MANUALE DELLA QUALITÀ DEL SETTORE ENERGY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE DELLA QUALITÀ DEL SETTORE ENERGY"

Transcript

1 MANUALE DELLA QUALITÀ DEL SETTORE ENERGY Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 1/34

2 Indice I. STATO DI REVISIONE... 4 II. INFORMAZIONI GENERALI SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Generalità Applicazione RIFERIMENTI NORMATIVI DEFINIZIONI SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Requisiti generali Requisiti relativi alla documentazione Tenuta sotto controllo delle registrazioni RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica per la qualità La Visione I Valori Modello Organizzativo e Codice Etico Pianificazione Obiettivi per la qualità Pianificazione del sistema di gestione per la qualità Responsabilità, autorità e comunicazione Responsabilità ed autorità Renewable Energy Fossil Power Generation Instrumentation & Electrical Service Transmission High Voltage Power Distribution Medium Voltage Power Distribution Energy Automation Trasmission & Distribution Service Export Sales & Execution Sales & Marketing Procurement Key Management & Support Functions Energy Sector Export Control and Customs (ECC) Compliance Business Planning & Control / Credit Management Business Administration Rappresentante della direzione di Settore Comunicazione interna Riesame della direzione GESTIONE DELLE RISORSE Messa a disposizione delle risorse Competenza, consapevolezza ed addestramento Infrastrutture REALIZZAZIONE DEL PRODOTTO Pianificazione della realizzazione del prodotto Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 2/34

3 Struttura dei sottoprocessi Mappa dei sottoprocessi Processi relativi al cliente Determinazione dei requisiti relativi al prodotto Riesame dei requisiti relativi al prodotto Comunicazioni con il cliente Progettazione e Sviluppo Approvvigionamento Produzione ed erogazione di servizi Tenuta sotto controllo delle attività di produzione e di erogazione dei servizi Validazione dei processi di produzione e di erogazione di servizi Identificazione e rintracciabilità Proprietà del cliente Conservazione dei prodotti Tenuta sotto controllo dei dispositivi di monitoraggio e di misurazione MISURAZIONI, ANALISI E MIGLIORAMENTO Generalità Monitoraggio e misurazione Soddisfazione del cliente Audit Interni della Qualità Monitoraggio e misurazione dei processi Monitoraggio e misurazione dei prodotti Tenuta sotto controllo dei prodotti non conformi Analisi dei risultati Miglioramento Miglioramento continuo Azioni correttive Azioni preventive Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 3/34

4 I. STATO DI REVISIONE Edizione Data Emissione Verifica Approvazione Motivo della revisione Nuova emissione per adeguamento alla norma UNI EN ISO 9001:2008 ed al Sistema di Gestione per la Qualità di Siemens S.p.A Revisione effettuata in seguito ad aggiornamento della struttura organizzativa della BU PTD e PG (vedi Circolare 06/04 del ) Aggiornamento per adeguare i processi della Supply Chain Management (SCM) a SPIRIDON Aggiornamento della Politica per la qualità. Revisione Cap. 5 e Aggiornamento per recepire la nuova organizzazione Annulla e sostituisce il Manuale PG-PDT stessa numerazione Emissione QM (G.Peluso) Verifica: CD&SO QM (M. Tresoldi) Approvazione: Head_BA Energy(L. Velati) Aggiornamento per recepire la nuova organizzazione Annulla e sostituisce il Manuale Energy stessa numerazione Distribuzione Intranet Aziendale Head_Energy (H. Reuter) Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 4/34

5 II. INFORMAZIONI GENERALI Il settore ENERGY presidia il mercato della produzione, quello della trasmissione e distribuzione dell energia elettrica, e infine dell industria dell oil & gas attraverso la progettazione, la commercializzazione, l installazione, l assistenza e manutenzione di impianti, sistemi ed apparati. Le soluzioni offerte sono innovative ed eco-sostenibili. Oltre a componenti per la generazione di energia, realizza centrali convenzionali e rinnovabili. I sistemi di strumentazione e controllo, la tecnologia a celle combustibili e l ampia gamma di servizi completano il portfolio. La trasmissione dell energia dalle centrali di produzione al consumatore viene garantita in modo affidabile, efficiente ed eco-sostenibile grazie a componenti e soluzioni innovative e personalizzate: interruttori di alta e media tensione, trasformatori e sottostazioni, automazione per reti elettriche e servizi di prima classe. L area Oil & Gas è in rapido sviluppo e Siemens Energy si propone come partner affidabile per la fornitura di prodotti e soluzioni personalizzati e per garantire il massimo ritorno degli investimenti ai suoi clienti. Ha la sede legale in Viale Piero e Alberto Pirelli, 10 Milano e sedi operative distribuite sul territorio nazionale : Via Vipiteno MILANO (MI) Via Scarsellini GENOVA (GE) Via Laurentina ROMA (RM) Via Volta 34 Scorzè (VE) Con riferimento alle Business Area di Siemens AG (Casa Madre) ed ai settori di, l appartenenza del Settore ENERGY è evidenziata in fig.1. Fig.1 Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 5/34

6 1 SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE 1.1. Generalità Scopo del manuale è di diffondere la politica per la qualità definita dalla Direzione Aziendale, descrivere le modalità di conduzione delle attività per il conseguimento degli obiettivi per la qualità, dimostrare la propria capacità di poter fornire un prodotto che soddisfi i requisiti del cliente ed i requisiti applicabili in ambito regolamentato, definire l approccio al miglioramento continuo ed al monitoraggio della soddisfazione del Cliente Applicazione Il manuale della qualità è valido nell ambito del Settore ENERGY e definisce i processi attraverso i quali si sviluppano le attività di generazione del valore per il cliente e per gli shareholders. Il manuale qualità si applica a tutti i processi che riguardano la fornitura di soluzione sistemistiche, la commercializzazione, l installazione, l assistenza e manutenzione d impianti e sistemi di competenza del Settore ENERGY. Il Settore ENERGY non gestisce processi produttivi il cui risultato finale non possa essere verificato da successive attività di monitoraggio, pertanto il paragrafo della norma UNI EN ISO 9001:2008 è escluso. 2 RIFERIMENTI NORMATIVI UNI EN ISO 9000:2005 UNI EN ISO 9001:2008 UNI EN ISO 9004:2000 QS1_01QM QS6_01QM QE6_01QM BD&QM_RL_003 QS2_01QM QS2_02QM Sistemi di gestione per la qualità - Fondamenti e vocabolario Sistemi di gestione per la qualità - Requisiti. Sistemi di gestione per la qualità - Linee guida per il miglioramento delle prestazioni. Manuale della Qualità di Document List_ Document List_ Matrice Correlazione SQM UNI ISO 9001:2008 Managerial Documentation Central Function Documentazione aziendale Inquadramento e responsabilità Emissione dei documenti del Sistema di Gestione per la Qualità Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 6/34

7 3 DEFINIZIONI Le definizioni si riferiscono a termini e/o acronimi e non comprendono la terminologia relativa alla qualità in quanto già inclusa nel documento di riferimento UNI EN ISO 9000:2005. SPA SAG BA BTA SEC DIV QM SGQ CF MQ_SPA MQ_SEC PR_MQ PR_AR PR_P_C PR_P_M PR_P_S PO_IL DL_SPA F IE S D SE T H Exp S&E S&Mkt E K M&S F E P D MV D EA E GPD Siemens Aktiengesellschaft (Casa Madre) Business Administration Business Target Agreement Settore Division Quality Manager Sistema di Gestione per la Qualità Funzione Centrale/Central Function Settore Procedura di riferimento per il Procedura: Attività e Responsabilità Procedura: Operating Processes Procedura: Management Processes Procedura: Support Processes Procedura Operativa ed Istruzioni di Lavoro a validità generale Document List Fossil Power Generation Instrumentation & Electrical Service Power Distribution Service Power Transmission High Voltage Export Sales & Execution Sales & Marketing Key Management & Support Functions Procurement Power Distribution Medium Voltage Power Distribution Energy Automation Energy Geschaft Politische Durchsprache Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 7/34

8 4 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 4.1. Requisiti generali La ha predisposto ed è impegnata a mantenere e migliorare il Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ), per assicurare che i processi interni ed i prodotti di ciascun Settore, siano conformi ai requisiti specificati e soddisfino le aspettative del Cliente. Essendo inoltre e, più in generale, tutte le organizzazioni del gruppo Siemens Italia, parte di un ampio gruppo internazionale, l attuazione del Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) viene effettuata in linea con le indicazioni contenute nel Siemens Quality Management System (SQM). A garanzia che l SQM System copra integralmente i contenuti della norma ISO 9001:2008 è stata creata una Matrice di Correlazione che identifica una relazione puntuale tra i vari punti della norma ISO 9001:2008 ed i punti (9 mandatory elements) del SQM System. Il Settore ENERGY ha definito i propri processi in accordo alle linee guida definite nel Manuale Qualità di (QS1_01QM), alle modalità operative della Business Area di appartenenza ed alle proprie esigenze organizzative (Fig. 4_1). Management Processes Strategic Planning & Controlling Financial Planning & Controlling Enterprise Governance Internal Audit Relativi alla responsabilità della Direzione Customer Relationship Management (CRM) Plan Understand Sell Care Supply Chain Management (SCM) Relativi al prodotto Plan Source Make Deliver Return Product Lifecycle Management (PLM) Product Portfolio Plan Define Management Realize Commercialize/ Operate Phase out Specifici di Siemens AG Support Processes Environment, Intellectual Quality Human Financial Health & Capital Management Resources Management Safety Management Process & Information Management Procurement Communication Admini- Real Estate Operating stration & Management Rules Infrastructure Specifici di Govrnance (RC IT) Fig. 4_1 Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 8/34

9 La MAPPA DEI PROCESSI applicabili al Settore ENERGY è riportata in fig. 4_2. Fig. 4_ Requisiti relativi alla documentazione La documentazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Settore ENERGY, è composta dalla seguente tipologia di documenti: - di ; - Procedure di riferimento per il ; - Procedure dei processi: Chiave, Management e Supporto; - del Settore ENERGY - Procedure delle Attività e Responsabilità di Processo - Procedure Operative/Istruzioni di lavoro. Tale documentazione è tenuta sotto controllo in accordo con quanto definito nel corrispondente paragrafo del di ed in conformità con quanto specificato nelle seguenti procedure: - MANAGERIAL DOCUMENTATION CENTRAL FUNCTION - DOCUMENTAZIONE AZIENDALE:INQUADRAMENTO E RESPONSABILITA - EMISSIONE DEI DOCUMENTI DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ. I documenti di riferimento per il Sistema di Gestione per la Qualità del Settore ENERGY sono elencati nella DOCUMENT LIST_ENERGY (QE6_01QM), riportata al paragrafo due. La gestione della documentazione d origine esterna relativa ai clienti, agli standard tecnici di prodotto, alle direttive CEE ed alle leggi per la marcatura CE è di responsabilità del Settore ENERGY, mentre quella relativa agli standard della gestione (ISO, UNI, etc.), alle leggi italiane sulla tutela ambientale e sicurezza del lavoro ed ad altre leggi cogenti, la responsabilità è condivisa con le funzioni centrali di Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 9/34

10 Tenuta sotto controllo delle registrazioni Le registrazioni del sistema di gestione per la qualità sono tenute sotto controllo dalla procedura REGISTRAZIONI DELLA QUALITÀ, che definisce le modalità di identificazione, di archiviazione e di conservazione dei documenti di registrazione della qualità necessari per fornire evidenza della conformità ai requisiti della norma e dell efficacia del SGQ. Le registrazioni della qualità comprendono la seguente tipologia di documenti: - Valutazione e Sorveglianza dei fornitori; - Riesami, Verifiche, Validazioni, Controlli e collaudi, relativi al progetto/prodotto; - Riesami dell offerta e dell ordine; - Monitoraggio e misurazione dei processi e prodotti/servizi; - Prodotti non conformi; - Prodotti forniti dal Cliente; - Identificazione e rintracciabilità; - Dispositivi di monitoraggio e misurazione; - Reclami del cliente; - Azioni Correttive e Preventive; - Audit Interni; - Formazione ed addestramento; - Valutazione e Riesame del Sistema di Gestione per la Qualità - Piano Qualità di Settore; - Piano Qualità Aziendale. Tali documenti sono di uso interno e comunque disponibili in visione nel caso vengano richieste delle evidenze da parte di terzi, quali clienti, fornitori, enti di sorveglianza etc. 5 RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE 5.1. Impegno della Direzione La Direzione Aziendale di stabilisce la politica e gli obiettivi per la qualità, predispone l'organizzazione per il loro conseguimento ed attua il riesame del Sistema di Gestione per la Qualità. La definizione degli obiettivi per la qualità e l attuazione delle misure per il loro conseguimento sono definite in linea con i 9 Mandatory Elements definiti nel Siemens Quality Management System (SQM). Un costante impegno da parte della Direzione nel monitoraggio di tali obiettivi è garantito attraverso la discussione degli stessi in specifici Management Meetings o attraverso l effettuazione di sistematici follow-up. E responsabilità delle Direzioni di Settore/Divisioni, attraverso i MANAGEMENT PROCESSES (Fig. 5_1), definire e pianificare i propri obiettivi in accordo con quelli definiti dalla Direzione di Siemens S.p.A. e della corrispondente Business Area di Siemens AG, verificando i risultati conseguiti e attuando gli interventi necessari al loro raggiungimento. Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 10/34

11 Tali processi sono specificati nella procedura MANAGEMENT PROCESSES. Management Processes Strategic Planning & Controlling Financial Planning & Controlling Enterprise Governance Internal Audit Relativi alla responsabilità della Direzione Fig. 5_1 Annualmente è definito, nell ambito del processo STRATEGIC PLANNING e CONTROLLING, il Business Target Agreement (BTA) che uniforma le attività di pianificazione del Settore ENERGY, in accordo con gli indirizzi di Casa Madre. Al fine di assicurare il raggiungimento degli obiettivi definiti nel BTA, sono monitorati periodicamente, attraverso il processo di CONTROLLING, i risultati conseguiti dai rispettivi centri di profitto ed individuate, nell ambito d apposite riunioni di MANAGEMENT REVIEW, le eventuali azioni da intraprendere. Inoltre, per delineare una previsione a medio e lungo termine dei risultati di business, è definito lo Strategic Plan, in accordo con la metodologia di Casa Madre, denominata GPD Attenzione focalizzata al cliente Il Settore ENERGY si pone l obiettivo di soddisfare le esigenze del cliente attraverso la fornitura di: - Prodotti/Sistemi/Soluzioni realizzati e distribuiti in accordo con le esigenze del mercato e/o cliente; - Servizi di supporto tecnico, logistico ed ingegneristico orientati all ottimizzazione della catena del valore; - Partnership con i clienti volte a identificare, sviluppare e realizzare soluzioni integrate. Per raggiungere tali obiettivi il Settore ENERGY, attraverso i processi di CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT riportati in fig. 5_2, individua le esigenze del mercato, orienta l offerta al cliente, assicura il necessario supporto tecnico, valuta le esigenze e la qualità percepita dal cliente. Tali processi sono descritti nelle rispettive procedure ATTIVITA E RESPONSABILITA di PROCESSO. Esigenze del Cliente Fig. 5_2 Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 11/34

12 5.3. Politica per la qualità La Direzione assicura che la Politica della Qualità, i cui temi sono di seguito riportati, è appropriata agli scopi dell organizzazione, comprensiva dell impegno del soddisfacimento dei requisiti specificati e del miglioramento continuo e che viene riesaminata periodicamente per accertarne la continua idoneità La Visione La "vision" di Siemens Italia è quella di essere un Gruppo: che genera profitto e garantisce a ogni Cliente il più alto valore sostenibile; tra quelli di maggior successo a livello mondiale: primo o secondo player in ciascuno dei nostri business; capace di determinare i trend tecnologici; in grado di generare il maggior valore per i suoi azionisti; capace di attrarre i migliori talenti professionali; impegnato nel rispetto di un codice di valori condiviso in tutte le nostre azioni I Valori Siemens ha definito i principi su cui basare la propria etica nelle attività che sviluppa. Our values: Highest Performance with the Highest Ethics Performance eccellenti e comportamenti eticamente corretti sono i due pilastri per un successo sostenibile. Nel lungo periodo Siemens potrà rimanere competitiva solo se ciascuno di noi sarà in grado di soddisfare questi due requisiti contemporaneamente. Per questa ragione Siemens deve essere: 1. Responsabile 2. Eccellente 3. Innovativa Responsabile: per compiere azioni etiche e responsabili In Siemens siamo profondamente impegnati a rispettare tutti i requisiti legali e etici onorando, nella conduzione quotidiana del business, i più alti standard etici e professionali. Non c'è tolleranza per comportamenti che violano norme, leggi e codici etici. I principi legati al concetto di responsabilità sono la bussola che ci guida nella gestione del business e dobbiamo incoraggiare i nostri partner, fornitori e tutti coloro che entrano in contatto con noi ad adottare simili standard di comportamento. I nostri principi: Obbediamo alla legge Rispettiamo la dignità delle persone Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 12/34

13 Incoraggiamo la salute e la sicurezza Gestiamo il business in modo trasparente e sincero Siamo corretti nelle relazioni con i concorrenti e gli stakeholders Onoriamo gli impegni Rispettiamo la proprietà Lottiamo per la protezione dell'ambiente Siamo attivi in ambito civile e sociale Siamo impegnati nel raggiungimento dei risultati migliori Eccellente: per raggiungere performance e risultati eccellenti In Siemens ci poniamo obiettivi ambiziosi e ci impegniamo per raggiungerli. Affianchiamo i nostri clienti nella ricerca della perfezione proponendo soluzioni che eccedono le aspettative. L'eccellenza richiede la definizione di un percorso di miglioramento continuo, sfidando i processi esistenti e abbracciando i cambiamenti, per cogliere le nuove opportunità quando appaiono. Eccellenza significa anche essere in grado di attrarre i migliori talenti e fornire loro le competenze e gli strumenti necessari per diventare eccellenti. Siamo impegnati a promuovere giorno per giorno la high performance culture. I nostri principi: Ci poniamo obiettivi sfidanti e li raggiungiamo Siamo appassionati Siamo disposti a fare sempre uno sforzo in più (teniamo duro) Siamo disciplinati, agiamo velocemente e con decisione Lottiamo per ottenere la perfezione Comprendiamo a fondo le esigenze dei clienti e le sfide che ci pongono Sviluppiamo sistematicamente le nostre competenze e sfruttiamo appieno il nostro potenziale Interagiamo in maniera efficiente e pragmatica Abbracciamo il cambiamento per assicurarci la competitività nel futuro Innovativa: per creare valore sostenibile L'innovazione è la base del successo di Siemens. Allineiamo costantemente le nostre attività di Ricerca & Sviluppo alle strategie di business, possediamo i brevetti più importanti e siamo leader sia nei mercati emergenti sia in quelli maturi. Il nostro obiettivo è essere trendsetter in tutte le aree di business. Liberiamo la creatività e l'energia dei nostri collaboratori, promuovendo tutto ciò che è nuovo e diverso. Siamo ingegnosi e comprendiamo questa qualità in ogni sua forma: l'originalità, l'inventiva e l'intraprendenza. Siamo imprenditori e sviluppiamo le innovazioni su scala globale. Misuriamo il successo delle nostre innovazioni attraverso il successo dei nostri clienti e rinnoviamo costantemente il nostro portafoglio prodotti per rispondere alle necessità della Società e creare valore sostenibile. Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 13/34

14 I nostri principi: Creiamo innovazioni che offrono vantaggio competitivo ai nostri clienti Agiamo come imprenditori Siamo creativi e aperti a nuove idee Siamo ingegnosi e dotati di vision Siamo trendsetter Sfidiamo costantemente l'esistente Modello Organizzativo e Codice Etico, al fine di assicurare le migliori condizioni di correttezza e di trasparenza nella conduzione degli affari e delle attività aziendali, unitamente all adozione del Codice Etico, ha ritenuto conforme alle proprie politiche aziendali procedere all adozione di un Modello Organizzativo in linea con le prescrizioni del Decreto Legislativo 231/2001*. Il Modello adottato è stato definito sulla base delle Linee Guida emanate da Confindustria. Questa iniziativa è stata assunta nella convinzione che l adozione di tale Modello possa costituire un valido strumento di sensibilizzazione nei confronti di tutti i dipendenti della Società e di tutti gli altri soggetti a diverso titolo cointeressati (Clienti, Fornitori, Partners, Collaboratori a diverso titolo), affinché seguano, nell espletamento delle proprie attività, comportamenti corretti e lineari in modo da prevenire il rischio di commissione di reati Pianificazione Obiettivi per la qualità Le Direzioni di e di Settore, in collaborazione con la funzione qualità ed in linea con gli obiettivi recepiti da Casa Madre (Siemens AG), assicurano per le rispettive organizzazioni, che siano stabiliti gli obiettivi per la qualità, compresi quelli necessari per ottemperare ai requisiti dei prodotti e che tali obiettivi siano misurabili e coerenti con la politica per la qualità Pianificazione del sistema di gestione per la qualità Per assicurare l integrità e l applicazione del Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ), le Direzioni di e di Settore, supportate dalla funzione Qualità, pianificano e verificano il mantenimento del SGQ, in accordo con la procedura che specifica il processo di QUALITY MANAGEMENT, appartenente ai SUPPORT PROCESSES fig. 5_3. Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 14/34

15 Fig. 5_3 Il processo di QUALITY MANAGEMENT è strutturato in quattro sottoprocessi che sono: Plan, Prepare, Realize e Check. La struttura rispecchia essenzialmente il modello Plan-Do-Check-Act (PDCA), citato nella norma ISO 9001:2008 ; tale modello risulta particolarmente indicato per supportare l approccio per processi, che è uno dei concetti base della norma stessa. Il modello PDCA, così come la struttura adottata da Siemens per descrivere il processo di Quality Management, permette di: - stabilire gli obiettivi e le modalità necessarie per raggiungere risultati in accordo con i requisiti richiesti dal cliente e con le politiche dell organizzazione (Plan), - implementare i processi (Do), - monitorare e misurare i processi a fronte degli obiettivi e dei requisiti richiesti (Check) - adottare azioni per migliorare in modo continuo le prestazioni dei processi (Act). Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 15/34

16 5.5. Responsabilità, autorità e comunicazione Responsabilità ed autorità La Direzione Aziendale, in linea con le strategie diffuse da Casa Madre, definisce gli obiettivi per ciascuna Business Area individuando la struttura organizzativa più idonea per raggiungerli e attribuendo a ciascuna funzione aziendale (Settore, Central Functions), i mandati di competenza. E inoltre di responsabilità della Direzione Aziendale, attraverso la funzione HR CB/OD, comunicare, all interno dell organizzazione, autorità e responsabilità definite. In figura 5_4 è riportata la struttura organizzativa di, nell ambito della quale è inserito il Settore ENERGY, la cui struttura organizzativa è riportata in fig. 5_5 e fig. 5_6. Fig. 5_4 Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 16/34

17 SETTORE ENERGY (Struttura Organizzativa) Fig. 5.5 I mandati specifici, assegnati a ciascun Divisions/Functional Departments del, sono di seguito riportati Renewable Energy La Divisione RENEWABLE ENERGY (R) svolge attività di commercializzazione, di progettazione e di installazione e assistenza di sistemi di generazione dell energia elettrica ottenuta da fonti rinnovabili. Applica i Processi di SELL, DELIVER SOLUTION e DELIVER SERVICE Fossil Power Generation Instrumentation & Electrical La Divisione FOSSIL POWER GENERATION INSTRUMENTATION & ELECTRICAL (F IE) svolge attività di marketing e vendita di sistemi di controllo, regolazione, supervisione di processi e di service nel settore dell automazione industriale. Applica i Processi di SELL, DELIVER SOLUTION e DELIVER SERVICE Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 17/34

18 Service La Divisione SERVICE (S) ha la responsabilità della commercializzazione di service di impianti e componenti in esercizio, per quanto riguarda il mercato italiano in accordo con il processo DELIVER SERVICE Transmission High Voltage La Divisione TRANSMISSION HIGH VOLTAGE (T H) svolge attività di commercializzazione, di progettazione e di installazione di sistemi di trasmissione e distribuzione dell energia elettrica ad alta tensione. La Divisione si avvale, per le attività di UNDERSTAND e di SELL, del Functional Department SALES & MARKETING (S & Mkt) Power Distribution Medium Voltage La Divisione POWER DISTRIBUTION MEDIUM VOLTAGE (D M) svolge attività di commercializzazione, di progettazione e di installazione di sistemi di trasmissione e distribuzione dell energia elettrica a media tensione. La Divisione si avvale, per le attività di UNDERSTAND e di SELL, del Functional Department SALES & MARKETING (S & Mkt) Power Distribution Energy Automation La Divisione POWER DISTRIBUTION ENERGY AUTOMATION (D EA), svolge attività di commercializzazione, di progettazione e di installazione di impianti di power quality, di protezione, di supervisione, di telecontrollo e di sistemi di automazione, avvalendosi, per le attività di UNDERSTAND e di SELL, del Functional Department SALES & MARKETING (S & Mkt) Trasmission & Distribution Service La Divisione TRASMISSION & DISTRIBUTION SERVICE (D SE) svolge le seguenti attività di servizio sulle reti: Audit delle sottostazioni, manutenzione, gestione degli impianti Sottostazioni chiavi in mano Sistemi di protezione e automazione Rinnovo/estensione delle sottostazioni Montaggio, retrofit e messa in servizio di apparecchiature Contratti Global Service sui prodotti: Parti di ricambio, training e supporto al prodotto, rinnovo, riparazione in officina, manutenzione, retrofit, controllo delle condizioni, assistenza al cliente, aggiornamento/realizzazione di apparecchiature fuori produzione. Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 18/34

19 Export Sales & Execution La Divisione EXPORT SALES & EXECUTION (Exp S&E) svolge le attività di UNDERSTAND e di SELL in modo trasversale per conto delle Divisioni per clienti esteri. Inoltre svolge attività di commercializzazione, di progettazione e di installazione di sistemi di trasmissione e distribuzione dell energia elettrica ad alta tensione per le aree geografiche Uganda, Gibuti ed Etiopia Sales & Marketing Il Functional Department SALES & MARKETING (S& Mkt) svolge le attività di UNDERSTAND e di SELL in modo trasversale per conto delle Divisioni Procurement Il Functional Department PROCUREMENT (E P) deve assicurare gli approvigionamenti di un vasto ed eterogeneo range di materiali/ servizi diretti per le Divisioni del monitorando l evoluzione del mercato di acquisto e i livelli di prezzo globali di suddetti materiali/ servizi. I mandati specifici dell Energy Procurement sono: - definire ed implementare le strategie di acquisto per tutti i Direct Materials relativi alle attività di vendita dei Departments del - sviluppare strategie di sourcing e di pooling cross funzionali - implementare e verificare l applicazione degli accordi quadro verso terzi relativamente alle forniture finalizzate al business - Promuovere e garantire il miglioramento del profitto operativo delle Divisioni del Settore. - Garantire la disponibilità e l adeguatezza (in termini di qualità e consegna) del mercato della fornitura alle esigenze espresse dalle Divisioni. - Supportare le Divisioni Energy nel Project Management mediante un precoce coinvolgimento nel processo di elaborazione dell offerta/ negoziazione dei contratti. - Sviluppare la strategia di Procurement, coerentemente con le politiche di Siemens (approccio, metodi, strumenti ed etica) al fine di garantire la competitività dell offerta Energy sia in ambito Commodity management che Contract management. - Analizzare il mercato globale di acquisto e relativi processi di Sourcing. - Sviluppare una strategia di Supplier Management consistente con quella di Contract Risk e Quality management Key Management & Support Functions Energy Sector La Function Department KEY MANAGEMENT & SUPPORT FUNCTIONS ENERGY SECTOR (E K M&S F) ha la finalità di: - Armonizzare l integrazione tra le diverse Aree di Business del Settore - Fornire supporto per le problematiche di Qualità, Ambiente, Salute, Sicurezza, Responsabilità da Prodotto - Sviluppare e condividere le Best Pratices del Settore - Gestire i processi in accordo con la Reference Process House di Casa Madre Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 19/34

20 Export Control and Customs (ECC) I compiti e le responsabilità principali della funzione EXPORT CONTROL AND CUSTOMS del Settore INDUSTRY sono: Implementare, mantenere e controllare l internal Control Program per l Export Control and Customs (ICP) di Siemens nell ambito della Società; Applicare le regole interne di Siemens in materia di ECC all interno delle regole della Società; Promuovere nel Settore / Divisioni una cultura ed una sensibilizzazione specifica sui temi di Export Control, in particolare sull osservanza delle leggi e delle regole interne e sulla formazione dei collaboratori all interno del Settore / Divisioni; Garantire nei processi aziendali l efficacia dei controlli dell uso finale e dell utilizzatore finale, secondo le linee guida di Export Control and Customs Compliance Il SUBSIDIARY OFFICER for COMPLIANCE ha la responsabilità di implementare il "Compliance Program" di Siemens SpA, ovvero di predisporre tutte le misure necessarie a prevenire possibili violazioni delle leggi che possano comportare sanzioni civili o penali, in particolare delle leggi antitrust e contro la corruzione " Business Planning & Control / Credit Management Il Business Planning & Control / Credit Management ha la responsabilità del controllo di gestione del settore, di assicurare la corretta applicazione delle rules di reporting e controllo di gestione, di garantire che il settore rispetti le scadenze in termini di bilancio consolidato, di fornire supporto alla direzione per il reporting. Inoltre ha la responsabilità di garantire il recupero del credito e l applicazione della Credit Policy Business Administration La Business Administration è responsabile della gestione economica e finanziaria del Settore, in particolare ha la responsabilità di: - Condividere, nel quadro degli indirizzi definiti dalla Direzione Aziendale e dalla Business Area di appartenenza (SAG), la definizione delle strategie e dei piani di Settore, attraverso il coordinamento delle attività di gestione e controllo. - Assicurare il raggiungimento degli obiettivi di profittabilità del Settore, attraverso il controllo dell andamento economico-finanziario, proponendo ed attuando le opportune azioni correttive in caso di scostamenti tra gli obiettivi ed i risultati e tenendo informati sull andamento gestionale la Direzione Aziendale e la corrispondente Business Area di appartenenza. Copyright Tutti i diritti riservati - All rights reserved 2009 Foglio/Sheet 20/34

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Che cos è la Qualità?

Che cos è la Qualità? Che cos è la Qualità? Politecnico di Milano Dipartimento di Elettrotecnica 1 La Qualità - Cos è - La qualità del prodotto e del servizio - L evoluzione del concetto di qualità - La misura della qualità

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli