STRADE D EUROPA CAOS ALBO IL COMPITO NUMERO ASTRA CUNEO IN ASSEMBLEA ANNUALE IN RICORDO DI GIANCARLO RICCA SE VIAGGIARE DIVENTA IMPOSSIBILE...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRADE D EUROPA CAOS ALBO IL COMPITO NUMERO ASTRA CUNEO IN ASSEMBLEA ANNUALE IN RICORDO DI GIANCARLO RICCA SE VIAGGIARE DIVENTA IMPOSSIBILE..."

Transcript

1 ANNO 3 NUMERO 3 PERIODICO DI ASTRACUNEO - ASSOCIAZIONE TRASPORTATORI NOVEMBRE 2012 Direzione, agenzia pubblicitaria, redazione: via della Motorizzazione 11, 12100, Cuneo Tel: Mail: Direttore responsabile: Andrea Caponnetto Iscrizione Tribunale di Cuneo n. 623 del 26 marzo 2010 IN QUESTO STRADE NUMERO ASTRA CUNEO IN ASSEMBLEA ANNUALE D EUROPA A p. 7 IN RICORDO DI GIANCARLO RICCA Lutto a p. 7 SE VIAGGIARE DIVENTA IMPOSSIBILE... Divieti comunali a p. 3 FOR.TE: PARTE LA CAMPAGNA DI ADESIONE Fondi per il terziario a p. 6 IL COMPITO di Domenico Allione CAOS ALBO In tempi di semplificazione qualcuno potrebbe chiedersi perché il mondo dell'autotrasporto sia regolato da due elenchi : uno, l'ormai storico Albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l'autotrasporto di cose per conto terzi, l'altro, il Registro elettronico nazionale (R.E.N), recentemente introdotto dal Reg. CEE 1071/2009. In attesa di sciogliere l'enigma balza agli occhi l'incredibile vicenda relativa al requisito della capacità finanziaria che in questi mesi le imprese devono dimostrare agli uffici provinciali. Nel corso del 2012 si sono susseguite una serie di indicazioni ministeriali e di indicazioni delle diverse province, che hanno dato vita ad una babele interpretativa (si è passati dalle fideiussioni bancarie alle polizze vettoriali!) con effetti distorsivi in termini di costi, di impegno finanziario e di concorrenza tra imprese di autotrasporto italiane, a seconda di dove fosse ubicata la loro sede aziendale. Nel frattempo una sola certezza, a pagare in termini di tempo e di costi saranno le imprese che si vedono aumentare la quota nazionale e devono accollarsi pure la quota aggiuntiva che alcune province stanno applicando. Per fortuna adesso si potrà pagare on-line e con la carta di credito! di Guido Rossi La crisi economica in atto sta rappresentando un doloroso e accelerato corso di apprendimento, per imprese e cittadini, di quanto l'esistenza di un singolo stato nazionale sia influenzato e determinato dalle regole e dalle decisioni che pervengono dall'unione europea. Concetti quali spread, BCE, piani di rientro, Consiglio europeo, Patto di stabilità e la consapevolezza che le decisioni e le politiche prese nei paesi cosiddetti virtuosi, incidono profondamente sulle sorti di altre nazioni meno solide sono entrati a far parte della nostra realtà quotidiana. Potrà piacere o meno, si potrà essere più o meno d'accordo, ma la realtà dei fatti è incontrovertibile. Non prenderne atto da parte di chi ha responsabilità di governo a tutti i livelli (politica, pubblica amministrazione, sindacati dei lavoratori, associazioni datoriali) è un atteggiamento che oscilla tra la demagogia, l'incompetenza, il provincialismo. Un atteggiamento in ogni caso pericoloso per le aziende e i cittadini di questo paese. Il mondo dell'autotrasporto ormai da decenni vive in maniera diretta la fondamentale importanza della normativa comunitaria che ne regola e indirizza gli aspetti più importanti. Per averne una conferma basta dare un'occhiata all'ingente numero di direttive e regolamenti europei che disciplinano i tempi di guida e di riposo, l'accesso alla professione, i tempi di lavoro, i controlli su strada, la formazione professionale, la sicurezza sui luoghi di lavoro, le accise sul gasolio, i passaggi autostradali, il cabotaggio e il distacco transnazionale di autisti. L'ambito nazionale, ministeriale o provinciale, non è niente altro che recepimento a posteriori (purtroppo talvolta confuso e addirittura più complicato ai danni delle imprese) delle scelte fatte a Bruxelles e a Strasburgo. La Comunità economica europea è nata negli anni '50 sui pilastri del libero scambio di merci, persone, capitali, è stato e continua ad essere un processo lento e difficile, ma sicuramente inesorabile. L'autotrasporto per la sua natura di attività di servizio in grado di trasportare merci e persone da un luogo all'altro, rappresenta in un'attività comunitaria per eccellenza, in quanto chiunque riuscirebbe a capire che spostare un camion da Varsavia a Madrid è più semplice che riconoscere il ruolo di un notaio italiano in Francia, solo per fare un esempio. In questo contesto la diatriba, tutta italiana, che da quattro anni sta agitando il mondo dell'autotrasporto, sul tema dei costi minimi di sicurezza, assume i contorni di una vicenda sicuramente sentita ma marginale rispetto alle decisioni strategiche del livello europeo. Il fatto che alla prima richiesta di delucidazioni sull'apparato dei costi minimi da parte della Commissione Europea il Ministero dei trasporti si sia affrettato a rispondere che i costi non si applicano al cabotaggio e ai trasporti internazionali, testimonia il contesto tutto interno della discussione, con il suo corollario di continue modifiche normative, di incontri, di campagne stampa, di minacce di fermo e quant'altro. Astra Cuneo vuole accendere il faro dell'attenzione sui palazzi di Bruxelles, vuole fare conoscere ai propri associati la complessità delle norme, vuole condividere con le altre associazioni datoriali, con la pubblica amministrazione e con la politica la necessità di una presenza attiva e qualificata nei momenti decisionali comunitari. È un atteggiamento meno urlato e meno appariscente di quello esternato da altre sigle, ma che riteniamo più consapevole e utile per chi fa impresa in questo settore. A livello europeo stanno modificando la normativa su tachigrafi e tempi di guida e di riposo. Qualcuno si sta attivando per incidere su queste scelte?

2 II ANNO III - NUMERO 3 Il colle della Maddalena sbarca in Parlamento di Andrea Caponnetto Sbarca in parlamento il tema della gestione (e collaborazione) trasfrontaliera della Strada Statale 21 per il Colle della Maddalena. Nel mese di settembre è stata discussa in Commissione Trasporti della Camera l'interrogazione presentata dal buschese Teresio Delfino in merito alla necessità di una maggiore sinergia tra Italia e Francia. «Da anni questo valico è caratterizzato da problematiche non ancora risolte, sia per quanto riguarda la viabilità sul versante italiano, relativamente allo sgombero della neve, alla pulizia della carreggiata, alla caduta di valanghe e al continuo passaggio di mezzi pesanti all'interno dei centri abitati, sia per quanto riguarda la gestione internazionale». L'onorevole ha sottolineato in particolare il problema delle barriere di disgelo installate dalle autorità francesi: «Il valico è rimasto chiuso al traffico commerciale per oltre tre settimane, penalizzando di fatto le consuete attività di export, rese impossibili proprio dal lungo protrarsi del blocco». E ha poi sottolineato le difficoltà di comunicazione tra enti trasfrontalieri: «È indispensabile assicurare un rapporto permanente di reciproca consultazione con le autorità transalpine, affinché eventuali impedimenti alla circolazione dei veicoli pesanti possano essere ripristinati con rapidità senza alcuna ripercussione negativa in termini economici e di competitività per le aziende di trasporto o committenti del territorio». Risponde il Sottosegretario Guido Improta: «I disagi sul Colle della Maddalena sono stati determinati dalle chiusure disposte dal Conseil Général francese per le cosiddette barriere di disgelo : tale misura di sicurezza non può essere impedita dall'ente gestore italiano, che è tuttavia impegnato a trovare con la Parte francese soluzioni che limitino i tempi di chiusura del Colle. Nel caso specifico di fine febbraio, ANAS ha fatto presente che i disagi provocati dalla chiusura ddlla strada Statale 21 si sono verificati a causa del Uno dei tornanti che immette sul colle della Maddalena ritardo nella trasmissione delle informazioni da parte delle autorità francesi». Al di là dei disagi lamentati nello scorso inverno, a seguito della prolungata chiusura del valico per le barriere di disgelo installate dalle autorità francesi, il Sottosegretario ha garantito un maggior coordinamento tra gli enti gestori per rendere più efficienti le comunicazioni per la trasmissione delle disposizioni amministrative e operative necessarie alla gestione della viabilità del valico. Queste le garanzie di Improta: «Un organismo di cooperazione bilaterale è intervenuto lo scorso anno sulla questione del traffico stradale al Colle della Maddalena, dove la Statale 21 si collega attraverso il Col de Larche alla strada RD 900 in territorio francese: in tale occasione il Presidente della Commissione Intergovernativa ha invitato i due Enti gestori italiano e francese (ANAS Piemonte e Conseil Général Alpes de Haute - Provence) a raccordarsi al fine di mettere in atto azioni di miglioramento della gestione stradale su entrambi i versanti. In seguito, sono intervenute ulteriori riunioni tra i rappresentanti degli Enti gestori italiano e francese per individuare modalità di intervento condivise che potessero quanto meno ridurre i disagi degli utenti». Il rappresentante del Governo ha anche affermato che la convenzione bilaterale per l'attivazione di procedure di coordinamento del personale addetto alla sorveglianza su strada è in fase di definitiva stesura: «Prevede, tra l'altro, punti di particolare importanza, come le modalità di chiusura e di riapertura del Colle, il pattugliamento in previsione di una chiusura necessaria e la comunicazione tra gli Enti gestori». Anche la Consulta e l'osservatorio sui costi minimi che a questa fa capo non hanno resistito ai colpi inferti dalla Spending review. Una legge questa, che dovrebbe servire a eliminare sprechi e inefficienze, garantire il controllo dei conti pubblici, liberare risorse da utilizzare per interventi di sviluppo, ridare efficienza al settore pubblico allo scopo di concentrare l'azione su chi ne ha bisogno. Dalla legge risulta che le loro importanti attività e funzioni tuttavia rimangono in essere, venendo trasferite ai competenti uffici del Ministero. La Consulta, nella logica della riduzione della spesa pubblica, è stata abolita perché ritenuta un organismo se non inefficiente, quanto meno fonte di sprechi di denaro pubblico. Il provvedimento è intervenuto in un momento in Soddisfatto dell'interessamento l'onorevole buschese: «Auspico che quanto riferito dal Sottosegretario si traduca in un rapporto permanente di reciproca consultazione tra gli Enti gestori, affinché eventuali impedimenti alla circolazione possano essere ripristinati con rapidità senza alcuna ripercussione negativa in termini economici per le aziende di trasporto o committenti del territorio». Delfino: «Stop di 3 settimane per le barriere antigelo: danni all export» Improta: «Pronta una convenzione bilaterale con la Francia» Spariscono Osservatorio e Consulta Spending review con l accetta sugli organi di governo cui le complicazioni del settore non sembrano ridursi, in primis il caro gasolio. Come sempre accade in occasione di tagli alla spesa pubblica, resta il dubbio se a quanto giudicato inadatto si riuscirà a sostituire qualchecosa di più adeguato. Interrogativo oltremodo importante vista la situazione che sta vivendo il nostro settore. Al lume della riforma le discussioni sui principali problemi che si annidano attorno al settore dell'autotrasporto non potendo più essere discusse al tavolo del principale organo di concertazione professionale, dovranno essere affrontate direttamente con il Ministero. Si auspica che il nuovo interlocutore garantisca soluzioni più efficaci delle precedenti consultazioni, dando attuazione ai principi di risparmio che hanno ispirato la soppressione della Consulta.

3 ANNO III - NUMERO 3 III IL SINDACO Ha indetto il divieto di transito ai camion nel centro, salvo poi ritirarlo in cambio di un sostegno da parte della categoria LE IMPRESE Durante il divieto hanno dovuto percorrere un itinerario molto più lungo e accidentato DIVIETI COMUNALI AI CAMION Quando viaggiare diventa impossibile La Trae di Busca denuncia il caso di Villafalletto L'imbuto saluzzese sta mettendo in crisi numerose ditte della zona, dalla Granda Zuccheri alla Sedamyl. Provocando grattacapi a non finire alle imprese di autotrasporto che con esse operano. In questi mesi sono stati sollecitati tutti gli organi istituzionali, ma non si è ancora giunti ad una risoluzione del problema. Oggetto del contendere, l'accesso al centro di Villafaletto, dove il sindaco Ilio Piana ha deciso di porre un fermo divieto di transito ai camion. Effettivamente la strettezza della carreggiata in particolare nel lato ovest (verso Busca) è tale da rendere molto pericoloso per i residenti il continuo accesso di mezzi pesanti. Ma il blocco imposto dal sindaco obbliga i camion ad effettuare una tragitto decisamente più lungo e non meno pericoloso. «Rispondo alle esigenze legittime dei miei cittadini, che hanno raggiunto l'esasperazione. Non ce l'ho con le imprese né con la categoria, ma questo gesto di autoprotezione voglio che sia compreso: da tempo attendiamo la realizzazione della circonvallazione che sgraverebbe le nostre strade del Buschese, Saluzzese e Cuneese e si rivelerebbe uno sfiato utile per le numerose aziende che utilizzano la gomma per i propri traffici commerciali. Solo così possiamo fare sentire la nostra voce» dichiara Piana. A pagare una presa di posizione politica, pur legittima, sono però nuovamente gli autotrasportatori. A parlare è il principale animatore di questa campagna, Domenico Barbero della Trae e Spedar Trans di Busca. Nel mese di agosto ha segnalato il problema ad Astra Cuneo, che ha sua volta ha sottoposto il nodo alla Prefettura. Sinora con scarsi risultati. «Abbiamo strade di secoli fa. E a volte si prendono decisioni di cortile votate a proteggere il proprio orticello senza riuscire a creare progetti coordinati. Sono due mali del nostro territorio e del nostro tempo, evidenti in questa particolare situazione. Da un lato comprendo la volontà di un sindaco di dare risposte al proprio elettorato, ai cittadini che rappresenta. Dall'altro sulla strada, che è un bene di tutti, non si può da un giorno all'altro svegliarsi e posizionare un cartello, senza rimettere in discussione l'intero asse viario del territorio. Se tutti i Comuni facessero così i nostri camion non potrebbero neanche uscire dai garage». Il sindaco, dopo qual- COSTIGLIOLEI Ipotesi di una tangenziale che potrebbe risolvere molti dei problemi. Ma mancano i soldi... che trattativa, ha deciso di derogare l'introduzione del divieto, in cambio da parte delle imprese e della categoria di un sostegno concreto alla battaglia che intende portare avanti in Provincia per la realizzazione dell'agognato anello stradale attorno al centro del suo comune. Contemporaneamente si muoveva la Sedamyl di Saluzzo, azienda particolarmente danneggiata dal blocco: anche l'unione industriale si è fatta portavoce del problema col Prefetto e con la Provincia. Intanto la Provincia, preso atto del problema, ha promesso una riunione per analizzare le eventuali opzioni. Ma per ora tutto tace. «Il sindaco ha concesso un agreement a orologeria ma potrebbe presto ripensarci. Soprattutto se come avvenuto in queste settimane finisce tutto nel dimenticatoio» continua Barbero. Ancora più urgente della circonvallazione di Villafalletto, progetto non particolarmente dispendioso (si parla di circa 400 mila euro), pare essere un'opera similare, ma più impegnativa, prevista a Costigliole, cittadina storicamente funestata da problemi viari. Stando alla bozza progettuale, oltre circumnavigare il comune del Quagliano, la nuova direttrice presenterebbe anche un collegamento con innesto in frazione Termine. Un'arteria che quindi potrebbe aiutare a decongestionare il traffico del centro di Villafalletto, risolvendo parte dei problemi sollevati da Piana. In ogni caso opere che non sono sostitutive l'una dell'altra. Ma entrambe a loro modo utopiche, viste le finanze della Provincia. Servirebbe sicuramente un investimento congiunto che interessi anche i comuni serviti dalla nuova infrastruttura. Ma anche su questo fronte le casse languono. Etilotest in Francia proroga fino a marzo Dal 1 luglio chi varca il confine francese è obbligato ad avere con sé un tester per verificare la propria condizione di sobrietà in caso di controllo. Queste disposizioni si applicheranno a chiunque circoli sulle strade francesi, dagli autobus ai camion, motociclisti compresi, esentati solo i ciclomotori con cilindrata fino a 50 cavalli. Inizialmente era stato previsto che le sanzioni sarebbero state applicate a partire dal prossimo primo novembre. Lo scorso 9 ottobre, il Ministero dell'interno d Oltralpe ha annunciato che queste misure saranno applicate soltanto a partire dal primo marzo La proroga del termine è stata motivata sul presupposto che l'eccesso di domanda non avrebbe consentito all'unico produttore presente di consegnare gli etilometri in tempo utile. Pertanto, gli ordini effettuati dai nostri associati restano validi e non appena riceveremo la merce vi contatteremo.

4 IV ANNO III - NUMERO 3 TUTTI I TEMI DEL 2012/2013 CONTRATTO DI TRASPORTO E L'ARTICOLO 83 BIS disciplina principalmente l'apparato sanzionatorio in caso di mancato riconoscimento dei costi minimi al vettore REGOLAMENTO CEE 561/2006 tempi di guida e di riposo + RESPONSABILITA' AZIENDALE organizzazione e istruzione conducenti DECRETO LEGISLATIVO E RESPONSABILITÀ AZIENDA Sicurezza sul lavoro: approfondisce le responsabilità dell impresa CCNL TRASPORTI LOGISTICA/MERCI: PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI, DIMISSIONI E LICENZIAMENTO Le regole fondamentali dettate dal Contratto collettivo in materia di sanzioni comminate al dipendente AMMORTIZZATORI SOCIALI Tutte le novità introdotte dalla riforma Fornero (Legge 92 del 2012) BUSTA PAGA NEL SETTORE DELL'AUTOTRASPORTO Norme, caratteristiche, contribuzioni CONTABILITA' ANALITICA, FISCALE E CONTROLLO DI GESTIONE Il controllo contabile della redditività aziendale LA FORMA Tutti i corsi della prossima stagione: al via Nei mesi scorsi il Ministero dei Trasporti ha stanziato importanti risorse a favore della formazione rivolta agli operatori della categoria. Astra Servizi ha partecipato a questo bando come capofila delle imprese associate, avendo come obiettivo quello di organizzare corsi di formazione e approfondimenti a favore dei soci e dei loro dipendenti. Utilizzando i fondi ministeriali, infatti, si stanno organizzando corsi di formazione e incontri di approfondimento normativo su specifici temi che interessano il settore dell'autotrasporto. Saranno quindi organizzati incontri monotematici su temi inerenti il trasporto e il lavoro in senso lato. Sarà una formazione di categoria, pensata per perseguire gli scopi mutualistici insiti nella cooperativa. Il costo della formazione è interamente a carico di Astra: le imprese non avranno alcuna spesa aggiuntiva. Chiaramente a tutte è richiesto di impegnare i dipendenti nelle giornate di corso, snodi formativi importanti per capire come si sta evolvendo il settore e comprendere a fondo le nuove norme. Un'opportunità e una garanzia di aggiornamento che, a tutti i livelli, può davvero portare un miglioramento nei servizi resi e ad una più puntuale risposta alle problematiche emergenti. Il referente per la formazione di Astra è Gabriele Bracco, attualmente impegnato nell'attivazione di corsi obbligatori dedicati alla sicurezza e al lavoro, I corsi di formazione avranno ad oggetto il trasporto di merci pericolose (Formazione Adr Base + cisterna) e la sicurezza sul lavoro, quest'ultima, in ottemperanza a quanto previsto con gli Accodi Stato - Regioni del dicembre Gli incontri di approfondimento normativo, invece, verteranno su specifiche tematiche interessanti il settore. I primi incontri monotematici di questa stagione hanno offerto, in primo luogo, l'opportunità di approfondire il Contratto Collettivo nazionale di lavoro del settore e gli accordi sindacali aziendali, ai sensi dell'art. 11 CCNL e, in secondo luogo, la sicurezza sul lavoro. Nei prossimi mesi si svolgeranno, secondo una griglia già abbozzata, una serie di altri incontri, che ora andiamo ad analizzare nel dettaglio, riservandoci di dare aggiornamenti ad ogni numero di Astranotizie. Oltre al nostro periodico, le imprese associate riceveranno aggiornamenti e calendari in mailing list e sul sito di Astra Cuneo. Carta e interattività per portare la formazione di Astra sempre più al passo con i tempi e renderla fruibile a tutti gli attori del settore. Andrea Caponnetto Chi sono i destinatari di questo ciclo di formazione? In primo luogo i lavoratori, assunti con contratto di lavoro dipendente/subordinato, indipendentemente dalla tipologia di contratto e dalla durata (full e part time) Ma anche: apprendisti associati in partecipazione soci lavoratori collaboratori e coadiuvanti dell'impresa che svolgano attività amministrative Quando il recupero del cre Tempi duri come quelli che stiamo vivendo richiedono più che mai ad ogni imprenditore di ispirare le sue azioni all'accortezza ed alla meticolosità. La crisi prosegue senza tregua, la recessione incalza ogni giorno e i prezzi aumentano incontrollati. In questo scenario dantesco, caratterizzato dalla ristrettezza economica, il buon imprenditore si trova sempre con maggiore frequenza a dover lottare per ottenere il pagamento dell'attività svolta. Frequentemente i pagamenti delle fatture avvengono alle calende greche e, pertanto, il creditore per evitare di restare con un pugno di mosche in mano dovrà seguire opportuni accorgimenti. Uno tra i rischi d'impresa che chi svolge l'attività di autotrasportatore deve aver cura di scongiurare è la prescrizione, che si verifica allorquando il titolare di un diritto non lo esercita per un determinato periodo di tempo. Si dice allora che il diritto è caduto in prescrizione e al suo titolare è preclusa la possibilità di farlo valere. A prima vista, soprattutto se ci si aspetta dei soldi da qualcuno, la cosa potrebbe sembrare ingiusta. Invece, è pensata proprio per evitare abusi, perché con il passare del tempo le prove, per esempio del pagamento di una fattura, potrebbero essere andate perse ed è impensabile costringere la gente a conservarle all'infinito. La ragion d'essere di questo istituto giuridico risiede nell'esigenza di garantire ai cittadini certezza del diritto. Pertanto, se il creditore (ad es. il vettore) non esercita nei confronti del debitore il proprio diritto di credito per un determinato periodo di tempo, l'ordinamento giuridico riconosce l'opportunità di non lasciare quest'ultimo individuo obbligato per un periodo indefinito e, di conseguenza, priva il creditore della possibilità di soddisfare la propria pretesa. Ma, dopo quanto tempo un diritto cade in prescrizione e quindi l'imprenditore non può più far valere la propria pretesa? E' lo stesso tempo in tutti i casi? La prescrizione avviene automaticamente o è un diritto da far valere con qualche particolare procedura? Il periodo di prescrizione varia da diritto a diritto, da credito a credito. I crediti non sono tutti uguali, perché possono nascere da rapporti giuridici differenti (ad es. da un contratto di assicurazione, di mutuo, di lavoro, LA RUBRICA LEGALE di trasporto, e c c. ). Concentrando l'attenzione sui diritti di credito (ossia pretese di pagamento), a seconda della tipologia variano i tempi entro i quali il titolare del diritto deve attivarsi per ottenere il pagamento dal debitore. Accanto alla prescrizione cosiddetta ordinaria, che è di 10 anni, vi sono altri termini più brevi. Tra questi ultimi rientra quello relativo ai diritti di credito nascenti dal contratto di trasporto. Infatti, l'art del Codice civile stabilisce che i diritti nascenti dal contratto di trasporto si pre-

5 ANNO III - NUMERO 3 V ZIONE ASTRA un ciclo con di incontri monotematici con gli esperti SICUREZZA SU LAVORO Rivolta agli autisti (durata 12 ore) Rivolta agli impiegati amministrativi (8 ore) DESCRIZIONE La durata dei corsi varia in relazione alla categoria di rischio. Il corso si sviluppa in 4 ore di formazione generale (sicurezza, infortuni sul lavoro) e di 8 specifiche con approfondimento sulle varie mansioni e il rischio oggettivo di ciascuna attività. OBBLIGO PROFESSIONALE La sicurezza è la voce portante della formazione: è uno tra gli obblighi principali in capo al datore di lavoro, che è considerato responsabile anche penalmente in caso di omessa o irregolare formazione L'AGGIORNAMENTO Vista l'evoluzione de quadro normativo e la necessità di rimanere al passo con i tempi e il progresso tecnologico naturale perdita di competenze, ogni 5 anni il lavoratore è tenuto a sottoporsi ad un corso di aggiornamento periodico. FONTI NORMATIVE Obbligo formativo discende dall'articolo 81 del Su questo impianto normativo si radicano gli accordi Stato-Regioni 21 dicembre 2011, che vanno a specificare e dettagliare gli incombenti previsti dall'81. Le integrazioni del 25 luglio 2012 dettano le ultime indicazioni tecniche sull'esecuzione di questa attività. MATERIE TRATTATE Organizzazione aziendale, normativa specifica sui rischi sul lavoro e sulla salute dei lavoratori. ESENZIONI Esentati dalla formazione coloro i quali riescano a dimostrare di aver seguito un percorso analogo a quello previsto dagli accordi entro e non oltre 6 o 12 mesi dall'11 gennaio 2012 e chi all'11 gennaio 2012 può provare in modo documentale di essersi iscritto o di frequentare un corso analogo. DOCENTI Specializzati in materia di sicurezza e salute suoi luoghi di lavoro: ingegner Eraldo Degiovanni, Marinella Bessone. GLI ALTRI CORSI Nel programma formativo di Astra sono previsti anche altre due corsi: ADR, dedicato al trasporto di merci pericolose. Obbligatorio per chi svolge questo tipo di trasporto anche se a spot nella propria attività lavorativa. LINGUE, inglese francese: per facilitare la comunicazione in caso di scambi con l'estero). Contratto nazionale e sicurezza sul lavoro: tutti i focus del 2012 Con il mese di ottobre Astra ha inaugurato il suo percorso di formazione specifica, con un incontro che ha aperto la stagione ai corsi monotematici: con l'ausilio di personale dipendente e consulenti esterni figure di spicco nell'ambito normativo in questi mesi si andranno a toccare aspetti cruciali che riguardranno tutto lo scibile relativo al settore dell'autotrasporto, offrendo in poche ore di lezione un'occasione unica di aggiornamento, confronto e comprensione delle dinamiche economiche, amministrative e giuridiche che caratterizzano il frastagliato mondo dei camion. Il primo incontro, svoltosi nella sede di via della Motorizzazione, ha permesso di realizzare un focus sul Contratto collettivo nazionale del settore ed un approfondimento sugli accordi sindacali aziendali (ex articolo 11 bis). Alla docente Giovanna Zorgniotti si sono affiancati Guido Rossi, Segretario Generale, e Gabriele Bracco, responsabile dell'ufficio legale. «Con gli associati che hanno aderito al programma abbiamo effettuato un'analisi sullo spazio di manovra che è lasciato dal CCNL di derogare alle sue disposizioni attraverso la stipulazione di accordi aziendali da parte delle associazioni datoriali e dei sindacati dei lavoratori» spiegano i relatori. In particolare si è sviluppato durante la mattinata un approfondimento sull'orario di lavoro degli autisti: «In qualità di lavoratori mobili soggiacciono a regole particolari. Pertanto sorge la necessità di regolare adeguatamente (anche per quanto concerne i costi dell'azienda) i rimborsi della trasferta e l'esecuzione di attività di carico e scarico delle merci, del lavoro straordinario e indennità varie». Il secondo incontro si è concentrato sull'analisi della normativa attinente la sicurezza sul lavoro e la responsabilità aziendale, anche attraverso un approfondimento di importanti sentenze in materia. dito non è più possibile... scrivono in un anno. Soltanto nel caso in cui il trasporto abbia quale destinazione o partenza una località extraeuropea, il termine è pari a diciotto mesi. Questo che cosa significa? Che il vettore, per ottenere il pagamento in seguito all'esecuzione di un trasporto deve attivarsi entro un anno, emettendo la relativa fattura, altrimenti non potrà più pretendere alcunché dal debitore. Ma, a partire da quando l'anno incomincia a decorrere? Il termine di un anno decorre dal giorno in cui è stata DI ASTRA CUNEO eseguita la prestazione di trasporto che dovrebbe sempre risultare dai documenti di viaggio. Pertanto, prendendo come punto di calcolo quella data, basterà un semplice accorgimento; sarà necessario comunicare in modo chiaro e formale, attraverso l'invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno, al vostro debitore la richiesta di pagamento: in questo modo interrompete il decorso della prescrizione, cioè evitate che il vostro diritto venga meno Questa iniziativa, meglio nota come costituzione in mora del debitore, comporta l'azzeramento del tempo trascorso e, pertanto, il vettore, dalla data di ricevimento della raccomandata da parte del debitore, avrà a disposizione un nuovo anno per ottenere il pagamento. Attenzione però, l'invio della lettera raccomandata dovrà avvenire sistematicamente ogni anno calcolato dalla data di ricevimento della precedente raccomandata. In alternativa alla spedizione della raccomandata si può, anzi è consigliabile, prima che sia decorso l'intero anno, avviare l'azione giudiziaria che interrompe la prescrizione ed ha gli stessi effetti della raccomandata a, anzi, consente il recupero forzoso. In conclusione merita osservare che la prescrizione è irrinunciabile ed inderogabile. In altri termini, la legge non consente che il debitore rinunci preventivamente alla prescrizione. Altrimenti attraverso l'inserimento nel contratti di una clausola di questo tipo, sarebbe oltremodo facile annullare la sua funzione, con buona pace per la certezza del diritto. Inoltre, se un contratto dovesse contenere una clausola che riduce i termini di prescrizione o dichiarare che un certo diritto non si prescrive mai, tale clausola sarebbe nulla. Ancora, se il debitore riconosce il proprio debito, che in ogni caso va provato, la prescrizione non opera più. Questo anche se sia già trascorso l'anno senza un precedente atto interruttivo. Un ultimo suggerimento pratico: un piano di rientro del debito, sottoscritto di proprio pugno dal debitore, costituisce atto di riconoscimento del debito. *Gabriele Bracco - Ufficio legale AstraCuneo con la collaborazione dello studio legale Giacosa

6 VI ANNO III - NUMERO 3 FORMAZIONE INTERPROFESSIONALE, PER TUTTI I DIPENDENTI COSTI MININI: RESPINTA LA SOSPENSIVA Parte la campagna For.Te Il fondo per il terziario Decisione del Tar del Lazio. In vigore sino a fine anno I Fondi paritetici interprofessionali nazionali nascono nel 2003 secondo quanto previsto dalla Legge 388/2000 che consente alle imprese italiane di destinare la quota dello 0,30% dei contributi versati all'inps (il cosiddetto contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria ) alla formazione dei propri dipendenti. Attraverso questo strumento le aziende possono quindi chiedere all'inps di trasferire il contributo da loro versato per i propri dipendenti ad uno dei Fondi più affini all'attività svolta oppure alla posizione lavorativa dei singoli dipendenti. Pertanto, attraverso l'adesione, l'impresa otterrà, in virtù del contributo devoluto, il finanziamento delle attività formative che dovessero presentarsi necessarie, ad esempio l'aggiornamento per la Cqc o l'aggiornamento per la sicurezza sul lavoro. Tutto questo attraverso piani formativi aziendali, settoriali e territoriali, che le imprese stesse potranno decidere di organizzare in forma singola o associata. In tale contesto si inserisce il progetto programmato da Astra Cuneo che, nella sua qualità di associazione di categoria, si è proposta l'obiettivo di agevolare le imprese associate nel far fronte agli obblighi formativi previsti dalla normativa vigente. Il Fondo a cui le imprese associate potranno aderire è For.Te, acronimo di Fondo per la formazione continua del terziario. Che cos'è For.Te? Un Fondo interprofessionale per la formazione continua dei dipendenti delle imprese Il logo che contraddistingue il progetto che operano nel settore terziario: Commercio, Turismo, Servizi, Logistica, Spedizioni, Trasporti. Chi saranno i destinatari di questo progetto formativo? Le imprese associate ad Astra Cuneo con lavoratori dipendenti. Perchè è importante aderirvi? Per poter formare i propri lavoratori, in ossequio a quanto previsto dalla normativa, minimizzando l'impegno economico. Come ci si iscrive? Destinando la quota dello 0,30% dei contributi che l'impresa già versa all'inps (il cosiddetto contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria ), destinandolo alla formazione per la propria azienda. L'adesione produce i suoi effetti a partire dal primo gennaio dell'anno seguente a quello dell'adesione. Ad esempio, aderendo nel mese di dicembre 2012, gli effetti si produrranno a partire dal 1 gennaio È possibile disdire l'iscrizione? Sì. Le disdette si effettuano allo stesso modo delle adesioni e come queste ultime producono i loro effetti a partire dall'anno seguente. In conclusione, Astra Cuneo informa gli associati che gli uffici e gli operatori della sede di via Circonvallazione 11 seguiranno ogni singolo caso, in collaborazione con il consulente del lavoro, nell'espletamento della procedura da seguire per l'iscrizione al fondo For.Te. Il Tar del Lazio Il 26 ottobre 2012 i giudici del Tar del Lazio hanno emesso la sentenza sulla richiesta di sospensiva dei costi minimi dell'autotrasporto, che è stata respinta. Si tratta di un importante precedente per il settore. I costi minimi rimarranno quindi in vigore almeno fino al 15 novembre, quando si svolgerà l'udienza sul merito dei ricorsi. Solo allora sapremo se i costi minimi dell'autotrasporto potranno essere applicati anche in futuro o se l'impianto della loro determinazione dovrà essere modificato. 100 EURO DOPO L ILLUSIONE DI FINE ESTATE, NUOVA FRENATA PER L ELIMINAZIONE DEL Roma non paga Cuneo, costo dell albo di Andrea Caponnetto Ricordate quel fastidioso balzello che nel pieno della prima fase della crisi economica aveva fatto capolino tra le voci in uscita degli autotrasportatori cuneesi? Il pagamento dell'albo provinciale. Quello per cui Astra si era battuta sin dall'inizio, considerandolo una spesa inutile e non giustificata, una sorta di doppione della quota prevista per l'albo nazionale? Eravamo rimasti ad una promessa che la Provincia aveva fatto in maniera esplicita: pazientate un paio di anni e dal 2013 faremo in modo di eliminarlo. Bene, per un attimo abbiamo accarezzato l'idea di aver vinto la battaglia. A fine estate tutto sembrava deciso nel palazzo di corso Nizza a Cuneo per far passare in deliberato la chiusura di questa tassa aggiuntiva, che i trasportatori hanno pagato per 24 mesi di attività. E invece qualcosa sembra non essere girato per il verso giusto. Nuove nubi si addensano sopra i cieli della Provincia, tanto da far prima frenare e poi arrestare l'iter naturale del provvedimento. Una gara, quella contro quello che tecnicamente era un rimborso di spese istruttorie, che Astra ha condotto intavolando un lungo lavoro di mediazione. La Provincia si è subito detta d'accordo con i rilievi sollevati dalla categoria, ma non aveva le finanze per poter continuare a coprire il servizio reso dallo sportello, vista la chiusura dei rubinetti da parte del Governo. È così passato il 2011, in cui nonostante la ferma presa di posizione di Astra (e le successive deroghe concesse sui pagamenti) alla fine è stato il settore dell'autotrasporto a sobbarcarsi il costo del servizio. Così anche il 2012, mesi in cui l'assessore provinciale Roberto Russo ha garantito che si sarebbe trattata dell'ultima tranche, che dal 2013 le imprese cuneesi non avrebbero più dovuto sostenere questa spesa. L assessore Roberto Russo Ora sarebbe stato tempo di raccogliere i frutti di questa mediazione. In cantiere da mesi, infatti, la delibera sull'eliminazione della quota relativa all'albo provinciale è stata rallentata dai mancanti traferimenti erariali alla Granda pari a oltre 16 milioni euro (sono 3 miliardi nei confronti di tutte le Province d'italia). Si tratta di fondi previsti dalle relative leggi finanziarie e riferiti agli esercizi 1998/2002 e che lo Stato non sta erogando, soffocando di fatto l'attività dell'ente. Spiega Russo: «Si tratta di entrate certe che non sono nelle disponibilità della Provincia. In questo modo si genera una situazione che, nell'imminenza della verifica degli equilibri di bilancio prevista per fine novembre e dell'approvazione del bilancio preventivo 2013, rischia di tradursi in difficoltà oggettive per la cassa.

7 ANNO III - NUMERO 3 L ultimo saluto a Ricca, fondatore di Astra Cuneo VII RENAULT SPONSOR ALL HOLIDAY INN DI CHERASCO Domenica 2 dicembre L assemblea di Astra A sinistra Giancarlo Ricca, impegnato con il direttivo Astra In tanti lo ricordano per passione che dimostrava nel suo lavoro e per l'impegno profuso nel difendere gli interessi della categoria nelle sede istituzionali. Vogliamo ricordarlo così, Giancarlo Ricca, con una foto ingiallita dal tempo che testimonia tutto il suo impegno nell'ambito associazionistico. Qui, al fianco di Claudio Isolano, Walter Lannutti e Luciano Cavallo, stava conducendo con la neonata associazione trasportatori della provincia, di cui era uno dei fondatori, una delle prime battaglie per la circonvallazione di Demonte. Allora come oggi, una delle infrastrutture di cui il settore sente maggiore bisogno. L'imprenditore fossanese nato a Varzo (nel Verbano), si è spento giovedì 11 ottobre all'età di 54 anni, lasciando un grande vuoto nella famiglia dell'autotrasporto cuneese. A condurre l'azienda è ora il figlio, nel segno di una continuità generazionale che testimonia tutto l'attaccamento della famiglia Ricca a questo lavoro. I presidenti Matteo Toselli e Claudio Isolano esprimono il proprio cordoglio a nome di tutti gli associati e si stringono nel dolore ai suoi cari. BALZELLO INTRODOTTO 2 ANNI FA ancora in bilico A breve dovremo, infatti, reperire una cifra ulteriore per la messa in sicurezza in materia di spesa sulle parti sostanziali, ovvero utenze, neve e riscaldamento delle scuole» spiega l'assessore Russo. Ma l'assessore provinciale rinnova la sua promessa: «Ho compreso e accolto fin da subito i rilievi sollevati dalla categoria e da Astra in particolare. Da quando è stata introdotta, mi sono battuto per fare in modo che questa quota venisse abolita. Era una promessa che avevo fatto e che voglio mantenere, nonostante la difficile situazione economica del nostro ente». Resta il fatto che il settore dell'autotrasporto ha sborsato in questi ultimi due anni oltre 300 mila euro. Tutto questo per pagare un servizio che sino al 2010 era coperto in parte dall'ente locale e in parte dall'albo centrale, foraggiato da salate (e in provincia di Cuneo copiose) quote annuali. L'Albo nazionale evidentemente non riesce a far quadrare i conti. Così la Provincia. Il sacrificio e l'attesa non sono stati bastevoli, tutt'altro: le imprese di trasporto pagano e assistono impotenti a questo ping-pong tra Stato Centrale e Provincia. Ma intanto a subire gli errori di altri, a rimboccare le casse dopo gli sperperi registrati negli anni sono sempre le imprese. La categoria che a detta di tutti dovrebbe mettere in moto la riscossa, dopo il quinquennio più nero della storia economica moderna. Domenica 2 dicembre gli associati di Astra si daranno appuntamento all'assemblea annuale, momento di ritrovo della categoria per discutere i temi più impellenti all'interno dell'agenda dell'autotrasporto locale e nazionale. Dalle ultime novità legate all'ipotesi di abolizione del costo dell'albo provinciale, all'emergenza valichi che come ogni inverno si profila Nell'incontro del 2 dicembre non mancherà l'importante aggiornamento sugli ultimi corsi e servizi messi in campo da Astra, sempre più impegnata nella formazione dei suoi associati. Con il presidente Claudio Isolano si farà il punto sui temi più scottanti nell'agenda nazionale, dal fermo alla sicurezza sulle strade, dall'immagine che offre di sè la categoria alle posizioni tenute in questi mesi dai vertici delle associazioni operanti nel settore. Un dibattito che sarà accompagnato come nell'assemblea primaverile da clip audiovisive e immagini. L'assemblea annuale si apre alle 10 e avrà come sede il centro congressi dell'hotel Holiday Inn Express di Cherasco (ex casello autostradale di Marene). Seguirà pranzo sociale curato dall'adiacente ristorante La porta delle Langhe. Main sponsor dell'incontro sarà la Alpicar di Beinette, rivenditore ufficiale per il Nord-ovest della Renault Trucks. Renault, la rivoluzione parte dal giugno 2013 Durante la conferenza stampa al salone di Hannover, Heinz-Jürgen Löw, il Presidente di Renault Trucks, ha annunciato che l'introduzione del nuovo standard Euro VI porterà anche ad un completo rinnovamento delle gamme Lunga Distanza, Distribuzione e Costruzione a partire dal mese di giugno del Tutti i veicoli in questione sono attualmente sottoposti a severi test sui circuiti di prova Renault Trucks e stanno effettuando test in condizioni di operatività reali presso clienti partner. Renault Trucks ha disegnato e sviluppato questi veicoli partendo dai clienti, dai loro bisogni e dalle loro aspettative. La nuova gamma ha come scopo l'eccellenza e Renault Trucks ha messo in campo tutto il suo know-how per raggiungerla. Heinz-Jürgen Löw ha preparato il terreno così dicendo: «A giugno, ci sarà una vera rivoluzione. I nostri nuovi veicoli vi sorprenderanno, non solo per il loro design ma anche per le loro performance. Il nostro obiettivo è l'eccellenza e stiamo facendo di tutto per raggiungerla». INTERMEDIA SRL Iscr. UIF A56918 Sede legale: via della Fontana Asti Sede operativa: Galleria dei Mercanti, Asti Tel Fax A CUNEO Sede operativa: via Luigi Gallo Cuneo Tel Fax

8 ANNO III - NUMERO 3 VIII SCADENZE ABILITAZIONE DA PRESENTARE ENTRO IL 7 APRILE 2013 CONTATTI Accesso alla professione di Domenico Allione In primavera era arrivata a tutti gli associati una circolare inerente le novità normative introdotte per l'accesso alla professione, una normativa che prevede ex novo per tutti gli autotrasportatori di dimostrare attraverso un percorso di abilitazione le proprie capacità attitudinali. Secondo quanto stabilito dal Regolamento 1071/2009, infatti, tutte le ditte attualmente iscritte, quelle di nuova costituzione o in trasformazione devono aver acquisito quattro requisiti: onorabilità, idoneità professionale, stabilimento (novità), idoneità finanziaria. Per quanto riguarda l'idoneità, inizialmente erano state escluse da questo percorso le imprese che esercitano l'autotrasporto di merci conto terzi esclusivamente con mezzi inferiori ai 35 quintali di massa complessiva (per le quali era sufficiente il requisito dell'onorabilità). Entro il 7 aprile 2013 invece toccherà anche ai cosiddetti piccoli del settore portare a termine il corso di accesso alla professione. Rispetto alle 150 ore previste per i titolari delle altre imprese, il ciclo di lezioni è dimezzato: si tratta di 74 ore. Si stima che in provincia di Cuneo sia un centinaio le aziende che rientrano in questo novero. 25 si sono iscritte al primo corso, organizzato dal 24 novembre al 26 gennaio, con lezioni bisettimanali, il sabato mattina e una sera infrasettimanale. Docenti al corso sono Guido Rossi, Elio Viada, Dario Raviolo, Gabriele Bracco, Cinzia Olivero, Luana Macagno. Le materie trattate durante gli incontri sono: diritto sociale, gestione commerciale e fiscale, norme di gestione, diritto commerciale e tributario, sicurezza stradale, accesso al mercato. A fine corso sarà rilasciato un attestato di frequenza (con prova finale non valutativa). sotto i 35 q corso di 74 ore Sarà organizzato un nuovo corso per questa categoria (sotto le 3,5 t) a fine gennaio, così da arrivare in tempo per la scadenza del 7 aprile Entro quella data sarà necessario depositare l'attestato alla sede dell'albo provinciale o perlomeno dimostrare di essere iscritti al corso stesso. Per qualsiasi dubbio o perplessità agli uffici di via della Motorizzazione il personale specializzato di Astra potrà fornire a tutti gli associati consulenza. Il primo corso con 25 iscritti è partito a fine novembre, un altro verrà attivato a fine gennaio. Entro la primavera è necessario presentare all Albo l attestato di frequenza che disciplina l accesso alla professione (Reg 1071/2009) SEDE OPERATIVA Via della Motorizzazione Cuneo TELEFONO: FAX: ORARIO DA LUNEDÌ A VENERDÌ: mattina pomeriggio SABATO MATTINA: SKYPE: astracuneo

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI

ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI ORARIO DI LAVORO DEI LAVORATORI MOBILI NEL SETTORE TRASPORTI Sommario: 5064.0 QUADRO GENERALE 5064.1 ORARIO DI LAVORO 5064.1.1 Durata dell'orario di lavoro settimanale 5064.1.2 Riposi intermedi 5064.1.3

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI

PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI PROVINCIA ROMA LEGGE 08/08/1991 N.264 COMMISSIONE D ESAME- SESSIONE 2006 DISCIPLINA: TRASPORTO MERCI 1 - LE IMPRESE DI TRASPORTO ESTERE POSSONO ESSERE ISCRITTE ALL ALBO? A - qualsiasi impresa estera puo

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 ISCRIZIONI 1 All. 2) GUIDA ALLE ISCRIZIONI ALLE SCUOLE DELL INFANZIA COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 La Scuola Comunale dell Infanzia assume e valorizza le differenze individuali dei bambini nell ambito del processo

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right

GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER PART TIME. When you have to be right MASTER PART TIME GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI 2 0 1 4 TERZA EDIZIONE R E G G I O E M I L I A When you have to be right LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli