Annuario 2004 Dipartimento di Economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Annuario 2004 Dipartimento di Economia"

Transcript

1 Annuario 2004 Dipartimento di Economia Università dell'insubria Via Ravasi 2, Varese Università dell'insubria 1

2 Indice Prefazione.3 Afferenti...5 Schede sintetiche dei progetti di Ricerca.7 Progetti di Ricerca in conto terzi 25 Pubblicazioni Scientifiche del 2004 inserite nel Catalogo Cineca.26 Quaderni di Ricerca Seminari Dottorato europeo in Economia della produzione e dello sviluppo...36 HDS2: nuovo Help Desk di Statistica 38 Convegni 2004 organizzati a Varese..39 2

3 Prefazione Il 2004 apre il secondo triennio di attività del Dipartimento di Economia dell Università dell Insubria, istituito il 1 gennaio 2001, e coincide con il primo anno del mio secondo mandato come direttore. Il 2004 è stato caratterizzato da un lato dalla creazione di molti nuovi dipartimenti all'interno dell'ateneo, e dall altro dall avvio di due nuovi centri presso il nostro Dipartimento, che manifestano una crescente capacità progettuale di ricerca in collaborazione con il territorio. L attivazione nel 2004 di molti nuovi dipartimenti nell'ateneo, che oggi ne conta ben 20, è coincisa con la suddivisione di tutti i dipartimenti storici dell'ateneo (a eccezione del Dipartimento di Economia) in due o più nuove entità. Il Dipartimento di Economia è stato interessato da questo fenomeno solo in maniera indiretta: tre afferenti del Dipartimento di Economia hanno infatti optato per il nuovo Dipartimento in Ambiente Salute e Sicurezza. Il 2004 ha visto sorgere due nuovi centri: il Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale (CREARES), diretto dalla Prof.ssa Locatelli, e il Centro di ricerca interdipartimentale su Economia Sanità Innovazione e Territorio (CRESIT), diretto dal Prof. Onetti. Continuano la loro attività il centro CRIEL (diretto dal Prof. Garofoli), il nuovo Help desk di Statistica HDS2 (diretto dalla Prof.ssa Mira), il Laboratorio di economia sperimentale (diretto dal Prof. Bernasconi), il dottorato di ricerca (diretto dal Prof. Garofoli). A tutti vanno i migliori auguri di buon lavoro. Nel 2004 il personale in servizio presso il dipartimento è variato rispetto agli anni precedenti. La Sig.a Roberta Viola in servizio presso la nostra struttura ha richiesto di essere trasferita presso il Dipartimento di Informatica e Comunicazione, presso cui è stata distaccata. Colgo questa occasione per ringraziarla per il puntale impegno con cui ella ha svolto le proprie mansioni, e per augurarle buon lavoro presso la nuova struttura. Il trasferimento della Sig.a Viola è coinciso con l'arrivo presso la nostra struttura della Sig.a Antonella Bressan. A lei va il benvenuto di tutto il dipartimento. Il Dott. Gabriele Panella, nostro segretario amministrativo, ha proseguito la sua attività, sia pure limitatamente a un terzo del suo tempo per la contemporanea responsabilità di due altre strutture dipartimentali. E' giunta inoltre da poco notizia del suo prossimo trasferimento presso altra amministrazione, che sarà operativo a partire dal 1 maggio p.v. Nel ringraziare il Dott. Gabriele Panella per l'egregio servizio svolto presso il nostro dipartimento in questi anni, gli auguriamo buona fortuna presso la nuova amministrazione. La Dott.a Silvia Trabucchi nel corso del 2004 è stata promossa dalla categoria C alla D per concorso interno. Da settembre 2004 è inoltre in congedo per maternità; per entrambi gli eventi a lei vanno le migliori felicitazioni di tutto il dipartimento. La Sig.a Celardo ha continuato la sua attività presso il dipartimento, attività che svolge con puntale impegno. Assieme a tutte le unità di personale in servizio, ha dovuto sopportare un maggiore carico 3

4 di lavoro, per la simultanea assenza di alcuni dei colleghi e una crescente dimensione delle attività del dipartimento. Questa situazione eccezionale mi ha spinto a limitare alcuni dei servizi in passato coordinati dal personale del dipartimento, come la gestione dei panini per i lunch seminars. La speranza è che, quando le presenze di personale lo permetteranno, queste decisioni possano essere revocate. A cavallo della fine 2004 e dell'inizio 2005 si sono trasferiti presso diversi atenei i Proff. Giovanni Cocco, Antonio Majocchi. A loro va il saluto e il ringraziamento di tutto il dipartimento per l'attività svolta. Varese, 17 marzo 2005 Prof. Paolo Paruolo, Direttore del Dipartimento 4

5 Afferenti Area Aziendale Professori Ordinari: Gianluca Colombo, Enrico Cotta Ramusino, Rossella Locatelli Professori Associati: Anna Maria Arcari, Cristiana Maria Schena Ricercatori: Giovanna Gavana, Antonio Majocchi, Alberto Onetti, Patrizia Gazzola, Francesco Sacco Assegnisti di ricerca: Davide Secchi, Andrea Uselli Area Economica Professori Ordinari: Michele Bernasconi, Gioacchino Garofoli, Paolo Paruolo, Alberto Sdralevich Professori Associati: Giancarlo Bertocco, Anna Marenzi Ricercatori: Fabio Montobbio, Laura Pagani, Luisa Piccinno, Lucia Cusmano, Raffaello Seri, Marcello Spanò Assegnisti di ricerca: Michele Scarpinato, Simona Montagnana, Christine Choirat, Matteo Galizzi, Giorgia Maffini Dottorandi: Matteo Boemi, Alberto Botta, Andrea Giacomelli, Francesco La Forgia, Vera Malvicini, Stefania Prizzon, Eleonora De Cata, Massimiliano Calì, Alessia Pisoni Area Giuridica Professori Ordinari: Giovanni Cocco 1, Sergio Patriarca Professori Associati: Maurizio D'Ettore 2, Vincenzo Salvatore 2, Maria Pierro Ricercatori: Giorgio Grasso, Diverio Davide 3 Assegnisti di ricerca: Ilaria Capelli, Raffaele Manfrellotti, Antonino Grasso, Paolo Borghini Area Matematico-Statistica Professori Ordinari: Angelo Guerraggio Professori Associati: Antonietta Mira, Matteo Rocca Ricercatori: Enrico Miglierina, Giovanni Fonseca, Giovanna L. M. Redaelli Assegnisti di ricerca: Paolo Tenconi Altre aree Ricercatori: Maria Teresa Fabbro (Linguistica) 1: fino al 30 ottobre : fino al 31 maggio : dal al

6 Personale tecnico/amministrativo Dott. Gabriele Panella Dott.a Silvia Trabucchi Sig.a Antonella Bressan Sig.a Michelina Celardo segretario amministrativo contabilità e fornitori segreteria, contabilità e fornitori assistenza uffici docenti e stampa Strutture afferenti al Dipartimento Centri di Ricerca Centro per l Internazionalizzazione delle Economie Locali (CRIEL) Centro di Ricerca in Etica negli affari e Responsabilità Sociale (CREA RES) Centro di Ricerca Interdipartimentale su Economia Sanità, Innovazione e Territorio (CRESIT) Centri di Eccellenza Internazionalizzazione ed innovazione d impresa: evidenze dal sistema italiano e locale e d evoluzione Laboratori Help desk di Statistica HDS2 Laboratorio di Studi sperimentali per le istituzioni economiche e sociali Giunta di Dipartimento 2004 Direttore di Dipartimento, Prof. Giovanni Cocco 1, Prof. Sergio Patriarca 2, Prof.a Anna Marenzi, Prof.a Anna Maria Arcari, Dott. Enrico Miglierina, Dott.a Silvia Trabucchi, Segretario amministrativo, Sig. a Michelina Celardo. Direttore Prof. Paolo Paruolo Vice Direttore Prof. Giovanni Cocco 1 1: fino al 31 ottobre : dal 13 dicembre

7 Schede sintetiche dei progetti di Ricerca Titolo: La questione della specificità delle banche rispetto alle altre istituzioni finanziarie Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Giancarlo Bertocco Breve descrizione del Progetto: Negli anni sessanta Tobin criticò quella che definì old view che attribuiva alle banche un ruolo specifico rispetto alle altre istituzioni finanziarie, giustificato dal fatto che le loro passività venivano usate come mezzo di pagamento, ed elaborò una new view che affermava che non esistono ragioni per attribuire alle banche un ruolo speciale. Negli ultimi anni si sono sviluppati due approcci che, in modo differente, sostengono la tesi della specificità delle banche: l approccio del circuito monetario e l approccio dei New Keynesians basato sulla presenza di asimmetrie informative. L obiettivo della ricerca consiste nel valutare se, alla luce di questi sviluppi teorici, la new view di Tobin sia ancora significativa. 7

8 Titolo: Costituzione europea e ruolo della Commissione Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Giovanni Cocco Membri del Gruppo di Ricerca: Giorgio Grasso, Raffaele Manfrellotti Breve descrizione del Progetto: 1. Il progetto di Trattato che istituisce una Costituzione per l Europa, adottato nel luglio 2003 dalla Convenzione europea, convocata dal Consiglio europeo di Laeken, ha portato avanti il processo di connotazione politica della Commissione europea. Nel testo del progetto, infatti, la Commissione si configura come un organismo strettamente legato al Parlamento europeo, sulla base di una responsabilità di tipo collegiale, confermandosi l esistenza di un voto di investitura iniziale da parte del Parlamento e la possibilità da parte di quest ultimo di approvare una mozione di censura, con la maggioranza di due terzi dei voti espressi e a maggioranza dei membri che compongono l Assemblea, che implica, se approvata, l obbligo di dimissioni di tutti i commissari. In più il progetto sembra valorizzare, secondo quanto si dirà meglio tra breve, il momento della dipendenza dell organo dalle maggioranze partitiche presenti nell Assemblea parlamentare, con un accentuazione della caratterizzazione in senso parlamentare del rapporto che si instaura tra i due organi, sempre che si possano utilizzare per la definizione della forma di governo dell Unione europea le tassonomie tipiche delle forme di governo che l indagine costituzionalistica ha elaborato per gli Stati di democrazia classica. Questo mutamento di prospettiva impone, per un primo aspetto, di riconsiderare molte delle funzioni, anche di tipo neutrale, che erano state attribuite alla Commissione, in ragione della sua natura prevalentemente amministrativa (quali le competenze in materia di concorrenza), e che rischiano di stridere rispetto ad un organo che esprime ora un più marcato elemento di derivazione dalle forze politiche. Sotto un secondo profilo, e con un paradosso solo apparente, esso evidenzia un significativo consolidamento proprio di numerosi poteri amministrativi che la Commissione comunque mantiene e che rispondono ad una lunga evoluzione nel tempo della medesima. 2. Capovolgendo l ordine dei problemi, risulta generalmente acquisita, nelle ricostruzioni della dottrina, la tipologia delle funzioni amministrative attribuite originariamente alla Commissione, che consistevano in strumenti di regolazione mite quali le comunicazioni (felicemente assimilate alle circolari del diritto amministrativo interno, in ragione della loro efficacia vincolante de facto nei 8

9 riguardi delle diverse amministrazioni nazionali), e che solo più di recente si è avvicinata ad un modello di amministrazione attiva sempre più simile alle esperienze amministrative dei diversi Stati membri. Ciò è particolarmente evidente in riferimento alla regolazione nei settori delle biotecnologie e delle telecomunicazioni, che sembrano offrire un campo di studio molto fecondo nella prospettiva in esame. Il settore delle telecomunicazioni spicca, in proposito, per la forte tendenza all instaurazione di un amministrazione europea in grado di imporsi agli Stati membri, ai sensi di quanto previsto dall art. 7, co. III e IV della direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 marzo Tale disposizione obbliga, infatti, le autorità nazionali a comunicare alla Commissione i progetti di misure regolative in materia di comunicazioni. Nel dettaglio la norma prevede che le diverse autorità sospendano l emanazione di siffatte misure per un periodo fino a due mesi, nel corso dei quali la Commissione può emanare una decisione con cui obbliga l autorità nazionale a ritirare la misura, ove la ritenga contrastante con gli obiettivi comunitari. In altri termini, la Commissione dispone di un vero e proprio potere di veto in ordine ai provvedimenti di regolazione delle autorità nazionali. Come è evidente, la norma ex art. 7 fuoriesce completamente dal modello dei rapporti tra Commissione ed amministrazioni nazionali fondato sulla persuasione e sul c.d.diritto mite. Essa istituzionalizza, in buona sostanza, quasi una sorta di rapporto gerarchico tra i soggetti citati, che la prassi aveva visto affermarsi soltanto in via informale. La Commissione, infatti, ha il potere, nel sistema dell art. 7, di far valere coattivamente la propria volontà alle amministrazioni stesse. Sicché, la tendenza che sembra possibile percepire, abbastanza chiaramente, è quella di un unica struttura amministrativa, al cui vertice c è la Commissione, che può affermarsi sulle autorità di regolazione nazionali non più sul mero piano dell opportunità politica, ma attraverso atti giuridicamente vincolanti. Sul punto il progetto di Costituzione per l Europa tace, ma questo comporta misurare i confini della nuova dimensione dell attività amministrativa della Commissione, assunta di recente dal diritto comunitario derivato, rispetto alle funzioni tipicamente di indirizzo politico, prima accennate, che innervano ora il testo proposto dalla Convenzione. Appena ai margini di questa prospettiva di ricerca, poi, il progetto licenziato dalla Convenzione suggerisce anche di guardare sotto una luce diversa il rapporto tra la Commissione e gli strumenti attraverso i quali gli Stati membri, nel corso dell esperienza giuridica comunitaria, hanno tentato di frenare la vocazione sopranazionale dell organo in esame. Ci si riferisce al noto e contestato fenomeno della comitologia, oggetto di attenzione da parte della dottrina, che è pervenuta ad un ambito di conclusioni alquanto variegato. Tuttavia, un settore di indagine ancora poco esplorato è costituito dal rapporto tra i comitati e le agenzie europee, organismi simili per funzione ai primi ma 9

10 ad essi opposti per struttura, in ragione dell indipendenza dagli esecutivi degli Stati membri. 3. Considerando poi la questione della compatibilità del ruolo politico della Commissione con le funzioni neutrali ad essa assegnate, la ricerca cercherà di indirizzarsi nel senso di rinvenire le condizioni giuridiche per la realizzazione di un mercato concorrenziale, onde poter definire, in conseguenza dei risultati raggiunti, le caratteristiche dell organo posto a salvaguardia della concorrenza stessa. Tuttavia la tematica in oggetto offre suggestioni e spunti di riflessione ulteriori, che rendono particolarmente seducente, e utile ai fini dell analisi, il tentativo di elaborare una teoria giuspubblicistica della concorrenza, che al momento, a differenza che nella sfera del diritto privato, sembra ancora mancare. Sotto altro profilo, la tutela della concorrenza e la coerenza del mantenimento di tale funzione nella titolarità della nuova Commissione devono essere verificate anche nell ambito di specifici settori di intervento, che già adesso sono sottratti alla competenza della Commissione: emblematico, a tale riguardo, pare l esempio del governo del credito. 4. I due grandi filoni di ricerca sopra accennati vanno ad inquadrarsi, come si è già venuti a dire, nel più stretto raccordo tra la Commissione ed il Parlamento europeo, disegnato dal progetto di Costituzione e che rende la prima un organo dotato di una colorazione politica molto pronunciata. Sul punto sono opportune ulteriori osservazioni. Un decisivo momento di svolta, all interno dei rapporti tra Parlamento e Commissione, sembra costituito dallo sviluppo in senso presidenzialista dei poteri attribuiti al Presidente della Commissione, che deve assicurare la realizzazione dell indirizzo politico globale dell Unione. Anche in questo caso valgono tutte le cautele prima evidenziate sull acritica trasposizione nel diritto comunitario di una teoria delle forme di governo pensata per i singoli ordinamenti costituzionali, sul modello dell ordinamento giuridico statale. Come che sia, tale evoluzione è tipizzata dall art. I 26 del progetto di Costituzione, che inserisce, all interno dell assetto della Commissione, una forte componente legata agli interessi espressi dai partiti europei presenti in Parlamento: il Presidente della Commissione, eletto dal Parlamento a maggioranza dei membri che lo compongono, su proposta a maggioranza qualificata del Consiglio Europeo, tenuto conto delle elezioni del Parlamento europeo e previe consultazioni appropriate, definisce gli orientamenti (politici) nel cui quadro opera l organo, ne decide l organizzazione interna e persino, in qualche misura, la composizione, disponendo di un vero e proprio potere di revoca verso i singoli commissari, ciascuno dei quali è obbligato a rassegnare le dimissioni solo che il Presidente glielo chieda. In questo contesto, il Presidente si configura come il vero titolare del potere di armonizzare gli interessi sociali pervenuti, tramite le amministrazioni nazionali, fino alla Commissione; tale sintesi è, in altri termini, concretamente operata da un organo legittimato dal consenso dei partiti presenti in Parlamento. E grande, allora, l analogia tra il modello che ne risulta e quello dicasteriale, a 10

11 lungo largamente prevalente nei sistemi istituzionali europei. In entrambi i casi sembra registrarsi un continuum tra il momento politico e quello amministrativo, che trova nelle figure politiche di vertice il punto di coagulo dei due differenti interessi rappresentati, rispettivamente, dall amministrazione e dalle forze partitiche e politiche; ed è dalla sintesi tra questi che scaturisce un interesse unitario giuridicamente significativo, per quanto concerne l esercizio dell iniziativa normativa (di grado legislativo e/o secondario). Il progetto rafforza ulteriormente questa tendenza, nella parte in cui inserisce nella compagine della Commissione il Ministro degli affari esteri, nominato dal Consiglio europeo a maggioranza qualificata previo accordo con il Presidente della Commissione, che costituisce, di diritto, uno dei vicepresidenti dell organo, e che subisce anch esso il voto di investitura collegiale da parte parlamentare (mentre, per quello che riguarda l eventualità che il Parlamento europeo possa votare un analoga mozione di censura nei suoi confronti, il testo del progetto non appare così chiaro). Alla luce di questi ultimi rilievi, lo studio della posizione complessiva che la Convenzione ha attribuito alla Commissione non può prescindere da considerazioni di più ampio respiro aventi ad oggetto il sistema europeo dei partiti politici, il ruolo che essi esercitano all interno della forma di governo comunitaria e gli eventuali punti di incontro tra il sistema partitico europeo e quelli delle differenti realtà nazionali che compongono l Unione Europea. E questa sarà la terza fondamentale pista di approfondimento della ricerca che ora si presenta. 5. Rispetto a queste diverse problematiche, brevemente ricordate, deve segnalarsi che sul tema del progetto di ricerca verrà organizzato il 26 marzo 2004 un Convegno, presso la Facoltà di Economia dell Università dell Insubria, dal titolo Il ruolo della Commissione tra derivazione partitica e funzioni neutrali nel progetto di Costituzione europea, con il coordinamento scientifico del proponente e con la partecipazione di illustri relatori provenienti da diverse Università italiane. Questa occasione di incontro vuole rappresentare il primo confronto sulle tematiche del progetto, che saranno poi studiate nel corso del prossimo biennio dal gruppo di ricerca formato dal personale indicato nella domanda e coordinato dal proponente il progetto medesimo. 11

12 Titolo: L analisi dei rischi economico-finanziari connessi all internazionalizzazione delle piccole e medie imprese Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Enrico Cotta Ramusino Membri del Gruppo di Ricerca: Antonio Majocchi, Alberto Onetti, Davide Secchi Breve descrizione del Progetto: L obiettivo principale della ricerca consisterà nell elaborazione di un modello per analizzare e valutare i rischi economico-finanziari connessi all internazionalizzazione delle piccole e medie imprese (PMI), sia per quanto concerne l attività commerciale che produttiva. In particolare, la ricerca si focalizzerà sull analisi di tre delle modalità più diffuse di internazionalizzazione: (1) esportazioni, (2) Joint Ventures (JV) e (3) investimenti diretti all estero (IDE). Nel primo caso, assume rilevanza la valutazione dell impatto, in termini di rischiosità, che la variazione della percentuale di esportazioni detiene sull impresa internazionalizzata. Nel secondo caso, l obiettivo sarà quello di valutare quale significato economico-finanziario assumano le variabili che determinano il livello del rischio nelle imprese coinvolte nella JV. Infine, la terza variabile risulta significativa soprattutto in relazione a determinate aree di sviluppo (Est Europa, Sud-Est asiatico). 12

13 Titolo: Il diritto di stabilimento e la libera prestazione di servizi alla luce dell'allargamento dell'unione Europea e dell'entrata in vigore del Progetto di trattato che istituisce una costituzione per l'europa Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Diverio Davide Breve descrizione del Progetto: Ai fini della realizzazione del mercato interno, il Trattato istitutivo della Comunità europea prevede quattro libertà fondamentali: la libera circolazione delle merci e delle persone (lavoratori subordinati e lavoratori indipendenti), la libera prestazione dei servizi e la libera circolazione dei capitali. Il diritto di stabilimento e la libera prestazione di servizi concernono le attività economiche prestate dietro retribuzione, distinguendosi fra loro per l elemento della occasionalità o meno nell esecuzione della prestazione. Con l adozione delle direttive di armonizzazione e attraverso l opera interpretativa della giurisprudenza della Corte di giustizia su di esse e sul Trattato stesso, i citati principi rappresentano un parametro di riferimento costante della legittimità delle normative nazionali in materia di attività economiche. Queste ultime vengono, infatti, sottoposte a verifiche volte a reprimere non soltanto le disposizioni discriminatorie (e dunque palesemente contrarie al Trattato) ma anche le normative indistintamente applicabili (e quindi in linea di principio neutre) qualora, nella sostanza, producano un qualsiasi effetto discriminatorio. L allargamento dell Unione europea del 1 maggio 2004 a venticinque Stati membri ha determinato, come del resto gli ampliamenti precedenti, un applicazione al momento soltanto graduale delle libertà fondamentali e dei principi di base del diritto comunitario ai nuovi Stati membri e ciò, in particolare, proprio in materia di libera circolazione dei lavoratori e dei servizi. Dopo aver individuato le linee essenziali della disciplina generale in vigore, soprattutto attraverso la ricognizione della giurisprudenza comunitaria, da condursi oggi anche alla luce delle pertinenti disposizioni del Trattato che adotta una Costituzione per l Europa, occorre, dunque, esaminare quale sia il regime transitoriamente applicabile nei rapporti fra gli Stati della vecchia Unione a quindici membri ed i nuovi aderenti, evidenziandone le implicazioni pratiche sulla libera circolazione delle attività economiche. 13

14 Titolo: Miglioramenti della stima nei modelli per serie storiche Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Giovanni Fonseca Breve descrizione del Progetto: Si propone l applicazione di metodi asintotici di correzione della distorsione per il miglioramento dello stimatore di massima verosimiglianza dei parametri di un modello (lineare o anche non lineare) per serie storiche. In particolare i metodi asintotici permettono la modificazione diretta dello stimatore oppure la modificazione dell equazione di stima relativa allo stimatore. Infine si confrontano gli stimatori ottenuti con stimatori sviluppati con altri metodi di miglioramento delle proprietà. 14

15 Titolo: Stabilità e buona posizione per problemi di ottimizzazione e disequazioni variazionali Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Angelo Guerraggio Membri del Gruppo di Ricerca: Enrico Miglierina, Giovanna Redaelli, Matteo Rocca Breve descrizione del Progetto: Il presente progetto si raccorda al progetto dello scorso anno e si propone di sviluppare ulteriormente le tematiche riguardanti l ottimizzazione vettoriale. Si cercherà di sistematizzare all interno di una classificazione coerente le nozioni di buona posizione per problemi di ottimizzazione vettoriale esistenti in letteratura. Verranno inoltre studiate le particolari proprietà dei problemi convessi e convessi generalizzati. Verranno inoltre trattate le relazioni tra buona posizione scalare e vettoriale. Infine, verranno studiate tematiche riguardanti le applicazioni dell ottimizzazione vettoriale (anche stocastica) a problemi di natura finanziaria e assicurativa. 15

16 Titolo: Metodi per migliorare l efficienza di stimatori MCMC (Markov chain Monte Carlo) con applicazioni a modelli di mistura e scelta fra modelli bayesiani Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Antonietta Mira Membri del Gruppo di Ricerca: Paolo Tenconi Breve descrizione del Progetto: Con questo progetto ci proponiamo di continuare la linea di ricerca iniziata lo scorso anno proponendo stimatori di tipo MCMC efficienti nel senso di ridurre la varianza asintotica degli stessi. Due sono le componenti che compaiono nella formula della varianza asintotica: la varianza sotto la distribuzione stazionaria e la covarianza lungo la catena di Markov. In passato abbiamo focalizzato la nostra attenzione su questa seconda componente ottenendo ottimi risultati. Ispirandoci anche alla letteratura in ambito fisico, riteniamo possibile ridurre anche la prima componente sostituendo la funzione di interesse con altra avente la stessa media in stazionarietà ma varianza minore. Gli stimatori ottenuti verranno utilizzati in ambito bayesiano per la scelta fra modelli attraverso la stima efficiente del fattore di Bayes. 16

17 Titolo: Brevettazione universitaria e open science: il caso italiano Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Fabio Montobbio Breve descrizione del Progetto: Le università italiane sono state considerate (fino ai cambiamenti recenti nella legislazione) i proprietari naturali dei diritti di proprietà riguardo alle invenzioni dei loro impiegati. Tradizionalmente però gli sforzi per approfittare di questa disposizione legale sono stati piccoli. Accanto a ciò si riscontra l esistenza di un numero non-trascurabile di inventori accademici, vale a dire professori e ricercatori che appaiono come inventori su molti brevetti USA ed Europei. La maggior parte di tali brevetti sono assegnati non alle loro università, ma ad imprese o al CNR. Vi è motivo di ritenere che gli inventori accademici giochino un ruolo cruciale nel collegamento fra università e industria. Cioè potrebbero svolgere un ruolo di collegamento fra i regni delle open science e della tecnologia proprietaria (Dasgupta e David, 1994). Il lavoro si propone di controllare se questo ruolo venga attuato a spese del rendimento scientifico degli inventori accademici, (come suggerito da alcuni lavori Mowery e Sampat, 2001; David, Mowery e Steinmueller, 1994) o, al contrario, se vi siano collegamenti virtuosi con le attività di pubblicazione, ( le superstar descritte da Zucker, Darby, Armstrong, 1994); o, per concludere, se non vi sia alcuna relazione fra brevetti e attività accademica di ricerca. 17

18 Titolo: Trend e cicli comuni nelle serie storiche economiche Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Paolo Paruolo Breve descrizione del Progetto: Il presente progetto intende proseguire l attività di ricerca del coordinatore sullo sviluppo e l analisi di tecniche inferenziali per modelli ei serie storiche non stazionarie, caratterizzate da componenti non stazionarie di tipo integrato (passeggiate casuali) e cointegrate. Tali processi permettono una rappresentazione a trend comuni. In particolare il presente progetto prevede di analizzare la rappresentazione e l inferenza relativa a componenti comuni di ciclo economico, rappresentabili da fattori comuni di correlazione seriale. Lo studio analizzerà processi integrati di ordine 1[I(1)] e integrati di ordine 2 [I(2)]. 18

19 Titolo: Trend e cicli economico-finanziari comuni nell Unione Europea Titolo del progetto nazionale: Modelli econometrici per l'analisi dell'integrazione finanziaria ed economica nell'unione Europea Allargata (Coordinato da Domenico Sartore, Università "Cà Foscari" di Venezia, Dipartimento di Scienze Economiche) Ente Finanziatore: Miur, Progetto Cofin 2004 Responsabile del Progetto: Paolo Paruolo Membri del Gruppo di Ricerca: Giancarlo Bertocco, Raffaello Seri, Marcello Spanò, Christine Choirat Breve descrizione del Progetto: La ricerca intende studiare i meccanismi di interazione tra i diversi mercati all'interno dell'area Euro, e tra variabili macroeconomiche e finanziarie all interno dello stesso mercato, sia attraverso un analisi di teoria economica che attraverso la derivazione e l applicazione di metodologie econometriche adeguate per testare proposizioni teoriche relative ai trend e cicli economici. L attenzione è incentrata in particolare sui seguenti aspetti: 1) Aspetti istituzionali 2) Cause delle crisi e degli squilibri finanziari 3) Cicli comuni e ruolo delle aspettative 4) Teoria econometrica 19

20 Titolo: Disciplina civilistica e fiscale degli strumenti ibridi di finanziamento Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Sergio Patriarca Membri del Gruppo di Ricerca: Maria Pierro, Ilaria Capelli, Paolo Borghini Breve descrizione del Progetto: La riforma del diritto societario attuata con il decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 6, modifica radicalmente il regime delle azioni, e in particolare quello delle obbligazioni, prevedendo la possibilità di emettere strumenti finanziari muniti di diritti patrimoniali o anche amministrativi. Pur senza la pretesa che l introduzione di nuove categorie di azioni e di strumenti finanziari ibridi risolva tutti i problemi di finanziamento delle società, appare di notevole interesse valutare l applicazione di queste nuove opportunità in alternativa ai metodi tradizionali. La riforma societaria ha inciso sostanzialmente sugli articoli 2346 e seguenti del codice civile. Oltre alle azioni e obbligazioni, il nuovo codice individua due nuove tipologie di strumenti finanziari. Da un lato, è possibile emettere, a fronte di un determinato apporto anche di opere o servizi, strumenti finanziari partecipativi, che attribuiscono ai loro possessori diritti patrimoniali e diritti amministrativi, slegati da ogni rapporto con il capitale sociale. Dall altro, è prevista l emissione di strumenti finanziari diversi dalle obbligazioni ma pur sempre disciplinati dalle norme sulle obbligazioni di cui all art. 2411, terzo comma, del codice civile. La dottrina è in difficoltà nell individuare i punti di confine tra gli strumenti finanziari assimilati alle obbligazioni dall art. 2411, terzo comma, del codice civile e gli strumenti finanziari partecipativi di cui al precedente articolo 2436 del codice civile. Contemporaneamente alla legge delega per la riforma societaria è stata varata la legge 7 aprile 2003, n. 80, recante la delega per la riforma fiscale statale e destinata ad incidere radicalmente sulla tassazione dei proventi derivanti dalle azioni e dei titoli ad esse equiparate. A seguito delle citate innovazioni in ambito societario è stato necessario, infatti, intervenire sul sistema fiscale per adeguare la relativa disciplina alle nuove norme del codice civile. A tal fine è stata istituita la Commissione Gallo, la quale è intervenuta con riferimento, in particolare, alla disciplina delle azioni, delle obbligazioni e dei nuovi strumenti finanziari, partecipativi e non partecipativi. L incertezza esistente sul piano civilistico nella classificazione degli strumenti finanziari fra quelli assimilati alle obbligazioni e quelli qualificabili come strumenti finanziari partecipativi non è irrilevante sotto il profilo fiscale. La qualificazione giuridica di un titolo in termini di azione, di strumento finanziario assimilato all azione, di obbligazione o di strumento finanziario assimilato all obbligazione produce effetti molto rilevanti. 20

Ricercatore universitario dal 2005 attualmente Professore Aggregato

Ricercatore universitario dal 2005 attualmente Professore Aggregato CURRICULUM VITAE DI ILARIA CAPELLI INFORMAZIONI PERSONALI Qualifica Data di nascita 09/01/1969 Ricercatore universitario confermato Amministrazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Incarico attuale

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale

Il sistema di contabilità pubblica in Italia La riforma della contabilità in Italia: la situazione attuale Progetto di Gemellaggio TR 08 IB FI 02 Improving Data Quality in Public Accounts Workshop internazionale Public accounting data quality and IPSAS implementation strategies in UE countries Istanbul, 3-5

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Prof. Donatella Morana Associato di Istituzioni di diritto pubblico (SSD IUS/09)

Prof. Donatella Morana Associato di Istituzioni di diritto pubblico (SSD IUS/09) ATTIVITÀ SCIENTIFICA TRIENNIO 1 GENNAIO 2006 31 DICEMBRE 2008 Prof. Donatella Morana Associato di Istituzioni di diritto pubblico (SSD IUS/09) Principali interessi di ricerca sviluppati nel triennio Nel

Dettagli

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice

dicembre 2014 - ver.1.0 Indice Linee guida strategiche e policy operativa in tema di valorizzazione della ricerca e di diritti di proprietà intellettuale all Università degli Studi di Brescia dicembre 2014 - ver.1.0 Indice 1. Premessa

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale

ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA. TAX L@b 2015. Laboratorio di Fiscalità Internazionale ALTA FORMAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA e TRIBUTARIA TAX L@b 2015 Laboratorio di Fiscalità Internazionale Corso teorico-pratico per Professionisti, Fiscalisti d impresa, Tax Risk Manager, Tax Compliance Officer,

Dettagli

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 IPRASE propone in collaborazione con la Graduate School of Business del Politecnico di Milano, un percorso per i Dirigenti scolastici

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO

CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO CURRICULUM SCIENTIFICO E DIDATTICO INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome: MAZZU SEBASTIANO E-mail: s.mazzu@unict.it Nazionalità: ITALIANA Data e luogo di nascita: 27/11/1967 - BARCELLONA POZZO DI GOTTO

Dettagli

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali

f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale www.fargroup.eu Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali Francesco Dainelli Curriculum Vitae 2011 www.fargroup.eu f r A g Curriculum Vitae Concetta Carnevale Curriculum vitae con indicazione delle principali attività accademiche e professionali 25/02/2014 0

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA

Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter. Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA Evento celebrativo del decennale OIC Il ruolo del National Standard Setter Intervento del Vice Direttore Generale ISVAP Dott.ssa Flavia MAZZARELLA 16 dicembre 2011 Buongiorno a tutti, prometto di essere

Dettagli

CURRICULUM DI LUCIANO D AMICO

CURRICULUM DI LUCIANO D AMICO CURRICULUM DI LUCIANO D AMICO PROFESSORE ORDINARIO DI ECONOMIA AZIENDALE NELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Notizie di carattere generale - Nato il 3 gennaio 1960 a Torricella Peligna (CH) e residente

Dettagli

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti

Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti Senato Accademico del 30 novembre 2011 ALLEGATO al punto XII EVENTUALI 1. Scuole Dottorali venete - Regolamenti REGOLAMENTO Scuola Superiore di Economia e Management Scuola di dottorato di ricerca interateneo

Dettagli

CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE

CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE CORSI DI LAUREA TRIENNALI IN SCIENZE DELL'ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE Gli studenti che si iscrivono al I anno nell anno accademico 2003/2004 possono scegliere tra: ECONOMIA AZIENDALE - EA ECONOMIA

Dettagli

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI

Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Guglielmo Faldetta LA GOVERNANCE DELLE UNIVERSITÁ STATALI E NON STATALI PRIMA E DOPO LA RIFORMA GELMINI Il tema della governance è stato ed è tuttora certamente uno dei punti al centro del dibattito sulla

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Open Day Lauree Magistrali. L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017

Open Day Lauree Magistrali. L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017 Open Day Lauree Magistrali L offerta formativa del Dipartimento di Economia A.A. 2016-2017 Varese, 6 maggio 2016 Il Dipartimento di Economia 2 Servizi agli studenti: Cosa si trova in Dipartimento? Biblioteca

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ del SALENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA ASL LECCE Master II Livello in MANAGEMENT SANITARIO ANNO ACCADEMICO 10-11 R E G O L A M E N T O ARTICOLO 1 Il Master in Management Sanitario si propone

Dettagli

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae

Elvira Anna Graziano. Curriculum Vitae Elvira Anna Graziano Curriculum Vitae DATI ANAGRAFICI Cognome e Nome Elvira Anna Graziano Data di nascita 06/02/1984 Luogo di nascita Cariati (CS) Residenza Via Beata Teodora, 14 87067 Rossano (CS) Domicilio

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO

CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO CAMERA DI COMMERCIO DI MILANO TERZA EDIZIONE DEL FORUM ECONOMICO E FINANZIARIO PER IL MEDITERRANEO Politiche e strumenti di sostegno alle piccole e medie imprese Intervento del Presidente del CNEL On.

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministero dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico L Associazione Bancaria Italiana (ABI) Il Presidente dell ABI La CONFINDUSTRIA Il Presidente di CONFINDUSTRIA La Conferenza dei

Dettagli

1. Qualità..10 punti Valutazione della eccellenza scientifica del prodotto Contenuto i. organicità ii. rigore dell analisi iii. metodo scientifico

1. Qualità..10 punti Valutazione della eccellenza scientifica del prodotto Contenuto i. organicità ii. rigore dell analisi iii. metodo scientifico I CRITERI E LA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELLE PUBBLICAZIONI DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE GIURIDICHE DELL'UNIVERSITÀ DELLA TUSCIA Nell'aprile del 2007, il nucleo di valutazione dell'università della Tuscia

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate *** COMUNE DI QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L approvazione della

Dettagli

Mario Ossorio Curriculum vitae

Mario Ossorio Curriculum vitae Mario Ossorio Curriculum vitae Posizione accademica attuale Ricercatore in Economia e Gestione delle Imprese presso il Dipartimento di Economia della Seconda Università degli Studi di Napoli. Formazione

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Classificazione della spesa delle università per missioni e programmi VISTI gli articoli

Dettagli

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione

GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa di ABIFormazione PERCORSO FORMATIVO Modulo 1 12-14 maggio 2014 Modulo 2 3-5 giugno 2014 PERCORSO DI APPROFONDIMENTO 12-13 giugno 2014 23-24 giugno 2014 GESTIONE E CONTROLLO DEL RISCHIO FISCALE L architettura formativa

Dettagli

CURRICULUM VITAE ATTIVITÀ DIDATTICA ED ATTIVITÀ SCIENTIFICA

CURRICULUM VITAE ATTIVITÀ DIDATTICA ED ATTIVITÀ SCIENTIFICA CURRICULUM VITAE ATTIVITÀ DIDATTICA ED ATTIVITÀ SCIENTIFICA DI THOMAS TASSANI FORMAZIONE Il 10/7/1997 si laurea presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'università degli Studi di Bologna con votazione

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi MDT. Master in Diritto tributario dell impresa. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MDT Master in Diritto tributario dell impresa XII Edizione 2013-2014 MDT Master in Diritto tributario dell impresa Il diritto tributario è un tema spesso

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI

LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI LA POLITICA FISCALE PER IL RISPARMIO. LE SCELTE FATTE. ALCUNI EFFETTI Norberto Arquilla * L analisi di ciò che è stato fatto, nel corso degli ultimi anni, per la fiscalità del settore del risparmio non

Dettagli

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT

RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT AREA TRANSPORT MANAGEMENT Modulo Base RISK MANAGEMENT ON ROAD TRANSIT Mercoledì 23 maggio 2012 Il corso si pone come obiettivo l approfondimento delle principali tematiche

Dettagli

Informativa ordinaria n. 8/2014

Informativa ordinaria n. 8/2014 Informativa ordinaria n. 8/2014 Sommario Premessa 2 La proroga del 770 sposta il ravvedimento sulle ritenute fiscali 2 Rimborsi più rapidi dall Agenzia con accredito diretto sul conto corrente 2 Indagini

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO

REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO REGOLAMENTO DEL COMITATO PER IL CONTROLLO INTERNO Articolo 1 Premessa Il presente Regolamento disciplina la costituzione, il funzionamento ed i compiti del comitato per il Controllo Interno (il Comitato

Dettagli

IL RETTORE. VISTO il Regolamento di funzionamento dei Corsi di Perfezionamento, emanato con D.R. n. 2120 del 17/06/2010;

IL RETTORE. VISTO il Regolamento di funzionamento dei Corsi di Perfezionamento, emanato con D.R. n. 2120 del 17/06/2010; DR/2015/3181 del 23/09/2015 Firmatari: De Vivo Arturo U.S.R. IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto dell Ateneo; l artt. 15 del vigente Regolamento Didattico di Ateneo; VISTO il Regolamento di funzionamento

Dettagli

PROF. MARIO MASSARI NOTE BIOGRAFICHE CURRICULUM ACCADEMICO CURRICULUM PROFESSIONALE

PROF. MARIO MASSARI NOTE BIOGRAFICHE CURRICULUM ACCADEMICO CURRICULUM PROFESSIONALE PROF. MARIO MASSARI NOTE BIOGRAFICHE CURRICULUM ACCADEMICO CURRICULUM PROFESSIONALE Note biografiche Nato il 10 marzo 1951 Residente in Milano, Via Carlo Crivelli, n.15/1 Laurea in Economia Aziendale presso

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES (proposta deliberata dal Senato Accademico nella seduta del 23 maggio 2013 e approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 23 maggio

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Dipartimento di Economia

Dipartimento di Economia Dipartimento di Economia RETTORE: PROF.SSA GALVANI ADRIANA PRESIDENTE DIPARTIMENTALE: DOTT. LAVALLE NICOLA Corso di Laurea in Economia e Finanza Internazionale DIPARTIMENTO DI ECONOMIA Corso di Laurea

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello;

PROTOCOLLO D INTESA TRA. il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; PROTOCOLLO D INTESA TRA il MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO rappresentato dal Capo Gabinetto, Pres. Mario Torsello; il DIPARTIMENTO per gli AFFARI REGIONALI, TURISMO E SPORT, della Presidenza del Consiglio

Dettagli

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione di Sergio Ricci Introduzione Come noto, il trattamento contabile (ed il conseguente trattamento fiscale)

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

Economia E Management

Economia E Management CORSO DI LAUREA TRIENNALE Economia E Management A.A. 2012 / 2013 DIPARTIMENTO Impresa e Management Economia e Management COSA STAI CERCANDO? Gennaro Olivieri DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO Il corso di laurea

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi:

MERCATI FINANZIARI, INTEGRAZIONE ECONOMICA INTERNAZIONALE Durata del corso di studi: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA MAGISTRALE IN ECONOMIA E FINANZA INTERNAZIONALE (EFI) - Classe LM- 77 Immatricolati dall'a.a. 2011/2012 GENERALITA' Classe di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma

E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma E possibile migliorare il controllo e la governance delle imprese pubbliche? L esperienza del Comune di Roma Marco Causi Facoltà di Economia Federico Caffè Università degli Studi Roma Tre L argomento della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative

6 ore = 1 credito. 1 credito. 1 credito. 1 credito. Complementari Informatica A 5 IUS/14 Caratterizzanti Giuridico. 5 INF/01 Affiniintegrative UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2004/2005 Corso di laurea specialistica in Economia e Commercio Corso di laurea specialistica in Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Regolamento del Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione e Trasferimento Tecnologico Articolo 1. Costituzione e scopi 1. Il Centro di Servizi Sistema di Supporto alla Ricerca, Innovazione

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. PROTOCOLLO D'INTESA TRA IL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA M.I.U.R. E L ONG ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WIDE FUND FOR NATURE - ONLUS WWF ITALIA PROTOCOLLO D'INTESA TRA

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

Regime Iva dell emission trading 1

Regime Iva dell emission trading 1 Regime Iva dell emission trading 1 Al fine di esaminarne il regime fiscale, è opportuno richiamare brevemente le origini e le finalità dell emission trading 2, il quale può essere definito come il commercio

Dettagli

L evento, gratuito, è previsto a Roma per il prossimo 10 novembre. In allegato troverà il programma e le modalità di iscrizione.

L evento, gratuito, è previsto a Roma per il prossimo 10 novembre. In allegato troverà il programma e le modalità di iscrizione. Associazione Nazionale Direttori Amministrativi e Finanziari IL SEGRETARIO GENERALE A TUTTI I SOCI Milano, 26 ottobre 2011 MM/dg Caro Socio, mi è molto gradito segnalarle un importante Seminario, sulla

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S.

Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Classificazione delle riviste di interesse dell A.M.A.S.E.S. Il Presidente ricorda che allo scopo di dare utili indicazioni ai soci Amases, e in particolare ai giovani, sulle riviste maggiormente interessate

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020

REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 REGOLAMENTO INTERNO DEL COMITATO DI SORVEGLIANZA UNICO DEI PROGRAMMI OPERATIVI REGIONALI (POR) FESR E FSE PROGRAMMAZIONE 2014/2020 1 Il Comitato di Sorveglianza dei Programmi Operativi Regionali (POR)

Dettagli

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008

Investimento e Sviluppo Mediterraneo spa. Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Comunicato Stampa Investimenti e Sviluppo Mediterraneo S.p.A.: Il CdA approva i risultati al 31 marzo 2008 Trimestre: gennaio 2008 marzo 2008 Margine di interesse pari a euro 327.660 Margine di intermediazione

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CENTRO DI SERVIZIO PER L INFORMATICA, L E- LEARNING E LA MULTIMEDIALITÀ D.R. n. 843 del 6.6.2007 Sezione I Disposizioni generali Articolo 1 Istituzione 1. Al fine di razionalizzare

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale

Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale Massimo Matthias Professore a contratto - Università degli Studi di Siena Consulente Aziendale CURRICULUM VITAE FORMAZIONE Laurea in Economia e Commercio conseguita presso l Università degli Studi La Sapienza

Dettagli

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013

Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 Emanato con Decreto Rettorale n. 340/AG del 01 febbraio 2013 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE Art. 1 - Il Dipartimento Art. 1.1 Generalità e obiettivi

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

LUIGI ARDIZZONE CURRICULUM VITAE. ASSOCIATO, diritto commerciale, Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Economia e Management (dal 2015).

LUIGI ARDIZZONE CURRICULUM VITAE. ASSOCIATO, diritto commerciale, Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Economia e Management (dal 2015). LUIGI ARDIZZONE CURRICULUM VITAE ITER ACCADEMICO ASSOCIATO, diritto commerciale, Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Economia e Management (dal 2015). RICERCATORE, diritto commerciale, Università

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

IL PROGETTO DI EFFICIENTAMENTO NELLE STRUTTURE SANITARIE: AUMENTARE IL TEMPO UTILE E RIDURRE I COSTI

IL PROGETTO DI EFFICIENTAMENTO NELLE STRUTTURE SANITARIE: AUMENTARE IL TEMPO UTILE E RIDURRE I COSTI IL PROGETTO DI EFFICIENTAMENTO NELLE STRUTTURE SANITARIE: AUMENTARE IL TEMPO UTILE E RIDURRE I COSTI 1 CHI SIAMO Fondata nel 1991, BUSINESS VALUE è una società di consulenza direzionale specializzata in:

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO

REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO REGOLAMENTO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PER LA SICUREZZA E PER LA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO (D.lgs. 81/2008 e s.m.i. e D.M. 363/1998) Emanato con Decreto Rettorale n. 665 del 18/09/2012 FONTI

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013

Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 Servizio on line per la costruzione, l elaborazione e la valutazione dei business plan per le misure di investimento previste nei Psr 2007-2013 BREVE INTRODUZIONE AL SERVIZIO (a cura di Roberto D Auria

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

LUIGI ARDIZZONE CURRICULUM DELL ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA

LUIGI ARDIZZONE CURRICULUM DELL ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA LUIGI ARDIZZONE CURRICULUM DELL ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA ITER ACCADEMICO RICERCATORE, diritto commerciale, Università degli Studi di Brescia, Dipartimento di Economia e Management (dal 1 marzo

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti MODENA ASSEMBLEA CODAU 28 MARZO 2014 Sofia Baggini Servizio Ricerca Università di Pavia NORME E DOCUMENTI

Dettagli

G I A N L U C A C A S S E S E

G I A N L U C A C A S S E S E G I A N L U C A C A S S E S E DIPARTIMENTO DI STATISTICA Università Milano Bicocca U7-2081, via Bicocca degli Arcimboldi, 8, 20126 Milano - Italy DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI GENERALI: Luogo e data di

Dettagli

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051

Audizione Confindustria. Disegno di legge n. 1051 Audizione Confindustria Disegno di legge n. 1051 Delega al Governo su Informazione e Consultazione lavoratori e definizione misure su Democrazia economica XI Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Dettagli