Ottobre - Novembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ottobre - Novembre 2012"

Transcript

1 SHIPPING AND TRANSPORT BULLETIN Ottobre - Novembre 2012 In questo numero La recente proposta di regolamento del Parlamento e del Consiglio europeo sulla demolizione di navi: una via eco- sostenibile ma economicamente insostenibile senza meccanismi premiali?... Error! Bookmark not defined. Aiuti di Stato erogati alle imprese terminaliste nei porti dell'unione europea: quali prospettive alla luce del recente orientamento della Commissione UE... 5 Decreto Legislativo n. 111 del 28 giugno 2012 in materia di assicurazione marittima obbligatoria: quali reali novità? Contributi dagli uffici NCTM nel mondo Rubrica UE: gli atti più significativi nel bimestre passato che attengono il mondo del trasporto e del commercio internazionale... 9 Rubrica Cina: la riforma del settore agroalimentare in Cina Eventi NCTM Ottobre Novembre Sala Stampa NCTM In questo numero il nostro Bulletin tratta della proposta di Direttiva presentata alla Commissione UE, dal Consiglio e dal Parlamento UE relativamente alla demolizione di navi battenti bandiera comunitaria: è veramente l inizio di un nuovo corso? La recente presa di posizione della Commissione europea nel caso del finanziamento di lavori marittimi nel porto di Augusta impone una riflessione in merito alla qualificazione di aiuto di Stato nel mondo del terminalismo portuale. Guido Foglia, partner di NCTM attivo nello studio di Roma, ci parla di assicurazioni marittime ed in particolare della recente attuazione della Direttiva 2009/20/CE in materia di assicurazione obbligatoria a carico degli armatori le cui navi entrino nelle acque territoriali dell Unione. I nostri colleghi dello studio NCTM di Bruxelles ci informano, come di consueto, in merito agli atti delle istituzioni comunitarie più significativi per il mondo del trasporto marittimo e del commercio internazionale. In prima linea una nuova indagine antitrust nel settore del trasporto marittimo internazionale e un prevedibile nuovo irrigidimento della già rigorosa legislazione in materia di contenuto di zolfo nei carburanti marini. I nostri colleghi dello studio NCTM di Shanghai - infine - segnalano l importante tema della sicurezza alimentare in Cina ed analizzano la recente legislazione che potrebbe essere di grande interesse per le aziende italiane del settore. Troverete, infine, un primo elenco degli eventi previsti nelle nostre sedi di Milano e di Roma nei mesi di Ottobre e Novembre 2012, oltre al consueto update sulle attività dello Studio nel trimestre passato. Alberto Rossi Partner, Milan Responsabile Dipartimento Shipping e Trasporti E- mail:

2 La recente proposta di regolamento del Parlamento e del Consiglio europeo sulla demolizione di navi: una proposta eco- sostenibile ma economicamente insostenibile senza meccanismi premiali? Alberto Torrazza Salary Partner, Milan Telephone: E- mail: Allo stato attuale la demolizione delle navi è disciplinata dalla normativa europea, segnatamente dal Regolamento (CE) n. 1013/2006, relativo alle spedizioni di rifiuti, nonché, in ambito OCSE, dalla Convenzione di Basilea sul controllo dei movimenti transfrontalieri di rifiuti pericolosi e del loro smaltimento. Poiché contengono molto spesso materiali considerati pericolosi, le navi sono classificate come rifiuti pericolosi e di conseguenza ne è vietata l esportazione verso Paesi che non siano membri dell OCSE. In base al citato regolamento sulle spedizioni di rifiuti ed alla Convenzione di Basilea, le navi, in quanto "rifiuti pericolosi", possono essere demolite soltanto nei Paesi dell'ocse, ma tale normativa è regolarmente disattesa dalle navi battenti bandiera dell'ue (con un 90% smantellato al di fuori dell'ocse nel 2009, come noto soprattutto in Cina, India, Pakistan, Bangladesh). Sulla scorta di tali premesse, lo scorso 23 marzo 2012 la Commissione europea ha formulato una Proposta di Regolamento [COM(2012) 118] che mira a ridurre in modo significativo gli effetti negativi sull ambiente e sulla salute dei lavoratori connessi al riciclaggio delle navi, prevedendo l applicazione anticipata dei requisiti della Convenzione IMO di Hong Kong per un riciclaggio delle navi sicuro e compatibile con l ambiente, accelerandone l'entrata in vigore a livello mondiale anche attraverso la contestuale proposta di decisione che impone agli Stati membri di ratificare la convenzione stessa [COM (2012) 120]. La Convenzione di Hong Kong è stata infatti adottata nel 2009, ma potrà entrare in vigore e iniziare a produrre effetti soltanto quando sarà stata ratificata da un numero sufficiente di grandi Stati di bandiera e Stati di riciclaggio (prevedibilmente non prima del 2020). La Convenzione entrerà in vigore ventiquattro mesi dopo la data in cui saranno soddisfatte le seguenti condizioni: i. almeno 15 Stati la firmino senza riserva di ratifica, accettazione o approvazione, o depositino i necessari strumenti di ratifica, accettazione, approvazione o adesione; ii. la flotta mercantile combinata di detti Stati rappresenti almeno il 40% della stazza lorda della flotta mercantile mondiale; e iii. nei 10 anni precedenti il volume annuo massimo combinato di riciclaggio delle navi di detti Stati costituisca almeno il 3% della stazza lorda della flotta mercantile combinata degli stessi Stati. Alla data odierna la Convenzione è stata firmata, con riserva di ratifica o di accettazione, solo da Italia, Francia, Olanda, Saint Kitts e Nevis e Turchia. Restano fuori colossi dello smantellamento della navi come la Cina o l'india, dove le arcinote condizioni ambientali e di lavoro del settore rendono possibili economie che rappresentano un sicuro incentivo agli armatori per la scelta del cantiere ove procedere alla demolizione. In tale contesto, le nuove regole UE propongono, per le grandi navi mercantili battenti bandiera degli Stati membri dell'ue, un sistema di controllo, certificazione e autorizzazione che ne abbraccerà l'intero ciclo di vita, dalla costruzione all'esercizio e fino alla loro demolizione (che tecnicamente, 2

3 come si è visto, costituisce una operazione di riciclaggio di rifiuti). La Proposta della Commissione risponde, inoltre, all esigenza di investire urgentemente nel miglioramento dei cantieri di demolizione innalzando gli standard operativi (a tutela dell ambiente) e di lavoro. In particolare, le navi battenti bandiera di uno Stato membro dell UE dovranno istituire e aggiornare durante la loro intera vita utile un inventario dei materiali pericolosi presenti a bordo. L inventario dovrà essere aggiornato e completato prima che la nave sia avviata allo smantellamento, in modo da garantire che l impianto di riciclaggio prescelto possieda la capacità e le qualifiche per gestire tutti i rifiuti e i materiali pericolosi presenti a bordo. La Proposta prevede inoltre che, per essere inseriti nell'elenco degli impianti autorizzati, gli impianti di demolizione delle navi dovranno soddisfare una serie di requisiti ambientali e di sicurezza. La demolizione delle navi europee sarà permessa soltanto negli impianti inclusi nell'elenco. Rispetto alla Convenzione di Hong Kong (che peraltro, allo stato attuale e come si è visto, non entrerà in vigore se non prima di alcuni anni), la proposta della Commissione europea introduce requisiti più rigorosi e stringenti: lo scopo è assicurare una migliore tracciabilità delle navi che battono bandiere europee e garantire che i rifiuti derivanti dalla loro demolizione - e gli eventuali materiali pericolosi presenti a bordo - siano gestiti in modo compatibile con l'ambiente. Infine, per garantire il rispetto delle nuove regole, la proposta impone agli armatori di notificare alle Autorità nazionali l intenzione di avviare una nave alla demolizione. Mettendo a confronto l elenco delle navi per le quali le Autorità hanno rilasciato un certificato di inventario con l elenco delle navi demolite in impianti autorizzati, le Autorità nazionali (secondo le intenzioni dei redattori della Proposta di Regolamento) potranno individuare più facilmente le operazioni di riciclaggio illegale. Tuttavia, alla luce della recente risoluzione del 1 agosto 2012 della Commissione Ambiente del Senato della Repubblica Italiana, l impianto sanzionatorio elaborato dalla Commissione europea non appare in grado di determinare risultati di rilievo, se non affiancato da un meccanismo premiale. Difatti, occorre considerare che il valore di mercato di una nave destinata al riciclaggio si attesta tra il 17 ed il 23 per cento del valore di una nave in costruzione e che l armatore, in qualsiasi momento, può cambiare bandiera, issando una cosiddetta bandiera di convenienza o di comodo. Pertanto, si legge nella risoluzione «sino a quando gli impianti di riciclaggio presenti nei paesi in cui si pratica il devastante fenomeno ambientale dello spiaggiamento (beaching) - India, Bangladesh e Pakistan - non chiederanno ed otterranno di essere inseriti nell elenco europeo degli impianti di riciclaggio, non si può realisticamente escludere che un armatore sia indotto, da valutazioni di convenienza economica, a cambiare la bandiera delle proprie navi allo scopo di non sottostare alla disciplina sul riciclaggio dettata dal regolamento in esame». Analoghi rilievi in realtà sono stati espressi anche in sede comunitaria dal Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) nel parere del 19 giugno 2012 della Sezione specializzata Agricoltura, Sviluppo rurale, Ambiente in merito alla Proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al riciclaggio delle navi [COM(2012) 118] secondo cui «La proposta non prevede ad esempio nessuno strumento economico con cui la Commissione possa orientare l'evoluzione auspicata - strumento a cui invece i documenti precedenti (Libro Verde, ndr) facevano riferimento. La Commissione ha inoltre fatto eseguire uno studio sulla possibilità di istituire un fondo a cui ogni nave che attracca in un porto europeo sarebbe tenuta a versare un contributo, determinato in funzione sia della stazza che della tossicità dell'imbarcazione. L'istituzione di un fondo simile rappresenterebbe un'ottima applicazione del principio "chi inquina paga". Parte di questi contributi potrebbero essere utilizzati per migliorare le condizioni di lavoro nel Sud- Est asiatico, garantendo la formazione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul posto di lavoro, sensibilizzando a livello locale sui pericoli connessi alla demolizione irresponsabile delle grandi navi per la navigazione marittima e migliorando le 3

4 infrastrutture pubbliche locali. I suddetti contributi potrebbero inoltre essere utilizzati per sviluppare le capacità di demolizione in Europa. L'UE dispone di sufficiente capacità di messa in bacino, che non viene più sfruttata (o lo è solo in parte) per la costruzione e la riparazione delle navi, ma che risulta idonea per lo smantellamento e il riciclaggio di queste ultime. Questa prospettiva è perfettamente in linea con l'ambizione dell'unione europea di divenire una "società sostenibile basata sul riciclaggio", dove i rifiuti vengono trasformati in materie prime grazie a un sistema di riciclaggio intelligente e capillare. Ciò potrebbe generare un elevato profitto economico sotto forma di materiali pregiati, che potrebbero soddisfare in gran parte la domanda di materie prime e creare numerosi nuovi posti di lavoro. Dato il costante aumento dei prezzi delle materie prime e l'elevato tasso di disoccupazione registrato in diversi Stati membri dell'ue, questo sviluppo potrebbe andare a vantaggio dell'europa nel suo complesso. Se l'europa vuole che le sue navi vengano demolite in maniera responsabile, è plausibile che anch'essa contribuisca finanziariamente alla costruzione delle capacità necessarie affinché ciò avvenga correttamente. In un'economia di mercato niente è gratis, tutto ha un prezzo. Per una demolizione responsabile delle navi questo prezzo viene pagato in denaro. Per una demolizione irresponsabile delle navi, parte di tale prezzo viene pagato con altri valori, come la distruzione dell'ambiente locale e la perdita di vite umane. Poiché non intendiamo accettare che i valori all'interno dell'ue diventino un mezzo di pagamento legittimo, non dobbiamo nemmeno permettere che essi vengano utilizzati nell'ambito delle operazioni di pagamento con i paesi terzi. La Commissione potrebbe porre una maggiore enfasi su questo aspetto. Il CESE ritiene infatti che la Commissione avrebbe dovuto avanzare una proposta migliore, più creativa, più audace e più innovativa, che rispecchiasse meglio il livello di ambizione dei documenti precedenti della Commissione stessa e dei relativi pareri del Comitato». Nondimeno si deve altresì prendere atto che pochi armatori, pur non essendo obbligati dalla legge, stanno deliberatamente riciclando le loro navi secondo i più elevati standard sopportando così un mancato introito che va dai 50 ai 70 dollari in meno per tonnellata rispetto al prezzo pagato dai cantieri dell Asia meridionale. Ciò significa, per fare solo un esempio, che questo tipo di riciclaggio "verde" di una nave media, tra le e le tonnellate, comporta, per il proprietario, un mancato introito di oltre dollari. Alla luce di quanto sopra pare potersi concludere che l introduzione di incentivi economici è fattore di cui si sarebbe dovuto tener conto per implementare efficacemente le nuove regole della Commissione europea in un contesto in cui, tra l altro, si teme che (i) il prossimo picco di riciclaggio delle navi dovrebbe andare essenzialmente a vantaggio degli impianti meno conformi in prossimità della data limite per l eliminazione graduale delle petroliere monoscafo nel 2015 (ii) la situazione rischia di peggiorare in quanto nei prossimi anni un notevole numero di navi sarà probabilmente destinato alla demolizione a causa dell attuale situazione di eccesso di capacità della flotta mondiale, che secondo le previsioni dovrebbe perdurare almeno uno o due lustri. 4

5 Aiuti di Stato erogati alle imprese terminaliste nei porti italiani: quali prospettive alla luce del recente orientamento della Commissione europea. Sara Dameri Associate, Milan Telephone: E- mail: Il tema degli aiuti di Stato per la realizzazione di opere portuali è divenuto di stringente attualità con il recente caso dello scalo di Augusta, che è emblematico del nuovo, più rigoroso, orientamento della Commissione europea in detto ambito. L Autorità Portuale di Augusta avrebbe dovuto beneficiare di un finanziamento comunitario, per l importo di Euro 85 milioni, per la costruzione di un terminal container, l'adeguamento di un tratto dell'esistente banchina e l'ampliamento dei piazzali operativi, nonché l installazione di gru. L iter del finanziamento è stato bloccato dalla Commissione europea in ragione di ipotizzate violazioni della normativa in materia di aiuti di Stato. Ebbene, è ragionevole ipotizzare che i lavori di cui trattasi, realizzati con risorse pubbliche, si sarebbero tradotti in un vantaggio per i terminalisti interessati, i quali avrebbero potuto godere, ad esempio, di banchine e terminal oggetto di lavori di ampliamento e, quindi, di miglioramento, o di nuove gru. Peraltro, se qualsiasi attività di miglioramento delle banchine e di un terminal che sia finanziata dall Autorità Portuale o, comunque, dall Amministrazione pubblica, fosse suscettibile di ricadere nel novero degli aiuti di Stato, la conseguenza sarebbe dirompente. Ed infatti, non solo prima dell avvio di dette opere sarebbe necessario notificare l operazione alla Commissione europea, ma sarebbe altresì necessario assoggettarsi all esame della Commissione per accertare che le misure di cui trattasi non costituiscano aiuti di Stato vietati dal Trattato sul Funzionamento dell Unione Europea (vds. art. 107). Analizziamo, in estrema sintesi, le caratteristiche di un aiuto di Stato vietato ai sensi del diritto comunitario per comprende in quali casi il finanziamento pubblico di un opera in ambito portuale potrebbe costituire un aiuto di Stato illegittimo, con conseguente obbligo per l Ente erogante l aiuto di richiederne la restituzione al soggetto beneficiario. La normativa comunitaria, che, come noto, è direttamente applicabile negli Stati Membri, individua le caratteristiche di un aiuto di Stato vietato: (i) si tratta di una sovvenzione riconosciuta con risorse pubbliche. Non pare potersi dubitare del fatto che l eventuale erogazione di risorse pubbliche da parte dell Autorità Portuale in favore di un terminalista, sotto forma di erogazione diretta di denaro ovvero di finanziamento di opere di cui beneficia il terminalista, possa integrare la nozione di aiuto di Stato (vds., tra le altre, la sentenza della Corte di Giustizia nella causa C- 290/83, 30 gennaio 1985, Commissione delle Comunità europee contro Repubblica francese); (ii) E una sovvenzione selettivamente orientata a favorire un solo terminalista ovvero solo alcuni terminalisti. Al riguardo, è significativa la recente decisione della Commissione europea del 25 agosto 2011, nel caso relativo all aiuto di Stato C 39/09 (Finanziamento pubblico di infrastrutture portuali nel porto di Ventspils, in GUUE L 319 del ), inerente un finanziamento pubblico per la costruzione di infrastrutture destinate ad un terminalista nel porto lettone di Ventspils. Nel caso sopra richiamato, la Commissione europea ha statuito che la misura di cui trattasi non costituiva un aiuto di Stato illegittimo in quanto il canone di concessione imposto dall Autorità Portuale al concessionario destinatario della misura consentiva di «recuperare i costi per il dragaggio e per l accesso ferroviario, e di ottenere un rendimento analogo a quello che richiederebbe un investitore privato» (vds punto 85 della citata decisione della 5

6 Commissione europea). Pertanto, al fine di escludere che i lavori finanziari dall Autorità Portuale, che si traducono in un vantaggio per un terminalista, costituiscano aiuti di Stato vietati, sarà necessario che l Autorità Portuale applichi allo stesso un canone maggiorato. Dovrà trattarsi di un canone idoneo a consentire all Ente di ottenere un rendimento analogo rispetto a quello che sarebbe richiesto da un investitore privato. (iii) E una sovvenzione che falsa la concorrenza nel mercato rilevante. Il mercato rilevante è determinato, - sotto il profilo merceologico, dalla tipologia di servizio terminalistico reso dall impresa portuale che ha beneficiato dell aiuto (servizi in favore di container, merci varie, rinfuse ecc ) e, - sotto il profilo geografico, dal porto o dai porti considerati sostituibili dalla clientela. In particolare, se gli armatori che richiedono una data tipologia di un servizio terminalistico reputano assimilabile l accosto in due distinti porti (sulla scorta di una valutazione effettuata tenuto conto di fattori quali tempi, costi ecc ), detti scali sono sostituibili sotto il profilo della domanda. (iv) Una sovvenzione che incide sul commercio tra Stati Membri. Secondo un consolidato orientamento giurisprudenziale, il porto di Genova rappresenta una parte sostanziale del mercato comunitario. In particolare, a tale conclusione è giunta la Corte di Giustizia con la sentenza del 10 dicembre 1991, in causa C- 179/90, Merci Convenzionali Porto di Genova S.p.A., ove si legge che «tenuto conto in particolare del volume di traffico in tale porto e della sua rilevanza rispetto al complesso delle attività d importazione ed esportazione marittime nello Stato membro interessato, si deve ravvisare in questo mercato una parte sostanziale del mercato comune». Non vi è dubbio, pertanto, che qualsiasi sovvenzione in favore di un impresa terminalista operante nello scalo genovese sia idonea ad incidere sul commercio tra Stati Membri. Ad analoghe conclusioni potrebbe pervenirsi anche in relazione a porti assimilabili allo scalo genovese, tenuto conto dei fattori indicati dalla Corte di Giustizia (volume di traffico, incidenza di detto traffico sui volumi di import/export dello Stato Membro). Alla luce di quanto esposto, siamo in attesa delle prime decisioni della Commissione europea che consentiranno di precisare in quali circostanze le opere portuali realizzate con risorse pubbliche possano rappresentare un aiuto di Stato vietato accordato al terminalista che ne ha beneficiato. Si impone, nelle more, una particolare cautela per lo Stato italiano e l Autorità Portuale che intendesse finanziare un opera di ampliamento e/o ammodernamento di un terminal. In particolare, finché non interverranno pronunce di segno contrario, sarà senz altro opportuno che l Autorità Portuale o l ente finanziatore dell opera portuale provvedano alla preventiva notifica dell operazione alla Commissione europea, strutturando la stessa con particolare attenzione a non alterare la concorrenza in un mercato rilevante mediante l attribuzione ad un solo terminalista di un vantaggio rilevante rispetto ai propri diretti concorrenti. E indubbio, infatti, che l adeguamento ed il miglioramento di un terminal rispetto ai terminal concorrenti attribuisca all impresa portuale una maggiore capacità di attrazione del traffico e, quindi, possa falsare artificiosamente il gioco della concorrenza, quanto meno in assenza di correttivi quali la maggiorazione del canone o l assunzione di specifici obblighi nei confronti dell Ente concessionario da parte del terminalista. 6

7 Decreto Legislativo n. 111 del 28 giugno 2012 in materia di assicurazione marittima obbligatoria: quali reali novità? Guido Foglia Partner, Roma Telephone: E- mail: Con ritardo rispetto al termine del 1 gennaio 2012 e probabilmente sull onda emotiva generata dal naufragio della m/n Costa Concordia, l Italia ha deciso di dare attuazione alla Direttiva 2009/20/CE in materia di assicurazione obbligatoria connessa all esercizio di grandi navi. Il decreto legislativo n. 111 del 28 giugno 2012 dispone che, dal 10 agosto 2012, anche gli armatori italiani (così come quelli del resto dell Unione, Francesi, Spagnoli fra i primi ad avere adottato la norma europea) hanno l obbligo di stipulare un assicurazione obbligatoria della responsabilità armatoriale, connessa e conseguente, appunto, all esercizio della nave. Le assicurazioni così stipulate dovranno coprire i rischi ed i relativi danni derivanti da: i. morte o lesioni personali del personale imbarcato ovvero dei passeggeri; ii. perdita o danni ai beni, comprese le opere portuali, i bacini e i canali navigabili e gli altri ausili alla navigazione; iii. ritardi nel trasporto marittimo del carico, dei passeggeri o del loro bagaglio; iv. violazione di diritti diversi dai diritti contrattuali, che si verifichino in connessione diretta con l esercizio della nave o con le operazioni di salvataggio; v. recupero, rimozione, demolizione o attività volte a rendere inoffensiva una nave che sia affondata, naufragata, incagliata o abbandonata, compresa ogni cosa che sia o sia stata a bordo di tale nave; vi. rimozione, distruzione o attività volte a rendere inoffensivo il carico di una nave. Rimangono invece esclusi i danni per inquinamento da idrocarburi, per i quali restano in vigore le disposizioni della Convenzione internazionale conclusa a Bruxelles il 29 novembre 1969 (recepita dall Italia con Legge n. 185 del 6 aprile 1977), che, oltre a prevedere la responsabilità del proprietario per ogni danno da inquinamento causato dalla nave, impone un assicurazione o altra idonea garanzia finanziaria per le navi che trasportino più di tonnellate di idrocarburi alla rinfusa. Ai sensi del decreto legislativo n. 111 del 28 giugno 2012 sono soggette all obbligo di assicurazione le navi di stazza lorda pari o superiore alle 300 tonnellate, battenti bandiera italiana o estera, che entrano nei porti o semplicemente transitano nelle acque territoriali italiane, con la sola esclusione delle navi militari e di altre navi di cui sia proprietario lo Stato (ovvero altri Stati Membri). Il disposto della Direttiva 2009/20/CE specifica l importo globale dell assicurazione - per la nave oggetto della copertura - che viene pedissequamente traslato nella legge nazionale (pur avendo lo Stato membro la facoltà di rendere più rigorosi i criteri imposti dall Unione). Per individuare le soglie minime di copertura, la legge fa riferimento ai Diritti Speciali di Prelievo (abbreviato DSP, in inglese Special Drawing Rights o SDRs) che sono le unità di conto del Fondo Monetario Internazionale il cui valore è, come noto, ricavato da un paniere di valute nazionali, rispetto alle quali è possibile calcolare un valore medio allo scopo (quanto meno originario) di rimpiazzare l'oro nelle transazioni internazionali. Nel diritto marittimo, ricordiamo che in DSP vengono valutati il debito armatoriale nella Limitation of Liability in Marine Claims Conventions del 1976, il limite risarcitorio nella Civil Liability Convention (CLC) del 1969 sul trasporto di idrocarburi, come modificata dai protocolli del 1976 e 1992, nella FUND Convention del 1971 modificata dai protocolli del 1976 e 1992, nella HNS Convention sul trasporto di sostanze pericolose e nocive del 1996; il debito vettoriale per trasporto di cose nelle Convenzioni di Bruxelles (1924 modificata 7

8 dai protocolli del 1968 e 1979) Amburgo (cosiddette Regole di Amburgo del 1978), e per trasporto di persone nella Convenzione di Atene del 1974 (come emendata dai Protocolli di Londra del 1976, 1990 e 2002). Nel trasporto internazionale di merci, la Convenzione di Ginevra del 1956, modificata dal protocollo del 1978, prevede anch essa un limite di responsabilità fissato in DSP. Alla data di questo bulletin il valore di cambio del DSP è il seguente: 1 DSP = 1,19 Euro1,53 Dollaro Usa 0,956 Sterlina inglese Come si è detto, la legge in commento fissa dunque le soglie minime di copertura come segue: DSP a titolo di responsabilità concernente morte o lesioni personali, oltre a 800 DSP per ogni tonnellata di stazza lorda dalle alle , 600 DSP per ogni tsl dalle alle e 400 DSP per ogni tsl superiore alle ; DSP per ogni altro danno diverso da quanto al punto che precede, oltre a 400 DSP per ogni tonnellata di stazza lorda dalle alle , 300 DSP per ogni tsl dalle alle e 200 DSP per ogni tsl superiore alle ); DSP moltiplicati per il numero di passeggeri che la nave è autorizzata a trasportare, quale responsabilità per morte o lesione personale dei passeggeri. Il decreto legislativo n. 111 del 28 giugno 2012, quindi, al di là della formale imposizione di coperture della Responsabilità Civile (in realtà diffuse da tempo) alla quasi totalità della flotta italiana, potrebbe (e usiamo il condizionale) avere il sostanziale effetto di imporre, per la prima volta, una omogenea distribuzione del rischio assicurato, evitando così che navi di uguale tonnellaggio, medesima destinazione d uso e perfino identica rotta possano godere di coperture assicurative differenti. L obbligo introdotto dal citato Decreto non sembra, nella verità, rappresentare un innovazione radicale rispetto alle coperture di cui gli armatori, per il tramite dei propri P&I Club, si sono dotati da tempo, quanto piuttosto un indice di riferimento cui attenersi nella stipula delle coperture medesime. La legge, che tenta di introdurre un indice di riferimento economico non eludibile nella stipula di polizze, sembra tuttavia trascurare alcuni importanti aspetti della dinamica assicurativa in campo marittimo. Si pensi, per esempio, al tema delle franchigie, spesso previste in modo cospicuo allo scopo di contenere l ammontare del premio. Infatti, il combinato disposto: dell articolo 1 del decreto legislativo n. 111 del 28 giugno 2012, che individua la definizione di assicurazione nel «contratto di assicurazione, con o senza franchigie avente per oggetto la copertura della responsabilità dell'armatore in relazione ai crediti di cui all'articolo 4» e dell art. 6 p.to 3 che recita «L'importo globale dell'assicurazione per la nave oggetto della copertura, per evento, è pari alla somma dei limiti di cui agli articoli 7 e 8», pare escludere l intenzione - da parte del legislatore - di porre limiti a quella quota di risarcimento che rimarrà a carico degli armatori (le cosiddette franchigie). Nulla sembra escludere, pertanto, che gli armatori, pur stipulando polizze nel rispetto delle soglie indicate dalla legge, possano continuare ad esercitare una attenta politica di contenimento dei costi negoziando franchigie elevate. E presto per poter formulare previsioni circa l impatto che tale norme avranno sul mercato italiano, ma è senz altro prevedibile che le autorità marittime effettueranno controlli a bordo delle navi (con il conseguente onere di mantenere a bordo l idonea documentazione atta a validamente provare l esistenza delle coperture minime previste dalla legge per evitare sanzioni a carico del comandante e della nave). A tale ultimo proposito si ricorda che, sia la direttiva che la legge che ne dà attuazione nel nostro ordinamento, dispongono che il certificato assicurativo deve essere presente a bordo e redatto in una delle lingue ammesse (francese, inglese e spagnolo). 8

9 Contributi dagli uffici NCTM nel mondo Rubrica UE: gli atti più significativi nel bimestre passato che attengono il mondo del trasporto e del commercio internazionale Bernard O Connor Partner, Bruxelles Telephone: tel E- mail: Contract Professor, Statale di Milano, Visiting Professor, Bocconi di Milano 1. La Commissione europea ha confermato che il 6 settembre 2012 funzionari di detta istituzione hanno effettuato ispezioni a sorpresa nei locali di numerose compagnie di navigazione che prestano servizi di trasporto marittimo di auto, nonché di materiali per l'edilizia e macchine agricole. Le ispezioni hanno avuto luogo in diversi Stati membri, in coordinamento con le Autorità garanti della concorrenza statunitensi e giapponesi. La Commissione europea ha motivo di ritenere che le società interessate possano aver violato l'articolo 101 del TFUE, che vieta i cartelli tra imprese e le pratiche commerciali restrittive della concorrenza. 2. Il Parlamento europeo approva la nuova Direttiva UE sul contenuto di zolfo nei carburanti ad uso marittimo. Le emissioni di zolfo nel settore del trasporto marittimo dovranno essere ridotte del 90% entro il 2020: è questo l obiettivo della nuova Direttiva UE che fissa limiti più stringenti per il tenore di zolfo dei combustibili per uso marittimo. Il Parlamento europeo ha approvato il testo della Direttiva nel corso dell undicesima sessione plenaria di settembre tenutasi a Strasburgo. La Direttiva, sul cui testo il Parlamento europeo e il Consiglio hanno raggiunto un accordo il 15 maggio 2012, deve ancora essere formalmente ratificata dal Consiglio. Successivamente sarà formalmente adottata e sostituirà la Direttiva 1999/32/CE, attualmente in vigore. La nuova Direttiva recepisce nell ordinamento comunitario le più recenti modifiche della Convenzione MARPOL adottate nel 2008 in seno all'organizzazione marittima internazionale (IMO). In concreto, la nuova Direttiva riduce il tenore massimo di zolfo dei combustibili per uso marittimo allo 0,1% nelle zone sensibili, conosciute come aree di controllo delle emissioni di SOx (SECA), tra cui il Mar Baltico, il Mare del Nord e il Canale della Manica, a partire dal 1 gennaio 2015 (1,5 % è il limite attuale). La riduzione sarà molto più drastica nelle altre zone, dove il limite scende dal 3,5% al 0,5% a partire dal 1 gennaio Lo scorso giugno la Commissione Europea ha invitato l Italia a conformarsi alle norme dell Unione Europea in materia di appalti pubblici con specifico riferimento ai servizi di trasporto marittimo ad oggi operati in ambito regionale da tre compagnie, tutte del Gruppo Tirrenia, ovvero Caremar nel Golfo di Napoli, Laziomar nel Lazio e Saremar in Sardegna. I contratti per l espletamento di tali servizi sulle rotte indicate sono scaduti alla fine del 2008 e sono stati prorogati automaticamente dal Governo italiano senza la previa indizione di una regolare gara di appalto europea per l assegnazione dei nuovi contratti aperta a tutti gli armatori comunitari. La Commissione europea ha accordato all Italia due mesi di tempo per organizzare nuove gare di appalto per tali servizi riservandosi, in caso contrario, di adire la Corte di Giustizia dell Unione Europea, la quale potrà infliggere pesanti sanzioni all Italia. La Commissione europea è convinta che possano sussistere forti interessi da parte degli operatori marittimi comunitari nell indizione di una gara pubblica per l aggiudicazione dei servizi ad oggi gestiti da Caremar. 4. La Commissione europea ha deciso di approvare l erogazione di un finanziamento per Euro milioni, a breve scadenza e garantito dallo Stato Tedesco, a favore del Cantiere P+S Werften di Mechlenburg- Vorpommern. 9

10 Tale importo verrà utilizzato per affrontare i problemi di liquidità e per permettere al cantiere di pagare i propri creditori e di non interrompere la propria attività nel corso della seconda parte del 2012, quando lo stesso verrà sottoposto ad un piano di ristrutturazione societario. P+S Werften impiega circa dipendenti ed è stato creato nel 2010 dalla fusione tra Volkswerft Stralsund GmbH e Peene Werft GmbH. 5. E stato approvato lo scorso luglio dal Parlamento Europeo il pacchetto legislativo UE sul trasporto su rotaia - il cosiddetto Recast ferroviario - che dovrebbe entrare in vigore entro la fine dell anno. La nuova normativa contribuirà ad incrementare la trasparenza nel mercato, prevedendo l obbligo di gestione della contabilità separata tra operatori del servizio e gestori delle infrastrutture, un ulteriore separazione dei servizi (i dettagli sono in corso di elaborazione e dovrebbero essere resi noti entro la fine dell anno) e la previsione di servizi essenziali quali la presenza di stazioni di deposito e di impianti di rifornimento. 6. La Commissione Europea ha approvato il piano di ristrutturazione di Air Malta che comporterà la vendita di vari assets appartenenti alla società e la riduzione della sua capacità operativa. Air Malta è da qualche tempo afflitta da problemi finanziari. La Commissione europea aveva già approvato un piano di aiuti da 52 milioni di euro nel 2010 per la ristrutturazione. Ora la compagnia dovrebbe beneficiare di un nuovo aiuto per una ricapitalizzazione pari a 130 milioni. La Commissione europea ritiene che tale operazione consentirà un programma di ristrutturazione a lungo termine in un arco temporale compreso tra la data odierna ed il novembre La pregressa iniezione di capitale avvenuta nel 2004 non è stata considerata un aiuto di Stato, ma un operazione realizzata alle condizioni di mercato. 7. Lo scorso giugno la Commissione UE e l agenzia degli Stati Uniti per la sicurezza dei trasporti (TSA) hanno stretto un accordo in merito alla sicurezza del trasporto aereo. Questo accordo riconosce le rispettive procedure di sicurezza nell ambito del trasporto merci per via aerea e consente, quindi, di eliminare la duplicazione dei controlli di sicurezza in relazione alle diverse destinazioni della merce. Il lavoro condotto negli ultimi mesi ha dimostrato che i due sistemi sono equivalenti nella misura in cui forniscono il medesimo livello di sicurezza. Questo riconoscimento reciproco dovrebbe consentire di risparmiare tempo e di abbattere i costi legati alla sicurezza. Tali costi rappresentano attualmente circa il 4% del fatturato degli operatori del settore. La duplicazione dei controlli in precedenza richiesta incideva per il 20% circa sull importo sostenuto dagli operatori a titolo di costi di sicurezza. 8. La Commissione europea ha concluso un indagine antitrust nell ambito del settore delle assicurazioni marittime nel corso della quale non ha rilevato la presenza di elementi anti concorrenziali. L investigazione è stata eseguita su alcuni P&I (Protection & Indemnity Club) ed, in particolare, sugli accordi di ripartizione (claim sharing) e di riassicurazione (joint reinsurance) da parte dell International Group Agreement e del Pooling Agreement. L indagine è iniziata nell Agosto 2010 ed è stata portata a termine nell Agosto Nel corso del 2011 sono stati sequestrati dalle Autorità Doganali europee 115 milioni di prodotti contraffatti contro i 103 milioni del Il valore totale dei beni ammonta a circa 1,3 bilioni di Euro. Di questi la maggior parte è costituita da prodotti medicinali (24%), materiali da imballaggio (21%) e sigarette (18%). La Cina ha continuato ad essere la fonte principale di produzione dei prodotti contraffatti essendo responsabile del 73% delle violazioni. Per determinate categorie di prodotti sono altri i Paesi a mantenere un primato, come nel caso della Turchia per i generi alimentari, Panama per gli alcolici, la Thailandia per le bevande analcoliche e Hong Kong per i telefoni cellulari. Circa il 90% dei prodotti sequestrati sono stati distrutti o sono stati oggetto di un azione legale volta a individuare le violazioni commesse. 10. La Lituania è nell occhio del mirino della 10

11 Commissione Europea per aver negato l accesso alle proprie aree portuali agli altri fornitori comunitari di servizi portuali. L accesso a dette aree è ovviamente requisito essenziale per l espletamento dei relativi servizi. Una legge lituana del 1996 attribuisce, infatti, ai terminal operators un diritto di prelazione per il rinnovo del loro contratto in scadenza di concessione relativo alle aree portuali fintantoché gli stessi hanno adempiuto ai termini e condizioni contenuti nelle relative clausole. La Commissione europea ritiene che tale normativa rappresenti una barriera all assegnazione delle aree portuali a terzi newcomers e che, pertanto, costituisca un ostacolo alla libera circolazione dei servi all interno del territorio dell Unione. La riforma del settore agroalimentare in Cina Enrico Toti, Of Counsel, Rome Telephone: E- mail: Ricercatore Università di Roma Responsabile Desk Cina Laura Formichella Of Counsel, Roma Telephone: E- mail: Il 28 febbraio 2009 il Comitato Permanente dell Assemblea Nazionale Popolare ha approvato la Legge sulla Sicurezza alimentare della Repubblica Popolare Cinese (Zhonghua renmin gongheguo shipin anquan fa) entrata in vigore dal 1 giugno del medesimo anno. Il legislatore cinese, sotto la spinta del Governo centrale e per far fronte agli scandali che hanno scosso il mercato e messo in pericolo la salute pubblica, ha elaborato in questo ambito un nuovo, importante corpus di leggi recanti la disciplina di una materia così sensibile e abrogando contestualmente la normativa previgente. La Legge sulla sicurezza alimentare ne rappresenta il testo di riferimento, fulcro dell intera materia. Riportiamo di seguito menzione di alcune delle principali ulteriori leggi e regolamenti disciplinanti i profili di maggiore interesse per l operatore straniero: i. Regolamento attuativo della Legge sulla sicurezza alimentare della Repubblica Popolare Cinese (Zhonghua renmin gongheguo shipin anquan fa shishi tiaoli), emanato dal Consiglio degli Affari di Stato il 20 luglio 2009; ii. Criteri di gestione delle nuove varietà di additivi per alimenti (Shipin tianjiaji xin shipinzhong guanli banfa) emanate dal Ministero della salute il 30 marzo 2010; iii. Disposizioni per la disciplina della produzione di additivi alimentari (Shipin tianjiaji shengchan jiandu guanli guiding), promulgate dal 11

12 Dipartimento nazionale per la supervisione della qualità, dell ispezione e della quarantena il 4 aprile 2010; iv. Standard per l utilizzo degli additivi alimentari GB (Shipin tianjiaji shiyong biaozhun GB ), emanati dal Ministero della salute della Repubblica Popolare Cinese il 20 giugno 2011; v. Regolamento sulle licenze industriali per la produzione alimentare della Repubblica Popolare Cinese (Zhonghua renmin gongheguo shipin shengchan xuke guanli banfa) emanato dal Dipartimento nazionale per la supervisione della qualità, dell ispezione e della quarantena, il 7 aprile In tal senso, la legge rappresenta un testo generale di riferimento per la determinazione e l imposizione di standard di sicurezza e per la definizione di posizioni di garanzia e conseguente responsabilità tra gli operatori del settore alimentare, nonché tra i funzionari delle amministrazioni locali e centrali nell ambito dei rispettivi doveri di controllo e sorveglianza. In tal senso, il legislatore cinese ha approntato, per alcuni profili generali, una disciplina uniforme per l intero Paese anche con riferimento alle diverse tipologie di prodotti alimentari imponendo ai diversi operatori, cinesi e stranieri, il rispetto di regole comuni. La formulazione della normativa in materia di sicurezza alimentare, ispirata a criteri di scientificità, ragionevolezza, sicurezza e attendibilità, trova ispirazione in ambito internazionale nei precedenti Good Manufacturing Practices (GMP) e Hazard Analysis and Critical Control Point (HACCP). La disciplina contenuta nella legge quadro del 2009 appare volta ad affrontare i problemi emersi dalle numerose segnalazioni, di provenienza europea ed internazionale, nonché a soddisfare più in generale le richieste provenienti dall Unione Europea e dall Organizzazione Mondiale del Commercio relativamente alla tutela dei consumatori e del libero scambio di prodotti alimentari. Più di recente la necessità di contrastare una vera e propria emergenza nazionale, come nel caso del latte contaminato dalla melanina (2007) e della pasta contaminata da inchiostri di miscelazione e da cere impiegate come additivi (2011), si è affiancata alla iniziale finalità di garantire ai prodotti cinesi un agevole sbocco sui mercati esteri, determinando parallelamente un progressivo crescente interesse per l acquisizione dall estero di tecnologia volta a garantire la sicurezza alimentare e la qualità di cibi e bevande consumate in territorio cinese. La necessità della Cina di far fronte ad esigenze pressanti connesse anche allo sviluppo di nuove condizioni di vita si lega strettamente alla volontà di attrarre investimenti esteri in questo ambito. Le opportunità che, in modo più evidente, si prospettano all investitore straniero, sono costituite dunque sia dalla distribuzione e vendita di prodotti agroalimentari, basti pensare all impressionante incremento nel consumo di vino, e dunque certamente anche di prodotti made in Italy, a cui il consumatore cinese e non solo riconosce un carattere salutare; sia dallo sfruttamento a livello industriale della tecnologia volta a garantire sicurezza e qualità dell intero processo produttivo e distributivo degli alimenti, settore in cui le aziende del nostro Paese si posizionano tra i leader a livello mondiale. Spinto da tale incombente necessità, il legislatore cinese ha conferito all espressione sicurezza alimentare contenuta nella legge del 2009 di cui è in corso di pubblicazione la traduzione in lingua italiana un accezione ampia, in grado di garantire il consumatore rispetto all intero processo di produzione, lavorazione, confezionamento e distribuzione degli alimenti; si pensi ad esempio ai ferrei limiti previsti per l impiego di additivi; alla articolata normativa in materia di etichettatura e imballaggio, di estremo interesse anche per gli esportatori italiani di alimenti e bevande. 12

13 Eventi NCTM Ottobre Lunedì 1 Venerdì 5, IBA Dublino NCTM partecipa all edizione 2012 di International Bar Association (la più grande organizzazione mondiale di professionisti del settore legale, di associazioni forensi e di avvocatura) con una delegazione di professionisti. L Avv. Michele Bignami, coordinatore del dipartimento Lavoro dello Studio, terrà uno speech. Giovedì 4, Financial Times Awards NCTM è finalista nella categoria Most Innovative Continental European Law Firm. L annuncio dei vincitori si terrà in occasione della cerimonia in programma a Londra nel Natural History Museum. Venerdì 5, Lezione di Formazione Milano, Sala Conferenze NCTM, Via Agnello 12, alle ore "La record date" relatore: Prof. Francesco Denozza Martedì 16, Convegno Knowita: Il business in Cina. Come muoversi fra cultura, società, stato, tradizione e mercato Milano, Sala Conferenze NCTM, Via Agnello 12. relatori: Laura Formichella ed Enrico Toti Mercoledì 17, LegalCommunity Labour Awards Il dipartimento Lavoro di NCTM è finalista nella categoria Migliore assistenza a top management. I vincitori saranno premiati in occasione della cerimonia di Awards prevista per mercoledì 17 ottobre al NH Hotel di Largo Augusto, Milano. Giovedì 18, Convegno Synergia: la dismissione degli immobili pubblici Milano e Roma, Sale Conferenze di NCTM in video collegamento, giornata intera. relatore: Luigi Croce Venerdì 19, Incontri culturali: Fasanella e il golpe inglese Milano, Sala Conferenze NCTM, Via Agnello 12, alle Giovedì 25, Evento Formativo Interno, Tutorial Immobiliare Organizzato dal dipartimento Real Estate su Appalti Pubblici Giovedì 25, The Lawyer European Awards NCTM è finalista nella categoria Best Italian Law Firm of the year. Il nome del vincitore sarà reso noto durante la serata di premiazione che si terrà presso l hotel Hermitage di Monte Carlo. NOVEMBRE Venerdì 9, Lezione di Formazione Milano, Sala Conferenze NCTM, via Agnello 12, alle "Aggiudicazione e contratto nell'appalto di opere pubbliche" relatori: Paolo Colombo e Giovanni Meruzzi 13

14 Sabato 17, Evento Formativo Interno sulle Procedure Alternative al Fallimento (piani di risanamento art. 67, accordi di ristrutturazione art bis, concordato preventivo) Organizzato dal dipartimento Restructuring & Turnaround Milano, Sala Conferenze NCTM, via Agnello 12. relatore: Fabio Marelli Lunedì 19, TopLegal Awards Giunti alla VI edizione, i TopLegal Awards vedono protagonisti i più importanti studi legali che operano nel panorama italiano. NCTM è finalista in diverse categorie. L annuncio dei vincitori e la premiazione si terrà lunedì 19 novembre. Venerdì 23, Lezione di Formazione Milano, Sala Conferenze NCTM, via Agnello 12, alle "I contratti di gestione relatori: Serenella Rossi e Marco Maugeri Sala Stampa NCTM NCTM ha assistito Gruppo Limoni nella ristrutturazione del debito NCTM Studio Legale Associato ha assistito il Gruppo Limoni, la catena di profumerie controllata da Bridgepoint, nella complessa operazione di ristrutturazione del debito, pari a circa 400 milioni, nei confronti di un gruppo di banche guidate da ING. L'operazione ha comportato anche la ristrutturazione dell'azionariato, portando all'interno del capitale sociale anche il fondo Orlando Management. I professionisti di NCTM coinvolti sono stati, per la parte di diritto societario, il Senior Partner Paolo Montironi con la Senior Associate Claudia Grilli; il Prof. Fabio Marelli, Partner, in materia di diritto fallimentare; Stefano Padovani, Partner, Matteo Gallanti, Partner e Giovanni De' Capitani, Senior Associate per le questioni di diritto bancario. NCTM nell'operazione di acquisizione di una quota di Dimms Control da parte di Xenon Private Equity Si è conclusa nella prima settimana di agosto l acquisizione da parte di Xenon Private Equity V del 36,52% di Dimms Control S.p.A, società ingegneristico- geologica di Avellino specializzata nel controllo di grandi opere come porti, gallerie, autostrade, dighe e ferrovie. L avvocato Lukas Plattner, salary partner di NCTM Studio Legale Associato, ha assistito Dimms Control S.p.A. nell'operazione NCTM nell'acquisizione di Virosac Il fondo di private equity Alto Capital III, gestito da Alto Partners SGR S.p.A., ha acquisito, attraverso una Newco, la quota di maggioranza di Virosac S.r.l., società trevigiana produttrice di prodotti per la casa e sacchetti di materiale plastico. Nella Newco hanno investito, insieme ad Alto Capital III, i venditori e il fondo DVR&C Private Equity S.p.A. Simone De Carli, ha prestato assistenza e consulenza a Virosac anche nel reinvestimento in Newco. NCTM accompagna Fondo Italiano di Investimento in Megadyne Il Fondo Italiano di Investimento ha concluso l'accordo per entrare nel capitale sociale di Megadyne S.p.A., holding di un gruppo leader a livello mondiale nella produzione e commercializzazione di cinghie in poliuretano e in gomma, di pulegge e di altri prodotti complementari. Il Gruppo Megadyne, fondato nel 1957 da Corrado Tadolini e ora guidato dai figli Giorgio e Marco, impiega circa addetti e, nel 2011, ha realizzato un fatturato superiore a euro 180 milioni (di cui il 87% realizzato all estero). 14

15 L operazione prevede che il Fondo Italiano di Investimento acquisti una partecipazione di minoranza in Megadyne s.p.a. sottoscrivendo un aumento di capitale di euro 20 milioni. Il Fondo Italiano di Investimento è stato assistito dall'avvocato Pietro Zanoni, equity partner di NCTM Studio Legale Associato NCTM assiste Giovanni Perissinotto nella separazione da Generali NCTM Studio Legale Associato, in unione con il Prof. Avv. Roberto Sacchi, ha prestato assistenza legale a Giovanni Perissinotto nello scioglimento del rapporto con il Gruppo Generali. Duplice la consulenza offerta dallo Studio, coordinata dall'avv. Paolo Montironi: in diritto societario e in diritto del lavoro, con il Responsabile del Dipartimento di Diritto del Lavoro, avv. Michele Bignami. L Capital acquisisce una quota in Cigierre - Compagnia Generale Ristorazione Si è conclusa l acquisizione da parte di L Capital di una quota, pari ad un terzo del capitale sociale, in Cigierre - Compagnia Generale Ristorazione. L Capital viene così ad aggiungersi nell assetto societario al socio industriale Camelot Holding e a Paladin Capital Partners, che confermano il loro sostegno al progetto, mentre a capo della società viene confermato l Amministratore Delegato Marco Di Giusto, artefice dello sviluppo dell azienda. Nata nel 1995 a Udine, Cigierre - Compagnia Generale Ristorazione S.p.A. è azienda leader in Italia nello sviluppo in franchising di ristoranti tematici multietnici, forte di brand tra i quali Old Wild West, interessata nei prossimi mesi da un ambizioso piano di sviluppo sul territorio italiano ed estero. Il nuovo innesto, condiviso dall intero management, grazie alla competenza maturata nel settore retail con gli investimenti in Stroili e La Gardenia (recentemente ceduta con successo al fondo Bridgepoint) darà ulteriore impulso alla crescita del gruppo. L Capital è stata assistita da NCTM Studio Legale Associato con un team composto dai partner Paolo e Monica Montironi, e dalla senior associate Alice Bucolo. NCTM legal advisor nell ammissione all AIM Italia - MAC di Primi sui Motori. NCTM Studio Legale Associato ha assistito Primi sui Motori, società modenese attiva nei servizi di posizionamento delle aziende sui motori di ricerca, nell ammissione all AIM Italia - Mercato Alternativo del Capitale di Borsa Italiana. Il primo giorno di quotazione delle azioni di Primi sui Motori è giovedì 26 luglio Primi sui Motori, società fondata e presieduta da Alessandro Reggiani, da più di dieci anni offre servizi di web marketing ed è leader nella consulenza SEO (search engine optimization) per migliorare il posizionamento delle aziende clienti nelle ricerche sui portali online. La società è assistita da Integrae Sim in qualità di nominated advisor e da Ambromobiliare come advisor finanziario. Dal punto di vista legale, Lukas Plattner, salary partner di NCTM Studio Legale Associato, ha seguito lʼoperazione. NCTM si aggiudica il premio International Legal Awards nella categoria Studio italiano dell anno Giovedì 14 giugno si è tenuta a Parigi la premiazione International Legal Awards, dedicata ai migliori studi legali indipendenti che si sono distinti nel corso dellʼanno. 15

16 Le Nostre Sedi OUR OFFICES MILANO Via Agnello, 12 Tel.: Fax: MILANO Via Agnello, 12 Tel.: Fax: ! ROMA Via delle Quattro Fontane, 161 Tel.: Fax: ROMA Via delle Quattro Fontane, 161 Tel.: Fax: VERONA Stradone Porta Palio, 76 Tel.: 045 VERONA Stradone Fax: 045 Porta Palio, Tel.: Fax: LONDON St. Michael s House 1 LONDONGeorge Yard, Lombard Street St. Michael s House Tel.: (0) George Yard, Lombard Fax: +44 Street (0) Tel.: +44 (0) Fax: +44 (0) BRUSSELS Avenue de la Joyeuse Entrée, 1 Tel.: +32 (0) Fax: +32 (0) SHANGHAI SHANGHAI 28th Floor Hong Kong 28th Plaza Floor Hong Kong Plaza 283, Huaihai Zhong 283, Road Huaihai Zhong Road Tel.: Tel.: Fax: Fax: Le informazioni e i commenti contenuti in questa News Letter non devono intendersi pareri legali. Essi sono esclusivamente forniti a titolo informativo. Nonostante sia stata rispettata ogni cautela nella redazione dei commenti, il nostro studio non assume alcuna responsabilità in merito alla correttezza delle informazioni contenute nel presente documento. I lettori sono inviatati, se di loro interesse, a chiedere un parere legale sulle materie trattate e a tal fine ogni membro del nostro staff è a vostra completa disposizione. 16

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 28.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 94/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/23/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 sull aggiudicazione dei contratti

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto

Avviso di aggiudicazione di appalti Settori speciali. Sezione I: Ente aggiudicatore. I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto 1/ 14 ENOTICES_alessiamag 14/11/2011- ID:2011-157556 Formulario standard 6 - IT Unione europea Pubblicazione del Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'unione europea 2, rue Mercier, L-2985 Luxembourg

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

DUAL RC professionale

DUAL RC professionale P.I. LINE - tailor made DUAL RC professionale Proposta di assicurazione per la Responsabilità Civile Professionale di Commercialisti, Tributaristi, Avvocati Consulenti del Lavoro, Società di Servizi (EDP)

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO

DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO DIRETTIVE COMUNITARIE INTERESSATE DAL REGOLAMENTO 1. Direttiva 66/401/CEE: commercializzazione sementi di piante foraggere 2. Direttiva 66/402/CEE: commercializzazione di sementi di cereali 3. Direttiva

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile

INSER S.P.A. Ordine di Milano. Giugno 2014. Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile INSER S.P.A. Proposta di Agevolazione RC Professionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Ordine di Milano Riservato e Confidenziale Documento non riproducibile Giugno 2014 Indice Proposta di

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte;

1. non intraprendere trattative di affari con operatori senza prima aver raccolto informazioni sull esistenza e l affidabilita della controparte; CAUTELE NELLE TRATTATIVE CON OPERATORI CINESI La Cina rappresenta in genere un partner commerciale ottimo ed affidabile come dimostrato dagli straordinari dati di interscambio di questo Paese con il resto

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli