CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLA PIATTAFORMA TECNOLOGICA SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DEL COMUNE DI NOCETO C.I.G F CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 Oggetto dell appalto 1. L appalto ha per oggetto il servizio di realizzazione di una piattaforma tecnologica da realizzarsi tramite la costituzione di un Sistema Informativo Territoriale (di seguito S.I.T.) del Comune di Noceto, volto a consentire la gestione informatizzata dei dati territoriali ed il loro aggiornamento nel tempo. 2. Complementare alla realizzazione del servizio è la fornitura di un software applicativo di tipo server / client per la gestione del SIT comunale con almeno una licenza server e nr. 15 licenze client, nonché dei servizi di installazione dell applicativo, di assistenza tecnica e di formazione del personale comunale addetto o interessato dal SIT; tale software dovrà interfacciarsi con i pacchetti applicativi già in utilizzo da parte di questo ente, come descritti nell art. 8 che segue. 3. Il servizio risulta altresì finalizzato a consentire l accertamento e il recupero dell evasione tributaria dell I.C.I. (attività, quest ultima, non facente parte della presente gara, ma per la quale è propedeutica la fornitura della piattaforma di cui all appalto), previa costituzione di una Banca Dati Immobiliare Integrata. 4. L appalto sarà pertanto aggiudicato a favore della ditta che avrà presentato la soluzione tecnica di una piattaforma tecnologica più completa per quanto attiene alla gestione e aggiornamento dei dati territoriali e che offra le maggiori garanzie di successo per le successive attività di accertamento dell evasione tributaria relativa all I.C.I. e di conseguente recupero dell evasione tributaria, attività queste ultime che con tale struttura Sw il Comune di Noceto svolgerà in autonomia. Verrà inoltre valutata ai fini dell affidamento del servizio anche la proposta operativa di integrazione/miglioramento con la struttura informatica e con i software già esistenti all interno dell amministrazione comunale, sotto l osservanza di quanto indicato nel presente capitolato. 5. L elencazione dettagliata delle prestazioni che formano oggetto dell appalto è riportata all art. 5 del presente capitolato. 6. L affidamento del servizio e della fornitura è assoggettato all osservanza di tutte le norme del presente

2 Capitolato. ART. 2 Termine e tempi di esecuzione del servizio 1. Il servizio oggetto dell appalto deve essere ultimato nel termine di giorni 300 (giorni trecento) naturali consecutivi, decorrenti dalla data di stipulazione del contratto. 2. In deroga a quanto previsto nel comma 1, le attività comprese nell appalto potranno essere avviate anche in pendenza di stipulazione del contratto, a semplice richiesta della stazione appaltante, successivamente all aggiudicazione definitiva. 3. In sede di offerta tecnica, sarà valutata l offerta che preveda l ultimazione dei servizi e forniture oggetto del presente appalto in un termine inferiore rispetto a quello stabilito nel comma 1 che precede. 4. Ai sensi, alle condizioni e nei termini indicati dall art. 57 comma 5 lett. b) del D.Lgs. n. 163/2006 e s.m.i., l amministrazione comunale si riserva la facoltà di affidare alla ditta aggiudicataria mediante procedura negoziata servizi analoghi a quelli che formano oggetto del presente appalto. ART. 3 Modalità di determinazione del corrispettivo 1. Il corrispettivo per l adempimento di tutti gli obblighi contrattuali posti a carico della Ditta appaltatrice è determinato dal prezzo di aggiudicazione, che comprende tanto il servizio di realizzazione di una piattaforma tecnologica da realizzarsi tramite la costituzione di un Sistema Informativo Territoriale, quanto la fornitura delle licenze d uso di un software applicativo di tipo server / client per la gestione del SIT comunale e dei servizi accessori e comunque dei servizi e forniture descritti in dettaglio nell art L importo a base d asta e gli ulteriori importi previsti per l esecuzione del servizio sono riportati nell art. 6 del disciplinare di gara, al quale si rimanda. 3. Il prezzo del servizio e della fornitura rimarrà invariato per tutta la durata del contratto. 4. Il pagamento e la fatturazione avverrà alle condizioni riportate nell art. 26 del presente capitolato. ART. 4 Luoghi di svolgimento dell appalto 1. Le prestazioni oggetto dell appalto dovranno essere prestate prevalentemente nel Comune di Noceto (Provincia di Parma), sia sul territorio sia nel municipio comunale sito in Noceto, p.le Adami n In maniera marginale può essere necessario operare al di fuori del territorio dell Ente locale per azioni di coordinamento con soggetti terzi (Agenzia del Territorio, Regione, Catasto ecc ). ART. 5 Descrizione delle prestazioni oggetto dell appalto 1. L appalto è finalizzato alla realizzazione di una piattaforma tecnologica che si articoli nei seguenti principali obiettivi: Progettazione/realizzazione del Sistema Informativo Territoriale e della Banca Dati Immobiliare. Ricognizione e validazione basi di dati territoriali e non, con censimento dei civici ed identificazione degli accessi su pubblica via, dei subalterni e dei dati relativi a soggetto proprietario e soggetto residente / domiciliatario e passi carrai, da effettuarsi con riferimento all intero territorio comunale (capoluogo, frazioni, località ecc ). Fornitura di un sistema integrato a servizio del Comune di Noceto, in grado di produrre e gestire informazioni di uso locale: database territoriali, pratiche edilizie, Piano Regolatore Generale o Piano Strutturale comunale, se approvato, e ulteriori strumenti della pianificazione urbanistica comunale, infrastrutture a rete e quant altro rappresenti il territorio e sia georeferito, gestione dell Imposta Comunale sugli Immobili. Messa a disposizione dell infrastruttura per l erogazione in via continuativa del servizio realizzato (strumenti Gis Esri, SW Ici, SW Pratiche Edilizie), comprensiva di soluzioni software; Collegamento dell infrastruttura oggetto della fornitura con i software di anagrafe, Ici e concessioni e pratiche autorizzative in materia edilizia attualmente in uso; Fornitura dei servizi accessori e di manutenzione adeguativa, correttiva, migliorativa ed evolutiva dell infrastruttura fornita, alle condizioni indicate nell art. 11 del presente capitolato; Formazione del personale dipendente destinato all erogazione del servizio in via continuativa ed assistenza al personale dell Ente nella conduzione operativa del servizio; 2

3 ART. 6 Risorse cartografiche disponibili 1. Le banche dati cartografiche in possesso del Comune di Noceto sono riportate nella tabella che segue: Cartografia disponibile presso il Comune Formato Allocazione PRG VIGENTE fornato cartaceo PRG VIGENTE con tavole PRG formato *.tif (CD) Elenco dei Corsi d acqua pubblici tutelati dall art.142 del Decreto Legislativo n.42/2004, già soggetti ai Cartaceo dispositivi della L.431/85 (Legge Galasso) RASTER in formato *.tif (DVD) Cartografia Tecnica Regionale in scala 1:5000 formato *dwg e *.shp (DVD) Copia informatizzata della ortofotodigitale (Volo IT2005) Raster (immagini *.tiff, *.jpg) (DVD) Files di georeferenziazione (*.tfw) (DVD) Cartografia informatizzata delle mappe catastali in in formato *dwg e *.shp continuo territoriale (DVD) Cartografia storica per l analisi dell erosione antropica: IGM di primo impianto, CTR anni 50, ecc. Cartaceo Informazioni sulla viabilità (classificazione delle strade), sul traffico (P.U.T., P.U.M.), sull incidentalità, sugli itinerari ciclo-pedonali, ippovie, sul trasporto pubblico (linee urbane ed extraurbane) e Piano del traffico 3 Cartaceo e file *.pdf Mappa delle reti tecnologiche di urbanizzazione: acquedotto, gas con impianti relativi; Cartaceo e/o vettoriale Mappa delle reti tecnologiche di urbanizzazione: fognature, acquedotto, impianti di sollevamento e di depurazione; elementi di valutazione del loro stato di efficienza e capacità ai fini della valutazione di sostenibilità delle nuove previsioni; eventuali progetti di potenziamento predisposti dal Comune o da altri Enti. Rete elettrica AT e MT (tracciati, tensione, caratteristiche degli impianti) Rete metanodotto SNAM Individuazione delle proprietà pubbliche e degli usi civici, anche attraverso la verifica delle cessioni da parte dei comparti urbanistici completati. Piani di settore comunali (Pianificazione commerciale, Piano Attività estrattive, Piano Protezione civile). Cartaceo e/o vettoriale Vettoriale (formato *.dxf, *.dwg, ecc.) georeferenziato Vettoriale (formato *.dxf, *.dwg, ecc.) georeferenziato Vettoriale (formato *.dwg Cartaceo e/o consorzi di gestione Zonizzazione acustica Cartaceo Piano particolareggiato per il Centro Storico Cartaceo e file *.pdf 2. Tale elencazione potrebbe non essere esaustiva di tutte le risorse cartografiche disponibili; successivamente all aggiudicazione l appaltatore potrà verificare presso gli uffici comunali l esistenza di ulteriori risorse dallo stesso ritenute utili ai fini dell espletamento delle attività oggetto d appalto. 3. Analogamente, eventuali ulteriori risorse cartografiche saranno rese disponibili in corso di svolgimento del servizio, ove predisposte o acquisite successivamente all aggiudicazione dell appalto. 4. Costituisce onere a carico dell appaltatore procurarsi eventuali risorse cartografiche o di altro genere disponibile presso soggetti diversi da questa stazione appaltante, anche con il supporto del Comune di

4 Noceto, senza che nulla sia dovuto all aggiudicatario da parte di questa Amministrazione. 5. L Amministrazione renderà comunque disponibili all aggiudicatario ogni ulteriore risorsa o informazione richiesta, purché tali risorse o informazioni siano in possesso di questo ente. ART. 7 Dotazione hardware del Comune di Noceto 1. Gli strumenti elettronici utilizzati dal Comune di Noceto per il trattamento dei dati sono rappresentati da elaboratori (Personal computer), collegati in rete e aventi accesso ad internet. 2. La dotazione hardware del Comune di Noceto è rappresentata, per quanto di interesse, da nr. 1 server cluster a due nodi con S.O. Windows Server 2003, connesso in rete ed a internet, cui risultano collegati in rete intranet circa 50 Pc client con S.O. Windows 98, Windows 2000 Pro e Windows XP Pro e browser standard (Microsoft Internet Explorer). ART. 8 Dotazione software del Comune di Noceto 1. Ai fini del collegamento dell infrastruttura comprensiva di soluzioni software fornita per l erogazione in via continuativa del S.I.T. con le applicazioni informatiche in uso presso questo ente, si precisa che il Comune di Noceto dispone delle seguenti risorse Software: Nr. Progr. 1 Ufficio-Servizio Software Proprietario Database Proprietario Servizi Demografici (Ufficio Anagrafe, Stato civile, Elettorale, Leva) SERPICO 10 Data Management SpA Progress v. 9 Progress Software Italy Srl 2 Tributi (ICI) TRIB 32 Studio Associato D Amico & Celsi Interbase Borland Software Corporation 3 Pratiche Edilizie ALICE Eldasoft SpA SQL server Microsoft ART. 9 Caratteristiche tecniche minime del software di gestione del S.I.T. A) Modello funzionale 1. Il SIT deve essere in grado di gestire dati vettoriali, raster ed alfanumerici o tabellari. La natura dinamica dei dati del SIT e la necessità di doverli analizzare in maniera integrata, necessita lo sviluppo di due classi di funzionalità: - di gestione - applicative 2. Per quanto riguarda le funzionalità di gestione, il sistema deve consentire l aggiornamento, la correzione e l ampliamento della base dati sia dal punto di vista descrittivo, che da quello cartografico. Inoltre deve consentire la produzione di report relativamente ai dati descrittivi e produrre mappe tematiche più o meno complesse e personalizzate. Le funzionalità applicative sono quelle indirizzate all ausilio di attività di interrogazione della base dati e di analisi integrata dei vari tematismi. 3. Nello specifico, il SIT deve consentire la gestione di base della cartografia e in particolare deve essere possibile: - acquisire dati cartografici, qualora i dati stessi siano disponibili su supporto magnetico da file esterni (es. aerofotogrammetrie) o manualmente mediante scanner; - acquisire dati alfanumerici da associare alle informazioni grafiche, effettuare elaborazioni numericocartografiche, restituire carte tematiche generali e specifiche, elaborate con le relative informazioni numeriche; - collegarsi a basi dati esistenti; - acquisire fogli cartografici in qualsiasi scala; - avere funzioni di posizionamento per permettere di acquisire disegni privi di coordinate di riferimento; - rappresentare a monitor con scale libere, in quanto l operatore deve poter utilizzare le funzioni di zoom sul 4

5 particolare; - selezionare elementi grafici attraverso la definizione di una fascia di territorio ed avente dimensione e forma geometrica definita dall utente, anche complessa; - definire una nuova simbologia e/o campitura e modificare o cancellare quella esistente; - modificare ed aggiornare la cartografia attraverso l utilizzo di funzioni grafiche; - associare i dati alfanumerici alla cartografia in modo biunivoco, in modo tale da rendere possibile la generazione di carte tematiche o report attraverso la selezione sul database di uno o più attributi, e la combinazione di tali attributi utilizzando i classici operatori booleani; - modificare dati alfanumerici mediante la selezione dell elemento grafico; - associare ad elementi catastali, quali le unità immobiliari, immagini significative, come ad esempio gli schemi planimetrici; - rappresentare il territorio in coordinate reali di riferimento, permettendo in tal modo l individuazione univoca di ciascun elemento e garantendo la congruenza con qualsiasi sistema di riferimento; - gestire file raster che possano essere sovrapposti ai file vettoriali per una gestione raster to vector; utilizzando funzioni che permettano la georeferenziazione delle immagini raster sulla cartografia vettoriale; 4. Ai fini delle attività di interrogazione della base dati, dovrà essere possibile selezionare e presentare oggetti territoriali attraverso interrogazioni alla base dati basate su: - indicazioni a video di un oggetto cartografico e conseguente visualizzazione delle informazioni descrittive associate; - individuazione e selezione automatica dei dati cartografici sulla base delle condizioni imposte a determinati valori degli attributi associati. 5. Deve inoltre essere definita un interfaccia utente (che possa essere utilizzata anche da personale privo di conoscenze cartografiche) estremamente semplice, mentre potrà essere utilizzata la tradizionale interfaccia cartografica per gli utenti esperti di SIT. 6. L integrazione degli applicativi oggetto della fornitura con l ambiente ed i sistemi hardware e software presenti nel Comune di Noceto sarà interamente a carico dell azienda appaltatrice. 7. Il sistema offerto dovrà rispettare eventuali standard tecnologici stabiliti nell ambito dei sistemi informativi territoriali dalla Regione Emilia Romagna; costituisce pertanto onere di ciascun concorrente garantire il rispetto degli eventuali standard di cui al presente periodo. 8. Il mancato rispetto della prescrizione di cui al comma 7 che precede costituirà causa di esclusione del concorrente dalla procedura o di annullamento dell aggiudicazione o di risoluzione del contratto, ove il mancato rispetto dovesse essere accertato dopo la stipulazione del contratto. B) Modello architetturale 1. La soluzione architetturale che si richiede per il SIT del comune di Noceto, punta sui seguenti elementi di forza: - favorire la cooperazione trasversale tra i sistemi delle diverse ripartizioni e piattaforme basate su sistemi informativi anche eterogenei, senza imporre regole rigide agli utilizzatori; - permettere l esistenza nel sistema di più fornitori ed utilizzatori identificati sulla base delle tipologie di informazione di loro interesse poiché sicuramente già esistenti; - identificare flussi di informazioni di dati estesi, vale a dire di natura testuale, numerica, multimediale, immagini, cartografie, ecc. - consentire l accesso ai dati mediante un indice che permette di localizzare la posizione del dato all interno della Base dati territoriale centrale - effettuare controlli incrociati tra settori diversi del Comune. 2. L obiettivo è far sì che i diversi procedimenti amministrativi continuino ad essere autonomi per quanto di loro competenza - utilizzando i propri dati e livelli informativi di uso comune a più procedimenti. 3. Per quanto riguarda l architettura di sistema, si lascia libertà di proporre, previa verifica della fattibilità, un modello architetturale innovativo idoneo anche agli sviluppi futuri, con una base dati territoriale centrale. Le proposte saranno oggetto di valutazione. A maggiore chiarezza si precisa che non è prevista con il seguente capitolato la fornitura di hardware, ma solo dell'eventuale licenza d uso del sw necessario a rendere fruibile il lavoro di Recupero dell Evasione Tributaria. 4. L Amministrazione Comunale dispone di una grande varietà e tipologia di dati ed informazioni, molti dei quali sono scarsamente condivisi. 5. Il modello proposto deve essere quello di una base dati centralizzata, che consente una maggiore elasticità rispetto ad una base dati distribuita in quanto sebbene le applicazioni dipartimentali debbano recepire alcune direttive necessarie per il dialogo con la base dati territoriale, esse si rivelano allo stato attuale abbastanza scontate vista l evoluzione degli standard sia di comunicazione sia di accesso ai dati 5

6 remoti. Nella base dati territoriale saranno tendenzialmente gestite tutte le informazioni di carattere spaziale, fortemente integrate tra loro e altri strati delle basi dati estese. 6. Le applicazioni delle singole ripartizioni, gestiranno a loro volta i dati specifici del singolo procedimento amministrativo che non si ritiene di condividere con le altre ripartizioni. 7. L utilizzatore/fornitore abilitato dovrà avere a disposizione, nell ambito delle proprie competenze e dei propri compiti istituzionali, la possibilità di integrare, sul proprio sistema, le proprie basi dati mediante un sottoinsieme delle informazioni disponibili presso la Base dati territoriale centrale per compiere attività di informazione e controllo sul territorio. 8. Esso quindi deve poter attivare il sottosistema di estrazione delle informazioni dalla Base dati territoriale centrale con l obiettivo di creare viste locali dei dati per validazioni, controlli incrociati e supporto ad attività specificamente comunali utilizzabili per il corretto governo della finanza locale. 9. La navigazione/selezione geografica sarà garantita attraverso l utilizzo dello strato cartografico e delle relative correlazioni, entrambi gestiti nella Base Dati Territoriale. 10. L allineamento/aggiornamento dello strato cartografico, attività particolarmente importante per prevenire una veloce obsolescenza dell attività oggetto della presente fornitura, va analizzato in dettaglio. In linea generale sarebbe opportuno che il flusso di allineamento/aggiornamento dei dati cartografici verso la Base dati territoriale centrale fosse relativo alle sole variazioni. 11. La costituzione iniziale della base dati territoriale centrale dovrà essere frutto di una collaborazione congiunta tra le varie ripartizioni (edilizia privata, toponomastica, tributi, anagrafe). 12. La configurazione tecnologica prevista per il SIT comunale non pone particolari vincoli alle applicazioni ed ai sistemi settoriali. L integrazione più spinta è richiesta a livello di basi dati, piuttosto che non a livello di strumenti GIS/CAD. 13. L architettura deve prevedere l accesso in lettura ai livelli informativi della base dati territoriale centrale (che sarà gestito attraverso meccanismi di gestione degli accessi) e la possibilità di aggiornare i livelli informativi della stessa base dati, per chi è autorizzato a farlo. Si descriva quindi il procedimento di aggiornamento e le garanzie sulla integrità referenziale che consentiranno di serializzare le operazioni di modifica ai settori autorizzati a farlo, evitando conflitti. 14. Per quanto riguarda la componente di natura spaziale della Base Dati Territoriale Centrale (cartografie, disegni, immagini, carte tematiche del territorio, ecc.), è possibile che le applicazioni locali siano diversificate (per scelte tecnologiche ed ambienti software anche già esistenti); il requisito richiesto è che le stesse utilizzino formati tra i più diffusi quali: - Formati vettoriali di tipo CAD (dxf, dwg); - Formati spaziali ESRI (shp, coverage); - Formati immagine standard (gif, tif, bmp). C) Caratteristiche tecniche del software 1. Il software di gestione del S.I.T. del Comune di Noceto deve avere le seguenti caratteristiche: A. Sistema modulare, come descritto nell art. 10. B. Gestire i formati dati: a. Coverage b. shape file c. Geodatabase d. GRID e. Immagini f. CAD 2.L applicazione offerta dovrà necessariamente rispondere ai seguenti requisiti: 1. Essere in lingua Italiana 2. essere modulare e di semplice ed immediata configurazione; 3. Operare in architettura client/server e su DBMS relazionali; 4. Essere integrate con gli strumenti più diffusi di produttività individuali e in particolare con i prodotti della suite Microsoft Office (es. Word, Excel, Access, ecc). 3. La fornitura oggetto del presente capitolato deve interfacciarsi con l attuale sistema informativo dell ente e in particolare con i sistemi informativi descritti nell art. 8 che precede, prevedendo, ove necessario per un ottimale funzionamento del sistema stesso, interfacce che realizzino l integrazione tra i diversi sistemi con modalità semplici ed efficaci. 4. Compete in tal senso all aggiudicatario realizzare e fornire al Comune nell ambito dei servizi oggetto d appalto, senza aggravio alcuno di costi rispetto all offerta economica presentata in sede di gara, l interfaccia sistemistica che realizzi il contestuale e uniforme aggiornamento dei dati tra il software di 6

7 gestione del S.I.T. e i software comunali indicati. 5. La fornitura in oggetto deve prevedere un sistema per la gestione dei dati geografici attraverso la rete comunale. Tale software deve consentire la gestione delle cartografie digitali già in possesso dell amministrazione comunale di quelle che si aggiungeranno nell esecuzione della fornitura e durante la gestione del sistema, lo stesso deve essere in grado di collegarsi ad altri ambienti applicativi già in uso dall amministrazione. 6. Il sistema fornito deve consentire funzioni di consultazione, ricerca ed interrogazione delle cartografie e delle banche dati messe a disposizione in fase iniziale e di quelle che l amministrazione vorrà autonomamente pubblicare nel sistema. Il software applicativo deve consentire la selezione delle basi dati da consultare attraverso l uso di metadati, ricerche per via, località, particella e funzioni di interrogazione delle banche dati collegate agli oggetti territoriali, analisi spaziali e altimetriche. 7. L aggiornamento delle cartografie deve essere reso possibile sia da client che da applicativi CAD e/o GIS di larga diffusione che dovranno essere indicati in sede di offerta. Vanno previsti appositi moduli per la gestione del progetto con operazioni di aggiunta, modifica e rimozione di nuovi layer, gestione della rappresentazione grafica degli oggetti e della loro visualizzazione. 8. Il sistema deve essere dotato di strumenti di amministrazione (gestione degli utenti, configurazione fonti dati, file di log ) e deve consentire lo sviluppo di applicazioni finalizzate alla creazione di nuove interfacce per la gestione dei processi dell amministrazione comunale. Il software deve essere fornito per un numero minimo di 4 utenti intranet contemporanei ed accessi Internet illimitati, deve comprendere la fornitura della manualistica cartacea, dell installazione del sistema lato server e lato client. 9. L ambiente operativo client del GIS deve consentire le seguenti funzionalità: - Consultazione della cartografia di base (Raster o Vettoriale) e delle banche dati collegate; - Utilizzo delle basi dati nei formati utilizzati dall'amministrazione comunale: DWG per le basi cartografiche vettoriali SHP per tematismi geografici TIFF e JPG per le basi cartografiche raster ECW e JPG2000 per le basi cartografiche raster compresse GRID (Esri) per i modelli numerici del terreno RDBMS standard altri tipi di dati opportunamente descritti in fase di offerta. 10. L applicazione client intranet deve consentire anche la lettura/scrittura di basi cartografiche da ambienti RDBMS standard, anche attraverso opportune estensioni spaziali che operino in tali ambienti. 11. L'applicazione in oggetto deve consentire le seguenti funzionalità minime: selezione della cartografia e dei temi da consultare sulla base del catalogo cartografico funzioni di zoom, di spostamento e di inquadramento automatico (per località, via, ecc.) funzioni di interrogazione del database comunale con possibilità di eseguire query SQL standard possibilità di selezione degli oggetti territoriali in varie modalità (da indicare quali) creazione di report personalizzabili sulla base degli oggetti selezionati analisi di tipo buffering ed overlay topologici funzioni di tracciamento e modifica di nuovi oggetti grafici funzioni di interrogazione di modelli numerici del terreno altre funzionalità opportunamente descritte in fase di offerta 11. Il sistema deve essere in grado di interscambiare dati ed informazioni con altri enti che detengono informazioni territoriali in particolare Catasto, Regione Emilia Romagna e Provincia di Parma; é apprezzata inoltre una soluzione che preveda l'aggiornamento in automatico dei dati in possesso del Catasto. (vanno indicate in sede di offerta le eventuali modalità previste). D) Ambiente web 1. Il sistema deve funzionare in tempo reale ed in multiutenza: - lato Server: su S.O. multitasking, multiutenza con funzionalità server in linea con l attuale standard interno comunale che si basa su un server cluster a due nodi con architettura Microsoft Windows 2003 Server; - lato Client: su S.O. Windows 98, Windows 2000 Pro e Windows XP Pro e browser standard (Microsoft Internet Explorer) 2.L ambiente operativo WEB deve consentire le seguenti funzionalità: - Consultazione della cartografia di base (Raster o Vettoriale) e delle banche dati collegate; 7

8 - Utilizzo delle basi dati nei formati utilizzati dall'amministrazione comunale: DWG per le basi cartografiche vettoriali SHP per tematismi geografici TIFF e JPG per le basi cartografiche raster ECW e JPG2000 per le basi cartografiche raster compresse GRID (Esri) per i modelli numerici del terreno RDBMS standard altri tipi di dati opportunamente descritti in fase di offerta L'applicazione in oggetto deve consentire le seguenti funzionalità minime: selezione della cartografia e dei temi da consultare sulla base del catalogo cartografico funzioni di zoom, di spostamento e di inquadramento automatico (per località, via, ecc.) funzioni di interrogazione del database comunale con possibilità di eseguire query SQL standard. possibilità di selezione degli oggetti territoriali in varie modalità (da indicare quali) creazione di report personalizzabili sulla base degli oggetti selezionati analisi di tipo buffering ed overlay topologici funzioni di tracciamento di oggetti grafici funzioni di interrogazione di modelli numerici del terreno altre funzionalità opportunamente descritte in fase di offerta 3. Il sistema deve avere complessivamente le seguenti caratteristiche tecniche: - Le funzionalità dovranno essere assicurate indipendentemente dalla mole dei dati condivisi. - La gestione deve avvenire con apposita interfaccia che consenta la gestione dei livelli, le caratteristiche di rappresentazione, di visualizzazione e l attribuzione dei diritti di consultazione. - Il modulo Server deve inoltre essere dotato di interfaccia utente per l'amministrazione del sistema (la gestione degli utenti e delle relative autorizzazioni, creazione di file di log e report sugli accessi ai dati, configurazione della posizione delle basi dati). - L aggiornamento, l analisi e la ricerca dei dati presenti nel sistema deve essere possibile sia da client che da applicazioni CAD/GIS di larga diffusione. - Il sistema deve consentire la pubblicazione WEB dei dati sopra citati con accessi Internet illimitati. - Il sistema deve inoltre rappresentare una soluzione scalabile con la possibilità di aggiunta di nuovi client, nuovi server e nuovi moduli che potranno essere descritti in sede di offerta. - Il sistema lavorerà inizialmente sulla base delle cartografie fornite dall'amministrazione comunale e precedentemente elencate. Tali cartografie, trasformate in formato digitale, dovranno essere catalogate nell'applicazione fornita attraverso metadati nel formato CEN/TC Il sistema deve consentire all Amministrazione di operare autonomamente nell implementazione di ulteriori basi dati nell applicazione. ART. 10 Descrizione dei moduli applicativi 1. I moduli applicativi dovranno essere in lingua italiana. Tutti i moduli dovranno interfacciarsi con banche dati alfanumeriche che dovranno essere implementate dalla ditta aggiudicataria mentre i data-entry sarà di competenza dei dipendenti comunali con affiancamento in fase di startup. A) Urbanistica e Gestione del Territorio La gestione dei Piani urbanistici deve consentire la raccolta degli strumenti di pianificazione generale (PRG o PSC e norme di attuazione) e dei vari strumenti di attuazione. Gli strumenti devono essere organizzati in un unico modello dati e relazionati al loro iter formale (adozione, approvazione, ecc.) in modo da conoscere in ogni punto del territorio, la disciplina urbanistica vigente e storica. Attraverso tale applicazione devono essere implementate tutte le funzioni di analisi urbanistica che nascono dal confronto tra la pianificazione e lo stato esistente sul territorio, nonché di confronto tra un piano urbanistico e l altro. Con questo modulo applicativo deve essere inoltre possibile ottenere il Certificato di destinazione Urbanistica (C.D.U.), che deve riportare le prescrizioni urbanistiche sia vigenti che adottate inerenti i terreni interessati, ovvero la loro inesistenza e l obbligo eventuale di predisporre uno strumento urbanistico attuativo per l utilizzazione dei terreni stessi e comunque ogni altra comunicazione e/o precisazione che si ritenga utile e 8

9 necessaria per garantire la completezza del certificato stesso. Inoltre questo modulo deve prevedere la gestione integrata delle procedure tecnico amministrative connesse all edilizia privata e agli abusi edilizi; in particolare si fa riferimento alle procedure per l istruttoria e il rilascio dei permessi di costruire, anche in sanatoria e/o condoni edilizi, per l istruttoria e il rilascio di certificati di agibilità e attestazioni in materia di destinazioni urbanistiche; deve consentire il calcolo degli oneri concessori e relativa rateizzazione, delle somme versate dai cittadini per le urbanizzazioni, per i condoni in materia urbanistica, per le lottizzazioni convenzionate di cittadini e/o promosse dal comune, dell oblazione connessa alle procedure di condono edilizio. Il modulo dovrà prevedere l aggiornamento degli oneri suddetti secondo le disposizioni di legge o regolamenti, nonchè l automazione dei procedimenti connessi al recupero coattivo degli oneri concessori. Il sistema dovrà consentire di visualizzare e stampare tutta la relativa modulistica (permessi di costruire, atti di assenso comunque denominati, ordinanze, certificati di agibilità, attestazioni, ecc). B) Gestione Toponomastica La gestione della toponomastica comunale riguarda il rilascio delle principali chiavi di riferimento al territorio da parte dell amministrazione comunale. Codici e nomi delle strade, numeri civici, fabbricati e numeri di interni sono i principali archivi che vengono gestiti da questo ufficio che risulta essere di particolare interesse per perseguire una corretta gestione del territorio, della popolazione e delle attività che su di esso si sviluppano. C) Gestione Viabilità Il modulo di Gestione della Viabilità implementa il Catasto Stradale come previsto dal D.M. del 01/06/2001 integrandolo con i dati inerenti la Segnaletica stradale ed i Passi carrabili. Uno strumento di grande utilità per tutti i soggetti che si occupano di reti stradali offrendo un ambiente integrato per la gestione sia dell infrastruttura che degli eventi che si sviluppano lungo di essa. D) Utilizzo del SIT da parte di altri uffici comunali Il sistema che si richiede deve essere espandibile in termini di funzionalità per consentire l accesso al SIT da parte di applicativi di competenza dei seguenti uffici: - Ufficio manutenzione. per questo ufficio dovrà essere possibile utilizzare il sistema per gestire in modo migliore le attività di manutenzione delle strade urbane ed extra urbane, delle reti di competenza e degli immobili comunali. - Ufficio Affari Generali. Il sistema dovrà consentire l individuazione delle aree oggetto di esproprio ricadenti nelle OO.PP. programmate, necessaria alla gestione del procedimento espropriativo. Dai requisiti appena elencati risulta evidente l'alto grado di integrazione che il sistema offerto deve avere con l'attuale sistema informativo comunale, al fine di garantire i livelli di servizio richiesti. ART. 11 Servizi connessi alla fornitura del software 1. La fornitura deve prevedere: 1. l assistenza tecnica e la manutenzione per la durata di anni uno con decorrenza dalla data di collaudo del software applicativo di gestione del S.I.T. da parte del personale addetto o incaricato per il Comune; 2. la formazione in aula del personale coinvolto nel progetto; 3. la garanzia sulla fornitura della dotazione software per un periodo minimo di anni due dalla data di collaudo. 1. Assistenza tecnica e la manutenzione L impresa appaltatrice dovrà assicurare l assistenza e la manutenzione del sistema per il primo anno di attività. In detto periodo deve essere garantita esclusivamente una assistenza on-site da parte di un tecnico della ditta da esperire entro e non oltre le 24 ore lavorative successive alla chiamata e per un massimo di 50 ore ad esclusione delle ore di viaggio. Per gli anni successivi al primo, il Comune di Noceto avrà la facoltà di richiedere alla ditta aggiudicataria della presente fornitura, l attivazione di tale servizio mediante sottoscrizione di apposito contratto; a tal fine le ditte offerenti dovranno dichiarare nell offerta economica il costo di detto servizio da applicarsi per ciascun anno successivo e i criteri di adeguamento del prezzo nel tempo. La manutenzione deve comprendere la eliminazione dei difetti e/o dei guasti dei programmi emersi nel corso del loro utilizzo, la prestazione dei servizi collaterali che ne assicurano il corretto funzionamento, nonché ogni eventuale modifica, aggiornamento ed integrazione per l adeguamento dei programmi alle variazioni della normativa, eventuali nuove versioni. 9

10 Il servizio di assistenza deve prevedere l assistenza telefonica hot-line in orari d ufficio, eventuale assistenza on-line, interventi on-site, come precedentemente specificato, per un monte annuo di almeno 50 ore ad esclusione delle ore di viaggio, con interventi minimi di 5 ore continuative. L offerta dovrà inoltre contenere l indicazione delle condizioni economiche e normative per la fornitura del servizio di assistenza al pacchetto software fornito per gli anni successivi a quelli iniziali. 2. Formazione La formazione deve articolarsi in due livelli: un primo livello di formazione è indirizzato a tutto il personale dei seguenti uffici, la cui elencazione deve comunque considerarsi non esaustiva: Sportello Unico per l'edilizia, Pianificazione Urbanistica, Lavori Pubblici, Segreteria Tecnico-Amministrativa, Servizi Demografici, Tributi. Il numero di ore deve essere definito dalla società appaltatrice, la quale dovrà comunque assicurare un minimo di 30 ore/persona. L individuazione definitiva degli uffici cui sarà indirizzata la presente attività formativa, come pure l organizzazione dell attività formativa in più sessioni anche in relazione al numero dei destinatari, è rimessa all insindacabile valutazione dell Amministrazione comunale. Il secondo livello di formazione di base per circa 20/25 dipendenti da somministrare in unica sessione di sei ore indicative a favore di gruppi omogenei di utenti (in relazione al servizio svolto); tale livello attiene alla formazione di base riguardante l'utilizzo del software fornito agli uffici che utilizzeranno il sistema come supporto alle loro normali attività istituzionali; ci si riferisce a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo al presonale di: Ufficio Tecnico, Ufficio Commercio, all Ufficio Polizia Municipale. Alla formazione potrà partecipare anche il personale sistemistico incaricato dal Comune per l assistenza tecnica e manutentiva al sistema informativo comunale, anche se esterno all ente. 3. Garanzia La fornitura del software oggetto del presente appalto deve essere, altresì, coperta da garanzia per un periodo non inferiore ad anni due, a pena di esclusione, a decorrere dalla data ultima di collaudo dei programmi, certificata con apposito verbale redatto e controfirmato dalle parti ed approvato dall Amministrazione Comunale. Le Ditte offerenti in sede di offerta dovranno indicare in dettaglio eventuali tempi ulteriori rispetto ai due anni, modalità e condizioni della garanzia relativa alla fornitura del software. ART. 12 Termini di consegna e cronoprogramma 1. Il lavoro di implementazione del S.I.T. e della relativa cartografia dovrà svolgersi per un massimo di 300 giorni continuativi decorrenti dal termine indicato nell art. 2 che precede. 2. Il termine comprende anche la consegna da parte dell appaltatore delle certificazioni e dichiarazioni a corredo, necessarie per il collaudo e verifica del servizio e della fornitura. 3. I soggetti partecipanti all appalto saranno tenuti a indicare in sede di offerta tecnica il termine previsto per la consegna del servizio e delle forniture correlate, che comunque non potrà essere superiore al termine indicato nel comma 1, nonché il cronoprogramma per lo svolgimento del servizio e forniture correlate. I relativi punteggi saranno assegnati sulla base di quanto indicato nell art L indicazione di un termine superiore a trecento giorni costituirà causa di esclusione del concorrente dalla procedura. 5. L aggiudicatario sarà tenuto di conseguenza a realizzare il servizio entro il termine finale individuato in sede di offerta. Rispetto a tale termine saranno applicate le penali riportate nell art Ai fini di quanto sopra esposto, non dovrà formare oggetto del cronoprogramma la fase relativa alla formazione del personale comunale addetto / interessato al S.I.T. ART Criteri di valutazione dell offerta 1. La valutazione delle offerte e l attribuzione dei relativi punteggi sarà effettuata da apposita Commissione giudicatrice. Per la valutazione dell offerta tecnica e dell offerta economica, la commissione giudicatrice dispone di complessivi 100 punti così sinteticamente ripartiti: 1. OFFERTA TECNICA: MASSIMO 70 PUNTI SU OFFERTA ECONOMICA: MASSIMO 30 PUNTI SU La Commissione procederà alla sommatoria dei punteggi ottenuti da ciascun concorrente nell offerta tecnica e nell offerta economica; verrà dunque formulata la graduatoria delle offerte valide classificando 10

11 prima l offerta dell impresa che avrà conseguito il più alto punteggio complessivo, alla quale provvisoriamente aggiudicherà l appalto. 3. Non si darà corso all apertura dell offerta economica, qualora l offerta tecnica abbia ottenuto un punteggio inferiore o uguale a 45/ Il servizio verrà dunque affidato al concorrente ammesso alla gara che avrà ottenuto il punteggio più alto, risultante dalla somma dei punteggi attribuiti all offerta tecnica e all offerta economica. In caso di parità di punteggio complessivo, l affidamento del servizio verrà aggiudicato al concorrente che avrà ottenuto il punteggio più elevato nell offerta tecnica; in caso di ulteriore parità, l Amministrazione procederà all aggiudicazione tramite sorteggio. 1) Criteri e modalità di attribuzione del punteggio Offerta tecnica Per la valutazione dell offerta tecnica la Commissione dispone di 70 punti; gli elementi di valutazione dell offerta tecnica sono quelli elencati di seguito. a) Completezza e articolazione della proposta in relazione ai contenuti max. 20 punti b) Grado di innovazione dell architettura proposta, livello di integrazione con i software del Comune di Noceto e modalità di interscambio dati ed informazioni con altri enti max. 14 punti c) Metodologie e strumenti adottati max. 12 punti d) Cronoprogramma di svolgimento e consegna del servizio max. 10 punti e) Caratteristiche migliorative impattanti all interno dell Amministrazione max. 8 punti f) Termini dell assistenza tecnica e manutenzione max. 4 punti g) Termini della garanzia max. 2 punti L offerta tecnica dovrà essere formulata mediante redazione di un elaborato descrittivo contenente quanto prescritto nelle lett. da a) a g) sopra riportate; l elaborato dovrà essere formato da un massimo di 25 fogli in formato A4, redatti anche in fronte retro, con carattere di dimensione non inferiore a 12 pt. La Commissione di gara, in sede di valutazione dell offerta tecnica, attribuirà i relativi punteggi anche sulla base della maggiore o minore aderenza della proposta agli elementi specifici contenuti negli articoli del presente capitolato speciale. In relazione a quanto riportato nel periodo che precede, fermo quanto richiesto in dettaglio per ciascuno degli elementi di valutazione sopra indicati, l elaborato dovrà pertanto conformarsi ai contenuti generali del presente capitolato speciale d appalto. L elaborato relativo all offerta tecnica dovrà essere sottoscritto pena l esclusione con firma leggibile e per esteso, secondo quanto specificato nell art. 13, lett. B) del disciplinare di gara. Esso formerà parte integrante del contratto in caso di aggiudicazione, anche se allo stesso non allegato. La commissione al fine di rispettare il principio di parità di trattamento dei concorrenti non darà corso all esame di progetti i cui elaborati siano di estensione superiore a quella sopra indicata. I 70 punti relativi all offerta tecnica saranno assegnati sulla base dei sotto elencati elementi di valutazione (che dovranno costituire altrettanti paragrafi nei quali risulterà articolato l elaborato), assegnando a ciascuno i punteggi a fianco specificati: a) Completezza e articolazione della proposta in relazione ai contenuti max. 20 punti I concorrenti dovranno descrivere la propria migliore soluzione, predisponendo una relazione progettuale che contenga tutti gli elementi atti a definire compiutamente le attività da realizzare, con diretto riferimento alle caratteristiche tecniche considerate ai fini dell aggiudicazione, ed evidenzi le prestazioni e i servizi offerti. Sempre ai fini del presente criterio, dovrà inoltre essere presentata da ciascun concorrente la soluzione tecnica di una piattaforma tecnologica per le successive attività di recupero dell evasione tributaria; a tal fine, verrà valutata dalla Commissione la completezza della soluzione proposta e le garanzie di successo che ne potranno derivare per l Amministrazione. b) Grado di innovazione dell architettura proposta, livello di integrazione con i software del Comune di Noceto e modalità di interscambio dati ed informazioni con altri enti max. 14 punti Nel presente punto dovranno essere descritte le caratteristiche tecniche di realizzazione della piattaforma tecnologica, avendo riguardo in particolare ad evidenziarne il grado di innovazione evidenziando le 11

12 prestazioni e le funzioni per quanto attiene la predisposizione/conduzione della piattaforma tecnologica del SIT finalizzata al recupero tributario. Il presente paragrafo dovrà in particolare contenere una descrizione dettagliata delle caratteristiche tecniche dell infrastruttura proposta, che dovranno essere conformi a quanto indicato nell art. 9 del presente capitolato e dovrà essere riportata la descrizione dei moduli applicativi compresi nell infrastruttura medesima, a loro volta conformi a quelli individuati dalla stazione appaltante e riportati nell art. 10 del capitolato. L elaborato dovrà infine evidenziare le modalità operative di integrazione con la struttura informatica e con i software già esistenti all interno dell amministrazione comunale, come indicati nel presente capitolato, nonché le modalità di interscambio dati ed informazioni con altri enti che detengono informazioni territoriali, quali Catasto, Regione Emilia Romagna e Provincia di Parma, nonchè ogni altro aspetto che il concorrente riterrà rilevante per l attribuzione del punteggio relativo al presente punto. Sarà in particolare apprezzata una soluzione che preveda l'aggiornamento in automatico dei dati in possesso del Catasto c) Metodologie e strumenti adottati max. 12 punti Il concorrente dovrà esporre per l attribuzione del punteggio afferente al presente punto le dettagliate modalità con cui intende organizzare la propria attività durante le fasi in cui si articola il cronoprogramma, nonché indicare gli strumenti di cui si avvarrà nell espletamento del servizio e descrivere gli strumenti e modalità di programmazione e controllo operativo delle attività in relazione al recupero dell evasione tributaria In particolare, il concorrente dovrà indicare il numero di unità di personale che sarà impiegato in ciascuna delle fasi del cronoprogramma. Tale numero costituirà il contingente minimo che l aggiudicatario sarà tenuto a garantire durante l esecuzione del contratto. Per l espletamento della fase di ricognizione e validazione delle basi di dati territoriali e non, e in particolare per l attività di censimento delle vie e dei civici ed identificazione accessi su pubblica via, tale numero non potrà comunque essere pari o superiore alle 6 (sei) unità. Inoltre, formeranno oggetto di valutazione le modalità di organizzazione del personale impiegato, che ciascun concorrente sarà tenuto a descrivere nell elaborato. d) Cronoprogramma di svolgimento e consegna del servizio max. 10 punti Nell elaborato dovrà essere indicato il termine previsto per la consegna del servizio e delle forniture correlate, nonché riportare dettagliato cronoprogramma relativo allo svolgimento del servizio e forniture e comunque delle attività oggetto d appalto. Il termine indicato non dovrà in ogni caso superare quello massimo di giorni 300 stabilito negli artt. 2 e 12 del presente capitolato. All interno del cronoprogramma dovrà essere ricompresa anche la fase di consegna delle certificazioni e dichiarazioni a corredo necessarie per il collaudo e verifica del servizio e della fornitura. La Commissione attribuirà il punteggio sulla base della riduzione del termine di ultimazione delle attività oggetto d appalto rispetto al termine massimo di 300 giorni stabilito negli atti di gara. Ai fini dell attribuzione del punteggio, la Commissione valuterà anche la sua sostenibilità sulla base delle soluzioni proposte da ciascun concorrente e delle modalità con cui verrà organizzato il servizio, come indicate nella relazione oggetto dell offerta tecnica. Verranno in ogni caso attribuiti 0 (zero) punti al concorrente che dichiarerà di ultimare il servizio entro il termine massimo di 300 giorni stabilito dalla stazione appaltante. e) Caratteristiche migliorative impattanti all interno dell Amministrazione max. 8 punti Dovranno essere riportate nell elaborato servizi e prestazioni ulteriori migliorativi di quelli minimali previsti dal presente capitolato, evidenziando gli effetti positivi che tali caratteristiche produrranno sull attuale organizzazione delle attività correlate al SIT nell ambito del Comune. f) Termini dell assistenza tecnica e manutenzione max. 4 punti L elaborato dovrà contenere la descrizione delle attività connesse con la manutenzione e l assistenza tecnica (ricompresa per il primo anno nell offerta) e l elenco delle prestazioni e servizi nella stessa ricompresi, comunque comprendenti le prestazioni indicate nell art. 11 del capitolato. Dovranno, inoltre, essere indicate: - le modalità di effettuazione dell assistenza tecnica e gli eventuali tempi d intervento e di ripristino; - la sede ed i recapiti di riferimento per le richieste d interventi di manutenzione; - il costo dell assistenza tecnica e manutenzione da applicarsi per ciascun anno successivo, articolato in base ai servizi ricompresi nell assistenza tecnica (es.: hot line, interventi on site ecc ); - i criteri di adeguamento dei costi afferenti i servizi ricompresi nell assistenza tecnica nel tempo. 12

13 g) Termini della garanzia max. 2 punti Le imprese concorrenti dovranno indicare in dettaglio tempi, modalità e condizioni della garanzia relativa alla fornitura del software. In ogni caso, la garanzia non potrà essere inferiore ad anni due a decorrere dalla data ultima di collaudo dei programmi. La valutazione avverrà avendo riguardo al contenuto complessivo della proposta. 2) Criteri e modalità di attribuzione del punteggio Offerta economica L'offerta economica dovrà indicare il ribasso unico percentuale sull importo complessivo posto a base d asta stabilito nell art. 6 comma 1 del disciplinare di gara, che il concorrente dichiara di offrire, e il prezzo conseguente dopo l applicazione del ribasso, entrambi espressi così in cifre come in lettere e al netto dell IVA, con l indicazione massima di 3 (tre) cifre decimali, senza abrasioni e correzioni di sorta. Per la valutazione dell offerta economica la Commissione dispone di 30 punti. Per la determinazione del punteggio da assegnare all offerta economica, verrà valutato il prezzo offerto esclusivamente al ribasso rispetto alla base d appalto, con esclusione di ogni altro tipo d offerta. All impresa che avrà offerto il massimo ribasso percentuale sull importo posto a base di gara sarà attribuito il punteggio massimo di punti 30. Alle altre offerte sarà attribuito un minor punteggio determinato dalla seguente formula: prezzo più basso Punteggio attribuito = x 30 prezzo offerto Per la determinazione delle offerte, si terrà conto di tre decimali dopo la virgola. L offerta economica, pena l esclusione, dovrà essere presentata e sottoscritta secondo quanto stabilito nell art. 13 del disciplinare di gara. ART. 14 Responsabile del servizio e referente per l Amministrazione e l aggiudicatario 1. L appaltatore dovrà affidare la direzione, il coordinamento ed il controllo di ogni attività oggetto dell appalto ad un suo Responsabile di servizio, in possesso di qualificazione ed esperienza professionale specifica nell ambito delle attività oggetto del presente appalto, opportunamente comprovate ed idonee allo svolgimento delle funzioni affidate. 2. In particolare il medesimo assumerà ogni responsabilità in ordine: Alla garanzia del coordinamento dell intero staff di servizio. Al pieno rispetto della disciplina del presente appalto. All esplicazione della funzione di referente unico nei confronti dell Ente appaltante, per ogni aspetto attinente la gestione dei servizi affidati (con costante aggiornamento sull andamento degli stessi). 3. In caso di temporanea assenza, per motivi eccezionali, del referente designato, la ditta dovrà comunicare preventivamente all'amministrazione comunale la persona delegata a sostituirlo, onde scongiurare disservizi. 4. L ammininistrazione Comunale individuerà e comunicherà all aggiudicatario il nominativo e recapito di un proprio referente, eventualmente scelto tra il proprio personale. ART. 15 Osservanza dei contratti collettivi di lavoro e delle leggi in materia di lavoro 1. L appaltatore assume piena ed esclusiva responsabilità in ordine all integrale osservanza ed applicazione di tutte le norme contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti delle imprese del settore e negli accordi locali integrativi dello stesso, in vigore per il tempo e nelle località in cui si svolge il servizio, nonché di ogni condizione risultante da successive modifiche od integrazioni. I contratti collettivi andranno applicati anche dopo la scadenza, fino a sostituzione o rinnovo degli stessi. 2. Il mancato rispetto dei contratti collettivi, giudizialmente e definitivamente accertato, sarà oggetto di risoluzione del contratto. 3. L appaltatore assume altresì piena ed esclusiva responsabilità in ordine all integrale osservanza ed applicazione di tutte le leggi e norme in materia di lavoro nel tempo vigenti nei confronti del proprio personale, quale che sia la tipologia contrattuale di inquadramento nell organico dell aggiudicatario. 13

14 ART Contratto di licenza d uso dei programmi 1. La ditta aggiudicataria concede al Comune di Noceto i programmi oggetto di fornitura in licenza d uso a tempo indeterminato. ART Brevetti industriali e diritti d autore 1. La ditta aggiudicataria assume ogni responsabilità per l uso di dispositivi o per l adozione di soluzioni tecniche o di altra natura che violino diritti di brevetto, di autore ed in genere di privativa altrui. 2. Qualora venga promossa nei confronti del Comune azione giudiziaria da parte di terzi che vantino diritti su beni acquistati o presi in locazione o licenza d uso, la ditta aggiudicataria assume a proprio carico tutti gli oneri conseguenti, incluse le spese eventualmente sostenute per la difesa in giudizio. 3. Nell ipotesi dell azione giudiziaria citata, il Comune, fermo restando il diritto al risarcimento del danno nel caso in cui la pretesa azionata sia fondata, ha facoltà di dichiarare la risoluzione del contratto, recuperando in caso di acquisto le somme versate, detratto un equo compenso per l avvenuto uso, salvo che la ditta aggiudicataria ottenga il consenso alla continuazione dell uso delle apparecchiature e dei programmi il cui diritto di esclusiva è giudizialmente contestato. ART Obblighi di riservatezza e segretezza 1. L impresa ha l obbligo di mantenere riservati i dati e le informazioni di cui venga in possesso, di non divulgarli e di utilizzarli esclusivamente per l espletamento del servizio in oggetto, restando escluso qualsiasi altro utilizzo. ART Collaudo 1. Al termine dell esecuzione del servizio e della consegna ed installazione dell infrastruttura software sarà svolto apposito collaudo da parte del personale incaricato dal Comune, con la partecipazione del personale del fornitore. 2. Oggetto del collaudo sarà la verifica che il servizio svolto e i beni forniti siano conformi alle caratteristiche tecniche e di funzionalità indicate e richieste nel Capitolato d'appalto. 3. Nel caso di mancato superamento in tutto o in parte del collaudo, l'amministrazione comunale, a seguito di segnalazione del Responsabile, si riserva la facoltà di richiedere all aggiudicatario di svolgere quanto necessario per garantire la conformità del servizio e della fornitura ai requisiti fissati nel presente capitolato, a spese del fornitore e senza diritto alcuno ad incremento dell importo oggetto di gara. 4. Il collaudo sarà ripetuto, anche più volte, fino a quando non avrà avuto esito positivo. La data di collaudo valida ai fini del pagamento e delle garanzie da fornire, sarà quella relativa all'accettazione dell'ultimo componente collaudato (verbale di collaudo definitivo). 2. La consegna del servizio e la fornitura dovrà essere corredata delle certificazioni e dichiarazioni a corredo, necessarie per il collaudo e verifica della fornitura. ART. 20 Cauzione definitiva 1. Ai sensi dell art. 113 del d.lgs. 12 aprile 2006 n. 163, l aggiudicatario dovrà altresì presentare una garanzia definitiva, pari al 10% del valore del contratto da stipulare, a garanzia del mancato od inesatto adempimento degli obblighi contrattuali. 2. La garanzia, prevista con le modalità di cui all'articolo 75, comma 3, deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all articolo 1957, comma 2, del codice civile, nonché l operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. 3. La mancata costituzione della garanzia definitiva determina decadenza dell aggiudicazione e l'acquisizione della cauzione provvisoria di cui all articolo 75 da parte della stazione appaltante. ART. 21 Oneri a carico dell Amministrazione comunale 1. L Amministrazione si obbliga a mettere a disposizione dell aggiudicatario il materiale cartografico indicato nel capitolato, nonché ogni altro materiale o informazioni ritenuti rilevanti ai fini dell appalto di cui dispone, senza oneri aggiuntivi a carico dell Amministrazione stessa rispetto a quelli indicati nel disciplinare e nel capitolato speciale. 14

15 2. L Amministrazione si obbliga altresì a organizzare periodicamente riunioni di lavoro tra l appaltatore e il personale comunale interessato dalle attività oggetto d appalto, compatibilmente con le esigenze di lavoro del personale medesimo. 3. Ove ne sussistano i presupposti, il committente provvederà alla redazione in contraddittorio con l aggiudicatario del Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza (D.U.V.R.I.), previsto dall art. 26 comma 3 del D.Lgs. D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81. ART. 22 Obblighi e responsabilità dell aggiudicatario e polizze assicurative 1. La ditta aggiudicataria è responsabile della perfetta rispondenza del servizio e/o della fornitura alle caratteristiche richieste, per come evidenziate nel presente capitolato d oneri. 2. La ditta aggiudicataria rinuncia a qualsiasi pretesa di carattere economico che dovesse derivare da errata valutazione o mancata conoscenza di atti di natura tecnica oggetto del servizio e/o della fornitura richiesta. 3. L esecuzione del servizio e della fornitura dovrà avvenire nella più completa applicazione delle specifiche generali e particolari del presente capitolato e della disciplina vigente relativa alla materia, compresi gli obblighi in materia di prevenzione infortuni e tutela dei lavoratori e di sicurezza. 4. Nel caso di difformità e/o inefficienza rispetto alle specifiche contrattuali, l aggiudicatario sarà diffidato, a mezzo raccomandata a.r., a sanare le difformità e/o inefficienze, entro il termine perentorio di giorni 20 (venti) dalla ricezione dell invito medesimo, salvo proroghe motivate concesse dalla stazione appaltante. 5. Decorso il termine di cui al precedente punto senza che l aggiudicatario abbia provveduto, la stazione appaltante potrà procedere di diritto alla risoluzione contrattuale ed all incameramento della cauzione definitiva, senza che l inadempiente abbia nulla a pretendere, fatto salvo il diritto della stazione appaltante di richiedere il risarcimento dei danni. 6. L Impresa aggiudicataria è, altresì, responsabile penalmente e civilmente dei danni di qualsiasi genere che potessero derivare a persone e/o cose durante l esecuzione del servizio o della fornitura e fino al collaudo della prestazione. A tal fine, l Impresa aggiudicataria dovrà stipulare o dimostrare di possedere una copertura assicurativa per responsabilità civile nei confronti di terzi, con primario istituto del ramo assicurativo, a copertura dei rischi connessi all'esecuzione di tutte le attività oggetto dell'appalto, per danni a cose e/o persone con massimale unico per evento dannoso o sinistro non inferiore a , La copertura assicurativa dovrà avere validità ed efficacia per tutta la durata contrattuale e dovrà, altresì, prevedere la clausola di rinuncia alla rivalsa nei confronti dell'amministrazione. 8. L'esistenza e la validità della polizza in questione è condizione essenziale per l'amministrazione; pertanto, qualora l'appaltatore non sia in grado di provare in qualsiasi momento detta copertura assicurativa, il contratto si risolverà di diritto, con conseguente trattenuta a titolo di penale della cauzione prestata e fatto salvo il risarcimento del maggior danno subito. ART. 23 Contingenti minimi del personale 1. Ciascun concorrente sarà tenuto ad indicare in sede di offerta tecnica il numero di unità di personale che verrà impiegato in ciascuna delle fasi di attività oggetto d appalto. Tale numero costituirà il contingente minimo che l aggiudicatario sarà tenuto a garantire durante l esecuzione del contratto. 2. Per l espletamento della fase di ricognizione e validazione delle basi di dati territoriali e non, e in particolare per l attività di censimento delle vie e dei civici ed identificazione accessi su pubblica via e passi carrai, con individuazione dei subalterni e dei dati del soggetto proprietario e dell eventuale soggetto residente / domiciliatario, le imprese concorrenti dovranno comunque assicurare a pena di esclusione l impiego di un contingente minimo di personale pari a 6 (sei) unità. 3. Il personale di cui ai commi che precedono dovrà essere assunto dall impresa aggiudicataria con regolare contratto di lavoro stipulato in base ad una delle tipologie contrattuali previste dal D.Lgs. 10 settembre 2003, n In particolare, è auspicabile che l aggiudicatario individui il personale addetto alla fase di cui al comma 2, da adibire all attività di censimento delle vie e di individuazione dei dati ivi indicati, tra i residenti nel Comune di Noceto, in modo da garantire una maggiore celerità nello svolgimento delle operazioni prescritte stante la peculiare conoscenza del territorio, rispetto a personale proveniente da altre zone. 5. L aggiudicatario sarà tenuto a fornire alla stazione appaltante copia dei contratti di lavoro predetti. ART. 24 Rispetto delle norme in materia di sicurezza sul lavoro 1. La Ditta appaltatrice è tenuta al rispetto della normativa in materia di sicurezza ed igiene del lavoro; 15

16 a tal fine, essa assume piena e diretta responsabilità in ordine alla sicurezza sui luoghi di lavoro propri o concessi in uso con il presente appalto, nel rigoroso rispetto di ogni adempimento prescritto della disciplina di cui al D.Lgs. n. 81/ Tutte le attrezzature di lavoro messe a disposizione dei lavoratori debbono soddisfare le disposizioni legislative e regolamentari in materia di tutela della sicurezza e salute dei lavoratori stessi. 3. Il personale dell Assuntore, per poter iniziare il servizio dovrà essere in possesso di certificazione di idoneità alla mansione specifica effettuata da un medico competente, in osservanza delle norme di sicurezza come previsto dal D.Lgs. n. 81/2008 citato. 4. In relazione a quanto sopra esposto, la ditta aggiudicataria sarà in particolare tenuta a: - utilizzare esclusivamente personale qualificato e adeguatamente formato sui rischi propri della specifica attività lavorativa esercitata; - informare il personale impiegato sui rischi presenti nelle aree e negli ambienti oggetto di affidamento; - produrre, al fine di rendere efficace l aggiudicazione definitiva dell appalto: nominativo del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, del Rappresentante dei lavoratori alla Sicurezza e del Medico competente; dichiarazione del Legale Rappresentante nella quale si attesta che la valutazione del rischio della propria attività è stata realizzata ed il proprio personale ha ricevuto una adeguata informazione e formazione in materia di prevenzione e sicurezza. 5. Il personale utilizzato dall aggiudicatario dovrà essere munito durante lo svolgimento delle attività affidate di apposita tessera di riconoscimento, corredata di fotografia, contenente le generalità del lavoratore e l'indicazione del datore di lavoro, ai sensi dell art. 18 comma 1 lett. u) del d.lgs. n. 81/2008. Il tesserino dovrà essere esposto in modo da essere sempre immediatamente visibile. 6. L aggiudicatario sarà altresì tenuto a proprie spese e senza che nulla sia dovuto in suo favore rispetto all importo di aggiudicazione, a recapitare presso l abitazione di residenza delle famiglie di questo comune prima dell inizio dell attività di censimento del territorio come previsto nell art. 5 comma 1, 2 alinea, una comunicazione predisposta da questa Amministrazione volta ad informare i cittadini che personale incaricato dall impresa medesima, munito di apposito tesserino personale di identificazione, svolgerà per conto del Comune di Noceto un sopralluogo finalizzato agli adempimenti oggetto del presente appalto. ART. 25 Norme in materia di privacy 1. Ai sensi dell articolo 13 del D.Lgs. n. 196/2003 e successive modifiche (tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali) si fa presente che i dati personali forniti dalle imprese concorrenti saranno raccolti presso il Comune di Noceto per le finalità inerenti la gestione delle procedure previste dalla legislazione vigente per l attività contrattuale e la scelta del contraente. Il trattamento dei dati personali (registrazione, organizzazione, conservazione) svolto con strumenti informatici e/o cartacei idonei a garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi potrà avvenire sia per le finalità correlate alla scelta del contraente ed all instaurazione del rapporto contrattuale, sia per finalità inerenti alla gestione del rapporto medesimo. Il conferimento dei dati è obbligatorio ai fini della partecipazione alla procedura di gara, pena l esclusione; per l aggiudicatario il conferimento è altresì obbligatorio ai fini della stipulazione del contratto e dell adempimento di tutti gli obblighi ad esso conseguenti ai sensi di legge. La comunicazione dei dati conferiti a soggetti pubblici o privati sarà effettuata nei soli casi e con le modalità di cui al D.Lgs. n. 196/2003 e s.m.i.. In relazione al trattamento dei dati conferiti, si informa che l interessato gode dei diritti di cui all art. 7 del medesimo D.Lgs. n. 196/ La ditta aggiudicataria, con riferimento all appalto in oggetto, sarà in particolare tenuta a: - comunicare al committente il nominativo del titolare e, se individuato, del responsabile del trattamento dei dati ai sensi del D.Lgs. n. 196/2003 e s.m.i.; - attestare che l impresa ha proceduto all adozione delle misure minime di sicurezza previste dagli articoli da 33 a 35 del decreto citato, nonché nel caso di trattamento dei dati con strumenti elettronici, all adozione delle misure individuate dall Allegato B Disciplinare tecnico in materia di misure minime di sicurezza, con particolare riferimento alla redazione del Documento Programmatico per la Sicurezza prescritto dalla regola 19 dell Allegato B stesso, contenente le specifiche informazioni descritte nei punti da 19.1 a 19.8; - dichiarare che i dati afferenti al presente appalto, rilevanti ai fini del d.lgs. n. 196/2003, saranno trattati conformemente alle norme ivi contenute. 16

17 ART. 26 Fatturazione e pagamenti 1. La tempistica relativa alla fatturazione verrà indicata nel contratto, tenuto conto del cronoprogramma oggetto dell offerta formulata dall aggiudicatario. Resta fermo in ogni caso che: - questa stazione appaltante procederà a liquidare all aggiudicatario nel corso dell anno 2008 un importo compreso tra il 20% (venti per cento) e non superiore al 40% (quaranta per cento) dell importo di aggiudicazione, al netto dell Iva. L esatta percentuale verrà stabilita nel contratto a insindacabile giudizio dell Amministrazione sulla base del cronoprogramma presentato dall aggiudicatario e compatibilmente con gli stanziamenti di bilancio; - il contratto dovrà comunque prevedere che l importo effettivamente erogato all aggiudicatario entro la percentuale massima come sopra definita verrà determinato sulla base dell attività espletata e del risultato accertato dall Amministrazione comunale. - il residuo e fino a concorrenza dell importo di aggiudicazione, comprese le eventuali ulteriori somme spettanti nei casi indicati nell art. 6, commi 2 e 3 del disciplinare, saranno erogati a seguito di positivo espletamento del collaudo finale previsto dall art Il pagamento dei corrispettivi verrà effettuato entro 60 giorni dalla data di ricevimento di regolare fattura. Saranno messe in pagamento solo le fatture riscontrate regolari. ART. 27 Cessione del contratto e subappalto 1. È vietato, sotto pena di rescissione de jure del contratto e incameramento della cauzione definitiva, il subappalto del servizio e/o della fornitura. 2. È altresì vietata, a pena di rescissione de jure del contratto e incameramento della cauzione definitiva: 1. la cessione in tutto o in parte del contratto; 2. la cessione in tutto o in parte dei crediti derivanti dall'avvenuta esecuzione del servizio previsto in contratto senza l'espressa autorizzazione scritta preventiva dell Amministrazione committente. ART. 28 Inadempienze contrattuali e penalità 1. Per ogni giorno di ritardo naturale e consecutivo rispetto al termine finale di consegna indicato dall aggiudicatario in sede di offerta tecnica, anche se imputabile a terzi, purchè il ritardo stesso non sia imputabile all Amministrazione Comunale, viene applicata una penalità pari a 500,00 al giorno per i primi dieci giorni; per ogni ulteriore giorno di ritardo dopo i primi 10 giorni l Amministrazione applicherà all aggiudicatario una penale pari al 1% (uno per cento) del valore del contratto, salvo in ogni caso il risarcimento del maggior danno. 2. Le penali di cui al comma 1 troveranno applicazione nei confronti dell aggiudicatario in qualsiasi ipotesi di ritardo nella ultimazione e consegna del servizio e delle forniture correlate e dunque anche nell ipotesi in cui l aggiudicatario invochi a giustificazione del ritardo la sussistenza di cause di forza maggiore. 3. L applicazione delle penalità dovrà essere preceduta da regolare contestazione dell inadempienza a cura del responsabile comunale del servizio; le penalità ed ogni altro genere di provvedimento del Committente sono notificate alla Ditta aggiudicataria in via amministrativa. 4. L aggiudicatario avrà la facoltà di presentare le sue controdeduzioni, per iscritto, entro e non oltre 10 giorni dalla notifica della contestazione. 5. L Amministrazione comunale provvederà al recupero delle penalità mediante ritenuta diretta sulla cauzione. 6. La richiesta e/o il pagamento della penale non esonera in alcun caso dall'adempimento dell'obbigazione per la quale l'appaltatore si è reso inadempiente e che ha fatto sorgere l'obbligo di pagamento della medesima penale. ART. 29 Cause di risoluzione del contratto 1. L'Amministrazione si riserva la facoltà di procedere alla risoluzione del contratto, previa diffida ad adempiere ai sensi degli artt e 1454 del Codice Civile, in caso di inadempimento alle obbligazioni assunte con il presente appalto. 2. L Amministrazione comunale ha facoltà, anche in deroga agli artt C.C., di promuovere la risoluzione del contratto per inadempimento, ai sensi dell art del C.C., con incameramento automatico della cauzione e senza pregiudizio di ogni altra azione per rivalsa dei danni subiti dall amministrazione stessa, nelle seguenti ipotesi: 17

18 a) Cessione, anche parziale, del contratto o subappalto. b) Gravi violazioni contrattuali, anche non reiterate, che comportino il pregiudizio della sicurezza e della salute degli utenti e dei lavoratori addetti al servizio. c) Mancato rispetto degli obblighi assicurativi, previdenziali ed assistenziali nei confronti del personale dipendente. d) Mancato rispetto dei contratti collettivi giudizialmente e definitivamente accertato. e) Accertata colpevolezza per reati di evasione fiscale o frode. f) Fallimento, messa in liquidazione od apertura di altra procedura concorsuale. g) Ogni altra inadempienza o fatto, non espressamente contemplati nel presente articolo, che rendano impossibile la prosecuzione dell appalto, ai sensi dell art del C.C. h) Applicazione di penali di importo complessivo superiore al 5% del corrispettivo a base d asta. 3. In tali casi l amministrazione comunale potrà risolvere di diritto il contratto comunicando alla ditta, con Raccomandata A.R., di volersi avvalere della clausola risolutiva espressa ed indicando la data dalla quale la risoluzione produrrà i propri effetti. 4. La risoluzione avrà effetto immediato nei casi di particolare gravità e pregiudizio del servizio. ART. 30 Stipula del contratto, spese e oneri contrattuali e presa in carico del servizio 1. La stesura del contratto avverrà in forma pubblica amministrativa a cura dell ufficiale rogante della Amministrazione aggiudicatrice. 2. Tutte le spese di contratto, di registrazione ed ogni altra spesa accessoria e dipendente sono a carico dell Impresa aggiudicataria, che sarà invitata per iscritto ad effettuare prima della sottoscrizione idoneo deposito in conto spese. 3. La stipula del contratto è subordinata: - all'accertamento dei requisiti previsti dalla vigente normativa antimafia in capo all'impresa aggiudicataria; - alla regolarità della dichiarazione unica di regolarità contributiva (D.U.R.C.); - alla prova documentale dei requisiti previsti per l accesso alla gara e precedentemente autocertificati, sulla base di quanto richiesto dall Amministrazione comunale; - alla consegna di copia dei contratti di lavoro del personale impiegato per le attività oggetto dell appalto; - alla costituzione della cauzione di cui all art. 17 del presente disciplinare e art. 20 del capitolato speciale; - all accertamento della stipulazione della polizza assicurativa di cui all art. 22 del capitolato speciale d appalto; - al versamento delle spese contrattuali; 4. Costituiscono parti integranti del contratto anche se non verranno materialmente allegati: - l'offerta dell'impresa e la relativa documentazione tecnica; - il presente capitolato ed inerenti allegati, firmati per accettazione. 5. Ove necessario in relazione alle modalità di svolgimento del servizio e della fornitura, al contratto di appalto verrà allegato il Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza (D.U.V.R.I.), previsto dall art. 26 comma 3 del D.Lgs. n. 81/2008 e redatto a cura del committente. 6. Qualora la verifica dei requisiti dichiarati dia esito negativo, si procederà ad aggiudicare l appalto alla ditta che segue nella relativa graduatoria. 7. La stipula avrà luogo entro 90 gg dalla aggiudicazione definitiva. Le attività comprese nell appalto potranno essere avviate anche in pendenza di stipulazione del contratto, a semplice richiesta della stazione appaltante, successivamente all aggiudicazione definitiva e all adempimento di quanto di competenza di questo ente ART. 31 Rinvio a norme di legge 1. Per tutto quanto non espressamente citato nel presente capitolato, è fatto rinvio al Codice Civile, nonché a tutte le disposizioni di legge e regolamentari vigenti nelle materie oggetto dell appalto. ART. 32 Controversie: foro competente 1. Tutte le controversie che dovessero insorgere tra l Amministrazione appaltante e la ditta aggiudicataria e che non possano essere risolte in via amministrativa, vengono deferite al Giudice ordinario. 18

19 2. Il Foro competente è quello di Parma. ART Domicilio della ditta aggiudicataria 1. Agli effetti di legge, la Ditta aggiudicataria elegge il suo domicilio presso la sede del Municipio in Noceto, Piazzale Adami, 1. 19

20 PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLA PIATTAFORMA TECNOLOGICA SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DEL COMUNE DI NOCETO INDICE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO ART. 1 Oggetto dell appalto...1 ART. 2 Termine e tempi di esecuzione del servizio...2 ART. 3 Modalità di determinazione del corrispettivo...2 ART. 4 Luoghi di svolgimento dell appalto...2 ART. 5 Descrizione delle prestazioni oggetto dell appalto...2 ART. 6 Risorse cartografiche disponibili...3 ART. 7 Dotazione hardware del Comune di Noceto...4 ART. 8 Dotazione software del Comune di Noceto...4 ART. 9 Caratteristiche tecniche minime del software di gestione del S.I.T...4 ART. 10 Descrizione dei moduli applicativi...8 ART. 11 Servizi connessi alla fornitura del software...9 ART. 12 Termini di consegna e cronoprogramma...10 ART Criteri di valutazione dell offerta...10 ART. 14 Responsabile del servizio e referente per l Amministrazione e l aggiudicatario...13 ART. 15 Osservanza dei contratti collettivi di lavoro e delle leggi in materia di lavoro...13 ART Contratto di licenza d uso dei programmi...14 ART Brevetti industriali e diritti d autore...14 ART Obblighi di riservatezza e segretezza...14 ART Collaudo...14 ART. 20 Cauzione definitiva...14 ART. 21 Oneri a carico dell Amministrazione comunale...14 ART. 22 Obblighi e responsabilità dell aggiudicatario e polizze assicurative...15 ART. 23 Contingenti minimi del personale...15 ART. 24 Rispetto delle norme in materia di sicurezza sul lavoro...15 ART. 25 Norme in materia di privacy...16 ART. 26 Fatturazione e pagamenti...17 ART. 27 Cessione del contratto e subappalto...17 ART. 28 Inadempienze contrattuali e penalità...17 ART. 29 Cause di risoluzione del contratto...17 ART. 30 Stipula del contratto, spese e oneri contrattuali e presa in carico del servizio...18 ART. 31 Rinvio a norme di legge...18 ART. 32 Controversie: foro competente...18 ART Domicilio della ditta aggiudicataria

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

AVCP Generatore di XML

AVCP Generatore di XML AVCP Generatore di XML Perché è necessario... 2 Come Funziona... 3 Appalto... 3 Indice... 5 Anagrafiche... 6 Lotto... 7 Partecipanti... 9 Partecipante in Solitario (Partecipante)... 9 Partecipante in Raggruppamento...

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 1/5 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 Descrizione RdO Servizio ordinario di pulizia CIG ZDD118457B CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna REALIZZAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE (SITR) DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

Regione Autonoma della Sardegna REALIZZAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE (SITR) DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza Edilizia Servizio della Pianificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Verbale consegna lavori in via d urgenza

Verbale consegna lavori in via d urgenza Mod. ATE.03.03 Pag.1 di pag 5 AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VERONA Finanziamento: Lavori: per la realizzazione di....in Comune di Importo lavori di appalto: Affidamento

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli