LE POLITICHE DEL LAVORO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE POLITICHE DEL LAVORO"

Transcript

1 LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale ed economico Le politiche del lavoro si possono suddividere in: Politiche Attive del Lavoro e Politiche Passive del Lavoro POLITICHE PASSIVE DEL LAVORO Concernono le prestazioni monetarie a favore dei disoccupati (coloro che hanno perso il lavoro) In tutti i paesi europei vi è la tutela dei disoccupati, tali strumenti sono chiamati ammortizzatori sociali come protezione del reddito dei disoccupati. Gli ammortizzatori sociali sono di norma prestazioni di natura assicurativa, non discrezionale. Vi sono 2 schemi o livelli: Uno schema ASSICURATIVO = quando le prestazioni sono indennità di disoccupazione che vengono elargite solo a fronte di un versamento di contributi. Uno schema ASSISTENZIALE DEDICATO = quando sono previsti sussidi di disoccupazione che sono rivolti a soggetti che non hanno versato contributi sufficienti o hanno esaurito le spettanze. Questi sussidi sottostanno alla prova dei mezzi (means test) Lo schema ASSICURATIVO ha le seguenti caratteristiche: - il versamento dei contributi è obbligatorio - i criteri di eleggibilità sono: a. la disoccupazione deve essere di natura involontaria; b. il lavoratore deve avere determinati requisiti di anzianità contributiva in riferimento ad un dato periodo di tempo; c. la presentazione di una domanda per ricevere l indennità di disoccupazione; 56

2 d. vincoli di attivazione (non in tutti i paesi UE). Questi riguardano la disponibilità a frequentare da parte del disoccupato corsi di orientamento professionale o nel svolgere un altra occupazione (la mancata frequenza di corsi comporta sanzioni). Finanziamento dello Schema ASSICURATIVO I contributi sono versati dai datori di lavoro e dai lavoratori (in % differenti da paese a paese), a volte può intervenire lo Stato, attraverso la fiscalità generale, quando la copertura non è garantita. La generosità delle prestazioni è definita da: - importo = è calcolato come % della retribuzione di riferimento (cioè la media delle retribuzioni di un certo periodo) - durata = varia da qualche mese ad anni e dipende dalle legislazioni nazionali. Caratteristica comune in tutti i paesi UE è che i parametri dipendono dall anzianità retributiva e dall età anagrafica dell utente. Schema ASSISTENZIALE DEDICATO Elargisce sussidi sociali: finanziati dalla fiscalità generale, non sempre è fissata la loro durata (non si può predeterminare per quanto tempo un soggetto usufruirà di questo sussidio e pertanto vengono effettuate visite periodiche per accertare lo stato di bisogno) POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO Sono tutti quegli interventi che vanno ad incidere direttamente sul mercato del lavoro creando nuova occupazione o intervenendo a scopo preventivo o curativo sulle possibili cause della disoccupazione. L OCSE (organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) propone 5 gruppi di intervento : - sussidi all occupazione 57

3 - creazione diretta e temporanea di posti di lavoro - formazione professionale - sostegno finanziario e servizi per la nuova imprenditorialità - servizi per l orientamento e collocamento lavorativo. Obiettivo specifico delle politiche attive è quello di evitare che una persona rimanga a lungo disoccupata ( intrappolata nel suo stato di disoccupazione), promuovendo il passaggio ad una tutela attiva dell individuo nel mercato del lavoro rispetto ad una tutela passiva. Si parla pertanto di WORKFARE (dal welfare al workfare) ossia uno stato sociale che tende ad aiutare il soggetto a rimanere attivo e competitivo nel mondo del lavoro, traendo i benefici dalle assicurazioni legate alla propria condizione professionale piuttosto che dipendere dall assistenza. Tipologie di indennità (vedi fotocopia) La prima grande distinzione prevede: lo schema rivolto alla disoccupazione totale (con estinzione del rapporto di lavoro) ed uno schema rivolto alla disoccupazione temporanea o CIG (con sospensione dell orario lavorativo, senza perdita del posto di lavoro) Lo schema rivolto alla Disoccupazione Totale prevede: - indennità ordinaria di disoccupazione (non agricola) - indennità ordinaria di disoccupazione per gli operai agricoli - trattamenti speciali di disoccupazione per gli operai edili - indennità di mobilità Lo schema rivolto alla Disoccupazione Temporanea o CIG (Cassa Integrazione Guadagni) comporta: - trattamento ordinario di integrazione salariale - trattamento straordinario di integrazione salariale - trattamento di integrazione del salario per i lavoratori agricoli Il suo finanziamento è assicurato prevalentemente dallo Stato (anche se è prevista la compartecipazione dei datori di lavoro). In tutti i casi, a proposito della CIG, è l azienda che ne deve fare richiesta: si viene a configurare una sorta di negoziazione tra il governo e le parti sociali per la concessione di tali benefici. La CIG a volte è stata sfruttata in modo opportunistico dalle aziende. 58

4 La media europea dati Eurostat, del tasso di disoccupazione si aggira intorno all 8,1%, l Italia è all 8%. In Italia sono da rilevare due caratteristiche peculiari: - disparità occupazionale a livello territoriale (tasso di disoccupazione al sud 15% e nel nord-est 3,5%) - la disoccupazione riguarda soprattutto i giovani in età tra i 15 e 24 anni (23%), mentre la media europea in questa fascia di età è del 16,6%. In Italia, comunque, la spesa per i trattamenti di disoccupazione è contenuta perche equivale solo all 1,6% della spesa sociale totale. Come già detto in altre lezioni, la torta (per rappresentare la suddivisione a livello grafico) della spesa sociale per i 2/3 va alla previdenza, il resto si divide tra la sanità (più di 1/4) e per ultima l assistenza. Ripartizione della spesa complessiva delle politiche PASSIVE del lavoro in Italia, dati riferiti al 2001 : 35% per l indennità di disoccupazione non agricola 21 % per l indennità di disoccupazione agricola 2% per l indennità di disoccupazione edile 17% per l indennità di mobilità 13% per i pensionamenti anticipati 12% per la CIG (ordinaria 6%, straordinaria 6% ). L insieme dei trattamenti della disoccupazione totale presenta un disavanzo strutturale (i contributi versati non bastano a pagare le indennità e dunque interviene lo Stato attraverso la fiscalità generale), mentre la CIG presenta un saldo positivo, cioè l intero sistema di ammortizzatori sociali è in grado di autofinanziarsi (le entrate contributive sono superiori alle uscite) Ripartizione della spesa complessiva delle politiche ATTIVE del lavoro in Italia, dati riferiti al 2001 : - sussidi all occupazione (incentivi alle assunzioni, alla stabilizzazione dei posti di lavoro) 45% - contratti a causa mista (contratto formazione lavoro ed apprendistato) 26% - creazione diretta di posti di lavoro 4% - formazione 13% 59

5 - sostegno finanziario per la nuova imprenditoriali, incentivi all autoimpiego 8% - servizi collocamento /centri per l impiego 3% - altri 1%. Fino ad oggi gran parte del finanziamento delle politiche ATTIVE del lavoro in Italia è stato attinto dal FONDO SOCIALE EUROPEO, ma in futuro i finanziamenti si contrarranno in quanto i programmi comunitari prevedono che le risorse vengano in larga misura orientate ai nuovi paesi membri dell est europeo. CENNI STORICI. Le prime forme di aiuto alla disoccupazione nascono nel 800 in Inghilterra. I sindacati da poco costituiti si presero cura di istituire un fondo per chi perdeva il lavoro. Era una assicurazione volontaria. Questa pratica si diffuse in tutta Europa. Consentì anche di combattere le pressioni al ribasso sui salari praticate dai datori di lavoro, perché i lavoratori disoccupati, sostenuti dalle casse sindacali, potevano non cedere al ricatto. Ad inizio 900 la crisi occupazionale mise in crisi queste casse perché vi si ricorreva troppo spesso e si iniziò ad occuparsene a livello pubblico: i governi locali, i comuni, organizzarono forme di assicurazione pubbliche volontarie e sussidiate contro il rischio economico di disoccupazione. Esempi: il Comune di Gand in Belgio nel 1901 prevede sussidi comunali ad integrazione di quelli forniti dalle casse sindacali. Nel 1911 in UK abbiamo la nascita dell Assicurazione Pubblica Obbligatoria su scala nazionale, che nel 1919 arriverà anche in Italia. L Italia è quindi il secondo paese europeo ad introdurre l assicurazione obbligatoria. Nei paesi nordici questo settore è ancora prerogativa dei sindacati. Oltre agli schemi assicurativi contro il rischio di disoccupazione, nel corso dell Ottocento in tutta Europa sono state introdotte altre due forme di intervento rivolte al mercato di lavoro : - le norme di regolazione dei rapporti di lavoro - programmi pubblici volti a favorire l inserimento occupazionale. Tali programmi sono legati soprattutto agli uffici di collocamento sotto il controllo dello Stato. La legge Fanfani del 1949 prevedeva il monopolio pubblico sul collocamento che era competenza del Ministero 60

6 del Lavoro. Il ministero agiva sul territorio con uffici provinciali allora definiti Uffici provinciali del lavoro e della massima occupazione (UPLMO). Era stata definita una procedura molto rigida per il controllo degli avviamenti da parte dello Stato, vietando a chiunque altro la mediazione tra domanda ed offerta di lavoro. Esisteva la richiesta o chiamata numerica e la chiamata nominativa. La prima prevedeva che i lavoratori si iscrivessero alle liste di collocamento ed attendessero il loro turno mentre i datori di lavori (soprattutto nel caso delle grandi imprese/industrie) erano obbligati ad assumerli, previa richiesta agli uffici provinciali; la seconda, che era prevista per le aziende con meno di cinque dipendenti e per particolari qualifiche, comportava la scelta diretta da parte dei datori di lavori Tale sistema è durato sino a tempi recenti. Negli anni 30 emerse nei Paesi Scandinavi un particolare modello di politica del lavoro (flessicurezza, flexecurity): la collaborazione tra Stato, Sindacati e Imprese per la riqualificazione e formazione dei lavoratori in modo da rendere la disoccupazione una situazione temporanea. Si definì altresì una legislazione flessibile nei rapporti di lavoro. Il modello scandinavo tutela il lavoratore nel mercato del lavoro (più che nel posto di lavoro): questo significa che il lavoratore può cambiare più volte occupazione ma rimane occupato, non perdendo il reddito. DATE IMPORTANTI 1919 Assicurazione Obbligatoria 1945 CIG (1941 Nord 1945 RdI) 1949 Legge Fanfani (L.264/49) Monopolio pubblico sul collocamento 1968 CIGS 1970 Statuto dei Lavoratori (L.300/70) (diritti di libertà, libertà sindacali, salute) Contiene l art. 18 Licenziamento per giusta causa 61

7 CRISI ANNI 80 IN EUROPA: SFIDE E RIMEDI DEI GOVERNI. Negli anni 80 in tutta Europa imperversa una profonda crisi sociale ed economica già iniziata negli anni 70 con la crisi petrolifera, che ha aumentato inflazione e disoccupazione. Da questa situazione partono le sfide a cui i vari Governi europei sono chiamati a rispondere. Le sfide sono sostanzialmente tre: - CONGIUNTURA ECONOMICA NEGATIVA - AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA - TRASFORMAZIONI CHE RIGUARDANO LA STRUTTURA DEL MERCATO DEL LAVORO (processi di ristrutturazione industriale e ammodernamento tecnologico, che portano riduzione del personale, soprattutto quello di bassa qualifica. Il calo dei lavoratori dell industria porta anche alla perdita di visibilità politica della classe operaia. Di contro, crescita della piccola imprenditoria e del lavoro autonomo, sviluppo del terziario, cioè dei servizi, con conseguente aumento della partecipazione delle donne al mercato del lavoro). I rimedi sono sostanzialmente quattro: - RIDUZIONE TRASFERIMENTI MONETARI per il sostegno del reddito dei lavoratori ( ad es. indennità/assegni di disoccupazione) - STRUMENTI PER RISTRUTTURAZIONI INDUSTRIALI che sono CONTRATTI SOLIDARIETA e PREPENSIONAMENTO. - DEREGOLAMENTAZIONE DELLE CONDIZIONI DI LAVORO dal punto di vista dell USCITA e dell ENTRATA rispetto ad esso. - QUALIFICAZIONE/RIQUALIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE. 62

8 Il rimedio che i Governi europei vollero opporre alla CONGIUNTURA ECONOMICA NEGATIVA fu la lotta all imperante disoccupazione e il ridimensionamento dei conti pubblici: si trattava per la maggior parte di misure di carattere restrittivo che potessero rallentare l inflazione attraverso misure di contenimento del costo del lavoro e della crescita della spesa pubblica in generale. E importante capire attraverso quali strategie i Governi europei abbiano agito contro l AUMENTO DELLA SPESA PUBBLICA: 1) RIDUZIONE dei TRASFERIMENTI MONETARI per il sostegno del reddito dei lavoratori; 2) STRUMENTI DI SOSTEGNO SOCIALE AI PROCESSI PER LA RISTRUTTURAZIONE INDUSTRIALE i quali sono principalmente i CONTRATTI DI SOLIDARIETA (ossia la riduzione dell orario di lavoro in modo che tutti possano lavorare, evitando licenziamenti di massa, in Francia e in Italia) e il PREPENSIONAMENTO (ossia favorire il turn-over generazionale consentendo ai lavoratori che hanno raggiunto una certa età di andare prima del tempo in pensione, in Germania, Francia, Spagna. In Italia sono regolamentati dalla legge 155 del 1981). E importante, inoltre, capire come i Governi europei abbiano reagito alle TRASFORMAZIONI DEL MERCATO DEL LAVORO. Le due strategie essenziali sono state la DEREGOLAMENTAZIONE delle condizioni di INGRESSO e di USCITA dal mondo del lavoro. Rispetto all USCITA dal mondo del lavoro abbiamo un allentamento dei vincoli per licenziare i lavoratori. Rispetto all ENTRATA o meglio all ingresso nel mondo del lavoro vengono favoriti i rapporti di lavoro cosiddetti ATIPICI (che si discostano cioè dai contratti tipici full-time e a tempo indeterminato). Un ultima risposta, posta in essere dai Governi europei per fronteggiare la trasformazione del mercato del lavoro, è quello della QUALIFICAZIONE/RIQUALIFICAZIONE DELLE RISORSE UMANE (formazione, tirocini etc. che bene si collegano al concetto di WORKFARE per cui lo stato sociale vuole aiutare il soggetto a rimanere attivo e competitivo nel mondo del lavoro utilizzando gli aiuti e i sussidi delle politiche attive del lavoro e non quelle assistenziali). 63

9 FLESSIBILITA Da un pdv economico il dibattito sulla flessibilità è iniziato, lanciato dall OCSE, agli inizi anni 80 quando il modello fordista inizia a perde terreno (si ritiene che con la flessibilità si è detto sopra - si combattono disoccupazione e inflazione, le rigidità strutturali dei sistemi occupazionali). I sociologi si occupano di flessibilità solo dalla fine degli anni 80 partendo dalle forme particolare o atipiche dell occupazione (soprattutto quelle che riguardano le donne). In Italia il sociologo Luciano Gallino esprime interessantissimi pensieri riguardo al fenomeno della flessibilità, anche in modo critico: il lavoro atipico richiede alla persona di adattare ripetutamente l organizzazione della propria esistenza (nella settimana, nel mese, nell anno, per tutta la vita) alle esigenze produttive. Queste sono le caratteristiche che sottolineano l aspetto preoccupante del fenomeno. Altri autori (per rendere l idea) chiamano i lavoratori atipici i SALARIATI DELLA PRECARIETA. Ora vediamo quali sono gli effettivi oneri che si pagano in nome della flessibilità: - Mancata previsione per il futuro non solo professionale ma anche esistenziale e famigliare. - Impossibilità di fare carriera e di accumulare esperienza professionale. - Distruzione dell identità lavorativa personale con conseguente destrutturazione degli aspetti spaziali e relazionali del lavoro e della persona. Gli studiosi parlano di FLESSIBILITA QUANTITATIVA e di FLESSIBILITA QUALITATIVA. La flessibilità quantitativa consiste nella possibilità per le imprese di adeguare il numero dei dipendenti al proprio ciclo produttivo, nel quadro di un diritto al lavoro regolamentato. La flessibilità qualitativa, invece, prevede la modulazione da parte dell azienda - di vari parametri della situazione in cui i dipendenti prestano la loro opera: 64

10 l articolazione differenziata dei salari ancorati ai meriti individuali o alla produttività di reparto o di impresa; la modificazione degli orari di lavoro (da poche ore giornaliere, al part-time orizzontale o verticale, a turni, a rotazione e così via ); le variazioni delle condizioni di lavoro, dal posto e dai mezzi di produzione (macchina utensile, sportello, computer, ecc.), ai trasferimenti tra reparti o sedi, alla delocalizzazione del lavoro (telelavoro). CONTRATTI ATIPICI. Alcuni dei quali sono: FORMAZIONE e LAVORO: esso è un contratto di lavoro subordinato, già introdotto alla fine degli anni 70 e poi modificato, stipulato a tempo determinato ed è previsto per persone tra i anni. Dal 2004 questo tipo di contratto vale solo più per le pubbliche amministrazioni. Per i privati ora si parla di CONTRATTO DI INSERIMENTO (legge 30/2003 legge Biagi). CONTRATTO DI LAVORO RIPARTITO (L. 30/2003) che prevede una unica prestazione lavorativa spalmata su più lavoratori, fermo restando che ciascun lavoratore è responsabile dell intera prestazione lavorativa. CONTRATTO A TEMPO PARZIALE/PART TIME (d.lgs 61/200O). CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO (d.lgs 368/2001). LAVORO INTERINALE o in AFFITTO : è stato introdotto in Italia nel 1997 con la legge 196 conosciuta come legge del PACCHETTO TREU (dal ministro che l ha redatta). In questo caso abbiamo una IMPRESA DI FORNITURA di lavoro temporaneo, che assume uno o più lavoratori e li mette a disposizione di un altra impresa ( che appunto si chiama IMPRESA UTILIZZATRICE ) per le sue esigenze di produzione che solitamente sono temporanee. Tale contratto di lavoro atipico con la legge 30/2003 (legge Biagi) prende il nome di contratto di SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO SUBORDINATO. 65

11 LAVORO PARA-SUBORDINATO, avviato con la RIFORMA DINI del 1995, è la forma più diffusa, riguarda i collaboratori e i consulenti, per i quali è stato costituito un apposito fondo previdenziale INPS. I contratti noti come CO.CO.CO (collaborazione coordinata e continuativa) con la L. 30/2003 (legge Biagi) sono sostituiti dai contratti di lavoro a progetto (CO.CO.PRO.) Altra forma diffusa tra le forme parasubordinate è la prestazione di lavoro occasionale. SOCIO-LAVORATORE DELLE COOPERATIVE LAVORO INTERMITTENTE O A CHIAMATA APPRENDISTATO. Il lavoro atipico è legato spesso alle forme di povertà (una retribuzione si dice povera quando è al di sotto dei 2/3 del valore mediano dei redditi da lavoro dipendente a tempo pieno). In Italia nel le posizioni lavorative atipiche erano quasi SETTE MILIONI, pari al 32% sugli occupati regolari assunti con contratti tipici. 66

12 Incrociando, in una tabella di contingenza, la variabile garanzie di welfare con la variabile inserimento nel lavoro, si possono ottenere come si può vedere nel testo di Dario Rei (Sociologia e Welfare, p. 165) - delle tipologie relative a nuove figure sociali di lavoratori a tutela ridotta. Garanzie di Welfare FORTI Garanzie di Welfare DEBOLI Garanzie di Welfare ASSENTI Inserimento lavorativo FORTE Inserimento lavorativo DEBOLE Inserimento lavorativo ASSENTE INTEGRATI FLESSICURI ASSISTITI ATIPICI VULNERABILI MARGINALI AUTARCHICI* PRECARI DISAFFILIATI* *Il concetto di disaffiliazione (esclusione totale, nessun legame con la comunità né diritti di cittadinanza) è mutuato dall insigne sociologo francese Castel. *al soggetto autarchico non interessa se il welfare pubblico è assente poiché gode comunque di un forte inserimento lavorativo che gli consente di farsi un welfare privato. 67

13 68

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Le Politiche del Lavoro. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le Politiche del Lavoro Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Le politiche del lavoro sono: insieme di interventi pubblici rivolti

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Politiche del lavoro

Politiche del lavoro Politiche del lavoro insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione Ampia gamma di politiche pubbliche, riconducibili a 3 tipi principali: 1) politiche per

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo) Consiglio dei Ministri n.51 - Lavoro 20 Febbraio 2015 Il Consiglio dei Ministri si è riunito oggi, venerdì 20 febbraio, alle ore 12.25 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente del Consiglio

Dettagli

Costi, finanziamento e struttura degli ammortizzatori sociali in Italia

Costi, finanziamento e struttura degli ammortizzatori sociali in Italia Costi, finanziamento e struttura degli ammortizzatori sociali in Italia Abstract La spesa per ammortizzatori sociali in Italia è arrivata nel 2013 alla cifra record di 23,6 miliardi di euro (nel 2007 erano

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA MOBILITÀ COLLETTIVA E' un ammortizzatore sociale per l'accompagnamento dei lavoratori licenziati per: riduzione di attività o lavoro trasformazione di attività cessazione

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo

Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA POPOLARE [legge delega] (bozza per il costituendo comitato promotore) Reddito di base- Riduzione delle forme contrattuali- Salario orario minimo I lavoratori precari legali

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Cassa integrazione e Mobilità del personale dipendente Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Quando l impresa è in crisi può sospendere i propri dipendenti

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

SCHEMI DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT APPROVATI DAL CDM NELLA SEDUTA DEL 20.02.2015

SCHEMI DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT APPROVATI DAL CDM NELLA SEDUTA DEL 20.02.2015 SCHEMI DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT APPROVATI DAL CDM NELLA SEDUTA DEL 20.02.2015 1. Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti (decreto legislativo esame definitivo)

Dettagli

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA

Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Ammortizzatori Sociali Proposta di riforma BOZZA Premessa L attuale sistema di ammortizzatori sociali è caratterizzato da una estrema disomogeneità delle tutele tra settori, classe di ampiezza dell impresa

Dettagli

JOBS ACT e dintorni. Giuseppe Garofalo Unitus

JOBS ACT e dintorni. Giuseppe Garofalo Unitus JOBS ACT e dintorni Giuseppe Garofalo Unitus Nozioni preliminari MdL: l'insieme dei meccanismi che regolano l'incontro tra iposti di lavorovacanti [domandadi lavoro] e le persone in cerca dioccupazione[offertadi

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI

LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI LA REGIONE DEL VENETO CONTRO LA CRISI: UNA DOTE PER I LAVORATORI COS È LA DOTE LAVORO La dote lavoro è un pacchetto di servizi, accompagnato da un indennità economica, offerto ai lavoratori per favorire

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

calo del fatturato del 39% e con la chiusura del 20% degli studi professionali.

calo del fatturato del 39% e con la chiusura del 20% degli studi professionali. In Italia, veterinari, avvocati, sociologi, giornalisti, medici, dottori commercialisti, architetti ed ingenieri, biologi sono le professioni che stanno risentendo maggiormente della crisi con un calo

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

Principali novità introdotte dal Jobs Act

Principali novità introdotte dal Jobs Act Principali novità introdotte dal Jobs Act Nel 2014 con il Jobs Act (Legge Delega 184/2014) il legislatore ha stabilito le linee guida e i principi posti alla base di una ampia e complessa riforma che ha

Dettagli

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro

JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro JOBS ACT IN PROGRESS Diritti dei lavoratori e occupazione nella riforma del mercato del lavoro Decreto Poletti marzo 2014 I parte Jobs Act Legge n. 183 del 10 dicembre 2014 Delega lavoro DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro GESTIONE DELLE RISORSE UMANE politiche pubbliche per il lavoro RCalvo 2007 (appunti studenteschi) BREVE QUADRO DELL OGGETTO DI STUDIO: Enti che aiutassero l incontro domanda (impresa)/offerta (individui)

Dettagli

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero.

I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. I contratti di lavoro a seguito della Riforma Fornero. La riforma del mercato del lavoro (c.d. riforma Fornero) è contenuta nella Legge 28 giugno 2012, n. 92, successivamente modificata dal decreto legge

Dettagli

Angelo Marchioro ORIGINE ED EVOLUZIONE DELLE POLITICHE DEL LAVORO IN ITALIA QUADERNO DI LAVORO

Angelo Marchioro ORIGINE ED EVOLUZIONE DELLE POLITICHE DEL LAVORO IN ITALIA QUADERNO DI LAVORO Angelo Marchioro ORIGINE ED EVOLUZIONE DELLE POLITICHE DEL LAVORO IN ITALIA QUADERNO DI LAVORO 1 Questo lavoro, nasce dalla voglia di un dirigente sindacale della UGL che, senza alcuna pretesa, vuole fornire

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE, NASPI, DIS-COLL O MOBILITA, CHE HANNO TROVATO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate

Dettagli

Un salto nel passato delle politiche del lavoro?

Un salto nel passato delle politiche del lavoro? Un salto nel passato delle politiche del lavoro? L. 29 aprile 1949 n. 264 Provvedimenti in materia di avviamento al lavoro e di assistenza dei lavoratori involontariamente disoccupati Dopo periodo corporativo

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO

GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO GUIDA AD USO DEI LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE ASPI O MOBILITA CHE HANNO TROVANO UN NUOVO IMPIEGO Una crisi aziendale può comportare diverse variazioni delle forme di lavoro, talvolta orientate alla

Dettagli

LA RIFORMA DEL DIRITTO DEL LAVORO. Profili sostanziali e fiscali

LA RIFORMA DEL DIRITTO DEL LAVORO. Profili sostanziali e fiscali LA RIFORMA DEL DIRITTO DEL LAVORO Profili sostanziali e fiscali Aspetti sostanziali della riforma e le «nuove» tipologie contrattuali Dott.ssa Federica Mannocchi Consulente del Lavoro Roma, 6 novembre

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

La CIG. Cosa fa, chi la finanzia, come si può riformare. Lavoro&Welfare LW 1

La CIG. Cosa fa, chi la finanzia, come si può riformare. Lavoro&Welfare LW 1 LW 24 Lavoro&Welfare La CIG Cosa fa, chi la finanzia, come si può riformare Per affrontare una modifica del sistema della Cassa integrazione guadagni, o delle sue articolazioni, è necessario attualizzare

Dettagli

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE

LE GUIDE DELLA FABI IL JOBS ACT IN PILLOLE LE GUIDE DELLA FABI 1 IL JOBS ACT IN PILLOLE Il Consiglio dei Ministri venerdì 20 febbraio, ha approvato i Decreti attuativi del Jobs Act, la Riforma del lavoro. In sintesi riassumiamo i punti più salienti

Dettagli

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NARDUCCI Modifica agli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 5 giugno 1997, n. 147, concernente la

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO

LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO LE NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015, IN MATERIA DI LAVORO La legge n. 190/2014, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014, entrata in vigore il 1 gennaio 2015, contiene alcune

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

Jobs act: una nuova riforma per il mercato del lavoro La riforma dei sussidi di disoccupazione nel dlgs 22/2015

Jobs act: una nuova riforma per il mercato del lavoro La riforma dei sussidi di disoccupazione nel dlgs 22/2015 Jobs act: una nuova riforma per il mercato del lavoro La riforma dei sussidi di disoccupazione nel dlgs 22/2015 Trento, 30/3/2015 Stefano Sacchi Università di Milano La riforma degli ammortizzatori sociali

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione JOBS ACT Riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati Roma 16 marzo 2015 Servizio Politiche del Lavoro

Dettagli

Quadro di sintesi normativa

Quadro di sintesi normativa Allegato n.1 Quadro di sintesi normativa Articolo 19 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2 Articolo 7 ter del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5, convertito

Dettagli

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com L EMPLOYMENT OUTLOOK 2013 DELL OCSE E IL RAPPORTO INPS SULLE PENSIONI 16 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 In data 16 luglio

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015

La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015 La nuova disciplina degli ammortizzatori sociali nel decreto legislativo n. 148 del 2015 Stefano Sacchi Università degli Studi di Milano Consulente del Ministro del lavoro La riforma degli ammortizzatori

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI

AMMORTIZZATORI SOCIALI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ammortizzatori Sociali Cosa Sono? Ammortizzatori Sociali Art. 38 I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Dettagli

Il finanziamento dell ASpI

Il finanziamento dell ASpI Articoli 2, comma 25-39 Contribuzione di finanziamento Il finanziamento dell ASpI di Josef Tschöll L art. 2, del d.d.l. 3249-A, ai commi dal 25 al 39, disciplina la contribuzione diretta a finanziare la

Dettagli

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante

JOBS ACT. Norme in materia di lavoro. Milano, 24 marzo 2015. Relatore: Pierluigi Brigante. Studio Brigante JOBS ACT Norme in materia di lavoro Milano, 24 marzo 2015 Relatore: Pierluigi Brigante Finalità Jobs Act Incremento occupazionale Riduzione tipologie contrattuali Eliminazione precariato Regole di entrata

Dettagli

Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma

Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma Febbraio 2012 Il mercato del lavoro in Italia: problemi e proposte di riforma PARTE 1: RIFORME DI IERI E PROBLEMI DI OGGI di Stefano Caria e Paolo Lucchino In questi giorni si parla molto di riforma del

Dettagli

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS)

Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) Guida all'utilizzo del CONTRATTO DI SOLIDARIETA' (CdS) a cura di Giorgio Santoni Aggiornato al giugno 2009 Indice Parte prima (pag. 3-17) Il contratto di solidarietà, applicazioni, modalità e caratteristiche

Dettagli

I nuovi decreti attuativi del Jobs Act

I nuovi decreti attuativi del Jobs Act Paola Costa I nuovi decreti attuativi del Jobs Act Abstract: Con i decreti legislativi n. 80 e 81 del 15.06.2015 il Governo ha dato attuazione alle deleghe contenute nel "Jobs Act" in tema di revisione

Dettagli

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro

I CONTRATTI DI LAVORO. A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro I CONTRATTI DI LAVORO A cura di Emanuela De Palma Consulente del Lavoro JOB ACT NOVITA GIA IN VIGORE Recenti modifiche in materia di contratti di lavoro finalizzate a SEMPLIFICAZIONE + STABILIZZAZIONE

Dettagli

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS 1 Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze 3 3 Provincia di Firenze POPOLAZIONE RESIDENTE 998.098 LAVORATORI OCCUPATI

Dettagli

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento

Mini guida: job act. 1. Assunzioni e licenziamenti. 2. Reintegro o risarcimento Mini guida: job act Contratti, licenziamenti, flessibilità, conciliazione, ammortizzatori sociali, controlli: sono i punti chiave della nuova legislazione del lavoro italiana su cui è intervenuto il Jobs

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006. Normativa sul lavoro Tema B. www.giformazione.it

PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006. Normativa sul lavoro Tema B. www.giformazione.it PROGETTO GIOVANI & LAVORO 2006 Normativa sul lavoro Tema B Flessibilità: due diversi punti di vista Flessibilità Visione negativa Visione positiva Lavoratori marciatori in via di estinzione Cosa fare?

Dettagli

DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014)

DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014) DECRETI ATTUATIVI JOBS ACT (Legge n. 183/2014) DECRETO CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO A TUTELE CRESCENTI DECRETO AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE DECRETO RIORDINO TIPOLOGIE CONTRATTUALI

Dettagli

Senato della Repubblica 11 a Commissione Lavoro e previdenza sociale

Senato della Repubblica 11 a Commissione Lavoro e previdenza sociale Senato della Repubblica 11 a Commissione Lavoro e previdenza sociale A.G. 134 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

ESONERO CONTRIBUTIVO 2016. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Città Metropolitana di Torino 1 gennaio 2016

ESONERO CONTRIBUTIVO 2016. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Città Metropolitana di Torino 1 gennaio 2016 ESONERO CONTRIBUTIVO 2016 A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Città Metropolitana di Torino 1 gennaio 2016 INTRODUZIONE Il Servizio Coordinamento Centri per l'impiego pubblica

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA

OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA giugno 2013 Premessa Il testo della legge n. 92/2012 in materia

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi.

Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Breve guida alle assunzioni e agli incentivi. Giovani Under 30 svantaggiati L. 99/13 Aziende Interessate Possono accedere al beneficio tutti i datori di lavoro che : -Risultano in regola con obblighi contributivi

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

SINISTRA ARCOBALENO PARTITO SOCIALISTA

SINISTRA ARCOBALENO PARTITO SOCIALISTA In vista delle elezioni politiche del 13 e 14 aprile e dell incontro da noi organizzato il 31 marzo 2008, abbiamo pensato di esaminare i programmi dei vari partiti e di produrre un documento che mette

Dettagli

AGENTI E RAPPRESENTANTI

AGENTI E RAPPRESENTANTI SOMMARIO Presentazione... V Nota sugli autori... VI ACCESSO AGLI ATTI Accesso agli atti Punti di attenzione... 3 Gestione in sintesi... 3 [F00101a] - Richiesta di accesso agli atti... 5 AGENTI E RAPPRESENTANTI

Dettagli

Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro

Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Con un espressione alquanto sintetica, l art. 2, c. 3 del D.Lgs. n. 167/2011 (Testo Unico dell apprendistato) ammette

Dettagli

SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015

SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015 Ai Nostri Clienti Loro indirizzi Con la collaborazione del Centro Studi SEAC siamo lieti di inviarle il n. 07 di SPAZIO AZIENDE LUGLIO 2015 LE ULTIME NOVITÀ Nuovo indirizzo PEC per l invio del modello

Dettagli

I contratti di lavoro speciali

I contratti di lavoro speciali Modulo 2 > DOCUMENTI 2 I contratti di lavoro speciali 1. I contratti di lavoro speciali Nel nostro ordinamento giuridico, soprattutto negli ultimi anni, hanno assunto un utilizzo via via crescente contratti

Dettagli

CGIL TOSCANA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA

CGIL TOSCANA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA DIFENDERE IL LAVORO ART18 E NON SOLO... CAMBIARE LA RIFORMA MERCATO DEL LAVORO: LA GIUNGLA DEI CONTRATTI OGGI ESISTONO 46 TIPOLOGIE DI CONTRATTI MERCATO DEL LAVORO: LA GIUNGLA DEI CONTRATTI CON LA RIFORMA

Dettagli

Per accedere al beneficio contributivo inserire il codice INPS 6Y accedendo al Cassetto previdenziale aziende.

Per accedere al beneficio contributivo inserire il codice INPS 6Y accedendo al Cassetto previdenziale aziende. ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE NUOVE ASSUNZIONI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 (legge 190/2014 - Legge di Stabilità 2015; Circ. Inps n.17/2015) Per accedere al beneficio contributivo inserire

Dettagli

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento

Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali. Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Le novità del Jobs Act La riforma degli ammortizzatori sociali Carlo Benedetti Consulente del Lavoro in Trento Legge 183/2014 La legge delega La legge è in vigore dal 16 dicembre 2014. Contiene deleghe

Dettagli

TRIENNALE PER NEOASSUNTI A

TRIENNALE PER NEOASSUNTI A ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE PER NEOASSUNTI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 (legge di stabilità 2015 Circ. Inps 17/2015) DEFINIZIONE - Incentivo all occupazione per i contratti indeterminati - Non costituisce

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

Esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato

Esonero contributivo per assunzioni a tempo indeterminato Al fine di promuovere una stabile occupazione, la Legge di Stabilità 2015 introduce un esonero contributivo per le assunzioni con contratto a tempo effettuate nel 2015. L introduzione del beneficio in

Dettagli

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1

LA PROTEZIONE DELLA LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: 25/05/2015 1 LA PROTEZIONE DELLA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RIFORME DEL 2012 E DEL 2015 25/05/2015 1 L ASSICURAZIONE CONTRO LA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA: LE RAGIONI DI UNA RIFORMA 1) Quale inclusione? La maggior parte

Dettagli

MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO

MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO MODALITÀ DEI RAPPORTI DI LAVORO Introduzione pag. 4 Lavoro subordinato pag. 6 modulato e flessibile pag. 8 Contratti con finalità formativa pag. 13 Contratti a orario ridotto, Lavoro parasubordinato Contratto

Dettagli

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione

JOBS ACT. Servizio Politiche del Lavoro e della Formazione JOBS ACT Riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati Roma 19 gennaio 2015 Servizio Politiche del

Dettagli

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE

www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 CONFARTIGIANATO IMPRESE VARESE www.asarva.org guida pratica alle agevolazioni alle assunzioni In vigore al gennaio 2015 In appendice al Convegno: Jobs Act del 4 marzo 2015 Gli incentivi alle assunzioni» INCENTIVO: Esonero Triennale

Dettagli

Circolare N. 89 del 16 Giugno 2015

Circolare N. 89 del 16 Giugno 2015 Circolare N. 89 del 16 Giugno 2015 Anticipazioni sulla nuova riforma del lavoro Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Consiglio dei Ministri ha esaminato, nella seduta dello scorso

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli