Conversano, 04 / 06 / 2014 Gli allievi La docente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conversano, 04 / 06 / 2014 Gli allievi La docente"

Transcript

1 LICEO STATALE SAN BENEDETTO Conversano Programma svolto - Storia dell Arte A.S. 2013/2014 Insegnante : prof. Di Maggio Antonia Cl. III sez. A B- C Liceo Scienze Umane opz. Economico Sociale Libro di testo: Itinerario nell Arte 1 vol. Giorgio Cricco Francesco Paolo Di Teodoro Zanichelli. Introduzione allo studio della Storia dell Arte Lettura dell opera d arte. La composizione. I simboli. Le civiltà di un mare fecondo l Egeo:Creta e Micene. Itinerario nelle storia Dal mito alla storia.(da pag.39-40) I Cretesi e le città palazzo.(da pag.41- a 46) I Micenèi e le città fortezze.(da pag.47 a 51) L inizio della civiltà occidentale: la Grecia (pag 53) I periodi dell arte greca (pag.54) Il periodo di formazione (XII-VIII sec.a.c.) ( da pag.55 a 59) L età arcaica (VII-VI sec.a.c.)(pag.60) Il tempio e le sue tipologie. (da pag.61 a pag.64) Gli ordini architettonici. (da pag.64 a pag.76) Kouri e Korai. La scultura dorica, attica e ionica.(da pag.77 a pag.83) La pittura vascolare.(pag.84) La statuaria prima del Doriforo (da pag.97 a pag.100) Efebo, Poseidon di capo Artemisio, il Discobolo. Bronzi di Riace. Policleto di Argo(pag.102) il Doriforo, Amazzone ferita. Fidia(da pag.105 a pag.109) il Partenone, Amazzone ferita. Dall ideale al quotidiano (da pag.117 a pag.124) Prassìtele (Afrodite Cnidia, Apollo sauroctonos), Skòpas ( Menade danzante). Lisippo (Apoxyomenos). L arte in Italia: gli Etruschi. (pag.135) Arte e religione etrusche. (pag ) L architettura civile(le mura, le porte, l arco), l architettura religiosa, l architettura funeraria, la pittura funeraria, la scultura funeraria. L arte dell utile Roma I Romani e l arte (pag. 158) Tecniche costruttive dei romani. (da pag.160 a pag.165) Archi, volte e cupole i paramenti murari. Il Pantheon. (pag ) Il Colosseo. (pag ) La Basilica di Massenzio. (pag ) L architettura paleocristiana.(pag ) Basilica di San Pietro in Vaticano (pag.222)basilica di Santa Maria Maggiore. Caratteri generali dell architettura romanica. (pag ) Conversano, 04 / 06 / 2014 Gli allievi La docente

2 PROGRAMMA DI MATEMATICA svolto nella classe III C Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale Anno scolastico 2013/ Riepilogo delle equazioni e dei sistemi di primo grado, dei prodotti notevoli. - Divisione di polinomi. Teorema del resto e teorema di Ruffini. - Scomposizione di polinomi. Massimo comune divisore e minimo comune multiplo fra polinomi. - Frazioni algebriche: semplificazione, addizione e sottrazione. - Equazioni di primo grado fratte. - Equazioni di secondo grado intere e fratte. - La circonferenza nel piano euclideo e nel piano cartesiano: circonferenza e cerchio; proprietà delle corde; angoli al centro e alla circonferenza. Poligoni inscritti e circoscritti; lunghezza della circonferenza e area del cerchio. - La circonferenza nel piano cartesiano: equazione caratteristica; coordinate del centro, lunghezza del raggio, equazione della tangente ad una circonferenza. - La parabola : definizione di parabola come luogo geometrico, equazione di una parabola con asse parallelo all asse y, coordinate del fuoco, del vertice, equazione dell asse e della direttrice. Rappresentazione grafica. - Funzioni goniometriche fondamentali. - Disequazioni di II grado intere e fratte, rappresentazione grafica delle soluzioni. - Sistemi di secondo grado con due incognite. Gli alunni La Docente Prof. Didonna Maria

3 PROGRAMMA DI FISICA svolto nella classe III C Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale Anno scolastico 2013/2014 Le grandezze fisiche fondamentali e derivate. Il Sistema Internazionale di misura. Unità di misura, multipli e sottomultipli. Le equivalenze. Ordini di grandezza. La notazione scientifica. Cifre significative. Strumenti per la misura: portata, sensibilità precisione. Rappresentare un corpo nello spazio. Sistemi di riferimento. Posizione e spostamento. Istante e intervallo di tempo. I diversi tipi di moto rettilineo: moto rettilineo uniforme e uniformemente accelerato. La caduta libera di un grave. La velocità, la legge oraria del moto rettilineo uniforme e sua interpretazione nel riferimento cartesiano spazio-tempo. L accelerazione, la relazione tra velocità e tempo nel moto uniformemente accelerato, la legge oraria del moto uniformemente accelerato e sua interpretazione nel riferimento cartesiano spazio-tempo. Grandezze scalari e vettoriali. Caratteristiche di un vettore: algebra dei vettori, prodotto scalare e vettoriale, scomposizione di vettori. Concetto di forza. La forza come grandezza vettoriale Misura della forza e del momento di una forza. Risultante di un sistema di forze. Esempi di forze intorno a noi: forza elastica, forza peso e forza di attrito. Il momento di una forza. Differenza tra l effetto dinamico di una forza e quello di un momento di una forza su un corpo rigido oppure libero. L equilibrio di un punto materiale e di un corpo rigido. Le macchine semplici: leva, carrucola e piano inclinato. Equilibrio stabile, instabile e indifferente. Macchine vantaggiose, indifferenti e svantaggiose nella vita quotidiana. Relazione tra forza e braccio in condizioni di equilibrio. I tre principi della dinamica. L energia; principio di conservazione dell energia; varie forme di energia; il lavoro. La gravitazione universale; il valore della costante g. Gli alunni La Docente DIDONNA MARIA

4 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE SAN BENEDETTO CONVERSANO PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE 3 SEZ. ES ANNO SCOLASTICO 2013/ La Chiesa popolo della nuova alleanza a) Il cristianesimo nella storia b) La comunità primitiva di Gerusalemme c) Il Vangelo si diffonde nell impero romano d) Una comunità organizzata ma non gerarchica e) Gli Atti degli Apostoli: i pionieri raccontano f) Paolo di Tarso, il missionario del Vangelo g) Una Chiesa attraversata da crisi e problemi 2.Chiesa, segno dell umanità salvata a) Comunità umana e religioni b) La Chiesa: da movimento a società, a popolo c)il Monachesimo,approfondimento dei principali ordini monastici: San Benedetto,Sant Antonio, San Francesco. 3.Le confessioni cristiane a)l origine delle principali confessioni cristiane: cattolici, protestanti, ortodossi. b)le principali differenze dottrinali tra le chiese cristiane c)l Ecumenismo come impegno di fedeltà al messaggio evangelico 4.I valori tra i giovani e le proposte di Gesù a) Il valore della tolleranza e della solidarietà b) La comunicazione efficace all interno di un gruppo c) Regolamento per una comunicazione di gruppo efficace Conversano, 7 giugno 2014 L insegnante Gli alunni

5 PROGRAMMA DI DIRITTO ED ECONOMIA 3 C SU ES ANNO SCOLASTICO 2013\2014 INSEGNANTE: PROFESSORE INDRAGO FRANCESCO TESTO ADOTTATO: I FONDAMENTI DI DIRITTO ED ECONOMIA 1 DI FEDERICO DEL GIUDICE, CASA EDITRICE: SIMONE PER LA SCUOLA L INDIVIDUO E LA FAMIGLIA LA PERSONA FISICA I SOGGETTI DEL DIRITTO LA CAPACITA GIURIDICA LA CAPACITA DI AGIRE I DIRITTI DELLA PERSONALITA LA FINE DELLA PERSONA FISICA E LA COMMORIENZA L INCERTEZZA DELL ESISTENZA DELLA PERSONA FISICA LA SEDE DELLA PERSONA FISICA L INCAPACITA E LA PROTEZIONE DELL INCAPACE L INCAPACITA LEGALE E L INCAPACITA NATURALE L INCAPACITA ASSOLUTA L INCAPACITA RELATIVA L INCAPACITA NATURALE I DIRITTI REALI I DIRITTI REALI IN GENERALE E LA PROPRIETA I CARATTERI DEI DIRITTI REALI CLASSIFICAZIONE E DISCIPLINA NOZIONE E CONTENUTO FUNZIONE INDIVIDUALE E FUNZIONE SOCIALE DELLA PROPRIETA LIMITI DEL DIRITTO DI PROPRIETA MODI DI ACQUISTO DELLA PROPRIETA TUTEA DELLA PROPRIETA I DIRITTI SULLA COSA ALTRUI I DIRITTI DI GODIMENTO IN GENERALE LA SUPERFICIE L ENFITEUSI L USUFRUTTO L USO E L ABITAZIONE

6 LE SERVITU PREDIALI I DIRITTI DI GARANZIA LE OBBLIGAZIONI IL RAPPORTO OBBLIGATORIO OBBLIGAZIONI ED ELEMENTI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO LE FONTI E LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO LE MODIFICAZIONI DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO LE MODIFICAZIONI SOGGETTIVE DEL RAPPORTO OBBLIGATORIO LE MODIFICAZIONI NEL LATO ATTIVO: LA CESSIONE DEL CREDITO E LA SURROGAZIONE LE MODIFICAZIONI NEL LATO PASSIVO: LA DELEGAZIONE,L ESPROMISSIONE E L ACCOLLO LA CESSIONE DEL CONTRATTO ESTINZIONE, INADEMPIMENTO E GARANZIA DELLE OBBLIGAZIONI I MODI DI ESTINZIONI DELLE OBBLIGAZIONI IN GENERALE I MODI DI ESTINZIONE DIVERSI DALL ADEMPIMENTO L INADEMPIMENTO E LA MORA I CONTRATTI IL CONTRATTO IN GENERALE FATTI, ATTI E NEGOZI GIURIDICI LA NOZIONE DI CONTRATTO GLI ELEMENTI DEL CONTRATTO IN GENERALE GLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL CONTRATTO LA RAPPRESENTANZA GLI ELEMENTI ACCIDENTALI L AUTONOMIA CONTRATTUALE LA CLASSIFICAZIONE DEI CONTRATTI FORMAZIONE E CONCLUSIONE DEL CONTRATTO IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE. LA FASE (EVENTUALE) DELLE TRATTATIVE LA CONCLUSIONE DEL CONTRATTO. LA FASE (NECESSARIA) DELLA PROPOSTA E DELL ACCETTAZIONE I CONTRATTI PER ADESIONE IL CONTRATTO PRELIMINARE L INVALIDITA DEL CONTRATTO L INVADILITA DEL CONTRATTO IN GENERALE LA NULLITA L ANNULABILITA LA RESCINDIBILITA

7 LA RISOLUZIONE LA RISERVA MENTALE E LA SIMULAZIONE I SINGOLI CONTRATTI IL CONTRATTO DI COMPRAVENDITA EFFETTI DELLA COMPRAVENDITA PER LE PARTI IL CONTRATTO DI LOCAZIONE IL CONTRATTO DI MANDATO IL CONTRATTO DI MUTUO IL CONTRATTO DI COMODATO ( O PRESTITO D USO) LA PERMUTA IL TRASPORTO IL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE L IMPRESA NEL SISTEMA ECONOMICO LE IMPRESE LE IMPRESE NEL SISTEMA ECONOMICO TIPI DI IMPRESE: IMPRESE PRIMARIE, SECONDARIE E TERZIARIE IMPRESE PRIVATE E PUBBLICHE IMPRESE PICCOLE, MEDIE E GRANDI IMPRESE APERTE E CHIUSE IMPRESE ARTIGIANALI, DI MASSA O SNELLE LA PRODUZIONE E I FATTORI PRODUTTIVI IL CONCETTO DI PRODUZIONE I FATTORI DELLA PRODUZIONE I COSTI, I RICAVI E L EQUILIBRIO D IMPRESA I COSTI DI PRODUZIONE I RICAVI E LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI L OFFERTA DELLA SINGOLA IMPRESA GLI ALUNNI IL DOCENTE

8 PROGRAMMA DI FRANCESE CLASSE III C L S U e. s. A.S libro di testo : De Gennaro, Alex et les autres, vol.1, ed. Il Capitello (Unità 13, 14, 15, 16, 17, 18) Funzioni Linguistiche : Chiedere e dire che tempo fa, fare previsioni, promettere, descrivere la propria città, rimproverare, protestare, riconoscere i propri torti e scusarsi, respingere le responsabilità, calmare, parlare della salute, chiedere consigli, chiedere, concedere, rifiutare il permesso, esprimere cause e conseguenze Strutture lessicali e grammaticali: I futuro semplice, i pronomi indefiniti, verbi suivre e courir, i pronomi dimostrativi semplici e composti, i pronomi dimostrativi neutri, il futuro anteriore pronomi possessivi, gli avverbi in ment, le forme verbali impersonali, il condizionale presente, i pronomi interrogativi variabili e invariabili, il condizionale passato, il sistema ipotetico, il participio presente, il gerundio, la proposizione subordinate di causa, la proposizione subordinate di conseguenza, i verbi craindre e joindre LE ALUNNE L INSEGNANTE

9 PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE Anno scolastico 2013/2014 classe3cs -Esercizi di formazione e di sviluppo generale; -Esercizi di mobilizzazione articolare del cingolo scapolo-omerale e coxofemorale; -Esercizi di potenziamento muscolare; -Esercizi di coordinazione dinamica generale; -Esercizi di educazione respiratoria; -Esercizi con gli step; -Esercizi con le funicelle; -Esercizi sulla trave; -Esercizi alla spalliera; -Esercizi con i cerchi; -Atletica leggera: velocità, partenza dai blocchi; -Pallavolo:tecnica dei fondamentali, battuta, palleggio, ricezione, muro, schiacciata,partita,regole di gioco. - I paramorfismi. - Allenamento della forza. - Le regole della pallavolo Alunni L insegnante

10 Liceo Statale S. Benedetto Conversano PROGRAMMA DI LINGUA E CIVILTA' INGLESE Classe III Sez C Indirizzo: Liceo delle Scienze Umane opz. Economico sociale Docente: Di Caro Giulia A.S Libri di testo: - My Life, 2 J. Shelly Ed. Zanichelli - Pet Buster Student s Book L.K Dodgson, Ed. ELI - Literary Hyperlinks Concise S.Maglioni, G.Thomson, Ed. Black Cat UDA 1 (INTERMEDIATE: Raccordo con il secondo anno. Units i5 i8) STRUCTURES Revisione delle strutture studiate negli anni precedenti. Past perfect. Wish + past tense. Wish +could/would. Had better. Past and future of must (have to) and can (be able to). Hypothetical sentences (type 3). Passive. Have/make/let + object +base form. Get/allow + object + infinitive. Be allowed FUNCTIONS Esprimere desideri e rimpianti. Dare consigli. Esprimere abilità o obbligo nel passato/futuro. Parlare di azioni passate. Riferire fatti accaduti nel passato. Parlare di situazioni ipotetiche. Chiedere, convincere o obbligare altre persone a fare qualcosa. Chiedere e dare/rifiutare un permesso. Expressing preferences and opinions about people, music and technology. Talking about bullying at school. TOPICS ( Units 8, 10, 13 ) Social Interaction. Music and Technology. School Life UDA 2 (CONSOLIDATION: Units i9 i12) STRUCTURES Modal verbs. Used to. Have/get + object + past participle. Enough/too. Double genitive. Reported speech. The English equivalent of the Italian congiuntivo. How to translate the verb sembrare FUNCTIONS - Esprimere possibilità e (in)certezza. Trarre conclusioni. Parlare di abitudini nel passato. Farsi fare qualcosa. Descrivere persone, luoghi, oggetti. Parlare di possesso. Riferire ciò che le persone hanno detto. Parlare di situazioni ipotetiche. Esprimere somiglianza e descrivere sensazioni fisiche. Talking about friendship and free time activities. Expressing preferences about shopping and money. TOPICS ( Units ) Relations with other people. Entertainment and Media. Shopping. Dalle fotocopie (per l alternanza scuola-lavoro): I vari tipi di comunicazione. La struttura sociale. Le strutture per i bambini e per gli anziani. La solidarietà sociale. UDA 3 (APPROACH TO LITERATURE) -Early Britain: a history of invasions. -Literature in the late Middle Ages: Geoffrey Chaucer and The Canterbury Tales Conversano, Gli alunni L insegnante

11 LICEO STATALE SAN BENEDETTO CONVERSANO LICEO DELLE SCIENZE UMANE opzione ECONOMICO - SOCIALE Classe III C SU ES Docente: prof.ssa Tamborrino Antonella Anno Scolastico ANTROPOLOGIA CULTURALE PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE L uomo tra natura e cultura L oggetto dell antropologia: che cosa è l uomo? Natura, cultura e civiltà Antropologia fisica e antropologia culturale Antropologia culturale e sapere umanistico L uomo come animale simbolico La specificità umana. La funzione simbolica L universo simbolico Il linguaggio. Il mito. La religione. L arte Autori e teorie antropologiche Antropologia, etnografia, etnologia Le origini: l evoluzionismo. Edward B. Tylor. Lewis H. Morgan. Bronislaw Malinowski e il funzionalismo B. Malinowski: la vita. L osservazione partecipante e la monografia etnografica. L anello del kula. Teoria scientifica della cultura. Il funzionalismo. SOCIOLOGIA Studiare la società Individuo e società Che cos è la società. La conoscenza della società. Il contesto storico culturale in cui nasce la sociologia. La rivoluzione industriale. Le rivoluzioni politiche Origine della sociologia La filosofia politica. L economia politica. La divisione del lavoro. La sociologia.

12 Struttura sociale o azione sociale? Il paradigma della struttura. Il paradigma dell azione. Alcuni grandi temi sociologici I precursori Auguste Comte. Ferdinand Tonnies. Alexis de Tocqueville I fondatori della sociologia Karl Marx La vita. La concezione dell uomo: natura, lavoro, storia. Dalla filosofia alla scienza della storia. Il materialismo storico: struttura sociale e modo di produzione. L evoluzione storica dei modi di produzione. Struttura e sovrastruttura. Cos è l ideologia. Il sistema capitalistico. Il capitalismo e la forma merce. Classi e conflitto di classe. Coscienza di classe e rivoluzione. Gli sviluppi: le teorie del conflitto Emile Durkheim La vita. L oggetto della sociologia. Il fatto sociale. Studiare i fatti sociali come cose. La soggettività in Durkheim. Il metodo. Il problema storico-sociologico dell ordine sociale. L anomia sociale. Le forme dell integrazione sociale. La divisione sociale del lavoro nella società a solidarietà meccanica. La divisione del lavoro nella società a solidarietà organica. Lo studio sul suicidio. Neocorporativismo di Durkheim. METODOLOGIA DELLA RICERCA La ricerca sociale. Il questionario. Avvio di un attività di ricerca con l utilizzo del questionario sulla diffusione di telefoni cellulari e dei social network. PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO La psicologia del lavoro La psicologia nel mondo del lavoro La psicologia del lavoro oggi. L organizzazione scientifica del lavoro. La teoria motivazionale delle human relations. Le funzioni psicologiche del lavoro. Motivazione al lavoro. Soddisfazione lavorativa e impegno organizzativo. Le relazioni sul posto di lavoro Lavorare in gruppo. Perché è importante lavorare in gruppo. Struttura e processi nel lavoro di gruppo. Conflitti e negoziazione. Libro di testo: S. Corradini - S. Sissa, Capire la realtà sociale. Antropologia, Sociologia, Metodologia della ricerca, Zanichelli, Bologna, 2012 Conversano, 30 maggio 2014 La docente Gli alunni

13 LICEO STATALE SAN BENEDETTO SAN BENEDETTO CONVERSANO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Liceo delle Scienze Umane opz. Economico Sociale PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE III C PROF. Enrico Dello Spirito Santo Testo in adozione: M. Fossati, G. Luppi, E. Zanette, Passato Presente Dal Medioevo alla nascita dell Europa moderna, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, vol. 1 MODULO 1 IL MEDIOEVO Unità di apprendimento 1 Uno scenario politico in trasformazione Città monarchie e poteri universali. Sviluppi politici, movimenti religiosi e protesta sociale. L occidente si espande Le crociate La Reconquista - La società urbana MODULO 2 Fra Medioevo ed età moderna Unità di apprendimento 2 Un mondo in crisi. Fame e peste Le rivolte urbane. Verso un nuovo assetto dei regni di Francia e Inghilterra La storia intrecciata di Francia e Inghilterra. La guerra dei Cent anni. Giovanna d Arco e la riscossa francese. La guerra delle due rose. Le monarchie della penisola iberica. L espansione delle monarchie iberiche. MODULO 3 La nascita del mondo moderno Unità di apprendimento 3 La difficile ripresa economica La crescita delle rese agricole La stampa L impossibile riunificazione politica(didattica breve) Da un mondo di soli cristiani ai cristiani conquistatori del mondo. Oltre le colonne d Ercole. L esplorazione delle rotte atlantiche. La conquista dei nuovi mondi. Le isole delle spezie Dalle spezie agli schiavi

14 Il commercio triangolare. La nascita dello stato moderno. Lo stato moderno: unificazione territoriale e assolutismo. La riscoperta dei classici e l affermazione della dignità dell uomo. La Riforma protestante. La questione delle indulgenze e la predicazione di Lutero. Radicamento e diffusione della riforma. Il calvinismo. La battaglia di Lepanto e le sue conseguenze. La Controriforma cattolica Reazione contro Lutero e rinnovamento della Chiesa. Il Concilio di Trento. Le rivoluzioni inglesi Assolutismo e società inglese nel Seicento La prima rivoluzione inglese e il Commonwealth Dalla restaurazione alla glorious revolution La rivoluzione scientifica e il nuovo pensiero politico(lettura). Conversano, giugno 2014 Il docente Prof. Enrico Dello Spirito Santo Gli alunni

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014 Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali. L insieme dei numeri naturali N. Le quattro

Dettagli

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Fisica. Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B. DOCENTE Elda Chirico

Liceo Scientifico Statale. Leonardo da Vinci. Fisica. Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B. DOCENTE Elda Chirico Liceo Scientifico Statale Leonardo da Vinci Fisica Programma svolto durante l anno scolastico 2012/13 CLASSE I B DOCENTE Elda Chirico Le Grandezze. Introduzione alla fisica. Metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA

LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA Anno Scolastico 2014/15 LICEO ARTISTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA : MATEMATICA PRIMO BIENNIO L asse matematico ha l obiettivo di far acquisire allo studente saperi e competenze

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico statale Innocenzo XII Anzio (Roma) PROGRAMMA SVOLTO (a.s. 2013/14) Classe PRIMA sez

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo musicale PRIMO BIENNIO 1. Profilo generale L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione dei concetti e dei metodi elementari della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO

PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO CLASSE IC Classico ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PIANO DI LAVORO DI MATEMATICA Docente: MARIATERESA COSENTINO Gli allievi, in generale, si dedicano allo studio della matematica e della fisica con diligenza

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI.

MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI. MACROARGOMENTI--MATEMATICA Relativi alle classi prime e seconde degli indirizzi di :ordinamento, bilinguismo, indirizzo biologico e PNI. Classi prime Gli insiemi con relative operazioni Operazioni ed espressioni

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE. Prof. Arturi Giancarlo

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE. Prof. Arturi Giancarlo LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE CLASSE 1 A anno scol. 2012/2013 conoscenza della classe presentazione del programma elementi della grammatica

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di DISEGNO E STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 2 I (anno scolastico 2010/2011) MODULO N 1 Le rappresentazioni grafiche U.D.

Dettagli

I.T.G. <> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE

I.T.G. <<G.C.Gloriosi>> Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO RELAZIONE I.T.G. Battipaglia (SA) PROGRAMMAZIONE DI MATEMATICA CORSO SERALE SIRIO Prof. Lucia D Aniello, CLASSI 3 A, 4 A, 5 A GEOMETRI- SIRIO RELAZIONE Premesse La programmazione è stata redatta

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S.2014-15 SCUOLA: Liceo Linguistico Teatro alla Scala DOCENTE: BASSO RICCI MARIA MATERIA: MATEMATICA- INFORMATICA Classe 2 Sezione A CONTENUTI Sistemi lineari numerici

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MINERARIO GIORGIO ASPRONI ENRICO FERMI IGLESIAS Classe: 3 a B Informatica Docente: Gianni Lai PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MATEMATICA e COMPLEMENTI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SVOLTA CLASSE 2F

PROGRAMMAZIONE SVOLTA CLASSE 2F LICEO SCIENTIFICO STATALE A. EINSTEIN A.S. 2014/2015 Materia: Inglese Prof. Sara De Angelis PROGRAMMAZIONE SVOLTA CLASSE 2F Nel corso dell a.s. 2014/2015 sono stati sviluppati i seguenti contenuti: 1.

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA

MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA MATEMATICA Competenza chiave europea: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA Competenza specifica: MATEMATICA Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA. Prof. Angelo Bozza

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA. Prof. Angelo Bozza LICEO SCIENTIFICO STATALE A. GRAMSCI - IVREA ANNO SCOLASTICO 2013-2014 CLASSE 1^F - S.A. PIANO DI LAVORO ANNUALE DI MATEMATICA Prof. Angelo Bozza FINALITA SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA E DIDATTICI Le finalità

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI di REGGIO CALAGRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE. Prof. Arturi Giancarlo

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI di REGGIO CALAGRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE. Prof. Arturi Giancarlo LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI di REGGIO CALAGRIA PROGRAMMA SVOLTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE CLASSE 1 E anno scol. 2013/2014 Prof. Arturi Giancarlo conoscenza della classe presentazione del programma

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016

Anno scolastico 2015/2016 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte

Competenza chiave europea: MATEMATICA. Scuola Primaria. DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Competenza chiave europea: MATEMATICA Scuola Primaria DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: MATEMATICA DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte TAB. A TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della Scuola Primaria

Dettagli

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica

60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo. matematica 60 indicazioni nazionali per la scuola dell infanzia e del primo ciclo matematica Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione culturale delle persone e delle comunità, sviluppando le capacità

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. Programmazione Individuale: Disciplina :FISICA Docente: Profssa GiardinaCLASSI: 3 CORSO: LICEO CLASSICO NOAS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo classico, da indicazioni ministeriali

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Operare in situazioni reali e/o disciplinari con tecniche e procedure di calcolo L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse e stima la grandezza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1.NUMERI CLASSE PRIMA Comprende il significato Comprendere il significato Insiemi numerici NQZ Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico rappresentandole

Dettagli

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012

IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 IPOTESI di CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 6 IC PADOVA COMPETENZE SPECIFICHE Numeri conoscere e padroneggiare i contenuti

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1 SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica Programma svolto di MATEMATICA Anno scolastico 2013/14 ELEMENTI DI RACCORDO CON LA SCUOLA MEDIA GLI INSIEMI CALCOLO LETTERALE GEOMETRIA - Ordinamento, proprietà,

Dettagli

VALLAURI L ASSE MATEMATICO

VALLAURI L ASSE MATEMATICO Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri Via B. Peruzzi, 13 41012 CARPI (MO) VALLAURI www.vallauricarpi.it Tel. 059 691573 Fax 059 642074 vallauri@vallauricarpi.it

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche Disciplina MATEMATICA Secondo biennio e anno conclusivo Liceo Economico sociale Classe terza Finalità Conoscenze Obiettivi minimi Finalità della matematica nel corso del secondo biennio è di proseguire

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA

PIANO DI LAVORO DI FISICA LICEO STATALE B. RAMBALDI L. VALERIANI ALESSANDRO DA IMOLA Sede Centrale: Via Guicciardini, n. 4 40026 Imola (BO) Liceo Classico - Scientifico - Linguistico, delle Scienze Umane e con opzione Economico

Dettagli

Programma di MATEMATICA

Programma di MATEMATICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Via Silvestri, 301 00164 ROMA - Via Silvestri, 301 Tel. 06/121127660 Fax

Dettagli

ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI L A N U S E I PROGETTO SIRIO PROGRAMMI PER L IDONEITA ALLA CLASSE QUINTA SIRIO

ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI L A N U S E I PROGETTO SIRIO PROGRAMMI PER L IDONEITA ALLA CLASSE QUINTA SIRIO ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI L A N U S E I PROGETTO SIRIO PROGRAMMI PER L IDONEITA ALLA CLASSE QUINTA SIRIO APPROVATI DAL COMITATO TECNICO SCIENTIFICO DEL PROGETTO SIRIO A.S. 2013/2014 I.T.G. LANUSEI

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi 1 I numeri Naturali, Interi e Razionali Addizione,

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34

Indice del volume. Le tecniche pittoriche primitive 4. La rappresentazione della figura umana e la pittura a secco presso gli Egizi 34 ndice del volume 1 LE PRME CVLTÀ 1.1 La preistoria TEST ONLNE 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 2 Le tecniche pittoriche primitive 4 Le Grotte di Lascaux 6 1.1.3

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1DS Indirizzo di studio Liceo scientifico Docente Paola Carcano Disciplina Monte

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale A.S. 2012-2013 Docente ANNA MARIA NAPOLI * * * SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE

ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria 1 e 2 grado 24020 VILMINORE DI SCALVE (BG) 0346-51066 - 0346-50056 - ic.vallescalve@tiscali.it MATERIA: MATEMATICA

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA 1 CURRICOLO MATEMATICA Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 2 NUMERI Raggruppare, ordinare, contare, misurare oggetti, grandezze ed eventi direttamente esperibili. Utilizzare calendari settimanali

Dettagli

Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte. Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma. Via Ferrini, 61 00175 Roma

Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte. Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma. Via Ferrini, 61 00175 Roma Liceo Artistico Statale Giulio Carlo Argan -III Istituto Statale D Arte Piazza dei Decemviri, 12 00175 Roma Via Ferrini, 61 00175 Roma SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER SINGOLA DISCIPLINA Anno scolastico

Dettagli

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto

Indice del volume. 1 le prime civiltà. 1.1 La preistoria. 1.2 Mesopotamia e Egitto ndice del volume 1 le prime civiltà TEST ONLNE 1.1 La preistoria 1.1.1 Cacciatori e agricoltori 2 1.1.2 Pittura e scultura nel Paleolitico 3 Le Grotte di Lascaux 4 1.1.3 L arte del Neolitico 7 Le tecniche

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

- PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2014-2015 FISICA

- PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2014-2015 FISICA - PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO - anno scolastico 2014-2015 Corsi Liceo Scientifico Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate FISICA Indicazioni nazionali LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Programma svolto a.s. 2014-2015 Classi I F Fisica Prof.ssa Ancona Rosa Laura

Liceo Scientifico G. Galilei Programma svolto a.s. 2014-2015 Classi I F Fisica Prof.ssa Ancona Rosa Laura STRUMENTI MATEMATICI UTILI PER LA FISICA Proporzioni. Percentuali. Formule e formule inverse. Liceo Scientifico G. Galilei Programma svolto a.s. 2014-2015 Classi I F Fisica Prof.ssa Ancona Rosa Laura LA

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE

PIANO DI LAVORO PERSONALE ISTITUTO STATALE di ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometri Liceo Linguistico/Linguistico

Dettagli

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico

Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico ALLEGATO1 Gli insegnamenti curriculari nei quattro assi: dei linguaggi, matematico, scientificotecnologico e storico-sociale. L asse dei linguaggi ha l obiettivo di far acquisire allo studente la padronanza

Dettagli

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F

Disciplina: Fisica Classe I Sezione F Pagina 1 di 6 Disciplina: Fisica Classe I Sezione F A.S. 2015/2016 Docente Lombardi Sara INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI E DEFINIZIONE DELLE LINEE COMPORTAMENTALI Nello studio della disciplina terrò presenti

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli

PREREQUISITI. Cenni di logica elementare:

PREREQUISITI. Cenni di logica elementare: PREREQUISITI La Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria Italiane (documento di giugno 2006) ritiene che per intraprendere con profitto gli studi in Ingegneria gli studenti debbano possedere:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO

CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 PROGRAMMA SVOLTO DOCENTE: Laura Marchetto CLASSE terza SEZIONE H A.S. 14/ 15 RIPASSO ARGOMENTI PROPEDEUTICI L insieme dei numeri razionali. Equazioni di primo e di secondo grado Sistemi di disequazioni di primo grado Equazione

Dettagli

LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI

LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI LICEO STATALE SANDRO PERTINI - LADISPOLI CLASSE 2^ Sez. F. ORIENTAMENTO: LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATERIA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. RENATO BARIOLI Condizioni iniziali

Dettagli

1. 2. 3. 4. 1. E F G 1. 2. 3. 2. 1. H I 2. 3. 1. 2.

1. 2. 3. 4. 1. E F G 1. 2. 3. 2. 1. H I 2. 3. 1. 2. ISTITUTO COMPRENSIVO DI AGORDO Scuola Primaria PIANO ANNUALE DI MATEMATICA CLASSE 5^ UNITA DI APPRENDIMENTO (U.A.) OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO ( O.S.A. ) 1 2 3 4 I NUMERI A

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE

PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO DAL DOCENTE Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA

A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA D ISTITUTO COMPETENZA CHIAVE EUROPEA DISCIPLINA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado San Giovanni Teatino (CH) CURRICOLO A.S. 2012-1013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI DI Sviluppa

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA. CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA. CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016 DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO METODOLOGICA ANNUALE DI MATEMATICA CLASSI PRIME Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO

LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO LICEO SCIENTIFICO STATALE ENRICO FERMI NUORO PROGRAMMA SVOLTO di STORIA DELL ARTE Prof. ssa Antonella Coda CLASSE 3 M (anno scolastico 2011/2012) MODULO N 1 Storia dell Arte U.D. 1 - Arte preistorica L

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale anno scolastico 2015/16 classi quinte Le cose che noi scegliamo di insegnare e il modo in cui noi scegliamo di valutare riflettono l idea che

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA OBIETTIVI E COMPETENZE CLASSE OBIETTIVI COMPETENZE PRIMA Conoscere ed operare con i numeri Contare oggetti o eventi, con la voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo. Leggere

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

COMPETENZE SPECIFICHE

COMPETENZE SPECIFICHE COMPETENZE IN MATEMATICA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012. MATEMATICA TRAGUARDI ALLA FINE DELLA

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE

CURRICOLO MATEMATICA ABILITA COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA 1) Operare con i numeri nel calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali. Per riconoscere e risolvere problemi di vario genere, individuando

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013

PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 PROGETTAZIONE ANNUALE - CLASSE V. Anno scolastico 2012-2013 ITALIANO. - prende la parola negli scambi comunicativi rispettando i turni di parola; - pone domande pertinenti e chiedi chiarimenti, - esprime

Dettagli

Scuola primaria statale

Scuola primaria statale ISTITUTO COMPRENSIVO ARDEA III ARDEA (RM) Scuola primaria statale Anno scolastico 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE La Programmazione didattica annuale è stata elaborata conformemente ai nuovi

Dettagli

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA 1 di 8 Anno scolastico: PIANO DI PROGETTO/PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Materia: 2013/14 Fisica Data: Classe: 1A I Insegnante: Barbara Baiguini La presente programmazione fornisce linee guida generali. È suscettibile

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto d Istruzione Superiore Severi-Correnti IIS Severi-Correnti 02-318112/1 via Alcuino 4-20149 Milano 02-33100578 codice fiscale 97504620150

Dettagli

Utilizzare e leggere il linguaggio specifico della geometria

Utilizzare e leggere il linguaggio specifico della geometria Da Competenze chiave per l apprendimento permanente Un quadro di riferimento europeo (2005) AREA MATEMATICA - 1 Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia: la competenza matematica

Dettagli

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA)

COSTRUZIONI E DISEGNO RELATIVO E NOZIONI DI GEOMETRIA DESCRITTIVA (SEZIONE DI AGRIMENSURA) Istruzioni e programmi d insegnamento per gli istituti tecnici approvati con regio decreto 2 ottobre 1891 n. 622 (Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti del Regno d Italia, Roma, Stamperia Reale,

Dettagli

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia L'educazione matematica ha il compito di avviare l'alunno verso una maggiore consapevolezza e padronanza del pensiero

Dettagli

PROGRAMMA di MATEMATICA

PROGRAMMA di MATEMATICA Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo PROGRAMMA di MATEMATICA Classe 3^ I a.s. 2014/15 - Docente: Marcella Cotroneo Libro di testo : Leonardo Sasso "Nuova Matematica a colori 3" - Petrini Ore settimanali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA Codice Mod. RQ 10.3

PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA Codice Mod. RQ 10.3 I.T.C.S. ERASMO DA ROTTERDAM Liceo Artistico indirizzo Grafica - Liceo delle Scienze Umane opz. Economico sociale ITI Informatica e telecomunicazioni - ITI Costruzioni, ambiente e territorio Via Varalli,

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015

PIANO DI LAVORO DI FISICA anno scolastico 2014/2015 Tel. 0124/45.45.11 - Fax 0124/45.45.45 Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it URL: www.istitutomoro.it ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale

Dettagli

Matematica classe 1^

Matematica classe 1^ NUCLEO TEMATICO 1 Numeri 1 L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali. 7 legge e comprende testi che coinvolgono aspetti logici e matematici. NUCLEO TEMATICO 2

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE D ISTITUTO a.s. 2012/2013 CURRICOLO DI MATEMATICA classi prime, seconde e terze Riferimenti alle INDICAZIONI NAZIONALI: PECUP - Obiettivi formativi OSA -Obiettivi specifici di apprendimento

Dettagli

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE

MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE MATEMATICA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso dei licei classico, linguistico, musicale coreutico e della scienze umane lo studente conoscerà i concetti e i metodi elementari della matematica,

Dettagli

Materia:FISICA Insegnante: ing. prof. Amato Antonio

Materia:FISICA Insegnante: ing. prof. Amato Antonio ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE DI STATO ROBERTO ROSSELLINI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a.s. 2012/2013 BIENNIO Materia:FISICA Insegnante: ing. prof. Amato Antonio L azione didattica ed educativa nel primo biennio

Dettagli

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA

MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA MATEMATICA SCUOLE DELL INFANZIA CAMPO DI ESPERIENZA: LA CONOSCENZA DEL MONDO (ordine, misura, spazio, tempo, natura) È l'ambito relativo all'esplorazione, scoperta e prima sistematizzazione delle conoscenze

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale:

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO. da conseguire alla fine del II anno relativamente all asse culturale: PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO SCIENTIFICO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA LINGUA E LETTERE LATINE Competenze da conseguire alla fine del II anno relativamente all

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA

TRAGUARDI FORMATIVI NELLA PRE-DISCIPLINA MATEMATICA Fo.Svi.Co International s.a.s. Formazione Sviluppo Competenze (per la competitività in campo internazionale) SEDE LEGALE Corso Magenta, 83 20 123 Milano SEDE OPERATIVA 00100 ROMA, via Arduino, 46 SEDE

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia

Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia prof.ssa LAURA MARCHETTO Classe 3 sez. H MATEMATICA a.s 2014/15 B Obiettivi generali da raggiungere: Lo studente rispetti

Dettagli