Ambiti e sistemi territoriali Un approccio esplorativo alle tematiche geospaziali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ambiti e sistemi territoriali Un approccio esplorativo alle tematiche geospaziali"

Transcript

1 Gerardo Massimi e Achille Serpente Ambiti e sistemi territoriali Un approccio esplorativo alle tematiche geospaziali Cartografia con Winmap Appunti sulle modalità d utilizzo degli atlanti e sui principali risultati della trasformazione nella consistenza degli addetti Versione preliminare al dicembre 2001 Spezzone di una carta dei posti letto per abitante negli esercizi turistici italiani al WP Web Serie RE 7 Laboratorio di Geografia - Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Ud A di Chieti sede di Pescara

2 2 CARTOGRAFIA CON WINMAP 4 Premessa 4 Glossario ISTAT 8 Le fonti statistiche 10 Principali elementi di valutazione della trasformazione Bibliografia 16 Utilizzo dell Atlante ATECO province 17 Riproduzione del File Abbigliamento 61 gruppi.doc 25 Utilizzo dell Atlante ATECO province monocromatico 27 Costruzione di varianti personalizzate dell Atlante ATECO province 29 Note sull indicatore demografico 34 Cartogrammi illustrativi dell indicatore demografico relativo: comuni della regione Abruzzo 36 Figura 1 Schermata d apertura del programma WinMap. 5 Figura 2 Immagine video A. 17 Figura 3 Immagine video B. 18 Figura 4 Immagine video C. 18 Figura 5 Immagine video D. 19 Figura 6 Immagine video E. 19 Figura 7 Immagine video F. 20 Figura 8 Immagine video G. 20 Figura 9 Immagine video H. 21 Figura 10 immagine video I. 21 Figura 11 Immagine video J. 22 Figura 12 Immagine video K. 22 Figura 13 Dimensione standard di un cartogramma prodotto con il programma Winmap. 23 Figura 14 La stessa immagine della figura precedente ingrandita del 175% circa. 24 Figura 15 Istogramma delle frequenze costruito a partire dalla tabella presente nel file Abbigliamento 61 gruppi. Doc. 25 Figura 16 Esempio di cartogramma monocromatico. 27 Figura 17 Esempio di cartogramma dicotomico e monocromatico della serie differenze. 28 Figura 18 Immagine a video della finestra Classi. 30

3 3 Figura 19 Immagine a video dei pulsanti Aggiungi classe ed Elimina classe. 30 Figura 20 Immagine a video della finestra Colore. 31 Figura 21 Immagine a video del pulsante Disegna mappa. 31 Figura 22 Cartogramma del comparto Costruzioni al 1991 con 6 classi. 32 Figura 23 Immagine a video della finestra Salva con nome Figura 24 Immagine a video della finestra Salva con nome Figura 25 Immagine a video della finestra Salva con nome Tabella 1 Elenco codici ISTAT dei raggruppamento di attività economica (1 cifra) 6 Tabella 2 Elenco dei codici ISTAT di categoria di attività economica (4 cifre) o ATECO 1010 Aziende di utilizzazione del bosco 7 Tabella 3 Popolazione e addetti per grandi raggruppamenti ai censimenti in Italia. 14 Tabella 4 Dati sommari sulla dinamica demografica della regione Abruzzo ai censimenti

4 4 CARTOGRAFIA CON WINMAP Premessa Gli Atlanti WinMap ATECO sono stati progettati e realizzati 1 quale supporto per l attività didattica quotidiana degli insegnamenti di Geografia, in particolare di quelli attivi presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell Università G. d Annunzio, e quale caso d esempio, per gli studenti e i laureandi in discipline geografiche, delle potenzialità nelle elaborazioni cartografiche del programma WinMap. È quest ultimo un prodotto semplice, flessibile e gratuito (schermata d apertura del programma in figura 1), disponibile nel CD-rom che contiene l Atlante, sulle cui modalità d uso non si entra nel merito, dal momento che gli eventuali utilizzatori del programma in questione possono avvalersi di uno specifico Help. Circa i contenuti dell Atlante si precisa che esso accoglie le tavole illustrative concernenti parte dei risultati più recenti e importanti conseguiti nel corso delle indagini, ancora in via di completamento, attivate per una riflessione sulla grande trasformazione conosciuta dal nostro Paese tra il censimento 1951 e il censimento 1991, due eventi emblematici della nostra storia recente. Il primo, perché effettuato all indomani delle distruzioni conseguenti all ultimo conflitto mondiale e nel pieno delle lacerazioni del tessuto sociale indotte dalla contrapposizione delle forze politiche e dalla presa di coscienza del dualismo tra Nord e Sud, ed il secondo in quanto si è svolto nel pieno di in una contingenza storica anch essa particolare, ma di segno ben diverso, per l acceso dibattito sui contenuti e sugli esiti del globalismo e degli innumerevoli localismi, le difficoltà d integrazione nel contesto della nuova Europa comunitaria, le tante ombre sul welfare, il deterioramento delle strutture demografiche, il brusco passaggio del Paese da area emigratoria ad area immigratoria. Una trasformazione siffatta, per poter essere valutata in maniera non distorta, richiede numerose chiavi di lettura e la capacità negli analisti di opporsi con successo agli orientamenti, ideologici e culturali, di parte. Evenienza, in effetti, molto frequente (la vastissima bibliografia al riguardo offre innumerevoli esempi in tutti gli ambiti disciplinari delle scienze sociali) per il fatto che, finora, la generalità dei contributi è stata 1 Il testo ripropone, con adattamenti e integrazioni, gli Appunti sulle modalità d utilizzo degli atlanti e sui principali risultati della trasformazione nella consistenza degli addetti, nel CD-rom allestito e diffuso da G. Massimi in occasione della Tavola Rotonda Cartografia e Ricerca, Cartografia e Didattica, UdA, sede di Pescara, 29 settembre (Gli Atlanti sono contenuti nella Directory Atlanti WinMap Ateco del CD-rom e sono disponibili anche nel sito web unich.it/laboratorio di geografia).

5 5 condizionata dalla mancanza di un adeguato insieme di quadri informativi, tra loro compatibili, circa i risultati rilevati in occasione dei vari censimenti che si sono succeduti tra le date estreme del 1951 e del Questa lacuna, tuttavia, è stata di recente colmata dall ISTAT con una pubblicazione specifica, corredata da un CD-rom (ISTAT, 1998), che permette la ricostruzione, seppure con alcune inevitabili limitazioni, delle trasformazioni, nel dettaglio dei comuni, delle unità locali e degli addetti nelle unità locali delle attività economiche extragricole, raggruppate in un numeroso insieme di partizioni statistiche omogenee (che saranno prospettate nelle tabelle 1 e 2 a fine paragrafo). Figura 1 Schermata d apertura del programma WinMap. È sembrato opportuno, pertanto, prima di avanzare nuove interpretazioni o confermare quelle già formulate in letteratura circa la dinamica , procedere ad elaborazioni dei dati originali ISTAT sugli addetti, in primo luogo per ordinarli sulla base di prefissati criteri, e in secondo luogo per visualizzarli tramite due tipi di cartogrammi:

6 6 come distribuzioni degli addetti nello spazio italiano, ad una certa data, o come variazioni degli stessi in un dato intervallo temporale. E poiché la consistenza degli addetti è un dato quantitativo poco illuminante, se preso in valore assoluto (il numero degli addetti nelle attività manifatturiere di una grande città, poniamo Roma, è sempre più elevato di quello di un piccolo comune, poniamo Maltignano, in provincia di Ascoli Piceno, senza con ciò potersi qualificare la prima quale città industriale), la consistenza è stata apprezzata in maniera sistematica, in una fase preliminare, dal grado di attività, inteso quale rapporto tra addetti e popolazione residente ad un dato censimento nelle unità di rilevamento (il comune, la provincia o la regione amministrativa) e, nella fase conclusiva, dal grado relativo rispetto all Italia (rapporto tra grado nell unità di rilevamento e grado nell intero Paese), espresso in termini percentuali in modo da far risultare sempre pari a 100 il grado proprio dell Italia. Infine, i risultati riguardanti l Italia articolata in 103 province, secondo le perimetrazioni in essere dal 1992, e l Abruzzo, nella scansione a livello comunale, sono stati cartografati in una serie di tavole realizzate tramite il programma, d uso gratuito, WinMap, con una sola differenza: nei cartogrammi dei comuni abruzzesi il grado relativo è tale in relazione alla regione Abruzzo, sempre pari a 100. Le procedure per visualizzare le tavole sono del tutto identiche sia che riguardino l Italia, articolata in province, sia l Abruzzo, suddiviso in comuni: pertanto, nel seguito si propone quale guida per il lettore soltanto l Atlante ATECO province. A tal proposito si precisa che in entrambi gli atlanti le tavole ricadono in due serie: la prima riguarda i cartogrammi illustrativi del grado relativo di una certa attività economica ad un dato censimento (sono stati cartografati tutti i censimenti nei quali l attività in questione è stata rilevata in maniera distinta); la seconda serie, invece, riguarda le differenze del grado relativo tra il censimento 1991 ed uno dei censimenti precedenti (il censimento 1961, quando possibile). Tabella 1 Elenco codici ISTAT dei raggruppamento di attività economica (1 cifra) 1 - Altre attività economiche non censite nel censimento Industrie estrattive 3 - Industrie manifatturiere 4 - Industria delle costruzioni e dell'installazione d'impianti 5 - Produzione e distribuzione di energia elettrica e di gas; distribuzione d'acqua 6 - Commercio 7 - Trasporti e comunicazioni 8 - Credito e assicurazione 9 - Attività e servizi vari

7 7 Tabella 2 Elenco dei codici ISTAT di categoria di attività economica (4 cifre) o ATECO 1010 Aziende di utilizzazione del bosco 1020 Pesca 1030 Attività connesse con l'agricoltura 1040 Attività legali, commerciali, tecniche e simili; informatica e attività connesse 1050 Ricerca e sviluppo 1060 Servizi di vigilanza e investigazione 1070 Pubblica amministrazione 1080 Istruzione 1090 Sanità 1100 Attività delle organizzazioni associative 1110 Attività culturali e sportive 1120 Altre attività produttive delle istituzioni 2010 Minerali metalliferi 2020 Minerali non metalliferi (solo per 1951) 2021 Carbon fossile, lignite e torba 2022 Petrolio greggio e gas naturale 2023 Uranio e torio 2024 Altri minerali 3010 Alimentari e bevande 3020 Tabacco 3030 Pelli e cuoio 3040 Tessile 3050 Abbigliamento e calzature (solo per 1951) 3051 Abbigliamento 3052 Calzature 3060 Legno e mobili (solo per 1951) 3061 Legno 3062 Mobili 3070 Cartotecnica 3080 Editoria e stampa 3090 Industrie foto-fono-cinematografiche (solo per 1951) 3091 Attività inerenti alla fotografia 3092 Produzioni cinematografiche e di video 3093 Riproduzione di supporti registrati 3100 Metallurgia (solo per 1951) 3101 Metallurgia 3102 Fucinatura, imbutitura, stampaggio, e profilatura dei metalli; metallurgia delle polveri 3110 Meccanica (solo per 1951) 3111 Macchine non elettriche e carpenteria metallica; fonderie di 2.a fusione 3112 Macchine elettriche e per telecomunicazione 3113 Meccanica di precisione, oreficeria e argenteria 3114 Officine per lavorazioni e riparazioni meccaniche varie 3115 Mezzi di trasporto 3120 Minerali non metalliferi 3130 Petrolchimica (solo per 1951) 3131 Chimica 3132 Petrolifera

8 Fibre tessili 3140 Gomma 3150 Plastica e altre industrie manifatturiere (solo per 1951) 3151 Plastica 3152 Altra industria manifatturiera 4010 Costruzioni 5010 Energia elettrica e gas 5020 Acqua 6010 Commercio ingrosso 6020 Commercio al dettaglio 6030 Alberghi e ristoranti 7010 Trasporti (solo per 1951) 7011 Trasporti terrestri 7012 Trasporti marittimi 7013 Trasporti aerei 7014 Attività ausiliarie dei trasporti 7020 Comunicazioni 8010 Credito 8020 Assicurazione 9010 Servizi alle imprese 9020 Attività dello spettacolo 9030 Servizi per l'igiene e la pulizia Glossario ISTAT (da ISTAT, 1998, pp ) Addetti con tale termine nel censimento del 1951 si intendeva personale, fisso o saltuario, occupato nell unità locale alla data di censimento; nel detto personale è compreso quello assente alla predetta data per servizio, licenza, malattia ; nel 1961 ci si riferiva alle forze di lavoro occupate alla data del 16 ottobre 1961 nelle unità locali, anche se provvisoriamente assenti per servizio, licenza o malattia ; nel 1971 si consideravano le persone, indipendenti e dipendenti, occupate alla data del 25 ottobre 1971 in tutte le unità locali gestite dalle imprese, anche se temporaneamente assenti per servizio, ferie, malattia, sospensione dal lavoro, ecc. ; nel 1981 venivano rilevate le persone, indipendenti e dipendenti, occupate alla data del 26 ottobre 1981, nelle unità economiche censite, anche se temporaneamente assenti per servizio, ferie, malattia sospensione dal lavoro, ecc., nel 1991 ci si riferiva alle persone indipendenti e dipendenti occupate (a tempo pieno, a part-time o con contratto di formazione e lavoro) alla data del 21 ottobre 1991, nelle unità economiche censite, anche se temporaneamente assente per servizio, ferie, malattia, sospensione dal lavoro, cassa integrazione, ecc.. Attività economica Dal 1951 al 1991 è il risultato di una combinazione di differenti risorse, quali attrezzature, lavoro, tecniche di lavorazione, prodotti che da luogo alla produzione di specifici beni o servizi. La sua classificazione è l insieme delle categorie di

9 9 attività che possono essere utilizzate nelle varie statistiche articolate secondo l attività svolta dall unità di produzione. Nel 1951 le attività economiche erano classificate in 491 categorie, raggruppate in 49 sottoclassi, 48 classi e 10 rami. Nel 1961 in 604 categorie, raggruppate in 42 sottoclassi, 70 classi e 10 rami. Nel 1971 in 581 categorie, raggruppate in 68 sottoclassi, 60 classi e 10 rami. Nel 1981 in 545 categorie, raggruppate in 274 sottoclassi, 62 classi e 10 rami. Nel 1991 in 874 categorie, raggruppate in 512 classi, 222 gruppi, 60 divisioni, 16 sottosezioni e 17 sezioni. Campo di rilevazione o di osservazione: elenco delle attività economiche che sono oggetto del censimento. Impresa o ditta: nel 1951 era definita come unità giuridico-economica costituita dall organizzazione dei fattori produttivi in funzione della produzione di beni e servizi, che fa capo ad un imprenditore il quale ne sopporta i rischi. Nel 1961 l impresa o ditta era definita come ente giuridico-economico organizzato per la produzione o vendita di beni o la prestazione di servizi. Nel 1971 come ente giuridico economico organizzato per la produzione o vendita di beni o la prestazione di servizi. Nel 1981 come organizzazione di un attività economica esercitata con carattere professionale al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi, vale a dire l ente giuridico-economico organizzato per la produzione o vendita di beni o la prestazione di servizi. Nel 1991 l impresa era definita come organizzazione di un attività economica esercitata con carattere professionale ai fini della produzione di beni o della prestazione di servizi destinabili alla vendita. Impresa unilocalizzata: dal 1951 al 1991 è definita tale l impresa che svolge la propria attività in un unica sede. Impresa plurilocalizzata: dal 1951 al 1991 è considerata tale l impresa che gestisce più unità locali. Istituzione: nel 1991 unità che ha una contabilità completa e una autonomia di decisione, la cui funzione principale è quella di produrre beni e servizi non destinabili alla vendita, finanziandosi prevalentemente o mediante prelevamenti obbligatori effettuati presso tutte le altre unità istituzionali dell economia cioè famiglie e imprese (istituzione dell Amministrazione pubblica) o mediante versamenti volontari delle famiglie e/o dei soggetti che si sono organizzati per la gestione di un interesse comune (istituzione sociale privata).

10 10 Unità locale: nel 1951 era considerata tale l impianto o corpo di impianti situati in un dato punto del territorio dove la ditta effettua materialmente le attività intese alla produzione di beni o alla prestazione di servizi; ne consegue che una medesima ditta può avere una o più unità locali. Nel 1961 era definita tale l impianto (o corpo di impianti) situato in un dato luogo e variamente denominato (stabilimento, laboratorio, miniera, bottega, negozio e simili) in cui viene effettuata la produzione o vendita di beni o la prestazione di servizi. Nel 1971 è l impianto (o corpo di impianti) situato in un dato luogo, in cui si svolgono una o più attività economiche. Nel 1981 è l impianto (o corpo di impianti) situato in un dato luogo, in cui si svolgono una o più attività economiche. Nel 1991 è il luogo variamente denominato (stabilimento, laboratorio, negozio, officina, ristorante, albergo, bar, ufficio, agenzia, magazzino, studio professionale, abitazione, scuola, ospedale, dogana, esattoria, intendenza, ecc.) in cui si realizza la produzione di beni o nel quale si svolge o si organizza la prestazione di servizi destinabili o non destinabili alla vendita. Unità locale per attività economica (dal 1951 al 1991), la classificazione delle unità locali per attività economica è attuata in base all attività, unica o prevalente, esercitata dall unità locale stessa, così come risultato dalla dichiarazione riportata nel questionario di censimento. Ripartizione geografica: NORD: Piemonte, Valle d Aosta, Liguria, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna; NORDOVEST: Piemonte, Valle d Aosta, Liguria e Lombardia; NORD EST: Trentino-Alto Adige, Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Emilia-Romagna; CENTRO: Toscana, Umbria, Marche e Lazio; MEZZOGIORNO: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna; SUD: Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria; ISOLE: Sicilia e Sardegna. Le fonti statistiche La fonte principale è costituita dalla pubblicazione ISTAT I censimenti delle attività produttive dal 1951 al 1991(Roma, 1998) di cui si richiamano i caratteri essenziali, in quanto i criteri seguiti in essa si riflettono necessariamente nei quadri interpretativi delle provincie italiane e dei comuni abruzzesi proposti nelle tavole degli atlanti.

11 11 In primo luogo si sottolinea l importanza delle unità di rilevazione utilizzate nei censimenti delle attività produttive nel secondo dopoguerra, l impresa e l unità locale; ad esse si è aggiunta nel 1991 l istituzione sebbene già nel censimento precedente fossero state rilevate le istituzioni sociali private e il mondo dell Amministrazione pubblica. La definizione di impresa dal 1951 al 1991 è rimasta sostanzialmente identica anche se ha subito dal 1961 in poi adattamenti linguistici e precisazioni nel contenuto per adattarla alla mutevole realtà economica. L impresa comprende l organizzazione di attività economiche svolte con carattere professionale facenti capo all imprenditore che può essere sia persona fisica che giuridica. Anche il concetto di unità locale, è rimasto immutato nel tempo. Nella sua definizione sono fondamentali due elementi: l attività economica e il luogo. Il riferimento al primo elemento fa si che l unità locale venga classificata in base all attività principale svolta al suo interno, mentre il riferimento al secondo elemento, rende necessario che l unità locale sia fisicamente individuabile e collocabile sul territorio tramite il riferimento della rete stradale. Quanto al campo di osservazione, vi è da dire che dal 1951 fino ad oggi le attività oggetto di rilevazione sono aumentate fino a riguardare nel 1991 tutte le attività extraagricole. Sono ancora escluse le attività svolte in luoghi con caratteri di extraterritorialità, oppure svolte da organizzazioni religiose direttamente attinenti al culto o anche svolte senza organizzazione imprenditoriale. Nel 1951 venivano rilevate le attività estrattive, manifatturiere dell energia, gas e acqua, delle costruzioni, il commercio e gli alberghi, i trasporti e le comunicazioni, il credito e le assicurazioni; rimanevano escluse le attività agricole, la caccia, la pesca e la silvicoltura. Tale esclusione è stata rimossa già nel censimento successivo, ma solo nel 1981 si è raggiunta la totalità delle attività agricole manifatturiere, rimanendo escluse quelle agricole propriamente dette. Tra i cinque censimenti postbellici le differenze sostanziali nel campo di rilevazione riguardano i servizi sociali e i servizi alle imprese e alle famiglie. In questo senso, a partire dal 1981, sono censite tutte le attività produttive che non erano rilevate nel passato, tra le quali ad esempio, le attività della Pubblica amministrazione e delle istituzioni sociali private, l istruzione e la sanità, per le quali il perfezionamento completo è avvenuto nel censimento del Per quanto riguarda la rilevazione dei servizi alle imprese e alle persone il punto di svolta si è avuto con il censimento del 1981 quando è stata rilevata la parte più consistente e qualificante delle attività tipiche del settore. Già dal 1951 venivano rilevate una serie di micro attività dei servizi che erano classificate in settori regolarmente censiti. Una puntualizzazione anche sul computo degli addetti. Al riguardo si precisa che per l ISTAT il numero degli addetti è costituito dal personale occupato nell unità di rilevazione in termini di consistenza alla data di riferimento del censimento. Nei censimenti ci si riferisce principalmente agli addetti alle unità locali anche se sono rilevati anche gli addetti all impresa, che si ottengono per somma degli addetti di ogni singola unità locale dipendente. Gli addetti sono suddivisi in personale dipendente e indipendente. Nel primo raggruppamento sono compresi i lavoratori soggetti a particolari forme contrattuali della legislazione vigente, i lavoratori a domicilio, i lavoratori italiani

12 12 occupati all estero presso unità locali non avente sede estera stabile ma di impresa residente nel territorio economico italiano, i lavoratori non italiani residenti in Italia e occupati in impresa residente stabilmente in territorio economico italiano, i lavoratori assenti per malattia, ferie, cassa integrazione ordinaria o straordinaria. Per quanto riguarda i lavoratori indipendenti è da ricordare il rischio della duplicazione di occupazione soprattutto con riferimento al personale che svolge il lavoro indipendente a vario titolo presso diverse unità. Un problema di grande rilievo nello studio delle serie storiche risiede nella necessità di procedere in via preliminare alla normalizzazione del territorio Infatti, dato che nel corso del tempo si sono verificati numerosi cambiamenti dei confini amministrativi sia comunali che provinciali, con la soppressione di alcuni comuni o il loro cambiamento di denominazione e la creazione di nuove provincie, hanno subito variazioni anche molto frequenti i codici identificativi dei singoli comuni. Si è reso necessario per l ISTAT, così, normalizzare il sistema di codificazione tenendo conto di tutte le variazioni territoriali e di nome verificatesi negli intervalli censuari. Nella serie storica della pubblicazione originale ISTAT i comuni vengono identificati con il codice loro attribuito nel censimento del 1991 a prescindere dal codice posseduto nei singoli censimenti. Ancor più complicato è il problema della normalizzazione della classificazione delle attività economiche, conseguente al fatto che nel secondo dopoguerra in ogni censimento è stato adottato un diverso sistema di classificazione delle attività economiche, per cui si è resa necessaria la realizzazione di una nuova classificazione che li mettesse in linea. Così, la classificazione adottata dall ISTAT nella serie storica è costruita in modo da poter essere utilizzata con una certa flessibilità, presentando una maggiore disaggregazione ogniqualvolta i dati lo consentono, soprattutto a partire dal 1961, quando sono state rilevate separatamente numerose attività precedentemente comprese in aggregazioni di ordine superiore. Principali elementi di valutazione della trasformazione Gli estensori della pubblicazione ISTAT sottolineano (ISTAT, 1998, p. 31) un importante dato quantitativo: nel 1991 si è verificato il raddoppio degli occupati e delle unità locali rispetto ai valori del Bisogna notare, però, che almeno in parte il fenomeno è imputabile al mutare nel tempo del campo di osservazione, che è andato ampliandosi sempre più fino a comprendere nel 1991 tutte le attività extraagricole. Solo alcuni e limitati settori sono stati sempre censiti (industria, commercio e alberghi trasporti e comunicazioni, credito e assicurazioni, parte dei servizi alle imprese e di quelli sociali e culturali). Nei rilevamenti dei primi censimenti postbellici mancano soprattutto i dati relativi al terziario, per cui i dati disponibili non consentono analisi approfondite dei fenomeni della terziarizzazione e della deindustrializzazione.

13 13 I dati censuari permettono di osservare che tra il 1951 e il 1991 sia l occupazione che il numero di unità locali sono cresciute in ogni decennio, anche se in maniera differenziata, e con diversi rapporti reciproci. E possibile notare la diversa evoluzione dell occupazione secondo la dimensione delle imprese, dell industria manifatturiera, e tipici fenomeni verificatisi nel modello industriale italiano. Nel commercio e negli alberghi invece sono stati rilevati cambiamenti di segno diverso rispetto agli andamenti generali nazionali con crescita sempre maggiore dell occupazione e contemporanea e sempre minore crescita delle unità locali che nell ultimo decennio hanno subito addirittura una diminuzione. Quanto ai cambiamenti territoriali è indubbio che la crescita occupazionale si sia realizzata con andamenti differenziati: le maggiori percentuali di crescita rispetto a tutte le ripartizioni geografiche e in tutti i periodi intercensuali sono state rilevate per il Nord- Est, seguito dal Centro. Il Nord-Ovest ha visto, invece, percentuali di crescita sempre minori della media nazionale e decrescenti nel tempo fino alla vera e propria diminuzione registrata negli anni Ottanta. Da interpretarsi quale effetto dei cambiamenti organizzativi e strutturali dell industria manifatturiera, tra cui il ridimensionamento delle aree della grande industria del triangolo industriale Genova-Torino- Milano e la crescita dei distretti industriali nei sistemi locali. Tale evoluzione ha avuto come esito la ridistribuzione dell occupazione sul territorio, con il ridimensionamento del ruolo svolto dal Nord-Ovest e l incremento, sul fronte opposto, dell incidenza del Nord-Est e, in misura minore, delle altre aree. Varia territorialmente anche il rapporto tra quote di addetti e di unità locali e quota di popolazione; infatti, mentre nel Mezzogiorno la quota di popolazione è sempre maggiore degli altri due indicatori, nelle altre ripartizioni la situazione è opposta anche se a partire da momenti differenziati. Ai cambiamenti territoriali si affiancano nel tempo anche rilevanti mutamenti settoriali che hanno portato alla trasformazione della struttura economica nazionale, quanto meno in termini occupazionali, da industriale a terziaria. Entrambi i settori hanno registrato tra il 1951 e il 1991 un aumento degli occupati ma nel terziario la crescita è stata maggiore sia in senso globale che nei singoli periodi intercensuali, agendo come fattore trainante dell incremento dell occupazione totale, soprattutto nel primo ventennio postbellico. Al contrario, il settore secondario ha visto crescere gli addetti in misura sempre minore fino alla diminuzione registrata negli anni Ottanta. La dinamica evolutiva delle unità locali è stata molto simile a quella degli addetti, ma è da rilevare una limitata indicatività dei risultati, sia per motivi metodologici sia per l eccessiva aggregazione dei comparti. In sintesi, tra i grandi settori l unico che ha visto diminuire la sua importanza in termini di addetti e di unità locali è quello estrattivo, mentre tutti gli altri hanno incrementato il livello occupazionale con maggiore entità per il credito e le assicurazioni, le costruzioni il commercio e gli alberghi.

14 14 Considerando le diverse scansioni temporali si può osservare che i maggiori incrementi occupazionali nei singoli settori si sono distribuiti temporalmente in maniera diversificata interessando ad esempio il credito negli anni Settanta e le assicurazioni nel decennio precedente. Tabella 3 Popolazione e addetti per grandi raggruppamenti ai censimenti in Italia. Gruppi di attività altre attività economiche non censite nel censimento industrie estrattive industrie manifatturiere industria delle costruzioni e dell'installazione d'impianti 5 - produzione e distribuzione di energia elettrica e di gas; distribuzione d'acqua 6 - commercio trasporti e comunicazioni credito e assicurazione attività e servizi vari Totale addetti Idem a parità Abitanti Passando alla localizzazione delle attività produttive, è evidente come questo aspetto si dipani più facilmente tramite le nostre elaborazioni cartografiche se si tiene conto del fatto che la consistenza degli addetti nelle unità di censimento è stata sempre filtrata tramite il raffronto con il carico demografico delle singole unità di censimento e il sistematico raffronto con i sistemi territoriali (l Italia e la regione Abruzzo) in cui tali unità si collocano. Tuttavia, anche attraverso i dati censuari diretti è possibile analizzare l evoluzione delle tendenze localizzative delle attività produttive in base non solo agli aspetti tipicamente economici ma anche quelli demografici e sociali. In tal senso l ISTAT propone di misurare la presenza delle attività economiche sul territorio tramite il coefficiente di localizzazione (rapporto tra la quota di addetti al settore economico del comune in esame rispetto alla quota di addetti nazionale nello stesso settore) che esprimerebbe la diversa incidenza dell attività economica in esame sull economia comunale e su quella nazionale (ma sull efficacia e sulla correttezza del coefficiente di localizzazione si nutrono ampie riserve. In base a questo indicatore sembrerebbe che i settori maggiormente diffusi sul territorio siano quelli del Commercio, degli Alberghi e ristoranti e dell Industria delle costruzioni, anche se il massimo grado di dispersione territoriale è stato raggiunto in decenni diversi.

15 15 Per quanto riguarda i singoli settori, si annotano nel seguito le caratteristiche principali. Industria estrattiva: ha visto diminuire il suo ruolo nel tempo aumentando però la sua specializzazione localizzandosi in aree non molto industrializzate. Industria delle costruzioni: ampiamente distribuita sul territorio, è fortemente legata alle dinamiche congiunturali e a particolari fenomeni che hanno determinato la forte crescita del settore (eventi sismici in Friuli-Venezia Giulia e in Sicilia); essa rappresenta una grande possibilità occupazionale ed è molto alto il numero di comuni italiani che si possono definire specializzati in quest attività. Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua: presenta una forte riduzione del numero di comuni specializzati e limitato numero di comuni italiani con specializzazione superiore al dato medio nazionale; Il fattore di localizzazione più importante è la presenza di risorse naturali ma è alto il numero di addetti anche in alcuni grandi comuni italiani. Attività manifatturiere: il settore è stato caratterizzato nel tempo dall aumento non solo del numero dei comuni con specializzazione manifatturiera ma anche l intensità della loro specializzazione. Nel 1951 i comuni specializzati erano distribuiti su tutto il territorio nazionale e in maniera molto rilevante anche nel Mezzogiorno dove però l indice di specializzazione era molto prossimo alla media nazionale. Spiccava il Nordovest dove si rilevava il 62.9% degli addetti e dove erano presenti sia grandi che piccole e medie imprese. Il Nord-Est non svolgeva un ruolo molto significativo nell ambito della struttura industriale del Paese. Il Centro si caratterizzava per una configurazione molto variegata. Il Mezzogiorno era molto rappresentativo dato che vi si localizzava la maggiore percentuale delle unità locali italiane anche se i singoli comuni manifestavano valori di specializzazione molto simili al valore medio nazionale evidenziando la piccola dimensione dell impresa manifatturiera. Nel 1971 si osserva la crescita della specializzazione soprattutto nel Nord-Ovest e nel Centro accompagnata dall aumento nell industrializzazione del Nord-Est e nel Mezzogiorno dove si delineano comuni dove spicca la grande impresa e aree nelle quali la dimensione media è medio-piccola alcune delle quali esistevano già nel Nel 1991 si rafforza la configurazione territoriale del Il Nord-Ovest spicca come la ripartizione maggiormente industrializzata del Paese anche se con un tasso inferiore a quello del 1951 e di poco superiore a quello fatto registrare dal Nord-Est che è approssimativamente raddoppiato. Anche il Centro, dove si è delineata la direttrice adriatica allo sviluppo economico, ha registrato una forte crescita del tasso di industrializzazione che però si colloca a metà strada tra il Nord e il Mezzogiorno dove il tasso di industrializzazione è inferiore alla media nazionale dato che i poli di sviluppo realizzati durante gli anni Settanta e Ottanta hanno manifestato una scarsa capacità attrattiva delle iniziative locali, nonostante si siano evidenziati comuni forti nei distretti industriali di recente formazione. I servizi al consumatore: nell ambito di tale settore vengono considerati i dati rilevati con riferimento al Commercio e Alberghi e ristoranti; esso nel 1951 era

16 16 capillarmente distribuito su tutto il territorio nazionale con maggiore prevalenza lungo le linee delle dorsali alpine e appenniniche, e sulle isole e nelle regioni del Nord. Nel 1971 è diminuita l intensità della specializzazione e anche il numero dei comuni con coefficiente di concentrazione maggiore della media nazionale, soprattutto al Nord dove emergono i comuni del Trentino-Alto Adige e quelli dell arco alpino mentre sono ancora molto numerosi i comuni meridionali dove il settore è molto rappresentato. Il Centro invece assume caratteristiche intermedie tra Nord e Sud. La distribuzione territoriale del settore è di tipo complementare rispetto a quella dell industria manifatturiera: i comuni maggiormente specializzati in quest ultima sono concentrati nell Italia settentrionale e centrale e assenti al Sud mentre i servizi al consumatore sono più diffusi nell Italia meridionale e nei pressi delle aree forti del Settentrione e dell Italia centrale. La spiegazione di tale fenomeno risiede nelle carenze strutturali economiche del Meridione e anche nella forte specializzazione industriale dei comuni settentrionali. Nel 1991 diminuisce ulteriormente il numero dei comuni specializzati e l intensità di tale specializzazione. I comuni con maggiore concentrazione si localizzano lungo l arco alpino le coste e le isole facendo così emergere non solo la connotazione turistica del settore ma anche il ruolo fondamentale in termini di addetti del commercio al dettaglio. Credito e assicurazioni: il settore, di importanza relativa per numero di addetti e di unità locali, presenta la stessa configurazione territoriale in tutti i decenni di rilevamento, con pochi comuni specializzati e con intensità media non significativa. Spiccano nel tempo i capoluoghi di provincia e i grandi comuni italiani, necessitando questo settore di infrastrutture, facilità di comunicazioni, centralità territoriale e consistenza degli operatori. Trasporti: Il settore ha presentato un assetto localizzativo quasi costante nel tempo per il ruolo egemone svolto da alcuni grandi comuni del Centro, ma ha manifestato anche, soprattutto negli ultimi decenni, il forte sviluppo della direttrice appenninica. Il comparto caratterizza anche quei comuni, anche relativamente piccoli, ma dotati di particolari configurazioni infrastrutturali, come gli aeroporti. Bibliografia GUARINI R., Il censimento come strumento conoscitivo dell Italia produttiva: validità e limiti, in Atti della Tavola Rotonda su Mutamenti e prospettive in Italia dopo il censimento: problemi dell industria, in Economia italiana, Roma, 1983, n. 2. ISTAT, I censimenti delle attività produttive dal 1951 al 1991, Roma, LORENZINI F., La geografia dell industrializzazione manifatturiera in Italia secondo i dati del censimento dal 1951 al 1991, in Sviluppo locale, 1998, n. 8, pp

17 17 Utilizzo dell Atlante ATECO province La visualizzazione di un particolare cartogramma, tra i tanti raccolti nell Atlante, è operazione molto semplice, dopo aver preventivamente installato il programma WinMap, se si seguono queste indicazioni: Aprire il programma WinMap e selezionare prima il menù File e poi il comando Apri Cartogramma con un clic del mouse; oppure premere il pulsante (evidenziato dal circolo in colore bianco in figura 2B) corrispondente nella barra degli strumenti. A B Figura 2 Immagine video A.

18 18 Figura 3 Immagine video B. Cercare la directory Atlante Ateco nel CD rom o nel proprio disco fisso (se tale directory è stata copiata) e aprire la subdirectory in cui compare l attività economica della quale si desidera il cartogramma (figura 3). In merito si precisa che sono presenti per le Ateco due gruppi di subdirectory: quelle in cui compare la lettera B riguardano le differenze del grado relativo; quelle in cui non compare la lettera B riguardano il grado relativo ad un dato censimento; in complesso sono presenti 18 directory. L Atlante contiene, inoltre, la subdirectory Indicatore popolazione in cui sono stati raccolti i cartogrammi illustrativi della crescita relativa della popolazione con base 1951 pari a 100. Quale esempio concreto si prende in esame il comparto manifatturiero dell Abbigliamento al censimento 1961: in tal caso si deve aprire la subdirectory ateco 3 (figura 4) e poi cliccare due volte su Abbigliamento 1961.sac. Nella schermata del programma appaiono tre finestre (figura 5): la finestra con il cartogramma, la finestra delle classi e la finestra dei dati (quest ultima in parte coperta dalle precedenti). A questo punto è possibile visualizzare (figura 6) l Anteprima di stampa per procedere alla stampa del cartogramma, oppure copiare il suddetto negli Appunti o salvarlo in un file grafico. Le tre operazioni (anteprima, copia, salva) si possono effettuare dal menù Mappa oppure cliccando con il tasto destro del mouse nella finestra del cartogramma. Figura 4 Immagine video C.

19 19 Figura 5 Immagine video D. Figura 6 Immagine video E. Laddove interessi l anteprima di stampa, dopo aver scelto il menù Mappa e cliccato sul comando ad essa corrispondente (oppure cliccato sul pulsante), si apre una

20 20 nuova finestra (figura sette), che permette di impostare il Fattore di scala o di procedere direttamente alla stampa; si tenga presente che il fattore di scala 100 comporta una rappresentazione che copre gran parte di un foglio del formato A4. Figura 7 Immagine video F. Se, invece, sembra più importante salvare il cartogramma in vista di una sua utilizzazione futura, dopo aver selezionato il sottomenù Salva immagine (figura 8), è necessario scegliere il formato grafico tra un file di tipo BMP e un file di tipo WMF. Quest ultimo è un formato grafico vettoriale (Windows MetaFile) da preferirsi perché occupa poco spazio e può essere ridimensionato, senza che l immagine perda di definizione. Figura 8 Immagine video G.

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

Regioni, province e grandi comuni

Regioni, province e grandi comuni SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 4 Settore Popolazione Tavole di mortalità della popolazione italiana Regioni, province e grandi comuni Anno 2000 Informazioni n. 28-2004

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro

Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro Rapporto statistico sulla falsificazione dell euro 2013 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V, Ufficio VI (UCAMP) Ufficio Centrale

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012...

Indice. Introduzione... 2. Definizioni... 3. Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4. L irraggiamento solare in Italia nel 2012... Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Tecnologia degli Impianti fotovoltaici... 4 La fonte solare L irraggiamento solare in Italia nel 2012... 6 Mappa della radiazione solare nel 2011 e nel 2012...

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

L ITALIA NELL ERA CREATIVA

L ITALIA NELL ERA CREATIVA CREATIVITYGROUPEUROPE presenta L ITALIA NELL ERA CREATIVA Irene Tinagli Richard Florida Luglio 00 Copyright 00 Creativity Group Europe L Italia nell Era Creativa fa parte del Progetto CITTÀ CREATIVE Promosso

Dettagli

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1

I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 I servizi per gli studenti: le opinioni dei laureati su università, città e diritto allo studio 1 di Andrea Cammelli, Serena Cesetti e Davide Cristofori 1. Aspetti introduttivi Dal 1998 AlmaLaurea, attraverso

Dettagli

> MANGIARE E BERE IN ITALIA

> MANGIARE E BERE IN ITALIA Percorso 3 > MANGIARE E BERE IN ITALIA Guarda questi piatti della cucina italiana. Secondo te, di quali parti d Italia sono tipici? Ogni regione d Italia ha i suoi piatti tipici. Spesso quando pensiamo

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro

Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Cooperazione, non profit e imprenditoria sociale: economia e lavoro Il presente Rapporto è stato realizzato da un gruppo di ricerca congiunto

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza

BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza BIBLIOTECHE ITALIANE CHE POSSIEDONO IL PERIODICO: Il Fallimento e le altre procedure concorsuali : Rivista di dottrina e giurisprudenza AN001 Centro di Ateneo di Documentazione - Polo Villarey - Facoltà

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va

POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va POP ECONOMY Ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va di Alberto Pagliarino e Nadia Lambiase Una produzione di Pop Economy Da dove allegramente vien la crisi e dove va Produzione Banca Popolare

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG

REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG Regolamento per l attestazione di conformità REGOLAMENTO PER L ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ DEI PRODOTTI DOP, IGP E STG REV. DATA PREPARATO Responsabile qualità 0 31/8/99 1 10/11/99 2 17/9/01 3 20/01/03

Dettagli

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE

L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Approfondimenti Milano, 15 ottobre 2013 L ITALIA DA BERE (E DA MANGIARE) FIPE RACCONTA I CONSUMI ALIMENTARI FUORI CASA DELLO STIVALE Abstract della ricerca P.E. 24h/La Cas@fuoricasa a cura dell Ufficio

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Primo Rapporto ente bilaterale lavanderie industriali Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Vorrei un inform@zione

Vorrei un inform@zione Touring Club Italiano Vorrei un inform@zione Come rispondono gli uffici informazioni delle destinazioni turistiche italiane e straniere Dossier a cura del Centro Studi TCI Giugno 2007 SOMMARIO Alcune premesse

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Osservatorio nazionale distretti italiani

Osservatorio nazionale distretti italiani Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti italiani- Rapporto 2014 Osservatorio nazionale distretti

Dettagli

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia

Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale. Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia Primo Rapporto CNEL/ISTAT sull economia sociale Dimensioni e caratteristiche strutturali delle istituzioni nonprofit in Italia ROMA, GIUGNO 2008 INDICE PREMESSA...4 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...6 PARTE

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli