Università degli Studi "La Sapienza" Dipartimento DINCE ELEMENTI DI INGEGNERIA DEL NOCCIOLO. Augusto Gandini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi "La Sapienza" Dipartimento DINCE ELEMENTI DI INGEGNERIA DEL NOCCIOLO. Augusto Gandini"

Transcript

1 Università degli Studi "La Sapienza" Dipartimento DINCE ELEMENTI DI INGEGNERIA DEL NOCCIOLO Augusto Gandini..

2 INDICE Introduzione 1. Concetti generali 2. Libero cammino medio 3. Legge di Fick 4. Rallentamento dei neutroni Il meccanismo dello scattering elastico Legge di scattering Il decremento logaritmico medio Potenza di rallentamento e rapporto di moderazione Letargia 5. Rallentamento in mezzi infiniti non assorbenti Rallentamento nell'idrogeno Densità di rallentamento nell'idrogeno Rallentamento in mezzi con nuclei di massa atomica maggiore dell'unità Rallentamento in un sistema con diversi nuclidi 6. Rallentamento in mezzi infiniti assorbenti Rallentamento con cattura nel moderatore idrogeno Rallentamento in mezzi con nuclei di massa atomica maggiore dell'unità Probabilità di fuga dalle risonanze con risonanze ben separate 7. La teoria dell' "età" dei neutroni Il modello di rallentamento continuo L'equazione dell'età senza cattura 8. Equazione del trasporto Definizioni Equazione del trasporto 9. Diffusione dei neutroni Correzione del trasporto Il libero cammino medio del trasporto Equazione della diffusione Condizioni al contorno Soluzione dell'equazione della diffusione Sorgente puntuale in mezzo infinito Sorgente piana infinita Sorgente piana infinita in un mezzo di spessore finito Sorgente piana con due slab di spessore finito La lunghezza di diffusione L'albedo 10. Approssimazioni del trasporto Approssimazione P n Approssimazione multigruppo 1

3 11. Librerie multigruppo La libreria variabile La libreria ABBN 12. Il Reattore Omogeneo Termico Nudo L'equazione critica Avvicinamento alla criticità La condizione di criticità Bucklings materiale e geometrico Tempo di generazione Reattori di forme diverse Caso 1. Slab infinito Caso 2. Parallelepipedo rettangolo Caso 3. Sfera Caso 4. Cilindro finito 13. Reattore omogeneo con riflettore Un gruppo di neutroni Slab piano infinito. Reflector savings Rapporto tra flusso massimo e medio in un reattore slab Due gruppi di neutroni 14. Equazioni della cinetica L'equazione della cinetica puntuale Metodo perturbativo Flusso aggiunto Notazione vettoriale Formulazione perturbativa della reattività Analisi degli effetti di reattività Vita media effettiva dei neutroni pronti 15. Avvelenamento dai prodotti di fissione Avvelenamento da xeno 16. Cinetica non lineare 17. Metodi perturbativi generalizzati su base euristica (HGPT) Formulazione generale Applicazione dei metodi HGPT a problemi di controllo 18. Ciclo del combustibile 19. Derivazione della equazione della cinetica per il reattore sottocritico 2

4 Introduzione In questa trattazione, che raccoglie le dispense del Corso di Ingegneria del Nocciolo redatte durante l'anno accademico 2000/2001, si è seguito il criterio di ripercorrere l'evoluzione della fisica del reattore a partire dalle prime formulazioni fondamentali presentate nei testi classici di Weinberg-Wigner e di Glasstone-Edlund apparsi negli anni '50. Quelle prime formulazioni furono il risultato di acute intuizioni fisiche, che portarono ad una efficace modellizzazione dei fenomeni, atta all'analisi numerica con gli strumenti di calcolo allora disponibili (regoli calcolatori, calcolatrici meccaniche). Lo sviluppo degli elaboratori elettronici negli anni successivi ha via via accompagnato lo sviluppo di questa disciplina, fino alle sofisticate tecniche di modellizzazione numerica più recenti. Le elaborazioni teoriche raffinate di quell'epoca rappresentano un eccezionale esempio di perfezione ed eleganza e sono tuttora valide come palestra in cui cimentarsi per l'apprendimento degli intimi meccanismi fisici che regolano il trasporto neutronico nei mezzi moltiplicanti. Nei capitoli riguardanti i meccanismi elementari di rallentamento e diffusione neutronica sono stati largamente ripresi gli argomenti trattati con ineguagliabile maestria dagli autori sopra citati. Sono stati aggiunti argomenti sviluppati successivamente, in particolare le tecniche di analisi di sensitività generalizzata ed alcuni aspetti inerenti la fisica del reattore sottocritico. Avendo sempre in mente l'obiettivo di fornire agli studenti le conoscenze fisiche di base necessarie per una corretta interpretazione dei risultati del calcolo neutronico in rapporto ad analisi di progetto, od a studi sul comportamento dei reattori. La presente stesura va considerata come "work in progress", soggetta a revisioni ed estensioni, accogliendo in particolare i suggerimenti e le osservazioni che i colleghi e gli studenti vorranno fornire. 3

5 1. Concetti generali Le prime indagini sulla propagazione dei neutroni hanno riguardato esperienze chiamate, per la ragione che vedremo tra poco, esponenziali. Si tratta di esperienze in cui una sorgente di neutroni (per esempio, di polonio-berillio) viene inserita in una struttura diffondente (composta da grafite, uranio naturale, od altri materiali) per studiare la propagazione dei neutroni da essa emessi. Poiché i neutroni sono soggetti ad eventi di urto con i nuclei degli elementi che compongono la struttura, via via che essi interagiscono col mezzo o vengono assorbiti, nel caso si tratti di un urto di cattura, o vengono deviati dalla loro traiettoria, nel caso si tratti di un urto elastico od inelastico (scattering). Diamo nel seguito una descrizione elementare del fenomeno della diffusione dei neutroni nei mezzi in cui siano presenti delle sorgenti. Consideriamo una sorgente piana di S neutroni emessi per ogni secondo e per ogni centimetro quadrato della sua superficie ad una delle estremità (di area A) di un parallelepipedo, e cerchiamo di determinare la frazione dei neutroni che arriveranno senza subire urti alla (generica) distanza x (v. figura). I neutroni emessi da una sorgente si diffondono generalmente in tutte le direzioni. Per gli scopi di questa descrizione, tuttavia, assumiamo che essi vengano emessi secondo percorsi paralleli in direzione dell'altro estremo del parallelepipedo. Introduciamo quindi il concetto di "sezione d'urto" associata a ciascun nucleo dell'elemento (supposto unico) presente nella struttura. Per semplicità, interpretiamo questa quantità come l'area data dalla proiezione dell elemento di volume associato ad un nucleo su un piano ortogonale all'asse x. Denoteremo come "sezione d'urto microscopica σ" tale areola 1. Se indichiamo con j(x)a il numero di neutroni che giunge alla distanza x dalla sorgente nell'unità di tempo senza subire urti, il numero di quelli che giungeranno ad x+dx sarà dato dallo stesso valore diminuito del numero di urti che avranno avuto luogo nell'intervallo dx, sempre nell'unità di tempo. Tali urti avverranno naturalmente ogni qualvolta la traiettoria di un neutrone incontrerà un nucleo, cioè intersecherà la sua "sezione d'urto". Assumendo una densità di N nuclei per unità di volume, la probabilità di urto sarà quindi data dal rapporto tra la somma di tutte le sezioni d'urto (areole) dei nuclei compresi nel volumetto Adx e l'area A, cioè Nσdx. Pertanto il numero di urti nell'intervallo dx nell'unità di tempo potrà essere assunto eguale ad Aj(x)Nσdx. Nel punto x+dx giungerà quindi un numero di neutroni per secondo e per centimetro quadrato della superficie trasversale, corrispondente alla quantità j(x+dx) = j(x)- j(x)nσdx. 1 In realtà la definizione di sezione d'urto è più complessa e la sua definizione richiede la conoscenza della fisica quantistica. L'analogia con la definizione geometrica qui data resta comunque valida. 4

6 Questa equazione si può scrivere, indicando con dj(x) la differenza j(x+dx)-j(x), dj(x) dx = j(x)n σ che è l'espressione di una semplice equazione differenziale lineare omogenea allorché dx venga assunto come un differenziale, cioè una quantità tendente a zero. La sua soluzione è j(x) Σ x = Se, dove con Σ si è indicata la "sezione d'urto macroscopica" data dal prodotto Nσ. La grandezza j(x) viene denominata "corrente neutronica" (neutroni/cm 2 sec). Quindi, quanto maggiore è la densità dell'elemento, la sua sezione d'urto e la lunghezza H, tanto minore sarà il numero di neutroni che giungeranno all'altra estremità del parallelepipedo senza subire urti. 2 S 0 x x+dx H Questa espressione, di tipo esponenziale, dà appunto il nome a questo tipo di esperienze. In realtà, le prime esperienze di propagazione neutronica utilizzavano più materiali, in strutture omogenee, od eterogenee, suggerite dalla necessità di conoscere le proprietà di diffusione dei neutroni, in particolare in mezzi moltiplicanti. In questi casi veniva utilizzato l'uranio naturale (in cui l'elemento fissile uranio 235 è presente nella frazione dello 0.7%). Una tipica colonna esponenziale poteva essere composta da elementi (blocchetti) di ossido di uranio inseriti in blocchi (mattoni) di grafite. Nella schematizzazione fatta sopra occorrerà quindi considerare nel generico punto x non solo i neutroni provenienti dalla sorgente, ma anche quelli provenienti dalle fissioni, oltre che dalle collisioni di scattering. Tali eventi avranno luogo sia a sinistra che a destra dello stesso punto dando luogo a neutroni emessi in tutte le 2 Questo fenomeno di attenuazione è quanto viene fra l'altro sfruttato per le schermature contro le radiazioni utilizzando materiali particolarmente "assorbenti". 5

7 direzioni (così come lo sono nella realtà i neutroni emessi della sorgente). L'espressione della corrente neutronica nel generico punto x del parallelepipedo sopra descritto sarà pertanto il risultato di una somma di effetti, ognuno riconducibile ad espressioni esponenziali del tipo visto sopra. Assumendo l'area trasversale A sufficientemente grande per poter trascurare effetti di fughe laterali di neutroni, si ottiene infine una espressione ancora di tipo esponenziale purchè gli arricchimenti (cioè le concentrazioni di elemento fissile) siano sufficientemente bassi, cioè al di sotto del valore che renderebbe il reattore critico. Nel caso particolare in cui vi sia assenza di materiale fissile, ed assumendo che tutti i neutroni siano monoenergetici, cioè abbiano la stessa energia cinetica 3, si arriva all espressione j(x) = Se x/l dove L, comunemente definita "lunghezza di diffusione", è una quantità che dipende dalle sezioni d'urto e dalle densità degli elementi componenti del mezzo. Invece di corrente neutronica j(x), si parla più spesso di "flusso neutronico", ϕ (x), definito come prodotto della densità dei neutroni, n(x), per la loro velocità. Come vedremo meglio nel seguito, lontano dalle superfici di separazione, dalle sorgenti esterne, e per un mezzo poco assorbente, esso è legato alla corrente neutronica dalla relazione j(x) dϕ = D (legge di Fick) dx dove la quantità D, comunemente definita "coefficiente di diffusione", è una quantità che pure dipende dalle caratteristiche del mezzo, cioè dalle sezioni d'urto e dalle densità degli elementi che lo compongono. Per il caso più generale, il flusso ϕ si ricava dalla soluzione dell'equazione di bilancio degli eventi (nell'unità di tempo) che occorrono nell'elemento di volume Adx, in condizioni stazionarie (lontano dalla sorgente): (neutroni entranti - neutroni uscenti) + neutroni nati da fissione = neutroni catturati (per fissione e assorbimento parassitico), 3 In realtà i neutroni di fissione sono caratterizzati da velocità molto diverse fra loro, da 10 3 fino a oltre 10 6 m/sec. 6

8 ossia, introducendo le sezioni d'urto (macroscopiche) per eventi di assorbimento (parassitico) e di fissione Σ a e Σ f, ed il numero (ν) di neutroni che nascono mediamente per ogni fissione: dϕ(x + dx) dϕ(x) A D D dx dx + νσ f ϕdx = Adx( Σf + Σa )ϕ che, dividendo per Adx, facendo tendere dx a zero, e riordinando, diventa l'equazione della diffusione: 2 d ϕ D + νσ 2 dx f ϕ ( Σ a + Σ f ) ϕ = 0. (a) Se in questa equazione si assume che la quantità νσ f Σ + Σ a f, (b) detta anche "fattore di moltiplicazione infinito" (K ), non superi l'unità, cioè che la moltiplicazione per fissione non superi gli eventi di cattura (per fissione ed assorbimento parassitico), le soluzioni, lontano dal punto della sorgente neutronica posta ad x=0 e dall'altra estremità ad x=h, saranno del tipo, ancora esponenziale: x ϕ e κ, essendo κ una quantità positiva data dall'espressione Σa - Σf ( ν - 1) κ =. D L'andamento esponenziale corrisponde quindi a quei casi in cui il radicando al secondo membro abbia un valore positivo (e quindi la radice κ abbia un valore reale), cioè allorché il numero dei neutroni nati dalla moltiplicazione per fissione sia inferiore a quello degli eventi di cattura. Un sistema in queste condizioni si può definire "sottocritico" indipendentemente dalle sue dimensioni. Il livello costante del flusso è assicurato dalla presenza della sorgente "esterna" (detta così per distinguerla da quella di fissione) che compensa il deficit del bilancio neutronico. Può verificarsi che un sistema sia sottocritico anche nel caso in cui il valore della radice κ non sia reale, cioè nel caso in cui gli eventi di moltiplicazione prevalgano su quelli di cattura, purché la scomparsa di neutroni per "fuga" dal sistema (detta anche 7

9 "leakage") prevalga sul surplus di neutroni. In questi casi il flusso neutronico, in zone lontane dalla sorgente e per geometrie come quella del caso considerato (configurazione a "slab", cioè piana), assume un andamento convesso di tipo cosinusoidale. In una struttura costituita da uranio naturale, in un mezzo diffondente "moderatore" 4, quale la grafite, gran parte degli eventi di fissione avvengono a velocità dei neutroni relativamente basse (dell'ordine di m/sec, cioè a valori in quasi equilibrio termico con il mezzo 5 ) attraverso la cattura da parte dell'isotopo U-235. Una piccola frazione (ε) di neutroni nasce dalle fissioni dell'isotopo più abbondante U-238. Ciò avviene ad energie elevate, prossime a quelle alle quali i neutroni sono generati. Va anche aggiunto che da considerazioni di carattere quantistico, il valore delle sezioni d'urto di cattura dei vari isotopi possono variare notevolmente con l'energia. In alcuni casi possono aversi dei fenomeni così detti di risonanza che comportano valori delle sezioni d'urto di assorbimento parassitico (cioè, che non dà luogo a fissione) elevatissimi per intervalli energetici più o meno stretti. La possibilità in questi casi per i neutroni di non venire quasi certamente catturati nel loro processo di rallentamento dalle energie di fissione a quelle "termiche", a cui avvengono gran parte delle fissioni, dipende dal subire un urto elastico (di scattering) da parte del materiale moderatore, che consenta al neutrone di "saltare" la banda di energia di risonanza 6. Per facilitare tale eventualità, e quindi migliorare il valore del K a parità di composizione media del sistema, venne introdotto il concetto di reattore eterogeneo, cioè fatto di elementi di combustibile (a pastiglie) circondati da una zona di solo elemento moderatore, il tutto a formare un reticolo di celle regolari. In questo caso si diminuisce la probabilità per i neutroni di venire catturati parassiticamente alle energie di risonanza (tali eventi avvengono in questo caso solo negli strati periferici degli elementi stessi). I neutroni rimasti nel moderatore circostante possono quindi "saltare", come si dice, la bande di risonanza ed entrare poi a maggiore profondità negli elementi stessi, producendo al loro interno eventi di fissione in misura relativamente più elevata. E' proprio l'intuizione di questo meccanismo, detto anche 4 In quanto rallenta i neutroni di fissione caratterizzati da alte velocità. 5 Per questo si parla di neutroni "termici". In queste condizioni le velocità dei neutroni sono in equilibrio con quelle dei nuclei. Esse seguono la legge di distribuzione di Maxwell.Boltzmann (derivata dalla teoria cinetica dei gas) e sono quindi funzione della temperatura). 6 E' il caso di ricordare che il processo di rallentamento neutronico fu studiato a fondo da Fermi, che ne diede un elegante assetto teorico. In base a questa teoria i neutroni, che perdono energia via via che collidono con i nuclei dell'elemento moderatore, vengono identificati in relazione ad un tempo di vita, a partire dalla fissione, associabile all energia cinetica persa. Questo loro tempo di vita venne quindi associato ad una quantità detta "età (neutronica) di Fermi". 8

10 "lumping" (da "lump" che significa pezzo, blocco), che rese possibile di ottenere la criticità con sistemi a solo uranio naturale 7. In luogo della espressione (b) possiamo quindi più propriamente scrivere l'espressione del fattore di moltiplicazione infinita K (cioè relativo ad un mezzo ideale infinito) come il prodotto di quattro fattori, vale a dire K = ηfεp, (c) dove, assumendo la presenza di uranio naturale (U238+U235), grafite (C) ed elementi strutturali (Fe): η U235 νσ f = è il numero di neutroni che nasce mediamente per ogni U235 U235 + U238 Σ f + Σ a cattura ad energie termiche nel "combustibile" (U-235 ed U-238) (per l'uranio naturale è circa 1.3); U235 U235 + U238 Σ f f + Σ a = è il fattore di utilizzazione termica, che U235 U235 + U238 C Fe Σ f + Σ a + Σ a + Σ a esprime la probabilità che l'evento di cattura ad energie termiche avvenga nel combustibile, piuttosto che nel moderatore (grafite), o negli elementi strutturali (ferro); ε è il fattore che tiene conto della probabilità che l'evento di fissione avvenga con neutroni veloci attraverso la cattura da parte dell'u-238. Il suo valore è circa 1.03; p è il fattore che esprime la probabilità che il neutrone sfugga alle catture delle risonanze. La (c), così detta "formula dei quattro fattori", ha rappresentato un passo fondamentale nella comprensione e caratterizzazione dei sistemi moltiplicanti. Sopra ci eravamo limitati a considerare solo sistemi sottocrititici. E' evidente che in particolari condizioni (un migliore assetto del combustibile, come il "lumping", o l'aumento dell'"arricchimento" nell'isotopo U-235 dell'uranio) il fattore di moltiplicazione K aumenti corrispondentemente. Per K =1 si dice che la reazione di fissione in un mezzo supposto di dimensioni infinite si autosostiene senza l'ausilio della sorgente "esterna". La presenza di una qualsiasi sorgente esterna di neutroni 7 A parte i reattori moderati ad acqua pesante, elemento caratterizzato da bassissime sezioni d'urto di cattura, tutti gli altri tipi di reattori "termici" costruiti successivamente, moderati ad acqua normale ("leggera") o grafite (esclusi i Magnox), sono stati alimentati con uranio arricchito nell'isotopo 235. La frazione di questo elemento passa quindi dal valore 0.7 dell'uranio naturale a qualche percento. 9

11 porterebbe in questo caso il flusso a valori via via più elevati, asintoticamente tendenti all'infinito (andamento divergente). Nella realtà tutti i sistemi sono di dimensioni finite. A questa circostanza è associato, come si è già accennato, il concetto di fuga (leakage) dei neutroni dal mezzo moltiplicante attraverso le pareti esterne. Questi neutroni sono persi definitivamente e non contribuiscono quindi al mantenimento della catena di fissione. Se indichiamo con P NL la probabilità per un neutrone di non essere soggetto a leakage, il coefficiente di moltiplicazione per mezzi finiti, K eff, diventa K eff = P NL Κ = P NL ηfεp. (d) Il valore di P NL diminuisce rispetto all'unità via via che le dimensioni del sistema considerato si riducono, come si deduce dall'espressione da cui esso si ricava (in rapporto alla geometria piana qui considerata): P NL = 1 1+ L 2 B 2 dove la quantità B, detta anche buckling geometrico, è dato dalla relazione, ricordando che H rappresenta lo spessore del mezzo omogeneo moltiplicante, B = π. H Si vede come per valori piccoli di H, e quindi per sistemi con probabilità di fuga dal mezzo grandi, il buckling aumenta, mentre P NL diminuisce. Come si è già accennato, per un sistema di dimensioni finite può verificarsi che questo sia ancora sottocritico in presenza di un valore di K che superi l'unità. In tali condizioni, via via che il sistema si ingrandisce, per esempio con l'aggiunta di nuovi elementi, K eff si avvicina all'unità, cioè alle condizioni critiche. Questo è ciò che accadde con il reattore CP-1. L'avvicinamento alla criticità veniva valutato sulla base dei livelli crescenti raggiunti dal flusso (in presenza della sorgente esterna fissa) col crescere delle dimensioni, e quindi del K eff. Per analizzare più da vicino questo processo, osserviamo l'equazione (a), supponendo ora la sorgente neutronica estesa uniformemente in tutto il mezzo e di intensità s (neutroni/cm 3 sec). In luogo del numero ν di neutroni che nascono per fissione consideriamo il prodotto νp NL (tenendo così in conto le perdite per leakage che avvengono alle energie più elevate), ed in luogo della sorgente s di neutroni (supposti pure emessi ad energia elevata) il prodotto sp NL, in modo da tenere conto della probabilità anche per questi neutroni di non sfuggire dal sistema prima di giungere a 10

12 valori termici. Poiché a questi valori la probabilità di fuga può ritenersi trascurabile per un sistema sufficientemente grande, possiamo quindi sostituire l'equazione (a) con la seguente P ν Σ ϕ ( Σ + Σ ) ϕ + sp 0. NL f a f NL = Ricordando la (d), si deduce facilmente che il valore del flusso in relazione al valore di P NL è del tipo ϕ 1- s K eff. (e) Si vede facilmente come, via via che ci si avvicina alla criticità, cioè via via che K eff si avvicina all'unità, in presenza di una sorgente esterna il livello del flusso tenda asintoticamente all'infinito. E' questa legge di aumento del flusso per valori di P NL crescenti a venire utilizzata (così come avviene tuttora con i moderni reattori) nel processo di caricamento della pila per portarla alle condizioni critiche. Si parte infatti da condizioni sicuramente sottocritiche, cioè caratterizzate da valori di K eff largamente inferiori all'unità. Si attende quindi che il livello di flusso raggiunga una condizione di equilibrio, corrispondente all'equazione (e). Si procede quindi all'aggiunta di ulteriori elementi di combustibile, cui corrisponderà un valore più elevato di K eff, e quindi, dopo qualche tempo, un nuovo valore del flusso (v. grafico, indicante l'andamento dell'intensità neutronica nel tempo). Si procede così fino a che il valore della criticità non viene raggiunto. Ci si accorge che ciò è avvenuto allorché il livello di flusso, sempre in presenza della sorgente esterna, continua ad aumentare senza fermarsi ad un valore stazionario. 11

13 12

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche:

Per innovativi si intendono quei sistemi che, rispetto alla generazione attuale, presentano una o più delle seguenti caratteristiche: 18. Ciclo del combustibile Fino verso la fine degli anni '70 vi è stato un forte interesse allo sviluppo dei reattori veloci, in quanto sistemi capaci di produrre, attraverso il meccanismo della fertilizzazione

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare

APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi. CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare APPUNTI DI RISONANZA MAGNETICA NUCLEARE Dr. Claudio Santi CAPITOLO 1 NMR Risonanza Magnetica Nucleare INTRODUZIONE Nel 1946 due ricercatori, F. Block ed E.M.Purcell, hanno indipendentemente osservato per

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

IMPIANTI di RISCALDAMENTO

IMPIANTI di RISCALDAMENTO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI Di Vittorio Docente: GILBERTO GENOVESE IMPIANTI di RISCALDAMENTO Carico termico invernale Anno Scolastico 2008-2009 CORSO: Impianti CONTENUTI: Sistema clima impianto - edificio

Dettagli

La radioattività e la datazione al radio-carbonio

La radioattività e la datazione al radio-carbonio 1 Espansione 2.2 La radioattività e la datazione al radio-carbonio Henry Becquerel. I coniugi Pierre e Marie Curie. La radioattività La radioattività è un fenomeno naturale provocato dai nuclei atomici

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Successioni ricorsive

Successioni ricorsive Capitolo 1 Successioni ricorsive Un modo spesso usato per assegnare una successione è quello ricorsivo che consiste nell assegnare alcuni termini iniziali (il primo, oppure i primi due, oppure i primi...

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR

IL MODELLO ATOMICO DI BOHR IL MODELLO ATOMICO DI BOHR LA LUCE Un valido contributo alla comprensione della struttura dell atomo venne dato dallo studio delle radiazioni luminose emesse dagli atomi opportunamente sollecitati. Lo

Dettagli

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia)

LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) LEZIONE 2 ( Interazione delle particelle con la materia) INTERAZIONE DELLE RADIAZIONI FOTONICHE La materia viene ionizzata prevalentemente ad opera degli elettroni secondari prodotti a seguito di una interazione

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002

Prova scritta intercorso 2 31/5/2002 Prova scritta intercorso 3/5/ Diploma in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico - Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione ora e 45 minuti ) Un elettrone

Dettagli

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ

LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ LA TRAVE DI FONDAZIONE SU SUOLO ELASTICO STRATIFICATO DI SPESSORE LIMITATO CON MODULO ELASTICO VARIABILE CON LA PROFONDITÀ Giovanni Dalerci, Rossella Bovolenta Università degli Studi di Genova Dipartimento

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA Evidenza dell interazione magnetica; sorgenti delle azioni magnetiche; forze tra poli magnetici, il campo magnetico Forza magnetica su una carica in moto; particella

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Basi di matematica per il corso di micro

Basi di matematica per il corso di micro Basi di matematica per il corso di micro Microeconomia (anno accademico 2006-2007) Lezione del 21 Marzo 2007 Marianna Belloc 1 Le funzioni 1.1 Definizione Una funzione è una regola che descrive una relazione

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Energia nucleare e risorse energetiche

Energia nucleare e risorse energetiche Energia nucleare e risorse energetiche Vera Montalbano Dipartimento di Fisica Università di Siena Riserva Naturale del Pigelleto 7-10 settembre 2009 Le conquiste della fisica moderna L'elemento più usato

Dettagli

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Introduzione. Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache... Appunti di Calcolatori Elettronici Concetti generali sulla memoria cache Introduzione... 1 Il principio di localizzazione... 2 Organizzazioni delle memorie cache... 4 Gestione delle scritture in una cache...

Dettagli

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia.

Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. G. Digilio - principi_v10 versione 6.0 LA SPETTROSCOPIA Tutte le tecniche spettroscopiche si basano sulla interazione tra radiazione elettromagnetica e materia. La Spettroscopia di risonanza magnetica

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Capitolo II Le reti elettriche

Capitolo II Le reti elettriche Capitolo II Le reti elettriche Fino ad ora abbiamo immaginato di disporre di due soli bipoli da collegare attraverso i loro morsetti; supponiamo ora, invece, di disporre di l bipoli e di collegarli tra

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line.

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line. 4 IV Giornata Oggi termineremo questo percorso sulla luce misurando l intensità luminosa della distribuzione di massimi e minimi delle figure di diffrazione e di interferenza. In particolare confronteremo

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

09 - Funzioni reali di due variabili reali

09 - Funzioni reali di due variabili reali Università degli Studi di Palermo Facoltà di Economia CdS Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale Appunti del corso di Matematica 09 - Funzioni reali di due variabili reali Anno Accademico 2013/2014

Dettagli

Capitolo 7 Le particelle dell atomo

Capitolo 7 Le particelle dell atomo Capitolo 7 Le particelle dell atomo 1. La natura elettrica della materia 2. La scoperta delle proprietà elettriche 3. Le particelle fondamentali dell atomo 4. La scoperta dell elettrone 5. L esperimento

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Stabilita' dei nuclei

Stabilita' dei nuclei Il Nucleo Nucleo e' costituito da nucleoni (protoni e neutroni). Mentre i neutroni liberi sono abbastanza instabili tendono a decadere in un protone ed un elettrone (t1/2 circa 900 s), i protoni sono stabili.

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Q t CORRENTI ELETTRICHE

Q t CORRENTI ELETTRICHE CORRENTI ELETTRICHE La corrente elettrica è un flusso di particelle cariche. L intensità di una corrente è definita come la quantità di carica netta che attraversa nell unità di tempo una superficie: I

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI

CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI 31 CAPITOLO 3 FONDAMENTI DI ANALISI DELLA STABILITA' DI SISTEMI NON LINEARI INTRODUZIONE L'obbiettivo di questo capitolo è quello di presentare in modo sintetico ma completo, la teoria della stabilità

Dettagli

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto:

Indicando con x i minuti di conversazione effettuati in un mese, con la spesa totale nel mese e con il costo medio al minuto: PROBLEMA 1. Il piano tariffario proposto da un operatore telefonico prevede, per le telefonate all estero, un canone fisso di 10 euro al mese, più 10 centesimi per ogni minuto di conversazione. Indicando

Dettagli

Transitori del primo ordine

Transitori del primo ordine Università di Ferrara Corso di Elettrotecnica Transitori del primo ordine Si consideri il circuito in figura, composto da un generatore ideale di tensione, una resistenza ed una capacità. I tre bipoli

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE

LE FONTI ENERGETICHE LE FONTI ENERGETICHE Le fonti energetiche Nella vita di tutti i giorni utilizziamo, per gli scopi più diversi, energia; essa è immagazzinata in svariati corpi e materiali disponibili in natura. Quasi tutta

Dettagli

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI

TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI Corso di Misure Meccaniche Termiche e Collaudi 5 anno - Ingegneria Meccanica Politecnico di Bari prof. Domenico Laforgia ing. Giuseppe Starace TECNICHE DI ANALISI DEI FLUSSI In questa trattazione si farà

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

Esercizi di Analisi Matematica

Esercizi di Analisi Matematica Esercizi di Analisi Matematica CAPITOLO 1 LE FUNZIONI Exercise 1.0.1. Risolvere le seguenti disuguaglianze: (1) x 1 < 3 () x + 1 > (3) x + 1 < 1 (4) x 1 < x + 1 x 1 < 3 x + 1 < 3 x < 4 Caso: (a): x 1

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica

Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Corso di fisica generale con elementi di fisica tecnica Aniello (Daniele) Mennella Dipartimento di Fisica Secondo modulo Parte prima (fondamenti di elettromagnetismo) Lezione 1 Carica elettrica, legge

Dettagli

TEORIA DEI CAMPI MODULATI

TEORIA DEI CAMPI MODULATI TEORIA DEI CAMPI MODULATI di Alessandro Dattilo Vincenzo Iorio La teoria del "campi modulati" rappresenta un passo avanti nella direzione della comprensione del meccanismo con il quale, un fenomeno elettromagnetico

Dettagli

FACSIMILE prova scritta intercorso 1 (per allenamento)

FACSIMILE prova scritta intercorso 1 (per allenamento) FACSIMILE prova scritta intercorso 1 (per allenamento) Laurea in Scienza e Ingegneria dei Materiali anno accademico -3 Istituzioni di Fisica della Materia - Prof. Lorenzo Marrucci Tempo a disposizione:

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie numeriche e serie di potenze Sommare un numero finito di numeri reali è senza dubbio un operazione che non può riservare molte sorprese Cosa succede però se ne sommiamo un numero infinito? Prima

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

Corrente elettrica stazionaria

Corrente elettrica stazionaria Corrente elettrica stazionaria Negli atomi di un metallo gli elettroni periferici non si legano ai singoli atomi, ma sono liberi di muoversi nel reticolo formato dagli ioni positivi e sono detti elettroni

Dettagli

Fisica per scienze ed ingegneria

Fisica per scienze ed ingegneria Serway, Jewett Fisica per scienze ed ingegneria Capitolo 22 Il primo principio della termodinamica non è altro che una affermazione del principio di conservazione dell energia. Ci dice che se un sistema

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Legge di massa e scostamenti per pareti reali (rappresentazione grafica qualitativa) Il coefficiente di trasmissione acustica è:

Legge di massa e scostamenti per pareti reali (rappresentazione grafica qualitativa) Il coefficiente di trasmissione acustica è: ACUSTICA Coefficiente di trasmissione e definizione di potere fonoisolante Potere fonoisolante: l attitudine a ridurre la trasmissione del suono. in cui t è il coefficiente di trasmissioneacustica della

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Considerazioni sulle specifiche.

Considerazioni sulle specifiche. # SINTESI PER TENTATIVI IN ω PER GLI ASSERVIMENTI # Considerazioni sulle specifiche. Come accennato in precedenza, prima di avviare la prima fase della sintesi di un sistema di asservimento, e cioe la

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Introduzione La termodinamica descrive i sistemi termodinamici tramite i parametri di stato (p, T,...) Sufficiente per le applicazioni: impostazione e progettazione di

Dettagli

I PONTI TERMICI. Corso di laurea Ingegneria Edile-Architettura

I PONTI TERMICI. Corso di laurea Ingegneria Edile-Architettura I PONTI TERMICI Corso di laurea Ingegneria Edile-Architettura Andamento della temperatura ( ) ( ) = + = = i e i i pi k i i i i e i i k T T K T T l T T K T T α λ α 1 1 1 Il flusso termico ed il ponte termico

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Analisi dei sistemi dinamici Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1 Analisi dei

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta

Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare. Metodo dell abbondanza isotopica. Misure di massa esatta Determinazione della composizione elementare dello ione molecolare Metodo dell abbondanza isotopica Misure di massa esatta PREMESSA: ISOTOPI PICCHI ISOTOPICI Il picco dello ione molecolare è spesso accompagnato

Dettagli

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione DIFFUSIONE ATOMICA La diffusione è un processo importante che influenza il comportamento di un materiale alle alte temperature (creep, trattamenti termici superficiali, tempra chimica del vetro, ricristallizzazione,

Dettagli

Tabella periodica degli elementi

Tabella periodica degli elementi Tabella periodica degli elementi Perchè ha questa forma? Ovvero, esiste una regola per l ordinamento dei singoli atomi? Le proprietà dei materiali hanno una relazione con la tabella? L applicazione dei

Dettagli

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale Il trasporto di materia Principi di Ingegneria Chimica Ambientale 1 Considerazioni preliminari Il nostro studio sarà limitato a: miscele binarie miscele diluite (ossia in cui la frazione molare di uno

Dettagli

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLE RETI COMPLESSE Negli ultimi anni si è compreso che sistemi anche molto diversi tra loro possono essere efficacemente descritti in termini di cosiddetti "networks" o reti complesse.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio

DUE PROPOSTE ANALISI MATEMATICA. Lorenzo Orio DUE PROPOSTE DI ANALISI MATEMATICA Lorenzo Orio Introduzione Il lavoro propone argomenti di analisi matematica trattati in maniera tale da privilegiare l intuizione e con accorgimenti nuovi. Il tratta

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Centro sui Rischi nelle Costruzioni

Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica. Centro sui Rischi nelle Costruzioni Politecnico di Torino Dip. di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Centro sui Rischi nelle Costruzioni INDICE DELLA PRESENTAZIONE - Concetti base di dinamica dei sistemi discreti oscillazioni libere e smorzamento

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli