Conversano, 04 / 06 / 2014 Gli allievi La docente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conversano, 04 / 06 / 2014 Gli allievi La docente"

Transcript

1 LICEO STATALE SAN BENEDETTO Conversano Programma svolto - Storia dell Arte A.S. 2013/2014 Insegnante : prof. Di Maggio Antonia Cl. III sez. A B- C Liceo Scienze Umane opz. Economico Sociale Libro di testo: Itinerario nell Arte 1 vol. Giorgio Cricco Francesco Paolo Di Teodoro Zanichelli. Introduzione allo studio della Storia dell Arte Lettura dell opera d arte. La composizione. I simboli. Le civiltà di un mare fecondo l Egeo:Creta e Micene. Itinerario nelle storia Dal mito alla storia.(da pag.39-40) I Cretesi e le città palazzo.(da pag.41- a 46) I Micenèi e le città fortezze.(da pag.47 a 51) L inizio della civiltà occidentale: la Grecia (pag 53) I periodi dell arte greca (pag.54) Il periodo di formazione (XII-VIII sec.a.c.) ( da pag.55 a 59) L età arcaica (VII-VI sec.a.c.)(pag.60) Il tempio e le sue tipologie. (da pag.61 a pag.64) Gli ordini architettonici. (da pag.64 a pag.76) Kouri e Korai. La scultura dorica, attica e ionica.(da pag.77 a pag.83) La pittura vascolare.(pag.84) La statuaria prima del Doriforo (da pag.97 a pag.100) Efebo, Poseidon di capo Artemisio, il Discobolo. Bronzi di Riace. Policleto di Argo(pag.102) il Doriforo, Amazzone ferita. Fidia(da pag.105 a pag.109) il Partenone, Amazzone ferita. Dall ideale al quotidiano (da pag.117 a pag.124) Prassìtele (Afrodite Cnidia, Apollo sauroctonos), Skòpas ( Menade danzante). Lisippo (Apoxyomenos). L arte in Italia: gli Etruschi. (pag.135) Arte e religione etrusche. (pag ) L architettura civile(le mura, le porte, l arco), l architettura religiosa, l architettura funeraria, la pittura funeraria, la scultura funeraria. L arte dell utile Roma I Romani e l arte (pag. 158) Tecniche costruttive dei romani. (da pag.160 a pag.165) Archi, volte e cupole i paramenti murari. Il Pantheon. (pag ) Il Colosseo. (pag ) La Basilica di Massenzio. (pag ) L architettura paleocristiana.(pag ) Basilica di San Pietro in Vaticano (pag.222)basilica di Santa Maria Maggiore. Caratteri generali dell architettura romanica. (pag ) Conversano, 04 / 06 / 2014 Gli allievi La docente

2 PROGRAMMA DI MATEMATICA svolto nella classe III C Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale Anno scolastico 2013/ Riepilogo delle equazioni e dei sistemi di primo grado, dei prodotti notevoli. - Divisione di polinomi. Teorema del resto e teorema di Ruffini. - Scomposizione di polinomi. Massimo comune divisore e minimo comune multiplo fra polinomi. - Frazioni algebriche: semplificazione, addizione e sottrazione. - Equazioni di primo grado fratte. - Equazioni di secondo grado intere e fratte. - La circonferenza nel piano euclideo e nel piano cartesiano: circonferenza e cerchio; proprietà delle corde; angoli al centro e alla circonferenza. Poligoni inscritti e circoscritti; lunghezza della circonferenza e area del cerchio. - La circonferenza nel piano cartesiano: equazione caratteristica; coordinate del centro, lunghezza del raggio, equazione della tangente ad una circonferenza. - La parabola : definizione di parabola come luogo geometrico, equazione di una parabola con asse parallelo all asse y, coordinate del fuoco, del vertice, equazione dell asse e della direttrice. Rappresentazione grafica. - Funzioni goniometriche fondamentali. - Disequazioni di II grado intere e fratte, rappresentazione grafica delle soluzioni. - Sistemi di secondo grado con due incognite. Gli alunni La Docente Prof. Didonna Maria

3 PROGRAMMA DI FISICA svolto nella classe III C Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale Anno scolastico 2013/2014 Le grandezze fisiche fondamentali e derivate. Il Sistema Internazionale di misura. Unità di misura, multipli e sottomultipli. Le equivalenze. Ordini di grandezza. La notazione scientifica. Cifre significative. Strumenti per la misura: portata, sensibilità precisione. Rappresentare un corpo nello spazio. Sistemi di riferimento. Posizione e spostamento. Istante e intervallo di tempo. I diversi tipi di moto rettilineo: moto rettilineo uniforme e uniformemente accelerato. La caduta libera di un grave. La velocità, la legge oraria del moto rettilineo uniforme e sua interpretazione nel riferimento cartesiano spazio-tempo. L accelerazione, la relazione tra velocità e tempo nel moto uniformemente accelerato, la legge oraria del moto uniformemente accelerato e sua interpretazione nel riferimento cartesiano spazio-tempo. Grandezze scalari e vettoriali. Caratteristiche di un vettore: algebra dei vettori, prodotto scalare e vettoriale, scomposizione di vettori. Concetto di forza. La forza come grandezza vettoriale Misura della forza e del momento di una forza. Risultante di un sistema di forze. Esempi di forze intorno a noi: forza elastica, forza peso e forza di attrito. Il momento di una forza. Differenza tra l effetto dinamico di una forza e quello di un momento di una forza su un corpo rigido oppure libero. L equilibrio di un punto materiale e di un corpo rigido. Le macchine semplici: leva, carrucola e piano inclinato. Equilibrio stabile, instabile e indifferente. Macchine vantaggiose, indifferenti e svantaggiose nella vita quotidiana. Relazione tra forza e braccio in condizioni di equilibrio. I tre principi della dinamica. L energia; principio di conservazione dell energia; varie forme di energia; il lavoro. La gravitazione universale; il valore della costante g. Gli alunni La Docente DIDONNA MARIA

4 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE SAN BENEDETTO CONVERSANO PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE 3 SEZ. ES ANNO SCOLASTICO 2013/ La Chiesa popolo della nuova alleanza a) Il cristianesimo nella storia b) La comunità primitiva di Gerusalemme c) Il Vangelo si diffonde nell impero romano d) Una comunità organizzata ma non gerarchica e) Gli Atti degli Apostoli: i pionieri raccontano f) Paolo di Tarso, il missionario del Vangelo g) Una Chiesa attraversata da crisi e problemi 2.Chiesa, segno dell umanità salvata a) Comunità umana e religioni b) La Chiesa: da movimento a società, a popolo c)il Monachesimo,approfondimento dei principali ordini monastici: San Benedetto,Sant Antonio, San Francesco. 3.Le confessioni cristiane a)l origine delle principali confessioni cristiane: cattolici, protestanti, ortodossi. b)le principali differenze dottrinali tra le chiese cristiane c)l Ecumenismo come impegno di fedeltà al messaggio evangelico 4.I valori tra i giovani e le proposte di Gesù a) Il valore della tolleranza e della solidarietà b) La comunicazione efficace all interno di un gruppo c) Regolamento per una comunicazione di gruppo efficace Conversano, 7 giugno 2014 L insegnante Gli alunni

5 PROGRAMMA DI DIRITTO ED ECONOMIA 3 C SU ES ANNO SCOLASTICO 2013\2014 INSEGNANTE: PROFESSORE INDRAGO FRANCESCO TESTO ADOTTATO: I FONDAMENTI DI DIRITTO ED ECONOMIA 1 DI FEDERICO DEL GIUDICE, CASA EDITRICE: SIMONE PER LA SCUOLA L INDIVIDUO E LA FAMIGLIA LA PERSONA FISICA I SOGGETTI DEL DIRITTO LA CAPACITA GIURIDICA LA CAPACITA DI AGIRE I DIRITTI DELLA PERSONALITA LA FINE DELLA PERSONA FISICA E LA COMMORIENZA L INCERTEZZA DELL ESISTENZA DELLA PERSONA FISICA LA SEDE DELLA PERSONA FISICA L INCAPACITA E LA PROTEZIONE DELL INCAPACE L INCAPACITA LEGALE E L INCAPACITA NATURALE L INCAPACITA ASSOLUTA L INCAPACITA RELATIVA L INCAPACITA NATURALE I DIRITTI REALI I DIRITTI REALI IN GENERALE E LA PROPRIETA I CARATTERI DEI DIRITTI REALI CLASSIFICAZIONE E DISCIPLINA NOZIONE E CONTENUTO FUNZIONE INDIVIDUALE E FUNZIONE SOCIALE DELLA PROPRIETA LIMITI DEL DIRITTO DI PROPRIETA MODI DI ACQUISTO DELLA PROPRIETA TUTEA DELLA PROPRIETA I DIRITTI SULLA COSA ALTRUI I DIRITTI DI GODIMENTO IN GENERALE LA SUPERFICIE L ENFITEUSI L USUFRUTTO L USO E L ABITAZIONE

6 LE SERVITU PREDIALI I DIRITTI DI GARANZIA LE OBBLIGAZIONI IL RAPPORTO OBBLIGATORIO OBBLIGAZIONI ED ELEMENTI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO LE FONTI E LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO LE MODIFICAZIONI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO LE MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO LE MODIFICAZIONI NEL LATO ATTIVO: LA CESSIONE DEL CREDITO E LA SURROGAZIONE LE MODIFICAZIONI NEL LATO PASSIVO: LA DELEGAZIONE,L ESPROMISSIONE E L ACCOLLO LA CESSIONE DEL CONTRATTO ESTINZIONE, INADEMPIMENTO E GARANZIA DELLE OBBLIGAZIONI I MODI DI ESTINZIONI DELLE OBBLIGAZIONI IN GENERALE I MODI DI ESTINZIONE DIVERSI DALL ADEMPIMENTO L INADEMPIMENTO E LA MORA I CONTRATTI IL CONTRATTO IN GENERALE FATTI, ATTI E NEGOZI GIURIDICI LA NOZIONE DI CONTRATTO GLI ELEMENTI DEL CONTRATTO IN GENERALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL CONTRATTO LA RAPPRESENTANZA GLI ELEMENTI ACCIDENTALI L AUTONOMIA CONTRATTUALE LA CLASSIFICAZIONE DEI CONTRATTI FORMAZIONE E CONCLUSIONE DEL CONTRATTO IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE. LA FASE (EVENTUALE) DELLE TRATTATIVE LA CONCLUSIONE DEL CONTRATTO. LA FASE (NECESSARIA) DELLA PROPOSTA E DELL ACCETTAZIONE I CONTRATTI PER ADESIONE IL CONTRATTO PRELIMINARE L INVALIDITA DEL CONTRATTO L INVADILITA DEL CONTRATTO IN GENERALE LA NULLITA L ANNULABILITA LA RESCINDIBILITA

7 LA RISOLUZIONE LA RISERVA MENTALE E LA SIMULAZIONE I SINGOLI CONTRATTI IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA EFFETTI DELLA COMPRAVENDITA PER LE PARTI IL CONTRATTO DI LOCAZIONE IL CONTRATTO DI MANDATO IL CONTRATTO DI MUTUO IL CONTRATTO DI COMODATO ( O PRESTITO D USO) LA PERMUTA IL TRASPORTO IL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE L IMPRESA NEL SISTEMA ECONOMICO LE IMPRESE LE IMPRESE NEL SISTEMA ECONOMICO TIPI DI IMPRESE: IMPRESE PRIMARIE, SECONDARIE E TERZIARIE IMPRESE PRIVATE E PUBBLICHE IMPRESE PICCOLE, MEDIE E GRANDI IMPRESE APERTE E CHIUSE IMPRESE ARTIGIANALI, DI MASSA O SNELLE LA PRODUZIONE E I FATTORI PRODUTTIVI IL CONCETTO DI PRODUZIONE I FATTORI DELLA PRODUZIONE I COSTI, I RICAVI E L EQUILIBRIO D IMPRESA I COSTI DI PRODUZIONE I RICAVI E LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI L OFFERTA DELLA SINGOLA IMPRESA GLI ALUNNI IL DOCENTE

8 PROGRAMMA DI FRANCESE CLASSE III C L S U e. s. A.S libro di testo : De Gennaro, Alex et les autres, vol.1, ed. Il Capitello (Unità 13, 14, 15, 16, 17, 18) Funzioni Linguistiche : Chiedere e dire che tempo fa, fare previsioni, promettere, descrivere la propria città, rimproverare, protestare, riconoscere i propri torti e scusarsi, respingere le responsabilità, calmare, parlare della salute, chiedere consigli, chiedere, concedere, rifiutare il permesso, esprimere cause e conseguenze Strutture lessicali e grammaticali: I futuro semplice, i pronomi indefiniti, verbi suivre e courir, i pronomi dimostrativi semplici e composti, i pronomi dimostrativi neutri, il futuro anteriore pronomi possessivi, gli avverbi in ment, le forme verbali impersonali, il condizionale presente, i pronomi interrogativi variabili e invariabili, il condizionale passato, il sistema ipotetico, il participio presente, il gerundio, la proposizione subordinate di causa, la proposizione subordinate di conseguenza, i verbi craindre e joindre LE ALUNNE L INSEGNANTE

9 PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE Anno scolastico 2013/2014 classe3cs -Esercizi di formazione e di sviluppo generale; -Esercizi di mobilizzazione articolare del cingolo scapolo-omerale e coxofemorale; -Esercizi di potenziamento muscolare; -Esercizi di coordinazione dinamica generale; -Esercizi di educazione respiratoria; -Esercizi con gli step; -Esercizi con le funicelle; -Esercizi sulla trave; -Esercizi alla spalliera; -Esercizi con i cerchi; -Atletica leggera: velocità, partenza dai blocchi; -Pallavolo:tecnica dei fondamentali, battuta, palleggio, ricezione, muro, schiacciata,partita,regole di gioco. - I paramorfismi. - Allenamento della forza. - Le regole della pallavolo Alunni L insegnante

10 Liceo Statale S. Benedetto Conversano PROGRAMMA DI LINGUA E CIVILTA' INGLESE Classe III Sez C Indirizzo: Liceo delle Scienze Umane opz. Economico sociale Docente: Di Caro Giulia A.S Libri di testo: - My Life, 2 J. Shelly Ed. Zanichelli - Pet Buster Student s Book L.K Dodgson, Ed. ELI - Literary Hyperlinks Concise S.Maglioni, G.Thomson, Ed. Black Cat UDA 1 (INTERMEDIATE: Raccordo con il secondo anno. Units i5 i8) STRUCTURES Revisione delle strutture studiate negli anni precedenti. Past perfect. Wish + past tense. Wish +could/would. Had better. Past and future of must (have to) and can (be able to). Hypothetical sentences (type 3). Passive. Have/make/let + object +base form. Get/allow + object + infinitive. Be allowed FUNCTIONS Esprimere desideri e rimpianti. Dare consigli. Esprimere abilità o obbligo nel passato/futuro. Parlare di azioni passate. Riferire fatti accaduti nel passato. Parlare di situazioni ipotetiche. Chiedere, convincere o obbligare altre persone a fare qualcosa. Chiedere e dare/rifiutare un permesso. Expressing preferences and opinions about people, music and technology. Talking about bullying at school. TOPICS ( Units 8, 10, 13 ) Social Interaction. Music and Technology. School Life UDA 2 (CONSOLIDATION: Units i9 i12) STRUCTURES Modal verbs. Used to. Have/get + object + past participle. Enough/too. Double genitive. Reported speech. The English equivalent of the Italian congiuntivo. How to translate the verb sembrare FUNCTIONS - Esprimere possibilità e (in)certezza. Trarre conclusioni. Parlare di abitudini nel passato. Farsi fare qualcosa. Descrivere persone, luoghi, oggetti. Parlare di possesso. Riferire ciò che le persone hanno detto. Parlare di situazioni ipotetiche. Esprimere somiglianza e descrivere sensazioni fisiche. Talking about friendship and free time activities. Expressing preferences about shopping and money. TOPICS ( Units ) Relations with other people. Entertainment and Media. Shopping. Dalle fotocopie (per l alternanza scuola-lavoro): I vari tipi di comunicazione. La struttura sociale. Le strutture per i bambini e per gli anziani. La solidarietà sociale. UDA 3 (APPROACH TO LITERATURE) -Early Britain: a history of invasions. -Literature in the late Middle Ages: Geoffrey Chaucer and The Canterbury Tales Conversano, Gli alunni L insegnante

11 LICEO STATALE SAN BENEDETTO CONVERSANO LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO - SOCIALE Classe III C SU ES Docente: prof.ssa Tamborrino Antonella Anno Scolastico ANTROPOLOGIA CULTURALE PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE L uomo tra natura e cultura L oggetto dell antropologia: che cosa è l uomo? Natura, cultura e civiltà Antropologia fisica e antropologia culturale Antropologia culturale e sapere umanistico L uomo come animale simbolico La specificità umana. La funzione simbolica L universo simbolico Il linguaggio. Il mito. La religione. L arte Autori e teorie antropologiche Antropologia, etnografia, etnologia Le origini: l evoluzionismo. Edward B. Tylor. Lewis H. Morgan. Bronislaw Malinowski e il funzionalismo B. Malinowski: la vita. L osservazione partecipante e la monografia etnografica. L anello del kula. Teoria scientifica della cultura. Il funzionalismo. SOCIOLOGIA Studiare la società Individuo e società Che cos è la società. La conoscenza della società. Il contesto storico culturale in cui nasce la sociologia. La rivoluzione industriale. Le rivoluzioni politiche Origine della sociologia La filosofia politica. L economia politica. La divisione del lavoro. La sociologia.

12 Struttura sociale o azione sociale? Il paradigma della struttura. Il paradigma dell azione. Alcuni grandi temi sociologici I precursori Auguste Comte. Ferdinand Tonnies. Alexis de Tocqueville I fondatori della sociologia Karl Marx La vita. La concezione dell uomo: natura, lavoro, storia. Dalla filosofia alla scienza della storia. Il materialismo storico: struttura sociale e modo di produzione. L evoluzione storica dei modi di produzione. Struttura e sovrastruttura. Cos è l ideologia. Il sistema capitalistico. Il capitalismo e la forma merce. Classi e conflitto di classe. Coscienza di classe e rivoluzione. Gli sviluppi: le teorie del conflitto Emile Durkheim La vita. L oggetto della sociologia. Il fatto sociale. Studiare i fatti sociali come cose. La soggettività in Durkheim. Il metodo. Il problema storico-sociologico dell ordine sociale. L anomia sociale. Le forme dell integrazione sociale. La divisione sociale del lavoro nella società a solidarietà meccanica. La divisione del lavoro nella società a solidarietà organica. Lo studio sul suicidio. Neocorporativismo di Durkheim. METODOLOGIA DELLA RICERCA La ricerca sociale. Il questionario. Avvio di un attività di ricerca con l utilizzo del questionario sulla diffusione di telefoni cellulari e dei social network. PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO La psicologia del lavoro La psicologia nel mondo del lavoro La psicologia del lavoro oggi. L organizzazione scientifica del lavoro. La teoria motivazionale delle human relations. Le funzioni psicologiche del lavoro. Motivazione al lavoro. Soddisfazione lavorativa e impegno organizzativo. Le relazioni sul posto di lavoro Lavorare in gruppo. Perché è importante lavorare in gruppo. Struttura e processi nel lavoro di gruppo. Conflitti e negoziazione. Libro di testo: S. Corradini - S. Sissa, Capire la realtà sociale. Antropologia, Sociologia, Metodologia della ricerca, Zanichelli, Bologna, 2012 Conversano, 30 maggio 2014 La docente Gli alunni

13 LICEO STATALE SAN BENEDETTO SAN BENEDETTO CONVERSANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Liceo delle Scienze Umane opz. Economico Sociale PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE III C PROF. Enrico Dello Spirito Santo Testo in adozione: M. Fossati, G. Luppi, E. Zanette, Passato Presente Dal Medioevo alla nascita dell Europa moderna, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, vol. 1 MODULO 1 IL MEDIOEVO Unità di apprendimento 1 Uno scenario politico in trasformazione Città monarchie e poteri universali. Sviluppi politici, movimenti religiosi e protesta sociale. L occidente si espande Le crociate La Reconquista - La società urbana MODULO 2 Fra Medioevo ed età moderna Unità di apprendimento 2 Un mondo in crisi. Fame e peste Le rivolte urbane. Verso un nuovo assetto dei regni di Francia e Inghilterra La storia intrecciata di Francia e Inghilterra. La guerra dei Cent anni. Giovanna d Arco e la riscossa francese. La guerra delle due rose. Le monarchie della penisola iberica. L espansione delle monarchie iberiche. MODULO 3 La nascita del mondo moderno Unità di apprendimento 3 La difficile ripresa economica La crescita delle rese agricole La stampa L impossibile riunificazione politica(didattica breve) Da un mondo di soli cristiani ai cristiani conquistatori del mondo. Oltre le colonne d Ercole. L esplorazione delle rotte atlantiche. La conquista dei nuovi mondi. Le isole delle spezie Dalle spezie agli schiavi

14 Il commercio triangolare. La nascita dello stato moderno. Lo stato moderno: unificazione territoriale e assolutismo. La riscoperta dei classici e l affermazione della dignità dell uomo. La Riforma protestante. La questione delle indulgenze e la predicazione di Lutero. Radicamento e diffusione della riforma. Il calvinismo. La battaglia di Lepanto e le sue conseguenze. La Controriforma cattolica Reazione contro Lutero e rinnovamento della Chiesa. Il Concilio di Trento. Le rivoluzioni inglesi Assolutismo e società inglese nel Seicento La prima rivoluzione inglese e il Commonwealth Dalla restaurazione alla glorious revolution La rivoluzione scientifica e il nuovo pensiero politico(lettura). Conversano, giugno 2014 Il docente Prof. Enrico Dello Spirito Santo Gli alunni

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società

Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Studio scientifico della società Cosa è la sociologia? Rispetto alle altre scienze sociali Soluzione gerarchica Soluzione residuale Soluzione formale Soluzione gerarchica A. Comte

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R.

LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE. Prerequisiti e sviluppi universitari G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. LA MATEMATICA PER LE ALTRE DISCIPLINE Prerequisiti e sviluppi universitari a cura di G. ACCASCINA, G. ANICHINI, G. ANZELLOTTI, F. ROSSO, V. VILLANI, R. ZAN Unione Matematica Italiana 2006 Ho continuato

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 B Corso: SERVIZI COMMERCIALI (TRIENNIO) Classe: 3 B ITALIANO LETTERATURA 9788822168191 SAMBUGAR MARTA / SALA' GABRIELLA LETTERATURA + / VOLUME 1 + GUIDA ESAME 1 + ANTOLOGIA DIVINA COMMEDIA + ESPANSIONE WEB 1 LA NUOVA ITALIA EDITRICE 32,80 No

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0)

Numeri Complessi R 2. P = (x P,y P ) x P. z = (x,y) y P (0,0) Numeri Complessi Un numero complesso z può essere definito come una coppia ordinata (x,y) di numeri reali x e y. L insieme dei numeri complessi è denotato con C e può essere identificato con il piano cartesiano

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Le Geometrie non euclidee

Le Geometrie non euclidee Le Geometrie non euclidee Un introduzione elementare Riccardo Dossena Liceo Scientifico G. Novello Codogno (LO) 12 marzo 2015 Euclide di Alessandria Euclide (circa 300 a.c.) Euclide di Alessandria 1 Epoca:

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola

Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata. Bruna Cavallaro, Treccani scuola Fuoco, direttrice ed equazione di una parabola traslata Bruna Cavallaro, Treccani scuola 1 Traslare parabole con fuoco e direttrice Su un piano Oxy disegno una parabola, con fuoco e direttrice. poi traslo

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli