Annuario 2004 Dipartimento di Economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Annuario 2004 Dipartimento di Economia"

Transcript

1 Annuario 2004 Dipartimento di Economia Università dell'insubria Via Ravasi 2, Varese Università dell'insubria 1

2 Indice Prefazione.3 Afferenti...5 Schede sintetiche dei progetti di Ricerca.7 Progetti di Ricerca in conto terzi 25 Pubblicazioni Scientifiche del 2004 inserite nel Catalogo Cineca.26 Quaderni di Ricerca Seminari Dottorato europeo in Economia della produzione e dello sviluppo...36 HDS2: nuovo Help Desk di Statistica 38 Convegni 2004 organizzati a Varese..39 2

3 Prefazione Il 2004 apre il secondo triennio di attività del Dipartimento di Economia dell Università dell Insubria, istituito il 1 gennaio 2001, e coincide con il primo anno del mio secondo mandato come direttore. Il 2004 è stato caratterizzato da un lato dalla creazione di molti nuovi dipartimenti all'interno dell'ateneo, e dall altro dall avvio di due nuovi centri presso il nostro Dipartimento, che manifestano una crescente capacità progettuale di ricerca in collaborazione con il territorio. L attivazione nel 2004 di molti nuovi dipartimenti nell'ateneo, che oggi ne conta ben 20, è coincisa con la suddivisione di tutti i dipartimenti storici dell'ateneo (a eccezione del Dipartimento di Economia) in due o più nuove entità. Il Dipartimento di Economia è stato interessato da questo fenomeno solo in maniera indiretta: tre afferenti del Dipartimento di Economia hanno infatti optato per il nuovo Dipartimento in Ambiente Salute e Sicurezza. Il 2004 ha visto sorgere due nuovi centri: il Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale (CREARES), diretto dalla Prof.ssa Locatelli, e il Centro di ricerca interdipartimentale su Economia Sanità Innovazione e Territorio (CRESIT), diretto dal Prof. Onetti. Continuano la loro attività il centro CRIEL (diretto dal Prof. Garofoli), il nuovo Help desk di Statistica HDS2 (diretto dalla Prof.ssa Mira), il Laboratorio di economia sperimentale (diretto dal Prof. Bernasconi), il dottorato di ricerca (diretto dal Prof. Garofoli). A tutti vanno i migliori auguri di buon lavoro. Nel 2004 il personale in servizio presso il dipartimento è variato rispetto agli anni precedenti. La Sig.a Roberta Viola in servizio presso la nostra struttura ha richiesto di essere trasferita presso il Dipartimento di Informatica e Comunicazione, presso cui è stata distaccata. Colgo questa occasione per ringraziarla per il puntale impegno con cui ella ha svolto le proprie mansioni, e per augurarle buon lavoro presso la nuova struttura. Il trasferimento della Sig.a Viola è coinciso con l'arrivo presso la nostra struttura della Sig.a Antonella Bressan. A lei va il benvenuto di tutto il dipartimento. Il Dott. Gabriele Panella, nostro segretario amministrativo, ha proseguito la sua attività, sia pure limitatamente a un terzo del suo tempo per la contemporanea responsabilità di due altre strutture dipartimentali. E' giunta inoltre da poco notizia del suo prossimo trasferimento presso altra amministrazione, che sarà operativo a partire dal 1 maggio p.v. Nel ringraziare il Dott. Gabriele Panella per l'egregio servizio svolto presso il nostro dipartimento in questi anni, gli auguriamo buona fortuna presso la nuova amministrazione. La Dott.a Silvia Trabucchi nel corso del 2004 è stata promossa dalla categoria C alla D per concorso interno. Da settembre 2004 è inoltre in congedo per maternità; per entrambi gli eventi a lei vanno le migliori felicitazioni di tutto il dipartimento. La Sig.a Celardo ha continuato la sua attività presso il dipartimento, attività che svolge con puntale impegno. Assieme a tutte le unità di personale in servizio, ha dovuto sopportare un maggiore carico 3

4 di lavoro, per la simultanea assenza di alcuni dei colleghi e una crescente dimensione delle attività del dipartimento. Questa situazione eccezionale mi ha spinto a limitare alcuni dei servizi in passato coordinati dal personale del dipartimento, come la gestione dei panini per i lunch seminars. La speranza è che, quando le presenze di personale lo permetteranno, queste decisioni possano essere revocate. A cavallo della fine 2004 e dell'inizio 2005 si sono trasferiti presso diversi atenei i Proff. Giovanni Cocco, Antonio Majocchi. A loro va il saluto e il ringraziamento di tutto il dipartimento per l'attività svolta. Varese, 17 marzo 2005 Prof. Paolo Paruolo, Direttore del Dipartimento 4

5 Afferenti Area Aziendale Professori Ordinari: Gianluca Colombo, Enrico Cotta Ramusino, Rossella Locatelli Professori Associati: Anna Maria Arcari, Cristiana Maria Schena Ricercatori: Giovanna Gavana, Antonio Majocchi, Alberto Onetti, Patrizia Gazzola, Francesco Sacco Assegnisti di ricerca: Davide Secchi, Andrea Uselli Area Economica Professori Ordinari: Michele Bernasconi, Gioacchino Garofoli, Paolo Paruolo, Alberto Sdralevich Professori Associati: Giancarlo Bertocco, Anna Marenzi Ricercatori: Fabio Montobbio, Laura Pagani, Luisa Piccinno, Lucia Cusmano, Raffaello Seri, Marcello Spanò Assegnisti di ricerca: Michele Scarpinato, Simona Montagnana, Christine Choirat, Matteo Galizzi, Giorgia Maffini Dottorandi: Matteo Boemi, Alberto Botta, Andrea Giacomelli, Francesco La Forgia, Vera Malvicini, Stefania Prizzon, Eleonora De Cata, Massimiliano Calì, Alessia Pisoni Area Giuridica Professori Ordinari: Giovanni Cocco 1, Sergio Patriarca Professori Associati: Maurizio D'Ettore 2, Vincenzo Salvatore 2, Maria Pierro Ricercatori: Giorgio Grasso, Diverio Davide 3 Assegnisti di ricerca: Ilaria Capelli, Raffaele Manfrellotti, Antonino Grasso, Paolo Borghini Area Matematico-Statistica Professori Ordinari: Angelo Guerraggio Professori Associati: Antonietta Mira, Matteo Rocca Ricercatori: Enrico Miglierina, Giovanni Fonseca, Giovanna L. M. Redaelli Assegnisti di ricerca: Paolo Tenconi Altre aree Ricercatori: Maria Teresa Fabbro (Linguistica) 1: fino al 30 ottobre : fino al 31 maggio : dal al

6 Personale tecnico/amministrativo Dott. Gabriele Panella Dott.a Silvia Trabucchi Sig.a Antonella Bressan Sig.a Michelina Celardo segretario amministrativo contabilità e fornitori segreteria, contabilità e fornitori assistenza uffici docenti e stampa Strutture afferenti al Dipartimento Centri di Ricerca Centro per l Internazionalizzazione delle Economie Locali (CRIEL) Centro di Ricerca in Etica negli affari e Responsabilità Sociale (CREA RES) Centro di Ricerca Interdipartimentale su Economia Sanità, Innovazione e Territorio (CRESIT) Centri di Eccellenza Internazionalizzazione ed innovazione d impresa: evidenze dal sistema italiano e locale e d evoluzione Laboratori Help desk di Statistica HDS2 Laboratorio di Studi sperimentali per le istituzioni economiche e sociali Giunta di Dipartimento 2004 Direttore di Dipartimento, Prof. Giovanni Cocco 1, Prof. Sergio Patriarca 2, Prof.a Anna Marenzi, Prof.a Anna Maria Arcari, Dott. Enrico Miglierina, Dott.a Silvia Trabucchi, Segretario amministrativo, Sig. a Michelina Celardo. Direttore Prof. Paolo Paruolo Vice Direttore Prof. Giovanni Cocco 1 1: fino al 31 ottobre : dal 13 dicembre

7 Schede sintetiche dei progetti di Ricerca Titolo: La questione della specificità delle banche rispetto alle altre istituzioni finanziarie Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Giancarlo Bertocco Breve descrizione del Progetto: Negli anni sessanta Tobin criticò quella che definì old view che attribuiva alle banche un ruolo specifico rispetto alle altre istituzioni finanziarie, giustificato dal fatto che le loro passività venivano usate come mezzo di pagamento, ed elaborò una new view che affermava che non esistono ragioni per attribuire alle banche un ruolo speciale. Negli ultimi anni si sono sviluppati due approcci che, in modo differente, sostengono la tesi della specificità delle banche: l approccio del circuito monetario e l approccio dei New Keynesians basato sulla presenza di asimmetrie informative. L obiettivo della ricerca consiste nel valutare se, alla luce di questi sviluppi teorici, la new view di Tobin sia ancora significativa. 7

8 Titolo: Costituzione europea e ruolo della Commissione Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Giovanni Cocco Membri del Gruppo di Ricerca: Giorgio Grasso, Raffaele Manfrellotti Breve descrizione del Progetto: 1. Il progetto di Trattato che istituisce una Costituzione per l Europa, adottato nel luglio 2003 dalla Convenzione europea, convocata dal Consiglio europeo di Laeken, ha portato avanti il processo di connotazione politica della Commissione europea. Nel testo del progetto, infatti, la Commissione si configura come un organismo strettamente legato al Parlamento europeo, sulla base di una responsabilità di tipo collegiale, confermandosi l esistenza di un voto di investitura iniziale da parte del Parlamento e la possibilità da parte di quest ultimo di approvare una mozione di censura, con la maggioranza di due terzi dei voti espressi e a maggioranza dei membri che compongono l Assemblea, che implica, se approvata, l obbligo di dimissioni di tutti i commissari. In più il progetto sembra valorizzare, secondo quanto si dirà meglio tra breve, il momento della dipendenza dell organo dalle maggioranze partitiche presenti nell Assemblea parlamentare, con un accentuazione della caratterizzazione in senso parlamentare del rapporto che si instaura tra i due organi, sempre che si possano utilizzare per la definizione della forma di governo dell Unione europea le tassonomie tipiche delle forme di governo che l indagine costituzionalistica ha elaborato per gli Stati di democrazia classica. Questo mutamento di prospettiva impone, per un primo aspetto, di riconsiderare molte delle funzioni, anche di tipo neutrale, che erano state attribuite alla Commissione, in ragione della sua natura prevalentemente amministrativa (quali le competenze in materia di concorrenza), e che rischiano di stridere rispetto ad un organo che esprime ora un più marcato elemento di derivazione dalle forze politiche. Sotto un secondo profilo, e con un paradosso solo apparente, esso evidenzia un significativo consolidamento proprio di numerosi poteri amministrativi che la Commissione comunque mantiene e che rispondono ad una lunga evoluzione nel tempo della medesima. 2. Capovolgendo l ordine dei problemi, risulta generalmente acquisita, nelle ricostruzioni della dottrina, la tipologia delle funzioni amministrative attribuite originariamente alla Commissione, che consistevano in strumenti di regolazione mite quali le comunicazioni (felicemente assimilate alle circolari del diritto amministrativo interno, in ragione della loro efficacia vincolante de facto nei 8

9 riguardi delle diverse amministrazioni nazionali), e che solo più di recente si è avvicinata ad un modello di amministrazione attiva sempre più simile alle esperienze amministrative dei diversi Stati membri. Ciò è particolarmente evidente in riferimento alla regolazione nei settori delle biotecnologie e delle telecomunicazioni, che sembrano offrire un campo di studio molto fecondo nella prospettiva in esame. Il settore delle telecomunicazioni spicca, in proposito, per la forte tendenza all instaurazione di un amministrazione europea in grado di imporsi agli Stati membri, ai sensi di quanto previsto dall art. 7, co. III e IV della direttiva 2002/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 marzo Tale disposizione obbliga, infatti, le autorità nazionali a comunicare alla Commissione i progetti di misure regolative in materia di comunicazioni. Nel dettaglio la norma prevede che le diverse autorità sospendano l emanazione di siffatte misure per un periodo fino a due mesi, nel corso dei quali la Commissione può emanare una decisione con cui obbliga l autorità nazionale a ritirare la misura, ove la ritenga contrastante con gli obiettivi comunitari. In altri termini, la Commissione dispone di un vero e proprio potere di veto in ordine ai provvedimenti di regolazione delle autorità nazionali. Come è evidente, la norma ex art. 7 fuoriesce completamente dal modello dei rapporti tra Commissione ed amministrazioni nazionali fondato sulla persuasione e sul c.d.diritto mite. Essa istituzionalizza, in buona sostanza, quasi una sorta di rapporto gerarchico tra i soggetti citati, che la prassi aveva visto affermarsi soltanto in via informale. La Commissione, infatti, ha il potere, nel sistema dell art. 7, di far valere coattivamente la propria volontà alle amministrazioni stesse. Sicché, la tendenza che sembra possibile percepire, abbastanza chiaramente, è quella di un unica struttura amministrativa, al cui vertice c è la Commissione, che può affermarsi sulle autorità di regolazione nazionali non più sul mero piano dell opportunità politica, ma attraverso atti giuridicamente vincolanti. Sul punto il progetto di Costituzione per l Europa tace, ma questo comporta misurare i confini della nuova dimensione dell attività amministrativa della Commissione, assunta di recente dal diritto comunitario derivato, rispetto alle funzioni tipicamente di indirizzo politico, prima accennate, che innervano ora il testo proposto dalla Convenzione. Appena ai margini di questa prospettiva di ricerca, poi, il progetto licenziato dalla Convenzione suggerisce anche di guardare sotto una luce diversa il rapporto tra la Commissione e gli strumenti attraverso i quali gli Stati membri, nel corso dell esperienza giuridica comunitaria, hanno tentato di frenare la vocazione sopranazionale dell organo in esame. Ci si riferisce al noto e contestato fenomeno della comitologia, oggetto di attenzione da parte della dottrina, che è pervenuta ad un ambito di conclusioni alquanto variegato. Tuttavia, un settore di indagine ancora poco esplorato è costituito dal rapporto tra i comitati e le agenzie europee, organismi simili per funzione ai primi ma 9

10 ad essi opposti per struttura, in ragione dell indipendenza dagli esecutivi degli Stati membri. 3. Considerando poi la questione della compatibilità del ruolo politico della Commissione con le funzioni neutrali ad essa assegnate, la ricerca cercherà di indirizzarsi nel senso di rinvenire le condizioni giuridiche per la realizzazione di un mercato concorrenziale, onde poter definire, in conseguenza dei risultati raggiunti, le caratteristiche dell organo posto a salvaguardia della concorrenza stessa. Tuttavia la tematica in oggetto offre suggestioni e spunti di riflessione ulteriori, che rendono particolarmente seducente, e utile ai fini dell analisi, il tentativo di elaborare una teoria giuspubblicistica della concorrenza, che al momento, a differenza che nella sfera del diritto privato, sembra ancora mancare. Sotto altro profilo, la tutela della concorrenza e la coerenza del mantenimento di tale funzione nella titolarità della nuova Commissione devono essere verificate anche nell ambito di specifici settori di intervento, che già adesso sono sottratti alla competenza della Commissione: emblematico, a tale riguardo, pare l esempio del governo del credito. 4. I due grandi filoni di ricerca sopra accennati vanno ad inquadrarsi, come si è già venuti a dire, nel più stretto raccordo tra la Commissione ed il Parlamento europeo, disegnato dal progetto di Costituzione e che rende la prima un organo dotato di una colorazione politica molto pronunciata. Sul punto sono opportune ulteriori osservazioni. Un decisivo momento di svolta, all interno dei rapporti tra Parlamento e Commissione, sembra costituito dallo sviluppo in senso presidenzialista dei poteri attribuiti al Presidente della Commissione, che deve assicurare la realizzazione dell indirizzo politico globale dell Unione. Anche in questo caso valgono tutte le cautele prima evidenziate sull acritica trasposizione nel diritto comunitario di una teoria delle forme di governo pensata per i singoli ordinamenti costituzionali, sul modello dell ordinamento giuridico statale. Come che sia, tale evoluzione è tipizzata dall art. I 26 del progetto di Costituzione, che inserisce, all interno dell assetto della Commissione, una forte componente legata agli interessi espressi dai partiti europei presenti in Parlamento: il Presidente della Commissione, eletto dal Parlamento a maggioranza dei membri che lo compongono, su proposta a maggioranza qualificata del Consiglio Europeo, tenuto conto delle elezioni del Parlamento europeo e previe consultazioni appropriate, definisce gli orientamenti (politici) nel cui quadro opera l organo, ne decide l organizzazione interna e persino, in qualche misura, la composizione, disponendo di un vero e proprio potere di revoca verso i singoli commissari, ciascuno dei quali è obbligato a rassegnare le dimissioni solo che il Presidente glielo chieda. In questo contesto, il Presidente si configura come il vero titolare del potere di armonizzare gli interessi sociali pervenuti, tramite le amministrazioni nazionali, fino alla Commissione; tale sintesi è, in altri termini, concretamente operata da un organo legittimato dal consenso dei partiti presenti in Parlamento. E grande, allora, l analogia tra il modello che ne risulta e quello dicasteriale, a 10

11 lungo largamente prevalente nei sistemi istituzionali europei. In entrambi i casi sembra registrarsi un continuum tra il momento politico e quello amministrativo, che trova nelle figure politiche di vertice il punto di coagulo dei due differenti interessi rappresentati, rispettivamente, dall amministrazione e dalle forze partitiche e politiche; ed è dalla sintesi tra questi che scaturisce un interesse unitario giuridicamente significativo, per quanto concerne l esercizio dell iniziativa normativa (di grado legislativo e/o secondario). Il progetto rafforza ulteriormente questa tendenza, nella parte in cui inserisce nella compagine della Commissione il Ministro degli affari esteri, nominato dal Consiglio europeo a maggioranza qualificata previo accordo con il Presidente della Commissione, che costituisce, di diritto, uno dei vicepresidenti dell organo, e che subisce anch esso il voto di investitura collegiale da parte parlamentare (mentre, per quello che riguarda l eventualità che il Parlamento europeo possa votare un analoga mozione di censura nei suoi confronti, il testo del progetto non appare così chiaro). Alla luce di questi ultimi rilievi, lo studio della posizione complessiva che la Convenzione ha attribuito alla Commissione non può prescindere da considerazioni di più ampio respiro aventi ad oggetto il sistema europeo dei partiti politici, il ruolo che essi esercitano all interno della forma di governo comunitaria e gli eventuali punti di incontro tra il sistema partitico europeo e quelli delle differenti realtà nazionali che compongono l Unione Europea. E questa sarà la terza fondamentale pista di approfondimento della ricerca che ora si presenta. 5. Rispetto a queste diverse problematiche, brevemente ricordate, deve segnalarsi che sul tema del progetto di ricerca verrà organizzato il 26 marzo 2004 un Convegno, presso la Facoltà di Economia dell Università dell Insubria, dal titolo Il ruolo della Commissione tra derivazione partitica e funzioni neutrali nel progetto di Costituzione europea, con il coordinamento scientifico del proponente e con la partecipazione di illustri relatori provenienti da diverse Università italiane. Questa occasione di incontro vuole rappresentare il primo confronto sulle tematiche del progetto, che saranno poi studiate nel corso del prossimo biennio dal gruppo di ricerca formato dal personale indicato nella domanda e coordinato dal proponente il progetto medesimo. 11

12 Titolo: L analisi dei rischi economico-finanziari connessi all internazionalizzazione delle piccole e medie imprese Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Enrico Cotta Ramusino Membri del Gruppo di Ricerca: Antonio Majocchi, Alberto Onetti, Davide Secchi Breve descrizione del Progetto: L obiettivo principale della ricerca consisterà nell elaborazione di un modello per analizzare e valutare i rischi economico-finanziari connessi all internazionalizzazione delle piccole e medie imprese (PMI), sia per quanto concerne l attività commerciale che produttiva. In particolare, la ricerca si focalizzerà sull analisi di tre delle modalità più diffuse di internazionalizzazione: (1) esportazioni, (2) Joint Ventures (JV) e (3) investimenti diretti all estero (IDE). Nel primo caso, assume rilevanza la valutazione dell impatto, in termini di rischiosità, che la variazione della percentuale di esportazioni detiene sull impresa internazionalizzata. Nel secondo caso, l obiettivo sarà quello di valutare quale significato economico-finanziario assumano le variabili che determinano il livello del rischio nelle imprese coinvolte nella JV. Infine, la terza variabile risulta significativa soprattutto in relazione a determinate aree di sviluppo (Est Europa, Sud-Est asiatico). 12

13 Titolo: Il diritto di stabilimento e la libera prestazione di servizi alla luce dell'allargamento dell'unione Europea e dell'entrata in vigore del Progetto di trattato che istituisce una costituzione per l'europa Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Diverio Davide Breve descrizione del Progetto: Ai fini della realizzazione del mercato interno, il Trattato istitutivo della Comunità europea prevede quattro libertà fondamentali: la libera circolazione delle merci e delle persone (lavoratori subordinati e lavoratori indipendenti), la libera prestazione dei servizi e la libera circolazione dei capitali. Il diritto di stabilimento e la libera prestazione di servizi concernono le attività economiche prestate dietro retribuzione, distinguendosi fra loro per l elemento della occasionalità o meno nell esecuzione della prestazione. Con l adozione delle direttive di armonizzazione e attraverso l opera interpretativa della giurisprudenza della Corte di giustizia su di esse e sul Trattato stesso, i citati principi rappresentano un parametro di riferimento costante della legittimità delle normative nazionali in materia di attività economiche. Queste ultime vengono, infatti, sottoposte a verifiche volte a reprimere non soltanto le disposizioni discriminatorie (e dunque palesemente contrarie al Trattato) ma anche le normative indistintamente applicabili (e quindi in linea di principio neutre) qualora, nella sostanza, producano un qualsiasi effetto discriminatorio. L allargamento dell Unione europea del 1 maggio 2004 a venticinque Stati membri ha determinato, come del resto gli ampliamenti precedenti, un applicazione al momento soltanto graduale delle libertà fondamentali e dei principi di base del diritto comunitario ai nuovi Stati membri e ciò, in particolare, proprio in materia di libera circolazione dei lavoratori e dei servizi. Dopo aver individuato le linee essenziali della disciplina generale in vigore, soprattutto attraverso la ricognizione della giurisprudenza comunitaria, da condursi oggi anche alla luce delle pertinenti disposizioni del Trattato che adotta una Costituzione per l Europa, occorre, dunque, esaminare quale sia il regime transitoriamente applicabile nei rapporti fra gli Stati della vecchia Unione a quindici membri ed i nuovi aderenti, evidenziandone le implicazioni pratiche sulla libera circolazione delle attività economiche. 13

14 Titolo: Miglioramenti della stima nei modelli per serie storiche Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Giovanni Fonseca Breve descrizione del Progetto: Si propone l applicazione di metodi asintotici di correzione della distorsione per il miglioramento dello stimatore di massima verosimiglianza dei parametri di un modello (lineare o anche non lineare) per serie storiche. In particolare i metodi asintotici permettono la modificazione diretta dello stimatore oppure la modificazione dell equazione di stima relativa allo stimatore. Infine si confrontano gli stimatori ottenuti con stimatori sviluppati con altri metodi di miglioramento delle proprietà. 14

15 Titolo: Stabilità e buona posizione per problemi di ottimizzazione e disequazioni variazionali Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Angelo Guerraggio Membri del Gruppo di Ricerca: Enrico Miglierina, Giovanna Redaelli, Matteo Rocca Breve descrizione del Progetto: Il presente progetto si raccorda al progetto dello scorso anno e si propone di sviluppare ulteriormente le tematiche riguardanti l ottimizzazione vettoriale. Si cercherà di sistematizzare all interno di una classificazione coerente le nozioni di buona posizione per problemi di ottimizzazione vettoriale esistenti in letteratura. Verranno inoltre studiate le particolari proprietà dei problemi convessi e convessi generalizzati. Verranno inoltre trattate le relazioni tra buona posizione scalare e vettoriale. Infine, verranno studiate tematiche riguardanti le applicazioni dell ottimizzazione vettoriale (anche stocastica) a problemi di natura finanziaria e assicurativa. 15

16 Titolo: Metodi per migliorare l efficienza di stimatori MCMC (Markov chain Monte Carlo) con applicazioni a modelli di mistura e scelta fra modelli bayesiani Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Antonietta Mira Membri del Gruppo di Ricerca: Paolo Tenconi Breve descrizione del Progetto: Con questo progetto ci proponiamo di continuare la linea di ricerca iniziata lo scorso anno proponendo stimatori di tipo MCMC efficienti nel senso di ridurre la varianza asintotica degli stessi. Due sono le componenti che compaiono nella formula della varianza asintotica: la varianza sotto la distribuzione stazionaria e la covarianza lungo la catena di Markov. In passato abbiamo focalizzato la nostra attenzione su questa seconda componente ottenendo ottimi risultati. Ispirandoci anche alla letteratura in ambito fisico, riteniamo possibile ridurre anche la prima componente sostituendo la funzione di interesse con altra avente la stessa media in stazionarietà ma varianza minore. Gli stimatori ottenuti verranno utilizzati in ambito bayesiano per la scelta fra modelli attraverso la stima efficiente del fattore di Bayes. 16

17 Titolo: Brevettazione universitaria e open science: il caso italiano Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Fabio Montobbio Breve descrizione del Progetto: Le università italiane sono state considerate (fino ai cambiamenti recenti nella legislazione) i proprietari naturali dei diritti di proprietà riguardo alle invenzioni dei loro impiegati. Tradizionalmente però gli sforzi per approfittare di questa disposizione legale sono stati piccoli. Accanto a ciò si riscontra l esistenza di un numero non-trascurabile di inventori accademici, vale a dire professori e ricercatori che appaiono come inventori su molti brevetti USA ed Europei. La maggior parte di tali brevetti sono assegnati non alle loro università, ma ad imprese o al CNR. Vi è motivo di ritenere che gli inventori accademici giochino un ruolo cruciale nel collegamento fra università e industria. Cioè potrebbero svolgere un ruolo di collegamento fra i regni delle open science e della tecnologia proprietaria (Dasgupta e David, 1994). Il lavoro si propone di controllare se questo ruolo venga attuato a spese del rendimento scientifico degli inventori accademici, (come suggerito da alcuni lavori Mowery e Sampat, 2001; David, Mowery e Steinmueller, 1994) o, al contrario, se vi siano collegamenti virtuosi con le attività di pubblicazione, ( le superstar descritte da Zucker, Darby, Armstrong, 1994); o, per concludere, se non vi sia alcuna relazione fra brevetti e attività accademica di ricerca. 17

18 Titolo: Trend e cicli comuni nelle serie storiche economiche Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Paolo Paruolo Breve descrizione del Progetto: Il presente progetto intende proseguire l attività di ricerca del coordinatore sullo sviluppo e l analisi di tecniche inferenziali per modelli ei serie storiche non stazionarie, caratterizzate da componenti non stazionarie di tipo integrato (passeggiate casuali) e cointegrate. Tali processi permettono una rappresentazione a trend comuni. In particolare il presente progetto prevede di analizzare la rappresentazione e l inferenza relativa a componenti comuni di ciclo economico, rappresentabili da fattori comuni di correlazione seriale. Lo studio analizzerà processi integrati di ordine 1[I(1)] e integrati di ordine 2 [I(2)]. 18

19 Titolo: Trend e cicli economico-finanziari comuni nell Unione Europea Titolo del progetto nazionale: Modelli econometrici per l'analisi dell'integrazione finanziaria ed economica nell'unione Europea Allargata (Coordinato da Domenico Sartore, Università "Cà Foscari" di Venezia, Dipartimento di Scienze Economiche) Ente Finanziatore: Miur, Progetto Cofin 2004 Responsabile del Progetto: Paolo Paruolo Membri del Gruppo di Ricerca: Giancarlo Bertocco, Raffaello Seri, Marcello Spanò, Christine Choirat Breve descrizione del Progetto: La ricerca intende studiare i meccanismi di interazione tra i diversi mercati all'interno dell'area Euro, e tra variabili macroeconomiche e finanziarie all interno dello stesso mercato, sia attraverso un analisi di teoria economica che attraverso la derivazione e l applicazione di metodologie econometriche adeguate per testare proposizioni teoriche relative ai trend e cicli economici. L attenzione è incentrata in particolare sui seguenti aspetti: 1) Aspetti istituzionali 2) Cause delle crisi e degli squilibri finanziari 3) Cicli comuni e ruolo delle aspettative 4) Teoria econometrica 19

20 Titolo: Disciplina civilistica e fiscale degli strumenti ibridi di finanziamento Ente Finanziatore: Ateneo, Fondi di Ateneo per la Ricerca 2004 Responsabile del Progetto: Sergio Patriarca Membri del Gruppo di Ricerca: Maria Pierro, Ilaria Capelli, Paolo Borghini Breve descrizione del Progetto: La riforma del diritto societario attuata con il decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 6, modifica radicalmente il regime delle azioni, e in particolare quello delle obbligazioni, prevedendo la possibilità di emettere strumenti finanziari muniti di diritti patrimoniali o anche amministrativi. Pur senza la pretesa che l introduzione di nuove categorie di azioni e di strumenti finanziari ibridi risolva tutti i problemi di finanziamento delle società, appare di notevole interesse valutare l applicazione di queste nuove opportunità in alternativa ai metodi tradizionali. La riforma societaria ha inciso sostanzialmente sugli articoli 2346 e seguenti del codice civile. Oltre alle azioni e obbligazioni, il nuovo codice individua due nuove tipologie di strumenti finanziari. Da un lato, è possibile emettere, a fronte di un determinato apporto anche di opere o servizi, strumenti finanziari partecipativi, che attribuiscono ai loro possessori diritti patrimoniali e diritti amministrativi, slegati da ogni rapporto con il capitale sociale. Dall altro, è prevista l emissione di strumenti finanziari diversi dalle obbligazioni ma pur sempre disciplinati dalle norme sulle obbligazioni di cui all art. 2411, terzo comma, del codice civile. La dottrina è in difficoltà nell individuare i punti di confine tra gli strumenti finanziari assimilati alle obbligazioni dall art. 2411, terzo comma, del codice civile e gli strumenti finanziari partecipativi di cui al precedente articolo 2436 del codice civile. Contemporaneamente alla legge delega per la riforma societaria è stata varata la legge 7 aprile 2003, n. 80, recante la delega per la riforma fiscale statale e destinata ad incidere radicalmente sulla tassazione dei proventi derivanti dalle azioni e dei titoli ad esse equiparate. A seguito delle citate innovazioni in ambito societario è stato necessario, infatti, intervenire sul sistema fiscale per adeguare la relativa disciplina alle nuove norme del codice civile. A tal fine è stata istituita la Commissione Gallo, la quale è intervenuta con riferimento, in particolare, alla disciplina delle azioni, delle obbligazioni e dei nuovi strumenti finanziari, partecipativi e non partecipativi. L incertezza esistente sul piano civilistico nella classificazione degli strumenti finanziari fra quelli assimilati alle obbligazioni e quelli qualificabili come strumenti finanziari partecipativi non è irrilevante sotto il profilo fiscale. La qualificazione giuridica di un titolo in termini di azione, di strumento finanziario assimilato all azione, di obbligazione o di strumento finanziario assimilato all obbligazione produce effetti molto rilevanti. 20

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014

CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE. Anno accademico 2013-2014 CORSO UNIVERSITARIO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN SERVIZI PUBBLICI DIPARTIMENTO DI DIRITTO ECONOMIA E CULTURE Anno accademico 2013-2014 Como - Varese, 15 febbraio 2014 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO )

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA ESTRATTO DA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI RECLUTAMENTO DI RICERCATORI E DOCENTI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) 1 Requisiti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012

VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Verbale n. 1/2012 VERBALE DELLA RIUNIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Verbale n. 1/2012 Il giorno 20 marzo 2012 alle ore 15.00 presso la sede universitaria di Via dei Caniana n. 2, si

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti

Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Linee guida per la compilazione della SUA-RD da parte di docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti Versione 1.1 2 dicembre 2014 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Cosa devono fare docenti, ricercatori,

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

I laureati magistrali in Scienze Statistiche

I laureati magistrali in Scienze Statistiche http://www.safs.unifi.it I laureati magistrali in Scienze Statistiche I nostri testimonial Nota: la Laurea Magistrale in Statistica, Scienze Attuariali e Finanziarie è stata attivata nell a.a. 2012/2013

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

L internazionalizzazione della comunità scientifica degli aziendalisti senza rinunciare alle proprie radici 1

L internazionalizzazione della comunità scientifica degli aziendalisti senza rinunciare alle proprie radici 1 L internazionalizzazione della comunità scientifica degli aziendalisti senza rinunciare alle proprie radici 1 Al contrario di quanto spesso si ritenga, il vento dell internazionalizzazione è iniziato presto

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015 CONSULENTI DEL LAVORO: Rag. Gioacchino De Marco Dott. Riccardo Canu Dott. Elena Zanon P.az Roberta Gregoris Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine Via Zanon 16/6 33100 Udine

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa

Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa Il requisito del pubblico concorso per enti anche formalmente o solo sostanzialmente pubblici. Pubblicizzazione giurisprudenziale e legislativa di Sandro de Gotzen (in corso di pubblicazione in le Regioni,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli