CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CRITERI DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI"

Transcript

1 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) CRITERI DI VALUTAZIOE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI Anno Scolastico 04/05 Il Datore di Lavoro Ing. Andrea Tommaselli firma autografa Sostituita a mezzo stampa ex Art. 3, co, D.Lgs 39/93 Responsabile del Servizio Protezione Prevenzione(RSPP) Ing. Pietro Giannone firma autografa Sostituita a mezzo stampa ex Art. 3, co, D.Lgs 39/93 Per presa visione Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) Sig. Bunetta Antonino firma autografa Sostituita a mezzo stampa ex Art. 3, co, D.Lgs 39/93

2 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: TABELLA DI STIMA DELL IDICE DI RISCHIO La formulazione più comunemente usata nella determinazione di un indice che in qualche modo sia sintomatico di una condizione di rischio, prevede la combinazione di un fattore di probabilità e di uno di danno previsto. Probabilità di accadimento (P) Indice numerico Livello di Probabilità on Applicabile Improbabile Poco probabile 3 Probabile Molto probabile Gravità del danno (D) Indice numerico Definizione Probabilità di danni nulla. on è noto che in situazioni analoghe In casi molto rari, si siano verificati danni. in situazioni analoghe Sono noti alcuni casi in si sono verificati danni. cui, in situazioni analoghe, si sono verificati danni. Si sono verificati danni Livello di Definizione Gravità on Applicabile on previsto infortunio Infortunio o esposizione Lieve con inabilità rapidamente reversibile. Medio Infortunio o esposizione con inabilità reversibile. Grave Infortunio o esposizione con invalidità permanente parziale. Infortunio o esposizione 3 a causa della stessa 4 4 Molto grave situazione sia in azienda che in aziende simili. L Indice di Rischio ( R ) è definito dal prodotto dei fattori sopra definiti: con effetti letali o invalidità permanente totale. R=PxD La matrice di calcolo è la seguente: D a n n 3 4 o Il processo di valutazione, per ogni fattore di rischio considerato, porterà ai 3 seguenti 4 risultati: /96

3 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: IDICE DI RISCHIO PRIORITA AZIOI CORRETTIVE R = essuna azione da considerare. R= 3 Azioni migliorative da valutare con la programmazione. R=4 8 Azioni correttive a breve medio termine. R = 9 6 Azioni correttive immediate. 3/96

4 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: MASIOE DOCETE REPARTI FREQUETATI Aule Scolastiche Riconosciute capacità professionali OPERAZIOI SVOLTE MACCHIE/ATTREZZATURE UTILIZZATE Attrezzature normalmente in uso nelle scuole Docenza Laboratori informatica Aree Comuni RISCHI PER LA SICUREZZA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI Caduta per inciampo (a livello) Caduta dall alto (con dislivello) Caduta di oggetti per loro posizionamento Caduta di oggetti durante la manipolazione Prestare particolare attenzione agli ingombri e alle sporgenze nelle zone di passaggio. Corretta sistemazione degli arredi nelle aule scolastiche. TIPOLOGIA DEL RISCHIO Urti contro strutture fisse Urti contro elementi in movimento Contusioni da oggetti o utensili MISURE DI TUTELA Pulizia ed ordine delle postazioni di lavoro con particolare riferimento alle aule scolastiche. TEMPISTICHE DI ITERVETO In vigore In vigore Tagli da oggetti o utensili Schiacciamento Investimento da veicoli Incidente stradale Movimentazione manuale con rischi di sovrasforzi Contatti con corpi ad elevata temperatura 4/96

5 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SICUREZZA TIPOLOGIA DEL RISCHIO Contatti elettrici diretti Contatti elettrici indiretti Rischio incendio: fattori di innesco Rischio incendio: fattori di propagazione Rischio incendio: evacuazione Rischio di esplosione CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI MISURE DI TUTELA 3 6 Verificare la funzionalità del sistema di protezione e adeguare gli impianti elettrici. Verificare l'efficienza dell'impianto di messa a terra e adeguarlo alle normative vigenti. Formazione ed informazione del personale sulle procedure d adottare in caso di emergenza (anche attraverso prova pratica di evacuazione dell'istituto). Mantenere sempre sgombre le vie di esodo e le uscite di emergenza. IDICE DI RISCHIO PRIORITA' AZIOI CORRETTIVE Evitare l'utilizzo di fiamme libere o sorgenti di innesco. Divieto di fumo nelle aree di lavoro. Tenuta in buona efficienza dell'impianto elettrico. Limitare il quantitativo di materiale combustibile utilizzato. Ordine e pulizia delle aule scolastiche e delle aree comuni. LEGEDA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITA' DEL RISCHIO : on Applicabile : on Applicabile R= essuna azione : Lieve : Improbabile R= 96 Azioni correttive immediate : Medio : Poco probabile R= 48 Azioni correttive medio/breve 3: Grave 3: Probabile R= 3 Azioni migliorative da programmare 4: Molto grave 4: Molto Probabile 5/96 TEMPISTICHE DI ITERVETO Immediato In vigore In vigore In vigore

6 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SALUTE (protocollo sanitario a cura del medico competente) TIPOLOGIA DEL RISCHIO Utilizzo di VDT CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI MISURE DI TUTELA TEMPISTICHE DI ITERVETO Uso del VDT < 0 ore/ sett., pertanto il rischio si configura come modesto. Attuazione delle prescrizioni riportate nel Titolo VII del D.Lgs.8/08 (in particolare valutare correttamente l'ergonomia della postazione di lavoro). Formazione In vigore ed informazione del personale addetto sul corretto uso dei VDT. Esposizione a polveri Esposizione a gas / vapori Esposizione a fumi Movimentazione dei carichi Contatto cutaneo Movimenti ripetuti Esposizione alle vibrazioni Esposizione ad elevate temperature Esposizione a basse temperature Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti cancerogeni Esposizone ad agenti chimici Esposizione al rumore Disagi microclimatici Garantire una sufficiente luce naturale ed una corretta illuminazione artificiale che non porti ad affaticamento visivo. Illuminazione 6/96 In vigore

7 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SALUTE (protocollo sanitario a cura del medico competente) CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI Posizione ergonomica del posto di lavoro Esposizione alle radiazioni ionizzanti Radiazioni non ionizzanti Esposizione alle radiazioni ottiche Radiazioni non ionizzanti Esposizione a campi elettromagnetici 0 Hz300 GHz Evitare situazioni e condizioni stressanti. Si consiglia di effettuare la valutazione specifica del rischio derivante da stress lavorocorrelato attraverso un'analisi oggettiva dei parametri individuati dalle linee guida. TIPOLOGIA DEL RISCHIO Rischi da stress lavoro correlato MISURE DI TUTELA Possibilità di variare nel corso della giornata la postura, effettuando esercizi di rilassamento e stiramento. Valutare correttamente la posizione della sedia e della scrivania. LEGEDA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITA' DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO R= PRIORITA' AZIOI CORRETTIVE essuna azione : on Applicabile : on Applicabile : Lieve : Improbabile : Medio : Poco probabile R= 48 Azioni correttive medio/breve termine 3: Grave 3: Probabile R= 3 Azioni migliorative da programmare 4: Molto grave 4: Molto Probabile R= 96 Azioni correttive immediate 7/96 TEMPISTICHE DI ITERVETO In vigore In vigore

8 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: MASIOE DOCETE CO ATTIVITA' I LABORATORIO REPARTI FREQUETATI Aree Comuni Attrezzature normalmente in uso nelle scuole Laboratorio chimico Laboratorio meccanica Attrezzi manuali, elettrici e macchinari da laboratorio chimico Riconosciute capacità professionali OPERAZIOI SVOLTE MACCHIE/ATTREZZATURE UTILIZZATE Attrezzature normalmente in uso nelle scuole Aule Scolastiche Docenza Docenza Esercitazioni e prove pratiche in laboratorio chimico Attrezzi manuali, elettrici e macchinari da laboratorio meccanico Esercitazioni e prove pratiche in laboratorio meccanica Laboratorio Elettronica ed Elettrotecnica Attrezzi manuali, elettrici e macchinari da laboratorio elettronico ed elettrotecnico Esercitazioni e prove pratiche in laboratorio di Elettronica ed Elettrotecnica Laboratorio Informatica Dispositivi elettrici ed elettronici da laboratorio informatico Esercitazioni e prove pratiche in laboratorio informatico RISCHI PER LA SICUREZZA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI Caduta di oggetti per loro posizionamento Scarpe antinfortunistiche Prestare la massima attenzione durante l'attività in laboratorio. Corretto posizionamento dei materiali / sostanze / attrezzature per evitarne la caduta. Formazione edi informazione del personale circa il rischio specifico. Fornitura ed uso dei DPI indicati. In vigore Caduta di oggetti durante la manipolazione Scarpe antinfortunistiche Prestare la massima attenzione durante l'attività in laboratorio. Corretta manipolazione dei materiali / sostanze / attrezzature per evitarne la caduta. Formazione edi informazione del personale circa il rischio specifico. Fornitura ed uso dei DPI indicati. In vigore Urti contro strutture fisse Prestare particolare attenzione agli ingombri e alle sporgenze nelle zone di passaggio. Corretta sistemazione degli arredi nelle aule scolastiche. In vigore Urti contro elementi in movimento Contusioni da oggetti o utensili 4 Ripristinare le protezioni sulle macchine di prova per imperdirne la possibilità di contatto. Prevedere manutenzione periodica del macchinario/attrezzatura. Informazione e formazione del personale sui pericoli insiti e sull'uso delle macchine di prova. In vigore Schiacciamento 4 Scarpe antinfortunistiche Mantenimento in buone condizioni della ripareria a protezione delle macchine di prova (ripristinandola qualora necessario) e manutenzione periodica del macchinario/attrezzatura. Informazione e formazione del personale sul rischio specifico e sull uso dei macchinari di prova. In vigore Tagli da oggetti o utensili Guanti antitaglio Proiezione di frammenti o particelle Occhiali protettivi TIPOLOGIA DEL RISCHIO Caduta per inciampo (a livello) Caduta dall alto (con dislivello) MISURE DI TUTELA Pulizia ed ordine delle postazioni di lavoro con particolare riferimento alle aule scolastiche. TEMPISTICHE DI ITERVETO In vigore Attenzione durante la manipolazione di oggetti taglienti durante l'attività in laboratorio. Informazione e formazione del personale sui rischio specifico e sull uso dei D.P.I. Fornitura ed uso di mezzi protettivi personali In vigore indicati. Formazione del personale circa i rischi a cui sono esposti. Attenzione durante le prove di rottura dei materiali In vigore (cls e tondini in ferro) in laboratorio. 8/96

9 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SICUREZZA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI MISURE DI TUTELA Investimento da veicoli Incidente stradale TIPOLOGIA DEL RISCHIO TEMPISTICHE DI ITERVETO Rischio modesto. Divieto di movimentare carichi con un peso > 5 kg per gli uomini e > 5 kg per le donne. In caso di sollevamento dei materiali con peso rilevanti usare adeguate attrezzature di sollevamento. Vedere valutazione specifica. Informazione e formazione del personale addetto circa i rischi legati ad una scorretta In vigore movimentazione dei carichi. Attuazione delle Prescrizioni riportate nel Titolo VI del D.Lgs 8/08 Movimentazione manuale con rischi di sovrasforzi Contatti con corpi ad elevata temperatura 3 3 Contatti elettrici indiretti 3 6 Rischio incendio: fattori di innesco Evitare l'utilizzo di fiamme libere o sorgenti di innesco. Divieto di fumo nelle aree di lavoro. Tenuta in buona efficienza dell'impianto elettrico. In vigore Limitare il quantitativo di materiale combustibile utilizzato. Ordine e pulizia delle aule scolastiche e delle aree comuni. In vigore Contatti elettrici diretti Guanti protettivi Rischio incendio: fattori di propagazione Rischio incendio: evacuazione Rischio di esplosione Rischio legato alle attività di saldatura nei laboratori di elettronica, saldatura a stagno, e meccanica saldatura ad arco. ei primi non sono previsti D.P.I. mentre nei secondi è obbligatorio l'uso dei guanti Verificare la funzionalità del sistema di protezione e adeguare gli impianti elettrici. Verificare l'efficienza dell'impianto di messa a terra e adeguarlo alle normative vigenti. Formazione ed informazione del personale sulle procedure d adottare in caso di emergenza (anche attraverso prova pratica di evacuazione dell'istituto). Mantenere sempre sgombre le vie di esodo e le uscite di emergenza. In vigore LEGEDA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITA' DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO PRIORITA' AZIOI CORRETTIVE : on Applicabile : on Applicabile R= essuna azione : Lieve : Improbabile R= 96 Azioni correttive immediate : Medio : Poco probabile R= 48 Azioni correttive medio/breve 3: Grave 3: Probabile R= 3 Azioni migliorative da programmare 4: Molto grave 4: Molto Probabile Immediato 9/96

10 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SALUTE (protocollo sanitario a cura del medico competente) TIPOLOGIA DEL RISCHIO CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI MISURE DI TUTELA Uso del VDT < 0 ore/ sett., pertanto il rischio si configura come modesto. Attuazione delle prescrizioni riportate nel Titolo VII del D.Lgs.8/08 (in particolare valutare correttamente l'ergonomia della postazione di lavoro). Formazione ed informazione del personale addetto sul corretto uso dei VDT. TEMPISTICHE DI ITERVETO Utilizzo di VDT Esposizione a polveri Esposizione a gas / vapori Esposizione a fumi Mascherina per polveri Formazione ed informazione del personale riguardo l acquisizione delle schede di sicurezza dei prodotti in uso. Formazione ed utilizzo dei DPI indicati durante l uso dei prodotti. Adeguata ventilazione degli ambienti di lavoro. In vigore In vigore Rischio modesto. Divieto di movimentare carichi con un peso > 5 kg per gli uomini e > 5 kg per le donne. In caso di sollevamento dei materiali con peso rilevanti usare adeguate attrezzature di sollevamento. Vedere valutazione specifica. Informazione e formazione del personale addetto circa i rischi legati ad una scorretta In vigore movimentazione dei carichi. Attuazione delle Prescrizioni riportate nel Titolo VI del D.Lgs 8/08 Movimentazione dei carichi Contatto cutaneo 4 Movimenti ripetuti Esposizione alle vibrazioni Esposizione ad elevate temperature Esposizione a basse temperature Esposizione ad agenti biologici Guanti per immersione/contatto Valutare il contatto con sostanze che possono creare allergie, irritazioni, dermatiti o altro a livello della cute. Formazione ed informazione del personale riguardo l acquisizione delle schede di sicurezza dei prodotti in uso. Formazione ed utilizzo dei DPI indicati durante l uso dei prodotti. 0/96 In vigore

11 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SALUTE (protocollo sanitario a cura del medico competente) TIPOLOGIA DEL RISCHIO CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI MISURE DI TUTELA TEMPISTICHE DI ITERVETO Attuare le prescrizioni del Titolo IX Capo II del D. Lgs. 8/08. Formazione ed informazione dei lavoratori circa i rischi legati alla specifica mansione e utilizzo dei DPI indicati. Sostituire le sostanze pericolose con altre meno pericolose. Se ciò non fosse possibile, isituire apposito registro degli esposti. In vigore Esposizione ad agenti cancerogeni Guanti per immersioni/contatto Mascherina/Occhiali Esposizone ad agenti chimici 4 Guanti per immersioni/contatto Mascherina/Occhiali Esposizione al rumore Disagi microclimatici Illuminazione Posizione ergonomica del posto di lavoro Esposizione alle radiazioni ionizzanti Radiazioni non ionizzanti Esposizione alle radiazioni ottiche Radiazioni non ionizzanti Esposizione a campi elettromagnetici 0 Hz300 GHz Evitare situazioni e condizioni stressanti. Si consiglia di effettuare la valutazione specifica del rischio derivante da stress lavorocorrelato attraverso un'analisi oggettiva dei parametri individuati dalle linee guida. Rischi da stress lavoro correlato Vedere la valutazione del rischio chimico secondo il Titolo IX Capo I del D. Lgs. 8/08. Sostituire le sostanze pericolose con altre meno pericolose. Prendere visione delle schede di sicurezza. Fornitura ed utilizzo dei DPI In vigore indicati. Garantire una sufficiente luce naturale ed una corretta illuminazione artificiale che non porti ad affaticamento visivo. Possibilità di variare nel corso della giornata la postura, effettuando esercizi di rilassamento e stiramento. Valutare correttamente la posizione della sedia e della scrivania. LEGEDA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITA' DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO R= : on Applicabile : on Applicabile : Lieve : Improbabile : Medio : Poco probabile R= 48 3: Grave 3: Probabile R= 3 4: Molto grave 4: Molto Probabile R= 96 PRIORITA' AZIOI CORRETTIVE essuna azione Azioni correttive immediate Azioni correttive medio/breve termine Azioni migliorative da programmare /96 In vigore In vigore In vigore

12 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: MASIOE ASSISTETE TECICO 3 REPARTI FREQUETATI Aule Scolastiche Assistenza al docente durante l'attività in laboratorio Attrezzi manuali, elettrici e macchinari da laboratorio chimico Assistenza al docente durante l'attività in laboratorio Esercitazioni e prove pratiche in laboratorio chimico Aree Comuni Laboratorio chimico Laboratorio meccanica Riconosciute capacità professionali OPERAZIOI SVOLTE MACCHIE/ATTREZZATURE UTILIZZATE Attrezzi manuali, elettrici e macchinari da laboratorio Attrezzi manuali, elettrici e macchinari da laboratorio meccanico Esercitazioni e prove pratiche in laboratorio meccanica Laboratorio Elettronica ed Elettrotecnica Attrezzi manuali, elettrici e macchinari da laboratorio elettronico ed elettrotecnico Esercitazioni e prove pratiche in laboratorio di Elettronica ed Elettrotecnica Laboratorio Informatica Dispositivi elettrici ed elettronici da laboratorio informatico Esercitazioni e prove pratiche in laboratorio informatico RISCHI PER LA SICUREZZA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI Caduta di oggetti per loro posizionamento Scarpe antinfortunistiche Prestare la massima attenzione durante l'attività in laboratorio. Corretto posizionamento dei materiali / sostanze / attrezzature per evitarne la caduta. Formazione edi informazione del personale circa il rischio specifico. Fornitura ed uso dei DPI indicati. In vigore Caduta di oggetti durante la manipolazione Scarpe antinfortunistiche Prestare la massima attenzione durante l'attività in laboratorio. Corretta manipolazione dei materiali / sostanze / attrezzature per evitarne la caduta. Formazione edi informazione del personale circa il rischio specifico. Fornitura ed uso dei DPI indicati. In vigore Urti contro strutture fisse Prestare particolare attenzione agli ingombri e alle sporgenze nelle zone di passaggio. Corretta sistemazione degli arredi nelle aule scolastiche. In vigore 4 Ripristinare le protezioni sulle macchine di prova per imperdirne la possibilità di contatto. Prevedere manutenzione periodica del macchinario/attrezzatura. Informazione e formazione del personale sui pericoli insiti e sull'uso delle macchine di prova. Tagli da oggetti o utensili Schiacciamento 4 Scarpe antinfortunistiche Proiezione di frammenti o particelle TIPOLOGIA DEL RISCHIO Caduta per inciampo (a livello) Caduta dall alto (con dislivello) Urti contro elementi in movimento Contusioni da oggetti o utensili Guanti antitaglio MISURE DI TUTELA Pulizia ed ordine delle postazioni di lavoro con particolare riferimento alle aule scolastiche. TEMPISTICHE DI ITERVETO In vigore In vigore Attenzione durante la manipolazione di oggetti taglienti durante l'attività in laboratorio. Informazione e formazione del personale sui rischio specifico e sull uso dei D.P.I. Fornitura ed uso di mezzi protettivi personali In vigore indicati. Mantenimento in buone condizioni della ripareria a protezione delle macchine di prova (ripristinandola qualora necessario) e manutenzione periodica del macchinario/attrezzatura. Informazione e formazione del personale sul rischio specifico e sull uso dei macchinari di prova. Formazione del personale circa i rischi a cui sono esposti. Attenzione durante le prove di rottura dei materiali (cls e tondini in ferro) in laboratorio. /96 In vigore In vigore

13 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SICUREZZA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI MISURE DI TUTELA Investimento da veicoli Incidente stradale TIPOLOGIA DEL RISCHIO TEMPISTICHE DI ITERVETO Rischio modesto. Divieto di movimentare carichi con un peso > 5 kg per gli uomini e > 5 kg per le donne. In caso di sollevamento dei materiali con peso rilevanti usare adeguate attrezzature di sollevamento. Vedere valutazione specifica. Informazione e formazione del personale addetto circa i rischi legati ad una scorretta In vigore movimentazione dei carichi. Attuazione delle Prescrizioni riportate nel Titolo VI del D.Lgs 8/08 Movimentazione manuale con rischi di sovrasforzi Contatti con corpi ad elevata temperatura Contatti elettrici diretti 3 6 Evitare l'utilizzo di fiamme libere o sorgenti di innesco. Divieto di fumo nelle aree di lavoro. Tenuta in buona efficienza dell'impianto elettrico. In vigore Limitare il quantitativo di materiale combustibile utilizzato. Ordine e pulizia delle aule scolastiche e delle aree comuni. In vigore Contatti elettrici indiretti Rischio incendio: fattori di innesco Rischio incendio: fattori di propagazione Rischio incendio: evacuazione Rischio di esplosione IDICE DI RISCHIO PRIORITA' AZIOI CORRETTIVE Verificare la funzionalità del sistema di protezione e adeguare gli impianti elettrici. Verificare l'efficienza dell'impianto di messa a terra e adeguarlo alle normative vigenti. Formazione ed informazione del personale sulle procedure d adottare in caso di emergenza (anche attraverso prova pratica di evacuazione dell'istituto). Mantenere sempre sgombre le vie di esodo e le uscite di emergenza. In vigore LEGEDA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITA' DEL RISCHIO : on Applicabile : on Applicabile R= essuna azione : Lieve : Improbabile R= 96 Azioni correttive immediate : Medio : Poco probabile R= 48 Azioni correttive medio/breve 3: Grave 3: Probabile R= 3 Azioni migliorative da programmare 4: Molto grave 4: Molto Probabile Immediato 3/96

14 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: MASIOE ASSISTETE TECICO 3 RISCHI PER LA SALUTE (protocollo sanitario a cura del medico competente) TIPOLOGIA DEL RISCHIO CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI MISURE DI TUTELA TEMPISTICHE DI ITERVETO Uso del VDT < 0 ore/ sett., pertanto il rischio si configura come modesto. Attuazione delle prescrizioni riportate nel Titolo VII del D.Lgs.8/08 (in particolare valutare correttamente l'ergonomia della postazione di lavoro). Formazione ed informazione del personale addetto sul corretto uso dei VDT. Esposizione a polveri Esposizione a gas / vapori Esposizione a fumi Utilizzo di VDT Movimentazione dei carichi In vigore Rischio modesto. Divieto di movimentare carichi con un peso > 5 kg per gli uomini e > 5 kg per le donne. In caso di sollevamento dei materiali con peso rilevanti usare adeguate attrezzature di sollevamento. Vedere valutazione specifica. Informazione e formazione del personale addetto circa i rischi legati ad una scorretta In vigore movimentazione dei carichi. Attuazione delle Prescrizioni riportate nel Titolo VI del D.Lgs 8/08 Contatto cutaneo Movimenti ripetuti Esposizione alle vibrazioni Esposizione ad elevate temperature Esposizione a basse temperature Esposizione ad agenti biologici 4/96

15 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SALUTE (protocollo sanitario a cura del medico competente) CLASSE DI RISCHIO PROBABILITÁ DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO DPI MISURE DI TUTELA Esposizione ad agenti cancerogeni Esposizone ad agenti chimici Esposizione al rumore Disagi microclimatici Illuminazione Posizione ergonomica del posto di lavoro Esposizione alle radiazioni ionizzanti Radiazioni non ionizzanti Esposizione alle radiazioni ottiche Radiazioni non ionizzanti Esposizione a campi elettromagnetici 0 Hz300 GHz Evitare situazioni e condizioni stressanti. Si consiglia di effettuare la valutazione specifica del rischio derivante da stress lavorocorrelato attraverso un'analisi oggettiva dei parametri individuati dalle linee guida. TIPOLOGIA DEL RISCHIO Rischi da stress lavoro correlato Garantire una sufficiente luce naturale ed una corretta illuminazione artificiale che non porti ad affaticamento visivo. Possibilità di variare nel corso della giornata la postura, effettuando esercizi di rilassamento e stiramento. Valutare correttamente la posizione della sedia e della scrivania. LEGEDA CLASSE DI RISCHIO PROBABILITA' DEL RISCHIO IDICE DI RISCHIO R= : on Applicabile : on Applicabile : Lieve : Improbabile : Medio : Poco probabile R= 48 3: Grave 3: Probabile R= 3 4: Molto grave 4: Molto Probabile R= 96 PRIORITA' AZIOI CORRETTIVE essuna azione Azioni correttive immediate Azioni correttive medio/breve termine Azioni migliorative da programmare 5/96 TEMPISTICHE DI ITERVETO In vigore In vigore In vigore

16 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: MASIOE IMPIEGATO AMMIISTRATIVO 4 REPARTI FREQUETATI Uffici Amministrativi Segreteria Riconosciute capacità professionali OPERAZIOI SVOLTE MACCHIE/ATTREZZATURE UTILIZZATE Computer, Telefono e Fax, Stampante, Fotocopiatrice Attività amministrative RISCHI PER LA SICUREZZA CODIZIOI TIPOLOGIA DEL RISCHIO DI LAVORO CLASSE DI RISCHIO (D) PROBABILITÁ DEL RISCHIO (P) IDICE DI RISCHIO (R) DPI MISURE DI TUTELA Pulizia ed ordine delle aree di lavoro. TEMPISTICHE DI ITERVETO Caduta per inciampo (a livello) Caduta dall alto (con dislivello) Caduta di oggetti per loro posizionamento Caduta di oggetti durante la manipolazione Urti contro strutture fisse Eliminazione, segregazione o segnalazione di ingombri o sporgenze nelle zone di passaggio. Corretta sistemazione degli arredi ufficio. Urti contro elementi in movimento Contusioni da oggetti o utensili Tagli da oggetti o utensili Schiacciamento Proiezione di frammenti o particelle Investimento da veicoli Incidente stradale 6/96 In vigore In vigore

17 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SICUREZZA CODIZIOI TIPOLOGIA DEL RISCHIO DI LAVORO CLASSE DI RISCHIO (D) PROBABILITÁ DEL RISCHIO (P) IDICE DI RISCHIO (R) DPI MISURE DI TUTELA TEMPISTICHE DI ITERVETO Movimentazione manuale con rischi di sovrasforzi Contatti con corpi ad elevata temperatura Contatti elettrici diretti Contatti elettrici indiretti 3 6 Ordine e pulizia aree di lavoro. In vigore Formazione ed informazione del personale sulle procedure d adottare in caso di emergenza (anche attraverso prova pratica di evacuazione dell'istituto). Mantenere sempre sgombre le vie di esodo e le uscite di emergenza. In vigore IDICE DI RISCHIO PRIORITA' AZIOI CORRETTIVE Rischio incendio: fattori di innesco Rischio incendio: fattori di propagazione Rischio incendio: evacuazione Rischio di esplosione Verificare la funzionalità del sistema di protezione e adeguare gli impianti elettrici. Verificare l'efficienza dell'impianto di messa a terra e adeguarlo alle normative vigenti. Evitare l'utilizzo di fiamme libere o sorgenti di innesco. Divieto di fumo nelle aree di lavoro. Tenuta in buona efficienza dell'impianto elettrico. LEGEDA CLASSE DI RISCHIO ( CODIZIOI DI LAVORO D) PROBABILITA' DEL RISCHIO (P) : ormale : on Applicabile : on Applicabile R= on esiste pericolo S: Straordinario : Lieve : Improbabile R= 96 Azioni correttive immediate : Medio : Poco probabile R= 48 Azioni correttive medio/breve 3: Grave 3: Probabile R= 3 Misure di tutela in atto risultano adeguate 4: Molto grave 4: Molto Probabile 7/96 Immediato In vigore

18 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: IMPIEGATO AMMIISTRATIVO MASIOE 4 CODIZIOI TIPOLOGIA DEL RISCHIO DI LAVORO CLASSE DI RISCHIO (D) PROBABILITÁ DEL RISCHIO (P) IDICE DI RISCHIO (R) DPI MISURE DI TUTELA Uso del VDT > 0 ore/ sett. Attuazione delle prescrizioni riportate nel Titolo VII del D.Lgs.8/08. Formazione ed informazione del personale addetto sul corretto uso della postazione VDT. Sorveglianza sanitaria periodica da parte del Medico Competente. RISCHI PER LA SALUTE (protocollo sanitario a cura del medico competente) TEMPISTICHE DI ITERVETO Utilizzo di VDT Esposizione a polveri Esposizione a gas / vapori Esposizione a fumi Movimentazione dei carichi Contatto cutaneo Movimenti ripetuti Esposizione alle vibrazioni Esposizione ad elevate temperature Esposizione a basse temperature Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti cancerogeni Esposizone ad agenti chimici 8/96 In vigore

19 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: RISCHI PER LA SALUTE (protocollo sanitario a cura del medico competente) CODIZIOI TIPOLOGIA DEL RISCHIO DI LAVORO CLASSE DI RISCHIO (D) PROBABILITÁ DEL RISCHIO (P) IDICE DI RISCHIO (R) DPI MISURE DI TUTELA TEMPISTICHE DI ITERVETO Esposizione al rumore Disagi microclimatici Illuminazione Posizione ergonomica del posto di lavoro Esposizione alle radiazioni ionizzanti Radiazioni non ionizzanti Esposizione alle radiazioni ottiche Radiazioni non ionizzanti Esposizione a campi elettromagnetici 0 Hz300 GHz Rischi da stress lavoro correlato Evitare situazioni e condizioni stressanti. Si consiglia di effettuare la valutazione specifica del rischio derivante da stress lavorocorrelato attraverso un'analisi oggettiva dei parametri individuati dalle linee guida. Possibilità di variare nel corso della giornata la postura, effettuando esercizi di rilassamento e stiramento. Valutare correttamente la posizione della sedia e della scrivania. LEGEDA CLASSE DI RISCHIO ( CODIZIOI DI LAVORO PROBABILITA' DEL RISCHIO (P) D) IDICE DI RISCHIO (R) PRIORITA' AZIOI CORRETTIVE : ormale : on Applicabile : on Applicabile R= on esiste pericolo S: Straordinario : Lieve : Improbabile R= 96 Azioni correttive immediate : Medio : Poco probabile R= 48 3: Grave 3: Probabile R= 3 4: Molto grave 4: Molto Probabile Azioni correttive medio/breve termine Misure di tutela in atto risultano adeguate 9/96 In vigore In vigore

20 Via Pitagora, c/da Piano otaro 930 Gela (CL) PI/CF: MASIOE COLLABORATORE SCOLASTICO 5 REPARTI FREQUETATI Aule Scolastiche Riconosciute capacità professionali OPERAZIOI SVOLTE MACCHIE/ATTREZZATURE UTILIZZATE Attrezzi manuali Pulizia locali Aree Comuni Vigilanza RISCHI PER LA SICUREZZA CODIZIOI TIPOLOGIA DEL RISCHIO DI LAVORO CLASSE DI RISCHIO (D) PROBABILITÁ DEL RISCHIO (P) IDICE DI RISCHIO (R) DPI MISURE DI TUTELA Scarpe o Sabot Antiscivolo Pulizia ed ordine delle aree di lavoro. Porre attenzione durante le attività di lavaggio dei pavimenti ai possibili scivolamenti. Segnalare sempre con idoneo cartello la presenza di pavimento bagnato. Fornitura ed uso dei DPI indicati. TEMPISTICHE DI ITERVETO Caduta per inciampo (a livello) e/o Scivolamenti Caduta dall alto (con dislivello) Caduta di oggetti per loro posizionamento Caduta di oggetti durante la manipolazione Urti contro strutture fisse Urti contro elementi in movimento Contusioni da oggetti o utensili Tagli da oggetti o utensili Schiacciamento Proiezione di frammenti o particelle Investimento da veicoli Eliminazione, segregazione o segnalazione di ingombri o sporgenze nelle zone di passaggio. 0/96 In vigore In vigore

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE

Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA SICUREZZA E LA SALUTE Allegato 3 Organizzazione, politica e valutazione della sicurezza del lavoro. ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PER LA CUREZZA E LA SALUTE Legale Rappresentante Datore di lavoro Preposti Responsabile del Servizio

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione IL D.LGS. 81/08 (come già previsto dal D.Lgs.. 626/94) INDICA IL PERCORSO DA COMPIERE PER INNALZARE IL LIVELLO DI SICUREZZA E QUALITA

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis

IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis IL DVR (documento di valutazione dei rischi) A cura di: Ing. Francesco De Matteis Cosa si intende per rischio nei luoghi di lavoro? (Art.2 DLgs 81/08): probabilità di raggiungimento del livello potenziale

Dettagli

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali

Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Procedure di sicurezza per lo svolgimento delle mansioni professionali Profilo Assistente Amministrativo e D.S.G.A. In questo documento informativo vengono indicati per ciascuna mansione professionale

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA

VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA VALUTAZIONE DEI RISCHI PER ATTIVITA LAVORATIVA Per i dipendenti della scuola, identificati in base al profilo omogeneo di attività, sono riassunti ed identificati i rischi specifici tipici e quanto previsto

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza. Assistente Amministrativo e D.S.G.A. A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Assistente Amministrativo e D.S.G.A.

Dettagli

Rischi per la Sicurezza

Rischi per la Sicurezza Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico - Corso integrato Biologia generale e Chimica biologica Modulo didattico: Organizzazione di laboratorio e Sicurezza Salute e Sicurezza sul lavoro - 4 Rischi

Dettagli

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB

Documento di Valutazione dei Rischi per SCI CLUB IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI OCCUPAZIONALI A SUPPORTO DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE DI UNO SCI CLUB - Pag. 1 di 15 - RACCOLTA INFORMAZIONI INIZIALI Realtà operativa Dati dello Sci Club, tipologia di

Dettagli

Cosa è la valutazione dei rischi

Cosa è la valutazione dei rischi 1 Principali obiettivi formativi Cos è la la valutazione dei rischi Chi deve fare la la valutazione Documento della valutazione Criteri per la la valutazione Cosa è la valutazione dei rischi Secondo il

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Viene presentato un Esempio di Realizzazione di Documento di Valutazione dei Rischi secondo le Procedure Standardizzate. Per maggiori informazioni sul nostro servizio a basso costo vi invitiamo a contattarci:

Dettagli

Collaboratore Scolastico

Collaboratore Scolastico A cura del Responsabile S.P.P.- 2010-2011 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE F. M. GENCO Procedure per lo svolgimento delle mansioni professionali in condizioni di sicurezza Collaboratore Scolastico Vengono

Dettagli

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18)

INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) INFORMATIVA SUI RISCHI E SICUREZZA DEI LAVORATORI DEGLI ALUNNI E DEGLI UTENTI DELLA SCUOLA (DLGS 81/2008 Art. 17 e 18) SEZIONE A RAPPRESENTAZIONE SCHEMATICA DEL PROCESSO INFORMATIVO RELATIVO ALLA SICUREZZA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA AL COMPLESSO IMPIANTISTICO SANT'AGATA BOLOGNESE (BO) APPENDICE B.1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELLA DISCARICA INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE DI LAVORO

Dettagli

Corso per Responsabili ed Addetti al servizio di prevenzione e protezione. MODULO B8 per Agenzia delle Dogane

Corso per Responsabili ed Addetti al servizio di prevenzione e protezione. MODULO B8 per Agenzia delle Dogane Corso per Responsabili ed Addetti al servizio di prevenzione e protezione MODULO B8 per Agenzia delle Dogane Presentazione del Corso Riferimenti normativi e sviluppo del progetto 2 I riferimenti normativi

Dettagli

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE

I FATTORI DI RISCHIO. Ing. Guido SAULE I FATTORI DI RISCHIO Ing. Guido SAULE I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO I rischi lavorativi presenti negli ambienti di lavoro, in conseguenza dello svolgimento delle attività lavorative in un determinato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO PAG. 1 DI 5 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI RELATIVA ALLA STAZIONE DI TRASFERIMENTO DI SASSUOLO APPENDICE A1 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DELL IMPIANTO DI TRASFERIMENTO RIFIUTI INDICE 1 RISCHI LEGATI ALL AMBIENTE

Dettagli

IL DL D.Lgs. 9 aprile 2008 81/2008 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro (G.U. n. 101 del 30 aprile 2008)

Dettagli

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008

Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.Lgs. 81/2008 Formazione del personale Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO VISTO IL D.L gs. 9 aprile 2008,

Dettagli

Rischi per la salute 2. Agenti Chimici Agenti Fisici Agenti Biologici Materiali Radioattivi

Rischi per la salute 2. Agenti Chimici Agenti Fisici Agenti Biologici Materiali Radioattivi IL RISCHIO E LA SUA CONSIDERAZIONE Nella valutazione del rischio sono coinvolte varie fasi che richiedono il contributo di discipline differenti. È un documento redatto dal RSPP e che deve vivere all'interno

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81

PROGRAMMA DEL CORSO RLS RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA. Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 PROGRAMMA DEL CORSO RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Art.37 del D. Lgs. 9 Aprile 2008, n.81 Durata del corso Sede del corso 32 ore Ambiente e Lavoro srl Strada Gragnana 17/A 29121 Piacenza

Dettagli

La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08

La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08 La Gestione della Sicurezza secondo il D.Lgs. 81/08 Sicurezza e Prevenzione sui luoghi di lavoro TQSI Servizi Integrati S.r.l.-Settore Sicurezza e Ambiente dott. chim. Davide GHISLANDI - sicurezza.ambiente@tqsi.it

Dettagli

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD

VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RICOGNITIVA DEI RISCHI STANDARD E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26, co.3-ter

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA

PROGRAMMA CORSI SICUREZZA PROGRAMMA CORSI SICUREZZA 1 Formazione Generale Lavoratori Destinatari: Tutti i lavoratori. Dipendenti a tempo indeterminato e determinato, apprendisti, soci lavoratori di cooperativa, associati in partecipazione,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Il Decreto Legislativo 81/2008 (noto anche come Testo Unico della Sicurezza del Lavoro ) ha maggiormente sottolineato rispetto al vecchio D.Lgs. 626/94 l importanza

Dettagli

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA

DIPARTIMENTO FORMAZIONE SICUREZZA INTEGRATA ESTRATTO DAL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA DEL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI GRU A TORRE 1. OGGETTO DELL INTERVENTO 1.1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

Da studente. il programma. Silvana Di Stefano CONTARP INAIL DR Emilia Romagna

Da studente. il programma. Silvana Di Stefano CONTARP INAIL DR Emilia Romagna Da studente a RSPP il programma Silvana Di Stefano CONTARP INAIL DR Emilia Romagna Moduli propedeutici Per il primo anno: 5 ore nelle quarte classi 16 ore nelle terze classi A regime: 16 ore nelle terze

Dettagli

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008

Documento di valutazione dei rischi ai sensi del D.Lgs. 81/2008 Pagina 1 di 13 Sezione 2.1 Scheda di reparto Locali interni Descrizione RISCHI PER LA SICUREZZA RISCHI PER LA SALUTE INSERIRE FOTO DESCRIZIONE SEDE PRINCIPALE (viale E. Maraini 54 - Rieti - ) L edificio

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE. Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Area Tutela della Salute e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro LEGGE DI MURPHY Niente è facile come sembra Tutto richiede

Dettagli

RISCHI ADDETTO PULIZIE

RISCHI ADDETTO PULIZIE Organismo Paritetico Provinciale RISCHI ADDETTO PULIZIE Speciale Inserti: Rischi Addetto Pulizie Pagina 1 Attività svolta L attività dell addetto prevede la pulizia degli ambienti di lavoro di uffici,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Catalogo formativo Fondoprofessioni

Catalogo formativo Fondoprofessioni Catalogo formativo Fondoprofessioni 2014 / 2015 CFA s.r.l Via Vittorio Emanuele II, 28 25030 Roncadelle (BS) Tel. 030/2584463 Fax 030/2580086 E-mail segreteria@cfaonline.it SOMMARIO SICUREZZA SUI LUOGHI

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro

SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA. Ambienti di Lavoro SICUREZZA E SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Ambienti di Lavoro protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico Territoriale

Dettagli

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI

La SSL nella Polizia di Stato DOMANI Via Alessandria 220/E - 00198 Roma LA CLASSIFICAZIONE E VALUTAZIONE DEI RISCHI IN RELAZIONE ALLA NORMATIVA Ambienti di lavoro CRISTIANO DE LUCA 1 La SSL nella Polizia di Stato DOMANI BOZZA REGOLAMENTO

Dettagli

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Fattori di rischio Identificazione delle principali tipologie di fattori di rischio RISCHI PER LA SICUREZZA

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali Ing. Iannuzzelli Vincenzo Lezione n 3 del 10 Dicembre 2013 Valorizzazione di produzioni ortive campane di eccellenza con

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi di natura interferenziale

Documento unico di valutazione dei rischi di natura interferenziale C O M U N E di C A R D I T O Provincia di Napoli SERVIZI SOCIALI e PUBBLICA ISTRUZIONE Documento unico di valutazione dei rischi di natura interferenziale APPALTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi di natura interferenziale

Documento unico di valutazione dei rischi di natura interferenziale C O M U N E di C A R D I T O Provincia di Napoli SERVIZI CULTURALI e POLITICHE GIOVANILI Documento unico di valutazione dei rischi di natura interferenziale APPALTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

CORSO RSPP MODULO B Macrosettore 4. Contenuti

CORSO RSPP MODULO B Macrosettore 4. Contenuti ASSOCIAZIONE PICCOLE E MEDIE INDUSTRIE DELLA PROVINCIA DI LECCO VIA PERGOLA, 73 23900 LECCO (LC) TEL. 0341282822 FAX 0341282034 Internet: http://www.api.lecco.it - E-mail: associazione@api.lecco.it Area

Dettagli

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore

Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore. Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Normativa di riferimento Requisiti di ammissione Durata e modalità Corso per RSPP/ASPP modulo B5-68 ore Il modulo B5 è il corso

Dettagli

CAPITOLO 18 18.2. RISCHI LEGATI ALLA MANSIONE. Affaticamento visivo Addetto alla biblioteca Impiegati amministrativi Lavoro di sportello

CAPITOLO 18 18.2. RISCHI LEGATI ALLA MANSIONE. Affaticamento visivo Addetto alla biblioteca Impiegati amministrativi Lavoro di sportello CAPITOLO 18 PERSONALE E MANSIONI Le risorse umane sono direttamente coinvolti nelle diverse fasi e nei differenti aspetti previsti in questo Documento della sicurezza. La mansione rivestita e l ambiente

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

Systema Consulting Srl

Systema Consulting Srl Corso di Formazione RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (RLS) valido ai sensi del com. 11, art. 37 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ed all art. 2 del D.M. 16/01/97 SEDE DEL CORSO: Via C.A.

Dettagli

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori

RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori RLS (Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ) 32 ORE DESTINATARI: lavoratori OBIETTIVO DEL CORSO: Acquisire nozioni utili in tema di salute e sicurezza, conoscere compiti e responsabilità dei soggetti

Dettagli

. Aggiornamento per i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza =La valutazione dei rischi= Parma, 12 febbraio 2015

. Aggiornamento per i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza =La valutazione dei rischi= Parma, 12 febbraio 2015 . Aggiornamento per i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza =La valutazione dei rischi= Parma, 12 febbraio 2015 1 Cos è il documento di valutazione dei rischi? Il documento di Valutazione dei

Dettagli

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE

CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE CORSO BASE SICUREZZA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CAVALESE Giovedì 13.12.2012 Mercoledì 19.12.2012 Giovedì 10.01.2013 Giovedì 17.01.2013 venerdì 15.02.2013 Corso: ore14.00 18.00 Verifica degli apprendimenti:

Dettagli

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti )

x PRESENZA o POTENZIALE PRESENZA di personale o altri soggetti (altri appaltatori, utenti, studenti ) MODELLO A2 Allegato A2 Pag 1 di 8 VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE nella consegna e installazione, manutenzione ed assistenza tecnica di apparecchiature, macchine e impianti Nell ambiente in cui

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA PAG. 1 DI 7 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO DI FERRARA APPENDICE A6 RISCHI PRESENTI NELL IMPIANTO DI TERMOVALORIZZAZIONE RIFIUTI (WTE) DEPOSITO PRELIMINARE

Dettagli

Università degli Studi di Torino

Università degli Studi di Torino Documento unico di valutazione dei rischi da interferenze Adempimento degli obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione di cui all art. 26 del D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008.

Dettagli

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale

Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Esempio di redazione DVR in uno studio professionale legale Contesto di riferimento ipotizzato: studio professionale legale del Dott. X con due lavoratori dipendenti (Sig. A e Sig.ra B) e due praticanti

Dettagli

SIAPA81. D. Lgs. N. 81 del 09/04/2008 e s.m.i. Corso di Formazione per Lavoratori Rischio Medio. Codice Corso SIAPA81 11 SCHEDA CORSO

SIAPA81. D. Lgs. N. 81 del 09/04/2008 e s.m.i. Corso di Formazione per Lavoratori Rischio Medio. Codice Corso SIAPA81 11 SCHEDA CORSO Scheda Corso SIAPA81-11 Rev. n. 04 del 10.01.2014 Pagina 1 di 6 Certificato n. 11156/04 SIAPA81 D. Lgs. N. 81 del 09/04/2008 e s.m.i. Corso di Formazione per Lavoratori Rischio Medio Codice Corso SIAPA81

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671

COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ente Committente COMUNE DI ACQUALAGNA Piazza Enrico Mattei, n. 9 61041 Acqualagna (PU) Tel. 0721/79671 Ditta Appaltatrice DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento elaborato ai sensi dell art.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. L'edificio scolastico l plesso SCUOLA PRIMARIA si sviluppa su due livelli

SCUOLA PRIMARIA. L'edificio scolastico l plesso SCUOLA PRIMARIA si sviluppa su due livelli SCULA PRIMARIA L'edificio scolastico l plesso SCULA PRIMARIA si sviluppa su due livelli Al primo livello (piano terra) vi sono: androne entrata principale ufficio presidenza n. 8 aule per gli alunni; n.

Dettagli

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.)

Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Elenco documentazione presente in azienda per la Sicurezza e Igiene dei luoghi di lavoro (D.lgs 81/08 e s.m.i.) Sezione o Faldone Argomento Documentazione Rif. Legislativo Documento: Emittente / Oggetto

Dettagli

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione

Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione Check-list per attività di trasporto movimentazione merci e magazzinaggio A. Documentazione A.1. Valutazione dei rischi 1 Documento di valutazione dei rischi ( DLgs. 81/08 art. 28 c.2 ) 2 Autocertificazione

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOVUTI ALLE INTERFERENZE (Preliminare) (Art. 26 Decreto Legislativo 81/08) GARA PER L AFFIDAMENTO DELLA MANUTENZIONE

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA CANTIERE DEI LAVORI DI MIRANO (VE) PRESSO I.P.A.B. LUIGI MARIUTTO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA ai sensi dell art. 26 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 come modificato

Dettagli

2 di 21. Catalogo Corsi Sicurezza sul Lavoro

2 di 21. Catalogo Corsi Sicurezza sul Lavoro Via Frascineto, 88 - Roma Tel 06 72394672 Fax 06 7233532 www.ecoconsultsrl.com Catalogo Corsi 1 di 21 La Formazione è utile quando si occupa dei problemi quotidiani delle persone che lavorano. La Formazione

Dettagli

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto

GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE Durata: 2 anni dalla data di sottoscrizione del contratto Allegato 3 COMUNE DI BORGO SAN LORENZO DOCUMENTO UNICO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81, art. 26 GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA COMUNALE

Dettagli

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 MODULO 1 Ruolo di RSPP Presentazione del corso Filippo Macaluso - Corso di formazione

Dettagli

Formazione generale e specifica per i lavoratori

Formazione generale e specifica per i lavoratori Progetto formativo Società del Gruppo Poste Italiane S.p.A. Formazione generale e specifica per i lavoratori Il presente progetto formativo si applica alle seguenti società del Gruppo Poste Italiane S.p.A.

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

rischi in negozio CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

rischi in negozio CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI rischi in negozio Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori e parti sociali. Il testo unico sulla

Dettagli

Scopo della valutazione dei rischi

Scopo della valutazione dei rischi Scopo della valutazione dei rischi Scopo della valutazione è stimare la possibile entità del danno, intesa quale conseguenza del rischio per la sicurezza e la salute dei lavoratori, nonché dell ambiente

Dettagli

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza In collaborazione con: Con il coordinamento scientifico di: Tabella 1. Prospetto delle Classi di Laurea Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Normativa Con l'introduzione

Dettagli

Documento Unico di Valutazione Interferenze Art. 26 D.Lgs 81/08

Documento Unico di Valutazione Interferenze Art. 26 D.Lgs 81/08 Pag. 1/22 INDICE 1 OGGETTO DELL APPALTO - VALIDAZIONE DOCUMENTO...2 2 PREMESSA...3 3 DIAGRAMMA DI FLUSSO PER LA REDAZIONE DEL DUVRI...5 4 DATI DI IDENTIFICAZIONE DELLE AZIENDE COINVOLTE...6 5 ORGANIGRAMMA

Dettagli

DOCUMENTO ELABORATO SUGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ex art. 17, comma 1, lettera a) ed art. 28 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs.

DOCUMENTO ELABORATO SUGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ex art. 17, comma 1, lettera a) ed art. 28 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. DOCUMENTO ELABORATO SUGLI ESITI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI ex art. 17, comma 1, lettera a) ed art. 28 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. (D.Lgs. 106/09) Azienda Sede Legale Sede Operativa Rev. Motivazione 00

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO.

INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. area 1 criteri adottati per le valutazioni pag 1/8 INDICE 1. DESCRIZIONE SINTETICA METODO ADOTTATO. 2. DESCRIZIONE ESTESA METODO ADOTTATO. 2.1. scomposizione dell attività 2.1.1. fabbricati 2.1.2. mansioni

Dettagli

MODULO A ORE 28. PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA

MODULO A ORE 28. PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA MODULO A ORE 28 PROGRAMMA CONTENUTI Modulo A1 DURATA Presentazione del corso La filosofia del D.Lgs. 626/94 in riferimento all'organizzazione di un Sistema di Prevenzione aziendale, alle procedure di lavoro,

Dettagli

LRQA ITALY s.r.l. ATTIVITA DI

LRQA ITALY s.r.l. ATTIVITA DI LRQA ITALY s.r.l. ATTIVITA DI Certificazione dei sistemi di qualità sicurezza e dell'ambiente in conformità ai requisiti normativi ISO (international standard organization) ed altre normative nazionali

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide)

PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide) PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide) Corso ASPP-RSPP modulo Macrosettore Ateco B7 Sanità e Servizi Sociali (Decreto Legislativo

Dettagli

La formazione dei lavoratori

La formazione dei lavoratori La formazione dei lavoratori Disposizioni dell accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 prof.paolo DREOSSI - 20/12/2012 1 LA FORMAZIONE FORMAZIONE GENERALE : è destinata a tutti i lavoratori e deve riguardare

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al.

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 81/08 Allegato al contratto di appalto relativo al. (art. 26 comma 3 D.Lgs. 8/8) di 5 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENZA NEGLI APPALTI EX ART.26 c.3 DEL D.Lgs. 8/8 Allegato al contratto di appalto relativo al Servizio di accompagnamento su scuolabus

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Vita. Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione. Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena

Dipartimento di Scienze della Vita. Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione. Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena Dipartimento di Scienze della Vita Concetti di rischio, danno, prevenzione e protezione Polo Scientifico Universitario San Miniato - Siena PERICOLO Art.2, lettera r, D.Lgs. 81/08 proprietà o qualità intrinseca

Dettagli

ASPP Modulo A6 RISCHI SPECIFICI : RISCHI DA AGENTI FISICI

ASPP Modulo A6 RISCHI SPECIFICI : RISCHI DA AGENTI FISICI REGIONE BASILICATA ASM AZIENDA SANITARIA LOCALE DI MATERA AMBITO TERRITORIALE DI MONTALBANO JONICO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELLA SALUTE UMANA U.O. DI PREVENZIONE, PROTEZIONE ED IMPIANTISTICA NEI LUOGHI

Dettagli

GESTIONE DELLA PROFESSIONE:

GESTIONE DELLA PROFESSIONE: PRESENTAZIONE PROPOSTA FORMATIVA.. Proposta formativa (Ai sensi del comma 6.2 delle Linee Guida e di Coordinamento attuative del Regolamento per l aggiornamento e sviluppo professionale continuo) GESTIONE

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide)

PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide) PROGRAMMA DEL CORSOrev. 3.0 del 14/10/2015 (tutte le altre versioni del programma corso sono da considerarsi non valide) Corso ASPP-RSPP modulo Macrosettore Ateco B5 Chimica (Decreto Legislativo coordinato

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

INFORMAZIONE PER I LAVORATORI (Ai sensi dell Art. 36 D. Lgs. 81/08)

INFORMAZIONE PER I LAVORATORI (Ai sensi dell Art. 36 D. Lgs. 81/08) INFORMAZIONE PER I LAVORATORI (Ai sensi dell Art. 36 D. Lgs. 81/08) Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM) - P. Iva 08879271008 Segreteria consulenza tel./fax 0774903270

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 Informazioni e disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro [artt 36, 18 c. 1, l. f), l) D.Lgs. 81/08] Ed.1 Rev.0_14 INDICE 1. Disposizioni

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Allegato al capitolato speciale d appalto DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D. Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE PER

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. SEDE OPERATIVA PISCINA COMUNALE COMUNE DI FIGLINE VALDARNO Gestione Piscina Comunale Data emissione I revisione

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO. SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it

CATALOGO FORMATIVO. SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it CATALOGO FORMATIVO SEICOM SRL - Via Tevere, 50/5 Senigallia (AN) Tel/Fax: 071 63362 www.seicomsrl.it info@seicomsrl.it INDICE Corso per Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione - Datore di

Dettagli

La sicurezza nelle attività di volontariato

La sicurezza nelle attività di volontariato La sicurezza nelle attività di volontariato 1 Il D. Lgs. 81/08 Articolo 3 Campo di applicazione Il presente decreto legislativo si applica a tutti i settori di attività, privati e pubblici, e a tutte le

Dettagli

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI)

La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) Ente committente: La Casa Centro Assistenza Servizi per Anziani Via Baratto 39 36015 Schio (VI) DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI INTERFERENTI Art. 26 D.Lgs. 81/2008 Fornitura di generi alimentari per

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Realizzato secondo le procedure standardizzate ai sensi degli artt. 17, 28, 29 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. e del Decreto Interministeriale 30 Novembre 2012 Azienda ACCONCIATORE

Dettagli

RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE PREGRESSA

RICONOSCIMENTO DELLA FORMAZIONE PREGRESSA LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI, DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI DELLA SCUOLA, AI SENSI DELL ART. 37, COMMA 2, DEL D.LGS. 81/08 E SMI E DEGLI ACCORDI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SULLA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO CON PROCEDURE STANDARDIZZATE

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI SULLA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO CON PROCEDURE STANDARDIZZATE Revisione 00 del Pag. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.Lgs. 81/08 Realizzato secondo le procedure standardizzate

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CRITERI E STRUMENTI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI Organizzato da: CARRARA, Febbraio 2007 Documento di Valutazione dei Rischi (D.V.R.) Il documento nel quale il Datore di Lavoro (D.d.L.), prende in esame

Dettagli

SPISAL AZIENDA ULSS 20 - VERONA

SPISAL AZIENDA ULSS 20 - VERONA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 21 dicembre 2011 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

AUTOCERTIFICAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI Documento unico composto da 10 pagine Si richiede l'apposizione del timbro postale per la data certa. Data / / Firma AUTOCERTIFICAZIONE DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI articolo 17, articolo 28, e articolo

Dettagli

La valutazione del rischio. Maria Rosaria Libone Azienda USL 12 Viareggio

La valutazione del rischio. Maria Rosaria Libone Azienda USL 12 Viareggio La valutazione del rischio Maria Rosaria Libone Azienda USL 12 Viareggio PERICOLO Pericolo: situazione da cui può derivare un danno a persone o cose (caduta, scivolamento, schiacciamento, urto, ustione,

Dettagli

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo

CORSO B. Formazione tecnica specifica per settore produttivo Centro di Ateneo per la Ricerca, Trasferimento e Alta Formazione nell'ambito dello studio delle condizioni di rischio e di sicurezza e per lo sviluppo delle attività di protezione civile ed ambientale

Dettagli