PROVINCIA DI PISTOIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI PISTOIA"

Transcript

1 PROVINCIA DI PISTOIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Seduta del 10 MARZO 2011 Atto n. 2 OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE BILANCIO PLURIENNALE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA APPROVAZIONE SCHEMI. L'anno duemilaundici, addì Dieci del mese di Marzo alle ore 11,30 nella sala delle adunanze della Provincia di Pistoia, convocata con apposito avviso, si è riunita la Giunta Provinciale Presiede il Presidente Federica Fratoni A11 'adozione del seguente prowedimento riltano presenti i Sigg.: FEDERICA FRATONI ROBERTO FABIO CAPPELLINI CARLO CARDELLI RINO FRAGAI CHIARA INNOCENTI PAOLO MAGNANENSI MAURO MARI LIDIA MARTINI MICHELE PARRONCHI Presidente Vicepresidente Assessore Assessore Assessore Assessore Assessore Assessore Assessore Partecipa alla seduta il Segretario Generale Dott. Franco Pellicci Il Presidente accertato il numero legale degli intervenuti invita i presenti a deliberare l1 'oggetto sopra indicato.

2 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE DEL 10 MARZO N. 2 OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE BILANCIO PLURIENNALE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA APPROVAZIONE SCHEMI. La Presidente Federica Fratoni illustra e sottopone all'approvazione della Giunta Provinciale l'allegata proposta formulata, previa istruttoria, dall'istruttore Direttivo Titolare di Posizione Organizzativa Maurizio Salvi; LA GIUNTA PROVINCIALE Preso atto della relazione illustrata e proposta in ordine a tutto quanto sopra dal relatore, valutata e considerata la ddetta relazione-proposta e ritenuto di dover disporre a riguardo nell'ambito della propria potestà decisionale così come specificato nel ccessivo dispositivo; Considerato che la proposta è corredata del parere di regolarità tecnica e contabile ai sensi dell'art. 9, lo comma, D.Lgv n. 2 espresso dalla Dirigente dei Servizi Finanziari Dr.ssa Letizia Baldi; Ritenuto di dover provvedere al riguardo Con votazione unanime palese DELIBERA 1. Di approvare l'allegata proposta di pari oggetto (All. l), quale parte integrante del presente atto, così come richiamata in premessa per le motivazioni in essa contenute e in ordine alle determinazioni nella stessa specificate; 2. Di trasmettere copia della presente deliberazione ai Servizi Finanziari per i provvedimenti connessi e conseguenti di attuazione, mediante pubblicazione l sito INTERNET 3. Di pubblicare il provvedimento all'albo Pretorio on line ai sensi dell'art. 32 Legge ;. Di dichiarare con separata ed unanime votazione la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 13, comma, del D.Lgs

3 I'rovincia di Pistoiii Servizi Fiiitinziai*i 1:>.i,......,inci Scrn Leoiic 1. 5 l 100. cotlicr: fiscali F'istoiri tel. 053/ h?r 053!350 e inail 1etizia.baldi~provincia.vistoia.it; PROPOSTA DI DELIBERA E PARERE EX ART. 9 DEL TUEL. OGGETTO: BILANCIO DI PREVISIONE BILANCIO PLURIENNALE RELAZIONE P~MSIONALE E PROGRAMMATICA APPROVAZIONE SCHEMI. Visto l'art. 1, primo comma, del D.Lgs , n. 2 che dispone che lo schema di Bilancio è predisposto dall'organo esecutivo e da questo presentato al Consiglio; Visto che con Decreto del Ministero dell'intemo del 1 Dicembre 2010 è stato differito al 3 1 Marzo il termine per l'approvazione del Bilancio di Previsione e relativi allegati; Visto la Legge finanziaria della Regione Toscana n. 5 del 29 Dicembre 2010 e il Decreto del Ministero dell'interno del 9 Dicembre 2010 che quantifica la riduzione dei trasferimenti per l'anno ex art. 1 comma 2 del DL da apportare a questa Amministrazione Provinciale; Considerato che lo schema di Bilancio annuale e Pluriennale è stato predisposto dai Servizi Finanziari lla base delle previsioni comunicate dai Responsabili dei vari Servizi dell'ente; Visto che l' delle entrate non vincolate è stata calcolata lla base dell'andamento riscontrato nell'esercizio 2010, tenuto conto anche delle riduzioni apportate dal DL con ccessive manovre finanziarie e regionali; Visto il Programma Triennale e l'elenco annuale dei lavori pubblici, triennio , di cui all'art. 1 della L e ccessive modifiche ed integrazioni ed al Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici del , approvato con la Delibera precedente nel quale sono previsti alcuni interventi urgenti per la messa in sicurezza di strade, scuole e rete idrica; Dato atto che per quanto conceme gli investimenti previsti finanziati con mutuo passivo con ammortamento a carico dell'ente sono state considerate, sia nel Bilancio Annuale che in quello Pluriennale le spese relative al pagamento delle rate di ammortamento; Visto che negli esercizi precedenti e anche per l'esercizio 2010 è stato rispettato il Patto di stabilità interno; Visto la Relazione Previsionale e Programmatica che costituisce allegato al Bilancio di Annuale di Previsione ai sensi dell'art. 10 del TUEL redatta secondo i modelli e schemi contabili stabiliti dal DPR n. 32 del 3 Agosto 199; Viste le seguenti delibere: - G.P. n. 15 del "Disposizioni in merito alla programmazione del fabbisogno asntivo e all'adeguarnento di contingenti di personale assegnati alle strutture"; - G.P. n. 11 del "Ricognizione della dotazione organica assegnata alle strutture provinciali"; Considerato che le attuali previsioni di bilancio consentono di rispettare le regole del patto di stabilità interno, ai sensi dell'art. 1, coma 10, della Legge n. 220 "11 bilancio di previsione degli enti locali ai quali si applicano le disposizioni del patto di stabilità interno deve

4 essere approvato iscrivendo le previsioni di entrata e di spesa di parte corrente in mira tale che, unitamente alle previsioni dei jlussi di cassa di entrata e di spesa in conto capitale, al netto delle riscossioni e delle concessioni di crediti, sia garantito il rispetto delle regole che disciplinano il patto medesimo. A tale $ne, gli enti locali sono tenuti ad allegare al bilancio di previsione un apposito prospetto contenente le previsioni di competenza e di cassa degli aggregati rilevanti ai fini del patto di stabilità interno" (All. "A"); Tenuto conto che le previsioni di spesa sono state predisposte tenendo conto delle riduzioni previste dall'art., cornma 1 e seguenti, del D.L , n. convertito, con modificazioni, nella Legge , n. 122, e che pertanto riltano ridotte, rispetto all'esercizio 2009, delle percentuali stabilite nella normativa sopra richiamata; Visto il D. Lgs. n e i Principi contabili per gli enti locali approvati dall'osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali; Visto che lla base di quanto sopra esposto e dei documenti citati è stato predisposto lo schema di Bilancio di Previsione Annuale (Allegato "B") e Pluriennale (Allegato "C") e la Relazione Previsionale e Programmatica (Allegato "D"); Tenuto conto degli indirizzi e direttive del Presidente, dall'assessore al bilancio e del Dirigente dei Servizi Finanziari; SI PROPONE ALLA GIUNTA PROVINCIALE DI DELIBERARE QUANTO DI SEGUITO INDICATO: 1) di approvare lo schema di Bilancio di Previsione Annuale per l'esercizio nelle seguenti riltanze: Totale complessivo delle spese

5 2) di approvare lo schema di Bilancio di Previsione Pluriennale nelle seguenti riltanze: ENTRATA Risorse correnti E ,OO E ,OO E ,OO- Risorse derivanti da alienazioni, trasferimenti di capitale e da riscossione di crediti E.519.5,OO E ,OO E ,OO Risorse derivanti da accensioni di prestiti Avanzo di Amministrazione Totale Risorse E.0.9,OO E ,OO E ,OO E.90.5,OO E ,OO E 3.1.l 11,O0 SPESA Impieghi correnti Impieghi clcapitale Impieghi per rimborso prestiti Disavanzo di Amministrazione Totale impieghi ,OO E 9.5.9,OO E ,OO E 13..5,OO E ,OO E ,OO f ,OO e ,OO E 3..00,OO é E E ,OO.90.5,OO ,OO 3) di approvare la Relazione Previsionale e Programmatica che costituisce allegato fondamentale al Bilancio Annuale di Previsione; ) di prendere atto che le attuali previsioni di bilancio, inclusi i flussi di entrata e di spesa attesi consentono di rispettare le regole del patto di stabilità interno, ai sensi della Legge n. 220, art. 1, coma 1 0; 5) di partecipare lo schema di Bilancio Annuale di Previsione e relativi allegati ai Consiglieri Provinciali; ) di rendere il presente provvedimento immediatamente eseguibile ai sensi dell'art. 13 comma del TUEL. Pistoia, 10 Marzo Si esprime parere favorevole in ordine alla regolarità tecnica e ai sensi dell'art. 9, primo coma, D.Lgs , n. 2. Pistoia, 10 Marzo 201 1

6 PROVINCIA DI PISTOIA P.ZA S.LEONE PISTOIA -TEL.053/31 - TELEFAX Servizi Finanziari OGGETTO: Legge 13 dicembre 2010 n. 220, art. 1, comma 10: prospetto contenente le previsioni di competenza e di cassa degli aggregati rilevanti ai fini del patto di stabilità interno (allegato al bilancio di previsione 2011 ed al bilancio pluriennale ). La normativa in oggetto dispone che il bilancio di previsione degli Enti locali ai quali si applicano le disposizioni del patto di stabilità interno deve essere approvato iscrivendo le previsioni di entrata e di spesa di parte corrente in mira tale che, unitamente alle previsioni dei flussi di cassa di entrate e spese in conto capitale, al netto delle riscossioni e delle concessioni di crediti, sia garantito il rispetto delle regole che disciplinano il patto medesimo. A tal fine gli Enti locali sono tenuti ad allegare al bilancio di previsione un apposito prospetto contenente le previsioni di competenza e di cassa degli aggregati rilevanti ai fini del patto di stabilità interno. Sulla base di un modello di calcolo pubblicato dal Ministero dellleconomia e delle Finanze si è provveduto ad individuare il saldo obiettivo per il triennio , calcolato in termini di competenza mista, da cui si rileva che la Provincia di Pistoia dovrà conseguire un saldo di competenza mista pari o periore ad E ,OO nel 2011, E ,OO nel 2012 ed E ,OO nel Di seguito si elencano le previsioni di competenza mista rilevanti ai fini del patto di stabilità interno, così come riltano dal bilancio di previsione : ANNO 2011 PARTE ENTRATA (migliaia di Euro) Titolo 1 O (previsione di bilancio) Titolo 2" (previsione di bilancio) E ,OO E. 2.,OO Titolo 3" (previsione di bilancio) E..01,00 Titolo " (previsione di cassa) E..,00 a detrarre Riscossione crediti (previsione di cassa) E. 22,OO Entrate correnti provenienti dallo Stato E. a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di bilancio) Entrate in clcapitale provenienti dallo Stato E. 0,OO a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di cassa) Entrate correnti provenienti direttamente E. 3.09,00 o indirettamente dalllunione Europea (previsioni di bilancio) If/PROSPETTO PATTO 2011 DOC - SERI'IZI FINANZIARI

7 Entrate in clcapitale provenienti direttamente o indirettamente dalllunione Europea (previsioni di cassa) Alienazioni patrimoniali... TOTALE ENTRATE E ,00 E. 5.90,OO (a) PARTE SPESA (migliaia di Euro) Titolo l O (previsioni di bilancio) Titolo 2" (previsioni di cassa) a detrarre Concessione crediti (previsione di cassa) Spese correnti provenienti dallo Stato a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di bilancio) Spese in clcapitale provenienti dallo Stato a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di cassa) Spese correnti provenienti direttamente o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di bilancio) Spese in clcapitale provenienti direttamente o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di cassa) TOTALE SPESE E ,OO (b) SALDO (a - b) é ,OO a fronte di un obiettivo da conseguire pari a f ,OO. ANNO 2012 PARTEENTRATA (migliaia di Euro) Titolo 1 " (previsione di bilancio) E ,OO Titolo 2" (previsione di bilancio) E ,00 Titolo 3" (previsione di bilancio) E ,00 Titolo " (previsione di cassa) E ,OO a detrarre Riscossione crediti (previsione di cassa) E. 0,OO Entrate correnti provenienti dallo Stato E. 0,OO a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza H/PROSPETO PA 201 I. DOC - SERVIZI FINANZIARI - O

8 (previsioni di bilancio) Entrate in clcapitale provenienti dallo Stato E. a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di cassa) Entrate correnti provenienti direttamente E. 2.3,00 o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di bilancio) Entrate in clcapitale provenienti direttamente E. 0,OO o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di cassa) Alienazioni patrimoniali E. 0,OO TOTALE ENTRATE Titolo 1 " (previsioni di bilancio) Titolo 2" (previsioni di cassa) a detrarre Concessione crediti (previsione di cassa) Spese correnti provenienti dallo Stato a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di bilancio) Spese in clcapitale provenienti dallo Stato a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di cassa) Spese correnti provenienti direttamente o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di bilancio) Spese in clcapitale provenienti direttamente o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di cassa) PARTESPESA (migliaia di Euro) TOTALE SPESE E..21 (d) SALDO (C - d) f ,OO a fronte di un obiettivo da conseguire pari a E ,OO. Titolo Io (previsione di bilancio) Titolo 2" (previsione di bilancio) Titolo 3" (previsione di bilancio) Titolo " (previsione di cassa) ANNO 2013 PARTE ENTRATA (migliaia di Euro) H/PROSPEVO PAVO 2OlI.DOC- SERVIZI FINANZIARI - O

9 a detrarre Riscossione crediti (previsione di cassa) E. 0,OO Entrate correnti provenienti dallo Stato E. 0,OO a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di bilancio) Entrate in clcapitale provenienti dallo Stato E. 0,OO a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di cassa) Entrate correnti provenienti direttamente E. 2.3,00 o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di bilancio) Entrate in clcapitale provenienti direttamente E. 0,OO o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di cassa) Alienazioni patrimoniali E.... TOTALE ENTRATE E..0,OO (e) PARTE SPESA (migliaia di Euro) Titolo l O (previsioni di bilancio) E. 9.51,OO Titolo 2" (previsioni di cassa) E ,O0 a detrarre Concessione crediti (previsione di cassa) E. 0,OO Spese correnti provenienti dallo Stato E. 0,OO a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di bilancio) Spese in clcapitale provenienti dallo Stato C. 0,OO a seguito delle ordinanze PCM a seguito della dichiarazione di stato di emergenza (previsioni di cassa) Spese correnti provenienti direttamente E. 2.3,00 o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di bilancio) Spese in clcapitale provenienti direttamente E. 0,OO o indirettamente dall'unione Europea (previsioni di cassa) TOTALE SPESE ~- - ~ E. 1.9,OO (f) SALDO (e - 9 e ,OO a fronte di un obiettivo da conseguire pari a Q ,OO). PistoiaA& marzo H/PROSPE0 PAIITO DOC - SERVIZI FINANZIARI

10

11 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. 1 / 12 Avanzo di amministrazione di cui: 505.3, 505.3, VINCOLATO CORRENTE 3.,9 3.,9 VINCOLATO FINANZIAMENTO.900,05.900,05 INVESTIMENTI NON VINCOLATO INVESTIMENTI TITOLO I ENTRATE TRIBUTARIE 101 Categoria 1 - Imposte ADDIZIONALE PROVINCIALE SUL CONSUMO DELL'ENERGIA ELETTRICA IMPIEGATA PER QUALSIASI USO IN LOCALE E LUOGHI DIVERSI DALLE ABITAZIONI CONGUAGLIO ADDIZIONALE PROVINCIALE ENEL RELATIVO ALL'ANNO CONGUAGLIO ADDIZIONALE ENEL ANNO UNA TANTUM CONGUAGLIO ADDIZIONALE ENEL ANNO UNA TANTUM TRIBUTO PROVINCIALE AMBIENTE ANNI PREGERESSI. UNA TANTUM INCASSO TRIBUTO AMBIENTE RELATIVO AD ANNI PREGRESSI TRIBUTO SPECIALE PER IL DEPOSITO IN DISCARICA DEI RIFIUTI SOLIDI (ART.3 L.59/95) UNA TANTUM ADDIZIONALE PROVINCIALE ENERGIA ELETTRICA - CONGUAGLIO ANNO ADDIZIONALE ALL'IMPOSTA COMUNALE SULLE INDU- STRIE, I COMMERCI, LE ARTI E LE PROFESSIONI AFFERENTE A PERIODI ANTECEDENTI AL , , ,00 2.3,00

12 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. 2 / ADDIZIONALE PROVINCIALE ENERGIA ELETTRICA. CONGUAGLIO ANNI PRECEDENTI ADDIZIONALE PROV.LE ALL'IMPOSTA ERARIALE DI TRASCRIZIONE L.59/95 - UNA TANTUM - VEDI CAP.SPESA IMPOSTA PROVINCIALE PER L'ISCRIZIONE DEI VEI-COLI NEL PUBBLICO REGISTRO AUTOMOBILISTICO. ART.20 DECRETO LEGISLATIVO 30 DICEMBRE 1992, ADDIZIONALE PROVINCIALE ALL'IMPOSTA ERARIALE DI TRASCRIZIONE ART. 3, COMMA, LEGGE , N IMPOSTA PROVINCIALE SULLE ASSICURAZIONI IMPOSTA PROVINCIALE SULLE ASSICURAZIONI RC AUTO COMPETENZA ANNO 2001 UNA TANTUM. CAP. SPESA IMPOSTA PROVINCIALE DI TRASCRIZIONE - I.P.T. ART. 5 D.LGV. N. DEL RECUPERI A TITOLO DI ERRATA ATTRIBUZIONE IMPSOTA PROVINCIALE SULLE ASSICURAZIONI DA PARTE DELLA BANCA ANTONVENETA PER IL BIENNIO ENTRATE RELATIVE R.C. AUTO ANNI PGRESSI TRIBUTO PROVINCIALE PER ESERCIZIO DELLE FUN- ZIONI DI TUTELA, PROTEZIONE ED IGIENE DELL'AMBIENTE. ART. 19 DECRETO LEGISLATIVO , 30.9, , , ,

13 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. 3 / IMPOSTA DI BONIFICA RELATIVA ALL'EX CONSORZIOOMBRONE. VED. CAPITOLI SPESA TRIBUTO PROVINCIALE PER L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI TUTELA, PROTEZIONE E IGIENE DELL'AMBIENTE.UNA TANTUM TRIBUTO PROVINCIALE PER ESERCIZIO FUNZIONI TUTELA, PROTEZIONE ED IGIENE AMBIENTE ANNI PREGRESSI. UNA TANTUM COMPARTECIPAZIONE PROVINCIALE AL GETTITO IRPEF Totale categoria , , , , Categoria 2 - Tasse TASSA PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUB-BLICHE PROVINCIALI E DEL SOTTOSUOLO TASSA PER L'OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUB-BLICHE E DEL SOTTOSUOLO RELATIVA AGLI ESERC D.LGS N. 50 E SUCCESSI Totale categoria 2... Categoria 3 - Tributi speciali ed altre entrate tributarie proprie GETTITO I.R.A.P.

14 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. / CONGUAGLIO QUOTE DI COMPARTECIPAZIONE IRAP ANNI UNA TANTUM. Totale categoria 3... Riasnto Titolo I 101 Categoria , , , , Categoria Categoria 3... Totale Titolo I , , , ,00

15 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. 5 / 12 2 TITOLO II ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIB. E TRASFER. CORRENTI DELLO STATO,DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBL.ANCHE IN RAPPORTO ALL'ESERC. DI FUNZ.DEL. 201 Categoria 1 - Contributi e trasferimenti correnti dello stato TRASFERIMENTI ERARIALI RELATIVI A CREDITI ESERCIZI PREGRESSI ( ) TRASFERIMENTI STATALI RELATIVI A ONERI PERSONALE L.F. 200 COMPETENZA ANNI ENTRATE STRAORDINARIE RELATIVE AL CONTRIBUTO STATALE PER CONTRATTI SEGRETARI PROVINCIALI ANNI 2005 E TRASFERIMENTI STATALLI PER 9.3,00 9.3,00 9.3,00 ONERI CCNL 200/2005 PERSONALE ENTI LOCALI - L.F ANNO 200 E SUCCESSIVI CONTRIBUTO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO PER PERCORSO ALBACHIARA FONDO ORDINARIO TRASFERIMENTO DAL CORPO FORESTALE DELLO STATO DI UNA UNITA' DI PERSOMALE PER MOBILITA' EX L.3/ TRASFERIMENTI ERARIALI VARI (IN SOSTITUZIONE I.R.A.P.) TRASFERIMENTI STATALI DI RISORSE RELATIVE AD ANNI PREGRESSI UNA TANTUM 33.22, ,22 0, 33.23, , , FONDO CONSOLIDATO.

16 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. / FONDO PER LA PEREQUAZIONE DEGLI SQUILIBRI DE-LA FISCALITA' LOCALE CONTRIBUTI ORDINARI E DI CONSOLIDAMENTO TRASFERIMENTO AGGIUNTIVO STATALE PER LA GESTIONE DELLE SCUOLE TRASFERITE EX L FONDO PER LO SVILUPPO DEGLI INVESTIMENTI CONTRIBUTO NELLA SPESA PER TRASFERIMENTO DI PERSONALE ALLA PROVINCIA A SEGUITO DI MOBI- LITA' D.LGS. 112/9-CONTRIBUTO DELLO STATO PER FUNZIONI TRASFERITE IN MATERIA DI PUBBLICA ISTRUZIONE EROGAZIONE DAL FONDO PEREQUATIVO TRASFERIMENTO DALLO STATO PER ESERCITAZIONE TEREX SPESE DERIVANTI DA ENTRATE STRAORD. IN ATTESA DI DEST CONTRIBUTO PEREQUATIVO. QUOTA SPETTANTE PER ENTE CON ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ERARIALI INFERIORE ALLA MEDIA NAZIONALE PRO-CAPITE CONTRIBUTO PEREQUATIVO FINANZIATO AI SENSI DELL'ART. 2,LETTERA B,ULTIMO PERIODO, DEL DE-CRETO-LEGGE N. 15/199, COSI' COME CONVERTI FONDO PER IL FINANZIAMENTO DEGLI ONERI CONSE-GUENTI ALL'APPLICAZIONE DEL CONTRATTO AL PER-SONALE PER IL TRIENNIO

17 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. / RIMBORSO DALLO STATO DELLA QUOTA DI COMPARTE-CIPAZIONE PROVINCIALE ALL'IMPOSTA COMUNALE PER ESERCIZIO DI IMPRESE E DI PROFESSIONI RE CONTRIBUTO STATALE PER LA GESTIONE DELLE SCUOLE TRASFERITE EX L.23/ CONTRIBUTO STATALE NELLE SPESE PER IL SEGRETARIO PROVINCIALE CONTRIBUTO DELLO STATO PER FUNZIONI TRASFERITE IN MATERIA DI PUBBLICA ISTRUZIONE ESERCIZI PRECEDENTI CONTRIBUTO DAL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI PER ITINERARI MUSICALI-SENTIERI ACUSTICI..55,2.2,00 1,00.5, CONTRIBUTO STATLE CORRENTE. 30.1, , CONTRIBUTO MINISTERO DELLA SOLIDARIETA' SOCIALE PER PROGETTO IND.I.T. - INDULTO; INSIEME SUL TERRITORIO FINANZIAMENTO STATALE PER MASTERPLAN CENTRI IMPIEGO V.U TRASFERIMENTO STATALE A CONGUAGLIO ANNO CONTRIBUTO STATALE PER INTERVENTI SUI PROGETTI PROVINCIALI DELLE BIBLIOTECHE E DEGLI ARCHIVI STORICI MAGGIORI TRASFERIEMENTI STATALI PER SPESE MANUTENZIONE ORDINARIA EDIFICI SCOLASTICI TRASFERITI EX LEGGE 23/ CONTRIBUTO DELLO STATO PER LE STRADE TRASFERITE EX ANAS ,00

18 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. / RISCOSSIONE PREMIO FINE ESERCIZIO PERSONALE TRANSITATO DALLE FF.SS CONTRIBUTO ONERE INCREMENTO STIPENDIO SEGRETARIO GENERALE 199. UNA TANTUM TRASFERIMENTI STATALI IN MATERIA DI DEMANIO IDRICO PER LE SPESE DEL PERSONALE DEL SERVIZIO USO RISORSE IDRICHE-CONTROLLO SCARICHI CONTRIBUTO STATALE PER IL PERSONALE MOTORIZZAZIONE CONTRIBUTO STATALE PER PERSONALE ANAS DPCM ART TRASFERIMENTI PER SPESE DI ESERCIZIO PER LE FUNZIONI TRASFERITE CON D.LGS. 112/ FINANZIAMENTO MINISTERO PER FUNZIONI DEI CENTRI PER L'IMPIEGO CONTRIB. NAZ. ORDINARIO INVEST. ANNO 2001 UNA TANTUM FINANZIAMENTO STATALE PER PERSONALE EX SCICA TRASFERITO TRASF.TO DA PARTE DEL MINIS. INTERNI SPESE FUNZIONI CONFERITE A PROVINCIA IN MATERIA DI PROTEZ. CIVILE ANNO 2001 UNA TANTUM. CAP SP CONTRIBUTO MINISTERIALE - DIPARTIMENTO PARI OPPORTUNITA' - PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO PRIMAVERA RETRIBUZIONE ACCESSORIA ANNO 2001 PERSONALE TRANSITATO DAL SOPPRESSO MINISTERO DEI TRASPORTI

19 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Annotazioni Pag. 9 / TRASFERIMENTO DA PARTE DEL MINISTERO INTERNI PER SEPSE FUNZ.CONFERITE IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE RIMBORSO DALLO STATO PER SPESE SOSTENUTE RELATIVE A MANUTENZIONE STRADE EX ANAS NON ATTRIBUITE NEL D.P.C.M CONTRIBUTO STATALE PER LE SPESE DA SOSTENERE PER LE FUNZIONI TRASFERITE IN MATERIA DI DEMANIO IDRICO CONTRIBUTO STATALE PER LE SPESE DA SOSTENERE PER LE FUNZIONI TRASFERITE IN MATERIA DI ENERGIA CONTRIBUTO STATALE PER FUNZIONI TRASFEITE IN MATERIA DI DEMANIO IDRICO ANNI PREGRESSI CONTRIBUTO STATALE PER FUNZIONI TRASFERITE IN MATERIA DI ENERGIA ANNI PREGRESSI Totale categoria , 5.93, , 30.10,.029, Categoria 2 - Contributi e trasferimenti correnti della regione FINANZIAMENTO REGIONALE ER INTERVENTI IN DIFESA DEGLI INCENDI BOSCHIVI LR. 39/2000 EX LR 3/ FINANZIAMENTO REGIONALE PER ATTIVITA' DI DO COMPETENTE PER SPENGIMENTO INCENDI BOSCHIVI L.R.35/99 CONTRIBUTO DELLA REGIONE TOSCANA PER IL PROGETTO UN MILIONE DI LIBRI CONTRIBUTO REGIONE TOSCANA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA DETTAGLIATO DI RIDUZIONE RIFIUTI 200/

20 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Pag. 10 / 12 Annotazioni CONTRIBUTO DELLA REGIONE TOSCANA PER PERCORSO ALBACHIARA CONTRIBUTO REGIONE TOSCANA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO AZIONI DI FORMAZIONE CONTRO GLI STEREOTIPI E LA VIOLENZA DI GENERE COMPARTECIPAZIONE FINANZIARIA REGIONE TOSCANA PER PROGETTO REGIONALE DIDATTICO A SCUOLA DI PROTEZIONE CIVILE CONTRIBUTO REGIONE TOSCANA PER PROMOZIONE DI AZIONI DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO E PARI OPPORTUNITA' LR 1/ CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DALLA REGIONE L.R.3/01 CONTRIBUTO REGIONE TOSCANA PER ATTUAZIONE DEI PIANI SVILUPPO AGRICOLO CONTRIBUTO REGIONE TOSCANA PER GESTIONE FUNZIONI TPL CONTRIBUTO FESTA DELLA TOSCANA PER ATTIVITA' CONSIGLIERA DI PARITA' CONTRIBUTO DALLA REGIONE TOSCANA PER LR 3/2002 VALORIZZAZIONE ANTIFASCISMO FINANZ.REGION.PER ONERI AGGIUNT.DI FUNZIONAM.GRAVANTU SU ENTI DELEG.-L.R N TRASFERIMENTI DELLA REGIONE PER STRADE TRASFERITE EX ANAS TRASFERIMENTO REGIONALE PER COPERTURA ONERI DEL PERSONALE ASSEGNATO ALLA PROVINCIA. CAP BILANCIO REGIONALE , , , , , , ,00 1.0, , , , ,00

21 PARTE I - ENTRATA PREVISIONE DI COMPETENZA Codice e Numero Denominazione Accertamenti ultimo esercizio chiuso Previsioni definitive esercizio in corso VARIAZIONI in aumento in diminuzione SOMME RISULTANTI Pag. 11 / 12 Annotazioni CONTRIBUTO REGIONE TOSCANA PER FESTA DELLA TOSCANA CONTRIBUTO REGIONALE PER IL PIANO DI INDIRIZZO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO. PROGETTO SCUOLA-TEATRO. LR. 1/93. VED. CAP. SPESA QUOTA DOVUTA DALLA REGIONE TOSCANA PER COMPARTECIPAZIONE PROVINCIALE TRIBUTO SPECIALE PER IL DEPOSITO IN DISCARICA DEI RIFIUTI SOLIDI FINANZIAMENTO INDENNITA' APPROVAZIONE PIANO DI SUCCESSIONE PREVISTO DALL'ART. 1,COMMA, DELLA L.R N. 5. VED. CAPITOLO CONTRIBUTO DELLA REGIONE TOSCANA PER SOSTEGNO ALLA POPOLAZIONE VULNERABILE DIPARTIMENTO LEON NICARAGUA VITTIMA URAGANO FELIX CONTRIBUTO REGIONE TOSCANA PER QUALIFICAZIONE OFFERTA E SISTEMA INFORMATIVO TURISMO FINANZIAMENTO REGIONALE PER ATTUAZIONE PROGETTI PIANO SVILUPPO RURALE (P.S.R.) CONTRIBUTO DELLA REGIONE TOSCANA PER OSSERVATORIO SCOLASTICO:ANAGRAFE EDILIZIA CONTRIBUTI REGIONALI PER I CONTRATTI DI SERVIZIO PER LE LINEE REGIONALI FINANZIAMENTO REGIONALE PER ATTIVITA' CONNESSE ALLA VERIFICA E CONTROLLO DEI PROGETTI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE(PISL) ISTAT-CONTRIBUTI REGIONALI PER INDAGINE STATISTICA RICA REA 10.51,5 10.,00,

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017 Allegato B Assessorato Bilancio e Finanze Direzione Risorse finanziarie Settore Bilancio BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI - Ripartizione in Unità Previsionali di Base STATO DI PREVISIONE DELL

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

La legge sul Volontariato della Regione Lazio

La legge sul Volontariato della Regione Lazio La legge sul Volontariato della Regione Lazio Legge 29 del 1993 Art. 2 Attività ed organizzazioni di volontariato 1. Ai sensi dell'art. 2 della legge n. 266 del 1991: a) l'attività di volontariato disciplinata

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Sergio dal Maso Viale C.Colombo, 165 Foggia Telefono 328/2775122 Fax 0881/720007 E-mail Nazionalità

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 progr. Anno legge Titolo della legge articoli commi

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013

COSTO SERVIZI EROGATI - ANNO 2013 - ANNO 2013 TIPOLOGIA DEI A DEI (*) PERSONA LE A STAFF 1 - GIURICO ISTITUZIONALE Servizio sportello per il cittadino Organizzazione e guida alle opere d'arte presenti nelle sale della sede. Concessione

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat...

http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Atto Completo http://www.gazzettaufficiale.it/guridb//dispatcher?task=attocompleto&service=1&dat... Page 1 of 4 20/09/2010 DECRETO 10 settembre 2010 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Linee guida per l'autorizzazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio;

- gestione procedimenti volti ad ottenere finanziamenti pubblici per lo sviluppo del territorio; 5) GESTIONE DELL UFFICIO SVILUPPO TURISTICO, CULTURALE, RICETTIVO VALLI JONICHE Comuni di Pagliara, Mandanici, Itala, Scaletta Zanclea, Ali Terme, Ali, Nizza di Sicilia, Roccalumera, Fiumedinisi. S T A

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica

ALLEGATO 1 ALLA DELIBERA. 148/2014- GRIGLIA DI RILEVAZIONE AL 31/12/2014. Curricula. Compensi di qualsiasi natura connessi all'assunzione della carica mministrazione BEDOLLO 31/1/215 LLEGTO 1 LL DELIBER. 148/214- GRIGLI DI RILEVZIONE L 31/12/214 livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie di dati) mbito soggettivo (vedi

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli