SIMOTION IT Virtual Machine e. servlet SIMOTION. SIMOTION IT Virtual Machine e servlet. Premessa. Introduzione 1. Installazione del software

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SIMOTION IT Virtual Machine e. servlet SIMOTION. SIMOTION IT Virtual Machine e servlet. Premessa. Introduzione 1. Installazione del software"

Transcript

1 SIMOTION IT Virtual Machine e servlet SIMOTION SIMOTION IT Virtual Machine e servlet Premessa Introduzione 1 Installazione del software 2 Programmazione del software 3 Manuale di programmazione 02/2012

2 Avvertenze di legge Avvertenze di legge Concetto di segnaletica di avvertimento Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumità personale e per evitare danni materiali. Le indicazioni da rispettare per garantire la sicurezza personale sono evidenziate da un simbolo a forma di triangolo mentre quelle per evitare danni materiali non sono precedute dal triangolo. Gli avvisi di pericolo sono rappresentati come segue e segnalano in ordine descrescente i diversi livelli di rischio. PERICOLO questo simbolo indica che la mancata osservanza delle opportune misure di sicurezza provoca la morte o gravi lesioni fisiche. AVVERTENZA il simbolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare la morte o gravi lesioni fisiche. CAUTELA con il triangolo di pericolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare lesioni fisiche non gravi. CAUTELA senza triangolo di pericolo indica che la mancata osservanza delle relative misure di sicurezza può causare danni materiali. ATTENZIONE indica che, se non vengono rispettate le relative misure di sicurezza, possono subentrare condizioni o conseguenze indesiderate. Nel caso in cui ci siano più livelli di rischio l'avviso di pericolo segnala sempre quello più elevato. Se in un avviso di pericolo si richiama l'attenzione con il triangolo sul rischio di lesioni alle persone, può anche essere contemporaneamente segnalato il rischio di possibili danni materiali. Personale qualificato Il prodotto/sistema oggetto di questa documentazione può essere adoperato solo da personale qualificato per il rispettivo compito assegnato nel rispetto della documentazione relativa al compito, specialmente delle avvertenze di sicurezza e delle precauzioni in essa contenute. Il personale qualificato, in virtù della sua formazione ed esperienza, è in grado di riconoscere i rischi legati all'impiego di questi prodotti/sistemi e di evitare possibili pericoli. Uso conforme alle prescrizioni di prodotti Siemens Si prega di tener presente quanto segue: AVVERTENZA I prodotti Siemens devono essere utilizzati solo per i casi d impiego previsti nel catalogo e nella rispettiva documentazione tecnica. Qualora vengano impiegati prodotti o componenti di terzi, questi devono essere consigliati oppure approvati da Siemens. Il funzionamento corretto e sicuro dei prodotti presuppone un trasporto, un magazzinaggio, un installazione, un montaggio, una messa in servizio, un utilizzo e una manutenzione appropriati e a regola d arte. Devono essere rispettate le condizioni ambientali consentite. Devono essere osservate le avvertenze contenute nella rispettiva documentazione. Marchio di prodotto Tutti i nomi di prodotto contrassegnati con sono marchi registrati della Siemens AG. Gli altri nomi di prodotto citati in questo manuale possono essere dei marchi il cui utilizzo da parte di terzi per i propri scopi può violare i diritti dei proprietari. Esclusione di responsabilità Abbiamo controllato che il contenuto di questa documentazione corrisponda all'hardware e al software descritti. Non potendo comunque escludere eventuali differenze, non possiamo garantire una concordanza perfetta. Il contenuto di questa documentazione viene tuttavia verificato periodicamente e le eventuali correzioni o modifiche vengono inserite nelle successive edizioni. Siemens AG Industry Sector Postfach NÜRNBERG GERMANIA Copyright Siemens AG Tutti i diritti riservati

3 Premessa Documentazione SIMOTION La panoramica della documentazione SIMOTION è riportata in una bibliografia separata. La documentazione è compresa in versione elettronica nella fornitura di SIMOTION SCOUT e consiste in 10 pacchetti di documenti. Per la versione di prodotto SIMOTION V4.3 sono disponibili i seguenti pacchetti di documentazione: SIMOTION Engineering System Utilizzo SIMOTION Descrizione del sistema e delle funzioni SIMOTION Service e Diagnostica SIMOTION IT Programmazione SIMOTION Programmazione SIMOTION - Riferimenti SIMOTION C SIMOTION P SIMOTION D Documentazione integrativa SIMOTION Hotline e indirizzi Internet Ulteriori informazioni Al seguente link sono disponibili informazioni relative: all'ordinazione della documentazione / alla panoramica manuali altri link per il download di documenti all'utilizzo della documentazione online (manuali/cercare e sfogliare informazioni) Per domande relative alla documentazione tecnica (ad es. suggerimenti, correzioni) si prega di inviare una al seguente indirizzo: Manuale di programmazione, 02/2012 3

4 Premessa My Documentation Manager Al seguente link sono disponibili informazioni per strutturare individualmente la documentazione sulla base di contenuti Siemens ed adattarli alla propria documentazione della macchina: Training Al seguente link sono disponibili informazioni su SITRAIN - il Training di Siemens per prodotti, sistemi e soluzioni della tecnica di automazione: Domande frequenti Le FAQ (Frequently Asked Questions) si trovano nelle SIMOTION Utilities & Applications incluse nella fornitura di SIMOTION SCOUT e nelle pagine di Service&Support alla voce Product Support: Technical Support Per i numeri telefonici dell'assistenza tecnica specifica dei vari Paesi, vedere in Internet in Contatti: 4 Manuale di programmazione, 02/2012

5 Indice del contenuto Premessa Introduzione Panoramica SIMOTION IT SIMOTION IT Virtual Machine SIMOTION IT Servlets Installazione del software SIMOTION IT Virtual Machine SIMOTION IT Servlets Programmazione del software Dotazione di fornitura Pacchetti Java supportati Directory standard SIMOTION.JAR Limitazioni e particolarità Panoramica Numero di thread Funzioni di rete File system Sincronizzazione con il controllore Influenze sul sistema di destinazione e sui programmi applicativi Collegamento a SIMOTION SCOUT Debug di programmi Java API SIMOTION Panoramica Accesso alle variabili Browsing di variabili Lettura delle proprietà delle variabili Accesso ai dati dell'azionamento Accesso alle funzioni del sistema di destinazione Richiamo delle funzioni di sistema Utilizzo di dati permanenti (NVRAM) Logging Creazione di programmi utente File di configurazione Configurazione AUTOSTART (JINVOKE.XML) Configurazione di JamaicaVM (VMCONFIG.INI) Trasferimento di programmi utente sul sistema di destinazione Registrazione nel buffer di diagnostica File di output JCONSOLE.TXT Interfaccia interattiva di InvocationManager Panoramica...54 Manuale di programmazione, 02/2012 5

6 Indice del contenuto Il protocollo di InvocationManager Comandi Ordini job o task Esempi di ordini Esempi di programma Formato degli output di logging Nuovo avvio di JamaicaVM SIMOTION IT Servlets Insieme di funzioni implementate Configurazione di fornitura Implementazione delle Servlet API Creazione di servlet utente File di configurazione (JSERVER.XML) Servlet di esempio e configurazione Indice analitico Manuale di programmazione, 02/2012

7 Introduzione Panoramica SIMOTION IT Panoramica dei manuali SIMOTION IT La documentazione "Funzioni di HMI e diagnostica SIMOTION IT basate su Ethernet" comprende tre manuali (IT = Information Technology): SIMOTION IT Diagnostica e configurazione In questo manuale viene descritta la diagnostica diretta degli apparecchi SIMOTION. L'accesso avviene con un browser standard (ad es. Firefox) tramite l'indirizzo IP dell'apparecchio SIMOTION. Per l'accesso è possibile utilizzare le pagine di diagnostica standard oppure creare proprie pagine HTML. Vedere il manuale SIMOTION IT Diagnostica e configurazione. SIMOTION IT Programmazione e Webservice In questo manuale viene descritta la creazione di pagine Web definite dall'utente e l'accesso alle funzioni di diagnostica tramite i due Webservice messi a disposizione da SIMOTION IT. Un Webservice consente all'utente di creare, in un linguaggio di programmazione a piacere, proprie applicazioni client che possono comunicare con l'apparecchio SIMOTION tramite tecnologie Web. Per il trasferimento dei comandi viene utilizzato il protocollo di comunicazione SOAP (Simple Object Access Protocol). Il manuale contiene sia informazioni sulla programmazione di questi client, sia una descrizione dei SIMOTION IT Webservice (OPC XML-DA, Trace tramite SOAP TVS) che consentono da un lato di accedere ai dati e agli stati operativi del controllore e dall'altro di utilizzare le funzioni di Trace delle variabili. Vedere il manuale SIMOTION IT Programmazione e Webservice. Questo manuale descrive i pacchetti funzionali basati su Java. Jamaica Virtual Machine (JamaicaVM) è un ambiente runtime per applicazioni Java sull'apparecchio SIMOTION. Si tratta di un'implementazione della Java Virtual Machine Specification. Nella sezione Servlet della documentazione è descritto l'impiego dei servlet di un apparecchio SIMOTION. Manuale di programmazione, 02/2012 7

8 Introduzione 1.2 SIMOTION IT Virtual Machine 1.2 SIMOTION IT Virtual Machine Jamaica Virtual Machine (JamaicaVM) è un'implementazione della "Java Virtual Machine Specification" e un sistema runtime per l'esecuzione di applicazioni Java. Il presente documento spiega come parametrizzare l'applicazione JamaicaVM integrata in SIMOTION e come mettere in servizio un programma utente Java. Il documento contiene inoltre informazioni di base sull'uso della API SIMOTION, che contiene classi per l'accesso ai dati e il logging. Informazioni dettagliate sulla API SIMOTION sono disponibili in formato HTML. L'applicazione JamaicaVM integrata in SIMOTION viene avviata automaticamente solo se il file di configurazione VMCONFIG.INI si trova sul sistema di destinazione (vedere anche VMCONFIG.INI (Pagina 47) e Installazione (Pagina 11)). Per impostazione predefinita viene eseguito il programma principale Java, anch'esso contenuto nell'api SIMOTION, il cosiddetto "InvocationManager". InvocationManager legge le impostazioni dal file di configurazione corrispondente e avvia quindi i programmi utente Java (vedere VMCONFIG.INI (Pagina 47)). Inoltre InvocationManager può aprire un'interfaccia TCP Socket, che consente di caricare ed eseguire programmi utente in modo interattivo (vedere Interfaccia interattiva di InvocationManager (Pagina 54)). Nei programmi utente è possibile accedere ad es. a variabili di programma e di sistema del sistema di destinazione. Sono inoltre disponibili il supporto di rete (DatagramSocket, ServerSocket, Socket, ) e funzioni file. 8 Manuale di programmazione, 02/2012

9 Introduzione 1.3 SIMOTION IT Servlets 1.3 SIMOTION IT Servlets SIMOTION IT Servlets è l'implementazione di un container servlet. Le servlet sono programmi scritti in Java che estendono le funzionalità dei server che comunicano tramite un protocollo request/response. Teoricamente non sono legate a un protocollo server (HTTP), ma in genere vengono utilizzate solo in relazione a server web HTTP. Il Web container fornisce l'ambiente runtime per applicazioni Web con le loro servlet e può girare su una macchina diversa dal server Web (ripartizione del workload, sicurezza/ridondanza). In SIMOTION le servlet si eseguono in SIMOTION IT Virtual Machine (implementazione di un ambiente runtime Java) e possono quindi sfruttare l'interfaccia API (Application Programming Interface) di SIMOTION (accesso agli oggetti SIMOTION RT, NVRAM, Logging). l capitoli corrispondenti descrivono la gamma di funzioni implementate (Pagina 59), la parametrizzazione del container servlet (Pagina 61), la messa in servizio di una servlet in base a un esempio (Pagina 66). Figura 1-1 Sequenza comando servlet Manuale di programmazione, 02/2012 9

10 Introduzione 1.3 SIMOTION IT Servlets 10 Manuale di programmazione, 02/2012

11 Installazione del software SIMOTION IT Virtual Machine JamaicaVM viene installato solo se il file di configurazione VMCONFIG.INI è presente sul sistema di destinazione. La dotazione di fornitura di SIMOTION IT Virtual Machine comprende un file di configurazione che contiene le impostazioni delle directory in base alle raccomandazioni esposte sopra e che può essere utilizzato per attivare JamaicaVM. Per effettuare impostazioni speciali nel file di configurazione, vedere anche: Configurazione di JamaicaVM (VMCONFIG.INI). (Pagina 46) Il file di configurazione VMCONFIG.INI e la libreria Java SIMOTION.JAR, che contengono InvocationManager e l'api per accesso ai dati e il logging, devono essere archiviati nel sistema di destinazione. Per impostazione predefinita la libreria Java si trova nella directory radice dell'unità B:. Se necessario la directory radice può anche essere impostata diversamente (vedere BOOTCLASSPATH (Pagina 47)). I programmi utente vanno compressi in una libreria Java (file JAR o ZIP) e copiati nella directory di lavoro corrente del sistema di destinazione. Per impostazione predefinita la directory di lavoro corrente del sistema di destinazione è la directory radice dell'unità B:, ma se necessario può anche essere impostata diversamente (vederecurrentdir (Pagina 47)). Per avviare automaticamente un programma utente, devono semplicemente essere immesse le informazioni corrispondenti nel file di configurazione JINVOKE.XML. Anche questo file di configurazione deve trovarsi nella directory di lavoro corrente del sistema di destinazione. 2.2 SIMOTION IT Servlets SIMOTION Servlets richiede che sia installato e configurato SIMOTION IT Virtual Machine. Per poter utilizzare SIMOTION Servlets si devono copiare nel sistema di destinazione le librerie Java svltapi.jar e svltimpl.jar. Se la scheda CF è vuota, a partire da SIMOTION V4.1 SP4 queste librerie Java devono essere salvate nella directory /SIEMENS/SIMOTION I file di configurazione forniti presuppongono che le librerie di sistema Java di SIMOTION si trovino in questa directory. La libreria Java svltapi.jar che contiene la Servlet API standard va copiata nel percorso di JamaicaVM. Manuale di programmazione, 02/

12 Installazione del software 2.2 SIMOTION IT Servlets Nel caso più semplice si deve estendere di conseguenza in VMCONFIG.INI l'impostazione per BOOTCLASSPATH: BOOTCLASSPATH= b:/siemens/simotion/simotion.jar;b:/siemens/simotion/svltapi.jar Nota In SIMOTION IT Virtual Machine si deve sempre specificare il punto e virgola come separatore CLASSPATH. Per avviare automaticamente il servlet-container si deve inserire la riga seguente in JINVOKE.XML: <AUTOSTART LIBRARY="B:/SIEMENS/SIMOTION/SVLTIMPL.JAR" CLASSNAME="com.siemens.ad.SIMOTION.servlets.ServletContainer"/> Le servlet utente vanno compresse in una libreria Java (file JAR e ZIP) e copiate nella directory di lavoro corrente del sistema di destinazione. Per caricare una servlet utente si devono solo inserire nel file di configurazione JSERVER.XML le informazioni corrispondenti. Anche questo file di configurazione deve trovarsi nella directory di lavoro corrente del sistema di destinazione. Nota Il software e le librerie si trovano sul DVD U&A in \VOL2\AddOn\4_Accessories\SIMOTION_IT\5_SIMOTION_VM 12 Manuale di programmazione, 02/2012

13 Dotazione di fornitura Fanno parte di SIMOTION IT Virtual Machine i file seguenti: Nome del file SIMOTION.JAR SIMOTION_DOC.ZIP SIMOTION_DEMO.ZIP JINVOKE.XML VMCONFIG.INI Jam1.st nanoxml.jar simotion_systemclasses.jar Descrizione Libreria Java contenente la API SIMOTION e il programma principale standard, InvocationManager. Documentazione online della API SIMOTION (formato HTML). Codice sorgente Java per programmi di esempio e tool. Esempio di un file di configurazione AUTOSTART File di configurazione JamaicaVM Esempio di un programma ST che definisce ed esporta variabili di programma ST Libreria Java necessaria per avviare InvocationManager su un computer per lo sviluppo. Libreria Java che può essere utilizzata come riferimento per la compilazione sul computer per lo sviluppo Pacchetti Java supportati In linea di massima i seguenti pacchetti JDK 6 sono supportati dal JamaicaVM integrato in SIMOTION. java.io java.lang java.lang.reflect java.math java.net java.text java.util java.util.jar java.util.zip Librerie Java supplementari possono essere integrate per importazione nel codice utente. Manuale di programmazione, 02/

14 3.1.3 Directory standard Con SIMOTION V4.1 SP4 sono state implementate importanti innovazioni relativamente alle directory consigliate per SIMOTION IT Virtual Machine e ai programmi Java che si basano su di esse. In particolare per poter utilizzare la nuova funzionalità CPU Update anche per SIMOTION IT Virtual Machine, vengono consigliate directory standard specifiche per file di programma Java e file di dati Java. Tutti i file di configurazione e i programmi di esempio forniti a partire da SIMOTION V4.1 SP4 tengono conto di queste innovazioni. Le directory standard consigliate sono definite nel modo seguente. Directory standard per file di programma Java e file di configurazione di SIMOTION IT Virtual Machine JINVOKE.XML: /USER/SIMOTION/HMI/JAVA/PROG/ Directory standard per file di dati Java: /USER/SIMOTION/HMI/JAVA/FSROOT/ Per ragioni di compatibilità non sono stati modificati i valori predefiniti delle impostazioni corrispondenti, per cui le configurazioni/installazioni esistenti possono continuare ad essere utilizzate. Queste directory standard consigliate vengono comunque utilizzate nei file di configurazione forniti per le impostazioni corrispondenti. In particolare la directory /USER/SIMOTION/HMI/JAVA/PROG/ viene impostata nel file fornito VMCONFIG.INI come valore per CURRENTDIR; questa è la directory di lavoro corrente e quindi costituisce ad es. la directory standard per i file di programma Java SIMOTION.JAR A partire da SIMOTION V4.1 SP4 la libreria Java SIMOTION.JAR deve essere salvata nella directory: /SIEMENS/SIMOTION I file di configurazione forniti presuppongono che le librerie di sistema Java di SIMOTION si trovino in questa directory. Dato che in linea di massima le librerie di sistema Java SIMOTION precedenti possono essere utilizzate nelle versioni più recenti di SIMOTION (ovviamente senza le funzionalità aggiunte nelle versioni più recenti di SIMOTION), le configurazioni/installazioni esistenti possono continuare ad essere utilizzate senza modifiche. In questo caso si consiglia comunque vivamente di adattare anche la configurazione di SIMOTION IT Virtual Machine in modo da consentire l'utilizzo della directory /SIEMENS/SIMOTION per questa libreria Java (vedere BOOTCLASSPATH (Pagina 47)). Solo in ambienti opportunamente adattati sarà infatti possibile, dopo un aggiornamento della CPU, utilizzare automaticamente le librerie Java SIMOTION adatte alla versione del firmare. 14 Manuale di programmazione, 02/2012

15 3.1.5 Limitazioni e particolarità Panoramica A causa di risorse ridotte (memoria insufficiente) o di implementazioni speciali (file system, rete), sul sistema di destinazione possono crearsi alcune limitazioni e particolarità che si seguito verranno descritte brevemente Numero di thread Il numero desiderato di thread utente Java può essere impostato (vedere SIMOTIONVM_NUMUSERTHREADS (Pagina 47)). Qualora i programmi utente richiedano più thread di quanti siano disponibili, nel file di output viene scritto un messaggio di errore (vedere File di output JCONSOLE.TXT (Pagina 52)) Funzioni di rete Sul sistema di destinazione non è disponibile un servizio nomi. Per questo motivo non possono essere utilizzati nomi host simbolici, ma deve essere sempre assegnato l'indirizzo IP numerico. Esempi: anziché r1014.erlf.siemens.de. In particolare anche anziché localhost. Non sono implementate le funzioni get-/setsotimeout per la sorveglianza dei tempi di funzioni socket. Ciò implica ad es. che non è possibile impostare un timeout per la ricezione di dati tramite una connessione socket File system Il file system del sistema di destinazione possiede le seguenti caratteristiche: Tutti i nomi file, tranne il nome del file di destinazione in caso di modifica del nome file, devono contenere una lettera di unità (generalmente A: o B:). Come separatore file viene usata la barra obliqua (slash, /). Non viene operata alcuna distinzione fra lettere maiuscole e minuscole. Per scrivere programmi utente indipendenti dalla piattaforma, i nomi file non dovrebbero comunque essere inizializzati specialmente per il sistema di destinazione (ad es. B:/DEMO/MYFILE.TXT). Anzi, un nome file dovrebbe essere generato dinamicamente (ad es. a partire dalla directory di lavoro corrente, dal separatore opportuno e dall'effettivo nome file). Il test dei programmi su un computer per lo sviluppo può essere così effettuato preliminarmente. Manuale di programmazione, 02/

16 Esempio: // Recupero della directory di lavoro corrente String currdir = System.getProperty("user.home"); // Costruzione del nome file File f; f = new File(currDir, "DEMO" + File.separator + "MYFILE.TXT"); Non sono implementate le funzioni get-/setlastmodified per la gestione dei timestamp dei file Sincronizzazione con il controllore JamaicaVM viene eseguito anche nello stato operativo STOP del controllore. La sincronizzazione con il controllore può avvenire tramite accesso allo stato operativo attuale del controllore. Manca comunque una segnalazione specifica di un eventuale cambio di stato operativo, Influenze sul sistema di destinazione e sui programmi applicativi L'uso di JamaicaVM ha ovviamente delle conseguenze sull'intero sistema. Per l'esecuzione di JamaicaVM sono necessari, a seconda del caso applicativo, circa 3MB di RAM. Per questo motivo potrebbe essere impossibile caricare un programma utente di dimensioni maggiori. A partire da SIMOTION V4.1 SP1 la memoria necessaria per JamaicaVM non è più fornita dalla memoria USER, ovvero l'esecuzione di JamaicaVM non sovraccarica più la memoria disponibile per i programmi utente. I singoli thread Java vengono collegati ai task SIMOTION corrispondenti nell'ambito del livello round robin. Ciò significa che tutti gli altri task SIMOTION ricevono meno tempo di elaborazione nell'ambito del livello round robin Collegamento a SIMOTION SCOUT Non esiste alcun collegamento di JamaicaVM a SIMOTION-SCOUT. In SIMOTION-SCOUT sono visibili solo una licenza mancante oppure errori gravi all'avviamento di JamaicaVM tramite la voce corrispondente nel buffer di diagnostica Debug di programmi Java A partire da SIMOTION V4.2 esiste la possibilità di effettuare il remote debugging di programmi Java sul sistema di destinazione. Per la comunicazione tra debugger e JamaicaVM viene sempre utilizzata una connessione di rete. Nel caso standard il sistema di destinazione viene configurato come debugging server. A questo scopo occorre impostare impostare i parametri in modo tale che JamaicaVM apra una porta per il remote debugging. Per collegarsi a un debugger è quindi necessaria una connessione di rete con il sistema di destinazione. Inoltre occorre attivare il debugger immettendo i dati corrispondenti in VMCONFIG.INI. 16 Manuale di programmazione, 02/2012

17 Come debugger frontend si può utilizzare ad es. Eclipse oppure anche jdb (il debugger Java di Sun Microsystems Inc.). Esempio di nome di collegamento con jdb, con indicazione di indirizzo IP e numero di porta: jdb -connect com.sun.jdi.socketattach:hostname= ,port=8000 Affinché l'impostazione di punti di arresto funzioni perfettamente, è molto importante che l'applicazione Java caricata nel sistema di destinazione e i file sorgente Java utilizzati siano perfettamente congruenti. I file sorgente Java vengono utilizzati per il calcolo dei punti di arresto. Se ad es. viene utilizzato per errore un file sorgente Java che è stato modificato rispetto all'applicazione Java caricata nel sistema di destinazione, può accadere che il debugger non si fermi al punto di arresto. Questo comportamento è dovuto al fatto che il numero di riga corrispondente nel file sorgente Java dell'applicazione Java caricata non descrive una riga di programma eseguibile. Per la fase di sviluppo software può essere comunque utilizzata la API SIMOTION nella modalità di simulazione. In questo modo è possibile eseguire il test e il debug dell'applicazione in una prima fase (esecuzione di base del programma) sul computer per lo sviluppo. Vedere Elemento DATA_ACCESS (Pagina 46) Debugging con Eclipse Figura 3-1 Esempio di impostazioni di remote debugging in Eclipse Vedere anche VMCONFIG.INI (Pagina 47) Manuale di programmazione, 02/

18 3.1.6 API SIMOTION Panoramica La API SIMOTION contiene classi Java allo scopo di: accedere a variabili del sistema runtime, tra cui alla possibilità di marshalling (i valori delle variabili possono essere costituiti da array di byte e scritti in array di byte) richiamare funzioni di sistema di un oggetto tecnologico (TO) accedere a parametri, descrizione dei parametri e buffer errori di un azionamento essere in grado di emettere informazioni di logging Accesso alle variabili Panoramica Pacchetto Java corrispondente: com.siemens.ad.simotion.da Per l'accesso ai dati del sistema runtime, sono disponibili il "server oggetti" (RTObjectServer) come classe centrale e le classi per la rappresentazione del tipo sicuro delle variabili. Per ogni tipo di dati standard ST esiste una classe Java corrispondente (RTVariableBOOL, ). Il provider delle variabili del sistema runtime supporta la conversione dei tipi di dati ST in stringhe e viceversa. Ciò significa che è possibile accedere a tutte le variabili del sistema runtime anche tramite una variabile "stringa". Tabella 3-1 Rappresentazione dei tipi di dati elementari su classi di variabili Tipo di dati standard ST BOOL SINT USINT, BYTE INT UINT, WORD DINT UDINT, DWORD REAL LREAL TIME DATE TIME_OF_DAY (sigla TOD) DATE_AND_TIME (sigla DT) STRING Ogni tipo di dati standard ST Classe di variabili Java RTVariableBOOL RTVariableSINT RTVariableUSINT RTVariableINT RTVariableUINT RTVariableDINT RTVariableUDINT RTVariableREAL RTVariableLREAL RTVariableSTRING RTVariableSTRING RTVariableSTRING RTVariableSTRING RTVariableSTRING RTVariableANY 18 Manuale di programmazione, 02/2012

19 Indipendentemente da ciò, ogni RTVariable Java, tranne RTVariableANY, può fornire il proprio valore come stringa Java oppure impostarlo in base a una stringa specificata. Un caso speciale è rappresentato da RTVariableANY. Una variabile di questo tipo può essere utilizzata per leggere il tipo di dati nativo e il contenuto (comunque solo nella forma di "byte grezzi") di una variabile del sistema runtime. Per il tipo di dati, la variabile del sistema runtime deve tuttavia corrispondere a un tipo di dati elementari come riportato nella tabella precedente. Dopo la lettura corretta di una variabile del tipo RTVariableANY, è possibile creare una corrispondente variabile di tipo sicuro tramite il server oggetti. Il server oggetti ha i seguenti compiti: creare variabili lettura/scrittura da (gruppi di) variabili eliminazione di variabili browsing di variabili lettura delle proprietà delle variabili Le variabili hanno i seguenti compiti: memorizzazione del valore della variabile lettura/impostazione del tipo sicuro del valore della variabile conversione del valore della variabile da/in stringa conversione del valore della variabile da/in byte - array (marshalling) Accesso ai dati di configurazione di un TO L'accesso ai dati di configurazione di un TO consente di configurare un asse o anche di calcolare l'indirizzo di base logico dell'azionamento assegnato all'asse. Occorre tenere presente che esistono più tipi di dati di configurazione: Configurazione attiva (valore Actual) Configurazione eventualmente modificata, ma non ancora attiva (valore Next) È possibile accedere sia alla configurazione attiva attualmente, sia a quella non ancora attiva; in SIMOTION SCOUT questi set di dati vengono definiti valore Actual o valore Next. La decisione del tipo di dati a cui si accede avviene in base al nome della variabile specificato (vedere anche Nomi delle variabili (Pagina 20)). I parametri disponibili dipendono dal tipo di TO e, ad es. per un asse, dal tipo di asse. Esistono inoltre dipendenze reciproche di impostazioni concrete dei parametri (queste vengono implementate in SCOUT dall'integrazione delle routine di prova create durante la generazione). Per l'accesso tramite Java non esiste un supporto specifico. Occorre inoltre tenere conto delle varie possibilità di modifica per i dati di configurazione: Download (i dati non possono più essere modificati) Restart (il TO deve essere riavviato affinché la modifica diventi attiva) Immediatamente (la modifica è subito attiva). Manuale di programmazione, 02/

20 Leggendo le proprietà delle variabili è possibile determinare se una variabile di configurazione può essere modificata e se dopo una modifica è necessario riavviare il TO (vedere anchelettura delle proprietà delle variabili (Pagina 23)). Nome della variabile Nei nomi delle variabili non viene operata alcuna distinzione fra lettere maiuscole e minuscole. I nomi delle variabili sono costituiti da un prefisso e dal nome effettivo della variabile. Per le variabili di sistema di apparecchio il prefisso è "var/". Per le variabili da una sorgente (ST/MCC/KOP/FUP) il prefisso è "unit/". Sono disponibili solo le variabili dichiarate in Interface. Nell'accesso a variabili di sistema o di configurazione di un TO valgono le seguenti regole: Il prefisso per le variabili di sistema di un TO è il seguente: to/<nome TO>. Il prefisso per le variabili di configurazione di un TO è il seguente: cfg/<nome_to>. Nell'accesso alle variabili di configurazione attuali, dopo il nome TO occorre anche specificare activeconfigdata. Per l'accesso alla configurazione da applicare, che in SIMOTION SCOUT viene definita valore Next, occorre specificare setconfigdata dopo il nome TO. Tabella 3-2 Variabili accessibili (struttura del nome della variabile ed esempio): Tipo di variabile Struttura del nome della variabile Esempio Variabili di sistema di apparecchio var/ var/userdata.user1 Variabile di sistema TO to/<nome TO>.<variabile> to/achse_1.basicmotion.position Variabili di configurazione TO cfg/<nome TO>.activeConfigData.<variabile> cfg/achse_1.activeconfigdata.modulo. state Variabili di configurazione TO cfg/<nome TO>.setConfigData.<variabile> cfg/achse_1.setconfigdata.modulo.sta te Variabili globali d'apparecchio glob/ <variabile> Glob/myGlobalVar1 Variabili IO io/_direct.<variabile> io/_image.<variabile> io/_quality.<variabile> io/_direct.myout1 io/_image.myout1 io/_quality.myout1 Variabili Program Interface unit/<unitname>.<variabile> unit/awp01.ug_stringvar1 L'accesso a variabili di I/O è possibile a partire dalla versione V4.2. L'accesso al buffer di diagnostica non è attualmente possibile. 20 Manuale di programmazione, 02/2012

SIMATIC. Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software. Aggiornamento software 1

SIMATIC. Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software. Aggiornamento software 1 Aggiornamento software 1 SIMATIC Sistema di controllo del processo PCS 7 SIMATIC Management Console - Aggiornamento del software Manuale di installazione Valido solo per l'aggiornamento del software SIMATIC

Dettagli

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP Prefazione Guida alla documentazione dell'et 200SP 1 SIMATIC ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Manuale del prodotto Panoramica del prodotto 2 Parametri/area di indirizzi 3 Dati tecnici 4 Set

Dettagli

Documentazione WinCC/WebUX - SIMATIC HMI. WinCC V7.3 SE incl. Update 1 Documentazione WinCC/WebUX - WebUX - Descrizione 1.

Documentazione WinCC/WebUX - SIMATIC HMI. WinCC V7.3 SE incl. Update 1 Documentazione WinCC/WebUX - WebUX - Descrizione 1. WebUX - Descrizione 1 Uso di WebUX 2 SIMATIC HMI WinCC V7.3 SE incl. Update 1 Manuale di sistema Stampa della Guida in linea 09/2014 A5E34377170-AB Avvertenze di legge Concetto di segnaletica di avvertimento

Dettagli

SIMOTION. SIMOTION SCOUT Task Trace. Premessa 1. Sommario 2. Configurazione 3. Utilizzo di SIMOTION Task Profiler. Manuale di guida alle funzioni

SIMOTION. SIMOTION SCOUT Task Trace. Premessa 1. Sommario 2. Configurazione 3. Utilizzo di SIMOTION Task Profiler. Manuale di guida alle funzioni SIMOTION SIMOTION SCOUT SIMOTION SIMOTION SCOUT Premessa 1 Sommario 2 Configurazione 3 Utilizzo di SIMOTION Task Profiler 4 Manuale di guida alle funzioni 05/2009 Avvertenze di legge Avvertenze Concetto

Dettagli

Tipi di sessione WebEx. SINUMERIK 810D / 840Di / 840D. eps Network Services Tipi di sessione WebEx SC5.0. White Paper 11/2006 --

Tipi di sessione WebEx. SINUMERIK 810D / 840Di / 840D. eps Network Services Tipi di sessione WebEx SC5.0. White Paper 11/2006 -- 1 SINUMERIK 810D / 840Di / 840D eps Network Services White Paper 11/2006 -- Istruzioni di sicurezza Questo manuale contiene delle norme di sicurezza che devono essere rispettate per salvaguardare l'incolumità

Dettagli

Esecuzione dell'installazione automatica

Esecuzione dell'installazione automatica Nozioni di base sull'installazione automatica 1 Installazione automatica con il modo Record/Play 2 Installazione automatica dalla riga di comando 3 Elenco dei parametri 4 Esecuzione dell'installazione

Dettagli

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows

SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows i SPSS Inc. Data Access Pack - Istruzioni di installazione per Windows Per ulteriori informazioni sui prodotti software SPSS Inc., visitare il sito Web all indirizzo http://www.spss.it o contattare: SPSS

Dettagli

CPU 317T-2 DP: Comando di un asse. virtuale SIMATIC. Sistema di automazione S7-300 CPU 317T-2 DP: Comando di un asse virtuale.

CPU 317T-2 DP: Comando di un asse. virtuale SIMATIC. Sistema di automazione S7-300 CPU 317T-2 DP: Comando di un asse virtuale. CPU 317T-2 DP: Comando di un asse virtuale SIMATIC Sistema di automazione S7-300 CPU 317T-2 DP: Comando di un asse virtuale Introduzione 1 Preparazione 2 Moduli didattici 3 Ulteriori informazioni 4 Getting

Dettagli

Nota Tecnica Premium HMI 4.0.1152 TN0022

Nota Tecnica Premium HMI 4.0.1152 TN0022 Premium HMI 4.0.1152 Introduzione Il documento raccoglie le note di rilascio per la versione 4.0.1152 di Premium HMI. Le principali novità introdotte riguardano i seguenti aspetti: Nuove funzioni per una

Dettagli

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi

Applicazioni web. Sommario. Parte 6 Servlet Java. Applicazioni web - Servlet. Alberto Ferrari 1. Servlet Introduzione alle API ed esempi Applicazioni web Parte 6 Java Alberto Ferrari 1 Sommario Introduzione alle API ed esempi Tomcat Server per applicazioni web Alberto Ferrari 2 Alberto Ferrari 1 Java: da applet a servlet In origine Java

Dettagli

FileMaker Server 11. Guida all'aggiornamento dei plug-in

FileMaker Server 11. Guida all'aggiornamento dei plug-in FileMaker Server 11 Guida all'aggiornamento dei plug-in 2010 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

Device Storage Manager Manuale di riferimento

Device Storage Manager Manuale di riferimento Device Storage Manager Manuale di riferimento Copyright e marchi di fabbrica Copyright 2003 Hewlett-Packard Development Company, L.P. Non è consentito riprodurre, adattare o tradurre la presente pubblicazione

Dettagli

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux

Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Guida dell'amministratore di JMP 8 alle versioni con licenza annuale per Windows, Macintosh e Linux Gli estremi corretti per la citazione bibliografica di questo manuale sono i seguenti: SAS Institute

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti DAIS Univ. Ca' Foscari Venezia Programmazione ad oggetti Samuel Rota Bulò Informazioni generali Docente: Samuel Rota Bulò @email: srotabul@dais.unive.it Homepage: http://www.dais.unive.it/~srotabul/ ooprogramming2012.html

Dettagli

License Service Manuale Tecnico

License Service Manuale Tecnico Manuale Tecnico Sommario 1. BIM Services Console...3 1.1. BIM Services Console: Menu e pulsanti di configurazione...3 1.2. Menù Azioni...4 1.3. Configurazione...4 1.4. Toolbar pulsanti...5 2. Installazione

Dettagli

Getting started. Creare una applicazione con supporto Web Server

Getting started. Creare una applicazione con supporto Web Server Getting started Creare una applicazione con supporto Web Server Revisioni del documento Data Edizione Commenti 10/03/2010 1.0 - Sielco Sistemi srl via Roma, 24 I-22070 Guanzate (CO) http://www.sielcosistemi.com

Dettagli

Unità di ingressi digitali. DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC

Unità di ingressi digitali. DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC Unità di ingressi digitali DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) SIMATIC S7-1500/ET 200MP Unità di ingressi digitali DI 16x24VDC BA (6ES7521-1BH10-0AA0) Manuale del prodotto Prefazione Guida alla documentazione

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA INTERNET STICK CS-10 http://it.yourpdfguides.com/dref/2737876

Il tuo manuale d'uso. NOKIA INTERNET STICK CS-10 http://it.yourpdfguides.com/dref/2737876 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di NOKIA INTERNET STICK CS-10. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

SIMATIC HMI. WinCC flexible 2005 SP1 Introduzione a WinCC flexible. Introduzione a SIMATIC HMI. Presentazione del sistema WinCC flexible

SIMATIC HMI. WinCC flexible 2005 SP1 Introduzione a WinCC flexible. Introduzione a SIMATIC HMI. Presentazione del sistema WinCC flexible SIMATIC HMI WinCC flexible 2005 SP1 SIMATIC HMI WinCC flexible 2005 SP1 Introduzione a SIMATIC HMI 1 Presentazione del sistema WinCC flexible 2 Concetti di automazione 3 Concetti di progettazione 4 Stampa

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente

Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente Retrospect 9 per Mac Appendice al Manuale per l'utente 2 Retrospect 9 Manuale dell'utente Appendice www.retrospect.com 2011 Retrospect, Inc. Tutti i diritti riservati. Manuale per l'utente Retrospect 9,

Dettagli

Nuvola It Data Space

Nuvola It Data Space MANUALE UTENTE INDICE 1. Descrizione servizio... 3 1.1. Informazioni sul servizio di Telecom Italia... 3 1.2. Ruoli e Autenticazione per il servizio di Telecom Italia... 3 1.3. Strumenti... 5 1.4. Documentazione...

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9500 COMMUNICATOR http://it.yourpdfguides.com/dref/381850

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9500 COMMUNICATOR http://it.yourpdfguides.com/dref/381850 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di NOKIA 9500 COMMUNICATOR. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni,

Dettagli

Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente

Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente Retrospect 7.7 Integrazione della Guida per l'utente 2011 Retrospect, Inc. Portions 1989-2010 EMC Corporation. Tutti i diritti riservati. Guida per l'utente di Retrospect 7.7, prima edizione. L'uso di

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

Manuale Accesso remoto VNC V 0.2

Manuale Accesso remoto VNC V 0.2 & Manuale Accesso remoto VNC V 0.2 Agosto 2012 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living B2229. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java

Installazione del Software. per lo Sviluppo di Applicazioni Java Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java Ing. Luca Ferrari ferrari.luca@unimore.it Tel. 0592056142 Installazione del Software per lo Sviluppo di Applicazioni Java 1 Il Compilatore

Dettagli

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL Manuale Programmatore Pagina 1 SOMMARIO Webgate400 ActiveX Control... 3 1 A Chi è destinato... 3 2 Pre requisiti... 3 3 Introduzione... 3 3.1 Requisiti di sistema... 3 3.2 Distribuzione

Dettagli

SIMOTION. SIMOTION SCOUT SIMOTION ST Structured Text. Prefazione. Avvertenze di sicurezza di base 1. Premessa 2. Guida introduttiva di ST 3

SIMOTION. SIMOTION SCOUT SIMOTION ST Structured Text. Prefazione. Avvertenze di sicurezza di base 1. Premessa 2. Guida introduttiva di ST 3 Prefazione Avvertenze di sicurezza di base 1 SIMOTION SIMOTION SCOUT Manuale di programmazione e d'uso Premessa 2 Guida introduttiva di ST 3 Principi fondamentali di ST 4 Funzioni, blocchi funzionali e

Dettagli

Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise

Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise Application Server per sviluppare applicazioni Java Enterprise Con il termine Application Server si fa riferimento ad un contenitore, composto da diversi moduli, che offre alle applicazioni Web un ambiente

Dettagli

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 2002

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 2002 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione Outlook 2002 Rev. 1.1 4 dicembre 2002 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione: Outlook XP Introduzione

Dettagli

Manuale di Nero ControlCenter

Manuale di Nero ControlCenter Manuale di Nero ControlCenter Nero AG Informazioni sul copyright e sui marchi Il manuale di Nero ControlCenter e il contenuto dello stesso sono protetti da copyright e sono di proprietà di Nero AG. Tutti

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

TeamUpdate Client. TeamPortal TeamUpdate Client 20120300

TeamUpdate Client. TeamPortal TeamUpdate Client 20120300 Client Client INDICE Introduzione... 3 Specifiche Client... 4 Contenuti... 5 Gestione contenuto... 6 Gestione documenti... 8 Contenuti locali... 11 Da gestire... 11 Cronologia... 12 Consultazione... 13

Dettagli

PC/CSA. Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada

PC/CSA. Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada PC/CSA Manuale di utilizzo del PC/CSA Specifiche tecniche per lo scarico automatico dei dati dei pagamenti delle violazioni al Codice della Strada PC/CSA-SPF-1.0 Versione del 18.04.2001 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Client VPN Manuale d uso. 9235970 Edizione 1

Client VPN Manuale d uso. 9235970 Edizione 1 Client VPN Manuale d uso 9235970 Edizione 1 Copyright 2004 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto del presente documento, né parte di esso, potrà essere riprodotto, trasferito, distribuito

Dettagli

Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server

Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server Manuale dell'utente di Avigilon Control Center Server Versione 4.10 PDF-SERVER-D-Rev1_IT Copyright 2011 Avigilon. Tutti i diritti riservati. Le informazioni qui presenti sono soggette a modifiche senza

Dettagli

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 97, 98 e 2000

SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook. Guida all installazione Outlook 97, 98 e 2000 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione Outlook 97, 98 e 2000 Rev. 1.1 4 dicembre 2002 SCOoffice Mail Connector for Microsoft Outlook Guida all installazione per Outlook

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida alla configurazione dell'installazione in rete

FileMaker Server 13. Guida alla configurazione dell'installazione in rete FileMaker Server 13 Guida alla configurazione dell'installazione in rete 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati

Dettagli

ARGOSAVE 3.0.0. Argo Software srl Zona Industriale III Fase 97100 Ragusa tel 0932.666412 fax 0932.667551- www.argosoft.it info@argosoft.

ARGOSAVE 3.0.0. Argo Software srl Zona Industriale III Fase 97100 Ragusa tel 0932.666412 fax 0932.667551- www.argosoft.it info@argosoft. INDICE 1 Il sistema ArgoSave 1.1 Caratteristiche 1.2 Organizzazione del sistema 2 Installazione 3 Il pannello di controllo 3.1 Opzioni generali 3.2 Opzioni di backup giornaliero 3.3 Opzioni di backup via

Dettagli

Server USB Manuale dell'utente

Server USB Manuale dell'utente Server USB Manuale dell'utente - 1 - Copyright 2010Informazioni sul copyright Copyright 2010. Tutti i diritti riservati. Disclaimer Incorporated non è responsabile per errori tecnici o editoriali od omissioni

Dettagli

Moduli di Fatturazione Elettronica

Moduli di Fatturazione Elettronica Moduli di Fatturazione Elettronica Installazione della macchina virtuale ed utilizzo 1.1 del 14/07/2014 LAIT LAZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA S.P.A. Sede operativa: Via Adelaide Bono Cairoli, 68 00145 Roma

Dettagli

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

1 Creazione pagine web utente

1 Creazione pagine web utente 1 Creazione pagine web utente Con il nuovo sistema operativo SFW184 è stata implementata la possibilità di creare pagine web direttamente dall'utente, queste pagine potranno essere trasferite nelle directory

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

Manuale TeamViewer Manager 6.0

Manuale TeamViewer Manager 6.0 Manuale TeamViewer Manager 6.0 Revisione TeamViewer 6.0-954 Indice 1 Panoramica... 2 1.1 Informazioni su TeamViewer Manager... 2 1.2 Informazioni sul presente Manuale... 2 2 Installazione e avvio iniziale...

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

SLIMPRINTER - Documentazione (A partire dalla versione 8.4, 2012/12/07)

SLIMPRINTER - Documentazione (A partire dalla versione 8.4, 2012/12/07) 1. Scopo del programma SLIMPRINTER - Documentazione (A partire dalla versione 8.4, 2012/12/07) SLIMPRINTER consente di stampare da Microsoft Terminal Server senza driver utilizzando il protocollo RDP.

Dettagli

Programmazione dei socket con TCP #2

Programmazione dei socket con TCP #2 I Il Server e il Client si scambiano messaggi attraverso la rete mediante un dell API (Application Programming Interface) Telematica II 10. Esercitazione/Laboratorio 3 Server ports Clients user space Socket

Dettagli

Processi di stampa in attesa protetti. Guida per l'amministratore

Processi di stampa in attesa protetti. Guida per l'amministratore Processi di stampa in attesa protetti Guida per l'amministratore Settembre 2013 www.lexmark.com Sommario 2 Sommario Panoramica...3 Configurazione processi di stampa in attesa protetti...4 Configurazione

Dettagli

Server-side Programming: Java servlets Parte II

Server-side Programming: Java servlets Parte II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2009-2010 Server-side Programming:

Dettagli

KISSsoft 03/2015 Tutorial 1

KISSsoft 03/2015 Tutorial 1 KISSsoft 03/2015 Tutorial 1 Versione di prova e primi passi KISSsoft AG Rosengartenstrasse 4 8608 Bubikon Svizzera Tel: +41 55 254 20 50 Fax: +41 55 254 20 51 info@kisssoft.ag www.kisssoft.ag Indice 1

Dettagli

FileMaker Server 14. Guida alla configurazione dell installazione in rete

FileMaker Server 14. Guida alla configurazione dell installazione in rete FileMaker Server 14 Guida alla configurazione dell installazione in rete 2007 2015 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati

Dettagli

9243057 Edizione 1 IT. Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation

9243057 Edizione 1 IT. Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation 9243057 Edizione 1 IT Nokia e Nokia Connecting People sono marchi registrati di Nokia Corporation VPN Client Manuale d'uso 9243057 Edizione 1 Copyright 2005 Nokia. Tutti i diritti sono riservati. Il contenuto

Dettagli

Tibet4DExt. Manuale Utente. Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea. (Versione 1.7.x)

Tibet4DExt. Manuale Utente. Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea. (Versione 1.7.x) Tibet4DExt Un Plug-in 4 th Dimension per accedere agli archivi di Tibet in linea (Versione 1.7.x) Manuale Utente Capitolo 1, Informazioni Generali Informazioni generali su Tibet4DExt Il plug-in Tibet4DExt

Dettagli

BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.6. Manuale dell'utente

BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.6. Manuale dell'utente BlackBerry Internet Service Uso del browser dello smartphone BlackBerry Versione: 2.6 Manuale dell'utente SWDT228826-600991-0122103435-004 Indice Guida introduttiva... 2 Informazioni di base sul sito Web

Dettagli

Tutorial KISSsoft: versione di prova e fasi iniziali

Tutorial KISSsoft: versione di prova e fasi iniziali Tutorial KISSsoft 001: installazione e fasi iniziali KISSsoft AG - +41 55 254 20 50 Uetzikon 4 - +41 55 254 20 51 8634 Hombrechtikon - info@kisssoft.ag Svizzera - www.kisssoft.ag Tutorial KISSsoft: versione

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9300 http://it.yourpdfguides.com/dref/381729

Il tuo manuale d'uso. NOKIA 9300 http://it.yourpdfguides.com/dref/381729 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso (informazioni, specifiche,

Dettagli

Fiery Network Controller per Xerox WorkCentre 7800 Series. Guida introduttiva

Fiery Network Controller per Xerox WorkCentre 7800 Series. Guida introduttiva Fiery Network Controller per Xerox WorkCentre 7800 Series Guida introduttiva 2013 Electronics For Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione

Dettagli

Acronis License Server. Manuale utente

Acronis License Server. Manuale utente Acronis License Server Manuale utente INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 Panoramica... 3 1.2 Politica della licenza... 3 2. SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI... 4 3. INSTALLAZIONE DI ACRONIS LICENSE SERVER...

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

SIMATIC. Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET. Prefazione

SIMATIC. Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET. Prefazione SIMATIC Component Based Automation SIMATIC Component Based Automation SIMATIC imap STEP 7 AddOn, Creazione di componenti PROFINET Manuale di progettazione Prefazione Creazione di componenti PROFINET con

Dettagli

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial

Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Istruzioni per l'aggiornamento del firmware degli SSD client Crucial Informazioni generali Tramite questa guida, gli utenti possono aggiornare il firmware degli SSD client Crucial installati in un ambiente

Dettagli

Installazione o aggiornamento del software di sistema di Fiery

Installazione o aggiornamento del software di sistema di Fiery Installazione o aggiornamento del software di sistema di Fiery Questo documento spiega come installare o aggiornare il software di sistema su Fiery Network Controller per DocuColor 240/250. NOTA: In questo

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Strumenti per la programmazione

Strumenti per la programmazione Editing del programma Il programma deve essere memorizzato in uno o più files di testo editing codice sorgente 25 Traduzione del programma Compilazione: è la traduzione effettuata da un compilatore Un

Dettagli

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida

Console di Amministrazione Centralizzata Guida Rapida Console di Amministrazione Centralizzata Contenuti 1. Panoramica... 2 Licensing... 2 Panoramica... 2 2. Configurazione... 3 3. Utilizzo... 4 Gestione dei computer... 4 Visualizzazione dei computer... 4

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012

Installazione e guida introduttiva. Per WebReporter 2012 Per WebReporter 2012 Ultimo aggiornamento: 13 settembre, 2012 Indice Installazione dei componenti essenziali... 1 Panoramica... 1 Passo 1 : Abilitare gli Internet Information Services... 1 Passo 2: Eseguire

Dettagli

BlackBerry Internet Service Uso dell'applicazione di configurazione della posta elettronica dello smartphone BlackBerry Versione: 2.

BlackBerry Internet Service Uso dell'applicazione di configurazione della posta elettronica dello smartphone BlackBerry Versione: 2. BlackBerry Internet Service Uso dell'applicazione di configurazione della posta elettronica dello smartphone BlackBerry Versione: 2.6 Manuale dell'utente SWDT229221-613076-0127040357-004 Indice Guida introduttiva...

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Guida di rete. Configurazione di Windows Utilizzo di un server di stampa Monitoraggio e configurazione della stampante Appendice

Guida di rete. Configurazione di Windows Utilizzo di un server di stampa Monitoraggio e configurazione della stampante Appendice Guida di rete 1 2 3 4 Configurazione di Windows Utilizzo di un server di stampa Monitoraggio e configurazione della stampante Appendice Si prega di leggere attentamente questo manuale prima di utilizzare

Dettagli

ServerSync Google Calendar:guida alla migrazione

ServerSync Google Calendar:guida alla migrazione ServerSync Google Calendar:guida alla migrazione Vediamo passo a passo la procedura da seguire per migrare dalla vecchia sincronizzazione ServerSync con Google Calendar alla nuova versione (quella che

Dettagli

Il tuo manuale d'uso. BLACKBERRY INTERNET SERVICE http://it.yourpdfguides.com/dref/1117397

Il tuo manuale d'uso. BLACKBERRY INTERNET SERVICE http://it.yourpdfguides.com/dref/1117397 Può anche leggere le raccomandazioni fatte nel manuale d uso, nel manuale tecnico o nella guida di installazione di. Troverà le risposte a tutte sue domande sul manuale d'uso BLACKBERRY INTERNET SERVICE

Dettagli

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni

testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni testo easyheat Software di configurazione e analisi Manuale di istruzioni it 2 Informazioni generali Informazioni generali Questo manuale contiene importanti informazioni sulle caratteristiche e sull impiego

Dettagli

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo

Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Tutorial per l installazione del J2SE 6 e configurazione del sistema operativo Ing. Giovanni Ponti DEIS Università della Calabria gponti@deis.unical.it La piattaforma Java mette a disposizione una serie

Dettagli

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida

AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida AXIS Camera Station Guida all'installazione rapida Copyright Axis Communications AB Aprile 2005 Rev. 1.0 Numero parte 23794 1 Indice Informazioni sulle normative............................. 3 AXIS Camera

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Guida introduttiva di F-Secure PSB

Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Guida introduttiva di F-Secure PSB Indice generale 3 Sommario Capitolo 1: Introduzione...5 Capitolo 2: Guida introduttiva...7 Creazione di un nuovo account...8 Come

Dettagli

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI

CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI CAPITOLO 1 I SISTEMI OPERATIVI Introduzione ai sistemi operativi pag. 3 La shell pag. 3 Tipi di sistemi operativi pag. 4 I servizi del sistema operativo pag. 4 La gestione dei file e il file system Il

Dettagli

SIMATIC NET. Tecnologia d informazione in SIMATIC S7 con CP 343 1 IT / CP 343 1 IT GX20 e CP 443 1 IT. Prefazione, indice

SIMATIC NET. Tecnologia d informazione in SIMATIC S7 con CP 343 1 IT / CP 343 1 IT GX20 e CP 443 1 IT. Prefazione, indice SIMATIC NET Tecnologia d informazione in SIMATIC S7 con CP 343 1 IT / CP 343 1 IT GX20 e CP 443 1 IT Manuale Prefazione, indice Panoramica del sistema Invio di messaggi di processo 2 tramite e mail Gestione

Dettagli

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo)

Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Installazione di IBM SPSS Modeler 14.2 Client (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Client versione 14.2 con licenza per utente singolo. Una licenza

Dettagli

File Readme dell'applicazione desktop Novell Filr

File Readme dell'applicazione desktop Novell Filr File Readme dell'applicazione desktop Novell Filr Aprile 2015 1 Panoramica sul prodotto L'applicazione desktop Novell Filr consente di sincronizzare i file Novell Filr con il file system del computer e

Dettagli

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (utente singolo)

Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (utente singolo) Istruzioni di installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics (utente singolo) Le seguenti istruzioni sono relative all installazione di IBM SPSS Modeler Text Analytics versione 15 mediante un licenza

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE

ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE ASSOCIAZIONE ITALIANA EDITORI APPLICAZIONE WEB GESTIONE CATALOGO EDITORI MANUALE UTENTE v. 1.0-31/01/2014 INDICE 1 INTRODUZIONE...3 2 ACCESSO ALL APPLICAZIONE...3 3 CONSULTAZIONE E AGGIORNAMENTO CATALOGO...4

Dettagli

Fiery Print Server. Stampa di dati variabili

Fiery Print Server. Stampa di dati variabili Fiery Print Server Stampa di dati variabili 2009 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto

Dettagli

Sophos Virtualization Scan Controller guida per utenti. Versione prodotto: 1.0

Sophos Virtualization Scan Controller guida per utenti. Versione prodotto: 1.0 Sophos Virtualization Scan Controller guida per utenti Versione prodotto: 1.0 Data documento: luglio 2011 (rivista) Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Virtualization Scan Controller...3 3 Dove installare...3

Dettagli

1 "log-file": "/var/log/pilight.log" 2 "log-file": "c:/pilight/pilight.log"

1 log-file: /var/log/pilight.log 2 log-file: c:/pilight/pilight.log Impostazioni Impostazioni...1 Introduzione...2 Core...2 port...2 standalone...2 pid-file...2 log-file...2 log-level...2 whitelist...3 stats-enable...3 watchdog-enable...3 Percorsi dei moduli...4 action-root...4

Dettagli

Archiviazione Email con Kerio Connect

Archiviazione Email con Kerio Connect Archiviazione Email con Kerio Connect Si prega di notare che questo tutorial copre solo le specifiche di archiviazione di un server di Kerio Connect (ex Kerio MailServer). Si presume che si disponga già

Dettagli

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software:

SOFTWARE. È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: 1 SOFTWARE È l insieme delle istruzioni che è necessario fornire alla macchina per il suo funzionamento. Vi sono due categorie di software: SOFTWARE DI SISTEMA (o di base), che deve gestire le funzioni

Dettagli

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28

Indice. 1.13 Configurazione di PHP 26 1.14 Test dell ambiente di sviluppo 28 Indice 25 184 Introduzione XI Capitolo 1 Impostazione dell ambiente di sviluppo 2 1.1 Introduzione ai siti Web dinamici 2 1.2 Impostazione dell ambiente di sviluppo 4 1.3 Scaricamento di Apache 6 1.4 Installazione

Dettagli