PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 COMUNE DI FOLLONICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 COMUNE DI FOLLONICA"

Transcript

1 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 COMUNE DI FOLLONICA INDICE PER CDC Segretario Generale Dott.ssa Serena Bolici Affari legali- Avvocatura Civica Ufficio Affari Legali - Avvocatura Civica Dirigente di riferimento Dr.ssa Gemma Mauri SETTORE 1 - Vice Segretario Affari generali Segreteria Generale Protocollo - Messi Sport Tutela dei diritti degli animali Partecipazione - Comunicazione Comunicazione - U.R.P. - Centralino Prima accoglienza Partecipazione Informazione - Ufficio Stampa Gare, Contratti e Servizi demografici Contratti -Servizi Assicurativi Servizi demografici Gare Servizi Parcheggi a Pagamento Servizi Parcheggi a Pagamento Igiene urbana Igiene urbana Staff Organi Politici Staff Consiglio Comunale Staff del Sindaco e della Giunta Servizi Socio Educativi Politiche abitative e rapporti con il volontariato Asilo nido Trasporto scolastico Assistenza scolastica

2 Ristorazione scolastica Servizi educativi Servizi sociali comunali Servizi sociali associati Politiche per la Salute e rapporti con SDS Dirigente di riferimento Dott.ssa Serena Bolici SETTORE 2 Servizi Finanziari Ragioneria Economato Gestione beni mobili Servizi Informativi Informatici Servizio informativo Informatico Entrate patrimoniali e tributi Tributi S.I.T S.I.T S.I.T.E.M Risorse umane Gestione e Sviluppo Risorse umane Finanziamenti e Controlli Controllo Interno di Gestione Finanziamenti Controllo Strategico Osservatorio sul lavoro Osservatorio sul lavoro Istituzione per la Gestione dei Servizi a rilevanza Sociale e Servizi Culturali Istituzione per la Gestione dei Servizi a rilevanza Sociale Pianificazione strategica, Ambiente e Mobilità Ambiente Mobilità - TPL Dirigente di riferimento Dr. Luigi Madeo SETTORE 3 Pianificazione urbanistica Ambiente - Programmazione della mobilità Programmazione del Territorio Gestione interventi edilizi diretti Attività edilizia Attività Contabile Sviluppo economico Attività produttive Promozione turistica

3 SUAP e Marketing territoriale Università Dirigente di riferimento Dr. Luigi Madeo SETTORE 4 Programmazione, progettazione ed esecuzione dei Lavori Pubblici Edilizia ed Impiantistica Viabilità Strade e marciapiedi Illuminazione Pubblica Verde pubblico Servizio Idrico Integrato e Tutela del territorio Servizio Amm. e contabile Progettazione e Supporto ai Rup Manutenzioni - Protezione civile - Sicurezza sui Luoghi di lavoro Cimitero Protezione civile Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Lavori in economia, Arredo Urbano e Verde Manutenzione Edilizia e Impiantistica - Illuminazione Pubblica - Verde pubblico Segnaletica Demanio e Patrimonio Patrimonio ed Espropri Demanio Obiettivo Mare Dirigente di riferimento Dr.ssa Gemma Mauri SETTORE 5 Polizia Municipale Polizia municipale

4 PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 ISTITUZIONE ES INDICE PER CDC Biblioteca Pinacoteca e Museo del Ferro Eventi Culturali Archivi Attività dello Spettacolo

5 Piano Esecutivo di Gestione SCHEDE dei Centri di Costo 2014 Segretario Generale BOLICI SERENA C.d.C. 45 Ufficio Affari Legali - Avvocatura Civica Responsabile: SILI STEFANIA C.d.R. 01 Affari Legali - Avvocatura Civica Responsabile: SILI STEFANIA Attività gestite all'interno del Centro di Costo: 1) Gestione di tutto il contenzioso dell'ente. La gestione avviene prevalentemente attraverso la costituzione dell'ufficio nei giudizi civili, di lavoro e amministrativi. La materia penale è trattata limitatamente alla costituzione di parte civile in casi limitati e particolari. Solo per le materie particolarmente complesse o per le situazioni delicate, la costituzione in giudizio avviene mediante legale esterno con difesa congiunta all'ufficio o totalmente esterna. L'ufficio non cura la gestione del contenzioso innanzi alle giurisdizioni superiori (consiglio di Stato e Cassazione) e quello in materia di: a) responsabilità civile per risarcimenti superiori a 7.500,00 (gestite dal legale della compagnia assicuratrice) ad eccezione dei casi nei quali la compagnia rifiuta la difesa; b) opposizione ad ingiunzioni innanzi al giudice di pace (gestito con la difesa tecnica della P.M.); c) ricorsi tributari (gestiti con la difesa tecnica dell'ufficio Tributi). 2) Valutazione preliminare degli atti introduttivi di contenzioso e decisione congiunta con il responsabile del servizio interessato dal contenzioso sulla opportunità o meno della costituzione in giudizio, dell'attivazione di procedure di autotutela, di definizione transattiva delle controversie o di composizione bonaria. 3) Consulenza legale in favore di uffici interni e degli organi di governo; 4) Supporto e informazione giuridico-legale agli altri uffici ed agli organi; 5) Supporto e consulenza per la redazione di atti e regolamenti; 6) Procedure di recupero anche coattivo dei crediti comprese le procedure esecutive aventi titolo nelle ingiunzioni di pagamento ex R.D di competenza dell'ufficio Tributi; 7)Componente della commissione per i procedimenti disciplinari di competenza non dirigenzale; 8) Collaborazione con il servizio assicurazioni nella fase istruttoria delle pratiche di sinistro attraverso la partecipazione alla commissione intersettoriale istituita per la gestione diretta della franchigia sulla polizza assicurativa R.C. e gestione diretta del contenzioso derivante da responsabilità civile nei limiti della franchigia di 7.500,00; attività di consulenza e supporto giuridico legale agli uffici ed agli organi politici dell'ente anche attraverso specifici pareri legali sia scritti che orali numero dei pareri legali e delle pratiche per le quali è stata richiesta consulenza patrocinio diretto delle cause attive e passive che interessano l'ente eccetto quelle innanzi alle giurisdizioni superiori numero delle cause patrocinate direttamente rispetto al numero di cause nelle quali si è valutata la necessità di costituirsi in giudizio Relazione di monitoraggio del contenzioso pendente alla data di insediamento dela nuova amministrazione (giugno 2014). presentazione della relazione giovedì 27 novembre

6 Redazione della proposta di regolamento per la corresponsione dei compensi professionali spettanti all'ufficio legale secondo quanto richiesto dall'art. 9 della L. 114/2014 presentazione della proposta di regolamento da sottporre alla Giunta Comunale. Organizzazione delle procedure interne per rendere operative le prescrizioni del Piano triennale per la prevenzione della corruzione, in materia di comunicazioni e informazioni da inviare al Responsabile della prevenzione della corruzione al fine della predisposizione relazione recante i risultati dell'attività svolta che dovrà essere pubblicata nel sito internet nella sezione "Amministrazione trasparente". RISORSE UMANE Matricola e Nominativo Utilizzo 118 SILI STEFANIA 100% 809 BOLICI SERENA 100% RISORSE STRUMENTALI Le Risorse Strumentali a disposizioni risultano essere quelle indicate nelle Schede degli inventari in carico alla Struttura nella percentuale indicativa del_100 % Conto Imp. Tit. Int. Budget di Spesa Assegnato DESCRIZIONE Previsione 2014 Previsione 2015 Previsione SPESE PER LITI, ARBITRAGGI E 1 / 3 CONSULENZE A FAVORE RAGIONI DEL , , , SPESE PER RESISTENZE IN GIUDIZIO E 1 / 3 CONTENZIOSO LEGALE (CAP. E/415 PARZ.) , , ,75 TOTALI : , , ,00 dagli obiettivi specifici di gestione 10 % dalle entità delle risorse del budget assegnato _5 % PERCENTUALE DEGLI SCOSTAMENTI CRITERI DI VALUTAZIONE Efficienza, efficacia ed economicità dell'azione amministrativa ed indicatori a supporto dell'obbiettivo ritenuti validanti dell'azione della gestione. giovedì 27 novembre

7 SISTEMI DI VERIFICA ED AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA Almeno trimestralmente con indicazione dello stato di attuazione degli obbiettivi ed i relativi scostamenti in coincidenza con l'attività del controllo di gestione. Dovrà essere predisposta entro la fine dell'anno idonea scheda di autovalutazione del C.d.C. al fine di convalidare l'efficienza e l'efficacia dello stesso con il grado di qualità raggiunto. L'approvazione della presente scheda costituisce anche indirizzo per le eventuali determinazioni a contrarre (art. 192 D.Lgs. 267/2000) giovedì 27 novembre

8 Piano Esecutivo di Gestione SCHEDE dei Centri di Costo 2014 Settore 1 - Vice Segretario MAURI GEMMA C.d.C. 2 Segreteria Generale Responsabile: MAURI GEMMA C.d.R. 01 Affari Generali Responsabile: MAURI GEMMA Attività gestite all'interno del Centro di Costo: 1SUPPORTO AGLI AMMINISTRATORI COMUNALI. Controllo presenze e certificazioni. 2.GESTIONE DELIBERAZIONI G.C. E C.C. Ricevimento proposte di G.C., controllo,invio ai Servizi Finanziari, collazione, pubblicazione, invio ad organi e uffici, copie conformi, archiviazione. Collazione e archiviazione determinazioni ed ordinanze. Tenuta archivio corrente delibere, determine, ordinanze, ricerca atti e rilascio copie. Ricevimento deliberazioni di C.C., collazione, pubblicazione, invio a uffici e organi competenti. Gestione richieste di accesso consiglieri comunali. 3. DI SEGRETERIA GENERALE Supporto amministrativo e per corrispondenza al Segretario Generale. Autentiche, legalizzazioni, tenuta registri pubblici. Autenticazione della sottoscrizione degli atti di alienazione dei beni mobili registrati e degli atti di costituzione di garanzia sugli stessi ex art. 7 D.L. n. 223/06.. Redazione e tenuta Regolamenti comunali. Redazione deliberazioni di indirizzo e documenti politici per la Giunta. Redazione comunicati e circolari interne. Gestione permessi congedi e rendicontazioni mensili. Supporto al Dirigente per attività varia.ricerche normative e giurisprudenziali. Rapporti con Prefettura, Regione. 4. COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONI DI FUNZIONI SECONDO IL MODELLO DELLE GESTIONI ASSOCIATE EX L.R. N. 40/01 E SIMILI: mira al superamento della dimensione localistica comunale per favorire politiche territoriali omogenee e strategie comuni; Il percorso, iniziato con i servizi socio-assistenziali e acquisti verdi, prevede di allargare le forme di collaborazione integrata tra i comuni anche ad altri campi d'attività istituzionali. Fra le politiche sovracomunali sono da considerarsi strategiche quelle con l'area delle Colline Metallifere (sanità, scuola, sociale) e quelle con i Comuni che si affacciano sul Golfo di Follonica, con i quali costruire politiche condivise di riqualificazione ambientale, della costa e di sviluppo del turismo di qualità. Un particolare percorso è stato intrapreso fra le amministrazioni di Follonica, Gavorrano e Scarlino, un territorio individuato come "Val di Pecora". 5. GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLA ISTITUZIONE COMUNALE "ES": Ricevimento delle proposte delle deliberazioni del C.d.A. e delle determinazioni dirigenziali controllo, collazione, pubblicazione, invio ad organi e uffici, archiviazione 6. COMPITI ISTITUZIONALI RELATIVI ALL'ESPLETAMENTO DI ELEZIONI E REFERENDUM: Recepimento atti, autenficazione firme ecc. 7. PROCEDURE DI AVVIO LEGISLATURA: Atti di nomina, deliberazioni e altri atti previsti dalla normativa in materia e relative a nomine, indennità, surroghe, procedure di insediamneto, criteri per la nomina di rappresentanti in enti esterni, criteri e nomine relative alla azienda farmaceutica municipalizzata. 8. SUPPORTO AGLI AMMNISTRATORI: redazione atti relativi al programma di governo, reperimento e trasmissione dati nuovi amministratori agli uffici competenti. 9. AGGIORNAMENTO E PUBBLICAZIONE ALBO DEI SOGGETTI BENEFICIARI DI PROVVIDENZE ECONOMICHE. 10. PREDISPOSIZIONE E AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI APERTI PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI. Riorganizzazione delle funzioni dell'ufficio in stretta collaborazione con l'ufficio degli staff degli Organi Politici. Condivisione intersetteriole con il personale della segreteria del Sindaco e dello staff C.C. per lo scambio di conoscenze ed informazioni su tutte le procedure informatiche per la gestione delle attività della giunta per assicurare la continuità anche in caso di assenza di una delle altre unità; Perfezionamento attività di redazione informatica degli atti amministrativi (deliberazioni, determinazioni, ordinanze ecc.) in conformità totale alle direttive già note. giovedì 27 novembre

9 Organizzazione delle procedure interne per rendere operative le prescrizioni del Piano triennale per la prevenzione della corruzione, in materia di comunicazioni e informazioni da inviare al Responsabile della prevenzione della corruzione al fine della predisposizione relazione recante i risultati dell'attività svolta che dovrà essere pubblicata nel sito internet nella sezione "Amministrazione trasparente". RISORSE UMANE Matricola e Nominativo Utilizzo 26 MAURI GEMMA 30% 50 IORINO GIANLUCA 10% 711 LOMBARDI STEFANIA 50% RISORSE STRUMENTALI Le Risorse Strumentali a disposizioni risultano essere quelle indicate nelle Schede degli inventari in carico alla Struttura nella percentuale indicativa del_20 % Conto Imp. Tit. Int. Budget di Spesa Assegnato DESCRIZIONE Previsione 2014 Previsione 2015 Previsione SPESE UFFICIO SEGRETERIA GENERALE 2.161, , ,56 1 / UFFICIO UNICO DI SUPPORTO GIURIDICO 1 / 3 ORGANIZZATIVO GESTIONE ASSOCIATA , , ,54 TOTALI : , , ,10 dagli obiettivi specifici di gestione 10 % dalle entità delle risorse del budget assegnato _5 % PERCENTUALE DEGLI SCOSTAMENTI CRITERI DI VALUTAZIONE Efficienza, efficacia ed economicità dell'azione amministrativa ed indicatori a supporto dell'obbiettivo ritenuti validanti dell'azione della gestione SISTEMI DI VERIFICA ED AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA Almeno trimestralmente con indicazione dello stato di attuazione degli obbiettivi ed i relativi scostamenti in coincidenza con l'attività del controllo di gestione. Dovrà essere predisposta entro la fine dell'anno idonea scheda di autovalutazione del C.d.C. al fine di convalidare l'efficienza e l'efficacia dello stesso con il grado di qualità raggiunto. L'approvazione della presente scheda costituisce anche indirizzo per le eventuali determinazioni a contrarre (art. 192 D.Lgs. 267/2000) giovedì 27 novembre

10 Piano Esecutivo di Gestione SCHEDE dei Centri di Costo 2014 Settore 1 - Vice Segretario MAURI GEMMA C.d.C. 6 Protocollo - Messi Responsabile: MAURI GEMMA C.d.R. 01 Affari Generali Responsabile: MAURI GEMMA Attività gestite all'interno del Centro di Costo: PROTOCOLLO: 1.Attività di protocollazione per tutti gli uffici dell'ente. Smistamento corrispondenza e fax. Ritiro posta. Gestione programma informatizzato. Gestione e controllo convenzione con Poste private in collaborazione con l'economato. L'attività del Protocollo, nel suo sviluppo, dovrà prevedere l'attuazione " a gradi" del sistema di protocollo informatico. A tal scopo, essendo prioritaria l'attività in tal senso del servizio informatico e dell'archivio, si è costituito un gruppo di lavoro che avrà lo scopo di attuare le prime fasi per il passaggio al sistema di protocollo informatico. Questo progetto comporterà la redazione del titolario di classificazione, del titolario d'archivio, l'attivazione delle unità di protocollazione e gli adempimenti amm.vi correlati. 2. L'Ufficio cura anche parte dell'attività statistica demandata dall'istat: rilevazioni trimestrali, forze lavoro, famiglie, consumi. MESSO NOTIFICATORE: notificazioni ed affissioni all' Albo Pretorio del Comune di atti dell'ente e di altri Enti esterni. Presa visione della nuova organizzazione dell Ente e delle variazioni di competenze al fine di procedere ad una esatta assegnazione delle pratiche ed istruzione in tal senso di tutto il personale assegnato. Eliminazione, per quanto possibile, di assegnazioni a pioggia che di fatto deresponsabilizzano i destinatari: individuazione referenti ristretti per ogni singolo servizio ed ufficio, se del caso raccogliendo da parte di tutti gli uffici i mansionari specifici. Eliminazione completa delle irregolarità già segnalate in merito alla irregolare scannerizzazione degli allegati (in collaborazione con ufficio informatico) o alla mancata scannerizzazione (fatte salve le eccezioni già concordate con gli uffici e le pratiche complesse). giovedì 27 novembre

11 Ricognizione di tutte le attività inerenti la notificazione degli atti: predisposizione di una relazione che individui lo stato delle procedure attive nell Ente in materia di notificazione e di deposito atti, segnalazione delle eventuali criticità personalmente riscontrate e proposte operative o possibili soluzioni alle problematiche emerse che siano dirette verso la massima semplificazione e velocità delle procedure. Perfezionamento attività di redazione atti amministrativi (deliberazioni, determinazioni, ordinanze ecc.) in conformità totale alle direttive già note, emanate dal segretario generale ed operative dal mese di ottobre Formazione del personale: applicazione a cascata delle disposizioni operative impartite e conseguente condivisione delle attività. L I.D. dovrà farsi carico di trasmettere a tutto il personale assegnato le conoscenze adeguate relative alla nuova organizzazione e alle mutazioni di competenze, controllando l adempimento e segnalando eventuali comportamenti difformi. Organizzazione delle procedure interne per rendere operative le prescrizioni del Piano triennale per la prevenzione della corruzione, in materia di comunicazioni e informazioni da inviare al Responsabile della prevenzione della corruzione al fine della predisposizione relazione recante i risultati dell'attività svolta che dovrà essere pubblicata nel sito internet nella sezione "Amministrazione trasparente". RISORSE UMANE Matricola e Nominativo Utilizzo 20 GIABBANI EDOARDO 100% 26 MAURI GEMMA 5% giovedì 27 novembre

12 162 LONGOBARDI RAFFAELLA 100% 591 CECCARELLI SILVIA 100% 653 BONANNO PATRIZIA 100% RISORSE STRUMENTALI Le Risorse Strumentali a disposizioni risultano essere quelle indicate nelle Schede degli inventari in carico alla Struttura nella percentuale indicativa del_20 %. Conto Imp. Tit. Int. / Budget di Spesa Assegnato DESCRIZIONE Previsione 2014 Previsione 2015 Previsione 2016 TOTALI : dagli obiettivi specifici di gestione 5 % dalle entità delle risorse del budget assegnato _5 % PERCENTUALE DEGLI SCOSTAMENTI CRITERI DI VALUTAZIONE Efficienza, efficacia ed economicità dell'azione amministrativa ed indicatori a supporto dell'obiettivo ritenuto validanti dell'azione della gestione SISTEMI DI VERIFICA ED AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA Almeno trimestralmente con indicazione dello stato di attuazione degli obbiettivi ed i relativi scostamenti in coincidenza con l'attività del controllo di gestione. Dovrà essere predisposta entro la fine dell'anno idonea scheda di autovalutazione del C.d.C. al fine di convalidare l'efficienza e l'efficacia dello stesso con il grado di qualità raggiunto. L'approvazione della presente scheda costituisce anche indirizzo per le eventuali determinazioni a contrarre (art. 192 D.Lgs. 267/2000) giovedì 27 novembre

13 Piano Esecutivo di Gestione SCHEDE dei Centri di Costo 2014 Settore 1 - Vice Segretario MAURI GEMMA C.d.C. 57 Sport Responsabile: MAURI GEMMA C.d.R. 01 Affari Generali Responsabile: MAURI GEMMA Attività gestite all'interno del Centro di Costo: A seguito della L.R. 6/2005 l'ufficio sport ha eseguito, entro i termini previsti, l'affidamento degli impianti sportivi alle società di gestione che hanno vinto i bandi di gara. Dal febbraio 2008 lo sport è passato formalmente sotto i Servizi Socio Educativi, ma di fatto questo passaggio avviene soltanto a maggio IMPIANTI SPORTIVI: monitoraggio attività sportive all'interno degli impianti SPORTIVE: Contributi di supporto alle attività sportive svolte da associazioni locali; gestione iniziative sportive in collaborazione con associazioni sportive del territorio, per la massima promozione della cultura dello sport. Supporto al dirigente per la gestione delle convenzioni sull'impiantistica sportiva, con particolare riferimento all'esigenze di modificare alcuni atti in essere a fronte di progetti di innovazione presentati dai gestori (piscina, Plagolfo) Organizzazione delle procedure interne per rendere operative le prescrizioni del Piano triennale per la prevenzione della corruzione, in materia di comunicazioni e informazioni da inviare al Responsabile della prevenzione della corruzione al fine della predisposizione relazione recante i risultati dell'attività svolta che dovrà essere pubblicata nel sito internet nella sezione "Amministrazione trasparente". RISORSE UMANE Matricola e Nominativo Utilizzo 18 ZANABONI MANUELA 40% 26 MAURI GEMMA 10% RISORSE STRUMENTALI Le Risorse Strumentali a disposizioni risultano essere quelle indicate nelle Schede degli inventari in carico alla Struttura nella percentuale indicativa del_0 % giovedì 27 novembre

14 Conto Imp. Tit. Int SPESE MANTENIMENTO CAMPI 1 / 3 ATTREZZATURE IMPIANTI CENTRI Budget di Spesa Assegnato DESCRIZIONE Previsione 2014 Previsione 2015 Previsione ,00 698,32 708, CONTRIBUTI INIZIATIVE VARIE SPORTIVE , , ,00 1 / / 5 CONTRIBUTI PER LA GESTIONE DELLA PISCINA COMUNALE CONTRIBUTO PER LA GESTIONE DEGLI 1 / 5 IMPIANTI SPORTIVI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI 1 / 5 SPORTIVE SPESE PER MATERIALE PUBBLICITARIO DI 1 / 3 PREMIAZIONE E PROMOZIONALE , , , , , , , , , , , , SPESE PER INIZIATIVE SPORTIVE , , ,47 1 / 3 TOTALI : , , ,68 dagli obiettivi specifici di gestione 0 % dalle entità delle risorse del budget assegnato _0 % PERCENTUALE DEGLI SCOSTAMENTI CRITERI DI VALUTAZIONE Efficienza, efficacia ed economicità dell'azione amministrativa ed indicatori a supporto dell'obbiettivo ritenuti validanti dell'azione della gestione SISTEMI DI VERIFICA ED AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA Almeno trimestralmente con indicazione dello stato di attuazione degli obbiettivi ed i relativi scostamenti in coincidenza con l'attività del controllo di gestione. Dovrà essere predisposta entro la fine dell'anno idonea scheda di autovalutazione del C.d.C. al fine di convalidare l'efficienza e l'efficacia dello stesso con il grado di qualità raggiunto. L'approvazione della presente scheda costituisce anche indirizzo per le eventuali determinazioni a contrarre (art. 192 D.Lgs. 267/2000) giovedì 27 novembre

15 Piano Esecutivo di Gestione SCHEDE dei Centri di Costo 2014 Settore 1 - Vice Segretario MAURI GEMMA C.d.C. 66 Tutela dei diritti degli animali Responsabile: MAURI GEMMA C.d.R. 01 Affari Generali Responsabile: MAURI GEMMA Attività gestite all'interno del Centro di Costo: Controllo dell'attività di gestione del canile comprensoriale, ivi compresa l'attività di recupero somme dovute dai proprietari. Collaborazione con la cooperativa di gestione del canile per la promozione delle adozioni. Promozione di forme di gestione e controllo per la tutela delel colonie feline. A seguito dell'inaugurazione del nuovo canile comprensoriale, passaggio di competenze tra il Comune di Follonica e il Comune di Scarlino e collaborazione alla stesura del nuovo Regolamento per il funzionamento della nuova struttura Organizzazione delle procedure interne per rendere operative le prescrizioni del Piano triennale per la prevenzione della corruzione, in materia di comunicazioni e informazioni da inviare al Responsabile della prevenzione della corruzione al fine della predisposizione relazione recante i risultati dell'attività svolta che dovrà essere pubblicata nel sito internet nella sezione "Amministrazione trasparente". RISORSE UMANE Matricola e Nominativo Utilizzo 18 ZANABONI MANUELA 20% 26 MAURI GEMMA 5% RISORSE STRUMENTALI Le Risorse Strumentali a disposizioni risultano essere quelle indicate nelle Schede degli inventari in carico alla Struttura nella percentuale indicativa del_0 % giovedì 27 novembre

16 Conto Imp. Tit. Int. Budget di Spesa Assegnato DESCRIZIONE Previsione 2014 Previsione 2015 Previsione SPESE TUTELA DIRITTI DEGLI ANIMALI 8.760, , ,77 1 / / 2 SPESE MANUTENZ.CANILE (CAP. E/355 PARZ.) GESTIONE ASSOCIATA CANILE COMUNI 1 / 3 VAL DI PECORA (CAP. E/ ) , , , , , ,49 TOTALI : , , ,53 dagli obiettivi specifici di gestione 0 % dalle entità delle risorse del budget assegnato _0 % PERCENTUALE DEGLI SCOSTAMENTI CRITERI DI VALUTAZIONE Efficienza, efficacia ed economicità dell'azione amministrativa ed indicatori a supporto dell'obbiettivo ritenuti validanti dell'azione della gestione SISTEMI DI VERIFICA ED AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE SCHEDA Almeno trimestralmente con indicazione dello stato di attuazione degli obbiettivi ed i relativi scostamenti in coincidenza con l'attività del controllo di gestione. Dovrà essere predisposta entro la fine dell'anno idonea scheda di autovalutazione del C.d.C. al fine di convalidare l'efficienza e l'efficacia dello stesso con il grado di qualità raggiunto. L'approvazione della presente scheda costituisce anche indirizzo per le eventuali determinazioni a contrarre (art. 192 D.Lgs. 267/2000) giovedì 27 novembre

17 Piano Esecutivo di Gestione SCHEDE dei Centri di Costo 2014 Settore 1 - Vice Segretario MAURI GEMMA C.d.C. 3 Comunicazione - U.R.P. - Centralino Prima accoglienza Responsabile: NOEMI MAINETTO C.d.R. 02 Partecipazione - Comunicazione Responsabile: NOEMI MAINETTO Attività gestite all'interno del Centro di Costo: Attività gestite all'interno del Centro di Costo: Prima accoglienza e centralino: Prima accoglienza e supporto al cittadino all'entrata in Municipio. Rilascio e spiegazione modulistica relativa ai servizi pubblici comunali e affiancamento nella compilazione. Front office: Informazioni e copie atti pubblici con affiancamento all'utente/cittadino per ricerche, anche on line. Procedura di accesso agli atti: spiegazioni, affiancamento nella compilazione fino alla trasmissione della richiesta agli uffici competenti, rilascio atti finali. Gestione report richieste accesso, telefonate, relative statistiche. Gestione reclami: contatti diretti, , telefonate e inserimento on line per soluzioni complesse. Raccolta e autentica firme (referendum). Autentiche per passaggi di proprietà. Back office: coordinamento ed elaborazione delle informazioni interne per gli uffici comunali e per l'utenza cittadina. Supporto agli uffici per rapporti con gruppi di cittadini e per piani di comunicazione specifici. Preparazione modulistica, nuova e revisionata, per servizio dell Ufficio. Gestione dei vari strumenti di comunicazione (mailing list, servizio sms INFOLLONICA). Sostituzione del TAG con il QRCODE. Implementazione e gestione della APP istituzionale.scopo principale: l'abbattimento dei costi e lo sviluppo dei servizi on line, anche con uso di posta certificata, senza perdere efficacia. Introduzione del pagamento con Bancomat. Attivazione della Tessera Sanitaria. Piani di comunicazione specifici (adotta e cura la città - braccialetti salvabambino) Gestione degli strumenti comunicazione esistenti (Mailing list, Infollonica) e attivazione nuovi strumenti di comunicazione, con sostituzione del Tag in QRCODE. n. iscritti mailing list n. iscritti al servizio INFOllonica n. sms inviati n. mesi di attivazione QR CODE - sostituzione del Tag con il QRCODE. Informazione al cittadino attraverso distribuzione di adesivi/guida in strutture ricettive, stabilimenti balneari, pubblici eservizi 31/08/ Gestione Mailing list, con invio comunicati, notizie brevi e allerte 31/12/ Gestione Servizio SMS INFOllonica, con invio comunicati, notizie brevi e allerte 31/12/2014 App istituzionale. Creazione Capitolato, gara on line su Piattaforma Mepa, monitoraggio in fase di realizzazione. Dopo l'attivazione, gestione contenuti della app. n. ditte partecipanti alla gara MEPA n. sezioni della app n. accessi alla app n. mesi di attivazione - definizione del capitolato per realizzazione APP istituzionale. Procedure di Gara da svolgersi sulla piattaforma MEPA. Controllo della fase di realizzazione e eventuali correzioni in corso d'opera. Gestione della app realizzata 31/03/2015 giovedì 27 novembre

18 Sviluppo del front office. Ottimizzazione di tutti i servizi richiesti all'urp, anche rendendo più funzionale la rete civica, compatibilmente con la procedura di richiesta necessaria per ogni singolo servizio (eventuale necessità di protocollo). n.reclami n. passaggi auto n. firme per referendum n. altre pratiche n. informazioni generiche urp n. telefonate centralino e urp n. accessi alla rete civica - Ottimizzazione di tutti i servizi richiesti all'urp, adeguando anche la rete civica alle 31/12/2014 necessità del cittadino, a l fine di rendere facile la fruizione della modulistica e del servizio stesso. Introduzione del bancomat. Adeguamento del front office e del back office: considerando la crescente richiesta di servizi da rivolgere all'urp da parte dei cittadini - Adeguamento del front office e del back office alla crescente richiesta di servizi da 31/12/2014 rivolgere all'urp da parte dei cittadini. Copertura globale dei servizi resi,senza nessuna interruzione, attraverso una armonizzazione delle assenze e una formazione diffusa a tutti i dipendenti - Armonizzazione e ottimizzazione delle informazioni da dare al cittadino, con sviluppo di contatti anche on line. 31/12/ Interscambiabilità totale rispetto ad ogni tipo di servizio reso dal front office 31/12/2014 Attivazione della Tessera sanitaria elettronica: all'interno de programma regionale Agenda Digitale, l'urp ha scelto di dare disponibilità per effettuare l'attivazione della Tessera sanitaria elettronica: per farlo, sdarà necessaria una formazione ad hoc, l'attivazione dei profili abilitati e la definizione della struttura per la gestione delle stesse n. tessere attivate tempo medio di attivazione n. dipendenti formati - All'interno de programma regionale Agenda Digitale, l'urp ha dato disponibilità per 31/12/2014 effettuare l'attivazione della Tessera sanitaria elettronica: per farlo, sarà necessaria una formazione ad hoc, l'attivazione dei profili abilitati, su due livelli, e la definizione della struttura per la gestione delle stesse. Monitoraggio dei pin. - Servizio di assistenza al cittadino per quello che riguarda la Tessera sanitaria e le prestazioni. Contatti continuativi con Regione Toscana, Utenti ed Asl. 31/12/2014 Perfezionamento attività di redazione atti amministrativi (delibere, determine, ordinanze ecc) in conformità con le direttive. giovedì 27 novembre

19 Attività di supporto alla diffusione dell'informazione per i nuovi strumenti di comunicazione dell'ente (Cartina Follonica, Brochure Follonica, Progetto Adotta e cura la tua città, braccialetti salvabimbo) n. cartine Follonica distribuite in n. strutture n. Brochure Follonica distribuite in n. strutture n. Manifesti e volantini distribuiti per Adotta n. braccialetti salvabimbo distribuiti in n. stabilimenti balneari - Promozione delle informazioni attraverso la distribuzione di materiale di comunicazione specifico, definito nei singoli piani di comunicazione: Distribuzione locandine e volantini ai bar, negozi, strutture alberghiere, stabilimenti balneari. 31/12/2014 Perfezionamento iter Accesso agli atti: ottimizzazione della procedura del front office - primo controllo, rapporti con utenti - incentivazione all'uso della posta certificata ed elettronica n. accesso atti n. accessi attraverso pec e - L'ufficio, oltre ad aiutare il cittadino nella compilazione della richiesta, deve controllare in prima istanza le richieste pervenute al protocollo, al fine di agevolare il lavoro degli uffici destinatari. Qualora la richeista sia mancante di elementi fondamentali, l'ufficio contattterà il richiedente per l'integrazione. La fase dello scarico delle emeial e pec è gestita dall'ufficio, così come l'invio telematico. L'ufficio effettua anche un monitoraggio per i tempi di scadenza. 31/12/2014 Sviluppo del Back Office e Front Office di 2 livello n. reclami complessi gestiti n. revisioni impegni/liquidazioni/ stanzionamenti n. determine n. liquidazioni n. durc richiesti - Perfezionamento dell'iter degli atti amministrativi per l'ufficio infromazione e comunicazione (determine, liquidazioni, durc). 31/12/ Svolgimento indagini per fornitura giornali, pubblicità auto 31/12/ Controllo inserimento on line dei Regolamenti 31/12/ Implementazione dei Piani di Comunicazione (Magma, eventi estivi, inaugurazione Leopolda, Festa ultimo dell'anno) - Inserimento e invio degli sms. Invio comunicati e inserimento nella rete civica. Monitoraggio impegni e liquidazioni 31/12/ Gestione reclami complessi, con supporto al cittadino e contatti con enti e soggetti esterni 31/12/ /12/2014 giovedì 27 novembre

20 Sviluppo delle attività di supporto al front Office e al back office n. fotocopie effettuate n. eliminacode n. telefonate ricevute dal centralino - Supporto all'urp per le informazioni da dare ai cittadini relative al Parcometro e ZTL, secondo i nuovi input dell'amministrazione. 31/12/ Supporto all'urp per fotocopie e consegna atti 31/12/ Supporto a tutti gli uffici dell'ente relativamente ad infromazioni di base da dare ai cittadini 31/12/2014 Organizzazione delle procedure interne per rendere operative le prescrizioni del Piano triennale per la prevenzione della corruzione, in materia di comunicazioni e informazioni da inviare al Responsabile della prevenzione della corruzione al fine della predisposizione relazione recante i risultati dell'attività svolta che dovrà essere pubblicata nel sito internet nella sezione "Amministrazione trasparente". RISORSE UMANE Matricola e Nominativo Utilizzo 26 MAURI GEMMA 5% 36 BUCCIANTI MORENO 40% 62 DEL VIVA MONICA 40% 94 GACCI ROBERTO 65% 99 TOPI MIRIANA 80% 169 MANGANI FABRIZIO 20% 713 FIORILLO MARCO 80% 778 NOEMI MAINETTO 20% RISORSE STRUMENTALI Le Risorse Strumentali a disposizioni risultano essere quelle indicate nelle Schede degli inventari in carico alla Struttura nella percentuale indicativa del_20 % Conto Imp. Tit. Int. Budget di Spesa Assegnato DESCRIZIONE Previsione 2014 Previsione 2015 Previsione DI COMUNICAZIONE , , ,12 1 / 3 giovedì 27 novembre

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2013 COMUNE DI FOLLONICA

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2013 COMUNE DI FOLLONICA PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2013 COMUNE DI FOLLONICA INDICE PER CDC Segretario Generale Dott.ssa Serena Bolici Affari legali- Avvocatura Civica Ufficio Affari Legali - Avvocatura Civica Dirigente di riferimento

Dettagli

Città di Follonica. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) ANNO 2014

Città di Follonica. REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) ANNO 2014 Città di Follonica REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE (Artt. 198 e 198bis D.Lgs. 267/2000) ANNO 2014 Contenuto del referto 2014 In applicazione delle disposizioni contenute nel testo Unico degli Enti Locali

Dettagli

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE

COMUNE DI LUCERA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE COMUNE DI LUCERA PROVINCIA DI FOGGIA PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE, DICHIARAZIONI E SEGNALAZIONI ONLINE (Art. 24, comma 3-bis del D.L. 24 giugno 2014 n. 90,

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE

SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE SINDACO GABINETTO DEL SINDACO DAL QUALE DIPENDONO: UFFICIO COMUNICAZIONI AFFARI GENERALI E CERIMONIALE CONSULENTE TECNICO E POLITICO AMMINISTRATIVO DEL SINDACO AVVOCATURA COMUNICAZIONE SEGRETERIA GENERALE

Dettagli

SETTORE AFFARI GENERALI

SETTORE AFFARI GENERALI SETTORE AFFARI GENERALI SERVIZI: SEGRETERIA, LEGALE E AFFARI ISTITUZIONALI CONTRATTI E APPALTI SEGRETERIA SINDACO RELAZIONI ESTERNE U.R.P. CENTRO DI RESPONSABILITA : COD.02 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE

STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE STRUTTURA APICALE SERVIZIO FUNZIONI ASSEGNATE SEGRETERIA GENERALE SEGRETERIA Segreteria Generale Controlli integrati (Ufficio di Staff) Iter deliberazioni del Consiglio e della Giunta Iter decisioni di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE

COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE COMUNE BORGO SAN LORENZO FUNZIONIGRAMMA GESTIONALE Allegato 2) Staff Segreteria ed Organi governo MACRO FUNZIONI 1. Segreteria Sindaco-Assessori 2. Comunicazione istituzionale 3. Ufficio relazioni con

Dettagli

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014)

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Provincia di Torino Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Approvato con D.G.C. n. 161 del 1 luglio 2013 Stato di attuazione del Programma della Trasparenza

Dettagli

Comune di Azzate. Provincia di Varese. - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2

Comune di Azzate. Provincia di Varese. - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2 Comune di Azzate Provincia di Varese INDICE: - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2 - Le principali aree di erogazione del servizio URP------------------------p.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Affari Generali e Istituzionali

Comune di Empoli. Provincia di Firenze. Attività e competenze dei servizi del Settore Affari Generali e Istituzionali Comune di Empoli Provincia di Firenze Settore V Affarii Generallii e Istiituziionallii Attività e competenze dei servizi del Settore Affari Generali e Istituzionali Servizio URP e Ufficio Stranieri Ufficio

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE

PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE C I TT A D i G E R A C E 1. Oggetto del Piano PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE PRIME MISURE 1. Il piano di prevenzione della corruzione: a) fornisce il diverso livello di esposizione degli

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO (Art. 8 c.2 della Legge n 150/00) Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

COMUNE DI SENNORI PROVINCIA SASSARI Via Brigata Sassari n 13 - C.F. 80003910900 - P.I. 01050300902

COMUNE DI SENNORI PROVINCIA SASSARI Via Brigata Sassari n 13 - C.F. 80003910900 - P.I. 01050300902 COMUNE DI SENNORI PROVINCIA SASSARI Via Brigata Sassari n 13 - C.F. 80003910900 - P.I. 01050300902 RESPONSABILE SETTORE AFFARI GENERALI Determinazione N. del 15 2 104 2013 OGGETTO: Ridefinizione assetto

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 5 DEL 29.01.2014 COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA PIANO DELL INTEGRITA E DELLA TRASPARENZA PROGRAMMA TRIENNALE ANNO 2014 2016 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013

COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013 COMUNE DI ROTTOFRENO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DELLA PERFORMANCE SEGRETERIA E AFFARI ISTITUZIONALI III QUADRIMESTRE 2013 ATTIVITA ORDINARIA Attività di supporto amministrativo e istituzionale finalizzate

Dettagli

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE

Dotazione Organica. UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Dotazione Organica UNITA Organizzativa STAFF DELLA SEGRETERIA GENERALE Collaboratore Amministrativo Cat. B/3 Collaboratore Amministrativo-Messo Cat. B/3 UFFICI : Segreteria Generale - Protocollo Messo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO CITTA di CASTEL VOLTURNO Provincia di Caserta Piazza Annunziata 81030 Castel Volturno (CE) P. IVA 01798300610 Cod. Fisc. 80007390612 Centralino 0823-769111 Fax 0823-764639 Sito web:www.comune.castelvolturno.ce.it

Dettagli

Determina Personale Organizzazione/0000026 del 18/02/2016

Determina Personale Organizzazione/0000026 del 18/02/2016 Comune di Novara Determina Personale Organizzazione/0000026 del 18/02/2016 Area / Servizio Area Organizzativa (05.UdO) Proposta Istruttoria Unità Area Organizzativa (05.UdO) Proponente santacroce Nuovo

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali.

Aree funzionali. Presidente. Segretario/Direttore Generale. Gabinetto della Presidenza. Polizia Provinciale. Rapporti Internazionali. Aree funzionali Presidente Gabinetto della Presidenza Polizia Provinciale Rapporti Internazionali Segretario/Direttore Generale Avvocatura Area I Amministrativa Area II Finanziaria Area III Servizi alla

Dettagli

Data di nascita 23 ottobre 1954

Data di nascita 23 ottobre 1954 Curriculum vitae et studiorum Informazioni personali Nome(i) / Cognome(i) Maria Masuri Data di nascita 23 ottobre 1954 Profilo Professionale Funzionario Direttivo Amministrativo Amministrazione Roma Capitale

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA

FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA FUNZIONIGRAMMA DEL FONDO PENSIONI SICILIA Allegato alla Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 8 del 15 settembre 2010 AREA AFFARI GENERALI Compiti di segreteria del Direttore Attività di segreteria

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore

DIRETTORE. ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative. Segreteria operativa del Direttore ALLEGATO A Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del Direttore Uffici Territorali del Turismo: 1 - UTP di Roma 2 - UTP di Frosinone 3 - UTP di Latina 4 - UTP di Rieti

Dettagli

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2 Numero : 01 Settore: AFFARI GENERALI E PIANIFICAZIONE SEGRETERIA E ORGANI COLLEGIALI Predisposizione informatizzata e relativa trasmissione agli uffici competenti delle proposte di delibere di giunta e

Dettagli

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017

MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE. MISURE DI PREVENZIONE SPECIFICO DA PREVENIRE Anno 2015 Anno 2016 Anno 2017 Allegato B alla deliberazione di Giunta comunale n. 010 del 28.01.2015 Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile

Dettagli

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI COMUNE DI PANTELLERIA PROVINCIA DI TRAPANI DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO N 68 /III Sett. Affidamento incarico professionale per adempimenti fiscali del Data 31.12.2014 Comune di

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO IL D.L.vo 150/2009 VISTO L ART. 32 della L.69/2009 VISTA LA L. 190/2012 VISTO IL D.L.vo n.33/2013 VISTA la circolare

Dettagli

Comune di Viagrande (Provincia di Catania) SITO INTERNET ISTITUZIONALE

Comune di Viagrande (Provincia di Catania) SITO INTERNET ISTITUZIONALE Comune di Viagrande (Provincia di Catania) REGOLAMENTO SITO INTERNET ISTITUZIONALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 28/01/2010 INDICE Art. 1 Scopo ed oggetto Art. 2 - Principi

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE P rovincia di Lecce

COMUNE DI VEGLIE P rovincia di Lecce COMUNE DI VEGLIE P rovincia di Lecce Sede: V E G L I E Parco delle Rimembranze Tel.0832 96 95 97 Fax 0832 96 62 36 SETTORE URBANISTICA-LL.PP. ORGANIZZAZIONE E PROCEDIMENTI OBBLIGHI DI PUBBLICITA E TRASPARENZA

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Comune di Deruta, Piazza dei Consoli, n. 15, fax 075/9728639 ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Sono di seguito indicati, in riferimento alle quattro aree funzionali

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1

Regolamento degli uffici e dei servizi. Allegato C1 Allegato C1 FUNZIIONIIGRAMMA AREA AMMIINIISTRATIIVA E AFFARII GENERALII. personale gestiti dall Area; Contratti di competenza dell Area e tenuta del repertorio dei contratti rogati dall Ente Archivio storico

Dettagli

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 COMUNE DI BORGETTO PROVINCIA DI PALERMO ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 SINDACO SEGRETARIO COMUNALE GIUNTA MUNICIPALE AREA 1^ AREA 2^ AREA 3^ AREA 4^

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 COMUNE DI BORORE Provincia di Nuoro PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 (Art. 11, comma 2, del D. Lgs. 27.10.2009, n. 150) Allegato alla Deliberazione Giunta Comunale

Dettagli

CITTÀ DI BATTIPAGLIA - STRUTTURA ORGANIZZATIVA SEGRETERIA GENERALE GIUNTA COMUNALE SINDACO CONSIGLIO COMUNALE SEGRETARIO GENERALE SPORTELLO CONTRATTI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Gare Controllo strategico

Dettagli

DELIBERAZIONE NR. 39 DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE NR. 39 DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE / COPIA COMUNE DI SOVER Provincia di Trento Piazza S. Lorenzo n. 12 38048 SOVER (TN) P.IVA e Cod. Fisc. 00371870221 Tel. 0461698023 Fax 0461698398 e-mail: segreteria@comunesover.tn.it PEFC/18-21-02/257

Dettagli

popolare, petizioni e referendum) Settore assistenza al procedimento degli atti consiliari e ai lavori d' aula. Nomine. Patrizia Tattini (scavalco)

popolare, petizioni e referendum) Settore assistenza al procedimento degli atti consiliari e ai lavori d' aula. Nomine. Patrizia Tattini (scavalco) Allegato A- Decreto del Segretario generale 29 novembre 2013, n. 23 Elenco dei trattamenti effettuati dal Consiglio regionale e relative strutture di riferimento (i trattamenti contenenti dati sensibili

Dettagli

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011

Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Allegato A2 alla deliberazione della GIUNTA COMUNALE n. 50 del 15 marzo 2011 Dott.ssa Paola BULFON SEGRETARIO COMUNALE TITOLARE DELLA POSIZIONE ORGANIZZATIVA ECONOMICO - FINANZIARIA RESPONSABILE DEI SERVIZI

Dettagli

L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000. DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n.

L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000. DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n. L.R. 7/1988 B.U.R. 19/5/2010, n. 20 L.R. 18/1996 L.R. 8/2000 DELIBERA DELL UFFICIO DI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO REGIONALE 27 aprile 2010, n. 215 Unità organizzative di livello direzionale della Segreteria

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012/2014 Approvato con delibera di G.C. n. 40 del 03/08/2012 SOMMARIO ART. 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa

Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa SETTORE 3 - POLITICHE DEL TERRITORIO E LAVORI PUBBLICI Determinazione n 34 del 13/03/2015 OGGETTO: CONVENZIONE CATTURA CURA CUSTODIA E AFFIDAMENTO CANI RANDAGI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE

SCHEDA 1 MISURE PER LA PREVENZIONE DEI FENOMENI DI CORRUZIONE Tutti i report/ registri/pubblicazioni contenuti nelle schede di cui al presente allegato andranno creati ed allocati a cura del Responsabile del servizio competente in apposta banca dati dell Ente. SCHEDA

Dettagli

Piano Esecutivo di Gestione - Anno 2012 DIREZIONE GENERALE

Piano Esecutivo di Gestione - Anno 2012 DIREZIONE GENERALE Piano Esecutivo di Gestione - Anno 2012 DIREZIONE GENERALE Anna Rosa Ciccia 1 2 LE POLITICHE DEL PIANO GENERALE DI SVILUPPO ATTINENTI LA DIREZIONE GENERALE 3 4 5 6 LA GESTIONE DEI PROGETTI A LIVELLO DI

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA

PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Didattica di Santa Teresa di Riva Via Francesco Crispi, 495 98028 S. TERESA DI RIVA (ME) Tel. e Fax: 0942/791410 e-mail: meee06000t@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI SIAMAGGIORE PROVINCIA DI ORISTANO Via San Costantino, n. 2 09070 Siamaggiore 0783 34411 0783 3441220 protocollo@comune.siamaggiore.or.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO

Dettagli

(PROVINCIA DI CATANIA)

(PROVINCIA DI CATANIA) (PROVINCIA DI CATANIA) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella accessibilità delle informazioni sulla organizzazione, degli

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile

Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Principi di costituzione di un modello di organizzazione dei Comandi provinciali: A livello territoriale il Corpo Nazionale

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE

DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE DIREZIONE RISORSE FINANZIARIE SERVIZIO ECONOMICO FINANZIARIO P.O. PROGRAMMAZIONE E BILANCIO E responsabile della formazione del bilancio di previsione annuale e pluriennale e della predisposizione relativi

Dettagli

Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis

Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Indice 1-Glossario...1 2-Finalità...2 3-Licenza d'uso...2 4-Adozione prodotti e servizi...2 5-Situazione attuale...4 6-Fasi di attuazione...4

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2014-2015-2016 INDICE PREMESSA 1. Organizzazione e funzioni dell amministrazione 2. Obiettivi strategici in materia di trasparenza e integrità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

CITTA DI VERCELLI SETTORE CULTURA, SPORT ED EVENTI

CITTA DI VERCELLI SETTORE CULTURA, SPORT ED EVENTI CITTA DI VERCELLI SETTORE CULTURA, SPORT ED EVENTI SERVIZIO COMUNICAZIONE PUBBLICA Reg. Int. n. DT-2909-2014 OGGETTO: Organizzazione dei social media Web 2.0, finalizzata a favorire la partecipazione,

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO Provincia di Napoli SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI POGGIOMARINO Provincia di Napoli SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI ELENCO PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI 1 SERVIZIO SEGRETERIA: Redazione verbali delle Delibere Consiliari; Redazione istruttoria impegno di spesa e liquidazione indennità Consiglieri Comunali; Liquidazione servizio fatture per il servizio di

Dettagli

DETERMINAZIONE. N. 10 del 23/01/2015.

DETERMINAZIONE. N. 10 del 23/01/2015. COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa PROGRESSIVO GENERALE N. 20 SETTORE : GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio : Lavori Pubblici DETERMINAZIONE N. 10 del 23/01/2015. copia OGGETTO: RIQUALIFICAZIONE DEL SISTEMA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI IMPRUNETA PROVINCIA DI FIRENZE. N. 67 del registro delle deliberazioni del 15/06/2010

COMUNE DI IMPRUNETA PROVINCIA DI FIRENZE. N. 67 del registro delle deliberazioni del 15/06/2010 N. 67 del registro delle deliberazioni del 15/06/2010 GIUNTA COMUNALE OGGETTO: INTEGRAZIONE AL REGOLAMENTO GENERALE SULL ORDINAMENTO DEI SERVIZI E DEGLI UFFICI. DISPOSIZIONI SULL ACCESSO AL PUBBLICO IMPIEGO.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

DIRETTORE AREA. Promocommercializzazione

DIRETTORE AREA. Promocommercializzazione ALLEGATO A - Organigramma delle strutture organizzative DIRETTORE Segreteria operativa del direttore AREA Contabile-amministrativa AREA Promocommercializzazione AREA Studi, Innovazione e Statistica ALLEGATO

Dettagli

Settore 3 Amministrativo e Servizi al Cittadino. U.O. 1.1 Segreteria Protocollo settore servizio responsabile procedimento competenza TERMINE

Settore 3 Amministrativo e Servizi al Cittadino. U.O. 1.1 Segreteria Protocollo settore servizio responsabile procedimento competenza TERMINE Settore Amministrativo e Servizi al Cittadino U.O. 1.1 Segreteria Protocollo settore servizio responsabile procedimento competenza TERMINE segreteria approvazione o modifica statuto e regolamenti segreteria

Dettagli

CONTENUTO DELLA FUNZIONE

CONTENUTO DELLA FUNZIONE RISORSE UMANE FUNZIONE CONTENUTO DELLA FUNZIONE - Predisposizione e gestione del Bilancio e coordinamento centri elementari di costo - Aggiornamento banca dati del personale dei centri elementari di costo

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI

CARTA DEI SERVIZI SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI CARTA DEI SERVIZI SETTORE AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI CDR 01 AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Il settore fornisce il supporto amministrativo all insieme di attività connesse al funzionamento degli

Dettagli

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE

AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE AREA SERVIZI FINANZIARI E TRIBUTARI E DEL PERSONALE servizi per la gestione delle risorse economico-finanziarie servizi di provveditorato ed economato servizi tributari servizio del personale servizi istituzionali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

NetSpring si pone all'interno di questo contesto con la propria missione, elemento di qualificazione nella sua ricerca di progresso tecnologico.

NetSpring si pone all'interno di questo contesto con la propria missione, elemento di qualificazione nella sua ricerca di progresso tecnologico. Piano di Organizzazione Aziendale (POA) NetSpring srl. Titolo I Mission Istituzionale La mission aziendale che NetSpring si propone di perseguire consiste nel gestire in modo unitario e coordinato l innovazione

Dettagli

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari. 1 Settore AFFARI GENERALI - PERSONALE - AVVOCATURA

COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari. 1 Settore AFFARI GENERALI - PERSONALE - AVVOCATURA COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari 1 Settore AFFARI GENERALI - - Dirigente ad interim Responsabile del potere sostitutivo: Responsabili dei procedimenti: Segretario Generale - Dott. Salvatore Bonasia

Dettagli

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza

Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Z.I.T.A.C. S.p.A. Zona Industriale Tecnologica Artigianale del Cittadellese Misure organizzative e gestionali per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza Prima applicazione 2014-2016 Proposto

Dettagli