ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona"

Transcript

1 ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ESAME DI STATO Anno Scolastico 2005/2006 Classe 5BTG Indirizzo: Tecnico della Grafica Pubblicitaria Sede di Villafranca Composizione del Consiglio di Classe Educazione Fisica Tovo Paola Inglese Favalli/Viscovo Veronica Italiano Felici Grazia Matematica Zamperini Paolo Pianificazione Pubblicitaria De Lucia Giuseppe Progettazione Grafica De Biase Felicia Psicologia della Comunicazione Mafficini Enzo Religione Cattolica Ferrigato Floriana Storia Felici Grazia Storia delle Arti Visive Danelli Irene Tecnica Fotografica Seguri Sergio Villafranca, 14 maggio 2006 Dirigente Scolastico Prof. Claudio Pardini 1

2 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE 1 Composizione 2 atteggiamento 3 situazione di partenza 4 capacità medie 5 livello di preparazione sulla prima e seconda prova 6 area professionalizzante 7 Composizione sintetica della classe. La classe è composta da ventisei alunni, l interesse e la motivazione per le varie discipline sono eterogenei e variano a seconda dei singoli soggetti. Il gruppo classe è sostanzialmente omogeneo dal primo anno, salvo qualche elemento che si è aggiunto durante il quinquennio e che comunque si è perfettamente integrato. Il comportamento è corretto e particolarmente responsabile nelle uscite didattiche e nei viaggi di istruzione. La frequenza sostanzialmente è stata regolare. La classe nel profitto si presenta più che discreto con alcuni elementi che emergono in modo particolare per capacità e risultati. La classe ha seguito i programmi in modo adeguato, permangono tuttavia alcuni casi con difficoltà in alcune discipline. Il grado di preparazione per la prima prova presenta tre livelli: una parte della classe ha un livello buono, la maggioranza della classe ha un livello più sufficiente, qualche elemento presenta un livello insufficiente. Il livello di preparazione per la seconda prova è discreto. Gli studenti hanno portato a termine il corso di microspecializzazione in grafica per il web con risultato positivo. 1. OBIETTIVI FORMATIVI MEDI RAGGIUNTI DALLA CLASSE Capacità critica Capacità di osservazione finalizzata Capacità di analisi Capacità di sintesi Capacità di produzione ragionata e collegamento Discreto Discreto Discreto Discreto Discreto 2. OBIETTIVI DIDATTICI MEDI RAGGIUNTI DALLA CLASSE Competenza disciplinare Competenza logica Competenza espositiva Competenze tecniche specifiche Discreto Discreto Più che sufficiente Discreto 2

3 SCHEDA RELATIVA ALLA TERZA PROVA Area disciplinare interessata: linguistica, artistica e di indirizzo. Criteri seguiti per la progettazione della terza prova scritta La terza prova coinvolge quattro discipline dell ultimo anno di corso. Il Consiglio di classe, tenuto conto del curricolo di studi e degli obiettivi generali e cognitivi definiti nella propria programmazione didattica e della disciplina della seconda prova scritta, ha individuato come particolarmente significative le seguenti materie: Inglese, Storia delle arti visive, Pianificazione pubblicitaria, Tecnica fotografica. Argomenti di particolare rilevanza disciplinare: Il Novecento: la nascita della società di massa, totalitarismi e propaganda, lo sviluppo dei mezzi di comunicazione (nascita della pubblicità). I principi della comunicazione, la comunicazione di massa. Campagna pubblicitaria e promozionale, mass-media. Il movimento moderno e il design nel ventesimo secolo. La fotografia come mezzo di comunicazione. Il packaging. La pop art. Progetto pluridisciplinare : 1 Italiano, Storia delle arti visive e Progettazione Grafica Quando l arte tace un po : Pensieri a Gino Rossi Progetto TANDEM: 1 Scienza della comunicazione e Neuroscienza 2 Storia delle arti visive Tipologia delle prove di verifica utilizzate: Dopo simulazioni strutturate per singole tipologie [solo B) per ciascuna materia], l Istituto ha adottato il seguente schema di Terza Prova: 1 Tre quesiti di tipologia B per ogni disciplina PROPOSTA CRITERI DI VALUTAZIONE TERZA PROVA E COLLOQUIO Voto /35 /15 /10 CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA Nessuna Nessuna Nessuna Gravemente errata, Non sa cosa fare Non si orienta espressione sconnessa ,5 Grosse lacune ed errori Non riesce ad applicare le minime conoscenze, anche se guidato Conoscenze Applica le conoscenze frammentarie e minime solo se guidato, 3 Non riesce ad analizzare (non capisce) Compie analisi errate, se sintetizza, commette gravemente lacunose ma con gravi errori errori ,5 Conoscenze Applica le conoscenze Compie analisi

4 frammentarie, con errori o lacune Conoscenze carenti, con errori ed espressione impropria ,5 Conoscenze carenti, espressione difficoltosa Conoscenze superficiali, improprietà di linguaggio ,5 Conoscenze complete con imperfezioni, esposizione a volte imprecisa Conoscenze complete ma non approfondite esposizione semplice, ma corretta ,5 Conoscenze complete, poco approfondite esposizione corretta 12 7 Conoscenze complete, quando guidato sa approfondire, esposizione corretta con proprietà linguistica 13 8 Conoscenze complete, qualche approfondimento autonomo esposizione corretta con proprietà linguistica Conoscenze complete, con approfondimento autonomo esposizione fluida con utilizzo del linguaggio specifico Conoscenze complete, con approfondimento autonomo esposizione minime solo se guidato, ma con errori Applica le conoscenze minime solo se guidato 4 lacunose, sintesi incoerenti, commette errori Qualche errore, analisi parziale, sintesi scorretta Applica le conoscenze Qualche errore, analisi e minime anche autono sintesi parziali mamente, ma con gravi errori Applica autonomamente Analisi parziali, sintesi le minime conoscenze, imprecise con qualche errore Applica autonomamente Imprecisioni, analisi le minime conoscenze, corretta, difficoltà nel con imperfezioni gestire semplici situazioni nuove Applica autonomamente Coglie il significato, e correttamente le esatta interpretazione di conoscenze minime semplici informazioni, analisi corrette, gestione di semplici situazioni nuove Applica autonomamente Esatta interpretazione le conoscenze anche a del testo, sa ridefinire un problemi più complessi, concetto, gestisce ma con errori autonomamente situazioni nuove Applica autonomamente Coglie le implicazioni, le conoscenze anche a compie analisi complete problemi più complessi, e coerenti ma con imperfezioni Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi, in modo corretto Applica in modo autonomo e corretto, anche a problemi complessi, le conoscenze; quando guidato trova le soluzioni migliori Applica in modo autonomo e corretto, anche a problemi Coglie le implicazioni, compie correlazioni con imprecisioni rielaborazione corretta Coglie le implicazioni, compie correlazioni esatte e analisi approfondite, rielaborazione completa corretta e autonoma Sa rielaborare correttamente e approfondire in modo

5 fluida con utilizzo di un lessico ricco e appropriato complessi, le conoscenze; trova da solo le soluzioni migliori autonomo anche situazioni complesse Corrispondenze punteggi esito della prova Punteggio in Punteggio in Punteggio in Esito della prova decimi quindicesimi trentacinquesimi Nullo 2-2, Assolutamente Insuff Gravemente Insuff. 4,5-5, Insufficiente Sufficiente 7-7, Discreto Buono Ottimo Eccellente LA TERZA AREA a Profilo Professionale. La figura professionale prevista, grafico per la creazione di pagine web proposta dal corso, é in grado di inserirsi all interno di studi di grafica pubblicitaria, occupandosi della realizzazione di prodotti per la comunicazione pubblicitaria. Gli studenti devono acquisire competenze specifiche relative a tutto il processo di produzione e realizzazione di una strategia di comunicazione pubblicitaria. Partendo dalla strategia di marketing, procedono all ideazione del progetto e alla sua realizzazione e diffusione attraverso i mass media, soprattutto attraverso internet. Il corso, strutturato per moduli da svolgersi nell arco di due anni, prevede un totale di 400 ore di lezione teorico-pratiche e 200 ore di Stage. b Obiettivi raggiunti Gli obiettivi raggiunti durante il percorso hanno fatto acquisire agli studenti le conoscenze e le abilità necessarie per potersi inserire in studi di grafica computerizzata. In particolare, gli studenti hanno acquisito le conoscenze relative a: utilizzo di programmi per la grafica computerizzata come Photoshop e Freehand, Flash, e le loro applicazioni. c Stage Tutti gli studenti hanno effettuato un periodo di stage (giugno - luglio) per un totale di 200 ore. L attività di stage è stata l esperienza che ha arricchito e stimolato gli studenti che, in alcuni casi, hanno prolungato il periodo prestabilito. Sono state contattate le aziende presenti nel comune di Villafranca e nei comuni limitrofi. I risultati sono stati positivi per quasi tutti gli studenti, come risulta dai giudizi espressi dalle aziende che hanno tenuto conto del comportamento, della disponibilità, delle conoscenze tecnico-professionali, del metodo, della precisione, delle capacità di lavoro in gruppo e dell iniziativa personale. 5

6 CRITERI DI MISURAZIONE: Ottimo 9 / 10 l alunno evidenzia una preparazione particolarmente organica, critica, sostenuta da fluidità e ricchezza espressiva, da autonomia operativa, da spiccate capacità interpretative e di giudizio, da sicurezza nei collegamenti; Buono 8 l alunno conosce e padroneggia gli argomenti proposti; sa rielaborare ed applicare autonomamente le conoscenze e valutare in modo critico contenuti e procedure; esposizione sicura e personale; Discreto 7 l alunno conosce e comprende gli argomenti affrontati individuandone gli elementi costitutivi; la preparazione è precisa, si sforza di condurre autonome analisi e di offrire contributi personali; corretta e garbata l esposizione; Sufficiente 6 l alunno conosce gli elementi fondamentali della disciplina, acquisiti in modo semplice e senza particolari elaborazioni personali; l argomentazione è lineare e l esposizione è corretta; Insufficiente 5 l alunno conosce in modo incompleto o poco chiaro gli argomenti fondamentali; pur non avendo acquisito parziali abilità, non è in grado di utilizzarle in modo autonomo e commette errori; l esposizione risulta incerta e non lineare; le carenze indicate non sono però di tale gravità da impedirgli di orientarsi, se guidato, nella disciplina; Gravemente insufficiente 4 L alunno conosce in modo frammentario e superficiale gli aspetti fondamentali della disciplina. Assolutamente insufficiente 1/3 L alunno è incapace di applicare le minime conoscenze anche se guidato. 6

7 ALLEGATI RELATIVI ALLE SINGOLE DISCIPLINE MATERIA: ITALIANO 1 IL LINGUAGGIO DELLA NATURA E DELLA POESIA NELL EPOCA DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO: a) Esperienze europee b) G. Pascoli c) G. d Annunzio n. ore 20 2 IL ROMANZO DECADENTE n. ore 6 3 IL DISAGIO DELLA CIVILTÀ NELLA NARRATIVA ITALIANA ED EUROPEA DEL PRIMO 900 E. Hemingway L. Pirandello I. Svevo Caratteri generali del periodo: Simbolismo e Decadentismo; la nuova concezione della natura e della scienza; il linguaggio della poesia. I poeti maledetti. Lettura e analisi delle poesie: C. Baudelaire, da I fiori del male : CORRISPONDENZE ; G. Pascoli: vita e le opere; il pensiero piccolo borghese; la poetica delle piccole cose, il linguaggio. Lettura e analisi dei testi: da Myricae : LAVANDARE; NOVEMBRE ; X AGOSTO ; L ASSIUOLO; IL TUONO ; IL LAMPO ; TEMPORALE da Canti di Castelvecchio : IL GELSOMINO NOTTURNO ; dalle Prose : IL FANCIULLINO G. d Annunzio: il mito della vita inimitabile; superomismo e ruolo del poeta nella società di massa; estetismo e panismo; il carattere sperimentale della scrittura. Lettura e analisi dei testi: dal Poema paradisiaco : CONSOLAZIONE da Alcyone : LA PIOGGIA NEL PINETO ; LA SERA FIESOLANA ; I PASTORI. G. d Annunzio: I romanzi - contenuto e temi Il culto della bellezza e dell arte; la figura del dandy da Il piacere : IL VERSO È TUTTO ; L ATTESA DELL AMANTE UN INNO ALLE MACCHINE I caratteri generali: seconda rivoluzione industriale, imperialismo, età giolittiana; la prima guerra mondiale, il dopoguerra e il fascismo. La cultura: la psicoanalisi di Freud; la filosofia di Nietzsche lettura de L IO NON E PADRONE IN CASA PROPRIA di Freud lettura de IL SUPERUOMO di Nietzsche Il romanzo in Europa e in Italia: dissoluzione delle forme tradizionali, creazione di nuove strutture narrative, elaborazione di nuovi temi: inettitudine e malattia. F. Kafka: LA METAMORFOSI E. Hemingway: trama de PER CHI SUONA LA CAMPANA lettura de IL PONTE L. Pirandello: vita, opere e pensiero Il relativismo filosofico e la poetica dell umorismo; personaggio e maschera, la forma e la vita. Lettura e analisi dei testi: da Novelle per un anno : IL TRENO HA FISCHIATO ; LA PATENTE ; da Il fu Mattia Pascal : LA LITE FRA SUOCERA E ZIA e ESCLUSO DALLA VITA contenuto, temi, struttura, stile, tecniche narrative dell opera UNO, NESSUNO E CENTOMILA : trama del romanzo I. Svevo : la vita, i romanzi, la triestinità ; la figura dell inetto, il linguaggio e le tecniche narrative; la psicoanalisi. Contenuto e temi del romanzo Senilità LA COSCIENZA DI ZENO : struttura e temi; psicoanalisi e scrittura; l ironia, forma della narrazione e tempo narrativo. lettura dei brani UN ATTESO FIDANZAMENTO ; IL VIZIO DEL FUMO ; IL RITRATTO DI AUGUSTA ; L ESPLOSIONE FINALE 7

8 n. ore 20 4 LA POESIA ITALIANA DEL NOVECENTO (programma in parte effettuato, in parte in via di svolgimento) d) Le avanguardie e) G. Ungaretti f) E. Montale g) S. Quasimodo e) U. Saba n. ore effettuate:20 n. ore previste: 28 5 IL ROMANZO ITALIANO DEL SECONDO NOVECENTO (programma in parte effettuato, in parte in via di svolgimento) a) P. Levi b) G. Tomasi di Lampedusa c) B. Fenoglio d) E. Vittorini e) C. Pavese Simbolo e allegoria nel Novecento Futurismo, Crepuscolarismo, Espressionismo Lettura e analisi dei testi: F.T. Martinetti: IL PRIMO MANIFESTO DEL FUTURISMO ; IL MANIFESTO TECNICO DELLA LETTERATURA FUTURISTA IL MANIFESTO DELLA DONNA FUTURISTA lettura di ZANG TUNG TUMB A. Palazzeschi: da Canzonette LASCIATEMI DIVERTIRE Majakovskij B. Croce: MANIFESTO DEGLI INTELLETTUALI ANTIFASCISTI G. Gentile: MANIFESTO DEGLI INTELLETTUALI FASCISTI G. Ungaretti: vita, opere e poetica La religione della parola L allegria : composizione, titolo, temi, stile Lettura e analisi dei testi: VEGLIA, MATTINA, SOLDATI, SAN MARTINO DEL CARSO, COMMIATO NON GRIDATE PIU Lettura e analisi dei testi: da Sentimento del tempo : LA MADRE E. Montale: la vita e le opere; la cultura e le fasi della produzione poetica Ossi di seppia : l attraversamento di d Annunzio e la crisi del simbolismo Lettura e analisi dei testi: NON CHIEDERCI LA PAROLA, SPESSO IL MALE DI VIVERE HO INCONTRATO, MERIGGIARE PALLIDO E ASSORTO Le occasioni : la poetica, i temi, lo stile del secondo Montale Lettura e analisi dei testi: LA CASA DEI DOGANIERI ; Satura : la svolta del quarto Montale HO SCESO DANTOTI IL BRACCIO UN MILIONE DI SCALE S. Quasimodo: : la vita e le opere. L Ermetismo. Lettura e analisi dei testi: da Acque e terre VENTO A TINDARI U. Saba: la vita e le opere da Coi miei occhi TRIESTE I caratteri generali del periodo: Il dibattito culturale: Neorealismo,Postmodernismo Neorealismo: caratteri generali P. Levi: memoria e testimonianza lettura integrale dell opera SE QUESTO E UN UOMO materiali di approfondimento sulla Shoa La narrativa dal Neorealismo al Postmoderno: G. Tomasi di Lampedusa lettura integrale dell opera IL GATTOPARDO confronto con il film B. Fenoglio: vita e opere da I ventritrè giorni della città di Alba LA LIBERAZIONE DI ALBA E. Vittorini: vita e opere da Uomini e no I MORTI DI LARGO AUGUSTO C. Pavese: vita e opere da La casa in collina LA COLLINA 8

9 f) P.P Pasolini P.P Pasolini: vita e opere da Ragazzi di vita DENTRO ROMA n. ore effettuate: 16 n. ore previste: 20 6 PERCORSI PLURIDISCIPLINARI n. ore: 10 LETTERATURA E GUERRA (spettacolo teatrale e analisi dei testi) QUANDO L ARTE SI TACE UN PO : GINO ROSSI (analisi del testo Il tempo della danza di P. Bertezzolo) 9

10 MATERIA: STORIA Modulo di raccordo n. ore: 3 Modulo 1 Restaurazione n. ore: 3 Modulo 2 La civiltà industriale n. ore: 10 Mudulo 3 La rivoluzione russa n. ore: 6 La rivoluzione francese L epoca di Napoleone L Europa della Restaurazione Le aspirazioni riformiste I moti degli anni venti-trenta La rivoluzione del 48 Società ed istituzioni: Moti liberali ed Unificazione nazionale italiana e tedesca: 1. Gli anni cinquanta: l età di Cavour 2. Le guerre di indipendenza 3. Il primo decennio dell Italia unita: Destra e Sinistra storica 4. Bismark e la Prussia La Seconda Rivoluzione industriale L età dell Imperialismo L età crispina e giolittiana Temi di storia settoriale 1. L associazionismo operaio e la questione sociale: marxismo Rivoluzione russa: la nascita dell URSS e la costruzione del Socialismo: 1. Situazione della Russia zarista prima del conflitto mondiale 2. La partecipazione alla guerra 3. Rivoluzione di febbraio e presa del Palazzo d inverno 4. Costituente e guerra civile 5. La nascita dell URSS 6. La politica sovietica fino alla morte di Lenin 7. Il problema della successione e lo scontro di potere in URSS 8. Stalin e l industrializzazione forzata e i piani quinquennali 9. Il terrore staliniano 10. La politica estera sovietica visione di un filmato Modulo 4 Il Mondo in guerra n. ore: 35 L età dei totalitarismi: La Grande Guerra : cronologia, eventi ed esiti 1. I trattati di pace 2. Il dopoguerra in Italia: vittoria mutilata e impresa di Fiume 3. Il biennio rosso: lotte operaie e bracciantili e condizioni del ceto medio La crisi politica e la nascita del fascismo 1. Il regime fascista e l antifascismo 2. Politica economica e monetaria 3. L imperialismo fascista e la politica estera 4. Le leggi razziali La Germania dopo la guerra e la Repubblica di Weimar 1. Ascesa del nazismo e avvento di Hitler al potere 2. Il terzo Reich 3. L antisemitismo e le persecuzioni antiebraiche 4. La politica estera La guerra civile spagnola La crisi del 1929 negli USA: cause economiche e finanziarie e conseguenze sociali Il New Deal di Roosevelt La seconda guerra mondiale Temi di storia settoriale: 1. Propaganda ideologica e comunicazione di massa 2. Le foibe 10

11 3. L olocausto-documenti e filmati Modulo 5 Il Dopoguerra n. ore: 5 Modulo 6 Il mondo contemporaneo n. ore: 12 Società ed istituzioni: L Italia della ricostruzione : la Costiuzione Il mondo bipolare: USA URSS (crisi di Cuba) Il miracolo economico mondiale I processi di decolonizzazione (Terzo mondo) Questione palestinese Società ed istituzioni: Il mondo d oggi Il sessantotto Il terrorismo Dalla perestrojka alla dissoluzione L unione europea Crollo del muro di Berlino (programma previsto entro fine anno) 11

12 MATERIA: MATEMATICA ELEMENTI DI ALGEBRA n. ore 20 PIANO CARTESIANO n. ore 8 FUNZIONI ESPONENZIALE, FUNZIONE LOGORITMICA n. ore 20 ANALISI INFINITESIMALI n. ore rimanenti Ripasso equazioni e disequazioni LINEARI, equazioni e disequazioni di secondo grado; sistemi di disequazioni, disequazioni frazionarie. Ripasso: la retta nel piano cartesiano, la parabola nel piano cartesiano Ripasso e completamento: la funzione esponenziale, la funzione logaritmica, proprietà dei logaritmi, calcolo dei logaritmi, equazione esponenziali, equazioni logaritmiche. Analisi infinitesimale, dominio, funzioni crescenti e decrescenti, concavità, lettura del grafico di una funzione, continuità, funzioni inverse, le successioni, limite di una successione, casi di indeterminazione nel limite di una successione, limite di funzione in un punto, limite sinistro e destro,limite di funzione per x che tende ad infinito, derivata, derivata sinistra e destra, significato geometrico di derivata, derivata di funzioni elementari, derivata del prodotto e del quoziente. 12

13 Materia: LINGUA E CIVILTÀ INGLESE DIGITAL IMAGING ORE 3 MAGAZINE Ore 5 DESIGN ON THE WEB Ore 7 MARKET AND DESIGN Ore 7 AUDIO-VISUAL COMMUNICATIONS ORE 5 THE DESIGN BRIEF Ore 6 COMMUNICATION: Ore 3 COMMISSIONING Ore 6 GRAMMAR REVISION Ore 24 o o o The digital camera Magazine design Tips for a successful magazine design o1 Building sites by design o2 Web-safe browser fonts o3 Balance and contrast o4 The right style for the market o5 Mass-market style o6 Designing for teenagers o7 Graphic on television o8 Basic video prerequisites o9 Briefing o10 Roughs o11 Pop art: Andy Warhol o12 Photographs and illustrations o13 Agents o14 The law of copyright o15 Comparatives o16 Superlatives o17 Present simple/present continuous o18 Past simple o19 Present perfect o20 Passive o21 Future simple (will) o22 Future with going to o23 Prepositions o24 Passive o25 Modal verbs o26 Interrogative pronouns o27 Object pronouns o28 Possessive pronouns o29 Possessive adjectives Per approfondire e consolidare le principali strutture linguistiche sono stati fatti gli esercizi del libro di testo ed altri di vario genere. 13

14 14

15 MATERIA: STORIA DELLE ARTI VISIVE 1 L ESPRESSIONI- SMO (lezioni frontali e interattive) I caratteri fondamentali dell Espressionismo francese, tedesco e austriaco; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva; significati. Lettura e comprensione dei documenti. I Fauves: A. Derain, Donna in camicia (1906); M. de Vlaminck, La Senna a Chatou (1906); H. Matisse, Lusso, calma e voluttà (1904); Donna con cappello (1905); La gioia di vivere ( ); Paesaggio a Collioure (1905); La danza ( ); La musica ( ); La tavola imbandita (versione del 1897 e versione del 1908). Il Die Brücke: le xilografie; Kirckner, Marcella (1910); Autoritratto come soldato (1915); Cinque donne nella strada (1913); Schmidt-Rottluff, Quattro bagnanti sulla spiaggia (1913); Nolde, La leggenda di Santa Maria Egiziaca (1912). Il Der Blaue Reiter: Kandinskij, Copertina dell almanacco (1911); Il cavaliere azzurro (1903). Visione e commento di alcuni passi tratti dai testi scritti: Dello spirituale dell arte (1909) e Il cavaliere azzurro (1911). n. ore 17 1 L ÉCOLE DE PARIS (lezioni frontali e interattive) i n. ore 5 L espressionismo austriaco: Schiele, Autoritratto (1910); L abbraccio (1917); La famiglia (1918) Inquadramento storico culturale, senso e significati dell iniziativa: primitivismo e rapporto commerciale con il mercato dell arte. Lettura e comprensione dei documenti. Amedeo Modiglioni, Testa (1911); Ritratto di Baranowskij (1918); Ritratto di Lunia (1918); Nudo sdraiato a braccia aperte (1917); Cariatide rosa (1914), Visione del Film, I colori dell anima, sulla vita di Modiglioni.. IL CUBISMO (lezioni frontali e interattive) 2 n. ore 15 I caratteri fondamentali del Cubismo nelle diverse fasi (di formazione, analitica, sintetica, critica); contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva; significati. Lettura e comprensione dei documenti, con particolare riguardo alla complessità della figura professionale di Picasso (classicismo, fauvismo, simbolismo e cubismo), di cui si sono anticipate considerazioni relative ai movimenti dadaisti e surrealisti. L eclettismo di Costantin Brancusi. Picasso, Les Demoiselles d Avignon (1907) ; Madre e figlio (1903); Acrobata e giovane Arlecchino (1905); Ritratto di Daniel-Henry (1910); Suonatore di fisarmonica (1911); Natura morta con sedia impagliata (1912); Guernica (1937); Braque, Il portoghese ( ); Brancusi, Il bacio (1912); La maiastra (1912); La musa che dorme (1920); Busto di ragazzo (1924); Colonna senza fine (1937). 15

16 2 IL FUTURISMO (lezioni frontali e interattive) I caratteri fondamentali del Futurismo; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva, anche fotografica (Marey e Muybridge); significati. Lettura e comprensione dei documenti. n. ore 8 Marinetti, Il Manifesto futurista (1909); Balla, Lampada ad arco ( ); Dinamismo di un cane a guinzaglio (1912); Le mani del violinista (1912); Volo di rondini (1913); Boccioni, La città che sale ( ); Stati d animo, 1 : gli addii (1911); Sviluppo di una bottiglia (1912); Forme uniche nella continuità dello spazio (1913); Materia (1912); C.Carrà, La galleria di Milano (1912); Manifestazione interventista (1914). 3 ASTRATTISMI E FUNZIONALISMI (lezioni frontali e interattive) Il concetto di Astrattismo, con particolare riguardo all insegnamento di Kandinskij (musica atonale). Il concetto di funzionalismo: l industrial design (Bauhaus). Lettura e comprensione dei documenti. Kandinskij, Primo acquerello astratto ( ); Composizione ( ; 1913; 1917); Nel riquadro nero (1923); Accento in rosa (1926); Tre suoni (1926). Collegamenti col programma Bauhaus (anticipazioni). n. ore 8 Rietveld, Poltrona (1917); G. Stölzl, Tessuto di lana su trama di cotone ( ); Gropius, Automobile Adler (1925 ca.); Breuer, Poltrona Vassilij (1926); Van der Rohe, Poltrona (1929); Brandt, Teiera in lamiera d ottone e legno d ebano, 1924; Wagenfeld-Jucker, Lampada, IL DADAISMO (lezioni frontali e interattive) ARTE IN EUROPA E USA n. ore 5 5 IL SURREALISMO (lezioni frontali e interattive) I caratteri fondamentali del Dadaismo nelle differenti aree geografiche; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva, l approccio freudiano e la dimensione casuale; il grado zero dell arte. Lettura e comprensione dei documenti. Ray, Cadeau ( ); Oggetto da distruggere ( ); Violon d Ingres (1924); Heratfield, Adolfo il superuomo ingoia oro e suona falso (1932); Schwitters, Merzbau ( ); Duchamp, Nudo che scende le scale n. 2 (1912); Fontana (1916); Ruota di bicicletta (1913); Scolabottiglie (1914); L.H.O.O.Q., 1919; La Marine mise nu par ses célibataires, même (Grande vetro), ; Picasso, Testa di toro (1942); Le bagnanti (1956). I caratteri fondamentali del Surrealismo, in relazione alle diverse aree d appartenenza degli artefici; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva, l approccio freudiano e la sua esplicazione iconica (linguaggio alogico e analogico). Lettura e comprensione dei documenti. Francia: Breton, Il manifesto surrealista (1924). Germania: M. Ernst, La vergine che sculaccia il Bambino Gesù (1920); Elephant célèbes (1921); Le abitudini della foglia (1925); Il Surrealismo e la pittura (1942); Il re muove la regina (1944); 16

17 La vestizione della sposa ( ). Spagna: Dalì, Telefono aragosta (1936); La persistenza della memoria (1931); La Venere coi cassetti (1936); Sogno causato dal volo di un ape (1944); Teschio di nudi (1950). Belgio: Magritte, L impero delle luci (1954); La filosofia nel Boudoir (1948); Galconde (1953); L uso della parola ( ); Picasso, Il sogno (1932). n. ore 5 6 LA METAFISICA (lezioni frontali e interattive) n. ore 6 I caratteri fondamentali della Metafisica; contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva. Lettura e comprensione dei documenti. De Chirico, Portrait de l artiste pour lui-même (Et quid amabo nisi quod aenigma est?) (1911) ; Lotta di centauri (1909) ; L enigma dell oracolo (1910); L enigma dell ora (1911); La ricompensa dell indovino (1913); Le muse inquietanti (1917). 7 L ARTE FRA LE DUE GUERRE (approfondimenti - lezioni frontali e interattive - manuale e appunti) Ritorno all ordine e suo rifiuto - immagine e propaganda politica: Valori plastici, Novecento, Corrente. Estratti da fonti scritte. Contestualizzazione, confronti con la tradizione e con gli apporti della cultura coeva. Lettura e comprensione dei documenti. Severini, Maternità (1916); Funi; Carrà, Il pino sul mare (1921); Sironi, L allieva ( ); L Italia corporativa (1936); Guttuso, Crocifissione (1941). Premio Cremona, Premio Bergamo.. Picasso, Due donne che corrono lungo la spiaggia (1922); Guernica (1937); Las Meninas (1957). Nuova Oggettività in Germania. Lettura e comprensione dei documenti. n. ore 7 Grosz, ) pilastri della società (1926); Dix, Ritratto della giornalista S. von Harden (1926); Metropolis ( ). iapprofondimento INTERDISCIPLINARE: Quando l arte si tace un po : pensieri a Gino Rossi in. ore 10 L opera di Gino Rossi nel contesto del Ritorno all ordine. Lettura dei testi e loro comprensione. Confronti gli apporti letterari, storici, storico artistici e psicologici effettuati in concertazione coi colleghi di corso. VISITA ALLA MOSTRA TEMPORANEA PRESSO PALAZZO BOMBEN DI TREVISO, FONDAZIONE BENETTON 3 L INFORMALE ANNI 50 SS. Espressionismo astratto americano e informale in Europa. Pollock e l informale segnico; Burri e l informale materico. 4 LA POP ART ANNI 60 SS. Warhol e la pop Art Americana. K. Haring fra informale, pop art e graffitiamo. VISITA ALLA TRIENNALE DI MILANO: THE K. HARING SHOW. VISITA ALLA GALLERIA DI ARTE CONTEMPORANEA P. GUGGENHEIM DI 17

18 VENEZIA MATERIA : TECNICA FOTOGRAFICA Modulo 1 La tecnica fotografica N ore 6 Ripasso su attrezzatura fotografica base. Obiettivi. Otturatore e diaframma. Sistema reflex. Modulo 2 La luce N ore 6 Le caratteristiche della luce. Le tecniche di illuminazione in studio. La valutazione della luce ambiente. Modulo 3 Autori e generi N ore 8 Modulo 4 Progettazione fotografica N ore 6 Da Niepce a Toscani. I principali autori fotografici. Approfondimento su alcuni autori a scelta da parte dell'alunno. I generi fotografici: documentazione, reportage, moda, pubblicità, still life. La veridicità della fotografia. Progettazione di immagini fotografiche ispirate agli autori. Progettazione di immagini fotografiche ispirate ai generi. Modulo 5 Esercitazioni N ore 18 Esercitazioni pratiche di ripresa fotografica analogica e digitale in sala posa e all'aperto, in luce flash, tungsteno e naturale. Modulo 6 La composizione fotografica Lettura di immagini N ore 6 Le regole dell inquadratura e della composizione delle immagini fotografiche Lettura, analisi e valutazione di immagini fotografiche. Modulo 7 Visite didattiche N ore 6 Visita a mostra fotografica a Verona. 18

19 19

20 MATERIA: PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE 1 CONVE NZIONI, NORME, CONDIZIONA MENTI n. ore 4-0 Status e ruoli -1 Diritto e norme implicite -2 Opinioni, atteggiamenti e pregiudizi -3 Conformismo e obbedienza (esperimenti di Asch e Milgram) 2 LA COMUNICAZI ONE E I SUOI LINGUAGGI n. ore 10 3 I MASS MEDIA: LE COMUNICAZI ONI DI MASSA n. ore 12-4 Il processo di comunicazione -5 Le funzioni della comunicazione -6 La pragmatica della comunicazione e i suoi assiomi -7 Linguaggio verbale, paraverbale e non verbale -8 L'ascolto e le caratteristiche del processo di ascolto attivo (approfondimento) -9 Società di massa -10 Caratteristiche della comunicazione di massa -11 I mezzi di comunicazione di massa -12 Lo sviluppo della televisione in Italia (approfondimento) -13 Aristotele primo persuasore -14 Il gatekeeping -15 L agenda setting -16 I news values 4 IL LINGUAGGIO PUBBLICITARI O E LE SUE TECNICHE n. ore 8 1 RUOLO DELLE EMOZIONI NELLA PUBBLICITA n. ore 6 1 I SIMBOLI, LE ICONE, LE FIGURE RETORICHE n. ore 2 1 PSICOLOGIA DELLA VENDITA -17 Le tipologie pubblicitarie -18 Le strategie pubblicitarie -19 L aspetto subliminale in pubblicità -20 Struttura del messaggio pubblicitario -21 L uso del colore in pubblicità -22 Colori ed emozioni -23 L'uso delle emozioni in pubblicità: la paura -24 Caratteristiche figurative -25 Segni, significati, significanti -26 Significato dei simboli -27 Il marchio -28 La pubblicità nei punti vendita -29 Le pubbliche relazioni -30 La conferenza stampa 20

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE F. ORIOLI PROGRAMMA SVOLTO DISCIPLINA: TECNICHE DEI SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 CLASSE: VGA PROF. CARMEN PIZZUTO IL PROGRAMMA SVOLTO PER LA PARTE

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona

ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ESAME DI STATO 2007 5ATG INDIRIZZO GRAFICO PUBBLICITARIO Durata degli studi Triennale o quinquennale Titolo conseguito Triennale

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/2015 SCUOLA Civico Liceo linguistico A.Manzoni DOCENTE: Olivia Maneo MATERIA: Storia dell Arte Classe 5 SezioneHL 800 Il Romanticismo. Europa romantica.

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Terza Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Seconda Indirizzo Turismo Profilo Il Diplomato nel Turismo ha competenze specifiche nel comparto delle imprese del settore turistico e competenze generali

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing

Anno scolastico 2014-2015. Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Anno scolastico 2014-2015 Programmazione Classe Prima Indirizzo Finanza e Marketing Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 4BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI

PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PROGETTAZIONE ANNUALE del DIPARTIMENTO DISCIPLINARE di LETTERE PICO MATERIA: ITALIANO SEDE/I ASSOCIATA/E: LICEO PICO PRIMO BIENNIO SECONDO BIENNIO QUINTO ANNO ISTITUTO TECNICO ECONOMICO LUOSI PRIMO BIENNIO

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA Anno Scolastico 2014/2015 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: GRAFICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA SECONDO BIENNIO/QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITÀ Conoscere

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA LINGUA E LETTERE LATINE Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali)

LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE. Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) LICEO ARTISTICO STATALE DI VENEZIA INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio 3 e 4 anno (6 ore settimanali) La materia propone una formazione progettuale, nell ambito del communication design,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona 5BTG

ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona 5BTG ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ESAME DI MATURITÀ 2007 5BTG INDIRIZZO GRAFICO PUBBLICITARIO Durata degli studi Titolo conseguito Triennale Quinquennale Sbocco lavorativo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE

SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA Campo d esperienza IMMAGINI,SUONI E COLORI. Disciplina: ARTE E IMMAGINE TRAGUARDI ABILITA COMPETENZE FINE SCUOLA DELL INFANZIA 3 ANNI 4 ANNI 5 ANNI CONOSCENZE NUCLEO: ESPRIMERE E COMUNICARE

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative

Italiano Inglese. Arte e immagine. Storia Geografia. Scienze motorie e sportive. Matematica. Religione cattolica. Attività didattiche alternative Italiano Inglese Storia Geografia Arte e immagine Scienze motorie e sportive Matematica Tecnologia e Informatica Musica Scienze Religione cattolica Attività didattiche alternative Convivenza civile: -Ed.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE

TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE a.s.2013/2014 TEORIE E TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE indirizzo: Tecnico della Grafica e della comunicazione TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Classi terze tecnico grafico TEORIE DELLA COMUNICAZIONE: Non ancora

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina:Educazione fisica Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. A.S.2014-2015 Docente:CARLOTTO MONICA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 1^A è numerosa, vivace e partecipe anche

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE CLASSE:

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: DISEGNO E STORIA DELL ARTE CLASSE: Pagina 1 di 8 INGRESSO PROFILO CLASSE USCITA Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1.

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. 1 di 9 21/11/2013 10.29 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: METODOLOGIE OPERATIVE DOCENTE:

Dettagli

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico.

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico. Le proposte dal 2010-2011 Il Liceo Galilei attua la Riforma Gelmini, varata il 4 febbraio 2010, avvalendosi di un esperienza didattica e formativa maturata negli anni e supportata da un attento piano di

Dettagli

DIPARTIMENTO DISEGNO E STORIA DELL ARTE Anno scolastico 2014-2015

DIPARTIMENTO DISEGNO E STORIA DELL ARTE Anno scolastico 2014-2015 DIPARTIMENTO DISEGNO E STORIA DELL ARTE Anno scolastico 2014-2015 Docenti: Prof.ssa Rosa BERTIERO Prof.ssa Donatella CARPINTIERI Prof.ssa Daniela CASAVECCHIA Prof. Salvatore PICCIOLO Prof.ssa VIOLA Dopo

Dettagli

Linguistica. Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016. Indirizzo: Professionale Servizi commerciali Classe: Quarte. Unità di Apprendimento N.

Linguistica. Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016. Indirizzo: Professionale Servizi commerciali Classe: Quarte. Unità di Apprendimento N. Istituto Statale Istruzione Superiore E U R O P A Via Fiuggi, 14-80038 - Pomigliano d'arco - NA Tel +39 081 19668187 Http://www.isiseuropa.gov.it - Email: info@isiseuropa.gov.it Programmazione Didattico-Curriculare

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola Polo Liceale Orbetello. INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola Polo Liceale Orbetello INDIRIZZO :Scientifico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Fisica DOCENTE: Lucia Serpico CLASSE 1 A Obiettivi

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016 Tecnico-Grafico Classe Quarta

Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016 Tecnico-Grafico Classe Quarta Istituto Statale Istruzione Superiore E U R O P A Via Fiuggi, 14-80038 - Pomigliano d'arco - NA Tel +39 081 19668187 Http://www.isiseuropa.gov.it - Email: info@isiseuropa.gov.it Programmazione Didattico-Curriculare

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016 Tecnico-Grafico Classe Terza

Programmazione Didattico-Curriculare 2015/2016 Tecnico-Grafico Classe Terza Istituto Statale Istruzione Superiore E U R O P A Via Fiuggi, 14-80038 - Pomigliano d'arco - NA Tel +39 081 19668187 Http://www.isiseuropa.gov.it - Email: info@isiseuropa.gov.it Programmazione Didattico-Curriculare

Dettagli

ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona 5CTG

ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona 5CTG ISISS Carlo Anti Villafranca di Verona DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ESAME DI MATURITÀ 2007 5CTG INDIRIZZO GRAFICO PUBBLICITARIO Durata degli studi Triennale o quinquennale Titolo conseguito Triennale

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

A.S. 2014/2015. 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero in itinere e una verifica

A.S. 2014/2015. 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero in itinere e una verifica A.S. 2014/2015 AMBITO: STORIA MATERIA: TECNICHE DI COMUNICAZIONE L AMBITO DISCIPLINARE STABILISCE CHE: 1. I docenti prevedono un congruo numero di ore per il recupero in itinere e una verifica finale che

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING 1 di 6 26/01/2015 10.43 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO TECNICO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO DISCIPLINA: Diritto/Economia DOCENTI:Giuliano

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

Rappresentano le finalità educative di ogni disciplina

Rappresentano le finalità educative di ogni disciplina Il documento di valutazione o pagella Nella pagella che viene consegnata alle famiglie alla fine del primo e del secondo quadrimestre, sono specificati tre parametri, che indicano i passaggi fondamentale

Dettagli

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1

Griglie di Verifica e Valutazione a.s. 2012-2013 Pag. 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE ORALI (0/0) Conoscenze Colloquio Descrittori Punteggio Punteggio assegnato Completi ed approfonditi Contenuti (max punti) Precisi, Organizzati Appropriati, Essenziali

Dettagli

3 I.P.S.S.A.R. DI ADRIA MODULI DIDATTICI QUINTO ANNO ANNO SCOLASTICO

3 I.P.S.S.A.R. DI ADRIA MODULI DIDATTICI QUINTO ANNO ANNO SCOLASTICO 3 I.P.S.S.A.R. DI ADRIA MODULI DIDATTICI QUINTO ANNO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 1 PROGRAMMAZIONEMODULI DIDATTICI CLASSE QUINTA INDICE Area comune PAG. Italiano 3 Storia 10 Matematica 17 DTA 18 Educazione

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi

Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi 12 Picasso. Capolavori dal Museo Nazionale di Parigi 10 8 6 4 Colonna 1 Colonna 2 Colonna 3 2 0 Riga 1 Riga 2 Riga 3 Riga 4 Picasso Reale: Milano come Parigi Il Musée National Picasso di Parigi, attualmente

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE

Dipartimento di Lingua e Civiltà INGLESE MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE L. MANARA 00152 ROMA VIA BASILIO BRICCI, 4 Fax 06/67663900Tel. 06/121127825 XXIV

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO ISTITUTO PROFESSIONALE PER IL COMMERCIO OPERATORE DELLA GESTIONE AZIENDALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE INDIRIZZO INFORMATICO Il docente di Tecniche professionali dei servizi commerciali concorre a

Dettagli