Ricognizione stato attuazione settembre 2010 COMUNE DI ROVIGO SERVIZIO CONTROLLI INTERNI E QUALITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricognizione stato attuazione settembre 2010 COMUNE DI ROVIGO SERVIZIO CONTROLLI INTERNI E QUALITÀ"

Transcript

1 COMUNE DI ROVIGO SERVIZIO CONTROLLI INTERNI E QUALITÀ

2 INDICE: CODICE SETTORE PAG. POL01 LA ROVIGO CHE VOGLIAMO - 2- POL02 POTENZIAMENTO DEL SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE POL03 PROMOZIONE DELLA PERSONA POL04 SOSTEGNO ALLA FAMIGLIA POL05 ROVIGO LABORATORIO DI POLITICHE INTEGRATE PER L AMBIENTE POL06 ROVIGO CITTA DA VIVERE POL07 CITTADINI PROTETTI IN UNA CITTA AMICA POL08 RAZIONALIZZAZIONE DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE DI ENTRATA E DI SPESA POL09 RISCOPERTA E RAFFORZAMENTO DELL IDENTITA CULTURALE DELLA CITTA POL10 VALORIZZAZIONE DEL CAPITALE UMANO POL12 AMMINISTRAZIONE EFFICACE ED EFFICIENTE

3 Programma di mandato POL 01 LA ROVIGO CHE VOGLIAMO Progetto ANAGRAFE, STATO CIVILE, ELETTORALE, LEVA CDC Servizi Demografici OBIETTIVO N. 080N01 CREAZIONE SPORTELLO STRANIERI I servizi demografici, per la tipologia delle attività svolte sono gli uffici più frequentati dalla cittadinanza, e proprio perché sono rivolti a risolvere da un punto di vista amministrativo i fenomeni sostanziali del vivere civile, si trovano ad operare quotidianamente con un numero sempre più elevato di persone di nazionalità straniera. 2

4 1 Attenta formazione sulla base delle normative vigenti del personale destinato alla sperimentazione,attraverso lo strumento degli incontri interni e partecipazione ai corsi di formazione organizzati dal Ministero degli Interni e I servizi demografici, per la tipologia delle attività svolte sono gli uffici più frequentati dalla cittadinanza, e proprio perché sono rivolti a risolvere da un punto di vista amministrativo i fenomeni sostanziali del vivere civile, si Le azioni di formazione realizzate nel corso del primo semestre con il personale del settore direttamente interessato al servizio sono state effettuate sia attraverso dalle Associaz.di Categoria trovano ad operare quotidianamente con un numero sempre lo strumento degli incontri individuali e più elevato di persone di nazionalità straniera. Di conseguenza si è ritenuto di dotarsi di un modello organizzativo che tenga conto della diversa tipologia di utenza, pur nella logica dello sportello polifunzionale. Infatti si è riscontrato che l'utenza straniera per la tipologia delle istruttorie che le loro istanze attivano, non può essere gestita all'interno di sportelli polifunzionali puri, in quanto ciò crea forti disagi di diverse nature: - rallentamento del servizio,per la particolare complessità delle loro istruttorie che richiedono per l'operatore la verifica di requisiti che devono essere esaminati con di gruppo (cadenze circa due volte al mese), che con la partecipazione a corsi esterni. Di particolare utilità sono stati i corsi organizzati dalla locale Prefettura con la collaborazione della Associazione Nazionale degli Ufficiali di Anagrafe e Stato Civile svolti nel corso di tre giornate di studio ( 8,15,22 giugno scorso) alle quali hanno partecipato tre dipendenti del settore. particolare cura ed attenzione, con disagio delle altre tipologie di utenti che si trovano allungati i tempi di attesa ; - la necessità per l'operatore di avere la possibilità di interloquire con l'utente straniero in forma più serena sia per le difficoltà collegate alla scarsa conoscenza della lingua che per meglio valutare il materiale da dover esaminare ai fini istruttori. Allo scopo, vista la scarsa dotazione organica, attraverso anche lo strumento della formazione interna è stato utilizzato il personale interno assegnandolo a più servizi per poter destinare a turno un operatore allo sportello stranieri. 2 Massimo sviluppo alle forme di gestione informatica dei flussi documentali con i maggiori Enti esterni di riferimento in materia (Questure, Prefetture ecc.) 3 Sono state realizzate nuove modalità di trasmissione dei riepiloghi dei dati statistici sia con la locale Prefettura che con l'istat. Sono stati attivati nuovi collegamenti anche con le forze dell'ordine del Comune di Adria.

5 3 Studio dell'attuale applicativo informatico in collaborazione con le unità informatiche comunali. Al fine di migliorarne le funzionalità : - l'estrapolazione e raggruppamento per finalità dei dati, -predisposizione della modulistica necessaria per le comunicazioni obbligatorie di competenza dell'ufficio. L'attività di collaborazione del personale del settore con le unità informatiche comunali e gli addetti ASM è stata molto intensa, e si è realizzata grazie a continui confronti sulle singole problematiche operative e la grande disponibilità dimostrata da parte di tutto il personale coinvolto. Sono state realizzate le seguenti azioni: - Informatizzazione registro delle cremazioni con relativa modulistica istruttoria, - estrazione dati archivio demografico ed invio all'inps per istruttorie previdenziali, - Bonifica di circa 300 posizioni archivi demografici, derivati da errori nella fase di conversione dell'applicativo, - creazione di nuova modulistica a seguito dell'entrata in vigore della L.R. n.18 del 4 marzo 2010 in materia di polizia mortuaria. 4

6 CDC Politiche Giovanili e Serv.connessi OBIETTIVO N. 310N03 INIZIATIVE COLLATERALI ALLA MANIFESTAZIONE "MARCIA PER LA PACE PERUGIA -ASSISI 16 MAGGIO 2010" - CON LA PARTECIPAZIONE DEI PARTNER AFRICANI E TEDESCHI Si intende collaborare alla realizzazione di una manifestazione internazionale di Adesione alla Marcia per la pace Perugia-Assisi del 16 maggio 2010, d'intesa con le associazioni locali e la partecipazione dei partner del Comune di Silly - Satonevri e di Viernheim, in occasione dell'anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale. 1 Attività di gemellaggio con Satonevri e Viernheim predisposizione progetto per manifestazione Marcia per la pace Perugia-Assisi Definizione impegni di collaborazione spettanti ai partner del progetto. Partecipato a Viernheim con un gruppo di 45 persone al progetto europeo organizzato dallo stesso Comune. Ricevuto a Rovigo delegazione della città di Satonevri con incontri ufficiali con Regione Veneto ed Anci in occasione della visita ufficiale della delegazione africana presso la nostra città 2 Organizzazione partecipazione ospiti stranieri Organizzato soggiorno a Rovigo della delegazione di Satonevri in collaborazione con A.C.S.A. 3 Pratiche amministrative per realizzazione Progetto in collaborazione con più partner Predisposti gli atti amministrativi per le attività previste 5

7 OBIETTIVO N. 310N04 CENTRO OPERATIVO A SATONEVRI - BURKINA FASO - III FASE Il Comune di Rovigo, capofila del Progetto, in collaborazione con la Provincia di Rovigo e con l'associazione ACSA di Rovigo, intende realizzare la terza fase di un Centro Operativo di ospitalità per volontari a Satonevri in Burkina Faso che sarà costruito dall'associazione ACSA, con il contributo della Regione Veneto, quale iniziativa diretta Programma 2010 della Regione stessa. 1 Predisposizione del Progetto Presentato il progetto alla Regione Veneto 2 Stipula convenzione con associazione ACSA per la realizzazione del Progetto Con comunicazione verbale (in occasione di un interessamento telefonico) gli uffici Regionali competenti hanno comunicato nuovi termini di assegnazione dei contributi previsti per il Realizzazione del Progetto Vd. azione 3 medesimo obiettivo 6

8 CDC Partecipazione OBIETTIVO N. PARN01 APERTURA NUOVO SPORTELLO UNICO DELLE ASSOCIAZIONI L'apertura dello Sportello Unico al servizio delle Associazioni concretizza l'azione di semplificazione amministrativa in favore delle Associazioni di volontariato che operano sul territorio comunale facilitando l'iter procedurale necessario alla realizzazione delle manifestazioni tradizionali, delle iniziative ricreative, sportive, culturali e del tempo libero con finalità sociali, volontaristiche ed umanitarie (Sagre Paesane, Feste dello Sport, ecc.). 1 Pubblicizzazione avvio Nuovo Sportello delle Associazioni Trasmissione Comunicazione alle Associazioni; Comunicato Stampa Comunicazione mirata alle Associazioni convocate in Assemblea e successiva nota di conferma alle Associazioni interessate a mezzo quotidiani locali 2 Predisposizione modulistica Studio, esame e realizzazione Modulistica predisposta ed approvata. Già a disposizione delle Associazioni modulistica necessaria in collaborazione con Stamperia Comunale 3 Piccola logististica ed aspetti tecnici Organizzazione accoglienza Sportello; adeguamento linee telefoniche. Risolti i problemi di logistica dell'ufficio per l'effettuazione del nuovo servizio Sportello Unico delle Associazioni 7

9 Programma di mandato POL 02 POTENZIAMENTO DEL SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE Progetto RAGION. E BILANCIO, ECONOMATO, CONTROLLO GESTIONE CDC Attività Economico Finanziarie OBIETTIVO N. 040N02 ACCORDO CON GLI ISTITUTI DI CREDITO PER LA CONCESSIONE DI LINEE DI CREDITO AGEVOLATE A FAVORE DEI FORNITORI DEL COMUNE Al fine di agevolare lo sviluppo economico del territorio, a fronte anche dei ritardi nei pagamenti della Pubblica amministrazione dovuti a vincoli normativi, quali il Patto di stabilità, l'amministrazione Comunale propone di concordare con le banche del territorio delle aperture di credito agevolate a favore di soggetti che vantano crediti certi ed esigibili nei confronti dell' Ente.Viene data la possibilità alle ditte creditrici di incassare senza aspettare i lunghi tempi della Pubblica Amministrazione una volta che l'ente stesso avrà concesso il nulla osta con apposita certificazione che attesti che il credito è certo ed esigibile e che il soggetto fornitore è in regola con l'amministrazione finanziaria (normativa sui pagamenti superiori ai euro). 1 Invito esteso a tutti gli istituti di credito del L'amministrazione contatterà tutte L'attività è stata regolarmente conclusa in data 15/03/2010. territorio per l'illustrazione della proposta di accordo. le banche del territorio affinchè aderiscano ad un protocollo d'intesa con l'ente locale. 8

10 2 Stesura protocollo d'intesa con gli istituti di credito interessati Approvazione atto deliberativo della Giunta Comunale di un protocollo d'intesa con le banche aderenti e successiva sottoscrizione da parte degli istituti di credito partecipanti all'iniziativa. 3 La sezione ragioneria rilascerà apposita certificazione avvalendosi del modello previsto dalla normativa ai sensi del decreto Mef 18/05/2009. La sezione ragioneria rilascerà entro 20 giorni dall'istanza la certificazione richiesta in merito alla certezza, liquidità ed esigibilità del credito dopo aver effettuato le necessarie verifiche (esistenza dell'atto di impegno, di liquidazione, "controllo Equitalia", "controllo Durc"). Con delibera di G. C. n. 40 del 22/03/2010 è stato approvato il protocollo d'intesa per l'apertura linee di credito agevolate Si conferma, anche in sede di ricognizione annuale dei programmi 2010, che al momento non sono pervenute richieste. 9

11 Progetto CDC COMMERCIO E SVILUPPO ECONOMICO Commercio e Serv.connessi OBIETTIVO N. 360N01 NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNALE ATTIVITA' DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE A seguito dell'entrata in vigore della nuova L.R n. 29 avente oggetto "Disciplina dell'esercizio dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande e della pubblicazione sul BUR dei criteri regionali, si prevede che il comune adotti i nuovi parametri e criteri di programmazione per l'insediamento sul proprio territorio, di nuove attività di somministrazione di alimenti e bevande, comprese quelle a carattere stagionale. SECONDA FASE 1 Affidamento incarico ad un professionista in grado di collaborare alla nuova programmazione comunale. Predisposizione della bozza del Piano. Il termine per la predisposizione del Piano e per la convocazione delle Associazioni è correlato al termine previsto nel disciplinare E stato approvato dal nucleo di valutazione l accorpamento degli obiettivi 360N01 e 360N02 nel nuovo obiettivo N. 360N06 denominato PROGRAMMA INTEGRATO ROVIGO CENTRO. VEDASI SCHEDA RPP NUOVO OBIETTIVO 360N06 d'incarico. 2 Convocazione delle Associazioni di Vedi quanto sopra. categoria e dei consumatori. 3 Presentazione all'amministrazione della nuova programmazione per l'approvazione in Consiglio Comunale. 10

12 OBIETTIVO N. 360N02 PIANIFICAZIONE COMUNALE DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE Adozione, ai sensi degli artt. 27 e ss. del D.Lgs. 31 marzo 1998 n. 114 "Riforma della disciplina relativa al settore del commercio" e della L.R. 6 Aprile 2001 n.10 recante "Nuove norme in materia di commercio su aree pubbliche", del Piano comunale del commercio su Aree pubbliche ed approvazione del Regolamento per la disciplina del commercio su aree pubbliche di cui il servizio è sprovvisto. SECONDA FASE 1 Individuazione da parte dell'amministrazione delle aree pubbliche da destinare a Fiere e Mercati. Vedi relazione trasmessa al N.d.V. in data Il termine iniziale è correlato alla fine dei lavori che interessano le aree mercatali. 2 Ricerca di un professionista in grado di collaborare alla nuova programmazione comunale. 3 Presentazione all'amministrazione della nuova programmazione per l'approvazione in Consiglio Comunale. La pubblicazione del Bando e la determina di affidamento incarico necessitano dello stanziamento di fondi in bilancio 2010, mentre il termine finale è subordinato alla conclusione della prima azione. E' stato approvato dal nucleo di valutazione l'accorpamento degli obiettivi 360N01 e 360N02 nel nuovo obiettivo N. 360N06 denominato PROGRAMMA INTEGRATO ROVIGO CENTRO VEDASI SCHEDA RPP NUOVO OBIETTIVO 360N06 11

13 OBIETTIVO N. 360N03 PREDISPOSIZIONE NUOVA CARTA DEL SERVIZIO COMMERCIO Vista la Legge 18 giugno 2009, n. 69 "Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile" che introduce sostanziali modifiche alla L. n.241/90 e preso atto dell'entrata in vigore del Decreto Legislativo n 150 di attuazione della legge n. 15/2009, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle Pubbliche Amministrazioni, si rende necessario oltre che opportuno rifare la Carta del Servizio Commercio. 1 Studio e approfondimento della normativa Consultazione testi di commento e Azione conclusa nei termini dottrina 2 Aggiornamento dei contenuti informativi Costituzione gruppo di lavoro Attività sospesa per la prolungata assenza del Funzionario URP destinati all'utenza (orari di accesso, personale operante negli uffici, ecc.) misto Commercio-URP 3 Revisione e aggiornamento degli standard di servizio riferiti ai procedimenti amministrativi 4 Redazione di una proposta di una nuova Carta dei Servizi Commercio per l'approvazione 12

14 OBIETTIVO N. 360N04 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ DI ACCONCIATORE E DI ESTETISTA La nuova L.R. 23 ottobre 2009 n. 28 "Disciplina dell'attività di acconciatore" prevede che ciascun Comune, entro 180 giorni dall'entrata in vigore della suddetta legge, approvi un Regolamento di attuazione delle disposizioni in essa contenute, sulla base di uno schema tipo predisposto dalla Giunta regionale entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della L.R. 1 Studio e approfondimento della normativa Consultazione testi di commento e dottrina, acquisizione dello schema tipo predisposto dalla Giunta regionale 2 Consultazione delle organizzazione locali Le organizzazioni sindacali degli imprenditori, dei lavoratori e la competente ASL sono di categoria, al fine di elaborare una convocati per fine mese. proposta di regolamento 3 Proposta alla giunta della bozza del nuovo Regolamento per la successiva approvazione da parte del C.C. 13

15 OBIETTIVO N. 360N05 ISTITUZIONE IN VIA DEFINITIVA DI UN MERCATO DEGLI IMPRENDITORI AGRICOLI Considerato che gli obiettivi dell'attivazione di un mercato degli imprenditori agricoli possono essere riassunti in tre parole strategiche "ambiente, agricoltore, consumatore": -promozione e sviluppo della zona del Polesine e della consapevolezza dei prodotti locali a chilometri zero; -importante opportunità d'integrazione del reddito per le imprese agricole; -valorizzazione della filiera dei prodotti locali e rafforzamento del rapporto di fiducia con il consumatore finale; si ritiene che il presente progetto si possa collocare tra le azioni e le strategie di valorizzazione territoriale e commerciale assunte dall'amministrazione Comunale. 1 Studio e approfondimento delle normative riguardanti il settore, completamente innovative, succedutesi dal 2001 ad oggi. 2 Predisposizione del Disciplinare, del Codice di Comportamento e della Convenzione. Convocazione delle Associazioni di categoria e dei soggetti interessati 3 Presentazione all'amministrazione della Azione conclusa con P.D.G.C./2010/60. delibera di Giunta Comunale. 14

16 Progetto RAPPORTI CON AZIENDE SPECIALI CDC Aziende Speciali OBIETTIVO N. AASSN01 POSSIBILE VALORIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PUBBLICHE ESISTENTI E MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DELLA GESTIONE DI SERVIZI PUBBLICI LOCALI ALLA LUCE DELL'ART.23 BIS DELLA L.133/2008 E SS.II. Nell'arco del 2010 il settore si propone di verificare ed esaminare le modalità di assegnazione della gestione dei servizi pubblici, attualmente svolti, in grado di valorizzare la struttura della società totalmente partecipata, dato che l'attuale normativa prevede la decadenza degli affidamenti in house al In particolare si dovranno esaminare per ciascun servizio pubblico le soluzioni della gara (unica o plurima) o della gara per individuare il socio privato operativo o della verifica sulla percorribilità di nuovi affidamenti in house providing, tenendo conto delle particolarità normative previste per il servizio integrato dei rifiuti. 1 Esame degli affidamenti diretti di servizi pubblici effettuati ad ASM Rovigo SpA,sotto il profilo dei contratti di servizio In collaborazione dirigenti di ASM Comune ed azienda hanno valutato utile affidare un incarico di audit ed advisor al Consorzio Ferrara Ricerche(assemblea ) al fine di individuare la miglior scelta di gestione dei servizi pubblici, tenuto conto che il Comune è sia titolare di servizi pubblici sia unico socio di ASM. Con l'ausilio di tale consorzio e dei dirigenti ASM si sta svolgendo l'esame delle attività affidate direttamente ad ASM. 2 Esame della valenza economica degli affidamenti di ASM In collaborazione dirigenti di ASM Si sta svolgendo con i dirigenti di ASM e il Consorzio Ferrara Ricerche la fase di valutazione degli affidamenti diretti svolti sotto profilo aziendale e teso a ben individuare le performances di bilancio di ciascuno di questi rami di attività aziendali. 15

17 3 Servizi pubblici diversi da RSU scelta Esame e convenienza della gara, Fase non ancora iniziata della modalità di individuazione del nuovo gestore dal della praticabilità dell'in house della convenienza ad una gara per la costituzione della società mista 4 Decisione consiliare di indirizzo per i Predisposizione degli atti consiliari Fase non ancora iniziata servizi diversi da gestione RSU in merito alla modalità di scelta del gestore 5 La particolarità del servizio raccolta e trasporto rifiuti,esame della convenienza Confronto con consorzio/ato RSU ed Ecogest ad un'unica società provinciale per il servizio rifiuti alla luce della nuova normativa,modalità societaria per pervenire al risultato prescelto 6 Atto consiliare di indirizzo circa la gestione RSU-atti societari conseguenti Predisposizione atti consiliari, collaborazione con dirigenti di ASM per atti societari conseguenti In particolare si sono svolti in Agosto e proseguono in settembre incontri di coordinamento tra ASM-Ecogest-Consorzio RSU e ATO al fine di utilizzare ed applicare un eguale criterio valutativo delle due realtà aziendali che si vogliono aggregare. Gli incontri permettono di monitorare lo stato di attuazione dell iter di aggregazione Contemporaneamente all azione precedente si è iniziato ad elaborare la bozza consiliare, mentre ASM, con propri consulenti, ha iniziato l elaborazione della bozza di statuto della nuova società da condividere poi con Consorzio RSU-ATO ed Ecogest stessa 16

18 OBIETTIVO N. AASSN02 LA GESTIONE DEI SERVIZI STRUMENTALI , 1 ANNO DI ATTIVITÀ SOCIETARIA (La costituzione della apposita società strumentale nei primi mesi del 2010, la perdita della veste unipersonale e la partecipazione di altre Amministrazioni pubbliche locali impongono una più che particolare collaborazione con la neosocietà sia dal punto di vista giuridico che di controllo amministrativo contabile in considerazione dell'elaborazione di nuovi e più appropriati contratti di servizio) 1 Da unipersonale a società plurisoggettiva: assistenza alla società circa i percorsi In collaborazione con i colleghi della società giuridici-contabili presso i neo Comunisoci due pareri alla società. 2 Elaborazione bozze delibere consiliari per In collaborazione con i colleghi agevolare i Comuni-soci della società 3 Esame con i responsabili della società circa i flussi economici della società con cadenza quadrimestrale In collaborazione con organo di revisione della società L'attività ha avuto inizio con il lancio dell'aumento di capitale ( ) e terminerà il 31 Dicembre. In particolare l'entrata nella compagine societaria di amministrazioni locali, diverse dai Comuni, è stata preceduta da attenta valutazione e dalla resa finora di Sono state elaborate diverse bozze di deliberazioni consiliari in funzione delle esigenze dei neo soci- Comuni e tenendo conto dell art.14 comma 32 del DL 78 del , conv.ln. 122/2010. Sono frequenti, dunque i contatti telefonici con i responsabili dei Comuni ed i colleghi della società. A partire da settembre si attiveranno gli strumenti del controllo economico, considerato che la società è divenuta operativa dal

19 Programma di mandato POL 03 PROMOZIONE DELLA PERSONA Progetto POLITICHE GIOV. E ALTRI SERV. DI PREV. E RIABILIT. CDC Politiche Giovanili e Serv.connessi OBIETTIVO N. 310N05 EXPO SVILUPPO CREATIVO Expò è la fase finale del Esc! Progetto di sostegno della creatività giovanile vista come risorsa dell'imprenditoria e dell'economia locale. Il progetto iniziato lo scorso giugno ha visto la realizzazione di una banca dati delle idee creative giovanili in ambito imprenditoriale, la realizzazione di un ciclo di laboratori tematici legati alla creatività e al mondo dell'impresa, alla realizzazione di un bando di selezione di idee che verranno presentate pubblicamente il 26 febbraio p.v. in occasione dell'organizzazione dell'evento finale del progetto. 1 Expò Finale delle giovani Idee della cantina delle idee Il passaggio finale del progetto Esc!Expò Sviluppo Creativo prevede la realizzazione di una mostra mercato delle idee imprenditoriali dei giovani selezionate nel bando Organizzata mostra presso teatro studio. 18

20 Progetto ASS.E BENEF.PUBBLICA E SERVIZI ALLA PERSONA CDC Servizi Sociali OBIETTIVO N. 320N03 STIPULA CONVENZIONE CON GUARDIA DI FINANZA PER CONTROLLI POSIZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE INQUILINI DI ALLOGGI "PARCHEGGIO" DI PROPRIETÀ COMUNALE E PER ALTRI RICHIEDENTI SERVIZI COMUNALI DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI/CASA/PARI OPPORTUNITÀ/IMMIGRAZIONE. Per vari servizi offerti dal Settore il richiedente deve presentare la propria situazione patrimoniale e reddituale: dalle richieste di aiuto economico, alle richieste di alloggio "parcheggio", di contributo affitto, ecc... Il reddito ed il patrimonio, come la legge stabilisce possono essere autocertificati,oppure sono rappresentati nell'isee per il quale comunque vengono elaborati dati che possono non essere veritieri, per tale motivo si rende opportuno effettuare i debiti controlli sulle autodichiarazioni.gli strumenti a disposizione del Comune non esauriscono i campi di indagine pertanto, poter usufruire degli accertamenti della Guardia di Finanza su redditi e patrimonio è fatto molto importante per poter avere un quadro certo sulla situazione socio economica del richiedente ai fini della verifica del diritto al servizio e/o al contributo. Il rapporto con la Guardia di Finanza dovrà essere regolato da debita convenzione. 19

21 1 Valutazione con gli Organi di governo La Commissione Consiliare Attività svolta nei tempi previsti dell'opportunità di ricorrere alla Guardia di Finanza per avere informazioni certe su reddito e patrimonio dei richiedenti servizi e prestazioni sociali. Riferimento alla Giunta con proposta. competente ha evidenziato l'utilità di controllare le autodichiazioni di reddito e patrimonio per i richiedenti alloggi "parcheggio" comunali, così come gli uffici interni al Settore ritengono altrettanto necessario effettuare controlli su reddito e patrimonio oltre a quelli che di norma vengono effettuati d'ufficio per la verifica del diritto all'accesso al servizio e/o alle prestazioni offerte dal Settore. Per raggiungere gli obiettivi sopra descritti è utile avere informazioni dalla Guardia di Finanza, regolando i rapporti con questa attraverso una puntuale convenzione. 2 Elaborazione bozza di convenzione, preceduta da acquisizione di materiale analogo da parte di altri Enti Pubblici. L'ufficio elabora la bozza di convenzione dopo aver anche acquisito materiale, da parte di Attività svolta nei tempi previsti 3 Redazione atto di Giunta con allegata bozza di convenzione. 4 Sottoscrizione convenzione con Guardia di Finanza. altri Enti pubblici, in materia. L'Ufficio redige atto di Giunta con allegata bozza di convenzione affinché la stessa si esprima in merito. Sottoscrizione della convenzione da parte del legale rappresentante dell'ente. 5 Avvio della collaborazione con la G.F. Invio di richieste di accertamenti con le modalità concordate in Convenzione Approvazione della Convenzione con delib. GC n 2010/68 del 3 Maggio 2010 La convenzione è stata regolarmente sottoscritta dalle parti. Si stanno raccogliendo le dichiarazioni reddituali relative alla denuncia dei redditi 2009 per gli inquilini degli alloggi parcheggio comunali e degli utenti del trasporto disabili, quindi saranno individuate le posizioni su cui richiedere la verifica della GF 20

22 OBIETTIVO N. 320N05 APERTURA DELLA NUOVA SEDE DEL SERVIZIO ANTIVIOLENZA E DI UNA CASA DI ACCOGLIENZA PER DONNE Nell'immobile di proprietà del Comune in via Carducci è previsto che, a seguito dei lavori di ristrutturazione già approvati, venga trasferito il Servizio Antiviolenza e venga aperta una Casa di accoglienza per donne. Compatibilmente con il completamento della ristrutturazione, in cui è impegnato il Settore Lavori Pubblici, e considerato che per l'arredo vi è la copertura finanziaria di un contributo statale, c'è l'obiettivo di attivare presso quella sede i servizi del Centro Donna Interculturale ed il Servizio Antiviolenza, migliorando di gran lunga i servizi attualmente offerti soprattutto sotto l'aspetto logistico e di accoglienza. 1 Attivazione di una Casa protetta per donne Per raggiungere l'obiettivo di vittime di violenza. offrire una accoglienza alle donne vittime di violenza in situazioni di emergenza, sarà valutata l'opportunità di utilizzare un alloggio comunale (in attesa del completamento della ristrutturazione dell'immobile di via Carducci) oppure una collaborazione con le associazioni del privato sociale già attive nel territorio comunale. 2 Avvio procedure per acquisto arredi nuova sede Centro Donna Interculturale e Servizio Antiviolenza. Nella seconda metà dell'anno, in relazione all'avanzamento dei lavori di ristrutturazione, si provvederà ad acquisire i preventivi per l'acquisto degli arredi. Per realizzare l'obiettivo di aprire una casa protetta per donne vittime di violenza il settore si sta attivando nella presentazione di un progetto a valere su Bando regionale che prevede finanziamenti ai Comuni per la realizzazione di Centri di Accoglienza/Case rifugio con scadenza il 28 settembre ed a questo scopo ha individuato un alloggio comunale di circa 100 mq adeguato allo scopo, dopo aver verificato altre opportunità risultate non praticabili. L'affidamento dei lavori di ristrutturazione dell'immobile che dovrà ospitare il servizio è avvenuto nel mese di agosto da parte del Settore Lavori pubblici con una previsione di conclusione dei lavori in 300 gg, ragion per cui non si potrà prevedere l'acquisto degli arredi entro il corrente anno. 21

23 3 Apertura della nuova sede con tutti i servizi attivi. Predisposizione di allacciamenti, pulizie, gestione complessiva della sede e dei servizi. 22

24 OBIETTIVO N. 320N07 GESTIONE DEL SERVIZIO DI AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO L'Amministratore di sostegno è un istituto giuridico entrato nell'ordinamento italiano con la legge n. 6 del 9 gennaio Lo scopo è quello di affiancare il soggetto la cui capacità di agire risulti limitata o del tutto compromessa. Questo istituto ha sostituito in molti casi l'interdizione, ed è una modalità affievolita di tutela, ma che prevede di agire per conto dell'amministrato nella gestione del denaro e delle attività legate alla vita quotidiana. Il Giudice Tutelare, in assenza di parenti o quando questi non sono idonei, nomina il Sindaco Amministratore di Sostegno che adempie agli obblighi derivanti, tramite il Settore dei Servizi Sociali con le figure tecniche ed amministrative. 1 Individuazione dei dipendenti con i ruoli di responsabile del procedimento, di gestione amministrativa e sociale. 2 Analisi dei casi affidati in Amministrazione di Sostegno. 3 Attività connesse al progetto sociale ed alla gestione amministrativa e finanziaria di ciascun amministrato. Incontri con il personale coinvolto Sono stati individuati ed incaricati con ordine di servizio del 27/1/2010 i dipendenti con i ruoli previsti per la gestione degli amministrati di sostegno Pianificazione per ciascun caso del progetto di intervento e degli adempimenti necessari. Rapporti con il Giudice Tutelare, con Istituti Bancari, Istituti di previdenza, domiciliazione di utenze, pagamenti ecc.. per conto degli amministrati. La presa in carico degli amministrati di sostegno assegnati dal Giudice Tutelare sono stati valutati, sono state richieste al Giudice le integrazioni ai decreti necessarie per operare con gli Istituti di credito, l'inps, le Poste.Sono state individuate le azioni da intraprendere per i vari casi sul piano sociale. Per la complessità dei casi la presa in carico complessiva è avvenuta per il 60% degli stessi mentre per gli altri si provvede agli interventi urgenti per insufficenza delle risorse umane da impegnare sull'obiettivo per cui è stata richiesta l'assegnazione di un istruttore amministrativo che possa seguire la problematica con sistematicità. 23

Comune di Rovigo - Servizio Controlli Interni e Qualità Piano dettagliato degli obiettivi 2010 - 1 -

Comune di Rovigo - Servizio Controlli Interni e Qualità Piano dettagliato degli obiettivi 2010 - 1 - Dirigente Dirigente Settore Viabilità, Urbanistica e SUAP CDC Urbanistica ed Edilizia Privata - 1 - OBIETTIVO N. 250N01 REDAZIONE PIANO DEGLI INTERVENTI - TRASFORMAZIONE AREE DESTINATE ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O C I T T À D I C O N E G L I A N O (C.A.P. n. 31015) PROVINCIA DI TREVISO Unità organizzativa competente: DIREZIONE GENERALE AREA AFFARI GENERALI E SERVIZI ALLA PERSONA Via A. Carpenè, 2 Tel. 0438-413210

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente

PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente PROVINCIA DI BERGAMO Assessorato all Ambiente e alla Tutela risorse naturali Settore Ambiente BANDO PER IL SOSTEGNO DI PROGETTI PER LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE 1. Oggetto e finalità L Assessorato all Ambiente

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 211 Seduta del 28/10/2013 All.12 OGGETTO:

Dettagli

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore

ALLEGATO 1. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Ambiente Protezione Civile ed Emergenza - Settore ALLEGATO 1 PROCEDURA PER IL RILEVAMENTO DEL DANNO OCCORSO E PER LA GESTIONE TECNICO AMMINISTRATIVA DELLE FASI DI RIPRISTINO E RICOSTRUZIONE CONSEGUENTI AD EVENTI CALAMITOSI 1.) PRINCIPI GENERALI La presente

Dettagli

Direttore DIREZIONE. Direttore

Direttore DIREZIONE. Direttore DIREZIONE Rapporti istituzionali relativi ai Comuni del Parco e dei SIC di competenza, all Area Marina Protetta, alla rete dei Parchi, Conferenza tecnica, rete CEA e INFEA Segreteria Presidente e Rapporti

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO PROVINCIA DI CROTONE REGOLAMENTO DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO AVENTI SEDE NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI CROTONE Articolo 1 Finalità ed Istituzione dell Albo

Dettagli

Comune di Baranzate Provincia di Milano

Comune di Baranzate Provincia di Milano Comune di Baranzate Provincia di Milano Area Gestione del Territorio RELAZIONE AL RENDICONTO DI GESTIONE PER L'ANNO 2013 Responsabile arch. Sonia Pagnacco Assessore all'urbanistica ed Edilizia privata

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA IL MINISTERO

Dettagli

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014

EBILOG. REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 EBILOG REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO Approvato dal Consiglio Direttivo l 11 febbraio 2014 INDICE Art. 1 - Funzionamento degli Organi pag. 1 Art. 2 - Contribuzione pag. 1 Art. 3 Spese per il funzionamento

Dettagli

Protocollo di intesa. Premesso che

Protocollo di intesa. Premesso che I o DE Z IO EHI LE ANACI Protocollo di intesa Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (di seguito ''CNI '), con sede in Roma, Via XX Settembre 5, nella persona del suo Presidente e legale rappresentante

Dettagli

IL SISTEMA DELLE RELAZIONI DI FINE ED INIZIO MANDATO DEI SINDACI: ASPETTI ISTITUZIONALI, AMMINISTRATIVI, INFORMATIVI

IL SISTEMA DELLE RELAZIONI DI FINE ED INIZIO MANDATO DEI SINDACI: ASPETTI ISTITUZIONALI, AMMINISTRATIVI, INFORMATIVI IL SISTEMA DELLE RELAZIONI DI FINE ED INIZIO MANDATO DEI SINDACI: ASPETTI ISTITUZIONALI, AMMINISTRATIVI, INFORMATIVI ANCI, 24 febbraio 2014, Roma Relatore: Donato A. Limone, ordinario di informatica giuridica

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Provincia di Ravenna

Provincia di Ravenna Allegato A) Provincia di Ravenna PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA, RIORDINO E RISTRUTTURAZIONE AMMINISTRATIVA, DI SEMPLIFICAZIONE E DIGITALIZZAZIONE, DI RIDUZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010)

PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010) B O Z Z A (da adattare alla situazione specifica ) PROTOCOLLO D INTESA PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (art. 38 l. 133/2008 e DPR 160/2010) L anno duemiladieci,

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

366/98, DM 557/99, L.R.

366/98, DM 557/99, L.R. BILITÀ DI DELI BERAZI ONE UNTA REGI ONALE ionale della Sicurezza Stradale Variazione al Bilancio di previsione 2014 ai sensi dell art. 42 E GESTIONE DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE 1 L Assessore alle Infrastrutture

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Contributi per il Restauro di Ville Venete

Contributi per il Restauro di Ville Venete Contributi per il Restauro di Ville Venete CARATTERE DEI FINANZIAMENTI L Istituto regionale per le Ville venete promuove l erogazione di contributi a fondo perduto per il consolidamento, manutenzione e

Dettagli

COMUNE DI FOSSO' Provincia di Venezia

COMUNE DI FOSSO' Provincia di Venezia COPIA COMUNE DI FOSSO' Provincia di Venezia DETERMINAZIONE N.779 data adozione 07/12/2012 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO DI ASSISTENZA PER LA PREDISPOSIZIONE DEL DOCUMENTO PRELIMINARE, DEL RAPPORTO AMBIENTALE

Dettagli

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Protocollo d'intesa tra II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Visti: gli articoli 5, 9, 117 e 118 della Costituzione; il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 recante

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato

PROTOCOLLO D INTESA TRA. Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato PROTOCOLLO D INTESA TRA Ministero dell Economia e delle Finanze Ragioneria Generale dello Stato E Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture PREMESSO CHE la legge 31

Dettagli

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213 Allegato alla delib. C.C. n.3 del 20/3/2013 REGOLAMENTO COMUNITARIO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Dettagli

Entro sei mesi dalla data di effettuazione delle prove scritte

Entro sei mesi dalla data di effettuazione delle prove scritte Nome Procedimento Descriz_procedimento termine del procedimento Assunzione di personale tramite bando di concorso esterno Assunzione appartenenti a categorie protette 1^ fase: Il procedimento ha inizio

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L.

COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L. COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI, AI SENSI DELL ART. 12 DELLA L. 241/90 Il presente Regolamento: 1. E stato adottato con delibera

Dettagli

SETTORE SOCIO CULTURALE

SETTORE SOCIO CULTURALE SETTORE SOCIO CULTURALE Attività a carattere sociale Rapporti con i soggetti gestori dei servizi socio-assistenziali, coordinati a livello sovraterritoriale e gestiti dalla Fondazione Territori Sociali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

In data 23/08/2013 il/la sottoscritto/a FEZZARDI MARCO ha adottato la Determinazione Dirigenziale di seguito riportata.

In data 23/08/2013 il/la sottoscritto/a FEZZARDI MARCO ha adottato la Determinazione Dirigenziale di seguito riportata. PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AFFARI GENERALI, SERVIZI INFORMATIVI, POLIZIA PROVINCIALE SERVIZIO COORDINAMENTO TERRITORIALE Prot. Generale N. 0087553 / 2013 Atto N. 3785 OGGETTO:

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Università degli Studi di Milano

Università degli Studi di Milano F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome D ANDREA PEPPINO Indirizzo PIAZ.LE FERDINANDO MARTINI N.1, 20137 - MILANO Telefono 02/5512354 Fax 02/50313402 E-mail peppino.dandrea@unimi.it

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione consiliare n.5 del 16/01/2013 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1. Il presente

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA

ACCORDO DI PROGRAMMA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME COMMISSIONE PROTEZIONE CIVILE SOTTO-COMMISSIONE: CONCORSO DELLE REGIONI ALLE EMERGENZE NAZIONALI ED INTERNAZIONALI Approvato dalla Commissione Interregionale

Dettagli

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99.

Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. Il ruolo degli attori istituzionali e sociali nella L. 68/99. La legge n. 68 del 1999, mostra un profondo mutamento nella concezione del collocamento delle persone con disabilità. Si delinea un nuovo metodo

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrari:

A relazione dell'assessore Ferrari: REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 9 novembre 2015, n. 21-2388 Approvazione Protocollo di Intesa fra la Caritas Diocesana di Vercelli, il Comune di Vercelli, la Provincia

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

BANDO SENIOR CAPITAL

BANDO SENIOR CAPITAL BANDO SENIOR CAPITAL BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DI ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO, ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE, INTERESSATE A PRESENTARE PROGETTI PER LA REALIZZAZIONE DI UNO SPORTELLO DELLE COMPETENZE

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE N. 313 REGOLAMENTO DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con deliberazione G.C. n. mecc. 2006 00591/028 del 31 gennaio 2006) INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 - Ambito di applicazione Articolo

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011

Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Allegato alla Determinazione del Direttore Generale n..17/2011 del 23 febbraio 2011 Dipartimento per gli Affari Generali e della Contabilità : Svolge le attività di autoamministrazione dell Agenzia, funzionali

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005

PIEMONTE. D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 PIEMONTE D.G.R. n. 76 688 del 1/8/2005 Oggetto: Programmazione della rete scolastica nella Regione Piemonte - anni scolastici 2005/06-2006/07 art. 138 del D.lgs 112/98. Indicazioni programmatiche inerenti

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA

VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA N. proposta 313 del 2015 N. 275 del 11-03-2015 del Registro Generale OGGETTO: AFFIDAMENTO INCARICO DI REDAZIONE DEL DOSSIER DI CANDIDATURA PER I PROGRAMMI DI

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E RIQUALIFICAZIONE DEL PERSONALE DELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 90 del

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile.

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI. eseguibile. REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 4 del eseguibile. 06 marzo 2013, resa immediatamente ENTRATO IN VIGORE IL 06 MARZO 2013 1 REGOLAMENTO DEI CONTROLLI

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE (PD) * * * Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni 1 CONTESTO La realizzazione del Piano di informatizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del C.C. n dei 00.00.201 CAPO I VALORIZZAZIONE DELLE FORME ASSOCIATIVE Art. 1 Principi

Dettagli

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5

Indice. Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3. 1. Le principali novità... 5 Indice Introduzione: organizzazione e funzioni della Società... 3 1. Le principali novità... 5 2. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma... 5 3. Iniziative di comunicazione della trasparenza...

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti

PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti Newsletter n.83 Gennaio 2011 Approfondimento_40 PROJECT FINANCING: Le nuove procedure di gara dopo il terzo decreto correttivo del Codice degli Appalti Il ruolo della PROIND SRL a supporto dei proponenti

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER

REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER ALLEGATO A (Il presente allegato consta di n. 8 pagine.) REGIONE LAZIO ACCORDO REGIONALE PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E FORMATIVA DEGLI STUDENTI CON DISABILITA (Legge 5 febbraio 1992 n. 104) 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

Centro di Responsabilita' 68 Centro di Costo 61

Centro di Responsabilita' 68 Centro di Costo 61 Centro di Responsabilita' 68 Centro di Costo 61 Pratica n. 2800565 Oggetto: Convenzione per il conferimento di incarico professionale all Ing. Monica Evangelisti per attivita di supporto al Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI

REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI REGOLAMENTO DEGLI INTERVENTI E DEI CONTRIBUTI (Approvato dal Consiglio di indirizzo in data 16/2/2009) ART. 1 (oggetto) 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi dell art.2, comma 4, e dell art.17,

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

Provincia di Caserta

Provincia di Caserta 1 Provincia di Caserta REGOLAMENTO INTERNO DI FUNZIONAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento ha come oggetto l organizzazione

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA COPIA COMUNE DI GAETA Provincia di Latina DELIBERAZIONE DI GIUNTA N 331 del 27/11/2015 OGGETTO Piano annuale della formazione del personale anni 2016-2018. L anno duemilaquindici, addì 27 del mese di novembre

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO PREMESSA L Amministrazione Comunale ha indicato nelle LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI E AI PROGETTI DA REALIZZARSI NEL CORSO DEL MANDATO 2012/2017, all interno del capitolo Cittadinanza attiva

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E DEL PATROCINIO A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 2 del 13 gennaio 2012 1 INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016

Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Programma per la Trasparenza e l Integrità 2014-2016 Documento Trasparenza: Codice di raggruppamento: Oggetto della modifica: TR.PRO.TRA TR.PRO.TRA Approvazione: Delegato Piero Buoncristiano Emissione:

Dettagli