SETTORE SERVIZI SOCIALI E AL CITTADINO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SETTORE SERVIZI SOCIALI E AL CITTADINO"

Transcript

1 Allegato alla deliberazione G.C. n. 88 del ALLEGATO SUB C) CENTRO DI RESPONSABILITA SETTORE SERVIZI SOCIALI E AL CITTADINO RESPONSABILE Dott.ssa Boccarossa Mara Dott.ssa Fiammetta PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE

2 PROGETTI CENTRO DI RESPONSABILITA : SETTORE SERVIZI SOCIALI E AL CITTADINO RESPONSABILE: Dott.ssa Mara Boccarossa - Dott.ssa Fiammetta PROGETTI OBIETTIVI COD. DENOMINAZIONE I SEM. II SEM. 1 RIORGANIZZAZIONE INTERNA PER LE ATTIVITA X X AMMINISTRATIVE 2 POTENZIAMENTO DELLE AZIONI INTEGRATE X X CON LE ASSOCIAZIONI PRESENTI SUL TERRITORIO E L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE E.FERMI PER LE ATTIVITA CULTURALI ED EDUCATIVE 3 AGGIORNAMENTO PERCORSI SCUOLABUS X X RISORSE UMANE DESCRIZIONE CATEGORIE NOTE A B C D Personale di ruolo a tempo pieno NOTE 1 - Cat. B: 2 cuochi B7 1 cuoco B5-1 autista scuolabus B7 2 autisti scuolabus B3 2 - Cat. C: 2 amministrativi C2 1 amministrativo C4 3 - Cat. D:

3 CENTRO DI RESPONSABILITA : SETTORE SERVIZI SOCIALI E AL CITTADINO CODICE 1 DESCRIZIONE RIORGANIZZAZIONE INTERNA PER LE ATTIVITA AMMINISTRATIVE La diversificazione delle competenze amministrative del Settore e l esigua disponibilità delle risorse umane assegnate, impongono la necessità di ripartire le attività amministrative al fine di distribuire in maniera equilibrata i carichi di lavoro ed ottimizzare le risposte ai cittadini. Si precisa che il servizio sociale professionale è svolto da un assistente sociale mediante convenzione con cooperativa sociale per n. 20 ore settimanali e che alla stessa, per l esiguità delle ore settimanali, non possono essere assegnate anche attività inerenti le procedure di erogazione di contributi su criteri standard definiti con Leggi regionali e statali, ma solo attività specifiche di aiuto sociale professionale. SCADENZA INDICATORE DI Ripartizione dei carichi di lavoro garantendo il rispetto dei termini per i RISULTATO procedimenti amministrativi e il mantenimento degli orari di apertura al pubblico AZIONI DESCRIZIONE SCADENZA RESPONSABILE PERSONALE COINVOLTO 1. analisi delle competenze e dei carichi di lavoro di ogni dipendente 2. proposta condivisa con i dipendenti di un piano di ripartizione delle competenze e applicazione del nuovo assetto come periodo di prova 3. definizione della ripartizione delle attività mediante determina finale di organizzazione interna del Settore DAL 01/04/ AL 31/10/ 10/11/ 31/12/ Boccarossa e Simoncini Lorena C4 Serfilippi Lucia C2 Sorcinelli Mariella C2 RISORSE SPECIFICHE Investimenti Natura finanziamento Il progetto non ha nessun costo se non quello relativo al tempo lavorativo ordinario utilizzato dalle Responsabili del Settore e dal personale coinvolto Nessuno Risorse di Bilancio

4 CENTRO DI RESPONSABILITA : SETTORE SERVIZI SOCIALI E AL CITTADINO CODICE 2 DESCRIZIONE POTENZIAMENTO DELLE AZIONI INTEGRATE CON LE ASSOCIAZIONI PRESENTI SUL TERRITORIO E L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE E.FERMI PER LE ATTIVITA CULTURALI ED EDUCATIVE: Il presente obiettivo è volto ad ottimizzare la collaborazione che da alcuni anni l Amministrazione Comunale ha attivato con le scuole, la Pro Loco e le associazioni presenti sul territorio per la realizzazione degli eventi e delle manifestazioni culturali, turistiche ed educative. L obiettivo si configura come intersettoriale in quanto nella realizzazione degli eventi e delle manifestazioni il Settore Servizi Sociali e al Cittadino si avvale della collaborazione degli uffici comunali quali l ufficio tecnico, commercio e della Polizia municipale. SCADENZA INDICATORE DI N. DI EVENTI realizzati con la partecipazione attiva delle scuole e RISULTATO delle Associazioni locali AZIONI DESCRIZIONE SCADENZA RESPONSABILE PERSONALE COINVOLTO Funzionamento di un tavolo tecnico per la programmazione e la realizzazione degli eventi e delle manifestazioni composto da referenti del Comune, dell Istituzione scolastica e della Pro loco Partecipazione attiva degli alunni della scuola dell infanzia nell edizione invernale della Sagra della Polenta. Definizione di un accordo con la Pro Loco per la gestione del servizio di informazione accompagnamento turistico Progetto educazione alimentare nelle scuole dell infanzia sano come un pesce con preparazione di pasti a base di pesce dell adriatico. L inserimento nella dieta dei bambini della Scuola dell Infanzia di San Costanzo Capoluogo e Cerasa del pesce fresco è stato accompagnato, in itinere, da un percorso educativo collegato all alimentazione, con il coinvolgimento attivo delle famiglie. Progetto corale Musicalmente con gli alunni della scuola primaria in collaborazione con l Associazione Da Gennaio a dicembre Boccarossa Sorcinelli Mariella Marzo Boccarossa Sorcinelli Mariella Aprile Boccarossa Sorcinelli Mariella Gennaio Giugno Boccarossa Sorcinelli Mariella Cuochi : Pascucci Maurizio B7 Giuliani Marco B5 CamillonI Lucia B7 Giugno Boccarossa Sorcinelli Mariella

5 Gaudium Vocis Progetto di accoglienza agli alunni delle prime classi della scuola secondaria di primo grado presso il museo di palazzo Cassi AS -2015in collaborazione con la Pro loco e l Auser Filo d Argento Partecipazione attiva degli alunni delle scuole primarie e secondarie di I grado per la VI edizione del mercatino natalizio in collaborazione con la Pro Loco Settembre Dicembre Sorcinelli Mariella Cuochi : Pascucci Maurizio B7 Giuliani Marco B5 CamillonI Lucia B Lucia Serfilippi per la parte amministrativa Investimenti Natura finanziamento fondi propri di bilancio il progetto corale è stato ammesso con Delibera Giunta Provinciale n. 256/2013 ed è finanziato con fondi della Regione Marche ai sensi della LR 21/92 il progetto sano come un pesce finanziamento Regione Marche ai sensi della DGR 512/2013 RISORSE SPECIFICHE Nessuno Risorse di Bilancio Per i concerti e per il mercatino natalizio

6 CODICE 3 DESCRIZIONE AGGIORNAMENTO PERCORSI SCUOLABUS All inizio di ogni anno scolastico in riferimento è prevista la distribuzione e la raccolta delle richieste per il servizio oltre alla definizione dei percorsi. I tragitti assegnati ai tre scuolabus in dotazione vengono determinati dagli autisti i quali sulla base delle richieste ed in corrispondenza alle zone abitative delle stesse definiscono i percorsi e gli orari di raccolta degli alunni. Si precisa che il territorio comunale è molto vasto con zone a bassa intensità di popolazione. SCADENZA INDICATORE DI Realizzazione delle azioni RISULTATO AZIONI DESCRIZIONE SCADENZA RESPONSABILE PERSONALE COINVOLTO Raccolta delle domande per il servizio scuolabus Elenco degli alunni con riferimento agli indirizzi, ai dati relativi gli esercenti la patria potestà o/e delegati dagli stessi Redazione di percorsi e di itinerari per garantire a tutti gli alunni l arrivo a scuola in orario Aggiornamento dell elenco e relativa modifica dei percorsi al fine di assicurare l arrivo a scuola in orario Entro il 20 settembre Entro il 31/10/ Entro 31/10/ 31/12/ Fiammetta Sonnate Virginio B7 Mattioli Franco B3 Andreoni Matteo B 3 RISORSE SPECIFICHE Investimenti nessuno Natura finanziamento Risorse di Bilancio fondi comunali Capitolo n. 3410/0

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Tabella 1 Circoli didattici, scuole secondarie di I grado e istituti comprensivi di scuola dell infanzia, primaria e secondaria di I grado Numero alunni Assistenti Amministrativi Fino a 300 1 400 2 500

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione Generale per il personale scolastico Allegato: Tabella 1 Organico di istituto personale ATA anno scolastico 2011/2012- Circoli didattici, scuole secondarie di I grado e istituti comprensivi di scuola dell infanzia, primaria e secondaria di

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 1 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 1 del 124 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 1 del 3-1-2017 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 novembre 2016, n. 1913 VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2016 E PLURIENNALE 2016-2018 AI SENSI

Dettagli

CONVENZIONE PER L ACQUISTO DI MATERIALE DI CONSUMO E L ORGANIZZAZIONE DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE

CONVENZIONE PER L ACQUISTO DI MATERIALE DI CONSUMO E L ORGANIZZAZIONE DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE CONVENZIONE PER L ACQUISTO DI MATERIALE DI CONSUMO E L ORGANIZZAZIONE DEI VIAGGI DI ISTRUZIONE L anno Duemilanove addì 16 (sedici) del mese di Febbraio, in Ponte di Piave nella sede municipale, sono comparsi:

Dettagli

Allegato 1 alla nota dell Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna prot. n.xxxx del xx/xx/xxxx.

Allegato 1 alla nota dell Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna prot. n.xxxx del xx/xx/xxxx. Allegato 1 alla nota dell Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna prot. n.xxxx del xx/xx/xxxx. Relazione di sintesi delle iniziative di educazione stradale attivate nell anno scolastico 2012-2013.

Dettagli

Ufficio Politiche Abitative e Lavori Pubblici

Ufficio Politiche Abitative e Lavori Pubblici Ufficio Politiche Abitative e Lavori Pubblici OBIETTIVO ANNUALE 2011 analisi critica dell anagrafe dell edilizia scolastica e quadro sintetico dello stato di fatto dell utilizzo del patrimonio scolastico

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Educative, Piano Locale Giovani, Istruzione e Sport DIRETTORE TONINELLI DOTT.SSA SILVIA Numero di registro Data dell'atto 26 18/01/2016 Oggetto

Dettagli

AL MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per le libertà civili e l immigrazione Direzione centrale dei servizi civili per l immigrazione e l asilo

AL MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per le libertà civili e l immigrazione Direzione centrale dei servizi civili per l immigrazione e l asilo ALLEGATO 6 MODELLO DI DOMANDA DI CONTRIBUTO RELATIVA ALLA RIPARTIZIONE DELLE RISORSE ISCRITTE NEL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL ASILO, DI CUI ALL ART. 1 SEXIES E 1 SEPTIES DEL DECRETO

Dettagli

Situazione degli alunni diversamente abili nelle scuole della provincia di Biella

Situazione degli alunni diversamente abili nelle scuole della provincia di Biella Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Provinciale di Biella Situazione degli alunni diversamente abili nelle scuole della provincia di Biella Biella, 17 maggio 2007 Intervento di Piergiogio

Dettagli

MANOVRA di BILANCIO ATTUATA DALLA SCUOLA PER L ANNO FINANZIARIO 2016 E N T R A T E. Le fonti di finanziamento sono raggruppate in otto aggregazioni:

MANOVRA di BILANCIO ATTUATA DALLA SCUOLA PER L ANNO FINANZIARIO 2016 E N T R A T E. Le fonti di finanziamento sono raggruppate in otto aggregazioni: ISTITUTO COMPRENSIVO di LOREO Scuola Infanzia, Primaria, Secondaria dei Comuni di Loreo e Rosolina Viale Stazione, 14 tel. 0426/336224 334649 fax 336413 e-mail dsga-ic-loreo@multilinkitalia.it C.F. 90009730293

Dettagli

PIANO DI ZONA TRIENNIO

PIANO DI ZONA TRIENNIO PIANO DI ZONA TRIENNIO 2012 2014 ANNUALITÀ 2012 SALVATAGGIO Progetto a termine scadenza maggio 2012 PIANO DI ZONA 2012-2014 Annualità 2012 1. Titolo del progetto 1 SALVATAGGIO 3 2. Nuovo progetto - No

Dettagli

Scheda per la redazione del Progetto

Scheda per la redazione del Progetto ALLEGATO A Scheda per la redazione del Progetto 1. RIFERIMENTI Ambito territoriale: n. 17 SAN SEVERINO MARCHE / MATELICA Referente territoriale per i servizi di sostegno alla famiglia: Cognome Valeriani

Dettagli

IL PERCORSO DI LAVORO - AREA INFANZIA - ZONA VALDARNO INFERIORE

IL PERCORSO DI LAVORO - AREA INFANZIA - ZONA VALDARNO INFERIORE IL PERCORSO DI LAVORO - AREA INFANZIA - ZONA VALDARNO INFERIORE Gloria Tognetti & Barbara Pagni Coordinamento Gestionale e Pedagogico Zonale del Valdarno Inferiore La Conferenza, in raccordo agli indirizzi

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO Circolo Didattico DIR. DID. STAT.

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale LAZIO Circolo Didattico DIR. DID. STAT. Ministero dell'istru, dell'universita' e della Ricerca A 01 Funzionamento amministrativo generale Aggr. Descri 01 Avanzo di amministra presunto 16.925,38 7.582,00 24.507,38 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

Dettagli

PEGP 2015 SCHEDA DEFINIZIONE OBIETTIVI PEGP Centro di Responsabilità: 1 SETTORE OPERATIVO - Area Servizi al cittadino

PEGP 2015 SCHEDA DEFINIZIONE OBIETTIVI PEGP Centro di Responsabilità: 1 SETTORE OPERATIVO - Area Servizi al cittadino C O M U N E D I MONTE SAN VITO (Provincia di Ancona) PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE E DELLA PERFORMANCE - PEGP SCHEDA DEFINIZIONE OBIETTIVI PEGP 201 PEGP 201 Centro di Responsabilità: 1 SETTORE OPERATIVO

Dettagli

AL MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per le libertà civili e l immigrazione Direzione centrale dei servizi civili per l immigrazione e l asilo

AL MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento per le libertà civili e l immigrazione Direzione centrale dei servizi civili per l immigrazione e l asilo ALLEGATO B MODELLO DI DOMANDA DI CONTRIBUTO RELATIVA ALLA RIPARTIZIONE DELLE RISORSE ISCRITTE NEL FONDO NAZIONALE PER LE POLITICHE E I SERVIZI DELL ASILO, DI CUI ALL ART. 1 SEXIES E 1 SEPTIES DEL DECRETO

Dettagli

Comunità Montana di Camerino

Comunità Montana di Camerino Comunità Montana di Camerino Ambito Sociale XVIII - Camerino ALLEGATO 1 Scheda per la redazione del Programma di attuazione dei servizi per l infanzia, adolescenza e di sostegno alla famiglia (ex L.R.

Dettagli

A relazione del Vicepresidente Reschigna:

A relazione del Vicepresidente Reschigna: REGIONE PIEMONTE BU26 30/06/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 6 giugno 2016, n. 4-3404 Variazione al Bilancio di previsione finanziario 2016-2018. Iscrizione di fondi statali per la gestione, la

Dettagli

art. 3 individuazione aree intervento modalità di presentazione delle domande criteri e modalità di riparto rendicontazione entrata in vigore

art. 3 individuazione aree intervento modalità di presentazione delle domande criteri e modalità di riparto rendicontazione entrata in vigore Regolamento per la determinazione per l anno 2015 dei criteri di riparto e delle modalità di utilizzo della quota di cui all articolo 39, comma 2, della legge regionale 31 marzo 2006, n. 6 (Sistema integrato

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento

Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento Determinazione del Dirigente del Servizio Istruzione e Orientamento N. 3-6258 / 2016 Oggetto: Piano annuale per il diritto allo studio di cui alla L.R. 28/2007. Interventi straordinari rivolti a studenti

Dettagli

RISORSE PROFESSIONALI:

RISORSE PROFESSIONALI: RISORSE PROFESSIONALI: Quantità e qualità del personale della scuola (conoscenze e competenze disponibili) Dal RAV: - La percentuale di docenti a tempo indeterminato in servizio nei tre ordini di scuola

Dettagli

DECRETO N Del 20/02/2017

DECRETO N Del 20/02/2017 DECRETO N. 1716 Del 20/02/2017 Identificativo Atto n. 129 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto INTERVENTI A FAVORE DEL PATRIMONIO SCOLASTICO FINANZIABILI CON IL FONDO EDILIZIA SCOLASTICA

Dettagli

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2014 06857/007 Area Servizi Educativi Servizio Sistema Educativo Integrato 0-6 anni

Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2014 06857/007 Area Servizi Educativi Servizio Sistema Educativo Integrato 0-6 anni Direzione Cultura, Educazione e Gioventù 2014 06857/007 Area Servizi Educativi Servizio Sistema Educativo Integrato 0-6 anni CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 238 approvata il

Dettagli

LIVEAS Assistenza Domiciliare e Altro - Progetti di prevenzione

LIVEAS Assistenza Domiciliare e Altro - Progetti di prevenzione DIRITTI DEI BAMBINI E DOVERI DEGLI ADULTI 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia LIVEAS Assistenza

Dettagli

PIANO DETTAGLIATO DELLE PERFORMANCE PERIODO 1/01/ /12/2013

PIANO DETTAGLIATO DELLE PERFORMANCE PERIODO 1/01/ /12/2013 C O M U N E D I S U V E R E T O Provincia di Livorno AREA SVILUPPO ECONOMICO E CULTURALE Responsabile FIORENZA BATTISTINI PIANO DETTAGLIATO DELLE PERFORMANCE PERIODO 1/01/2011 31/12/2013 ARTICOLAZIONE

Dettagli

A. Rilevazione dei BES presenti: n. minorati udito 1 DSA 4. Altro 5. Disagio comportamentale/relazionale 1. Linguistico culturale 19.

A. Rilevazione dei BES presenti: n. minorati udito 1 DSA 4. Altro 5. Disagio comportamentale/relazionale 1. Linguistico culturale 19. PRIMARIA PARITARIA CASA EDUCAZIONE E LAVORO a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Allegato del POF Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n disabilità

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA NELL ANNO SCOLASTICO 2007/2008

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA NELL ANNO SCOLASTICO 2007/2008 COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA NELL ANNO SCOLASTICO 2007/2008 RELAZIONE ATTIVITA SVOLTA ANNO SCOLASTICO

Dettagli

PROCESSO DI BUDGET 2016

PROCESSO DI BUDGET 2016 PROCESSO DI BUDGET 2016 PROCESSO DI BUDGET 2016 DIREZIONE AZIENDALE DIREZIONE AZIEDALE - COMITATO BUDGET - OIV - CDG PROGRAMMAZIONE STATO/REGIONE FLUSSO PROCESSO DI BUDGET - IPOTESI PROCESSO DI BUDGET

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg. delib. n. 2030 Prot. n. 23/2016-D VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: Finanziamento per il sostegno alla prosecuzione dei progetti "Classe bilingue"

Dettagli

COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI BIBBIANO Provincia di Reggio Emilia DETERMINAZIONE N. 106 DEL 14 SETTEMBRE 2013 SERVIZIO 4 / SCUOLA, CULTURA, SICUREZZA SOCIALE UFFICIO SCUOLA OGGETTO: INTERVENTI A SOSTEGNO DI ALUNNI DISABILI

Dettagli

REGIONE TOSCANA MASI MARCO. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA MASI MARCO. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO EDUCAZIONE, ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA Il Dirigente Responsabile: MASI MARCO

Dettagli

CITTÀ DI MONCALIERI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

CITTÀ DI MONCALIERI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI MONCALIERI VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 381 / 2017 Fascicolo 2017 9.11.1/4 Uff. UFFICIO ISTRUZIONE OGGETTO: APPROVAZIONE ACCORDO TRA COMUNE DI MONCALIERI E ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD I BRESCIA Codice fiscale :

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD I BRESCIA Codice fiscale : SEZIONE 1 DESCRITTIVA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD I BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2012/2013 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA 1.1 DENOMINAZIONE PROGETTO Indicare Codice

Dettagli

L.R. 41/1996, art. 20 B.U.R. 27/12/2013, n. 52

L.R. 41/1996, art. 20 B.U.R. 27/12/2013, n. 52 L.R. 41/1996, art. 20 B.U.R. 27/12/2013, n. 52 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 13 dicembre 2013, n. 0238/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione dei contributi per la realizzazione

Dettagli

Città di Cesano Maderno

Città di Cesano Maderno AREA SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE n. 29/D Del 27.02.2014 OGGETTO: CONSOLIDAMENTO PROGETTO SPERIMENTALE SERVIZIO TUTELA MINORI D AMBITO CON ASSISTENTE SOCIALE (LSF19)

Dettagli

DETERMINAZIONE PROT. N REP. 512 DEL

DETERMINAZIONE PROT. N REP. 512 DEL Direzione Generale della Pubblica Istruzione Servizio Istruzione DETERMINAZIONE PROT. N. 12613 REP. 512 DEL 11.11.205 Oggetto: L.R. 25.6.1984, n. 31 - L.R. 9.3.2015, n. 6 - art. 27 L. 23.12.1998, n. 448

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 29/12/2015 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 29/12/

Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 29/12/2015 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 29/12/ Bollettino Ufficiale n. 52/I-II del 29/12/2015 / Amtsblatt Nr. 52/I-II vom 29/12/2015 0078 103979 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2015 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

Dettagli

A SCUOLA DI INNOVAZIONE 383 MILIONI DI EURO PER PIÙ QUALITÀ E INNOVAZIONE PER GLI STUDENTI LOMBARDI

A SCUOLA DI INNOVAZIONE 383 MILIONI DI EURO PER PIÙ QUALITÀ E INNOVAZIONE PER GLI STUDENTI LOMBARDI A SCUOLA DI INNOVAZIONE 383 MILIONI DI EURO PER PIÙ QUALITÀ E INNOVAZIONE PER GLI STUDENTI LOMBARDI 383 MILIONI DI EURO PER LE DOTI E INNOVAZIONE A SCUOLA Regione Lombardia ha stanziato 383 milioni di

Dettagli

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE QUALITA DELLA VITA, BENI ED ATTIVITA CULTURALI, SICUREZZA E PROMOZIONE SOCIALE

REGIONE ABRUZZO DIREZIONE QUALITA DELLA VITA, BENI ED ATTIVITA CULTURALI, SICUREZZA E PROMOZIONE SOCIALE Allegato A) REGIONE ABRUZZO DIREZIONE QUALITA DELLA VITA, BENI ED ATTIVITA CULTURALI, SICUREZZA E PROMOZIONE SOCIALE PROGRAMMA TRIENNALE REGIONALE DI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO

Dettagli

01/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 70. Regione Lazio

01/09/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 70. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 12 agosto 2016, n. G09444 Approvazione convenzione a titolo gratuito, tra la Regione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale MARCHE ISTITUTO COMPRENSIVO FALCONARA RAFFAELLO SANZIO

Ministero dell'istruzione, dell'universita' e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale MARCHE ISTITUTO COMPRENSIVO FALCONARA RAFFAELLO SANZIO A 1 Funzionamento amministrativo generale A 2 Funzionamento didattico generale P 1 CONTINUITA' - DIARIO A PIU' MANI ENTRATE Num DATA S.voce * Oggetto Importo 87 21/06/2014 5 2 0 F ULTERIORI QUOTE DIARIO

Dettagli

PEG Piano Esecutivo di Gestione. Anno FUNZIONE ASSOCIATA SERVIZIO ISTRUZIONE Responsabile: Sig.ra Bonfanti Pinuccia

PEG Piano Esecutivo di Gestione. Anno FUNZIONE ASSOCIATA SERVIZIO ISTRUZIONE Responsabile: Sig.ra Bonfanti Pinuccia PEG Piano Esecutivo di Gestione Anno 205 FUNZIONE ASSOCIATA SERVIZIO ISTRUZIONE Responsabile: Sig.ra Bonfanti Pinuccia Risorse umane assegnate alla Funzione Associata istruzione PROFILO UFFICIO POSTI RICOPERTI

Dettagli

AMBITO SOCIALE N30. Comuni di TORRE ANNUNZIATA BOSCOREALE - BOSCOTRECASE TRECASE COMUNE CAPOFILA TORRE ANNUNZIATA

AMBITO SOCIALE N30. Comuni di TORRE ANNUNZIATA BOSCOREALE - BOSCOTRECASE TRECASE COMUNE CAPOFILA TORRE ANNUNZIATA Regolamento del Servizio Sociale Professionale Ambito N30 Art.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO In conformità del quadro normativo definito dalla legge 328/2000, della legge regionale 11/2007 (art. 5 comma 1 lettera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ELLERA ANNO SCOLASTICO

ISTITUTO COMPRENSIVO ELLERA ANNO SCOLASTICO ISTITUTO COMPRENSIVO ELLERA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 INCONTRI PER LA PROGRAMMAZIONE SETTIMANALE - SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 TUTTI I GIOVEDI DALLE ORE 16.00 ALLE ORE 18.00 SETTEMBRE 17-24

Dettagli

COMUNE DI MASCALUCIA PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI MASCALUCIA PROVINCIA DI CATANIA COMUNE DI MASCALUCIA PROVINCIA DI CATANIA Oggetto: Appalto relativo al servizio di refezione scolastica a favore dei minori frequentanti le scuole primarie del Comune di Mascalucia. Anno 2013. VERBALE

Dettagli

I CENTRI DI ALFABETIZZAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE Inserimento scolastico e inclusione sociale

I CENTRI DI ALFABETIZZAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE Inserimento scolastico e inclusione sociale Seminario su Politiche locali e interventi di inclusione sociale Roma, 30 settembre 2009 LA RETE DEI CENTRI DI ALFABETIZZAZIONE 2000-2009 Dalla sperimentazione come risposta all emergenza a progetto di

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE 00000147 del 31/01/2017 OGGETTO: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE ASL CN1 S.C. SERVIZIO IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELLA NUTRIZIONE LEGGE N. 123/2005 PROTEZIONE

Dettagli

Pag. 1 di 15 All. RIFERIMENTO: 0000--

Pag. 1 di 15 All. RIFERIMENTO: 0000-- Pag. 1 di 15 All. RIFERIMENTO: 0000-- PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO UNIVERSITÀ E RICERCA SCIENTIFICA (S116) MASSIMARIO DI SELEZIONE E SCARTO SOTTOCLASSE 1 SOTTOCLASSE 2 SOTTOCLASSE 3 SOTTOCLASSE

Dettagli

( L.R. 8 agosto 2001, n. 26 e L.R. 30 giugno 2003, n. 12) Allegato A al Decreto del Presidente della Provincia di Rimini n. 73 del 16/09/2016. Pag.

( L.R. 8 agosto 2001, n. 26 e L.R. 30 giugno 2003, n. 12) Allegato A al Decreto del Presidente della Provincia di Rimini n. 73 del 16/09/2016. Pag. PROGRAMMA PROVINCIALE PER GLI INTERVENTI DI QUALIFICAZIONE DELLE SCUOLE DELL'INFANZIA DEL SISTEMA NAZIONALE DI ISTRUZIONE E DEGLI ENTI LOCALI NONCHÉ PER LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DELLA PROPOSTA EDUCATIVA

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O DETERMINAZIONE N. 1510 DEL 31-12-2015 PROPOSTA N. PRDT - 1644-2015 DEL 11-12-2015 OGGETTO: Convenzione con gli Istituti Comprensivi Conegliano 1, 2 e 3 per l esercizio delle funzioni miste a.s. 2015/2016

Dettagli

Modulo di domanda - Allegato 1 - Bando per la realizzazione di progetti di educazione all ambiente da parte dei CEAS non accreditati.

Modulo di domanda - Allegato 1 - Bando per la realizzazione di progetti di educazione all ambiente da parte dei CEAS non accreditati. Modulo di Domanda Allegato 1 ASSESSORADU DE SA DEFENSA DE S AMBIENTE ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Modulo di domanda - Allegato 1 - Bando per la realizzazione di progetti di educazione all ambiente

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 50 del 17 agosto Atti della Regione PARTE I

BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE CAMPANIA n. 50 del 17 agosto Atti della Regione PARTE I A.G.C. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo - Deliberazione n. 1317 del 31 luglio 2009 Organizzazione dei Servizi di Segretariato sociale e Porta Unica di Accesso-

Dettagli

DGR 1702/2011 Protocollo d Intesa sottoscritto in data tra REGIONE PUGLIA e UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PUGLIA

DGR 1702/2011 Protocollo d Intesa sottoscritto in data tra REGIONE PUGLIA e UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PUGLIA DGR 1702/2011 Protocollo d Intesa sottoscritto in data 31.8.2011 tra REGIONE PUGLIA e UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PUGLIA per favorire iniziative e progetti di qualità atti a rendere sistematica l attività

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI

ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI Via Varsavia, 5 00055 LADISPOLI (RM) Tel. Segr. Amm.va 06/99220826

Dettagli

COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari

COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari DETERMINA SERVIZIO Cultura e P.I. COPIA N.27 DEL 30-12-2016 Ufficio: CULTURA E PUBBLICA ISTRUZIONE Oggetto: Approvazione graduatoria provvisoria sostegno allo diritto

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Piano dell offerta scolastica e formativa a.s. 2016/17. Incontri sul territorio Valle dei Laghi

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO. Piano dell offerta scolastica e formativa a.s. 2016/17. Incontri sul territorio Valle dei Laghi PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Piano dell offerta scolastica e formativa a.s. 2016/17 Incontri sul territorio Valle dei Laghi Le priorità di questa legislatura rispetto alla scuola Questa legislatura mette

Dettagli

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE

DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DIRITTI DI CITTADINANZA E COESIONE SOCIALE AREA DI COORDINAMENTO POLITICHE DI SOLIDARIETA' SOCIALE E INTEGRAZIONE SOCIO-SANITARIA SETTORE TUTELA DEI MINORI, CONSUMATORI

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU20 15/05/2014

REGIONE PIEMONTE BU20 15/05/2014 REGIONE PIEMONTE BU20 15/05/2014 Codice DB1514 D.D. 2 aprile 2014, n. 179 DD.GG.RR. n. 6-4529 del 10/09/2012, n. 6-5303 del 05/02/2013 - Bando 2013 Scuola Digitale - Azione cl@ssi 2.0. Assegnazione contributo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIV0 S. PERTINI Via Duchessa di Galliera 2 OVADA

ISTITUTO COMPRENSIV0 S. PERTINI Via Duchessa di Galliera 2 OVADA ISTITUTO COMPRENSIV0 S. PERTINI Via Duchessa di Galliera 2 OVADA ISTITUTO COMPRENSIVO S. PERTINI di OVADA Relazione Illustrativa della Giunta Esecutiva La presente relazione viene presentata al Consiglio

Dettagli

OGGETTO : NUCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI DELLA REGIONE LIGURIA. ADEGUAMENTO STRUTTURA E COMPETENZE. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO : NUCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI DELLA REGIONE LIGURIA. ADEGUAMENTO STRUTTURA E COMPETENZE. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO : NUCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI INVESTIMENTI PUBBLICI DELLA REGIONE LIGURIA. ADEGUAMENTO STRUTTURA E COMPETENZE. N. 363 IN 23/04/2004 LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA

Dettagli

Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia

Norme per la protezione dei soggetti malati di celiachia Legge 123 del 4 luglio 25 Legge 123 del 4 luglio 25 Direzione Generale sicurezza degli alimenti e nutrizione PROTEZIONI SOGGETTI AFFETTI DA CELIACHIA Legge 123 del 4 luglio 25 EROGAZIONE GRATUITA DEGLI

Dettagli

Istruzione. COMUNE della CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE. Il Dirigente L Assessore Dott.ssa Barbara Marangotto Prof.ssa Erminia Bongiorno

Istruzione. COMUNE della CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE. Il Dirigente L Assessore Dott.ssa Barbara Marangotto Prof.ssa Erminia Bongiorno COMUNE della CITTÀ di CASTIGLIONE delle STIVIERE Provincia di Mantova Piano Esecutivo di Gestione 2011/2013 *** Istruzione Il Dirigente L Assessore Dott.ssa Barbara Marangotto Prof.ssa Erminia Bongiorno

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cerutti: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU6S1 11/02/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 25 gennaio 2016, n. 12-2827 Intesa Fondo Nazionale Politiche Giovanili del 07/05/2015 e s.m.i.. Modifica ed integrazione della D.G.R.

Dettagli

PROVINCIA DI FERRARA CENTRO IMPIEGO DI FERRARA E COOR. POL.ATT. LAVORO

PROVINCIA DI FERRARA CENTRO IMPIEGO DI FERRARA E COOR. POL.ATT. LAVORO PROVINCIA DI FERRARA CENTRO IMPIEGO DI FERRARA E COOR. POL.ATT. LAVORO DETERMINAZIONE Determ. n. 10811 del 03/12/2013 Oggetto: FONDO NAZIONALE DISABILI ART. 13 LEGGE 68/99 ANNO 2011 CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO

Dettagli

COMUNE DI MONDOVI Provincia di Cuneo Dipartimento Istruzione Cultura Sport Assistenza Tempo Libero

COMUNE DI MONDOVI Provincia di Cuneo Dipartimento Istruzione Cultura Sport Assistenza Tempo Libero COMUNE DI MONDOVI Provincia di Cuneo Dipartimento Istruzione Cultura Sport Assistenza Tempo Libero ALLEGATO A) PROGETTO PER L AFFIDAMENTO IN APPALTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE. Determ. n del 20/10/2015

DETERMINAZIONE. Determ. n del 20/10/2015 PROVINCIA DI FERRARA SETTORE POLITICHE DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, ATTIVITA' PRODUTTIVE, INFANZIA E PUBBLICA ISTRUZIONE, POLITICHE SOCIALI E SANITA', POLITICHE CULTURALI DETERMINAZIONE Determ.

Dettagli

A relazione dell'assessore Cirio: Visti:

A relazione dell'assessore Cirio: Visti: REGIONE PIEMONTE BU3 19/01/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2011, n. 60-3247 Approvazione nuovi indirizzi formativi di istruzione secondaria di secondo grado delle autonomie scolastiche

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale

Regione Siciliana Assessorato dell'istruzione e della formazione professionale Dipartimento dell'istruzione e della formazione professionale Il Dirigente Generale Servizio II Programmazione per gli interventi in materia di istruzione scolastica, universitaria e post universitaria Oggetto: impegno della somma complessiva di euro 1.371.705,73

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Fratelli Bandiera San Giovanni in Fiore (CS)

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Fratelli Bandiera San Giovanni in Fiore (CS) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Fratelli Bandiera 87055 San Giovanni in Fiore (CS) Con L Europa, investiamo nel vostro futuro Prot. n 3970/A/22/FSE San Giovanni in Fiore, lì 18-11-2013 Oggetto: Progetto PON

Dettagli

PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA

PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA PATTO DI ACCOGLIENZA FINALITA Il Patto di Accoglienza è un documento destinato all integrazione degli alunni disabili all interno del nostro Istituto. Contiene criteri, principi e indicazioni riguardanti

Dettagli

7. Descrizione delle attività e delle prestazioni erogate dal servizio

7. Descrizione delle attività e delle prestazioni erogate dal servizio SEGRETARIATO SOCIALE E P.U.A. PUNTO UNICO DI ACCESSO INTEGRATO 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Multiarea 5. Macrotipologia

Dettagli

REGIONE TOSCANA DIREZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE SETTORE FORMAZIONE E ORIENTAMENTO MELE SARA. Il Dirigente Responsabile:

REGIONE TOSCANA DIREZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE SETTORE FORMAZIONE E ORIENTAMENTO MELE SARA. Il Dirigente Responsabile: REGIONE TOSCANA DIREZIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE SETTORE FORMAZIONE E ORIENTAMENTO Il Dirigente Responsabile: MELE SARA Decreto non soggetto a controllo ai sensi della D.G.R. n. 548/2012 Numero interno

Dettagli

Delibera di Giunta Regionale 03 aprile 2009, n. 223 (1)

Delibera di Giunta Regionale 03 aprile 2009, n. 223 (1) Delibera di Giunta Regionale 03 aprile 2009, n. 223 (1) (1) In B.U.R.L. 28 maggio 2009, n. 20 Legge regionale n. 14/2006, art. 8. Ripartizione delle risorse finanziarie tra le Province; art. 13. Definizione

Dettagli

COMUNE DI MASSA. DETERMINAZIONE del DIRIGENTE n del 26/09/2014. DIRIGENTE RESPONSABILE : Mercadante Fabio

COMUNE DI MASSA. DETERMINAZIONE del DIRIGENTE n del 26/09/2014. DIRIGENTE RESPONSABILE : Mercadante Fabio COMUNE DI MASSA DETERMINAZIONE del DIRIGENTE n. 3254 del 26/09/2014 DIRIGENTE RESPONSABILE : Mercadante Fabio SETTORE: Istruzione CENTRO DI RESPONSABILITA : Istruzione Oggetto: NIDI D INFANZIA COMUNALI.REALIZZAZIONE

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE ISTRUZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO ##numero_data##

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE ISTRUZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO ##numero_data## DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA POSIZIONE DI FUNZIONE ISTRUZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO ##numero_data## Oggetto: DGR N. 1285/2012 L. 448/98 art. 27, DPCM 226/00 Avvio procedure di trasferimento ai Comuni delle

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ILARIA ALPI Via Varsavia, 5 00055 LADISPOLI (RM) Tel. Segr. Amm.va 06/99220826

Dettagli

POLO DIDATTICO DONATI TICCHIONI Scuola dell Infanzia paritaria -

POLO DIDATTICO DONATI TICCHIONI Scuola dell Infanzia paritaria - POLO DIDATTICO DONATI TICCHIONI Scuola dell Infanzia paritaria ORGANIGRAMMA a. s. 2016/2017 RUOLI ATTIVITA' RESPONSABILE/I Supervisione POF e relativi progetti Piano delle attività Verifica e controllo

Dettagli

Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. Struttura organizzativa

Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale. Struttura organizzativa REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessoratore regionale dell'istruzione e della Formazione Professionale Dipartimento dell Istruzione e della Formazione Professionale Struttura organizzativa Vs.

Dettagli

PROGRAMMA DELLE OFFERTE DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE A.S. 2008/2009

PROGRAMMA DELLE OFFERTE DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE A.S. 2008/2009 PROGRAMMA DELLE OFFERTE DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE A.S. 2008/2009 Le proposte hanno come sfondo, obiettivi e modalità di formazione, fissati nella direttiva del Sovrintendente Scolastico in materia

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE INTERVENTI COMUNITARI PER LA PESCA.FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO

Dettagli

COMUNE DI TRIVOLZIO Prov. Pavia REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO

COMUNE DI TRIVOLZIO Prov. Pavia REGOLAMENTO TRASPORTO SCOLASTICO COMUNE DI TRIVOLZIO Prov. Pavia REGOLAMENTO Adottato con delibera di C.C. n. 19 del 16/07/2008 In vigore dal LUGLIO 2008 ART. 1 FI NALI TA DEL SERVI ZI O Il presente regolamento definisce le modalità di

Dettagli

SCHEDA. L offerta formativa in Brianza

SCHEDA. L offerta formativa in Brianza SCHEDA L offerta formativa in Brianza Nei 50 Comuni che compongono la Provincia di Monza e Brianza sono presenti 30 autonomie scolastiche, che contano una popolazione scolastica di 24.883 studenti (fonte

Dettagli

Comune di Campi Bisenzio

Comune di Campi Bisenzio Bilancio di Previsione 2012 Bilancio pluriennale 2012-201 Comune di Campi Bisenzio Piano Esecutivo di Gestione (PEG) del Settore / Servizio Autonomo CENTRO DI RESPONSABILITA 3 SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto n. 37 del 26.3.2009 IL MINISTRO VISTO il testo unico delle leggi in materia di istruzione approvato con decreto legislativo 16.4.1994, n. 297; VISTO il decreto legislativo 30.3.2001, n. 165, e

Dettagli

REGOLAMENTO DEL servizio di protezione civile

REGOLAMENTO DEL servizio di protezione civile COMUNE DI MARANO VICENTINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL servizio di protezione civile Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale N 41 del 15.06.2005. ART. 1 FINALITA Il Comune di MARANO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA COMUNE DI RAVENNA Area Istruzione e Infanzia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 156113/154 dell 11/12/2014 esecutiva dal 29/12/2014

Dettagli

Turismo emanifestazioni

Turismo emanifestazioni CO MUN E dellacittà dicastiglio N E dellestiviere Provincia di Mantova Piano Esecutivo digestione2004/2006 *** Turismo emanifestazioni Il Dirigente L Assessore Dott.AlessandroBeltrami Geom.MauroBellomi

Dettagli

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2014

RELAZIONE AL PROGRAMMA ANNUALE 2014 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LE MARCHE ISTITUTO COMPRENSIVO MONTECASSIANO G.CINGOLANI VICOLO DELLE SCUOLE,3/5 62010 MONTECASSIANO (MC) Codice

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1083 del 08/09/2016 Oggetto: Reg. UE n. 1308/2013

Dettagli

Dirigente Scolastico: Dott.ssa Antonella Ubaldi Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: Annalisa Grussu

Dirigente Scolastico: Dott.ssa Antonella Ubaldi Direttore dei Servizi Generali ed Amministrativi: Annalisa Grussu Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'UMBRIA ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 7 ISTITUTO COMPRENSIVO PERUGIA 7 STRADA LACUGNANO, S.N. 06132 PERUGIA (PG)

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO EDUCAZIONE E CULTURA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. NUMERO D ORDINE Registro Generale. del 24/03/2016

COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO EDUCAZIONE E CULTURA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE. NUMERO D ORDINE Registro Generale. del 24/03/2016 COMUNE DI PISTOIA SERVIZIO EDUCAZIONE E CULTURA DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Identificativo Documento: 1485418 NUMERO D ORDINE Registro Generale 547 del 24/03/2016 OGGETTO: LIQUIDAZIONE CONTRIBUTO REGIONALE

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI CENTO

COMUNE DI PIEVE DI CENTO ALLEGATO 6 CAPITOLATO PER L AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEI BAMBINI ED ALUNNI DISABILI, DEI SERVIZI INTEGRATIVI E DELL ACCOMPAGNAMENTO BUS PERIODO 1 SETTEMBRE 2014-31

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNITA DI VALUTAZIONE MULTIDISCIPLINARE (UVM) Società della Salute / Zona Distretto di Firenze

REGOLAMENTO DELL UNITA DI VALUTAZIONE MULTIDISCIPLINARE (UVM) Società della Salute / Zona Distretto di Firenze Allegato A) REGOLAMENTO DELL UNITA DI VALUTAZIONE MULTIDISCIPLINARE (UVM) Società della Salute / Zona Distretto di Firenze DEFINIZIONE E COMPETENZE L UVM è un articolazione operativa della zona-distretto,

Dettagli

vista la DD n. 542 dell che approva il potenziamento delle azioni attuate da parte dei SIAN regionali;

vista la DD n. 542 dell che approva il potenziamento delle azioni attuate da parte dei SIAN regionali; REGIONE PIEMONTE BU43 23/10/2014 Codice DB2017 D.D. 24 luglio 2014, n. 663 Protezione soggetti affetti da celiachia - Progetto regionale per il proseguimento delle azioni attuate da parte dei SIAN. Assegnazione

Dettagli

A) Popolazione Scolastica a. s. 2012/2013: classi e alunni alla data del 15/11/2012. n. classi n. alunni alunni con Alunni

A) Popolazione Scolastica a. s. 2012/2013: classi e alunni alla data del 15/11/2012. n. classi n. alunni alunni con Alunni PREMESSA Nel trasmettere al Consiglio d Istituto il Programma annuale 2013 redatto ai sensi dell art. 2 del D.I. n. 44/2001, si ritiene necessario evidenziare i criteri essenziali a cui esso fa riferimento.

Dettagli

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE SERVIZIO SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 239 DEL 08/04/2013 OGGETTO LEGGE 24.12.2004, N. 313 "DISCIPLINA DELL'APICOLTURA". AVVISO PUBBLICO REGIONALE

Dettagli

Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana

Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA Civitella in val di chiana Protocollo d intesa: Osservatorio sulle situazioni di disagio nel territorio del comune di Civitella in val di chiana CONTRAENTI

Dettagli

DECRETO N Del 15/10/2015

DECRETO N Del 15/10/2015 DECRETO N. 8488 Del 15/10/2015 Identificativo Atto n. 939 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto SELEZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA COSTRUZIONE DI SCUOLE INNOVATIVE, AI

Dettagli

DECRETO N. 348 Del 22/01/2016

DECRETO N. 348 Del 22/01/2016 DECRETO N. 348 Del 22/01/2016 Identificativo Atto n. 1232 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto PIANO REGIONALE DEI SERVIZI DEL SISTEMA EDUCATIVO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE - OFFERTA

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 46/22 DEL

DELIBERAZIONE N. 46/22 DEL Oggetto: Contributi per l'organizzazione e il funzionamento dei Centri antiviolenza e delle Case di accoglienza. L.R. 7 agosto 2007, n. 8. Programmazione risorse regionali anno 2017. Euro 900.000. Programmazione

Dettagli