Scheda sintetica del contributo su dell avv.eliana Flores Redazione a cura di Nicola Todisco Brevi considerazioni e definizioni:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scheda sintetica del contributo su www.diritto.it dell avv.eliana Flores Redazione a cura di Nicola Todisco Brevi considerazioni e definizioni:"

Transcript

1 Scheda sintetica del contributo su dell avv.eliana Flores Redazione a cura di Nicola Todisco Brevi considerazioni e definizioni: Per noi disabili, in particolare per quanti vuoi perché affetti da patologie che limitano o rendono assai gravose le possibilità di trasferte casa-ufficio, vuoi per situazioni derivanti da difficoltà logistiche (eccessive distanze, assenza od inadeguatezza di mezzi pubblici, orari di lavoro inadeguati ), il telelavoro in auge nel nuovo millennio, rappresenta una scommessa su cui vale la pena puntare, non fosse altro per un nostro imprescindibile bisogno di autorealizzazione personale e nella soddisfazione immensa che si prova nel poter dare, anche in condizioni di disagio fisico, il nostro contributo al progresso materiale o spirituale della società in cui viviamo, come nobilmente afferma l art. 4 della Carta Costituzionale.

2 Sempre all art.4 leggiamo: La Repubblica riconosce a tutti i cittadini (quindi noi compresi) il Diritto al Lavoro e promuove le condizioni che lo rendano effettivo. Proprio a seguito di tali considerazioni ho ritenuto doveroso, approfittare dell opportunità di tale rubrica L angolo del giurista per puntare nuovamente i riflettori su questa emergente forma di lavoro tramite la telematica. Per ora mi limiterò nel corso dell indagine a fornire caratteristiche tecniche e definizioni spazianti dalla sociologia alla giurisprudenza, ripromettendomi in un approfondimento successivo di affrontare requisiti e condizioni contrattuali della fattispecie. Come diretta conseguenza alla scomparsa del vecchio modello di lavoro subordinato rigidamente e verticalmente strutturato presso l ente azienda, ecco affiancarsi fattispecie contrattuali caratterizzate da maggior flessibilità. Sarà quindi determinante a fianco alle competenze proprie del processo di lavoro (progettazione, vendita, marketing) l allargamento della promozione, sviluppo e condivisione anche periferica di conoscenze e competenze, tanto maggiore quanto più l azienda saprà far ricorso a risorse esterne (external resources). In ciò il superamento del classico modello di gestione aziendale attraverso lo sviluppo di servizi ad alto valore aggiunto e di intensive Knowldege. L innovazione tecnologica permette quindi all impresa di allargare il proprio target di prodotti immessi sul mercato, grazie anche all offerta di servizi di assistenza al cliente ( consegna, garanzia, foro, pratiche d immatricolazione gestibili wia web, da personale dipendente ma operante fuori dalle mura aziendali). Fondamentale al riguardo lo sviluppo a monte del processo di offerta del solo prodotto, anche di servizi fornibili esternamente sottoforma di teleprestazione. Basti pensare, solo per fare un esempio, al libro paghe e contabilità gestito da un buon contabile ma operativamente esterno all organizzazione materiale dell azienda.

3 1. Definizioni e campi di esistenza giuridica del profilo del teleworker E nel 1993 che Jaques Delors, Presidente dell U.E. riconoscendo nel telelavoro un volano per le aree svantaggiate od industrialmente depresse, ne riconosce il valore sociale a livello europeo. Nel 1997 e ancora l U.E. a ribadire la necessità di una convergenza normativa tra obiettivi sociali, occupazionali ed economici all interno dei Paesi membri. Il 21 Gennaio 1999 il 1 disegno di legge illustrato in Commissione Lavoro della Camera identifica il Telelavoro come il Lavoro in qualsiasi forma prestato, mediante l impiego di strumenti telematici, da luogo diverso e distante rispetto a quello nel quale viene utilizzato. La Distanza unitamente all impiego delle nuove tecnologie e la condizione specifica e caratterizzante del rapporto economico tra prestatore d opera ed utilizzatore finale. L Ufficio Internazionale del Lavoro BIT di Ginevra da la seguente definizione: Per telelavoro si intende qualunque forma di lavoro effettuata in luogo distante dall Ufficio centrale o dal centro di produzione e che implichi una nuova tecnologia che permetta la separazione e faciliti la comunicazione. Anche qui i tratti distintivi sono 2: 1) L attività lavorativa deve essere svolta secondo coordinate spaziali diverse rispetto a quelle aziendali. 2) Lo svolgimento di suddette attività deve essere possibile grazie all utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione. Il DPR n. 70 dell distingue tra sede di lavoro che è quella dell ufficio cui il dipendente risulta assegnato e sede di telelavoro come qualsiasi luogo ritenuto idoneo all effettuazione della prestazione di lavoro eseguita da un dipendente, e lavoro a distanza, l attività cioè svolta in conformità al Decreto stesso.

4 L elemento comune alle 3 fattispecie sta quindi nel considerare il telelavoratore alla stregua di un comune lavoratore dipendente. Domenico De Masi (Sociologo) intravede semplicemente nel telelavoro qualsiasi attività svolta a distanza dalla sede dell ufficio o dell azienda per cui si lavora. 2. Sottoinsiemi del Telelavoro A) telelavoro a domicilio:(ove il personal computer diventa elemento tipizzante). B). telelavoro mobile (nomade): ( come figura accessoria alla vendita per es. porta a porta ). C) ufficio satellite (off company working place): Lavoratori dipendenti a tutti gli effetti che svolgono la prestazione in una sede decentrata telelavorabile. D) teleimprese: erogazione di servizi su base remota (servizio prenotazioni abbonamenti teatrali e /o impresa teatrale) E) outsourcing: (collaborazione esterna per appalto di operazioni dirette alla creazione di banche dati specifiche, editoria specifica. 3. Profili telelavorabili Addetto ai servizi finanziari Addetto al marketing Addetto alll elaborazione e pubblicazione testi Addetto alle pubbliche relazioni Addetto alle ricerche ed analisi di mercato Assistenti software ed hardware Consulenti amministrativi

5 Consulenti aziendali Consulenti di prodotti multimediali Account di televendita Gestore mailing list Grafici Intervistatori telefonici Intermediari finanziari Legali Operatori di borsa Progettista di applicazioni multimediali Ragioniere commercialista e fiscalista Ricercatore d informazioni Traduttori Consulenti legali e giuristi Web master Customer relationship manager Redattore on line Ricercatore on line Elaboratore convegnistica Crittografo di rete Giornalista/opinionista/ analista on line. 3. Il telelavoratore dipendente da Pubbliche Amministrazioni Il primo ufficiale riconoscimento normativo alle attività telelavorabili in questo settore è stato conferito dalla Legge Bassanini ter n 191 del 16 Giugno In essa si ribadisce la possibilità di equiparare l attività svolta a beneficio di una P.A. al lavoro domestico, se l amministrazione reputa che

6 l abitazione del dipendente è conforme alle norme di prevenzione e sicurezza relativa alle utenze domestiche. La differente modalità di svolgimento della prestazione non fa comunque venir meno le garanzie poste a tutela del lavoratore sia dal legislatore costituente che da quello ordinario. Art. 32 Cost. che tutela la salute in quanto diritto dell individuo ed interesse della collettività. Art. 41 Cost. che esige un contemperamento di interessi tra l iniziativa economica e la tutela della sicurezza, libertà e dignità umana. Art del Codice civile che impone all imprenditore l onere di adottare tutte le misure di sicurezza necessarie in relazione alle caratteristiche delle lavorazioni ed all ambiente in cui il lavoro si svolge. Quindi successivamente in attuazione all art 4 della n. 191 del 1988, è stato sottoscritto un Accordo-Quadro sul Telelavoro nelle P.A. tra ARAN e le organizzazioni sindacali del settore Pubblico. Ecco i capisaldi dell accordo: Vengono ribadite nella flessibilità lavorativa apposite regole e garanzie a tutela del telelavoratore. Garanzia per il lavoratore di crescita e formazione professionale nel contesto aziendale. Contrattazione integrativa del Rapporto di lavoro

7 Priorità per le assunzioni per mansioni telelavorabili a soggetti già telelavoratori o con esperienza nel campo del lavoro a distanza Priorità a situazioni di disabilità psico-fisiche tali da rendere disagevole il raggiungimento del posto di lavoro; esigenze di cura di figli minori di 8 anni; esigenze di cura nei confronti di familiari o conviventi, debitamente certificate. ADEMPIMENTI PER LA P.A: le spese per l installazione e la manutenzione della postazione di telelavoro, utilizzabile esclusivamente per le attività inerenti al RDL, sono a carico dell Amministrazione. Le attrezzature informatiche, comunicative e strumentali, necessarie allo svolgimento del telelavoro vengono concesse in comodato d uso gratuito al lavoratore per la durata del progetto. Saranno previste forme di copertura assicurativa VIETATA ALCUNA FORMA DI CONTROLLO A DISTANZA SENZA PREAVVISO AL LAVORATORE CIRCA MISURE E MODALITÀ. Formazione necessaria e congrua alla mansione dovrà essere fornita dall Amministrazione che assume il telelavoratore DIRITTI ED OBBLIGHI DEL LAVORATORE : Il lavoratore, nel caso in cui la postazione sia ubicata presso la sua abitazione, e tenuto a consentire con modalità concordate l accesso alle attrezzature da parte degli addetti alla manutenzione.

8 Al lavoratore dovrà essere corrisposta una somma anche forfetaria a titolo di rimborso delle spese connesse a consumi energetici,telefonici e a prestazioni accessorie a quelle espletate. Il trattamento retributivo, tabellare ed accessorio è quello previsto dalla contrattazione collettiva, nazionale, integrativa e compartimentale a livello nazionale. E garantito l esercizio dei diritti sindacali E istituito presso l ARAN un osservatorio nazionale sul Telelavoro con il precipuo compito di monitorare e raccogliere i dati sulle esperienze in atto a cadenza biennale. Fonte: Per ulteriori approfondimenti normativi visitate i seguenti link : Scheda sintetica e Indirizzi web a cura di Nicola Todisco Ottobre 2008

Regolamento sul Telelavoro

Regolamento sul Telelavoro Regolamento sul Telelavoro Approvato con delibera di Giunta Comunale n 11 del 25 gennaio 2016 INDICE: Art. 1. Finalità Art. 2. Definizione Art. 3. Progetti di telelavoro Art. 4. Assegnazione ai progetti

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 04 del 30/01/2012 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 04 del 30/01/2012 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 04 del 30/01/2012 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. Dipendente Valeria Di Fabrizio. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio

Dettagli

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO)

1. FORME DI LAVORO A DISTANZA (TELELAVORO) ATTO DI INDIRIZZO ALL ARAN PER LA DISCIPLINA MEDIANTE ACCORDI DELLE FORME CONTRATTUALI FLESSIBILI DI ASSUNZIONE E DI IMPIEGO DEL PERSONALE AI SENSI DELL ART. 36 D.LGS. N.29 DEL 1993 L art. 36, d. lgs.

Dettagli

Divisione Risorse Finanziarie, Tecniche e Logistiche

Divisione Risorse Finanziarie, Tecniche e Logistiche Divisione Risorse Finanziarie, Tecniche e Logistiche Via Duomo, 6-13100 Vercelli Tel. 0161261510 Fax 0161211358 IL DIRIGENTE DELLA DIVISIONE RISORSE FINANZIARIE TECNICHE E LOGISTICHE Oggetto: IPOTESI DI

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 11 del 27/02/2012 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 11 del 27/02/2012 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 11 del 27/02/2012 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. Dipendente Matilde Razzanelli. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio 2005,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DEL TELELAVORO PER IL PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO Emanato con D.R. n. 38 del 29 gennaio 2015 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione... 2 Art. 2 - Definizione...

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE. n. 24 del 22/07/2010 IL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE n. 24 del 22/07/2010 Oggetto: Adozione progetto di telelavoro ed assegnazione di una postazione. IL DIRETTORE Vista la legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40 (Disciplina del servizio

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Rete Comitati pari opportunità Agenzie ambientali Coordinamento nazionale

Rete Comitati pari opportunità Agenzie ambientali Coordinamento nazionale TELELAVORO E PARI OPPORTUNITA Il telelavoro può coniugare esigenze di efficacia ed efficienza nella pubblica amministrazione con esigenze individuali di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. La

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N 43 bis DEL 30/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 IL SERVIZIO CIVICO L Amministrazione

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO

POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO POLITECNICO DI MILANO LINEE GUIDA INTERNE PER ATTIVARE L ATTIVITA LAVORATIVA IN TELELAVORO Art. 1 - Finalità 1. Il Politecnico di Milano si avvale di nuove opportunità di impegno e di conciliazione della

Dettagli

12/12/2012. L Esperienza del Telelavoro in altri Atenei. Quadro Normativo P.A.

12/12/2012. L Esperienza del Telelavoro in altri Atenei. Quadro Normativo P.A. Università degli Studi di Ferrara Progetto sperimentale TU@ Telelavoro Unife L Esperienza del Telelavoro in altri Atenei Ferrara 9 marzo 2012 Anna Chiarelli Di telelavoro si parla fin dal 1970, inizialmente

Dettagli

Università del Salento

Università del Salento Telelab Laboratorio di telelavoro e conciliazione Convegno 22-11-2013 L'esperierenza amministrativa Università del Salento (Ripartizione Risorse Umane M.Tarricone) Il questionario Il questionario Il questionario

Dettagli

TELELAVORO A DOMICILIO VOLONTARIO

TELELAVORO A DOMICILIO VOLONTARIO ACCORDO SINDACALE SULL INTRODUZIONE DEL TELELAVORO A DOMICILIO VOLONTARIO Il giorno 10 Aprile 2013 in Roma la delegazione Aziendale composta da Stefano Romano e Claudio Sorrentino e le delegazioni Sindacali

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO IN BELVEDERE

COMUNE DI LIZZANO IN BELVEDERE COMUNE DI LIZZANO IN BELVEDERE (Provincia di Bologna) C O P I A N. 90 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: TELELAVORO L'anno DUEMILAQUATTORDICI addì DICIANNOVE del mese di DICEMBRE alle

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

Comune di Forlì. DIREZIONE GENERALE Unità sviluppo organizzativo DISCIPLINA APPLICATIVA DEL TELELAVORO

Comune di Forlì. DIREZIONE GENERALE Unità sviluppo organizzativo DISCIPLINA APPLICATIVA DEL TELELAVORO Comune di Forlì DIREZIONE GENERALE Unità sviluppo organizzativo DISCIPLINA APPLICATIVA DEL TELELAVORO 1 PRINCIPI E FINALITÀ Il comune di Forlì vuole introdurre il telelavoro domiciliare come una nuova

Dettagli

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S.

PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. PIANO ATTUATIVO REGIONALE DI FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE DOCENTE, EDUCATIVO, AMMINISTRATIVO, TECNICO ED AUSILIARIO USR CAMPANIA A. S. 2003-2004------------------------------------------ VISTO

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME (approvato con delibera della Giunta comunale nr 66 del 14.05.2001 con le modifiche apportate con delibere della Giunta comunale nr 123 del 13.10.2008 e nr 101

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

IL TELELAVORO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

IL TELELAVORO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Pagina 1 di 19 Pagina 2 di 19 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 OGGETTO... 3 1.2 DEFINIZIONE DI TELELAVORO... 3 1.3 FINALITA... 4 1.4 RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 2. CARATTERISTICHE DEL TELELAVORO. 5 3. CRITERI

Dettagli

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52

Roma, 27/02/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 52 Direzione Centrale Sviluppo e Gestione Risorse Umane Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Pianificazione e Controllo di Gestione Direzione

Dettagli

Piano di utilizzo del Telelavoro (adempimento previsto dall'art. 9, coma 7, del D.L. n.179/2012 convertito con L. n.221/2012)

Piano di utilizzo del Telelavoro (adempimento previsto dall'art. 9, coma 7, del D.L. n.179/2012 convertito con L. n.221/2012) Piano di utilizzo del Telelavoro (adempimento previsto dall'art. 9, coma 7, del D.L. n.179/2012 convertito con L. n.221/2012) Normativa di riferimento - Legge 16/06/1998 n.191 art.4 - D.P.R. 08/03/1999

Dettagli

Azienda di stage: Sestante Consulting S.r.l. Via Novara 47 28078 Romagnano Sesia NO

Azienda di stage: Sestante Consulting S.r.l. Via Novara 47 28078 Romagnano Sesia NO Erika Serra Pagina 1 di 8 Azienda di stage: Sestante Consulting S.r.l. Via Novara 47 28078 Romagnano Sesia NO Indice: Storia della società Pagina 1 Organigramma Pagina 3 Il mio stage Pagina 4 Progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA G. CHIABA SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella

CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI. Torino 18 novembre 2014. Luisella Fontanella CORSO DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO LE COOPERATIVE I SOCI LAVORATORI Torino 18 novembre 2014 Luisella Fontanella Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Torino Il socio lavoratore l

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO Abbreviazioni.................................. pag. XXIII CAPITOLO I IL DIRITTO DEL LAVORO 1. Alle origini del diritto del lavoro................... 1 2. Il periodo corporativo.........................

Dettagli

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. avv. Elisabetta Mapelli Ufficio Avvocatura Arcidiocesi di Milano

SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO. avv. Elisabetta Mapelli Ufficio Avvocatura Arcidiocesi di Milano SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO avv. Elisabetta Mapelli Ufficio Avvocatura Arcidiocesi di Milano Il D. Lgs. 81/2008 si applica a: 1. tutti i settori di attività, privati e pubblici, esclusi gli addetti

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET

Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 39 del 09/07/2012 BIBLIOTECA CIVICA DI LATISANA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO INTERNET Art. 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Piazza Libertà n. 1 24036 Ponte San Pietro (Bg) tel. n. 035 6228411 Rep. atti n. 2468

COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Piazza Libertà n. 1 24036 Ponte San Pietro (Bg) tel. n. 035 6228411 Rep. atti n. 2468 COMUNE DI PONTE SAN PIETRO Piazza Libertà n. 1 24036 Ponte San Pietro (Bg) tel. n. 035 6228411 Rep. atti n. 2468 CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO INSERIMENTO LAVORATIVO E SOCIALE IN FAVORE

Dettagli

COMUNE DI ZOCCA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 161 in data 29 dicembre 2009

COMUNE DI ZOCCA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 161 in data 29 dicembre 2009 COMUNE DI ZOCCA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 161 in data 29 dicembre 2009 OGGETTO: ACCORDO TRA IL COMUNE DI ZOCCA E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo STRADA COMUNALE PANTANO, SNC 85010 PIGNOLA (PZ) Telefono 0971/420857 Fax E-mail Nazionalità francesca.milione@regione.basilicata.it

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE Alta Formazione Artistica e Musicale ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI LECCE Via Libertini, 3 cap. 73100 Tel. 0832/258611 Fax 0832/258636 accademialecce@libero.it / www.accademiabelleartilecce.com Prot. n. 5507/C11

Dettagli

Il telelavoro in un Ufficio di Statistica: modalità applicative e risultati operativi.

Il telelavoro in un Ufficio di Statistica: modalità applicative e risultati operativi. Il telelavoro in un Ufficio di Statistica: modalità applicative e risultati operativi. Rocco Bellomo Dirigente Ufficio di Statistica del Comune di Verona rocco_bellomo@comune.verona.it Marisa Cappelli

Dettagli

Allegato A) alla delibera del CdA n. 35 del 30.12.2010

Allegato A) alla delibera del CdA n. 35 del 30.12.2010 Allegato A) alla delibera del CdA n. 35 del 30.12.2010 ACCORDO TRA L UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI E L AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA (ASP) GIORGIO GASPARINI PER LA GESTIONE DI FUNZIONI

Dettagli

ACCORDO PER I COLLABORATORI DELLA CONFRATERNITA DI MISERICORDIA DI BORGO SAN LORENZO

ACCORDO PER I COLLABORATORI DELLA CONFRATERNITA DI MISERICORDIA DI BORGO SAN LORENZO ACCORDO PER I COLLABORATORI DELLA CONFRATERNITA DI MISERICORDIA DI BORGO SAN LORENZO Tra la Confraternita di Misericordia di Borgo San Lorenzo rappresentata dal Provveditore pro tempore Sig. Piero Dallai,

Dettagli

Il giorno 4 ottobre 2007. tra. POSTE ITALIANE S.p.A. SLC-CGIL, SLP-CISL, UIL-POST, FAILP-CISAL, SAILP-CONFSAL e UGL- Comunicazioni.

Il giorno 4 ottobre 2007. tra. POSTE ITALIANE S.p.A. SLC-CGIL, SLP-CISL, UIL-POST, FAILP-CISAL, SAILP-CONFSAL e UGL- Comunicazioni. Il giorno 4 ottobre 2007 tra POSTE ITALIANE S.p.A. e SLC-CGIL, SLP-CISL, UIL-POST, FAILP-CISAL, SAILP-CONFSAL e UGL- Comunicazioni Premesso che in data 9 giugno 2004 è stato sottoscritto l accordo interconfederale

Dettagli

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione

La somministrazione di lavoro. - I contratti di somministrazione Indice La somministrazione di lavoro - I contratti di somministrazione - Cosa sono - Facciamo un po d ordine - La somministrazione di lavoro a tempo determinato - Il contratto - I rapporti tra somministratore

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

BOZZA PRELIMINARE DISEGNO DI LEGGE

BOZZA PRELIMINARE DISEGNO DI LEGGE BOZZA PRELIMINARE DISEGNO DI LEGGE Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato a tempo

Dettagli

I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI

I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI Documento del 15 febbraio 2016 I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI D.Lgs 81/08 Ambito di applicazione Art. 2 - Definizioni a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale,

Dettagli

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE

OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE OPPORTUNITÀFISCALI NELLE SCELTE DI BENESSERE Stefano Lania Confindustria Bergamo Servizio Fiscale e Societario 5 dicembre 2012 2 Reddito di lavoro dipendente Articolo 51, c.1 del DPR 917/86 (TUIR): Il

Dettagli

Regione Siciliana. Presidenza. L Assessore

Regione Siciliana. Presidenza. L Assessore Regione Siciliana Presidenza L Assessore DISEGNO DI LEGGE Disciplina dell impiego presso l amministrazione regionale ART. 1 (Ordinamento del personale dell Amministrazione regionale) 1. Il personale dei

Dettagli

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08

MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 MEDICO COMPETENTE Art.2 comma 2 lettera h del D.lgs. 81/08 in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali (art.38) collabora con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei

Dettagli

Il 6 dicembre 2011 tra Telecom Italia Spa e le Organizzazioni sindacali Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil unitamente alle RSU Staff

Il 6 dicembre 2011 tra Telecom Italia Spa e le Organizzazioni sindacali Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil unitamente alle RSU Staff Tipologia: Accordo telelavoro Data firma: 6 dicembre 2011 Parti : Telecom Italia e Slc-Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil e RSU Staff Settori: Servizi, TLC, Telecom Italia Fonte: SLC-CGIL Sommario: Premessa

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 14 SETTEMBRE 2015 N. 151

DECRETO LEGISLATIVO 14 SETTEMBRE 2015 N. 151 CIRCOLARE n. 11 29 ottobre 2015 DECRETO LEGISLATIVO 14 SETTEMBRE 2015 N. 151 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI DOTI DISABILI IN RETE RIAPERTURA BANDO N.3/2012: AZIONE DI SISTEMA INTRODUZIONE DI TECNOLOGIE ASSISTIVE Riferimenti normativi e direttive - D.lgs. n. 469/97; - L. n. 68 /1999

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO PER LA GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

Dettagli

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro

Diritto Tributario. Anno 2012 Diritto del Lavoro Anno 2012 Diritto del Lavoro - Premesso il concetto di assicurazione sociale, il candidato illustri i principali adempimenti del datore di lavoro nei confronti di I.N.P.S. ed I.N.A.I.L., sia all inizio

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Intervento della D.T.L. di Torino (dott.ssa Rossi Cristiana) Tutela delle condizioni di lavoro, premessa:

Intervento della D.T.L. di Torino (dott.ssa Rossi Cristiana) Tutela delle condizioni di lavoro, premessa: Intervento della D.T.L. di Torino (dott.ssa Rossi Cristiana) Tutela delle condizioni di lavoro, premessa: La tutela dell integrità fisica del lavoratore sul luogo di lavoro è sancita direttamente dalla

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, consulenza e collaborazioni

Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, consulenza e collaborazioni Regolamento per il conferimento degli incarichi di studio, consulenza e collaborazioni approvato dall'amministratore unico nella seduta del 23/04/2015 Articolo 1 - Oggetto, finalità, ambito applicativo

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NU MERO 18 Le Circolari della Fondazione Studi n. 18 del 30/07/2015 IL TESTO ORGANICO DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI: NOVITA IN TEMA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TELELAVORO

PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TELELAVORO I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 87 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TELELAVORO Approvato con D.G.P. del 15.10.2013 n. 162 reg Art. 1 Definizione e tipologie Art. 2 Finalità Art. 3 Progetti

Dettagli

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione

UNICO 2000: il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Pag. 2322 n. 17/2000 29/04/2000 : il D.P.C.M. che proroga i versamenti ed i termini di presentazione Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri - (DPC) del 20 aprile 2000, pubblicato in Gazzetta

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Comune di Lugo Piazza dei Martiri n. 1 Lugo 48022 (RA) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi del: D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 - art. 26 Riferimento ai Servizi di accoglienza,

Dettagli

Progetto sperimentale di telelavoro

Progetto sperimentale di telelavoro Allegato B) al decreto del direttore n. 80 del 7 luglio 2008 Progetto sperimentale di telelavoro Obiettivi L Agenzia intende sviluppare il ricorso a forme di telelavoro ampliando la sperimentazione anche

Dettagli

INDICE. Art. 1 - Oggetto dell'appalto...2. Art 2 Sede e durata dell Appalto...2. Art. 3 Personale e organizzazione...2

INDICE. Art. 1 - Oggetto dell'appalto...2. Art 2 Sede e durata dell Appalto...2. Art. 3 Personale e organizzazione...2 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA ALLE DICHIARAZIONI ISEE, DATA ENTRY E CATALOGAZIONE DOCUMENTALE PER IL SERVIZIO COMUNALE DIRITTO ALLO STUDIO E GESTIONE SISTEMA QUOTE CONTRIBUTIVE

Dettagli

Circolare N.127 del 14 Settembre 2012. Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012

Circolare N.127 del 14 Settembre 2012. Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012 Circolare N.127 del 14 Settembre 2012 Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012 Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012 (nota Min. Lavoro n. 11377

Dettagli

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ INDICE CAPO I - Disposizioni generali 2 CAPO II - Articolazione della prestazione lavorativa 2 CAPO III - Procedure

Dettagli

OGGETTO: CONVENZIONE CON I CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ADEMPIMENTI CONNESSI ALL EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

OGGETTO: CONVENZIONE CON I CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ADEMPIMENTI CONNESSI ALL EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: CONVENZIONE CON I CENTRI DI ASSISTENZA FISCALE PER GLI ADEMPIMENTI CONNESSI ALL EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. L'anno 2013 il giorno....del mese di.... in.,

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

ivo Avanzato PER TITOLARI D'IM PRESE DIPULIZIA IL COSTO DEL LAVORO LE GARE D APPALTO L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO LA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

ivo Avanzato PER TITOLARI D'IM PRESE DIPULIZIA IL COSTO DEL LAVORO LE GARE D APPALTO L ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO LA GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Pe rc o r s Fo o r m a t ivo Avanzato PER TITOLARI D'IM PRESE DIPULIZIA 2010 IL COSTO DEL LAVORO La determinazione e la gestione del costo del personale negli appalti di pulizia LE GARE D APPALTO La predisposizione

Dettagli

SLIDE OTTOBRE 2015. Paghe e contributi. Corso Base 30/10/2015. Relatore: Gian Luca Budroni

SLIDE OTTOBRE 2015. Paghe e contributi. Corso Base 30/10/2015. Relatore: Gian Luca Budroni 1 Paghe e contributi Corso Base 30/10/ Relatore: Gian Luca Budroni 2 Contrattazione Collettiva: Il CCNL è un contratto di lavoro stipulato a livello nazionale tra le organizzazioni rappresentanti dei lavoratori

Dettagli

Operatori e regole del mercato del lavoro

Operatori e regole del mercato del lavoro Operatori e regole del mercato del lavoro Silvia Spattini silvia.spattini@unimore.it Roma, 10 settembre 2008 Scuola di alta formazione in Relazioni industriali e di lavoro ADAPT-Fondazione Marco Biagi

Dettagli

CONVENZIONE FRA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA E AZIENDA CONVENZIONATA (DI SEGUITO DENOMINATA AZIENDA CONVENZIONATA )

CONVENZIONE FRA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA E AZIENDA CONVENZIONATA (DI SEGUITO DENOMINATA AZIENDA CONVENZIONATA ) All. 3 CONVENZIONE FRA ISTITUZIONE ISTRUZIONE E INFANZIA E AZIENDA CONVENZIONATA (DI SEGUITO DENOMINATA AZIENDA CONVENZIONATA ) Art. 1 - OGGETTO DELLA CONVENZIONE 1. La presente convenzione ha per oggetto

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM)

ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) ISTITUTO NAZIONALE DI RICERCA METROLOGICA (INRIM) REGOLAMENTO DEL PERSONALE (decreto del Commissario straordinario dell INRIM n. 68/2005, del 18 marzo 2005) INDICE TITOLO I ORDINAMENTO E PRINCIPI GENERALI

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012. (nota Min. Lavoro n. 11377 del 03.08.2012)

Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012. (nota Min. Lavoro n. 11377 del 03.08.2012) CIRCOLARE A.F. N. 127 del 14 Settembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Per l invio di lavoratori all estero nullaosta online dal 15.09.2012 (nota Min. Lavoro n. 11377 del 03.08.2012) Premessa Il Ministero

Dettagli

Legge accesso disabili agli strumenti informatici

Legge accesso disabili agli strumenti informatici Legge accesso disabili agli strumenti informatici da Newsletter Giuridica: Numero 81-26 gennaio 2004 Pubblicata sulla Gazzetta la Legge in materia di accesso dei disabili agli strumenti informatici, approvata

Dettagli

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE.

Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. BOLLO BOLLO Capitolato d Oneri ESECUZIONE DI ATTIVITÀ DI COMUNICAZIONE ATTRAVERSO UN SERVIZIO DI CALL CENTER SPECIALISTICO SUI TEMI DEL LAVORO E DELLA FORMAZIONE. SOMMARIO 1 OGGETTO...4 2 DESCRIZIONE DELLA

Dettagli

Dott.ssa Margareth Stefanelli

Dott.ssa Margareth Stefanelli IL RAPPORTO DI LAVOR0 NORME CHE TUTELANO IL DIRITTO DEL LAVORO Leggi del lavoro Norme Costituzionali Codice Civile Leggi Speciali Direttive Comunitarie Tutela della maternità Lavoro minorile Integrità

Dettagli

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina

Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Somministrazione di lavoro: nuova disciplina Il 25 giugno 2015 è entrato in vigore un decreto attuativo del c.d. Jobs Act (D.Lgs. 81/2015) che ha abrogato la

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Scheda n 2 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEL PERSONALE ASSEGNATO

Dettagli

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 RELAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI

Dettagli

CONVENZIONE. Ulisse s.r.l. e il Consorzio saranno di seguito definiti congiuntamente come le Parti, * * *

CONVENZIONE. Ulisse s.r.l. e il Consorzio saranno di seguito definiti congiuntamente come le Parti, * * * CONVENZIONE Ulisse s.r.l., con sede in Catania, Via De Caro, n. 104, P.IVA. 04811360876, rappresentata dal Presidente e legale rappresentante pro tempore e Co.Fi.San. Consorzio Fidi Sanitario S.c.p.a.,

Dettagli

Titolo I Tutela del lavoro autonomo. Art. 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Tutela del lavoro autonomo. Art. 1 (Ambito di applicazione) 28/01/2016 DISEGNO DI LEGGE Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato Titolo I Tutela

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CIUFFREDA NUNZIA

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CIUFFREDA NUNZIA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CIUFFREDA NUNZIA Telefono 0667663665 Fax 0667663481 E-mail n.ciuffreda@provincia.roma.it Data di nascita

Dettagli

Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto

Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto Il Post 08/07/2015 I contratti di lavoro col Jobs Act Cosa prevede l'importante decreto della riforma del lavoro che cambia collaborazioni, contratti a progetto, lavori part-time e il resto È entrato in

Dettagli

CURRICULUM VITAE LUCA SINIBALDI

CURRICULUM VITAE LUCA SINIBALDI CURRICULUM VITAE LUCA SINIBALDI Data di nascita: 31.01.1972 Luogo di nascita: Sulmona (AQ) Residenza: L Aquila Via dei Farnese, 6 Telefono ab: 06/890212040 DATI PERSONALI Cellulare. 349/5952909 Stato civile:

Dettagli

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA

REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA REGIONE VENETO AZIENDA ULSS N. 16 PADOVA Servizio di prenotazione telefonica (call center) delle prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate dalle strutture pubbliche e private accreditate dell'ulss

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.00, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il quadriennio normativo 2006-2009 ed il biennio economico

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

TELELAVORO. Introduzione Telelavoro

TELELAVORO. Introduzione Telelavoro Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 16/10/2014. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Al Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione Generale per l Impiego divisione IV Roma

Al Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione Generale per l Impiego divisione IV Roma Al Ministero del lavoro e delle politiche sociali Direzione Generale per l Impiego divisione IV Roma Oggetto: progetto di azioni positive per la flessibilità ai sensi dell art. 9 L. 8 marzo 2000 n. 53

Dettagli

ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO RISORSE UMANE VERBALE DI ACCORDO

ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO RISORSE UMANE VERBALE DI ACCORDO ROMA CAPITALE DIPARTIMENTO RISORSE UMANE VERBALE DI ACCORDO Il giorno 24 novembre 2011, alle ore 11.00, presso il Dipartimento Risorse Umane si sono riunite la Delegazione Trattante di Parte Pubblica,

Dettagli

Il bando è disponibile sul sito internet http://www.unibo.it/portale/personale/concorsi/avvisiselezione/default.htm

Il bando è disponibile sul sito internet http://www.unibo.it/portale/personale/concorsi/avvisiselezione/default.htm Il bando è disponibile sul sito internet http://www.unibo.it/portale/personale/concorsi/avvisiselezione/default.htm Bando di selezione per soli titoli per il conferimento di un incarico di collaborazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Maria Di Gennaro Nazionalità italiana Data di nascita 26 ottobre 1957 ESPERIENZA

Dettagli

Affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per la Volsca Ambiente e Servizi Spa CAPITOLATO

Affidamento del Servizio di somministrazione di lavoro a tempo determinato per la Volsca Ambiente e Servizi Spa CAPITOLATO VOLSCA AMBIENTE E SERVIZI S.p.A Sede: Via Troncavia, 6 00049 Velletri (RM) Tel. (06)96154012-14; Fax (06)96154021 Indirizzo e-mail: info@volscambiente.it Posta certificata: volscaservizispa@legalmail.it

Dettagli

Prot. 1656 /c14 Pavia, 22 luglio 2015

Prot. 1656 /c14 Pavia, 22 luglio 2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Liceo Scientifico Statale T.Taramelli Via L. Mascheroni, 53-27100 Pavia Tel. 0382079982 email:segreteria@liceotaramelli.it Prot. 1656 /c14 Pavia,

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico SERVIZIO DI VIGILANZA E VERIFICA ACCESSI PER L ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO DI PADOVA * * * * * * CAPITOLATO

Dettagli