Programmi degli Insegnamenti Corso di Laurea in Economia Aziendale Internazionale (L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programmi degli Insegnamenti Corso di Laurea in Economia Aziendale Internazionale (L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale)"

Transcript

1 Programmi degli Insegnamenti Corso di Laurea in Economia Aziendale Internazionale (L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Economia Aziendale Il corso si propone l obiettivo di fornire delle conoscenze adeguate in ordine ai primi approcci per la valutazione delle condizioni di equilibrio economico e finanziario delle aziende, con particolare riferimento alle problematiche di determinazione del reddito e del capitale; ciò anche al fine di sviluppare una prima consapevolezza delle tematiche legate alla redazione del bilancio di esercizio (annual report). Il programma si articola in una prima parte istituzionale (7 crediti) e in una seconda, in cui gli studenti dovranno seguire dei seminari di approfondimento (2 crediti) la cui partecipazione è obbligatoria; data, relatori ed argomenti dei seminari verranno indicati durante il corso. La parte istituzionale si compone di una parte introduttiva volta all inquadramento del concetto di azienda e delle classi e tipologie di azienda che si riscontrano nella teoria e nella realtà operativa. A ciò segue una breve descrizione delle operazioni che caratterizzano la complessiva attività aziendale, strumentale alla comprensione dell analisi delle variazioni dei valori generate dalle operazioni stesse. La parte centrale del corso, dopo aver introdotto i concetti di reddito e di capitale, si focalizza sull analisi delle proble - matiche e dei principi posti alla base della loro determinazione, nonché sul legame che sussiste tra determinazione del reddito ed autofina ziamento dell impresa. La parte finale del corso sarà incentrata sull analisi dei rapporti tra le configurazioni di capitale, che emergono nelle differenti ipotesi di valutazione, e sul ruolo e significato che assume in tale contesto l avviamento (goodwill), fornendo altresì dei cenni ai casi di sottostima e sovrastima del capitale. Il corso prevede altresì l approfondimento di tematiche di peculiare interesse, tramite articoli tratti da riviste specializzate internazionali, ad integrazione del libro di testo. E. Cavalieri, R. Ferraris Franceschi, Economia Aziendale, Vol. 1, Attività aziendale e processi produttivi, Giappichelli Editore, Ultima edizione. Metodologie e Determinazione Quantitative Il corso si propone di approfondire le conoscenze economico-aziendali secondo la prospettiva tecnico-contabile. In particolare, i contenuti del corso si sostanziano nello studio della contabilità generale nonché dei processi di valutazione e di sintesi eco nomico-finanziaria che conducono alla redazione del bilancio di esercizio, strumento di comunicazione economico-finanziaria utilizzato dalle aziende. Alle lezioni tradizionali lecture based, basate su presentazioni Power Point, si affiancheranno appositi case studies volti a permettere l acquisizione da parte degli studenti delle metodologie utili per la redazione delle scritture contabili volte a cogliere la complessiva dinamica delle operazioni di gestione. Tali case studies vedranno la partecipazione dei discenti opportunamente organizzati in gruppi di lavoro. Alle lezioni tradizionali lecture based, basate su presentazioni Power Point, si affiancheranno appositi case studies volti a permettere l acquisizione da parte degli studenti delle metodologie utili per la redazione delle scritture contabili volte a cogliere la complessiva dinamica delle operazioni di gestione. Tali case studies vedranno la partecipazione dei discenti opportunamente organizzati in gruppi di lavoro. Slides delle lezioni e delle esercitazioni a cura dei docenti. Il Syllabus sintetico del corso è riassunto nelle seguenti parti fondamentali: Parte I Il modello economico di riferimento e le quantità aziendali. Operazioni, valori e variazioni; Parte II Metodo e sistema di scritture. La partita doppia applicata al sistema del capitale e del risultato economico; Parte III Il modello del bilancio e le valutazioni di fine esercizio. Principi contabili nazionali ed internazionali a confronto F. Cerbioni, L. Cinquini, U. Sòstero, Contabilità e bilancio, McGraw Hill, 3 a edizione F. Ranalli, Argomenti di ragioneria, Aracne, Roma, Istituzioni di diritto privato Il primo modulo sarà strutturato, in due blocchi: il primo finalizzato all analisi ed alla comprensione dei principali istituti del diritto privato italiano, con particolare riguardo alle aree: parte generale, persone fisiche, teoria generale del negozio, responsabilità, obbligazioni e contratti (parte generale); il secondo all appro fondimento di profili e problematiche recenti, attinenti sempre al diritto privato nazionale, che verranno scelte durante il corso delle lezioni. Il secondo modulo sarà strutturato, in due blocchi: il primo finalizzato all approfondita analisi di alcuni istituti del diritto privato italiano, con particolare riguardo Economia - 1

2 alle aree: diritti reali diversi dalla proprietà, persone giuridiche, successioni, donazioni, famiglia, contratti tipici ed atipici; il secondo all approfondimento di profili e problematiche recenti, attinenti sempre al diritto privato nazionale, che verranno scelte durante il corso delle lezioni. Manuali di parte generale Uno a scelta tra: P. Stanzione, Manuale di diritto privato, II edizione, Giappichelli, A. Torrente P. Schlesinger, Manuale di diritto privato, Giuffrè, A. Trabucchi, Istituzioni di diritto civile, a cura di G. Trabucchi, Cedam, edizione più recente. Parte speciale: Il materiale verrà fornito durante il corso. Una qualsiasi edizione aggiornata del Codice civile italiano. Economia politica Obiettivo del corso è introdurre gli studenti alla teoria microeconomica. Saranno presentati i principi base dell economia. In particolare, dopo aver introdotto la nozione di equilibrio di mercato come incontro della domanda e dell offerta, si analizzeranno le scelte del consumatore in vari contesti (scelte di consumo, di investimento, scelte in condizioni di incertezza) e le strategie ottimali delle imprese in relazione alla loro struttura dei costi ed alle caratteristiche dei mercati in cui esse operano. Introduzione alla storia del pensiero e dei fatti. Microeconomia: Domanda, offerta ed equilibrio di mercato. Elasticità. Problema di scelta dei consumatori: curva di domanda e curva di Engel, effetto di reddito e di sostituzione, scelta fra lavoro o tempo libero e curva di offerta di lavoro, rendita del consumatore. Problema di scelta delle imprese: funzioni di produzione e rendimenti di scala, funzioni di costo di breve e lungo periodo, costi medi e marginali, economie di scala, massimizzazione dei profitti per le imprese price-taker, rendita del produttore. Scelte intertemporali di investimento e di consumo. Equilibrio concorrenziale di breve e lungo periodo. Interventi nel mercato: tasse e sussidi, politiche di sostegno dei prezzi, tariffe e quote di importazione. Equilibrio economico generale con scambio: efficienza ed equità. Monopolio: equilibrio e perdita secca. Regolamentazione del monopolio. Politiche di prezzo: discriminazione di prezzo perfetta, tariffa a due parti, discriminazione multimercato, vendita a pacchetto. Teoria dei giochi: dominanza ed equilibrio di Nash, giochi a più stadi e giochi ripetuti. Oligopolio: modelli di Bertrand e Cournot con beni omogenei, modello di Bertrand con beni differenziati, collusione, strategie e competizione futura, modello di Stackelberg. Economia dell informazione: selezione avversa ed azzardo morale. Macroeconomia: Produzione, reddito e occupazione Il sistema monetario, i prezzi e l inflazione Il comportamento del sistema macroeconomico (crescita economica e innalzamento del tenore di vita, le fluttuazioni economiche, la politica monetaria, il sistema bancario, la Banca Centrale, la domanda aggregata e l offerta aggregata) Il vantaggio comparato e il commercio internazionale Le lezioni in aula saranno accompagnate da esercitazioni utilizzando casi pratici e teorici. Il corso prevede l elaborazione da parte di singoli studenti o di gruppi di studenti di brevi tesine da discutere in aula. Le tesine contribuiranno alla formazione della valutazione finale. Nella seconda parte del corso dopo gli esami intermedi sono previste tre lezioni su mercato, impresa, stato sviluppate con la partecipazione di docenti di materie giuridiche e aziendali. L esame finale scritto consisterà nella stesura in aula dallo studente di un paper avente ad oggetto l analisi di un caso con un costante riferimento alla teoria generale. Il corso utilizzerà strumenti informatici, gli studenti presenteranno le loro tesine utilizzando il proprio computer, le tesine saranno archiviate nell aula virtuale del corso. Marc Liberman, Robert Hall, Principi di economia, APOGEO, 2010 L esame di medio termine formerà oggetto di una valutazione senza voto che comunque concorrerà alla formazione del giudizio finale. Metodi Quantitativi Il corso si pone l obiettivo di mettere lo studente nelle condizioni di usare il linguaggio simbolico matematico nello studio e nella formalizzazione dei problemi economici ed aziendali, di applicare gli strumenti matematici nell analisi e nell ottimizzazione dei processi economici ed aziendali, di acquisire un metodo di lavoro che parta dalla conoscenza critica dei limiti e delle potenzialità degli strumenti matematici trattati. Prerequisiti Durante il semestre che precede lo svolgimento del corso viene organizzato un corso di omogeneizzazione delle conoscenze di base che comprendono: la teoria Economia - 2

3 degli insiemi, gli insiemi numerici (compreso l insieme dei numeri complessi), le equazioni e le disequazioni, la trigonometria, la geometria analitica (retta e coniche) e il calcolo delle percentuali. La didattica si sviluppa attraverso lezioni ed esercitazioni frontali. Sono previsti periodici incontri con un tutor che ha il compito di aiutare gli studenti più in difficoltà. Gianni Ricci, Matematica Generale, McGraw-Hill (seconda edizione), Accounting Conoscenza del metodo della partita doppia, dei principi generali del bilancio e degli schemi contabili obbligatori. Conoscenze base di matematica finanziaria. Il corso si svolgerà illustrando i contenuti dei principi contabili internazionali (IFRS) utilizzati per la redazione dei bilanci di società quotate e non. A tal proposito, dal momento che l obiettivo del corso è quello di facilitare la lettura di un bilancio e capire le ragioni sottostanti la performance aziendale, analizzeremo in aula alcuni bilanci di società quotate soffermandoci sulle voci principali e sull informativa. Laddove possibile, organizzeremo una lezione con un manager di una società quotata che illustrerà le tematiche del bilancio della società di appartenenza. Programma: Bilanci vari; Quadro di riferimento; Schemi di bilancio e Informativa (IAS 1); Attività non correnti: materiali, immateriali e detenute per la vendita (IAS 16, 20, 38, 40 e IFRS 5); Impairment (IAS 36); Strumenti finanziari (IAS 39); Imposte (IAS 12); Leasing (IAS 17); Settori operativi (IFRS 8); Partecipazioni e bilancio consolidato (IAS 27, 28 e 31); Ricavi e lavori in corso su ordinazione (IAS 11 e 18); Rimanenze (IAS 2); Fondi (IAS 37); Rendiconto finanziario (IAS 7). Principi Contabili Internazionali, Gruppo 24 Ore Libro di testo con traduzione ufficiale dei principi contabili internazionali. Dispense del docente. Esame finale con prova scritta e prova orale (solo in caso di sufficienza alla prova scritta) Gestione aziendale Prof. Walter Forresu The aim of the module is to provide a basic knowledge of organization principles and management practices, with special regard to the role of the Marketing function within the Company and to provide an intermediate knowledge of marketing and an understanding of marketing strategies. At the end of the course, students should be able to draft a marketing plan and to perform a basic strategic analysis, based upon the most consolidated models. Management 1. Definitions of Organisation 2. Organisation models 3. The value chain within companies Case Study: Il miraggio 4. Internal company culture Case Study: Il contagio 5. Evolution and trends of organisation principles and practices 6. Leadership 7. Communication, negotiation and change management 8. Professional skills and attitudes of managers 9. Management jobs 10. Evolution of companies 11. Evolution of managers, crises of leadership Case Study: Lo spiritolibero e ilgiullare di corte 12. Budget, management targets and performance asses sment 13. Business and company transmission Case Study: Il pennarellorosso Marketing 1. Introduction to Marketing 2. Innovation 3. Products and services life cycles 4. Defining new products and services 5. Market barriers 6. Quality and quality / price ratio 7. Case Study: La nemesi 8. Communication, promotion, advertising 9. Case Study: L ultimo luogo di quiete 10.Case Study: Lo skipper 11.Product planning 12.Sales planning (products and services) 13.Direct marketing and relational marketing 14.Case Study: La mamma è sempre la mamma 15.Pricing 16.Marketing as a function in its company 17.Strategic Marketing Strategic Marketing 1. Product positioning 2. Strategic analysis of barriers to enter markets 3. Class work: analysis with Ram &Sheth model, case study Allamoda 4. General strategies (Porter) 5. The Extended competition model (Porter) 6. Class work: analysis with Porter model Extended competition, case study La nemesi 7. Class work: strategic analysis with porter s general strategis, case study La nemesi 8. Market attractiveness and company competitivity Economia - 3

4 Kinsey strategic model) 9. Class work: analysis wit McKinsey model, case study Il miraggio 10. Product differentiation v/s economies of scale, a strategic assessment model 11. The choice of a sale channel from a strategic stand point 12. Strategic pricing techniques 13. The marketing plan 14. Trends of Marketing and Marketing management A. W. Ghillyer, Management: a real world approach, 2008 P. Kotler, Marketing management, 2007 Assestment criteria: Matematica Finanziaria Gli strumenti della Matematica Finanziaria presentano oggi una larga applicazione anche per il contemporaneo sviluppo della Finanza nell Economia globalizzata. L utilizzo pratico ha portato alla costruzione di nuove tecniche anche se il nucleo fondante della Matematica Finanziaria non è sostanzialmente cambiato. Si tratta, infatti, di modellizzare l effetto del tempo sulla dinamica delle somme di denaro coinvolte nelle transazioni e, laddove sono presenti elementi di rischio, cercare di misurarne gli effetti. Nell in se gnamento della Matematica Finanziaria è essenziale dare allo studente una chiave di lettura dei processi e della metodologia di soluzione dei problemi evitando, quanto più possibile, di ridurre la materia ad un insieme di formule o di tavole numeriche dove si deve cercare la ricetta adatta al problema. Lo sviluppo dell informatica e la disponibilità di software di uso friendly consentono, oggi, di affrontare con successo i diversi problemi senza essere schiavi di formule. Nel corso vengono descritti alcuni dei problemi che la Matematica Finanziaria è chiamata ad affrontare nel campo della Economia e della Finanza e vengono presentati criticamente (potenzialità e limiti) gli strumenti di base utili per affrontarli e risolverli. Alle lezioni frontali del docente, durante le quali verranno descritti gli strumenti principali della Teoria del credito, verranno affiancate alcune lezioni pratiche in Laboratorio per insegnare agli studenti a maneggiare le opzioni di excel relative alla finanziaria. Terminologia e grandezze tipiche della matematica finanziaria Le operazioni finanziarie semplici e la valutazione del montante e del valore attuale. I regimi finanziari Il regime a interesse semplice (RCS) Il regime a interesse composto (RCC) Il regime dello sconto commerciale o interesse anticipato (RSC o RIA) Equivalenza tra tassi Tasso nominale e tasso effettivo La capitalizzazione continua Le operazioni finanziarie complesse: le rendite Le rendite periodiche e a termini costanti. Gli ammortamenti: francese, italiano. TAN e TAEG La scelta tra investimenti o finanziamenti certi Gianni Ricci, Matematica Generale, McGraw-Hill (seconda edizione), International Economics This course is intended to help the student understand the basic theory of international economics and to also introduce the main features of the international economic intercourses of our days. Thus, after discussing the traditional theory (the Ricardo and Heckscher-Ohlin approaches), the main problems with it are reviewed, and the exceptions and puzzles ensuing. The second part of the course is instead focused on what actually happens in practice: how states associate in order to regulate international trade, and how finance has changed its role and relative weight in the past 40 years. A term paper will serve to assess the response of the students to the themes introduced. The course starts by connecting international trade with economic theories. The comparative advantage approach by Ricardo is then introduced, followed by the Heckscher-Ohlin model. We go on discussing the problems, paradoxes and oppositions to the received wisdom ensuing from the Heckscher-Ohlin approach. Protectionism and tariffs are then introduced, and their consequences. The connection between international trade and economic growth is then explored, and the balance of payments and exchange rates with their problems. A description of international capital flows follows, with the entailed question of economic and financial crises. The course is completed by a discussion of the global economy and of the international institutions that are relevant to international trade. Ingham, B. (2007), International Economics A European Focus, Pearson Education Limited Assestment criteria: Statistica L obiettivo del corso è quello di fornire gli elementi di base della teoria della probabilità e della statistica applicati all analisi di dati sperimentali. In particolare si cercherà di evidenziare il loro ruolo di strumenti fondamentali per la ricerca scientifica. Alla fine del corso lo studente sarà in grado di analizzare un tabella statistica relativa ad una variabile, calcolarne misure di sintesi, dispersione e forma; analizzare una tabella doppia, Economia - 4

5 studiare e misurare l associazione fra le variabili e nel caso quantitativo la loro correlazione lineare; costruire un modello di regressione lineare semplice, calcolare i parametri con il metodo dei minimi quadrati e valutare gli aspetti di adattamento e previsione. Utilizzando i primi elementi della probabilità sarà in grado di valutare l incertezza degli indicatori statistici studiati e controllare ipotesi tramite test. Introduzione alla Statistica come metodologia della Scienza. Distribuzione di una variabile statistica. Indici di posizione: moda, mediana e medie di potenze. Indici di eterogeneità: entropia ed entropia relativa. Indici di variabilità: campo di variazione, varianza, deviazione standard, coefficiente di variazione. Indici di Asimmetria. Distribuzione di due variabili statistiche. Misure di associazione: Chi 2 e Chi 2 relativo. Correlazione lineare: covarianza ed indice di correlazione lineare. Introduzione al modello di regressione lineare a due variabili: calcolo dei parametri di regressione con il metodo dei minimi quadrati, misure di adattamento del modello, previsione. Introduzione alla teoria della probabilità: approccio classico, approccio frequentista, approccio soggettivista. L approccio assiomatico di Kolmogorov. Principali teoremi: legge delle probabilità totali e legge delle probabilità composte. Indipendenza probabilistica e teorema di Bayes. Elementi di teoria dei campioni e inferenza statistica: lo schema del campionamento casuale Bernoulliano. Introduzione alle variabili casuali: il modello Gaussiano e sue trasformazioni. Teoria della stima: stima puntuale e intervalli di confidenza. Controllo di ipotesi: test per la media e per la proporzione ad 1 e 2 campioni. S. Borra, A. Di Ciaccio (2004): Statistica, metodologia per le scienze economiche e sociali, McGraw- Hill. Appunti del Docente Business English The course uses an interactive teaching approach to examine contemporary business topics and learn the language needed to discuss them. Students are introduced to such areas as brands, company organization and change, business travel, etc. through readings, listenings and videos, and are encouraged to do their own research as well. In the end they should be able to recognize the language of business, in English, and reproduce it in both speaking and writing, as well as developing research skills in English for more in-depth investigation of the topics. The interactive, communicative approach involves learning new language and new business topics through the four skills of listening, reading, writing and speaking, with a special emphasis on the last skill: all topics are thoroughly discussed by the students, with the professor s help, during each lesson, and they may choose a topic to bring to their oral exam (there is also a written exam at the end of the course). Students are provided with the relevant vocabulary to discuss the business topic, as well as grammar points necessary to clear and effective communication. Weekly research assignments provide a further source of material for class discussions, and a closer look at the topics covered. The course is based on the 3rd edition of Intermediate Market Leader published by Pearson Longman in collaboration with the Financial Times. In addition, videos may be watched, taken from the Internet, and students are required to do their own Internet research in English every week, related to the topics discussed, and keep a notebook to be handed in, which becomes a course material in itself. Intermediate Market Leader, 3rd ed., published by Pearson Longman and the Financial Times e orale Diritto commerciale Il corso è diretto alla delineazione delle caratteristiche dell attività d impresa e dei modelli organizzativi diretti a consentirne l esercizio collettivo. La trattazione pertanto avrà riguardo alla teoria giuridica dell impre sa ed alla disciplina relativa al complesso aziendale ed ai beni che ne possono integrare la costituzione (ivi compresi i segni distintivi). Il nucleo centrale del corso riguarderà le forme di esercizio collettivo dell impresa ed in particolare le società di persone, le società di capitali, i consorzi e le cooperative. Costituirà oggetto del corso anche la disciplina delle crisi d impresa con particolare riguardo alla strutturazione delle soluzioni non liquidative. Parte I Diritto dell impresa. L imprenditore, l imprenditore commerciale, statuto dell imprendito re commerciale. L azienda, i segni distintivi, le invenzioni industriali. Concorrenza e consorzi. Parte II Diritto delle società. Le società disciplina generale. Le società di persone. Le società di capitali. Le società cooperative. Le operazioni straordinarie. Parte III Le procedure concorsuali. Fallimento. Concordato preventivo e soluzioni non liquidative delle crisi d impresa. Amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi. Liquidazione coatta amministrativa. Campobasso, Diritto Commerciale. Diritto dell impresa, vol. I, Torino, Utet, ultima edizione; Campobasso, Diritto Commerciale. Diritto delle società, vol. II, Torino, Utet, ultima edizione; Campobasso, Diritto Commerciale, Contratti, T.C. Economia - 5

6 e procedure concorsuali, vol III, Torino, Utet, ultima edizione; pagg e Il corso di diritto tributario si divide in una parte generale e una parte speciale. La parte generale ha l obiettivo di fornire le informazioni basilari del diritto tributario, quali la nozione di tributo, le fonti (nazionali ed internazionali) del diritto tributario e la sua interpretazione, l efficacia delle norme tributarie e i soggetti (attivi e passivi) del diritto tributario. Nella parte speciale si affronteranno le diverse tipologie di tributi, analizzando la tassazione delle persone fisiche(irpef) e delle società (IRES), nonché l imposta sul valore aggiunto (IVA). In particolare, con riferimento all IRPEF e all IRES, si analizzeranno le modalità di tassazione e le diverse tipologie di reddito con un particolare focus sul reddito d impresa, mentre con riferimento all IVA si analizzeranno i requisiti soggettivi, oggettivi e territoriali per l applicazione dell imposta. Verranno infine forniti brevi cenni sul processo tributario. Il corso ha l obiettivo di fornire agli studenti nozioni di diritto tributario al fine di dotarli di chiavi di lettura per poter formulare e condividere riflessioni sugli argomenti trattati. Tale obiettivo sarà raggiunto anche tramite l analisi di case studies, prassi e giurisprudenza nazionale e comunitaria. Company Law The aim of the course is to introduce students to the concept of society, and to illustrate the essential function within the framework of economic relations. In particular, with reference to the corporation, through the examination of different possible models of control and administration. They will then investigated the most common problems and frequent, occurring in one s relationship with the company and remedies available to shareholders, creditors and third parties. The course will also study the discipline of extraordinary transactions, with particular attention to the cases of a change of control finally, a look will be aimed at listed companies and disciplines of the financial market. Lectures and monographic seminars on specific issues, carried out by exposing them to practical cases. Company:notion Company law and purpose of adjustment Society of capital and control models Relationships with share holders and stake holders Operations ordinary and extraordinary Listed companies and financial market discipline. The problem of financial globalization Gower, Davies, Principles of Modern Company Law (8th ed., 2008) (up to p. 707). Kraakman, Davies, Hansmann, Hertig, Hopt, Kanda, Rock, The Anatomy of Corporate Law. A comparative and functional approach (2004) (selected bits). Oral final exam Diritto tributario Economia - 6 Falsitta G., Manuale di Diritto Tributario parte generale, Cedam, Padova. Ultima edizione. Falsitta G., Manuale di Diritto Tributario parte speciale, Cedam, Padova. Ultima edizione. International fiscal law The aim of the course is to enable students to understand basic principles of International direct and indirect tax law. The course programme is as follows: 1. Sources of international tax law 2. International tax law and internal law 3. TUIR basic concepts 4. International tax treaties 5. International tax treaties interpretation 6. Worldwide principle 7. Residence concept 8. Transfer of residence abroad 9. Permanent establishment definition and taxation 10. E-commerce taxation 11. Enterprise income 12. Dividends; interests; royalties and capital gains 13. Employment income, immovable properties income, other income 14. Exchange of information 15. Multinational companies taxation 16. Transfer pricing 17. International tax planning 18. Tax havens 19. EC directives 20. International companies reorganisation (EC directive n. 90/434) 21. Abuse of right 22. International tax litigation 23. VAT in international transactions 24. Custom duties 25. Trust Slides provided by the lecturer Additional Texbooks: Tosi-Baggio, Lineamenti di diritto tributario, CEDAM Uckmar V., Diritto tributario internazionale, CEDAM Garbarino G., Manuale di tassazione internazionale, IPSOA Piazza M., Guida alla fiscalità internazionale, Sole

7 24 ore Economia degli Intermediari Finanziari Il Corso si propone in primo luogo di fornire una visione d insieme del ruolo e delle principali funzioni del sistema finanziario. La parte centrale del Corso è dedicata ad un analisi delle caratteristiche tecniche e dei profili economici e gestionali degli strumenti e dei mercati finanziari. Il Corso presenta infine le principali tipologie e modelli di gestione degli intermediari finanziari. Il programma del Corso si articola in 4 aree tematiche: Il sistema finanziario (funzione e struttura; regolamentazione); Gli strumenti finanziari (Strumenti finanziari di raccolta di tipo personalizzato; strumenti di finanziamento del capitale circolante; strumenti di finanziamento del capitale fisso; i crediti di firma; la cartolarizzazione; strumenti di finanziamento in valori mobiliari; strumenti derivati); Organizzazione e funzionamento del sistema dei pagamenti e dei mercati creditizi (Strumenti e servizi di pagamento; operazioni in cambi e con l estero; mercati finanziari); Tipologie e modelli di gestione degli intermediari finanziari (banche; altri intermediari orientate agli impieghi; intermediari mobiliari; equilibri di gestione e rischi degli intermediari finanziari.) Forestieri G., Mottura P., Il sistema finanziario, Egea, Milano, Fabrizi P., Forestieri G., Mottura P., Strumenti e servizi finanziari (seconda edizione), Egea, Milano, Ultima edizione. (con due domande/esercizi) (ad integrazione delle valutazioni ottenute negli elaborati scritti) International Corporate Finance The aim of this course is explaining the key financial issues from the standpoint of a multinational company. The course will be focused on: currency risks and hedging strategies; International financing decisions; valuation of international investments. The course is divided in eight parts: Foreignexchangeexposure Measuring and hedging the currency risk International investmentsdecisions Capital budgeting International financing Optimization of the financialstructure Mergers and acquisitionsstrategies International taxation: fundamentals Fadel-Iezzi, Notes on International Economics and Finance, Eurilink, 2012 edition; Alan C. Shapiro, Multinational Financial Management, John Wiley & Sons,Inc, latest edition. Corporate Organisations & Stra tegies The aim of this course is to introduce to the central strategic business managers in charge of multi-business firms. The course examines how companies generate and preserve business and corporate advantage, and the factors that impact a firm s choice of scope and organization. The concept of strategy Strategic management tools: analyzing the business environment; analyzing the resources and capabilities Organization structure and management system The analysis of competitive advantage: the nature and sources of competitive advantage: cost advantage; differentiation advantage Business strategy in different industry contexts Corporate strategy; vertical scope; diversification strategy; global strategy and multinational corporation The programme will deal with the following themes: The concept of strategy Strategic management tools: analyzing the business environment; analyzing the resources and capabilities Organization structure and management system The analysis of competitive advantage: the nature and sources of competitive advantage: cost advantage; differentiation advantage Business strategy in different industry contexts Corporate strategy; vertical scope; diversificationstrategy; global strategy and multinational corporation Grant Robert, Contemporary Strategy Analysis Concepts, Techniques, Applications, Blackwell Publishers, Last Edition, Oxford. Additional Texbooks: Iezzi M., (2009), L economia dell Energia, Eurilink Editori, Roma. Fadel A., Iezzi M., (2012), Notes on International Economics and Finance, Eurilink Editori, Roma. Economia - 7

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535. Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente ARFINI FILIPPO Matricola: 004535 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1004423 - ECONOMIA DEI NETWORK AGROALIMENTARI Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

E. Cavalieri, R. Ferraris Franceschi, Economia Aziendale, Vol. 1, Attività aziendale e processi produttivi Giappichelli Editore, Ultima edizione.

E. Cavalieri, R. Ferraris Franceschi, Economia Aziendale, Vol. 1, Attività aziendale e processi produttivi Giappichelli Editore, Ultima edizione. Programmi degli Insegnamenti Economia Aziendale Il corso si propone l obiettivo di fornire delle conoscenze adeguate in ordine ai primi approcci per la valutazione delle condizioni di equilibrio economico

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente BENAZZI ADRIANO Matricola: 005390

Testi del Syllabus. Docente BENAZZI ADRIANO Matricola: 005390 Testi del Syllabus Docente BENAZZI ADRIANO Matricola: 005390 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2014 CFU: Settore: Tipo attività: 2014/2015 1003985 - DIRITTO TRIBUTARIO ED ELEMENTI

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1003991 - ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Corso di studio: 3035 - ECONOMIA AZIENDALE Anno regolamento:

Dettagli

MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN INTERNATIONAL COMMERCE - MASCI. Anno Accademico 2014-2015

MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN INTERNATIONAL COMMERCE - MASCI. Anno Accademico 2014-2015 MASTER IN COMMERCIO INTERNAZIONALE - MASCI MASTER IN COMMERCE - MASCI Sezione di Diritto/Law Section Sezione di Economia e Finanza/Economics and Finance Section XIV edizione Anno Accademico 2014-2015 CORSI

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT

Testi del Syllabus. Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565. Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Testi del Syllabus Docente ZANGRANDI ANTONELLO Matricola: 004565 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1004508 - ECONOMIA DELLE AZIENDE NON PROFIT Corso di studio: 5003 - AMMINISTRAZIONE E DIREZIONE AZIENDALE

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012

Testi del Syllabus. Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525. Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE. Anno regolamento: 2012 Testi del Syllabus Docente PAVARANI EUGENIO Matricola: 002525 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1001399 - CORPORATE BANKING AND FINANCE Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento:

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 2000655 - MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 2000655 - MARKETING Corso di studio: LE007 - COMUNICAZIONE, LINGUE E CULTURE Anno regolamento: 2012

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E BANCARIE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E BANCARIE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E BANCARIE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e classe di appartenenza 1. È

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

DIPARTIMENTO di ECONOMIA - DIEC Scuola di Scienze Sociali. Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744

DIPARTIMENTO di ECONOMIA - DIEC Scuola di Scienze Sociali. Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744 Economia internazionale e dell'unione Europea - Codice 63744 Corso di laurea in Economia e commercio - A.A. 2015/16 Docente Cognome e nome D ALAURO GIOVANNI e-mail: dalauro@economia.unige.it Anno di corso:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO (Classe 28: Scienze Economiche) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e classe di appartenenza 1. È istituito presso l Università degli Studi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GOVERNO E CONTROLLO AZIENDALE (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea

Dettagli

07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA

07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA Testi del Syllabus Docente AZZALI STEFANO Matricola: 004466 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 07150 - METODOL.E DETERMINAZ. QUANTITATIVE D'AZIENDA Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno

Dettagli

CREATING A NEW WAY OF WORKING

CREATING A NEW WAY OF WORKING 2014 IBM Corporation CREATING A NEW WAY OF WORKING L intelligenza collaborativa nella social organization Alessandro Chinnici Digital Enterprise Social Business Consultant IBM alessandro_chinnici@it.ibm.com

Dettagli

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese

ELTeach. Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese ELTeach Ottmizza lia preparazione pedagogica dei docenti all insegnamento dell inglese in inglese Porta a risultati quantificabili e genera dati non ricavabili dalle sessioni di formazione faccia a faccia

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035. Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035. Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1005205 - SOCIAL MEDIA MARKETING Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI Anno

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Beni Culturali Insegnamento: Applicazioni informatiche all archeologia Docente Giuliano De Felice S.S.D. dell insegnamento L-ANT/10 Anno

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E MANAGEMENT (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica

Dettagli

Scienze della comunicazione e dell'animazione socioculturale Curriculum Crediti formativi 3

Scienze della comunicazione e dell'animazione socioculturale Curriculum Crediti formativi 3 Principali informazioni sull insegnamento Denominazione italiana Laboratorio di comunicazione aziendale Corso di studio Scienze della comunicazione e dell'animazione socioculturale Curriculum Crediti formativi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA E GESTIONE DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI EGIF (84/S Classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali) Articolo 1 Denominazione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente FRANCHI MAURA Matricola: 006024. Insegnamento: 07664 - SOCIOLOGIA DEI CONSUMI. Anno regolamento: 2014 CFU:

Testi del Syllabus. Docente FRANCHI MAURA Matricola: 006024. Insegnamento: 07664 - SOCIOLOGIA DEI CONSUMI. Anno regolamento: 2014 CFU: Testi del Syllabus Docente FRANCHI MAURA Matricola: 006024 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 07664 - SOCIOLOGIA DEI CONSUMI Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI Anno regolamento:

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DELL AMBIENTE E DEL TURISMO SOSTENIBILE (Classe 28: Scienze Economiche)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DELL AMBIENTE E DEL TURISMO SOSTENIBILE (Classe 28: Scienze Economiche) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DELL AMBIENTE E DEL TURISMO SOSTENIBILE (Classe 28: Scienze Economiche) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e relativa classe di appartenenza 1. È istituito

Dettagli

PIANI DI STUDIO a.a. 2015 16. Economia aziendale e management (CLEAM) pag. 1. Economia e finanza (CLEF) pag. 2

PIANI DI STUDIO a.a. 2015 16. Economia aziendale e management (CLEAM) pag. 1. Economia e finanza (CLEF) pag. 2 PIANI DI STUDIO a.a. 015 1 Economia aziendale e management (CLEAM) pag. 1 Economia e finanza (CLEF) pag. Economia e scienze sociali (CLEF) pag. Economia e management per arte, cultura e comunicazione (CLEACC)

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale )

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale ) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale ) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e classe

Dettagli

CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE

CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Gli studenti che si iscrivono al I anno nell anno accademico 2003/2004 possono scegliere tra: ECONOMIA AZIENDALE - EA ECONOMIA

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288

Testi del Syllabus. Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Testi del Syllabus Docente FERRETTI MARCO Matricola: 006288 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2014 CFU: Settore: Tipo attività: 2014/2015 1005960 - PROGRAMMAZIONE, CONTROLLO

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU:

Testi del Syllabus. Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615. Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA. Anno regolamento: 2011 CFU: Testi del Syllabus Docente INNOCENTI ALESSANDRO Matricola: 004615 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 101507 - ECONOMIA APPLICATA Corso di studio: PE002 - SCIENZE POLITICHE Anno regolamento: 2011 CFU:

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN FINANZA (19/S - Classe delle lauree specialistiche in finanza) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Dettagli

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467

Docente Dott. Vito Michele PARADISO email: vito.paradiso@agr.uniba.it Tel. 080 544 3467 Corso di Laurea: Scienze e Tecnologie Alimentari Corso Integrato: Tecnologie alimentari e packaging (9 CFU) Modulo: Packaging (3 CFU: 2.5 CFU Lezioni + 0.5 CFU Esercitazioni) Docente Dott. Vito Michele

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale)

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale) REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA DEI MERCATI FINANZIARI (Classe 17: Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale) Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea e classe di appartenenza 1.

Dettagli

INTERNATIONAL BUSINESS. Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA

INTERNATIONAL BUSINESS. Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA INTERNATIONAL BUSINESS Prof. Claudio F. Fava IL PROGRAMMA 1. SIGNIFICATO DELLA GLOBALIZZAZIONE Parte prima Attrezzature Analisi degli attrezzi da lavoro per affrontare le varie problematiche della Globalizzazione.

Dettagli

DIRITTO TRIBUTARIO (N.O. CLEA) (Prof. Manlio Ingrosso)

DIRITTO TRIBUTARIO (N.O. CLEA) (Prof. Manlio Ingrosso) DIRITTO TRIBUTARIO (N.O. CLEA) (Prof. Manlio Ingrosso) a) Contenuto del corso Il corso affronta le seguenti tematiche: PARTE GENERALE A) Lineamenti generali Gli istituti. La nozione di diritto tributario:

Dettagli

Syllabus. Course: Risk Management - CFU 6. C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie (Curriculum: Economic and Financial Analysis)

Syllabus. Course: Risk Management - CFU 6. C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie (Curriculum: Economic and Financial Analysis) Syllabus Course: Risk Management - CFU 6 C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie (Curriculum: Economic and Financial Analysis) Academic Year 2013-14 Prof. Enzo Scannella Course Objectives:

Dettagli

STATISTICS FOR SES Course description

STATISTICS FOR SES Course description STATISTICS FOR SES Course description TEACHING LANGUAGE: Italian SEMESTER: 2 term 2011-2012 TOTAL LECTURE /LAB HOURS: 48 CREDIT POINTS: 8 SCIENTIFIC FIELD: Statistics SECS-S01 TOTAL HOURS OF EXERCISES:

Dettagli

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art.

PROGRAMMA. Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. PROGRAMMA Borse di studio riservate a elementi con orientamento nelle discipline economico-aziendali lett. A dell art. 1 del bando EVENTUALE TEST PRESELETTIVO su tutte le materie previste per la prova

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM 77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale

Dettagli

Syllabus Course description

Syllabus Course description Syllabus Course description Course title Labour Law Course code 27190 Scientific sector Degree Bachelor in Economics and Management Semester and academic year 1st semester 2016/17 Year Optional Credits

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533. Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO. Anno regolamento: 2012 CFU:

Testi del Syllabus. Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533. Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO. Anno regolamento: 2012 CFU: Testi del Syllabus Docente CRISTINI GUIDO Matricola: 004533 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 12446 - MARKETING OPERATIVO Corso di studio: 3004 - ECONOMIA E MANAGEMENT Anno regolamento: 2012 CFU: 9

Dettagli

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI

MISSION TEAM CORPORATE FINANCE BADIALI CONSULTING TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION TEAM BADIALI CONSULTING CORPORATE FINANCE TAX & COMPANY NETWORK CONTATTI MISSION "contribuire al successo dei nostri clienti attraverso servizi di consulenza di alta qualitá" "to contribute to

Dettagli

Economia. Management. Amministrazione, controllo e finanza aziendale ECONOMIA

Economia. Management. Amministrazione, controllo e finanza aziendale ECONOMIA Economia Management Amministrazione, controllo e finanza aziendale ECONOMIA ECONOMIA CORSI DI LAUREA Economia Management Amministrazione, controllo e finanza aziendale CORSI DI LAUREA MAGISTRALE Economia

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035

Testi del Syllabus. Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035 Testi del Syllabus Docente NEGRI FRANCESCA Matricola: 204035 Anno offerta: Insegnamento: Corso di studio: Anno regolamento: 2012 CFU: Settore: Tipo attività: 2013/2014 1005596 - LABORATORIO DI CRISIS COMMUNICATION

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

INDICE. Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2. Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3

INDICE. Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2. Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3 INDICE Scienze bancarie, finanziarie e assicurative 2 Laurea magistrale in Economia dei mercati e degli intermediari finanziari 3 Laurea magistrale in Banking and finance 6 Laurea magistrale in Scienze

Dettagli

1005197 - MERCATI FINANZIARI DELLE COMMODITY AGRICOLE

1005197 - MERCATI FINANZIARI DELLE COMMODITY AGRICOLE Testi del Syllabus Docente ZUPPIROLI MARCO Matricola: 004747 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1005197 - MERCATI FINANZIARI DELLE COMMODITY AGRICOLE Corso di studio: 5005 - FINANZA E RISK MANAGEMENT

Dettagli

Transfer Pricing Conference

Transfer Pricing Conference Economic Consulting Transfer Pricing Conference Carlo Scarpa, NERA Roma Sébastien Gonnet, NERA Paris Marta Petrucci, NERA Roma Pordenone, 4 dicembre 2013 www.nera.com 1. Trend recenti 2011 NERA Economic

Dettagli

In cooperation with. Master Degree - Managing in Emerging Markets

In cooperation with. Master Degree - Managing in Emerging Markets In cooperation with 1 Cos è Managing in Emerging Markets (MEM) è un Master di primo livello da 80 crediti formativi nato dalla collaborazione fra Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Parma

Dettagli

A.A.2015-2016 CLEM Diurno MANAGEMENT OF TECHNOLOGIES, INNOVATION AND OPERATIONS Francesco Sacco - Alessia Pisoni. Laboratorio.

A.A.2015-2016 CLEM Diurno MANAGEMENT OF TECHNOLOGIES, INNOVATION AND OPERATIONS Francesco Sacco - Alessia Pisoni. Laboratorio. A.A.2015-2016 CLEM Diurno MANAGEMENT OF TECHNOLOGIES, INNOVATION AND OPERATIONS Francesco Sacco - Alessia Pisoni CFU 6 SSD SECS- P/08 SECS- P/07 Lezio ni (ore) Esercitazio ni (ore) Laboratorio (ore) [inserire

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016

OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 OFFERTA FORMATIVA A.A. 2015/2016 Obiettivi formativi corsi di laurea, raggruppamenti disciplinari, insegnamenti Economia: banche, aziende e mercati Obiettivi formativi corso di laurea I laureati in Economia:

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007

La struttura della ISO 26000. Antonio Astone 26 giugno 2007 La struttura della ISO 26000 Antonio Astone 26 giugno 2007 Description of operational principles (1/2) Operational principles guide how organizations act. They include: Accountability an organization should

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di FOGGIA DIPARTIMENTO di ECONOMIA (DEPARTMENT of ECONOMICS)

UNIVERSITA degli STUDI di FOGGIA DIPARTIMENTO di ECONOMIA (DEPARTMENT of ECONOMICS) UNIVERSITA degli STUDI di FOGGIA DIPARTIMENTO di ECONOMIA (DEPARTMENT of ECONOMICS) CORSO DI LAUREA/CORSO DI LAUREA MAGISTRALE in Marketing Management Master Degree Programme: Marketing Management a.a.

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA INSEGNAMENTO: LINGUA INGLESE / INGLESE SCIENTIFICO (A.A. 2012-2013) 7 CFU OBIETTIVI DEL CORSO

Dettagli

CAS Foundation in General Management

CAS Foundation in General Management DSAS 3.GMA.FG CAS Foundation in General Management Il Certificate of Advanced Studies (CAS) Foundation in General Management è il primo dei 4 CAS che compongono l (EMBA) e il primo dei due CAS in cui è

Dettagli

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016

Incontro di Orientamento 5 maggio 2015. Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Incontro di Orientamento 5 maggio 2015 Laurea Magistrale Economia, Mercati e Management 2015/2016 Novità : 4 nuovi curricula LM 2015/16 Novità: 2 curricula in lingua inglese; Informazioni sul primo anno;

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi

Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi Gestire i processi di business trasforma una organizzazione normale in una intelligente? Roberta Raimondi Professor, Sda Bocconi 1) information goes to work 2) model the way Quale migliore prospettiva

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. MATERIA LINGUA INGLESE CLASSE V INDIRIZZO AFM/RIM/ DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: GET FIRST! (1) Utilizzo della L2 per scopi comunicativi in contesti quotidiani e professionali Exploring

Dettagli

Eco-REFITec: Seminary and Training course

Eco-REFITec: Seminary and Training course Eco-REFITec: Seminary and Training course About Eco-REFITec: Eco-REFITEC is a research project funded by the European Commission under the 7 th framework Program; that intends to support repair shipyards

Dettagli

ILLY AND SUSTAINABILITY

ILLY AND SUSTAINABILITY ILLY AND SUSTAINABILITY DARIA ILLY BUSINESS DEVELOPMENT - PORTIONED SYSTEMS DIRECTOR NOVEMBER 14 THE COMPANY Trieste 1 9 3 3, I t a l y R u n b y t h e I l l y f a m i l y D i s t r i b u t e d i n m o

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente ZILIANI CRISTINA Matricola: 005591. Insegnamento: 1005204 - DATABASE AND INTERNET MARKETING. Anno regolamento: 2013 CFU:

Testi del Syllabus. Docente ZILIANI CRISTINA Matricola: 005591. Insegnamento: 1005204 - DATABASE AND INTERNET MARKETING. Anno regolamento: 2013 CFU: Testi del Syllabus Docente ZILIANI CRISTINA Matricola: 005591 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1005204 - DATABASE AND INTERNET MARKETING Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI

Dettagli

Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013

Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013 Principali Corsi di Formazione programmati per l anno 2013 13 Accounting & Auditing Corso di Alta Formazione in Contabilità, Bilancio e Revisione Sviluppare le competenze necessarie per gestire il bilancio

Dettagli

Degree Course (specify if 1st Cycle, 2nd Cycle, or one-tier, degree ect.): 1 st Cycle. Marketing

Degree Course (specify if 1st Cycle, 2nd Cycle, or one-tier, degree ect.): 1 st Cycle. Marketing Scheda ECTS SUA Descrizone delle singole attività formative (Quadro B1 e sotto quadri) ECTS (in Italiano) Corso di Laurea dell Insegnamento (specificare se triennale, magistrale o a ciclo Unico):triennale

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Management e Governance a.a. 2015-16

Corso di Laurea Magistrale in Management e Governance a.a. 2015-16 Corso di Laurea Magistrale in Management e Governance a.a. 2015-16 Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici Prof. Roberto Di Pietra ROBERTO DI PIETRA MAY, 2015 1 Roberto Di Pietra Informazioni generali

Dettagli

Il Corso di Studi in ECONOMIA AZIENDALE

Il Corso di Studi in ECONOMIA AZIENDALE Il Corso di Studi in ECONOMIA AZIENDALE Focus del Corso di Studi in Economia Aziendale Focus AZIENDA ED IL SUO MANAGEMENT FORMAZIONE DEI MANAGERS DIVERSE TIPOLOGIE DI AZIENDE DIVERSI MOMENTI DI VITA APPROCCIO

Dettagli

CARDINALI MARIA GRAZIA

CARDINALI MARIA GRAZIA Testi del Syllabus Docente CARDINALI MARIA GRAZIA Matricola: 005770 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 18641 - IN STORE MARKETING Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI Anno

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Classificazione Nuovo Esame PMP

Classificazione Nuovo Esame PMP Notizie sul nuovo esame PMP a partire dal Agosto 0 Classificazione Nuovo Esame PMP Questo è il link al documento del PMI: Crosswalk Between Current and New PMP Classifications del PMI Di seguito trovi

Dettagli

arte e personalità nel punto vendita

arte e personalità nel punto vendita arte e personalità nel punto vendita profilo aziendale company profile Venus è una società di consulenza specializzata nel settore marketing e retailing. Dal 1993 l obiettivo è divulgare la conoscenza

Dettagli

CONCENTRATION IN HOSPITALITY MANAGEMENT www.mib.edu/hm CONCENTRATION IN HOSPITALITY MANAGEMENT La concentration in Hospitality Management è un programma che può essere frequentato come singolo corso oppure

Dettagli

SYLLABUS. Course: Risk Management - CFU 6. C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie - Curriculum: Economic and Financial Analysis

SYLLABUS. Course: Risk Management - CFU 6. C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie - Curriculum: Economic and Financial Analysis SYLLABUS Course: Risk Management - CFU 6 C.L. Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie - Curriculum: Economic and Financial Analysis Academic Year 2014-15 Prof. Enzo Scannella Course Objectives:

Dettagli

Microeconomia Settima edizione

Microeconomia Settima edizione Robert S. Pindyck Daniel L. Rubinfeld Microeconomia Settima edizione Edizione italiana a cura di Emanuele Bacchiega Sommario breve PARTE I Introduzione: mercati e prezzi Capitolo 1 Concetti di base 3 Capitolo

Dettagli

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa

Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in DIREZIONE AZIENDALE Anno Accademico 2015/16 STATISTICA PER IL BUSINESS o BUSINESS STATISTICS (2015/16, semestre

Dettagli

ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO 2 (A-L)

ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO 2 (A-L) A): INFORMAZIONI GENERALI: Corso di studio: GIURISPRUDENZA Insegnamento: ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO 2 (A-L) Docente titolare del corso: PROF. GIOVANNI D AMICO Altri docenti del corso: (Indicare eventuali

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente SABBADIN EDOARDO Matricola: 005710. Insegnamento: 1006025 - DESIGN MARKETING. Anno regolamento: 2014 CFU:

Testi del Syllabus. Docente SABBADIN EDOARDO Matricola: 005710. Insegnamento: 1006025 - DESIGN MARKETING. Anno regolamento: 2014 CFU: Testi del Syllabus Docente SABBADIN EDOARDO Matricola: 005710 Anno offerta: 2014/2015 Insegnamento: 1006025 - DESIGN MARKETING Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI Anno regolamento:

Dettagli

SCELTE LIBERE A.A 2014-2015. Insegnamenti o moduli selezionabili per Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA

SCELTE LIBERE A.A 2014-2015. Insegnamenti o moduli selezionabili per Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA SCELTE LIBERE A.A 2014-2015 Insegnamenti o moduli selezionabili per Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA CLINICA Curriculum in lingua italiana Psicologia clinica 1) Lista per iscritti al I anno SCELTE

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010)

EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010) EXECUTIVE MASTER IN BUSINESS ADMINISTRATION (110 ore, 3 ottobre 2009 22 maggio 2010) 1. Contabilità finanziaria 2. Contabilità manageriale 3. Diritto commerciale Elementi chiave dell amministrazione La

Dettagli

Denominazione insegnamento monodisciplinare

Denominazione insegnamento monodisciplinare Denominazione insegnamento monodisciplinare A.A. 2015/2016 Denominazione insegnamento LINGUA TEDESCA PER LA COMUNICAZIONE E LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE German Language for international Communication

Dettagli

CORSO di BUSINESS ENGLISH

CORSO di BUSINESS ENGLISH CORSO di BUSINESS ENGLISH 26 settembre 2013 3 ottobre 2013 10 ottobre 2013 17 ottobre 2013 dalle 14.30 alle 17.30 Sede dell Ordine Bergamo, Rotonda dei Mille 1 * * * Premessa Con l avvento della globalizzazione,

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM 77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea

Dettagli

Piani di studio corsi di Laurea magistrale coorte 2015-2016

Piani di studio corsi di Laurea magistrale coorte 2015-2016 Allegato A al Regolamento dei Corsi di laurea magistrale emanato con Decreto Rettorale n. 114 del 4 agosto 2015 Piani di studio corsi di Laurea magistrale coorte 2015-2016 Allegato A1: Piano studi del

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6549 - MASTER IN DIRITTO TRIBUTARIO DELL'IMPRESA

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6549 - MASTER IN DIRITTO TRIBUTARIO DELL'IMPRESA CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6549 - MASTER IN DIRITTO TRIBUTARIO DELL'IMPRESA Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico: Stato corso: ID

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

Lingua Inglese. Codici 20365-20371 e 20421 Percorso B2 business Coordinatore: Prof. Michael THOMPSON

Lingua Inglese. Codici 20365-20371 e 20421 Percorso B2 business Coordinatore: Prof. Michael THOMPSON Programma d aula e d esame Lingua Inglese Codici 20365-20371 e 20421 Percorso B2 business Coordinatore: Prof. Michael THOMPSON Introduzione pag. 2 Programma del corso pag. 2 Testi adottati e consigliati

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE EUROPEA: INDICAZIONI PRATICHE E ASPETTI ORGANIZZATIVI Chiara Zanolla L importanza di una buona progettazione Aumento fondi FP7 Allargamento Europa Tecniche di progettazione

Dettagli

Testi del Syllabus. Docente SABBADIN EDOARDO Matricola: 005710. Insegnamento: 1005529 - FASHION AND DESIGN MARKETING. Anno regolamento: 2013 CFU:

Testi del Syllabus. Docente SABBADIN EDOARDO Matricola: 005710. Insegnamento: 1005529 - FASHION AND DESIGN MARKETING. Anno regolamento: 2013 CFU: Testi del Syllabus Docente SABBADIN EDOARDO Matricola: 005710 Anno offerta: 2013/2014 Insegnamento: 1005529 - FASHION AND DESIGN MARKETING Corso di studio: 5007 - TRADE MARKETING E STRATEGIE COMMERCIALI

Dettagli

Syllabus Course description

Syllabus Course description Syllabus Course description Course title Entrepreneurship (modular) M1 Foundations M2 New Product Design and Development Course code 27175 27185 Erasmus M1 27186 Erasmus M2 Scientific sector SECS-P/08

Dettagli

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza

Articolo 1 Denominazione del Corso di Laurea Specialistica e classe di appartenenza 1 REGOLAMENTO DDATTCO DEL CORSO D LAUREA SPECALSTCA N ECONOMA, AMBENTE E SALUTE (83/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economiche per l ambiente e la cultura) Articolo 1 Denominazione del

Dettagli

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015

Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 Gli aspetti innovativi del Draft International Standard (DIS) ISO 9001:2015 I requisiti per la gestione del rischio presenti nel DIS della nuova ISO 9001:2015 Alessandra Peverini Perugia 9/09/2014 ISO

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77

FACOLTÀ DI ECONOMIA. CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77 FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE Classe LM-77 ART. 9 REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE 1. Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 1 - Introduzione

Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 1 - Introduzione Corso di Educazione Finanziaria Lezione 1 - Introduzione Indice Argomenti trattati in questa lezione introduttiva: L importanza dell educazione (e/o alfabetizzazione finanziaria): conoscere per deliberare

Dettagli

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI.

CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. CI PRENDIAMO C URA DEI TUOI SOGNI. We take care of your dreams. Il cuore della nostra attività è la progettazione: per dare vita ai tuoi desideri, formuliamo varie proposte di arredamento su disegni 3D

Dettagli

Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO. Facoltà di. Lauree magistrali. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi

Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO. Facoltà di. Lauree magistrali. Milano a.a. 2013-2014. www.unicatt.it. Percorsi Formativi Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX bancarie, finanziarie e assicurative FOTO Lauree magistrali www.unicatt.it Milano a.a. 2013-2014 www.unicatt.it INDICE Scienze bancarie, finanziarie e assicurative

Dettagli