DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Istituto Tecnico Trasporti e Logistica "Mario Ciliberto" Via Siris, 10 Tel fax Presidenza Crotone DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (redatto ai sensi del D.P.R. 323/98, art. 5 e successive integrazioni e modifiche della L.176 del 25/10/2007 e dell O.M. n. 13 del 24/04/2013, art. 6 commi da 1 a 7) CLASSE 5 a sez. A Conduttore del mezzo navale Coordinatore : Prof.ssa Eleonora STELLATELLI Prot. N 4269 del 15 Maggio 2015 Delibera del C.d.C il 12 Maggio 2015 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

2 INDICE N o ARGOMENTO Pag. Indice 2 Premessa 3 Composizione del Consiglio di classe 4 Elenco degli alunni 5 D.1 Profilo professionale dell indirizzo di studio 6 D.2 Storia della classe e Risultati degli anni precedenti 6 D.2.1 Credito scolastico - Totale credito 6 D.3 Descrizione della classe 8 D.4 Attività extra scolastiche e di approfondimento 10 D.5 Impegni del consiglio di classe 11 D.6 Percorso formativo 11 D.7 Obiettivi contenuti nell attività didattica 12 D.8 Consuntivo attività disciplinari 13 D.8.1 Religione 14 D.8.2 Lettere Italiane 15 D.8.3 Storia 18 D.8.4 Lingua Inglese 20 D.8.5 Diritto ed Economia 23 D.8.6 Matematica 26 D.8.7 Meccanica e Macchine 31 D.8.8 Elettrotecnica ed Elettronica 33 D.8.9 Scienze della Navigazione 35 D.8.10 Educazione fisica 38 D.9 Metodi adottati 40 ALLEGATI 40 Griglia di valutazione della prova scritta di Italiano 41 Griglia di valutazione della seconda prova scritta 46 Tab. di valutazione della terza prova scritta Tip. C 49 Tab. di valutazione della terza prova scritta Tip.B e C 50 Griglia di valutazione colloquio orale 51 Simulazione della terza prova 1 54 Simulazione della terza prova 2 63 PREMESSA 2

3 ( D.P.R.. 23 luglio, 1998 n.323 ) Il documento del Consiglio di classe, di seguito riportato, è il testo elaborato dal Consiglio di classe della 5 a Sez. A C.M.N.; esso, come specifica l O.M. n. 13 del 20/01/2012 art.6 e successive, esplicita i contenuti, i metodi, i mezzi, gli spazi e i tempi del percorso formativo, nonché i criteri e gli strumenti di valutazione adottati e gli obiettivi raggiunti. Tale documento costituisce il testo di riferimento ufficiale per la Commissione d esame al fine della preparazione della terza prova scritta e della conduzione del colloquio dell esame di stato. Per quanto riguarda la Terza prova, il Consiglio di classe ha deciso all unanimità di optare sia per la tipologia mista B e C quesiti a risposta multipla e quesiti a risposta singola aperta, che per la sola tipologia C quesiti a risposta multipla. La simulazione di tale prova è stata effettuata due volte prima del 15/05/2015. Il criterio di misurazione della Terza prova viene riportata nelle tabelle di valutazione della Terza prova scritta tipologia mista B e C allegate al Documento. IL CONSIGLIO DI CLASSE 3

4 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE MATERIA DOCENTI FIRMA RELIGIONE NAPOLITANO Gianluigi LINGUA ITALIANA STELLATELLI Eleonora STORIA STELLATELLI Eleonora LINGUA INGLESE LONGO Maria Rosaria MATEMATICA FRANDINA Rosa Maria MECCANICA E MACCHINE Codocente SANTORO Antonio FABBIAN0 Alfonso PAPALEO ELETTRONICA ED ELETTRONICA Domenico Codocente BARRETTA Francesco SCIENZE DELLA NAVIGAZIONE DIRITTO ED ECONOMIA EDUCAZIONE FISICA VITALE Morena Codocente DEVONO Pierino ROSSITTI Michele CAPRIA Gaetano IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.ssa A. Romeo ELENCO DEGLI ALUNNI 4

5 1 AMATO Saverio Antonio 2 BONIFAZIO Daniele 3 CAVARRETTA Gregorio 4 COSTA Francesco 5 D ARGENZIO Diego 6 DE CICCO Marco Antonio 7 FACENTE Rochan 8 FERRARI Francesco 9 GALILEI Kevin 10 GROSSO Salvatore 11 INFUSINO Gianluca 12 MASTRANTUONO Giuliano 13 NICOLETTA Domenico 14 OCCHIPINTI Remo 15 OLIVERIO Claudia 16 SANZONE Emmanuele Giuseppe 17 SCALISE Antonio Giovanni 18 SILVA SARMIENTO Jonathan Jesus 19 VIOLA Vincenzo Fabrizio 20 ZIZZA Salvatore 21 ZURLO Francesca 22 ZURLO Pasquale D.1 PROFILO PROFESSIONALE DELL INDIRIZZO DI STUDIO Diploma di Conduttore del mezzo navale 5

6 Le competenze conseguite alla conclusione del percorso di Studi dei due anni di indirizzo mirano a fornire una preparazione coerente con i requisiti minimi obbligatori per la certificazione di un Ufficiale di Navigazione in servizio di Guardia su navi da 500 T.S.L. o superiori, che rappresenta lo sbocco primario dell istruzione nautica come previsto dal Codice I.M.O. STCW 95. Non secondaria risulta l adeguatezza del percorso di studi per l inserimento nei settori di attività connessi con l organizzazione e la gestione del trasporto intermodale in quanto fornisce le competenze di base necessarie per la partecipazione alla gestione e alla conduzione di impianti di sistemi informatici e telematici per l assistenza e controllo del traffico aereo e marittimo, di protezione della fascia costiera dall inquinamento e monitoraggio dell ambiente marino e terrestre, e per l esercizio della libera professione come Perito nel settore del trasporto marittimo. D.2 STORIA DELLA CLASSE La classe, così come è composta attualmente, nasce nell anno scolastico 2012/13, anno nel quale viene operata, da parte degli allievi, la scelta dell indirizzo (AIM o CMN) ovvero all atto dell iscrizione alla classe quarta, in corrispondenza della quale convergono ragazzi provenienti dalle classi seconde sezioni A, B e C. Andando a ritroso nel tempo, emerge che la classe 5 a Sez. A ha percorso le tappe riassunte nella sottostante tabella: A.S. Classe Alunni M F Promoss Respinti Ritirati Inseriti Trasferiti i 2014/15 V /14 IV = = 2012/13 III = 4 = D. 2.1 CREDITO SCOLASTICO TABELLA DI VALUTAZIONE MINISTERIALE ai sensi del D.M. n. 99 del 16/12/2009 Media Classe III Classe IV Classe V <M< <M< <M< <M< CLASSE III - A.S.2012/13 Credito scolastico DEBITO Punti SALDATO NON SALDATO Alunni

7 % Alunni VARIAZIONE CREDITO SCOLASTICO PER SALDO DEBITI CLASSE IV - A.S. 2013/14 Credito scolastico DEBITO Punti SALDATO NON SALDATO Alunni % VARIAZIONE CREDITO SCOLASTICO PER SALDO DEBITI Alunni Credito scolastico TOTALE CREDITO A.S. 2014/15 DEBITO Punti SALDATO NON SALDATO Alunni % VARIAZIONE CREDITO SCOLASTICO PER SALDO DEBITI Alunni Credito anni precedenti III IV V Totale 1 AMATO Saverio Antonio

8 2 BONIFAZIO Daniele CAVARRETTA Gregorio COSTA Francesco D ARGENZIO Diego DE CICCO Marco Antonio FACENTE Rochan FERRARI Francesco GALILEI Kevin GROSSO Salvatore INFUSINO Gianluca MASTRANTUONO Giuliano NICOLETTA Domenico OCCHIPINTI Remo OLIVERIO Claudia SANZONE Emmanuele Giuseppe SCALISE Antonio Giovanni SILVA SARMIENTO Jonathan Jesus VIOLA Vincenzo Fabrizio ZIZZA Salvatore ZURLO Francesca ZURLO Pasquale D.3 - DESCRIZIONE DELLA CLASSE. Per l Anno Scolastico 2014/2015 la situazione della classe è la seguente: 22 alunni frequentanti, 20 ragazzi e 2 ragazze, di cui 7 pendolari residenti in paesi della provincia di Crotone; Ripetenti quattro; Ambiente socioeconomico di provenienza mediamente basso; Ambiente culturale mediamente modesto. Omogenea per estrazione sociale e per il contesto culturale di provenienza, ma abbastanza diversificata ed eterogenea sia per il senso di responsabilità, sia per il desiderio di affermazione e di autorealizzazione. La frequenza delle lezioni ha fatto registrare periodi di regolarità ed interesse con partecipazione alla vita scolastica in genere; per alcuni la frequenza è risultata scarsa con poco interesse e distacco proprio a causa delle numerose assenze fatte. Complessivamente i discenti si sono dimostrati vivaci ma disciplinati, hanno mostrato un discreto interesse al dialogo educativo seguendo in modo partecipato le lezioni. Tuttavia una parte ristretta della classe non si è applicata con costanza nello studio e, sebbene sia stata spronata e stimolata nell esecuzione dei compiti a casa, presenta un profitto non de4l tutto soddisfacente. 8

9 Per circa metà della classe si rileva un grado di conoscenza intorno alla sufficienza. Un quarto dei ragazzi si distingue per il profitto dal resto della classe e presenta buone capacità di rielaborazione critica e, a testimonianza dell impegno con cui hanno affrontato la loro attività scolastica. Il comportamento in classe è stato omogeneo, gli allievi hanno mantenuto una condotta corretta e soddisfacente anche per quanto riguarda il rapporto tra loro e tra questi e l insegnante; in particolare hanno dimostrato senso di responsabilità rispettando le turnazioni nei laboratori che fungevano da aula, segnalando le mancanze alle apparecchiature presenti e di cui si sono sentiti, in un certo senso, custodi. Il normale percorso didattico è stato talvolta rallentato dalla necessità di recuperare alcuni elementi meno partecipi al dialogo educativo, cercando di trovare ed applicare nuove metodologie ed approcci diversi per stimolare la partecipazione al dialogo in classe dei più riservati. Quasi tutti gli alunni hanno seguito un regolare curriculum degli studi, anche quelli che non si sono distinti hanno comunque raggiunto un livello di formazione culturale generalmente accettabile e competenze professionali in qualche modo adeguate. Due sono i casi di ripetenza negli anni precedenti all ultimo. L impegno e l entusiasmo dimostrato per le attività connesse al progetto di formazione professionale, hanno consentito, a quelli che ne hanno recepito l utilità, di acquisire buone competenze teorico-pratiche conseguendo titoli professionali che possono consentire loro esperienze lavorative in ambiti affini al campo marittimo. In fase di programmazione si è ritenuto di dover dare agli alunni una formazione generale che consentisse di raggiungere determinati obiettivi. Si può ritenere che gli stessi siano stati grossomodo raggiunti a livello di gruppo classe e maggiormente a livello di singoli individui. Sotto l aspetto metodologico ciascun insegnante, pur nel rispetto delle indicazioni del consiglio di classe, ha adottato un metodo adeguato alla reale situazione della classe e alla particolarità della propria disciplina, puntando a favorire l apprendimento anche nei soggetti meno stimolati. Il grado di istruzione ed il profitto sono stati rilevati tenendo presente non tanto la quantità degli argomenti studiati, bensì la capacità logico-deduttiva dimostrata, la corretta applicazione delle regole e la chiarezza di esposizione. Dal punto di vista degli obiettivi raggiunti la classe può suddividersi in tre fasce; una prima nella quale sono compresi quegli studenti che hanno conseguito una buona preparazione, facendosi notare per costanza nell impegno, per motivazione ed interesse, e per essere stati in grado di fornire contributi personali, anche sul piano critico, al resto della classe. Nella seconda fascia si trovano gli allievi che evidenziano una preparazione grossomodo sufficiente, avendo lavorato in modo discontinuo. Nell ultima quei ragazzi la cui preparazione ad oggi risulta non completamente sufficiente. D.4 ATTIVITA EXTRA-SCOLASTICHE E DI APPROFONDIMENTO 9

10 L attuale 5 a Sez. A C.M.N. è una classe che, come ormai è tradizione dell Istituto Mario Ciliberto, ha effettuato esperienze di stage con imbarchi a bordo di navi mercantili in ambito di progetti di alternanza scuola lavoro oltre che soggiorni studio all estero, significativamente in Inghilterra per periodi di tre o quattro settimane per perfezionare lo studio della lingua inglese nell ambito finanziati con il Fondo Sociale Europeo (FSE) PON misura 1 Azione C1. Ciò ha sicuramente contribuito alla motivazione allo studio, stimolando gli allievi a qualificare il loro impegno. Questo aspetto è stato ritenuto centrale da parte del consiglio di classe, stimolato in tal senso dalla Dirigenza Scolastica. Il percorso in alternanza scuola lavoro, in accordo con il DLGS 77 e la Legge 53, si è sviluppato mediante un monte ore aggiuntivo gestito da un decente interno con l intervento di esperti provenienti dal mondo del lavoro marittimo e da tutor aziendali da identificarsi con gli Ufficiali di Navigazione delle unità sulle quali sono stati effettuati gli imbarchi. Gli studenti sono stati coinvolti in : Stage con imbarco della durata di tre giorni nelle prime 2 settimane del mese di maggio 2014 a bordo delle navi ro-ro pax Zeus Palace della Grimaldi Group sulla rotta Salerno, Palermo, Tunisi, Palermo, Salerno) per i due gruppi; 1 soggiorno di studio in Inghilterra di 2 settimane 2 soggiorni di studio in Inghilterra 4 settimane I ragazzi sono stati coinvolti nei progetti: Giornata della Memoria ; Orientamento : incontri con Ufficiali della Guardia di Finanza, dell Esercito Italiano, dei Carabinieri, della Marina Militare. Di redazione del blog istituto Notiziario di bordo ; Partecipazione alle Olimpiadi di Matematica ; Partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi ed ai tornei scolastici; Progetto di lettura Gutenberg. Hanno inoltre conseguito: 10

11 il brevetto di bagnino di salvataggio, dopo aver seguito i corsi organizzati dalla società Italiana di Salvamento di Genova; la Certificazione Internazionale di Primo Soccorso Sanitario a Bordo di Navi Mercantili, con esami presso l Ufficio di Assistenza ai Naviganti del Ministero della Salute in Messina D.5 IMPEGNI DEL CONSIGLIO DI CLASSE. I docenti si sono impegnati a: a) Operare interventi di ripasso degli elementi essenziali funzionali al programma da svolgere; b) Operare interventi individualizzati in favore degli alunni con particolari carenze di metodo, oltre che cognitive; c) Selezionare gli argomenti cardini del programma da svolgere ai fini della preparazione degli alunni a svolgere la terza prova e il colloquio; d) Comunicare agli studenti le tematiche da sviluppare, precisando tempi, metodi e mezzi; e) Comunicare agli studenti i metodi di valutazione seguiti; f) Comunicare agli studenti numero e tipi di verifiche che si è inteso effettuare. D.6 PERCORSO FORMATIVO: Materia Ore previste Valutazioni Religione 33 Lettere Italiane 132 Storia 66 Lingua Inglese 99 Matematica 132 Diritto ed Economia 66 Elettrotecnica ed Elettronica 99 Scienze della Navigazione 264 Meccanica e Macchine 132 Scienze motorie 66 Complessive ore 1056 Quadrimestrali Il consiglio di classe e in modo particolare i docenti dell area d indirizzo e di professionalizzazione si sono impegnati ad essere di supporto agli alunni nelle ricerche individuali o di gruppo. 11

12 D.7 - OBIETTIVI CONTENUTI NELL ATTIVITÀ DIDATTICA Saper essere: se stessi; acquisire il senso di responsabilità ed autocontrollo. Saper fare: uso corretto della lingua scritta, capacità espositive nei diversi contesti, applicazione di procedure e di regole. Saper decidere: saper scegliere tra più alternative quella più economica. Conoscenza Competenza Capacità. Formazione culturale valida e preparazione professionale aggiornata. Conoscenza dei processi che sono alla base delle materie professionali e dei legami interdisciplinari. Applicazione delle conoscenze acquisite a situazioni reali. Capacità di analisi e di sintesi. Capacità organizzative e gestionali. 12

13 D.8 CONSUNTIVO ATTIVITÀ DISCIPLINARI D.8.1 Ore settimanali 1 RELIGIONE 13

14 LIBRO DI TESTO ADOTTATO: Confronti 2.0 Ed. elledici (vol. unico) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NEL CORRENTE A.S. 30 fino alla data del 15 maggio comprese quelle dedicate alle prove di laboratorio, quelle perse per le assenze degli alunni, quelle dedicate agli incontri con le istituzioni. Se ne prevedono altre 3-4 fino al termine delle lezioni. OBIETTIVI REALIZZATI: 1. Conoscere i contenuti essenziali del cristianesimo. 2. Comprendere le motivazioni dell agire e delle scelte, interpretare i limiti dell esperienza umana 3. Acquisire una valida capacità di discernimento per essere più liberi e responsabili attraverso la riscoperta di alcuni testimoni della storia cristiana. 4. Conoscere le principali affermazioni della dottrina sociale della Chiesa. CONTENUTI - I nuovi interrogativi dell uomo oggi - Le principali religioni monoteiste e politeiste - Il dialogo interreligioso - I nuovi movimenti religiosi -L ateismo scientifico - Il senso della vita -La risposta biblica - Che cos è un uomo: caratteristiche generali - La Chiesa e la sua posizione - Una società fondata sui valori cristiani METODO DI INSEGAMENTO L insegnamento è stato proposto attraverso un metodo induttivo per coinvolgere la diretta partecipazione al dialogo educativo. MEZZI E STRUMENTI DI LAVORO Sacra Bibbia, Documenti del Magistero della Chiesa, Libro di testo, Dispense del docente. SPAZI Tutte le lezioni sono state svolte in classe VERIFICA E VALUTAZIONE: Le verifiche svolte sono state attuate attraverso confronti e discussioni collettive e/o singole. La valutazione finale ha tenuto conto dei livelli di partenza dei singoli alunni, delle conoscenze, dell impegno quotidiano, dell interesse e della partecipazione al dialogo didattico. Crotone, 15 Maggio 2015 IL DOCENTE Prof. Gianluigi Napolitano D. 8.2 LETTERE ITALIANE 14

15 Ore settimanali 4 LIBRO DI TESTO ADOTTATO MARTA SAMBUGAR-GABRIELLA SALA - Letteratura + Dall età del Positivismo alla letteratura contemporanea - Vol.3 LA NUOVA ITALIA - Ed. mista ORE DI LEZIONE EFFETTUATE: Fino alla data del 15 maggio sono state effettuate 95 ore, comprese quelle dedicate ai compiti in classe ed alla loro revisione, quelle cedute per compiti delle altre Discipline e per altre attività, nonché quelle perse per le assenze degli alunni. Se ne prevedono altre 12 fino al termine delle lezioni. OBIETTIVI REALIZZATI In relazione alla tipologia del corso di studi sono stati realizzati i seguenti obiettivi: Conoscenze: le principali correnti filosofiche nate dalla crisi del Positivismo i principi della poetica del Decadentismo i più importanti movimenti dell Avanguardia storica le principali tendenze della narrativa, della poesia tra le due guerre Capacità: ricavare dai testi l ideologia ed i principi di poetica di un autore saper interpretare e comprendere testi proposti; conoscere il patrimonio letterario italiano dalla fine dell Ottocento al Novecento; saper collocare il testo in un quadro di confronti e relazioni con altre opere dello stesso o di un altro autore, con espressioni artistiche e culturali e nel contesto storico del tempo. Competenze: redazione di un testo scritto, sotto forma di saggio breve o articolo di giornale, sulle problematiche relative al quadro storico-culturale del primo Novecento. potenziamento delle capacità autonome di analisi, sintesi e critica storica con rielaborazione personale dei contenuti; elaborare una forma mentis pluralista consapevole, rispettosa e tollerante della diversità; comprendere ed applicare le metodologie adeguate al fine di saper effettuare collegamenti disciplinari ed interdisciplinari. RISULTATI CONSEGUITI La classe 5 a sez. A C.M.N.. è composta da 22 alunni che durante l anno scolastico hanno lavorato a fasi alterne, evidenziando una partecipazione diversa, con una superficiale attitudine allo studio delle discipline umanistiche. La classe risulta divisa in due gruppi: alcuni studenti hanno dimostrato costante impegno e partecipazione, pertanto si sono potute registrare valutazioni al di sopra della media. Il resto della classe ha fatto registrare soprattutto nell orale risultati accettabili 15

16 oppure valutazioni al di sotto della sufficienza. Il livello dimostrato nelle verifiche scritte risulta alterno, in quanto permangono difficoltà di ordine linguistico espressivo; un gruppo ristretto di allievi dimostra capacità di scrittura adeguata e rielaborazione critica dei contenuti. CONTENUTI: MODULO 1 EVOLUZIONE DEL ROMANZO: dal romanzo storico al romanzo decadente Il Romanzo nell età del positivismo e del realismo Positivismo Realismo Naturalismo G. de Maupassant da il Bel Ami: Il trionfo di un arrampicatore G. Verga e il mondo dei vinti : Ideologia Tematiche narrative- svolgimento dell opera verghiana; Il romanzo verista : Vita dei campi: Un documento umano - Il ciclo dei vinti: Da I Malavoglia : La famiglia Malavoglia Da Novelle rusticane: La roba Da Mastro Don Gesualdo : L addio alla roba, La morte di Gesualdo MODULO 2: IL ROMANZO DEL NOVECENTO: LA LETTERATURA DELLA CRISI DELL UOMO - Il romanzo decadente G. D Annunzio: Il Piacere: Ritratto di un esteta L. Pirandello: L umorismo: il sentimento del contrario Da Il fu Mattia Pascal: cambio treno, Io e l ombra mia I. Svevo: La figura dell inetto Una Vita, Senilità. Da: La coscienza di Zeno: l ultima sigaretta MODULO 3 LA LIRICA ITALIANA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO Simbolismo, Estetismo, Decadentismo ed Ermetismo Il simbolismo francese, i poeti maledetti. Il decadentismo in poesia: D Annunzio; il vate e l esteta- Da Alcyone. La pioggia nel pineto G. Pascoli e il fanciullino; Da Myricae. X Agosto, Novembre Da Il fanciullino: E dentro di noi un fanciullino Il dolore fra le due guerre L Ermetismo: S. QuasimodoG. Ungaretti, E. Montale MODULO 4 IL NEOREALISMO: La narrativa della Resistenze e del dopoguerra GLI Intellettuali e l impegno politico Il cinema neorealista Scelta di un autore neorealista La produzione testuale: 16

17 L'analisi del testo; Il saggio Breve e L'articolo di giornale; Tema di ordine generale Dante Alighieri: Struttura del Paradiso. METODO DI INSEGNAMENTO: Accanto alle lezioni frontali, si è cercato di promuovere anche il dibattito e la discussione per consentire ai discenti di esercitare un ruolo attivo e consapevole e per valorizzare le loro abilità. Nello svolgimento del programma si sono privilegiati i contenuti essenziali e si sono scelti i testi particolarmente rappresentativi, che sono stati letti e commentati in classe, per individuarne gli aspetti più importanti. Delle opere prese in esame si è richiesto un commento libero e partecipato e poi si è proceduto all analisi del testo. Si è cercato anche di dare spazio all educazione linguistica, specie in riferimento alle nuove forme di scrittura, per potenziare la capacità dei discenti a produrre testi linguisticamente corretti. MEZZI E STRUMENTI La didattica è stata integrata con diversi tipi di supporti oltre al libro di testo: fotocopie e pubblicazioni per approfondire ed illustrare situazioni di particolare interesse o argomenti già trattati dal libro di testo, schemi ed appunti personali, Internet. SPAZI: Gli spazi disponibili utilizzati durante le ore curriculari sono stati: l aula per le normali attività, per la visione di filmati a carattere storico e per le simulazioni di Terza Prova propedeutiche agli Esami di Stato; l androne dell Istituto per le manifestazioni unitarie. STRUMENTI DI VERIFICA: Verifiche Verifiche giornaliere formative e sommative a conclusione del modulo. Valutazione secondo i seguenti criteri: partecipazione; impegno; metodo di studio; percorso di apprendimento. Crotone, 15 maggio 2015 La Docente Prof.ssa Eleonora Stellatelli 17

18 D. 8.3 STORIA Ore settimanali 2 LIBRO DI TESTO ADOTTATO: FOSSATI-LUPPI- ZANETTI Parlare di Storia Il novecento ed il mondo contemporaneo Vol. 3 - ED. B. Mondadori ORE DI LEZIONE EFFETTUATE E DA EFFETTUARE: Fino alla data del maggio sono state effettuate 49 ore, comprese quelle perse per le assenze degli alunni o per la partecipazione degli stessi alle attività programmate dalla scuola. Se ne prevedono altre 6 fino al termine delle lezioni. OBIETTIVI REALIZZATI In relazione alla tipologia del corso di studi sono stati realizzati i seguenti obiettivi: Capacità saper interpretare documenti, analizzare le situazioni secondo la dinamica causa-effetto adoperare concetti interpretativi e termini storici in rapporto con gli specifici contesti storici usare alcuni strumenti del lavoro storico: cronologie, mappe concettuali, tavole sinottiche Competenze potenziamento delle capacità autonome di analisi, sintesi e critica storica con rielaborazione personale dei contenuti; elaborare una forma mentis pluralista consapevole, rispettosa e tollerante della diversità; comprendere la dialettica storica alla base della costruzione del presente e del futuro. RISULTATI CONSEGUITI L impegno discontinuo della maggior parte degli studenti soprattutto nel primo e nella prima parte del secondo quadrimestre ha influito negativamente sullo svolgimento regolare del programma. Nella seconda parte dell anno scolastico si è cercato di procedere con maggiore regolarità allo svolgimento degli argomenti. I contenuti sono stati svolti mediante percorsi tematici per facilitare gli alunni nello studio e la comprensione degli eventi storici del Novecento. Inoltre alcuni argomenti sono stati approfonditi con la riflessione verso l attualità. La maggior parte degli studenti dimostra una conoscenza adeguata degli avvenimenti pertanto si sono potute registrare valutazioni sulla sufficienza. Un gruppo ristretto di allievi dimostra capacità di rielaborazione critica dei contenuti. CONTENUTI: MODULO 1: L ITALIA FRA 800 E 900: GUERRA E RIVOLUZIONI 18

19 La Bella époque L Italia giolittiana MODULO 2: LA FINE DEI GRANDI IMPERI E LA COSTITUZIONE DI NUOVI REGIMI La prima guerra mondiale La rivoluzione russa L Europa fra le due guerre MODULO 3: CITTADINANZA TOTALITARIA Franchismo, fascismo, nazismo Il controllo della cultura La seconda guerra mondiale USA Giappone: conclusione del conflitto METODO DI INSEGNAMENTO: Accanto alle lezioni frontali, si è cercato di promuovere anche il dibattito e la discussione per consentire ai discenti di esercitare un ruolo attivo e consapevole e per valorizzare le loro abilità. Nello svolgimento del programma si sono privilegiati i contenuti essenziali e si sono scelti alcuni brani particolarmente rappresentativi, che sono stati letti e commentati in classe, per individuarne gli aspetti più importanti. MEZZI E STRUMENTI La didattica è stata integrata con diversi tipi di supporti oltre al libro di testo: riviste specifiche, fotocopie e pubblicazioni per approfondire ed illustrare situazioni di particolare interesse o argomenti già trattati dal libro di testo, schemi ed appunti personali, Internet. SPAZI Gli spazi disponibili utilizzati durante le ore curriculari sono stati: l aula per le normali attività, per la visione di filmati a carattere storico e per le simulazioni di Terza Prova propedeutiche agli Esami di Stato; l androne dell Istituto per le manifestazioni unitarie. STRUMENTI DI VERIFICA: Metodicamente sono stati verificati il grado di conoscenza culturale, l interiorizzazione e le abilità di relazionare degli Studenti attraverso elaborati approntati sul modello degli Esami di Stato, prove strutturate e semistrutturate, test di comprensione con risposte aperte, questionari, ricerche e colloqui orali. Crotone, 15 maggio 2015 La Docente Prof.ssa Eleonora STELLATELLI 19

20 D. 8.4 LINGUA INGLESE Ore settimanali 3 LIBRO DI TESTO ADOTTATO: Giuseppina Abis Saily Davis Get on board Edizioni Il Capitello ORE DI LEZIONE EFFETTUATE E DA EFFETTUARE: 63 ore fino al 15 Maggio, ne sono previste altre 10 fino al termine delle lezioni. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe è costituita in gran parte da alunni pendolari provenienti da diversi paesi della provincia crotonese e catanzarese. Abbastanza vivaci ma disciplinati, i discenti appaiono interessati al dialogo educativo; alcuni dimostrano buone capacità e fanno registrare discreti risultati, altri si attestano intorno alla sufficienza, non si applicano con costanza nello studio ed hanno bisogno di essere spronati e stimolati nell esecuzione dei compiti assegnati. Buone invece le abilità critiche e di rielaborazione dei ragazzi volenterosi che con impegno affrontano la loro attività scolastica. OBIETTIVI REALIZZATI Nella classe V sez. A sono state approfondite le competenze linguistiche generali acquisite negli anni precedenti applicandole all elaborazione e all acquisizione di contenuti tecnici specifici in collegamento con le materie professionali. Con attività diversificate sono state approfondite le quattro abilità linguistiche: reading, writing, speaking, listening. Gli obiettivi generali perseguiti sono stati i seguenti: 1. Favorire l acquisizione di una terminologia tecnica 2. Sviluppare l abilità di interpretare testi di carattere professionale 3. Esprimersi in modo corretto non solo su argomenti generali ma anche su argomenti tecnici inerenti al corso di studio CONTENUTI: Allo scopo di far acquisire una maggiore padronanza della lingua in oggetto, utilizzando materiale di vario genere, sono stati effettuati esercizi di dettatura, di ascolto e trascrizione di brani, di traduzione, di analisi semantiche e strutturali di testi scritti ed orali. I discenti hanno inoltre studiato argomenti tecnico-specifici riguardanti il linguaggio, i mezzi e gli strumenti di navigazione. MODULI ED UNITA DIDATTICHE MODULO 1: THE DECK DEPARTMENT Organization of a ship s crew; Cargo handling equipment; Typical mooring scheme; 20

21 MODULO 2: THE ENGINE DEPARTMENT Engine department s officers; Auxiliary machinery; The engine room logbook MODULO 3: NAUTICAL CHARTS The nautical chart; Great and small circles; Great circle tracks and rhumb lines; Maps and charts; Who draws up nautical charts? MODULO 4: PILOTING & PLOTTING Piloting or coastal navigation; Taking a bearing with a magnetic compass; Taking a bearing with a sextant and radar; Rang bearing; A look at a Mercator chart; MODULO 5: THE MOVING AIR Air Masses; Air movements; The main winds; The general circulation MODULO 6: MOVING WATERS Water; Features of the sea; The main ocean Currents; The Moon, the Sun and the tides MODULO 7: RADIO COMUNICATION ON BOARD Internal telephone system; Call signs and MMSI numbers; Standard to communicate alphabet letters; MODULO 8: GMDSS The Morse Code; What is the GMDSS?; The INMARSAT constellation; DSC, NAVTEX and ERPIB; Ship requirements; The four global navigating areas; Distress alert procedures using radiotelephony; Receiving distress signals; METODO DI INSEGNAMENTO: L attività didattica è stata improntata sul coinvolgimento degli alunni e su una metodologia volta al dialogo e alla comunicazione allo scopo di fare acquisire la lingua in modo attivo. 21

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli