DA CLASTIDIUM LAVORA SOC. COOP. A R.L. DA PARTE DI ALTRI ORGANIZZATORI DI EVENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DA CLASTIDIUM LAVORA SOC. COOP. A R.L. DA PARTE DI ALTRI ORGANIZZATORI DI EVENTI"

Transcript

1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AREE FIERISTICHE OLTREXPO (ex Area Fieristica Truffi) GESTITE DA CLASTIDIUM LAVORA SOC. COOP. A R.L. DA PARTE DI ALTRI ORGANIZZATORI DI EVENTI

2 Pagina 2 di 8 Art. 1 - DENOMINAZIONE - CLASSIFICAZIONE - SCOPO - DATA A) Coop. Clastidium Lavora a r.l., che qui di seguito, per brevità verrà indicato con i termini di Fiera o Clast.Lav., organizza annualmente, sia direttamente che indirettamente, Fiere, Mostre, Esposizioni, Manifestazioni ed Eventi, di carattere Industriale, Commerciale, Economico, Culturale, Artistico, Sportivo, Scolastico, Sociale, Ambientale ed altro anche nell interesse delle categorie economiche locali, nazionali ed estere - allo scopo di sviluppare le conoscenze, incrementare la produzione, sviluppare gli scambi, aumentare i consumi, perseguire comunque un interesse generale, con ricadute economiche, occupazionali e sociali sul territorio nazionale, regionale, provinciale e della Città di Casteggio. Tutte le manifestazioni che verranno organizzate indirettamente da Aziende, Enti Pubblici o Privati, Agenzie, Persone Fisiche o altro, che qui di seguito verranno indicati con il termine di ORGANIZZATORE, negli spazi in uso e gestiti da Clast.Lav.,, sono regolate dalle norme del presente Regolamento che seguono. B) Le date di apertura e di chiusura delle manifestazioni, la loro durata e gli orari di accesso vengono fissati e regolati dal Contratto tra le parti. L Ente ORGANIZZATORE comunicherà con documento ufficiale a Clast.Lav.,, il calendario dei giorni e dei tempi di utilizzo della struttura fieristica; Clast.Lav., si riserva, in ogni momento, il diritto di apportare unilateralmente delle variazioni a tale documento per motivi organizzativi e tecnici, tenuto conto che l eventuale esercizio di tale facoltà non potrà in nessun caso essere oggetto di richiesta di risarcimento danni da parte dell ORGANIZZATORE. ART. 2 - PARTECIPAZIONE E AMMISSIONE Possono partecipare alle manifestazioni fieristiche organizzate e gestite dall ORGANIZZATORE: a) I produttori Italiani ed esteri; b) I rappresentanti o concessionari o agenti Italiani ed esteri di ditte produttrici nazionali ed estere; c) Le ditte, gli organismi, ecc. comunque riconosciuti promotori, sostenitori e realizzatori di attività connesse alla produzione, ai servizi e agli scambi. d) Enti o Aziende pubbliche o Enti o Aziende private, Associazioni con o senza scopo di Lucro che per loro statuto siano coerenti con la finalità della Fiera o della Manifestazione organizzata e comunque portatori di interesse generale. e) Venditori anche non professionali, collezionisti e artigiani, anche non dotati di partita IVA, per manifestazioni di carattere speciale se la Direzione di Clast.Lav., si riserva di dare il proprio consenso alla manifestazione. f) Altre categorie di operatori di vario genere, non elencate, che di volta in volta la Direzione di Clast.Lav., riterrà, dopo valutazione ed eventuale accettazione, di inserire nel sopraindicato elenco su richiesta dell ORGANIZZATORE. ART. 3 - PAGAMENTI I pagamenti del dovuto saranno regolati secondo le modalità previste nell apposito contratto stipulato tra Clast.Lav., e l ORGANIZZATORE. ART. 4 - RINUNCIA ABBANDONO PENALE Le eventuali rinunce da parte dell ORGANIZZATORE e le possibili sanzioni applicabili saranno regolate e disciplinate in base alle apposite modalità previste nel contratto stipulato tra le parti. ART. 5 - ESPOSIZIONE CAMPIONI - ALLESTIMENTO - AREE - PULIZIA - ANTINCENDIO - SICUREZZA A) L ORGANIZZATORE è tenuto ad esporre, per tutta la durata della rassegna, i soli prodotti precisati nell «autorizzazione per l occupazione delle aree» che riporterà tutti i tipi di prodotti merceologici che potranno essere presenti nell area espositiva, il suddetto documento deve essere presentato a Clast.Lav., almeno 15 Giorni prima della data di inizio della manifestazione. Clast.Lav., si riserva di rilasciare l autorizzazione dopo una valutazione dei settori merceologici che si intende presentare, che devono essere inerenti e compatibili all attività di Fiera dichiarata, avvalendosi anche della facoltà di apportare variazioni. B) Gli allestitori, gli espositori, gli impiantisti, i giardinieri, gli imbianchini, i falegnami, i muratori e tutti gli altri soggetti attivi nell ambito della manifestazione, prima durante e per la chiusura della stessa, sono tassativamente tenuti all osservanza delle normative vigenti in tema di sicurezza ed igiene sul lavoro, prevenzione incendi e delle altre disposizioni in materia che potranno essere emanate nel tempo da Clast.Lav.. ART. 6 - DIVIETI 1) All Organizzatore è vietato: a) cedere, scambiare anche a titolo gratuito e anche parzialmente- le aree avute in assegnazione ad altri ORGANIZZATORI che, a loro volta, cedano o scambino Aree di proprietà della Clast.Lav.,

3 Pagina 3 di 8 b) occupare una superficie maggiore di quella assegnata o superare in altezza le misure stabilite da Clast.Lav., (vedi art. 5 lett. B); c) immagazzinare imballi o altro materiale non destinato all esposizione nelle aree assegnate, nelle adiacenze di esse e comunque nel perimetro dell area della Fiera; d) esporre prodotti non indicati nell «Autorizzazione all occupazione delle aree per l Organizzatore» rilasciata a Clast.Lav., e) effettuare qualsiasi prova e qualsiasi forma di pubblicità al di fuori delle proprie aree assegnate all ORGANIZZATORE; f) usare richiami ad alta voce o altre forme di pubblicità che, per la loro sostanza ed esteriorità, possano andare contro leggi o regolamenti, nonché effettuare raccolta di firme, dichiarazioni, propaganda e giudizi che possano essere considerati come una critica od offesa ad istituzioni politiche e sociali del nostro o di altri Paesi; g) detenere od utilizzare bombole, o altri recipienti a gas di qualsiasi tipo, ovvero riempire o conservare riempiti di carburanti o combustibili i serbatoi o le caldaie o altri recipienti per il funzionamento delle macchine osservare tutta la normativa vigente in materia di incendio, infortunistica ed in genere di sicurezza; h) mettere in azione le macchine esposte senza l autorizzazione scritta di Clast.Lav., che declina in proposito ogni responsabilità; i) effettuare prove, dimostrazioni, operazioni che possano compromettere la sicurezza di persone o cose, ovvero siano suscettibili di disturbare, irritare, arrecare danno, pericolo, o che comunque, a giudizio delle Autorità preposte alla sicurezza e alla prevenzione degli infortuni, vengano considerate pericolose; j) accendere fuochi, introdurre materie esplosive, prodotti detonanti o pericolosi o maleodoranti o che comunque possano arrecare danno o molestia; l) lasciare incustodite o in stato di abbandono le aree; m) permanere nei padiglioni o nel quartiere fieristico durante le ore di chiusura; n) circolare o sostare con veicoli di qualsiasi genere, nell area interna e recintata del quartiere fieristico, tranne per operazioni di carico e scarico da effettuare esclusivamente prima e dopo lo svolgimento della manifestazione e con mezzi autorizzati dalla direzione; o) adibire a svolgere attività di trasporto, spedizione, carico e scarico delle merci, lavori di allestimento, impianti e derivazioni di servizi tecnici e pulizia, tramite persone o ditte non autorizzate da Clast.Lav., - a meno che non si tratti di dipendenti dell Organizzatore o Aziende autorizzate. p) colorare le pareti ed il pavimento degli stand; dipingere scritte o insegne direttamente sui muri e sui materiali di proprietà di Clast.Lav.,; affiggere sui medesimi chiodi o altri attrezzi; esporre manifesti di carta non montati su adeguati in modo tale da non recare danni alle pareti della struttura e/o alle pareti di eventuali stand presi a noleggio dalla stessa Clast.Lav.,, eventualmente tali affissioni devono essere preventivamente autorizzate dalla direzione; q) effettuare direttamente allacciamenti agli impianti tecnici di Clast.Lav., (illuminazione, energia, acqua, scarichi, telefono ecc.) senza averne avanzato preventiva richiesta scritta, e/o con personale non autorizzato da Clast.Lav.,, e/o omettendo l osservanza delle norme di sicurezza vigenti; r) impiegare negli allestimenti delle aree assegnate materiali combustibili, o non ignifughi all origine, o non ignifugati a norma delle vigenti disposizioni. B) In tutti i casi descritti alle lettere precedenti l ORGANIZZATORE esonera espressamente Clast.Lav., da ogni e qualsiasi responsabilità verso i terzi. La Direzione di Clast.Lav si riserva di autorizzare o di assegnare deroghe ai divieti riportati nel precedente Punto 1) del presente articolo o a carattere generale. Si riserva inoltre in casi particolari la facoltà di di disciplinare le attività autorizzate od in deroga e/o di applicare, in questo caso, uno speciale onere. C) In caso di trasgressione ai divieti di cui al precedente punto A) Clast.Lav., si riserva di: a) richiedere il risarcimento dei danni causati direttamente od indirettamente ai dipendenti agli incaricati o alle cose e beni di Clast.Lav., o, comunque arrecati a terzi; b) applicare una penale di importo non inferiore al 50% della quota pagata dall ORGANIZZATORE, come previsto nel contratto stipulato con Clast.Lav.,; c) imporre la chiusura temporanea delle aree senza che l Organizzatore possa pretendere risarcimento di sorta; D) L ORGANIZZATORE deve essere presente nello spazio espositivo con un proprio responsabile durante tutto l orario di apertura della manifestazione e durante l orario e nei giorni di montaggio e smontaggio, il responsabile deve lasciare il proprio recapito di telefono cellulare e deve essere immediatamente rintracciabile. Per ogni manifestazione è obbligatorio il rispetto dell orario stabilito dall ORGANIZZATORE per il periodo di montaggio e

4 Pagina 4 di 8 smontaggio, operazioni che dovranno comunque avvenire sempre durante l orario di chiusura al pubblico. L ORGANIZZATORE deve trasmettere alla Direzione di Clast.Lav., almeno 5 (cinque) giorni prima del giorno di inizio montaggio, gli orari comunicati alle proprie aziende di fiducia e ai propri espositori. L ORGANIZZATORE deve riconsegnare, a conclusione della manifestazione, l area assegnata, gli spazi, gli eventuali arredi e le dotazioni nelle stesse condizioni in cui sono stati consegnati, rimanendo a suo carico gli eventuali danni causati agli stessi durante tutto il periodo in cui i locali della Clast.Lav., sono stati a sua disposizione. Art. 7 - INGRESSI - BIGLIETTI - TESSERE A) Per accedere al quartiere fieristico devono essere esibiti se richiesti, anche al personale di controllo di Clast.Lav., la tessera personale o il permesso provvisorio o il biglietto d ingresso rilasciato dall ORGANIZZATORE, unitamente ad un documento di identità o di riconoscimento, per verificare la legittimità del possesso del permesso. B) Per la vendita dei biglietti, in caso di manifestazione con ingresso a pagamento, l ORGANIZZATORE dovrà sottoporre alla Direzione di Clast.Lav., il piano di vendita dei Biglietti e le comunicazioni dovute alla SIAE. Art. 8 - SERVIZI TECNICI A) Clast.Lav., nei limiti degli impianti a sua disposizione, provvede a fornire i servizi richiesti e stipulati nel contratto con l ORGANIZZATORE, o servizi aggiuntivi, dietro pagamento e secondo le tariffe e le norme per la prenotazione, per l uso e il funzionamento (che verranno rese tempestivamente note). Le richieste presentate dopo il giorno di inizio montaggio stabilito dal contratto, verranno soddisfatte se possibile e per quanto in tempo. Clast.Lav., in questo caso si riserva di applicare un sovrapprezzo. Per tali forniture Clast.Lav., si limita a trasmettere all ORGANIZZATORE le prestazioni, le garanzie ed i rischi, così come risultante dalle note tecniche trasmesse dai rispettivi fornitori dei servizi. B) Per quanto riguarda gli impianti elettrici, da eseguirsi nell ambito delle aree assegnate (posa in opera di lampade normali, riflettori, insegne luminose, tubi a gas rari, relative condutture, trasformatori, survoltori, sfasatori, rifasatori, svattatori, rivettatori, motori, prese, all acciamento acqua, ecc.) l ORGANIZZATORE è tenuto: a) nel caso di montaggio di aree preallestite, a farli eseguire da un fornitore preventivamente autorizzato da Clast.Lav., b) nel caso di area nuda, a sottoscrivere il Mod. C Impianto elettrico-dichiarazione di conformità a regola d arte, attestante la rispondenza degli impianti stessi alle disposizioni di legge vigenti, copia di tale modello dovrà essere conservata presso la propria segreteria organizzativa; L allacciamento alla rete della Clast.Lav., e gli impianti elettrici degli stand eventualmente affittati da Clast.Lav., potranno essere effettuati esclusivamente dagli elettricisti autorizzati preventivamente dalla Clast.Lav.,. C) Qualora nell area non esistessero i servizi tecnici richiesti oltre a quelli standard di contratto, potranno essere eseguite, sempre che non lo vietino particolari ragioni di carattere tecnico, derivazioni dalle linee normali da parte di tecnici o aziende specializzate incaricati da Clast.Lav.,, restando a carico del partecipante le relative spese. D) Il pagamento dei servizi richiesti e forniti da Clast.Lav.,, dovrà essere effettuato dall Organizzatore entro i termini previsti dal contratto stipulato. NeI caso la richiesta per i servizi aggiuntivi venga effettuata oltre i termini indicati in ciascun modulo, verrà applicata una penale fino al 50% del costo previsto per tali servizi.. E) Eventuali abusi o inosservanze nel fruire dei servizi tecnici alle condizioni di cui alle lettere a, b e c di questo articolo: a) autorizzano Clast.Lav., a sospendere la fornitura dei servizi stessi, salvo il diritto alla riscossione di quanto dovuto per la fornitura stessa; b) implicano la totale responsabilità civile e penale del partecipante per i danni eventualmente causati a persone e cose di Clast.Lav., o di terzi. F) L Organizzatore esonera espressamente Clast.Lav., dalla responsabilità causata per qualsiasi danno derivante da interruzione delle utenze, a lei non imputabile direttamente. G) L Organizzatore può anche servirsi per i servizi tecnici indicati nel presente articolo di ditte di sua fiducia, previa comunicazione a Clast.Lav., che rilascerà apposito permesso, ad esclusione di imprese con le quali Clast.Lav., ha pendenze, morosità o contenziosi in corso, sulle quali può esprimere il proprio diniego al permesso. Dette ditte ed i propri dipendenti al momento dell accesso nell area fieristica, dovranno dimostrare di essere in regola con tutte le disposizioni normative vigenti in materia. Art. 9 - MACCHINARI IN AZIONE I macchinari vari non possono essere messi in funzione se non a seguito dell adempimento di tutte le formalità prescritte dalla legge e di tutte le eventuali norme e disposizioni impartite da Clast.Lav., al riguardo, sempre che ciò non arrechi

5 Pagina 5 di 8 pericolo o molestia ; è comunque necessario che l ORGANIZZATORE sia in possesso di apposita autorizzazione scritta rilasciata da Clast.Lav.,. L ORGANIZZATORE deve provvedere a munirsi di adeguata e congrua polizza assicurativa, contratta con primarie compagnie, contro gli infortuni e la responsabilità civile verso terzi, oltre a mettere in opera tutti gli accorgimenti ed i dispositivi atti alla prevenzione degli infortuni e degli incendi, all attenuazione dei rumori, alla eliminazione dei cattivi odori e ad evitare l emissione di gas o di liquidi. L assicurazione di cui sopra dovrà essere inderogabilmente consegnata in copia alla direzione di Clast.Lav., prima dell inizio dell esposizione. Qualora, in deroga al disposto dell articolo 6 (lettera h), il partecipante ottenga uno speciale permesso da Clast.Lav., e dalle competenti Autorità, le bombole o gli altri recipienti per il rifornimento devono essere depositati in apposito spazio, sempreché non si preferisca provvedere, di volta in volta, alla sostituzione direttamente all esterno del quartiere fieristico, tali operazioni devono essere effettuate esclusivamente da Aziende qualificate e specializzate. Clast.Lav., non assume alcuna responsabilità al riguardo per danni diretti o indiretti a persone o cose. Art TRASPORTO CAMPIONI - CARICO E SCARICO MATERIALI - CIRCOLAZIONE VEICOLI A) Per le operazioni di sollevamento e trasporto all interno della FIERA, l ORGANIZZATORE può avvalersi di mezzi di sua proprietà e di personale alle sue dirette dipendenze o di Aziende Terze che devono essere autorizzate da Clast.Lav. in tal caso l ORGANIZZATORE è l unico ed esclusivo responsabile delle operazioni eseguite per conto proprio e deve rispondere di tutti gli eventuali danni arrecati a Clast.Lav. o a terzi lasciandola sollevata da ogni e qualsiasi responsabilità al riguardo. Per i materiali e per i campioni in genere depositati nel quartiere fieristico, Clast.Lav. non assume alcuna responsabilità, né rilascia ricevuta. All ORGANIZZATORE è fatto obbligo di comunicare ai partecipanti il peso dei macchinari o merci eccedenti il carico di kg. 200 al mq. onde evitare danni o sinistri per sovraccarico. E parimenti obbligo degli espositori dichiarare, almeno 20 giorni prima dell apertura della manifestazione, il peso dei macchinari o merci eccedenti il carico unitario di kg. 500, o molto ingombranti o di particolare delicatezza, onde consentire alla ditta selezionata di predisporre i mezzi per lo scarico in arrivo e il carico in partenza. B) L ingresso dei mezzi di trasporto all apertura, nel corso ed a chiusura della manifestazione, viene regolato con apposite disposizioni emanate all uopo da Clast.Lav.. Art PUBBLICITÀ A) Ogni forma di propaganda nel recinto o comunque nell area di Gestione della Fiera e all esterno dell area, nelle strade di accesso alla fiera e ai parcheggi e spazi adiacenti in gestione o di proprietà della Clast.Lav., è regolata esclusivamente da Clast.Lav.. L Organizzatore può eseguire, previa approvazione e sotto il controllo di Clast.Lav., installazioni pubblicitarie ed altre forme di pubblicità. Particolari necessità tecniche, esigenze di servizio od altri validi motivi, potranno rendere necessario far spostare od eliminare installazioni pubblicitarie o altre forme di pubblicità degli espositori; in ogni caso nessun diritto di rivalsa è riconosciuto al partecipante nei confronti di Clast.Lav.. B) Nelle distribuzioni di opuscoli, stampati, volantini, ecc., è vietato l uso di disegni, titoli, scritti o grafici comunque in antagonismo con i diritti di Clast.Lav., che rivendica come sua proprietà esclusiva oltre ai suoi distintivi e marchi anche le denominazioni delle manifestazioni organizzate, con tutte le modificazioni, abbreviazioni, semplificazioni, sigle e marchi. Su tutto il materiale pubblicitario prodotto dall ORGANIZZATORE dovrà comparire il logo OLTREXPO in formato vettoriale con la scritta Le Fiere di Casteggio e il dominio Internet nonché sul materiale multimediale con un link al sito della Fiera. Art DANNI Clast.Lav. non assume alcuna responsabilità per danni (diretti ed indiretti) o pregiudizi arrecati a persone o cose, da chiunque e comunque provocati, di conseguenza non provvederà a risarcire in alcun modo eventuali danni derivanti, a puro titolo esemplificativo e non esaustivo, da furti, incendi, esplosioni, eventi dolosi in genere ed eventi naturali. L ORGANIZZATORE è responsabile di tutti i danni causati alle persone e alle cose dai prodotti esposti, dagli allestimenti, dalle installazioni di impianti elettrici ed idrici, dalle costruzioni, dai montaggi pubblicitari, dai mezzi ed oggetti detenuti a noleggio, dai mezzi di trasporto usati, dalle macchine in funzionamento e dal personale alle sue dipendenze o di ditte terze da lui autorizzate. Art ASSICURAZIONI OBBLIGATORIE Gli ORGANIZZATORI sono obbligati ad assicurarsi con adeguati massimali che dovranno essere giudicati congrui da

6 Pagina 6 di 8 Clast.Lav. contro tutti i possibili danni causati a persone e cose (Responsabilità Civile verso Terzi) e contro tutti i danni materiali e diretti che possono avvenire ai locali e alle aree libere del quartiere fieristico durante la manifestazione, e per tutto il tempo di allestimento e disallestimento che verrà indicato nel contratto firmato con Clast.Lav. All ORGANIZZATORE è fatto obbligo di far pervenire a Clast.Lav., entro 7 gg dall inizio della manifestazione copia integrale e conforme all originale delle polizze. Clast.Lav. si riserva la facoltà di non ammettere alla manifestazione l ORGANIZZATORE eventualmente inadempiente Art MODALITA DI DENUNCIA A) Al fine di ottenere l indennizzo, l Espositore dovrà denunciare per iscritto il sinistro subito presso la Segreteria dell Organizzatore, che sarà l unico responsabile delle procedure e delle coperture Assicurative. L ORGANIZZATORE dovrà far pervenire per conoscenza alla Direzione di Clast.Lav. qualsiasi domanda di richiesta danni o risarcimenti assicurativi che siano pervenuti, entro 48 ore dalla richiesta. B) L ORGANIZZATORE dovrà provvedere a proprie spese a costituire un adeguato servizio di Vigilanza durante il periodo contrattuale in cui opera e gestisce la manifestazione. Se Clast.Lav. riterrà il servizio di Vigilanza inadeguato alle esigenze del quartiere e della manifestazione potrà richiedere all ORGANIZZATORE integrazione del servizio che resterà comunque solo a suo carico. L ORGANIZZATORE ha l obbligo di presentare un piano della sorveglianza almeno 30 gg prima della manifestazione. Art SGOMBERO AREE - USCITA MATERIALI - RICONSEGNE - RECUPERO CREDITI A) Lo sgombero di tutti i prodotti in esposizione - compresi quelli situati in padiglioni privati - e di ogni altro materiale utilizzato, può aver inizio solo dopo la chiusura di ogni manifestazione, con inizio dal giorno e ora stabiliti da Clast.Lav. e dall ORGANIZZATORE a seguito del contratto stipulato. Tale operazione dovrà essere completata entro le date che saranno stabilite e riportate all interno del contratto stesso, dopo le quali Clast.Lav. potrà procedere direttamente a trasportare in altro luogo i prodotti di proprietà dei partecipanti, naturalmente le spese sostenute da Clast.Lav. saranno a carico dell ORGANIZZATORE. Clast.Lav. ha anche la facoltà di abbattere porte e serrature e di esercitare il diritto di ritenzione su quanto esistente a ivi incluse quelle di custodia. Gli eventuali rischi di furto, perdite e danni che ne derivano, rimangono sempre a carico dell ORGANIZZATORE. B) Nel caso siano stati lasciati prodotti deperibili, se non deteriorati o scaduti, Clast.Lav. procederà subito previo semplice avviso verbale all interessato o a colui che ne fa le veci - alla vendita a terzi, al prezzo ed alle condizioni che riterrà più convenienti, altrimenti tali prodotti saranno considerati rifiuti e smaltiti secondo le normative vigenti, con addebito dei costi all ORGANIZZATORE. Trascorsi 60 giorni senza che sia stato provveduto al ritiro, i prodotti non deperibili e i materiali di cui sopra potranno essere venduti a terzi direttamente da Clast.Lav. o tramite ditte dalla stessa incaricate. Il ricavo della vendita, detratte le spese, sarà tenuto a disposizione dell Organizzatore presso Clast.Lav. per un periodo di 60 giorni a decorrere dalla data di invio della apposita comunicazione. Se non verrà provveduto al ritiro della somma ricavata dalla vendita entro ulteriori 60 giorni dall invio della suddetta comunicazione, questa sarà incamerata da Clast.Lav.. In caso di invendibilità dei prodotti o in caso il ricavato sia inferiore alle spese di custodia, deposito e trasporto sostenute, Clast.Lav. si riserva di chiedere all Organizzatore inadempiente il rimborso delle maggiori spese sostenute. Per i materiali comunque rimasti nel quartiere fieristico, Clast.Lav. declina ogni e qualsiasi responsabilità per eventuali furti e/o danni arrecati. C) È fatto obbligo all ORGANIZZATORE che ha allestito l area espositiva per proprio conto di riconsegnare le aree nello stato in cui le ha ricevute; restano quindi a suo carico l esecuzione dei lavori di ripristino; se Clast.Lav. riscontra durante la constatazione dello stato di riconsegna delle aree e degli stand ed arredi, in caso di noleggio degli stessi, condizioni od elementi di non conformità rispetto allo stato in cui era stato consegnato lo stand, verrà addebitata una penale che potrà variare da 1.000,00 a ,00 a seconda della gravità dell inadempimento riscontrato nell apposito Verbale Restituzione area espositiva che verrà redatto in contraddittorio tra personale incaricato da Clast.Lav. e dall ORGANIZZATORE. Ogni alterazione o danno autorizza comunque Clast.Lav. ad esercitare un diritto di privilegio su quanto è contenuto nell area allestita, chiunque ne sia il proprietario, con ritenzione delle cose esistenti oltre a riservarsi il potere di esercitare tali diritti nella misura che sarà indicata da un consulente tecnico ai sensi dell art. 696 del Codice di Procedura Civile. Uguale diritto viene riconosciuto a Clast.Lav. per il recupero di ogni specie di credito verso l ORGANIZZATORE, applicandosi il privilegio di cui all articolo 2764 del Codice Civile. La Direzione di Clast.Lav. può, a suo insindacabile giudizio, non rilasciare il Permesso di uscita per l ORGANIZZATORE, se i danni riscontrati nell area dell espositore dovessero essere ritenuti di rilevante entità.

7 Pagina 7 di 8 Art FORNITORI AUTORIZZATI - SERVIZI AUSILIARI A) Per i lavori di allestimento di qualsiasi genere, per la fornitura di servizi e il noleggio di materiali, Clast.Lav. si riserva di assegnare ad un certo numero di ditte specializzate la nomina di «Fornitore Autorizzato», comunicando tempestivamente all ORGANIZZATORE l elenco di tali imprese, contenente i loro indirizzi e recapiti e le condizioni economiche di massima fissate per le loro prestazioni. L ORGANIZZATORE può anche servirsi per i lavori inerenti all allestimento, le pulizie ed altro articolo o servizio, di ditte di sua fiducia, previa comunicazione a Clast.Lav. che rilascerà apposito permesso, ad esclusione di imprese con le quali ha in corso pendenze, morosità o contenziosi,nei confronti delle quali può esprimere il proprio diniego al permesso. Dette ditte ed i propri dipendenti al momento dell accesso nell area fieristica, dovranno sempre dimostrare a personale della Clast.Lav. -qualora esso lo richieda-di essere in regola con tutte le disposizioni normative vigenti in materia; B) Non è consentito vendere alimenti bevande, giornali, riviste,audiovisivi, tabacchi, valori bollati e fornire pasti, se non in possesso di apposita autorizzazione scritta di Clast.Lav.. Ai posti di ristoro, bar, locali di vendita ecc. eventualmente previsti per la durata delle singole manifestazioni può essere richiesto in casi particolari di vendere esclusivamente i prodotti di ditte convenzionate direttamente con Clast.Lav.. Gli operatori sono comunque tenuti ad osservare le norme del presente Regolamento ed ad applicare clausole e condizioni risultanti da norme particolari eventualmente previste da Clast.Lav., ivi comprese le tariffe stabilite per le consumazioni da parte del pubblico, L inosservanza delle norme impartite da Clast.Lav. e delle speciali disposizioni di legge e sanitarie al riguardo, comporta l immediata chiusura dell esercizio. Art DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE A) Clast.Lav. si riserva di stabilire norme e disposizioni complementari che di volta in volta siano giudicate necessarie per regolare e organizzare in modo migliore l andamento di ogni manifestazione, anche in deroga al presente Regolamento. Tali norme verranno portate a conoscenza dell ORGANIZZATORE a mezzo di lettere, circolari o di notiziari e potranno essere rese pubbliche anche tramite l inserimento nel sito web della Clast.Lav.. Tali disposizioni avranno lo stesso valore di quelle contenute nel presente Regolamento e dovranno essere obbligatoriamente osservate dall ORGANIZZATORE e dai terzi interessati alla manifestazione. L inosservanza o la violazione delle clausole di questo Regolamento e delle norme e disposizioni successivamente emanate, comporta l applicazione dei provvedimenti e delle penali previste all art. 7 lett. B, salvo il maggior danno causato. Clast.Lav. si riserva di adire le vie legali per danni materiali e morali di qualsiasi tipo che ritenga di aver subito a causa di tali comportamenti. B) Sono da ritenersi validi nei confronti dei Terzi o dell ORGANIZZATORE solo gli impegni assunti dai legali rappresentanti, dal Presidente o dai funzionari di Clast.Lav., a condizione che quest ultimi siano stati delegati dal primo con apposito comunicazione ufficiale.. C) Il Foro competente per qualsiasi controversia è quello di Voghera. Non è ammesso l arbitrato. D) ai sensi della Legge 16 gennaio 2003 n. 3 e del DPCM del 23 dicembre 2003 è vietato fumare in tutte le aree del complesso fieristico. E) parcheggiare all interno della fiera, solo ed esclusivamente, durante i giorni di carico e scarico, esponendo appositi PASS di autorizzazione, richiesti all ORGANIZZATORE, e sempre esposti per eventuali controlli che potranno essere anche eseguiti direttamente da Clast.Lav. F) Si allega al presente regolamento un informativa privacy, ex D.lgs n.196 e s.m., che dovrà essere sottoscritta per accettazione dall ORGANIZZATORE. G) La Direzione di Clast.Lav. si riserva la facoltà di applicare, modificare o ridurre le penali indicate nel presente regolamento.

8 Pagina 8 di 8 Art APPROVAZIONE ESPRESSA DELLE CLAUSOLE. IL SIG.... NELLA SUA QUALITA' DI RAPPRESENTANTE LEGALE DELLA DITTA... CON SEDE IN... P.I.V.A.... RECAPITI TEL.... MOBILE... FAX SITO INTERNET ORGANIZZATORE DELL'EVENTO dichiara di accettare in ogni sua parte il presente regolamento e di approvare per iscritto specificamente i seguenti articoli: IL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA (Timbro e Firma) Casteggio, / /

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE 1 DATI ESPOSITORE Si prega di compilare in carattere stampatello. Rimini Fiera SpA non potrà essere ritenuta responsabile per errori dovuti a caratteri illeggibili. SETTORE MERCEOLOGICO (INDICARE MASSIMO

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE

REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE REGOLAMENTO TECNICO DI QUARTIERE INTRODUZIONE Il presente Regolamento Tecnico stabilisce - ad integrazione del Regolamento Generale dell Evento allegato alla domanda di partecipazione - quanto segue: le

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete

Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete Condizioni generali di BKW Energie SA per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con libero accesso alla rete CG di BKW I per la fornitura di energia elettrica a consumatori finali con

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Domanda di partecipazione alla Fiera:

Domanda di partecipazione alla Fiera: Domanda di partecipazione alla Fiera: ARTI & MESTIERI EXPO -Roma, Fiera di Roma, 12 15 dicembre 2013 MODULO DA RESTITUIRE DEBITAMENTE COMPILATO ENTRO E NON OLTRE L 11 NOVEMBRE 2013 a: FIERA ROMA SRL SEGRETERIA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. FONTI LEGISLATIVE La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale che estero, è disciplinata dal D.Lgs. 23/05/2011,

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni

ASSISTENZA GARANTITA. 10 anni ASSISTENZA ESTRATTO DELLE CONDIZIONI DI SERVIZIO Il presente documento costituisce un estratto delle Condizioni di Servizio, il cui testo integrale è depositato presso la sede legale del contraente, oppure

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli