Piano esecutivo di gestione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano esecutivo di gestione"

Transcript

1 Piano esecutivo di gestione Azioni 213 Allegato C

2 Sommario Premessa: Il Comune in cifre Parte I Piano Azioni Parte II Piano delle opere pubbliche Parte III Risorse assegnate

3 Il Comune in cifre Sindaco Giunta Consiglio Claudio Toni 6 assessori 21 consiglieri Mandato Segretario generale Fabrizio Petruzzi Settori 5 Dirigenti 4 Dipendenti a tempo indeterminato Dipendenti a tempo determinato 19 6 Organigramma Consiglio Comunale Giunta Comunale Sindaco Nucleo di valutazione Collegio dei Revisori Comitato di Direzione Segretario generale Settore n. 1 Servizi istituzionali e gestione delle risorse interne Settore n. 2 Settore economico finanziario Settore n. 3 Realizzazione e riuso opere pubbliche Settore n. 4 Assetto del territorio e ambiente Settore n. 5 Servizi alle persone 1

4 Territorio superficie 65 kmq aree a verde urbano funzionale mq n.parchi attrezzati mq strade provinciali strade comunali strade vicinali 29,5 km 12 km 115 km km strade illuminate n.punti luce fiumi e torrenti 16 Popolazione abitanti cittadini stranieri 16,5% nuclei familiari in età -6 anni 6,9% in età 7-14 anni 7,% in età anni 14,6% in età 3-65 anni 51,3% in età oltre 65 anni 2,2% Economia n.imprese attive di cui: Agricoltura 148 Industria 956 Servizi 1.32 Altre non classificate 3 2

5 Aggregazioni sociali associazioni 62 società sportive 29 Scuole n. nido comunali posti 1-24 n. nido convenzionati posti 4-48 n.nido accreditati posti 4-84 n.materne posti n.elementari posti n.medie posti n.superiori posti Altre strutture biblioteca 1 auditorium 1 impianti sportivi 17 punti wi-fi pubblici 2 punti PAAS 3 centro infanzia 1 centro giovani 1 centri emergenza abitativa 3 farmacia comunale 1 cimiteri 7 Risorse strumentali mezzi operativi 8 3

6 veicoli 34 scuolabus 8 personal computer 157 server 12 Società partecipate società partecipate direttamente 9 società partecipate indirettamente 11 Sito istituzionale 4

7 Piano Esecutivo di Gestione 213 Piano delle azioni 5 PARTE I

8 Questa sezione del Piano Esecutivo di Gestione contiene le azioni assegnate dalla Giunta ai Dirigenti per l anno 213, finalizzate all attuazione degli obiettivi di mandato. Le azioni sono indicate con riferimento a ciascuno dei quattro programmi in cui è suddiviso il piano di mandato di questa amministrazione: Programma 1 Servizi al cittadino Programma 2 Governo del territorio Programma 3 Economia e lavoro Programma 4 Innovazione servizi comunali Di ogni azione, è indicata la descrizione, la tipologia (Sviluppo, Miglioramento, mantenimento), se è qualificata come intervento DAMS- Documento annuale per il miglioramento e la semplificazione ai sensi dell art.26 del Regolamento sui rapporti tra cittadini e amministrazione comunale, il responsab,se trattasi di intervento pluriennale. Sono inoltre indicati i dati dettagliati relativi a: o Incaricato all attuazione operativa dell azione o e tempi di realizzazione o In conformità all art.4 del Regolamento che disciplina il Sistema di misurazione e valutazione della performance approvato con delibera n.151 del della Giunta, alle azioni è attribuito un parametro moltiplicatore (peso) così distinto: - azioni di sviluppo: 1 - azioni di miglioramento:,75 - azioni di mantenimento:,5 - azioni di DAMS: comunque 1 Il parametro moltiplicatore misura e indica la rvanza dell azione rispetto all obiettivo strategico a cui è associata e a cui essa tenda, nonché la sua complessità operativa 6

9 1 - Area 1 Servizi al cittadino 7

10 1.A - Promuovere conoscenza, istruzione e sviluppo culturale 1.A.1 - Ridurre l'abbandono scolastico Amministratore/i Emma Donnini Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.1.1 Descrizione: PIANIFICAZIONE ZONALE DEGLI INTERVENTI EDUCATIVI (L.R. 32/22). Partecipazione ai "tavoli" di progettazione integrata della nuova struttura organizzativa di supporto alla Conferenza zonale per l'istruzione Empolese- Valdelsa (educazione interculturale, educazione ambientale, disagio scolastico, infanzia e l'adolescenza, educazione degli adulti). Programmazione pluriennale degli interventi di educazione, istruzione, orientamento, formazione e politiche del lavoro sulla base degli obiettivi e delle linee guida del nuovo Piano di Indirizzo Generale Integrato (PIGI) della Regione Toscana. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: Sì Tipo Azione: Miglioramento Caccialupi Antonella Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Partecipazione ai tavoli di lavoro e alla conferenza 1/3/213 31/12/213 // Caccialupi Antonella zonale 2 5 Predisposizione PEZ e relativi atti 1/3/213 31/1/213 // Caccialupi Antonella Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. Progetti educativi approvati N 1 Risultato atteso Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.1.2 Descrizione: PROTOCOLLO DI INTESA CON LE SCUOLE PER LA PREVENZIONE DEL DISAGIO. Elaborazione di un protocollo, in collaborazione con le scuole e l'associazionismo, che consenta di programmare e attuare in modo integrato azioni strutturate e funzionali alla realizzazione dell'obiettivo, evitando sovrapposizioni, sprechi di risorse e di energie. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Gozzi Marcella Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 3 Incontri di programmazione e coordinamento tra 6/5/213 2/12/213 // Gozzi Marcella istituzioni e associazioni 2 3 Approvazione del protocollo 23/9/213 31/3/214 // Gozzi Marcella 3 4 Avvio delle attività 23/9/213 31/3/214 Gozzi Marcella 4 Sperimentazione delle azioni di prevenzione del 1/1/213 // // Gozzi Marcella disagio sulla base di progetti specifici concordati tra gli enti 5 Coordinamento, monitoraggio e tutoraggio delle azioni 23/9/213 // // Gozzi Marcella Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. No 2 5 Protocollo approvato 5 Iniziative avviate N 2 Risultato atteso Note: L'azione è ricollegata alla macro azione di cui all'obiettivo 1.B.1.2 "Rete Sicura" 8

11 Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.1.3 Descrizione: ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE. Laboratori di orientamento alla scelta degli studi, della formazione e del lavoro nelle classi delle scuole secondarie di I e II grado dei Comuni appartenenti alla Rete InformaGiovani. Azioni di tutoraggio e sostegno ai ragazzi a rischio di dispersione scolastica. Fiere dell Orientamento e seminari di approfondimento. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Gozzi Marcella Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 7 Realizzazione del programma di attività /1/213 31/5/213 31/5/ Monitoraggio e verifica del programma di attività 212-1/1/213 3/6/213 3/6/ Programmazione attività e calendari con gli insegnanti 23/9/213 31/3/214 Gozzi Marcella Monitoraggio e verifica programma di attività /1/213 Gozzi Marcella Realizzazione del programma di attività /1/213 Carmignani Serena Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno Risultato prec. atteso Sì 5 2 Grado di soddisfazione dei ragazzi e degli % insegnanti (> 65%) Sì 4 2 Genitori partecipanti alle iniziative N Sì 3 2 Scuole partecipanti alle fiere N Sì 2 2 Studenti partecipanti alle azioni N 1 2 Classi o gruppi partecipanti alle azioni N 71 6 calssi e 1 alunni Note: Le azioni di orientamento vengono realizzate su tutti i Comuni del Valdarno in quanto il Centro InformaGiovani & Servizi per l'impiego del Comune di Fucecchio è anche Centro Rete degli informagiovani del Valdarno Inferiore. Le azioni rivolte alle scuole di Fucecchio sono ricollegabili anche all'azione "protocollo d'intesa con le scuole" di cui all'obiettivo 1.A A.2 - Migliorare l'accesso ai servizi educativi Amministratore/i Emma Donnini Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.2.1 Descrizione: PROGETTI EDUCATIVI ZONALI (P.E.Z.) INFANZIA Gestione dei servizi educativi per la prima infanzia, anche nella forma dell'acquisto di posti nei servizi privati accreditati. Progetti di continuità educativa, azioni di promozione dell'integrazione tra i servizi (pubblici e privati) e della qualità dei servizi. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Caccialupi Antonella Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Procedure per l'acquisizione dei posti nei servizi privati 1/7/213 31/8/213 31/8/213 Caccialupi accreditati Antonella 2 5 Realizzazione progetti di continuità educativa, azioni di promozione tra servizi e della qualità dei servizi 1/9/213 31/12/213 Caccialupi Antonella Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno Risultato prec. atteso Sì 2 5 Posti acquistati nei servizi privati accreditati N Posti prima infanzia gestiti direttamente N

12 Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.2.2 Descrizione: REINTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA. Cessazione del rapporto di servizio con la Fucecchio servizi S.r.l., per quanto riguarda il servizio di refezione scolastica. Appalto del servizio mediante espletamento di selezione pubblica (produzione e trasporto pasti; sporzionamento). Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Cheti Alberto Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 1 Atto di indirizzo del Consiglio comunale 1/5/213 3/9/213 // Cheti Alberto 2 4 Perfezionamento procedure appalto servizio refezione 1/5/213 31/1/213 // Cheti Alberto 3 4 Supporto amministrativo alla Fucecchio Servizi srl per 1/1/213 31/12/213 // Caccialupi la gestione ordinaria dei servizi scolastici Antonella 4 1 Avvio gestione diretta servizio refezione scolastica 1/9/213 16/9/213 Caccialupi Antonella Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. No 2 75 Aggiudicazione gara d'appalto No 1 25 Atto di indirizzo del Consiglio Comunale Risultato atteso Criticità non governabili: La realizzazione della fase nel suo complesso ha incontrato diversi ostacoli, sia normativi che procedurali. - la reinternalizzazione del servizio legata allo scioglimento della Fucecchio Servizi (normativa con disposizioni particolarmente instabili); - difficoltà nella definizione delle modalità gestionali per l'esecuzione del nuovo appalto, soprattutto in relazione alla gestione del personale dipendente della Fucecchio Servizi; Tutto cio' ha rallentato il processo finalizzato al nuovo affidamento del servizio. 1.A.3 - Adeguare gli edifici scolastici Amministratore/i Emma Donnini, Nicolò Luca Cannella Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.3.1 ambiente Descrizione: Studi di fattibilità/progettazione per adeguamento ricettività scuole elementare e media Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Comuniello Antonio Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 7 Predisposizione studio fattibilità ed Esame Giunta 3/6/213 31/12/213 Comuniello Antonio 2 3 Procedure per affidamento incarico 2/9/213 31/12/213 Aringhieri Monica Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. 1 Numero studi fattibilità (ipotesi progettuali) N Risultato atteso 1

13 Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.3.2 ambiente Descrizione: Adeguamento e ampliamento scuola materna Vedute Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Comuniello Antonio Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Acquisizione Pareri su vincoli sovraordinati 1/4/213 31/12/213 Comuniello Antonio 2 3 Definizione Giunta scelte localizzative 2/9/213 31/12/213 Comuniello Antonio 3 2 Progettazione preliminare 2/12/213 31/3/214 Comuniello Antonio Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. 1 Rispetto dei tempi Risultato atteso Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.3.3 ambiente Descrizione: Nuova scuola materna San Pierino - Atti conseguenti alla fine lavori e collaudo lavori di costruzione edificio. Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Manetti Gabriele Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 8 Collaudo 1/1/213 31/1/213 Manetti Gabriele 2 2 Verifiche normative 1/9/213 31/12/213 Manetti Gabriele Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.3.4 ambiente Descrizione: Scuola elementare "G. Pascoli" del Capoluogo " - Intervento di rifacimento della copertura Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Manetti Gabriele Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 4 Progettazione 1/2/213 15/6/213 7/6/213 Manetti Gabriele 2 5 Esecuzione lavori 1/7/213 15/1/213 Manetti Gabriele 3 1 Collaudo 16/1/213 31/12/213 Manetti Gabriele Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.3.5 ambiente Descrizione: Interventi aggregati di manutenzione straordinaria edifici scolastici Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Mantenimento Talini Nicola 11

14 Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 2 Programmazione interventi per l'anno /6/213 3/6/213 28/6/213 Talini Nicola 2 5 Ordinazione lavori e Direzione Lavori 1/7/213 31/12/213 Talini Nicola 3 3 Verifiche, contabilità e presa in consegna delle opere 15/7/213 31/12/213 Talini Nicola Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. Sì 5 Importo complessivo lavori Sì 4 4 Numero segnalazioni scuole soddisfatte/numero segnalazioni scuole ricevute Sì 3 2 Numero interventi verificati Sì 2 2 Numero interventi realizzati 2 Numero interventi progettati N % Risultato atteso 1.A.4 - Sviluppare le attività culturali e sportive con la partecipazione dei cittadini, singoli e in associazione Amministratore/i Sara Matteoli, Nicolò Luca Cannella, Alessio Spinelli Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.4.1 Descrizione: NUOVO CINEMA TEATRO. Affidamento in concessione della gestione del Cinema teatro di Piazza Montanelli. Perfezionamento ed espletamento delle procedure di gara. Avvio della programmazione culturale da parte del soggetto affidatario. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Sciagra Lisa Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Predisposizione della gara per l'affidamento in 2/1/213 31/7/213 31/7/213 Sciagra Lisa concessione del Cinema teatro 2 5 Espletamento procedure di gara e affidamento della 31/7/213 31/3/214 Sciagra Lisa concessione Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. No 2 4 Aggiudicazione della concessione No 1 6 Indizione della gara Risultato atteso Settore 2 - Economico Finanziario Anno 213 Codice 1.A.4.2 Descrizione: Supporto nella redazione della documentazione di gara e nell'espletamento delle procedure per l'affidamento in concessione della gestione del Teatro comunale; formalizzazione del rapporto contrattuale con l'operatore economico selezionato Responsab: Buti Cristina Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Malucchi Fabio Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 4 Supporto nella predisposizione della documentazione 1/5/213 3/9/213 16/9/213 della gara informale riservata agli operatori che hanno manifestato interesse 2 4 Supporto nell'espletamemto dlla gara 3/9/213 15/12/ Formalizzazione del rapporto contrattuale con l'operatore selezionato 15/12/213 31/1/214 Pulidori Letizia 12

15 Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.4.3 ambiente Descrizione: Adempimenti tecnici preordinati alla messa in esercizio della porzione di immob, acquisitio in leasing, destinato a Cinema-Teatro. Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Pisaneschi Raffaello Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 15 Verifiche con comando provinciale Vigili del Fuoco 1/6/213 15/1/213 Pisaneschi Raffaello 2 15 Affidamento incarico professionale per SCIA pratica 1/1/213 3/11/213 Pisaneschi antincendio Raffaello 3 2 Definizione rapporti integrativi con Società di Leasing 15/1/213 31/12/213 Pisaneschi Raffaello 4 5 Contraddittorio con Imprese esecutrici 1/2/213 31/12/213 Pisaneschi Raffaello Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. No 1 1 Rispetto dei termini per le varie fasi in cui è suddivisa l'azione Risultato atteso Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.4.4 Descrizione: PROGRAMMAZIONE INTEGRATA DELLE ATTIVITA' (BIBLIOTECA, MUSEO, CIAF, SCUOLE E ASSOCIAZIONISMO). Realizzazione del centro estivo nel Parco Corsini "Storia, arte e libri". Realizzazione del progetto lettura con le scuole. Attività didattica del museo. Potenziamento delle attività del punto prestito presso la COOP. Progetto di realizzazione di un servizio integrato tra la sezione ragazzi della biblioteca e il CIAF. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: Sì Tipo Azione: Miglioramento Sciagra Lisa Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 2 Analisi delle attività del CIAF e della Biblioteca ai fini 1/7/213 3/8/213 3/8/213 Canovai Monica dell'integrazione tra le due strutture 2 2 Progettazione della gestione integrata di Biblioteca e 1/1/213 3/11/213 Sciagra Lisa CIAF in uno spazio condiviso 3 1 Realizzazione del Centro estivo "Storia, arte e libri" 15/7/213 7/9/213 7/9/213 Sciagra Lisa 4 2 Potenziamento attività del punto prestito Coop 3/6/213 31/3/214 Sciagra Lisa 5 2 Progetto lettura nelle scuole 1/1/213 31/7/213 31/7/213 Sciagra Lisa 6 1 Realizzazione attività didattica del museo 1/1/213 31/7/213 31/7/213 Sciagra Lisa Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. No 5 2 Progetto gestione integrata Biblioteca e CIAF Sì 4 2 Iscritti centro estivo numero Risultato atteso Sì 3 2 Incontri del museo con le scuole numero Sì 2 2 Incontri della biblioteca con le scuole numero Prestiti realizzati al punto Coop numero Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.4.5 Descrizione: MAGNA CHARTA DEL VOLONTARIATO. Partecipazione del Museo di Fucecchio al progetto sperimentale regionale "Magna Charta del volontariato", mediante convenzione con Associazione per lo svolgimento di attività di supporto alla tutela e valorizzazione dei beni culturali del territorio. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: 13

16 DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Sciagra Lisa Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Perfezionamento convenzione 2/1/213 31/5/213 24/5/213 Sciagra Lisa 2 5 Realizzazione attività convenzionate 3/6/213 31/3/214 Sciagra Lisa Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno Risultato prec. atteso Sì 2 5 Iniziative realizzate numero 5 No 1 5 Convenzione Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.4.6 Descrizione: GESTIONE DELL'OSTELLO, DELL'AUDITORIUM E DELLA LIMONAIA. Progettazione e nuovo affidamento della gestione. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Poli Carla Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 2 Proroga dell'affidamento dell'attuale gestione 2/1/213 31/12/213 Poli Carla 2 4 Nuovo progetto di valorizzazione e gestione delle 3 4 strutture Espletamento procedure di affidamento della nuova gestione 15/9/213 31/1/213 Poli Carla 1/11/213 31/12/213 Poli Carla Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. Risultato atteso No 5 4 Progetto valorizzazione e gestione delle strutture Sì 4 15 Pernottamenti ostello numero Sì 3 15 Presenze ostello numero Sì 2 15 Giornate di utilizzo auditorium numero Domande utilizzo auditorium numero 4 4 Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.4.7 Descrizione: GESTIONE IMPIANTI SPORTIVI. Nuovi affidamenti in concessione della gestione degli impianti sportivi. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Caccialupi Antonella Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 2 Analisi delle attuali gestioni 1/4/213 3/8/213 3/8/213 Caccialupi Antonella 2 2 Indirizzi della Giunta Comunale 1/1/213 31/7/213 31/7/213 Caccialupi Antonella 3 6 Affidamento delle nuove gestioni 2/6/213 15/9/213 15/9/213 Caccialupi Antonella Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno Risultato prec. atteso Sì 4 3 Presenze piscina intercomunale numero Sì 3 25 Iscritti piscina intercomunale numero Sì 2 25 Ore di utilizzo degli impianti sportivi numero

17 Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno Risultato prec. atteso 2 Società sportive autorizzate numero 6 6 Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.4.8 Descrizione: CENTRO ARTI PERFORMATIVE IL FRANTOIO". Nuova progettazione delle attività, in collaborazione con l'associazione "Elan Frantoio". Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Poli Carla Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 2 Realizzazione della seconda parte del programma di 2/1/213 3/6/213 3/6/213 Poli Carla attività Progettazione e affidamento della gestione delle 1/7/213 31/12/213 2/8/213 Poli Carla attività secondo semestre Realizzazione della Scuola internazionale estiva 1/7/213 3/8/213 31/8/213 Poli Carla 4 3 Verifica e indirizzi sulla prosecuzione dell'attività del 1/1/213 3/11/213 Frantoio nel 214 Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. No 3 2 Proposta progettuale Risultato atteso Sì 2 4 Spettatori spettacoli numero Iscritti attività formative e laboratoriali numero Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.A.4.9 Descrizione: ATTIVITA' CULTURALI. Nuova programmazione delle attività culturali nel 213, con particolare riferimento alla rassegna musicale "Jazz sotto le Torri", al festival di fotografia FOFU e alla festa medievale "Salamarzana". Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Poli Carla Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 2 2 Realizzazione rassegna musicale "Jazz sotto le Torri" 1/8/213 1/9/213 1/9/213 Poli Carla 3 5 Realizzazione festa medievale "Salamarzana" 2/5/213 8/9/213 8/9/213 Poli Carla 4 3 Realizzazione mostra fotografica FUFU 15/9/213 17/11/213 Poli Carla Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno Risultato prec. atteso Sì 4 Numero partecipanti Festival di fotografia N FOFU Sì 3 Numero partecipanti Festa medievale N Salamarzana Sì 2 Numero partecipanti Jazz sotto le Torri N Numero iniziative realizzate N Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.4.1 ambiente Descrizione: Avvio studio di fattibilità di impianti scoperti della piscina intercomunale con verifica delle forme di finanziamento in collaborazione con la societa di gestione AQUATEMPRA e Comune di Santa Croce sull'arno. Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Comuniello Antonio 15

18 Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Iniziative di coordinamento con S.Croce e società di 24/6/213 31/12/213 Comuniello gestione Aquatempra Antonio 2 5 Esame studio fattibilità predisposto da Aquatempra 3/6/213 31/12/213 Comuniello Antonio Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno Risultato prec. atteso 1 Numero incontri N. 3 Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.4.11 ambiente Descrizione: Manutenzione straordinaria ed adeguamento impianti sportivi alle normative di settore Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: No Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Mantenimento Prolifici Luca Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 1 Verifica delle necessità e redazione della perizia 1/9/213 31/3/214 Prolifici Luca 2 Ordinazione lavori e Direzione Lavori 1/4/214 Prolifici Luca 3 Verifica, contabilità e presa in consegna delle opere 1/7/214 Prolifici Luca Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. Sì 5 Importo complessivo lavori Sì 4 25 Numero segnalazioni società sportive ammissibili/sostenibili Sì 3 25 Numero interventi verificati Sì 2 25 Numero interventi realizzati 25 Numero interventi progettati Risultato atteso Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.4.12 ambiente Descrizione: Riqualificazione area sportiva di San Pierino - Progettazione preliminare e richiesta ammissione finanziamento D.M Progettazione esecutiva, eventualmente suddivisa per stralci in relazione alla ammissione /Non ammissione a finanziamento - Accordo con gestore impianto tennis per compartecipazione all'esecuzione dei lavori Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: Sì Tipo Azione: Sviluppo Prolifici Luca Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Progettazione Preliminare 1/1/213 7/6/213 7/6/213 Prolifici Luca 2 5 Presentazione richiesta di finanziamento al CONI 7/6/213 12/6/213 12/6/213 Prolifici Luca 3 Stipula accordo compartecipazione con Società 1/1/214 Caccialupi gestione impianti tennis Antonella 4 Progettazione Definitiva e/o Esecutiva 1/1/214 Prolifici Luca 5 Affidamento lavori 1/5/214 Aringhieri Monica 6 Consegna e Direzione Lavori 1/1/214 Prolifici Luca 7 Contabilità e collaudo delle opere 1/4/215 Prolifici Luca 16

19 Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.4.13 ambiente Descrizione: Riqualificazione impianto sportivo Fucecchiello - Realizzazione primo stralcio e completamento progettazione ai fini della richiesta di finanziamento di cui al D.M , eventualmente per stralci in relazione alla ammissione/non ammissione a finanziamento Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Sviluppo Mainardi Luca Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 7 Rendiconto finale relativo alla domanda di 1/6/213 1/7/213 2/7/213 finanziamento 2 3 Verifica appalto per redazione Certiifcato regolare 1/1/213 22/1/213 23/1/213 esecuzione lavori Settore 4 - Assetto del territorio - Anno 213 Codice 1.A.4.14 ambiente Descrizione: Impianto sportivo: "F.Corsini": opere di adeguamento impiantistico ed integrazione delle dotazioni dei servizi igienici Responsab: Comuniello Antonio Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Miglioramento Prolifici Luca Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 1 Redazione della perizia di spesa 1/9/213 31/3/214 Prolifici Luca 2 Ordinazione lavori e Direzione Lavori 1/4/214 Prolifici Luca 3 Verifica, contabilità e presa in consegna delle opere 1/6/214 Prolifici Luca 17

20 1.B - Promuovere integrazione culturale e inclusione sociale 1.B.1 - Sviluppare percorsi di crescita personale, professionale, formativa, in particolare di ragazzi svantaggiati, disabili e stranieri. Amministratore/i Emma Donnini, Sandro Buggiani Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.B.1.1 Descrizione: ATTIVITA' EXTRASCOLASTICHE PER BAMBINI E RAGAZZI. Mantenimento delle attività e dei progetti di prevenzione del disagio, di socializzazione e ludicosportive: doposcuola presso il CIAF e il Centro giovani, soggiorni estivi, corsi di nuoto, corso estivo di italiano per ragazzi stranieri. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Mantenimento Caccialupi Antonella Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Programmazione e realizzazione iniziative Soggiorni 1/5/213 3/9/213 3/9/213 Caccialupi Estivi e Corsi di nuoto Antonella 2 4 organizzazione doposcuola presso il CIAF e Centro 9/12/212 22/12/213 31/12/213 Canovai Monica Giovani 3 1 Corso Estivo di italiano per ragazzi stranieri Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. 1 Iniziative attivate N Risultato atteso Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.B.1.2 Descrizione: PROGETTO "RETE SICURA". Prosecuzione del progetto finalizzato alla prevenzione del disagio adolescenziale e giovan (azioni di rete, allestimento di strumenti per la rvazione dei bisogni e il monitoraggio delle azioni, laboratori, stage, utilizzo di social network di comunicazione e confronto con i ragazzi). "Rete Sicura" si ricollega al protocollo di rete con le scuole e le associazioni del territorio (vedi obiettivo 1.A.1.2) e al progetto "E...state in Comune" (vedi obiettivo 1.B.1.3). Inoltre, intende sviluppare azioni di rete con il coinvolgimento del Comitato Marea e di altri giovani che collaborano ad azioni di politiche giovanili, oltre a favorire momenti di confronto con la cittadinanza per lo sviluppo di azioni sul territorio. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: settembre dicembre 214 DAMS: No Tipo Azione: Mantenimento Gozzi Marcella Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 5 Incontri di programmazione e coordinamento con le 4/9/213 31/3/214 Gozzi Marcella scuole, le associazioni e i ragazzi 2 5 Avvio delle azioni 14/1/213 31/3/214 Gozzi Marcella 3 Realizzazione delle azioni sulla base dei progetti concordati con enti, associazioni e cittadini Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. Sì 2 5 n. enti, gruppi, associazioni coinvolti sul n. territorio 5 Numero iniziative attivate N 18 1/12/213 31/3/214 Gozzi Marcella Risultato atteso Note: L'azione "Rete Sicura" rappresenta una macro azione finalizzata ad attivare una modalità operativa di coinvolgimento di tutte le realtà territoriali nelle diverse fasi di programmazione, progettazione e gestione delle attività sul territorio.essa, pertanto, comprende delle sub-azioni finalizzate alla realizzazione di progetti specifici che, sulla base dei bisogni emersi, vengono attivati: i progetti "Piazza Lavoro" E...state in Comune", il protocollo con le scuole e le associazioni, i forum con giovani, scuole, associazioni e cittadini, sono alcune di queste azioni.

21 Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.B.1.3 Descrizione: "ESTATE IN COMUNE". Prosecuzione dell'iniziativa, che offre ad adolescenti e giovani del territorio opportunità di stage formativi in settori di intervento dell'amministrazione comunale, quali i servizi interni, i servizi educativi, culturali e sociali, le politiche giovanili, l'ambiente e le aree verdi. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: apr-ottobre DAMS: No Tipo Azione: Mantenimento Gozzi Marcella Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 1 Verifica disponibilità con uffici e associazioni, 1/4/213 31/5/213 31/5/213 Gozzi Marcella pubblicizzazione e raccolta iscrizioni 2 3 Colloqui con i ragazzi, compilazione progetti e 1/6/213 15/6/213 15/6/213 Falchi Chiara formazione 3 5 Inserimento dei ragazzi in tirocinio estivo e progetti 17/6/213 21/9/213 // Falchi Chiara educativi; monitoraggio e tutoraggio 4 1 Coordinamento delle azioni e gestione amministrativa 2/5/213 31/1/213 // Gozzi Marcella del progetto Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno Risultato prec. atteso Sì 3 Grado di soddisfazione percepita dai ragazzi n. schede 1 mediante schede di rvazione e incontro di verifica e consegna attestati Sì 2 Ragazzi inseriti nei progetti N Domande di iscrizione N Note: L'azione si ricollega alla macro azione di cui all'obiettivo 1.A.1.2 Rete Sicura Settore 5 - Servizi alle persone Anno 213 Codice 1.B.1.4 Descrizione: PERCORSI DI CITTADINANZA. Prosecuzione del progetto finalizzato all'integrazione delle cittadine e dei cittadini stranieri nella comunità fucecchiese. Le attività sono gestite dall'unione dei Comuni. Responsab: Cheti Alberto Pluriennale: Sì Periodo: DAMS: No Tipo Azione: Mantenimento Barone Angela Nr. Peso Descrizione Inizio previsto Fine prevista Data Referente 1 3 Servizio di interpretariato e mediazione linguistica 1/1/213 31/12/213 Barone Angela 2 2 Corso di italiano per donne straniere 1/1/213 31/5/213 31/5/213 Barone Angela 3 2 Corso estivo di italiano per ragazzi stranieri 28/6/213 3/9/213 6/9/213 Barone Angela 4 3 Progetto Cult_aspettando la fine del mondo" per 1/2/213 31/5/213 31/5/213 Barone Angela facilitare l integrazione degli adolescenti stranieri Misurab Nr. Descrizione UM Qtà anno prec. Sì 2 5 Numero partecipanti (da specificare per N iniziativa) 5 Numero iniziative attivate N Risultato atteso 19

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande

Attività e tempi Individuazione dei parametri di accesso SI Pubblicazione bando Acquisizione /verifica /accettazione domande NARDÒ SOCIALE Nel 2012 si sono dettate le linee guida per l attivazione della social card da attuarsi nel 2013 con lo scopo di andare incontro alle famiglie meno abbienti fornendo generi di prima necessità

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli