GIS Day Il GIS per il governo e la gestione del territorio. a cura di Salvatore Sessa

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIS Day 2010. Il GIS per il governo e la gestione del territorio. a cura di Salvatore Sessa"

Transcript

1 A08 369

2

3 GIS Day 2010 Il GIS per il governo e la gestione del territorio a cura di Salvatore Sessa

4 Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) isbn I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: gennaio 2012

5 Indice 9 Introduzione di S. Sessa 11 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli di C. Bronzino, A. De Riggi, M.S. Lambiase, M. Montuori, E. Peduto, P. Ruggiero, G. Rolando, T. Talamo 29 Analisi degli standard urbanistici mediante tecnologia GIS nel Comune di Avellino di B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello 49 Uso di tecnologia GIS come strumento di supporto alla pianificazione urbanistica del Comune di Crotone di B. Cardone, F. Di Martino, I. Garofalo, S. Sessa, O. Ventura 61 Il piano strategico delle Aree Gioco Urbane: accessibilità, continuità e influenza dei servizi di G. Carrieri, A. Demarchi 79 Il GIS per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli: applicazione dei Sistemi GIS per la gestione informatizzata di un edificio museale di A. Castellucci, M.F. Frettolosi, V. Ingravallo, R. Mazza, F. Miele, G. Rolando, L. Sorrentino, P. Talamo, G. Tropeano 5

6 6 GIS Day La valutazione spaziale integrata nell elaborazione del piano urbanistico comunale di Cava de Tirreni (SA) di M. Cerreta, P. De Toro, S. Parrella, A. Picariello 127 Il GIS come sistema di supporto alle decisioni per la pianificazione della mobilità sostenibile in un caso studio di V. Cortese, P. D Amico, F. Di Martino, R. Mari, P. Napolitano, G. Palma, S. Sessa, F. Sgariglia, M. Soravia 141 Progettazione e costruzione di un database relazionale finalizzato alla gestione del patrimonio storico artistico del Museo del Mare di Napoli di D. D Angelo 157 Uso di sistemi GIS per il posizionamento in mare di gabbie per l allevamento ittico di L. Avagliano, F. de Chiara, R. di Costanzo, S. Esposito 177 MapReduce per la gestione della propagazione dei cambiamenti su geo banche dati distribuite per il progetto ETHOS di F. Di Martino, L. Scarpa, S. Sessa 201 Il WEBGIS per la gestione e il controllo delle attività di cantiere di L. Donate Blazquez, A. Genito, U. Malvone 209 Un GIS per il Comune di Torre del Greco (NA): analisi di danno sismico del centro antico di G. De Masi, G. Delli Priscoli, G. Florio, A. Formisano, R. Landolfo, F.M. Mazzolani 231 Costruzione in ambiente GIS di un indice di consumo di suolo per la misurazione della diffusione insediativa di R. Gerundo, M. Grimaldi

7 Indice La carta del RISCHIO locale dei beni culturali: una sperimentazione con l utilizzo di tecnologie GIS di A. Graziato 277 Piano del colore dei Comuni di Castelvetere sul Calore e Giffoni Sei Casali di M. Matteis, S. Sica 289 Un sistema di intelligenza computazionale integrato in un GIS per la previsione della concentrazione di piombo nel suolo di S. Rampone, G. Testa 303 Gli applicativi BIM e la logica dei database: l interoperabilità come strategia per l ottimizzazione del processo edilizio di S. Russo Ermolli, E. Tersigni 317 Tecnologia GIS per la tutela di specie protette in Campania: l esempio del Gabbiano corso Larus Audouinii (Payraudeau, 1826) di A. Usai, C. Savarese

8

9 GIS Day 2010 ISBN DOI / p. 9 (gennaio 2012) Introduzione Come già avvenuto nel 2008 e 2009, il 16 novembre 2010 si è tenuto l evento GIS DAY 2010: IL GIS PER IL GOVERNO E LA GESTIO- NE DEL TERRITORIO nell Aula Magna della Facoltà di Architettura (Chiesa Monumentale di SS. Demetrio e Bonifacio in Piazzetta Monticelli, Napoli), organizzato dal Dipartimento di Costruzioni e Metodi Matematici in Architettura dell Università degli Studi di Napoli Federico II. Con questa terza raccolta monografica di articoli riguardanti i Sistemi Informativi Territoriali, continua il contributo degli esperti di questa tecnologia intervenuti all evento per presentare i loro lavori: si tratta di liberi professionisti, docenti e ricercatori universitari, dipendenti di Enti Pubblici e di Enti Locali che hanno mostrato come i GIS sono usati per la corretta gestione e il buon governo del territorio. Ancora una volta si ringraziano tutti gli autori che hanno inviato il loro articolo ed ESRIITALIA, la cui sponsorizzazione è stata fondamentale per la riuscita e l organizzazione dell evento. Un particolare ringraziamento alle signore Alessandra Sciarrino e Silvia D ambrosio che hanno curato la parte amministrativa dell evento, nonché alla studentessa Eleonora Marino per il suo supporto all organizzazione. Per il Dipartimento Prof. Salvatore Sessa 9

10

11 GIS Day 2010 ISBN DOI / pp (gennaio 2012) Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli C. Bronzino, A. De Riggi, M.S. Lambiase, M. Montuori, E. Peduto P. Ruggiero, G. Rolando, T. Talamo abstract: sempre più l uso del GIS sta entrando nel mondo dei beni culturali, come ad esempio per l archeologia ed il restauro che pur necessitano l integrazione di dati di diversa natura collegati a precise informazioni spaziali. La possibilità di elaborare tutti i dati inerenti la conoscenza di un manufatto architettonico ed integrarli con i riferimenti che aiutano a ricostruire ipotesi sulla cultura materiale e sulla trasformazione sociale, agganciandoli alla realtà fisica del territorio, incrementano la possibilità di comunicazione di discipline spesso difficili da divulgare. Per quanto riguarda il restauro, è il monumento stesso il luogo dove una molteplicità di saperi si incontrano ed è sempre più necessario gestire una quantità di informazioni che devono relazionarsi tra loro, pur tuttavia mantenendo un quadro unitario, ed in questo l uso del GIS può essere di grande aiuto. Noi mostriamo l uso del GIS nell ambito 21 del PRG di Napoli. keywords: GIS, restauro architettonico. * Università degli Studi di Napoli Federico II, Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, Via Monteoliveto 3, Napoli; e mail: gmail.com, it, 11

12

13 13

14 14 C. Bronzino et al.

15 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 15

16 16 C. Bronzino et al.

17 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 17

18 18 C. Bronzino et al.

19 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 19

20 20 C. Bronzino et al.

21 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 21

22 22 C. Bronzino et al.

23 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 23

24 24 C. Bronzino et al.

25 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 25

26 26 C. Bronzino et al.

27 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 27

28

29 GIS Day 2010 ISBN DOI / pp (gennaio 2012) Analisi degli standard urbanistici mediante tecnologia GIS nel Comune di Avellino B. Cardone*, F. Di Martino*, S. Sessa**, R. Spiniello** abstract: la necessità di tutela ed organizzazione dello spazio antropizzato, ha portato allo sviluppo di nuove tecniche informatizzate per la pianificazione urbanistica. Si è passati dalla catalogazione dei dati per fini statistici alla necessità di legare le informazioni alle singole entità territoriali. Questo è stato possibile con l introduzione dei GIS (Geographic Information System), che permettono l acquisizione, la registrazione, l analisi, la visualizzazione e la restituzione di informazioni derivanti da dati geografici. La costruzione di un GIS avviene attraverso un processo che parte con la raccolta delle informazioni e finisce con la presentazione dei risultati. La riforma del Titolo V della Costituzione ha apportato l obbligo, da parte dei Comuni, di fornire i piani in formato digitale, questi ultimi nati proprio dall esigenza di poter disporre di potenti strumenti per la raccolta e l elaborazione delle informazioni, necessarie per effettuare le migliori scelte possibili associate al territorio. Obiettivo fondamentale di questo lavoro è di utilizzare un GIS, capace di essere strumento di supporto tecnico ai processi decisionali, nel quadro di una pubblica amministrazione sempre più orientata alla logica del rispetto dei principi di oggettività, trasparenza e sostenibilità ambientale, in termini di pianificazione territoriale ed urbanistica. keywords: GIS, legislazione urbanistica, standard urbanistici. * Università degli Studi di Napoli, Dipartimento di Costruzioni e Metodi Matematici in Architettura, Via Toledo 402, Napoli; e mail: unina.it; ** Contrada Archi, Parco Gilia 10, Avellino; e mail: 29

30 30 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello 1. Il GIS e la legislazione urbanistica I Sistemi Informativi Geografici sono utilizzati in tutte quelle applicazioni nelle quali la cartografia è sempre stata un elemento fondamentale, come ad esempio per la gestione delle attività di controllo del territorio ed in particolare per l urbanistica e la pianificazione territoriale. L utilizzo dell informazione geografica e della sua rappresentazione sul territorio si è rivelato nel tempo uno strumento insostituibile per conoscere, descrivere, controllare, visualizzare vari aspetti del mondo circostante. In questi anni l uso di cartografia tradizionale è stato man mano sostituito dall utilizzo di database geografici e dai relativi sistemi di gestione ed elaborazione informatica. L urbanistica è stata tra i primi campi di applicazione di questi nuovi strumenti. Già nei primi anni 80 alcune amministrazioni comunali avevano strutturato sistemi per la gestione del territorio; da allora, però, non si è assistito ad un vero e proprio processo di informatizzazione del dato territoriale; le grandi difficoltà che sono state riscontrate sono principalmente legate all alto costo di acquisizione della cartografia necessaria ai comuni, alle province ed alle regioni per effettuare le analisi territoriali finalizzate al governo del territorio. Oltre a questo aspetto, che è indubbiamente il principale, ci sono problemi legati alla mancanza di conoscenze informatiche da parte del personale che lavora per le amministrazioni locali, provinciali e regionali, nonché di leggi e procedure adeguate. Come è ben noto, l urbanistica in Italia è strutturata sulla base di una legge risalente al 1942, esattamente la n Tale normativa è stata modificata ed integrata da 11 leggi successive, l ultima delle quali è la n. 179 del Questa legge prevedeva l approvazione di un Piano Regolatore Generale (attuato mediante piani particolareggiati) che si estende all intero territorio comunale, e di un piano territoriale di coordinamento da compilare in determinate parti del territorio nazionale. Da allora molte cose sono cambiate, in particolare sono state trasferite alle Regioni a statuto ordinario le funzioni di ordinamento e organizzazione amministrativa, servizi sociali, sviluppo economico, assetto ed utilizzo del territorio, tramite il D.P.R. 616 del Altro passaggio molto importante è la legge

31 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino del 1990 che detta il nuovo ordinamento delle autonomie locali. In particolare, la legge detta i principi dell ordinamento dei Comuni e delle Province e ne determina le funzioni. Comuni e Province concorrono alla determinazione degli obiettivi contenuti nei piani e programmi dello Stato e delle Regioni e provvedono, per quanto di propria competenza, alla loro specificazione ed attuazione. È stabilito inoltre che la Provincia, predisponga e adotti il Piano Territoriale di Coordinamento, che determina indirizzi generali di assetto del territorio. Infine, l ultimo passaggio fondamentale è la riforma del Titolo V della Costituzione, che ha sancito la fine della gerarchia centralizzata a favore dell autogoverno delle Regioni, delineando i contorni di una nuova urbanistica, in cui emerge la centralità della legislazione regionale. Molte regioni prevedono l utilizzo dei sistemi GIS nella loro normativa, attribuendo un elevato livello d importanza dell informazione geografica da semplice strumento di ausilio alla pianificazione territoriale a vero e proprio elemento cogente per l approvazione degli strumenti urbanistici introducendo, ad esempio, l obbligo, da parte dei comuni, a fornire i piani regolatori in formato digitale, per ottenerne la relativa approvazione. Nello specifico la Regione Campania ha adottato la legge regionale 16 del 22 dicembre 2004, che ha apportato notevoli varianti alla pianificazione, ma soprattutto ha istituito il Sistema Informativo Territoriale (SIT), come si evince dal Titolo I, Capo I, art Cosa sono i Sistemi Informativi Geografici I Sistemi Informativi Geografici sono strumenti con cui è possibile gestire ed elaborare informazioni di varia natura associate al territorio. Operando sul territorio sono detti anche Sistemi Informativi Territoriali o, con terminologia più ampia, Sistemi Informativi Ambientali. I concetti di territorio e ambiente sono assimilati, nella definizione, come una stessa entità, o più correttamente come un insieme di oggetti suddivisi per classi. Un GIS è l insieme: delle persone (gli operatori); del software (i programmi);

32 32 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello dei dati; delle procedure; dell hardware (le apparecchiature) il cui fine è acquisire, organizzare, elaborare e restituire i dati riguardanti un organizzazione, al fine di mettere a disposizione dei responsabili delle decisioni operative tutte le informazioni necessarie per effettuare le migliori scelte possibili [1]. Un Sistema Informativo si dice Territoriale quando è progettato per operare con dati riferiti allo spazio geografico. Un GIS è quindi un sistema che contiene specifiche funzioni per acquisire, elaborare, gestire e restituire dati georiferiti. Il dato territoriale deve essere inteso in senso ampio, sia come dato cartografico numerico, georiferito, sia come dato descrittivo direttamente o indirettamente associato agli elementi rappresentati sulla Cartografia: in questo sta la grande potenzialità dei GIS, quella di associare ad un elemento spaziale un numero virtualmente infinito di attributi di tipo descrittivo, residenti nel database, collegando così la mappa alla banca dati Il GIS tecnicamente Allo scopo di rappresentare e gestire le informazioni spaziali mediante un GIS, è necessario utilizzare una rappresentazione dei dati che sia sganciata dalla realtà fisica; questo viene realizzato definendo un modello dei dati che sia abbastanza ampio da accogliere al suo interno tutti gli oggetti che esistono nel mondo fisico (aree, linee, punti, quote, ecc.) e che sia sufficientemente elastico da permettere di adattarlo a tutte le combinazioni che effettivamente occorrono nella realtà. Rispetto ad una rappresentazione puramente geometrica degli oggetti presenti nella realtà, ad un GIS viene richiesto di mantenere e gestire tutte le informazioni che riguardano le mutue relazioni spaziali tra i diversi elementi, come la connessione, l adiacenza o l inclusione, cioè di strutturare i dati definendone anche la topologia. Oltre a questi due aspetti geometrico e topologico, il modello dei dati, per essere efficace, deve prevedere l inserimento al suo interno dei dati descrittivi dei singoli oggetti reali, definibili come attributi. Questi

33 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino 33 tre insiemi di informazioni (geometria, topologia, attributi) vengono poi effettivamente implementati in un GIS mediante uno specifico modello fisico, che oggi si basa su strutture dei dati di tipo relazionale, tipiche dei data base più evoluti e su architetture hardware e software di tipo client/server, tipicamente in reti locali di elaboratori. Caratteristica fondamentale di un GIS è la sua capacità di georiferire i dati; ovvero di attribuire ad ogni elemento le sue coordinate spaziali reali. In altre parole, le coordinate di un oggetto non sono memorizzate relativamente ad un sistema di riferimento arbitrario, né relativamente al sistema di coordinate della periferica usata, come la tavoletta digitalizzatrice o il video, ma sono memorizzate secondo le coordinate del sistema di riferimento in cui realmente è situato l oggetto e nelle reali dimensioni, non in scala. La scala di rappresentazione diventa a questo punto solamente un parametro per definire il grado di accuratezza e la risoluzione delle informazioni grafiche, e quindi utilizzabili ad esempio per definire la densità di rappresentazione: ad una scala minore, elementi come gli edifici non vengono rappresentati e compaiono gli isolati o le aree urbanizzate Panorama delle funzioni e degli operatori GIS Se una organizzazione dei dati di tipo topologico caratterizza già i sistemi GIS, la loro capacità di effettuare operazioni di analisi spaziale li distanzia ulteriormente e definitivamente dal mondo dei sistemi nati per effettuare operazioni di sola cartografia e disegno al computer. Mediante tale analisi, partendo dalle informazioni esistenti nel nostro database geografico, possono essere creati nuovi livelli informativi, associando i dati in maniera da identificare relazioni prima non chiaramente visibili. Tipico esempio sono le analisi effettuate con la semplice sovrapposizione di più livelli informativi (overlay) come l uso del suolo ed i dati catastali, allo scopo di identificare, per ogni proprietà (particella catastale), la tipologia di uso del suolo. Analisi più sofisticate possono essere effettuate con la combinazione di diversi operatori anche estremamente complessi che operano sui dati sia bidimensionali sia tridimensionali.

34 34 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello Una categoria a parte sono gli operatori specializzati per la gestione e l analisi delle reti a grafo che operano su una struttura dati topologica di tipo lineare avente degli attributi alfanumerici particolari, necessari ad effettuare le analisi di connettività, minimo percorso, allocazione di risorse ecc. tipiche delle reti a grafo. Data la crescente importanza che sta avendo la gestione ed analisi delle reti, si pensi alle reti di distribuzione di acqua e gas, alle reti elettriche e telefoniche, alla gestione del traffico stradale (e sono solo alcune tra le possibili applicazioni di un GIS alla gestione delle reti) particolare sforzo è stato fatto per estendere le funzionalità di tali sistemi nel settore. In tempi assai recenti ad esempio è stata proposta una estensione del modello topologico lineare denominata segmentazione dinamica (dynamic segmentation); mediante tale estensione e le relative nuove funzioni disponibili per la sua gestione, alla struttura topologica fisica è possibile sovrapporre una nuova topologia, definita in maniera logica, senza la necessità di modificare i dati presenti nel database. La possibilità data da un modello dei dati, come quello geo relazionale, di poter essere esteso senza la necessità di riformulare radicalmente la sua struttura, dimostra ancora una volta la validità della sua scelta come struttura di base per un Geographic lnformation System La diffusione dei dati GIS Gli ultimi studi sui costi/benefici dei Sistemi Informativi Territoriali effettuati nei paesi d oltre oceano hanno evidenziato una netta riduzione del costo attribuito ai dati rispetto al costo complessivo del sistema. Si sta gradualmente decrementando la spesa sui dati dal 70% al 20%, favorendo in tal modo la diffusione della tecnologia GIS. La riduzione della spesa sui dati è dovuta essenzialmente alla grande disponibilità di basi territoriali in forma digitale: dai dati di pubblico dominio degli enti governativi alle banche dati, generate da società private, immesse sul mercato a prezzi decisamente interessanti. Anche in Italia molti enti pubblici e società private hanno acquisito basi territoriali di particolare interesse per molti potenziali utenti. In questo senso, una recente iniziativa italiana è stata quella della pubblicazione del catalogo ArcData Italia, nel quale sono presenti

35 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino 35 dati di diversa tipologia, da coperture geografiche a tabelle di attributi, da modelli digitali del terreno a immagini da satellite. Tali banche dati sono state sviluppate da ESRI ITALIA, da vari enti pubblici e società private e sono potenzialmente utili in diversi campi di applicazione quali: gestione delle risorse naturali, analisi socio demografiche, trasporti, pianificazione territoriale, ricerche di mercato, ecc. Tra i primi dati presenti a catalogo figurano grafi stradali (con la toponomastica e i numeri civici), foto da satellite, indicatori di marketing, cartografia a varie scale di alcune regioni (limiti amministrativi, idrografia, strade, ferrovie, ecc.) e dati statistici georiferiti, mentre altre banche dati sono in preparazione Le applicazioni Le figure professionali ed i soggetti che utilizzano questi sistemi sono: Operatori sul territorio e sull ambiente (ingegneri, architetti, geologi, agronomi, geografi, ambientalisti, ecologi, forestali); Enti ed istituzioni preposti al governo del territorio ed alla salvaguardia delle risorse ambientali; Ministeri (Ambiente, Trasporti, Sanità, Lavori Pubblici, Turismo, Beni Culturali); Regioni; Province; Comuni; Autorità di bacino; Comunità montane; Enti parchi; ASL; Aziende pubbliche e private; Università; Protezione civile; Banche; Assicurazioni; Aziende pubblicitarie;

36 36 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello Aziende di telecomunicazioni; Agenzie immobiliari; Imprese di distribuzione. I Comuni evidenziano il ruolo prioritario delle applicazioni di pianificazione e gestione urbanistica (piani regolatori comunali) e al secondo posto quelle connesse alle reti tecnologiche. Le aziende di servizi pubblici, nazionali e locali, hanno per lo più realizzato applicazioni per interventi di progettazione, gestione e controllo di reti tecnologiche per l erogazione di gas, elettricità, acqua e di monitoraggio ambientale. Ma accanto a questi utenti e a queste applicazioni che potremmo definire più tradizionali, sono presenti realtà nuove [5] Gli architetti ed il GIS Gli architetti non sono dei ottimi intenditori dell intimità della tecnologia GIS, ma, da oltre 10 anni, sono diventati estremamente interessati dell utilizzo delle varie applicazioni di questa tecnologia. Abituati a pensare ed a operare in 3D, ad impegnarsi ed assicurare il management di operazioni complesse partendo dall analisi e dal rimodellamento urbanistico fino ad impianti architettonici in tessuti già esistenti, gli architetti vogliono sempre lavorare con informazioni spaziali collegate a: la struttura del territorio: le valenze spaziali del tessuto urbano; le componenti funzionali del territorio; densità e demografia; qualità, capacità e ripartizione dell infrastruttura; le caratteristiche geometriche del terreno e delle costruzioni; le caratteristiche spaziali e le informazioni di ordine storico e giuridico degli immobili; la distribuzione, la densità e la qualità della vegetazione; la presenza degli elementi naturali; la presenza e le caratteristiche dei siti storici ed archeologici; le caratteristiche geoclimatiche del territorio.

37 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino 37 Tutti questi dati ed informazioni sotto forma scritta, statistica, grafica e spaziale sono diventati indispensabili nel prendere le decisioni di rimodellamento urbanistico, di creazione di piani urbanistici generali, zonali e di dettaglio, di configurazione spaziale volumetrica e di dettaglio architettonico di alcune zone indagate. 2. La realizzazione del GIS per il Comune di Avellino L obiettivo è di utilizzare un Sistema Informativo Geografico capace di essere strumento di supporto tecnico ai processi decisionali, nel quadro di una pubblica amministrazione sempre più orientata alla logica del rispetto dei principi di oggettività, trasparenza e sostenibilità ambientale nelle scelte intraprese in termini di pianificazione territoriale e urbanistica. Si parte da una dettagliata conoscenza del territorio ( edificato, popolazione, zonizzazione del territorio, ecc.) e dalla ricognizione dello spazio pubblico per dimensionare gli standard urbanistici. Gli standard urbanistici sono uno comuni strumenti di lavoro per la predisposizione dei piani urbanistici. Generalmente questi standard sono di carattere quantitativo, ovvero si limitano a fissare la quantità minima o ottimale per abitante o utente che occorre prevedere nel dimensionamento delle aree residenziali o dei servizi. Lo scenario attuale è strutturato in dati informativi, in forma integrata tra dati alfanumerici e grafici in modo da disporre di una rappresentazione con tutte le informazioni associate. La conoscenza della consistenza dello spazio pubblico è fondamentale per il dimensionamento del PUC e quindi, per definire i caratteri dimensionali degli spazi da destinare agli usi futuri della popolazione. La sperimentazione attraverso le potenzialità offerte dal GIS, non si limita solo al dimensionamento degli standard urbanistici, ma permette di individuare delle aree da destinare a servizi e spazi pubblici mediante un analisi dettagliata dell intero territorio comunale. Lo studio effettuato, permette un ampio quadro conoscitivo del territorio comunale attraverso la distribuzione delle aree edificate, delle attrezzature di uso pubblico, della popolazione, della densità edilizia e delle aree a rischio idrogeologico.

38 38 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello 2.1. I dati I dati acquisiti, elaborati e prodotti dal sistema sono nel seguente formato: vettoriale: shapefile (proprio di ArcView),.dwg e.dxf; raster: tif;.jpg;.bmp;.ecw. Tutti i dati sono georeferiti nel sistema Gauss Boaga. I dati rappresentano l aspetto più importante del GIS comunale, suddivisa in informazioni cartografiche e informazioni alfanumeriche. La cartografia di base rappresenta l ossatura del sistema. Di seguito viene schematizzata l organizzazione dei dati (alfanumerici e cartografici): aerofotogrammetria (del 2000) del Comune di Avellino in scala 1:4000 (dato vettoriale.dwg); ortofoto territorio comunale, anno 2000, (dato raster; estensione.ecw); dati ISTAT (alfanumerico e grafico) relativi al censimento della popolazione e delle abitazioni del 2001, aggregati per zone di censimento; Shapefile (fonte ISTAT) delle sezioni censuarie Trattamento dati di input L analisi della distribuzione spaziale delle aree edificate e della popolazione è stata compiuta ricorrendo al tool GIS ESRI/AR- CVIEW 3.2. Prima di essere implementati in ARCVIEW 3.2, i dati di input sono stati opportunamente preparati. I dati numerici sono stati inseriti in tabelle Excel e salvati in formato Dbf, formato importabile direttamente in ARCVIEW 3.2. Dall aerofotogrammetrico, invece, per ogni foglio sono stati individuati i layer relativi all edificato. Per questi sono state chiuse tutte le polilinee relative agli oggetti poligonali (edifici) e a tutti i layer è stata azzerata la quota z, riconducendo così tutti gli ele-

39 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino 39 menti ad uno stesso piano. I files (fogli aerofotogrammetria) sono stati esportati in formato.dwg per essere importati in ARCVIEW Importazione ed elaborazione dei dati in ARCVIEW ARCVIEW 3.2 può essere implementato caricando una serie di estensioni che permettono l interazione con altri programmi: Autocad, Excel, ecc. L estensione Cad Reader permette, infatti, di importare un file CAD e trasformarlo in shape file. In particolare, dopo aver importato il file in DXF come punti, linee e poligoni con il comando Add Theme di View, si attiva l estensione Cad Reader e, per ogni entità, si procede alla separazione degli elementi secondo i layer di partenza attraverso il comando make cad layer di cad. Quindi, vengono selezionati i layer pertinenti il solo edificato e convertiti in shape file in modo da renderli editabili. Con il comando merge themes dell estensione XTools gli shape files dell edificato creati vengono uniti in un unico file. Tali operazioni sono state eseguite per tutti i fogli, creando per ciascuno di essi un unico file shape. Questi, poi, sono stati a loro volta uniti in un unico file chiamato aggregati. Ciò è stato possibile in quanto i singoli fogli DWG/DXF risultano essere georiferiti. Dalle cartografie (cfr. Figura 1) importate in ARCVIEW 3.2 sono stati ricavati una serie di file in formato.shp come: limite comunale; aerofotogrammetria; edifici; edifici strategici (scuole, palazzi di governo, ecc.); parchi, aree verdi, attrezzature sportive, parcheggi; viabilità; sezioni censuarie (ISTAT 2001). I dati socio demografici ISTAT relativi al censimento nazionale dell anno 2001 sono così suddivisi: popolazione residente totale; numero di maschi residenti;

40 40 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello numero di famiglie; numero di alloggi; numero di edifici L iter progettuale La prima parte del lavoro è consistita nella trasformazione del PUC del Comune di Avellino in uno shapefile. Successivamente è stato elaborato uno shapefile poligonale degli edifici a partire da un raster georiferito di Avellino (cfr. Figura 2), dell editing dei valori di identificativo di sezione di censimento, nell associazione attraverso una funzione di Join nominale tra la Tabella attributi del file shape delle sezioni censuarie e il.dbf dei dati ISTAT in maniera tale da attribuire ad ogni sezione censuaria i dati di popolazione residente totale. La funzione union di geoprocessing tra lo shape edificato e le sezioni censuarie ha permesso di unire graficamente i due temi, per cui si è generato un nuovo shapefile (cfr. Figura 3), in cui alla tabella attributi dell edificato vengono associati i campi della tabella delle zone di censimento. Figura 1. Importazione di cartografia in ARCVIEW 3.2.

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT]

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT] CATASTO DIGITALE: SEMPLICE, VELOCE, TRASPARENTE Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia Piazza Manfredo Fanti 47 Roma Mercoledì 11 marzo 2015 [SIT] Ing. Franco MAGGIO Direttore Centrale Catasto

Dettagli

Geographic Information Systems 2000 s.n.c. I Sistemi Informativi Territoriali

Geographic Information Systems 2000 s.n.c. I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi territoriali Cosa sono i SIT? I SIT, ovvero Sistemi Informativi Territoriali, acronimo italiano di GIS (Geographic Information Systems), sono degli

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007 SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Il team di progetto Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio Potenzialità e limiti & software in commercio Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 2 Le componenti dell Informazione Territoriale Introduzione ai GIS A. Chiarandini

Dettagli

conto del patrimonio variazioni (entrate e uscite) valorizzazioni (manutenzioni, ristrutturazioni...)

conto del patrimonio variazioni (entrate e uscite) valorizzazioni (manutenzioni, ristrutturazioni...) sommario tenuta e composizione dei registri inventariali atti di provenienza descrizione (anagrafica) classificazione (attribuzione categoria inventariale) attribuzione di valore conto del patrimonio variazioni

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base

Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA. Lessico di base Facoltà di Architettura - Corso di Laurea quinquennale UE Corso di Fondamenti di Urbanistica - C TERMINOLOGIA Lessico di base Lezione n. 6/10 1 CARTOGRAFIA DI BASE: rappresentazione plano-altimetrica o

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO CORSO GIS BASE La Fondazione Centro Studi e Ricerche Professione Architetto organizza un Corso di GIS livello base, della durata di 36 ore. G.I.S. (Geographic Information System) è un sistema informativo

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4 STATUTO CONSORTILE Art. 50, comma 4 Entro due anni dall approvazione dello statuto da parte della Giunta regionale, il Consorzio provvede ad esplicitare nell avviso di pagamento lo specifico beneficio

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata MS e CLE: sistemi informativi e diffusione Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata La prevenzione del rischio sismico Dopo il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, lo Stato ha emanato un nuovo

Dettagli

0 Modulo Base. 3.4.1 Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie

0 Modulo Base. 3.4.1 Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie .. Tabelle riepilogative sulle operazioni necessarie 0 Modulo Base Cod. Livello informativo Fonte Formato Operazioni Necessarie Stima dei tempi 0C Carta Tecnica Regionale Numerica Regione Veneto Digitale:

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE II EDIZIONE ANNO 2012 Con il patrocinio di Presso la sala conferenze Hotel Dragonara, Via Pietro Nenni 280, 66020 San Giovanni Teatino

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici

UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA. Siti storici e archeologici UNA CARTOGRAFIA PER LA RAPPRESENTAZIONE DEI BENI CULTURALI : IL CASO DELLA TUNISIA Agosto 1998 Siti storici e archeologici La presente comunicazione prende le mosse dal progetto Gestion du patrimoine culturale

Dettagli

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Politecnico di Milano, Diap, Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Per il piano regolatore di Siena lo studio LdP ha sviluppato un progetto per la diffusione via Internet della banca dati

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Con il patrocinio di PROGRAMMA DEL CORSO (50 ORE) LEZIONE 1 Sabato 19 novembre 2011 Ore 8:30-10:30 - presentazione del corso - Introduzione

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

Le funzionalità del tool esri/arcview. Ferdinando Di Martino Barbara Cardone Salvatore Sessa

Le funzionalità del tool esri/arcview. Ferdinando Di Martino Barbara Cardone Salvatore Sessa A08 343 Le funzionalità del tool esri/arcview Ferdinando Di Martino Barbara Cardone Salvatore Sessa Copyright MMXI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata)

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) PREMESSA Il SIstema di MOnitoraggio Ambientale (SIMOA) del bacino idrografico del fiume Basento (attività

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI L integrazione del Database Topografico di Regione Lombardia con i dati provenienti dagli archivi catastali: la determinazione delle aree di pertinenza Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO Co-relatore:

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Piano di Assetto del Territorio e il

Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Piano di Assetto del Territorio e il Progettazione urbanistica 1 A.A. 2010/11 Prof.ssa Chiara Barattucci Collaboratrice: Valentina Antoniucci Il Piano di Assetto del Territorio e il sistema GIS Contenuti della comunicazione: Gli strumenti

Dettagli

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1 DEFINIZIONE di CARTA Carta di Mercatore Schermata ArcView Una carta geografica non è altro che una figura piana, che rappresenta la superficie della Terra o una sua porzione (Lagrange 1736-1813) Generalità

Dettagli

Il GIS come strumento di valorizzazione turistica

Il GIS come strumento di valorizzazione turistica Il GIS come strumento di valorizzazione turistica Premessa I Sistemi Informativi Territoriali (GIS) nel corso degli ultimi anni sono entrati a far parte della realtà della gestione del territorio rivoluzionando

Dettagli

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche OGGETTO: Proposta di iniziative per APC (Art. 4 del Regolamento APC) Sida Informatica & Blumatica Autodesk Authorized Value Added Reseller, Società Leader nel campo dei Sistemi Informativi Territoriali,

Dettagli

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 PROF. ARCH. EMANUELE SANTINI MARZO

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Rifiuti

Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Rifiuti Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Cosa è OPR? L OSSERVATORIO PROVINCIALE DEI RIFIUTI L Osservatorio Provinciale (OPR) è una struttura operativa con

Dettagli

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi A.) CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi Il Corso GEOGIS, utilizza la piattaforma

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

L esperienza dell osservatorio del mercato immobiliare dell Agenzia del territorio

L esperienza dell osservatorio del mercato immobiliare dell Agenzia del territorio L esperienza dell osservatorio del mercato immobiliare dell Agenzia del territorio Gianni Guerrieri Direttore Osservatorio mercato immobiliare e servizi estimativi Agenzia del Territorio Cosa è l Osservatorio

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Use of the GIS Software. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Use of the GIS Software. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Use of the GIS Software Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL GIS Modulo 3 Uso di un software GIS. Il syllabus descrive, attraverso i risultati

Dettagli

SCHEDA INTERVISTA CATASTO

SCHEDA INTERVISTA CATASTO SCHEDA INTERVISTA CATASTO Comune di ATTENZIONE: rilevare la volontà dell Ente e non l opinione dell intervistato D1. IL COMUNE È ORIENTATO ALL ASSUNZIONE DIRETTA DELLE FUNZIONI CATASTALI? (a) SI, in forma

Dettagli

OSMIT 2016. Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo

OSMIT 2016. Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo OSMIT 2016 Il dizionario tag OpenStreetMap - codici dbtopo INTRODUZIONE Un buon glossario è fondamentale per chi produce, per chi collauda e per chi utilizza i dati cartografici 2 COME POSSIAMO INTEGRARCI

Dettagli

dalla mappa al satellite

dalla mappa al satellite Di dalla mappa al satellite Ridotto Teatro Cagnoni Di il responsabile S.I.T. di il responsabile S.I.T. di Di sistemi informativi territoriali, varie definizioni e acronimi: S.I.T. - G.I.S. - Geographical

Dettagli

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Ingegneria Corso di Telerilevamento e Sistemi Informativi Territoriali prof. ing. Nicola Crocetto dott. ing. Giuseppe Domenico Santagata GIS Un GIS (Geographic

Dettagli

Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori

Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori A cura di: Gianluca Bortolini - referente per il Mosaico Informatizzato Provinciale - Sintesi PRG Settore Operativo Pianificazione

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007.

Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. Relazione sull attività svolta per il settore di documentazione nell ambito del progetto Is.I.A.O. nel Kurdistan Iracheno Novembre Dicembre 2007. La convenzione stipulata tra la Soprintendenza per i Beni

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE

DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE. Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE Ufficio Volontariato, Relazioni Istituzionali e Internazionali SERVIZIO FORMAZIONE MODELLO DI INTERVENTO FORMATIVO PER ISCRITTI ALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

Dettagli

Osservatorio del Mercato Immobiliare

Osservatorio del Mercato Immobiliare Osservatorio del Mercato Immobiliare (Presentazione curata da Luigi del Monaco* sulla base di documenti redatti dalla Direzione Centrale Osservatorio Mercato Immobiliare) * Direttore Ufficio Provinciale

Dettagli

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A.

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. La gestione associata di corbetta e gaggiano: l esperienza del progetto s.i.g.i.t.

Dettagli

Cartografia digitale

Cartografia digitale Cartografia digitale Cartografia digitale Paolo Zatelli Departimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 30 Cartografia digitale Outline

Dettagli

Sistema Informativo Territoriale Edilizio

Sistema Informativo Territoriale Edilizio Sistema Informativo Territoriale Edilizio SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Sistema Integrato Territoriale Edilizio Sportello unico per l edilizia - Ufficio tecnico La problematica riguardante la normativa

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

GIORNATE TRIESTINE UTENTI GVSIG 13 14 aprile 2010. gvsig e didattica GIS

GIORNATE TRIESTINE UTENTI GVSIG 13 14 aprile 2010. gvsig e didattica GIS GIORNATE TRIESTINE UTENTI GVSIG 13 14 aprile 2010 gvsig e didattica GIS di Claudio Schifani Docente laboratorio GIS Master II livello SIT&TLR IUAV di Venezia Obiettivo Progettare ed innovare il laboratorio

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Realizzazione Sistemi Informativi Territoriali

Realizzazione Sistemi Informativi Territoriali La nostra società si avvale di professionisti e collaboratori con pluriennale esperienza e competenze diversificate nel campo della cartografia territoriale e della gestione ambien_ tale. La passione per

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

PROGETTAZIONE B.I.M.

PROGETTAZIONE B.I.M. PROGETTAZIONE B.I.M. Building Information Modeling INTRODUZIONE: Negli ultimi anni, in architettura, ingegneria e nel mondo delle costruzioni è avvenuto un radicale cambiamento negli strumenti e nei metodi

Dettagli

nazzareno.pedica@comune.tr.it

nazzareno.pedica@comune.tr.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita Qualifica NAZZARENO PEDICA FOSSATO di VICO (PG) 5/Marzo/1953 COORDINATORE TECNICO Amministrazione COMUNE di TERNI Incarico attuale COORDINATORE TECNICO (P.O.)

Dettagli

Catasti digitali delle derivazioni e degli attingimenti dai corpi idrici superficiali della provincia di Piacenza.

Catasti digitali delle derivazioni e degli attingimenti dai corpi idrici superficiali della provincia di Piacenza. Amministrazione Provinciale di Piacenza Dipartimento Politiche di Gestione del territorio e Tutela dell ambiente. UOA Monitoraggio delle risorse territoriali e ambientali. Loc. Gariga, 29027 Podenzano

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE Rev. 0 03/06/2014 Arch. Chiara Dell Orto IL SIT NON È UNA TRADIZIONALE CARTOGRAFIA DISPONIBILITÀ

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

Gestione del Territorio

Gestione del Territorio Il Sistema Informativo Territoriale Halley (SITH) Consultazione immediata delle informazioni collegate ai residenti, ai tributi pagati (Tares, Imu, ecc.), alle pratiche edilizie rilasciate e alle attività

Dettagli

Descrizione delle funzioni COSA È COME SI CONSULTA

Descrizione delle funzioni COSA È COME SI CONSULTA Descrizione delle funzioni Trasparenza e Servizi nella Pubblica Amministrazione IL PORTALE CARTOGRAFICO COMUNALE IN INTERNET Un servizio di per i Comuni COSA È È un portale ideato per consentire a tutti

Dettagli

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione

La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione WORKSHOP MODALITA DI ATTUAZIONE DEL PIANO: Tecniche attuative del Piano La perequazione urbanistica principi e forme di applicazione Sala Conferenze Belvedere di San Leucio (CE) 19 febbraio 2015 Il principio

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper.

La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper. La visualizzazione del layer informativo in un webgis open source: un sistema di gestione tensoriale del dato ambientale per p.mapper. M. Comelli IFAC-CNR (Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara del

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

2 GIS Day Ticino 2009. 6 novembre 2009

2 GIS Day Ticino 2009. 6 novembre 2009 6 novembre 2009 MATTINO GIS e CAD: missione impossibile? GIS versus CAD GIS e CAD: come lavorare insieme Dal dato alla cartografia Pausa caffè Mappare il crimine: : ArcGIS e Crime Analyst presso la Polizia

Dettagli

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI I Servizi geografici del Portale Informativo Multicanale della Regione Molise I Sistemi Informativi per la Vigilanza Ambientale e la Gestione del Territorio sono stati realizzati all interno dell Accordo

Dettagli

Quantum GIS per la pianificazione urbanistica

Quantum GIS per la pianificazione urbanistica Quantum GIS per la pianificazione urbanistica Piano di Recupero del Centro Storico nel Comune di Montecchio Maggiore Vicenza Flavio Rigolon, ufficio S.I.T. Comune di Montecchio Maggiore http://www.comune.montecchio-maggiore.vi.it

Dettagli

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS

1. AUDIT ENERGETICO DEI 250 EDIFICI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DELLA SPEZIA E REALIZZAZIONE DI UNA PIATTAFORMA INFORMATICA Audit GIS Titolo: Dal Censimento dei consumi energetici degli edifici pubblici all attuazione dei PAES della Provincia della Spezia Arch. Paola Giannarelli 18 marzo 2011 ISOLA DI SAN SERVOLO - VENEZIA DAL CENSIMENTO

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità

La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità Dipartimento II Lavori Pubblici Direzione viabilità La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità LA GEOREFERENZIAZIONE La redazione della reportistica cartografica risulta imprescindibile

Dettagli

Esercitazione uantumgis e DBT

Esercitazione uantumgis e DBT Politecnico di Milano Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Esercitazione uantumgis e DBT Obiettivo: costruzione di una carta tematica a partire dalle informazioni

Dettagli

Aggiornamento catasti consortili: nuove prospettive per i Consorzi di Bonifica

Aggiornamento catasti consortili: nuove prospettive per i Consorzi di Bonifica Napoli, 14/15/16 marzo 2012 VII^ Conferenza Organizzativa Nazionale Aggiornamento catasti consortili: nuove prospettive per i Consorzi di Bonifica Ing. Massimo Natalizio D.G. Consorzio di Bonifica del

Dettagli

CONTRIBUTO DEL GIS ALL ANALISI AMBIENTALE TERRITORIALE

CONTRIBUTO DEL GIS ALL ANALISI AMBIENTALE TERRITORIALE II CONTRIBUTO DEL GIS ALL ANALISI AMBIENTALE TERRITORIALE (Emanuela Caiaffa - ENEA, Francesco Frattarelli - S.I.T. srl) Introduzione Qualunque processo di Analisi Ambientale che mira ad essere recepito

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni. Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni. Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289 Sede associata di Selargius Via Bixio - - 070/840039 Sede associata di Capoterra

Dettagli

Ordine dei Geologi Regione del Veneto

Ordine dei Geologi Regione del Veneto Corso CARTOGRAFIA E GIS Luogo di svolgimento Cittadella (PD) Durata 10 moduli tra loro indipendenti da svolgersi tra aprile e giugno 2011. E possibile l iscrizione anche a singoli moduli. Docenti Dr. Lorenzo

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Francesco Contò Unità 9 - Creare e modificare tabelle di dati. Collegare tabelle di dati esterne agli elementi geometrici.

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave 1 ACCESSIBILITA AL SISTEMA 3 2 VISUALIZZAZIONE ED ATTIVAZIONE DEI LIVELLI CARTOGRAFICI 4 2.1 Visualizzazione del singolo livello cartografico 4 2.2 Accensione/spegnimento

Dettagli

20. DEFINIZIONE DELLE ESIGENZE DI SVILUPPO Il PS individua alcune azioni di particolare rilevanza per le principali SEL e più precisamente: - La riqualificazione dell offerta turistica con particolare

Dettagli

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica

ARCHITETTURA. Rubrica Infografica RICOSTRUZIONE/Empler 26-07-2007 13:06 Pagina 47 PROGETTARE ARCHITETTURA Tommaso Empler* Rubrica Infografica Ricostruzione infografica di una situazione ambientale urbana Dopo aver illustrato le procedure

Dettagli

Il sistema del trasporto privato

Il sistema del trasporto privato Il sistema del trasporto privato 1. Introduzione e inquadramento generale "La Provincia attraverso il PTCP definisce la dotazione di infrastrutture per la mobilità di carattere sovracomunale, ed individua

Dettagli

SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS

SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS Finalità del SIF-RS Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana è un progetto finanziato dal POR-Sicilia 2000-2006,

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli