DA CLASTIDIUM LAVORA SOC. COOP. A R.L. DA PARTE DI ALTRI ORGANIZZATORI DI EVENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DA CLASTIDIUM LAVORA SOC. COOP. A R.L. DA PARTE DI ALTRI ORGANIZZATORI DI EVENTI"

Transcript

1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE AREE FIERISTICHE OLTREXPO (ex Area Fieristica Truffi) GESTITE DA CLASTIDIUM LAVORA SOC. COOP. A R.L. DA PARTE DI ALTRI ORGANIZZATORI DI EVENTI

2 Pagina 2 di 8 Art. 1 - DENOMINAZIONE - CLASSIFICAZIONE - SCOPO - DATA A) Coop. Clastidium Lavora a r.l., che qui di seguito, per brevità verrà indicato con i termini di Fiera o Clast.Lav., organizza annualmente, sia direttamente che indirettamente, Fiere, Mostre, Esposizioni, Manifestazioni ed Eventi, di carattere Industriale, Commerciale, Economico, Culturale, Artistico, Sportivo, Scolastico, Sociale, Ambientale ed altro anche nell interesse delle categorie economiche locali, nazionali ed estere - allo scopo di sviluppare le conoscenze, incrementare la produzione, sviluppare gli scambi, aumentare i consumi, perseguire comunque un interesse generale, con ricadute economiche, occupazionali e sociali sul territorio nazionale, regionale, provinciale e della Città di Casteggio. Tutte le manifestazioni che verranno organizzate indirettamente da Aziende, Enti Pubblici o Privati, Agenzie, Persone Fisiche o altro, che qui di seguito verranno indicati con il termine di ORGANIZZATORE, negli spazi in uso e gestiti da Clast.Lav.,, sono regolate dalle norme del presente Regolamento che seguono. B) Le date di apertura e di chiusura delle manifestazioni, la loro durata e gli orari di accesso vengono fissati e regolati dal Contratto tra le parti. L Ente ORGANIZZATORE comunicherà con documento ufficiale a Clast.Lav.,, il calendario dei giorni e dei tempi di utilizzo della struttura fieristica; Clast.Lav., si riserva, in ogni momento, il diritto di apportare unilateralmente delle variazioni a tale documento per motivi organizzativi e tecnici, tenuto conto che l eventuale esercizio di tale facoltà non potrà in nessun caso essere oggetto di richiesta di risarcimento danni da parte dell ORGANIZZATORE. ART. 2 - PARTECIPAZIONE E AMMISSIONE Possono partecipare alle manifestazioni fieristiche organizzate e gestite dall ORGANIZZATORE: a) I produttori Italiani ed esteri; b) I rappresentanti o concessionari o agenti Italiani ed esteri di ditte produttrici nazionali ed estere; c) Le ditte, gli organismi, ecc. comunque riconosciuti promotori, sostenitori e realizzatori di attività connesse alla produzione, ai servizi e agli scambi. d) Enti o Aziende pubbliche o Enti o Aziende private, Associazioni con o senza scopo di Lucro che per loro statuto siano coerenti con la finalità della Fiera o della Manifestazione organizzata e comunque portatori di interesse generale. e) Venditori anche non professionali, collezionisti e artigiani, anche non dotati di partita IVA, per manifestazioni di carattere speciale se la Direzione di Clast.Lav., si riserva di dare il proprio consenso alla manifestazione. f) Altre categorie di operatori di vario genere, non elencate, che di volta in volta la Direzione di Clast.Lav., riterrà, dopo valutazione ed eventuale accettazione, di inserire nel sopraindicato elenco su richiesta dell ORGANIZZATORE. ART. 3 - PAGAMENTI I pagamenti del dovuto saranno regolati secondo le modalità previste nell apposito contratto stipulato tra Clast.Lav., e l ORGANIZZATORE. ART. 4 - RINUNCIA ABBANDONO PENALE Le eventuali rinunce da parte dell ORGANIZZATORE e le possibili sanzioni applicabili saranno regolate e disciplinate in base alle apposite modalità previste nel contratto stipulato tra le parti. ART. 5 - ESPOSIZIONE CAMPIONI - ALLESTIMENTO - AREE - PULIZIA - ANTINCENDIO - SICUREZZA A) L ORGANIZZATORE è tenuto ad esporre, per tutta la durata della rassegna, i soli prodotti precisati nell «autorizzazione per l occupazione delle aree» che riporterà tutti i tipi di prodotti merceologici che potranno essere presenti nell area espositiva, il suddetto documento deve essere presentato a Clast.Lav., almeno 15 Giorni prima della data di inizio della manifestazione. Clast.Lav., si riserva di rilasciare l autorizzazione dopo una valutazione dei settori merceologici che si intende presentare, che devono essere inerenti e compatibili all attività di Fiera dichiarata, avvalendosi anche della facoltà di apportare variazioni. B) Gli allestitori, gli espositori, gli impiantisti, i giardinieri, gli imbianchini, i falegnami, i muratori e tutti gli altri soggetti attivi nell ambito della manifestazione, prima durante e per la chiusura della stessa, sono tassativamente tenuti all osservanza delle normative vigenti in tema di sicurezza ed igiene sul lavoro, prevenzione incendi e delle altre disposizioni in materia che potranno essere emanate nel tempo da Clast.Lav.. ART. 6 - DIVIETI 1) All Organizzatore è vietato: a) cedere, scambiare anche a titolo gratuito e anche parzialmente- le aree avute in assegnazione ad altri ORGANIZZATORI che, a loro volta, cedano o scambino Aree di proprietà della Clast.Lav.,

3 Pagina 3 di 8 b) occupare una superficie maggiore di quella assegnata o superare in altezza le misure stabilite da Clast.Lav., (vedi art. 5 lett. B); c) immagazzinare imballi o altro materiale non destinato all esposizione nelle aree assegnate, nelle adiacenze di esse e comunque nel perimetro dell area della Fiera; d) esporre prodotti non indicati nell «Autorizzazione all occupazione delle aree per l Organizzatore» rilasciata a Clast.Lav., e) effettuare qualsiasi prova e qualsiasi forma di pubblicità al di fuori delle proprie aree assegnate all ORGANIZZATORE; f) usare richiami ad alta voce o altre forme di pubblicità che, per la loro sostanza ed esteriorità, possano andare contro leggi o regolamenti, nonché effettuare raccolta di firme, dichiarazioni, propaganda e giudizi che possano essere considerati come una critica od offesa ad istituzioni politiche e sociali del nostro o di altri Paesi; g) detenere od utilizzare bombole, o altri recipienti a gas di qualsiasi tipo, ovvero riempire o conservare riempiti di carburanti o combustibili i serbatoi o le caldaie o altri recipienti per il funzionamento delle macchine osservare tutta la normativa vigente in materia di incendio, infortunistica ed in genere di sicurezza; h) mettere in azione le macchine esposte senza l autorizzazione scritta di Clast.Lav., che declina in proposito ogni responsabilità; i) effettuare prove, dimostrazioni, operazioni che possano compromettere la sicurezza di persone o cose, ovvero siano suscettibili di disturbare, irritare, arrecare danno, pericolo, o che comunque, a giudizio delle Autorità preposte alla sicurezza e alla prevenzione degli infortuni, vengano considerate pericolose; j) accendere fuochi, introdurre materie esplosive, prodotti detonanti o pericolosi o maleodoranti o che comunque possano arrecare danno o molestia; l) lasciare incustodite o in stato di abbandono le aree; m) permanere nei padiglioni o nel quartiere fieristico durante le ore di chiusura; n) circolare o sostare con veicoli di qualsiasi genere, nell area interna e recintata del quartiere fieristico, tranne per operazioni di carico e scarico da effettuare esclusivamente prima e dopo lo svolgimento della manifestazione e con mezzi autorizzati dalla direzione; o) adibire a svolgere attività di trasporto, spedizione, carico e scarico delle merci, lavori di allestimento, impianti e derivazioni di servizi tecnici e pulizia, tramite persone o ditte non autorizzate da Clast.Lav., - a meno che non si tratti di dipendenti dell Organizzatore o Aziende autorizzate. p) colorare le pareti ed il pavimento degli stand; dipingere scritte o insegne direttamente sui muri e sui materiali di proprietà di Clast.Lav.,; affiggere sui medesimi chiodi o altri attrezzi; esporre manifesti di carta non montati su adeguati in modo tale da non recare danni alle pareti della struttura e/o alle pareti di eventuali stand presi a noleggio dalla stessa Clast.Lav.,, eventualmente tali affissioni devono essere preventivamente autorizzate dalla direzione; q) effettuare direttamente allacciamenti agli impianti tecnici di Clast.Lav., (illuminazione, energia, acqua, scarichi, telefono ecc.) senza averne avanzato preventiva richiesta scritta, e/o con personale non autorizzato da Clast.Lav.,, e/o omettendo l osservanza delle norme di sicurezza vigenti; r) impiegare negli allestimenti delle aree assegnate materiali combustibili, o non ignifughi all origine, o non ignifugati a norma delle vigenti disposizioni. B) In tutti i casi descritti alle lettere precedenti l ORGANIZZATORE esonera espressamente Clast.Lav., da ogni e qualsiasi responsabilità verso i terzi. La Direzione di Clast.Lav si riserva di autorizzare o di assegnare deroghe ai divieti riportati nel precedente Punto 1) del presente articolo o a carattere generale. Si riserva inoltre in casi particolari la facoltà di di disciplinare le attività autorizzate od in deroga e/o di applicare, in questo caso, uno speciale onere. C) In caso di trasgressione ai divieti di cui al precedente punto A) Clast.Lav., si riserva di: a) richiedere il risarcimento dei danni causati direttamente od indirettamente ai dipendenti agli incaricati o alle cose e beni di Clast.Lav., o, comunque arrecati a terzi; b) applicare una penale di importo non inferiore al 50% della quota pagata dall ORGANIZZATORE, come previsto nel contratto stipulato con Clast.Lav.,; c) imporre la chiusura temporanea delle aree senza che l Organizzatore possa pretendere risarcimento di sorta; D) L ORGANIZZATORE deve essere presente nello spazio espositivo con un proprio responsabile durante tutto l orario di apertura della manifestazione e durante l orario e nei giorni di montaggio e smontaggio, il responsabile deve lasciare il proprio recapito di telefono cellulare e deve essere immediatamente rintracciabile. Per ogni manifestazione è obbligatorio il rispetto dell orario stabilito dall ORGANIZZATORE per il periodo di montaggio e

4 Pagina 4 di 8 smontaggio, operazioni che dovranno comunque avvenire sempre durante l orario di chiusura al pubblico. L ORGANIZZATORE deve trasmettere alla Direzione di Clast.Lav., almeno 5 (cinque) giorni prima del giorno di inizio montaggio, gli orari comunicati alle proprie aziende di fiducia e ai propri espositori. L ORGANIZZATORE deve riconsegnare, a conclusione della manifestazione, l area assegnata, gli spazi, gli eventuali arredi e le dotazioni nelle stesse condizioni in cui sono stati consegnati, rimanendo a suo carico gli eventuali danni causati agli stessi durante tutto il periodo in cui i locali della Clast.Lav., sono stati a sua disposizione. Art. 7 - INGRESSI - BIGLIETTI - TESSERE A) Per accedere al quartiere fieristico devono essere esibiti se richiesti, anche al personale di controllo di Clast.Lav., la tessera personale o il permesso provvisorio o il biglietto d ingresso rilasciato dall ORGANIZZATORE, unitamente ad un documento di identità o di riconoscimento, per verificare la legittimità del possesso del permesso. B) Per la vendita dei biglietti, in caso di manifestazione con ingresso a pagamento, l ORGANIZZATORE dovrà sottoporre alla Direzione di Clast.Lav., il piano di vendita dei Biglietti e le comunicazioni dovute alla SIAE. Art. 8 - SERVIZI TECNICI A) Clast.Lav., nei limiti degli impianti a sua disposizione, provvede a fornire i servizi richiesti e stipulati nel contratto con l ORGANIZZATORE, o servizi aggiuntivi, dietro pagamento e secondo le tariffe e le norme per la prenotazione, per l uso e il funzionamento (che verranno rese tempestivamente note). Le richieste presentate dopo il giorno di inizio montaggio stabilito dal contratto, verranno soddisfatte se possibile e per quanto in tempo. Clast.Lav., in questo caso si riserva di applicare un sovrapprezzo. Per tali forniture Clast.Lav., si limita a trasmettere all ORGANIZZATORE le prestazioni, le garanzie ed i rischi, così come risultante dalle note tecniche trasmesse dai rispettivi fornitori dei servizi. B) Per quanto riguarda gli impianti elettrici, da eseguirsi nell ambito delle aree assegnate (posa in opera di lampade normali, riflettori, insegne luminose, tubi a gas rari, relative condutture, trasformatori, survoltori, sfasatori, rifasatori, svattatori, rivettatori, motori, prese, all acciamento acqua, ecc.) l ORGANIZZATORE è tenuto: a) nel caso di montaggio di aree preallestite, a farli eseguire da un fornitore preventivamente autorizzato da Clast.Lav., b) nel caso di area nuda, a sottoscrivere il Mod. C Impianto elettrico-dichiarazione di conformità a regola d arte, attestante la rispondenza degli impianti stessi alle disposizioni di legge vigenti, copia di tale modello dovrà essere conservata presso la propria segreteria organizzativa; L allacciamento alla rete della Clast.Lav., e gli impianti elettrici degli stand eventualmente affittati da Clast.Lav., potranno essere effettuati esclusivamente dagli elettricisti autorizzati preventivamente dalla Clast.Lav.,. C) Qualora nell area non esistessero i servizi tecnici richiesti oltre a quelli standard di contratto, potranno essere eseguite, sempre che non lo vietino particolari ragioni di carattere tecnico, derivazioni dalle linee normali da parte di tecnici o aziende specializzate incaricati da Clast.Lav.,, restando a carico del partecipante le relative spese. D) Il pagamento dei servizi richiesti e forniti da Clast.Lav.,, dovrà essere effettuato dall Organizzatore entro i termini previsti dal contratto stipulato. NeI caso la richiesta per i servizi aggiuntivi venga effettuata oltre i termini indicati in ciascun modulo, verrà applicata una penale fino al 50% del costo previsto per tali servizi.. E) Eventuali abusi o inosservanze nel fruire dei servizi tecnici alle condizioni di cui alle lettere a, b e c di questo articolo: a) autorizzano Clast.Lav., a sospendere la fornitura dei servizi stessi, salvo il diritto alla riscossione di quanto dovuto per la fornitura stessa; b) implicano la totale responsabilità civile e penale del partecipante per i danni eventualmente causati a persone e cose di Clast.Lav., o di terzi. F) L Organizzatore esonera espressamente Clast.Lav., dalla responsabilità causata per qualsiasi danno derivante da interruzione delle utenze, a lei non imputabile direttamente. G) L Organizzatore può anche servirsi per i servizi tecnici indicati nel presente articolo di ditte di sua fiducia, previa comunicazione a Clast.Lav., che rilascerà apposito permesso, ad esclusione di imprese con le quali Clast.Lav., ha pendenze, morosità o contenziosi in corso, sulle quali può esprimere il proprio diniego al permesso. Dette ditte ed i propri dipendenti al momento dell accesso nell area fieristica, dovranno dimostrare di essere in regola con tutte le disposizioni normative vigenti in materia. Art. 9 - MACCHINARI IN AZIONE I macchinari vari non possono essere messi in funzione se non a seguito dell adempimento di tutte le formalità prescritte dalla legge e di tutte le eventuali norme e disposizioni impartite da Clast.Lav., al riguardo, sempre che ciò non arrechi

5 Pagina 5 di 8 pericolo o molestia ; è comunque necessario che l ORGANIZZATORE sia in possesso di apposita autorizzazione scritta rilasciata da Clast.Lav.,. L ORGANIZZATORE deve provvedere a munirsi di adeguata e congrua polizza assicurativa, contratta con primarie compagnie, contro gli infortuni e la responsabilità civile verso terzi, oltre a mettere in opera tutti gli accorgimenti ed i dispositivi atti alla prevenzione degli infortuni e degli incendi, all attenuazione dei rumori, alla eliminazione dei cattivi odori e ad evitare l emissione di gas o di liquidi. L assicurazione di cui sopra dovrà essere inderogabilmente consegnata in copia alla direzione di Clast.Lav., prima dell inizio dell esposizione. Qualora, in deroga al disposto dell articolo 6 (lettera h), il partecipante ottenga uno speciale permesso da Clast.Lav., e dalle competenti Autorità, le bombole o gli altri recipienti per il rifornimento devono essere depositati in apposito spazio, sempreché non si preferisca provvedere, di volta in volta, alla sostituzione direttamente all esterno del quartiere fieristico, tali operazioni devono essere effettuate esclusivamente da Aziende qualificate e specializzate. Clast.Lav., non assume alcuna responsabilità al riguardo per danni diretti o indiretti a persone o cose. Art TRASPORTO CAMPIONI - CARICO E SCARICO MATERIALI - CIRCOLAZIONE VEICOLI A) Per le operazioni di sollevamento e trasporto all interno della FIERA, l ORGANIZZATORE può avvalersi di mezzi di sua proprietà e di personale alle sue dirette dipendenze o di Aziende Terze che devono essere autorizzate da Clast.Lav. in tal caso l ORGANIZZATORE è l unico ed esclusivo responsabile delle operazioni eseguite per conto proprio e deve rispondere di tutti gli eventuali danni arrecati a Clast.Lav. o a terzi lasciandola sollevata da ogni e qualsiasi responsabilità al riguardo. Per i materiali e per i campioni in genere depositati nel quartiere fieristico, Clast.Lav. non assume alcuna responsabilità, né rilascia ricevuta. All ORGANIZZATORE è fatto obbligo di comunicare ai partecipanti il peso dei macchinari o merci eccedenti il carico di kg. 200 al mq. onde evitare danni o sinistri per sovraccarico. E parimenti obbligo degli espositori dichiarare, almeno 20 giorni prima dell apertura della manifestazione, il peso dei macchinari o merci eccedenti il carico unitario di kg. 500, o molto ingombranti o di particolare delicatezza, onde consentire alla ditta selezionata di predisporre i mezzi per lo scarico in arrivo e il carico in partenza. B) L ingresso dei mezzi di trasporto all apertura, nel corso ed a chiusura della manifestazione, viene regolato con apposite disposizioni emanate all uopo da Clast.Lav.. Art PUBBLICITÀ A) Ogni forma di propaganda nel recinto o comunque nell area di Gestione della Fiera e all esterno dell area, nelle strade di accesso alla fiera e ai parcheggi e spazi adiacenti in gestione o di proprietà della Clast.Lav., è regolata esclusivamente da Clast.Lav.. L Organizzatore può eseguire, previa approvazione e sotto il controllo di Clast.Lav., installazioni pubblicitarie ed altre forme di pubblicità. Particolari necessità tecniche, esigenze di servizio od altri validi motivi, potranno rendere necessario far spostare od eliminare installazioni pubblicitarie o altre forme di pubblicità degli espositori; in ogni caso nessun diritto di rivalsa è riconosciuto al partecipante nei confronti di Clast.Lav.. B) Nelle distribuzioni di opuscoli, stampati, volantini, ecc., è vietato l uso di disegni, titoli, scritti o grafici comunque in antagonismo con i diritti di Clast.Lav., che rivendica come sua proprietà esclusiva oltre ai suoi distintivi e marchi anche le denominazioni delle manifestazioni organizzate, con tutte le modificazioni, abbreviazioni, semplificazioni, sigle e marchi. Su tutto il materiale pubblicitario prodotto dall ORGANIZZATORE dovrà comparire il logo OLTREXPO in formato vettoriale con la scritta Le Fiere di Casteggio e il dominio Internet nonché sul materiale multimediale con un link al sito della Fiera. Art DANNI Clast.Lav. non assume alcuna responsabilità per danni (diretti ed indiretti) o pregiudizi arrecati a persone o cose, da chiunque e comunque provocati, di conseguenza non provvederà a risarcire in alcun modo eventuali danni derivanti, a puro titolo esemplificativo e non esaustivo, da furti, incendi, esplosioni, eventi dolosi in genere ed eventi naturali. L ORGANIZZATORE è responsabile di tutti i danni causati alle persone e alle cose dai prodotti esposti, dagli allestimenti, dalle installazioni di impianti elettrici ed idrici, dalle costruzioni, dai montaggi pubblicitari, dai mezzi ed oggetti detenuti a noleggio, dai mezzi di trasporto usati, dalle macchine in funzionamento e dal personale alle sue dipendenze o di ditte terze da lui autorizzate. Art ASSICURAZIONI OBBLIGATORIE Gli ORGANIZZATORI sono obbligati ad assicurarsi con adeguati massimali che dovranno essere giudicati congrui da

6 Pagina 6 di 8 Clast.Lav. contro tutti i possibili danni causati a persone e cose (Responsabilità Civile verso Terzi) e contro tutti i danni materiali e diretti che possono avvenire ai locali e alle aree libere del quartiere fieristico durante la manifestazione, e per tutto il tempo di allestimento e disallestimento che verrà indicato nel contratto firmato con Clast.Lav. All ORGANIZZATORE è fatto obbligo di far pervenire a Clast.Lav., entro 7 gg dall inizio della manifestazione copia integrale e conforme all originale delle polizze. Clast.Lav. si riserva la facoltà di non ammettere alla manifestazione l ORGANIZZATORE eventualmente inadempiente Art MODALITA DI DENUNCIA A) Al fine di ottenere l indennizzo, l Espositore dovrà denunciare per iscritto il sinistro subito presso la Segreteria dell Organizzatore, che sarà l unico responsabile delle procedure e delle coperture Assicurative. L ORGANIZZATORE dovrà far pervenire per conoscenza alla Direzione di Clast.Lav. qualsiasi domanda di richiesta danni o risarcimenti assicurativi che siano pervenuti, entro 48 ore dalla richiesta. B) L ORGANIZZATORE dovrà provvedere a proprie spese a costituire un adeguato servizio di Vigilanza durante il periodo contrattuale in cui opera e gestisce la manifestazione. Se Clast.Lav. riterrà il servizio di Vigilanza inadeguato alle esigenze del quartiere e della manifestazione potrà richiedere all ORGANIZZATORE integrazione del servizio che resterà comunque solo a suo carico. L ORGANIZZATORE ha l obbligo di presentare un piano della sorveglianza almeno 30 gg prima della manifestazione. Art SGOMBERO AREE - USCITA MATERIALI - RICONSEGNE - RECUPERO CREDITI A) Lo sgombero di tutti i prodotti in esposizione - compresi quelli situati in padiglioni privati - e di ogni altro materiale utilizzato, può aver inizio solo dopo la chiusura di ogni manifestazione, con inizio dal giorno e ora stabiliti da Clast.Lav. e dall ORGANIZZATORE a seguito del contratto stipulato. Tale operazione dovrà essere completata entro le date che saranno stabilite e riportate all interno del contratto stesso, dopo le quali Clast.Lav. potrà procedere direttamente a trasportare in altro luogo i prodotti di proprietà dei partecipanti, naturalmente le spese sostenute da Clast.Lav. saranno a carico dell ORGANIZZATORE. Clast.Lav. ha anche la facoltà di abbattere porte e serrature e di esercitare il diritto di ritenzione su quanto esistente a ivi incluse quelle di custodia. Gli eventuali rischi di furto, perdite e danni che ne derivano, rimangono sempre a carico dell ORGANIZZATORE. B) Nel caso siano stati lasciati prodotti deperibili, se non deteriorati o scaduti, Clast.Lav. procederà subito previo semplice avviso verbale all interessato o a colui che ne fa le veci - alla vendita a terzi, al prezzo ed alle condizioni che riterrà più convenienti, altrimenti tali prodotti saranno considerati rifiuti e smaltiti secondo le normative vigenti, con addebito dei costi all ORGANIZZATORE. Trascorsi 60 giorni senza che sia stato provveduto al ritiro, i prodotti non deperibili e i materiali di cui sopra potranno essere venduti a terzi direttamente da Clast.Lav. o tramite ditte dalla stessa incaricate. Il ricavo della vendita, detratte le spese, sarà tenuto a disposizione dell Organizzatore presso Clast.Lav. per un periodo di 60 giorni a decorrere dalla data di invio della apposita comunicazione. Se non verrà provveduto al ritiro della somma ricavata dalla vendita entro ulteriori 60 giorni dall invio della suddetta comunicazione, questa sarà incamerata da Clast.Lav.. In caso di invendibilità dei prodotti o in caso il ricavato sia inferiore alle spese di custodia, deposito e trasporto sostenute, Clast.Lav. si riserva di chiedere all Organizzatore inadempiente il rimborso delle maggiori spese sostenute. Per i materiali comunque rimasti nel quartiere fieristico, Clast.Lav. declina ogni e qualsiasi responsabilità per eventuali furti e/o danni arrecati. C) È fatto obbligo all ORGANIZZATORE che ha allestito l area espositiva per proprio conto di riconsegnare le aree nello stato in cui le ha ricevute; restano quindi a suo carico l esecuzione dei lavori di ripristino; se Clast.Lav. riscontra durante la constatazione dello stato di riconsegna delle aree e degli stand ed arredi, in caso di noleggio degli stessi, condizioni od elementi di non conformità rispetto allo stato in cui era stato consegnato lo stand, verrà addebitata una penale che potrà variare da 1.000,00 a ,00 a seconda della gravità dell inadempimento riscontrato nell apposito Verbale Restituzione area espositiva che verrà redatto in contraddittorio tra personale incaricato da Clast.Lav. e dall ORGANIZZATORE. Ogni alterazione o danno autorizza comunque Clast.Lav. ad esercitare un diritto di privilegio su quanto è contenuto nell area allestita, chiunque ne sia il proprietario, con ritenzione delle cose esistenti oltre a riservarsi il potere di esercitare tali diritti nella misura che sarà indicata da un consulente tecnico ai sensi dell art. 696 del Codice di Procedura Civile. Uguale diritto viene riconosciuto a Clast.Lav. per il recupero di ogni specie di credito verso l ORGANIZZATORE, applicandosi il privilegio di cui all articolo 2764 del Codice Civile. La Direzione di Clast.Lav. può, a suo insindacabile giudizio, non rilasciare il Permesso di uscita per l ORGANIZZATORE, se i danni riscontrati nell area dell espositore dovessero essere ritenuti di rilevante entità.

7 Pagina 7 di 8 Art FORNITORI AUTORIZZATI - SERVIZI AUSILIARI A) Per i lavori di allestimento di qualsiasi genere, per la fornitura di servizi e il noleggio di materiali, Clast.Lav. si riserva di assegnare ad un certo numero di ditte specializzate la nomina di «Fornitore Autorizzato», comunicando tempestivamente all ORGANIZZATORE l elenco di tali imprese, contenente i loro indirizzi e recapiti e le condizioni economiche di massima fissate per le loro prestazioni. L ORGANIZZATORE può anche servirsi per i lavori inerenti all allestimento, le pulizie ed altro articolo o servizio, di ditte di sua fiducia, previa comunicazione a Clast.Lav. che rilascerà apposito permesso, ad esclusione di imprese con le quali ha in corso pendenze, morosità o contenziosi,nei confronti delle quali può esprimere il proprio diniego al permesso. Dette ditte ed i propri dipendenti al momento dell accesso nell area fieristica, dovranno sempre dimostrare a personale della Clast.Lav. -qualora esso lo richieda-di essere in regola con tutte le disposizioni normative vigenti in materia; B) Non è consentito vendere alimenti bevande, giornali, riviste,audiovisivi, tabacchi, valori bollati e fornire pasti, se non in possesso di apposita autorizzazione scritta di Clast.Lav.. Ai posti di ristoro, bar, locali di vendita ecc. eventualmente previsti per la durata delle singole manifestazioni può essere richiesto in casi particolari di vendere esclusivamente i prodotti di ditte convenzionate direttamente con Clast.Lav.. Gli operatori sono comunque tenuti ad osservare le norme del presente Regolamento ed ad applicare clausole e condizioni risultanti da norme particolari eventualmente previste da Clast.Lav., ivi comprese le tariffe stabilite per le consumazioni da parte del pubblico, L inosservanza delle norme impartite da Clast.Lav. e delle speciali disposizioni di legge e sanitarie al riguardo, comporta l immediata chiusura dell esercizio. Art DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE A) Clast.Lav. si riserva di stabilire norme e disposizioni complementari che di volta in volta siano giudicate necessarie per regolare e organizzare in modo migliore l andamento di ogni manifestazione, anche in deroga al presente Regolamento. Tali norme verranno portate a conoscenza dell ORGANIZZATORE a mezzo di lettere, circolari o di notiziari e potranno essere rese pubbliche anche tramite l inserimento nel sito web della Clast.Lav.. Tali disposizioni avranno lo stesso valore di quelle contenute nel presente Regolamento e dovranno essere obbligatoriamente osservate dall ORGANIZZATORE e dai terzi interessati alla manifestazione. L inosservanza o la violazione delle clausole di questo Regolamento e delle norme e disposizioni successivamente emanate, comporta l applicazione dei provvedimenti e delle penali previste all art. 7 lett. B, salvo il maggior danno causato. Clast.Lav. si riserva di adire le vie legali per danni materiali e morali di qualsiasi tipo che ritenga di aver subito a causa di tali comportamenti. B) Sono da ritenersi validi nei confronti dei Terzi o dell ORGANIZZATORE solo gli impegni assunti dai legali rappresentanti, dal Presidente o dai funzionari di Clast.Lav., a condizione che quest ultimi siano stati delegati dal primo con apposito comunicazione ufficiale.. C) Il Foro competente per qualsiasi controversia è quello di Voghera. Non è ammesso l arbitrato. D) ai sensi della Legge 16 gennaio 2003 n. 3 e del DPCM del 23 dicembre 2003 è vietato fumare in tutte le aree del complesso fieristico. E) parcheggiare all interno della fiera, solo ed esclusivamente, durante i giorni di carico e scarico, esponendo appositi PASS di autorizzazione, richiesti all ORGANIZZATORE, e sempre esposti per eventuali controlli che potranno essere anche eseguiti direttamente da Clast.Lav. F) Si allega al presente regolamento un informativa privacy, ex D.lgs n.196 e s.m., che dovrà essere sottoscritta per accettazione dall ORGANIZZATORE. G) La Direzione di Clast.Lav. si riserva la facoltà di applicare, modificare o ridurre le penali indicate nel presente regolamento.

8 Pagina 8 di 8 Art APPROVAZIONE ESPRESSA DELLE CLAUSOLE. IL SIG.... NELLA SUA QUALITA' DI RAPPRESENTANTE LEGALE DELLA DITTA... CON SEDE IN... P.I.V.A.... RECAPITI TEL.... MOBILE... FAX SITO INTERNET ORGANIZZATORE DELL'EVENTO dichiara di accettare in ogni sua parte il presente regolamento e di approvare per iscritto specificamente i seguenti articoli: IL LEGALE RAPPRESENTANTE DELLA DITTA (Timbro e Firma) Casteggio, / /

REGOLAMENTO GENERALE ORGANIZZATORI TERZI

REGOLAMENTO GENERALE ORGANIZZATORI TERZI REGOLAMENTO GENERALE ORGANIZZATORI TERZI LUCCA - QUARTIERE FIERISTICO EX AREA BERTOLLI Manifestazione organizzata e comunque portatori di interesse generale. e) Venditori anche non professionali, collezionisti

Dettagli

REGOLAMENTO ESPOSITORI

REGOLAMENTO ESPOSITORI REGOLAMENTO ESPOSITORI ART.1 Denominazione e organizzazione Il festival internazionale dell ambiente e dell ecologia Ecocity Expo 2014 è organizzata dall associazione no profit Città Ecocompatibile. La

Dettagli

Di che Gusto Sei - (Padiglione espositivo Ex Cofa) Pescara, 31 maggio 1 e 2 Giugno Porto Turistico Marina di Pescara

Di che Gusto Sei - (Padiglione espositivo Ex Cofa) Pescara, 31 maggio 1 e 2 Giugno Porto Turistico Marina di Pescara Di che Gusto Sei - (Padiglione espositivo Ex Cofa) Pescara, 31 maggio 1 e 2 Giugno Porto Turistico Marina di Pescara DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - ESPOSITORE Ragione sociale., C.F........, P.IVA..., Reg.

Dettagli

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009

Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Allegato A) Approvato con delibera del Commissario Straordinario, adottata con i poteri del C.C. n. 229 del 30.12.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 79 del 21.12.2010 REGOLAMENTO GENERALE FIERA CAMPIONARIA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO

REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO COMUNE DI BORGOFRANCO SUL PO PROVINCIA DI MANTOVA AREA AMMINISTRATIVA SERVIZIO SVILUPPO SOCIOECONOMICO REGOLAMENTO DELLA FIERA PROVINCIALE DEL TARTUFO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 27

Dettagli

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 - Manifestazione Fera di Usei La F.I.D.C. sezione di Canzo, nel rispetto e fatto salvo quanto previsto dalla normativa in materia di commercio, col presente

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI ALLEGATO A DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEI LOCALI DEL CENTRO ESPOSITIVO DI SAN MICHELE DEGLI SCALZI Art. 1) Ambito di applicazione Il presente disciplinare individua e regola i criteri

Dettagli

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo

Città di Lecce. Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Città di Lecce Regolamento per l utilizzo della Sala Conferenze di Palazzo Turrisi-Palumbo Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 72 del 7 settembre 2009 PRINCIPI GENERALI Art. 1. FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO GESTIONE INCUBATORE VILLA LA MAGIA PROGETTO ABITARE L ARTE

REGOLAMENTO INTERNO GESTIONE INCUBATORE VILLA LA MAGIA PROGETTO ABITARE L ARTE REGOLAMENTO INTERNO GESTIONE INCUBATORE VILLA LA MAGIA PROGETTO ABITARE L ARTE 1. SERVIZI GENERALI DELL INCUBATORE I Servizi offerti all impresa/utente come indicato nel contratto di prestazione di servizi

Dettagli

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARAdal 1 al 4 Maggio 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - PRIVATI Nome Cognome indirizzo c.a.p. località C.F. Email Telefono

Dettagli

FIERA CAMPIONARIA D AUTUNNO

FIERA CAMPIONARIA D AUTUNNO FIERA CAMPIONARIA D AUTUNNO REGOLAMENTO GENERALE Indice: Art. 1: ORGANIZZAZIONE Art. 2: AMMISSIONE Art. 3: DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Art. 4: MODALITA DI ISCRIZIONE Art. 5: CESSIONE/RINUNCIA Art. 6: ASSEGNAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE SITI IN VIA MOLINI. ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE - Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti immobili di proprietà comunale:

Dettagli

Regolamento di Partecipazione Fiere Agro-Alimentari 2008

Regolamento di Partecipazione Fiere Agro-Alimentari 2008 ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE SERVIZIO POLITICHE DI MERCATO E QUALITA Regolamento di Partecipazione Fiere Agro-Alimentari 2008 Art. 1 - Ente Organizzatore Assessorato Regionale

Dettagli

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO

COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO COMUNE DI NOLA Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLE PALESTRE SCOLASTICHE COMUNALI IN ORARIO EXTRASCOLASTICO ART. 1 - OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento disciplina l utilizzo

Dettagli

REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE A REMURATA

REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE A REMURATA REGOLAMENTO MANIFESTAZIONE A REMURATA Indice Articoli: ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2 PERIODO DI SVOLGIMENTO, LOCALIZZAZIONE E DEROGHE ART. 3 REQUISITI PER L AMMISSIONE E ASSEGNAZIONE ART. 4 DOMANDA

Dettagli

Nipponbashi d estate 2015

Nipponbashi d estate 2015 Nipponbashi d estate 2015 MODULO PRENOTAZIONE SPAZIO ESPOSITIVO Treviso - 10, 11 e 12 Luglio 2015 Il presente modulo dovrà essere consegnato presso Ikiya (Via Manzoni 52, 31100 Treviso), inviato via fax

Dettagli

Condizioni generali di Noleggio

Condizioni generali di Noleggio Condizioni generali di Noleggio 1. Oggetto del contratto Il Contratto ha per oggetto la fornitura del servizio di noleggio di articoli di puericultura e relativi accessori (di seguito Bene o Beni ) tra

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena.

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE. dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. SCHEMA DI REGOLAMENTO DI GESTIONE dell esercizio di Bar del parcheggio interrato presso il Parco Novi Sad di Modena. DISPOSIZIONI PER LA GESTIONE DELL ESERCIZIO INTERNO DI BAR Art. 1. Oggetto del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo COMUNE DI CENATE SOTTO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA POLIVALENTE PALAINCONTRO IN VIA A. MORO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 21.06.2007

Dettagli

DATI PER FATTURAZIONE SE DIVERSI DALL ESPOSITORE

DATI PER FATTURAZIONE SE DIVERSI DALL ESPOSITORE DATI ESPOSITORE Ragione sociale Indirizzo CAP Città Prov. Nazione C.F. P.IVA Tel. Fax Email Insegna/ Marchi Scritta da apporre sul frontalino dello stand DATI PER FATTURAZIONE SE DIVERSI DALL ESPOSITORE

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA CITTA TURISTICA E D ARTE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L USO TEMPORANEO DEI LOCALI SCOLASTICI approvato con deliberazione di C.S. n. 50 del 19/3/2004 1 Art. 1 Oggetto Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di SAN GIOVANNI LIPIONI (Provincia di CHIETI) Via Roma, 35-66050 SAN GIOVANNI LIPIONI (CH) * Codice Fiscale e Partita IVA: 00249220690 Telefono e Fax: 0873/952231-0873/952244 * Indirizzo E Mail:

Dettagli

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI

REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI REGOLAMENTO E NORME TECNICHE ALLESTIMENTO SPAZI ESPOSITIVI 1. CONSEGNA DEGLI SPAZI ESPOSITIVI Gli spazi espositivi saranno messi a disposizione degli Espositori per l'introduzione e la sistemazione dei

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. I Fiera Nazionale del Libro all aperto a Reggio Calabria

REGOLAMENTO GENERALE. I Fiera Nazionale del Libro all aperto a Reggio Calabria REGOLAMENTO GENERALE XENÍA BOOK FAIR I Fiera Nazionale del Libro all aperto a Reggio Calabria POESIA, LETTERATURA, TEATRO, MUSICA, ARTE Gallico Superiore (Reggio Calabria) Parco della Mondialità, 4-5 luglio

Dettagli

Città di Novi Ligure

Città di Novi Ligure Città di Novi Ligure REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL TEATRO CIVICO PAOLO GIACOMETTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 in data 5/6/2006. Articolo 1 Finalità Il Comune si avvale

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE

REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE REGOLAMENTO GENERALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI FIERISTICHE ORGANIZZATE DALLA RTC FIERE Art. 1 AMMISSIONE ALLA FIERA Possono essere ammessi come espositori: a) Le aziende italiane ed estere

Dettagli

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI CORBETTA PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DEL PARCO ANGELO DELLA TORRE E DELLE RELATIVE STRUTTURE. ART.1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l uso del Parco della Villa

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA)

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA CONVEGNI DEL MUSEO D ARTE MODERNA VITTORIA COLONNA (CON PROSPETTO TARIFFE E MODULISTICA) AGGIORNATO AL 12 OTTOBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto Il presente regolamento ha

Dettagli

AF 2012 Bando per la partecipazione a L ARTIGIANO IN FIERA 2012

AF 2012 Bando per la partecipazione a L ARTIGIANO IN FIERA 2012 AF 2012 Bando per la partecipazione a L ARTIGIANO IN FIERA 2012 Premessa Artigiano in Fiera è ormai da anni la più importante manifestazione dedicata all artigianato di tutta Europa. Con 2900 espositori,

Dettagli

MONTAGNANESE IN FIERA

MONTAGNANESE IN FIERA MONTAGNANESE IN FIERA FIERA DI PRIMAVERA fuori le mura 9-10 APRILE 2016 SCHEDA DI ADESIONE ALLA FIERA ll presente modulo va compilato in stampatello ed in forma leggibile. Da presentare al Comitato Organizzatore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Comune di Calvenzano P.zza Vitt. Emanuele II, 6 Tel. 0363/860711 Fax. 0363/860799 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEL CIMITERO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione

Dettagli

MODULO UNICO RICHIESTA FORNITURE EXTRA- ALLESTIMENTI

MODULO UNICO RICHIESTA FORNITURE EXTRA- ALLESTIMENTI MODULO UNICO RICHIESTA FORNITURE EXTRA- ALLESTIMENTI DA RESTITUIRE ENTRO E NON OLTRE IL 28 FEBBRAIO 2015 AL FAX 0532 976997 O ALLA MAIL info@ferraradroneshow.it Ragione sociale Padiglione Stand Indirizzo

Dettagli

COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32

COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32 COMUNE DI CIRIE ASSESSORATO ALLA CULTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZAZIONE DELLA SALA CONFERENZE DEL CENTRO SOCIO CULTURALE DI CORSO NAZIONI UNITE 32 Approvato con Deliberazione del Consiglio C.le n. 37

Dettagli

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1

Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi. Fascicolo Sicurezza. Allegato scheda 1 Ferrara Fiere Congressi Fascicolo Sicurezza - Allegato scheda 1 Informazioni sui rischi Fascicolo Sicurezza Allegato scheda 1 INFORMAZIONI SUI RISCHI Informazione sui rischi presenti durante le fasi di

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI

Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI ACQUISTI MICHELIN ITALIA Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1 CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. Premessa... 3 2. Principi etici... 3 3. Prezzi... 3 4. Consegna della fornitura... 3 5.

Dettagli

DISCIPLINARE DI UTILIZZO DEL PALCO MODULARE DELLE SEDI E DEI TAVOLI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MONTIANO

DISCIPLINARE DI UTILIZZO DEL PALCO MODULARE DELLE SEDI E DEI TAVOLI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MONTIANO COMUNE DI MONTIANO PROVINCIA DI FORLI' - CESENA Piazza Maggiore - 47020 MONTIANO (FC) Tel. 0547-51151 / 51032 - Fax 0547-51160 E-mail: scuola-cultura@comune.montiano.fc.it Servizi Sociali-Scolastici-Culturali

Dettagli

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI.

DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. DISCIPLINARE DI AFFIDAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA, DEL CAMPO SPORTIVO E DEI LOCALI SCOLASTICI. A.S. 2012/2013 L Istituto scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO VIA LUIGI RIZZO, 1 di seguito chiamato scuola,

Dettagli

Festa del vino 2015 - Regolamento Espositori

Festa del vino 2015 - Regolamento Espositori Pro Loco Castelvenere Via del Genio 15, 82037 Castelvenere (BN) Tel. 3407943165 e-mail prolococastelvenere@libero.it castelvenere@unplibenevento.it Sito: www.prolococastelvenere.org Festa del vino 2015

Dettagli

58ª FIERA REGIONALE DI LONATO DEL GARDA AGRICOLA - ARTIGIANALE - COMMERCIALE (15-16 - 17 GENNAIO 2016)

58ª FIERA REGIONALE DI LONATO DEL GARDA AGRICOLA - ARTIGIANALE - COMMERCIALE (15-16 - 17 GENNAIO 2016) 58ª FIERA REGIONALE DI LONATO DEL GARDA AGRICOLA - ARTIGIANALE - COMMERCIALE (15-16 - 17 GENNAIO 2016) MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE ART. 1 ACCETTAZIONE DELLE MODALITA DI PARTECIPAZIONE Con la sottoscrizione

Dettagli

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Allegato F Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Gentile Cliente, la procedura descritta Le consentirà di assicurarsi la realizzazione del suo impianto di utilizzo del gas nel pieno

Dettagli

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO

COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO COMUNE DI CALDERARA DI RENO Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE TEMPORANEA IN USO DEI LOCALI DI VIA ROMA 12/C A CALDERARA DI RENO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLA FIERA

REGOLAMENTO GENERALE DELLA FIERA REGOLAMENTO GENERALE DELLA FIERA Il documento è parte integrante del modulo di adesione REGOLAMENTO GENERALE GROSSETOFIERE SPA 38 FIERA DEL MADONNINO 1) Grossetofiere spa, per brevità di Fiera o Grossetofiere,

Dettagli

SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE

SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE SOGGETTO ORGANIZZATORE DENOMINAZIONE Art. 1 L Associazione Culturale "Amici di Liberi sulla Carta" (in seguito denominate Gli Organizzatori ) organizza Lib(e)ri sulla Carta Fiera dell editoria indipendente

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA.

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. Art. 1 Oggetto del Disciplinare Il presente disciplinare regola l uso dei locali di proprietà

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 31 del 14.9.2006 INDICE DEGLI

Dettagli

Il/la sottoscritto/a residente in. della Ditta quale TITOLARE. in seguito denominato CEDENTE

Il/la sottoscritto/a residente in. della Ditta quale TITOLARE. in seguito denominato CEDENTE www.house4all.it Via C. Ferrari, 2 20841 Carate B.za Tel. 0362.1482371 info@house4all.it Il/la sottoscritto/a residente in alla via n. nato/a a il cod fisc in qualità di della Ditta quale TITOLARE EFFETTIVO

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA FIERA MAREDIMODA CANNES 2009: MarediModa e IntimodiModa.

REGOLAMENTO DELLA FIERA MAREDIMODA CANNES 2009: MarediModa e IntimodiModa. Como, Gennaio 2009 REGOLAMENTO DELLA FIERA MAREDIMODA CANNES 2009: MarediModa e IntimodiModa. 1. Denominazione e oggetto della fiera La denominazione della fiera è: MarediModa - IntimodiModa Cannes. Oggetto

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

Regolamento e norme di utilizzo sala Cinema Teatro S. Giovanni Bosco

Regolamento e norme di utilizzo sala Cinema Teatro S. Giovanni Bosco Regolamento e norme di utilizzo sala Cinema Teatro S. Giovanni Bosco Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare i rapporti fra il Cinema Teatro S. Giovanni Bosco (Teatro) e le Compagnie, i gruppi

Dettagli

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA SELETTIVA

MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA SELETTIVA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA SELETTIVA MEDIANTE L UTILIZZO DEL SISTEMA M.E.P.A. CON RDO (MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CON RICHIESTA DI OFFERTA)

Dettagli

COMUNE DI GAMBARA 72 FIERA DI S. GIUSEPPE

COMUNE DI GAMBARA 72 FIERA DI S. GIUSEPPE COMUNE DI GAMBARA PROVINCIA DI BRESCIA 72 FIERA DI S. GIUSEPPE AGRICOLA GASTRONOMICA COMMERCIALE ARTIGIANALE 17 18 MARZO 2012 Gambara, Gennaio 2012 SPETT/LE DITTA Anche quest anno riproponiamo LA FIERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento.

REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE. ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L USO DEL CENTRO SOCIO-CULTURALE DI AZZANELLO DI PASIANO DI PORDENONE ARTICOLO 1 Oggetto del regolamento Il Centro socio-culturale di Azzanello di Pasiano di Pordenone (di seguito nominato

Dettagli

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARA dal 1 al 4 Maggio 2014

SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARA dal 1 al 4 Maggio 2014 SOTTOCOSTA APPUNTAMENTO CON LA NAUTICA, IL NATANTE E LA PESCA IN MARE MARINA DI PESCARA dal 1 al 4 Maggio 2014 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE - AZIENDE denominazione completa forma giuridica denominazione a

Dettagli

! "# & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7. Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5

! # & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7. Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5 ! "# $ %&!! "'(() & '(( *+,-./0&,1 2-3-4+,.-/56 21 & 7 Sala Parrocchiale_Regolamento Uso Pagina 1 di 5 - Articolo 1 - Oggetto del regolamento e destinazione d uso della Sala Parrocchiale 1. La Parrocchia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CUCINA E DEL REFETTORIO SCOLASTICI (Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 20/05/2015) Art. 1 Individuazione dei locali L Amministrazione Comunale,

Dettagli

FOGLIO DELLE CONDIZIONI PER L UTILIZZO DI VILLA DEI LEONI A MIRA

FOGLIO DELLE CONDIZIONI PER L UTILIZZO DI VILLA DEI LEONI A MIRA FOGLIO DELLE CONDIZIONI PER L UTILIZZO DI VILLA DEI LEONI A MIRA PREMESSO CHE: con determinazione dirigenziale n. 614 del 07.04.2011 si stabilivano i criteri di seguito riportati per l uso di Villa dei

Dettagli

PONTE LUNA STRUTTURA AREA FESTE

PONTE LUNA STRUTTURA AREA FESTE PREMESSO PONTE LUNA STRUTTURA AREA FESTE che la struttura Area Feste è un immobile di proprietà del Comune di Rubiera, realizzato grazie al contributo dell Amministrazione Comunale, all autofinanziamento

Dettagli

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI MONTICELLI D ONGINA REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 31 del 29/11/2013 Indice Art. 1. Oggetto e finalità del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Articolo 1 - Articolo 2 - Articolo 3 - Articolo 4 - Articolo 5 - Articolo 6 - Articolo 7 - Articolo 8 - Articolo 9 - Articolo

Dettagli

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto 1.1. II presente

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2

ART. 1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE... 2 ART. 2 AVVIO DELLA PROCEDURA DI CONCESSIONE DEI SERVIZI E DEI LOCALI/DEGLI SPAZI... 2 Regolamento per la concessione di locali e spazi per servizi bar e/o distribuzione automatica di generi alimentari all interno degli Istituti Scolastici di pertinenza dell Amministrazione Provinciale ART.

Dettagli

CONTRATTO DI GESTIONE TEMPORANEA STAGIONALE. Oggi, in Recoaro Terme, fra le parti:

CONTRATTO DI GESTIONE TEMPORANEA STAGIONALE. Oggi, in Recoaro Terme, fra le parti: CONTRATTO DI GESTIONE TEMPORANEA STAGIONALE DELL ATTIVITA DEL BAR FONTI Oggi, in Recoaro Terme, fra le parti: Terme di Recoaro S.p.A., in persona del legale rappresentante pro-tempore Sig. Arrigo Abalti,

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Monza e della Brianza)

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Monza e della Brianza) COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Monza e della Brianza) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DELL AREA ATTREZZATA SITA IN VIA S.GIOVANNI BOSCO ANGOLO VIA ALDO MORO Approvato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA

NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA ALLEGATO 1 NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA GARA I rapporti contrattuali derivanti dell aggiudicazione sono regolate dalle norme contenute nel D.I. 44/01 e dalla legge e dal regolamento di contabilità

Dettagli

Modulo 3.7 Revisione4 Pagina 1 di 5

Modulo 3.7 Revisione4 Pagina 1 di 5 Italcuscinetti S.p.A. CAPITOLATO DI FORNITURA (CONDIZIONI GENERALI) Introduzione Le forniture dei prodotti, presenti in questo documento redatto da Italcuscinetti S.p.A., sono gestite e regolate dalle

Dettagli

STRALCIO CAPITOLATO D ONERI- IMPEGNI A CARICO DELLA DITTA. 2) Dovrà assicurare il completo allestimento delle aree espositive come segue:

STRALCIO CAPITOLATO D ONERI- IMPEGNI A CARICO DELLA DITTA. 2) Dovrà assicurare il completo allestimento delle aree espositive come segue: STRALCIO CAPITOLATO D ONERI- IMPEGNI A CARICO DELLA DITTA Allegato 1 Nell ambito della tradizionale fiera di San Settimio 2015, organizzata in economia dal Comune di Jesi, l affidatario dovrà provvedere

Dettagli

Si osservano in materia le condizioni generali di vendita stabilite direttamente dalle case produttrici.

Si osservano in materia le condizioni generali di vendita stabilite direttamente dalle case produttrici. B) MEZZI DI TRASPORTO AUTO E MOTOVEICOLI NUOVI 626. Condizioni di vendita. Si osservano in materia le condizioni generali di vendita stabilite direttamente dalle case produttrici. AUTO E MOTOVEICOLI USATI

Dettagli

CHALLENGE RIMINI EXPO

CHALLENGE RIMINI EXPO CHALLENGE RIMINI EXPO RIMINI, 8-11 Maggio 2014 L area espositiva verrà allestita su Piazzale Fellini, nel cuore di Marina Centro di Rimini, e potrà accogliere non solo gli addetti ai lavori, ma anche cittadini,

Dettagli

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del

Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente contratto disciplina la concessione del COMUNE DI LECCO SETTORE LAVORI PUBBLICI SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE DI SERVIZIO RELATIVA ALL AREA DI PARCHEGGIO PUBBLICO DI PIAZZA SASSI. Art. 1) Oggetto del contratto. Il presente

Dettagli

COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C.

COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C. COMUNE DI RONZO-CHIENIS (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI UTILIZZO DEGLI SPAZI DELLA CASA SOCIALE - P.ED. 81 IN C.C. CHIENIS - Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI

NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI NORME DI COMPORTAMENTO DEGLI UTENTI PER IL SERVIZIO PUBBLICO DI TRASPORTO LINEA LECCE-NAPOLI Le presenti CONDIZIONI GENERALI DI TRASPORTO si applicano ai servizi di trasporto di concessione Ministeriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO DELLA SALA CONFERENZE DI PALAZZO DEL MONFERRATO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO DELLA SALA CONFERENZE DI PALAZZO DEL MONFERRATO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO DELLA SALA CONFERENZE DI PALAZZO DEL MONFERRATO ART. 1 DESTINAZIONE D'USO Il presente Regolamento disciplina l utilizzo temporaneo della Sala Conferenze sita al piano

Dettagli

MODULO 0 ALLESTIMENTI FUORI STANDARD

MODULO 0 ALLESTIMENTI FUORI STANDARD MODULO 0 ALLESTIMENTI FUORI STANDARD MODULO OBBLIGATORIO PER GLI ALLESTIMENTI FUORI STANDARD Il modulo di prenotazione del servizio dovrà essere inviato 60 gg prima dell inizio della manifestazione a:

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA DELLE SCUOLE MEDIE DELL ISTITUTO O. ORSINI IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

BANDO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA DELLE SCUOLE MEDIE DELL ISTITUTO O. ORSINI IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO BANDO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA PALESTRA DELLE SCUOLE MEDIE DELL ISTITUTO O. ORSINI IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO Art. 1 SOGGETTI AMMESSI a) Fatto salvo il diritto di priorità all utilizzo della Palestra

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA RESIDENZA SITA IN CORTE MADDALENE N. 5.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA RESIDENZA SITA IN CORTE MADDALENE N. 5. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA RIUNIONI DELLA RESIDENZA SITA IN CORTE MADDALENE N. 5. ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina la concessione in uso della sala

Dettagli

COMUNE DI VALPELLINE

COMUNE DI VALPELLINE COMUNE DI VALPELLINE c/o Municipio: Loc. Les Prailles, 7 11010 Valpelline (AO) - Tel. 0165/73227 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFITTO LOCALI DEL BAR RISTORANTE DI PROPRIETÀ COMUNALE, SITO IN FRAZ. LES PRAILLES

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

DICHIARAZIONI D.L. 626/94

DICHIARAZIONI D.L. 626/94 Montichiari - DICHIARAZIONI D.L. 626/94 Montichiari - DICHIARAZIONE DI COMPOSIZIONE DEGLI ALLESTIMENTI AI FINI DELLA PREVENZIONE INCENDI L azienda Pad. N. Stand Referente per la sicurezza In ottemperanza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO.

REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. Comune di Lecco REGOLAMENTO PER L USO DEI LOCALI E DELLE ATTREZZATURE SCOLASTICHE PER ATTIVITA SPORTIVE, IN ORARIO EXTRASCOLASTICO. A) CRITERI PER LA CONCESSIONE 1) Gli edifici e le attrezzature scolastiche

Dettagli

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE Tra le sottoscritte parti: CASALE SPORTIVA SRL, con sede in Mirandola (MO), Via Giovanni Pico, 51, p. iva

Dettagli

MODULO 0 ALLESTIMENTI FUORI STANDARD

MODULO 0 ALLESTIMENTI FUORI STANDARD MODULO 0 ALLESTIMENTI FUORI STANDARD MODULO OBBLIGATORIO PER GLI ALLESTIMENTI FUORI STANDARD Il modulo di prenotazione del servizio dovrà essere inviato 60 gg prima dell inizio della manifestazione a:

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola

MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE del Centro d Aggregazione Giovanile Via Giardini n. 31- Zoppola (approvate con delibera della Giunta Comunale n. 190 del 28.09.2009) Premessa Il Comune di

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 20 del 03.05.2012 COMUNE DI SARNONICO. Provincia di Trento

Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 20 del 03.05.2012 COMUNE DI SARNONICO. Provincia di Trento Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale n. 20 del 03.05.2012 COMUNE DI SARNONICO Provincia di Trento REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DI SALE E STRUTTURE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER

REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER COMUNE DI S. AGATA SUL SANTERNO Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PALESTRA COMUNALE POLIVALENTE VIA BERLINGUER Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 11 Settembre 1995 Angela\Regolamenti\Palestra

Dettagli

FONDAZIONE TEATRO DELLA CITTA DI LIVORNO C. GOLDONI DISCIPLINARE D USO DEL TEATRO GOLDONI E DEL RIDOTTO LA GOLDONETTA

FONDAZIONE TEATRO DELLA CITTA DI LIVORNO C. GOLDONI DISCIPLINARE D USO DEL TEATRO GOLDONI E DEL RIDOTTO LA GOLDONETTA FONDAZIONE TEATRO DELLA CITTA DI LIVORNO C. GOLDONI DISCIPLINARE D USO DEL TEATRO GOLDONI E DEL RIDOTTO LA GOLDONETTA Livorno, aprile 2005 e successiva modifica marzo 2006 TEATRO GOLDONI E RIDOTTO LA GOLDONETTA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO GRATUITO DI BICICLETTE MESSO A DISPOSIZIONE DEGLI STUDENTI, DEI DOCENTI E DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO E BIBLIOTECARIO

Dettagli

COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR

COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR COMUNE DI CAPRALBA Provincia di Cremona Via Piave, n. 2 26010 CAPRALBA CR REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI PRESSO IL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE sito in Farinate di Capralba Approvato

Dettagli

MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE

MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE IN USO DELLE SALE DELL ISTITUZIONE BIBLIOTECHE Adottata con Deliberazione del Consiglio di Amministrazione dell Istituzione Biblioteche nr. 40 del 03/09/2007 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE COMUNITÀ MONTANA DEL PINEROLESE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO A TERZI DELLE SALE DI RIUNIONE Approvato con deliberazione di Giunta Esecutiva n. 144 del 28 novembre 2011 Articolo 1 Oggetto 1. Il

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO CAPITOLATO SPECIALE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PISTA CICLABILE DI C.DA ACQUAFREDDA ART. 1 - OGGETTO DELLA CONCESSIONE La concessione ha per oggetto la gestione della

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE.

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA SPORTIVA COMUNALI DI V.LE RIMEMBRANZE. Art. 1 - OGGETTO E DURATA 1. La presente convenzione ha per oggetto la concessione dell uso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL CENTRO CONGRESSI PALAZZO COELLI CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO AD UTENTI ESTERNI DELLE SALE DI PALAZZO COELLI DI PROPRIETA DELLA FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI ORVIETO E

Dettagli