Università degli Studi di Padova

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Padova"

Transcript

1 Università degli Studi di Padova Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO TESI DI LAUREA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS): PRESENZA NEL TERRITORIO DELL AZIENDA ULSS 4 ALTO VICENTINO THIENE (VI). L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE PER PREVENIRE LA DIFFUSIONE RELATORE: PROF. SSA TIZIANA MAGRO LAUREANDO: SANTACATTERINA FRANCO MATRICOLA ANNO ACCADEMICO

2 - 2 -

3 INTRODUZIONE Questo studio prende spunto dal fatto che, a distanza di diciotto anni dalla comparsa della zanzara tigre (Aedes albopictus) in Italia, nel territorio dell Azienda ULSS 4 Alto Vicentino, gli sforzi per coinvolgere attivamente i cittadini nella lotta contro la sua diffusione non hanno portato a soddisfacenti risultati ed anzi alcuni comportamenti spesso risultano ancor oggi palesemente scorretti. Tale situazione può costituire un pericolo per la salute pubblica, come ha dimostrato l epidemia di chikungunya sviluppatasi nell estate 2007 in Emilia Romagna; da quel momento Aedes albopictus non è più solo un fastidioso insetto. A dimostrazione che è invece possibile evitare la presenza della zanzara tigre, verranno illustrate le metodologie di lotta attivate nei due presidi ospedalieri di Schio e Thiene, dove non è mai stata segnalata la presenza di Aedes albopictus. Partendo da questo stato di fatto, analizzeremo i dati disponibili sulla presenza della zanzara tigre nell ULSS 4, nel Veneto, in Italia ed in Europa correlando il suo ciclo biologico con i possibili metodi di lotta. Nell illustrare la strategia di diffusione sul territorio, cercheremo inoltre di evidenziare i principali mutamenti del suo comportamento, conseguenti all adattamento al suo nuovo ambiente. Metteremo poi in luce le recenti problematiche sanitarie connesse al rischio di diffusione di malattie infettive. La panoramica sulla normativa di riferimento, regionale e nazionale, servirà a chiarire la competenze dei vari Enti coinvolti nella lotta per limitare la presenza di Aedes albopictus nelle aree in cui si è diffusa

4 Il lavoro proporrà poi l analisi degli strumenti organizzativi e dei principali interventi di informazione, comunicazione e formazione realizzati nell Azienda ULSS 4 Alto Vicentino e di altre esperienze attuate nel corso di vari anni in Veneto ed Emilia Romagna. Il cuore della tesi si prefigge però di analizzare i meccanismi che sorreggono le decisioni delle persone, investigare gli automatismi della persuasione nonché approfondire i concetti della comunicazione efficace. L analisi è stata condotta prevalentemente in relazione alla necessità di individuare metodologie di informazione-comunicazione capaci di incidere in modo più efficace, rispetto a quanto fatto finora, sui comportamenti delle persone e al fine di dare attuazione alle normative che impongono alla Pubblica Amministrazione di sviluppare e strutturare una corretta comunicazione. Nelle conclusioni verranno proposte le possibili strategie degli interventi di informazione, comunicazione e formazione dell Azienda ULSS 4 Alto Vicentino presentando delle proposte operative per il coinvolgimento più attivo della popolazione nella lotta per limitare la presenza di Aedes albopictus

5 INDICE CAPITOLO 1 LA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS): GENERALITA, PROBLEMATICHE EMERSE ED EMERGENTI pag Da dove viene e diffusione in Italia L origine La progressiva diffusione Cenni di biologia e ciclo di riproduzione Metodi di controllo Riduzione dei focolai larvali Interventi larvicidi Interventi adulticidi Evoluzione delle conoscenze nel tempo Processo di adattamento Processo di infestazione Aspetti sanitari Malattie infettive: generalità Epidemia di Chikungunya Potenziali rischi sanitari 17 CAPITOLO 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO I Livelli Essenziali di Assistenza ( LEA) I provvedimenti regionali Il protocollo Chikungunya 24 CAPITOLO 3 AZIENDA ULSS 4 ALTO VICENTINO : LA PRESENZA DI AEDES ALBOPICTUS E GLI STRUMENTI PER IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE ESPERIENZE DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE Provvedimenti Azienda ULSS-Comuni per il contenimento L Atto di Intesa Il Regolamento per la gestione delle segnalazioni di disturbo-disagio causato dalla detenzione di animali e dalla presenza di animali infestanti Emergenza Chikungunya: l Ordinanza Esperienze di informazione e formazione Comuni Comunità Scuola Cittadinanza Progetto Santo Sito WEB Strutture Azienda ULSS Il caso dei presidi ospedalieri

6 CAPITOLO 4 INFORMAZIONE E FORMAZIONE: ESPERIENZE IN ALTRE REALTA pag Interventi nel Veneto Attività di porta a porta a Montegrotto Terme Esperienza di lotta a Castelfranco Veneto Lotta alle zanzare e strategie mediatiche Interventi in Emilia Romagna Il volontariato collegato ai Comuni Il porta a porta con Guardie Ecologiche Volontarie a Forlì I focus group per accrescere le conoscenze dei cittadini La comunicazione in emergenza L esperienza francese 48 CAPITOLO 5 INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE AUTENTICA La Pubblica Amministrazione Breve storia della Pubblica Amministrazione La normativa e i principi della comunicazione pubblica Le modalità comunicative La comunicazione autentica Definizioni e postulati della comunicazione Tecniche di comunicazione 57 CAPITOLO 6 DECIDERE E PERSUADERE Decidere Le regole Aspetti psicologici che inducono le decisioni Persuadere Principio di reciprocità o di contraccambio Principio dell impegno e della coerenza Principio della riprova sociale Principio della simpatia Principio dell autorità Principio di scarsità Sintesi finale 70 CAPITOLO 7 CONCLUSIONI Comuni Comunità Scuola Cittadinanza Progetto Santo Sito WEB 78 BIBLIOGRAFIA 81 SITOGRAFIA 83 ALLEGATI

7 CAPITOLO 1 LA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS): GENERALITA, PROBLEMATICHE EMERSE ED EMERGENTI Nel capitolo, dopo una breve descrizione dei luoghi di origine della zanzara tigre, vengono proposti i dati della sua attuale diffusione. Le indicazioni sul ciclo biologico risultano indispensabili per illustrare i metodi di lotta per limitarne la presenza; nell evidenziare come, dal suo arrivo in Italia nel 1990, la zanzara tigre ha mutato alcuni comportamenti, descriveremo la strategia di colonizzazione dei territori. L ultima parte del capitolo è riservata all inquadramento delle problematiche sanitarie alla luce dell epidemia di chikungunya che ha colpito alcuni paesi della costa romagnola, nell estate del Da dove viene e diffusione in Italia L origine Nel mondo esistono circa 3200 specie di zanzare 1 diffuse a tutte le latitudini dai climi più caldi fino al polo nord. Sono comprese nell ordine dei ditteri; in Italia sono presenti una settantina di specie di cui solamente dieci pungono l uomo. La zanzara tigre (Aedes albopictus) è originaria delle giungle dell estremo Oriente nella quale i focolai 2 tipici dell ambiente forestale di origine sono costituiti dalle cavità che si formano nel tronco degli alberi ad alto fusto, ma anche dagli incavi delle ascelle fogliari di alcune piante, dalle cavità dei bambù abbattuti o tagliati e da piccole pozze tra le rocce 3. La sua grande capacità di adattamento la ha poi portata a colonizzare le aree rurali adiacenti e quindi gli ambienti sub-urbani ed urbani circostanti. 1 Venturelli C., Mascali Zeo S. (2007) La zanzara che venne dal caldo SNOP Rivista della società nazionale degli 2 operatori della prevenzione n 73 pag. 7 FOCOLAI - Si intendono le raccolte d acqua dove la zanzara depone le uova. Si possono suddividere in: - rimovibili: sono tutti i manufatti che possono riempirsi d acqua (tappi, sottovasi, copertoni, bidoni, giochi ). la loro attenta eliminazione rende impossibile la riproduzione del dittero. - permanenti: sono raccolte di acqua ineliminabili (es. fontane, caditoie stradali). Devono essere messi in sicurezza introducendo dei pesci rossi oppure trattati mediante l impiego di insetticidi. 3 Romi R., Di Luca M., Severini F., Toma L. Istituto Superiore di Sanità (2002) Linee guida per la sorveglianza e il controllo della zanzara tigre Aedes albopictus Roma Pag

8 1.1.2 La progressiva diffusione Dalla metà dello secolo scorso, in concomitanza con l aumento dei traffici commerciali, Aedes albopictus inizia il suo spostamento verso altri continenti: Africa, Americhe, Australia, mentre il primo avvistamento in Europa risale al 1988 in Albania. Questa straordinaria abilità di diffusione è legata alla indiscriminata capacità di utilizzare, per deporre le uova, tutto ciò che può contenere acqua; pertanto la riproduzione può avvenire in qualsivoglia contenitore: scatolette, sottovasi, vecchi secchi, contenitori abbandonati, tombini stradali ecc., anche se il più efficiente mezzo di diffusione delle uova si è rivelato essere il commercio dei copertoni d auto. L arrivo in Italia è datato 1990 al porto di Genova assieme ad un carico di pneumatici usati proveniente dagli Stati Uniti d America. Negli anni immediatamente successivi, , la sua presenza si diffonde ad altre regioni seguendo la rotta del commercio dei copertoni; in alcune aree la sua presenza risulterà essere stabile (Lombardia e Veneto) in altre, in un primo momento, la zanzara tigre viene eradicata (Trentino, Toscana, Sardegna). Da quel momento il dittero inizia una lenta, ma incessante colonizzazione che lo porta ad invadere praticamente la totalità del nostro Paese come dimostrano le successive cartine della figura Figura 1 progressiva diffusione (in ROSSO) in Italia (fonte Regione Veneto Piano Regionale di lotta alla zanzara tigre e di prevenzione della chikungunya) Focalizzando l attenzione sulla nostra Regione si ha conferma che, nel corso degli anni, la progressiva diffusione ha portato la zanzara tigre ad essere presente in tutte e sette le province venete (figura 2)

9 figura 2 (fonte Regione Veneto Piano Regionale di lotta alla zanzara tigre e di prevenzione della chikungunya) In figura è individuata con un cerchio l Azienda ULSS 4 Alto Vicentino. Se invece allarghiamo il nostro orizzonte all Europa (figura 3), possiamo notare come Aedes albopictus sia sostanzialmente presente in modo esteso solamente in Italia; tale situazione ci pone nello sgradito ruolo di possibili diffusori del dittero agli altri paesi con i rischi, anche sanitari, che ciò comporta. figura 3 diffusione di Aedes albopictus in Europa (fonte ECDC European Centre for Disease Prevention and Control Consultation on vector-related risk for chikungunya virus transmission in Europe ) - 9 -

10 1.2 Cenni di biologia e ciclo di riproduzione L eccezionale capacità diffusiva di Aedes albopictus è dovuta principalmente al trasporto passivo delle uova 4 che vengono normalmente deposte appena sopra il pelo dell acqua. Esse sono dotate di una particolare struttura che consente loro di resistere al disseccamento anche per parecchi mesi. Il periodo autunno-invernale, sfavorevole per la riproduzione, viene superato sottoforma di uova: quelle deposte dalle femmine dell ultima generazione stagionale, sono in grado di ibernare attraverso una diapausa embrionale indotta dal fotoperiodo 5. Per la loro schiusa è essenziale che vengano sommerse dall acqua, ma anche che siano presenti altri fattori concomitanti tra cui la durata del fotoperiodo giornaliero (almeno 12 ore di luce) ed una temperatura media di almeno 10 C. Dalla schiusa delle uova si sviluppano delle larve che attraverso quattro stadi di crescita, e quattro mute, si trasformano in pupa. Dopo 48 ore sfarfalla la zanzara adulta. Trascorse altre 48 ore può avvenire l accoppiamento, la femmina è quindi in grado di compiere il pasto di sangue indispensabile alla maturazione delle uova, per pasto di sangue, che verranno successivamente deposte. La durata dell intero ciclo riproduttivo varia dai 10 giorni a più settimane ed è essenzialmente funzione della temperatura. La vita delle femmine adulte in laboratorio si prolunga fino a 4-6 settimane che si riducono a circa la metà in natura. 1.3 Metodi di controllo I metodi di controllo sono essenzialmente riconducibili: - alla riduzione dei focolai larvali; 4 Romi R., Di Luca M., Severini F., Toma L. Istituto Superiore di Sanità (2002) Linee guida per la sorveglianza e il controllo della zanzara tigre Aedes albopictus Roma Pag Romi R., Di Luca M., Severini F., Toma L. Istituto Superiore di Sanità (2002) Linee guida per la sorveglianza e il controllo della zanzara tigre Aedes albopictus Roma Pag

11 - agli interventi larvicidi; - agli interventi adulticidi Riduzione dei focolai larvali La prima strategia di lotta appare scontata: avendo la zanzara tigre necessità di acqua per il ciclo riproduttivo basterà non fargliela trovare. Spesso infatti la zanzara tigre che infesta il nostro giardino l alleviamo noi stessi. Questo perché Aedes albopictus, come già scritto, riesce a colonizzare tutte le raccolte di acqua, piccole o grandi che siano, che le lasciamo a disposizione: dal vasetto abbandonato accidentalmente, al bidone dell acqua per innaffiare l orto, la fontana, il pozzetto di scarico della grondaia come evidenziato in figura 4. In realtà l applicazione di questo tipo di controllo è molto più complicato di quello che si pensi; alle volte anche interventi che rivelano la buona volontà delle persone possono dare origine ad ulteriori focolai di riproduzione come mostra l immagine del bidone coperto con un telo sopra il quale si è formata una piccola raccolta d acqua ideale per la riproduzione della zanzara. Figura 4 potenziali focolai (fonte Archivio Servizio Igiene e Sanità Pubblica - Ufficio Disinfestazione - Azienda ULSS 4) Interventi larvicidi Nei focolai permanenti o in cui non è possibile utilizzare altre forme di lotta, ad esempio la messa in sicurezza delle fontane mediante l introduzione dei pesci rossi ottimi divoratori di larve, devono essere impiegati insetticidi larvicidi. Il controllo delle forme larvali consente un ottima efficacia con minori conseguenze ambientali; questo è il metodo utilizzato per trattare i tombini. Gli insetticidi solidi - in pastiglie o granuli - o liquidi sono impiegati indicativamente da aprile ad ottobre cioè durante il periodo in cui sono

12 presenti le condizioni meteo-climatiche che consentono la riproduzione del dittero. La metodologia d uso e la periodicità dell intervento varierà in base al tipo di formulato commerciale usato; ad ogni buon conto dovranno essere seguite tutte le indicazioni riportate sull etichetta che accompagna il prodotto. Un aspetto importante da tenere presente è che più metodicamente vengono applicati i larvicidi tanto minore sarà il ricorso agli insetticidi adulticidi, mentre un limite dell applicazione di questi preparati è la necessità di ripetere i trattamenti nel caso di forti piogge che comportano il dilavamento della sostanza attiva Interventi adulticidi Come indica il nome stesso, si tratta di una procedura di lotta che mira ad abbattere la popolazione adulta presente. Spesso questa prassi garantisce risultati temporanei ed insoddisfacenti. Inoltre ha un notevole impatto ambientale, andando a colpire indistintamente tutti gli insetti presenti nell area di trattamento. Si ritiene debba essere impiegata in situazioni di emergenza per ridurre rapidamente la popolazione di zanzare, riportando la densità entro limiti sopportabili ed avendo cura, prima, di ricercare e rimuovere i focolai di infestazione. 1.4 Evoluzione delle conoscenze nel tempo La caratteristica che ha portato agli onori delle cronache Aedes albopictus è sicuramente l aggressività: la sua presenza comporta il disagio-fastidio provocato dalle punture e causa l impossibilità di usufruire in libertà degli spazi esterni delle abitazioni o dei giardini pubblici. Le conoscenze che hanno accompagnato l inizio dell infestazione in Italia caratterizzavano la zanzara tigre come una specie con spiccata attività diurna

13 ed enofila, cioè prevalentemente esterna alle abitazioni, impossibilitata a volare fino ad altezze elevate, dotata di una scarsa capacità di spostamento dal luogo di riproduzione tanto che nei primi anni di presenza la colonizzazione delle città era a macchia di leopardo ; il suo habitat era associato a luoghi freschi e, soprattutto, umidi. Relativamente alla possibilità di colonizzare il sud Italia si pensava che: a latitudini più meridionali invece, le condizioni ambientali determinate dalle temperature medie più elevate e dalla scarsità di precipitazioni durante i mesi estivi, rendono l ambiente meno favorevole alla colonizzazione da parte di Ae. Albopictus o comunque limitato il suo sviluppo massivo Processo di adattamento Alcune di queste caratteristiche sono state mantenute nel tempo; per altre si è notato un mutamento. La capacità di spostamento dal luogo di riproduzione, all inizio minima, è stato dimostrato abbia raggiunto il chilometro, anche se i dati sono contrastanti. Si riproduce molto efficacemente anche in luoghi fortemente assolati e poco umidi come, ad esempio, i parcheggi delle città o delle zone artigianali-industriali. Il fatto poi che essa abbia attività solamente diurna, enofila e che non sia in grado di salire ai piani alti delle abitazioni è contraddetto non solo da studi sperimentali, ma anche dall esperienza quotidiana dei cittadini residenti nelle città infestate. Infine, non possiamo non ricordare che le previsioni di una difficile discesa verso l Italia meridionale sono state sconfessate totalmente (figura 1); per quest aspetto c è piuttosto da segnalare quanto riferito dal Dr. Andrea Drago 7 nel corso dell incontro avvenuto a Legnaro il 16/10/08 nella fase di raccolta di materiale ed informazioni per la stesura della tesi: a Roma, dopo l inizio della colonizzazione caratterizzata da una improvvisa e massiccia presenza, sembra che, a distanza di qualche anno, la densità si attesti a livelli più modesti. 6 Romi R. (2001) Aedes albopictus in Italia: un problema sanitario sottovalutato Annali Istituto Superiore di Sanità 7 Vol. 37, n 2 pag. 242 Entomologo di Entostudio snc Brugine (PD)

14 1.4.2 Processo di infestazione Contro una così perfetta macchina da guerra poco sono valse le Ordinanze emesse da molte amministrazioni pubbliche. Questo anche in virtù della subdola strategia di infestazione adottata dal dittero, di cui i cittadini segnalano la presenza quando oramai l unico obiettivo possibile della lotta è il contenimento, ma non certo l eradicazione. Durante la prima fase dell infestazione infatti i focolai sono in numero limitato ed anche la densità delle zanzare è bassa tanto da passare inosservata. Poi un po alla volta gli adulti si diffondono sul territorio circostante attraverso il volo nella direzione dei venti dominanti o grazie al trasporto passivo degli adulti (e in questo caso termine mai si è rivelato più adatto) che spesso avviene dentro le auto che partono dalle zone infestate. Con l aumento del numero di zanzare aumentano anche i focolai utilizzati per la riproduzione; comincia la colonizzazione dei tombini e la presenza diventa evidente agli abitanti. La conferma di questa strategia di infestazione e la descrizione puntuale della stessa si possono ritrovare in uno studio, unico nel suo genere, che ha coinvolto la città di Rovereto nell ambito del quale è stato seguito il processo di infestazione a partire dal 1996 anno di rilevazione della presenza di Aedes albopictus in una fabbrica di copertoni usati. Le conseguenze, riportate nelle conclusioni sono che l eradicazione non è più un obiettivo possibile, che i provvedimenti per limitare la diffusione di Aedes albopictus sono sembrati inefficaci rispetto alla capacità della zanzara tigre di colonizzare il territorio, che oramai è perseguibile solo la riduzione della molestia ed il rallentamento della diffusione ottenibili, peraltro, solo attraverso una reale ed attiva partecipazione dei cittadini

15 Di fronte a tale situazione diventa sempre più presente il rischio di rassegnazione e di impotenza dei cittadini che andrà contrastato soprattutto tenendo presenti i rischi sanitari che la presenza di zanzara tigre comporta. 1.5 Aspetti sanitari Finora, abbiamo più volte associato la presenza di Aedes albopictus al disturbodisagio provocato dal fatto di non poter usufruire degli spazi esterni e peggio dalle conseguenze della sue punture che in qualche caso ha comportato la necessità di ricorrere al Pronto Soccorso del presidio ospedaliero, al Medico di Medicina Generale o ai consigli del farmacista. In tal senso il Dr. Claudio Venturelli 8, e il Prof. Federico Maggioli 9 riportano i dati tratti dall elaborazione di un questionario somministrato ad alcuni abitanti di due quartieri del cesenate: il 3,3% infatti degli intervistati autodichiarano di essersi rivolti al Pronto soccorso a causa delle punture di questo insetto, il 5,7% al proprio medico di base e il 2,4% al farmacista 10. In realtà occupandoci di problematiche sanitarie collegate alla presenza di zanzara tigre non possiamo non tener presente gli aspetti legati alla competenza di tale vettore nel trasmettere malattie infettive Malattie infettive: generalità Le malattie infettive sono ancora la principale causa di morte del genere umano anche se ciò non vale per i paesi industrializzati dove, di fatto, sono scomparse grazie al miglioramento delle condizioni igieniche sia all applicazione di efficaci campagne di vaccinazione. Per alcune la trasmissione non è diretta, ma avviene attraverso veicoli (inanimati) o vettori (animati). Quest ultimi sono rappresentati 8 Dipartimento Sanità Pubblica AUSL di Cesena 9 Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Fac. Med. Veterinaria Università di Teramo 10 Venturelli C., Maggioli F. (2007) Caratteristiche degli ambienti e presenza di zanzara tigre: indagine sui diversi ambiti insediativi nel territorio urbano Verso una strategia di lotta integrata alla zanzara tigre. Atti del convegno. Cesena 23 febbraio 2006 pag

16 da esseri viventi, per la maggior parte insetti, che dopo aver assunto i parassiti dalla sorgente li disperdono nel mondo esterno o li inoculano direttamente in un organismo sano 11. Proprio per quest aspetto preoccupa la presenza di zanzara tigre che risulta essere efficiente vettore di arbovirus: è stata dimostrata la sua competenza a trasmettere 23 arbovirus. Nel continente di origine è vettore del virus della dengue. A tal proposito R. Romi 12 nel 2003 scriveva: l entità del problema è spesso sottostimata dalle Autorità competenti, col risultato che la specie può raggiungere localmente densità preoccupanti. Tutto questo contribuisce a determinare una situazione di rischio sanitario che non può essere ignorata. Infatti, anche se in Italia il rischio che la zanzara tigre possa trasmettere arbovirus è attualmente solo teorico, non si può comunque del tutto escludere un evento accidentale legato alla temporanea importazione di serbatoi di infezione Epidemia di Chikungunya La previsione del dott. Romi ha trovato esatta conferma nell estate 2007 con l epidemia di questa malattia tropicale in un area della costa romagnola tra Castiglione di Cervia e Castiglione di Ravenna. Chikungunya ovvero l uomo che cammina piegato, proprio perché, oltre alla febbre che scompare dopo qualche giorno, la sintomatologia caratteristica è il forte dolore alle articolazioni che rende difficile la deambulazione anche per lungo tempo; il decorso è assai raramente fatale. L epidemia, come riscontrato dall indagine epidemiologica, è stata causata dalla presenza di una persona infetta giunta in Italia, per visitare alcuni parenti, da un area dell India in cui tale malattia è endemica. Questo fatto unitamente 11 Marin Prof.ssa Valeria - Laurea triennale in Tecniche della Prevenzione (percorso straordinario) Corso integrato di Igiene e medicina del lavoro Dispense Insegnamento Epidemiologia delle malattie infettive 12 R. Romi laboratorio di parassitologia Istituto Superiore di Sanità 13 Romi R. (2003) Diffusione di Aedes albopictus in Italia e analisi del rischio sanitario SNOP Rivista della società nazionale degli operatori della prevenzione n 61 pag

17 all altissima densità di zanzara tigre (vettore) riscontrata nell area in questione ha reso possibile l epidemia che ha colpito circa 200 persone Potenziali rischi sanitari Quanto successo deve suonare come un campanello dall allarme in quanto, se chikungunya è di fatto una patologia benigna, Aedes albopictus è vettore di malattie infettive ben più gravi i cui esiti, nel caso di complicanze, possono essere fatali come ad esempio la già citata dengue. L aumento del rischio sanitario è legato a cause difficilmente controllabili quali l incremento degli spostamenti delle persone, l amplificazione dei commerci di materiali e merci o ai cambiamenti climatici ( Vengono confermati per i periodo , anche a livello locale, trend globali che descrivono le precipitazioni in diminuzione e le temperature in aumento 14 ). Accanto a questi fattori, altri ancora devono essere oggetto di attenzione da parte delle Autorità che non possono, almeno, non tentare di governare tali variabili: appare infatti certo dalle indagini svolte in Emilia Romagna che, determinante per lo sviluppo dell epidemia di chikungunya, è stata l elevata densità di zanzara tigre presente nell area. E quindi necessario intervenire sistematicamente attraverso una capillare opera di informazione e formazione dei cittadini perché diventino necessariamente attori attivi della prevenzione al fine di rendere possibile l obiettivo di ridurre la densità di questo dittero che non risulta più solo fastidioso. 14 Barbi A., Chiaudani A., Delillo I., Borin M., Berti A. Andamenti agroclimatici nella regione Veneto nel periodo accesso 19/10/

18 - 18 -

19 CAPITOLO 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Nel capitolo dopo un analisi generica sulle numerose normative nazionali e regionali che riguardano più o meno specificatamente la lotta ad Aedes albopictus si approfondisce la problematica circa le competenze dei vari Enti coinvolti (Regione, Azienda ULSS, Comuni) al fine di definire il quadro attualmente in vigore nella regione Veneto. In relazione alle problematiche inerenti alla lotta ad Aedes albopictus nelle due tabelle (1 e 2) sono riportate le principali normative di riferimento promulgate nel corso degli anni. Provvedimenti STATALI Data Titolo Circolare n 13 Ministero della Sanità 19/07/91 Circolare n 42 Ministero della Sanità 25/10/93 Direttiva 98/8/UE 16/02/1998 relativa all immissione sul mercato dei biocidi Decreto Legislativo n /02/2000 Attuazione della direttiva 98/8/CE in materia di immissione sul mercato di biocidi Decreto Presidente Consiglio dei Ministri 29/11/2001 Livelli Essenziali di Assistenza LEA Nota Ministero della salute 2006 Sorveglianza della chikungunya Tabella 1 Provvedimento REGIONALI Data Titolo Legge Regionale 5 03/02/96 Piano socio sanitario regionale programma di sorveglianza e controllo Aedes albopictus e la Delibera Giunta Regionale /04/1997 conduzione dell'indagine sui culicidi antropofili delle aree litoranee sperimentazione triennale Delibera Giunta Regionale /04/2001 programma di sorveglianza e controllo Aedes albopictus Piano triennale Servizi Igiene e Sanità Pubblica afferenti ai Delibera Giunta Regionale /08/2002 Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende ULSS del veneto approvazione impegno di spesa Delibera Giunta Regionale /08/2002 Secondo programma di sorveglianza e controllo regionale della diffusione di Aedes albopictus (zanzara tigre) e altri culicidi antropofili Piano triennale dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica (SISP) afferenti ai Delibera Giunta Regionale /10/2003 Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende ULSS del Veneto - schede tecniche specifiche e trasversali - approvazione Delibera Giunta Regionale /12/2004 Pianificazione triennale della prevenzione approvazione Delibera Giunta Regionale /02/2006 Linee guida per l'organizzazione e la gestione delle attività di disinfezione e disinfestazione da ratti e zanzare Delibera Giunta Regionale /08/2008 Programma per l organizzazione e la gestione delle attività di disinfezione e disinfestazione da zanzara tigre - impegno di spesa Tabella 2 Come si può notare alcune normative sono essenzialmente di programmazione sanitaria: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) o il Piano socio-sanitario

20 regionale del 1996, il quale anche se datato è attualmente in vigore, o i Piani Triennali dei Servizi Igiene e Sanità Pubblica. Altre sono state emanate proprio in funzione della crescente diffusione della zanzara tigre nel Paese: citiamo le prime circolari del Ministero della Sanità del 1991 e 1993, nonché le numerose Delibere di Giunta Regionale che si sono susseguite a partire dal Nella sostanza tutte sono servite per delineare azioni di controllo e studio dell infestante, nonché per pianificare l attività degli Enti interessati. Diverse norme invece non riguardano direttamente Aedes albopictus, ma la loro applicazione ha influenzato le metodologie adottate per il suo contenimento: per tutte segnaliamo la Direttiva 98/8/UE Biocidi e il collegato Decreto Legislativo 174/00 di recepimento. L applicazione di tali provvedimenti ha comportato la revoca di molte sostanze attive usate nella disinfestazione civile. La ricaduta pratica è stato il ritiro dal commercio di numerosi Presidi Medico Chirurgici ampiamente utilizzati, sia per il loro basso costo sia per la loro efficacia, nella lotta larvicida e adulticida al dittero. L obiettivo del lavoro non è certo quello di analizzare ognuna delle norme che ci serviranno invece per illustrare e delineare il quadro delle competenze previsto nella Regione Veneto in tema di lotta alla zanzara tigre. 2.1 I Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) Le basi di qualsivoglia provvedimento regionale di programmazione sanitaria non possono essere che i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). Con apposito Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) lo Stato, di concerto con le Regioni, stabilisce le prestazioni garantite e tutti i cittadini dal Sistema Sanitario Nazionale

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE

UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE Delibera n. 215 del 26/02/2015 REGIONE DEL VENETO UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 7 PIEVE DI SOLIGO DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE L`anno duemilaquindici, il giorno ventisei del mese di Febbraio

Dettagli

La definizione dei ruoli e delle competenze nella gestione dei servizi di controllo degli infestanti nel Veneto

La definizione dei ruoli e delle competenze nella gestione dei servizi di controllo degli infestanti nel Veneto La definizione dei ruoli e delle competenze nella gestione dei servizi di controllo degli infestanti nel Veneto . Nel Veneto la gestione dell attività di disinfestazione da zanzare e ratti veniva affrontata

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA

RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE NEL TERRITORIO DELL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ATTIVITÀ SVOLTA INFORMAZIONE E FORMAZIONE Nel corso dell anno è stato organizzato

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Prevenzione Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto Maurizio Conte Marialuisa

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 Allegato 1 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue Anno 2009 PREMESSA Come noto l epidemia di Chikungunya che nel 2007 ha interessato

Dettagli

COMUNE DI CANDA (RO)

COMUNE DI CANDA (RO) COMUNE DI CANDA (RO) COPIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale n. 29 del 30.07.2014 Oggetto: APPROVAZIONE ATTO D'INTESA PROPOSTO DALL'AZIENDA ULSS 18 PER LA LOTTA ALLE ZANZARE. L anno duemilaquattordici

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: DGR 324 del 14.02.2006 Linee Guida per l organizzazione e la gestione delle attività di disinfezione e disinfestazione da ratti e zanzare Approvazione schema di intesa con l ULSS 1 Il Sindaco

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. RITENUTO opportuno, pertanto, rinnovare l Atto di Intesa in parola come da documentazione in atti;

LA GIUNTA COMUNALE. RITENUTO opportuno, pertanto, rinnovare l Atto di Intesa in parola come da documentazione in atti; 031-13 del 12.06.2013 OGGETTO: Attività di disinfestazione del territorio da ratti e zanzare. Proroga Atto di intesa con l ULSS n. 1 di Belluno.- LA GIUNTA COMUNALE ATTESO che con il 31/12/2012 è venuto

Dettagli

Comune di San Michele al Tagliamento

Comune di San Michele al Tagliamento Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio. Il ruolo che i Comuni svolgono è determinante ma, altrettanto determinante, è il contributo che possono

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

Un Esempio di Successo nella Lotta alla Zanzara Tigre

Un Esempio di Successo nella Lotta alla Zanzara Tigre Un Esempio di Successo nella Lotta alla Zanzara Tigre Bologna, 11 Novembre 2005 Fondazione Aldini - Valeriani www.copyr.it 1 campagna informazione e prevenzione Essenziale per prevenire lo sviluppo incontrollato

Dettagli

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato,

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, oggi più che mai migliorati anche dall'ausilio delle tecnologie

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) è una zanzara originaria del sud-est asiatico. Inizialmente, infatti, viveva in un area che andava dal Giappone al Madagascar dove

Dettagli

ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso

ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso ZANZARA TIGRE: Istruzioni per l uso 1. Programma di controllo 2. Monitoraggio 3. Rete di ovitrappole 4. Manutenzione settimanale 5. Sistema di sorveglianza a Roma 6. Parametri utilizzati 7. Dati climatici

Dettagli

Lotta alla zanzare tigre: azioni coordinate ed interdisciplinari

Lotta alla zanzare tigre: azioni coordinate ed interdisciplinari Lotta alla zanzare tigre: azioni coordinate ed interdisciplinari Sorveglianza e lotta alle zanzare in Veneto Francesca Russo Ferrara, 21 maggio 2009 Cronistoria La Regione Veneto ha iniziato ad occuparsi

Dettagli

Attività di monitoraggio e lotta. contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya

Attività di monitoraggio e lotta. contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya Attività di monitoraggio e lotta in Emilia-Romagna contro Aedes albopictus vettore di Chikungunya Descrizione epidemia di febbre da virus Chikungunya 07 L epidemia si è verificata nel corso dell estate

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

L Ordinanza Sindacale: schema tipo regionale

L Ordinanza Sindacale: schema tipo regionale L Ordinanza Sindacale: schema tipo regionale Dr. Giovanni Casaletti SIP Controllo Rischi Biologici Azienda USL di Modena Agosto 2007: primi casi di Febbre da Chikungunja (Castiglione di Cervia e a Castiglione

Dettagli

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare

Contro. Speciale viaggi. facciamoci in in. Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare Contro la la zanzara tigre tigre Speciale viaggi 4 facciamoci in in 4 Tutto quello che i viaggiatori devono sapere per difendersi meglio dalle malattie trasmesse dalle zanzare conosciamo meglio le malattie

Dettagli

Comune di San Giustino Provincia di Perugia

Comune di San Giustino Provincia di Perugia Comune di San Giustino Provincia di Perugia -segreteria GENERALE - delibere- Prot. n. COPIA Registro Generale n. 11 ORDINANZA DEL SINDACO N. 4 DEL 27-04-2011 Ufficio: UMD 04 Oggetto: PROVVEDIMENTI PER

Dettagli

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Introduzione Con l anno 2010 si è concluso il Piano triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie

Dettagli

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE

LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE STRATEGIE E PIANI DI CONTROLLO ANNO 2014 Agg. 14 mar 2014 Sede Reggio Emilia Servizio Disinfezione, Disinfestazione, Derattizzazione Tel. 0522/297664 fax 0522/297675 E-mail : ddd.re@gruppoiren.it

Dettagli

U.O.S Disinfestazione, Derattizzazione, Disinfezione Tel. 0755412446 075/8020734 Fax 0758020734; fax 0755412460

U.O.S Disinfestazione, Derattizzazione, Disinfezione Tel. 0755412446 075/8020734 Fax 0758020734; fax 0755412460 U.O.S Disinfestazione, Derattizzazione, Disinfezione Tel. 0755412446 075/8020734 Fax 0758020734; fax 0755412460 Dr. Alessandro Maria Di Giulio U.O.S. DDD Tel 0755412446 e-mail adigiulio@ausl2.umbria.it

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza

COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza COMUNE DI BOBBIO Provincia di Piacenza Ordinanza n. 0330 Bobbio lì, 20.09.2007 IL SINDACO VISTA la necessità di intervenire a tutela della salute e dell igiene pubblica per prevenire e controllare malattie

Dettagli

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Introduzione Con l anno 2010 si è concluso il Piano triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie

Dettagli

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Introduzione Con l anno 2010 si è concluso il Piano triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie

Dettagli

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Introduzione Con l anno 2010 si è concluso il Piano triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie

Dettagli

Rovigo, 3 aprile 2009 Dr. Lorenza Gallo Direttore SISP

Rovigo, 3 aprile 2009 Dr. Lorenza Gallo Direttore SISP L esperienza dell Azienda Ulss 18 nella gestione dell emergenza da WND Rovigo, 3 aprile 2009 Dr. Lorenza Gallo Direttore SISP per inquadrare l emergenza La cronistoria Il benchmarking Le collaborazioni

Dettagli

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE

COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE COMUNE DI CREMONA SETTORE LAVORI PUBBLICI, MOBILITA URBANA E AMBIENTE Prot. Gen. n. 37631/2015 ORDINANZA PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE

Dettagli

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive

Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive ALLEGATO 1 Direzione Sanità Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Piano per l organizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI E STRUTTURA DEL

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti

COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti COPIA ALBO COMUNE DI MONGARDINO Provincia di Asti DELIBERAZIONE N 6 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO : D.LGS. 14 MARZO 2013 - APPROVAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E

Dettagli

COMUNE DI LORETO. Provincia di Ancona AVVISO

COMUNE DI LORETO. Provincia di Ancona AVVISO COMUNE DI LORETO Provincia di Ancona AVVISO Il Comune provvede a distribuire gratuitamente, e fino ad esaurimento scorte, alle famiglie lauretane una fornitura di circa 20 compresse effervescenti di insetticida

Dettagli

PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE

PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE PROGETTO DI LOTTA ALLE ZANZARE AREA METROPOLITANA TORINESE - ANNO 2012 - COMUNE DI NONE STATO AVANZAMENTO LAVORI FINE 2012 Il Tecnico di Campo Lencia Renzo Il Referente Tecnico Scientifico Andrea Mosca

Dettagli

IL PROGETTO. è portato avanti in sintonia con la legge 75 del 1995. 2009: 29 Comuni, 9 tecnici di campo coordinati dal R.T.S.

IL PROGETTO. è portato avanti in sintonia con la legge 75 del 1995. 2009: 29 Comuni, 9 tecnici di campo coordinati dal R.T.S. Il Progetto di Lotta biologica ed integrata alle zanzare dell alessandrino nasce nel 1996 ed è portato avanti in sintonia con la legge 75 del 1995. 2009: 29 Comuni, 9 tecnici di campo coordinati dal R.T.S.

Dettagli

PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE

PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE PROGETTO REGIONALE UNITARIO D'INFORMAZIONE E MONITORAGGIO DELLA DIFFUSIONE DEI VETTORI DI PATOLOGIE UMANE E ANIMALI VEICOLATE DA ZANZARE Deliberazione della Giunta Regionale 10 maggio 2013, n. 3-5763 L.R.

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 278 DEL 06-06-2013

Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 278 DEL 06-06-2013 Città di Seregno DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 278 DEL 06-06-2013 OGGETTO: LOTTA PER IL CONTENIMENTO DELLE ZANZARE E DINFESTAZIONE STABILI COMUNALI - APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON DINAMO SOCIETA

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura)

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Regione del Veneto Deliberazione della Giunta (7^ legislatura) Presidente V. Presidente Assessori Giancarlo Fabio Renato Giancarlo Marialuisa Antonio Marino Massimo Raffaele Antonio Floriano Ermanno Raffaele

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale N. 72 del 07/05/2014 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI DISINFESTAZIONE E DI DERATTIZZAZIONE PER L ANNO 2014. PRELIEVO

Dettagli

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate

Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Piano Triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie collegate Introduzione Con l anno 2010 si è concluso il Piano triennale di Lotta alla zanzara tigre e prevenzione delle malattie

Dettagli

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino

Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Campagna federale per la verifica delle ditte attive nel settore delle disinfestazioni risultati per il Ticino Introduzione La lotta a organismi infestanti quali roditori o insetti, viene spesso eseguita

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

Settore Ambiente, Qualità e Riqualificazione Urbana

Settore Ambiente, Qualità e Riqualificazione Urbana Settore Ambiente, Qualità e Riqualificazione Urbana AVVISO E DI INTERESSE AVVISO PUBBLICO DI RICERCA per il conferimento di incarico esterno di Referente Tecnico Scientifico per il servizio di disinfestazione,

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

Le zanzare. Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000

Le zanzare. Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000 Le zanzare Classe: INSETTI Ordine: DITTERI Famiglia: CULICIDAE Genere: 30 tipologie Specie conosciute: oltre 3000 Areale geografico di distribuzione: i 3/4 delle specie vivono in aree tropicali e subtropicali,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità

Istituto Superiore di Sanità 1 Istituto Superiore di Sanità SISTEMA DI COMUNICAZIONI PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE DEI LAVORATORI DOGE n. Disposizione Operativa Generale BOZZA PER COMMENTI Distribuzione finale: Responsabili delle

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza.

Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. LEGGE REGIONALE 7 agosto 2007, n. 8 Norme per l istituzione di centri antiviolenza e case di accoglienza per le donne vittime di violenza. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 26 dell

Dettagli

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO

CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO CENTRO ANTIVIOLENZA IN VALDARNO Il progetto relativo alla creazione di un Centro antiviolenza nasce dalla sensibilità verso la violenza sulle donne da parte della Commissione Pari Opportunità di Montevarchi

Dettagli

Prot. n. 4129 Ordinanza n. 1107 del 30.04.2010

Prot. n. 4129 Ordinanza n. 1107 del 30.04.2010 COMUNE DI GOSSOLENGO Provincia di Piacenza Piazza Roma n 16 C.A.P. 29020 C.F. 00198670333 CENTRALINO Tel. (0523) 770711 Fax (0523) 779291 - comune.gossolengo@sintranet.it Prot. n. 4129 Ordinanza n. 1107

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

Analisi strutturata del problema

Analisi strutturata del problema TITOLO: Realizzazione di modalità e strumenti per integrare le informazioni correnti del sistema salute e del sistema lavoro ai fini delle attività di prevenzione e vigilanza sul territorio degli infortuni

Dettagli

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario?

Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? Artropodi = invertebrati con zampe articolate e corpo rivestito di chitina. Anche l astice è un artropode ma è di interesse sanitario? NO Aracnidi e insetti = ARTROPODI ARACNIDI INSETTI DITTERI ZANZARE

Dettagli

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia La Zanzara Tigre Importata nel mondo occidentale dall Asia, probabilmente grazie al commercio di copertoni usati, dove ha trovato una nicchia adatta alla propria diffusione, la Zanzara Tigre (Aedes albopictus)

Dettagli

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 (15 MAGGIO- 30 SETTEMBRE) Premessa L Azienda USL di Bologna

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Art. 1 Campo di applicazione

Art. 1 Campo di applicazione REGOLAMENTO Per l individuazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) nell ASL Frosinone e la definizione delle modalità di esercizio dell attività per l espletamento del mandato Art.

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI 1. PREMESSA DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le azioni

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Provincia di Venezia PROT. N. 6567 San Stino di Livenza 09/05/2013 ORDINANZA N. 31/2013 OGGETTO: provvedimenti urgenti per la prevenzione ed il controllo delle malattie da insetti vettori ed in particolare dalle zanzare. IL

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

COMUNE DI VILLA D ADDA Provincia di Bergamo

COMUNE DI VILLA D ADDA Provincia di Bergamo Prot. n. 3244 Ordinanza n. 10/12 PROVVEDIMENTI PER LA PREVENZIONE ED IL CONTROLLO DELLE MALATTIE TRASMESSE DA INSETTI VETTORI ED IN PARTICOLARE DALLA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS) IL SINDACO Vista la

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE

PROCEDURA. Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA DURANTE LE EMERGENZE Comune di S. Rocco al Porto Ufficio di Protezione Civile Stesura Bozza: Maggio 2001 (Gruppo di Lavoro S. Rocco + CRI di Lodi) 1 Verifica: 13 Ottobre 2001 PROCEDURA GESTIONE DEGLI EVACUATI NEI CENTRI DI

Dettagli

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI

CINGHIALE ED AREE PROTETTE IN ITALIA - IL CASO DEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTA DI MEDICINA VETERINARIA Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Dipartimento di Scienze Veterinarie TESI DI LAUREA IN AGR/19 ZOOTECNIA

Dettagli

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa

Padova, 28 Marzo 2007. a cura di: Osservatorio sul Mercato Locale del Lavoro Roberta Rosa Università degli Studi di Padova Servizio Stage e Mondo del Lavoro Occupazione e professionalità nelle imprese venete di consulenza amministrativa, fiscale, legale e notarile Progetto FSE Ob. 3 Mis. C1

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile

Provincia di Alessandria Assessorato alla Protezione Civile Assessorato alla Protezione Civile La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Provincia di Alessandria La Protezione Civile nella scuola secondaria di secondo grado della Sempre

Dettagli

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE

SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE RSPP MC PREPOSTO RLS DL AGG.TO N DATA REDATTO DA: VISTO DA: VERIFICATO DA: VISTO DA: VALIDATO DA: FILE: ELABORAZIONE CITTÀ DI ALESSANDRIA SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PIAZZA DELLA LIBERTÀ N. 1 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28 comma 1, 1bis e art. 29, D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. Circolare Ministero del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO DIREZIONE REGIONALE PER LA TOSCANA (d ora in avanti INAIL) con sede in Firenze, via Bufalini n. 7, rappresentato

Dettagli

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi SICUREZZA INTRODUZIONE Cosa rende speciali i nostri corsi Formazione e informazione sono gli elementi chiave per prendere consapevolezza dei rischi presenti nel proprio ambiente di lavoro e per predisporre

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA

Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE per IMPRENDITORI AGRICOLI OPERATORI FATTORIA DIDATTICA PREMESSA Via Montesanto, 15/6 34170 Gorizia Centralino 0481-3861 E-mail ersa@ersa.fvg.it Codice fiscale e partita IVA 00485650311 Servizio divulgazione, assistenza Corso di formazione COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Federazione Friuli V.G LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA E TERRITORIALE Workshop di attivazione GL Venerdì 6 marzo 2009 Sede Regione FVG Via Sabbadini, 31 - UDINE ABSTRACT CONTRIBUTO

Dettagli

Ordinanza sindacale anno 2011

Ordinanza sindacale anno 2011 SCHEMA D INDIRIZZO PER LA PRESENTAZIONE DEL PIANO DI INTERVENTO DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE anno 2011 DATI GENERALI Nome del Comune. Referente Comunale - Responsabile Uff. Ambiente o suo delegato

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli