquisizione degli apprendimenti programmati; adeguare

Dettagli

La valutazione degli apprendimenti

La valutazione degli apprendimenti La valutazione degli apprendimenti La valutazione strumento di conoscenza dell alunno per l alunno Valutazione degli apprendimenti e della qualità del sistema educativo di istruzione e di formazione VALUTAZIONE

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE

ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE ISTITUTO COMPRENSIVO G. GALILEI PIEVE A NIEVOLE PIANIFICAZIONE MODULI DI APPRENDIMENTO classe I sezione DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA INSEGNANTE: ANNO SCOLASTICO COMPOSIZIONE DELLA CLASSE: MASCHI: FEMMINE:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 ! Istituto d Istruzione Superiore G. Veronese Chioggia (Ve) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Anno Scolastico 2015/2016 Classe 1 B Indirizzo: Scienze Umane Coordinatrice: Agatea Valeria SITUAZIONE INIZIALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 8 26/01/2015 10.42 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: INFORMATICA DOCENTI:

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE. Indirizzo: ITC. Anno scolastico Materia Classi 2012 2013 MATEMATICA Terze PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Indirizzo: ITC Anno scolastico Materia Classi 22 23 MATEMATICA Terze. Competenze al termine del percorso di studi Padroneggiare il linguaggio formale e i procedimenti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA ISTITUTO COMPRENSIVO CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO DI SAN CARLO C. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA Premessa Lo studio della disciplina

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE IIS F E R M I GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it Codice Fiscale 83003590011

Dettagli

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio

Piano di Lavoro Di MATEMATICA. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Via Gallo Pecca n. 4/6-10086 Rivarolo Canavese Tel 0124 454511 - Cod. Fiscale 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA di MATEMATICA Classi QUINTE PROFESSIONALI A.S. 2015/2016 Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura del Coordinatore della Riunione Disciplinare. Il Registro Elettronico SigmaSchool è il canale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Gestione del progetto ed organizzazione d impresa Classe: 5BI A.S. 2015/16 Docente: Mattiolo ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è costituita da 21 alunni. 20 alunni provenienti

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.I.S. F. Algarotti Venezia PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa A.M.PANCINO Classe 5 A AFM materia Economia Aziendale anno scolastico 2015//2016 Obiettivi generali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico Programmazione Didattica del Consiglio della Classe II Sez. C Ind linguistico A.S. 2015/16 1. COMPOSIZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016

Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 I.P.S.I.A E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA Classe 5C Indirizzo odontotecnico a.s. 2015/2016 Prof. Rossano Rossi La programmazione è stata sviluppata seguendo le linee guida ministeriali

Dettagli

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015 Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015 Alunna/o Classe. Sezione. Data di nascita Nazionalità.. Data d arrivo in Italia. Numero degli anni di scolarità. di

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a. Programmazione disciplinare

Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a. Programmazione disciplinare Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore E. M a j o r a n a C.so C.so Garibaldi Garibaldi - 88024 88024 Girifalco Girifalco (CZ) (CZ) Scientifico Scientifico 0968/749233 0968/749233 Artistico

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA

TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Liceo Scientifico Statale Piero Gobetti TORINO PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA a.s. 2015/2016 Classe IVB Prof. Genta Silvio TITOLO PIANO DI LAVORO ANNUALE OBIETTIVI TRASVERSALI Rispetto del regolamento d

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 213. Oggetto: Scrutini I quadrimestre Giudizio globale alunni di classe prima e classi successive

COMUNICAZIONE N. 213. Oggetto: Scrutini I quadrimestre Giudizio globale alunni di classe prima e classi successive ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE U. Bombieri di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di 1 grado Via Ferrazzi, 6 - VALSTAGNA TEL. 0424-99532 FAX 0424-980042 Codice Scuola VIIC84900X Codice Fiscale 82002990248

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INDICAZIONI PER I DOCENTI CURRICOLARI CHE HANNO ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INDICE Perché è nato questo manuale p. 3 Scheda di osservazione alunno diversamente abile con proposta tipologia PEI p. 4 PEP di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALESSANDRO ANTONELLI TORINO PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO ARTE E IMMAGINE ANNO 2013/2014 Tenendo conto dei programmi ministeriali, delle indicazioni metodologiche, degli obiettivi

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369

Istituto di Istruzione Superiore F. Corni Liceo e Tecnico COD. MIUR: MOIS018002 C.F.: 94177210369 CRITERI DI VALUTAZIONE Approvato in Collegio Docenti 15/10/2013 CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA CONDOTTA Indicatori: Rispetto del regolamento di Istituto, delle persone e dell ambiente scolastico Assiduità

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione

LA VALUTAZIONE. Criteri di valutazione LA VALUTAZIONE Criteri di valutazione Per assicurare una omogeneità, equità e trasparenza della valutazione da parte dei Consigli di Classe, in sede di scrutinio, nel rispetto del principio della libertà

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2

Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Progetto alunni stranieri accoglienza, integrazione, L2 Anno Scolastico 2012/2013 [[[Nessun bambino può essere considerato straniero, laddove ci si occupa di educazione, di trasmissione di valori, di conoscenze

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CLASSE

IL CONSIGLIO DI CLASSE Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO XXV APRILE Via Gramsci, 2-4 6 01033 CIVITA CASTELLANA (VT) Tel. 0761513060 Fax. 0761513362

Dettagli