I.I.S.S. Nicola Garrone CURRICOLO D ISTITUTO SERVIZI COMMERCIALI A.S ASSE DEI LINGUAGGI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S.S. Nicola Garrone CURRICOLO D ISTITUTO SERVIZI COMMERCIALI A.S. 2014-2015 ASSE DEI LINGUAGGI"

Transcript

1 ASSE DEI LINGUAGGI 1

2 CLASSE PRIMA DISCIPLINA PREVALENTE: IITALIIANO DISCIPLINE CONCORRENTI: TUTTE ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 4 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L1 RICONOSCERE ED UTILIZZARE GLI STRUMENTI ESPRESSIVI INDISPENSABILI PER GESTIRE L INTERAZIONE COMUNICATIVA VERBALE IN VARI CONTESTI Lingua Orientarsi in situazioni di comunicazione nell ambito della produzione e dell interazione orale, attraverso l ascolto attivo e consapevole, tenendo conto dello scopo, del contesto, dei destinatari. Riflettere sulla lingua dal punto di vista lessicale, morfologico,sintattico. Lingua Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo e della frase semplice, lessico. Le strutture della comunicazione e le forme linguistiche di espressione orale. L2-3 LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI Lingua Ascoltare e comprendere, globalmente e nelle parti costitutive, testi di vario genere; utilizzare metodi e strumenti per fissare i concetti fondamentali ad esempio appunti, scalette, mappe. Applicare tecniche e strategie di lettura diversi. Nell ambito della produzione scritta, ideare e strutturare testi di varia tipologia, utilizzando correttamente il lessico, le regole sintattiche e grammaticali, ad esempio, per riassumere, titolare, relazionare, ecc. Letteratura Leggere e commentare testi significativi in prosa tratti dalle letteratura italiana e straniera, utilizzando in modo essenziale i metodi di analisi del testo letterario. Lingua Strutture essenziali dei testi descrittivi, espositivi, narrativi,espressivi. 2

3 Modalità e tecniche relative alla competenza testuale: riassumere,titolare, relazionare, ecc. Letteratura Metodologie essenziali di analisi del testo letterario. Opere e autori significativi della tradizione letteraria e culturale italiana, europea e di altri paesi. DISCIPLINA PREVALENTE IINGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- FRANCESE ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 3 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L4A UTILIZZARE L ASCOLTO IN FUNZIONE RELAZIONALE E COMUNICATIVA Comprendere i punti principali di messaggi orali e annunci semplici e chiari in inglese su argomenti di interesse personale e quotidiano. Ascoltare e riprodurre con una corretta pronuncia singole frasi per facilitare lo scambio comunicativo in lingua straniera. Cogliere gli aspetti non verbali e paraverbali della comunicazione. Pronuncia adeguata di parole riferite a contesti noti (desunte dall ascolto delle diverse unit del manuale in adozione). Lessico riferito a: alfabeto e spelling, punti cardinali, giorni della settimana, mesi dell anno, orologio, (dire e chiedere l ora), date, localizzare un posto o un oggetto nello spazio, interessi, nazioni, oggetti, colori, numeri e date, arredo scolastico e domestico, attività del tempo libero, shopping, cibo, vita familiare, sport, lavoro, tempo atmosferico. L4B LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI (LIVELLO A2 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Leggere con pronuncia adeguata e comprendere i punti principali di messaggi orali e scritti e annunci semplici e chiari in L2 su argomenti di interesse personale e quotidiano. Interagire in modo semplice purché l altra persona parli lentamente e chiaramente e sia disposta a collaborare. Esprimere in termini semplici aspetti dell ambiente circostante, della persona, esprimendo bisogni immediati. Scrivere brevi testi di interesse personale e quotidiano realizzando semplici composizioni personali su tematiche coerenti con i percorsi di studio. 3

4 Lessico riferito a: alfabeto e spelling, punti cardinali, giorni della settimana, mesi dell anno, orologio, (dire e chiedere l ora), date, localizzare un posto o un oggetto nello spazio, interessi, nazioni, oggetti, colori, numeri e date, arredo scolastico e domestico, attività del tempo libero, shopping, cibo, vita familiare, sport, lavoro, tempo atmosferico. L4C RICONOSCERE I PRINCIPALI ELEMENTI E LE STRUTTURE GRAMMATICALI DELLA LINGUA Utilizzare in modo adeguato le strutture morfosintattiche di base per scopi comunicativi. Riconoscere e utilizzare la funzione che ogni parola ha nella frase. Applicare correttamente le principali convenzioni ortografiche. Familiarizzare con il dizionario bilingue. Morfologia e sintassi di base: presente del verbo essere, there is/ there are, presente del verbo avere, pronomi personali soggetto e complemento e possessivi, dimostrativi, risposte brevi con TO BE, articoli determinativi e indeterminativi, aggettivi (qualificativi, dimostrativi, possessivi), avverbi di modo e frequenza, preposizioni di luogo movimento e tempo, Wh questions, sostantivi (singolari e plurali, regolari e irregolari, countable and uncountable), Present simple: forma affermativa, interrogativa, negativa, risposte brevi, aggettivi e pronomi indefiniti, there is - there are, Want + infinito, Like + gerundio e infinito, present progressive: forma affermativa, interrogativa negativa, can e must, simple present, imperativo, present progressive, simple past verbi regolari e principali verbi irregolari, link words (and, then, but). DISCIPLINA PREVALENTE: FRANCESE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- INGLESE ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 3 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L4A UTILIZZARE L ASCOLTO IN FUNZIONE RELAZIONALE E COMUNICATIVA Comprendere i punti principali di messaggi orali e annunci semplici e chiari in francese su argomenti di interesse personale e quotidiano. Ascoltare e riprodurre con una corretta pronuncia singole frasi per facilitare lo scambio comunicativo in francese. Alphabet et épeler, les nombres, les jours de la semaine, les parties de la journée, les mois de l'année, les saisons,,la famille, les Pays, les nationalités, les capitales, les parties du corps humain, demander et dire l'heure, la date, l'age, identifier les personnes, les objets. 4

5 Lexique de communication pour: saluer, demander le nom, présenter quelqu'un, demander et dire l'age, identifier les personnes et les objets. Demander et dire la nationalité et la provenance, demander et donner des informations complètes sur les métiers et les professions, les parties du corps, le caractère, les couleurs, les vetements, les activités du temps libre. L4B LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI (LIVELLO A2 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Leggere con pronuncia adeguata, comprendere e produrre i punti principali di messaggi orali e scritti e annunci semplici e chiari in francese su argomenti di interesse personale e quotidiano. Interagire in modo semplice purché l'altra persona parli lentamente e chiaramente e sia disposta a collaborare. Esprimere in termini semplici aspetti dell'ambiente circostante, della persona, esprimendo bisogni immediati. Scrivere brevi testi di interesse personale e quotidiano realizzando semplici composizioni personali tematiche coerenti con i percorsi di studio. Alphabet et épeler, les nombres, les jours de la semaine, les parties de la journée, les mois de l'année, les saisons,,la famille, les Pays, les nationalités, les capitales, les parties du corps humain, demander et dire l'heure, la date, l'age, identifier les personnes, les objets. Lexique de communication pour: saluer, demander le nom, présenter quelqu'un, demander et dire l'age, identifier les personnes et les objets. Demander et dire la nationalité et la provenance, demander et donner des informations complètes sur les métiers et les professions, les parties du corps, le caractère, les couleurs, les vetements, les activités du temps libre. L4C RICONOSCERE I PRINCIPALI ELEMENTI E LE STRUTTURE GRAMMATICALI DELLA LINGUA Utilizzare in modo adeguato le strutture morfosintattiche di base per scopi comunicativi. Riconoscere e utilizzare la funzione che ogni parola ha nella frase. Applicare correttamente le principali convenzioni ortografiche. Familiarizzare con il dizionario bilingue. Grammaire de départ : articles définis et indéfinis, articles contractés et partitifs, formation du pluriel et du féminin. Présent des deux auxiliaires, des verbes réguliers du premier et du deuxième groupe, de quelques verbes irréguliers: aller, venir, prendre, faire, dire, devoir, vouloir, pouvoir. Forme négative et interrogative, pronoms personnels sujets, interrogation partielle, adjectifs possessifs et démonstratifs. 5

6 DISCIPLINA PREVALENTE SCIIENZE MOTORIIE E SPORTIIVE DISCIPLINE CONCORRENTI: TUTTE ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 2 VALUTAZIONE: ORALE-PRATICA L7A DECODIFICARE MESSAGGI VERBALI E SCRITTI PER TRADURLI IN GESTI MOTORI Eseguire esercitazioni rispettando i segnali uditivi di vario genere per allenare la capacità di reazione semplice e complessa. Leggere e interpretare il linguaggio, l atteggiamento e l intenzionalità motoria dei compagni Eseguire gesti motori in base alle indicazioni fornite. Leggere una semplice consegna scritta ed eseguirla praticamente. Gesti motori semplici e complessi. Esercizi singoli, a coppia e in gruppo. L7B PERCEPIRE IL PROPRIO SÉ E COMPLETARE LO SVILUPPO FUNZIONALE DELLE CAPACITÀ MOTORIE ED ESPRESSIVE Apprendere l importanza che riveste la pratica dell attività motorio-sportiva per il benessere individuale e collettivo e esercitarla in modo efficace. Utilizzare le capacità motorie in situazioni dinamiche semplici. Utilizzare elementi tecnici pertinenti per l esecuzione di un gesto specifico. Adeguare il proprio schema corporeo a situazioni non abituali. Esercizi di allenamento della forza, resistenza e velocità, riconducibili alla pratica specifica di alcuni sport individuali e di squadra. Attività ed esercizi graduati e progressivi sull equilibrio statico e dinamico, la coordinazione, la destrezza nell ambito di attività motorie specifiche. DISCIPLINA PREVALENTE: RELIIGIIONE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- STORIA ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 1 VALUTAZIONE: ORALE LRE COSTRUIRE UNA IDENTITÀ LIBERA E RESPONSABILE, PONENDOSI DOMANDE DI SENSO NEL CONFRONTO CON I CONTENUTI DEL MESSAGGIO EVANGELICO SECONDO LA TRADIZIONE DELLA CHIESA 6

7 Formulare domande di senso a partire dalle proprie esperienze personali e di relazione. Utilizzare un linguaggio religioso appropriato per spiegare contenuti, simboli e influenza culturale del cristianesimo, distinguendo espressioni e pratiche religiose da forme di fondamentalismo, superstizione, essoterismo. Spiegare origine e natura della Chiesa e le forme del suo agire nel mondo: annuncio, sacramenti, carità. Interrogativi universali dell uomo, risposte del cristianesimo, confronto con le altre religioni. Natura e valore delle relazioni umane e sociali alla luce della rivelazione cristiana e delle istanze della società contemporanea. Le radici ebraiche del cristianesimo e la singolarità della rivelazione cristiana di Dio Uno e Trino nel confronto con altre religioni. La Bibbia come fonte del cristianesimo: processo di formazione e criteri interpretativi. Eventi, personaggi e categorie più rilevanti dell Antico e del Nuovo Testamento. 7

8 CLASSE SECONDA DISCIPLINA PREVALENTE: IITALIIANO DISCIPLINE CONCORRENTI: TUTTE ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 4 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L1 UTILIZZARE GLI STRUMENTI ESPRESSIVI ED ARGOMENTATIVI INDISPENSABILI PER GESTIRE L INTERAZIONE COMUNICATIVA VERBALE IN VARI CONTESTI Lingua Applicare la conoscenza ordinata delle strutture della lingua italiana ai diversi livelli del sistema Applicare tecniche, strategie e modi di lettura a scopi e in contesti diversi. Lingua Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: sintassi del verbo e della frase semplice e complessa, lessico. L2-3 LEGGERE COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI Lingua Ideare e strutturare testi di varia tipologia e afferenti all indirizzo di studio utilizzando correttamente le regole grammaticali per riassumere parafrasare ed argomentare. Letteratura Leggere e commentare testi significativi in prosa e in versi. Sapere effettuare un analisi del testo letterario efficace. Lingua Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: sintassi del verbo e della frase semplice e complessa, lessico. Le strutture della comunicazione e le forme linguistiche di testi di settore: verbali e relazioni aziendali. Letteratura Brani di autori significativi della tradizione letteraria e culturale italiana e straniera. 8

9 DISCIPLINA PREVALENTE IINGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- FRANCESE ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 3 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L4A UTILIZZARE L ASCOLTO IN FUNZIONE RELAZIONALE E COMUNICATIVA Comprendere i punti principali di messaggi orali e annunci semplici e chiari in inglese su argomenti di interesse personale e quotidiano. Ascoltare e riprodurre con una corretta pronuncia singole frasi per facilitare lo scambio comunicativo in lingua straniera. Ascoltare e discutere su un tema oggetto di studio. Pronuncia adeguata di parole riferite a contesti noti (desunte dall ascolto delle diverse unit del manuale in adozione). Lessico riferito a: vacanze, viaggi, fare confronti, denaro, moda, regole e regolamenti, salute e benessere, apprendere una lingua straniera, attività del tempo libero, festivals, mezzi di trasporto, occasioni speciali, esperienze personali, musica e intrattenimento. L4B LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI (LIVELLO A2-B1 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Leggere con pronuncia adeguata e comprendere i punti principali di messaggi orali e scritti e annunci semplici e chiari in L2 su argomenti di interesse personale e quotidiano. Interagire in modo semplice su un area tematica tra quelle oggetto di studio. Discutere su un tema oggetto di studio al passato anche indefinito e recente e al futuro. Esprimere preferenze, intenzioni, obblighi e necessità, certezze e incertezze, fornire spiegazioni, Quantificare. Scrivere brevi lettere e mail, descrizioni, articoli, recensioni, relazioni, brevi racconti, pagine di diario di interesse personale e quotidiano realizzando semplici composizioni personali su tematiche coerenti con i percorsi di studio. Lessico riferito a: la donna tra passato e presente, vacanze, viaggi, fare confronti, denaro, moda, regole e regolamenti, salute e benessere, apprendere una lingua straniera, attività del tempo libero, festivals, mezzi di trasporto, occasioni speciali, esperienze personali, musica e intrattenimento. 9

10 L4C RICONOSCERE I PRINCIPALI ELEMENTI E LE STRUTTURE GRAMMATICALI DELLA LINGUA Utilizzare in modo adeguato le strutture morfosintattiche di base per scopi comunicativi. Riconoscere e utilizzare la funzione che ogni parola ha nella frase. Applicare correttamente le principali convenzioni ortografiche. Familiarizzare con il dizionario bilingue. Simple past, present perfect (anche come durata) con for, since, ever, never, just, already, yet, futuro con will, be going to, present progressive and simple, aggettivi e avverbi di quantità, espressioni di preferenza con I frefer/i d rather, 0 and first conditional con if e when, modali, infinito di scopo, principali phrasal verbs. DISCIPLINA PREVALENTE: FRANCESE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- INGLESE ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 3 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L4A UTILIZZARE L ASCOLTO IN FUNZIONE RELAZIONALE E COMUNICATIVA Comprendere frasi ed espressioni usate frequentemente relative ad ambiti di immediata rilevanza (esempio informazioni personali e familiari di base, fare la spesa, la geografia locale, l occupazione). Ascoltare e riprodurre con una corretta pronuncia singole frasi per facilitare lo scambio comunicativo in francese. Dal syllabus del DELF (livello A2): le persone, i luoghi, le attività del tempo libero, i mezzi di trasporto, la vita qutotidiana, l abitazione, gli oggetti del quotidiano, l alimentazione, gli animali domestici, i paesi e le città, l itinerario e la metereologia, le azioni della vita quotidiana, gli avvenimenti. L4B LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI (LIVELLO A2 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Leggere, comprendere e produrre i punti principali di messaggi orali e scritti e annunci semplici e chiari in francese su argomenti di interesse personale e quotidiano. 10

11 Interagire in modo semplice in attività semplici e di routine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni. Saper descrivere in termini semplici aspetti dell ambiente circostante, saper esprimere bisogni immediati. Esprimere obblighi e divieti, descrivere un alloggio, chiedere e dare informazioni per localizzare, parlare delle abitudini alimentari, parlare del tempo atmosferico, fare previsioni, scrivere brevi messaggi, ordinare al ristorante. Scrivere brevi testi di interesse personale e quotidiano realizzando semplici composizioni personali. La città e le sue attrazioni, il denaro, l inquinamento e la protezione della natura, la casa ei mobili,, l alimentazione e il cibo, il meteo, lo sport e la televisione. Geografia e civiltà della Francia. L4C RICONOSCERE I PRINCIPALI ELEMENTI E LE STRUTTURE GRAMMATICALI DELLA LINGUA Utilizzare in modo adeguato le strutture morfosintattiche di base per scopi comunicativi. Riconoscere e utilizzare la funzione che ogni parola ha nella frase. Applicare correttamente le principali convenzioni ortografiche. Familiarizzare con il dizionario bilingue. L imperativo, imperfetto, futuro e passato prossimo dei verbi del primo gruppo, accordo participio passato, pronomi interrogativi, gli avverbi di modo, pronomi possessivi, relativi e dimostrativi, i gallicismi. DISCIPLINA PREVALENTE SCIIENZE MOTORIIE E SPORTIIVE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 2 VALUTAZIONE: ORALE-PRATICA L7 PERCEPIRE IL PROPRIO SÉ E COMPLETARE LO SVILUPPO FUNZIONALE DELLE CAPACITÀ MOTORIE ED ESPRESSIVE Apprendere l importanza che riveste la pratica dell attività motorio-sportiva per il benessere individuale e collettivo e esercitarla in modo efficace. Utilizzare le capacità motorie in situazioni dinamiche semplici. Utilizzare elementi tecnici pertinenti per l esecuzione di un gesto specifico. Adeguare il proprio schema corporeo a situazioni non abituali. 11

12 Esercizi di allenamento della forza, resistenza e velocità, riconducibili alla pratica specifica di alcuni sport individuali e di squadra. Attività ed esercizi graduati e progressivi sull equilibrio statico e dinamico, la coordinazione, la destrezza nell ambito di attività motorie specifiche. DISCIPLINA PREVALENTE: RELIIGIIONE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- STORIA ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 1 VALUTAZIONE: ORALE LRE VALUTARE IL CONTRIBUTO SEMPRE ATTUALE DELLA TRADIZIONE CRISTIANA ALLO SVILUPPO DELLA CIVILTÀ UMANA, ANCHE IN DIALOGO CON ALTRE TRADIZIONI CULTURALI E RELIGIOSE Impostare un dialogo con posizioni religiose e culturali diverse dalla propria nel rispetto, nel confronto e nell arricchimento reciproco. Riconoscere le fonti bibliche e altre fonti documentali nella comprensione della vita e dell opera di Gesù di Nazareth. Leggere i segni del cristianesimo nell arte e nella tradizione culturale. La persona, il messaggio e l opera di Gesù Cristo nei Vangeli, documenti storici, e nella tradizione della Chiesa. Elementi di storia della Chiesa fino all epoca medievale e loro effetti sulla cultura europea. Il valore della vita e la dignità della persona secondo la visione cristiana: diritti fondamentali, libertà di coscienza, respons per il bene comune e per la promozione della pace, impegno per la giustizia sociale. 12

13 CLASSE TERZA DISCIPLINA PREVALENTE: IITALIIANO DISCIPLINE CONCORRENTI: LINGUE STRANIERE- DISCIPLINE DI INDIRIZZO ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 4 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L1 UTILIZZARE IL PATRIMONIO LESSICALE ED ESPRESSIVO DELLA LINGUA ITALIANA SECONDO LE ESIGENZE COMUNICATIVE NEI VARI CONTESTI. L2-5 REDIGERE RELAZIONI TECNICHE E DOCUMENTARE LE ATTIVITÀ INDIVIDUALI E DI GRUPPO RELATIVE A SITUAZIONI PROFESSIONALI ANCHE IN FORMATO MULTIMEDIALE. Consultare dizionari e altre fonti informative tradizionali e tecnologiche come risorse per l approfondimento e la produzione linguistica. Raccogliere, selezionare e utilizzare informazioni utili nella attività di studio e di ricerca. Produrre testi informativi e argomentativi funzionali all ambito di studio in forma continua e non continua. Sostenere conversazioni e dialoghi su tematiche predefinite secondo regole argomentative strutturate. Caratteristiche e struttura delle differenti tipologie testuali con particolare attenzione ai contesti d uso e ai linguaggi specifici. Strumenti e codici della comunicazione e loro connessioni in vari contesti. QUALIFICA OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE E OPERATORE AI SERVIZI DI PROMOZIONE E ACCOGLIENZA Criteri per la redazione di un verbale e di una relazione. L5 UTILIZZARE GLI STRUMENTI FONDAMENTALI PER UNA FRUIZIONE CONSAPEVOLE DEL PATRIMONIO LETTERARIO E CULTURALE ITALIANO ED EUROPEO IN UNA PROSPETTIVA INTERCULTURALE Identificare le tappe fondamentali che hanno caratterizzato il processo di sviluppo della cultura letteraria italiana dall Età feudale al Cinquecento. Identificare gli autori e le opere fondamentali del patrimonio culturale italiano ed internazionale nel periodo considerato. Leggere e analizzare le opere letterarie del periodo storico di riferimento integralmente o per passi significativi. Passi scelti tratti dalla Divina Commedia. Individuare, in prospettiva interculturale, gli elementi di identità e di diversità tra la cultura italiana e le culture di altri Paesi. 13

14 La letteratura italiana dall Età feudale al Cinquecento: testi ed autori fondamentali che caratterizzano l identità culturale nazionale nelle epoche in esame (Stilnovismo, Dante, Petrarca, Boccaccio, introduzione all Umanesimo e al Rinascimento). Elementi di identità e di diversità tra la cultura italiana e le culture di altri Paesi europei. DISCIPLINA PREVALENTE IINGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- FRANCESE DISCIPLINE PROFESSIONALIZZANTI ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 3 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L4A LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI (LIVELLO B1 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Leggere con pronuncia adeguata e comprendere i punti principali di messaggi orali e scritti e annunci semplici e chiari in L2 su argomenti di interesse personale e quotidiano. Interagire in modo semplice su un area tematica tra quelle oggetto di studio. Discutere su un tema oggetto di studio al passato anche indefinito e recente e al futuro. Esprimere preferenze, intenzioni, obblighi e necessità, certezze e incertezze, fornire spiegazioni, Quantificare. Scrivere brevi lettere e mail, descrizioni, articoli, recensioni, relazioni, brevi racconti, pagine di diario di interesse personale e quotidiano realizzando semplici composizioni personali su tematiche coerenti con i percorsi di studio. Lessico riferito a: regole e regolamenti, imparare una lingua straniera, festivals, mezzi di trasporto, occasioni speciali, esperienze personali, ambiente: inquinamento e riciclaggio, il sistema scolastico, prodotti nazionali e locali, il mondo del lavoro. L4B RICONOSCERE I PRINCIPALI ELEMENTI E LE STRUTTURE GRAMMATICALI DELLA LINGUA Utilizzare in modo adeguato le strutture morfosintattiche di base per scopi comunicativi. Riconoscere e utilizzare la funzione che ogni parola ha nella frase. Applicare correttamente le principali convenzioni ortografiche. Second and third conditional, forma passiva, modali, frasi relative, present perfect continous, past continuous and used to. 14

15 L4C INTERAGIRE CON UN GRADO DI FLUIDITÀ E SPONTANIETÀ ANCHE SU ARGOMENTI PROFESSIONALI CON PERSONE CHE SI ESPRIMONO IN LINGUA INGLESE Fornire suggerimenti evidenziando vantaggi e svantaggi. Descrivere abitudini al passato. Esprimere possibilità ed incertezza. Riportare conversazioni di altri. Risolvere problemi. Lessico riferito a: regole e regolamenti, imparare una lingua straniera, festivals, mezzi di trasporto, occasioni speciali, esperienze personali, ambiente: inquinamento e riciclaggio, il sistema scolastico, prodotti nazionali e locali, il mondo del lavoro. QUALIFICA OPERATORE AMMINISTRATIVO-SEGRETARIALE E OPERATORE AI SERVIZI DI PROMOZIONE E ACCOGLIENZA Elementi di geografia La lettera formale L Europass DISCIPLINA PREVALENTE: FRANCESE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- INGLESE - DISCIPLINE PROFESSIONALIZZANTI ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 3 VALUTAZIONE: SCRITTA-ORALE L4A LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI (LIVELLO A2-B1 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Leggere con pronuncia adeguata e comprendere discorsi chiari relativi all ambito sociale e professionale su argomenti noti. Comprendere e riferire in maniera essenziale aspetti di civiltà utilizzando anche i media. comprendere ed utilizzare le varie tipologie testuali comprese quelle tecnico- professionali. Applicare tecniche per la redazione di lettere formali e non formali. Redigere il proprio CV in formato euro pass con l ausilio della guida in lingua. Dal syllabus del DELF (livello A2- B1): le persone, i luoghi, le attività del tempo libero, i mezzi di trasporto, la vita quotidiana, l abitazione, gli oggetti del quotidiano, l alimentazione, gli animali domestici, i paesi e le città, l itinerario e la metereologia, le azioni della vita quotidiana, gli avvenimenti. Elementi di geografia. Le parti della lettera e la redazione di diverse tipologie di lettere commerciali. La lettera di motivazione. 15

16 L4B UTILIZZARE CONSAPEVOLMENTE LA LINGUA FRANCESE PER SCOPI COMUNICATIVI E IL LINGUAGGIO SETTORIALE PER INTERAGIRE IN DIVERSI AMBITI E CONTESTI PROFESSIONALI (LIVELLO A2-B1 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Riprodurre frasi ascoltate con adeguata pronuncia, intonazione e fluency. Comprendere frasi ed espressioni usate frequentemente relative ad ambiti di immediata rilevanza (informazioni personali e familiari di base, fare la spesa, la geografia locale, l occupazione). Comunicare in attività semplici e di routine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni. saper descrivere in termini semplici aspetti dell ambiente circostante, saper esprimere bisogni immediati. Interagire in conversazioni relative a contesti personali e professionali comprendendo il lessico di settore. Elementi di geografia. Le parti della lettera e la redazione di diverse tipologie di lettere commerciali. La lettera di motivazione. L Europass. L4C RICONOSCERE I PRINCIPALI ELEMENTI E LE STRUTTURE GRAMMATICALI DELLA LINGUA Comprendere ed utilizzare in modo adeguato le strutture morfo-sintattiche di base. Utilizzare con efficacia il dizionario bilingue. I pronomi relativi semplici, il passato prossimo e l accordo, la forma passiva, il condizionale (pouvoir, devoir, vouloir, savoir). DISCIPLINA PREVALENTE: SCIIENZE MOTORIIE E SPORTIIVE DISCIPLINE CONCORRENTI: TUTTE ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 2 VALUTAZIONE: ORALE-PRATICA L7 PADRONEGGIARE LE PROPRIE CAPACITÀ MOTORIE ED ESPRESSIVE ADEGUANDOLE AI CONTESTI D USO Comprendere le necessità, le potenzialità e i limiti del proprio organismo e imparare a soddisfare in modo naturale e costruttivo le esigenze di movimento, di espressione e di relazione. 16

17 Percorsi di agilità, test di condizione. Le regole e il fair-play dei giochi singoli e di squadra. DISCIPLINA PREVALENTE: RELIIGIIONE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- STORIA ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 1 VALUTAZIONE: ORALE LRE SVILUPPARE UN MATURO SENSO CRITICO E UN PERSONALE PROGETTO DI VITA, RIFLETTENDO SULLA PROPRIA IDENTITÀ NEL CONFRONTO CON IL MESSAGGIO CRISTIANO, APERTO ALL ESERCIZIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA SOLIDARIETÀ IN UN CONTESTO MULTICULTURALE Impostare domande di senso e spiegare la dimensione religiosa dell uomo tra senso del limite, bisogno di salvezza e desiderio di trascendenza, confrontando il concetto cristiano di persona, la sua dignità e il suo fine ultimo con quello di altre religioni o sistemi di pensiero. analizzare e interpretare correttamente testi biblici scelti. Questioni di senso legate alle più rilevanti esperienze della vita umana. Linee fondamentali della riflessione su Dio e sul rapporto fede-scienza in prospettiva storicoculturale, religiosa ed esistenziale. Identità e missione di Gesù Cristo alla luce del mistero pasquale. Storia umana e storia della salvezza: il modo cristiano di comprendere l esistenza dell uomo nel tempo. Senso e attualità di alcuni grandi temi biblici: Regno di Dio, vita eterna, salvezza, grazia. 17

18 CLASSE QUARTA DISCIPLINA PREVALENTE: IITALIIANO DISCIPLINE CONCORRENTI: LINGUE STRANIERE - STORIA ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 4 VALUTAZIONE: SCRITTA- ORALE L1 UTILIZZARE IL PATRIMONIO LESSICALE ED ESPRESSIVO DELLA LINGUA ITALIANA SECONDO LE ESIGENZE COMUNICATIVE NEI VARI CONTESTI SOCIALI E CULTURALI. Consultare dizionari, testi e fonti informative tradizionali e tecnologiche come risorse per l approfondimento e la produzione linguistica sia scritta che orale di generi diversi. Strumenti e codici della comunicazione e le loro connessioni in contesti formali, organizzativi e professionali. Il saggio breve. L1-5 PADRONEGGIARE GLI STRUMENTI ESPRESSIVI ED ARGOMENTATIVI PER UNA FRUIZIONE CONSAPEVOLE DEL PATRIMONIO LETTERARIO E STABILIRE COLLEGAMENTI IN PROSPETTIVA INTERCULTURALE Identificare le tappe fondamentali che hanno caratterizzato il processo di sviluppo della cultura letteraria italiana dal Seicento alla fine dell Ottocento. Individuare, in prospettiva interculturale, gli elementi di identità e di diversità tra la cultura italiana e quella di altri paesi. Testi ed autori fondamentali che caratterizzano l identità culturale nazionale nelle epoche in esame (prosa scientifica ed erudita, il teatro del 700 e la riforma di Goldoni, Foscolo, Manzoni, Leopardi). Elementi di identità e di diversità tra la cultura italiana e le culture di altri Paesi europei. DISCIPLINA PREVALENTE IINGLESE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- FRANCESE DISCIPLINE PROFESSIONALIZZANTI ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 3 VALUTAZIONE: SCRITTA- ORALE L4A UTILIZZARE CONSAPEVOLMENTE LA LINGUA INGLESE PER SCOPI COMUNICATIVI E IL LINGUAGGIO PROFESSIONALE PER INTERAGIRE IN DIVERSI AMBITI E CONTESTI (LIVELLO B1-B2 DEL QCER) 18

19 Interagire in conversazioni relative a contesti personali e professionali comprendendo il lessico specifico relativo ai servizi commerciali. Interfacciarsi con la clientela in base alla tipologia, al luogo e al contesto esprimendo opinioni e intenzioni. Riferire contenuti specifici al settore di studio in maniera semplice e personale con l ausilio di applicativi informatici per la redazione di presentazioni, tabelle, statistiche. Redigere il proprio curriculum vitae (formato Europass) con l ausilio della guida in lingua. Lessico riferito a: tradizioni nazionali, problematiche ambientali nazionali, il sistema scolastico, figure pubbliche del passato e del presente Aggiornamento dell Europass Le organizzazioni commerciali: struttura e strumenti comunicativi Elementi di storia L4B LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI RELATIVI AL CONTESTO SOCIO- CULTURALE E PROFESSIONALE DI APPARTENENZA UTILIZZANDO LE TECNICHE E GLI STRUMENTI DEL SETTORE SPECIFICO. (LIVELLO B1-B2 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Comprendere e riferire, in maniera essenziale, aspetti di civiltà della lingua studiata utilizzando i media. Comprendere e utilizzare le principali tipologie testuali, comprese quelle tecnico-professionali unitamente alla microlingua del settore di appartenenza. Applicare tecniche per la redazione di lettere, comunicati, avvisi per relazionare con efficacia all interno e all esterno del contesto professionale. Familiarizzare con il dizionario monolingue. Le organizzazioni commerciali: struttura e strumenti comunicativi Elementi di storia L4C INTERAGIRE CON UN GRADO DI FLUIDITÀ E SPONTANIETÀ ANCHE SU ARGOMENTI PROFESSIONALI CON PERSONE CHE SI ESPRIMONO IN LINGUA INGLESE Fornire suggerimenti evidenziando vantaggi e svantaggi. Descrivere abitudini al passato. Esprimere possibilità ed incertezza. Riportare conversazioni di altri. Risolvere problemi. Utilizzare in modo adeguato le strutture morfosintattiche di base applicandole ai contesti comunicativi. 19

20 second and third conditional, forma passiva, modali, frasi relative, present perfect continuous, past continuous and used to. DISCIPLINA PREVALENTE: FRANCESE DISCIPLINE CONCORRENTI: ITALIANO- INGLESE DISCIPLINE PROFESSIONALIZZANTI ORE SETTIMANALI DI INSEGNAMENTO: 3 VALUTAZIONE: SCRITTA- ORALE L4A UTILIZZARE CONSAPEVOLMENTE LA LINGUA FRANCESE PER SCOPI COMUNICATIVI E IL LINGUAGGIO SETTORIALE PER INTERAGIRE IN DIVERSI AMBITI E CONTESTI PROFESSIONALI (LIVELLO B1 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Interagire in conversazioni relative a contesti personali e professionali comprendendo il lessico di settore. Comprendere i punti chiave di argomenti familiari che riguardano la scuola, il tempo libero, ecc. Muoversi con disinvoltura in situazioni che possono verificarsi mentre si viaggia nel paese in cui si parla la lingua. Dal syllabus del DELF (livello B1): la vita quotidiana, le persone e i sentimenti, i luoghi, gli avvenimenti, la scuola, i media, contenuti di attualità, attività del tempo libero (cinema e letteratura). Aggiornamento dell Europass. Le società. I trasporti. Elementi di civiltà (storia e geografia). L4B LEGGERE, COMPRENDERE E PRODURRE TESTI SCRITTI DI VARIO TIPO IN RELAZIONE AI DIFFERENTI SCOPI COMUNICATIVI (LIVELLO B1 DEL FRAMEWORK EUROPEO DELLE LINGUE) Leggere con pronuncia adeguata e comprendere discorsi chiari relativi all ambito sociale e professionale su argomenti noti. Comprendere e riferire in maniera essenziale aspetti di civiltà utilizzando anche i media. Comprendere ed utilizzare le varie tipologie testuali comprese quelle tecnico- professionali. Applicare tecniche per la redazione di lettere formali e non formali. Essere in grado di produrre un testo semplice relativo ad argomenti familiari e di interesse personale. Essere in grado di descrivere esperienze ed avvenimenti, sogni, speranze e ambizioni e spiegare le ragioni delle proprie opinioni e dei propri progetti. Aggiornare il proprio CV in formato euro pass con l ausilio della guida in lingua. Aggiornamento Europass. 20

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

10 passi verso i CPIA

10 passi verso i CPIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per l istruzione e formazione tecnica superiore e per i rapporti con i sistemi formativi delle

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA

Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA Livelli A1-C2 Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Nota Il Nuovo sillabo della Certificazione PLIDA descrive i contenuti delle prove PLIDA per ognuno dei sei

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Esami orali Trinity in inglese

Esami orali Trinity in inglese Esami orali Trinity in inglese (Graded Examinations in Spoken English - GESE) Syllabus 2010-2013 Questi titoli in inglese come lingua straniera si riferiscono ai livelli compresi tra A1 e C2 del Quadro

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS

Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS testo:layout 1 12-10-2009 10:31 Pagina 9 Sezione I: presupposti teorici della certificazione CILS 1.1 La CILS - Certificazione di italiano come lingua straniera La CILS, Certificazione di Italiano come

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

PRESENT PERFECT CONTINUOS

PRESENT PERFECT CONTINUOS PRESENT PERFECT CONTINUOS 1. Si usa il Present Perfect Continuous per esprimere un'azione che è appena terminata, che si è prolungata per un certo tempo e la cui conseguenza è evidente in questo momento.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE

STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE STRUMENTI E ATTIVITÀ PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA COMUNICATIVA IN UN CORSO DI LINGUA ONLINE SU MOODLE Arianna Danelon 1 1 Università degli Studi di Torino, Scuola di Dottorato in Scienze del Linguaggio

Dettagli