Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento"

Transcript

1 Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Sezione A (Obiettivi di Ricerca del Dipartimento) Quadro A1 (Dichiarazione degli obiettivi di ricerca del Dipartimento) o Settori di ricerca nei quali opera il Dipartimento: Il Dipartimento di Economia e Management opera nei settori scientifico disciplinari della Macro Area 13. Gli obiettivi di ricerca, nell ambito di ogni singolo settore, sono i seguenti: SECS-P/01 ECONOMIA POLITICA Le ricerche svolte in questo settore hanno come oggetto quello di spiegare teoricamente i fenomeni economici a livello micro-economico e macro-economico. Tali ricerche hanno come obiettivo quello di servire come fondamento analitico per le indagini applicate e per gli interventi nel campo della politica economica e dell economia pubblica. Le principali aree di ricerca nell ambito del Dipartimento sono la teoria del consumatore, della produzione e dell impresa, dei mercati non concorrenziali; la teoria dei giochi, la teoria dei contratti e l economia comportamentale; l economia matematica; l economia ecologica, delle risorse naturali e dello sviluppo; l economia del risparmio e della popolazione, la teoria dell economia internazionale; la teoria della crescita, della distribuzione del reddito e della ricchezza. SECS-P/02 POLITICA ECONOMICA L attività scientifica in questo settore ha per oggetto gli obiettivi, gli strumenti ed i modi di intervento dello Stato, delle Banche Centrali nonché di altre Autorità indipendenti, sia nazionali che sovra-nazionali. I principali campi di ricerca sono costituiti dallo studio, anche comparato, delle politiche monetarie e di bilancio; delle politiche del mercato del lavoro e dell istruzione; delle politiche internazionali e del loro coordinamento; delle funzioni e del ruolo delle istituzioni economiche. SECS-P/03 SCIENZA DELLE FINANZE La ricerca in questo settore riguarda lo studio del settore pubblico dell economia e delle sue interazioni con quello privato, condotto soprattutto mediante l applicazione dell analisi economica, anche in chiave comparata. Tematiche di ricerca sono la giustificazione e la valutazione dell intervento pubblico in economia, l organizzazione della Pubblica amministrazione, le politiche di bilancio e/o di regolamentazione, l imposizione tributaria e lo studio della sua incidenza, la fornitura, produzione e finanziamento dei servizi pubblici. SECS-P/04 STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO Per quanto riguarda i contenuti, la ricerca in questo settore ha come obiettivo principale la ricostruzione dello sviluppo nel tempo delle teorie e delle idee economiche, analizzate nel contesto scientifico culturale in cui sono state formulate; la trasmissione del sapere economico attraverso l insegnamento, le pubblicazioni e la partecipazione alle associazioni scientifiche; le interrelazioni tra le teorie e le visioni del sistema economico e i progetti e le realizzazioni di politica economica, con speciale riguardo alla specificità del pensiero economico italiano nel più ampio contesto internazionale. Per quanto riguarda il metodo, la ricerca si fonda sulla padronanza degli strumenti analitici, interpretativi e filologici necessari a collocare i problemi e i personaggi studiati nella loro prospettiva storica.

2 SECS-P/05 ECONOMETRIA La ricerca in questo settore riguarda lo studio e l applicazione dei metodi quantitativi per l analisi dei fenomeni economici. La principale area di ricerca nell ambito del Dipartimento ha per oggetto le metodologie econometriche di analisi delle serie storiche; più specificatamente: problemi di stima e specificazione dei modelli dinamici, non stazionarietà delle serie storiche, cointegrazione, modelli autoregressivi vettoriali cointegrati, previsione e funzioni impulso-risposta nei modelli dinamici regime switching. La ricerca è rivolta anche al settore dell econometria applicata riguardando l elaborazione e la stima di modelli macroeconometrici di settore e modelli di valutazione dei mercati finanziari. SECS-P/06 ECONOMIA APPLICATA Il settore di ricerca riguarda la struttura economica e dei mercati con particolare riferimento alle aree geografiche, ai settori produttivi e industriali e all evoluzione demografica. Le principali aree di ricerca sono l economia e l organizzazione industriale, lo studio dei mercati non competitivi, l interazione tra settori industriali e mercato del lavoro, i processi e i problemi territoriali dello sviluppo e della localizzazione delle imprese, l economia delle nuove tecnologie e dell innovazione. SECS-P/07 ECONOMIA AZIENDALE L attività scientifica si concentra su temi riguardanti: la strategia e le politiche aziendali, la responsabilità sociale e la sostenibilità, i principi contabili nazionali ed internazionali, la valutazione d azienda, la revisione aziendale, il controllo di gestione, il risk management, l internal auditing, l analisi dei costi, la revisione contabile e la storia della ragioneria. Gli argomenti di ricerca sono sviluppati sia in maniera trasversale sia facendo riferimento a specifici settori o categorie di aziende. SECS-P/08 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE L attività di ricerca ha per oggetto aziende di produzione di beni e servizi, sia con riferimento al sistema d'impresa e alle aree funzionali di esso, sia a settori di attività industriale, commerciale e dei servizi. Più in particolare i temi di ricerca riguardano il trasferimento tecnologico, il comportamento del consumatore, le ricerche di mercato, la responsabilità sociale d impresa, i distretti industriali, le reti, l internazionalizzazione delle aziende, la gestione delle relazioni con il cliente, il marketing management. SECS-P/09 FINANZA AZIENDALE Gli ambiti di ricerca riguardano, oltre alla finanza aziendale nazionale ed internazionale propriamente dette, l analisi finanziaria dei flussi monetari delle imprese, i finanziamenti d azienda, la finanza straordinaria, la gestione dei rischi finanziari nell'ottica delle aziende, l'allocazione delle risorse finanziarie nell ottica della creazione di valore, la finanza immobiliare e la gestione delle posizioni finanziarie attive degli operatori. La ricerca si svolge in maniera trasversale e pervasiva rispetto alle altre funzioni aziendali, sia in termini di informazioni rilevanti che di processi decisionali. SECS-P/10 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE L attività di ricerca ha per oggetto le problematiche di progettazione, implementazione e conduzione delle strutture e dei sistemi operativi connessi ai comportamenti delle persone nell organizzazione di aziende di qualunque tipo (profit, non profit, industria, servizi, professioni) che operano sotto il vincolo di efficienza e di efficacia. Gli studi concernono le forme e i meccanismi organizzativi che realizzano a livello strutturale il coordinamento tra unità specializzate; la traduzione organizzativa delle strategie e la gestione del cambiamento organizzativo; l organizzazione del lavoro e dei processi operativi per la produzione di beni e servizi; i ruoli e compiti degli individui e dei gruppi di lavoro; l organizzazione dei sistemi

3 informativi, il loro impatto sui comportamenti individuali e di gruppo e sulle relazioni tra unità organizzative interne ed esterne; la gestione delle risorse umane e sistemi di incentivazione e controllo; l evoluzione delle forme, delle popolazioni organizzative e degli strumenti teorici elaborati per spiegarne e prevederne comportamenti e prestazioni. SECS-P/11 ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI L attività di ricerca si concentra su temi riguardanti la struttura e il funzionamento del sistema finanziario, quale insieme organizzato di intermediari, strumenti e mercati finanziari. Oggetto di attenzione sono i modelli di comportamento economico, gestionale ed operativo degli intermediari bancari, assicurativi, mobiliari; i modelli e le tecniche di gestione dei rischi finanziari, creditizi ed assicurativi; l analisi dei fabbisogni finanziari delle imprese e le modalità della loro copertura; le caratteristiche e le tecniche delle operazioni bancarie; modelli, valutazione e pricing degli strumenti finanziari; l analisi di efficienza dei sistemi e dei mercati finanziari. SECS-P/12 STORIA ECONOMICA L attività di ricerca in questo settore mira ad offrire un contributo al sapere economico per affrontare e interpretare i processi formativi nei campi della storia dell agricoltura, dell'industria, della finanza, del commercio, dei trasporti, della storia dell impresa, del lavoro e della popolazione. Le principali aree di ricerca nell ambito del Dipartimento sono Storia della banca e del credito; storia dei sistemi finanziari, della finanza di impresa e della finanza pubblica in Italia tra XIX e XX secolo; storia e sviluppo dell'industria della seta, mercantilizzazione dell agricoltura, commercio e mercati, e politica industriale dell Italia nel XIX e XX secolo; storia dell industria e dell impresa; innovazione e cambiamento tecnologico nel contesto normativo-istituzionale italiano del XIX secolo, la finanza pubblica preunitaria ( ) con particolare riguardo al Granducato di Toscana e storia dell industria cinematografica nel Ventennio fascista. Storia dei consumi in età moderna e contemporanea, storia ed economia dell industria della moda italiana nel XIX e XX secolo ed economia e mercato dell arte in Italia tra XVIII e XIX secolo. SECS-P/13 SCIENZE MERCEOLOGICHE il settore svolge ricerche sull etichettatura dei prodotti alimentari, l applicazione dei claim nutrizionali e salutistici con particolare riferimento alla tutela del consumatore, sul tema della responsabilità sociale e la correlazione tra l adozione di strumenti etici e i riflessi sull economicità di impresa (business case) e sull impiego delle risorse nei cicli produttivi, sulle tecnologie di produzione e di trasformazione nonché sulle implicazioni che hanno sulla qualità e sull ambiente (inclusi i sistemi di gestione e certificazione di qualità e ambientali). SECS-S/01 STATISTICA L attività scientifica in questo settore si svolge principalmente nei seguenti campi: campionamento statistico e metodi per l analisi dei dati di indagine statistica, con particolare riferimento alla stima per piccole aree, modelli statistici robusti e statistiche robuste, modelli lineari e non-lineari ad effetti misti, modelli statistici per lo studio della non risposta nelle indagini telefoniche e via Internet, modelli per la statistica spaziale, metodi statistici per l analisi dei dati territoriali, modelli statistici per l analisi dei Big Data. Per ciascuno di questi filoni, l attività di ricerca ha coniugato gli aspetti teorici con quelli applicativi (per esempio: analisi di dati della povertà in Italia con riferimento anche alle parità del potere di acquisto; analisi di dati da indagini su produzione di aziende agricole). SECS-S/03 STATISTICA ECONOMICA L attività di ricerca consiste nell applicazione di metodi statistici per la misura e l analisi di fenomeni economici, sia macro che micro. In ambito macro, l attività riguarda i seguenti temi: la misura della sostenibilità mediante indici compositi, la stima del reddito da attività economica

4 sommersa nell ambito dei conti nazionali, la stima di indicatori per la caratterizzazione dei sistemi di welfare locale, la valutazione dell impatto economico, sociale ed ambientale della spesa per la ricerca in agricoltura. In ambito micro, le applicazioni principali riguardano l integrazione di dati individuali su redditi e consumi (da indagine e da archivi amministrativi) per la costruzione di conti satellite sulle famiglie e lo studio del comportamento economico delle aziende familiari quotate in borsa. Infine, un tema di ricerca affrontato a livello sia micro che macro è quello della misura del benessere. SECS-S/04 DEMOGRAFIA La ricerca del dipartimento in questo settore è orientata alle dinamiche di popolazione ed alla loro modellazione matematica, con attenzione principale alle dinamiche di trasmissione e controllo delle malattie infettive. Applicazioni recenti riguardano: l impatto dei cambiamenti demografici su contatti e trasmissione di infezioni, le dinamiche dei processi di boosting con applicazioni alla varicella ed herpes zoster, la misurazione dei contatti sociali, il ruolo del comportamento nell influenzare le dinamiche delle infezioni. SECS-S/05 STATISTICA SOCIALE Una parte dell attività di ricerca rilevante per questo settore riguarda la stima di indicatori di povertà e condizioni di vita, sia in ottica unidimensionale che multidimensionale. Particolare attenzione viene riservata al dettaglio geografico della stima, per consentire il confronto tra gli indicatori all interno delle macro-aree e regioni italiane, e all ambito socio-economico, con la produzione di indicatori delle condizioni di vita dei bambini, delle famiglie con capofamiglia donna. Altre aree di interesse riguardano la misura della sostenibilità mediante indici compositi e la misura del benessere sia a livello macro che micro. SECS-S/06 METODI MATEMATICI DELL ECONOMIA E DELLE SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE Le ricerche svolte in questo settore hanno carattere interdisciplinare con connessioni sia con le discipline economiche che con quelle aziendali. I principali temi di ricerca sono l ottimizzazione matematica scalare e vettoriale, la concavità generalizzata scalare e vettoriale, la programmazione nonlineare, la Data Envelopment Analysis, i metodi computazionali per la finanza, la programmazione stocastica, la programmazione large dimension, la programmazione dinamica nonlineare, i processi stocastici applicati alla finanza ed alla teoria del portafoglio, le martingale e le loro evoluzioni, l analisi quantitativa dei fondi pensione e dei modelli assicurativi.

5 o Obiettivi di ricerca pluriennali del Dipartimento Gli obiettivi primari della ricerca del Dipartimento per il triennio , in coerenza con gli obiettivi strategici della ricerca nel Piano Strategico e con le Politiche di Qualità dell'ateneo, sono: 1. Consolidare e/o migliorare la produzione e la qualità scientifica del Dipartimento; 2. Sostenere le ricerche di gruppo dipartimentali e interdisciplinari anche nell ottica di partecipazione a bandi competitivi; 3. Aumentare le collaborazioni con enti pubblici e privati nazionali ed esteri per iniziative comuni nei settori di ricerca del Dipartimento. L obiettivo 1 sopra definito verrà monitorato annualmente dalla Commissione Scientifica di Area 13 dell Ateneo, nell ambito della valutazione annuale della ricerca. Più in generale, la supervisione e il monitoraggio degli obiettivi pluriennali sarà realizzata tramite opportune modalità e procedure stabilite nell ambito della Giunta di Dipartimento. o Modalità di realizzazione degli obiettivi primari (azioni) e modalità del loro monitoraggio per l anno di riferimento Nella tabella seguente sono sintetizzati gli obiettivi con le conseguenti azioni e il relativo monitoraggio: Tabella 1 Obiettivo 1: Consolidare e/o migliorare la produzione e la qualità scientifica del Dipartimento Monitoraggio Riesame 2015 Scadenza obiettivo 2017 Azioni Azione 1.a Consolidare e aumentare il numero e la qualità di pubblicazioni di ricerca su riviste nazionali/internazionali e di monografie, anche con co-autori stranieri Indicatori/monitoraggio A. Numero di pubblicazioni di articoli di ricerca su riviste nazionali e internazionali (anche con co-autori stranieri), tenendo anche conto delle classificazioni stabilite dall ANVUR e dalle società scientifiche di riferimento B. Numero di monografie pubblicate presso editori nazionali ed internazionali riconosciuti (anche con co-autori stranieri), tenendo anche conto, là dove possibile, delle classificazioni stabilite dall ANVUR e dalle società scientifiche di riferimento Azione 1.b Consolidare il numero degli interventi a convegni, workshops, seminari di studio Azione 1.c Consolidare e sviluppare gli strumenti atti a diffondere informazioni sull attività di ricerca del Dipartimento A. Numero di partecipazioni a conferenze o seminari presso convegni, workshops, schools e seminari di studio A. Numero di discussion papers pubblicati e disponibili on-line B. Numero di progetti di ricerca su cui sono

6 (potenziamento dell area del sito web dedicata alla ricerca; pubblicazioni on-line; informazioni su progetti di ricerca del Dipartimento) disponibili on-line informazioni C. Potenziamento del sito web di Dipartimento con specifico riferimento alle sezioni dedicate alla ricerca e presentazione anche in inglese di tali sezioni Obiettivo 2: Sostenere le ricerche di gruppo dipartimentali e interdisciplinari anche nell ottica di partecipazione a bandi competitivi Monitoraggio Riesame 2015 Scadenza obiettivo 2017 Azioni Azione 2.1 Assistere i ricercatori nella partecipazione e la presentazione di progetti di ricerca per bandi competitivi regionali, nazionali e internazionali Indicatori/monitoraggio A. Numero di progetti presentati e/o finanziati per bandi competitivi Azione 2.2 Incentivare i docenti delle diverse aree disciplinari del Dipartimento a svolgere e a partecipazione a workshop, convegni oltre che ai cicli di seminari e ai lunch seminars del Dipartimento Azione 2.3 Attivazione di assegni e borse di ricerca finanziati in Dipartimento A. Numero partecipazioni a workshop e convegni B. Numero di seminari, anche aventi carattere di interdisciplinarietà C. Numero di relatori e partecipanti ai seminari A. Numero di assegni e borse di ricerca finanziati in Dipartimento Obiettivo 3: Aumentare le collaborazioni con enti pubblici e privati nazionali ed esteri per iniziative comuni nei settori di ricerca del Dipartimento Monitoraggio Riesame 2015 Scadenza obiettivo 2017 Azioni Azione 3.1 Sperimentare nuovi modi per coinvolgere il tessuto socio-economico nella (ri)definizione dei diversi livelli di formazione e ricerca: laurea magistrale, dottorato, assegni di ricerca Indicatori/monitoraggio A. Numero di iniziative organizzate/accordi sottoscritti per presentare il Dipartimento e per coinvolgere e dialogare con aziende e altre realtà produttive e istituzionali Azione 3.2 Aumentare le possibilità di collaborazioni con enti o aziende pubbliche e private Azione 3.3 Aumentare i finanziamenti da parte di aziende o enti pubblici e privati, focalizzati a specifiche applicazioni all industria e ai settori produttivi in genere A. Numero di tesi e/o tirocini di ricerca per dottorandi e studenti della Laurea Magistrale presso enti o aziende pubbliche e private A. Numero di richieste di finanziamento prsentate B. Totale finanziamenti ottenuti da parte di aziende o enti pubblici e privati per: assegni di ricerca, RTD, borse di dottorato, borse e progetti di ricerca

7 Sezione B (Sistema di gestione) Quadro B1 (Struttura organizzativa del Dipartimento) La struttura organizzativa del Dipartimento per quanto concerne gli organi/funzioni di indirizzo e governo dell attività di ricerca prevede i seguenti organi: - Direttore del Dipartimento - Giunta del Dipartimento - Consiglio di Dipartimento Relativamente alla valutazione annuale dei risultati concernenti l attività di ricerca, finalizzata all attribuzione del rating scientifico di ciascun docente e all attribuzione dei fondi di Ateneo, opera la Commissione Scientifica di Area 13 (Scienze Economiche e Statistiche) composta in prevalenza da docenti appartenenti al Dipartimento, i quali sono eletti mediante votazione a livello di Ateneo. Il Dipartimento di Economia e Management è sede amministrativa del Dottorato di Ricerca in Economia Aziendale e Management dell Università di Pisa. Aderisce, inoltre, ai seguenti Centri interuniversitari e interdipartimentali di ricerca: - CICSE Centro Interuniversitario Crescita & Sviluppo Economico - CIRHTA Centro Interdipartimentale di Ricerca in Health Technology Assessment - CIRN Centro Interuniversitario di Ricerca sulla Nautica - Laboratorio di cultura digitale - Centro Interdipartimentale di cultura digitale - ASESD Centro Interuniversitario di Ricerca e Servizi sulla Statistica Avanzata per lo Sviluppo Equo e Sostenibile - Centro Interuniversitario di Ricerca e Servizi sulle Tecnologie e l Ingegneria dei Veicoli - MOVET Centro d iniziativa su Motori, Veicoli e Tecnologie Quadro B2 (Politica per l Assicurazione di Qualità del Dipartimento) L Università di Pisa programma le proprie politiche e le proprie azioni di promozione, sostegno e supporto alla ricerca che emergono dalle delibere degli Organi di Governo, in termini di scelte strategiche, adottate su base annuale e pluriennale. La Commissione Ricerca e internazionalizzazione, a composizione mista fra senato accademico e consiglio di amministrazione, ha nella specifica materia compiti consultivi ed istruttori nei confronti degli Organi. Il fine ultimo è quello di sviluppare e diffondere una vera e propria cultura della valutazione, stante l importanza sempre crescente attribuita a tale attività e ai suoi processi dalle politiche legislative e ministeriali. Il Dipartimento di Economia e Management opera in linea con il perseguimento delle Politiche di qualità dell Ateneo. Con riferimento al monitoraggio e alla valutazione della qualità della ricerca del Dipartimento, questa avviene annualmente ad opera della Commissione Scientifica di Area 13, con l attribuzione del rating scientifico a ciascun docente che ne determina l assegnazione dei fondi di Ateneo. Più specificatamente, in relazione ai seminari svolti periodicamente nell ambito del Dipartimento e alla Collana dei Discussion Papers del Dipartimento, sono anche presenti, rispettivamente, la Commissione seminari e il Comitato Scientifico della Collana dei Discussion Papers che ne assicurano gli adeguati standard qualitativi.

8 Quadro B3 (Riesame della Ricerca Dipartimentale) Il primo esercizio autovalutativo di riesame nell anno 2014 viene effettuato in relazione agli obiettivi del piano strategico di Ateneo sulla Politica della Qualità della Ricerca (PQR) e considerando pure gli esiti dell ultima VQR A tale riguardo, i punti di forza che sono emersi e che il Dipartimento intende consolidare sono i seguenti: Sviluppo delle risorse umane dedicate alla ricerca. L impegno 1 della PQR di Ateneo, indica la Promozione e sostegno della ricerca individuale. In tal senso, merita di essere rimarcato come nell ambito dei risultati della VQR per quanto concerne la politica di reclutamento (assunti o promossi nel settennio) si attesti come l Area 13 dell Università di Pisa, di cui il Dipartimento fornisce il contributo preponderante dei docenti, faccia registrare una buona performance a livello nazionale (indicatore R_mobil. Italia = 1,16; 10 su 36). Inoltre, sempre in linea con il perseguimento dell Impegno 1 di Ateneo, così come con quello dell Impegno 4 (Sostegno ai giovani ricercatori), dalla sua istituzione (settembre 2012) alla fine del 2013, il Dipartimento ha proceduto al (co)finanziamento di [da inserire] assegni di ricerca. Impegno per lo sviluppo della ricerca multi-disciplinare e dei rapporti con le imprese e il territorio. In linea con l Impegno 2 (Incentivazione della ricerca di area, interdisciplinare e integrata) e con l Impegno 10 (Incentivazione della formazioni di reti di ricerca e dei rapporti con le imprese e con il territorio) definiti nell ambito della PQR dell Università di Pisa, rilevante nel periodo considerato è stato l impegno del Dipartimento nello sviluppo della ricerca multidisciplinare, tramite anche la formazione di reti di ricerca e lo sviluppo di rapporti con le imprese e il territorio, come anche testimoniato dall elevato numero di Centri interuniversitari e interdipartimentale di ricerca a cui aderisce (si veda a tal riguardo il Quadro B1) Dottorato di ricerca. L impegno 6 della PQR dell Università di Pisa si riferisce al Sostegno dell alta formazione dottorale. In tal senso, il Dipartimento di Economia e Management costituisce la sede amministrativa del Dottorato di Economia Aziendale e Management dell Università di Pisa. Il dottorato di Economia Aziendale e Management intende sostenere la competitività e l occupazione, valorizzando le eccellenze del sistema universitario, con particolare riferimento ai processi di internazionalizzazione ed ai nuovi modelli di innovazione manageriale, organizzativa e amministrativa nelle aree di Corporate Governance, Social Responsability, International Business, Marketing Management, Entrepreneurship and Innovation Management, Management Control, Cost Measurement, Auditing and Management Information Systems. Altri docenti del Dipartimento, inoltre, partecipano in qualità di membri del Collegio dei Docenti dei Dottorati in Economics dell Università di Siena e a quello di Statistica applicata dell Università di Firenze. Altri impegni che, con specifico riferimento ai risultati conseguiti nell ambito del processo valutativo della VQR , il Dipartimento intende realizzare per il miglioramento dei risultati della ricerca e, più in generale, il raggiungimento degli obiettivi pluriennali futuri, già definiti dettagliatamente nel Quadro A, sono: Miglioramento della qualità dei prodotti valutati nell ambito della VQR: incremento % di prodotti di classe A (eccellenti) sul totale; aumento degli indicatori di qualità della ricerca del Dipartimento rapportati a quelli complessivi di Area. Internazionalizzazione della ricerca. Anche in linea con l Impegno 5 (Promozione

9 dell internazionalizzazione della ricerca) della PQR di Ateneo, negli ultimi anni il Dipartimento sta puntando a sviluppare le relazioni con università straniere e docenti stranieri. Peraltro, alla luce dei risultati dell ultima VQR , è richiesto, e si intende realizzare, un impegno ulteriore in tale direzione, al fine di incrementare il numero delle pubblicazioni con coautori stranieri tale da migliorare il relativo indice valutato nell ambito della VQR. Finanziamenti da bandi competitivi. Come già dettagliato nel Quadro A sugli obiettivi pluriennali di ricerca del Dipartimento, si intende realizzare un impegno rilevante per incrementare i finanziamenti ottenuti tramite bandi competitivi, sia nazionali che internazionali. Oltre a rientrare nell Impegno 3 (Potenziamento della partecipazione ai progetti comunitari e ai bandi competitivi) della PQR di Ateneo, ciò è richiesto anche al fine di migliorare i relativi indicatori del Dipartimento nell ambito del prossimo esercizio valutativo della VQR.

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso

Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Schede SUA-RD 2011-2013: Istruzioni per l Uso Breve Introduzione Questo è un documento di lavoro per la composizione delle schede SUA-RD 2011, 2012 e 2013. In questa prima sezione vengono rapidamente ricapitolate

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

La valutazione dei corsi di dottorato

La valutazione dei corsi di dottorato La valutazione dei corsi di dottorato Approvato dal Consiglio Direttivo nella seduta del 15 Dicembre 2014 1 Premessa Questo documento illustra i criteri e gli indicatori che l ANVUR intende utilizzare

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO

AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO AUTOVALUTAZIONE, VALUTAZIONE E ACCREDITAMENTO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO ITALIANO Documento approvato dal Consiglio Direttivo dell ANVUR il 09 gennaio 2013 FINALITA DEL DOCUMENTO Questo documento riassume

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA. Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Università degli studi di Roma Foro Italico 2014-2016 Approvato nel Consiglio di Amministrazione del 22 Gennaio 2014 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto

Urban Farming: Second Use of Public Spaces. Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking. Scheda progetto Urban Farming: Second Use of Public Spaces Sviluppare progetti per il recupero urbano Entrepreneurial thinking Scheda progetto CSAVRI - Centro Servizi di Ateneo per la Valorizzazione della Ricerca e Incubatore

Dettagli

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto

L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con. sede legale in Frazione Pollenzo - Bra (CN) e rappresentata in questo atto " ACCORDO QUADRO DI COLLABORAZIONE TRA L'UNIVERSITA' DI SCIENZE GASTRONOMICHE E L'UNIVERSIT A' DEGLI STUDI DI TORINO. L'Università di Scienze Gastronomiche, nel seguito chiamata UNISG, con sede legale

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI

CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI CORSO DI LAUREA (270/2004) - STATISTICA MATEMATICA E TRATTAMENTO INFORMATICO DEI DATI - IL CORSO DI STUDIO IN CIFRE: IMMATRICOLATI 2011/2012 2012/2013 2013/2014 Iscritti I anno I volta Iscritti totali

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli