PROVINCIA DE CASTEDDU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DE CASTEDDU"

Transcript

1 PROVINCIA DI CAGLIARI PROVINCIA DE CASTEDDU RASSEGNA STAMPA 15 LUGLIO Prime pagine Pag. 2 Taccuino avvenimenti Pag. 4 Provincia di Cagliari Pag. 7 Cronaca e politica regionale Pag. 17 Trasporti e viabilità Pag. 23 La rassegna stampa è stata ultimata alle ore 7.35.

2

3

4 TACCUINO AVVENIMENTI DI OGGI - Vertice della coalizione di centrosinistra per fare il punto sui recenti risultati elettorali e sulle elezioni amministrative del 2012 (Cagliari - via Emilia 39 - ore 9.30) - Assemblea degli azionisti di Abbanoa con all'ordine del giorno, tra l'altra, la pronuncia sul bilancio 2010 e la capitalizzazione della societa' (Cagliari - hotel Mediterraneo - sala congressi. Viale Diaz - ore 9.30) - Convegno "Energia, una necessita' e un'opportunita' di sviluppo in Sardegna" organizzato da Cgil regionale e Filctem (Cagliari - t-hotel - via dei Giudicati - ore 9.30) - Sit-in del comitato Gettiamo le basi e dei familiari dei militari uccisi da tumori per chiedere la sospensione delle attivita' militari in Sardegna, l'evacuazione dei personale dai poligoni, bonifiche e risarcimenti per le famiglie e il territorio colpiti (Cagliari - piazza del Carmine - ore 10) - Conferenza stampa del gruppo di Sinistra Unita nel consiglio comunale di Sassari sull'approvazione dell'istituzione del registro delle unioni civili (Sassari - palazzo Ducale - sala gruppi - ore 10) - L'assessore alla Cultura del comune di Cagliari presenta alla stampa il calendario degli spettacoli estivi che si terranno alla Fiera (Cagliari - municipio - ex sala Giunta - II piano - via Roma ore 10) - Insediamento della consulta dl volontariato sociale della provincia di Olbia-Tempio (Olbia - sede Provincia - via Nanni 41 - ore 10) - Terzo forum del settore agroalimentare del Sulcis-Iglesiente, con all'ordine del giorno una proposta di piano provinciale di sostegno alle filiere e un bando per l'elettrificazione rurale (Carbonia - sala riunioni della Provincia - via Mazzini 39 - ore 10) - L'assessore alle Culture del comune di Sassari illustra alla stampa il cartellone del festival "Figiura'" in programma nei giardini pubblici dal 25 luglio al 22 agosto (Sassari - ex Infermeria San Pietro - sala conferenze - ore 10.30) - Presentazione alla stampa del progetto artistico "NudiCrudi-Cronache Vere/Nere di conigli insonni" (Cagliari - ristorante biologico - vico I Barone Rossi 2A - ore 11) - Riunione della commissione Ambiente della Provincia di Olbia-Tempio sull'emergenza incendi in Gallura (Berchidda - municipio - sala consiliare - piazza del Popolo - ore 11) - Si riunisce il consiglio provinciale di Cagliari con all'ordine del giorno ratifiche di delibere di giunta, variazioni al bilancio di previsione 2011 e il regolamento per il conseguimento dell'idoneita' professionale per l'esercizio dell'attivita' di consulenza alla circolazione dei mezzi di trasporto (Cagliari - ex cappella della Provincia - via Giudice Guglielmo - ore 11) - Conferenza stampa di presentazione della rassegna musicale "Musica e natura" (Porto Torres - municipio - sala giunta - ore 11.15) - Conferenza stampa congiunta del Cagliari Calcio e dell'istituto per il Credito Sportivo sulla costruzione del nuovo stadio, con la partecipazione del presidente rossoblu Massimo Cellino, del commissario del credito sportivo Andrea Cardinaletti e del sindaco di Elmas, Valter Piscedda (Elmas - municipio - sala consiliare - via del Pino Solitario - ore 12) - Dibattito pubblico su "Per il diritto dell'abitare. Servizi di salute mentale, politiche sanitarie locali che sostengono i diritti delle persone sofferenti, anziane, disabili"; nell'occasione viene presentato il comitato "A casa mia" (Sassari - universita' - sala Eleonora d'arborea - piazza Universita' 1 - ore 10.30) - Concorso ippico di salto ostacoli 1* memorial "Nino Serra" organizzato dall'asd Centro di equitazione ozierese (Chilivani - strutture adiacenti ippoodromo Meloni - ore 15.30) - Prima giornata della seconda edizione del Sardinia Basketball Coaches Clinic, riservato agli allenatore di pallacanestro, organizzato dal comitato regionale della Fip e dalla scuola regionale dello sport del Coni Sardegna, con la partecipazione di Ettore Messina (consulent head coach dei Los Angeles Lakers), Francesco Cuzzolin (preparatore fisico dei Toronto Raptors e della nazionale italiana) e dell'allenatore della Dinamo Sassari, Meo Sacchetti (Cagliari - PalaCus - via Is Mirrionis - ore 15.30) - Convegno "L'evoluzione dell'impresa tra passato presente e futuro" organizzato dall'ance

5 Giovani Nord Sardegna (Alghero - hotel Carlos V - Lungomare Valencia 24 - ore 16) - Riunione dei comitato dei soci della Banca di Cagliari sulla situazione dell'istituto e sui contenuto del regolamento e dello statuto, in vista della prossima assemblea convocata dai commissari straordinari (Cagliari - T-Hotel - via dei Giudicati - ore 17) - Casting per la nuova pubblicita' Tim (Cagliari - piazza Yenne - gazebo Tim - ore 17) - Primo congresso di Futuro e Liberta' per l'italia della provincia dell'ogliastra (Triei - parco di Sant'Antonio di Mullo' - ore 17) - Incontro-dibattito su "Chimica Verde. Un'occasione per una nuova rinascita?" organizzato da Citta' Democratica (Porto Torres - sala "Filippo Canu" - ore 17.30) - "Le lune di Giove e la determinazione della velocita' della luce" e' il tema della prima delle quattro lezioni di astronomia tenute da Angelo Galleri e organizzate dall'ente parco di La Maddalena (Caprera - Centro di educazione ambientale di Stagnali - ore 18.30) - Incontro-dibattito "Calich: ecosistema a rischio" promosso dal centrosinistra di Alghero, con la partecipazione dei consiglieri regionali Mario Bruno (Pd) e Carlo Sechi (Sel) (Alghero - chiostro di San Francesco - ore 19) - Il giornalista Vito Biolchini intervista il soprintendente ai beni archeologici di Cagliari Marco Minoja e l'assessore alla Cultura del comune di Cagliari Enrica Puggioni nell'incontro "Da Tuvixeddu all'anfiteatro romano", con la partecipazione di Elio Turno Arthemalle, nell'ambito degli "Aperitivi culturali 2011" organizzati dall'associazione culturale Itzokor (Cagliari - spazio Search - sede espositiva archivio storico comunale - sottopiano del palazzo civico - largo Carlo Felice 2 - ore 19) (AGI) Rob TACCUINO DI CULTURA E SPETTACOLO - Il gruppo Opifice presenta il progetto "Abitarli senza rappresentazione ne' rappresentanti" per edifici dismessi e/o abbandonati della provincia di Cagliari e per monumenti naturali, anteprima del festival di narrazioni "Passaggi per il bosco"; seguono il contest fotografico "Rubare l'anima a un luogo", un laboratorio applicato con Luca Congia e lo spettacolo "Voi che sapete. Condanna e morte di Socrate" con Gaetano marino (Quartucciu - localita' Is Concias - tomba dei giganti - ore 19, ore 20 e ore 21) - L'associazione "Le Compagnie del Cocomero" mette in scena lo spettacolo "C'era una volta...un tetto" per la VII edizione dl festival "Bastoni & Burattini" (Sestu - parco comunale - ore 20.15) - La compagnia Teatrino di carta mette in scena lo spettacolo "Insalata di Riso" (Serrenti - Orto Botanico - ore 20) - Proiezione del film "Cancelli di fumo" di Francesco Bussalai per la rassegna cinematografica "Guardarsi cambiare: Cagliari" (Cagliari - sala Polifunzionale - Parco di Monte Claro - ore 20.30) - Concerto dei Ratapignata, di Mauro Ermanno Giovanardi e del gruppo rock dei Marlene Kuntz nell'ambito della manifestazione "Mondo Ichnusa 2011" (Quartu - Arena Beach - spiaggia del Poetto - Margine Rosso - ore 21) - Serata di musica e parole organizzata dal comune di Villasor con un concerto del Karel Ensemble e un incontro con scrittrice Michela Murgia che presenta il nuovo romanzo "Ave Mary. E la chiesa invento' la donna" (Villasor - Castello Siviller - ore 21) - Rappresentazione del dramma lirico in tre atti "Napoli milionaria!" di Edoardo de Filippo su musica di Nino Rota, allestito dal Festival della Valle d'itria di Martina Franca per la Stagione Lirica e di Balletto del Teatro Lirico di Cagliari (Cagliari - Teatro Lirico - via Sant'Alenixedda - ore 21) - Concerto di Paolo Fresu & Bojan Z nell'ambito dell'iniziativa "50 anni suonati", cinquanta concerti in cinquanta giorni per celebrare la musica di Paolo Fresu (Arbus - Pozzo Gal - Ingurtosu - ore 21.30) - Il giornalista Gianni Zanata presenta il suo romanzo "Non sto tanto male", nell'ambito della I rassegna "Incontri con gli autori e conversazioni letterarie in riva al mare" (Porto Ottiolu - libreria Un libro al mare - piazzetta del porto - ore 21.30) - Sfilata di moda con la partecipazione del gruppo musicale "Zirichiltaggia" e un tributo a Fabrizio De Andre', in occasione del 160 anniversario della miniera di Rosas (Narcao - ore 21.30) - Proiezione del film "The Tourist" di Florian Henckel von Donnersmarck per la rassegna

6 cinematografica "R...estate a Elmas", promosso dall'associazione culturale L'Alambicco (Elams - campetto della scuola media di via don Palmas - ore 21.30) - Serata di musica dal vivo e karaoke per la rassegna "Sant'Antioco. Estate da vivere" (Sant'Antioco - ore 22.30) (AGI) Rob

7 Cagliari: Provincia, discariche abusive Si è parlato di ambiente e di vendita di immobili di proprietà della Provincia nell ultima seduta consiliare. Alessandro Sorgia, del Pdl, ha posto la questione dell aumento delle discariche abusive in seguito all eliminazione dei cassonetti da parte dei Comuni che effettuano la raccolta differenziata porta a porta e della necessità di rendere operativa la polizia provinciale con compiti di vigilanza ambientale. Oliviero Melis, capogruppo Pdl, ha invece chiesto chiarimenti sulla posizione della Provincia all interno dell ente Parco di Molentargius. L assessore all Ambiente Ignazio Tolu, dopo aver ricordato che in questi giorni sarà nominato il comandante della polizia provinciale, ha sottolineato che sono di competenza della Provincia solo le discariche lungo le strade provinciali mentre spetta ai Comuni l eventuale sistemazione di cassonetti. L assessore ha poi risposto che a fronte di una quota partecipativa del 3% nel Consorzio del Parco di Molentargius la Provincia vi ha investito più risorse finanziare rispetto a tutti gli altri enti, ma è stata esclusa dal direttivo per scelte politiche. Secondo il capogruppo del Pdl l esclusione dipenderebbe invece dal non aver rispettato un accordo del Spiegazioni sulla vendita dell ex Provveditorato di via San Saturnino sono state chieste da Emanuele Armeni, del Pd, all assessore al Patrimonio Paolo Mureddu. La vendita dell immobile, ha spiegato l assessore, è avvenuta mediante un bando di gara chiuso a gennaio che non ha visto alcuna impresa partecipare a causa della mancanza di tempi utili per presentare il piano finanziario. Il bando perciò è stato riaperto a luglio ed è stato aggiudicato per euro dall unica impresa che ha presentato un offerta. Mureddu ha concluso annunciando l apertura di nuovi bandi per la vendita di altri immobili ormai inutilizzati dalla Provincia. 13 luglio 2011

8 CONVOCAZIONE CONSIGLIO PROVINCIALE 15 LUGLIO Scritta il 14/07/2011 da S.G. Cagliari, 14 luglio Riprenderanno domani, venerdì 15 luglio, alle ore 11, nell'ex cappella della Provincia (via Giudice Guglielmo Cagliari), i lavori del consiglio provinciale di Cagliari. Questi i punti all'ordine del giorno: 1) Ratifica delibera giunta provinciale inerente Variazione al bilancio di previsione per l anno 2011 e relativi allegati, finalizzata all incremento della spesa corrente per il trattamento accessorio del personale interno ed esterno ai sensi dell'art. 90 del D. Lgs. 267/2000; 2) Ratifica delibera giunta provinciale inerente Variazione al Bilancio di Previsione per l anno 2011 e relativi allegati, finalizzata all'incremento di diversi interventi di spesa corrente e in c/capitale. Centro di Costo Edilizia Patrimoniale; 3) Variazione al Bilancio di Previsione per l anno 2011 e relativi allegati, finalizzata all'incremento della spesa corrente per la realizzazione delle attività relative al progetto Azione di sistema Welfare to work per le politiche di reimpiego finanziato con trasferimenti della Regione Sardegna. Centro di Costo Lavoro; 4) Variazione al Bilancio di Previsione per l anno 2011 e relativi allegati, finalizzata all'incremento della spesa corrente. Centro di Costo Protezione Civile; 5) Variazione al bilancio di previsione 2011 e relativi allegati, finalizzata all incremento dell'intervento di spesa corrente Trasferimenti. Centro di Costo Servizi Sociali; 6) Regolamento per il conseguimento dell idoneità professionale per l esercizio dell attività di consulenza alla circolazione dei mezzi di trasporto (modifica al regolamento approvato con delibera del consiglio provinciale n. 37 del 22/06/2009).

9 Cagliari: convocato il Consiglio provinciale Riprenderanno domani, venerdì 15 luglio, alle ore 11, nell'ex cappella della Provincia (via Giudice Guglielmo Cagliari), i lavori del consiglio provinciale di Cagliari. Questi i punti all'ordine del giorno: 1) Ratifica delibera giunta provinciale inerente Variazione al bilancio di previsione per l anno 2011 e relativi allegati, finalizzata all incremento della spesa corrente per il trattamento accessorio del personale interno ed esterno ai sensi dell'art. 90 del D. Lgs. 267/2000; 2) Ratifica delibera giunta provinciale inerente Variazione al Bilancio di Previsione per l anno 2011 e relativi allegati, finalizzata all'incremento di diversi interventi di spesa corrente e in c/capitale. Centro di Costo Edilizia Patrimoniale; 3) Variazione al Bilancio di Previsione per l anno 2011 e relativi allegati, finalizzata all'incremento della spesa corrente per la realizzazione delle attività relative al progetto Azione di sistema Welfare to work per le politiche di reimpiego finanziato con trasferimenti della Regione Sardegna. Centro di Costo Lavoro; 4) Variazione al Bilancio di Previsione per l anno 2011 e relativi allegati, finalizzata all'incremento della spesa corrente. Centro di Costo Protezione Civile; 5) Variazione al bilancio di previsione 2011 e relativi allegati, finalizzata all incremento dell'intervento di spesa corrente Trasferimenti. Centro di Costo Servizi Sociali; 6) Regolamento per il conseguimento dell idoneità professionale per l esercizio dell attività di consulenza alla circolazione dei mezzi di trasporto (modifica al regolamento approvato con delibera del consiglio provinciale n. 37 del 22/06/2009). Giovedì 14 luglio

10 Pag. 19 IL PROCESSO. La Cassazione rinvia la decisione alla corte d'appello civile Poetto, chi paga i danni? Ribaltata la sentenza su Provincia e impresa I reati sono prescritti, il ricorso della Procura generale contro la sentenza del 22 dicembre 2009 è respinto. Sotto il profilo penale nulla cambia: nessun colpevole. Però, la sentenza della Suprema corte stravolge il verdetto d'appello perché, nell'accogliere il ricorso della Provincia e dell'associazione temporanea d'imprese che ha eseguito i lavori, rimette in discussione una circostanza: chi deve pagare per i danni causati dal ripascimento della spiaggia del Poetto? In sede penale i giudici avevano stabilito che Provincia e impresa dovessero versare il risarcimento insieme agli imputati che non è stato possibile assolvere perché non c'era la assoluta evidenza della loro innocenza. Ora, invece, gli atti vengono trasmessi alla Corte d'appello civile che dovrà affrontare il merito della questione per stabilire se la Provincia e l'impresa siano responsabili del disastro ambientale (la Corte d'appello penale non si era soffermata perché i reati erano prescritti). DECISIONE CLAMOROSA Gli avvocati Leonardo Filippi e Francesco Atzori parlano di «grande successo», in effetti la decisione della Cassazione rimette tutto in discussione. Alla fine il rischio è che non debba pagare proprio nessuno. Sì, perché la Corte d'appello civile dovrà ancora valutare se e quanto debbano pagare gli imputati, salvati nel penale solo dal trascorrere del tempo. In sostanza: erano trascorsi sette anni e mezzo dalla fine dei lavori e non c'era la prova della assoluta innocenza dell'ex assessore provinciale ai Lavori pubblici Renzo Zirone, dei componenti della commissione di monitoraggio Andrea Atzeni, Paolo Orrù e Giovanni Serra, del direttore dei lavori Salvatore Pistis, del dirigente della Provincia Andrea Gardu, del coordinatore del progetto Lorenzo Mulas, del legale rappresentante dell'associazione di imprese che ha eseguito i lavori Piergiorgio Baita. Così i giudici avevano dichiarato prescritti i reati di danno ambientale, falso, abuso d'ufficio e danneggiamento. Esclusi Atzeni, Orrù e Serra, per gli altri restavano confermate le statuizioni civili, cioè le condanne al pagamento del danno, da quantificare davanti a un altro giudice. LA DRAGA DELLE POLEMICHE Vicenda infinita quella giudiziaria legata al ripascimento: tutto era cominciato l'8 marzo 2002 con i primi sversamenti sull'arenile di sabbia pescata in mare dalla draga Antigoon. Il 4 luglio 2008 il Tribunale aveva condannato Zirone, Atzeni, Orrù, Serra, Pistis, Gardu, Mulas e Baita. Il presidente della Provincia Sandro Balletto, processato con l'abbreviato, era stato invece assolto in appello dopo una condanna a dieci mesi in primo grado mentre al biologo Bruno Aschieri erano stati inflitti sei mesi. M. F. Ch. La storia Undici anni di inchieste E la spiaggia si consuma È l'otto marzo del 2002 quando la draga olandese Antigoon inizia a riversare sulla spiaggia sabbia e sassi risucchiati in mare aperto e risputati su ciò che restava dell'arena bianca e sottile che nessun luogo al mondo poteva vantare di avere in città. Dodici giorni e 360 milioni di metri cubi dopo il litorale non è più lo stesso. È profondo e ampio, ma nero, l'acqua è torbida. Uno shock. I cagliaritani osservano sconvolti, gli ambientalisti gridano al disastro, i politici si scannano sulle responsabilità. L'inchiesta penale è inevitabile. Le indagini durano tre anni, due il processo di primo grado, uno e mezzo l'appello. Sommando i tre mesi trascorsi fra il deposito degli atti e la richiesta di rinvio a giudizio ed i quattro per l'udienza preliminare, la vicenda processuale penale che vede protagonisti politici e tecnici responsabili dei danni alla spiaggia dura poco più di sette anni. Troppi. La prescrizione è inevitabile. Ma non impedisce che ambientalisti, Comune, Provincia, Regione e Demanio chiedano i danni in sede civile. Che vengono quantificati in primo e secondo grado. Si salvano i componenti della commissione di monitoraggio Andrea Atzeni, Paolo Orrù e Giovanni Serra che in primo grado non erano stati condannati al risarcimento del danno. Non l'ex assessore provinciale ai Lavori pubblici Renzo Zirone, il direttore dei lavori Salvatore Pistis, il dirigente della Provincia Andrea Gardu, il coordinatore del progetto Lorenzo Mulas, il legale rappresentante dell'associazione di imprese che ha eseguito i lavori Piergiorgio Baita. Costretti a ricorrere per Cassazione, per evitare che la condanna civilistica diventasse definitiva. Ieri la Cassazione si è pronunciata: parte del processo civile d'appello è da rifare. La giustizia non ha ancora concluso il suo percorso. Intanto il mare si è ripreso buona parte della nuova spiaggia. (f.ma.)

11 Pag. 23 Ripascimento, la parola passa al giudice civile La Cassazione accoglie il ricorso della Provincia e dell impresa FILIPPI Il nuovo dibattimento dovrà decidere se il danno esiste e in tal caso la cifra da risarcire CAGLIARI. L otto marzo del 2002, i cagliaritani si risvegliarono con un Poetto diverso: il colore e la granulometria della sabbia erano cambiati. Il ripascimento ne aveva modificato la fisionomia. Poi una serie di denunce e una lunga odissea giudiziaria: Ieri la Cassazione ha accolto il ricorso della Provincia (difesa da Leopoldo Filippi) e dell impresa. Da una parte ci sono gli ambientalisti e la Regione a chiedere i danni, dall altra la Provincia (che ha gestito il ripascimento) e la società che ha eseguito i lavori. L amministrazione locale aveva ricorso in Cassazione contro la sentenza della Corte d Appello che aveva dichiarato la prescrizione dei reati (atto impugnato dal Procuratore), ma anche confermato le condanne al risarcimento del danno alle parti civili per l allora assessore provinciale ai Lavori pubblici Renzo Zirone e altri quattro imputati (i dirigenti Salvatore Pistis, Lorenzo Mulas, Andrea Gardu e l imprenditore Piergiorgio Baita). La Provincia è responsabile civile e avrebbe dotuto risarcire. Ieri la Cassazione ha giudicato «inammissibile la richiesta del Procuratore che domandava che il reato non fosse dichiarato prescritto - spiega Filippi - mentre ha accolto il nostro ricorso annullando la sentenza della Corte d Appello per il risarcimento e lasciando che sia il giudice civile a decidere se c è il danno e a quanto ammonta». Se il ricorso della Provincia non fosse stato accettato si sarebbe ugualmente andati dal giudice civile, ma solo per stabilire la cifra da pagare, essendo già stato accettato il danno. «La sentenza impugnata è carente di motivazione - aveva precisato Filippi nell atto depositato in Cassazione - in ordine ai motivi di gravame sollevati dalla difesa, che sono i presupposti della responsabilità civile. Il giudice territoriale non offre sufficienti argomentazioni in ordine all integrazione del delitto di danneggiamento». La spiaggia del Poetto, aveva sostenuto Filippi, avrebbe subito «solo un deterioramento estetico» ma non in senso tecnico-giuridico. I giudici della Corte d Appello, in precedenza, avevano invece argomentato la decisione sostenendo che il danneggiamento consiste nella colorazione nerastra delle nuove sabbie. La storia di questa vicenda è anche percorsa da qualche casualità, come quella che ha portato alla prescrizione per i reati d abuso d ufficio e di falso (nella sentenza della Corte d Appello, confermata ieri dalla Cassazione). L accusa aveva collocato il reato di danneggiamento della spiaggia al giugno 2002, quando i bulldozer dell impresa finirono di spargere sul lido del Poetto il materiale prevelato dal fondale marino. Per la difesa invece l eventuale reato sarebbe stato compiuto all atto dello sversamento delle sabbie scure sull arenile, quindi a marzo Su questo scarto di circa novanta giorni venne giocata la partita della prescrizione: fra le letture contrapposte prevalse (e prevale) la difensiva. (r.p.)

12 AUDIZIONI PLUS IN COMMISSIONI POLITICHE SOCIALI E PROGRAMMAZIONE Scritta il 14/07/2011 da S.G. Cagliari, 14 luglio Seduta congiunta, questa mattina, delle commissioni provinciali Politiche sociali e Programmazione, presiedute rispettivamente da Emanuele Armeni e Rita Corda, per le prime audizioni dei Comuni capofila dei Plus (Piani locali unitari dei servizi alla persona), strumenti di programmazione che hanno l'obiettivo di mettere in rete e armonizzare gli interventi ed i servizi sociali, sociosanitari e sanitari. I lavori sono stati aperti dall'assessore provinciale alle Politiche sociali, Angela Quaquero, che ha manifestato soddisfazione per il percorso avviato dalle due commissioni L'analisi e la verifica della programmazione socio-sanitaria fin qui compiuta ha lasciato subito spazio al grido d'allarme lanciato da Costantino Palmas, sindaco del Comune di Settimo San Pietro, capofila del Plus 21 (che comprende i Comuni di Monastir, Monserrato, Quartucciu, Selarigus, Sestu e Ussana oltre alla Provincia e all'asl'8) e responsabile del dipartimento Politiche sociali dell'anci su un sistema che rischia il collasso per il taglio di 400 milioni alle casse della Regione sarda previsto nella manovra del governo nazionale. "In questa situazione è difficile programmare ha detto Palmas - i Comuni, assieme alla Provincia, devono chiedere un'assunzione di responsabilità da parte della Regione Sardegna che deve individuare delle priorità e garantire le risorse necessarie. Quanto poi alla specificità del Plus 21 ha aggiunto - noi abbiamo chiesto, senza avere ottenuto ancora una risposta, la costituzione di un'azienda speciale, così come è avvenuto in altre Regioni. Verificheremo subito cosa la Provincia può fare per supportare la costituzione di un'azienda speciale ha detto Corda e proporremo la convocazione di un consiglio provinciale aperto a tutti i sindaci del territorio per discutere questo problema che investe la qualità della vita dei nostri cittadini. Nel frattempo ha aggiunto Armeni - proseguiranno le audizioni per capire reali esigenze e criticità dei diversi ambiti plus. Nel corso della riunione è emerso che mancano ancora le linee guida per la predisposizione dei piani e che nella bozza predisposta dalla Regione sarda si chiede che due servizi, l'assistenza domiciliare e il servizio educativo, vengano attivati in tutti gli ambiti, principio che cozza con quello dell'autonomia dei plus. Tra i commissari presenti Stefano Delunas (capogruppo Pd) ha proposto di rimettere in piedi le conferenze programmatiche per denunciare la gravità della situazione, rilevata anche dal suo collega di partito, Giorgio Palmas, mentre Ignazio Zuddas ha rivendicato l'autonomia dei vari territori per scelte che condizionano la qualità di vita delle famiglie che vi abitano. Nell'audizione successiva le due commissioni hanno incontrato una rappresentanza, formata tra l'altro dal coordinatore del Plus del Sarrabus, in cui è stata ribadita l'importanza dei Piani locali unitari dei servizi che, soprattutto nelle zone periferiche della Provincia, permettono di avere servizi di qualità: tra le conquiste del Plus del Sarrabus c'è la nascita del consultorio familiare a Muravera. Ribadita la loro importanza per quanto riguarda lo sviluppo dei territori, anche dal punto di vista occupazionale.

13 BLATTE AL COMUNE, SINDACO QUARTUCCIU CHIUDE GLI UFFICI (AGI) - Cagliari, 14 lug. - Un'invasione di blatte scoperta stamane ha spinto il sindaco del comune di Quartucciu (Cagliari), Carlo Murru, ha chiudere gli uffici per motivi igienici, con un'ordinanza appena firmata. Oltre alle blatte, si segnalano anche scarafaggi e formiche. "Da molti mesi stiamo inviando segnalazioni sia al centro antinsetti della Provincia sia alla Asl 8 (servizio igiene pubblica) per chiedere interventi di disinfestazione in molte vie del paese, nelle scuole e nell'edificio del municipio", spiega Murru, che ha informato il prefetto di Cagliari, Giovanni Balsamo, della sua decisione. "A seguito di queste segnalazioni, la Provincia dice di dover ricevere l'autorizzazione all'intervento dalla ASL 8, che a sua volta dichiara di non dover autorizzare chicchessia, comunicando di aver il compito esclusivamente di verificare la salubrita' dei locali dopo gli interventi. In altri casi, non considerando l'urgenza di tali interventi, l'ufficio antinsetti della Provincia chiede, molte settimane dopo le segnalazioni, l'invio di documentazione fotografica dei focolai di insetti, oltre che tutta una serie di altri documenti amministrativi, che a sua volta dovrebbe trasmettere alla Asl per poi valutare l'opportunita' d'intervenire". "Il servzio di disinfestazione, sta funzionando poco e male in tutto il territorio della Provincia di Cagliari e i cittadini e chi li amministra sono vittime di questa intollerabile situazione", aggiunge il sindaco. "I comuni sono vittime di una pastoia burocratica che diviene insormontabile, poiche' l'affidamento ad aziende private del servizio di disinfestazione sarebbe contestabile anche dalla Corte dei conti, visto che le competenze, nel merito, sono della provincia di Cagliari e dell'asl 8". "Dopo aver avuto un colloquio telefonico con il prefetto di Cagliari, comunicandogli l'insostenibile situazione e l'impossibilita' di risolverla, ho disposto la chiusura degli uffici comunali e porro' in essere tutti gli atti conseguenti per garantire ai cittadini di Quartucciu e ai dipendenti dell'amministrazione condizioni adeguate di vivibilita' a tutela della loro salute". (AGI) Red

14 Pag. 24 Quartucciu, blatte in Comune: il sindaco chiude gli uffici QUARTUCCIU. Il sindaco, Carlo Murru, ha firmato ieri un ordinanza di chiusura degli uffici comunali. Il motivo? Una mezza invasione di blatte, scarafaggi e formiche. «Da mesi - ha dichiarato - stiamo inviando segnalazioni sia al Centro antinsetti della Provincia sia alla Asl 8, Servizio igiene pubblica». Parole del primo cittadino, che aggiunge: «Abbiamo chiesto d intervenire per disinfestazione in molte vie del paese, nelle scuole e nell edificio del municipio. A seguito di queste segnalazioni la Provincia dice di dover ricevere l autorizzazione all intervento da parte della Asl 8, che a sua volta dice di non dover autorizzare chicchesia, e di aver il compito esclusivo di verificare la salubrità dei locali dopo gli interventi». Una sorta di presunto scaricabarile, insomma: «In altri casi, non considerando l urgenza di tali interventi, l Ufficio antinsetti della Provincia chiede molte settimane dopo le segnalazioni, l invio di documentazione fotografica dei focolai di insetti, oltre che tutta una serie di altri documenti amministrativi - aggiunge il sindaco - Che a sua volta dovrebbe trasmettere alla Asl per poi successivamente valutare l opportunità di intervenire». A dire di Carlo Murru il Servizio di disinfestazione, sta funzionando poco e male in tutto il territorio della provincia: «E i cittadini e chi li amministra sono vittime di questa assurda situazione».

15 Pag. 29 QUARTUCCIU. Ordinanza di Murru. Piazza Palazzo: «Nessuno ci ha informati» Municipio chiuso per blatte Il sindaco: «La Provincia non fa la disinfestazione» «Il Municipio è pieno di blatte, ma ormai da tre mesi la Provincia non interviene malgrado le nostre ripetute segnalazioni. A questo punto, non posso fare altro che chiudere gli uffici al pubblico e ai dipendenti». Questa volta il sindaco Carlo Murru ha perso la pazienza e ha deciso di usare le maniere forti. Proprio in seguito al mancato intervento dei tecnici del Centro provinciale antinsetti, che avrebbero dovuto disinfestare i locali del Palazzo municipale, il primo cittadino ha firmato un'ordinanza che impone la chiusura del Comune. UFFICI SBARRATI Da ieri pomeriggio, e per tutta la giornata di oggi, i cittadini e il personale non possono accedere agli uffici dei settori Urbanistica, Protocollo e Lavori pubblici. Resta aperto l'ingresso in via Nazionale, per consentire l'accesso dei dipendenti degli uffici Politiche sociali e Affari generali. Subito dopo aver firmato l'ordinanza di chiusura, il primo cittadino ha anche inviato una nota al prefetto per informarlo della situazione. IL SINDACO Tutto è cominciato tre mesi fa. «Da tempo», spiega Murru, «stiamo inviando segnalazioni sia al Centro antinsetti della Provincia sia all'asl 8, attraverso le quali chiediamo che si intervenga in molte vie del paese, nelle scuole e nell'edificio del Municipio, che sono infestati da blatte e scarafaggi. Ci hanno risposto diverse volte rimpallandosi le responsabilità, ma alla fine nessuno è intervenuto». Proprio per questo motivo, ieri è arrivata la decisione di chiudere gli uffici. «Il servizio di disinfestazione», aggiunge il sindaco, «sta funzionando poco e male in tutto il territorio della provincia di Cagliari: i cittadini e chi li amministra sono vittime di questa situazione intollerabile. Davanti a inadempienze, il mio compito è mettere in pratica tutti gli accorgimenti per garantire ai cittadini di Quartucciu, ma anche ai dipendenti dell'amministrazione, condizioni adeguate di vivibilità e tutela della salute». LA PROVINCIA Pronta la replica dell'assessore provinciale all'ambiente, Ignazio Tolu. «Il sindaco», dice, «prima di chiudere il Municipio, avrebbe fatto meglio a contattare i nostri uffici. Non ci risulta che ci sia stata una richiesta di disinfestazione da parte del Comune di Quartucciu. Non abbiamo la sfera di cristallo per capire dove si presentano i problemi: lavoriamo in base alle segnalazioni». Il servizio di disinfestazione, aggiunge Tolu, «è sempre garantito negli spazi chiusi come ospedali, scuole e municipi. Si era verificato qualche problema, che però abbiamo risolto, solo per quanto riguarda le strade. Ora tutto procede senza intoppi». Intanto il Palazzo comunale resta chiuso: solo per oggi, almeno questa è la situazione in questo momento, ma se nessuno libererà le stanze dalle blatte il provvedimento potrebbe estendersi anche alla prossima settimana. (g. da.)

16 Pag. 16 REGIONE. Stanziati 3,9 milioni Centri lavoro, personale salvo fino a dicembre Arriva a una svolta la vertenza dei centri per il lavoro. Ieri mattina, è stato firmato dall'assessore regionale del Lavoro, Franco Manca, il decreto che autorizza la spesa di 3,9 milioni di euro per la prosecuzione dei servizi e per il pagamento del personale dei Csl, Cesil e dell'agenzia 2 Giare. Le risorse sono sufficienti a coprire gli stipendi fino al 31 dicembre. I LAVORATORI Il provvedimento garantisce così sia il funzionamento dei 28 Centri servizi per il lavoro (più cinque sezioni decentrate e 11 sportelli), dei 52 Centri servizi per l'inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati (il cui servizio sarebbe stato interrotto il 31 agosto), sia il mantenimento per tutto il 2011 del personale, in tutto oltre 350 lavoratori. IL COMMENTO «In seguito alla recente crisi e di fronte all'emorragia di lavoratori e all'insicurezza sociale», sottolinea l'assessore Franco Manca, «la prima risposta della Regione è stata di tamponare la situazione con gli strumenti di protezione del reddito. Allo stesso tempo», aggiunge l'esponente dell'esecutivo, «la Giunta Cappellacci ha fatto partire un'incisiva attività di politiche attive del lavoro che stanno iniziando a dare i primi risultati». LA STABILITÀ FINANZIARIA «È però strategico», precisa infine l'assessore regionale del Lavoro, «che sia assicurata la stabilità finanziaria dei servizi e di questo personale attraverso una legge. Auspico», conclude Franco Manca, «che il legislatore riesca a trovare una soluzione definitiva al problema, garantendo le risorse finanziarie per la continuazione di questi servizi e facendo cessare il grave stato di precarietà del personale che dura ormai da quasi un decennio». ( lan. ol. )

17 pag. 11 Precari, Sel insieme al Pdl: rottura col Pd Nel centrosinistra linee opposte e scambi di accuse, i partiti al lavoro per ricucire CAGLIARI. Il centrodestra è riuscito ad approvare le sue norme «clientelari» (ma l ennesimo tentativo di fare assunzioni senza concorso è destinato a fallire) e il centrosinistra si è spaccato sul precariato: Sel ha votato col Pdl. All attacco l ex presidente Renato Soru: «Demagogia e populismo, noi abbiamo fatto le stabilizzazioni». Della legge sul personale e l organizzazione della Regione, arrivata in aula due settimane fa, non è rimasto praticamente niente: gli articoli sono stati tutti cassati. E questo è stato un successo politico in particolare dell assessore Mario Floris, leader dell Uds, che ha condotto una battaglia per non compromettere il vero disegno di riforma che sta per presentare. Alla fine sono rimasti solo pochi emendamenti e alcuni di questi hanno fatto davvero rumore. E il caso dell emendamento sul precariato. Al voto è arrivato il testo di sintesi concordato da Giulio Steri, capogruppo dell Udc, con i suoi pari grado di Pdl (Mario Diana) e Sel (Luciano Uras), vale a dire i due estremi dell aula. Un emendamento (decaduto) del Pd prevedeva per documentate necessità assunzioni di precari sino a un massimo del 3% della dotazione organica e comunque solo attraverso pubbliche selezioni e col divieto di fare altre chiamate, comprese quelle interinali. Invece i testi quasi identici di Sel e centrodestra davano il via libera a proroghe e assunzioni senza concorso, benché la Corte costituzionale abbia già cassato una simile proposta. In aula lo scontro è stato duro, soprattutto tra Pd e Sel. Capendo che l idea di votare col centrodestra avrebbe suscitato reazioni a sinistra, i vertici di Sel (il capogruppo Uras e il segretario Michele Piras) nel pomeriggio hanno scritto una lettera al Pd (il segretario Silvio Lai e il capogruppo Mario Bruno) per un chiarimento sui rapporti politici. Altro che chiarimento. Alla ripresa dei lavori in aula sono volate parole grosse tra Uras e i numerosi esponenti del Pd, dallo stesso Bruno («rammarico per la scelta di Sel di trattare direttamente con la destra») alla vice segretaria regionale Francesca Barracciu («c è più di un dubbio sulla tenuta dell alleanza»). Uras ha ribattuto colpo su colpo, affermando che la sua battaglia non è con la destra ma per i precari. Ma altri esponenti del Pd, e anche dell Idv come il capogruppo Adriano Salis, hanno controreplicato che prima dei precari davanti alla pubblica amministrazione, alla quale si accede per concorso, ci sono decine di migliaia di disoccupati. Nella sua battaglia, Uras ha perso un appoggio nel suo gruppo per il dissenso di Ben Amara, applaudito dal Pd, e certo non ha gradito i complimenti che gli sono stati rivolti da più parti del centrodestra. Che di certo godeva della spaccatura a sinistra. L emendamento «incriminato» è stato approvato intorno alle 20. Prevede, come il Pd, la soglia del 3% di assunzioni di precari, ma senza concorso (titoli e colloquio) e proroghe di contratti a termine (come per i giovani dei beni culturali, sino a fine 2012). La norma riguarda Consorzi di bonifica, l ente delle acque, Associazioni allevatori, Laore, formazione professionale. Quel che è rimasto della legge ha avuto il via libera alle 21. A quel punto a sinistra si sono messe in moto le diplomazie, anche se la prima conseguenza dello scontro in aula tra Pd e Sel è stato l annullanento del vertice dell opposizione, che era programmato proprio per questa mattina. La riunione collegiale si terrà tra una settimana. Nel rispondere alla lettera di Piras e Uras, il segretario del Pd Silvio Lai e Bruno hanno detto che serve un chiarimento ma dicendosi ottimisti sulla ricucitura. A Uras che aveva ipotizzato che «gli attacchi hanno una strana coincidenza, le tensioni sulla giunta comunale di Cagliari guidata dal nostro Massimo Zedda». Lai gli ha risposto: «Scopriamo da Uras che ci sono tensioni in giunta». E intervenuto con una dichiarazione anche Renato Soru. Riferendosi alla destra e a Sel, l ex presidente ha parlato di «populismo e demogogia», perché «è tutto un inganno, non ci sono stabilizzazioni, quelle le abbiamo fatte noi gli anni scorsi e loro stanno cercando di disfare le riforme».

18 Pag. 10 La frattura sui precari della Regione, i vendoliani votano col centrodestra Sel-Pd, è scontro aperto L'affondo dei democratici: «Coalizione in dubbio» La crepa nel centrosinistra diventa una voragine in Consiglio regionale. Le prove di mediazione di Sel (una lettera con la richiesta di un confronto immediato) dopo lo strappo di due giorni fa sulla norma salvaprecari della Regione s'infrangono contro la linea - durissima - scelta dal Pd. Il vicesegretario Francesca Barracciu interviene in Aula parlando di «fatto politico grave», alludendo alla scelta dei vendoliani di votare col centrodestra, «che mette in dubbio le prossime coalizioni in vista delle regionali». E il collega Giuseppe Luigi Cucca si spinge più avanti: «Sel si presta a fare il cavallo di Troia contro il Pd e il suo gruppo, c'è il soccorso rosso a sostegno di una Giunta traballante». A denti stretti il commento di Luciano Uras, leader di Sel in Consiglio: «Non abbiamo più alcuna intenzione di farci linciare dal Pd in Aula». E il clima ad alta tensione porta anche alle allusioni di una rottura legata alla formazione della Giunta da parte del sindaco di Cagliari Massimo Zedda. LA SPACCATURA La lacerazione ha conseguenze sull'agenda del centrosinistra ed è stata rinviata a venerdì prossimo la riunione di coalizione convocata inizialmente per questa mattina dal segretario Pd Silvio Lai per tracciare la linea verso le amministrative del Il coordinatore della segreteria Franco Marras riconosce «la tensione che emerge in queste ore» e allora è «meglio» attendere il ritorno del «clima positivo tra i partiti». E nello stesso tempo il Pd si affretta a convocare una conferenza stampa (questa mattina) per illustrare i contenuti della legge sul personale che ha mandato in tilt il centrosinistra. ALTA TENSIONE Le distanze tra Pd e Sel sulla linea da adottare di fronte al precariato erano già evidenti da tempo ma due giorni fa il bubbone è saltato definitivamente fuori, con il voto dei vendoliani a favore delle norme salva-precari insieme al centrodestra. Nel pomeriggio il capogruppo Uras e il segretario Michele Piras hanno rivolto un appello ai cugini: «Intendiamo proporre con urgenza un incontro della coalizione in Consiglio regionale, al fine di verificare ogni percorso utile a rafforzare il lavoro unitario della coalizione stessa». Ma nel dibattito in Aula il Pd ha scelto la linea della rottura e dello scontro aperto. IL CASO CAGLIARI Per Uras «da diverse settimane» ci sarebbe un «attacco diretto verso Sel» e «notiamo una strana coincidenza di questo clima con il Pd che è probabilmente aumentato dopo la formazione della Giunta comunale di Cagliari». Immediata la replica del segretario Pd Lai: «Secondo Uras, esiste un problema sulla Giunta di Cagliari che a noi non risulta. Meglio non mischiare i problemi di natura politica con le istituzioni». Scenari Lo scambio di lettere per «fare chiarezza» Sono emerse «difficoltà significative di rapporto tra i gruppi del centrosinistra», scrivono in una lettera rivolta al Pd i leader di Sel Luciano Uras e Michele Piras.«Serve un incontro della coalizione per verificare ogni percorso utile a rafforzare il lavoro unitario». Risponde il segretario del Pd Silvio Lai: «Le divisioni tra Sel e Pd possano essere ricondotte a unità, purché non avvenga la strana procedura per la quale il Pdl propone una cosa ed è condivisa da Sel senza discuterne con il resto della minoranza». Poi tocca al capogruppo Pd Mario Bruno: «Siamo per il superamento del precariato con norme precise, vedi l'emendamento per la stabilizzazione dei lavoratori che al 30 giugno 2009 avessero maturato 30 mesi di lavoro, garantendo nel contempo l'accesso nell'amministrazione con i concorsi».

19 Pag. 13 Il Consiglio dice di no all aumento dei salari per i manager delle Asl CAGLIARI. L aula di via Roma ieri mattina è diventata campo di battaglia per un possibile aumento delle retribuzioni dei manager delle Asl. Nel tutti contro tutti, alla fine, l emendamento della maggioranza che prevedeva un aumento del venti per cento dei compensi, non è passato ma resta la polemica per una mossa sbagliata nei modi e nella tempistica. «Una norma di questo genere richiama il movimento dei forconi», sintetizza Adriano Salis, capogruppo dell Idv. Anche su questo i Riformatori si sono differenziati dalla maggioranza. Il ministro Tremonti, in verità poco amato dal Consiglio regionale che qualche settimana fa gli ha imposto una censura per la discriminazione sulle questioni economiche della Sardegna, aveva appena dichiarato che «siamo sul Titanic», quando in Consiglio è stato presentato un emendamento firmato da Mario Diana (Pdl), Franco Meloni (Riformatori), Giacomo Sanna (Psd Az) e Franco Cuccureddu (Mpa). Mentre agli italiani viene chiesto di fare sacrifici, di sopportare l aumento spropositato dei carburanti, di vedere andare in fumo il risparmio delle famiglie in Bot, il testo dell emendamento recitava: «I compensi dei direttori generali delle Asl devono essere ricompresi entro un tetto massimo del 20% di maggiorazione rispetto alla retribuzione più alta, esclusi i proventi da lavoro straordinario»... Sbagliati i tempi visto che due giorni fa la riforma sanitaria aveva ottenuto il via libera dalle commissioni tra i contrasti nella stessa maggioranza e per la contingenza economica. Sull emendamento presentato alle norme che riorganizzano il personale regionale si è sviluppato un lungo dibattito in cui tutti hanno affermato la necessità di ridurre i costi della politica. E alla fine la maggioranza ha deciso di ritirare il provvedimento; tutti d accordo tranne Franco Meloni che lo ha recuperato. Il voto: 49 no, 5 sì, i Riformatori, 10 astenuti. «Non è un emendamento scandaloso», ha precisato Franco Meloni, «ma si tratta di una questione di giustizia perché i manager guadagnano meno di molti medici». La maggioranza intendeva far recuperare ai manager delle Asl sarde i tagli provocati dalle norme volute dal ministro Brunetta. «Non riescono a trovare la convergenza nemmeno sulla riforma», sostiene Mario Bruno, capogruppo del Pd, «e poi pensano agli aumenti dei compensi per i manager. Comunque questo ci ha dato l occasione per affrontare i tempi più generali dei costi della politica. Cominciamo subito, le proposte di legge ci sono, dal taglio dei vitalizi alla riduzione del numero dei consiglieri».

20 Pag. 10 Via libera in Consiglio Approvata la mini-riforma sul personale Le tensioni in aula non fermano la corsa del disegno di legge 71 e poco prima delle ventuno arriva il via libera del Consiglio alla mini-riforma del personale. Spiccano le norme salva-precari, il no all'aumento degli stipendi dei manager, l'istituzione della scuola del corpo forestale e gli incarichi ai dirigenti facenti funzioni. PRECARI La norma che ha diviso il Pd da Sel, con i vendoliani schierati con la maggioranza, dovrebbe dare garanzie a circa duemila precari. Si prevede la conferma per due anni, con due milioni, dei servizi del personale dei beni culturali, mentre con 15,5 milioni si rifinanzia il piano di spesa per il personale docente dei centri privati e dei centri regionali di formazione professionale degli enti locali. Altri 12 milioni saranno destinati al personale dei Centri servizi per il lavoro e delle agenzie di sviluppo locale. Entro il 30 marzo di ogni anno l'assessore del Personale dovrà presentare una relazione per consentire all'amministrazione regionale di procedere ad assunzioni di personale a tempo determinato nel limite massimo del 3 per cento rispetto agli organici strutturati, prendendo in considerazione tutte le forme di lavoro a termine. NO AD AUMENTI PER I MANAGER Non ci sarà l'aumento fino a un massimo del 20 per cento dei compensi dei manager delle Asl sarde. La norma è stata bocciata con 49 voti contrari, 5 favorevoli (dei Riformatori) e 10 astenuti. Franco Meloni aveva parlato di «questione di giustizia» per il ruolo dei manager che guadagnano meno dei primari. DIRIGENTI FACENTI FUNZIONI In attesa dei concorsi pubblici i dipendenti della categoria D della Regione potranno sostituire nelle funzioni i dirigenti (per due anni) sempre che siano in possesso dei requisiti. Bocciato a voto segreto, un comma che estendeva i requisiti per svolgere il ruolo di direttore generale dell'agenzia Agris Sardegna. SCUOLA FORESTALE Sì allo stanziamento di un milione di euro, dal 2012, per realizzare la scuola regionale del Corpo forestale e di vigilanza ambientale a Nuoro.

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE CULTURALE FERRARA OFF STATUTO DEFINIZIONE E FINALITA COSTITUZIONE, DENOMINAZIONE E SEDE. - ART. 1 E costituita, nello spirito della Costituzione della Repubblica

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Pagina 1 di 5 REPUBBLICA ITALIANA N.4259/06 REG.DEC. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 10235 REG.RIC. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Quinta ANNO 2004 ha pronunciato la seguente DECISIONE

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Mario FALCUCCI. Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3;

Mario FALCUCCI. Visto l art. 100, comma 2 della Costituzione; Vista la legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; Corte dei Conti N. 12/SEZAUT/2015/QMIG Sezione delle autonomie Adunanza del 9 marzo 2015 Presieduta dal Presidente di Sezione preposto alla funzione di coordinamento Composta dai magistrati: Presidenti

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t Regolamento interno del Consiglio regionale TITOLO I ORGANI DEL CONSIGLIO E LORO FUNZIONI Capo I Presidenza provvisoria Art. 1 (Ufficio provvisorio di Presidenza) Nella prima adunanza successiva alle elezioni

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382

DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 DECRETO LEGISLATIVO LUOGOTENENZIALE 23 novembre 1944, n. 382 Norme sui Consigli degli Ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali Pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 98 del 23 Dicembre

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli