DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Istituto Tecnico Trasporti e Logistica "Mario Ciliberto" Via Siris, 10 Tel fax Presidenza Crotone DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (redatto ai sensi del D.P.R. 323/98, art. 5 e successive integrazioni e modifiche della L.176 del 25/10/2007 e dell O.M. n. 13 del 24/04/2013, art. 6 commi da 1 a 7) CLASSE 5 a sez. A Conduttore del mezzo navale Coordinatore : Prof.ssa Eleonora STELLATELLI Prot. N 4269 del 15 Maggio 2015 Delibera del C.d.C il 12 Maggio 2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

2 INDICE N o ARGOMENTO Pag. Indice 2 Premessa 3 Composizione del Consiglio di classe 4 Elenco degli alunni 5 D.1 Profilo professionale dell indirizzo di studio 6 D.2 Storia della classe e Risultati degli anni precedenti 6 D.2.1 Credito scolastico - Totale credito 6 D.3 Descrizione della classe 8 D.4 Attività extra scolastiche e di approfondimento 10 D.5 Impegni del consiglio di classe 11 D.6 Percorso formativo 11 D.7 Obiettivi contenuti nell attività didattica 12 D.8 Consuntivo attività disciplinari 13 D.8.1 Religione 14 D.8.2 Lettere Italiane 15 D.8.3 Storia 18 D.8.4 Lingua Inglese 20 D.8.5 Diritto ed Economia 23 D.8.6 Matematica 26 D.8.7 Meccanica e Macchine 31 D.8.8 Elettrotecnica ed Elettronica 33 D.8.9 Scienze della Navigazione 35 D.8.10 Educazione fisica 38 D.9 Metodi adottati 40 ALLEGATI 40 Griglia di valutazione della prova scritta di Italiano 41 Griglia di valutazione della seconda prova scritta 46 Tab. di valutazione della terza prova scritta Tip. C 49 Tab. di valutazione della terza prova scritta Tip.B e C 50 Griglia di valutazione colloquio orale 51 Simulazione della terza prova 1 54 Simulazione della terza prova 2 63 PREMESSA 2

3 ( D.P.R.. 23 luglio, 1998 n.323 ) Il documento del Consiglio di classe, di seguito riportato, è il testo elaborato dal Consiglio di classe della 5 a Sez. A C.M.N.; esso, come specifica l O.M. n. 13 del 20/01/2012 art.6 e successive, esplicita i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, nonché i criteri e gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti. Tale documento costituisce il testo di riferimento ufficiale per la Commissione d esame al fine della preparazione della terza prova scritta e della conduzione del colloquio dell esame di stato. Per quanto riguarda la Terza prova, il Consiglio di classe ha deciso all unanimità di optare sia per la tipologia mista B e C quesiti a risposta multipla e quesiti a risposta singola aperta, che per la sola tipologia C quesiti a risposta multipla. La simulazione di tale prova è stata effettuata due volte prima del 15/05/2015. Il criterio di misurazione della Terza prova viene riportata nelle tabelle di valutazione della Terza prova scritta tipologia mista B e C allegate al Documento. IL CONSIGLIO DI CLASSE 3

4 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE MATERIA DOCENTI FIRMA RELIGIONE NAPOLITANO Gianluigi LINGUA ITALIANA STELLATELLI Eleonora STORIA STELLATELLI Eleonora LINGUA INGLESE LONGO Maria Rosaria MATEMATICA FRANDINA Rosa Maria MECCANICA E MACCHINE Codocente SANTORO Antonio FABBIAN0 Alfonso PAPALEO ELETTRONICA ED ELETTRONICA Domenico Codocente BARRETTA Francesco SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE DIRITTO ED ECONOMIA EDUCAZIONE FISICA VITALE Morena Codocente DEVONO Pierino ROSSITTI Michele CAPRIA Gaetano IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa A. Romeo ELENCO DEGLI ALUNNI 4

5 1 AMATO Saverio Antonio 2 BONIFAZIO Daniele 3 CAVARRETTA Gregorio 4 COSTA Francesco 5 D ARGENZIO Diego 6 DE CICCO Marco Antonio 7 FACENTE Rochan 8 FERRARI Francesco 9 GALILEI Kevin 10 GROSSO Salvatore 11 INFUSINO Gianluca 12 MASTRANTUONO Giuliano 13 NICOLETTA Domenico 14 OCCHIPINTI Remo 15 OLIVERIO Claudia 16 SANZONE Emmanuele Giuseppe 17 SCALISE Antonio Giovanni 18 SILVA SARMIENTO Jonathan Jesus 19 VIOLA Vincenzo Fabrizio 20 ZIZZA Salvatore 21 ZURLO Francesca 22 ZURLO Pasquale D.1 PROFILO PROFESSIONALE DELL INDIRIZZO DI STUDIO Diploma di Conduttore del mezzo navale 5

6 Le competenze conseguite alla conclusione del percorso di Studi dei due anni di indirizzo mirano a fornire una preparazione coerente con i requisiti minimi obbligatori per la certificazione di un Ufficiale di Navigazione in servizio di Guardia su navi da 500 T.S.L. o superiori, che rappresenta lo sbocco primario dell istruzione nautica come previsto dal Codice I.M.O. STCW 95. Non secondaria risulta l adeguatezza del percorso di studi per l inserimento nei settori di attività connessi con l organizzazione e la gestione del trasporto intermodale in quanto fornisce le competenze di base necessarie per la partecipazione alla gestione e alla conduzione di impianti di sistemi informatici e telematici per l assistenza e controllo del traffico aereo e marittimo, di protezione della fascia costiera dall inquinamento e monitoraggio dell ambiente marino e terrestre, e per l esercizio della libera professione come Perito nel settore del trasporto marittimo. D.2 STORIA DELLA CLASSE La classe, così come è composta attualmente, nasce nell anno scolastico 2012/13, anno nel quale viene operata, da parte degli allievi, la scelta dell indirizzo (AIM o CMN) ovvero all atto dell iscrizione alla classe quarta, in corrispondenza della quale convergono ragazzi provenienti dalle classi seconde sezioni A, B e C. Andando a ritroso nel tempo, emerge che la classe 5 a Sez. A ha percorso le tappe riassunte nella sottostante tabella: A.S. Classe Alunni M F Promoss Respinti Ritirati Inseriti Trasferiti i 2014/15 V /14 IV = = 2012/13 III = 4 = D. 2.1 CREDITO SCOLASTICO TABELLA DI VALUTAZIONE MINISTERIALE ai sensi del D.M. n. 99 del 16/12/2009 Media Classe III Classe IV Classe V <M< <M< <M< <M< CLASSE III - A.S.2012/13 Credito scolastico DEBITO Punti SALDATO NON SALDATO Alunni

7 % Alunni VARIAZIONE CREDITO SCOLASTICO PER SALDO DEBITI CLASSE IV - A.S. 2013/14 Credito scolastico DEBITO Punti SALDATO NON SALDATO Alunni % VARIAZIONE CREDITO SCOLASTICO PER SALDO DEBITI Alunni Credito scolastico TOTALE CREDITO A.S. 2014/15 DEBITO Punti SALDATO NON SALDATO Alunni % VARIAZIONE CREDITO SCOLASTICO PER SALDO DEBITI Alunni Credito anni precedenti III IV V Totale 1 AMATO Saverio Antonio

8 2 BONIFAZIO Daniele CAVARRETTA Gregorio COSTA Francesco D ARGENZIO Diego DE CICCO Marco Antonio FACENTE Rochan FERRARI Francesco GALILEI Kevin GROSSO Salvatore INFUSINO Gianluca MASTRANTUONO Giuliano NICOLETTA Domenico OCCHIPINTI Remo OLIVERIO Claudia SANZONE Emmanuele Giuseppe SCALISE Antonio Giovanni SILVA SARMIENTO Jonathan Jesus VIOLA Vincenzo Fabrizio ZIZZA Salvatore ZURLO Francesca ZURLO Pasquale D.3 - DESCRIZIONE DELLA CLASSE. Per l Anno Scolastico 2014/2015 la situazione della classe è la seguente: 22 alunni frequentanti, 20 ragazzi e 2 ragazze, di cui 7 pendolari residenti in paesi della provincia di Crotone; Ripetenti quattro; Ambiente socioeconomico di provenienza mediamente basso; Ambiente culturale mediamente modesto. Omogenea per estrazione sociale e per il contesto culturale di provenienza, ma abbastanza diversificata ed eterogenea sia per il senso di responsabilità, sia per il desiderio di affermazione e di autorealizzazione. La frequenza delle lezioni ha fatto registrare periodi di regolarità ed interesse con partecipazione alla vita scolastica in genere; per alcuni la frequenza è risultata scarsa con poco interesse e distacco proprio a causa delle numerose assenze fatte. Complessivamente i discenti si sono dimostrati vivaci ma disciplinati, hanno mostrato un discreto interesse al dialogo educativo seguendo in modo partecipato le lezioni. Tuttavia una parte ristretta della classe non si è applicata con costanza nello studio e, sebbene sia stata spronata e stimolata nell esecuzione dei compiti a casa, presenta un profitto non de4l tutto soddisfacente. 8

9 Per circa metà della classe si rileva un grado di conoscenza intorno alla sufficienza. Un quarto dei ragazzi si distingue per il profitto dal resto della classe e presenta buone capacità di rielaborazione critica e, a testimonianza dell impegno con cui hanno affrontato la loro attività scolastica. Il comportamento in classe è stato omogeneo, gli allievi hanno mantenuto una condotta corretta e soddisfacente anche per quanto riguarda il rapporto tra loro e tra questi e l insegnante; in particolare hanno dimostrato senso di responsabilità rispettando le turnazioni nei laboratori che fungevano da aula, segnalando le mancanze alle apparecchiature presenti e di cui si sono sentiti, in un certo senso, custodi. Il normale percorso didattico è stato talvolta rallentato dalla necessità di recuperare alcuni elementi meno partecipi al dialogo educativo, cercando di trovare ed applicare nuove metodologie ed approcci diversi per stimolare la partecipazione al dialogo in classe dei più riservati. Quasi tutti gli alunni hanno seguito un regolare curriculum degli studi, anche quelli che non si sono distinti hanno comunque raggiunto un livello di formazione culturale generalmente accettabile e competenze professionali in qualche modo adeguate. Due sono i casi di ripetenza negli anni precedenti all ultimo. L impegno e l entusiasmo dimostrato per le attività connesse al progetto di formazione professionale, hanno consentito, a quelli che ne hanno recepito l utilità, di acquisire buone competenze teorico-pratiche conseguendo titoli professionali che possono consentire loro esperienze lavorative in ambiti affini al campo marittimo. In fase di programmazione si è ritenuto di dover dare agli alunni una formazione generale che consentisse di raggiungere determinati obiettivi. Si può ritenere che gli stessi siano stati grossomodo raggiunti a livello di gruppo classe e maggiormente a livello di singoli individui. Sotto l aspetto metodologico ciascun insegnante, pur nel rispetto delle indicazioni del consiglio di classe, ha adottato un metodo adeguato alla reale situazione della classe e alla particolarità della propria disciplina, puntando a favorire l apprendimento anche nei soggetti meno stimolati. Il grado di istruzione ed il profitto sono stati rilevati tenendo presente non tanto la quantità degli argomenti studiati, bensì la capacità logico-deduttiva dimostrata, la corretta applicazione delle regole e la chiarezza di esposizione. Dal punto di vista degli obiettivi raggiunti la classe può suddividersi in tre fasce; una prima nella quale sono compresi quegli studenti che hanno conseguito una buona preparazione, facendosi notare per costanza nell impegno, per motivazione ed interesse, e per essere stati in grado di fornire contributi personali, anche sul piano critico, al resto della classe. Nella seconda fascia si trovano gli allievi che evidenziano una preparazione grossomodo sufficiente, avendo lavorato in modo discontinuo. Nell ultima quei ragazzi la cui preparazione ad oggi risulta non completamente sufficiente. D.4 ATTIVITA EXTRA-SCOLASTICHE E DI APPROFONDIMENTO 9

10 L attuale 5 a Sez. A C.M.N. è una classe che, come ormai è tradizione dell Istituto Mario Ciliberto, ha effettuato esperienze di stage con imbarchi a bordo di navi mercantili in ambito di progetti di alternanza scuola lavoro oltre che soggiorni studio all estero, significativamente in Inghilterra per periodi di tre o quattro settimane per perfezionare lo studio della lingua inglese nell ambito finanziati con il Fondo Sociale Europeo (FSE) PON misura 1 Azione C1. Ciò ha sicuramente contribuito alla motivazione allo studio, stimolando gli allievi a qualificare il loro impegno. Questo aspetto è stato ritenuto centrale da parte del consiglio di classe, stimolato in tal senso dalla Dirigenza Scolastica. Il percorso in alternanza scuola lavoro, in accordo con il DLGS 77 e la Legge 53, si è sviluppato mediante un monte ore aggiuntivo gestito da un decente interno con l intervento di esperti provenienti dal mondo del lavoro marittimo e da tutor aziendali da identificarsi con gli Ufficiali di Navigazione delle unità sulle quali sono stati effettuati gli imbarchi. Gli studenti sono stati coinvolti in : Stage con imbarco della durata di tre giorni nelle prime 2 settimane del mese di maggio 2014 a bordo delle navi ro-ro pax Zeus Palace della Grimaldi Group sulla rotta Salerno, Palermo, Tunisi, Palermo, Salerno) per i due gruppi; 1 soggiorno di studio in Inghilterra di 2 settimane 2 soggiorni di studio in Inghilterra 4 settimane I ragazzi sono stati coinvolti nei progetti: Giornata della Memoria ; Orientamento : incontri con Ufficiali della Guardia di Finanza, dell Esercito Italiano, dei Carabinieri, della Marina Militare. Di redazione del blog istituto Notiziario di bordo ; Partecipazione alle Olimpiadi di Matematica ; Partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi ed ai tornei scolastici; Progetto di lettura Gutenberg. Hanno inoltre conseguito: 10

11 il brevetto di bagnino di salvataggio, dopo aver seguito i corsi organizzati dalla società Italiana di Salvamento di Genova; la Certificazione Internazionale di Primo Soccorso Sanitario a Bordo di Navi Mercantili, con esami presso l Ufficio di Assistenza ai Naviganti del Ministero della Salute in Messina D.5 IMPEGNI DEL CONSIGLIO DI CLASSE. I docenti si sono impegnati a: a) Operare interventi di ripasso degli elementi essenziali funzionali al programma da svolgere; b) Operare interventi individualizzati in favore degli alunni con particolari carenze di metodo, oltre che cognitive; c) Selezionare gli argomenti cardini del programma da svolgere ai fini della preparazione degli alunni a svolgere la terza prova e il colloquio; d) Comunicare agli studenti le tematiche da sviluppare, precisando tempi, metodi e mezzi; e) Comunicare agli studenti i metodi di valutazione seguiti; f) Comunicare agli studenti numero e tipi di verifiche che si è inteso effettuare. D.6 PERCORSO FORMATIVO: Materia Ore previste Valutazioni Religione 33 Lettere Italiane 132 Storia 66 Lingua Inglese 99 Matematica 132 Diritto ed Economia 66 Elettrotecnica ed Elettronica 99 Scienze della Navigazione 264 Meccanica e Macchine 132 Scienze motorie 66 Complessive ore 1056 Quadrimestrali Il consiglio di classe e in modo particolare i docenti dell area d indirizzo e di professionalizzazione si sono impegnati ad essere di supporto agli alunni nelle ricerche individuali o di gruppo. 11

12 D.7 - OBIETTIVI CONTENUTI NELL ATTIVITÀ DIDATTICA Saper essere: se stessi; acquisire il senso di responsabilità ed autocontrollo. Saper fare: uso corretto della lingua scritta, capacità espositive nei diversi contesti, applicazione di procedure e di regole. Saper decidere: saper scegliere tra più alternative quella più economica. Conoscenza Competenza Capacità. Formazione culturale valida e preparazione professionale aggiornata. Conoscenza dei processi che sono alla base delle materie professionali e dei legami interdisciplinari. Applicazione delle conoscenze acquisite a situazioni reali. Capacità di analisi e di sintesi. Capacità organizzative e gestionali. 12

13 D.8 CONSUNTIVO ATTIVITÀ DISCIPLINARI D.8.1 Ore settimanali 1 RELIGIONE 13

14 LIBRO DI TESTO ADOTTATO: Confronti 2.0 Ed. elledici (vol. unico) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NEL CORRENTE A.S. 30 fino alla data del 15 maggio comprese quelle dedicate alle prove di laboratorio, quelle perse per le assenze degli alunni, quelle dedicate agli incontri con le istituzioni. Se ne prevedono altre 3-4 fino al termine delle lezioni. OBIETTIVI REALIZZATI: 1. Conoscere i contenuti essenziali del cristianesimo. 2. Comprendere le motivazioni dell agire e delle scelte, interpretare i limiti dell esperienza umana 3. Acquisire una valida capacità di discernimento per essere più liberi e responsabili attraverso la riscoperta di alcuni testimoni della storia cristiana. 4. Conoscere le principali affermazioni della dottrina sociale della Chiesa. CONTENUTI - I nuovi interrogativi dell uomo oggi - Le principali religioni monoteiste e politeiste - Il dialogo interreligioso - I nuovi movimenti religiosi -L ateismo scientifico - Il senso della vita -La risposta biblica - Che cos è un uomo: caratteristiche generali - La Chiesa e la sua posizione - Una società fondata sui valori cristiani METODO DI INSEGAMENTO L insegnamento è stato proposto attraverso un metodo induttivo per coinvolgere la diretta partecipazione al dialogo educativo. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO Sacra Bibbia, Documenti del Magistero della Chiesa, Libro di testo, Dispense del docente. SPAZI Tutte le lezioni sono state svolte in classe VERIFICA E VALUTAZIONE: Le verifiche svolte sono state attuate attraverso confronti e discussioni collettive e/o singole. La valutazione finale ha tenuto conto dei livelli di partenza dei singoli alunni, delle conoscenze, dell impegno quotidiano, dell interesse e della partecipazione al dialogo didattico. Crotone, 15 Maggio 2015 IL DOCENTE Prof. Gianluigi Napolitano D. 8.2 LETTERE ITALIANE 14

15 Ore settimanali 4 LIBRO DI TESTO ADOTTATO MARTA SAMBUGAR-GABRIELLA SALA - Letteratura + Dall età del Positivismo alla letteratura contemporanea - Vol.3 LA NUOVA ITALIA - Ed. mista ORE DI LEZIONE EFFETTUATE: Fino alla data del 15 maggio sono state effettuate 95 ore, comprese quelle dedicate ai compiti in classe ed alla loro revisione, quelle cedute per compiti delle altre Discipline e per altre attività, nonché quelle perse per le assenze degli alunni. Se ne prevedono altre 12 fino al termine delle lezioni. OBIETTIVI REALIZZATI In relazione alla tipologia del corso di studi sono stati realizzati i seguenti obiettivi: Conoscenze: le principali correnti filosofiche nate dalla crisi del Positivismo i principi della poetica del Decadentismo i più importanti movimenti dell Avanguardia storica le principali tendenze della narrativa, della poesia tra le due guerre Capacità: ricavare dai testi l ideologia ed i principi di poetica di un autore saper interpretare e comprendere testi proposti; conoscere il patrimonio letterario italiano dalla fine dell Ottocento al Novecento; saper collocare il testo in un quadro di confronti e relazioni con altre opere dello stesso o di un altro autore, con espressioni artistiche e culturali e nel contesto storico del tempo. Competenze: redazione di un testo scritto, sotto forma di saggio breve o articolo di giornale, sulle problematiche relative al quadro storico-culturale del primo Novecento. potenziamento delle capacità autonome di analisi, sintesi e critica storica con rielaborazione personale dei contenuti; elaborare una forma mentis pluralista consapevole, rispettosa e tollerante della diversità; comprendere ed applicare le metodologie adeguate al fine di saper effettuare collegamenti disciplinari ed interdisciplinari. RISULTATI CONSEGUITI La classe 5 a sez. A C.M.N.. è composta da 22 alunni che durante l anno scolastico hanno lavorato a fasi alterne, evidenziando una partecipazione diversa, con una superficiale attitudine allo studio delle discipline umanistiche. La classe risulta divisa in due gruppi: alcuni studenti hanno dimostrato costante impegno e partecipazione, pertanto si sono potute registrare valutazioni al di sopra della media. Il resto della classe ha fatto registrare soprattutto nell orale risultati accettabili 15

16 oppure valutazioni al di sotto della sufficienza. Il livello dimostrato nelle verifiche scritte risulta alterno, in quanto permangono difficoltà di ordine linguistico espressivo; un gruppo ristretto di allievi dimostra capacità di scrittura adeguata e rielaborazione critica dei contenuti. CONTENUTI: MODULO 1 EVOLUZIONE DEL ROMANZO: dal romanzo storico al romanzo decadente Il Romanzo nell età del positivismo e del realismo Positivismo Realismo Naturalismo G. de Maupassant da il Bel Ami: Il trionfo di un arrampicatore G. Verga e il mondo dei vinti : Ideologia Tematiche narrative- svolgimento dell opera verghiana; Il romanzo verista : Vita dei campi: Un documento umano - Il ciclo dei vinti: Da I Malavoglia : La famiglia Malavoglia Da Novelle rusticane: La roba Da Mastro Don Gesualdo : L addio alla roba, La morte di Gesualdo MODULO 2: IL ROMANZO DEL NOVECENTO: LA LETTERATURA DELLA CRISI DELL UOMO - Il romanzo decadente G. D Annunzio: Il Piacere: Ritratto di un esteta L. Pirandello: L umorismo: il sentimento del contrario Da Il fu Mattia Pascal: cambio treno, Io e l ombra mia I. Svevo: La figura dell inetto Una Vita, Senilità. Da: La coscienza di Zeno: l ultima sigaretta MODULO 3 LA LIRICA ITALIANA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO Simbolismo, Estetismo, Decadentismo ed Ermetismo Il simbolismo francese, i poeti maledetti. Il decadentismo in poesia: D Annunzio; il vate e l esteta- Da Alcyone. La pioggia nel pineto G. Pascoli e il fanciullino; Da Myricae. X Agosto, Novembre Da Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino Il dolore fra le due guerre L Ermetismo: S. QuasimodoG. Ungaretti, E. Montale MODULO 4 IL NEOREALISMO: La narrativa della Resistenze e del dopoguerra GLI Intellettuali e l impegno politico Il cinema neorealista Scelta di un autore neorealista La produzione testuale: 16

17 L'analisi del testo; Il saggio Breve e L'articolo di giornale; Tema di ordine generale Dante Alighieri: Struttura del Paradiso. METODO DI INSEGNAMENTO: Accanto alle lezioni frontali, si è cercato di promuovere anche il dibattito e la discussione per consentire ai discenti di esercitare un ruolo attivo e consapevole e per valorizzare le loro abilità. Nello svolgimento del programma si sono privilegiati i contenuti essenziali e si sono scelti i testi particolarmente rappresentativi, che sono stati letti e commentati in classe, per individuarne gli aspetti più importanti. Delle opere prese in esame si è richiesto un commento libero e partecipato e poi si è proceduto all analisi del testo. Si è cercato anche di dare spazio all educazione linguistica, specie in riferimento alle nuove forme di scrittura, per potenziare la capacità dei discenti a produrre testi linguisticamente corretti. MEZZI E STRUMENTI La didattica è stata integrata con diversi tipi di supporti oltre al libro di testo: fotocopie e pubblicazioni per approfondire ed illustrare situazioni di particolare interesse o argomenti già trattati dal libro di testo, schemi ed appunti personali, Internet. SPAZI: Gli spazi disponibili utilizzati durante le ore curriculari sono stati: l aula per le normali attività, per la visione di filmati a carattere storico e per le simulazioni di Terza Prova propedeutiche agli Esami di Stato; l androne dell Istituto per le manifestazioni unitarie. STRUMENTI DI VERIFICA: Verifiche Verifiche giornaliere formative e sommative a conclusione del modulo. Valutazione secondo i seguenti criteri: partecipazione; impegno; metodo di studio; percorso di apprendimento. Crotone, 15 maggio 2015 La Docente Prof.ssa Eleonora Stellatelli 17

18 D. 8.3 STORIA Ore settimanali 2 LIBRO DI TESTO ADOTTATO: FOSSATI-LUPPI- ZANETTI Parlare di Storia Il novecento ed il mondo contemporaneo Vol. 3 - ED. B. Mondadori ORE DI LEZIONE EFFETTUATE E DA EFFETTUARE: Fino alla data del maggio sono state effettuate 49 ore, comprese quelle perse per le assenze degli alunni o per la partecipazione degli stessi alle attività programmate dalla scuola. Se ne prevedono altre 6 fino al termine delle lezioni. OBIETTIVI REALIZZATI In relazione alla tipologia del corso di studi sono stati realizzati i seguenti obiettivi: Capacità saper interpretare documenti, analizzare le situazioni secondo la dinamica causa-effetto adoperare concetti interpretativi e termini storici in rapporto con gli specifici contesti storici usare alcuni strumenti del lavoro storico: cronologie, mappe concettuali, tavole sinottiche Competenze potenziamento delle capacità autonome di analisi, sintesi e critica storica con rielaborazione personale dei contenuti; elaborare una forma mentis pluralista consapevole, rispettosa e tollerante della diversità; comprendere la dialettica storica alla base della costruzione del presente e del futuro. RISULTATI CONSEGUITI L impegno discontinuo della maggior parte degli studenti soprattutto nel primo e nella prima parte del secondo quadrimestre ha influito negativamente sullo svolgimento regolare del programma. Nella seconda parte dell anno scolastico si è cercato di procedere con maggiore regolarità allo svolgimento degli argomenti. I contenuti sono stati svolti mediante percorsi tematici per facilitare gli alunni nello studio e la comprensione degli eventi storici del Novecento. Inoltre alcuni argomenti sono stati approfonditi con la riflessione verso l attualità. La maggior parte degli studenti dimostra una conoscenza adeguata degli avvenimenti pertanto si sono potute registrare valutazioni sulla sufficienza. Un gruppo ristretto di allievi dimostra capacità di rielaborazione critica dei contenuti. CONTENUTI: MODULO 1: L ITALIA FRA 800 E 900: GUERRA E RIVOLUZIONI 18

19 La Bella époque L Italia giolittiana MODULO 2: LA FINE DEI GRANDI IMPERI E LA COSTITUZIONE DI NUOVI REGIMI La prima guerra mondiale La rivoluzione russa L Europa fra le due guerre MODULO 3: CITTADINANZA TOTALITARIA Franchismo, fascismo, nazismo Il controllo della cultura La seconda guerra mondiale USA Giappone: conclusione del conflitto METODO DI INSEGNAMENTO: Accanto alle lezioni frontali, si è cercato di promuovere anche il dibattito e la discussione per consentire ai discenti di esercitare un ruolo attivo e consapevole e per valorizzare le loro abilità. Nello svolgimento del programma si sono privilegiati i contenuti essenziali e si sono scelti alcuni brani particolarmente rappresentativi, che sono stati letti e commentati in classe, per individuarne gli aspetti più importanti. MEZZI E STRUMENTI La didattica è stata integrata con diversi tipi di supporti oltre al libro di testo: riviste specifiche, fotocopie e pubblicazioni per approfondire ed illustrare situazioni di particolare interesse o argomenti già trattati dal libro di testo, schemi ed appunti personali, Internet. SPAZI Gli spazi disponibili utilizzati durante le ore curriculari sono stati: l aula per le normali attività, per la visione di filmati a carattere storico e per le simulazioni di Terza Prova propedeutiche agli Esami di Stato; l androne dell Istituto per le manifestazioni unitarie. STRUMENTI DI VERIFICA: Metodicamente sono stati verificati il grado di conoscenza culturale, l interiorizzazione e le abilità di relazionare degli Studenti attraverso elaborati approntati sul modello degli Esami di Stato, prove strutturate e semistrutturate, test di comprensione con risposte aperte, questionari, ricerche e colloqui orali. Crotone, 15 maggio 2015 La Docente Prof.ssa Eleonora STELLATELLI 19

20 D. 8.4 LINGUA INGLESE Ore settimanali 3 LIBRO DI TESTO ADOTTATO: Giuseppina Abis Saily Davis Get on board Edizioni Il Capitello ORE DI LEZIONE EFFETTUATE E DA EFFETTUARE: 63 ore fino al 15 Maggio, ne sono previste altre 10 fino al termine delle lezioni. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è costituita in gran parte da alunni pendolari provenienti da diversi paesi della provincia crotonese e catanzarese. Abbastanza vivaci ma disciplinati, i discenti appaiono interessati al dialogo educativo; alcuni dimostrano buone capacità e fanno registrare discreti risultati, altri si attestano intorno alla sufficienza, non si applicano con costanza nello studio ed hanno bisogno di essere spronati e stimolati nell esecuzione dei compiti assegnati. Buone invece le abilità critiche e di rielaborazione dei ragazzi volenterosi che con impegno affrontano la loro attività scolastica. OBIETTIVI REALIZZATI Nella classe V sez. A sono state approfondite le competenze linguistiche generali acquisite negli anni precedenti applicandole all elaborazione e all acquisizione di contenuti tecnici specifici in collegamento con le materie professionali. Con attività diversificate sono state approfondite le quattro abilità linguistiche: reading, writing, speaking, listening. Gli obiettivi generali perseguiti sono stati i seguenti: 1. Favorire l acquisizione di una terminologia tecnica 2. Sviluppare l abilità di interpretare testi di carattere professionale 3. Esprimersi in modo corretto non solo su argomenti generali ma anche su argomenti tecnici inerenti al corso di studio CONTENUTI: Allo scopo di far acquisire una maggiore padronanza della lingua in oggetto, utilizzando materiale di vario genere, sono stati effettuati esercizi di dettatura, di ascolto e trascrizione di brani, di traduzione, di analisi semantiche e strutturali di testi scritti ed orali. I discenti hanno inoltre studiato argomenti tecnico-specifici riguardanti il linguaggio, i mezzi e gli strumenti di navigazione. MODULI ED UNITA DIDATTICHE MODULO 1: THE DECK DEPARTMENT Organization of a ship s crew; Cargo handling equipment; Typical mooring scheme; 20

21 MODULO 2: THE ENGINE DEPARTMENT Engine department s officers; Auxiliary machinery; The engine room logbook MODULO 3: NAUTICAL CHARTS The nautical chart; Great and small circles; Great circle tracks and rhumb lines; Maps and charts; Who draws up nautical charts? MODULO 4: PILOTING & PLOTTING Piloting or coastal navigation; Taking a bearing with a magnetic compass; Taking a bearing with a sextant and radar; Rang bearing; A look at a Mercator chart; MODULO 5: THE MOVING AIR Air Masses; Air movements; The main winds; The general circulation MODULO 6: MOVING WATERS Water; Features of the sea; The main ocean Currents; The Moon, the Sun and the tides MODULO 7: RADIO COMUNICATION ON BOARD Internal telephone system; Call signs and MMSI numbers; Standard to communicate alphabet letters; MODULO 8: GMDSS The Morse Code; What is the GMDSS?; The INMARSAT constellation; DSC, NAVTEX and ERPIB; Ship requirements; The four global navigating areas; Distress alert procedures using radiotelephony; Receiving distress signals; METODO DI INSEGNAMENTO: L attività didattica è stata improntata sul coinvolgimento degli alunni e su una metodologia volta al dialogo e alla comunicazione allo scopo di fare acquisire la lingua in modo attivo. 21

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^

Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Disciplinare: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONE Classi: 3^-4^-5^ I Docenti della Disciplina Salerno, lì 10/11 settembre 2013 Finalità

Dettagli

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Francesco De Sarlo Via Sant Antuono 192-0973/21034 - C.F. 83000510764 PZIS001007 85042 - LAGONEGRO PZ PZPM00101P IST. MAG. LAGONEGRO - PZPS00101N LIC. SC. LAGONEGRO

Dettagli

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

AUSILI DIDATTICI. OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 5ACAT IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe discretamente collaborativa e disciplinata. Non ho eseguito test di ingresso. 2)

Dettagli

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I

Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I ISIS Guido Tassinari Programmazione didattica di Matematica a. s. 2015/2016 IV I Prof.ssa Costigliola Analisi della situazione di partenza La classe IV sezione I è costituita da un gruppo di 21 allievi

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA MATEMATICA Classi 1^ LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE A.S. 2014/15

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA MATEMATICA Classi 1^ LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE A.S. 2014/15 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore ETTORE MAJORANA 24068 SERIATE (BG) Via Partigiani 1 -Tel. 035-297612 - Fax 035-301672 e-mail: majorana@ettoremajorana.gov.it - sito internet: www.ettoremajorana.gov.it

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI

OBIETTIVI EDUCATIVI e DIDATTICI TRASVERSALI Programmazione di Matematica Anno Scolastico 2015/2016 4^BCAT Costruzioni Ambiente Territorio IIS Cigna-Baruffi-Garelli 1) Contesto della classe: classe collaborativa e nel complesso disciplinata. La classe

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 7 04/12/2013 118 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO AMM FIN E MARKETING ANNO SCOLASTICO2013/2014

Dettagli

PIANO DI LAVORO COMUNE

PIANO DI LAVORO COMUNE PIANO DI LAVORO COMUNE Anno Scolastico 2014 2015 Materia: Elettrotecnica ed Elettronica Classe: 4^ elettrotecnici Data di presentazione: 16-09-2014 DOCENTE FIRMA Cottini Marzio Maulini Stefano Pagina 1

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S.

PIANO DI LAVORO ANNUALE DELLA DISCIPLINA SCIENZE INTEGRATE FISICA Classi 1AP (L. Stroppa S. Bani) 1BP (L. Buono P. Ramundo) A.S. !" #$%&'((&) #$%&!*(& #+#,-$%./$$011 e-mail: 23$4$23$&$/& sito: 555&$23$&$/& pec: 6*47(&*08$& Note Il presente documento va inviato in formato elettronico all indirizzo piani.lavoro@majorana.org a cura

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta

Anno Scolastico 2014-2015. INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA. CLASSI: Terza Quarta Quinta ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO E. BERNARDI PADOVA Anno Scolastico 2014-2015 INDIRIZZO: Manutenzione e assistenza tecnica DISCIPLINA: MATEMATICA CLASSI: Terza Quarta Quinta Anno

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE «Ranieri Mario COSSAR - Leonardo da VINCI» Settori: Servizi - Industria e Artigianato Istruzione e Formazione Professionale 34170 GORIZIA sede legale Viale Virgilio,

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. Elisabetta

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

Anno Scolastico 2014/2015. CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE: V A MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA Coordinatore di classe: LUISE CARMELA Presentazione sintetica della classe 1) Storia del triennio 2) Attività di recupero 3) Profilo

Dettagli

Istituto di istruzione superiore M.Ciliberto Via Siris, 10 Crotone ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (redatto

Istituto di istruzione superiore M.Ciliberto Via Siris, 10 Crotone ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (redatto Istituto di istruzione superiore M.Ciliberto Via Siris, 10 Crotone ISTITUTO TECNICO TRASPORTI E LOGISTICA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (redatto ai sensi del D.P.R. 323/98, art. 5 e successive integrazioni

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA DI INFORMATICA

PROGRAMMA DI INFORMATICA LICEO SCIENTIFICO STATALE A. MESSEDAGLIA -VERONA Via Bertoni, 3b 37121 VERONA tel 045.596432-8034772 fax 045.8038213 Classe 2 Sezione G Anno scolastico 2014/2015 PROGRAMMA DI INFORMATICA docente: prof.

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Triennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione B Data di approvazione 19/10/2012 Doc.:

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V sez. B corso Odontotecnico Redatto il 10/05/2013 Anno scolastico 2012/2013 1 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIALI GALILEO GALILEI DI ORISTANO CLASSE 5 A ODONTOTECNICO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Classe 3 Sez D Materia : Matematica Docente: Angelini Antonella Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-2010 Contratto Formativo Individuale 1.ANALISI DELLA CLASSE: Conoscenze Competenze

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico Programmazione Didattica del Consiglio della Classe II Sez. C Ind linguistico A.S. 2015/16 1. COMPOSIZIONE

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Maffeo Pantaleoni Frascati

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Maffeo Pantaleoni Frascati Maffeo Pantaleoni Frascati DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZ. F Anno scolastico 2010-2011 INDIRIZZO: TECNICO DEI SERVIZI SOCIALI DIRIGENTE SCOLASTICO: Prof.ssa Maddalena Venditti INDICE 1.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014. Prof. Forlin Maria Nives AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING INDIRIZZO PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO Prof. Forlin Maria Nives Economia Politica 3^ AEM AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI CHIMICA STRUMENTALE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI CHIMICA STRUMENTALE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI CHIMICA STRUMENTALE A.S. 2013/2014 CLASSE

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Programmazione Disciplinare 4-B Pag. 0 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Logistica a.s. 2013/2014 Classe: 4 Sez. B INDIRIZZO: MACCHINISTI Docente : FABIO MACCIONI *******************************

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI DIPARTIMENTO-CORSI SERALI DIPARTIMENTO DI MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI DIPARTIMENTO-CORSI SERALI DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ALESSANDRO ROSSI - VICENZA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI DIPARTIMENTO-CORSI SERALI ANNO SCOLASTICO 014-015 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA VICENZA, 10 Ottobre 014

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. FRUZZETTI

Dettagli

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014

PIANO di LAVORO A. S. 2013/ 2014 Nome docente DAGHERO LUIGI Materia insegnata Classe Testo in adozione TECNICA PROFESSIONALE ELETTROTECNICA 4G TECNOLOGIE ELETTRICO ELETTRONICHE E APPLICAZIONI/1-2 ED. Mondadori 1 PIANO di LAVORO Punti

Dettagli

MATERIA: 2014-2015 CLASSE: 3AE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No (classe iniziale per la disciplina TP)

MATERIA: 2014-2015 CLASSE: 3AE. Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No (classe iniziale per la disciplina TP) : A.S.: Prof.ssa Silvia Zirti Prof. Marco Perzolla MATERIA: 2014-2015 CLASSE: 3AE Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici (TP) Continuità di insegnante nella materia rispetto all

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO Lo studio della matematica contribuisce alla crescita intellettuale e alla formazione critica degli studenti promuovendo: lo sviluppo di capacità sia intuitive

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina:Educazione fisica Classi: 1A, 2A, 2B, 3A, 3B, 4A, 4B, 5A, 5B. A.S.2014-2015 Docente:CARLOTTO MONICA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe 1^A è numerosa, vivace e partecipe anche

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015

ISTITUTO COMPRENSIVO 9 BOLOGNA LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 LINEE GUIDA AI CRITERI DI VERIFICA E VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 1 Premessa Nel rispetto della normativa vigente sulla valutazione vengono preparati, secondo criteri il più possibile oggettivi, test di

Dettagli

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ENZO LUCIO ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 6 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2015/2016 Classe: III Sez. W INDIRIZZO Elettronica ed Elettrotecnica ARTICOLAZIONE Elettronica Docente : Docente tecnico pratico: Prof. Roberto

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO

ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO GUSPINI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO MATERIA CLASSE INDIRIZZO DOCENTI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI III^B (Qualifica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E DI ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE

PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E DI ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIE CHIMICHE INDUSTRIALI, PRINCIPI DI AUTOMAZIONE E DI ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE IV A chimica a.s. 2012/2013 ITIS PASCAL sede Via dei Robilant Teorico: Prof.ssa Mirabelli Gaetana

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

DISCIPLINA ECONOMIA E MATEMATICA FINANZIARA A.S. 2012/2013

DISCIPLINA ECONOMIA E MATEMATICA FINANZIARA A.S. 2012/2013 DISCIPLINA ECONOMIA E MATEMATICA FINANZIARA A.S. 2012/2013 individuale del docente Delia Garegnani per la classe quarta geometri 1) PREREQUISITI Contenuti del diritto del terzo anno. 2) SITUAZIONE DI PARTENZA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA A. S. 2012-2013 ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE CLASSE 3 Sez. C Prof. Fiorio Walter - Prof. Distefano Antonino LIVELLO DI PARTENZA: La classe

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli