2 FOOD SAFETY 4 FOOD SYSTEM SHOCK 6 CONVIENE DARSI UNA REGOLATA 8 IL PERCORSO DEL CIBO 10 FIDARSI E BENE, CONTROLLARE E MEGLIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 FOOD SAFETY 4 FOOD SYSTEM SHOCK 6 CONVIENE DARSI UNA REGOLATA 8 IL PERCORSO DEL CIBO 10 FIDARSI E BENE, CONTROLLARE E MEGLIO"

Transcript

1 point of U Unione dei Giovani Assicuratori e Riassicuratori Italiani IN QUESTO NUMERO IL PUNTO DI UGARI 2 FOOD SAFETY Cosa si intende per sicurezza alimentare? 4 FOOD SYSTEM SHOCK 6 CONVIENE DARSI UNA REGOLATA 8 IL PERCORSO DEL CIBO 10 FIDARSI E BENE, CONTROLLARE E MEGLIO 12 BUON APPETITO! IL FALSO E SERVITO SPECIAL ISSUE EXPO 2015

2 Il punto di Ugari Da Campi a Veruti, passando per Magritte, De Chirico e Caravaggio, fino a Warhol, i maestri dell arte tra la fine del 500 ad oggi hanno amato dipingere i cibi e i piatti delle loro terre. Un viaggio nell arte, che ha offerto un variegato menu artistico attraverso gli occhi di alcuni dei più importanti pittori. Il fil rouge giunge fino a noi e conduce al tema dell esposizione universale. A partire da maggio, i sei mesi di Expo 2015 hanno gettato senza dubbio nuova luce nel dibattito in ambito food. I problemi nutrizionali si sono intrecciati con quelli delle economie dei paesi in via di sviluppo sino ad arrivare al tema della sostenibilità, della qualità delle materie prime e del prodotto finito. Temi che hanno reso necessaria un importante riflessione sui rischi potenziali ai quali le imprese del settore possono andare incontro. In questo contesto, diventa rilevante domandarsi il ruolo dell industria assicurativa. In questo numero speciale percorreremo tutta la filiera: dalle materie prime fino alla loro trasformazione, mostrandovi una nuova sfida per il settore assicurativo. SPECIAL ISSUE

3 Food Safety Cosa si intende per sicurezza alimentare? Sotto la patina estetica della società del cibo, dove gli chef sono i guru di una nuova religione alimentare, si muove una grande riflessione. Dopo diversi anni di letargo e apatia, osserviamo un risveglio dell interesse per alcuni temi. Oltre alla distribuzione delle risorse ed alla responsabilità sociale, anche la sicurezza alimentare, la sostenibilità, la qualità ed i controlli sono oggetto di dibattito. Oramai se ne parla con costanza, anche se dopo anni di pizza, spaghetti e mandolino, il Bel Paese si fa cogliere forse un po impreparato nella gestione del tema. E importante discutere di sicurezza alimentare dei cibi, dal punto di vista microbiologico e nutrizionale. La riflessione sul tema è diventata talmente cruciale, tanto da indurre l Unione Europea a creare, già dal 2002, un organismo dedicato: EFSA, acronimo di European Food Safety Authority, con sede nella città di Parma. La sicurezza del cibo prodotto e poi distribuito è una delle preoccupazioni principali per le Istituzio- ni europee. Anche l esperienza e il ruolo dei consumatori assumono una rinnovata importanza. A loro è stato chiesto come sarà il cibo del I dati Doxa in merito parlano chiaro: si va verso un cibo più sicuro e controllato. Lo studio ha indagato sulle aspettative e i timori dei cittadini di otto Paesi del mondo - Italia, Germania, Usa, Russia, Cina, India, Brasile e, una parte dei risultati, sono stati presentati in una tavola rotonda organizzata da Coop Italia, alla fine di giugno. In tre generazioni tutto sembra essere cambiato, e lo sviluppo di una nuova consapevolezza ha portato ad un rapporto più razionale con il cibo, confida Vilma Scarpino AD di Doxa. Negli otto paesi considerati il 56% dei cittadini chiede del cibo buono e più sicuro per tutti. Sembra proprio che, da quanto emerge, a decidere le caratteristiche del cibo del futuro saranno soprattutto i consumatori, seguiti dal mercato e dall industria dell agro-alimentare. Business, bisogno di benessere e attenzione alla qualità, sembrano d ora in poi andare di pari passo ed integrarsi pienamente. La lente d ingrandimento viene puntata sull industria locale di medio-piccole realtà, ma anche sulle multinazionali e la grande distribu- 2

4 Food Safety Cosa si intende per sicurezza alimentare? zione. E facilmente osservabile come la capacità di gestire questi rischi di oggi, si leghi a una molteplicità di fattori da monitorare attentamente: dall approvvigionamento delle materie prime, alla produzione del lavorato, dalla qualità del packaging, fino alla distribuzione e la vendita. A questo scenario si aggiunge anche l estremizzazione delle logiche di profitto che, in un mercato sempre più globalizzato, possono portare ad un abbassamento degli standard qualitativi. Per conseguire obiettivi di prevenzione, è cruciale gestire questo processo con una logica volta all individuazione dei rischi potenziali, alla quale deve seguire una fase di monitoraggio e verifica di alcuni KPI. Il ruolo delle compagnie assicurative deve quindi ampliarsi, e non limitarsi semplicemente ad intervenire in un secondo momento, a sinistro già avvenuto. Il compito delle compagnie deve tradursi in un affiancamento vero e proprio delle aziende, per individuare le aree critiche del processo produttivo, mitigando quanto meno sul nascere gli effetti negativi di un evento. 3

5 Food System Shock L incontro, organizzato da Lloyd s e Aon il 16 giugno 2015 in Expo, ha trattato delle principali problematiche relative alla gestione dell alimentazione a livello globale, discutendo del ruolo delle assicurazioni nel far fronte ai rischi legati alla sicurezza e alla garanzia di qualità degli alimenti. Ci sono avvenimenti che sfuggono al controllo umano, ma la cui conoscenza e catalogazione può permettere di attuare misure preventive. Osserviamo grandi catastrofi e pensiamo che si tratti di avvenimenti lontani, senza conseguenze per noi. Ma non sempre è così. Basta ricordare il disastro di Chernobyl ed il divieto di importazione dei beni. È necessaria una riflessione al riguardo. Il report di Lloyd s, in collaborazione con Aon, ha posto l accento sulle significative conseguenze economiche e umanitarie che potrebbero provocare gli sconvolgimenti meteorologici, le catastrofi climatiche o le pandemie vegetali. Ad esempio, lo studio ha portato all analisi degli effetti del fenomeno El Nino. Sembra che il bambinello abbia una buona probabilità di manifestarsi nuovamente, con alluvioni in Sud America, caldo oltre la norma in Canada, periodi di siccità in Asia. Gli effetti potrebbero manifestarsi anche in Europa. Inoltre, eventi come la diffusione della ruggine del frumento in Russia e l aumento delle temperature in Sud America, potrebbero determinare un aumento fino a quattro volte i prezzi del grano, del mais, della soia e del riso, scatenando rivolte in tutto il Medio Oriente, Nord Africa e America Latina, e ciò favorirebbe l instabilità politica con ripercussioni per molte imprese. Visione quasi apocalittica, che deve sollecitare il settore assicurativo ad identificare gli impatti sulla sicurezza alimentare, spesso poco considerati. Ciò al fine di garantire soluzioni assicurative al passo con il I DIECI PAESI IN CUI IL mutamento degli scenari e dell esigenze dei clienti. 4 CAMBIAMENT O CLIMATICO RISCHIA DI AVERE EFFETTI DEVASTANTI Ciad, seguito da Eritrea, Burundi, Repubblica democratica del Congo, Africa Centrale democratica, Sudan, Nigeria, Haiti, Afghanistan, Guinea Bissau. L Italia è trentesima nella classifica generale. Rispetto agli ultimi anni il nostro Paese è però sempre più a rischio. Lo scopo di questo indice è quello di aiutare le imprese a rendere prioritari gli investimenti necessari per rispondere efficacemente a queste sfide globali.

6 Food System Shock Tom Bolt, direttore del Performance Management dei Lloyd s, fornisce un ottima prospettiva. Se gli assicuratori tradizionalmente prendono in esame solo l impatto finanziario e fisico delle catastrofi, nel mondo odierno, sempre più interconnesso, è doveroso considerare anche le conseguenze economiche ed umanitarie. Il settore assicurativo può svolgere un ruolo chiave, attuando una logica proattiva e reattiva, incoraggiando le imprese ad una riflessione in merito alla loro esposizione al rischio e fornendo prodotti innovativi, per migliorare la resistenza globale agli shock del sistema alimentare. Al passo con i tempi si è dimostrato il progetto FAO, che ha annunciato il lancio di una speciale struttura che aiuta i paesi a rendere la produzione alimentare meglio preparata all esposizione al rischio. Da FAO emerge che, da 78 valutazioni sui danni pot-disastro, fatte in 48 paesi in via di viluppo tra il 2003 e il 2013, il 22% di tutti i danni causati da calamità naturali hanno impattato nel settore agricolo. Il conteggio finale è stato di 70 miliardi di dollari di danni alle colture e al bestiame, nel decennio preso in esame. L Asia è stata la regione più colpita, con perdite fino a 28 miliardi di dollari, seguita dall Africa con 26. Oltre alle ovvie conseguenze sulla sicurezza alimentare, le economie e i trend di sviluppo di intere nazioni possono essere modificati dalle catastrofi naturali che colpiscono l agricoltura: ciò risulta determinante per la vita di 2,5 miliardi di persone. Riccardo Parretti di Aon sostiene che, per far fronte al mancato approvvigionamento di materie prime, il mercato assicurativo sta rispondendo con coperture parametriche, che andranno a indennizzare la perdita economica subita, senza che sia necessario provare l effettivo danno, rendendo il risarcimento molto più snello. Per gli assicuratori la collaborazione con i ricercatori, nello sviluppo di modelli in grado di rilevare non solo gli effetti fisici di eventi estremi, ma anche i loro vari impatti economici e sociali, può costituire un momento importante. Si tratta di un nuovo approccio verso l individuazione di strumenti al passo con i tempi e con le necessità di una società globalizzata. Fonte Food4 5

7 Conviene darsi una regolata Allo stato attuale, la nostra è stata definita una società cibo centrica. Oggi #food è tra i trend topic e tema di tendenza. Coldiretti ha anche annunciato che il 23% degli studenti, iscritti al primo anno delle scuole secondarie superiori italiane, ha scelto un indirizzo legato all agricoltura e all enogastronomia. Proviamo a uscire dal perimetro italiano. Ci si può chiedere cosa ha fatto di male Queen Elizabeth, per meritarsi il nipote William che disdegna una carriera professionale in uno dei tanti fondi di investimento londinesi, per iscriversi alla facoltà di agraria? Può darsi che si tratti di una nouvelle vague di passaggio, ma resta il fatto che il cibo ora, è l ingrediente sociale più diffuso. E nutrizione, antropologia, comunicazione, marketing, ecologia e anche diritto. E doveroso pertanto riflettere sul tema, prendendo in considerazione anche gli aspetti di natura normativa. L ex Regolamento 178/2002 del Parlamento Europeo ha stabilito i principali requisiti generali della legislazione alimentare, regolando obblighi e diritti vincolanti per tutti i destinatari della disciplina. Il primo sforzo di uniformità sul tema è avvenuto definendo alimento : qualsiasi sostanza o prodotto trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato ad essere ingerito da esseri umani (bevande comprese). La definizione viene ripresa ed ampliata dal Codex Alimentarius, (redatto nel 1962 dall Organizzazione Mondiale della Sanità OMS e dall Organizzazione per l Alimentazione e l Agricoltura FAO), fino a comprendere ingredienti e additivi per trattare tali sostanze sotto il profilo igienico-sanitario e della sicurezza. Secondo uno stile, ormai consolidato della normativa comunitaria, seguono altre opportune definizioni, a partire da quella di "legislazione alimentare". Ecco che, univocamente, sono definiti i concetti di "rischio" ed "analisi del rischio", nei suoi tre diversi momenti: valutazione, gestione e comunicazione. Come riportato al successivo art. 6, l'analisi del rischio è il cardine fondamentale della legislazione alimentare, e troverà fondamento dagli studi scientifici e dai loro risultati. Anche per le definizioni che riguardano il rischio, il Regolamento attinge a piene mani all'ultimo aggiornamento del 1999 del Codex Alimentarius. Gli alimenti sono considerati a rischio se sono dannosi per la salute e se sono inadatti al consumo. Per determinare se un alimento sia considerato dannoso per la salute di una persona, occorre valutare gli effetti immediati, a breve termine, riflettendo anche sui probabili effetti tossici che si manifestano, a lungo termine, ingerendo l alimento. 6

8 Uno strano binomio Sono due le iniziative che con Expo vedono protagonista la strana coppia: cibo e matematica. Il luogo eletto è Mathesia, piattaforma di crowdsourcing dedicata alla matematica applicata. La prima è il progetto Food Safety and Risk Analysis da parte di Thusia srl, società che si occupa di analisi e sicurezza alimentare. Alberto Fugazza spiega che assieme ai suoi clienti si trova a gestire grandi quantità di dati, che però vengono elaborati separatamente. Per superare questo limite è stato predisposto uno specifico progetto euro è il budget di questa iniziativa, che chiede agli iscritti della piattaforma di proporre lo sviluppo di algoritmi e software per gestire grandi quantità di dati, prevedere rischi e avere informazioni rapide e sintetiche. L obiettivo è quello di aumentare gli standard della sicurezza alimentare. L aspettativa verso Mathesia, è quella di condividere questa esigenza con esperti di tutto il mondo, sperando di ricevere preziosi contributi da chi ha già avuto modo di approcciare a simili problematiche. Da dicembre 2014 ad oggi, Mathesia conta 600 iscritti tra studenti, consulenti, aziende e startup di 50 differenti nazioni. La seconda iniziativa lanciata da Mathesia è il Math&Food Contest, rivolto a chi ha un idea e un progetto che riesca a mettere in relazione i due ambiti, così apparentemente lontani. Un altra sfaccettatura sul tema, riguarda la particolare sensibilità, sotto il profilo della salute, di specifiche categorie di consumatori, nel caso in cui l alimento sia destinato ad essi. Ortoressia (dal greco orthos -corretto- e orexis -appetito-), è l attenzione diffusa ed eccessiva per ciò che si mangia e che spinge molte persone a seguire mille scrupoli alimentari nel timore di conseguenze alla salute. Fomentata dalle incertezze su provenienza, sicurezza e salubrità, questa cibocondria, stimola una enorme domanda di conoscenza. Si prenda ad esempio l Italia dove i consumatori sono i più informati. Le attività dedicate alla sicurezza alimentare impegnano oltre 60 mila addetti, per controlli e analisi di prodotti e processi. I moderni consumatori si alimentano sempre meno di materia, ingerendo maggiori dosi di informazioni e conoscenza. Per determinare se un alimento sia inadatto al consumo umano, occorre stabilire in modo preciso l origine della sua non idoneità. Il Codex Alimentarius definisce contaminante ogni agente chimico o biologico, sostanza estranea o altre sostanze non aggiunte intenzionalmente all alimento. Conviene darsi una regolata Queste sostanze sono in grado di compromettere la sicurezza alimentare. La contaminazione viene definita naturale quando causata da microorganismi, come nel caso di muffe. Inoltre può avvenire da fonte antropica, come nel caso di: prodotti chimici, pesticidi, inquinanti ambientali, metalli pesanti, vetro, plastica, parti di attrezzature o di macchinari staccatisi durante la fase di lavorazione, sassi e gusci. Questo consente d identificare le responsabilità a carico del produttore, del distributore - dettagliante o soggetti terzi. 7

9 Il percorso del cibo La qualità delle materie prime è fondamentale ai fini della sicurezza e della qualità del prodotto finale. È quindi necessario un approccio sistematico, dal campo agricolo alla tavola, al fine di evitare la contaminazione dei prodotti alimentari, individuando i potenziali rischi. Ad oggi pensiamo al cibo come ad ogni altro prodotto industriale, in una propria catena di montaggio. La distinzione che applichiamo è fra vicino e lontano. Classifichiamo i nostri cibi pensando che ciò che mangiamo possa provenire da pochi passi da noi ( a Km zero ) o da migliaia di Km di distanza. Come per alcuni cocchi che, raccolti acerbi e maturati con il carburo di calcio, vengono staccati dalla pianta, mettono le ruote e arrivano in aeroporto. Qui mettono le ali, attraversano l oceano, rimettono le ruote e raggiungono le nostre tavole, e la memoria delle nostre papille gustative ci illude di essere al mare. La riflessione sulle cause da contaminazione di un prodotto, induce ad osservazioni anche sulla supply chain e sui rischi connessi. Oltre i rischi da eventi atmosferici e catastrofali, è importante annoverare anche quelli connessi alla trasformazione, conservazione, stoccaggio e trasporto. In questa delicata fase, sia nel caso in cui queste funzioni siano in capo all azienda pro- duttrice, sia nel caso ci si avvalga di attori esterni, è importante che venga fornita un ottimale conservazione della materia prima, dei semi lavorati o dei prodotti finiti. Nell industria alimentare i trasporti sono coperti dalla legislazione sugli standard di qualità: la normativa dell Unione Europea, sull igiene e sulla sicurezza degli alimenti, si applica al trasporto e allo stoccaggio in sinergia con le norme dell International Standards Organisation (ISO). Anche il Codex Alimentarius, contempla i problemi del trasporto e dello stoccaggio nelle raccomandazioni globali per la tutela degli alimenti. Questo processo diventa di grande rilevanza per un azienda come Ferrero. I rischi connessi alla gestione della supply chain assumono dei risvolti che possono indurre timore, ma posso anche risultare stimolanti in relazione alle rilevanti quantità di materie prime acquistate dal gruppo Ferrero: ogni anno le tonnellate di zucchero acquistate sono ; sono le tonnellate di cacao; le tonnellate di nocciole e tonnellate di latte. Il Gruppo Ferrero commercializza ogni anno 390 milioni di kg di Nutella nel mondo. Alberto Tinivella -Group Insurance Manager dell azienda- il 16 giugno 2015 ha parlato a Milano di fronte a una platea composta da professionisti del mondo assicurativo. I prodotti Ferrero hanno scadenze variabili, che vanno dai 40 giorni a oltre un anno, in relazione alla tipologia di prodotto. Per garantirne la qualità e la freschezza, sono stati stabiliti dei parametri di temperatura precisi per le varie categorie di prodotti finiti. Se ci si trova in ambienti privi di strutture adeguate per la conservazione dei cibi, i rischi di contaminazione derivati dall ambiente o dalla scarsa igiene possono rappresentare una delle preoccupazioni principali per la grande distribuzione. I trasporti avvengono via nave, via terra o via ae- 8

10 Fonte CELS Il percorso del cibo rea, attraverso autocarri frigo o container. Gli standard qualitativi, decisi dal gruppo Ferrero, sono elevati e richiedono: un accurata pulizia interna, l assenza di odori, umidità, infestanti o tracce di essi, il buon funzionamento dei termometri interni ed esterni, l assenza di gocciolamento di condensa all interno ed i sigilli di garanzia. Individuati i rischi della supply chain, il gruppo Ferrero ha chiesto agli assicuratori delle coperture All Risks in tutte le fasi di trasporto e di giacenza effettuate direttamente. Inoltre ha richiesto: delle coperture di Responsabilità vettoriale in capo ai trasporti marittimi e terrestri; delle coperture per Responsabilità dei Depositari e di tutti coloro che intervengono nella supply chain. Risulta pertanto indispensabile risolvere le problematiche dei settori trasporti ed alimentare, mediante la realizzazione di una polizza trasporti All Risks dedicata. La soluzione potrebbe essere una copertura assicurativa per tutti i rischi legati al trasporto, alla movimentazione ed alla giacenza a magazzino, di materie prime e prodotti finiti. I rischi tutelati potrebbero riguardare i dan- ni da ritardo, riconoscendo un importo per ogni giorno di ritardo sulla consegna. Potrebbero anche essere compresi i danni derivati dalla non commerciabilità del prodotto, a tutela dei danni che derivano da un prodotto respinto dal fornitore, in quanto ritenuto non commerciabile, secondo gli standard di mercato. Potrebbero essere anche rimborsabili le spese sostenute per contenere i danni per rottura o malfunzionamento dell impianto (sia durante il trasporto, sia nella copertura a magazzino). Parliamo quindi di rilevanti temi assicurativi. 9

11 Fidarsi è bene, controllare è meglio Solo nell anno 2012 si sono verificati, entro i confini dell Unione Europea, oltre 900 casi di ritiro prodotti, in buona parte avvenuti prima dell acquisto da parte del consumatore. Una forma di difesa attuata dall industria alimentare. Ovviamente tali richiami non sono indolori, comportano costi e oneri riferiti al controvalore del prodotto e alla diminuzione del fatturato. Vanno inoltre aggiunti i costi logistici necessari per ritirare e distruggere il prodotto inadeguato, i danni legati alla chiusura della linea produttiva o dell intero stabilimento. Ciò può costituire inoltre un grave danno reputazionale per l impresa. Una parte di questo onere, ricade sul distributore o sul dettagliante, i quali devono collaborare con il produttore per l adempimento delle attività di ritiro o richiamo. La contaminazione, reale o presunta, di alimenti e bevande può verificarsi in modo accidentale, o per un azione deliberata da parte di soggetti che vogliono ottenere dolosamente vantaggi di tipo politico o finanziario. In queste eventualità è fondamentale, per le aziende agroalimentari, poter fronteggiare in tempi brevi la situazione, per non incorrere in danni da business interruption. A questo tema è stata dedicata l edizione del Premio Assiteca, discutendo di come alcune aziende del settore si siano attrezzate per costruire un piano di continuità, in caso di interruzione del business, che includa anche il rischio di recall prodotti. In tal senso è importante, per le compagnie assicurative, riflettere su come fornire la copertura dei costi di ritiro del prodotto in tutto il mondo. Alcune compagnie garantiscono anche una tutela delle perdite di profitto e delle spese finalizzate al ripristino dello status di partenza, inclusa l elaborazione di strategie atte a prevenire e contenere le situazioni di crisi. L approccio assicurativo prevede tre aree di rischio, supportabili da specifiche soluzioni. La polizza di Responsabilità Civile dei Prodotti (RC prodotti), che garantisce da danni materiali a terzi, causati a cose e persone. L attenta valutazione delle possibili implicazioni, derivanti dalla fornitura di un prodotto non conforme, ha reso questa polizza uno strumento indispensabile per chi opera nel settore produttivo. Con questo contratto di assicurazione è possibile coprire il danno patrimoniale derivante dalla situazione dannosa, consistente nella richiesta risarcitoria avanzata da un terzo danneggiato dall assicurato. 10

12 Fidarsi è bene, controllare è meglio Con l assicurazione della Responsabilità Civile Prodotti, la Compagnia tutela l assicurato dall obbligo di risarcire i terzi, che eventualmente risultano danneggiati dalla sua attività di produttore o venditore. Come normalmente accade, questa polizza può prevedere anche la copertura dei danni derivati dal blocco totale o parziale della produzione, sia per criticità del processo lavorativo, sia per eventuali misure cautelari, imposte dall autorità governativa o adottate dall impresa danneggiata, in base al principio di precauzione, a cui devono essere ispirate le procedure di ritiro e richiamo degli alimenti, ai sensi del Reg.to 178/2002. Il mercato assicurativo offre anche la garanzia di ritiro prodotti come parte integrante della polizza base di Responsabilità Civile Prodotti. In questo caso l Assicuratore si deve impegnare a rimborsare -nella Fidarsi è bene, misura in cui verranno documentate ed entro i massimali indicati- controllare le somme è meglio spese per l operazione di ritiro e l eventuale smaltimento dei prodotti. Il ritiro, contemplato dalle principali compagnie assicurative, viene offerto in presenza di alimenti di rischio per la salute del consumatore. La polizza Tampering garantisce la contaminazione o alterazione dolosa o accidentale dei prodotti. Con questa formula è possibile assicurare le perdite di profitto, il danno d immagine, le spese di consulenza e gli oneri per il ritiro e il richiamo dei prodotti. La normativa in materia è molto giovane e probabilmente molte delle compagnie assicurative si trovano in una fase di studio rispetto a questi temi. Attenzione a considerare aziende che esportano i propri prodotto in USA e Canada: in questi casi le coperture devono essere estese ed integrate. Diventa quindi fondamentale un ennesima forma di comunicazione: l etichetta alimentare è ciò che consente di costruire la storia, il percorso, la durata e il ciclo di vita. Ad esempio in Gran Bretagna, sono sperimentate etichette a semaforo, per segnalare la presenza di sale, grassi e zucchero in eccesso, esperimento bloccato poi, per vari motivi, dalla UE. La sicurezza e l origine del prodotto sono legate indissolubilmente. Ha una forte influenza la potenza evocativa del territorio, che nel caso della Svizzera può rimandare a valori quali precisione e raffinatezza. Per la Germania robustezza e affidabilità e per l Italia creatività e amore. Tutto bene finché questi sistemi valoriali evocano immagini positive. Tutt altra storia è l episodio accaduto nel 2013, quando il colosso cinese Shuanghui International, ha acquisito uno degli storici produttori americani di carne di maiale, Smithfield Foods. I consumatori statunitensi hanno avuto paura di un inversione di percorso (non più dagli USA verso la Cina, ma viceversa), perché si può dire che il Made in China rappresenta tutto fuorché la qualità. 11

13 Un viaggio nella filiera fra trasparenza e rintracciabilità Buon appetito! Il falso è servito Il gruppo Barilla, per i sei mesi di Expo, debutta con la proposta di mettere in vendita, al Future Food District, un edizione limitata di due prodotti. Presso il Supermercato del Futuro di Coop nell area Expo, saranno a disposizione un particolare tipo di Farfalle e il Sugo al basilico Barilla. Con un QR code presente sulle confezioni, i consumatori saranno spettatori della storia del noto marchio. Potremo seguire il percorso della pasta, dal campo di grano, scoprendo come è stato seminato coltivato e raccolto. Ci è permesso anche entrare nel mulino, per comprendere i vari passaggi della trasformazione e dello stoccaggio della semola, fino al confezionamento e all etichettatura. Le limited edition di Farfalle e Sugo al Basilico Barilla, sono il risultato della collaborazione con l innovativa piattaforma Safety For Food: un progetto più ampio ed estremamente complesso che ha l obiettivo, attraverso l adesione di un gran numero di aziende, di realizzare una banca dati mondiale per prodotti agroalimentari. Percorrere tutte le fasi della filiera rappresenta un modo efficace per rendere l informazione trasparente, a supporto di una migliore gestione di tutti i processi. Formaggi, pomodorini un buon olio d oliva e, per concludere da bravi patriottici, un caffè. Ma per alcuni il pranzo potrebbe risultare indigesto. L olio d oliva in realtà è alla clorofilla; il formaggio è danese ma spacciato per Made in Italy ; i pomodorini pelati hanno l aggiunta di coloranti e il caffè ha il marchio contraffatto. Le frodi alimentari sono sempre più frequenti e spesso assumono le fattezze di truffe vere e proprie, come spiega Salvatore Casillo, direttore del Centro studi sul Falso. I falsi d autore abbondano e sono sempre più sofisticati: vanno dalla falsificazione dell etichetta al bluff sui componenti. Le frodi si suddividono in due categorie: quelle sanitarie, dette frodi tossiche in quanto costituiscono una minaccia per il consumatore; quelle commerciali, che danneggiano gli interessi economici del consumatore, senza necessariamente arrecare danno alla salute. La distinzione può essere ulteriormente effettuata in frodi sulla qualità intrinseca di prodotto e frodi riguardanti la commercializzazione di alimenti. Tra quelle relative alla qualità intrinseca del prodotto, troviamo casi di alterazioni, adulterazioni e sofisticazioni. Le alterazioni riguardano casi di modifiche della composizione organolettica degli alimenti, causata da fenomeni degenerativi per cattiva o prolungata conservazione. Le adulterazioni riguardano l aggiunta o la sottrazione volontaria e non dichiarata di alcuni componenti, allo scopo di ottenere un tornaconto economico. Anche la sofisticazione rientra nell ambito delle modifiche volontarie della naturale composizione di un prodotto, mediante l aggiunta di sostanze non consentite dalle leggi, per migliorarne furbescamente l aspetto o coprirne difetti. Agropirateria è il neologismo coniato nel caso di frodi commerciali con effetti dannosi per più soggetti: dalle imprese al consumatore, fino allo Stato. In questa situazione, casi di falsificazione e contraffazione sono volti a sostituire un alimento con un altro, oppure hanno lo scopo di creare un prodotto nuovo ma apparentemente simile a quello reale.la Legge n. 350/2003, e le successive integrazioni, si sono rese necessarie per la tutela del consumatore nella dichiarazione delle indicazioni sull origine del prodotto. Ciò rappresenta un grande passo in avanti nella difesa del marchio da noi 13

14 Buon appetito! Il falso è servito tanto orgogliosamente celebrato del Made in Italy. Coldiretti però mostra, nel suo Padiglione a Expo, una grottesca galleria di prodotti italian sounding. C è il Parmesan australiano, con la garanzia sulla confezione di perfect italiano ; in Spagna si mangia la Mortadela Siciliana e in Argentina la Provoleta. La mostra del Made in sfregiato, mette in evidenza come la produzione di falsi italiani, avviene in un Paese su quattro. Ad imitare i nostri prodotti non sono i Paesi poveri, ma i più ricchi o emergenti. In Canada ad esempio hanno registrato un loro finto San Daniele. Ci sono anche dei kit per produrre barolo invecchiato in soli 28 giorni. Ovviamente abbondano anche le immancabili allusioni: Salsa Maffia belga, il Fernet Mafiosi tedesco, e la salsa Palermo Mafia shooting. Debellare il fenomeno fraudolento è fondamentale, non solo per il circuito clandestino, ma anche per il circuito commerciale regolare in cui i prodotti contraffatti si collocano a fianco di quelli genuini. Gli interventi devono essere repressivi, con sanzioni penali o amministrative, ma anche preventivi con la creazione di banche dati che consentano di individuare gli alimenti da salvaguardare e quelli che sono il risultato di frodi. Si tratta di temi in evoluzione ancora da approfondire. Ad esempio, un tema che resta ancora aperto è la formulazione di una polizza per la non conformità che comprenda la non accettazione o il non gradimento del prodotto da parte del consumatore finale. Abbiamo ancora tanto lavoro da fare. 14 Fonte Coldiretti

15 point of U Per ricevere i successivi numeri speciali e rimanere aggiornato sulle attività e gli eventi dell Associazione UGARI TI INVITA A : Unione dei Giovani Assicuratori e Riassicuratori Italiani VISITARE IL NOSTRO SITO SCOPRIRE COME DIVENTARE SOCIO UGARI PRENDERE PARTE ALLA COMMUNITY DI LINKEDIN CREA CON NOI UN GRANDE NETWORK!

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA)

La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) La ISO 22000 nel packaging alimentare e il regolamento sui materiali a contatto con alimenti (MCA) 1 Scopo e campo di applicazione della ISO 22000 SCOPO: si applica quando una organizzazione delle filiera

Dettagli

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE

ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ISO 22000 SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE Lo standard ISO 22000 si applica a tutte le organizzazioni direttamente o indirettamente coinvolte nella filiera alimentare. La norma è compatibile

Dettagli

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare

L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Milano, 28 aprile 2014 L industria del Made in Italy e la route to market verso l internazionalizzazione. Spunti su come l Europa ci può aiutare Paolo De Castro Presidente Commissione Agricoltura e Sviluppo

Dettagli

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare

Benito Campana. Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Benito Campana Strumenti per la qualità dell impresa agricola e agroalimentare Itinerario Programmare le politiche aziendali per la qualità in relazione alla normativa, alle esigenze dei mercati e alle

Dettagli

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane

Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Il mercato dell olio di oliva in Russia Analisi delle opportunità commerciali per le imprese italiane Roberto Cassanelli - Responsabile Commerciale Corporate Nord Est Verona, 8 aprile 2013 INDICE IL QUADRO

Dettagli

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione

L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Dies Academicus 2014-2015 in occasione del trentennale della sede di Cremona e della SMEA Lectio L agro-alimentare italiano e la sfida dell internazionalizzazione Prof. SMEA, Alta scuola in economia agro-alimentare

Dettagli

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo

La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo La norma internazionale sulla gestione della sicurezza alimentare (ISO 22000) nell attuale contesto legislativo Il Pacchetto igiene : la normativa europea cogente in materia di sicurezza alimentare Maria

Dettagli

L industria agroalimentare italiana

L industria agroalimentare italiana Il sistema italiano L importanza del sistema italiano Strette connessioni fra agricoltura, industria di trasformazione e distribuzione : necessità di una visione più complessiva del sistema L industria

Dettagli

La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino. 22 ottobre 2014 Ing. Maurizio De Francesco Genagricola SpA

La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino. 22 ottobre 2014 Ing. Maurizio De Francesco Genagricola SpA La sostenibilità e la certificazione volontaria come valore per il mercato del vino La crescente attenzione del consumatore per i temi della sicurezza alimentare e la contemporanea richiesta di garanzie

Dettagli

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE

L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE L INTERSCAMBIO DI PRODOTTI AGROALIMENTARI TRA I PAESI AGRONET : STATO DELL ARTE, TREND E PROSPETTIVE FUTURE Direttore Area Agricoltura e Industria alimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Gli scambi

Dettagli

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare

Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Recall and crisis management negli standard volontari di certificazione del settore alimentare Maria Chiara Ferrarese Responsabile Divisione agro, food & packaging e Responsabile Progettazione e Innovazione,

Dettagli

L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare. Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az.

L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare. Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az. L applicazione del pacchetto igiene nell industria alimentare Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az.Ulss 12 Veneziana c è chi ha detto: In azienda il problema sarà risolto definitivamente

Dettagli

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare Job Area: I master di Alta Specializzazione Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare IL MASTER TI PREPARA A RIVESTIRE IL RUOLO DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE,

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST

IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Bologna 27/10/2010 IL NUOVO CENTRO DISTRIBUTIVO DEL GRUPPO CAMST Ventitremila mq la struttura, venticinque milioni di euro l investimento, trecento i fornitori accreditati, quattromila referenze di cui

Dettagli

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare

Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare Job Area: I master di Alta Specializzazione Il Responsabile della Qualità e della Sicurezza alimentare nella filiera agro-alimentare IL MASTER TI PREPARA A RIVESTIRE IL RUOLO DI ESPERTO NELLA PROGETTAZIONE,

Dettagli

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004.

PACCHETTO IGIENE. 853, 854 e 882 emanati nell anno 2004. PACCHETTO IGIENE L Unione Europea ha da sempre attribuito molta importanza all attività legislativa diretta a regolamentare la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, con l obiettivo primario di tutelare

Dettagli

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO

07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO 07/04/2015 GLI SCHEMI DI CERTIFICAZIONE IN AMBITO PACKAGING PER ALIMENTI: UNI EN 15593, BRC/IOP E GMP FEFCO Perché Certificarsi Ottemperare agli obblighi di legge Soddisfare le richieste dei clienti Perché

Dettagli

Formazione per le Aziende Catalogo CORSI

Formazione per le Aziende Catalogo CORSI Formazione per le Aziende Catalogo CORSI Ufficio Formazione permanente e continua Via Festa del Perdono n. 7 20122 Milano www.unimi.it AREA ALIMENTARE La shelf life di alimenti e bevande confezionati Alimenti

Dettagli

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte

Trade in Counterfeit and Pirated Goods MaPPinG The economic impact Contents Trade in Counterfeit Commercio di merci contraffatte Trade Commercio in Counterfeit di merci contraffatte and e di merci Pirated usurpative: Goods MaPPinG UNA MAPPA The DELL IMPATTO economic ECONOMICO impact Aprile 2016 SINTESI Questo studio analizza l impatto

Dettagli

Tracciabilità e Anticontraffazione 18 Giugno 2015

Tracciabilità e Anticontraffazione 18 Giugno 2015 18 Giugno 2015 Vino, contraffazione per due miliardi La contraffazione dei vini italiani nel mondo vale circa due miliardi: esattamente il 30% dei sei miliardi che Federalimentare stima, nel complesso,

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa

SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI. Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa SPRECO ALIMENTARE e CONSERVAZIONE degli ALIMENTI 24 aprile 15 Buone pratiche per ridurre lo spreco alimentare a casa Ci siamo incontrati con Matteo che collabora con LAST MINUTE MARKET. LAST MINUT MARKET

Dettagli

1. AGI giovedì 22 aprile 2010, 12.05.47 SALUTE: CIBI CONTAMINATI, 58% CASI DIRETTAMENTE AL CONSUMO

1. AGI giovedì 22 aprile 2010, 12.05.47 SALUTE: CIBI CONTAMINATI, 58% CASI DIRETTAMENTE AL CONSUMO 1. AGI giovedì 22 aprile 2010, 12.05.47 SALUTE: CIBI CONTAMINATI, 58% CASI DIRETTAMENTE AL CONSUMO SALUTE: CIBI CONTAMINATI, 58% CASI DIRETTAMENTE AL CONSUMO = (AGI) - Roma, 22 apr. - La maggior parte

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Istituto Comprensivo Castelverde ROMA Anno scolastico 2013/2014 DI UNA SANA E corretta ALIMENTAZIONE Anno scolastico 2013/2014 Istituto Zooprofilattico Sperimentale

Dettagli

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale.

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Compiti, sfide e necessità di supporto Roma, 25 ottobre 2007 dott. Giorgio BONETTI - Presidente

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 10.06.2004 COM(2004)415 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Piano d azione europeo per l agricoltura biologica

Dettagli

- PESENTAZIONE GENERALE Gennaio 2014 - RICONOSCIBILITA e TRACCIABILITA A PORTATA DI SMARTPHONE

- PESENTAZIONE GENERALE Gennaio 2014 - RICONOSCIBILITA e TRACCIABILITA A PORTATA DI SMARTPHONE - PESENTAZIONE GENERALE Gennaio 2014 - RICONOSCIBILITA e TRACCIABILITA A PORTATA DI SMARTPHONE 1 R E F E R E N Z E CERTIFICATA IN QUALITA ACCREDITATA IN ISO 9001:2008 certificato n. 22179/10/S Numero di

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

CHIMICA DEGLI ALIMENTI

CHIMICA DEGLI ALIMENTI CHIMICA DEGLI ALIMENTI Alimento: sostanza che l organismo può assumere e metabolizzare per produrre l energia ed il calore necessari allo svolgimento delle funzioni vitali. Derrata alimentare (Codex Alimentarius,

Dettagli

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE

PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE Bolzano, 29 maggio 2015 PRODOTTI TIPICI E MADE IN ITALY: MERCATO, OPPORTUNITA, PROSPETIVE DENIS PANTINI Direttore Area Agroalimentare Nomisma spa I TEMI DI APPROFONDIMENTO Il Made in Italy Dop e Igp :

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Mercato, concorrenza e regole... 1 2. Esperienze del sistema europeo di regolazione del mercato... 3 3. Garanzie e tecniche di intervento nel mercato... 6 4. Fisionomia

Dettagli

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI

SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI SICUREZZA DEGLI ALIMENTI:CONTROLLI, PROCEDURE,FORMAZIONE 11/12/2009 POZZUOLI Maria, Grazia Cerulo Medico veterinario, Responsabile UO Veterinaria filiera lattiero casearia ASL Napoli 2 Nord EVOLUZIONE

Dettagli

L applicazione della normativa HACCP nell agroindustria. Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az.

L applicazione della normativa HACCP nell agroindustria. Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az. L applicazione della normativa HACCP nell agroindustria Dott. Rocco SCIARRONE Direttore Dipartimento Prevenzione Az.Ulss 12 Veneziana SALUBRITA Assenza di rischi per la salute del consumatore GENUINITA

Dettagli

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi

Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico. Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Progetto per il recupero dell olio alimentare domestico Valter Molinaro Responsabile innovazione e gestione servizi Coop per l ambiente e la sostenibilità Stiamo consumando più risorse di quanto la Terra

Dettagli

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal

L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal L Industria Alimentare Italiana e le certificazioni Bio, Kosher e Halal Marcella Pedroni Fiere di Parma Spa Confindustria Palermo, 16 aprile 2014 L Industria Alimentare Italiana Consuntivo 2013 Fatturato

Dettagli

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo.

Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. Abitudini alimentari e salute: combattere l obesità infantile con il cibo. 13 marzo 2012 Mauro D Aveni Ufficio Qualità Coldiretti Torino «Gli alimenti sani non sono tutti uguali: imparare a riconoscerne

Dettagli

José Graziano da Silva. della

José Graziano da Silva. della 1 9 4 5 Se tutti facciamo la nostra parte, insieme possiamo realizzare l obiettivo fame zero nell arco della nostra vita José Graziano da Silva Direttore Generale della FAO A N N I della 2 0 1 5 i Nostri

Dettagli

www.allianz.ch CombiRisk Business

www.allianz.ch CombiRisk Business www.allianz.ch CombiRisk Business Realizzate la vostra idea. Noi siamo con voi. Anche con l assicurazione commercio e stabili: una soluzione completa con un unica polizza e da un unico operatore. Marcel

Dettagli

Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali.

Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali. Il noleggio crea ricchezza ed aiuta le vendite. Il noleggio dei beni strumentali. Franco De Michelis - Direttore Generale Assodimi Assonolo Il noleggio dei beni strumentali. Una nuova opportunità di business,

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA

SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITÀ ALBERGHIERA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera A. Vespucci Via Valvassori Peroni 8-20133 Milano - Tel. 02.7610162

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA

LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA LINEA GUIDA SISTEMA TRACCIABILITA MARCHI D AREA 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...3 2 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...4 3 DEFINIZIONI...5 4 NORMATIVE DI RIFERIMENTO...7 5 PRINCIPI BASE DEL SISTEMA DI TRACCIABILITÀ

Dettagli

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius

Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius Riferimenti incrociati ISO 9001:2000 e Codex Alimentarius 3.0 Programmi Prerequisito ISO 4.2.1-5.1-5.3 La Direzione si impegna a favore di un sistema di gestione della sicurezza attraverso la politica

Dettagli

Media mensile 96 3 al giorno

Media mensile 96 3 al giorno Il numero di attacchi gravi di pubblico dominio che sono stati analizzati è cresciuto nel 2013 del 245%. Media mensile 96 3 al giorno Fonte Rapporto 2014 sulla Sicurezza ICT in Italia. IDENTIKIT Prima

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy

Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola. Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Dopo EXPO, il futuro dell educazione alimentare nella scuola Dott.ssa Evelina Flachi Presidente Food Education Italy Nel passato sono stati molti e forse troppi i soggetti che hanno promosso un educazione

Dettagli

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti

Company Profile. Chi siamo. I nostri prodotti Chi siamo Fruttagel è un consorzio cooperativo, il cui scopo è dare valore a tutti gli stadi della filiera agroindustriale. A monte vi è il socio produttore, o il fornitore, che viene assistito per garantire

Dettagli

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Tesi congressuale 2 SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Ufficio di Coordinamento - Consigliere Nazionale Coordinatore: Dott. Agr. Cosimo Damiano CORETTI - Presidente

Dettagli

Sergio Marini (Presidente Coldiretti)

Sergio Marini (Presidente Coldiretti) Venezia, 17 aprile 2008 Forum Internazionale DOMANI ENERGIA Quarta edizione Sergio Marini (Presidente Coldiretti) 1 Coldiretti ha affrontato la questione energetica partendo da quei fenomeni che destano

Dettagli

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI

PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI OTALL Il salone della Ricerca, Innovazione e Sicurezza alimentare Cosa abbiamo nel piatto: Tecnologie, Ambiente, Educazione, Sicurezza PER SOSTENERE IL FUTURO, COME RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI Claudia

Dettagli

CERTIQUALITY. Area Certificazione Qualità. Settore Agroalimentare. Cremona 27 Ottobre 2006

CERTIQUALITY. Area Certificazione Qualità. Settore Agroalimentare. Cremona 27 Ottobre 2006 CERTIQUALITY Area Certificazione Qualità Settore Agroalimentare Cremona 27 Ottobre 2006 CERTIQUALITY S.r.l. Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 CERTIQUALITY OPERA CON OLTRE 100 PROFESSIONISTI CON

Dettagli

Corso per alimentaristi

Corso per alimentaristi Il tema della sicurezza alimentare riveste un ruolo di primaria importanza all interno della vita di ogni consumatore. La legislazione alimentare, fondamentale per assicurare un equo agire della autorità,

Dettagli

Biologico: tracciato per crescere

Biologico: tracciato per crescere Divisione Ricerche Claudio Dematté Biologico: tracciato per crescere Trace-ID, 12-11-2014 Vitaliano Fiorillo Agenda 1. Il settore del biologico: come nasce e come si sviluppa 2. I cambiamenti in atto 3.

Dettagli

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione

CIBO CHE NUTRE. tra informazione e disinformazione CIBO CHE NUTRE tra informazione e disinformazione Trino, 15 maggio 2014 ALIMENTAZIONE E NUTRIZIONE Alimentarsi vuol dire scegliere e assumere alimenti volontariamente. Nutrirsi vuol dire utilizzare le

Dettagli

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0)

TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile (R.0) TECNOSERVIZI Ing. Francesco Frabasile Milano 3/20141 (R.0) Perché il Fotovoltaico? La storia dell Umanità ci conferma la stretta correlazione che ha legato e lega sempre di più lo sviluppo socio-economico

Dettagli

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE

SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE TESI CONGRESSUALE 2 SICUREZZA E QUALITA ALIMENTARE: LA CERTIFICAZIONE A TUTELA DEL CONSUMATORE Commissione - Consigliere Nazionale Coordinatore: Dr. Agr. Cosimo Damiano CORETTI - Presidente Federazione

Dettagli

Minimizzare l'impatto umano nell'ambiente e operare nel modo più naturale;

Minimizzare l'impatto umano nell'ambiente e operare nel modo più naturale; COS È BIO? Sistema di produzione agricola che ha come obiettivo il rispetto dell ambiente, degli equilibri naturali e della biodiversità, e che cerca di offrire al consumatore prodotti genuini ottenuti

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO

Gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nella GDO Maggio 2012 In sintesi Il quadro internazionale dell agricoltura biologica Nel 2010, secondo gli ultimi dati disponibili, l agricoltura biologica a livello mondiale ha sostanzialmente confermato l estensione

Dettagli

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA

Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Il Mercato dei prodotti Agroalimentari Biologici in CINA INCOMING OPERATORI ESTERI AL SANA Bologna 12 15 settembre 2015 MERCATO DEI PRODOTTI BIOLOGICI Introduzione Il mercato dei prodotti biologici in

Dettagli

TOP. il software per l agricoltura. nato sul campo

TOP. il software per l agricoltura. nato sul campo TOP il software per l agricoltura nato sul campo TOP il software per l agricoltura La specializzazione nell agroalimentare non si inventa ma si ottiene solamente lavorando quotidianamente a stretto contatto

Dettagli

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI

POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Alberto Mancuso POSSIBILITA DI SEMPLIFICAZIONE NELL APPLICAZIONE DEL METODO HACCP E PROBLEMI APPLICATIVI Modena, 30 settembre 2004 Alberto Mancuso Le possibilità di semplificazione nell applicazione del

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E

il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in B R A S I L E 1 B r a s i l e G i a p p o n e A u s t r a l i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c i a

Dettagli

EATING CITY: Food & Cities: il futuro smart delle politiche alimentari urbane

EATING CITY: Food & Cities: il futuro smart delle politiche alimentari urbane EATING CITY: Food & Cities: il futuro smart delle politiche alimentari urbane Saragossa 20 Novembre 2015 Mensa Civica Maurizio Mariani President of Risteco Le Attività di Risteco Consorzio no profit per

Dettagli

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito.

Biotecnologie ed OGM. Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. Biotecnologie ed OGM Terza parte: piante geneticamente modificate: produzione, legislatura, pubblico dibattito. piante OGM nel mondo. I maggiori produttori di OGM nel mondo sono USA, Argentina, Canada

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO

OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO OTTIMIZZAZIONE ECONOMICA DELLA CUCINA DOCENTE: EXECUTIVE CHEF ALESSANDRO CIRCIELLO IL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO: Pochi piatti di un menù rimangono vincenti per sempre. La maggior parte di essi dovrà essere

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Economia dell ambiente

Economia dell ambiente Economia dell ambiente Impresa e ambiente Elisa Montresor 2008-2009 1 Ambito aziendale L integrazione dell ambiente con gli obiettivi dell impresa Strategie d acquisto e produzione Bilancio ambientale

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONE PRIMARIA E SICUREZZA ALIMENTARE Tecnico Della Prevenzione Lazzaro Dott. Alessandro (Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Aulss n 13 Mirano-VE) Verona 03/02/2012 Quadro normativo

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

Il sistema assicurativo

Il sistema assicurativo Il sistema assicurativo Tipologie di rischio in agricoltura Strumenti per la difesa dai rischi Sistema assicurativo italiano Polizze multirischio Sistemi assicurativi di altri Paesi Tipologie di rischio

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure Cosmetici e contraffazione 20 dicembre 2013 Cosmetici e contraffazione Definizione Per cosmetico contraffatto

Dettagli

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua

La Direttiva Quadro sulle Acque e la Nuova Cultura dell Acqua RIASSUNTO Il fatto che più di un miliardo di persone non abbiano diritto all acqua potabile e che più di due miliardi non godano di servizi igienici adeguati, unitamente al degrado dell ecosistema acquatico

Dettagli

cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti copyright

cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti copyright 2014 ricerca cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti 1 Cosa vedono nel loro futuro i produttori di serramenti, 2014 La pubblicazione riporta i risultati di una ricerca condotta via internet

Dettagli

Thai-Italian Chamber of Commerce

Thai-Italian Chamber of Commerce IL MERCATO AGROALIMENTARE IN THAILANDIA Il settore del Food in Thailandia è sicuramente uno dei piu promettenti e in rapida crescita. La concorrenza sta crescendo di pari passo; ogni anno infatti assistiamo

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo

Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo Malnutrizione, povertà ed accesso agli alimenti nei paesi in via di sviluppo esiste oggi un problema di fame nel mondo? com è cambiato nel tempo? è oggi più grave o meno grave che in passato? le aree del

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9

ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 SOMMARIO ALIMENTI...3 MANGIMI E SEMENTI...9 ALLERGENI ED OVOPRODOTTI...12 2/12 ALIMENTI In un quadro di salvaguardia dei diritti dei consumatori, il piano della Regione Piemonte per il Controllo Ufficiale

Dettagli

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica

Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Carta dei servizi camst ristorazione scolastica Camst. Il gusto di una bella storia. Camst è tra i più importanti gruppi di ristorazione in Italia ed è interamente costituito da capitale italiano. Nasce

Dettagli

La sicurezza alimentare.

La sicurezza alimentare. La sicurezza alimentare. Un alimento può considerarsi sicuro, quando è accertata la sua buona qualità sotto il profilo igienico e sanitario. La qualità igienico-sanitaria di un prodotto alimentare, riguarda

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

Il controllo e l igiene degli alimenti: i principi generali. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare

Il controllo e l igiene degli alimenti: i principi generali. Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare Il controllo e l igiene degli alimenti: i principi generali Dott. Bruno Simonetta Responsabile HACCP Azienda Grande Distribuzione Alimentare Finalità La finalità del corso è quella di fornire ai farmacisti

Dettagli

OSSERVATORIO SANA 2015

OSSERVATORIO SANA 2015 Progetto promosso da: Progetto realizzato da: Progetto realizzato con il patrocinio di: OSSERVATORIO SANA 2015 A CURA DI NOMISMA L AGROALIMENTARE BIOLOGICO ITALIANO ALL ESTERO La filiera biologica italiana

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010

Indice. Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia. Premessa 14/10/2010 Il mercato internazionale dei cereali: tendenze e prospettive per l Italia Grano Italia, Bologna 30 settembre - 1 ottobre 2010 Aula Magna della Facoltà di Agraria Prof. Gabriele Canali SMEA, Alta Scuola

Dettagli

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità

DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità DALL UVA BIOLOGICA AL VINO BIOLOGICO: qualità, sicurezza e autenticità L importanza della certificazione del vino biologico la garanzia di qualità, sicurezza e autenticità () Alessandro Barbieri - Antonio

Dettagli

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA

CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA CIBO, ALIMENTAZIONE E BIODIVERSITA VILLA PAOLINA ASTI 8 settembre 2015 La popolazione mondiale è cresciuta di 250 milioni di persone in 1600 anni 9 miliardi mentre ora cresce drasticamente. dal 1950

Dettagli