Università degli Studi di Padova

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Padova"

Transcript

1 Università degli Studi di Padova Facoltà di Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL AMBIENTE E NEI LUOGHI DI LAVORO TESI DI LAUREA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS): PRESENZA NEL TERRITORIO DELL AZIENDA ULSS 4 ALTO VICENTINO THIENE (VI). L INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE PER PREVENIRE LA DIFFUSIONE RELATORE: PROF. SSA TIZIANA MAGRO LAUREANDO: SANTACATTERINA FRANCO MATRICOLA ANNO ACCADEMICO

2 - 2 -

3 INTRODUZIONE Questo studio prende spunto dal fatto che, a distanza di diciotto anni dalla comparsa della zanzara tigre (Aedes albopictus) in Italia, nel territorio dell Azienda ULSS 4 Alto Vicentino, gli sforzi per coinvolgere attivamente i cittadini nella lotta contro la sua diffusione non hanno portato a soddisfacenti risultati ed anzi alcuni comportamenti spesso risultano ancor oggi palesemente scorretti. Tale situazione può costituire un pericolo per la salute pubblica, come ha dimostrato l epidemia di chikungunya sviluppatasi nell estate 2007 in Emilia Romagna; da quel momento Aedes albopictus non è più solo un fastidioso insetto. A dimostrazione che è invece possibile evitare la presenza della zanzara tigre, verranno illustrate le metodologie di lotta attivate nei due presidi ospedalieri di Schio e Thiene, dove non è mai stata segnalata la presenza di Aedes albopictus. Partendo da questo stato di fatto, analizzeremo i dati disponibili sulla presenza della zanzara tigre nell ULSS 4, nel Veneto, in Italia ed in Europa correlando il suo ciclo biologico con i possibili metodi di lotta. Nell illustrare la strategia di diffusione sul territorio, cercheremo inoltre di evidenziare i principali mutamenti del suo comportamento, conseguenti all adattamento al suo nuovo ambiente. Metteremo poi in luce le recenti problematiche sanitarie connesse al rischio di diffusione di malattie infettive. La panoramica sulla normativa di riferimento, regionale e nazionale, servirà a chiarire la competenze dei vari Enti coinvolti nella lotta per limitare la presenza di Aedes albopictus nelle aree in cui si è diffusa

4 Il lavoro proporrà poi l analisi degli strumenti organizzativi e dei principali interventi di informazione, comunicazione e formazione realizzati nell Azienda ULSS 4 Alto Vicentino e di altre esperienze attuate nel corso di vari anni in Veneto ed Emilia Romagna. Il cuore della tesi si prefigge però di analizzare i meccanismi che sorreggono le decisioni delle persone, investigare gli automatismi della persuasione nonché approfondire i concetti della comunicazione efficace. L analisi è stata condotta prevalentemente in relazione alla necessità di individuare metodologie di informazione-comunicazione capaci di incidere in modo più efficace, rispetto a quanto fatto finora, sui comportamenti delle persone e al fine di dare attuazione alle normative che impongono alla Pubblica Amministrazione di sviluppare e strutturare una corretta comunicazione. Nelle conclusioni verranno proposte le possibili strategie degli interventi di informazione, comunicazione e formazione dell Azienda ULSS 4 Alto Vicentino presentando delle proposte operative per il coinvolgimento più attivo della popolazione nella lotta per limitare la presenza di Aedes albopictus

5 INDICE CAPITOLO 1 LA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS): GENERALITA, PROBLEMATICHE EMERSE ED EMERGENTI pag Da dove viene e diffusione in Italia L origine La progressiva diffusione Cenni di biologia e ciclo di riproduzione Metodi di controllo Riduzione dei focolai larvali Interventi larvicidi Interventi adulticidi Evoluzione delle conoscenze nel tempo Processo di adattamento Processo di infestazione Aspetti sanitari Malattie infettive: generalità Epidemia di Chikungunya Potenziali rischi sanitari 17 CAPITOLO 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO I Livelli Essenziali di Assistenza ( LEA) I provvedimenti regionali Il protocollo Chikungunya 24 CAPITOLO 3 AZIENDA ULSS 4 ALTO VICENTINO : LA PRESENZA DI AEDES ALBOPICTUS E GLI STRUMENTI PER IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE ESPERIENZE DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE Provvedimenti Azienda ULSS-Comuni per il contenimento L Atto di Intesa Il Regolamento per la gestione delle segnalazioni di disturbo-disagio causato dalla detenzione di animali e dalla presenza di animali infestanti Emergenza Chikungunya: l Ordinanza Esperienze di informazione e formazione Comuni Comunità Scuola Cittadinanza Progetto Santo Sito WEB Strutture Azienda ULSS Il caso dei presidi ospedalieri

6 CAPITOLO 4 INFORMAZIONE E FORMAZIONE: ESPERIENZE IN ALTRE REALTA pag Interventi nel Veneto Attività di porta a porta a Montegrotto Terme Esperienza di lotta a Castelfranco Veneto Lotta alle zanzare e strategie mediatiche Interventi in Emilia Romagna Il volontariato collegato ai Comuni Il porta a porta con Guardie Ecologiche Volontarie a Forlì I focus group per accrescere le conoscenze dei cittadini La comunicazione in emergenza L esperienza francese 48 CAPITOLO 5 INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE AUTENTICA La Pubblica Amministrazione Breve storia della Pubblica Amministrazione La normativa e i principi della comunicazione pubblica Le modalità comunicative La comunicazione autentica Definizioni e postulati della comunicazione Tecniche di comunicazione 57 CAPITOLO 6 DECIDERE E PERSUADERE Decidere Le regole Aspetti psicologici che inducono le decisioni Persuadere Principio di reciprocità o di contraccambio Principio dell impegno e della coerenza Principio della riprova sociale Principio della simpatia Principio dell autorità Principio di scarsità Sintesi finale 70 CAPITOLO 7 CONCLUSIONI Comuni Comunità Scuola Cittadinanza Progetto Santo Sito WEB 78 BIBLIOGRAFIA 81 SITOGRAFIA 83 ALLEGATI

7 CAPITOLO 1 LA ZANZARA TIGRE (AEDES ALBOPICTUS): GENERALITA, PROBLEMATICHE EMERSE ED EMERGENTI Nel capitolo, dopo una breve descrizione dei luoghi di origine della zanzara tigre, vengono proposti i dati della sua attuale diffusione. Le indicazioni sul ciclo biologico risultano indispensabili per illustrare i metodi di lotta per limitarne la presenza; nell evidenziare come, dal suo arrivo in Italia nel 1990, la zanzara tigre ha mutato alcuni comportamenti, descriveremo la strategia di colonizzazione dei territori. L ultima parte del capitolo è riservata all inquadramento delle problematiche sanitarie alla luce dell epidemia di chikungunya che ha colpito alcuni paesi della costa romagnola, nell estate del Da dove viene e diffusione in Italia L origine Nel mondo esistono circa 3200 specie di zanzare 1 diffuse a tutte le latitudini dai climi più caldi fino al polo nord. Sono comprese nell ordine dei ditteri; in Italia sono presenti una settantina di specie di cui solamente dieci pungono l uomo. La zanzara tigre (Aedes albopictus) è originaria delle giungle dell estremo Oriente nella quale i focolai 2 tipici dell ambiente forestale di origine sono costituiti dalle cavità che si formano nel tronco degli alberi ad alto fusto, ma anche dagli incavi delle ascelle fogliari di alcune piante, dalle cavità dei bambù abbattuti o tagliati e da piccole pozze tra le rocce 3. La sua grande capacità di adattamento la ha poi portata a colonizzare le aree rurali adiacenti e quindi gli ambienti sub-urbani ed urbani circostanti. 1 Venturelli C., Mascali Zeo S. (2007) La zanzara che venne dal caldo SNOP Rivista della società nazionale degli 2 operatori della prevenzione n 73 pag. 7 FOCOLAI - Si intendono le raccolte d acqua dove la zanzara depone le uova. Si possono suddividere in: - rimovibili: sono tutti i manufatti che possono riempirsi d acqua (tappi, sottovasi, copertoni, bidoni, giochi ). la loro attenta eliminazione rende impossibile la riproduzione del dittero. - permanenti: sono raccolte di acqua ineliminabili (es. fontane, caditoie stradali). Devono essere messi in sicurezza introducendo dei pesci rossi oppure trattati mediante l impiego di insetticidi. 3 Romi R., Di Luca M., Severini F., Toma L. Istituto Superiore di Sanità (2002) Linee guida per la sorveglianza e il controllo della zanzara tigre Aedes albopictus Roma Pag

8 1.1.2 La progressiva diffusione Dalla metà dello secolo scorso, in concomitanza con l aumento dei traffici commerciali, Aedes albopictus inizia il suo spostamento verso altri continenti: Africa, Americhe, Australia, mentre il primo avvistamento in Europa risale al 1988 in Albania. Questa straordinaria abilità di diffusione è legata alla indiscriminata capacità di utilizzare, per deporre le uova, tutto ciò che può contenere acqua; pertanto la riproduzione può avvenire in qualsivoglia contenitore: scatolette, sottovasi, vecchi secchi, contenitori abbandonati, tombini stradali ecc., anche se il più efficiente mezzo di diffusione delle uova si è rivelato essere il commercio dei copertoni d auto. L arrivo in Italia è datato 1990 al porto di Genova assieme ad un carico di pneumatici usati proveniente dagli Stati Uniti d America. Negli anni immediatamente successivi, , la sua presenza si diffonde ad altre regioni seguendo la rotta del commercio dei copertoni; in alcune aree la sua presenza risulterà essere stabile (Lombardia e Veneto) in altre, in un primo momento, la zanzara tigre viene eradicata (Trentino, Toscana, Sardegna). Da quel momento il dittero inizia una lenta, ma incessante colonizzazione che lo porta ad invadere praticamente la totalità del nostro Paese come dimostrano le successive cartine della figura Figura 1 progressiva diffusione (in ROSSO) in Italia (fonte Regione Veneto Piano Regionale di lotta alla zanzara tigre e di prevenzione della chikungunya) Focalizzando l attenzione sulla nostra Regione si ha conferma che, nel corso degli anni, la progressiva diffusione ha portato la zanzara tigre ad essere presente in tutte e sette le province venete (figura 2)

9 figura 2 (fonte Regione Veneto Piano Regionale di lotta alla zanzara tigre e di prevenzione della chikungunya) In figura è individuata con un cerchio l Azienda ULSS 4 Alto Vicentino. Se invece allarghiamo il nostro orizzonte all Europa (figura 3), possiamo notare come Aedes albopictus sia sostanzialmente presente in modo esteso solamente in Italia; tale situazione ci pone nello sgradito ruolo di possibili diffusori del dittero agli altri paesi con i rischi, anche sanitari, che ciò comporta. figura 3 diffusione di Aedes albopictus in Europa (fonte ECDC European Centre for Disease Prevention and Control Consultation on vector-related risk for chikungunya virus transmission in Europe ) - 9 -

10 1.2 Cenni di biologia e ciclo di riproduzione L eccezionale capacità diffusiva di Aedes albopictus è dovuta principalmente al trasporto passivo delle uova 4 che vengono normalmente deposte appena sopra il pelo dell acqua. Esse sono dotate di una particolare struttura che consente loro di resistere al disseccamento anche per parecchi mesi. Il periodo autunno-invernale, sfavorevole per la riproduzione, viene superato sottoforma di uova: quelle deposte dalle femmine dell ultima generazione stagionale, sono in grado di ibernare attraverso una diapausa embrionale indotta dal fotoperiodo 5. Per la loro schiusa è essenziale che vengano sommerse dall acqua, ma anche che siano presenti altri fattori concomitanti tra cui la durata del fotoperiodo giornaliero (almeno 12 ore di luce) ed una temperatura media di almeno 10 C. Dalla schiusa delle uova si sviluppano delle larve che attraverso quattro stadi di crescita, e quattro mute, si trasformano in pupa. Dopo 48 ore sfarfalla la zanzara adulta. Trascorse altre 48 ore può avvenire l accoppiamento, la femmina è quindi in grado di compiere il pasto di sangue indispensabile alla maturazione delle uova, per pasto di sangue, che verranno successivamente deposte. La durata dell intero ciclo riproduttivo varia dai 10 giorni a più settimane ed è essenzialmente funzione della temperatura. La vita delle femmine adulte in laboratorio si prolunga fino a 4-6 settimane che si riducono a circa la metà in natura. 1.3 Metodi di controllo I metodi di controllo sono essenzialmente riconducibili: - alla riduzione dei focolai larvali; 4 Romi R., Di Luca M., Severini F., Toma L. Istituto Superiore di Sanità (2002) Linee guida per la sorveglianza e il controllo della zanzara tigre Aedes albopictus Roma Pag Romi R., Di Luca M., Severini F., Toma L. Istituto Superiore di Sanità (2002) Linee guida per la sorveglianza e il controllo della zanzara tigre Aedes albopictus Roma Pag

11 - agli interventi larvicidi; - agli interventi adulticidi Riduzione dei focolai larvali La prima strategia di lotta appare scontata: avendo la zanzara tigre necessità di acqua per il ciclo riproduttivo basterà non fargliela trovare. Spesso infatti la zanzara tigre che infesta il nostro giardino l alleviamo noi stessi. Questo perché Aedes albopictus, come già scritto, riesce a colonizzare tutte le raccolte di acqua, piccole o grandi che siano, che le lasciamo a disposizione: dal vasetto abbandonato accidentalmente, al bidone dell acqua per innaffiare l orto, la fontana, il pozzetto di scarico della grondaia come evidenziato in figura 4. In realtà l applicazione di questo tipo di controllo è molto più complicato di quello che si pensi; alle volte anche interventi che rivelano la buona volontà delle persone possono dare origine ad ulteriori focolai di riproduzione come mostra l immagine del bidone coperto con un telo sopra il quale si è formata una piccola raccolta d acqua ideale per la riproduzione della zanzara. Figura 4 potenziali focolai (fonte Archivio Servizio Igiene e Sanità Pubblica - Ufficio Disinfestazione - Azienda ULSS 4) Interventi larvicidi Nei focolai permanenti o in cui non è possibile utilizzare altre forme di lotta, ad esempio la messa in sicurezza delle fontane mediante l introduzione dei pesci rossi ottimi divoratori di larve, devono essere impiegati insetticidi larvicidi. Il controllo delle forme larvali consente un ottima efficacia con minori conseguenze ambientali; questo è il metodo utilizzato per trattare i tombini. Gli insetticidi solidi - in pastiglie o granuli - o liquidi sono impiegati indicativamente da aprile ad ottobre cioè durante il periodo in cui sono

12 presenti le condizioni meteo-climatiche che consentono la riproduzione del dittero. La metodologia d uso e la periodicità dell intervento varierà in base al tipo di formulato commerciale usato; ad ogni buon conto dovranno essere seguite tutte le indicazioni riportate sull etichetta che accompagna il prodotto. Un aspetto importante da tenere presente è che più metodicamente vengono applicati i larvicidi tanto minore sarà il ricorso agli insetticidi adulticidi, mentre un limite dell applicazione di questi preparati è la necessità di ripetere i trattamenti nel caso di forti piogge che comportano il dilavamento della sostanza attiva Interventi adulticidi Come indica il nome stesso, si tratta di una procedura di lotta che mira ad abbattere la popolazione adulta presente. Spesso questa prassi garantisce risultati temporanei ed insoddisfacenti. Inoltre ha un notevole impatto ambientale, andando a colpire indistintamente tutti gli insetti presenti nell area di trattamento. Si ritiene debba essere impiegata in situazioni di emergenza per ridurre rapidamente la popolazione di zanzare, riportando la densità entro limiti sopportabili ed avendo cura, prima, di ricercare e rimuovere i focolai di infestazione. 1.4 Evoluzione delle conoscenze nel tempo La caratteristica che ha portato agli onori delle cronache Aedes albopictus è sicuramente l aggressività: la sua presenza comporta il disagio-fastidio provocato dalle punture e causa l impossibilità di usufruire in libertà degli spazi esterni delle abitazioni o dei giardini pubblici. Le conoscenze che hanno accompagnato l inizio dell infestazione in Italia caratterizzavano la zanzara tigre come una specie con spiccata attività diurna

13 ed enofila, cioè prevalentemente esterna alle abitazioni, impossibilitata a volare fino ad altezze elevate, dotata di una scarsa capacità di spostamento dal luogo di riproduzione tanto che nei primi anni di presenza la colonizzazione delle città era a macchia di leopardo ; il suo habitat era associato a luoghi freschi e, soprattutto, umidi. Relativamente alla possibilità di colonizzare il sud Italia si pensava che: a latitudini più meridionali invece, le condizioni ambientali determinate dalle temperature medie più elevate e dalla scarsità di precipitazioni durante i mesi estivi, rendono l ambiente meno favorevole alla colonizzazione da parte di Ae. Albopictus o comunque limitato il suo sviluppo massivo Processo di adattamento Alcune di queste caratteristiche sono state mantenute nel tempo; per altre si è notato un mutamento. La capacità di spostamento dal luogo di riproduzione, all inizio minima, è stato dimostrato abbia raggiunto il chilometro, anche se i dati sono contrastanti. Si riproduce molto efficacemente anche in luoghi fortemente assolati e poco umidi come, ad esempio, i parcheggi delle città o delle zone artigianali-industriali. Il fatto poi che essa abbia attività solamente diurna, enofila e che non sia in grado di salire ai piani alti delle abitazioni è contraddetto non solo da studi sperimentali, ma anche dall esperienza quotidiana dei cittadini residenti nelle città infestate. Infine, non possiamo non ricordare che le previsioni di una difficile discesa verso l Italia meridionale sono state sconfessate totalmente (figura 1); per quest aspetto c è piuttosto da segnalare quanto riferito dal Dr. Andrea Drago 7 nel corso dell incontro avvenuto a Legnaro il 16/10/08 nella fase di raccolta di materiale ed informazioni per la stesura della tesi: a Roma, dopo l inizio della colonizzazione caratterizzata da una improvvisa e massiccia presenza, sembra che, a distanza di qualche anno, la densità si attesti a livelli più modesti. 6 Romi R. (2001) Aedes albopictus in Italia: un problema sanitario sottovalutato Annali Istituto Superiore di Sanità 7 Vol. 37, n 2 pag. 242 Entomologo di Entostudio snc Brugine (PD)

14 1.4.2 Processo di infestazione Contro una così perfetta macchina da guerra poco sono valse le Ordinanze emesse da molte amministrazioni pubbliche. Questo anche in virtù della subdola strategia di infestazione adottata dal dittero, di cui i cittadini segnalano la presenza quando oramai l unico obiettivo possibile della lotta è il contenimento, ma non certo l eradicazione. Durante la prima fase dell infestazione infatti i focolai sono in numero limitato ed anche la densità delle zanzare è bassa tanto da passare inosservata. Poi un po alla volta gli adulti si diffondono sul territorio circostante attraverso il volo nella direzione dei venti dominanti o grazie al trasporto passivo degli adulti (e in questo caso termine mai si è rivelato più adatto) che spesso avviene dentro le auto che partono dalle zone infestate. Con l aumento del numero di zanzare aumentano anche i focolai utilizzati per la riproduzione; comincia la colonizzazione dei tombini e la presenza diventa evidente agli abitanti. La conferma di questa strategia di infestazione e la descrizione puntuale della stessa si possono ritrovare in uno studio, unico nel suo genere, che ha coinvolto la città di Rovereto nell ambito del quale è stato seguito il processo di infestazione a partire dal 1996 anno di rilevazione della presenza di Aedes albopictus in una fabbrica di copertoni usati. Le conseguenze, riportate nelle conclusioni sono che l eradicazione non è più un obiettivo possibile, che i provvedimenti per limitare la diffusione di Aedes albopictus sono sembrati inefficaci rispetto alla capacità della zanzara tigre di colonizzare il territorio, che oramai è perseguibile solo la riduzione della molestia ed il rallentamento della diffusione ottenibili, peraltro, solo attraverso una reale ed attiva partecipazione dei cittadini

15 Di fronte a tale situazione diventa sempre più presente il rischio di rassegnazione e di impotenza dei cittadini che andrà contrastato soprattutto tenendo presenti i rischi sanitari che la presenza di zanzara tigre comporta. 1.5 Aspetti sanitari Finora, abbiamo più volte associato la presenza di Aedes albopictus al disturbodisagio provocato dal fatto di non poter usufruire degli spazi esterni e peggio dalle conseguenze della sue punture che in qualche caso ha comportato la necessità di ricorrere al Pronto Soccorso del presidio ospedaliero, al Medico di Medicina Generale o ai consigli del farmacista. In tal senso il Dr. Claudio Venturelli 8, e il Prof. Federico Maggioli 9 riportano i dati tratti dall elaborazione di un questionario somministrato ad alcuni abitanti di due quartieri del cesenate: il 3,3% infatti degli intervistati autodichiarano di essersi rivolti al Pronto soccorso a causa delle punture di questo insetto, il 5,7% al proprio medico di base e il 2,4% al farmacista 10. In realtà occupandoci di problematiche sanitarie collegate alla presenza di zanzara tigre non possiamo non tener presente gli aspetti legati alla competenza di tale vettore nel trasmettere malattie infettive Malattie infettive: generalità Le malattie infettive sono ancora la principale causa di morte del genere umano anche se ciò non vale per i paesi industrializzati dove, di fatto, sono scomparse grazie al miglioramento delle condizioni igieniche sia all applicazione di efficaci campagne di vaccinazione. Per alcune la trasmissione non è diretta, ma avviene attraverso veicoli (inanimati) o vettori (animati). Quest ultimi sono rappresentati 8 Dipartimento Sanità Pubblica AUSL di Cesena 9 Dipartimento di Scienze Biomediche Comparate Fac. Med. Veterinaria Università di Teramo 10 Venturelli C., Maggioli F. (2007) Caratteristiche degli ambienti e presenza di zanzara tigre: indagine sui diversi ambiti insediativi nel territorio urbano Verso una strategia di lotta integrata alla zanzara tigre. Atti del convegno. Cesena 23 febbraio 2006 pag

16 da esseri viventi, per la maggior parte insetti, che dopo aver assunto i parassiti dalla sorgente li disperdono nel mondo esterno o li inoculano direttamente in un organismo sano 11. Proprio per quest aspetto preoccupa la presenza di zanzara tigre che risulta essere efficiente vettore di arbovirus: è stata dimostrata la sua competenza a trasmettere 23 arbovirus. Nel continente di origine è vettore del virus della dengue. A tal proposito R. Romi 12 nel 2003 scriveva: l entità del problema è spesso sottostimata dalle Autorità competenti, col risultato che la specie può raggiungere localmente densità preoccupanti. Tutto questo contribuisce a determinare una situazione di rischio sanitario che non può essere ignorata. Infatti, anche se in Italia il rischio che la zanzara tigre possa trasmettere arbovirus è attualmente solo teorico, non si può comunque del tutto escludere un evento accidentale legato alla temporanea importazione di serbatoi di infezione Epidemia di Chikungunya La previsione del dott. Romi ha trovato esatta conferma nell estate 2007 con l epidemia di questa malattia tropicale in un area della costa romagnola tra Castiglione di Cervia e Castiglione di Ravenna. Chikungunya ovvero l uomo che cammina piegato, proprio perché, oltre alla febbre che scompare dopo qualche giorno, la sintomatologia caratteristica è il forte dolore alle articolazioni che rende difficile la deambulazione anche per lungo tempo; il decorso è assai raramente fatale. L epidemia, come riscontrato dall indagine epidemiologica, è stata causata dalla presenza di una persona infetta giunta in Italia, per visitare alcuni parenti, da un area dell India in cui tale malattia è endemica. Questo fatto unitamente 11 Marin Prof.ssa Valeria - Laurea triennale in Tecniche della Prevenzione (percorso straordinario) Corso integrato di Igiene e medicina del lavoro Dispense Insegnamento Epidemiologia delle malattie infettive 12 R. Romi laboratorio di parassitologia Istituto Superiore di Sanità 13 Romi R. (2003) Diffusione di Aedes albopictus in Italia e analisi del rischio sanitario SNOP Rivista della società nazionale degli operatori della prevenzione n 61 pag

17 all altissima densità di zanzara tigre (vettore) riscontrata nell area in questione ha reso possibile l epidemia che ha colpito circa 200 persone Potenziali rischi sanitari Quanto successo deve suonare come un campanello dall allarme in quanto, se chikungunya è di fatto una patologia benigna, Aedes albopictus è vettore di malattie infettive ben più gravi i cui esiti, nel caso di complicanze, possono essere fatali come ad esempio la già citata dengue. L aumento del rischio sanitario è legato a cause difficilmente controllabili quali l incremento degli spostamenti delle persone, l amplificazione dei commerci di materiali e merci o ai cambiamenti climatici ( Vengono confermati per i periodo , anche a livello locale, trend globali che descrivono le precipitazioni in diminuzione e le temperature in aumento 14 ). Accanto a questi fattori, altri ancora devono essere oggetto di attenzione da parte delle Autorità che non possono, almeno, non tentare di governare tali variabili: appare infatti certo dalle indagini svolte in Emilia Romagna che, determinante per lo sviluppo dell epidemia di chikungunya, è stata l elevata densità di zanzara tigre presente nell area. E quindi necessario intervenire sistematicamente attraverso una capillare opera di informazione e formazione dei cittadini perché diventino necessariamente attori attivi della prevenzione al fine di rendere possibile l obiettivo di ridurre la densità di questo dittero che non risulta più solo fastidioso. 14 Barbi A., Chiaudani A., Delillo I., Borin M., Berti A. Andamenti agroclimatici nella regione Veneto nel periodo accesso 19/10/

18 - 18 -

19 CAPITOLO 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Nel capitolo dopo un analisi generica sulle numerose normative nazionali e regionali che riguardano più o meno specificatamente la lotta ad Aedes albopictus si approfondisce la problematica circa le competenze dei vari Enti coinvolti (Regione, Azienda ULSS, Comuni) al fine di definire il quadro attualmente in vigore nella regione Veneto. In relazione alle problematiche inerenti alla lotta ad Aedes albopictus nelle due tabelle (1 e 2) sono riportate le principali normative di riferimento promulgate nel corso degli anni. Provvedimenti STATALI Data Titolo Circolare n 13 Ministero della Sanità 19/07/91 Circolare n 42 Ministero della Sanità 25/10/93 Direttiva 98/8/UE 16/02/1998 relativa all immissione sul mercato dei biocidi Decreto Legislativo n /02/2000 Attuazione della direttiva 98/8/CE in materia di immissione sul mercato di biocidi Decreto Presidente Consiglio dei Ministri 29/11/2001 Livelli Essenziali di Assistenza LEA Nota Ministero della salute 2006 Sorveglianza della chikungunya Tabella 1 Provvedimento REGIONALI Data Titolo Legge Regionale 5 03/02/96 Piano socio sanitario regionale programma di sorveglianza e controllo Aedes albopictus e la Delibera Giunta Regionale /04/1997 conduzione dell'indagine sui culicidi antropofili delle aree litoranee sperimentazione triennale Delibera Giunta Regionale /04/2001 programma di sorveglianza e controllo Aedes albopictus Piano triennale Servizi Igiene e Sanità Pubblica afferenti ai Delibera Giunta Regionale /08/2002 Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende ULSS del veneto approvazione impegno di spesa Delibera Giunta Regionale /08/2002 Secondo programma di sorveglianza e controllo regionale della diffusione di Aedes albopictus (zanzara tigre) e altri culicidi antropofili Piano triennale dei Servizi di Igiene e Sanità Pubblica (SISP) afferenti ai Delibera Giunta Regionale /10/2003 Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende ULSS del Veneto - schede tecniche specifiche e trasversali - approvazione Delibera Giunta Regionale /12/2004 Pianificazione triennale della prevenzione approvazione Delibera Giunta Regionale /02/2006 Linee guida per l'organizzazione e la gestione delle attività di disinfezione e disinfestazione da ratti e zanzare Delibera Giunta Regionale /08/2008 Programma per l organizzazione e la gestione delle attività di disinfezione e disinfestazione da zanzara tigre - impegno di spesa Tabella 2 Come si può notare alcune normative sono essenzialmente di programmazione sanitaria: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) o il Piano socio-sanitario

20 regionale del 1996, il quale anche se datato è attualmente in vigore, o i Piani Triennali dei Servizi Igiene e Sanità Pubblica. Altre sono state emanate proprio in funzione della crescente diffusione della zanzara tigre nel Paese: citiamo le prime circolari del Ministero della Sanità del 1991 e 1993, nonché le numerose Delibere di Giunta Regionale che si sono susseguite a partire dal Nella sostanza tutte sono servite per delineare azioni di controllo e studio dell infestante, nonché per pianificare l attività degli Enti interessati. Diverse norme invece non riguardano direttamente Aedes albopictus, ma la loro applicazione ha influenzato le metodologie adottate per il suo contenimento: per tutte segnaliamo la Direttiva 98/8/UE Biocidi e il collegato Decreto Legislativo 174/00 di recepimento. L applicazione di tali provvedimenti ha comportato la revoca di molte sostanze attive usate nella disinfestazione civile. La ricaduta pratica è stato il ritiro dal commercio di numerosi Presidi Medico Chirurgici ampiamente utilizzati, sia per il loro basso costo sia per la loro efficacia, nella lotta larvicida e adulticida al dittero. L obiettivo del lavoro non è certo quello di analizzare ognuna delle norme che ci serviranno invece per illustrare e delineare il quadro delle competenze previsto nella Regione Veneto in tema di lotta alla zanzara tigre. 2.1 I Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) Le basi di qualsivoglia provvedimento regionale di programmazione sanitaria non possono essere che i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). Con apposito Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) lo Stato, di concerto con le Regioni, stabilisce le prestazioni garantite e tutti i cittadini dal Sistema Sanitario Nazionale

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana

COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana COMUNE DI BOLOGNA Settore Salute, Sport e Città Sana SERVIZIO PER GLI INTERVENTI LARVICIDI ED ADULTICIDI PER LA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE, DERATTIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE CONTRO ALTRI INFESTANTI, IN AREE

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI

CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI Provincia di Salerno Area Tecnica Assetto ed Utilizzazione del Territorio CAPITOLATO SPECIALE TECNICO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATIZZAZIONE E DISINFESTAZIONE SULLE AREE PUBBLICHE COMUNALI ART.1

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio

PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO. che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato. pidocchio PEDICULOSI DEL CAPO PARASSITOSI CAUSATA DA UN INSETTO che si nutre di sangue, il Pediculus humanus capitis, comunemente chiamato pidocchio IL PIDOCCHIO è importante sapere che Non è vettore di malattie

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu)

Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu) Piano di profilassi della Regione Sardegna contro la blue tongue (Lingua Blu) L Assessorato dell Igiene e Sanità ha predisposto un piano di profilassi che ha come obiettivo principale la prevenzione del

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno.

Dal 2002 a tutt oggi è Direttore Sanitario dell Ospedale di Mormanno. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARILENA MORANO Data di nascita 04-07-1956 Qualifica Direzione Sanitaria Amministrazione ASP COSENZA Incarico attuale DIRETTORE SANITARIO OSPEDALE

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente

COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente COMUNE DI NISCEMI PROVINCIA DI CALTANISSETTA Ripartizione Lavori Pubblici e Ambiente OGGETTO: SERVIZIO DI DISINFESTAZIONE E DERATTIZZAZIONE IN TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE, NELLE SCUOLE E EDIFICI PUBBLICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Dirigente ASL II fascia - Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Sanità Pubblica ex ASL NA5

Dirigente ASL II fascia - Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene e Sanità Pubblica ex ASL NA5 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 05/01/1959 Qualifica CAROTENUTO ADELE Dirigente Medico Amministrazione ASL NAPOLI 3 SUD (EX ASL 4 e 5) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli