ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona"

Transcript

1 ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ESAME DI STATO Anno Scolastico 2005/2006 Classe 5BTG Indirizzo: Tecnico della Grafica Pubblicitaria Sede di Villafranca Composizione del Consiglio di Classe Educazione Fisica Tovo Paola Inglese Favalli/Viscovo Veronica Italiano Felici Grazia Matematica Zamperini Paolo Pianificazione Pubblicitaria De Lucia Giuseppe Progettazione Grafica De Biase Felicia Psicologia della Comunicazione Mafficini Enzo Religione Cattolica Ferrigato Floriana Storia Felici Grazia Storia delle Arti Visive Danelli Irene Tecnica Fotografica Seguri Sergio Villafranca, 14 maggio 2006 Dirigente Scolastico Prof. Claudio Pardini 1

2 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE 1 Composizione 2 atteggiamento 3 situazione di partenza 4 capacità medie 5 livello di preparazione sulla prima e seconda prova 6 area professionalizzante 7 Composizione sintetica della classe. La classe è composta da ventisei alunni, l interesse e la motivazione per le varie discipline sono eterogenei e variano a seconda dei singoli soggetti. Il gruppo classe è sostanzialmente omogeneo dal primo anno, salvo qualche elemento che si è aggiunto durante il quinquennio e che comunque si è perfettamente integrato. Il comportamento è corretto e particolarmente responsabile nelle uscite didattiche e nei viaggi di istruzione. La frequenza sostanzialmente è stata regolare. La classe nel profitto si presenta più che discreto con alcuni elementi che emergono in modo particolare per capacità e risultati. La classe ha seguito i programmi in modo adeguato, permangono tuttavia alcuni casi con difficoltà in alcune discipline. Il grado di preparazione per la prima prova presenta tre livelli: una parte della classe ha un livello buono, la maggioranza della classe ha un livello più sufficiente, qualche elemento presenta un livello insufficiente. Il livello di preparazione per la seconda prova è discreto. Gli studenti hanno portato a termine il corso di microspecializzazione in grafica per il web con risultato positivo. 1. OBIETTIVI FORMATIVI MEDI RAGGIUNTI DALLA CLASSE Capacità critica Capacità di osservazione finalizzata Capacità di analisi Capacità di sintesi Capacità di produzione ragionata e collegamento Discreto Discreto Discreto Discreto Discreto 2. OBIETTIVI DIDATTICI MEDI RAGGIUNTI DALLA CLASSE Competenza disciplinare Competenza logica Competenza espositiva Competenze tecniche specifiche Discreto Discreto Più che sufficiente Discreto 2

3 SCHEDA RELATIVA ALLA TERZA PROVA Area disciplinare interessata: linguistica, artistica e di indirizzo. Criteri seguiti per la progettazione della terza prova scritta La terza prova coinvolge quattro discipline dell ultimo anno di corso. Il Consiglio di classe, tenuto conto del curricolo di studi e degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella propria programmazione didattica e della disciplina della seconda prova scritta, ha individuato come particolarmente significative le seguenti materie: Inglese, Storia delle arti visive, Pianificazione pubblicitaria, Tecnica fotografica. Argomenti di particolare rilevanza disciplinare: Il Novecento: la nascita della società di massa, totalitarismi e propaganda, lo sviluppo dei mezzi di comunicazione (nascita della pubblicità). I principi della comunicazione, la comunicazione di massa. Campagna pubblicitaria e promozionale, mass-media. Il movimento moderno e il design nel ventesimo secolo. La fotografia come mezzo di comunicazione. Il packaging. La pop art. Progetto pluridisciplinare : 1 Italiano, Storia delle arti visive e Progettazione Grafica Quando l arte tace un po : Pensieri a Gino Rossi Progetto TANDEM: 1 Scienza della comunicazione e Neuroscienza 2 Storia delle arti visive Tipologia delle prove di verifica utilizzate: Dopo simulazioni strutturate per singole tipologie [solo B) per ciascuna materia], l Istituto ha adottato il seguente schema di Terza Prova: 1 Tre quesiti di tipologia B per ogni disciplina PROPOSTA CRITERI DI VALUTAZIONE TERZA PROVA E COLLOQUIO Voto /35 /15 /10 CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA Nessuna Nessuna Nessuna Gravemente errata, Non sa cosa fare Non si orienta espressione sconnessa ,5 Grosse lacune ed errori Non riesce ad applicare le minime conoscenze, anche se guidato Conoscenze Applica le conoscenze frammentarie e minime solo se guidato, 3 Non riesce ad analizzare (non capisce) Compie analisi errate, se sintetizza, commette gravemente lacunose ma con gravi errori errori ,5 Conoscenze Applica le conoscenze Compie analisi

4 frammentarie, con errori o lacune Conoscenze carenti, con errori ed espressione impropria ,5 Conoscenze carenti, espressione difficoltosa Conoscenze superficiali, improprietà di linguaggio ,5 Conoscenze complete con imperfezioni, esposizione a volte imprecisa Conoscenze complete ma non approfondite esposizione semplice, ma corretta ,5 Conoscenze complete, poco approfondite esposizione corretta 12 7 Conoscenze complete, quando guidato sa approfondire, esposizione corretta con proprietà linguistica 13 8 Conoscenze complete, qualche approfondimento autonomo esposizione corretta con proprietà linguistica Conoscenze complete, con approfondimento autonomo esposizione fluida con utilizzo del linguaggio specifico Conoscenze complete, con approfondimento autonomo esposizione minime solo se guidato, ma con errori Applica le conoscenze minime solo se guidato 4 lacunose, sintesi incoerenti, commette errori Qualche errore, analisi parziale, sintesi scorretta Applica le conoscenze Qualche errore, analisi e minime anche autono sintesi parziali mamente, ma con gravi errori Applica autonomamente Analisi parziali, sintesi le minime conoscenze, imprecise con qualche errore Applica autonomamente Imprecisioni, analisi le minime conoscenze, corretta, difficoltà nel con imperfezioni gestire semplici situazioni nuove Applica autonomamente Coglie il significato, e correttamente le esatta interpretazione di conoscenze minime semplici informazioni, analisi corrette, gestione di semplici situazioni nuove Applica autonomamente Esatta interpretazione le conoscenze anche a del testo, sa ridefinire un problemi più complessi, concetto, gestisce ma con errori autonomamente situazioni nuove Applica autonomamente Coglie le implicazioni, le conoscenze anche a compie analisi complete problemi più complessi, e coerenti ma con imperfezioni Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi, in modo corretto Applica in modo autonomo e corretto, anche a problemi complessi, le conoscenze; quando guidato trova le soluzioni migliori Applica in modo autonomo e corretto, anche a problemi Coglie le implicazioni, compie correlazioni con imprecisioni rielaborazione corretta Coglie le implicazioni, compie correlazioni esatte e analisi approfondite, rielaborazione completa corretta e autonoma Sa rielaborare correttamente e approfondire in modo

5 fluida con utilizzo di un lessico ricco e appropriato complessi, le conoscenze; trova da solo le soluzioni migliori autonomo anche situazioni complesse Corrispondenze punteggi esito della prova Punteggio in Punteggio in Punteggio in Esito della prova decimi quindicesimi trentacinquesimi Nullo 2-2, Assolutamente Insuff Gravemente Insuff. 4,5-5, Insufficiente Sufficiente 7-7, Discreto Buono Ottimo Eccellente LA TERZA AREA a Profilo Professionale. La figura professionale prevista, grafico per la creazione di pagine web proposta dal corso, é in grado di inserirsi all interno di studi di grafica pubblicitaria, occupandosi della realizzazione di prodotti per la comunicazione pubblicitaria. Gli studenti devono acquisire competenze specifiche relative a tutto il processo di produzione e realizzazione di una strategia di comunicazione pubblicitaria. Partendo dalla strategia di marketing, procedono all ideazione del progetto e alla sua realizzazione e diffusione attraverso i mass media, soprattutto attraverso internet. Il corso, strutturato per moduli da svolgersi nell arco di due anni, prevede un totale di 400 ore di lezione teorico-pratiche e 200 ore di Stage. b Obiettivi raggiunti Gli obiettivi raggiunti durante il percorso hanno fatto acquisire agli studenti le conoscenze e le abilità necessarie per potersi inserire in studi di grafica computerizzata. In particolare, gli studenti hanno acquisito le conoscenze relative a: utilizzo di programmi per la grafica computerizzata come Photoshop e Freehand, Flash, e le loro applicazioni. c Stage Tutti gli studenti hanno effettuato un periodo di stage (giugno - luglio) per un totale di 200 ore. L attività di stage è stata l esperienza che ha arricchito e stimolato gli studenti che, in alcuni casi, hanno prolungato il periodo prestabilito. Sono state contattate le aziende presenti nel comune di Villafranca e nei comuni limitrofi. I risultati sono stati positivi per quasi tutti gli studenti, come risulta dai giudizi espressi dalle aziende che hanno tenuto conto del comportamento, della disponibilità, delle conoscenze tecnico-professionali, del metodo, della precisione, delle capacità di lavoro in gruppo e dell iniziativa personale. 5

6 CRITERI DI MISURAZIONE: Ottimo 9 / 10 l alunno evidenzia una preparazione particolarmente organica, critica, sostenuta da fluidità e ricchezza espressiva, da autonomia operativa, da spiccate capacità interpretative e di giudizio, da sicurezza nei collegamenti; Buono 8 l alunno conosce e padroneggia gli argomenti proposti; sa rielaborare ed applicare autonomamente le conoscenze e valutare in modo critico contenuti e procedure; esposizione sicura e personale; Discreto 7 l alunno conosce e comprende gli argomenti affrontati individuandone gli elementi costitutivi; la preparazione è precisa, si sforza di condurre autonome analisi e di offrire contributi personali; corretta e garbata l esposizione; Sufficiente 6 l alunno conosce gli elementi fondamentali della disciplina, acquisiti in modo semplice e senza particolari elaborazioni personali; l argomentazione è lineare e l esposizione è corretta; Insufficiente 5 l alunno conosce in modo incompleto o poco chiaro gli argomenti fondamentali; pur non avendo acquisito parziali abilità, non è in grado di utilizzarle in modo autonomo e commette errori; l esposizione risulta incerta e non lineare; le carenze indicate non sono però di tale gravità da impedirgli di orientarsi, se guidato, nella disciplina; Gravemente insufficiente 4 L alunno conosce in modo frammentario e superficiale gli aspetti fondamentali della disciplina. Assolutamente insufficiente 1/3 L alunno è incapace di applicare le minime conoscenze anche se guidato. 6

7 ALLEGATI RELATIVI ALLE SINGOLE DISCIPLINE MATERIA: ITALIANO 1 IL LINGUAGGIO DELLA NATURA E DELLA POESIA NELL EPOCA DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO: a) Esperienze europee b) G. Pascoli c) G. d Annunzio n. ore 20 2 IL ROMANZO DECADENTE n. ore 6 3 IL DISAGIO DELLA CIVILTÀ NELLA NARRATIVA ITALIANA ED EUROPEA DEL PRIMO 900 E. Hemingway L. Pirandello I. Svevo Caratteri generali del periodo: Simbolismo e Decadentismo; la nuova concezione della natura e della scienza; il linguaggio della poesia. I poeti maledetti. Lettura e analisi delle poesie: C. Baudelaire, da I fiori del male : CORRISPONDENZE ; G. Pascoli: vita e le opere; il pensiero piccolo borghese; la poetica delle piccole cose, il linguaggio. Lettura e analisi dei testi: da Myricae : LAVANDARE; NOVEMBRE ; X AGOSTO ; L ASSIUOLO; IL TUONO ; IL LAMPO ; TEMPORALE da Canti di Castelvecchio : IL GELSOMINO NOTTURNO ; dalle Prose : IL FANCIULLINO G. d Annunzio: il mito della vita inimitabile; superomismo e ruolo del poeta nella società di massa; estetismo e panismo; il carattere sperimentale della scrittura. Lettura e analisi dei testi: dal Poema paradisiaco : CONSOLAZIONE da Alcyone : LA PIOGGIA NEL PINETO ; LA SERA FIESOLANA ; I PASTORI. G. d Annunzio: I romanzi - contenuto e temi Il culto della bellezza e dell arte; la figura del dandy da Il piacere : IL VERSO È TUTTO ; L ATTESA DELL AMANTE UN INNO ALLE MACCHINE I caratteri generali: seconda rivoluzione industriale, imperialismo, età giolittiana; la prima guerra mondiale, il dopoguerra e il fascismo. La cultura: la psicoanalisi di Freud; la filosofia di Nietzsche lettura de L IO NON E PADRONE IN CASA PROPRIA di Freud lettura de IL SUPERUOMO di Nietzsche Il romanzo in Europa e in Italia: dissoluzione delle forme tradizionali, creazione di nuove strutture narrative, elaborazione di nuovi temi: inettitudine e malattia. F. Kafka: LA METAMORFOSI E. Hemingway: trama de PER CHI SUONA LA CAMPANA lettura de IL PONTE L. Pirandello: vita, opere e pensiero Il relativismo filosofico e la poetica dell umorismo; personaggio e maschera, la forma e la vita. Lettura e analisi dei testi: da Novelle per un anno : IL TRENO HA FISCHIATO ; LA PATENTE ; da Il fu Mattia Pascal : LA LITE FRA SUOCERA E ZIA e ESCLUSO DALLA VITA contenuto, temi, struttura, stile, tecniche narrative dell opera UNO, NESSUNO E CENTOMILA : trama del romanzo I. Svevo : la vita, i romanzi, la triestinità ; la figura dell inetto, il linguaggio e le tecniche narrative; la psicoanalisi. Contenuto e temi del romanzo Senilità LA COSCIENZA DI ZENO : struttura e temi; psicoanalisi e scrittura; l ironia, forma della narrazione e tempo narrativo. lettura dei brani UN ATTESO FIDANZAMENTO ; IL VIZIO DEL FUMO ; IL RITRATTO DI AUGUSTA ; L ESPLOSIONE FINALE 7

8 n. ore 20 4 LA POESIA ITALIANA DEL NOVECENTO (programma in parte effettuato, in parte in via di svolgimento) d) Le avanguardie e) G. Ungaretti f) E. Montale g) S. Quasimodo e) U. Saba n. ore effettuate:20 n. ore previste: 28 5 IL ROMANZO ITALIANO DEL SECONDO NOVECENTO (programma in parte effettuato, in parte in via di svolgimento) a) P. Levi b) G. Tomasi di Lampedusa c) B. Fenoglio d) E. Vittorini e) C. Pavese Simbolo e allegoria nel Novecento Futurismo, Crepuscolarismo, Espressionismo Lettura e analisi dei testi: F.T. Martinetti: IL PRIMO MANIFESTO DEL FUTURISMO ; IL MANIFESTO TECNICO DELLA LETTERATURA FUTURISTA IL MANIFESTO DELLA DONNA FUTURISTA lettura di ZANG TUNG TUMB A. Palazzeschi: da Canzonette LASCIATEMI DIVERTIRE Majakovskij B. Croce: MANIFESTO DEGLI INTELLETTUALI ANTIFASCISTI G. Gentile: MANIFESTO DEGLI INTELLETTUALI FASCISTI G. Ungaretti: vita, opere e poetica La religione della parola L allegria : composizione, titolo, temi, stile Lettura e analisi dei testi: VEGLIA, MATTINA, SOLDATI, SAN MARTINO DEL CARSO, COMMIATO NON GRIDATE PIU Lettura e analisi dei testi: da Sentimento del tempo : LA MADRE E. Montale: la vita e le opere; la cultura e le fasi della produzione poetica Ossi di seppia : l attraversamento di d Annunzio e la crisi del simbolismo Lettura e analisi dei testi: NON CHIEDERCI LA PAROLA, SPESSO IL MALE DI VIVERE HO INCONTRATO, MERIGGIARE PALLIDO E ASSORTO Le occasioni : la poetica, i temi, lo stile del secondo Montale Lettura e analisi dei testi: LA CASA DEI DOGANIERI ; Satura : la svolta del quarto Montale HO SCESO DANTOTI IL BRACCIO UN MILIONE DI SCALE S. Quasimodo: : la vita e le opere. L Ermetismo. Lettura e analisi dei testi: da Acque e terre VENTO A TINDARI U. Saba: la vita e le opere da Coi miei occhi TRIESTE I caratteri generali del periodo: Il dibattito culturale: Neorealismo,Postmodernismo Neorealismo: caratteri generali P. Levi: memoria e testimonianza lettura integrale dell opera SE QUESTO E UN UOMO materiali di approfondimento sulla Shoa La narrativa dal Neorealismo al Postmoderno: G. Tomasi di Lampedusa lettura integrale dell opera IL GATTOPARDO confronto con il film B. Fenoglio: vita e opere da I ventritrè giorni della città di Alba LA LIBERAZIONE DI ALBA E. Vittorini: vita e opere da Uomini e no I MORTI DI LARGO AUGUSTO C. Pavese: vita e opere da La casa in collina LA COLLINA 8

9 f) P.P Pasolini P.P Pasolini: vita e opere da Ragazzi di vita DENTRO ROMA n. ore effettuate: 16 n. ore previste: 20 6 PERCORSI PLURIDISCIPLINARI n. ore: 10 LETTERATURA E GUERRA (spettacolo teatrale e analisi dei testi) QUANDO L ARTE SI TACE UN PO : GINO ROSSI (analisi del testo Il tempo della danza di P. Bertezzolo) 9

10 MATERIA: STORIA Modulo di raccordo n. ore: 3 Modulo 1 Restaurazione n. ore: 3 Modulo 2 La civiltà industriale n. ore: 10 Mudulo 3 La rivoluzione russa n. ore: 6 La rivoluzione francese L epoca di Napoleone L Europa della Restaurazione Le aspirazioni riformiste I moti degli anni venti-trenta La rivoluzione del 48 Società ed istituzioni: Moti liberali ed Unificazione nazionale italiana e tedesca: 1. Gli anni cinquanta: l età di Cavour 2. Le guerre di indipendenza 3. Il primo decennio dell Italia unita: Destra e Sinistra storica 4. Bismark e la Prussia La Seconda Rivoluzione industriale L età dell Imperialismo L età crispina e giolittiana Temi di storia settoriale 1. L associazionismo operaio e la questione sociale: marxismo Rivoluzione russa: la nascita dell URSS e la costruzione del Socialismo: 1. Situazione della Russia zarista prima del conflitto mondiale 2. La partecipazione alla guerra 3. Rivoluzione di febbraio e presa del Palazzo d inverno 4. Costituente e guerra civile 5. La nascita dell URSS 6. La politica sovietica fino alla morte di Lenin 7. Il problema della successione e lo scontro di potere in URSS 8. Stalin e l industrializzazione forzata e i piani quinquennali 9. Il terrore staliniano 10. La politica estera sovietica visione di un filmato Modulo 4 Il Mondo in guerra n. ore: 35 L età dei totalitarismi: La Grande Guerra : cronologia, eventi ed esiti 1. I trattati di pace 2. Il dopoguerra in Italia: vittoria mutilata e impresa di Fiume 3. Il biennio rosso: lotte operaie e bracciantili e condizioni del ceto medio La crisi politica e la nascita del fascismo 1. Il regime fascista e l antifascismo 2. Politica economica e monetaria 3. L imperialismo fascista e la politica estera 4. Le leggi razziali La Germania dopo la guerra e la Repubblica di Weimar 1. Ascesa del nazismo e avvento di Hitler al potere 2. Il terzo Reich 3. L antisemitismo e le persecuzioni antiebraiche 4. La politica estera La guerra civile spagnola La crisi del 1929 negli USA: cause economiche e finanziarie e conseguenze sociali Il New Deal di Roosevelt La seconda guerra mondiale Temi di storia settoriale: 1. Propaganda ideologica e comunicazione di massa 2. Le foibe 10

11 3. L olocausto-documenti e filmati Modulo 5 Il Dopoguerra n. ore: 5 Modulo 6 Il mondo contemporaneo n. ore: 12 Società ed istituzioni: L Italia della ricostruzione : la Costiuzione Il mondo bipolare: USA URSS (crisi di Cuba) Il miracolo economico mondiale I processi di decolonizzazione (Terzo mondo) Questione palestinese Società ed istituzioni: Il mondo d oggi Il sessantotto Il terrorismo Dalla perestrojka alla dissoluzione L unione europea Crollo del muro di Berlino (programma previsto entro fine anno) 11

12 MATERIA: MATEMATICA ELEMENTI DI ALGEBRA n. ore 20 PIANO CARTESIANO n. ore 8 FUNZIONI ESPONENZIALE, FUNZIONE LOGORITMICA n. ore 20 ANALISI INFINITESIMALI n. ore rimanenti Ripasso equazioni e disequazioni LINEARI, equazioni e disequazioni di secondo grado; sistemi di disequazioni, disequazioni frazionarie. Ripasso: la retta nel piano cartesiano, la parabola nel piano cartesiano Ripasso e completamento: la funzione esponenziale, la funzione logaritmica, proprietà dei logaritmi, calcolo dei logaritmi, equazione esponenziali, equazioni logaritmiche. Analisi infinitesimale, dominio, funzioni crescenti e decrescenti, concavità, lettura del grafico di una funzione, continuità, funzioni inverse, le successioni, limite di una successione, casi di indeterminazione nel limite di una successione, limite di funzione in un punto, limite sinistro e destro,limite di funzione per x che tende ad infinito, derivata, derivata sinistra e destra, significato geometrico di derivata, derivata di funzioni elementari, derivata del prodotto e del quoziente. 12

13 Materia: LINGUA E CIVILTÀ INGLESE DIGITAL IMAGING ORE 3 MAGAZINE Ore 5 DESIGN ON THE WEB Ore 7 MARKET AND DESIGN Ore 7 AUDIO-VISUAL COMMUNICATIONS ORE 5 THE DESIGN BRIEF Ore 6 COMMUNICATION: Ore 3 COMMISSIONING Ore 6 GRAMMAR REVISION Ore 24 o o o The digital camera Magazine design Tips for a successful magazine design o1 Building sites by design o2 Web-safe browser fonts o3 Balance and contrast o4 The right style for the market o5 Mass-market style o6 Designing for teenagers o7 Graphic on television o8 Basic video prerequisites o9 Briefing o10 Roughs o11 Pop art: Andy Warhol o12 Photographs and illustrations o13 Agents o14 The law of copyright o15 Comparatives o16 Superlatives o17 Present simple/present continuous o18 Past simple o19 Present perfect o20 Passive o21 Future simple (will) o22 Future with going to o23 Prepositions o24 Passive o25 Modal verbs o26 Interrogative pronouns o27 Object pronouns o28 Possessive pronouns o29 Possessive adjectives Per approfondire e consolidare le principali strutture linguistiche sono stati fatti gli esercizi del libro di testo ed altri di vario genere. 13

14 14

15 MATERIA: STORIA DELLE ARTI VISIVE 1 L ESPRESSIONI- SMO (lezioni frontali e interattive) I caratteri fondamentali dell Espressionismo francese, tedesco e austriaco; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva; significati. Lettura e comprensione dei documenti. I Fauves: A. Derain, Donna in camicia (1906); M. de Vlaminck, La Senna a Chatou (1906); H. Matisse, Lusso, calma e voluttà (1904); Donna con cappello (1905); La gioia di vivere ( ); Paesaggio a Collioure (1905); La danza ( ); La musica ( ); La tavola imbandita (versione del 1897 e versione del 1908). Il Die Brücke: le xilografie; Kirckner, Marcella (1910); Autoritratto come soldato (1915); Cinque donne nella strada (1913); Schmidt-Rottluff, Quattro bagnanti sulla spiaggia (1913); Nolde, La leggenda di Santa Maria Egiziaca (1912). Il Der Blaue Reiter: Kandinskij, Copertina dell almanacco (1911); Il cavaliere azzurro (1903). Visione e commento di alcuni passi tratti dai testi scritti: Dello spirituale dell arte (1909) e Il cavaliere azzurro (1911). n. ore 17 1 L ÉCOLE DE PARIS (lezioni frontali e interattive) i n. ore 5 L espressionismo austriaco: Schiele, Autoritratto (1910); L abbraccio (1917); La famiglia (1918) Inquadramento storico culturale, senso e significati dell iniziativa: primitivismo e rapporto commerciale con il mercato dell arte. Lettura e comprensione dei documenti. Amedeo Modiglioni, Testa (1911); Ritratto di Baranowskij (1918); Ritratto di Lunia (1918); Nudo sdraiato a braccia aperte (1917); Cariatide rosa (1914), Visione del Film, I colori dell anima, sulla vita di Modiglioni.. IL CUBISMO (lezioni frontali e interattive) 2 n. ore 15 I caratteri fondamentali del Cubismo nelle diverse fasi (di formazione, analitica, sintetica, critica); contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva; significati. Lettura e comprensione dei documenti, con particolare riguardo alla complessità della figura professionale di Picasso (classicismo, fauvismo, simbolismo e cubismo), di cui si sono anticipate considerazioni relative ai movimenti dadaisti e surrealisti. L eclettismo di Costantin Brancusi. Picasso, Les Demoiselles d Avignon (1907) ; Madre e figlio (1903); Acrobata e giovane Arlecchino (1905); Ritratto di Daniel-Henry (1910); Suonatore di fisarmonica (1911); Natura morta con sedia impagliata (1912); Guernica (1937); Braque, Il portoghese ( ); Brancusi, Il bacio (1912); La maiastra (1912); La musa che dorme (1920); Busto di ragazzo (1924); Colonna senza fine (1937). 15

16 2 IL FUTURISMO (lezioni frontali e interattive) I caratteri fondamentali del Futurismo; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva, anche fotografica (Marey e Muybridge); significati. Lettura e comprensione dei documenti. n. ore 8 Marinetti, Il Manifesto futurista (1909); Balla, Lampada ad arco ( ); Dinamismo di un cane a guinzaglio (1912); Le mani del violinista (1912); Volo di rondini (1913); Boccioni, La città che sale ( ); Stati d animo, 1 : gli addii (1911); Sviluppo di una bottiglia (1912); Forme uniche nella continuità dello spazio (1913); Materia (1912); C.Carrà, La galleria di Milano (1912); Manifestazione interventista (1914). 3 ASTRATTISMI E FUNZIONALISMI (lezioni frontali e interattive) Il concetto di Astrattismo, con particolare riguardo all insegnamento di Kandinskij (musica atonale). Il concetto di funzionalismo: l industrial design (Bauhaus). Lettura e comprensione dei documenti. Kandinskij, Primo acquerello astratto ( ); Composizione ( ; 1913; 1917); Nel riquadro nero (1923); Accento in rosa (1926); Tre suoni (1926). Collegamenti col programma Bauhaus (anticipazioni). n. ore 8 Rietveld, Poltrona (1917); G. Stölzl, Tessuto di lana su trama di cotone ( ); Gropius, Automobile Adler (1925 ca.); Breuer, Poltrona Vassilij (1926); Van der Rohe, Poltrona (1929); Brandt, Teiera in lamiera d ottone e legno d ebano, 1924; Wagenfeld-Jucker, Lampada, IL DADAISMO (lezioni frontali e interattive) ARTE IN EUROPA E USA n. ore 5 5 IL SURREALISMO (lezioni frontali e interattive) I caratteri fondamentali del Dadaismo nelle differenti aree geografiche; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva, l approccio freudiano e la dimensione casuale; il grado zero dell arte. Lettura e comprensione dei documenti. Ray, Cadeau ( ); Oggetto da distruggere ( ); Violon d Ingres (1924); Heratfield, Adolfo il superuomo ingoia oro e suona falso (1932); Schwitters, Merzbau ( ); Duchamp, Nudo che scende le scale n. 2 (1912); Fontana (1916); Ruota di bicicletta (1913); Scolabottiglie (1914); L.H.O.O.Q., 1919; La Marine mise nu par ses célibataires, même (Grande vetro), ; Picasso, Testa di toro (1942); Le bagnanti (1956). I caratteri fondamentali del Surrealismo, in relazione alle diverse aree d appartenenza degli artefici; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva, l approccio freudiano e la sua esplicazione iconica (linguaggio alogico e analogico). Lettura e comprensione dei documenti. Francia: Breton, Il manifesto surrealista (1924). Germania: M. Ernst, La vergine che sculaccia il Bambino Gesù (1920); Elephant célèbes (1921); Le abitudini della foglia (1925); Il Surrealismo e la pittura (1942); Il re muove la regina (1944); 16

17 La vestizione della sposa ( ). Spagna: Dalì, Telefono aragosta (1936); La persistenza della memoria (1931); La Venere coi cassetti (1936); Sogno causato dal volo di un ape (1944); Teschio di nudi (1950). Belgio: Magritte, L impero delle luci (1954); La filosofia nel Boudoir (1948); Galconde (1953); L uso della parola ( ); Picasso, Il sogno (1932). n. ore 5 6 LA METAFISICA (lezioni frontali e interattive) n. ore 6 I caratteri fondamentali della Metafisica; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva. Lettura e comprensione dei documenti. De Chirico, Portrait de l artiste pour lui-même (Et quid amabo nisi quod aenigma est?) (1911) ; Lotta di centauri (1909) ; L enigma dell oracolo (1910); L enigma dell ora (1911); La ricompensa dell indovino (1913); Le muse inquietanti (1917). 7 L ARTE FRA LE DUE GUERRE (approfondimenti - lezioni frontali e interattive - manuale e appunti) Ritorno all ordine e suo rifiuto - immagine e propaganda politica: Valori plastici, Novecento, Corrente. Estratti da fonti scritte. Contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva. Lettura e comprensione dei documenti. Severini, Maternità (1916); Funi; Carrà, Il pino sul mare (1921); Sironi, L allieva ( ); L Italia corporativa (1936); Guttuso, Crocifissione (1941). Premio Cremona, Premio Bergamo.. Picasso, Due donne che corrono lungo la spiaggia (1922); Guernica (1937); Las Meninas (1957). Nuova Oggettività in Germania. Lettura e comprensione dei documenti. n. ore 7 Grosz, ) pilastri della società (1926); Dix, Ritratto della giornalista S. von Harden (1926); Metropolis ( ). iapprofondimento INTERDISCIPLINARE: Quando l arte si tace un po : pensieri a Gino Rossi in. ore 10 L opera di Gino Rossi nel contesto del Ritorno all ordine. Lettura dei testi e loro comprensione. Confronti gli apporti letterari, storici, storico artistici e psicologici effettuati in concertazione coi colleghi di corso. VISITA ALLA MOSTRA TEMPORANEA PRESSO PALAZZO BOMBEN DI TREVISO, FONDAZIONE BENETTON 3 L INFORMALE ANNI 50 SS. Espressionismo astratto americano e informale in Europa. Pollock e l informale segnico; Burri e l informale materico. 4 LA POP ART ANNI 60 SS. Warhol e la pop Art Americana. K. Haring fra informale, pop art e graffitiamo. VISITA ALLA TRIENNALE DI MILANO: THE K. HARING SHOW. VISITA ALLA GALLERIA DI ARTE CONTEMPORANEA P. GUGGENHEIM DI 17

18 VENEZIA MATERIA : TECNICA FOTOGRAFICA Modulo 1 La tecnica fotografica N ore 6 Ripasso su attrezzatura fotografica base. Obiettivi. Otturatore e diaframma. Sistema reflex. Modulo 2 La luce N ore 6 Le caratteristiche della luce. Le tecniche di illuminazione in studio. La valutazione della luce ambiente. Modulo 3 Autori e generi N ore 8 Modulo 4 Progettazione fotografica N ore 6 Da Niepce a Toscani. I principali autori fotografici. Approfondimento su alcuni autori a scelta da parte dell'alunno. I generi fotografici: documentazione, reportage, moda, pubblicità, still life. La veridicità della fotografia. Progettazione di immagini fotografiche ispirate agli autori. Progettazione di immagini fotografiche ispirate ai generi. Modulo 5 Esercitazioni N ore 18 Esercitazioni pratiche di ripresa fotografica analogica e digitale in sala posa e all'aperto, in luce flash, tungsteno e naturale. Modulo 6 La composizione fotografica Lettura di immagini N ore 6 Le regole dell inquadratura e della composizione delle immagini fotografiche Lettura, analisi e valutazione di immagini fotografiche. Modulo 7 Visite didattiche N ore 6 Visita a mostra fotografica a Verona. 18

19 19

20 MATERIA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE 1 CONVE NZIONI, NORME, CONDIZIONA MENTI n. ore 4-0 Status e ruoli -1 Diritto e norme implicite -2 Opinioni, atteggiamenti e pregiudizi -3 Conformismo e obbedienza (esperimenti di Asch e Milgram) 2 LA COMUNICAZI ONE E I SUOI LINGUAGGI n. ore 10 3 I MASS MEDIA: LE COMUNICAZI ONI DI MASSA n. ore 12-4 Il processo di comunicazione -5 Le funzioni della comunicazione -6 La pragmatica della comunicazione e i suoi assiomi -7 Linguaggio verbale, paraverbale e non verbale -8 L'ascolto e le caratteristiche del processo di ascolto attivo (approfondimento) -9 Società di massa -10 Caratteristiche della comunicazione di massa -11 I mezzi di comunicazione di massa -12 Lo sviluppo della televisione in Italia (approfondimento) -13 Aristotele primo persuasore -14 Il gatekeeping -15 L agenda setting -16 I news values 4 IL LINGUAGGIO PUBBLICITARI O E LE SUE TECNICHE n. ore 8 1 RUOLO DELLE EMOZIONI NELLA PUBBLICITA n. ore 6 1 I SIMBOLI, LE ICONE, LE FIGURE RETORICHE n. ore 2 1 PSICOLOGIA DELLA VENDITA -17 Le tipologie pubblicitarie -18 Le strategie pubblicitarie -19 L aspetto subliminale in pubblicità -20 Struttura del messaggio pubblicitario -21 L uso del colore in pubblicità -22 Colori ed emozioni -23 L'uso delle emozioni in pubblicità: la paura -24 Caratteristiche figurative -25 Segni, significati, significanti -26 Significato dei simboli -27 Il marchio -28 La pubblicità nei punti vendita -29 Le pubbliche relazioni -30 La conferenza stampa 20

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli