GIS Day Il GIS per il governo e la gestione del territorio. a cura di Salvatore Sessa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIS Day 2010. Il GIS per il governo e la gestione del territorio. a cura di Salvatore Sessa"

Transcript

1 A08 369

2

3 GIS Day 2010 Il GIS per il governo e la gestione del territorio a cura di Salvatore Sessa

4 Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) isbn I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: gennaio 2012

5 Indice 9 Introduzione di S. Sessa 11 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli di C. Bronzino, A. De Riggi, M.S. Lambiase, M. Montuori, E. Peduto, P. Ruggiero, G. Rolando, T. Talamo 29 Analisi degli standard urbanistici mediante tecnologia GIS nel Comune di Avellino di B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello 49 Uso di tecnologia GIS come strumento di supporto alla pianificazione urbanistica del Comune di Crotone di B. Cardone, F. Di Martino, I. Garofalo, S. Sessa, O. Ventura 61 Il piano strategico delle Aree Gioco Urbane: accessibilità, continuità e influenza dei servizi di G. Carrieri, A. Demarchi 79 Il GIS per il Museo Archeologico Nazionale di Napoli: applicazione dei Sistemi GIS per la gestione informatizzata di un edificio museale di A. Castellucci, M.F. Frettolosi, V. Ingravallo, R. Mazza, F. Miele, G. Rolando, L. Sorrentino, P. Talamo, G. Tropeano 5

6 6 GIS Day La valutazione spaziale integrata nell elaborazione del piano urbanistico comunale di Cava de Tirreni (SA) di M. Cerreta, P. De Toro, S. Parrella, A. Picariello 127 Il GIS come sistema di supporto alle decisioni per la pianificazione della mobilità sostenibile in un caso studio di V. Cortese, P. D Amico, F. Di Martino, R. Mari, P. Napolitano, G. Palma, S. Sessa, F. Sgariglia, M. Soravia 141 Progettazione e costruzione di un database relazionale finalizzato alla gestione del patrimonio storico artistico del Museo del Mare di Napoli di D. D Angelo 157 Uso di sistemi GIS per il posizionamento in mare di gabbie per l allevamento ittico di L. Avagliano, F. de Chiara, R. di Costanzo, S. Esposito 177 MapReduce per la gestione della propagazione dei cambiamenti su geo banche dati distribuite per il progetto ETHOS di F. Di Martino, L. Scarpa, S. Sessa 201 Il WEBGIS per la gestione e il controllo delle attività di cantiere di L. Donate Blazquez, A. Genito, U. Malvone 209 Un GIS per il Comune di Torre del Greco (NA): analisi di danno sismico del centro antico di G. De Masi, G. Delli Priscoli, G. Florio, A. Formisano, R. Landolfo, F.M. Mazzolani 231 Costruzione in ambiente GIS di un indice di consumo di suolo per la misurazione della diffusione insediativa di R. Gerundo, M. Grimaldi

7 Indice La carta del RISCHIO locale dei beni culturali: una sperimentazione con l utilizzo di tecnologie GIS di A. Graziato 277 Piano del colore dei Comuni di Castelvetere sul Calore e Giffoni Sei Casali di M. Matteis, S. Sica 289 Un sistema di intelligenza computazionale integrato in un GIS per la previsione della concentrazione di piombo nel suolo di S. Rampone, G. Testa 303 Gli applicativi BIM e la logica dei database: l interoperabilità come strategia per l ottimizzazione del processo edilizio di S. Russo Ermolli, E. Tersigni 317 Tecnologia GIS per la tutela di specie protette in Campania: l esempio del Gabbiano corso Larus Audouinii (Payraudeau, 1826) di A. Usai, C. Savarese

8

9 GIS Day 2010 ISBN DOI / p. 9 (gennaio 2012) Introduzione Come già avvenuto nel 2008 e 2009, il 16 novembre 2010 si è tenuto l evento GIS DAY 2010: IL GIS PER IL GOVERNO E LA GESTIO- NE DEL TERRITORIO nell Aula Magna della Facoltà di Architettura (Chiesa Monumentale di SS. Demetrio e Bonifacio in Piazzetta Monticelli, Napoli), organizzato dal Dipartimento di Costruzioni e Metodi Matematici in Architettura dell Università degli Studi di Napoli Federico II. Con questa terza raccolta monografica di articoli riguardanti i Sistemi Informativi Territoriali, continua il contributo degli esperti di questa tecnologia intervenuti all evento per presentare i loro lavori: si tratta di liberi professionisti, docenti e ricercatori universitari, dipendenti di Enti Pubblici e di Enti Locali che hanno mostrato come i GIS sono usati per la corretta gestione e il buon governo del territorio. Ancora una volta si ringraziano tutti gli autori che hanno inviato il loro articolo ed ESRIITALIA, la cui sponsorizzazione è stata fondamentale per la riuscita e l organizzazione dell evento. Un particolare ringraziamento alle signore Alessandra Sciarrino e Silvia D ambrosio che hanno curato la parte amministrativa dell evento, nonché alla studentessa Eleonora Marino per il suo supporto all organizzazione. Per il Dipartimento Prof. Salvatore Sessa 9

10

11 GIS Day 2010 ISBN DOI / pp (gennaio 2012) Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli C. Bronzino, A. De Riggi, M.S. Lambiase, M. Montuori, E. Peduto P. Ruggiero, G. Rolando, T. Talamo abstract: sempre più l uso del GIS sta entrando nel mondo dei beni culturali, come ad esempio per l archeologia ed il restauro che pur necessitano l integrazione di dati di diversa natura collegati a precise informazioni spaziali. La possibilità di elaborare tutti i dati inerenti la conoscenza di un manufatto architettonico ed integrarli con i riferimenti che aiutano a ricostruire ipotesi sulla cultura materiale e sulla trasformazione sociale, agganciandoli alla realtà fisica del territorio, incrementano la possibilità di comunicazione di discipline spesso difficili da divulgare. Per quanto riguarda il restauro, è il monumento stesso il luogo dove una molteplicità di saperi si incontrano ed è sempre più necessario gestire una quantità di informazioni che devono relazionarsi tra loro, pur tuttavia mantenendo un quadro unitario, ed in questo l uso del GIS può essere di grande aiuto. Noi mostriamo l uso del GIS nell ambito 21 del PRG di Napoli. keywords: GIS, restauro architettonico. * Università degli Studi di Napoli Federico II, Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio, Via Monteoliveto 3, Napoli; e mail: gmail.com, it, 11

12

13 13

14 14 C. Bronzino et al.

15 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 15

16 16 C. Bronzino et al.

17 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 17

18 18 C. Bronzino et al.

19 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 19

20 20 C. Bronzino et al.

21 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 21

22 22 C. Bronzino et al.

23 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 23

24 24 C. Bronzino et al.

25 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 25

26 26 C. Bronzino et al.

27 Un GIS per l Ambito 21 del PRG di Napoli 27

28

29 GIS Day 2010 ISBN DOI / pp (gennaio 2012) Analisi degli standard urbanistici mediante tecnologia GIS nel Comune di Avellino B. Cardone*, F. Di Martino*, S. Sessa**, R. Spiniello** abstract: la necessità di tutela ed organizzazione dello spazio antropizzato, ha portato allo sviluppo di nuove tecniche informatizzate per la pianificazione urbanistica. Si è passati dalla catalogazione dei dati per fini statistici alla necessità di legare le informazioni alle singole entità territoriali. Questo è stato possibile con l introduzione dei GIS (Geographic Information System), che permettono l acquisizione, la registrazione, l analisi, la visualizzazione e la restituzione di informazioni derivanti da dati geografici. La costruzione di un GIS avviene attraverso un processo che parte con la raccolta delle informazioni e finisce con la presentazione dei risultati. La riforma del Titolo V della Costituzione ha apportato l obbligo, da parte dei Comuni, di fornire i piani in formato digitale, questi ultimi nati proprio dall esigenza di poter disporre di potenti strumenti per la raccolta e l elaborazione delle informazioni, necessarie per effettuare le migliori scelte possibili associate al territorio. Obiettivo fondamentale di questo lavoro è di utilizzare un GIS, capace di essere strumento di supporto tecnico ai processi decisionali, nel quadro di una pubblica amministrazione sempre più orientata alla logica del rispetto dei principi di oggettività, trasparenza e sostenibilità ambientale, in termini di pianificazione territoriale ed urbanistica. keywords: GIS, legislazione urbanistica, standard urbanistici. * Università degli Studi di Napoli, Dipartimento di Costruzioni e Metodi Matematici in Architettura, Via Toledo 402, Napoli; e mail: unina.it; ** Contrada Archi, Parco Gilia 10, Avellino; e mail: 29

30 30 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello 1. Il GIS e la legislazione urbanistica I Sistemi Informativi Geografici sono utilizzati in tutte quelle applicazioni nelle quali la cartografia è sempre stata un elemento fondamentale, come ad esempio per la gestione delle attività di controllo del territorio ed in particolare per l urbanistica e la pianificazione territoriale. L utilizzo dell informazione geografica e della sua rappresentazione sul territorio si è rivelato nel tempo uno strumento insostituibile per conoscere, descrivere, controllare, visualizzare vari aspetti del mondo circostante. In questi anni l uso di cartografia tradizionale è stato man mano sostituito dall utilizzo di database geografici e dai relativi sistemi di gestione ed elaborazione informatica. L urbanistica è stata tra i primi campi di applicazione di questi nuovi strumenti. Già nei primi anni 80 alcune amministrazioni comunali avevano strutturato sistemi per la gestione del territorio; da allora, però, non si è assistito ad un vero e proprio processo di informatizzazione del dato territoriale; le grandi difficoltà che sono state riscontrate sono principalmente legate all alto costo di acquisizione della cartografia necessaria ai comuni, alle province ed alle regioni per effettuare le analisi territoriali finalizzate al governo del territorio. Oltre a questo aspetto, che è indubbiamente il principale, ci sono problemi legati alla mancanza di conoscenze informatiche da parte del personale che lavora per le amministrazioni locali, provinciali e regionali, nonché di leggi e procedure adeguate. Come è ben noto, l urbanistica in Italia è strutturata sulla base di una legge risalente al 1942, esattamente la n Tale normativa è stata modificata ed integrata da 11 leggi successive, l ultima delle quali è la n. 179 del Questa legge prevedeva l approvazione di un Piano Regolatore Generale (attuato mediante piani particolareggiati) che si estende all intero territorio comunale, e di un piano territoriale di coordinamento da compilare in determinate parti del territorio nazionale. Da allora molte cose sono cambiate, in particolare sono state trasferite alle Regioni a statuto ordinario le funzioni di ordinamento e organizzazione amministrativa, servizi sociali, sviluppo economico, assetto ed utilizzo del territorio, tramite il D.P.R. 616 del Altro passaggio molto importante è la legge

31 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino del 1990 che detta il nuovo ordinamento delle autonomie locali. In particolare, la legge detta i principi dell ordinamento dei Comuni e delle Province e ne determina le funzioni. Comuni e Province concorrono alla determinazione degli obiettivi contenuti nei piani e programmi dello Stato e delle Regioni e provvedono, per quanto di propria competenza, alla loro specificazione ed attuazione. È stabilito inoltre che la Provincia, predisponga e adotti il Piano Territoriale di Coordinamento, che determina indirizzi generali di assetto del territorio. Infine, l ultimo passaggio fondamentale è la riforma del Titolo V della Costituzione, che ha sancito la fine della gerarchia centralizzata a favore dell autogoverno delle Regioni, delineando i contorni di una nuova urbanistica, in cui emerge la centralità della legislazione regionale. Molte regioni prevedono l utilizzo dei sistemi GIS nella loro normativa, attribuendo un elevato livello d importanza dell informazione geografica da semplice strumento di ausilio alla pianificazione territoriale a vero e proprio elemento cogente per l approvazione degli strumenti urbanistici introducendo, ad esempio, l obbligo, da parte dei comuni, a fornire i piani regolatori in formato digitale, per ottenerne la relativa approvazione. Nello specifico la Regione Campania ha adottato la legge regionale 16 del 22 dicembre 2004, che ha apportato notevoli varianti alla pianificazione, ma soprattutto ha istituito il Sistema Informativo Territoriale (SIT), come si evince dal Titolo I, Capo I, art Cosa sono i Sistemi Informativi Geografici I Sistemi Informativi Geografici sono strumenti con cui è possibile gestire ed elaborare informazioni di varia natura associate al territorio. Operando sul territorio sono detti anche Sistemi Informativi Territoriali o, con terminologia più ampia, Sistemi Informativi Ambientali. I concetti di territorio e ambiente sono assimilati, nella definizione, come una stessa entità, o più correttamente come un insieme di oggetti suddivisi per classi. Un GIS è l insieme: delle persone (gli operatori); del software (i programmi);

32 32 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello dei dati; delle procedure; dell hardware (le apparecchiature) il cui fine è acquisire, organizzare, elaborare e restituire i dati riguardanti un organizzazione, al fine di mettere a disposizione dei responsabili delle decisioni operative tutte le informazioni necessarie per effettuare le migliori scelte possibili [1]. Un Sistema Informativo si dice Territoriale quando è progettato per operare con dati riferiti allo spazio geografico. Un GIS è quindi un sistema che contiene specifiche funzioni per acquisire, elaborare, gestire e restituire dati georiferiti. Il dato territoriale deve essere inteso in senso ampio, sia come dato cartografico numerico, georiferito, sia come dato descrittivo direttamente o indirettamente associato agli elementi rappresentati sulla Cartografia: in questo sta la grande potenzialità dei GIS, quella di associare ad un elemento spaziale un numero virtualmente infinito di attributi di tipo descrittivo, residenti nel database, collegando così la mappa alla banca dati Il GIS tecnicamente Allo scopo di rappresentare e gestire le informazioni spaziali mediante un GIS, è necessario utilizzare una rappresentazione dei dati che sia sganciata dalla realtà fisica; questo viene realizzato definendo un modello dei dati che sia abbastanza ampio da accogliere al suo interno tutti gli oggetti che esistono nel mondo fisico (aree, linee, punti, quote, ecc.) e che sia sufficientemente elastico da permettere di adattarlo a tutte le combinazioni che effettivamente occorrono nella realtà. Rispetto ad una rappresentazione puramente geometrica degli oggetti presenti nella realtà, ad un GIS viene richiesto di mantenere e gestire tutte le informazioni che riguardano le mutue relazioni spaziali tra i diversi elementi, come la connessione, l adiacenza o l inclusione, cioè di strutturare i dati definendone anche la topologia. Oltre a questi due aspetti geometrico e topologico, il modello dei dati, per essere efficace, deve prevedere l inserimento al suo interno dei dati descrittivi dei singoli oggetti reali, definibili come attributi. Questi

33 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino 33 tre insiemi di informazioni (geometria, topologia, attributi) vengono poi effettivamente implementati in un GIS mediante uno specifico modello fisico, che oggi si basa su strutture dei dati di tipo relazionale, tipiche dei data base più evoluti e su architetture hardware e software di tipo client/server, tipicamente in reti locali di elaboratori. Caratteristica fondamentale di un GIS è la sua capacità di georiferire i dati; ovvero di attribuire ad ogni elemento le sue coordinate spaziali reali. In altre parole, le coordinate di un oggetto non sono memorizzate relativamente ad un sistema di riferimento arbitrario, né relativamente al sistema di coordinate della periferica usata, come la tavoletta digitalizzatrice o il video, ma sono memorizzate secondo le coordinate del sistema di riferimento in cui realmente è situato l oggetto e nelle reali dimensioni, non in scala. La scala di rappresentazione diventa a questo punto solamente un parametro per definire il grado di accuratezza e la risoluzione delle informazioni grafiche, e quindi utilizzabili ad esempio per definire la densità di rappresentazione: ad una scala minore, elementi come gli edifici non vengono rappresentati e compaiono gli isolati o le aree urbanizzate Panorama delle funzioni e degli operatori GIS Se una organizzazione dei dati di tipo topologico caratterizza già i sistemi GIS, la loro capacità di effettuare operazioni di analisi spaziale li distanzia ulteriormente e definitivamente dal mondo dei sistemi nati per effettuare operazioni di sola cartografia e disegno al computer. Mediante tale analisi, partendo dalle informazioni esistenti nel nostro database geografico, possono essere creati nuovi livelli informativi, associando i dati in maniera da identificare relazioni prima non chiaramente visibili. Tipico esempio sono le analisi effettuate con la semplice sovrapposizione di più livelli informativi (overlay) come l uso del suolo ed i dati catastali, allo scopo di identificare, per ogni proprietà (particella catastale), la tipologia di uso del suolo. Analisi più sofisticate possono essere effettuate con la combinazione di diversi operatori anche estremamente complessi che operano sui dati sia bidimensionali sia tridimensionali.

34 34 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello Una categoria a parte sono gli operatori specializzati per la gestione e l analisi delle reti a grafo che operano su una struttura dati topologica di tipo lineare avente degli attributi alfanumerici particolari, necessari ad effettuare le analisi di connettività, minimo percorso, allocazione di risorse ecc. tipiche delle reti a grafo. Data la crescente importanza che sta avendo la gestione ed analisi delle reti, si pensi alle reti di distribuzione di acqua e gas, alle reti elettriche e telefoniche, alla gestione del traffico stradale (e sono solo alcune tra le possibili applicazioni di un GIS alla gestione delle reti) particolare sforzo è stato fatto per estendere le funzionalità di tali sistemi nel settore. In tempi assai recenti ad esempio è stata proposta una estensione del modello topologico lineare denominata segmentazione dinamica (dynamic segmentation); mediante tale estensione e le relative nuove funzioni disponibili per la sua gestione, alla struttura topologica fisica è possibile sovrapporre una nuova topologia, definita in maniera logica, senza la necessità di modificare i dati presenti nel database. La possibilità data da un modello dei dati, come quello geo relazionale, di poter essere esteso senza la necessità di riformulare radicalmente la sua struttura, dimostra ancora una volta la validità della sua scelta come struttura di base per un Geographic lnformation System La diffusione dei dati GIS Gli ultimi studi sui costi/benefici dei Sistemi Informativi Territoriali effettuati nei paesi d oltre oceano hanno evidenziato una netta riduzione del costo attribuito ai dati rispetto al costo complessivo del sistema. Si sta gradualmente decrementando la spesa sui dati dal 70% al 20%, favorendo in tal modo la diffusione della tecnologia GIS. La riduzione della spesa sui dati è dovuta essenzialmente alla grande disponibilità di basi territoriali in forma digitale: dai dati di pubblico dominio degli enti governativi alle banche dati, generate da società private, immesse sul mercato a prezzi decisamente interessanti. Anche in Italia molti enti pubblici e società private hanno acquisito basi territoriali di particolare interesse per molti potenziali utenti. In questo senso, una recente iniziativa italiana è stata quella della pubblicazione del catalogo ArcData Italia, nel quale sono presenti

35 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino 35 dati di diversa tipologia, da coperture geografiche a tabelle di attributi, da modelli digitali del terreno a immagini da satellite. Tali banche dati sono state sviluppate da ESRI ITALIA, da vari enti pubblici e società private e sono potenzialmente utili in diversi campi di applicazione quali: gestione delle risorse naturali, analisi socio demografiche, trasporti, pianificazione territoriale, ricerche di mercato, ecc. Tra i primi dati presenti a catalogo figurano grafi stradali (con la toponomastica e i numeri civici), foto da satellite, indicatori di marketing, cartografia a varie scale di alcune regioni (limiti amministrativi, idrografia, strade, ferrovie, ecc.) e dati statistici georiferiti, mentre altre banche dati sono in preparazione Le applicazioni Le figure professionali ed i soggetti che utilizzano questi sistemi sono: Operatori sul territorio e sull ambiente (ingegneri, architetti, geologi, agronomi, geografi, ambientalisti, ecologi, forestali); Enti ed istituzioni preposti al governo del territorio ed alla salvaguardia delle risorse ambientali; Ministeri (Ambiente, Trasporti, Sanità, Lavori Pubblici, Turismo, Beni Culturali); Regioni; Province; Comuni; Autorità di bacino; Comunità montane; Enti parchi; ASL; Aziende pubbliche e private; Università; Protezione civile; Banche; Assicurazioni; Aziende pubblicitarie;

36 36 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello Aziende di telecomunicazioni; Agenzie immobiliari; Imprese di distribuzione. I Comuni evidenziano il ruolo prioritario delle applicazioni di pianificazione e gestione urbanistica (piani regolatori comunali) e al secondo posto quelle connesse alle reti tecnologiche. Le aziende di servizi pubblici, nazionali e locali, hanno per lo più realizzato applicazioni per interventi di progettazione, gestione e controllo di reti tecnologiche per l erogazione di gas, elettricità, acqua e di monitoraggio ambientale. Ma accanto a questi utenti e a queste applicazioni che potremmo definire più tradizionali, sono presenti realtà nuove [5] Gli architetti ed il GIS Gli architetti non sono dei ottimi intenditori dell intimità della tecnologia GIS, ma, da oltre 10 anni, sono diventati estremamente interessati dell utilizzo delle varie applicazioni di questa tecnologia. Abituati a pensare ed a operare in 3D, ad impegnarsi ed assicurare il management di operazioni complesse partendo dall analisi e dal rimodellamento urbanistico fino ad impianti architettonici in tessuti già esistenti, gli architetti vogliono sempre lavorare con informazioni spaziali collegate a: la struttura del territorio: le valenze spaziali del tessuto urbano; le componenti funzionali del territorio; densità e demografia; qualità, capacità e ripartizione dell infrastruttura; le caratteristiche geometriche del terreno e delle costruzioni; le caratteristiche spaziali e le informazioni di ordine storico e giuridico degli immobili; la distribuzione, la densità e la qualità della vegetazione; la presenza degli elementi naturali; la presenza e le caratteristiche dei siti storici ed archeologici; le caratteristiche geoclimatiche del territorio.

37 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino 37 Tutti questi dati ed informazioni sotto forma scritta, statistica, grafica e spaziale sono diventati indispensabili nel prendere le decisioni di rimodellamento urbanistico, di creazione di piani urbanistici generali, zonali e di dettaglio, di configurazione spaziale volumetrica e di dettaglio architettonico di alcune zone indagate. 2. La realizzazione del GIS per il Comune di Avellino L obiettivo è di utilizzare un Sistema Informativo Geografico capace di essere strumento di supporto tecnico ai processi decisionali, nel quadro di una pubblica amministrazione sempre più orientata alla logica del rispetto dei principi di oggettività, trasparenza e sostenibilità ambientale nelle scelte intraprese in termini di pianificazione territoriale e urbanistica. Si parte da una dettagliata conoscenza del territorio ( edificato, popolazione, zonizzazione del territorio, ecc.) e dalla ricognizione dello spazio pubblico per dimensionare gli standard urbanistici. Gli standard urbanistici sono uno comuni strumenti di lavoro per la predisposizione dei piani urbanistici. Generalmente questi standard sono di carattere quantitativo, ovvero si limitano a fissare la quantità minima o ottimale per abitante o utente che occorre prevedere nel dimensionamento delle aree residenziali o dei servizi. Lo scenario attuale è strutturato in dati informativi, in forma integrata tra dati alfanumerici e grafici in modo da disporre di una rappresentazione con tutte le informazioni associate. La conoscenza della consistenza dello spazio pubblico è fondamentale per il dimensionamento del PUC e quindi, per definire i caratteri dimensionali degli spazi da destinare agli usi futuri della popolazione. La sperimentazione attraverso le potenzialità offerte dal GIS, non si limita solo al dimensionamento degli standard urbanistici, ma permette di individuare delle aree da destinare a servizi e spazi pubblici mediante un analisi dettagliata dell intero territorio comunale. Lo studio effettuato, permette un ampio quadro conoscitivo del territorio comunale attraverso la distribuzione delle aree edificate, delle attrezzature di uso pubblico, della popolazione, della densità edilizia e delle aree a rischio idrogeologico.

38 38 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello 2.1. I dati I dati acquisiti, elaborati e prodotti dal sistema sono nel seguente formato: vettoriale: shapefile (proprio di ArcView),.dwg e.dxf; raster: tif;.jpg;.bmp;.ecw. Tutti i dati sono georeferiti nel sistema Gauss Boaga. I dati rappresentano l aspetto più importante del GIS comunale, suddivisa in informazioni cartografiche e informazioni alfanumeriche. La cartografia di base rappresenta l ossatura del sistema. Di seguito viene schematizzata l organizzazione dei dati (alfanumerici e cartografici): aerofotogrammetria (del 2000) del Comune di Avellino in scala 1:4000 (dato vettoriale.dwg); ortofoto territorio comunale, anno 2000, (dato raster; estensione.ecw); dati ISTAT (alfanumerico e grafico) relativi al censimento della popolazione e delle abitazioni del 2001, aggregati per zone di censimento; Shapefile (fonte ISTAT) delle sezioni censuarie Trattamento dati di input L analisi della distribuzione spaziale delle aree edificate e della popolazione è stata compiuta ricorrendo al tool GIS ESRI/AR- CVIEW 3.2. Prima di essere implementati in ARCVIEW 3.2, i dati di input sono stati opportunamente preparati. I dati numerici sono stati inseriti in tabelle Excel e salvati in formato Dbf, formato importabile direttamente in ARCVIEW 3.2. Dall aerofotogrammetrico, invece, per ogni foglio sono stati individuati i layer relativi all edificato. Per questi sono state chiuse tutte le polilinee relative agli oggetti poligonali (edifici) e a tutti i layer è stata azzerata la quota z, riconducendo così tutti gli ele-

39 Analisi degli Standard Urbanistici mediante Tecnologia GIS nel Comune di Avellino 39 menti ad uno stesso piano. I files (fogli aerofotogrammetria) sono stati esportati in formato.dwg per essere importati in ARCVIEW Importazione ed elaborazione dei dati in ARCVIEW ARCVIEW 3.2 può essere implementato caricando una serie di estensioni che permettono l interazione con altri programmi: Autocad, Excel, ecc. L estensione Cad Reader permette, infatti, di importare un file CAD e trasformarlo in shape file. In particolare, dopo aver importato il file in DXF come punti, linee e poligoni con il comando Add Theme di View, si attiva l estensione Cad Reader e, per ogni entità, si procede alla separazione degli elementi secondo i layer di partenza attraverso il comando make cad layer di cad. Quindi, vengono selezionati i layer pertinenti il solo edificato e convertiti in shape file in modo da renderli editabili. Con il comando merge themes dell estensione XTools gli shape files dell edificato creati vengono uniti in un unico file. Tali operazioni sono state eseguite per tutti i fogli, creando per ciascuno di essi un unico file shape. Questi, poi, sono stati a loro volta uniti in un unico file chiamato aggregati. Ciò è stato possibile in quanto i singoli fogli DWG/DXF risultano essere georiferiti. Dalle cartografie (cfr. Figura 1) importate in ARCVIEW 3.2 sono stati ricavati una serie di file in formato.shp come: limite comunale; aerofotogrammetria; edifici; edifici strategici (scuole, palazzi di governo, ecc.); parchi, aree verdi, attrezzature sportive, parcheggi; viabilità; sezioni censuarie (ISTAT 2001). I dati socio demografici ISTAT relativi al censimento nazionale dell anno 2001 sono così suddivisi: popolazione residente totale; numero di maschi residenti;

40 40 B. Cardone, F. Di Martino, S. Sessa, R. Spiniello numero di famiglie; numero di alloggi; numero di edifici L iter progettuale La prima parte del lavoro è consistita nella trasformazione del PUC del Comune di Avellino in uno shapefile. Successivamente è stato elaborato uno shapefile poligonale degli edifici a partire da un raster georiferito di Avellino (cfr. Figura 2), dell editing dei valori di identificativo di sezione di censimento, nell associazione attraverso una funzione di Join nominale tra la Tabella attributi del file shape delle sezioni censuarie e il.dbf dei dati ISTAT in maniera tale da attribuire ad ogni sezione censuaria i dati di popolazione residente totale. La funzione union di geoprocessing tra lo shape edificato e le sezioni censuarie ha permesso di unire graficamente i due temi, per cui si è generato un nuovo shapefile (cfr. Figura 3), in cui alla tabella attributi dell edificato vengono associati i campi della tabella delle zone di censimento. Figura 1. Importazione di cartografia in ARCVIEW 3.2.

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi

GIS più diffusi. Paolo Zatelli. Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento. GIS più diffusi GIS più diffusi GIS più diffusi Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 19 GIS più diffusi Outline 1 Free Software/Open

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge:

Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA. la seguente legge: Legge regionale 10 luglio 2008, n. 12 Norme per i centri storici. Il Consiglio regionale ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA la seguente legge: TITOLO I FINALITÀ E AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Europass. Esperienza. Nome / Cognome. Cellulare. Cittadinanza. Date. 07 Sett 03. Funzionario Architetto. Nome e indirizzo. di attività o settore

Europass. Esperienza. Nome / Cognome. Cellulare. Cittadinanza. Date. 07 Sett 03. Funzionario Architetto. Nome e indirizzo. di attività o settore Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Indirizzo Via S. Domenico 93, 80127 Napoli (Italia) Telefono 081 7962009 E-mail dinetti.antonio@tiscali.it Cittadinanza italianaa Data di

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Gestire dati geografici con software GIS: QGIS 2.2

Gestire dati geografici con software GIS: QGIS 2.2 Gestire dati geografici con software GIS: QGIS 2.2 ESERCIZI Maggio 2014 Il materiale contenuto nel presente manuale può essere utilizzato esclusivamente per scopi personali e non può pertanto essere impiegato

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7

Introduzione... 3. 4.2 Passi metodologici per la definizione delle classi acustiche parametriche II, III, IV...7 Criteri e linee guida per la redazione dei Piani comunali di classificazione acustica del territorio, ai sensi dell articolo 18, comma 1, lettera a) della legge regionale 18 giugno 2007, n. 16. INDICE

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3

Comune di TORINO DI SANGRO (CH) INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 INDICE GENERALE INDICE GENERALE...1 1.0 PREMESSA...3 1.1 Il QUADRO NORMATIVO...5 1.2 COSA E UN PIANO DI CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE...8 2.0 LA CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO

Dettagli

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e

p o : E o = p e : E e da cui p o = p e * E o E e "Il cambiamento è inevitabile, la crescita personale è una scelta" Bob Proctor (Fondatore e Presidente di Life Success Productions) STANDARDS INTERNAZIONALI DI VALUTAZIONE IL COST APPROACH Il Cost Approach

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

MARIO IOVINE SALVATORE SPINA

MARIO IOVINE SALVATORE SPINA CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA catasto terreni collana a cura di ANTONIO IOVINE AI16 MARIO IOVINE SALVATORE SPINA GUIDA PRATICA ALLA NUOVA VERSIONE DI PREGEO da utilizzarsi obbligatoriamente dal 2/1/2015

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali

La dissomiglianza tra due distribuzioni normali Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 43-50 Editore CLEUP, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 La dissomiglianza tra due distribuzioni

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli