Ambiti e sistemi territoriali Un approccio esplorativo alle tematiche geospaziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambiti e sistemi territoriali Un approccio esplorativo alle tematiche geospaziali"

Transcript

1 Gerardo Massimi e Achille Serpente Ambiti e sistemi territoriali Un approccio esplorativo alle tematiche geospaziali Cartografia con Winmap Appunti sulle modalità d utilizzo degli atlanti e sui principali risultati della trasformazione nella consistenza degli addetti Versione preliminare al dicembre 2001 Spezzone di una carta dei posti letto per abitante negli esercizi turistici italiani al WP Web Serie RE 7 Laboratorio di Geografia - Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Ud A di Chieti sede di Pescara

2 2 CARTOGRAFIA CON WINMAP 4 Premessa 4 Glossario ISTAT 8 Le fonti statistiche 10 Principali elementi di valutazione della trasformazione Bibliografia 16 Utilizzo dell Atlante ATECO province 17 Riproduzione del File Abbigliamento 61 gruppi.doc 25 Utilizzo dell Atlante ATECO province monocromatico 27 Costruzione di varianti personalizzate dell Atlante ATECO province 29 Note sull indicatore demografico 34 Cartogrammi illustrativi dell indicatore demografico relativo: comuni della regione Abruzzo 36 Figura 1 Schermata d apertura del programma WinMap. 5 Figura 2 Immagine video A. 17 Figura 3 Immagine video B. 18 Figura 4 Immagine video C. 18 Figura 5 Immagine video D. 19 Figura 6 Immagine video E. 19 Figura 7 Immagine video F. 20 Figura 8 Immagine video G. 20 Figura 9 Immagine video H. 21 Figura 10 immagine video I. 21 Figura 11 Immagine video J. 22 Figura 12 Immagine video K. 22 Figura 13 Dimensione standard di un cartogramma prodotto con il programma Winmap. 23 Figura 14 La stessa immagine della figura precedente ingrandita del 175% circa. 24 Figura 15 Istogramma delle frequenze costruito a partire dalla tabella presente nel file Abbigliamento 61 gruppi. Doc. 25 Figura 16 Esempio di cartogramma monocromatico. 27 Figura 17 Esempio di cartogramma dicotomico e monocromatico della serie differenze. 28 Figura 18 Immagine a video della finestra Classi. 30

3 3 Figura 19 Immagine a video dei pulsanti Aggiungi classe ed Elimina classe. 30 Figura 20 Immagine a video della finestra Colore. 31 Figura 21 Immagine a video del pulsante Disegna mappa. 31 Figura 22 Cartogramma del comparto Costruzioni al 1991 con 6 classi. 32 Figura 23 Immagine a video della finestra Salva con nome Figura 24 Immagine a video della finestra Salva con nome Figura 25 Immagine a video della finestra Salva con nome Tabella 1 Elenco codici ISTAT dei raggruppamento di attività economica (1 cifra) 6 Tabella 2 Elenco dei codici ISTAT di categoria di attività economica (4 cifre) o ATECO 1010 Aziende di utilizzazione del bosco 7 Tabella 3 Popolazione e addetti per grandi raggruppamenti ai censimenti in Italia. 14 Tabella 4 Dati sommari sulla dinamica demografica della regione Abruzzo ai censimenti

4 4 CARTOGRAFIA CON WINMAP Premessa Gli Atlanti WinMap ATECO sono stati progettati e realizzati 1 quale supporto per l attività didattica quotidiana degli insegnamenti di Geografia, in particolare di quelli attivi presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell Università G. d Annunzio, e quale caso d esempio, per gli studenti e i laureandi in discipline geografiche, delle potenzialità nelle elaborazioni cartografiche del programma WinMap. È quest ultimo un prodotto semplice, flessibile e gratuito (schermata d apertura del programma in figura 1), disponibile nel CD-rom che contiene l Atlante, sulle cui modalità d uso non si entra nel merito, dal momento che gli eventuali utilizzatori del programma in questione possono avvalersi di uno specifico Help. Circa i contenuti dell Atlante si precisa che esso accoglie le tavole illustrative concernenti parte dei risultati più recenti e importanti conseguiti nel corso delle indagini, ancora in via di completamento, attivate per una riflessione sulla grande trasformazione conosciuta dal nostro Paese tra il censimento 1951 e il censimento 1991, due eventi emblematici della nostra storia recente. Il primo, perché effettuato all indomani delle distruzioni conseguenti all ultimo conflitto mondiale e nel pieno delle lacerazioni del tessuto sociale indotte dalla contrapposizione delle forze politiche e dalla presa di coscienza del dualismo tra Nord e Sud, ed il secondo in quanto si è svolto nel pieno di in una contingenza storica anch essa particolare, ma di segno ben diverso, per l acceso dibattito sui contenuti e sugli esiti del globalismo e degli innumerevoli localismi, le difficoltà d integrazione nel contesto della nuova Europa comunitaria, le tante ombre sul welfare, il deterioramento delle strutture demografiche, il brusco passaggio del Paese da area emigratoria ad area immigratoria. Una trasformazione siffatta, per poter essere valutata in maniera non distorta, richiede numerose chiavi di lettura e la capacità negli analisti di opporsi con successo agli orientamenti, ideologici e culturali, di parte. Evenienza, in effetti, molto frequente (la vastissima bibliografia al riguardo offre innumerevoli esempi in tutti gli ambiti disciplinari delle scienze sociali) per il fatto che, finora, la generalità dei contributi è stata 1 Il testo ripropone, con adattamenti e integrazioni, gli Appunti sulle modalità d utilizzo degli atlanti e sui principali risultati della trasformazione nella consistenza degli addetti, nel CD-rom allestito e diffuso da G. Massimi in occasione della Tavola Rotonda Cartografia e Ricerca, Cartografia e Didattica, UdA, sede di Pescara, 29 settembre (Gli Atlanti sono contenuti nella Directory Atlanti WinMap Ateco del CD-rom e sono disponibili anche nel sito web unich.it/laboratorio di geografia).

5 5 condizionata dalla mancanza di un adeguato insieme di quadri informativi, tra loro compatibili, circa i risultati rilevati in occasione dei vari censimenti che si sono succeduti tra le date estreme del 1951 e del Questa lacuna, tuttavia, è stata di recente colmata dall ISTAT con una pubblicazione specifica, corredata da un CD-rom (ISTAT, 1998), che permette la ricostruzione, seppure con alcune inevitabili limitazioni, delle trasformazioni, nel dettaglio dei comuni, delle unità locali e degli addetti nelle unità locali delle attività economiche extragricole, raggruppate in un numeroso insieme di partizioni statistiche omogenee (che saranno prospettate nelle tabelle 1 e 2 a fine paragrafo). Figura 1 Schermata d apertura del programma WinMap. È sembrato opportuno, pertanto, prima di avanzare nuove interpretazioni o confermare quelle già formulate in letteratura circa la dinamica , procedere ad elaborazioni dei dati originali ISTAT sugli addetti, in primo luogo per ordinarli sulla base di prefissati criteri, e in secondo luogo per visualizzarli tramite due tipi di cartogrammi:

6 6 come distribuzioni degli addetti nello spazio italiano, ad una certa data, o come variazioni degli stessi in un dato intervallo temporale. E poiché la consistenza degli addetti è un dato quantitativo poco illuminante, se preso in valore assoluto (il numero degli addetti nelle attività manifatturiere di una grande città, poniamo Roma, è sempre più elevato di quello di un piccolo comune, poniamo Maltignano, in provincia di Ascoli Piceno, senza con ciò potersi qualificare la prima quale città industriale), la consistenza è stata apprezzata in maniera sistematica, in una fase preliminare, dal grado di attività, inteso quale rapporto tra addetti e popolazione residente ad un dato censimento nelle unità di rilevamento (il comune, la provincia o la regione amministrativa) e, nella fase conclusiva, dal grado relativo rispetto all Italia (rapporto tra grado nell unità di rilevamento e grado nell intero Paese), espresso in termini percentuali in modo da far risultare sempre pari a 100 il grado proprio dell Italia. Infine, i risultati riguardanti l Italia articolata in 103 province, secondo le perimetrazioni in essere dal 1992, e l Abruzzo, nella scansione a livello comunale, sono stati cartografati in una serie di tavole realizzate tramite il programma, d uso gratuito, WinMap, con una sola differenza: nei cartogrammi dei comuni abruzzesi il grado relativo è tale in relazione alla regione Abruzzo, sempre pari a 100. Le procedure per visualizzare le tavole sono del tutto identiche sia che riguardino l Italia, articolata in province, sia l Abruzzo, suddiviso in comuni: pertanto, nel seguito si propone quale guida per il lettore soltanto l Atlante ATECO province. A tal proposito si precisa che in entrambi gli atlanti le tavole ricadono in due serie: la prima riguarda i cartogrammi illustrativi del grado relativo di una certa attività economica ad un dato censimento (sono stati cartografati tutti i censimenti nei quali l attività in questione è stata rilevata in maniera distinta); la seconda serie, invece, riguarda le differenze del grado relativo tra il censimento 1991 ed uno dei censimenti precedenti (il censimento 1961, quando possibile). Tabella 1 Elenco codici ISTAT dei raggruppamento di attività economica (1 cifra) 1 - Altre attività economiche non censite nel censimento Industrie estrattive 3 - Industrie manifatturiere 4 - Industria delle costruzioni e dell'installazione d'impianti 5 - Produzione e distribuzione di energia elettrica e di gas; distribuzione d'acqua 6 - Commercio 7 - Trasporti e comunicazioni 8 - Credito e assicurazione 9 - Attività e servizi vari

7 7 Tabella 2 Elenco dei codici ISTAT di categoria di attività economica (4 cifre) o ATECO 1010 Aziende di utilizzazione del bosco 1020 Pesca 1030 Attività connesse con l'agricoltura 1040 Attività legali, commerciali, tecniche e simili; informatica e attività connesse 1050 Ricerca e sviluppo 1060 Servizi di vigilanza e investigazione 1070 Pubblica amministrazione 1080 Istruzione 1090 Sanità 1100 Attività delle organizzazioni associative 1110 Attività culturali e sportive 1120 Altre attività produttive delle istituzioni 2010 Minerali metalliferi 2020 Minerali non metalliferi (solo per 1951) 2021 Carbon fossile, lignite e torba 2022 Petrolio greggio e gas naturale 2023 Uranio e torio 2024 Altri minerali 3010 Alimentari e bevande 3020 Tabacco 3030 Pelli e cuoio 3040 Tessile 3050 Abbigliamento e calzature (solo per 1951) 3051 Abbigliamento 3052 Calzature 3060 Legno e mobili (solo per 1951) 3061 Legno 3062 Mobili 3070 Cartotecnica 3080 Editoria e stampa 3090 Industrie foto-fono-cinematografiche (solo per 1951) 3091 Attività inerenti alla fotografia 3092 Produzioni cinematografiche e di video 3093 Riproduzione di supporti registrati 3100 Metallurgia (solo per 1951) 3101 Metallurgia 3102 Fucinatura, imbutitura, stampaggio, e profilatura dei metalli; metallurgia delle polveri 3110 Meccanica (solo per 1951) 3111 Macchine non elettriche e carpenteria metallica; fonderie di 2.a fusione 3112 Macchine elettriche e per telecomunicazione 3113 Meccanica di precisione, oreficeria e argenteria 3114 Officine per lavorazioni e riparazioni meccaniche varie 3115 Mezzi di trasporto 3120 Minerali non metalliferi 3130 Petrolchimica (solo per 1951) 3131 Chimica 3132 Petrolifera

8 Fibre tessili 3140 Gomma 3150 Plastica e altre industrie manifatturiere (solo per 1951) 3151 Plastica 3152 Altra industria manifatturiera 4010 Costruzioni 5010 Energia elettrica e gas 5020 Acqua 6010 Commercio ingrosso 6020 Commercio al dettaglio 6030 Alberghi e ristoranti 7010 Trasporti (solo per 1951) 7011 Trasporti terrestri 7012 Trasporti marittimi 7013 Trasporti aerei 7014 Attività ausiliarie dei trasporti 7020 Comunicazioni 8010 Credito 8020 Assicurazione 9010 Servizi alle imprese 9020 Attività dello spettacolo 9030 Servizi per l'igiene e la pulizia Glossario ISTAT (da ISTAT, 1998, pp ) Addetti con tale termine nel censimento del 1951 si intendeva personale, fisso o saltuario, occupato nell unità locale alla data di censimento; nel detto personale è compreso quello assente alla predetta data per servizio, licenza, malattia ; nel 1961 ci si riferiva alle forze di lavoro occupate alla data del 16 ottobre 1961 nelle unità locali, anche se provvisoriamente assenti per servizio, licenza o malattia ; nel 1971 si consideravano le persone, indipendenti e dipendenti, occupate alla data del 25 ottobre 1971 in tutte le unità locali gestite dalle imprese, anche se temporaneamente assenti per servizio, ferie, malattia, sospensione dal lavoro, ecc. ; nel 1981 venivano rilevate le persone, indipendenti e dipendenti, occupate alla data del 26 ottobre 1981, nelle unità economiche censite, anche se temporaneamente assenti per servizio, ferie, malattia sospensione dal lavoro, ecc., nel 1991 ci si riferiva alle persone indipendenti e dipendenti occupate (a tempo pieno, a part-time o con contratto di formazione e lavoro) alla data del 21 ottobre 1991, nelle unità economiche censite, anche se temporaneamente assente per servizio, ferie, malattia, sospensione dal lavoro, cassa integrazione, ecc.. Attività economica Dal 1951 al 1991 è il risultato di una combinazione di differenti risorse, quali attrezzature, lavoro, tecniche di lavorazione, prodotti che da luogo alla produzione di specifici beni o servizi. La sua classificazione è l insieme delle categorie di

9 9 attività che possono essere utilizzate nelle varie statistiche articolate secondo l attività svolta dall unità di produzione. Nel 1951 le attività economiche erano classificate in 491 categorie, raggruppate in 49 sottoclassi, 48 classi e 10 rami. Nel 1961 in 604 categorie, raggruppate in 42 sottoclassi, 70 classi e 10 rami. Nel 1971 in 581 categorie, raggruppate in 68 sottoclassi, 60 classi e 10 rami. Nel 1981 in 545 categorie, raggruppate in 274 sottoclassi, 62 classi e 10 rami. Nel 1991 in 874 categorie, raggruppate in 512 classi, 222 gruppi, 60 divisioni, 16 sottosezioni e 17 sezioni. Campo di rilevazione o di osservazione: elenco delle attività economiche che sono oggetto del censimento. Impresa o ditta: nel 1951 era definita come unità giuridico-economica costituita dall organizzazione dei fattori produttivi in funzione della produzione di beni e servizi, che fa capo ad un imprenditore il quale ne sopporta i rischi. Nel 1961 l impresa o ditta era definita come ente giuridico-economico organizzato per la produzione o vendita di beni o la prestazione di servizi. Nel 1971 come ente giuridico economico organizzato per la produzione o vendita di beni o la prestazione di servizi. Nel 1981 come organizzazione di un attività economica esercitata con carattere professionale al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi, vale a dire l ente giuridico-economico organizzato per la produzione o vendita di beni o la prestazione di servizi. Nel 1991 l impresa era definita come organizzazione di un attività economica esercitata con carattere professionale ai fini della produzione di beni o della prestazione di servizi destinabili alla vendita. Impresa unilocalizzata: dal 1951 al 1991 è definita tale l impresa che svolge la propria attività in un unica sede. Impresa plurilocalizzata: dal 1951 al 1991 è considerata tale l impresa che gestisce più unità locali. Istituzione: nel 1991 unità che ha una contabilità completa e una autonomia di decisione, la cui funzione principale è quella di produrre beni e servizi non destinabili alla vendita, finanziandosi prevalentemente o mediante prelevamenti obbligatori effettuati presso tutte le altre unità istituzionali dell economia cioè famiglie e imprese (istituzione dell Amministrazione pubblica) o mediante versamenti volontari delle famiglie e/o dei soggetti che si sono organizzati per la gestione di un interesse comune (istituzione sociale privata).

10 10 Unità locale: nel 1951 era considerata tale l impianto o corpo di impianti situati in un dato punto del territorio dove la ditta effettua materialmente le attività intese alla produzione di beni o alla prestazione di servizi; ne consegue che una medesima ditta può avere una o più unità locali. Nel 1961 era definita tale l impianto (o corpo di impianti) situato in un dato luogo e variamente denominato (stabilimento, laboratorio, miniera, bottega, negozio e simili) in cui viene effettuata la produzione o vendita di beni o la prestazione di servizi. Nel 1971 è l impianto (o corpo di impianti) situato in un dato luogo, in cui si svolgono una o più attività economiche. Nel 1981 è l impianto (o corpo di impianti) situato in un dato luogo, in cui si svolgono una o più attività economiche. Nel 1991 è il luogo variamente denominato (stabilimento, laboratorio, negozio, officina, ristorante, albergo, bar, ufficio, agenzia, magazzino, studio professionale, abitazione, scuola, ospedale, dogana, esattoria, intendenza, ecc.) in cui si realizza la produzione di beni o nel quale si svolge o si organizza la prestazione di servizi destinabili o non destinabili alla vendita. Unità locale per attività economica (dal 1951 al 1991), la classificazione delle unità locali per attività economica è attuata in base all attività, unica o prevalente, esercitata dall unità locale stessa, così come risultato dalla dichiarazione riportata nel questionario di censimento. Ripartizione geografica: NORD: Piemonte, Valle d Aosta, Liguria, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna; NORDOVEST: Piemonte, Valle d Aosta, Liguria e Lombardia; NORD EST: Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Emilia-Romagna; CENTRO: Toscana, Umbria, Marche e Lazio; MEZZOGIORNO: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna; SUD: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria; ISOLE: Sicilia e Sardegna. Le fonti statistiche La fonte principale è costituita dalla pubblicazione ISTAT I censimenti delle attività produttive dal 1951 al 1991(Roma, 1998) di cui si richiamano i caratteri essenziali, in quanto i criteri seguiti in essa si riflettono necessariamente nei quadri interpretativi delle provincie italiane e dei comuni abruzzesi proposti nelle tavole degli atlanti.

11 11 In primo luogo si sottolinea l importanza delle unità di rilevazione utilizzate nei censimenti delle attività produttive nel secondo dopoguerra, l impresa e l unità locale; ad esse si è aggiunta nel 1991 l istituzione sebbene già nel censimento precedente fossero state rilevate le istituzioni sociali private e il mondo dell Amministrazione pubblica. La definizione di impresa dal 1951 al 1991 è rimasta sostanzialmente identica anche se ha subito dal 1961 in poi adattamenti linguistici e precisazioni nel contenuto per adattarla alla mutevole realtà economica. L impresa comprende l organizzazione di attività economiche svolte con carattere professionale facenti capo all imprenditore che può essere sia persona fisica che giuridica. Anche il concetto di unità locale, è rimasto immutato nel tempo. Nella sua definizione sono fondamentali due elementi: l attività economica e il luogo. Il riferimento al primo elemento fa si che l unità locale venga classificata in base all attività principale svolta al suo interno, mentre il riferimento al secondo elemento, rende necessario che l unità locale sia fisicamente individuabile e collocabile sul territorio tramite il riferimento della rete stradale. Quanto al campo di osservazione, vi è da dire che dal 1951 fino ad oggi le attività oggetto di rilevazione sono aumentate fino a riguardare nel 1991 tutte le attività extraagricole. Sono ancora escluse le attività svolte in luoghi con caratteri di extraterritorialità, oppure svolte da organizzazioni religiose direttamente attinenti al culto o anche svolte senza organizzazione imprenditoriale. Nel 1951 venivano rilevate le attività estrattive, manifatturiere dell energia, gas e acqua, delle costruzioni, il commercio e gli alberghi, i trasporti e le comunicazioni, il credito e le assicurazioni; rimanevano escluse le attività agricole, la caccia, la pesca e la silvicoltura. Tale esclusione è stata rimossa già nel censimento successivo, ma solo nel 1981 si è raggiunta la totalità delle attività agricole manifatturiere, rimanendo escluse quelle agricole propriamente dette. Tra i cinque censimenti postbellici le differenze sostanziali nel campo di rilevazione riguardano i servizi sociali e i servizi alle imprese e alle famiglie. In questo senso, a partire dal 1981, sono censite tutte le attività produttive che non erano rilevate nel passato, tra le quali ad esempio, le attività della Pubblica amministrazione e delle istituzioni sociali private, l istruzione e la sanità, per le quali il perfezionamento completo è avvenuto nel censimento del Per quanto riguarda la rilevazione dei servizi alle imprese e alle persone il punto di svolta si è avuto con il censimento del 1981 quando è stata rilevata la parte più consistente e qualificante delle attività tipiche del settore. Già dal 1951 venivano rilevate una serie di micro attività dei servizi che erano classificate in settori regolarmente censiti. Una puntualizzazione anche sul computo degli addetti. Al riguardo si precisa che per l ISTAT il numero degli addetti è costituito dal personale occupato nell unità di rilevazione in termini di consistenza alla data di riferimento del censimento. Nei censimenti ci si riferisce principalmente agli addetti alle unità locali anche se sono rilevati anche gli addetti all impresa, che si ottengono per somma degli addetti di ogni singola unità locale dipendente. Gli addetti sono suddivisi in personale dipendente e indipendente. Nel primo raggruppamento sono compresi i lavoratori soggetti a particolari forme contrattuali della legislazione vigente, i lavoratori a domicilio, i lavoratori italiani

12 12 occupati all estero presso unità locali non avente sede estera stabile ma di impresa residente nel territorio economico italiano, i lavoratori non italiani residenti in Italia e occupati in impresa residente stabilmente in territorio economico italiano, i lavoratori assenti per malattia, ferie, cassa integrazione ordinaria o straordinaria. Per quanto riguarda i lavoratori indipendenti è da ricordare il rischio della duplicazione di occupazione soprattutto con riferimento al personale che svolge il lavoro indipendente a vario titolo presso diverse unità. Un problema di grande rilievo nello studio delle serie storiche risiede nella necessità di procedere in via preliminare alla normalizzazione del territorio Infatti, dato che nel corso del tempo si sono verificati numerosi cambiamenti dei confini amministrativi sia comunali che provinciali, con la soppressione di alcuni comuni o il loro cambiamento di denominazione e la creazione di nuove provincie, hanno subito variazioni anche molto frequenti i codici identificativi dei singoli comuni. Si è reso necessario per l ISTAT, così, normalizzare il sistema di codificazione tenendo conto di tutte le variazioni territoriali e di nome verificatesi negli intervalli censuari. Nella serie storica della pubblicazione originale ISTAT i comuni vengono identificati con il codice loro attribuito nel censimento del 1991 a prescindere dal codice posseduto nei singoli censimenti. Ancor più complicato è il problema della normalizzazione della classificazione delle attività economiche, conseguente al fatto che nel secondo dopoguerra in ogni censimento è stato adottato un diverso sistema di classificazione delle attività economiche, per cui si è resa necessaria la realizzazione di una nuova classificazione che li mettesse in linea. Così, la classificazione adottata dall ISTAT nella serie storica è costruita in modo da poter essere utilizzata con una certa flessibilità, presentando una maggiore disaggregazione ogniqualvolta i dati lo consentono, soprattutto a partire dal 1961, quando sono state rilevate separatamente numerose attività precedentemente comprese in aggregazioni di ordine superiore. Principali elementi di valutazione della trasformazione Gli estensori della pubblicazione ISTAT sottolineano (ISTAT, 1998, p. 31) un importante dato quantitativo: nel 1991 si è verificato il raddoppio degli occupati e delle unità locali rispetto ai valori del Bisogna notare, però, che almeno in parte il fenomeno è imputabile al mutare nel tempo del campo di osservazione, che è andato ampliandosi sempre più fino a comprendere nel 1991 tutte le attività extraagricole. Solo alcuni e limitati settori sono stati sempre censiti (industria, commercio e alberghi trasporti e comunicazioni, credito e assicurazioni, parte dei servizi alle imprese e di quelli sociali e culturali). Nei rilevamenti dei primi censimenti postbellici mancano soprattutto i dati relativi al terziario, per cui i dati disponibili non consentono analisi approfondite dei fenomeni della terziarizzazione e della deindustrializzazione.

13 13 I dati censuari permettono di osservare che tra il 1951 e il 1991 sia l occupazione che il numero di unità locali sono cresciute in ogni decennio, anche se in maniera differenziata, e con diversi rapporti reciproci. E possibile notare la diversa evoluzione dell occupazione secondo la dimensione delle imprese, dell industria manifatturiera, e tipici fenomeni verificatisi nel modello industriale italiano. Nel commercio e negli alberghi invece sono stati rilevati cambiamenti di segno diverso rispetto agli andamenti generali nazionali con crescita sempre maggiore dell occupazione e contemporanea e sempre minore crescita delle unità locali che nell ultimo decennio hanno subito addirittura una diminuzione. Quanto ai cambiamenti territoriali è indubbio che la crescita occupazionale si sia realizzata con andamenti differenziati: le maggiori percentuali di crescita rispetto a tutte le ripartizioni geografiche e in tutti i periodi intercensuali sono state rilevate per il Nord- Est, seguito dal Centro. Il Nord-Ovest ha visto, invece, percentuali di crescita sempre minori della media nazionale e decrescenti nel tempo fino alla vera e propria diminuzione registrata negli anni Ottanta. Da interpretarsi quale effetto dei cambiamenti organizzativi e strutturali dell industria manifatturiera, tra cui il ridimensionamento delle aree della grande industria del triangolo industriale Genova-Torino- Milano e la crescita dei distretti industriali nei sistemi locali. Tale evoluzione ha avuto come esito la ridistribuzione dell occupazione sul territorio, con il ridimensionamento del ruolo svolto dal Nord-Ovest e l incremento, sul fronte opposto, dell incidenza del Nord-Est e, in misura minore, delle altre aree. Varia territorialmente anche il rapporto tra quote di addetti e di unità locali e quota di popolazione; infatti, mentre nel Mezzogiorno la quota di popolazione è sempre maggiore degli altri due indicatori, nelle altre ripartizioni la situazione è opposta anche se a partire da momenti differenziati. Ai cambiamenti territoriali si affiancano nel tempo anche rilevanti mutamenti settoriali che hanno portato alla trasformazione della struttura economica nazionale, quanto meno in termini occupazionali, da industriale a terziaria. Entrambi i settori hanno registrato tra il 1951 e il 1991 un aumento degli occupati ma nel terziario la crescita è stata maggiore sia in senso globale che nei singoli periodi intercensuali, agendo come fattore trainante dell incremento dell occupazione totale, soprattutto nel primo ventennio postbellico. Al contrario, il settore secondario ha visto crescere gli addetti in misura sempre minore fino alla diminuzione registrata negli anni Ottanta. La dinamica evolutiva delle unità locali è stata molto simile a quella degli addetti, ma è da rilevare una limitata indicatività dei risultati, sia per motivi metodologici sia per l eccessiva aggregazione dei comparti. In sintesi, tra i grandi settori l unico che ha visto diminuire la sua importanza in termini di addetti e di unità locali è quello estrattivo, mentre tutti gli altri hanno incrementato il livello occupazionale con maggiore entità per il credito e le assicurazioni, le costruzioni il commercio e gli alberghi.

14 14 Considerando le diverse scansioni temporali si può osservare che i maggiori incrementi occupazionali nei singoli settori si sono distribuiti temporalmente in maniera diversificata interessando ad esempio il credito negli anni Settanta e le assicurazioni nel decennio precedente. Tabella 3 Popolazione e addetti per grandi raggruppamenti ai censimenti in Italia. Gruppi di attività altre attività economiche non censite nel censimento industrie estrattive industrie manifatturiere industria delle costruzioni e dell'installazione d'impianti 5 - produzione e distribuzione di energia elettrica e di gas; distribuzione d'acqua 6 - commercio trasporti e comunicazioni credito e assicurazione attività e servizi vari Totale addetti Idem a parità Abitanti Passando alla localizzazione delle attività produttive, è evidente come questo aspetto si dipani più facilmente tramite le nostre elaborazioni cartografiche se si tiene conto del fatto che la consistenza degli addetti nelle unità di censimento è stata sempre filtrata tramite il raffronto con il carico demografico delle singole unità di censimento e il sistematico raffronto con i sistemi territoriali (l Italia e la regione Abruzzo) in cui tali unità si collocano. Tuttavia, anche attraverso i dati censuari diretti è possibile analizzare l evoluzione delle tendenze localizzative delle attività produttive in base non solo agli aspetti tipicamente economici ma anche quelli demografici e sociali. In tal senso l ISTAT propone di misurare la presenza delle attività economiche sul territorio tramite il coefficiente di localizzazione (rapporto tra la quota di addetti al settore economico del comune in esame rispetto alla quota di addetti nazionale nello stesso settore) che esprimerebbe la diversa incidenza dell attività economica in esame sull economia comunale e su quella nazionale (ma sull efficacia e sulla correttezza del coefficiente di localizzazione si nutrono ampie riserve. In base a questo indicatore sembrerebbe che i settori maggiormente diffusi sul territorio siano quelli del Commercio, degli Alberghi e ristoranti e dell Industria delle costruzioni, anche se il massimo grado di dispersione territoriale è stato raggiunto in decenni diversi.

15 15 Per quanto riguarda i singoli settori, si annotano nel seguito le caratteristiche principali. Industria estrattiva: ha visto diminuire il suo ruolo nel tempo aumentando però la sua specializzazione localizzandosi in aree non molto industrializzate. Industria delle costruzioni: ampiamente distribuita sul territorio, è fortemente legata alle dinamiche congiunturali e a particolari fenomeni che hanno determinato la forte crescita del settore (eventi sismici in Friuli-Venezia Giulia e in Sicilia); essa rappresenta una grande possibilità occupazionale ed è molto alto il numero di comuni italiani che si possono definire specializzati in quest attività. Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua: presenta una forte riduzione del numero di comuni specializzati e limitato numero di comuni italiani con specializzazione superiore al dato medio nazionale; Il fattore di localizzazione più importante è la presenza di risorse naturali ma è alto il numero di addetti anche in alcuni grandi comuni italiani. Attività manifatturiere: il settore è stato caratterizzato nel tempo dall aumento non solo del numero dei comuni con specializzazione manifatturiera ma anche l intensità della loro specializzazione. Nel 1951 i comuni specializzati erano distribuiti su tutto il territorio nazionale e in maniera molto rilevante anche nel Mezzogiorno dove però l indice di specializzazione era molto prossimo alla media nazionale. Spiccava il Nordovest dove si rilevava il 62.9% degli addetti e dove erano presenti sia grandi che piccole e medie imprese. Il Nord-Est non svolgeva un ruolo molto significativo nell ambito della struttura industriale del Paese. Il Centro si caratterizzava per una configurazione molto variegata. Il Mezzogiorno era molto rappresentativo dato che vi si localizzava la maggiore percentuale delle unità locali italiane anche se i singoli comuni manifestavano valori di specializzazione molto simili al valore medio nazionale evidenziando la piccola dimensione dell impresa manifatturiera. Nel 1971 si osserva la crescita della specializzazione soprattutto nel Nord-Ovest e nel Centro accompagnata dall aumento nell industrializzazione del Nord-Est e nel Mezzogiorno dove si delineano comuni dove spicca la grande impresa e aree nelle quali la dimensione media è medio-piccola alcune delle quali esistevano già nel Nel 1991 si rafforza la configurazione territoriale del Il Nord-Ovest spicca come la ripartizione maggiormente industrializzata del Paese anche se con un tasso inferiore a quello del 1951 e di poco superiore a quello fatto registrare dal Nord-Est che è approssimativamente raddoppiato. Anche il Centro, dove si è delineata la direttrice adriatica allo sviluppo economico, ha registrato una forte crescita del tasso di industrializzazione che però si colloca a metà strada tra il Nord e il Mezzogiorno dove il tasso di industrializzazione è inferiore alla media nazionale dato che i poli di sviluppo realizzati durante gli anni Settanta e Ottanta hanno manifestato una scarsa capacità attrattiva delle iniziative locali, nonostante si siano evidenziati comuni forti nei distretti industriali di recente formazione. I servizi al consumatore: nell ambito di tale settore vengono considerati i dati rilevati con riferimento al Commercio e Alberghi e ristoranti; esso nel 1951 era

16 16 capillarmente distribuito su tutto il territorio nazionale con maggiore prevalenza lungo le linee delle dorsali alpine e appenniniche, e sulle isole e nelle regioni del Nord. Nel 1971 è diminuita l intensità della specializzazione e anche il numero dei comuni con coefficiente di concentrazione maggiore della media nazionale, soprattutto al Nord dove emergono i comuni del Trentino-Alto Adige e quelli dell arco alpino mentre sono ancora molto numerosi i comuni meridionali dove il settore è molto rappresentato. Il Centro invece assume caratteristiche intermedie tra Nord e Sud. La distribuzione territoriale del settore è di tipo complementare rispetto a quella dell industria manifatturiera: i comuni maggiormente specializzati in quest ultima sono concentrati nell Italia settentrionale e centrale e assenti al Sud mentre i servizi al consumatore sono più diffusi nell Italia meridionale e nei pressi delle aree forti del Settentrione e dell Italia centrale. La spiegazione di tale fenomeno risiede nelle carenze strutturali economiche del Meridione e anche nella forte specializzazione industriale dei comuni settentrionali. Nel 1991 diminuisce ulteriormente il numero dei comuni specializzati e l intensità di tale specializzazione. I comuni con maggiore concentrazione si localizzano lungo l arco alpino le coste e le isole facendo così emergere non solo la connotazione turistica del settore ma anche il ruolo fondamentale in termini di addetti del commercio al dettaglio. Credito e assicurazioni: il settore, di importanza relativa per numero di addetti e di unità locali, presenta la stessa configurazione territoriale in tutti i decenni di rilevamento, con pochi comuni specializzati e con intensità media non significativa. Spiccano nel tempo i capoluoghi di provincia e i grandi comuni italiani, necessitando questo settore di infrastrutture, facilità di comunicazioni, centralità territoriale e consistenza degli operatori. Trasporti: Il settore ha presentato un assetto localizzativo quasi costante nel tempo per il ruolo egemone svolto da alcuni grandi comuni del Centro, ma ha manifestato anche, soprattutto negli ultimi decenni, il forte sviluppo della direttrice appenninica. Il comparto caratterizza anche quei comuni, anche relativamente piccoli, ma dotati di particolari configurazioni infrastrutturali, come gli aeroporti. Bibliografia GUARINI R., Il censimento come strumento conoscitivo dell Italia produttiva: validità e limiti, in Atti della Tavola Rotonda su Mutamenti e prospettive in Italia dopo il censimento: problemi dell industria, in Economia italiana, Roma, 1983, n. 2. ISTAT, I censimenti delle attività produttive dal 1951 al 1991, Roma, LORENZINI F., La geografia dell industrializzazione manifatturiera in Italia secondo i dati del censimento dal 1951 al 1991, in Sviluppo locale, 1998, n. 8, pp

17 17 Utilizzo dell Atlante ATECO province La visualizzazione di un particolare cartogramma, tra i tanti raccolti nell Atlante, è operazione molto semplice, dopo aver preventivamente installato il programma WinMap, se si seguono queste indicazioni: Aprire il programma WinMap e selezionare prima il menù File e poi il comando Apri Cartogramma con un clic del mouse; oppure premere il pulsante (evidenziato dal circolo in colore bianco in figura 2B) corrispondente nella barra degli strumenti. A B Figura 2 Immagine video A.

18 18 Figura 3 Immagine video B. Cercare la directory Atlante Ateco nel CD rom o nel proprio disco fisso (se tale directory è stata copiata) e aprire la subdirectory in cui compare l attività economica della quale si desidera il cartogramma (figura 3). In merito si precisa che sono presenti per le Ateco due gruppi di subdirectory: quelle in cui compare la lettera B riguardano le differenze del grado relativo; quelle in cui non compare la lettera B riguardano il grado relativo ad un dato censimento; in complesso sono presenti 18 directory. L Atlante contiene, inoltre, la subdirectory Indicatore popolazione in cui sono stati raccolti i cartogrammi illustrativi della crescita relativa della popolazione con base 1951 pari a 100. Quale esempio concreto si prende in esame il comparto manifatturiero dell Abbigliamento al censimento 1961: in tal caso si deve aprire la subdirectory ateco 3 (figura 4) e poi cliccare due volte su Abbigliamento 1961.sac. Nella schermata del programma appaiono tre finestre (figura 5): la finestra con il cartogramma, la finestra delle classi e la finestra dei dati (quest ultima in parte coperta dalle precedenti). A questo punto è possibile visualizzare (figura 6) l Anteprima di stampa per procedere alla stampa del cartogramma, oppure copiare il suddetto negli Appunti o salvarlo in un file grafico. Le tre operazioni (anteprima, copia, salva) si possono effettuare dal menù Mappa oppure cliccando con il tasto destro del mouse nella finestra del cartogramma. Figura 4 Immagine video C.

19 19 Figura 5 Immagine video D. Figura 6 Immagine video E. Laddove interessi l anteprima di stampa, dopo aver scelto il menù Mappa e cliccato sul comando ad essa corrispondente (oppure cliccato sul pulsante), si apre una

20 20 nuova finestra (figura sette), che permette di impostare il Fattore di scala o di procedere direttamente alla stampa; si tenga presente che il fattore di scala 100 comporta una rappresentazione che copre gran parte di un foglio del formato A4. Figura 7 Immagine video F. Se, invece, sembra più importante salvare il cartogramma in vista di una sua utilizzazione futura, dopo aver selezionato il sottomenù Salva immagine (figura 8), è necessario scegliere il formato grafico tra un file di tipo BMP e un file di tipo WMF. Quest ultimo è un formato grafico vettoriale (Windows MetaFile) da preferirsi perché occupa poco spazio e può essere ridimensionato, senza che l immagine perda di definizione. Figura 8 Immagine video G.

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne

Cooperative: 70mila quelle attive, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20% sono donne Unione Italiana delle Camere di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura c o m u n i c a t o s t a m p a Cooperative: 70mila quelle, quasi la metà al Sud A guidarle 360mila amministratori: il 20%

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento

Foglio1. Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Alberghiere 384570 Agrigento Totale Complementari 51828 Agrigento/Caltanissetta Totale Alberghiere 286547 Agrigento/Caltanissetta/Enna Totale Complementari 13157 Totale Alberghiere 339585 Alessandria

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

AGRIGENTO Ass. Amministrativo 584 561 23 2 ALESSANDRIA Ass. Amministrativo 332 307 25 2 ANCONA Ass. Amministrativo 451 380 71 5 AREZZO Ass. Amministrativo 337 270 67 5 ASCOLI PICENO Ass. Amministrativo

Dettagli

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002

COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 COMPARTO AZIENDE MONOPOLI DI STATO RILEVAZIONE DELEGHE 31 DICEMBRE 2002 SCHEDA N. 1 - MONOPOLI DI STATO Amministrazione Comune Provincia n. dipendenti al 31.12.2002 n. deleghe al 31.12.2002 schede da compilare

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per gli Studi, la Statistica

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011

Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 2011 GRAFICI STATISTICI Grafico 1: Distribuzione % premi del lavoro diretto italiano 211 RAMI VITA - Premi lordi contabilizzati per ramo di attività e per tipologia di premio: 73.869 milioni di euro Malattia,

Dettagli

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione

La classifica finale. classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione La classifica finale classifica finale ecosistema Urbano XXi edizione 1 Verbania 85,61% 36 Aosta 54,42% 71 Grosseto 45,88% 2 Belluno 74,49% 37 Bergamo 54,07% 72 Prato 45,51% 3 Bolzano 70,65% 38 Modena

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI REGIONE ABRUZZO Abruzzo SI SI NO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI SI NO SI Teramo SI SI DATI MARZO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI PARZIALI NO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00012 AREA: Ambiente e Territorio Settore di interesse: Ambiente Attività di soccorso svolte dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso

Dettagli

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno

CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno NOTA PER LA STAMPA Roma, 17 aprile 2009 CRISI Confartigianato: La crisi del credito costa alle imprese 13,8 miliardi l anno Le imprese italiane pagano un prezzo sempre più alto per la crisi del credito:

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA

SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA Roma, 13 gennaio 2016 SUD, SVIMEZ: QUALITA PA MASSIMA IN TOSCANA, MINIMA IN CALABRIA Dal 2004 al 2012 Toscana e provincia di Firenze al top in Italia per qualità delle istituzioni La SVIMEZ: riforma PA

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44

Consumo carburanti (litri procapite) % autovetture cilindrata > 2.000 cc 20.511,2 2.725 1.134 519,1 7,33 61,71 5,89 0,41 0,44 LA CLASSIFICA REGIONALE Il confronto tra reddito disponibile e i sette indicatori di consumo nel 2008 Posizione REGIONI Reddito disponibile (euro procapite) Consumi alimentari (euro) Consumo energia elettrica

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LE CAMERE DI COMMERCIO ANNO Imprese, nel la torna ai livelli del 2007 (+0,75%) 45mila le imprese

Dettagli

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014

affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 affittare casa è sempre più conveniente, prezzi giù -4,7% nel 2014 il prezzo medio ora è di 8,4 euro al metro quadro cali generalizzati nei principali centri: bene padova (1,6), tengono meglio roma (0,1%)

Dettagli

PREVENZIONE E SOCCORSO

PREVENZIONE E SOCCORSO ANNUARIO DELLE STATISTICHE UFFICIALI DEL MINISTERO DELL INTERNO - ed. 215 a cura dell Ufficio Centrale di Statistica Cod. ISTAT INT 12 Settore di interesse: AMBIENTE E TERRITORIO Titolare ATTIVITÀ DI SOCCORSO

Dettagli

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA

Indagine dell Osservatorio periodico sulla fiscalità locale IMU: IL 17 SETTEMBRE LA 2 RATA DELLA PRIMA CASA Indaginedell Osservatorioperiodicosullafiscalitàlocale dellauilserviziopoliticheterritoriali IMU:IL17SETTEMBRELA2 RATADELLAPRIMACASA STANGATINAAUTUNNALEDA44EUROMEDICONPUNTEDI154EURO ADOGGI34CITTA CAPOLUOGOHANNOAUMENTATOL

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE OSSERVATORIO SULLA QUALITÀ DELLA VITA DELLE IMPRESE La struttura imprenditoriale Report 2 / 2012 1862-2012 150 anni per lo sviluppo Camera di Commercio Forlì-Cesena UFFICIO STATISTICA E STUDI OSSERVATORIO

Dettagli

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi

Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Confartigianato lancia l allarme sommerso: in Italia 640.000 abusivi Calabria e Crotone maglia nera per il lavoro irregolare Primato positivo per Emilia Romagna e Bolzano L economia sommersa arruola un

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

LA DOMANDA DI PROFESSIONI E

LA DOMANDA DI PROFESSIONI E SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI 2015 LA DOMANDA DI PROFESSIONI E DI FORMAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE Indice Sezione 1 Flussi occupazionali complessivi in ingresso e in uscita

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 19/01/2015

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 19/01/2015 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 19/01/2015 Andamento del made in Italy nei settori di micro e piccola impresa nei primi 9 mesi del 2014 Nei settori di MPI presenti 243mila imprese artigiane

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI

TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI TRASPARENZA E INFORMAZIONE: IL CASO DI COMUNI E REGIONI Analisi della UIL sui siti internet dei Comuni Capoluogo di Provincia e delle Regioni Roma Agosto 2008 UIL- Servizio Politiche Territoriali TRASPARENZA

Dettagli

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015)

A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E 2015) A cura del Servizio politiche Territoriali della UIL TARIFFA RIFIUTI (TARI): IN 4 ANNI AUMENTI MEDI DEL 32,4% (3,3% TRA IL 2014 E ) NEL IL COSTO MEDIO DELLA TARI E DI 296 EURO, CON UN AUMENTO DI 10 EURO

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a .0 c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, occupazione: nel 2009 più opportunità per laureati e diplomati Laureati in Economia e ragionieri, pur calando di numero, mantengono la prima posizione nella

Dettagli

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati.

PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO. 2013 Tutti i diritti riservati. PROGETTO A CURA DELLA FIGC - SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 2013 Tutti i diritti riservati. i valori scendono in campo È un percorso formativo che unisce e valorizza tante e differenziate attività. Un

Dettagli

La produzione di rifiuti urbani in Italia

La produzione di rifiuti urbani in Italia La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER 1 RIFIUTI OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE APRILE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la terza annualità un indagine

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2011 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA FEBBRAIO 2012 A.G. ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011

Elaborazione flash. Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 Elaborazione flash Ufficio Studi Confartigianato 02/09/2011 A giugno 2011 in Italia 37.787 gelaterie artigiane, che danno lavoro a 87.992 addetti. Nell'artigianato 6 assunzioni di gelatai su 10 sono di

Dettagli

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006

DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel 2006 DOSSIER FOTOGRAFIA: imprese e import/export di strumenti ottici e attrezzature fotografiche a Milano, in Lombardia e in Italia nel A cura della Camera di commercio di Milano Imprese attive nel settore

Dettagli

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008

Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Università degli Studi G. d Annunzio Facoltà di Lingue e Letterature Straniere - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le comunità straniere residenti in Italia 2002-2008 Elaborazioni su dati di fonte

Dettagli

Ciascun Ufficio Provinciale riceverà copia degli esiti della citata indagine, che sarà utile ai fini della scelta del progetto da realizzare.

Ciascun Ufficio Provinciale riceverà copia degli esiti della citata indagine, che sarà utile ai fini della scelta del progetto da realizzare. In data 18 maggio 2009 l Amministrazione e le Organizzazioni Sindacali Nazionali Rappresentative, al termine di una apposita sessione negoziale convengono su quanto segue: Al fine di potenziare e di incrementare

Dettagli

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F.

OGGETTO: Domanda di ammissione al piano straordinario di assunzioni a tempo. Il/la sottoscritto/a. nato/a a, Prov, il / /, residente in, C.F. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA Ufficio Scolastico Regionale di OGGETTO: Domanda

Dettagli

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009

L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE. Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili al 29-05-2009 L INDICE DEL RISCHIO DI POVERTA LOCALE Luglio 2009 Una analisi per i comuni capoluogo di provincia PUBBLICAZIONI Monografia A cura di Rapporto concluso sulla base delle informazioni statistiche disponibili

Dettagli

Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva. Roma, Giugno 2014

Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva. Roma, Giugno 2014 Asili nido comunali Dossier a cura dell Osservatorio prezzi & tariffe di Cittadinanzattiva Premessa Roma, Giugno 2014 Gli asili nido comunali rappresentano un servizio rivolto alla prima infanzia (0-3

Dettagli

Appendici al Conto generale del patrimonio

Appendici al Conto generale del patrimonio Appendici al Conto generale del patrimonio Appendice 1 Beni mobili ATTIVITA' (Mobili) - Consistenze e variazioni di beni mobili divisi per > e > Tabella MINISTERI CATEGORIA

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000)

SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) Lettera circolare n 195/2000 Allegato 1/1 SCHEDA DI ADESIONE AL PROGETTO LINGUE 2000 ANNO SCOLASTICO 2000/2001 (da inviare al Provveditorato entro il 30/09/2000) 1. DATI GENERALI DELLA SCUOLA DATI ANAGRAFICI

Dettagli

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali

Fermo Potenza Firenze Prato Fonte: UIL Servizio Politiche Territoriali LA MAPPA DELLE CITTA DOVE IL 16 OTTOBRE SI PAGHERA L ACCONTO TASI CITTA CITTA CITTA Agrigento Foggia Ragusa Alessandria Gorizia Ravenna Ascoli Piceno Grosseto Reggio Calabria Asti Imperia Rieti Avellino

Dettagli

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza

I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza 8 giugno 2015 I primi effetti delle misure sul credito: dopo TLTRO e QE una prima inversione di tendenza Premessa: quadro dei dati desk e andamento del credit crunch Dall avvento della crisi economica

Dettagli

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare

idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare idealista, crescono i rendimenti nel settore immobiliare Nello scenario peggiore tutti i prodotti immobiliari fruttano il doppio dei Btp a 10 anni (2%) In Italia l investimento in immobili è sempre più

Dettagli

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura.

Per i residenti di Torino: Potete portare l'oggetto Toshiba da riparare presso il nostro laborat orio, enza l'appuntamento nei orari di apertura. Riparazioni in garanzia: Per poter usufruire dell'assistenza tecnica in garanzia, il cliente deve contattare la sede Toshiba Italy Srl tramite il numero a pagamento messo a disposizione. 199... Gestione

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011

SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 SCHEDA PRODOTTO DELIVERY POINTS STRADE NOVEMBRE, 2011 INDICE INDICE... 2 1 LA BANCA DATI CAP DELIVERY POINTS STRADE... 3 1.1 SCHEMA DEI DATI... 4 1.2 DESCRIZIONE DELLE TABELLE... 5 Strade... 5 Versione...

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato;

3) Contributi integrativi volontari di cui all art.4 del D.P.R. N.1432/1971. a) Operai agricoli a tempo determinato; Versamenti volontari del settore agricolo - Anno 2005 (Inps, Circolare 29 luglio 2005 n. 98) Si illustrano di seguito le modalità di calcolo, per l anno in corso, dei contributi volontari relative alle

Dettagli

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006

PAGINE GIALLE. Roma, marzo 2006 PAGINE GIALLE Roma, marzo 2006 0 Per il 2006 è in corso il rinnovo dell accordo con SEAT. A tal riguardo Poste Italiane provvederà ad assicurare l intera distribuzione e raccolta dei set. Tale processo

Dettagli

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO

A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Tel. 0392807521 0392807511 Gli under 30 italiani e la qualità della vita per provincia A GENOVA I GIOVANI VIVONO MEGLIO Nel capoluogo ligure gli under 30 hanno più opportunità a livello lavorativo e più

Dettagli

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia

Po Città. Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2013) Elaborazione: Ambiente Italia CLASSIFICA CAPOLUOGHI ECOSISTEMA URBANO XXI edizione Dei 26 parametri Ecosistema da quest anno ne prende in considerazione 18. Il set di indicatori è composto ora da tre indici sulla qualità dell aria

Dettagli

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere.

107/2015 e al D.D.G. 767/2015 Diffida ad adempiere. RACCOMANDATA A/R Spett. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA in persona del ministro pro tempore Viale Trastevere 76/A 00153 - ROMA OGGETTO: Domanda di ammissione alle Fasi del piano

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. Prospetto Informativo on line MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Prospetto Informativo on line Ricevuta del prospetto Soggetto che effettua la comunicazione 011 - Consorzi e Gruppi di imprese (art. 31, d.lgs. 276/2003)

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Imprese, +19% negli ultimi 3 anni Dai bengalesi (+5mila) ai cinesi (+2.300) e pakistani (+2mila), negli ultimi dodici mesi exploit di imprese individuali con titolare asiatico.

Dettagli

La Crisi della Ristorazione

La Crisi della Ristorazione La Crisi della Ristorazione Ufficio studi 1 L IMPATTO DELLA CRISI SULLA RISTORAZIONE IN ITALIA I sumi delle famiglie nella ristorazione La spesa delle famiglie in servizi di ristorazione è stata nel 2011

Dettagli

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento

6 mesi dall'entrata in vigore del presente regolamento Allegato 1 Data limite entro cui la Provincia, in assenza del Comune capoluogo di provincia, convoca i Comuni dell ambito per la scelta della stazione appaltante e da cui decorre il tempo per un eventuale

Dettagli

Capitolo 10. Elezioni

Capitolo 10. Elezioni Capitolo 10 Elezioni 10. Elezioni A partire dal referendum istituzionale e dall elezione per l Assemblea costituente del 2 giugno 1946, l Istat, in collaborazione con il Ministero dell interno, ha curato

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE FEBBRAIO 2012 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quinta annualità un indagine

Dettagli

INFORTUNI SUL LAVORO:

INFORTUNI SUL LAVORO: INFORTUNI SUL LAVORO: PEGGIO DELLA GUERRA UNA MAPPATURA DEL FENOMENO REALIZZATA DALL EURISPES CON IL PATROCINIO DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI 1 TABELLA1

Dettagli

Gli infortuni dei lavoratori interinali nei Rapporti INAIL dal 2003 al 2005

Gli infortuni dei lavoratori interinali nei Rapporti INAIL dal 2003 al 2005 Gli infortuni dei lavoratori interinali nei Rapporti INAIL dal 2003 al 2005 1. Premessa Con il Rapporto per il 2005 l INAIL pubblica per la terza volta, dopo gli anni 2003 e 2004, i dati relativi agli

Dettagli