Giochi, scommesse, lotto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giochi, scommesse, lotto"

Transcript

1 Giochi, scommesse, lotto Gioco del lotto non autorizzato Lotterie, tombole, pesche di beneficienza Lotto clandestino Lotto clandestino Lotterie, tombole, riffe, pesche o Giovanni Calesini * Prontuario dei controlli di polizia Edizioni Laurus Robuffo, Roma * 2010

2 banchi di beneficenza Lotterie aperte all'estero Reclamizzare lotterie non autorizzate0 Annunziare lotto clandestino o lotterie non autorizzate Operazioni di prestiti a premio non autorizzate Giocare a lotterie non autorizzate Concorsi a premio non autorizzati Concorsi a premio non comunicati Concorsi a premio irregolari Riffa al pubblico

3 Contraffazione di scontrini delle scommesse Operazioni di gioco del lotto senza concessione Raccolta fuori dei luoghi consentiti del gioco del lotto Esercizio abusivo di giochi, scommesse o concorsi pronostici Scommesse o concorsi pronostici su attività sportive Abusiva organizzazione di scommesse su competizioni Obbligo di denuncia Divieto di accesso Divieto di accesso

4 Vendita non autorizzata di biglietti Giochi a distanza Giochi a distanza Pubblicità Partecipare a concorsi, giochi e scommesse abusivi Raccolta di scommesse, senza concessione Raccolta di giocate, senza autorizzazione Sala giochi non autorizzata Produzione e importazione di apparecchi per giochi leciti Distribuzione e gestione di

5 apparecchi per giochi leciti Installazione di apparecchi per giochi leciti Installazione di apparecchi per giochi leciti Giochi pubblici e minori di anni 18 Produzione ed importazione di apparecchi privi dei requisiti di legge Produzione ed importazione di apparecchi privi delle autorizzazioni di legge Distribuzione o installazione di apparecchi privi dei requisiti di legge Su apparecchi per giochi leciti, corrispondere premi diversi da quelli

6 ammessi, Distribuzione o installazione di apparecchi privi dei titoli autorizzatori Mancata esposizione del titolo autorizzatorio Tabelle dei giochi vietati Tariffa nelle sale da biliardo Esercizio di giochi d azzardo Giochi d azzardo. Circostanze aggravanti. Partecipazione a giuochi d'azzardo Esercizio abusivo di un giuoco non d azzardo

7 Spettacoli o manifestazioni vietate con animali Divieto di combattimenti tra animali.

8 Gioco del lotto non autorizzato Ricevere o far ricevere gioco sul lotto, senza essereautorizzato dall amministrazione(art. 110 R.D.L.19 ottobre 1938, n. 1933) Sanzione amministrativa da 15,00 a 77,00 P.M.R.: entro 60 gg. 25,67 Direzione regionale delle entrate Annotazioni Competenza esclusiva della G. di F.

9 Lotterie, tombole, pesche di beneficienza Inosservanza delle condizioni imposte nel decreto di autorizzazione ad esercitare lotterie, tombole o pesche di beneficienza (art. 112 R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da 77,00 a 309,00 P.M.R.: entro 60 gg. 103,00 Direzione regionale delle entrate Annotazioni Competenza esclusiva della G. di F.

10 Lotto clandestino Esercitare il lotto clandestino in qualsiasi modo e sotto qualsiasi forma (art. 113 R.D.L. 1933/38) Reclusione da uno a otto mesi e multa da 77,00 a 387,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

11 Lotto clandestino Effettuare giocate al lotto clandestino (art. 113 R.D.L. 1933/38) Multa da 7,00 a 15,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

12 Lotterie, tombole, riffe, pesche o banchi di beneficenza Svolgimento, al di fuori dei casi consentiti, di lotterie, tombole, riffe, pesche o banchi di beneficenza o di qualsiasi altra manifestazione comunque denominata con offerta di premi attribuiti mediante estrazione, sia che questa venga effettuata appositamente sia che si fac cia riferimento ad altra designazione che dipende dalla sorte o alle estrazioni del lotto pubblico (art.113 bis, comma 1 R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da 1.032,00 a ,00 P.M.R.: entro 60 gg ,00 Direzione regionale delle entrate Comune (se manifestazioni di sorte locali) Annotazioni Competenza esclusiva del la G. di F., tranne che per le manifestazionia carattere locale. La sanzione è ridotta alla metà se l operazione è

13 circoscritta a poche persone ed il premio risulti di scarso valore (172) I comuni controllano le manifestazioni di sorte locali e sono l autorità competente a ricevere il rapporto e a cui pervengono i proventi delle sanzioni. Alle manifestazioni di sorte locali si applicano le sanzioni di cui al R.d.L. 19 ottobre 1938, n. 1933, (art. 14/ 5^ del DPR 26/10/2001, n. 430)

14 Lotterie aperte all'estero Vendita e distribuzione nel territorio dello Stato di biglietti di lotterie aperte all estero o di titoli di prestiti stranieri a premi, ancorché i premi rappresentino rimborsidi capitale o pagamento di interessi, nonché di raccolte, di sottoscrizio nee per le lotterie ed i prestiti anzidetti(art. 113 bis comma 2 R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da 1.032,00 a ,00 P.M.R.: entro 60 gg ,00 Direzione regionale delle entrate Annotazioni Competenza esclusiva della G. di F.

15 Reclamizzare lotterie non autorizzate In qualsiasi modo reclamizzare al pubblico le operazioni indicate nei precedenti commi 1 e 2 (art. 113 bis comma 3 R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da 309,00 a 3.098,00 P.M.R.: entro 60 gg. 618,00 Direzione regionale delle entrate Comune (se manifestazioni di sorte locali) Annotazioni Tranne che per le manifestazionia carattere locale, sussiste la competenza esclusiva del la G. di F. La sanzione è raddoppiata se la pubblicità è effettuata tramite stampa, radio o televisione (172) I comuni effettuano il controllo sul regolare svolgimento delle manifestazioni di sorte locali e sono l autorità com petente a ricevere il rapporto

16 e a cui pervengono i proventi delle sanzioni. Alle manifestazioni di sorte locali si applicano le sanzioni di cui al R.d.L. 19 ottobre 1938, n. 1933, (art. 14, comma 5 del DPR 26 ottobre 2001, n. 430)

17 Annunziare lotto clandestino o lotterie non autorizzate Annunziare al pubblico le operazioni di lotto clandestino o di lotteria o di sorte previste dall art.113, anche con la semplice indicazione del luogo ove si vendono i titoli o i biglietti (art. 115 R.D.L.1933/38) Sanzione amministrativa da 46,00 a 464,00 P.M.R.: entro 60 gg. 92,00 Direzione regionale delle entrate Comune (se manifestazioni di sorte locali) Annotazioni Tranne che per le manifestazioni a carattere locale, sussiste la competenza esclusiva della G. di F. (172) I comuni effettuano il controllo sul regolare

18 svolgimento delle manifestazioni di sorte locali e sono l autorità com petente a ricevere il rapporto e a cui pervengono i proventi delle sanzioni. Alle manifestazioni di sorte locali si applicano le sanzioni di cui al R.d.L. 19 ottobre 1938, n. 1933, (art. 14, comma 5 del DPR 26 ottobre 2001, n. 430)

19 Operazioni di prestiti a premio non autorizzate Esercitare operazioni chenelle forme o nei modiabbiano per oggetto la cessione di obbligazio ni di prestiti a premio autorizzati nella Repubblica (art. 116 R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da 258,00 a 1.549,00 P.M.R.: entro 60 gg. 516,00 Direzione regionale delle entrate Annotazioni Competenza esclusiva della G. di F.

20 Giocare a lotterie non autorizzate Giocatore, compratore osottoscrittore di biglietti, cartelle, numeri o altro relativi alle operazioni di cui a presente articolo (art. 113 bis comma 4 R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da 154,00 a 929,00 P.M.R.: entro 60 gg. 308,00 Direzione r e g i o n a l e delle entra te Comune (se manifestazioni di sorte locali) Annotazioni Tranne che per le manifestazioni a ca rattere locale, competenzaesclusiva della G. di F. (172) I comuni effettuano il controllo sul regolare svolgimento delle manifestazioni di sorte locali e sono l autorità com petente a ricevere il rapporto e a cui pervengono i proventi delle sanzioni. Alle manifestazioni di sorte locali si applicano le sanzioni di cui al R.d.L. 19 ottobre 1938, n. 1933, (art. 14, comma 5 del DPR 26 ottobre 2001, n. 430)

21 Concorsi a premio non autorizzati Effettuare concorsi ed operazioni a premio di cui è vietato lo svolgimento (art. 124 comma 1 R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da una a tre volte l ammontare del l imposta sul valore aggiunto dovuta P.M.R.: Un sesto del massimo entro 30 gg. (art. 124/4 R.D.L. 1933/38) Direzione regionale delle entrate Annotazioni Competenza esclusiva della G. di F. comunque non inferiore a La sanzione è raddoppiata se i concorsi e le operazioni a premio sono continuati quando ne è stato vietato lo svolgimento

22 Concorsi a premio non comunicati Effettuazione di concorsi a premio senza invio della comunicazione (art. 124 comma 2R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da 2.065,00 a ,00 P.M.R.: Un sesto del massimo entro 30 gg. (art. 124/4 R.D.L. 1933/38) Direzione regionale delle entrate Annotazioni Competenza esclusiva della G. di F. La sanzione è ridotta del 50 per cento se la comuni cazione è stata inviata dopo l inizio del concorso, ma prima che siano state contestate eventuali violazioni

23 Concorsi a premio irregolari Effettuazione del concorso a premi con modalità difformida quelle indicate nella comunicazione (art. 124 comma 3 R.D.L. 1933/38) Sanzione amministrativa da 1.032,00 a 5.164,00 P.M.R.: Un sesto del massimo entro 30 gg. (art. 124/4 R.D.L. 1933/38) Direzione regionale delle entrate Annotazioni Competenza esclusiva della G. di F..

24 Riffa al pubblico Offrire la riffa al pubblico mediante sorteggio di uno o più numeri o con riferimento alle estrazioni del lotto pubblico (art. 18 legge 2 agosto 1982, n. 528) Ammenda da 51,00 a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Competenza: Giudice di pace Procura

25 Contraffazione di scontrini delle scommesse Contraffaregliscontrinidelle scommesse o manomettere le re gistrazioni o, non avendo partecipato alle contraffazioni o alla manomissione, fare uso di tali scontri ni (art. 19 L. 528/82) Reclusione da tre a sei anni e multa da 516,00 a 5.164,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: facoltativo Fermo: non consentito Procura

26 Operazioni di gioco del lotto senza concessione Effettuare la raccolta delle scom messe del gioco del lotto senza averne ottenutalaconcessione oppure quando questa sia scaduta o sia stata revocata (art. 20 L.528/82) Multa sino a ,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Competenza: Giudice di pace Procura Annnotazioni (170)

27 Raccolta fuori dei luoghi consentiti del gioco del lotto Effettuare la raccolta delle scom messe del gioco del lotto pubblico fuori dei punti di raccolta (art. 20 L. 528/82) Multa sino a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Competenza: Giudice di pace Procura Annotazioni (170)

28 Esercizio abusivo di giochi, scommesse o concorsi pronostici Esercitare abusivamentel organizzazione del gioco del lotto o di scommesse o di concorsi pronostici che lalegge riserva allo Stato o ad altro ente concessio nario (art. 4 comma 1 legge 13 dicembre 1989, n. 401) Reclusione da sei mesia tre anni Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

29 Scommesse o concorsi pronostici su attività sportive Organizzare scommesse o concorsi pronostici su attività sportive gestite dal CONI, dalle organizzazioni da esso dipendenti o dal l UNIRE (art. 4 comma 1 legge 13 dicem bre 1989, n. 401) Reclusione da sei mesia tre anni Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

30 Abusiva organizzazione di scommesse su competizioni Esercitare abusivamente l organizzazione di pubbliche scommesse su altre competizioni di persone o animali o giochi di abilità (art. 4 comma 1 legge 13 dicembre 1989, n. 401) Arrestodatre mesi a un anno e ammenda non inferiore a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

31 Obbligo di denuncia Gestore di ippodromo o di agenzia che non denuncia immediatamente l'esercizio abusivo di scommesse (art. 6 comma 8 del D.P.R. 4 Aprile 1998, n. 169) Sanzione amministrativa da 1.03,00 a 2.587,00 P.M.R. entro 60 gg 206,00 Prefetto

32 Divieto di accesso Inottemperanza al divieto di accesso agli ippodromi e alle agenzie, inflitto dall' di P.S. a chi abbia accettato scommesse fuori dai luoghi autorizzati(art. 6 comma 7 del D.P.R. 4 aprile 1998, n. 169) Sanzione amministrativa da 516,00 a 5.164,00 P.M.R. entro 60 gg ,00 Prefetto Annotazioni Le scommesse sono consentite presso: a) sportelli negli ippodromi b) picchetti degli allibratori c)agenzie ippiche d) ricevitorie

33 Divieto di accesso Inottemperanza al divieto di accesso agli ippodromi e alle agenzie, inflitto dall' di P.S. a chi abbia effettuato scommesse fuori dai luoghi autorizzati(art. 6 comma 7 del D.P.R. 4 aprile 1998, n. 169) Sanzione amministrativa da 103,00 a 1.032,00 P.M.R. entro 60 gg. 206,00 Prefetto Annotazioni Le scommesse sono consentite presso: a) sportelli negli ippodromi b) picchetti degli allibratori c)agenzie ippiche d) ricevitorie

34 Vendita non autorizzata di biglietti Vendere, sul territorio nazionale, senza autorizzazione dell'amministrazione autonoma monopoli di Stato, biglietti di lotterie o di analoghe manifestazioni di sorte di Stati esteri ovveropartecipare a tali operazionimediante raccolta di prenotazioni di giocate, e l accreditamento delle relative vincite e la promozione e la pubblicità effettuate con qualunque mezzo di dif fusione (art. 4 comma 1 L.13 dicembre 1989, n. 401) Si applicanole sanzioni previste in caso di giochi o concorsi che la legge riserva allo Stato Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

35 Giochi a distanza Organizzare, esercitare e raccogliere a distanza, senza la prescritta concessione, qualsiasi gioco istituito o disciplinato dall'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato.(art. 4 comma 1 Legge 401/1989) Reclusione da sei mesi a tre anni Procedibilità: d'ufficio; Arresto in flagranza: non consentito; Fermo: non consentito Procura

36 Giochi a distanza Ancorché titolare della prescritta concessione, organizzare, esercitare e raccogliere a distanza qualsiasi gioco istituito o disciplinato dall'amministrazione autonoma dei monopoli di Stato con modalità e tecniche diverse da quelle previste dalla legge (art. 4 comma 1 Legge 401/1989) Arresto da tre mesi a un anno o ammenda da 500 a Procedibilità: d'ufficio; Arresto in flagranza: non consentito; Fermo: non consentito Procura

37 Pubblicità Dare pubblicità a concorsi, giochi e scommesse di cui al punto precedente (art. 4 comma 2 L. 401/89) Arresto fino a tre mesi o ammenda da 51,00 a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

38 Partecipare a concorsi, giochi e scommesse abusivi Partecipare a concorsi,giochi, scommesse gestiti con le modalità di cui all art. 4 comma 1, L. 401/89, fuori dei casi di concorso (art. 4 comma 3 L. 401/89) Arresto fino a tre mesi o ammenda da 51,00 a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

39 Raccolta di scommesse, senza concessione Senza concessione, autorizzazione o licenza ai sensi dell art. 88 TULPS, svolgere in Italia qualsiasi attività organizzata al fine di accettare oraccogliere o comunque favorire l accettazione o in qualsia si modo la raccolta, anche per via telefonica o telematica, di scommessedi qualsiasi genere da chiunque accettati, in Italia o all e stero (art. 4 bis L. 401/1989) Arresto fino a tre mesi o ammenda da 51,00 a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

40 Raccolta di giocate, senza autorizzazione Effettuare la raccolta o la prenotazione di giocate del lotto, di con corsi pronostici o di scommesse per viatelefonica o telematica essendo sprovvisto diapposita autorizzazione all uso di tali mezzi per la predetta raccolta o prenota zione (art. 4 ter L. 401/1989) Arresto fino a tre mesi o ammenda da 51,00 a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

41 Sala giochi non autorizzata Sale da biliardo o di altri giochi leciti, senza la licenza del comune (art. 86 T.U.L.P.S. e art. 194 Reg. T.U.L.P.S.) Sanzione amministrativa da 516,00 a 3.098,00 (art. 17 bis/1 T.U.L.P.S.) P.M.R.: entro 60 gg ,00 Prefetto Annotazioni Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2 Legge 689/81 (22) Art. 17ter T.U.L.P.S. 1. Quando è accertata una violazione pre vista dall art. 17bis, commi 1 e 2, e dall art. 221bis il pubblico ufficiale che vi ha proceduto, fermo restando l obbligo del rap porto previsto dall art. 17 della legge 24 novembre 1981, n. 689, ne riferisce per iscritto,

42 senza ritardo, all autorità competen te al rilascio dell autorizzazione o, qualora il fatto non concerna attività soggette ad autorizzazione, al questore.

43 Produzione e importazione di apparecchi per giochi leciti Esercitare senza la licenza prevista dall art. 86 TULPS l attività di produzione o di importazione di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici di cui all articolo 110, commi 6 e 7 (art.86 TULPS) Sanzione amministrativa da 516,00 a 3.098,00 (art. 17 bis/1 T.U.L.P.S.) P.M.R.: entro 60 gg ,00 Prefetto Annotazioni Riferire anche all'autorità competente al rilascio dell'autorizzazione. Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2Legge 689/81 (22) Art. 17ter T.U.L.P. S. 1. Quando è accertata una violazione pre vista dall art. 17bis, commi 1 e 2, e dall art. 221bis il pubblico ufficiale che vi ha proceduto, fermo restando l obbligo del rap

44 porto previsto dall art. 17 della legge 24 novembre 1981, n. 689, ne riferisce per iscritto, senza ritardo, all autorità competen te al rilascio dell autorizzazione o, qualora il fatto non concerna attività soggette ad autorizzazione, al questore. (128)

45 Distribuzione e gestione di apparecchi per giochi leciti Esercitare senza la licenza previ sta dall art. 86 TULPS l attività di distribuzione e digestione, anche indiretta di apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici di cui all articolo 110, commi 6 e 7 (art. 86 TULPS) Sanzione amministrativa da 516,00 a 3.098,00 (art. 17 bis/1 T.U.L.P.S.) P.M.R.: entro 60 gg ,00 Prefetto Annotazioni Riferire anche all'autorità competente al rilascio dell'autorizzazione. Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2 legge 689/81 (22) Art. 17ter T.U.L.P.S. 1. Quando è accertata una violazione pre vista dall art. 17bis, commi 1 e 2, e dall art. 221bis il pubblico ufficiale che vi ha proceduto, fermo restando l obbligo del rap

46 porto previsto dall art. 17 della legge 24 novembre 1981, n. 689, ne riferisce per iscritto, senza ritardo, all autorità competen te al rilascio dell autorizzazione o, qualora il fatto non concerna attività soggette ad autorizzazione, al questore. (128)

47 Installazione di apparecchi per giochi leciti Esercitare senza la licenza previ sta dall art. 86 TULPS l installazione in esercizi commerciali o pubblici diversi da quelli già in possesso di altre licenze di cui al primo o secondo comma dell art. 86 o di cui all articolo 88 (art. 86 TULPS) Sanzione amministrativa da 516,00 a 3.098,00 (art. 17 bis/1 T.U.L.P.S.) P.M.R.: entro 60 gg ,00 Prefetto Annotazioni Riferire anche all'autorità competente al rilascio dell'autorizzazione Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2 Legge 689/81 (22) Art. 17ter T.U.L.P.S. 1. Quando è accertata una violazione pre vista dall art. 17bis, commi 1 e 2, e dall art. 221bis il pubblico ufficiale che vi ha proceduto, fermo restando l obbligo del rap porto previsto dall art. 17 della legge 24

48 novembre 1981, n. 689, ne riferisce per iscritto, senza ritardo, all autorità competen te al rilascio dell autorizzazione o, qualora il fatto non concerna attività soggette ad autorizzazione, al questore. (128)

49 Installazione di apparecchi per giochi leciti Esercitare senza la licenza previ sta dall art. 86 TULPS l installazione in altre aree aperte al pubblico od in circoli privati (art. 86 TULPS) Sanzione amministrativa da 516,00 a 3.098,00 (art. 17 bis/1 T.U.L.P.S.) P.M.R.: entro 60 gg ,00 Prefetto Annotazioni Riferire anche all'autorità competente al rilascio dell'autorizzazione. Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2Legge 689/81 (22) Art. 17ter T.U.L.P.S. 1. Quando è accertata una violazione pre vista dall art. 17bis, commi 1 e 2, e dall art. 221bis il pubblico ufficiale che vi ha proceduto, fermo restando l obbligo del rap porto previsto dall art. 17 della legge 24 novembre 1981, n. 689, ne riferisce per iscritto,

50 senza ritardo, all autorità competen te al rilascio dell autorizzazione o, qualora il fatto non concerna attività soggette ad autorizzazione, al questore. (128)

51 Giochi pubblici e minori di anni 18 Titolare dell'esercizio commerciale, locale o, comunque, punto di offerta del gioco, che consente la partecipazione ai giochi pubblici (con vincita in denaro) a minori di anni 18 (art. 24 comma 21 del D. L. 6 luglio 2011, n. 98) Sanzione amministrativa da 5.000,00 a ,00 P.M.R.: entro 60 gg ,66 Ufficio territoriale A.A.M.S. Annotazioni Sospensione dell'autorizzazione anche in caso di pagamento in miisura ridotta (174) Secondo il Consiglio di Stato (parere 1299/2007 del 15 maggio 2007), il portafoglio dei giochi pubblici di AAMS si articola nei seguenti segmenti omogenei di mercato: 1) giochi numerici basati su scommessa a quota fissa (lotto e giochi accessori); 2) giochi numerici a totalizzatore nazionale (superenalotto e giochi

52 accessori e derivati); 3) lotterie; 4) giochi su base sportiva; 5) giochi su base ippica; 6) bingo; 7) apparecchi di intrattenimento.

53 Produzione ed importazione di apparecchi privi dei requisiti di legge Produrre od importare, per destinarli all uso sul territorio nazionale, apparecchi e congegni di cui ai commi 6 e 7 non rispondenti alle caratteristiche ed alle prescrizioni indicate nei commi 6 o 7 e nelle disposizioni di legge ed ammini strative attuative di detti commi (art. 110 comma 9 lett. a) TULPS) Sanzione amministrativa da 1.000,00 a 6.000,00 per ciascun apparecchio P.M.R.: entro 60 gg ,00 per ciascun apparecchio Direttore regionale monopoli di Stato Annotazioni Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2 Legge 689/81 (177) (178) (180) (181)

54 Produzione ed importazione di apparecchi privi delle autorizzazioni di legge Produrre od importare, per destinarliall uso sul territorio nazionale, apparecchi e congegni di cui ai commi 6 e 7 sprovvisti dei titoli autorizzatori previstidalle disposizionivigenti (art.110 comma 9 lett. b) TULPS) Sanzione amministrativa da 500,00 a 3.000,00 per ciascun apparecchio P.M.R.: entro 60 gg ,00 per ciascun apparecchio Direttore regionale monopoli di Stato Annotazioni Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2 Legge 689/81 (177) (178) (180) (181)

55 Distribuzione o installazione di apparecchi privi dei requisiti di legge Sul territorio nazionale, distribuire od installare o comunque consentire l uso in luoghi pubblici od aperti al pubblico od in circoli ed associazioni di qualunque specie di apparecchi o congegni non rispondenti alle caratteristiche ed alle prescrizioni indicate nei commi 6 o 7 e nelle disposizioni di legge ed amministrative attuative di detti commi (art. 110 comma 9 lett. c) TULPS) Sanzione amministrativa di 4.000,00 per ciascun apparecchio P.M.R.: entro 60 gg ,33 per ciascun apparecchio Direttore regionale monopoli di Stato Annotazioni Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2 Legge 689/81

56 (177) (178) (180) (181)

57 Su apparecchi per giochi leciti, corrispondere premi diversi da quelli ammessi, Consentendo l uso in luoghi pubblici od aperti al pubblico o in circoli ed associazioni di qualunque specie di apparecchi e congegni conformi alle caratteristi che eprescrizioni indicate nei commi 6 o 7 e nelle disposizioni di legge ed amministrative attuative di detti commi, corrisponde a fronte delle vincite premi, in denaro o di altra specie, diversi da quelli ammessi (art. 110 comma 9 lett. c) TULPS) Sanzione amministrativa di 4.000,00 per ciascun apparecchio P.M.R.: entro 60 gg ,33 per ciascun apparecchio Direttore regionale monopoli di Stato Annotazioni Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma 2 Legge 689/81

58 (177) (178) (180) (181)

59 Distribuzione o installazione di apparecchi privi dei titoli autorizzatori Sul territorio nazionale, distribuire od installare o comunque consentire l uso in luoghi pubblici o aperti al pubblico o in circoli ed associazioni di qualunque specie di apparecchi e congegni per i quali non siano stati rilasciati i titoli autorizzatori previsti dalle disposizionivigenti (art.110 comma 9 lett. d) TULPS) Sanzione amministrativa da 500,00 a 3.000,00 per ciascun apparecchio P.M.R.: entro 60 gg ,00 per ciascun apparecchio Direttore regionale monopoli di Stato Annotazioni Procedere a sequestro amministrativo ex art. 13 comma2 Legge 689/81

60 (177) (178) (180) (181)

61 Mancata esposizione del titolo autorizzatorio Mancataesposizionesuogni apparecchio del titolo autorizzatorio (art. 110, comma 9, lett. f) TULPS) Sanzione amministrativa da 500,00 a 3.000,00 per ciascun apparecchio P.M.R.: entro 60 gg ,00 per ciascun apparecchio Direttore regionale monopoli di Stato

62 Tabelle dei giochi vietati Mancata esposizione nellasala giochi, della tabella con i giuochi vietati, i giuochi d azzardo e l'indicazione del divieto di scommesse (art. 195 Reg. T.U.L.P.S.) Arresto fino a 2 mesi o ammenda fino a 103,00 (art. 221 T.U.L.P.S.) Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

63 Tariffa nelle sale da biliardo Violazione dell obbligo di tenere a disposizione deigiocatori, nelle sale da biliardo, le relative tariffe (art. 195 Reg. T.U.L.P.S.) Arrestosinoa due mesi o ammenda sino a 103,00 (art. 221 T.U.L.P.S.) Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

64 Esercizio di giochi d azzardo In luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualun que specie, tenere un giuoco d az zardo o agevolarlo (art. 718 C.P.) Arrestoda tre mesi a un anno e ammenda non inferiore a 206,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

65 Giochi d azzardo. Circostanze aggravanti. 1) Se il colpevole ha istituito o tenuto una casa da giuoco; 2) se il fatto è commesso in un pubblico esercizio; 3) se sono impegnate nel giuoco poste rilevanti; 4) se fra coloro che partecipano al giuoco sono persone minori degli anni diciotto (art. 719 C.P.) La penaperil reatopreveduto dall art.718 è raddoppiata Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura

66 Partecipazione a giuochi d'azzardo In un luogo pubblico o aperto al pubblico, o in circoli privati di qualunque specie, senza essere con corso nella contravvenzione pre vedutadall articolo 718, essere colti mentre si prende parte al giuoco d azzardo (art. 720 C.P.) Arresto fino a sei mesi o ammenda fino a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura Annotazioni La pena è aumentata: 1) nel caso di sorpresa in una casa da giuoco o in un pubblico esercizio; 2) per coloro che hanno impegnato nelgiuoco poste rilevanti.

67 Esercizio abusivo di un giuoco non d azzardo Essendo autorizzato a tenere sale da giuoco o da bigliardo, tollerare che vi si facciano giuochi non d'azzardo, ma tuttavia vietati dall auto rità (art. 723 C.P.) Ammenda da 5,00 a 103,00 Nei casi preveduti dai numeri 3 e 4 dell art.719, si applica l arresto fino a tre mesi e l ammenda da 51,00 a 516,00 Procedibilità: d ufficio Arresto in flagranza: non consentito Fermo: non consentito Procura Annotazioni Per chi sia colto mentre prende parte al giuoco, la pena è dell ammenda fino a, 51,00

68 Spettacoli o manifestazioni vietate con animali Organizzare o promuovere spettacoli o manifestazioni che comportino sevizie o strazio di animali, se i fatti sono commessi in relazione all'esercizio di scommesse clandestine (art. 554quater, comma 2 C.P.) Reclusione da 4 mesi a 2 anni e multa da 3.000,00 a 5.000,00 aumentata da un terzo alla metà Procedibilità: d'ufficio; Arresto in flagranza: non consentito;fermo: non consentito Procura Annotazioni

69 Divieto di combattimenti tra animali. Organizzare o effettuare scommesse sui combattimenti e sulle competizioni non autorizzati tra animali (art. 544quinquies, comma 4 C.P.) Reclusione da 3 mesi a 2 anni e multa da 5.000,00 a ,00 Procedibilità: d'ufficio; Arresto in flagranza: non consentito; Fermo: non consentito Procura Annotazioni

70 (170) D.Lgs. 28 agosto 2000, n Art. 52. Sanzioni (170) 1. Ai reati attribuiti alla competenza del giudice di pace per i quali è prevista la sola pena della multa o dell ammenda continuano ad applicarsi le pene pecuniarie vigenti. 2. Per gli altri reati di competenza del giudice di pace le pene sono così modificate: a) quando il reato è punito con la pena della reclusione o dell arresto alternativa a quella della multa o dell ammen da, si applica la pena pecuniaria della specie corrispondente da 258 a 2.582; se la pena detentiva è superiore nel mas simo a sei mesi, si applica la predetta pena pecuniaria o la pena della permanenza domiciliare da sei giorni a trenta giorni ovvero la pena del lavoro di pubblica utilità per un periodo da dieci giorni a tre mesi;

71 b) quando il reato è punito con la sola pena della reclusione o dell arresto, si applica la pena pecuniaria delle spe cie corrispondente da 516 a o la pena della permanenza domiciliare da quindici giorni a quarantacinque giorni ovve ro la pena del lavoro di pubblica utilità da venti giorni a sei mesi; c) quando il reato è punito con la pena della reclusione o dell arresto congiunta con quella della multa dell am menda, si applica la pena pecuniaria della specie corrispondente da 774 a o la pena della permanenza domicilia re da venti giorni a quarantacinque giorni ovvero la pena del lavoro di pubblica utilità da un mese a sei mesi. 3. NeI casi di recidiva reiterata infraquinquennale, il giudice applica la pena della permanenza domiciliare o quella del lavoro di pubblica utilità, salvo che sussistano circostanze attenuanti ritenute prevalenti o equivalenti. 4. La disposizione del comma 3 non si applica

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP

Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP PREVENZIONE Agroalimentare: la nuova tutela penale fornita dal codice ai prodotti DOP e IGP Cosimo Nicola Pagliarone* Lelio Palazzo** In ambito di mercato i marchi di tutela hanno la funzione di preservare

Dettagli

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art.

DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. DENUNCIA INIZIO ATTIVITA AGENZIA D AFFARI (Artt. 19 legge 241/90, modificato dall art. 2, c.10, della legge 537/93 e art. 21 legge 241/90) Al Sindaco del Comune di. Il sottoscritto Cognome Nome Codice

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 23 dicembre 1996, n. 662 e, in particolare, l articolo 2, comma 100, lettera a), che ha istituito il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese;

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5

Tuttocamere L. n. 82/1994 Pag. 1/5 L. 25 gennaio 1994, n. 82 (G.U. n. 27 del 3 febbraio 1994): Disciplina delle attività di pulizia, di disinfezione, di disinfestazione, di derattizzazione e di sanificazione. Art. 1 (Iscrizione delle imprese

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Sommario: 1. Premessa. - 2. Gli ordini e le ordinanze. - 3. Le autorizzazioni. - 4. Segue: Competenza al rilascio delle autorizzazioni. - 5. Segue: La disciplina

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

300 (RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA PERSONE GIURIDICHE).

300 (RESPONSABILITA' AMMINISTRATIVA PERSONE GIURIDICHE). DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001, n. 231 (in Gazzetta Ufficiale, 19 giugno, n. 140). - Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate

6. Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 (2004/72/CE) TUF Regolamento Proposto Articolo 6, paragrafo 3, comma 3, Articolo 115-bis (Registri delle persone che hanno accesso a informazioni privilegiate) Gli

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n.

Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150. (G.U. 31 agosto 1967, n. Legge 6 agosto 1967, n. 765 MODIFICAZIONI ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE URBANISTICA 17 AGOSTO 1942, N. 1150 (G.U. 31 agosto 1967, n. 218) INDICE Art. 1... 2 Art. 2... 2 Art. 3... 2 Art. 4... 3 Art. 5... 3

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n.

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA. (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. CHIARAZIONE SOSTITUTIVA RESA AI FINI DEL RILASCIO DELLA INFORMAZIONE ANTIMAFIA (Resa ai sensi dell'art. 46 del D.P.R. n. 445/2000) Il/La sottoscritto/a nato/a a Il residente a via nella sua qualità di

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

PARLAMENTO ITALIANO. "Disposizioni in materia di sicurezza pubblica"

PARLAMENTO ITALIANO. Disposizioni in materia di sicurezza pubblica PARLAMENTO ITALIANO Legge 15 luglio 2009, n. 94 "Disposizioni in materia di sicurezza pubblica" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24 luglio 2009 - Supplemento ordinario n. 128 Art. 1. 1. La

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 263 del 10 novembre 2012 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 10 novembre 2012

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 263 del 10 novembre 2012 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Sabato, 10 novembre 2012 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 263 del 10 novembre 2012 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMUNE DI MERATE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 29.01.2013 SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE INDICE NORME GENERALI...

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Adotta il seguente regolamento:

Adotta il seguente regolamento: REGOLAMENTO RECANTE MODIFICAZIONI AL DECRETO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE 19 GIUGNO 2003, n. 179 RECANTE NORME CONCERNENTI I CONCORSI PRONOSTICI SU BASE SPORTIVA, AI SENSI DELL ARTICOLO 16

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Per esercizi di somministrazione di alimenti e bevande si intendono le attività commerciali in cui i prodotti vengono venduti per poter esser

Dettagli

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015

Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine. Circolare numero: 009/2015 CONSULENTI DEL LAVORO: Rag. Gioacchino De Marco Dott. Riccardo Canu Dott. Elena Zanon P.az Roberta Gregoris Studio De Marco Canu Zanon Gregoris Consulenti del Lavoro in Udine Via Zanon 16/6 33100 Udine

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali ORDINANZA 3 marzo 2009 Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumita' pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie

Dettagli