Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Grugliasco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Grugliasco"

Transcript

1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Grugliasco Approvato con deliberazione C.c. n.96 del 20/12/2011 pagina 1 di 92

2 Comune di Grugliasco Settore Sviluppo Compatibile in collaborazione con il settore LL.PP. Responsabili del progetto:dott. Giovanna La Torre, dott. Vladimiro Bottone Documento realizzato con il supporto tecnico scientifico dell Istituto di Ricerche Ambiente Italia srl e Provincia di Torino La Provincia di Torino, con DGP n /2010, ha aderito in qualità di Struttura di supporto all'iniziativa della Commissione Europea denominata Patto dei sindaci, che raccoglie i Comuni che intendono impegnarsi formalmente a redigere e attuare un piano di azione per lo sviluppo delle politiche energetiche. La Provincia di Torino si pone come obiettivi: Favorire l'adesione di Comuni al Patto dei Sindaci, offrendo coordinamento e supporto nella fase di ratifica Assistere gli Enti locali nella redazione dei Piani d'azione Supportare l'attuazione dei Piani d'azione e organizzare iniziative di animazione locale per aumentare la conoscenza sul tema tra i cittadini Rendicontare periodicamente alla Commissione Europea i risultati raggiunti. Ambiente Italia è un gruppo leader in Italia e in Europa nella ricerca e nella consulenza. Opera nel campo dell'analisi, della pianificazione e della progettazione ambientale, si occupa anche di formazione e gestisce campagne di comunicazione. È accreditata come Centro di competenza europeo sulle politiche ambientali urbane e come ESCO riconosciuta dall'autorità per l'energia elettrica e il gas. È partner della Campagna Europea Energie Sostenibili e della Rete Mondiale dell'impronta Ecologica nonché prima azienda italiana accreditata Footprint Expert. pagina 2 di 92

3 Indice 1 SINTESI DEL PAES L ANALISI DEL BILANCIO ENERGETICO E DEL BILANCIO DELLE EMISSIONI LA DEFINIZIONE DELLA BASE-LINE E DEL QUADRO DEGLI OBIETTIVI LE AZIONI PREVISTE DAL PAES FINALIZZATE AL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI LA DEFINIZIONE DELL OBIETTIVO DI RIDUZIONE AL INTRODUZIONE LA REDAZIONE DEL PAES Il Bilancio energetico e l Inventario delle emissioni Gli scenari virtuosi Le schede d azione FINALITA E OBIETTIVI DEL P.A.E.S. DI GRUGLIASCO Le finalità del Obiettivi di breve e di medio-lungo periodo INQUADRAMENTO GENERALE DEL COMUNE DI GRUGLIASCO IL BILANCIO ENERGETICO COMUNALE METODOLOGIA I CONSUMI ENERGETICI COMPLESSIVI ANALISI DEI VETTORI ENERGETICI ANALISI DEI SETTORI ENERGETICI La residenza Il terziario Il settore pubblico I trasporti...39 Provincia di Torino L industria L agricoltura LA PRODUZIONE LOCALE DI ENERGIA IL BILANCIO COMUNALE DELLE EMISSIONI LA DEFINIZIONE DELLA BEI (BASELINE EMISSION INVENTORY INDUSTRIA E AGRICOLTURA ESCLUSE) IL SEAP TEMPLATE I CONSUMI FINALI DI ENERGIA E LE RELATIVE EMISSIONI DI CO2 NELLA BASELINE (2000) I CONSUMI FINALI DI ENERGIA E LE RELATIVE EMISSIONI DI CO2 NEL 2009 (ULTIMO ANNO DISPONIBILE DELLA SERIE STORICA) IL PIANO D AZIONE...57 pagina 3 di 92

4 8.1 LA METODOLOGIA LA DEFINIZIONE DI SCENARI VIRTUOSI LE SCHEDE D AZIONE Sintesi delle azioni e risultati attesi Le azioni previste Il monitoraggio delle azioni inserite nel PAES...92 pagina 4 di 92

5 1 SINTESI DEL PAES 1.1 L analisi del bilancio energetico e del bilancio delle emissioni Il Comune di Grugliasco nel 2009 ha fatto registrare un consumo energetico complessivo pari a 862 GWh. La quota maggiore si riferisce al settore industriale, che percentualmente rappresenta circa il 32% del totale. In termini relativi, nel 2009, incidono in maniera significativa anche il settore residenziale (28,8%), il settore dei trasporti privati e commerciali (23%) ed il settore terziario (14%). Rispetto al 2000, primo anno disponibile della serie storica, si è osservato un calo dei consumi pari al 21,8%. Se si escludono i settori industriale ed agricolo, si registra un decremento più ridotto, pari al 7,9%. Si può notare inoltre una riduzione anche dei consumi pro capite nello stesso intervallo di tempo, sebbene questo fenomeno avvenga in modo meno marcato, -4,1%. Consumi energetici complessivi e pro capite (industria e agricoltura esclusi) , ,28 16,69 16,55 16,48 17,01 16, [MWh] ,75 15,45 15, MWh/res Grafico Consumi complessivi Pro capite Analizzando il trend delle emissioni di CO 2 ed escludendo nuovamente il settore industriale ed il settore agricolo, si osserva una riduzione tendenziale delle emissioni assolute pari al 14,9% rispetto al primo anno della serie storica e una netta riduzione anche delle emissioni pro capite nello stesso intervallo di tempo, -11,4%. Evoluzione delle emissioni di CO 2 (industria e agricoltura esclusi) ,51 4,53 4, ,28 4,34 4,36 4,37 4,28 4,4 [ton CO 2 ] ,02 3,85 3,80 4,2 4,0 3,8 [t CO 2 /res] Grafico ,6 3,4 Emissioni Pro capite pagina 5 di 92

6 1.2 La definizione della Base-line e del quadro degli obiettivi Per il Comune di Grugliasco la BEI è stata fissata al Tale scelta vuole da un lato escludere dall evoluzione delle emissioni le forti riduzioni (soprattutto nel settore dei trasporti) degli ultimi anni, in gran parte connesse alle difficoltà economiche derivanti dalla crisi finanziaria iniziata a fine 2006 e dall altro dipende dalla disponibilità dei dati, completa ed esaustiva solo a partire da quell anno. Stando ai dati elaborati, nel 2000 le emissioni di CO 2 complessive attribuibili al territorio comunale di Grugliasco sono state pari a tonnellate. In termini di ripartizione delle emissioni di CO 2, si osserva immediatamente che le quote più consistenti spettano al settore dei trasporti, alla residenza, ed al settore terziario, che contribuiscono rispettivamente con il 40%, 37% e 20% alle emissioni totali. Marginale ma comunque importante la quota del settore pubblico, che contribuisce per il 3% del totale. Da tale analisi emerge chiaramente come l amministrazione comunale di Grugliasco, per poter raggiungere gli obiettivi preposti, abbia l obbligo di intervenire non solo sul proprio patrimonio (attraverso interventi diretti), ma per la gran parte su settori che non sono di propria diretta competenza (attraverso interventi di indiretti di stimolo, di formazione, di informazione, di apprendimento collettivo). E necessario pertanto promuovere azioni che agiscano sul patrimonio edilizio privato e che possano ridurre l impatto ambientale determinato dalla mobilità commerciale e privata. Agire esclusivamente sul patrimonio pubblico non può essere sufficiente a raggiungere il limite di riduzione minimo del 20%. Nel breve periodo, vale a dire in un arco temporale che varia da 1 a 4 anni, la Città di Grugliasco si propone di attuare, sotto il profilo energetico - ambientale, una serie di interventi finalizzati a: ridurre la bolletta energetica del Comune consentendo di liberare risorse finanziarie per altri utilizzi nell ambito della manutenzione / riqualificazione degli stabili comunali; migliorare la qualità della vita a livello locale, in termini di comfort degli edifici, sicurezza, qualità dell aria e salute collettiva; promuovere l innovazione per l efficienza energetica la cittadinanza, contribuendo a ridurre la bolletta energetica dei residenti e proteggendo quindi, di fatto, il loro reddito nel tempo. Gli obiettivi di carattere energetico ambientale che la Città di Grugliasco di prefigge di raggiungere in un orizzonte medio lungo di tempo, intercorrente dai 4 ai 10 anni, sono funzionali allo sviluppo sostenibile del territorio comunale, alla salvaguardia della salute dei cittadini ed alla conservazione dell ecosistema dell area. pagina 6 di 92

7 1.3 Le azioni previste dal PAES finalizzate al raggiungimento degli obiettivi Schede d azione Settore Riduzione dei consumi (MWh) Produzione di energia da fonti rinnovabili (MWh) Riduzione delle emissioni di CO 2 (t CO 2 ) Tempi di attuazione Ufficio competente Risorse finanziarie previste G.1 Gestione del PAES Trasversale ai settori Lungo periodo Ambiente-LL.PP. Risorse pubbliche R.1 Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Residenziale Lungo periodo Edilizia Risorse pubblico/private R.2 Ampliamento della rete del teleriscaldamento Residenziale Medio/ Lungo periodo Ambiente Risorse pubblico/private R.3 Riduzione dei fabbisogni elettrici del settore residenziale privato Residenziale Medio/ Lungo periodo Ambiente Risorse pubblico/private R.4 Diffusione di sistemi solari termici per la produzione di ACS negli edifici residenziali R.5 Diffusione di sistemi solari fotovoltaici nel settore residenziale T.1 Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Riqualificazione energetica degli edifici del settore terziario Residenziale Lungo periodo Ambiente Risorse pubblico/private Residenziale Lungo periodo Ambiente Risorse pubblico/private Terziario Lungo periodo Edilizia-Ambiente Risorse pubblico/private T.2 Riduzione dei fabbisogni elettrici del settore terziario Terziario Medio/ Lungo periodo Ambiente Risorse pubblico/private P.1 Risparmio di energia elettrica negli edifici pubblici Pubblico Breve periodo LL.PP. Risorse pubbliche P.2 Diffusione di impianti fotovoltaici sugli edifici pubblici Pubblico Breve/Medio periodo LL.PP. Risorse pubbliche P.3 Adeguamento degli impianti di illuminazione pubblica con lampade a basso consumo Pubblico Breve/Medio periodo LL.PP. Risorse pubbliche ( ) Risorse TR.1 Svecchiamento/rinnovo del parco veicolare privato Trasporti Lungo periodo Servizio Provv.Economato TR.2 Piste ciclabili, car sharing, bike sharing, controllo della velocità di circolazione, iniziative dedicate alla promozione e informazione sulla mobilità sostenibile pubblico/private Trasporti 12-3 Breve/Medio periodo Ambiente-LL.PP. Risorse pubblico/private ( ) TOTALE pagina 7 di 92

8 1.4 La definizione dell obiettivo di riduzione al Obiettivo minimo Riduzione da PAES [t CO 2 ] Grafico Contributo dei settori all'obiettivo di riduzione TLR 32% Residenziale 48% Grafico 4 Terziario 7% Pubblico 1% Trasporti 12% Grafico 5 pagina 8 di 92

9 Complessivamente, sommando tutti i contributi delle azioni elencate, si ottiene un valore complessivo di riduzione pari a tonnellate. Rispetto al limite minimo definito dai requisiti del Patto dei Sindaci, la riduzione prevista per il comune di Grugliasco, rispetto all anno BEI, risulta essere pari al 32,9%. Il settore che contribuisce maggiormente alla riduzione è quello residenziale. La riduzione è strettamente connessa ai vincoli definiti nell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale. Per quanto riguarda il settore dei trasporti, gran parte della riduzione è dovuto al miglioramento dell efficienza energetica del parco circolante. Tuttavia, un importante contributo deriva anche dalle azioni che il Comune si propone di realizzare in termini di nuove di piste ciclabili, bike e car sharing, azioni di riduzione delle velocità di circolazione e organizzazione di iniziative volte alla promozione dell utilizzo della bicicletta rispetto all auto privata. Ovviamente il settore pubblico è a carico completo dell amministrazione comunale. Le azioni prevedono l efficientizzazione del sistema elettrico degli edifici pubblici, la realizzazione di impianti fotovoltaici sugli edifici e la riduzione dei consumi di illuminazione pubblica grazie al miglioramento dell efficienza dei singoli punti luce. Il terziario è infine un settore che evolverà autonomamente verso una progressiva riduzione. pagina 9 di 92

10 2 INTRODUZIONE Nel corso degli ultimi anni le problematiche relative alla gestione delle risorse energetiche stanno assumendo una posizione centrale nel contesto dello sviluppo sostenibile: sia perché l energia è una componente essenziale dello sviluppo economico, sia perché i sistemi di produzione energetica risultano i principali responsabili delle emissioni di gas climalteranti. Come diretta conseguenza di ciò, l andamento delle emissioni dei principali gas serra è, da tempo, considerato uno degli indicatori più importanti per monitorare l impatto ambientale di un sistema energetico territoriale (a livello globale, nazionale, regionale e locale). Per queste ragioni, in generale, vi è consenso sull opportunità di dirigersi verso un sistema energetico più sostenibile, rispetto agli standard attuali, attraverso tre principali direzioni di attività: 1. maggiore efficienza e razionalizzazione dei consumi; 2. modalità innovative, più pulite e più efficienti di produzione e trasformazione dell energia; 3. ricorso sempre più ampio alla produzione di energia da fonte rinnovabile. La spinta verso modelli di sostenibilità nella gestione energetica si contestualizza in una fase in cui lo stesso modo di costruire politiche energetiche si sta evolvendo sia a livello internazionale che ai vari livelli governativi sotto ordinati. In questo contesto si inserisce la strategia integrata in materia di energia e cambiamenti climatici adottata definitivamente dal Parlamento europeo e dai vari stati membri il 6 aprile 2009 e che fissa obiettivi ambiziosi al 2020 con l intento di indirizzare l Europa verso un futuro sostenibile basato su un economia a basso contenuto di carbonio ed elevata efficienza energetica. Le scelte della Commissione europea si declinano in tre principali obiettivi al 2020: ridurre i gas serra del 20% rispetto ai valori del 1990; ridurre i consumi energetici del 20% attraverso un incremento dell efficienza energetica, rispetto all andamento tendenziale; soddisfare il 20% del fabbisogno di energia degli usi finali del 2020 con fonti rinnovabili. L Europa declina quest ultimo obiettivo a livello nazionale, assegnando ai vari stati membri una quota di energia obiettivo, prodotta da fonte rinnovabile e calcolata sul consumo finale di energia al La quota identificata per l Italia è pari al 17%, contro il 5,2% calcolato come stato di fatto al L 11 giugno 2010 l Italia ha adottato un Piano Nazionale d Azione per le rinnovabili che contiene le modalità che s intendono perseguire per il raggiungimento dell obiettivo al Gli stringenti obiettivi di Bruxelles pianificano un capovolgimento degli assetti energetici internazionali contemplando per gli stati membri dell Unione Europea la necessità di una crescente dipendenza dalle fonti rinnovabili e obbligando ad una profonda ristrutturazione delle politiche nazionali e locali nella direzione di un modello di generazione distribuita che modifichi profondamente anche il rapporto fra energia, territorio, natura e assetti urbani. Oltre ad essere un importante componente di politica ambientale, l economia a basso contenuto di carbonio diventa soprattutto un obiettivo di politica industriale e sviluppo economico, in cui l efficienza energetica, le fonti rinnovabili e i sistemi di cattura delle emissioni di CO2 sono viste come un elemento di competitività sul mercato globale e un elemento su cui puntare per mantenere elevati livelli di occupazione locale. Un passaggio epocale deve essere fatto anche nelle modalità con cui si pensa al sistema energetico di un territorio. Non bisogna limitarsi a obiettivi legati ai MW installati, bensì bisogna pensare a un sistema in cui le città diventino al tempo stesso consumatori e produttori di energia e che, inoltre, il fabbisogno energetico, ridotto al minimo, sia soddisfatto da calore ed elettricità prodotti da impianti alimentati con fonti rinnovabili, integrati con sistemi cogenerativi e reti di pagina 10 di 92

11 teleriscaldamento. E necessario definire strategie che a livello locale integrino le rinnovabili nel tessuto urbano, industriale e agricolo. In questo senso è strategica la riconversione del settore delle costruzioni per ridurre i consumi energetici e le emissioni di gas serra: occorre unire programmi di riqualificazione dell edificato esistente e requisiti cogenti per il nuovo, rivolti ad una diffusione di fonti rinnovabili sugli edifici capaci di soddisfare parte del fabbisogno delle utenze, decrementandone la bolletta energetica. E evidente la portata in termini di opportunità occupazionali e vantaggi dal punto di vista paesistico di questo nuovo modo di pensare il rapporto fra energia e territorio. È necessario per i Comuni valutare attraverso quali azioni e strumenti le funzioni di un Ente Locale possono esplicitarsi e dimostrarsi incisive nel momento in cui si definiscono le scelte in campo energetico sul proprio territorio. In questo contesto si inserisce l iniziativa Patto dei sindaci promossa dalla Commissione Europea e mirata a coinvolgere le città europee nel percorso verso la sostenibilità energetica ed ambientale. Questa iniziativa, di tipo volontario, impegna le città aderenti a predisporre piani d azione (PAES Piani d Azione per l Energia Sostenibile) finalizzati a ridurre del 20% e oltre le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche locali che migliorino l efficienza energetica, aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile e stimolino il risparmio energetico e l uso razionale dell energia. La redazione del PAES si pone dunque come obiettivo generale quello di individuare il mix ottimale di azioni e strumenti in grado di garantire lo sviluppo di un sistema energetico efficiente e sostenibile che: dia priorità al risparmio energetico e alle fonti rinnovabili come mezzi per la riduzione dei fabbisogni energetici e delle emissioni di CO 2 ; risulti coerente con le principali peculiarità socio-economiche e territoriali locali. Il PAES si basa su un approccio integrato in grado di mettere in evidenza la necessità di progettare le attività sul lato dell offerta di energia in funzione della domanda presente e futura, dopo aver dato a quest ultima una forma di razionalità che ne riduca la dimensione. Le attività messe in atto per la redazione dei PAES seguono le linee guida preparate dal Joint Research Centre (J.R.C.) per conto della Commissione Europea. Le linee d azione contenute riguardano, in coerenza con le indicazioni della pianificazione sovraordinata, sia la domanda che l offerta di energia a livello locale. L obiettivo del Piano, se da un lato è quello di permettere un risparmio consistente dei consumi energetici a lungo termine attraverso attività di efficientizzazione e di incremento della produzione energetica da fonti rinnovabili, dall altro vuole sottolineare la necessità di superare le fasi caratterizzate da azioni sporadiche e disomogenee per passare ad una miglior programmazione, anche multi settoriale. Questo obiettivo, che potrebbe apparire secondario, diventa principale se si considera che l evoluzione naturale del sistema energetico va verso livelli sempre maggiori di consumo ed emissione. Occorre quindi, non solo programmare le azioni da attuare, ma anche coinvolgere il maggior numero di attori possibili sul territorio e definire strategie e politiche d azione integrate ed intersettoriali. In questo senso è importante che i futuri strumenti di pianificazione settoriale risultino coerenti con le indicazioni contenute in questo documento programmatico: Piani per il traffico, Piani per la Mobilità, Strumenti Urbanistici e Regolamenti edilizi devono definire strategie e scelte coerenti con i principi declinati in questo documento e devono monitorare la qualità delle scelte messe in atto, anche in base alla loro qualità ambientale e di utilizzo dell energia. E importante che siano considerati nuovi indicatori nella valutazione dei documenti di piano che tengano conto, ad esempio della mobilità indotta nelle nuove lottizzazioni e che, contemporaneamente, permettano di definire meccanismi di compensazione o riduzione della stessa. pagina 11 di 92

12 Un ruolo fondamentale nell attuazione delle politiche energetiche appartiene al Comune, che può essere considerato: ente pubblico proprietario e gestore di un patrimonio proprio (edifici, veicoli, illuminazione); ente pubblico pianificatore, programmatore e regolatore del territorio e delle attività che su di esso insistono; ente pubblico promotore, coordinatore e partner di iniziative informative ed incentivanti su larga scala. Con propria deliberazione C.C. 95 /2010, la Città di Grugliasco ha aderito al Patto dei Sindaci, che raccoglie i Comuni intenzionati ad impegnarsi in maniera forte per redigere ed attuare un Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES). 2.1 LA REDAZIONE DEL PAES Al fine di redigere il PAES il Comune di Grugliasco, con il supporto tecnico-scientifico della Provincia di Torino, ha provveduto: ad effettuare l analisi energetico - ambientale del territorio e delle attività che hanno luogo su di esso, tramite la messa a punto di un bilancio energetico e la predisposizione di un inventario delle emissioni di gas serra; a valutare le possibilità di intervento in chiave di riduzione dei consumi energetici finali, nei diversi comparti di consumo, e di incremento della produzione locale di energia da fonti rinnovabili o altre fonti a basso impatto ambientale. In questa cornice s inserisce la costruzione di possibili scenari di evoluzione del sistema energetico locale; a definire la parte propositiva del PAES attraverso: o l individuazione degli obiettivi al 2020 di riduzione delle emissioni climalteranti e delle linee strategiche atte a conseguirle; o l elenco delle azioni da intraprendere definendo diversi livelli di priorità; o identificazione e analisi degli strumenti più idonei per realizzare gli interventi; o quantificazione del contributo che ciascuna azione potrà fornire al raggiungimento degli obiettivi sopra identificati Il Bilancio energetico e l Inventario delle emissioni Il PAES è formato da due parti distinte. La prima è dedicata alla ricostruzione della base di partenza (baseline) relativa al sistema energetico locale. Questa elaborazione costituisce un prerequisito essenziale per la pianificazione energetica, poiché non si limita a fotografare lo stato di fatto, ma fornisce strumenti analitici ed interpretativi del territorio comunale sotto il profilo energetico e delle sue possibili evoluzioni. Il Bilancio energetico della Città di Grugliasco permette dunque: di valutare l efficienza energetica del sistema; di evidenziare le tendenze in atto, supportando delle previsioni di periodo medio-breve; di individuare i settori strategici di intervento. Il primo passo per la messa a punto del Bilancio energetico della Città di Grugliasco consiste nella costruzione di una banca-dati relativa ai consumi dei diversi vettori energetici (elettricità, calore, gas naturale, GPL, olio combustibile, gasolio, benzina, biomassa, solare termico), visti isolatamente oppure incrociati con i settori di impiego finale (residenziale, terziario, industria, agricoltura, trasporti, settore pubblico). pagina 12 di 92

13 2.1.2 Gli scenari virtuosi La seconda parte del PAES, che muove appunto dai risultati del sistema energetico, sviluppa una ricognizione delle risorse disponibili a livello locale, sia sul lato dell offerta di fonti energetiche direttamente impiegabili, sia sul lato dei margini di risparmio energetico nei diversi settori di attività. Ciò allo scopo di identificare e quantificare scenari alternativi virtuosi, raggiungibili mediante l assunzione di idonee iniziative. Sotto questo profilo, uno degli ambiti di intervento prioritari del Comune investe la sua titolarità di Ente gestore rispetto ad un patrimonio che abbisogna di energia e genera emissioni. Particolarmente rilevanti appaiono, in questo senso, i dati riportati nella Tabella 1 del PAES, laddove si registrava un incremento dei consumi energetici attribuiti agli edifici comunali e all illuminazione pubblica pari al 10,9%, in relazione al periodo esaminato. La definizione degli scenari virtuosi, quindi, vede come imprescindibile un intervento di razionalizzazione / efficientamento da parte del Comune in quanto soggetto gestore Le schede d azione Alle schede d azione viene affidata la definizione il più possibile operativa e coerente degli interventi che discendono tanto dal Bilancio energetico, quanto dalla estrapolazione di scenari virtuosi riferiti al territorio cittadino. Gli ambiti d intervento toccati nel PAES comprendono: o il settore civile termico ed elettrico (residenziale e terziario); o il settore pubblico (parco edilizio pubblico, illuminazione e flotta veicolare pubblica), particolarmente alla luce delle risultanze emerse in sede di Bilancio energetico e di Inventario delle emissioni ; o la mobilità privata; o la diffusione delle fonti rinnovabili; o l adeguamento della propria struttura tecnica. 2.2 FINALITA E OBIETTIVI DEL P.A.E.S. DI GRUGLIASCO Le finalità del Il Piano d Azione sull Energia della Città di Grugliasco intende configurarsi non solo come un elemento obbligatorio previsto dal Patto dei Sindaci, ma proporsi anche e soprattutto come un assunzione di responsabilità ed uno strumento operativo utile a più livelli. Sotto il profilo comunicativo il PAES della Città di Grugliasco consente: o di facilitare la comunicazione con la cittadinanza in generale ed i portatori di interesse locale (stakeholders) fornendo, in un unico documento di sintesi, gli obiettivi energetico - ambientali fatti propri dall Amministrazione comunale; obiettivi particolareggiati ad un maggiore livello di dettaglio attraverso la descrizione delle azioni e delle misure che si intende realizzare; o di rendere, proprio per questi motivi, più immediata la condivisione degli obiettivi con i cittadini e le imprese. Sotto l aspetto più specificamente operativo e gestionale, il si presenta come lo strumento più idoneo per: o inserire in una cornice unitaria e coerente una serie di azioni e misure che, proprio perché portate a sistema, possono reciprocamente valorizzarsi e rafforzarsi; o generare una continuità nel tempo delle linee d azione individuate e/o avviate dall Ente e dalle sue articolazioni tecniche; pagina 13 di 92

14 o rendere meno generici gli obiettivi in campo energetico - ambientate, esplodendoli in una serie di azioni specifiche e misurabili che consentano un monitoraggio, nel tempo, dei risultati ottenuti e del grado di conseguimento degli obiettivi. Proprio per scongiurare la genericità ed il pericolo che il documento potesse prendere la forma di una elencazione di semplici buone intenzioni, non suffragate da adeguate istruttorie di fattibilità, le varie schede d azione sono state redatte privilegiando, in linea di massima: 1) le criticità evidenziate in sede di elaborazione del Bilancio energetico e dell Inventario delle emissioni. Sotto quest aspetto una particolare rilevanza assume il trend registrato dalle emissioni di anidride carbonica (CO2) afferenti al patrimonio pubblico comunale che, nell intervallo di tempo dal 2000 al 2009, hanno fatto segnare un incremento pari al 13% ; 2) le iniziative con più elevata possibilità di attuazione proprio perché o già programmate o, in alternativa, perché discendenti da atti di indirizzo già assunti dalla Città di Grugliasco. La concretezza delle schede, pure nella loro sinteticità, consentirà di svolgere quell opera di monitoraggio in itinere che il Patto dei Sindaci prescrive in chiave di Rapporto biennale sullo stato di avanzamento dei processi messi in previsione. Le Schede d Azione contenute nel P.A.E.S. della Città di Grugliasco costituiscono, pertanto, la traduzione operativa di cui l Ente si dota per realizzare una serie di obiettivi scadenzati sul breve e sul medio periodo Obiettivi di breve e di medio-lungo periodo Nel breve periodo, vale a dire in un arco temporale che varia da 1 a 4anni, la Città di Grugliasco si propone di attuare, sotto il profilo energetico - ambientale, una serie di interventi finalizzati a: ridurre la bolletta energetica del Comune consentendo di liberare risorse finanziarie per altri utilizzi nell ambito della manutenzione / riqualificazione degli stabili comunali; migliorare la qualità della vita a livello locale, in termini di comfort degli edifici, sicurezza, qualità dell aria e salute collettiva; promuovere l innovazione per l efficienza energetica la cittadinanza, contribuendo a ridurre la bolletta energetica dei residenti e proteggendo quindi, di fatto, il loro reddito nel tempo. Gli obiettivi di carattere energetico ambientale che la Città di Grugliasco di prefigge di raggiungere in un orizzonte medio lungo di tempo, intercorrente dai 4 ai 10 anni, sono funzionali allo sviluppo sostenibile del territorio comunale, alla salvaguardia della salute dei cittadini ed alla conservazione dell ecosistema dell area. Più in particolare, gli obiettivi attesi sono costituiti: dal raggiungimento degli obiettivi imposti dall adesione al Patto dei Sindaci, che tendono all efficienza energetica e ad una riduzione delle emissioni di CO2 del 20% al pagina 14 di 92

15 3 INQUADRAMENTO GENERALE DEL COMUNE DI GRUGLIASCO pagina 15 di 92

16 Evoluzione delle popolazione residente Popolazione residente nel Comune di Grugliasco Grafico 6 Evoluzione della popolazione residente dal 2000 al 2009 (fonte: Istat) Popolazione residente nella Provincia di Torino Evoluzione della composizione delle famiglie Numero di famiglie Popolazione residente Popolazione residente Numero di famiglie residenti Grafico 7 Evoluzione della composizione delle famiglie dal 2003 al 2009 (fonte: Istat) pagina 16 di 92

17 Evoluzione del tessuto edificato Numero di edifici Numero di alloggi Grafico 8 Evoluzione del tessuto edificato per numero di edifici e di alloggi dal 2001 al 2009 (fonte: Istat per l anno 2001; stima dell evoluzione successiva) Il tessuto edificato per periodo di costruzione (2001) Prima del 1919 Dal 1919 al 1945 Dal 1946 al 1961 Dal 1962 al 1971 Dal 1972 al 1981 Dal 1982 al 1991 Dopo il 1991 Numero di edifici Grafico 9 Il tessuto edificato edifici per periodo di costruzione nel 2001 (fonte: Istat) pagina 17 di 92

18 Evoluzione del parco veicolare circolante Numero di veicoli Popolazione residente Popolazione residente Numero di veicoli Grafico 10 Evoluzione del parco veicolare circolante dal 2000 al 2009 (fonte: ACI) Il parco autoveicolare circolante per classificazione Euro (2009) Euro 0 Euro 1 Euro 2 Euro 3 Euro 4 Euro 5 Numero di autoveicoli Grafico 11 Il parco autoveicolare circolante per classificazione Euro nel 2009 (fonte: ACI) pagina 18 di 92

19 Dall analisi del grafico 6 si osserva un trend di riduzione della popolazione residente nel Comune di Grugliasco, dal 2000 al Questa riduzione, pari al 4% circa, è in controtendenza rispetto a ciò che avviene più in generale per la Provincia di Torino, nella quale la popolazione cresce del 3,7%. Se si prende in considerazione anche il numero di famiglie residenti si nota come questo valore cresca del 7% circa dal 2003 al 2009; il numero medio di componenti per famiglia si riduce viceversa da 2,53 a 2,31 nello stesso intervallo di tempo, proprio a causa della parallela diminuzione della popolazione residente. Analizzando il tessuto abitativo, si registra, nel 2001, un numero di edifici pari a 2070 ed un relativo numero di alloggi pari a Il rapporto alloggi per edificio ha un valore prossimo a 7, il che mette in evidenza un tessuto sicuramente caratterizzato da edifici condominiali, di medie/grandi dimensioni. Il numero di alloggi tra il 2001 (dato ISTAT) ed il 2009 (stima) cresce del 7,1%, probabilmente a causa del duplice fenomeno, di segno opposto, di riduzione della popolazione e di riduzione del numero medio di componenti per famiglia, con una conseguente crescita del numero di famiglie. Se si osserva la distribuzione del numero di edifici per periodo di costruzione (grafico 9) si nota come circa il 14% sia riconducibile al periodo precedente al 1946, mentre la quota maggiore di edifici (63%) è stata realizzata tra il 1946 ed il 1971, nel periodo del boom edilizio. Negli anni settanta e ottanta è stato costruito il 19% del patrimonio edilizio registrato nel 2001 dall ISTAT, mentre solo il 4% è riconducibile al periodo successivo al Questi dati mettono in evidenza come il tessuto edificato del Comune di Grugliasco denoti una certa anzianità, che allo stesso tempo può essere tradotta in un grande potenziale di riqualificazione urbanistica ed energetica. Analizzando il parco veicolare circolante (grafici 10 e 11) si osserva come dal 2000 al 2009 si riduce il numero di veicoli immatricolati circa dello 0,8%. Mettendo in parallelo il numero di veicoli e la popolazione residente si nota un incremento del loro rapporto, che passa da 0,72 veicoli procapite a 0,74 veicoli pro capite. Nel grafico 6 viene suddiviso il parco auto veicolare circolante del 2009 secondo la classificazione Euro; ne emerge una condizione generalmente buona con una percentuale di autoveicoli euro 0 ed euro 1 pari all 11% del totale ed una quota prevalente di autoveicoli euro 4 (37% del totale). pagina 19 di 92

20 4 IL BILANCIO ENERGETICO COMUNALE 4.1 Metodologia Il documento di PAES si compone di due parti, la prima dedicata alla ricostruzione della baseline di partenza, aggiornata almeno al 2008, e la seconda relativa alla creazione di scenari ipotetici sull evoluzione dei consumi energetici e delle emissioni al Scopo della prima fase di analisi è la conoscenza e la descrizione approfondita del sistema energetico locale, vale a dire della struttura della domanda e dell offerta di energia sul territorio del Comune. Tale analisi rappresenta un importante strumento di supporto operativo per la pianificazione energetica, non limitandosi a fotografare la situazione attuale, ma fornendo strumenti analitici e interpretativi del sistema che ci si trova a considerare, della sua evoluzione storica, della sua configurazione a livello territoriale e a livello settoriale. Da ciò deriva la possibilità di indirizzare opportunamente le nuove azioni e le nuove iniziative finalizzate all incremento della sostenibilità del sistema energetico nel suo complesso. Il bilancio energetico permette pertanto di: valutare l efficienza energetica del sistema; evidenziare le tendenze in atto e supportare previsioni di breve e medio termine; individuare i settori di intervento strategici. L approccio metodologico che è stato seguito può essere sinteticamente riassunto nei punti seguenti: quantificazione dei flussi di energia e ricostruzione della loro evoluzione temporale ricostruzione della distribuzione dei diversi vettori energetici nei principali settori di impiego finale; analisi della produzione locale di energia per impianti di potenza inferiore a 20 MW e comunque non inclusi nel sistema ETS; ricostruzione dell evoluzione delle emissioni di gas serra associati al sistema energetico locale. L analisi ha inizio dalla ricostruzione del bilancio energetico e dalla sua evoluzione temporale, procedendo secondo un approccio di tipo top - down, cioè a partire da dati aggregati. Il primo passo per la definizione del bilancio energetico consiste nella predisposizione di una banca dati relativa ai consumi o alle vendite dei diversi vettori energetici, con una suddivisione in base alle aree di consumo finale e per i diversi vettori energetici statisticamente rilevabili. Questa banca dati può essere la base per la strutturazione di un Sistema informativo energeticoambientale comunale. Il livello di dettaglio realizzato per questa prima analisi riguarda tutti i vettori energetici utilizzati e i settori di impiego finale: usi civili (residenziale e terziario), industria, agricoltura e trasporti e settore pubblico. In bilancio saranno inseriti tutti i settori di cui risultano disponibili o elaborabili i dati. Tuttavia le linee guida definite dalla Commissione Europea definiscono la possibilità di non considerare, nella valutazione della quota di riduzione, quanto attribuito al settore industriale. Questo settore, infatti, molto spesso non risulta facilmente influenzabile dalle politiche comunali e in alcuni contesti locali più piccoli rischia di avere un peso sproporzionato rispetto al resto dei consumi. La chiusura o l apertura di nuovi stabilimenti produttivi rischia di condizionare in modo decisivo l obiettivo complessivo. La Provincia di Torino pertanto dà come indicazione quella di non considerare il settore industriale nell elaborazione della baseline e degli obiettivi. pagina 20 di 92

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Comune di Villarbasse

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Comune di Villarbasse Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Comune di Villarbasse Approvato con deliberazione C.c. n.6 del 25/02/2015 Comune di Villarbasse Ufficio tecnico Responsabili del progetto: Geom. Pietro GENTILE

Dettagli

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011

REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) Aprile 2011 REDAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) ATTIVITÀ PREVISTE Aprile 2011 MILANO, VIA CARLO POERIO 39, 20129 MILANO -TEL. (+39) 02 27744 1 - FAX (+39) 02 27744 222 ROMA, VIA VICENZA 5/A,

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Metodologia utilizzata dalla Provincia di Torino per la redazione dei PAES dei Comuni aderenti al Patto dei Sindaci Settembre 2012 pagina 1 di 31 Direttore

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Castegnato

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Castegnato Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Castegnato BASELINE EMISSION INVENTORY Codice AI-C4-11E78-11-1 Versione 1 Committente Comune di Castegnato Stato del documento Definitivo Autore f. loiodice,

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Provaglio d Iseo

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Provaglio d Iseo Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Provaglio d Iseo BASELINE EMISSION INVENTORY Codice AI-C1-11E78-11-1 Versione 1 Committente Comune di Provaglio d Iseo Stato del documento Definitivo

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE giugno 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale certificato

Dettagli

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO

ANALISI PER VETTORE ENERGETICO ANALISI PER VETTORE ENERGETICO Nel 2007 il gas naturale con 2.011,9 ktep risulta essere il vettore energetico più impiegato (44,4%) negli usi finali, seguito dall insieme dei prodotti petroliferi con 1.437,9

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Bilancio Energetico-Ambientale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Varese Ligure (Sp)

Bilancio Energetico-Ambientale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Varese Ligure (Sp) P.A.E.S. LA SPEZIA Bilancio Energetico-Ambientale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile (Sp) Committente Stato del documento Data di approvazione Provincia della Spezia Definitivo 11/02/2011 Indice

Dettagli

Comune di Galliera Veneta

Comune di Galliera Veneta ottobre 2012 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale certificato da DNV UNI EN ISO 14001:2004 CERT-98617-2011-AE-ITA-ACCREDIA

Dettagli

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini

L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI. Giovanni Vicentini L INIZIATIVA PATTO DEI SINDACI Giovanni Vicentini La strategia europea al 2020 20% di fonti rinnovabili nei consumi energetici per usi finali 20% in meno (rispetto al livello tendenziale al 2020) nei consumi

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MESTRINO

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MESTRINO PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MESTRINO ottobre 2012 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Iseo

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Iseo Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Iseo BASELINE EMISSION INVENTORY Codice AI-C13-11E78-11-1 Versione 1 Committente Comune di Iseo Stato del documento Bozza Autore f. loiodice, ch. wolter

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il Patto dei Sindaci

Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci è la principale iniziativa europea che unisce le autorità locali e regionali in un impegno comune per contribuire (raggiungendoli e superandoli)

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE gennaio 2013 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale certificato

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO IN BOSCO

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO IN BOSCO PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI SAN GIORGIO IN BOSCO novembre 2012 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema

Dettagli

La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni

La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni La Provincia di Torino alle prese con l Inventario delle Emissioni Silvio De Nigris Provincia di Torino 2.15 Matrice vettori/settori usi finali.tutto parte dalla costruzione di un bilancio energetico sugli

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Lo strumento conoscitivo a misura di Patto dei Sindaci Diamo valore al Clima: Efficienza, Sostenibilità, Competitività Stefania

Dettagli

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato

Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Scheda R Azione R.1 Fabbisogni energetici dell edilizia residenziale esistente Applicazione dell Allegato Energetico al Regolamento Edilizio. Riqualificazione energetica del parco edilizio privato Obiettivi

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

Patto dei sindaci Comune di Genova

Patto dei sindaci Comune di Genova Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata Superficie agglomerato

Dettagli

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini

L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Paolo Fabbri Alberto Rossini L analisi del sistema energetico comunale e Piano d Azione per l Energia Sostenibile Paolo Fabbri Alberto Rossini Il Patto dei Sindaci L Unione Europea guida la lotta contro il cambiamento climatico e

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TERAMO Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso la sottoscrizione

Dettagli

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA

INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI TORRICELLA SICURA Documento redatto da INTRODUZIONE La Provincia di Teramo ha aderito, in qualità di struttura di supporto, al Patto dei Sindaci e, attraverso

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

9. Energia. 9.1. Introduzione

9. Energia. 9.1. Introduzione 9. Energia 9.1. Introduzione Negli ultimi anni il tema energia è diventato di grande attualità, prefigurandosi come una delle principali problematiche che dovranno essere affrontate nel prossimo futuro.

Dettagli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli

Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì. Francesca Ravaioli Come sviluppare il SEAP: l esperienza del Comune di Forlì Francesca Ravaioli Comune di Forlì Patto dei Sindaci Patto dei Sindaci: cos'è? Il Patto Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo

Dettagli

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia

Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Il Sistema Informativo Regionale Energia e Ambiente di Regione Lombardia Piano Lombardia Sostenibile Lombardia : una Regione ad alta efficienza energetica e a bassa intensità di Dino De Simone Diamo valore

Dettagli

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia

Emissioni di CO 2. 6 rapporto sull energia 6 Emissioni di CO 2 6 rapporto sull energia 99 6. Emissioni di CO 2 Sulla base degli usi finali di energia è possibile calcolare il bilancio delle emissioni di CO 21 e monitorarne l andamento dal 1990,

Dettagli

Comune di Auronzo di Cadore PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

Comune di Auronzo di Cadore PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Comune di Auronzo di Cadore PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Febbraio 214 Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Auronzo di Cadore è stato realizzato nell'ambito del Programma

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE

BILANCIO ENERGETICO COMUNALE BILANCIO ENERGETICO COMUNALE Comune di: CAVAZZO CARNICO Anno di riferimento del bilancio energetico: 2013 Popolazione: 1.091 ab. (al 31/12/2013) 1 Superficie comunale: 39,44 kmq Densità abitativa: 27,7

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C I T T A D I S A R Z A N A Provincia della Spezia C O P I A DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 54 del 23.07.2012 OGGETTO: Approvazione piano d'azione per l'energia sostenibile - PAES L anno duemiladodici,

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Provaglio d Iseo

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Provaglio d Iseo Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Provaglio d Iseo SUSTAINABLE ENERGY ACTION PLAN Codice AI-C11-11E078-11-01 Versione 1 Committente Comune di Provaglio d Iseo Stato del documento Definitivo

Dettagli

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI

2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7 GLI INDICATORI ENERGETICI 2.7.1 INDICATORE 1: Consumo procapite di combustibili nel settore civile Settore: Usi civili. Indicatore: Consumo procapite di combustibili normalizzato sui gradi giorno nel

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

Piano d azione per l energia sostenibile. Comune della Spezia

Piano d azione per l energia sostenibile. Comune della Spezia Piano d azione per l energia sostenibile Comune della Spezia BASELINE EMISSION INVENTORY Codice AI-C1-8A94-11-1 Versione 1 Committente Comune della Spezia Stato del documento Definitivo Autore f. loiodice

Dettagli

5.1 Piano Energetico Provinciale

5.1 Piano Energetico Provinciale .1 Piano Energetico Provinciale.1.1 Il sistema energetico provinciale.1.1.1 Premessa La Provincia di Lecco si è dotata di numerosi strumenti di pianificazione e programmazione, tra cui il Piano Energetico

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze

I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze I Piani di Azione per l Energia Sostenibile: rassegna di metodologie ed esperienze PROVINCIA DI TORINO Silvio De Nigris denigris@provincia.torino.it Le attività della Provincia di Torino in materia di

Dettagli

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020

STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 STRUMENTI PER I COMUNI A A MISURA 2020 MAURO BROLIS IL PATTO DEI SINDACI: ESPERIENZE E SOLUZIONI PRATICHE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI DI RISPARMIO ENERGETICO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI Obiettivi del

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Dati preliminari e principali linee d azione Giugno 2012 Prof. Massimo Dentice d Accadia DETEC Università degli studi di Napoli Federico II COS E IL PATTO

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile

PAES Piano d Azione per l Energia Sostenibile RAGGRUPPAMENTO DEI COMUNI DI OSNAGO E LOMAGNA Comune di Osnago PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEI COMUNI PICCOLI E MEDI Fondazione Cariplo area ambiente bando 2011 PAES Piano d Azione per l Energia

Dettagli

Presentazione della BASELINE

Presentazione della BASELINE capofila: CADREZZATE ANGERA, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, ISPRA, LAVENO MOMBELLO, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FORNI DI SOPRA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO

Dettagli

Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino

Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino 7 Bilancio energetico dell'ente Provincia di Torino 5 rapporto sull energia 133 7.1 Premessa Mediante uno studio specifico realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Energetica del Politecnico

Dettagli

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo

Avv. CUOMO Nicola. Arch. QUINTAVALLE Lea. Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Sindaco Assessore all Urbanistica R.U.P. Energy Manager Coordinamento Avv. CUOMO Nicola Arch. D AURIA Alessio Arch. QUINTAVALLE Lea Arch. SCOGNAMIGLIO Antonella Ing. SCIANNIMANICA Bartolomeo Gruppo di

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: CASALBUTTANO ED UNITI ANNICCO, AZZANELLO, CAPPELLA CANTONE, CASALMORANO, CASTELVISCONTI, GENIVOLTA, PADERNO PONCHIELLI, SORESINA, TRIGOLO con il contributo per il bando 211 _ Promuovere la sostenibilità

Dettagli

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto

Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Moduli di sviluppo delle competenze CAMBIAMENTI CLIMATICI E SVILUPPO SOSTENIBILE IL RUOLO DEGLI ENTI LOCALI 14 15 16 17 ottobre 2013 Messina Il PAES di Castellana Sicula (Pa) Giuseppe Riotto Castellana

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Comune di Feltre. Luglio 2013

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE. Comune di Feltre. Luglio 2013 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Luglio 213 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 91:28 CERT-12313-23-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale certificato da DNV

Dettagli

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno

Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno EMISSIONI DA RIDURRE Dall analisi dei consumi energetici, censiti al 2006, nel territorio comunale risulta l impiego di : 43.080 MW/anno Questo dato ci ha consentito l individuazione delle emissioni totali

Dettagli

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES

1 PREMESSA. 1.2 La definizione delle Azioni. 1.1 Obiettivo minimo del PAES ALLEGATO - Piano d per l Energia Sostenibile LE AZIONI COMUNE DI GUASTALLA Detto ciò, a partire dal suddetto valore emissivo al 2007 verranno valutate nella presente Fase 2 le azioni già messe in atto

Dettagli

(SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe

(SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe PIANO di AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE (SEAP) The Covenant of Mayors (D.C.C. 48/2009) Campagna Commissione Europea SEE Sustainable Energy for Europe 1 Indice INDICE... 2 1. SOMMARIO SEAP... 6 2. INTRODUZIONE

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

Gli indicatori analizzati

Gli indicatori analizzati Gli indicatori analizzati - Consumi finali per fonte energetica e per settore (P) - Consumi elettrici (P) - Intensità energetica (consumi finali/valore aggiunto) (P) - Contributo all effetto serra - emissioni

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE luglio 2014 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT Sistema di gestione ambientale certificato

Dettagli

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate.

La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi: problematiche riscontrate e soluzioni adottate. Piani d Azione per l Energia Sostenibile Aspetti tecnici ed operativi Trento, 15 maggio 2014 SalaBelli,PiazzaDanten.15 La stesura del PAES, dal recupero dei dati al coinvolgimento dei portatori di interessi:

Dettagli

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO

Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016. PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO Vo l p a g o d e l M o n t e l l o, 07 m a r zo 2016 PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE del COMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO IL PAES e GLI OBIETTIVI Ricognizione su tutto il territorio comunale degli

Dettagli

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia GUIDARE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI OLTRE GLI OBIETTIVI DELL UE AL 2020 Politiche locali per l energia: il Patto dei Sindaci e i Piani di Azione per l Energia Sostenibile Ing. Irene De Piccoli Infoenergia

Dettagli

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici.

Richiamiamo di seguito le principali ipotesi assunte, rimandando alla Tab. 4-6 il dettaglio dei valori numerici. 5773/2207; DGR-8745/2008) riguardanti le prestazioni energetiche degli edifici e degli impianti, sia nuovi (autorizzati successivamente al 1 gennaio 2010) che quelli oggetto di ristrutturazioni significative.

Dettagli

Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale

Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale Monitoraggio delle tecnologie per il riscaldamento nel segmento residenziale Donatella Bobbio Mario Cirillo Tommaso Franci Matteo Leonardi Cristina Rocca - REF-E L indagine REF-E mostra un mercato del

Dettagli

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA

IL PATTO DEI SINDACI: DEL COMUNE DI NOVARA IL PATTO DEI SINDACI: L INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI NOVARA il Patto dei Sindaci Il Patto dei Sindaci Il percorso L inventario delle emissioni (anno di riferimento) I consumi energetici

Dettagli

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici

Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici Piano Energetico Regionale e Certificazione Energetica degli edifici dott. Damiano Zoffoli Presidente Commissione Politiche Economiche Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Confartigianato Forlì-Cesena

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Travagliato

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Travagliato Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Travagliato SUSTAINABLE ENERGY ACTION PLAN Codice AI-C18-11E078-11-02 Versione 2 Committente Comune di Travagliato Stato del documento Definitivo Autore

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69

Lo stato dell Ambiente in Liguria 69 Una corretta analisi del sistema energetico regionale non può prescindere dalla funzione paese che la Liguria svolge in ambito nazionale. Essa dispone infatti di un importante industria termoelettrica

Dettagli

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Relazione illustrativa sul SEAP. (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Relazione illustrativa sul SEAP (Sustainable Energy Action Plan) Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Parlamento Europeo nel dicembre 2008 ha approvato il pacchetto clima-energia volto a conseguire

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011

Patto dei sindaci. Comune di Genova. Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Patto dei sindaci Comune di Genova Pinuccia Montanari Città e cambiamento climatico: l'azione locale Milano, 28 Novembre 2011 Dati caratteristici della città di Genova Superficie città Superficie urbanizzata

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Carpaneto Piacentino, Podenzano, San Giorgio Piacentino, Vigolzone PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Novembre 2015 Sistema di gestione per la qualità certificato da DNV UNI EN ISO 9001:2008 CERT-12313-2003-AQ-MIL-SINCERT

Dettagli

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità

Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Piano d Azione Energia Sostenibile di Città di Castello Luca Secondi, Assessore Ambiente e Mobilità Patto dei Sindaci Il Comune di Città di Castello ha da tempo riconosciuto la sostenibilità come variabile

Dettagli

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020

Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Il ruolo della cogenerazione nello scenario energetico italiano al 2020 Massimo Gallanti Direttore Dipartimento Sviluppo Sistemi Elettrici Cogenerazione 2012 L Italia e l Europa a confronto Milano, 14

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili

Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Caso studio: Comune di Padova Inventario LAKS e Piano di Mitigazione e Adattamento Focus sul risparmio di energia e sulle energie rinnovabili Introduzione Nome dell ente Comune di Padova, Italia Logo del

Dettagli

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012

FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI. 14 marzo 2012 FORUM PER LA CONCERTAZIONE DEL PAES TAVOLO TEMATICO: RISPARMIO ED EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI RESIDENZIALI 14 marzo 2012 I settori d azione previsti dal Patto dei Sindaci Le Linee Guida del Joint

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune della Spezia

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune della Spezia Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune della Spezia SUSTAINABLE ENERGY ACTION PLAN Codice AI-C2-08A094-12-01 Versione 1 Committente Comune della Spezia Stato del documento Definitivo Autore f.

Dettagli

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2

Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali. Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Sfida del clima e crisi energetica Il ruolo degli Enti Locali Giuseppe Gamba - Presidente AzzeroCO2 Il livello locale Dimensione su cui incide l azione del Governo Locale e dei cittadini La dimensione

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O.

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER LA RIDUZIONE DELLE INEFFICIENZE ENERGETICHE TRAMITE LE E.S.C.O. Accordo Volontario settoriale per la realizzazione di interventi per la riduzione delle inefficienze energetiche

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE) DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA

IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO (RUE) DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA IL REGOLAMENTO URBANISTICO EDILIZIO () DI BOLOGNA, LA PIANIFICAZIONE ENERGETICA E LA LEGISLAZIONE SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Alma Mater Studiorum - Università di Bologna. Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE

IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE IL PROGRAMMA ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE Mauro Fasano U.O. Energia e Reti Tecnologiche Dino De Simone Direzione Energia Finlombarda IL PEAR

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE:

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE: Un modello di sviluppo per i territori 08/05/2014 ORE 17.00 SAN ZENONE DEGLI EZZELINI Centro polivalente La Roggia - via Caozocco, 10 IL PATTO DEI SINDACI:

Dettagli

CONTENUTI. Contesto di riferimento. L inventario delle emissioni. Definizione degli obiettivi. Ambiti d azione per il nuovo piano

CONTENUTI. Contesto di riferimento. L inventario delle emissioni. Definizione degli obiettivi. Ambiti d azione per il nuovo piano 2 CONTENUTI Contesto di riferimento L inventario delle emissioni Definizione degli obiettivi Ambiti d azione per il nuovo piano Concertazione e partecipazione Aggiungere: Normativa e piano triennale regionale

Dettagli

Green Technologies in Provincia di Bolzano

Green Technologies in Provincia di Bolzano Green Technologies in Provincia di Bolzano Dott. Geol. Emanuele Sascor - Direttore dell Ufficio Piano CO2, Energia e Geologia TIS Innovation Park, 14 novembre 2012 OBIETTIVO: riduzione delle emissioni

Dettagli