Problematiche interconnesse con l ampiezza della gamma di attività prescelta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Problematiche interconnesse con l ampiezza della gamma di attività prescelta"

Transcript

1

2

3 L organizzazione Problematiche interconnesse con l ampiezza della gamma di attività prescelta Diversificazione e specializzazione: Dimensione della banca Concorrenza del mercato Domanda La scelta delle aree di business e la forma organizzativa da adottare: Banca Universale / Gruppo Bancario

4 Forme organizzative delle banche La banca universale è un soggetto giuridico unico, che svolge contemporaneamente tutte le attività prescelte, secondo un grado di diversificazione proprio; Il gruppo bancario è una struttura composita di più intermediari, con una società capogruppo e più società controllate, ciascuna delle quali svolge una o più attività fra quelle prescelte, secondo un maggior un grado di specializzazione. Definizione di gruppo bancario o creditizio (art. 60, TUB), è composto alternativamente: a) dalla banca italiana capogruppo e dalle società bancarie, finanziarie e strumentali da questa controllate; b) dalla società finanziaria capogruppo italiana e dalle società bancarie, finanziarie e strumentali da questa controllate, quandonell insieme delle società da essa controllate vi sia almeno una banca e abbiano rilevanza determinante quelle bancarie e finanziarie. Un gruppo avente come capogruppo una società finanziaria è considerato creditizio se la somma degli attivi delle banche e delle loro controllate bancarie, finanziarie e strumentali è almeno pari al 50% dell attivo globale del gruppo

5

6

7 Il Testo Unico precisa che per società finanziarie devono intendersi quelle che esercitano in via esclusiva o prevalente: -Attività di assunzione di partecipazioni -Una o più attività fra quelle ammesse al mutuo riconoscimento o altre attività aggiunte a questo elenco dalle autorità comunitarie

8 Strategie nel retail, nel corporate e nel private banking Si è soliti segmentare la clientela bancaria in tre tipologie: retail, private, corporate, a cui si aggiunge la clientela Institutional I tre segmenti sono caratterizzati da combinazioni prodotti/mercati differenti e identificano delle macroaree di attività distinte. La tendenza alla divisionalizzazione della clientela impone alle banche di adeguare le proprie strutture organizzative e definire specifiche strategie di business.

9 Le aree d affari dell attività bancaria Retail banking: operazioni di importo unitario modesto controparti della banca sono le famiglie e le imprese di piccole dimensioni. Private banking: attività condotta su base strettamente fiduciaria, destinata a clientela con elevato patrimonio (high net worth individuals); in questo settore, assume dunque rilevanza fondamentale la qualità e la stabilità delle relazioni personali banca-clientela Corporate banking: il cliente è rappresentato in questo caso da imprese di dimensioni non piccole e dotate di forma societaria (corporate); ciò presuppone, da parte della banca, una capacità di offerta diversificata Istitutional banking: il segmento di clientela target è rappresentato dalla cosiddetta clientela istituzionale, vale a dire altre banche e intermediari finanziari, enti pubblici, governi e organismi sovranazionali, fondazioni, ospedali e imprese pubbliche.

10 Il retail banking La clientela retail: privati con un patrimonio di attività finanziarie non superiore a di euro; da piccole imprese con un fatturato non superiore a euro (individuate anche come small business) Le caratteristiche del retail banking: Le caratteristiche del retail banking: il basso livello di sofisticazione delle esigenze finanziarie della clientela; la relativa semplicità tecnica dei prodotti e dei servizi idonei a soddisfarle; la scarsa mobilità della clientela, che tende a servirsi prevalentemente di una banca (la banca di riferimento ) con sportelli in prossimità del luogo di residenza o di lavoro la dimensione locale dei mercati in cui si ritrovano a competere gli intermediari finanziari attivi sul fronte dell offerta; la necessità, dal punto di vista degli stessi intermediari, di disporre di una capillare rete, distribuita sul territorio dei mercati locali, di canali di accesso ai servizi offerti (in particolare: sportelli tradizionali e automatizzati, promotori finanziari).

11 Prodotti e servizi di Retail banking Servizi di pagamento, destinati a soddisfare bisogni di trasferimento del potere d acquisto: ordini di pagamento: assegni, bonifici e ordini automatici di incasso e pagamento, lettere di credito, carte di credito, carte di debito; ordini di incasso: ricevute bancarie, effetti cambiari e altri titoli all incasso; servizi diversi: servizi di gestione monetaria o di cashmanagement, servizi di cassa automatica, servizi di erogazione automatica di contante Servizi di finanziamento, che rispondono all esigenza di coprire il fabbisogno finanziario delle unità economiche in deficit : prestiti per cassa: prestiti di firma e impegni: finanziamenti speciali: leasing, factoring, credito al consumo

12 Prodotti e servizi di Retail banking Servizi di investimento, che soddisfano le esigenze della clientela di conservazione del valore reale della propria ricchezza finanziaria e di trasferimento nel tempo di potere d acquisto, servizi di raccolta tramite l emissione di passività bancarie servizi di assistenza finanziaria alla clientela relativamente alle scelte di investimento e di scambio di valori mobiliari negoziabili Servizi assicurativi (bancassurance), destinati a soddisfare le esigenze di gestione e copertura dei rischi: servizi di risk management: contratti a termine, opzioni, futures, swap, forward rate agreement e altre forme tecniche polizze assicurative: polizze vita, polizze danni, polizze miste Le banche, a causa dei limiti imposti dalla normativa non possono produrre direttamente tali servizi, ma si limitano a distribuire polizze fornite da imprese di assicurazione indipendenti, consortili o controllate

13 L evoluzione del retail banking Passaggio da una visione di mercato di massa a un approccio orientato alla differenziazione in considerazione del fatto che: la stessa definizione di retail banking fa riferimento a due distinte categorie di clienti: i privati con patrimonio relativamente limitato, da un lato, e le piccole imprese, dall altro; il patrimonio finanziario, per i privati, e il fatturato, per le imprese possono essere graduate in classi di valori più circoscritte, il riferimento a criteri di natura non prettamente finanziaria (demografica, sociale, psicologica, comportamentale, settoriale ecc.) consente a ciascuna banca di cogliere caratteristiche più specifiche della domanda. Efficace segmentazione della clientela sempre tenendo conto del binomio costi/benefici

14 La classificazione del segmento retail Segmenti di secondo livello più circoscritti: mass market: i privati con patrimonio inferiore a euro -clienti universali o famiglie/family lower affluent eupper affluent: i privati con patrimonio da euro a di euro i piccoli operatori economici (poe): ossia gli artigiani, i piccoli commercianti, i professionisti, le ditte individuali (accomunati da un fatturato non superiore a di euro); le small business: comprendenti le altre piccole imprese.

15 Profili organizzativi del retail banking Offerta su larga scala di un ampia gamma di prodotti e servizi tramite Una rete di filiali generaliste diffusa capillarmente sul territorio. La rete di filiali si rende necessaria date: 1. la numerosità dei clienti 2. la loro limitata mobilità spaziale, scarsa complessità dei bisogni da soddisfare Rete distributiva costosa livello relativamente contenuto delle risorse finanziarie disponibili. Le banche tendono a favorire l utilizzo di canali automatizzati di accesso ai servizi offerti: atm (automated teller machine, quali le postazioni Bancomat) ai canali virtuali (internet, telefono o cellulare).

16 Prodotti e servizi tipici Funzioni di pagamento, finanziamento, investimento e assicurazione/previdenza Basso grado di sofisticazione prodotti di base con soluzioni differenziate per pricing, mix dei servizi compresi e canali distributivi in funzione delle esigenze di clientela (giovani, immigrati, piccoli operatori economici (POE), clientela femminile ecc.). mercato sempre meno indifferenziato fidelizzazione dei clienti I conti correnti e gli strumenti di pagamento rivolti a specifici segmenti di clientela retail. diversa ampiezza dei servizi bancari inclusi, diversità dei modelli pricing proposti alla clientela, (la tariffa a consumo, il canone periodico tutto compreso e il canone periodico con un plafond predefinito di operazioni dispositive, superato il quale scatta una tariffa a consumo). Sempre più spesso i conti correnti sono corredati da programmi di fidelizzazione della clientela, che prevedono regali, agevolazioni o sconti per viaggi, per il tempo libero, per la sicurezza e per l auto al raggiungimento di determinati traguardi espressi in termini di punti fedeltà

17 Gli strumenti di finanziamento l azione commerciale delle banche italiane negli ultimi anni si è concentrata in misura crescente sui mutuie sul credito al consumo prestiti agevolati dedicati a specifiche classi di clienti. progetto Diamogli Credito, promosso da governo e ABI e finalizzato alla concessione di finanziamenti ai giovani studenti maggiormente meritevoli, senza garanzie. Tali finanziamenti sono assistiti dalla garanzia dal Fondo per il credito ai giovani costituito presso il ministero per le Politiche giovanili e le Attività sportive nella misura del 50% dell erogato, che può arrivare fino a 6000 euro.

18 I prodotti e i servizi di investimento Le decisioni di investimento sono infatti significativamente condizionate dall entità delle risorse finanziarie disponibili segmento affluent mass market -esigenze più sofisticate -maggiore apprezzamento per la personalizzazione dell offerta -predisposizione di un team di sviluppatori e un approccio di offerta basato sulla consulenza Le limitate disponibilità finanziarie e i relativi vincoli in tema di possibilità di diversificazione del portafoglio, hanno favorito la diffusione, dei fondi comuni di investimento e dei fondi di fondi attraverso i cosiddetti piani di accumulo di capitale (pac).

19 L attività di bancassurance distribuzione di polizze del ramo vita(e di recente anche del ramo non vita) coperture di creditor protection e quella delle polizze multirischio Polizze con coperture comprendenti il caso di morte, l invalidità permanente totale, l inabilità temporanea totale e il ricovero ospedaliero per grande intervento derivante da infortunio e malattia dell imprenditore o del titolare dell attività volta a offrire una risposta a un ampio spettro di esigenze che toccano, a vario titolo, il patrimonio familiare includono coperture furto e incendio dell abitazione, responsabilità civile del capofamiglia, tutela legale e infortuni extraprofessionali del nucleo familiare Con riguardo al ramo vita, di particolare rilievo è l espansione dell attività connessa alla distribuzione di polizze previdenziali e fondi pensione

20 L evoluzione dello scenario competitivo Come dimostrano diverse indagini campionarie condotte nel corso degli anni il comportamento della clientela è stato generalmente orientato in senso conservativo: 1. la scelta della banca di riferimento, fondata prevalentemente sulla vicinanza al luogo di residenza/lavoro e sulla consuetudine di rapporti con la famiglia di origine, tende a essere continuamente confermata nel tempo e preclude, spesso, l instaurazione di relazioni con altre banche; 2. la stessa banca di riferimento rappresenta anche la principale fonte di informazioni per le scelte di investimento e la fornitrice, principale degli altri servizi finanziari richiesti dal cliente; 3. la propensione a effettuare un confronto tra le condizioni offerte dalla suddetta banca e altri intermediari è generalmente bassa

21 L evoluzione dello scenario competitivo Nel corso degli ultimi anni: 1. sviluppo, ancorché lento, di una più solida educazione finanziaria 2. aumento della propensione al confronto tra le condizioni offerte da diversi intermediari per l'accensione di un muto per l'acquisto della casa 3. successo riscosso dai servizi creditizi offerti dal BancoPosta. 4. Inoltre, specialmente nel segmento dei clienti più giovani, la diffusione dell utilizzo delle informazioni e dei servizi disponibili tramite internet 5. Processo di concentrazione del sistema bancario 6. Integrazione dei mercati finanziari europei

22 Fattori strategici Rilevanza strategica della fidelizzazione della clientela Significa sviluppo di relazioni di clientela profonde e durature 1. Influisce sulla Concorrenza 2. Consente di sfruttare specifici vantaggi competitivi nell offerta di determinati prodotti/servizi e, 3. Offre alle banche l opportunità di espandere i volumi intermediati, contenere i costidi gestione delle relazioni e beneficiare di una minore elasticità della domanda rispetto al prezzo. Presuppone un elevato livello di customer satisfaction, basato su elementi che, nel retail banking, attengono alle modalità di offerta dei prodotti/servizi, piuttosto che alle loro caratteristiche tecniche Customer relationship management (CRM) sistema di processi finalizzati a gestire le relazioni di clientela in modo personalizzato presuppone la raccolta sistematica e l elaborazione di informazioni di varia natura riguardo a ciascun cliente in maniera che al cliente giusto venga offerto il prodotto giusto, al momento giusto, nel modo giusto e attraverso il canale giusto: le caratteristiche del cliente guidano la progettazione e la realizzazione di tutte le attività che compongono la catena del valore

23 Il Private Banking Il private banking è l area di affari della banca caratterizzata dall offerta di servizi finanziari personalizzati e di elevata qualità alla clientela che dispone di un patrimonio consistente e presenta bisogni finanziari complessi (la cosiddetta clientela private). La fascia di clienti alla quale si fa riferimento viene solitamente individuata sulla base della disponibilità di un patrimonio finanziario superiore a un milione di dollari, ovvero a un milione di euro. La piramide della ricchezza Ultra HNWI > $ Very High net worth individuals $ $ High net worth individuals (HNWI) $ $ Affluent $ $ Mass market < $

24 Il Private Banking L offerta delle banche alla clientela private può assumere diverse configurazioni, combinazione di quattro elementi fondamentali: 1. lospecificotargetdiclientialqualelabancasirivolge; 2. l ampiezza della gamma di servizi offerti; 3. il grado di personalizzazione dell offerta; 4. il modello organizzativo adottato per la gestione delle relazioni di clientela e l erogazione dei servizi. Le diverse combinazioni di tali elementi sono riconducibili a tre modelli: ilprivate bankingtradizionale, rivolto a clienti private di fascia bassa e spesso anche upper affluent, incentrato sul servizio di asset management con un grado di personalizzazione limitato; il wealth management, rivolto alla clientela di fascia alta con bisogni di assistenza diversificati e incentrato sull offerta personalizzata di una consulenza ad ampio raggio, avente per oggetto il patrimonio complessivo del cliente; il family office, mirato all offerta personalizzata di una consulenza ad alto valore aggiunto a tutti i membri di una famiglia con patrimonio molto elevato e diversificato e con esigenze di assistenza che spaziano dalla gestione degli investimenti finanziari o di altro tipo alla soluzione di problematiche dinastiche e successorie.

25 Prodotti e servizi di private banking attività di raccoltafinalizzate a soddisfare le esigenze di liquidità e rendimento della clientela; attività creditizia(finanziamenti revolving, linee di credito), spesso necessaria in quanto il patrimonio della clientela è altamente illiquido; servizi di ottimizzazione fiscale, che richiedono la conoscenza dei divari normativi esistenti tra i diversi Paesi, oltre che la capacità di operare sulle principali piazze finanziarie servizi di investment management, appositamente finalizzati alla gestione del patrimonio della clientela e concernenti investimenti in valori mobiliari, investimenti immobiliari, servizi di global custody, investimenti in metalli preziosi, opere d arte, commodities, distribuzione di polizze assicurative, costituzione di società e fondi fiduciari; servizi personali specifici

26 L evoluzione del Private Banking(1/3) Lo sviluppo di un attività di tipo private ha origine presso le banche svizzere ed è stato favorito da alcune particolari condizioni: la centralità della posizione della Svizzera rispetto ai più importanti Stati europei; lostatusdineutralitàdiquelpaese; il contesto caratterizzato da una relativa stabilità socio-economica e da una forte stabilità monetaria; il regime fiscale più vantaggioso di quello in vigore nei Paesi limitrofi; la conoscenza dei mercati finanziari internazionali da parte delle banche elvetiche e la rilevanza dell attività da queste svolta; la tradizionale riservatezza delle banche svizzere e la salvaguardia del segreto bancario. Queste condizioni hanno consentito alle banche svizzere di disporre di una base di clientela adeguata allo sviluppo di una specifica area d affari incentrata sull asset management (connotazione tradizionale del private banking secondo il modello elvetico). Solo in tempi più recenti si è registrato uno sviluppo del private banking anche nel mondo anglosassone. In cui l attenzione si sposta dal prodotto alla complessità dei bisogni del cliente. Il gestore private (o private banker) è fondamentalmente un gestore di relazioni di clientela (customer relationship manager).

27 L evoluzione del Private Banking(2/3) In Italia, un forte impulso a procedere in tale direzione è derivato dall emanazione di provvedimenti legislativi finalizzati al rientro dei capitali detenuti all estero da residenti italiani. Più precisamente, si fa riferimento a: Legge 73/ , di conversione del D. l. n. 12/2002, recante disposizioni urgenti per il completamento delle operazioni di emersione di attività detenute all estero e di lavoro irregolare, che di fatto ha garantito uno scudo fiscale, consentendo il rientro di capitali derivanti da evasione fiscale e contributiva a fronte del pagamento di un imposta sostitutiva del 2,5%; Legge n. 102/ che, all articolo 13 bis, prevede la possibilità del rimpatrio a condizioni agevolate di attività finanziarie e patrimoniali detenute all estero da residenti italiani(nuovo scudo fiscale). La possibilità di sostituirsi ai banchieri elvetici nella gestione di questi patrimoni ha incentivato, da parte delle banche italiane, la celere predisposizione di strutture di private banking anche in carenza di personale adeguatamente qualificato. In molti casi è stata abbassata la soglia di ricchezza in base alla quale classificare la clientela come private.

28 L evoluzione del Private Banking(3/3) Il private banking si è progressivamente evoluto in un modello più avanzato: il wealth management, mirato all offerta di soluzioni per la gestione della ricchezza complessiva del cliente (non soltanto degli asset finanziari) sulla base di un effettiva personalizzazione del rapporto e della proposta di servizi consulenziali ad elevato valore aggiunto. Il wealth management rappresenta la piena concretizzazione del concetto anglosassone di private banking. Il cliente è visto come portatore di molteplici interessi (immobiliari, artistici, imprenditoriali, successori, previdenziali) e richiede, pertanto, una consulenza globale. L integrazione dei diversi ambiti di gestione della ricchezza è l elemento distintivo del wealth management. Nell ultimo decennio, si sono diffuse strategie di offerta fondate sulla selezione, da parte della banca, di gestori esterni specializzati, ritenuti idonei a fornire di volta in volta i prodotti più confacenti alle esigenze della clientela(approccio multimanager). Un ulteriore sviluppo evolutivo del private banking è rappresentato dal family office, rivolto tipicamente a famiglie imprenditoriali particolarmente abbienti che necessitano di un approccio integrato alla gestione dell intero patrimonio familiare.

29 Profilo dei bisogni della clientela Private Identificare le esigenze dei clienti e predisporre un servizio personalizzato, secondo un percorso metodologico per fasi(musile Tanzi P., 2007): 1. analisi delle esigenze finanziarie dei clienti e verifica dei vincoli: il private banker raccoglie le informazioni per determinare l orizzonte temporale di investimento del cliente, la sua propensione al rischio e i bisogni finanziari da soddisfare. Scala delle esigenze finanziarie,(piramide dei bisogni di Maslow): esigenze primarie, soddisfatte con strumenti di pagamento e forme di finanziamento finalizzate a fronteggiare stati di necessità; esigenze di previdenza e sicurezza, soddisfatte con gli strumenti tipici del retail banking; esigenze di appartenenza e stima, che concernono un trattamento più elitario (incremento del tenore di vita, riduzione del carico fiscale); esigenze diautorealizzazione, riferite al trasferimento della ricchezza alle generazioni future. 2. proposta di soluzioni perle esigenze finanziarie individuate come prioritarie 3. attuazione delle scelte: 4. monitoraggio dei risultatiottenuti

30 Profili organizzativi del Private Banking(1/3) Esistono tre principali modelli di riferimento per l organizzazione e la gestione del private banking: l UNITA PRIVATE, la BUSINESS UNIT e l ENTITA GIURIDICA AUTONOMA. L unità private realizza l integrazione nella struttura retail dell offerta dei servizi di private banking, secondo un approccio che considera la clientela private un segmento contiguo alla clientela affluent. Il modello organizzativo dell UNITA PRIVATE Direzione commerciale Direzione Marketing Retail Coordinamento di rete Aree Unità di private banking Marketing Private Corporate Filiali Filiali Private

31 Profili organizzativi del Private Banking(2/3) Con il modello business unit si realizza una separazione più accentuata rispetto alla divisione retail, con una maggiore autonomia nelle scelte di marketing. In questi casi, è opportuno prevedere nei conti economici di filiale la valorizzazione di una parte delle commissioni conseguite dalla divisione private banking sui clienti in precedenza afferenti alla filiale. Il modello business unit può essere considerato di transizione tra una struttura completamente integrata e una entità private con autonomia giuridica e di marchio(brand). Il modello organizzativo della BUSINESS UNIT Direzione generale Divisione Retail Divisione Private Divisione Corporate

32 Profili organizzativi del Private Banking(3/3) Il modello entità giuridica autonoma prevede la presenza di una private bank separata, dotata di una specifica identità e di un marchio autonomo, con propri obiettivi di redditività, di incentivazione e di remunerazione del capitale. Predominanza del servizio rispetto ai prodotti. Con un turnover del personale molto meno accentuato rispetto alle altre due configurazioni organizzative per favorire la stabilità della relazione e lo sviluppo di legami fiduciari. Questa configurazione organizzativa richiede un approccio commerciale più aggressivo perché i margini generati devono assicurare la totale copertura dei costi di struttura. Il modello organizzativo della ENTITA GIURIDICA AUTONOMA Holding gruppo bancario Banca commerciale SGR Private bank Società di leasing Eventuali altre società

33 Prodotti e servizi tipici PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: è l ambito tradizionale di attività del private banking e si concretizza nella strutturazione di un portafoglio di investimenti finanziari con adeguato grado di diversificazione e personalizzazione. PRODOTTI E SERVIZI NON FINANZIARI: servizi di advisory con riferimento all acquisto/vendita di assets non finanziari. Porre a disposizione del cliente i migliori esperti del settore con una logica di open architecture. La gamma di servizi non finanziari è molto estesa: i principali ambiti riguardano la consulenza fiscale e legale, la consulenza immobiliare e la consulenza in materia di opere d arte; FAMILY OFFICE: è una soluzione organizzativa per la gestione dei patrimoni delle famiglie ultra HNWI basata sulla costituzione di un apposito veicolo giuridico esclusivamente dedicato. Vi si ricorre quando i problemi successori sono molto complessi e appare fondamentale realizzare una gestione del patrimonio in grado di soddisfare i diversi membri del gruppo familiare. I componenti del family office spesso sono indipendenti dagli istituti finanziari.

34 L evoluzione dello scenario competitivo Il mercato del private banking presenta ampie potenzialità di crescita, tuttavia nell ultimo decennio diversi fenomeni hanno reso più problematico il contesto ambientale dell area di business: 1. Crescente competizione tra gli attori dell offerta; 2. Maggiore tendenza dei clienti a sfruttare la propria forza contrattuale; 3. Vincoli di vigilanza per attività di gestione patrimoniale e consulenza finanziaria. Ciò ha avuto ripercussioni negative su costi e ricavi del business. In tale contesto, un elemento di flessibilità è fornito dal ricorso della banca a fornitori esterni di prodotti e servizi secondo una logica di open architecture. Con riferimento ai rischi ai quali le banche sono esposte nell offerta di tali servizi hanno assunto un rilievo particolare il rischio operativo e il compliance risk.

35 Il Corporate banking L espressione Corporate banking indica l area d affari rivolta alla produzione e offerta di prodotti e servizi finanziari finalizzati al soddisfacimento del complesso dei fabbisogni finanziari espressi dalle imprese(la cosiddetta clientela corporate ). Al fine di poter considerare un impresa come corporate, si usa un criterio dimensionale normalmente costituito dal fatturato: la soglia dimensionale minima è, di solito, fissata in un livello di fatturato superiore ai 2,5 milioni di euro. Segmentazione della clientela per classi dimensionali: Le aziende di dimensioni maggiori (fatturato non inferiori ai 100 milioni di euro) sono dette large corporate ; le altre aziende vengono ricondotte al segmento corporate o mid corporate. Il termine corporate banking non qualifica oggi un modello di business univocamente concepito e implementato dalle banche, quanto piuttosto un sistema di offerta complesso, di servizi finanziari e non, ad un gruppo predefinito di aziende clienti (De Laurentis, 2005).

36 Prodotti e servizi di corporate banking: L attività di commercial banking Esistono due segmenti di operatività di riferimento: il commercial banking e l investment banking Commercial banking: offerta alla clientela di servizi di deposito e di strumenti di pagamento, da un lato, e di strumenti di finanziamento dall altro: Strumenti e servizi di corporate lending: strumenti di finanziamento dei fabbisogni di tesoreria; dei fabbisogni di capitale circolante; dei fabbisogni di capitale fisso; degli impegni contrattuali; strumenti di finanza agevolata Strumenti e servizi di cash management, tali sia da consentire la gestione di temporanei surplus di liquidità, sia da favorire l accesso al sistema dei pagamenti imperniato sulla moneta bancaria. Strumenti e servizi di foreign trade financing, cui è possibile riferire quei prodotti finanziari finalizzati ad agevolare e supportare l espansione delle imprese domestiche oltre i confini nazionali.

37 Corporate banking e commercial banking (1/3) CORPORATE LENDING 1. strumenti di finanziamento dei fabbisogni di tesoreria (aperture di credito in conto corrente; linee di denaro caldo, altre linee a breve ad utilizzo in forma fissa); 2. strumenti di finanziamento dei fabbisogni di capitale circolante: sviluppo dell attività produttiva e commerciale; attitudine alla generazione di risorse monetarie in periodi solitamente non prolungati (sconto effetti, anticipo s.b.f., anticipazioni su merci, pronti contro termine, factoring, cessione del credito, altre linee auto liquidanti); 3. strumenti di finanziamento dei fabbisogni di capitale fisso: investimenti in attività materiali, immateriali o finanziarie per costituzione e mantenimento della capacità produttiva aziendale; distribuzione temporale dei cash flow da essi generati tale da richiedere fonti di risorse finanziarie stabili e durevoli (mutui a scadenza fissa, linee di credito revolving, prestiti sindacati, leasing finanziario); 4. strumenti di finanziamento degli impegni contrattuali: crediti non monetari (c.d. crediti di firma), con cui la banca soddisfa esigenze di legittimazione delle imprese clienti nei confronti dei loro creditori (accettazione cambiaria, avallo cambiario, fidejussione); 5. strumenti di finanza agevolata: per l accesso a forme di finanziamento a condizioni meno onerose di quelle correnti di mercato che spetterebbero alle imprese beneficiarie, consentendo l avvio dell attività d impresa e/o la realizzazione di programmi di investimento in determinati settori e/o aree geografiche (agevolazione in conto interessi, in conto capitale, in conto esercizio, in conto imposte, in conto garanzia).

38 Corporate banking e commercial banking (2/3) CASH MANAGEMENT L attività di cash management si sostanzia di una serie di servizi finanziari per le imprese (conti correnti, conti di deposito a risparmio) definibili anche come passività a vista. Strumenti per la gestione della tesoreria: procedure di incasso mediante avviso di versamento (MAV); documenti di incasso commerciale emessi a vista (Ricevute Bancarie - RiBa); procedure automatizzate di incasso crediti mediante ordini permanenti di addebito in conto corrente (Rapporto Interbancario Diretto o RID); corporate banking interbancario (CIB): è una piattaforma che consente alle imprese la consultazione remota del proprio conto corrente e la gestione degli strumenti di incasso e pagamento con riferimento a tutte le banche con cui l impresa stessa ha rapporti. cash pooling: servizio attraverso cui le imprese appartenenti a un gruppo possono gestire la loro liquidità in modo accentrato, minimizzando gli oneri finanziari a livello consolidato. centralizzando in capo ad un unico soggetto giuridico nell ambito del gruppo il cash pooler la gestione dei saldi di conto corrente delle diverse società appartenenti al gruppo stesso.

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO

GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Avviare e sviluppare un impresa con il venture capital e il private equity GUIDA PRATICA AL CAPITALE DI RISCHIO Indice 1. Perché una guida...4 2. L investimento nel

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli