DOCUMENTO DEL CONSIGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Superiore Statale CAMILLO GOLGI - Brescia ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (Legge 425/97 DPR 323/98 art. 5.2) ANNO SCOLASTICO 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO CLASSE 5 SEZIONE C INDIRIZZO GRAFICO MATERIA DOCENTE FIRMA ITALIANO Giuseppa Augello STORIA MATEMATICA LINGUA INGLESE PSICOLOGIA TECNICA FOTOGRAFICA PIANIF. PUBBLICITARIA STORIA DELL ARTE RELIGIONE ED. FISICA SOSTEGNO PROG. GRAFICA Giuseppa Augello Rosella Righetti Maria Rosalia Cuozzo Nadia Bombesi Fabrizio Ferri Bruna Ghersina Antonio Rapaggi Elena Mombelli Luigi Vielmi Sabatino Tosto Sergio Ziveri REDATTO ED ESPOSTO ALL ALBO DELL ISTITUTO IL GIORNO 15 maggio 2012 Istituto di Istruzione Superiore Statale CAMILLO GOLGI settori: chimico - grafico - turistico Via Rodi Brescia - tel /454 - fax C.F certificata: - Circ convocazione consigli classe

2 Il documento contiene: 1) Presentazione della classe 2) Percorso didattico 3) Tematiche pluridisciplinari 4) Attività extracurricolari e progetti educativi particolari 5) Scheda simulazioni prove d esame Al presente documento vengono allegati: A) Relazioni finali dei docenti B) Programmi effettivamente svolti C) Testi delle simulazioni della terza prova D) Criteri di valutazione delle simulazioni di terza prova E) Relazione, progetto e valutazione AREA PROFESSIONALIZZANTE (Alternanza scuola-lavoro) pag. 1

3 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe: candidati interni Cognome e Nome Classe di provenienza 1) Barucco Giada IV 2) Beccalossi Pamela IV 3) Beletti Viola IV 4) Bovoloni Paolo IV 5) Fonassi Daniele IV 6) Gerardini Luana IV 7) Jedrzejczyk Margherita IV 8) Lenne Zenabo IV 9) Mazzocchi Cesare IV 10) Noris Daniela IV 11) Pasquariello Mattia IV 12) Quattromani Giovanni V 13) Raffi Giulia IV 14) Reali Giulia IV 15) Rezzola Davide IV 16) Rizzardi Luca IV 17) Sandonini Francesca IV 18) Tejinder Kaur Bant Kaur IV 19) Torri Luca IV 20) Zanola Davide IV 21) 22) 23) 24) pag. 2

4 Docenti del Consiglio di classe Docente Disciplina Ore settimanali Continuità didattica Supplenti nell a. s. Giuseppa Augello Italiano 4 Si Giuseppa Augello Storia 2 Si Rosella Righetti Matematica 3 Si Maria Rosalia Cuozzo Inglese 3 Si Nadia Bombesi Psicologia 2 Si Fabrizio Ferri Tecnica fotografica 2 Si Bruna Ghersina Pianif. Pubblicitaria 3 Si Antonio Rapaggi Storia dell arte 3 Si Elena Mombelli Religione 1 Si Luigi Vielmi Educazione fisica 2 Si Sabatino Tosto Sostegno Si Sergio Ziveri Progettazione grafica 5 Si Commissari interni: DOCENTI Maria Rosalia Cuozzo Bruna Ghersina Sergio Ziveri DISCIPLINE Inglese Pianificazione pubblicitaria Progettazione grafica Piano di studi della classe: Disciplina I II III IV V Italiano X X X X X Storia X X X X X Matematica X X X X X Inglese X X X X X Educazione fisica X X X X X Religione X X X X X Scienze della terra X X Diritto ed economia X X Storia arti visive X X X X Storia dell arte e stampa X Disegno grafico X X X Progettazione grafica X X Disegno professionale X X Comunicazioni visive X Tecnica fotografica X X X Tecnica pubblicitaria X Pianificazione pubbl. X X Psicologia della comun. X X La storia della classe relativa al biennio post-qualifica pag. 3

5 5 anno 4 anno Ripetenti Provenienza altro Istituto Respinti Sospensione giudizio Sospensione giudizio anno scolastico 2010 /2011 Disciplina N Studenti ITALIANO 5 STORIA 4 INGLESE 1 STORIA DELL ARTE 1 PIANIFICAZIONE PUBBL. 4 PSICOLOGIA 1 pag. 4

6 Profilo complessivo della classe Partecipazione e frequenza La classe ha partecipato alle lezioni evidenziando una frequenza talvolta discontinua. La partecipazione al dialogo educativo è stata sollecitata durante l'anno scolastico al fine di ottenere risultati sufficienti. Interesse ed impegno L interesse è risultato sufficiente; l impegno non sempre adeguato. Disponibilità all approfondimento personale Si rileva solo in acluni elementi la disponibilità all approfondimento personale. Comportamento Il comportamento è risultato generalmente corretto sebbene non sempre responsabile. Grado di preparazione e profitto Il grado di preparazione e il profitto sono risultati generalmente sufficienti. Partecipazione alle attività della scuola La partecipazione alle attività della scuola è risultata discreta. pag. 5

7 2. PERCORSO DIDATTICO Obiettivi programmati OBIETTIVI TRASVERSALI RISULTATI RAGGIUNTI CONOSCENZE (Contenuti) La maggior parte degli allievi ha raggiunto sufficienti conoscenze dei contenuti delle discipline. COMPETENZE (Comprensione Esposizione Argomentazione Rielaborazione) CAPACITA' (Analisi Sintesi Valutazione) La maggior parte della classe dimostra sufficienti competenze riguardo alla comprensione e appena sufficienti in merito alla rielaborazione, esposizione e argomentazione. Nel corso dell anno gli allievi, sebbene con qualche eccezione, hanno messo in evidenza una capacità di analisi e sintesi sufficiente. In merito agli obiettivi specifici e ai contenuti delle singole discipline si rinvia alle relazioni finali dei docenti. Metodologie adottate Disciplina Lezione frontale Lezione multimed iale Lezione pratica Lavoro di gruppo Attività Laborator io Discussio ni guidate Simulazio ni o esercizi guidati Italiano X X X Storia X X X Matematica X X X Inglese X X X X X X Educazione fisica X X X X Religione X X Storia arti visive X X X Tecnica fotografica Psicologia della comun. Pianificazione pubbl. Progettazione grafica X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X pag. 6

8 Mezzi e spazi didattici Utilizzo in ambito Disciplinare Palestra Laboratori Biblioteca Sussidi audiovisivi Strumenti multimediali Italiano X X Storia X X Matematica Inglese X X X X Educazione fisica X Religione Storia arti visive X X Tecnica fotografica X X X Psicologia della comun. Pianificazione pubbl. Progettazione grafica X X X Attività di recupero, integrazione, approfondimento Disciplina Recupero curricolare Corso extracurricolare di recupero Sportello Didattico Corso di approfondimento. ITALIANO SI INGLESE SI MATEMATICA SI * Tenuto/Non tenuto dal docente titolare. Per le indicazioni particolari si rinvia alla relazione del singolo docente. pag. 7

9 Strumenti di verifica * Ambito disciplinare Linguistico Letterario e Umanistico Tipologie prevalentemente adottate per Prove scritte Prove orali Prove pratiche Analisi Testi Discussione Prove semistrutturate dialogata Test grammaticali Registrazioni Temi-Saggi brevi Questionari a risposta libera o Verifiche orali multipla Scientifico Prove semi-strutturate Esercizi Verifiche orali Professionale Prove semi-strutturate Esercizi Verifiche orali Attività di laboratorio Educazione Fisica Attività motoria di base individuale e di gruppo. Gare- tornei * Per l'individuazione degli strumenti di verifica nelle singole discipline si rinvia alla relazione dei docenti pag. 8

10 Criteri di valutazione deliberati dal Consiglio di classe Il Consiglio di classe si è attenuto ai seguenti criteri adottati dal collegio docenti: a) la valutazione ha avuto valore sia sommativo che formativo, ed è stata tesa ad accertare la preparazione dello studente nelle singole fasi del percorso cognitivo: i voti assegnati alle singole prove vanno intesi esclusivamente come la quantificazione di una prestazione e non come giudizio sulla persona; b) la valutazione quadrimestrale e finale non è risultata dalla media aritmetica dei voti delle verifiche, ma ha tenuto conto, oltre che dei dati sul livello complessivo di acquisizione di contenuti e competenze, della generale situazione scolastica di ogni alunno; c) sono stati quindi considerati come fattori influenti positivamente: la progressione rispetto ai livelli di partenza; il grado di impegno, di interesse e partecipazione all attività scolastica; la regolarità della frequenza; la lealtà e la correttezza nei rapporti con gli insegnanti e i compagni d) la gamma dei voti utilizzata nelle varie prove è stata da 1 a 10 secondo la seguente griglia: 1/2 Rifiuto dell attività scolastica: l alunno si sottrae ripetutamente alle verifiche; consegna compiti in bianco. 3 L alunno dimostra gravissime lacune nelle conoscenze e nelle competenze, incapacità ad orientarsi, attenzione ed impegno del tutto insufficienti. 4 Situazione di grave carenza nelle conoscenze: inadeguata assimilazione di nozioni, che non vengono organizzate in modo sistematico né si traducono in abilità applicative; impegno discontinuo e superficiale. 5 Conoscenze e competenze carenti; applicazione imprecisa e difficoltosa, anche in presenza di un impegno complessivamente sufficiente. 6 Livello minimo accettabile di conoscenze e competenze, affiancato da impegno serio. 7 Sicuro possesso delle conoscenze e competenze; capacità di operare analisi e sintesi organiche; atteggiamento motivato e costruttivo. 8 Sicuro possesso delle conoscenze e competenze; buone capacità logiche e di rielaborazione; partecipazione critica e costruttiva; interesse costante e profondo. 9 Sicura e completa padronanza delle conoscenze e delle abilità; ottime capacità logiche; autonomia critica e di rielaborazione personale; originalità espressiva; costante disponibilità all approfondimento dei contenuti. 10 Si identifica un rendimento eccellente: agli elementi del grado precedente si aggiungono l eccezionale regolarità del rendimento, la capacità di portare a termine con successo compiti complessi e divergenti rispetto alla norma, l impegno in ricerche bibliografiche o in approfondimenti personali di ottimo livello. pag. 9

11 3. TEMATICHE PLURIDISCIPLINARI PERCORSO Nucleo Tematico Comunicazione pubblicitaria Correnti artistiche e letterarie, figure del 900 Materie interessate Prog. Grafica, Tec. Fotograf., Pian. Pubbl., Inglese Storia dell arte, Italiano, Inglese Argomenti specifici Il linguaggio della comunicazione Simbolismo, Realismo, Decadentismo, Estetismo, Futurismo. 4. ATTIVITA EXTRACURRICULARI E PROGETTI EDUCATIVI PARTICOLARI (esempio) DISCIPLINA LUOGHI ARGOMENTI Interdisciplinare Italiano St. arte Ferrara, Padova Simbolismo Prog. Grafica Audiovisivi Comunicazione d impresa 5. SIMULAZIONI PROVE D ESAME Tipologia Discipline N.ro Analisi e commento di testo letterario e non Italiano 1 I Prova Saggio breve Italiano 1 II Prova Temi a carattere professionale Progettazione grafica, Pianificazione pubblicitaria 3 pag. 10

12 Prima simulazione: Tipologia B+C Psicol., St. arte, Tec. Fotogr., Matem. III Prova Quesiti a risposta singola e multipla (Allegato "C") Seconda simulazione: Tipologia B+C Tec. Fotogr., Inglese, Ed. fisica, Storia 3 Terza simulazione Tipologia B+C Matem., St. arte, Inglese, Pianif. Pubbl. Colloquio Criteri adottati (obiettivi e griglie valutative) Prove scritte: Si rinvia, per opportuna conoscenza, agli esempi prodotti di cui agli Allegati "C" e "D" Nel corso dell'anno, il Consiglio di Classe della V ha favorito l'acquisizione di alcune abilità fondamentali in vista del Colloquio d'esame, alla luce delle quali gli allievi sono stati normalmente valutati. Si riporta la griglia di valutazione utilizzata. Il presente documento, ratificato dal Consiglio della Classe V sezione C Grafico il giorno 10/05/2012 viene sottoscritto e pubblicato all Albo d Istituto in data odierna. Brescia, 15 maggio 2012 Il Dirigente scolastico Ercole Melgari pag. 11

13 Allegato A RELAZIONI FINALI 15 MAGGIO pag. 12

14 A. S. 2011/2012 RELAZIONE FINALE CLASSE V C GRAFICO PUBBLICITARIO ITALIANO Docente prof.ssa AUGELLO Giuseppa Libro di testo adottato: Mappe di letteratura vol.1 e vol.2. Paolo Di Sacco - Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori Ore di lezione effettuate fino al 15 maggio:109; si prevede di effettuare, entro la fine dell anno scolastico, altre 13 ore di lezione. Obiettivi cognitivi disciplinari raggiunti relativamente alle conoscenze a) si sono consolidate, con risultati diversificati ma globalmente accettabili, le abilità di comprensione mediante l approccio costante a problematiche e testi letterari. b) si è ampliato l orizzonte culturale con riferimento la periodo compreso tra la seconda metà dell 800 e i primi decenni del 1900, stimolando la conoscenza degli eventi letterari inseriti, per linee generali, nella loro cornice storicocronologica ed individuati attraverso l esame delle principali caratteristiche tematiche e formali dei testi. La classe è complessivamente migliorata rispetto al livello di partenza: la maggior parte degli alunni dimostra una sufficiente conoscenza degli argomenti. C) si è promosso l interesse per la cultura proponendo la lettura individuale di opere narrative riferite al periodo considerato: non sempre la classe ha svolto questo lavoro con il necessario impegno. relativamente alle competenze a) si sono potenziate, a vario livello, le competenze linguistiche: non tutti hanno acquisito una sufficiente padronanza, in molti permangono difficoltà espositive. b) si è migliorata, generalmente, l esposizione scritta, stimolando l elaborazione di testi scritti, soprattutto argomentativi (saggi brevi, articoli di giornali, analisi del testo). Tuttavia gli elaborati di una parte della classe evidenziano ancora lacuna ortografiche e morfosintattiche ed una certa superficialità nel contenuto. relativamente alle capacità a) si è potenziata la capacità di rielaborazione personale e critica esercitando gli alunni a cogliere collegamenti tra gli autori e tra i vari ambiti disciplinari, pur conseguendo risultati accettabili solo per un numero ristretto di casi. 1 pag. 13

15 b) si è arricchita, mediamente, la capacità di analisi e sintesi riferita ai temi affrontati e ad argomenti tratti dall attualità. c) si è, infine, sollecitata una graduale riorganizzazione personale dei contenuti mediante una modalità di lavoro più costruttiva nel tentativo di correggere la tendenza, tuttora prevalente in alcuni alunni, ad un assimilazione mnemonica e settoriale delle conoscenze. Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente: Prove orali a) conoscenza essenziale degli argomenti b) individuazione e comprensione dei contenuti più significativi dei testi letterari proposti c) organicità espositiva d) uso corretto delle strutture linguistiche e del lessico Prove scritte a) attinenza all argomento proposto b) esposizione coerente c) correttezza ortografica e morfo-sintattica d) proprietà lessicale Nella valutazione delle prove scritte, data l esistenza diffusa di carenze pregresse, sono stati presi in considerazione, accanto a tutti gli elementi di positività presenti, anche gli eventuali progressi rispetto al livello di partenza. METODO DI INSEGNAMENTO Lezione frontale, lezione dialogata, discussione guidata. MEZZI E STRUMENTI Libri di testo, integrati da appunti. Schemi, percorsi costruiti in classe. Testi di consultazione e di lettura reperibili nella biblioteca di istituto, fotocopie. STRUMENTI DI VERIFICA Prove scritte strutturate e semistrutturate a risposta aperta e a risposta chiusa; interrogazioni orali. Temi, analisi di testi, relazioni e prove scritte secondo il modello del saggio breve e dell articolo di giornale. CRITERI DI VALUTAZIONE Sono stati utilizzati quelli stabiliti dal consiglio di classe. VALUTAZIONE FINALE La partecipazione è stata attenta per quasi tutti gli alunni, alcuni hanno evidenziato una certa discontinuità nell interesse e uno studio superficiale. La frequenza è stata regolare tranne per alcuni alunni che hanno effettuato un numero di assenze superiore alla media della classe. 2 pag. 14

16 Quasi tutti gli alunni hanno carenze espositive e difficoltà ad elaborare in modo personale quanto è oggetto di studio, per cui è stato necessario rallentare lo svolgimento del programma. Nella valutazione finale si è tenuto conto dei livelli di partenza, dell interesse e dell impegno di ciascun allievo. Il grado di preparazione raggiunto è nel complesso sufficiente. 3 pag. 15

17 ANNO SCOLASTICO 2011/2012 RELAZIONE FINALE CLASSE V C GRAFICO STORIA Docente prof.ssa AUGELLO Giuseppa Libro di testo adottato: Franco Bertini Storia 3 Mursia scuola Ore di lezione effettuate fino al 15 maggio:52, si prevede di effettuare, entro la fine dell anno scolastico, altre 10 ore di lezione. Obiettivi cognitivi disciplinari raggiunti relativamente alle conoscenze: La maggior parte degli alunni ha acquisito una conoscenza d insieme del periodo compreso fra il 1876 e la 2^ guerra mondiale, con rapidi cenni al secondo dopoguerra (guerra fredda), cogliendone le dinamiche principali con particolare riferimento agli avvenimenti della storia italiana ed integrando, talora, le informazioni attinte dal Quadro storico, con la lettura di alcuni documenti, selezionati in prevalenza dalle sezioni Testimonianze o Testi storiografici. relativamente alle competenze: La constatata mancanza, nel patrimonio culturale pregresso della classe, di riferimenti nozionistici sufficientemente consolidati, non ha consentito un illustrazione ed una sperimentazione adeguate dalle diverse metodologie di approccio critico all analisi dei fenomeni, inducendo a privilegiare l obiettivo dell acquisizione dei contenuti essenziali degli argomenti, con un supporto minimo di letture storiografiche. Quasi tutti gli alunni, comunque, hanno imparato in modo accettabile a comprendere termini e concetti presenti nel manuale e ad esporre con sufficiente proprietà le conoscenze attraverso un uso adeguato del linguaggio storico. relativamente alle capacità: a) gli alunni hanno consolidato la capacità di analisi e sintesi, traendo spunto dagli avvenimenti del passato per conseguire, in parte, una maggiore consapevolezza critica del presente; b) hanno complessivamente migliorato la capacità di collegare gli eventi storici tra loro e con le manifestazioni letterarie coeve. Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente: dimostrare di avere acquisito i contenuti essenziali dei moduli e di saperli esporre in forma orale con linguaggio chiaro e sufficientemente appropriato. comprendere ed utilizzare in modo accettabile le categorie storiche e la terminologia. 1 pag. 16

18 Metodi di insegnamento Lezione frontale. Lezione dialogata. Discussione guidata. Mezzi e strumenti Libri di testo, integrati da appunti, schematizzazione degli argomenti. Strumenti di verifica Prove scritte strutturate e semistrutturate a risposta aperta e a risposta chiusa (a risposta fissa, a scelta multipla, a collegamento, a completamento) Criteri di valutazione Sono stati utilizzati quelli stabiliti dal consiglio di classe. Risultati finali La partecipazione degli alunni è stata attenta ma piuttosto passiva, difficoltà sono emerse nell elaborazione e nell analisi critica degli argomenti esaminati per carenze nel metodo di studio e discontinuità nell impegno. Complessivamente il profitto è sufficiente. 2 pag. 17

19 RELAZIONE FINALE 15 maggio 2012 CLASSE V C Grafico pubblicitario a.s. 2011/12 Materia: MATEMATICA Docente: prof.ssa RIGHETTI ROSELLA Libro di testo in adozione : " Formazione all analisi" N. Dodero - P. Baroncini - R. Manfredi Ghisetti e Corvi Editori - Ore di lezione effettuate nell'anno scolastico 2011/12 fino al 07 maggio: n. 77 ore su n. 99 previste dal piano di studi (3 ore alla settimana per 33 settimane); inoltre sono previste altre 15 ore circa fino al termine delle lezioni. CONTENUTI TRATTATI CON INDICAZIONE DEI TEMPI (APPROSSIMATIVI) E DEGLI OBIETTIVI SPECIFICI Gli obiettivi preceduti da un asterisco * sono gli obiettivi minimi. Modulo 0: ripasso di funzioni reali in una variabile reale (10 ore) OBIETTIVI COGNITIVI * Saper determinare dominio, positività ed intersezioni con gli assi di una funzione. * Saper effettuare lo studio di una funzione giungendo a possibili grafici. CONTENUTI Classificazione di funzione reale. Campo di esistenza di una funzione. Positività di una funzione. Disequazioni Modulo 1: Limiti ( 14 ore ) OBIETTIVI COGNITIVI - Conoscere in modo approssimativo la definizione di limite finito in un punto. * Conoscere i teoremi sui limiti. * Saper calcolare i limiti di una funzione. - Saper riconoscere e risolvere le forme indeterminate. CONTENUTI Limiti. Operazioni con i limiti. Forme indeterminate. Modulo 2: funzioni continue ( 12 ore ) OBIETTIVI COGNITIVI CONTENUTI * Conoscere la definizione di funzione Funzioni continue. pag. 18

20 continua in un punto. - Saper riconoscere e classificare i vari tipi di discontinuità di una funzione. Punti di discontinuità di prima, seconda e terza specie. Modulo 3: derivata di una funzione ( 24 ore) OBIETTIVI COGNITIVI CONTENUTI * Conoscere la definizione di derivata Definizione di derivata e suo significato in un punto di una funzione. geometrico. * Conoscere le derivate fondamentali e Continuità e derivabilità. le regole di derivazione. Derivate fondamentali di funzioni - Saper determinare l'equazione della algebriche. retta tangente ad una curva in un Teoremi sul calcolo delle derivate punto. (enunciati: derivata di somma, * Saper calcolare la derivata prima di prodotto e quoziente di due funzioni, una funzione. derivata di funzione composta). - Conoscere e comprendere l enunciato Equazione della retta tangente ad una dei teoremi di Rolle e di Lagrange. curva. - Conoscere la definizione di punto Regola di De l Hôspital. stazionario, di flesso a tangente Enunciato e significato geometrico dei verticale, di cuspide e di punto teoremi di Rolle e di Lagrange. angoloso. Punti di non derivabilità. Modulo 4 : studio di funzione razionale, intera e fratta ( 20 ore ) OBIETTIVI COGNITIVI * Sapere determinare l andamento di una funzione utilizzando il calcolo delle derivate. * Saper determinare massimi, minimi e flessi a tangente orizzontale di una funzione. - Saper ricercare gli asintoti di una funzione. - Saper effettuare lo studio completo di una funzione con la costruzione del suo grafico approssimativo. * Saper analizzare il grafico di una funzione. CONTENUTI Massimi e minimi relativi di una funzione. Flessi a tangente orizzontale e verticale di una funzione. Asintoti verticale, orizzontale ed obliquo. Studio completo di una funzione razionale, intera e fratta. Analisi di un grafico. CONSIDERAZIONI SUL PROGRAMMA SVOLTO Il programma preventivato è stato svolto, anche se non sempre in modo approfondito, in quanto un certo numero di ore è stato dedicato ad uscite didattiche, attività di orientamento, assemblee e soste didattiche finalizzate al recupero. pag. 19

21 GRADO DI RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI Più di metà classe ha raggiunto gli obiettivi in modo soddisfacente, una parte in modo sufficiente e una minima parte in modo parziale. Entro il termine dell anno scolastico, saranno fornite ancora possibilità di recupero con indicazioni e suggerimenti da parte dell'insegnante. Nel complesso, la frequenza è stata regolare (tranne un alunno) e la partecipazione attiva. L applicazione in classe è stata costante e l impegno a casa è stato generalmente adeguato. METODOLOGIE ADOTTATE Alle spiegazioni dirette dell insegnante sono state alternate esercitazioni e presentazioni di situazioni problematiche, stimolando gli allievi a fare riflessioni e proporre soluzioni, inducendoli a sfruttare al massimo le conoscenze e le abilità già acquisite. STRUMENTI DI LAVORO Vista la difficoltà della classe nell utilizzo del libri di testo, si è spesso integrato il materiale con schemi riassuntivi, fotocopie ed esercizi con graduale livello di difficoltà. STRUMENTI DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Nella seguente tabella è indicato il numero di verifiche sommative effettuate, nell intero anno scolastico, utilizzando le diverse tipologie di prove. Prove orali (numero Prove scritte semistrutturate Problemi, esercizi medio per ogni alunno) Le interrogazioni orali ed i test di teoria hanno lo scopo di individuare il grado delle conoscenze (più o meno approfondite e consapevoli) dell alunno, considerando anche il modo di argomentare e l organicità della esposizione. Negli elaborati scritti è stata valutata soprattutto la capacità di applicare le conoscenze (competenze) per risolvere quesiti di vario genere attraverso l uso di tecniche, metodi e procedure specifiche nonché abilità logiche. La continuità e il grado di partecipazione e impegno, scolastici e domestici, costituiscono elementi fondamentali soprattutto per la valutazione di fine anno, insieme all'assiduità della frequenza, alla situazione di partenza, ai voti delle verifiche e all'andamento del rendimento. CRITERI DI VALUTAZIONE Nelle verifiche scritte e nei test, ad ogni quesito è assegnato un punteggio in relazione alle difficoltà concettuali, logiche e di calcolo; la somma dei punteggi conseguiti conduce, con un semplice calcolo proporzionale, al voto ( da 1 a 10). Nelle verifiche orali, voti 1-2-3:preparazione pressoché inesistente; voto 4: gravi lacune nella preparazione; voto 5: qualche lacuna e/o numerose incertezze, esposizione solo o quasi con esempi; voto 6: conoscenza degli pag. 20

22 elementi essenziali delle questioni trattate, esposizione non organica; voti 7-8: qualche incertezza, esposizione organica; 9-10 preparazione approfondita e consapevole, esposizione organica. ATTIVITÀ DI RECUPERO Gli alunni che hanno conseguito valutazioni insufficienti nelle verifiche sono stati interessati ad attività di recupero effettuate nei seguenti modi: Lavoro in classe: chiarimenti dell'insegnante su questioni specifiche a richiesta della classe o dei singoli alunni con lavori individuali o a piccoli gruppi su compiti assegnati dall insegnante. Sosta didattica: anche senza richieste specifiche da parte degli alunni sono state effettuate attività tese al recupero di argomenti soffermandovisi per un tempo maggiore del previsto. Sportello didattico: dietro richiesta specifica da parte di alcuni alunni, sono state svolte attività di recupero in orario extracurricolare. Lavoro a casa: studio individuale, ripasso, esercizi su contenuti e procedimenti. Brescia, 07/05/12 L'insegnante Rosella Righetti pag. 21

23 I.I.S.S."C.GOLGI" Anno Scolastico RELAZIONE FINALE DI INGLESE Docente Cuozzo M.Rosalia Classe 5 Sezione C Grafico La classe 5C Grafico all'inizio dell'anno risultava eterogenea per senso di responsabilità e per desiderio di affermazione, ma col passare del tempo, le differenze si sono attenuate e ciò ha comportato un laborioso lavoro di recupero iniziale, ha limitato in parte stimoli ed opportunità per ampliare gli orizzonti culturali, ha determinato un profitto ed un rendimento generalmente diversificati. Quasi tutti gli alunni provengono dai paesi limitrofi e da un ambiente socioeconomico modesto. Il gruppo classe risulta formato da alunni provenienti dalla stessa classe(ex 4C Grafico),eccetto un alunno,proveniente da altra provincia e istituto, inseritosi solo quest anno; nel gruppo classe si è instaurato un clima rispettoso con l insegnante. Si è cercato di stabilire una sana e positiva relazione tra docente e studente, di facilitare un dialogo costruttivo ; La preparazione iniziale è apparsa, per la maggior parte poco solida, tuttavia, la classe possiede qualche buona individualità che si è distinta per costanza di impegno, motivazione, interesse e che è stata in grado di fornire qualche contributo personale. Nel complesso gli allievi hanno mostrato interesse alla materia, anche se scoraggiati da carenze linguistiche pregresse; col passare del tempo hanno mostrato maggiore attitudine per le prove orali ma l'impegno è risultato incostante eccetto per quei pochi che si sono distinti per capacità organizzative ed interesse. Il programma scolastico è stato svolto secondo quanto previsto nella programmazione con soste didattiche, recupero in itinere e con corso specifico pomeridiano,finalizzando l'insegnamento a far acquisire una mentalità aperta pag. 22

24 alle problematiche della disciplina, dare la formazione di base e contribuire al miglioramento del metodo di studio e della capacità di documentarsi autonomamente. Ho cercato di individuare una metodologia didattica di facile acquisizione, organizzando spesso con gli alunni lavoro in gruppi eterogenei per potenzialità, in modo da stimolare anche gli alunni più timidi, alternando i momenti informativi a quelli di dibattito aperto e cercare di rendere omogenee le conoscenze e le competenze degli alunni. Ho presentato i contenuti con chiarezza, evidenziando gli argomenti principali e ricercando collegamenti e correlazioni fra essi; sono stati contattati i docenti di discipline affini per promuovere l'analisi delle problematiche da più punti di vista e sviluppare negli alunni,adeguate capacità di collegamento e di sintesi delle nozioni assimilate. Ho cercato di aiutare gli allievi a conoscere meglio se stessi ed a sviluppare valide capacità auto-orientative, facendo affiorare abilità e tendenze, così da permettere una scelta professionale coerente con le attitudini ed adeguata alle capacità. Il lavoro a casa per la maggior parte degli alunni non ha avuto la necessaria continuità ed il metodo di studio è apparso dispersivo e poco efficace; per pochi è stato lodevole ed il metodo di studio è apparso efficace. La maggior parte si è impegnata in maniera discontinua e non sempre adeguata per cui l'apprendimento dei contenuti è stato lento e faticoso mentre pochi si sono distinti per la passione mostrata verso la disciplina, lavorando con entusiasmo. I risultati ottenuti sono da ritenersi accettabili per parte della classe, gli obbiettivi minimi formativi e disciplinari sono stati, nel complesso, conseguiti, per cui la preparazione risulta globalmente sufficiente tranne per qualche elemento di spicco. pag. 23

25 RELAZIONE CONSUNTIVA CLASSE 5^ C GRAFICO Materia : EDUCAZIONE FISICA Docente: prof. LUIGI VIELMI Libri di testo adottati : Praticamente sport Ore di lezione effettuate nell anno scolastico fino al 15 maggio: n. ore 52 su n. ore 62 previste dal piano di lavoro Obiettivi cognitivi: - La presa di coscienza del ruolo dell ed. fisica e dello sport nella vita di ognuno, inseriti nell ambito ben più ampio dell educazione permanente. - La consapevolezza dell importanza della corporeità, del saper fare nell ambito motorio e dell utilità del movimento razionale per il mantenimento di una buona salute ed una buona forma fisica. - La conoscenza delle tecniche e delle metodiche che stanno alla base del miglioramento delle capacità fisiche, condizionali e coordinative. - La conoscenza delle attività sportive praticate nelle ore curricolari. Competenze operative: - Miglioramento del livello delle proprie capacità fisiche, condizionali e coordinative. - Perfezionamento e consolidamento degli schemi motore di base - Padronanza delle tecniche di base delle attività sportive, individuali e di squadra, praticate nel corso del ciclo scolastico quinquennale. Obiettivi minimi per il conseguimento di una valutazione sufficiente : Raggiungimento, al minimo grado, degli obiettivi disciplinari sopra descritti, abbinato alla partecipazione costante e consapevole alle lezioni ed alla capacità di lavorare con spirito collaborativo. La classe, composta da 20 alunni, ha svolto il programma di ed. fisica dell intero ciclo di studi con lo stesso insegnante, il sottoscritto. pag. 24

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli