GIUNTA AZZERATA Rosella Sensi sarà assessore: avrà la delega alla promozione in vista delle Olimpiadi Nuova squadra entro martedì

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIUNTA AZZERATA Rosella Sensi sarà assessore: avrà la delega alla promozione in vista delle Olimpiadi 2020. Nuova squadra entro martedì"

Transcript

1 anno VIII numero 129 sabato 16 luglio 2011 Roma, Via Cristoforo Colombo 134 Tel Pubblicità: APR srl - Tel Fax SENTENZA DEL TAR SULLE QUOTE ROSA Accolto il ricorso di Sel, Verdi e Pd. Il sindaco: decisione ingiusta ma non ci opporremo GIUNTA AZZERATA Rosella Sensi sarà assessore: avrà la delega alla promozione in vista delle Olimpiadi Nuova squadra entro martedì Cronaca Incendio in via Nomentana Asilo evacuato traffico in tilt Rifiuti La Polverini dice no al Commissario Sport Futuro più sereno per la Virtus Roma p6 p5 p22 Il Tar del Lazio ha annullato la Giunta del Comune di Roma per mancato rispetto delle «quote rosa». La decisione, presa in seguito al ricorso di Verdi, Pd e Sel, è stata definita «non giusta» dal sindaco Alemanno, che però ha detto che non si opporrà. Il primo cittadino a poche ore dalla sentenza ha annunciato che Rosella Sensi entrerà nella squadra di governo di Roma e si occuperà di promuovere l'immagine della capitale in vista delle Olimpiadi del La nuova Giunta entro martedì. Monteverde Nasce il comitato via Innocenzo X pagina 8 «Non toccate quella scuola» La protesta dei residenti contro la chiusura di un istituto paritario del quartiere destinato a far spazio a una palazzina Interrogazione in Senato del Partito Democratico Rosella Sensi si occuperà dell immagine della capitale Ostia p11 Allarme furti in spiaggia libera p2 accadeinprovincia Grottaferrata Anzio L assessore Elmo assicura: «Il centro socio-educativo non chiuderà. Tuteleremo quei 64 bambini» Tivoli Depotenziato da agosto il centro trasfusionale del Riuniti. Orari ridotti, servizi trasferiti a Velletri pagina 16 Bomba carta ieri mattina in pieno centro. Paura tra i residenti. Si segue la pista dell intimidazione S. Maria Mole pagina 15 Comitato di quartiere contro il progetto di delocalizzazione della stazione Pronta una raccolta firme pagina 18 Colleferro pagina 17 Residenti di via Palianese contro i lavori di bonifica della discarica: «Pronti a occupare il Comune» pagina 20

2 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it ATAC Ticket più cari per evitare la bancarotta. Il nuovo piano prevede entrate per 35 milioni p.3 istituzioni PIANO RIFIUTI «Non ci sarà il commissariamento». Lo ha detto la Polverini in visita all impianto di Peccioli p.5 CAMPIDOGLIO/1 Violato lo statuto comunale. Alemanno deluso ma annuncia la nuova squadra entro martedì Quote rosa, il Tar azzera la Giunta Il sindaco è ormai pronto a calare l asso Rosella Sensi, che riceverà una delega trasversale dedicata alla promozione dell immagine e dello sviluppo di Roma Capitale. Ma Cirinnà, Azuni e i Verdi restano sull attenti: «Due donne non bastano, pronti a nuovi ricorsi» L a sentenza del Tar non è giusta ma ne prendo atto e non ci opporremo. Questo è un Comune che rispetta le quote rosa». Risponde così il sindaco Alemanno dopo l ennesimo schiaffo alla sua Giunta dato ieri dalla sentenza della seconda sezione del Tar, che rinnova il valzer di nomine e sostituzioni e porta così la capitale al terzo rimpasto in pochi mesi. La decisione, sollecitata dai Verdi che erano tra i ricorrenti, è arrivata nella prima mattinata con qualche giorno di anticipo sui tempi previsti, decretando l azzeramento della Giunta per violazione dello statuto comunale. Le motivazioni saranno depositate entro 45 giorni. Al coro di critiche di tutte le opposizioni, con in testa il commissario Pd Lazio Vannino Chiti («un altra pessima figura dell Amministrazione» che mostra una «destra non all'altezza di governare Roma») si è unita anche la presidente del Lazio Renata Polverini, che ha definito una sola donna in giunta «poco più di una testimonianza». Gli stessi Verdi hanno subito chiesto le dimissioni e nuove elezioni, ma il sindaco ha risposto annunciando una nuova squadra entro martedì e calando l asso Rosella Sensi: la ex presidente della As Roma riceverà una delega trasversale dedicata alla promozione dell immagine e dello sviluppo di Roma Capitale legati sia alla candidatura Olimpica, sia ai grandi progetti. L'operazione però non riesce a mettere il silenziatore all entusiasmo di chi ha vinto questa battaglia, con in prima linea il gruppo di consigliere donne capitanate da Monica Cirinnà e Gemma Azuni, (presidente e vice della Commissione delle Elette del Comune di Roma) che hanno sottolineato così la notizia: «E' da tempo che l Italia è scossa da un vento positivo che rimette le donne al centro delle vicende politiche. Sappia il sindaco che se ritiene di ottemperare all articolo 5 dello statuto del Comune di Roma introducendo una sola donna in giunta, noi faremo nuovamente ricorso al Tar». Due donne non bastano infatti per rispettare quel principio di equa rappresentanza espresso dallo statuto quando recita che "fra i nominati è garantita la equilibrata presenza di uomini e di donne" e quando dice che "il sindaco assicura una presenza equilibrata di uomini e di donne, motivando le scelte operate con specifico riferimento al principio di pari opportunità". Al momento dunque il nodo resta proprio quello dei possibili nuovi ricorsi, che per i Verdi potrebbero essere addirittura tre in base alle mosse che farà il Campidoglio nelle prossime ore. Intanto Roma resta senza una Giunta. Alemanno assicura che gli assessori rimarranno 12, e che gli atti emanati dalla Giunta pre-sentenza restano tutti validi. Francesco Unali CAMPIDOGLIO/2 La decadente gestione della cultura e del centro storico del trasformer Gasperini Dino Gasperini, assessore alle Politiche Culturali e al Centro Storico di Roma Capitale, una serie infinita di titoli al quale aggiungiamo quella di onorevole. Lui, uomo esperto della politica romana, è stato ribattezzato in Campidoglio come "trasformer". E' saltato da una parte all'altra degli schieramenti politici non tanto per una seria riflessione poltica, ma semplicemente per accomodarsi su una poltrona più comoda e capiente. E così trasformer eletto con l'udc oggi è uno degli uomini più fidati e vicini a sindaco Alemanno. Come d'incanto ora è della Pdl. Sotto la sua lungimirante gestione della cultura e del centro storico Roma, i suoi luoghi più belli, si sono trasformati in un suk, in una serie interminabile di bancarelle, parcheggi abusivi, degrado. La Città Eterna, insomma, con Gasperini "trasformer" è oltraggiata ogni giorno. La cultura oggi è a senso unico e si fa qualcosa solo se lo fa Zetema. Bello o brutto che sia un evento, un concerto o una mostra l'importnate che ci sia la gestione diretta di Ruberti e dei suoi collaboratori. L'assessore non fa altro che tagliare nastri. Il pensatoio è da un'altra parte. Lui è ormai impegnato solo a presentare fantasmagorici progetti di riqualificazione del centro storico che non arriveranno mai, mentre la città storica muore con i suoi monumenti e le sue tradizioni obliterate da sagre e manifestazioni di dubbio livello. Dal Gianicolo a via della Conciliazione a via dei Fori Imperiali fino a piazza Venezia ormai la caratteristica che ricorderanno tutti i turisti sono i banchi di frutta, i cocomerari e le giostrine che offendono la storia millenaria di Roma. Una cosa importante però l'ha fatta. Nell'ultimo bando per l'estate al sesto posto almeno è risultato vincitore il Gay Village, mentre sono state escluse tutte quelle realtà che hanno legami con il mondo del volontariato e del terzo settore. A Roma è cambiata l'aria veramente, e il buon assessore trasformer per convenienza ha lasciato da parte anche i suoi ideali, la sua etica cattolica per passare ad altro. Giulio Dante Quotidiano gratuito DIRETTORE: GIULIANO LONGO DIRETTORE RESPONSABILE: CHRISTIAN POCCIA EDITORE: EDIZIONI METROPOLITANE SRL Via Cristoforo Colombo, Roma TEL: REDAZIONE DI MILANO: Via Senigallia, Milano TEL: /2/3 REDAZIONE METROPOLI: Piazza della Repubblica, Sesto San Giovanni (MI) TEL: PUBBLICITÀ: APR SRL Via Cristoforo Colombo, Roma TEL: PROGETTO GRAFICO: BEECOM SRL TEL: STAMPA: LITOSUD SRL Via C. Pesenti, Roma Via Aldo Moro, Pessano con Bornago (MI) Registrazione del Tribunale di Roma n. 155 del 23/04/2004 SICUREZZA Il sindacato di polizia contesta le recenti dichiarazioni del sindaco Siulp Roma: «13mila pattuglie? Non sono nemmeno la metà» Per la Segreteria Provinciale SIULP - Roma, Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia, sono davvero sorprendenti le dichiarazioni del sindaco di Roma sulla situazione sicurezza nella capitale soprattutto quando si osserva che Alemanno ha «verificato in prima persona il numero di volanti impiegate in città in un suo fantomatico giro in moto!» Il Siulp denuncia una «sindrome dello sceriffo» che «non vuol recepire il fatto che l unica collaborazione che un Comune può dare agli organi di polizia sono le istanze dal territorio e le informazioni». In occasione del suo ultimo congresso provinciale, il Siulp ha ribadito che i meriti di tutte le operazioni sulla sicurezza sono da attribuire esclusivamente ai poliziotti «e non al sindaco o comunque a nessuna compagine politica in genere.» Secondo il sindacato Alemanno ignora che, mentre faceva il suo tour di Roma, i poliziotti evacuavano palazzine a causa di pericolose fughe di gas e le volanti arrestavano, nel giro di un ora, gli autori di un tentato omicidio. «D altronde - prosegue il comunicato sindacale - che il suo servizio di informazioni faccia acqua da tutte le parti si riscontra anche dall improponibile numero di poliziotti attribuiti alla questura di Roma: ? Non sono neanche la metà! E il numero di pattuglie in servizio quella notte, bastava chiederlo alla Questura, era di oltre 50». Il Siulp ritiene comunque che la mappa del crimine della città sia ben controllata dagli organi di Polizia della capitale, mentre «non è competenza del sindaco occuparsi, come soggetto attivo, di queste tematiche, se non per cavalcare l onda del vero o presunto allarme sicurezza e riscuotere consensi a buon mercato.» La polizia di Roma ha un organico di ben 2mila uomini in meno rispetto a 10 anni fa, il reparto volanti è stato dimezzato e il parco auto efficiente è ridotto al lumicino «al punto tale che i colleghi montanti devono aspettare gli smontanti per uscire in servizio». In conclusione il comunicato fa sapere che pochi giorni fa allo scopo di garantire la funzionalità del servizio, i poliziotti hanno fatto una colletta per acquistare il materiale che manca «e che il ministro non si sogna nemmeno di fornire. Se il sindaco Alemanno - conclude ironicamente il comunicato - vuole dare un buon esempio di concretezza, partecipi pure lui: bastano solo 10 euro».

3 TEL: sabato 16 luglio IL PIANO istituzioni L aumento tariffario degli autobus porterà nelle casse dell azienda trentacinque milioni all anno Atac, ticket più cari per evitare la bancarotta In programma 460 milioni di investimenti grazie anche alla svendita di rimesse e immobili Incertezze sui fondi destinati ai cantieri su ferro del Tpl. Dopo parentopoli il personale non si tocca I di Giuliano Longo l piano industriale 2011/2015 di Atac viene reso finalmente noto dopo quasi sei mesi dalla stesura di quello, mai reso pubblico, dell'ex AD Basile. Meglio tardi che mai. Tuttavia critiche e commenti si sono focalizzati sul dato più eclatante e cioè l'aumento delle tariffe a 1.50 euro per biglietto semplice. Eppure il piano oltre a prevedere una sacrosanta lotta all'evasione parla anche di ammodernamento della flotta, riorganizzazione, ristrutturazione dell'azienda, ottimizzazione dei servizi e fa riferimento anche agli investimenti. Infatti se l'aumento tariffario porterà nelle casse dell'atac 35 milioni euro/anno (122 milioni di euro nell arco di validità del Piano), secondo la dirigenza Atac si dovrebbe anche alimentare un piano di investimenti per incrementare i mezzi di superficie, rifare 11 stazioni della metropolitana, potenziare la sicurezza ecc. Tutto con 35 milioni di euro in più. Singolare certezza se si considerano le dichiarazioni dell'assessore Lamanda che giovedì parlava di una situazione completamente fuori controllo per le perdite accumulate negli anni. «La vera storia delle perdite di Atac diceva Lamanda è negli oltre 3 miliardi e 400 milioni di euro accumulati tra il 1990 e il 2002 quando il Comune di Roma faceva fronte alle perdite societarie indebitandosi con le banche». Tutta colpa delle amministrazioni di sinistra se oggi i cittadini romani pagano il debito di tasca propria con oltre 200 mln di euro all anno, da versare alle casse dello Stato per il finanziamento della gestione commissariale. Bel ringraziamento al PD che pure ha voluto generosamente e responsabilmente concorrere al risanamento dell'azienda proprio in questi mesi, previa spartizione dei posti ai vertici dell'atac. Ma c'è di peggio, come spiega l'assessore. Infatti dal 2002 è vietato il ricorso all indebitamento per il ripianamento delle perdite, così dal 2007 si sono cumulati altri 800 milioni di oneri con un ritmo di oltre 100 all anno, che guarda caso solo negli ultimi tre anni l'amministrazione Alemanno ha contenuto. Meno male che la svendita del patrimonio Atac, misura condivisa dal- Carmine Lamanda la opposizione, restituirà ad Atac «le basi per la propria autosufficienza sul piano gestionale, così che la stessa è oggi in grado di programmare circa 460 milioni di investimenti». Dei danni causati da parentopoli non v'è traccia nelle considerazioni di Lamanda che si qualifica più che come tecnico come un politico puro. Lamanda non entra ad esempio nemmeno nel merito della politica degli acquisti, nota dolente, recentemente denunciata ancora da affaritaliani.it che parla dello scandalo delle obliteratrici comprate al doppio del prezzo di mercato. Per non parlare di quello dei freni denunciato qualche mese fa. Propaganda e demagogia direbbe il tecnico Lamanda. Conviene allora fare qualche altra considerazione. Nel febbraio 2011 anche il piano Basile, prevedeva una profonda ristrutturazione dell'azienda e lo smobilizzo del suo patrimonio immobiliare, ma prevedeva l'aumento ben più modesto della tariffa base a 1,20 euro. Misura impopolare che indusse il sindaco a farlo fuori. Evidentemente oggi Alemanno, nonostante le disavventure di percorso, si sente politicamente forte tanto da adottare un aumento più rilevante. Escluso che Basile sia un incapace v'è da pensare che il piano Tosti preveda misure di risanamento molto più blande perché la coperta è stretta e da qualche parte va pur tirata. Si potrebbe ancora osservare che resta bloccato al 2000, il TPL su ferro che doveva svilupparsi con 35 opere (12 di Metro; 10 di Tram; 13 di Ferrovia). Ad oggi ci risulta che i cantieri siano aperti solo per tre opere, ma con milioni di euro a fronte di un costo che attualmente supera i milioni di euro ci saranno difficoltà a realizzare pure L assessore La vera storia delle perdite di Atac è negli oltre 3 miliardi e 400 milioni di euro accumulati tra il 1990 e il 2002 quando il Comune di Roma faceva fronte alle perdite societarie indebitandosi con le banche. Le misure adottate sul piano patrimoniale dall'amministrazione hanno inteso restituire ad Atac le basi per la propria autosufficienza sul piano gestionale queste. E allora, escluso l'acquisto di nuovi mezzi, fisiologico e normale, non si comprende dove verrebbero focalizzati tutti gli investimenti che l'aumento delle tariffe e lo smobilizzo delle rimesse dovrebbe liberare. Si apre poi un altro fronte. Se lo scandalo delle assunzioni facili ha messo in luce la presenza di centinaia di assunzioni fra il personale amministrativo, il piano Tosti dovrebbe anche riguardare la politica del personale, magari con scivoli o prepensionamenti. Altrimenti dobbiamo credere che 'parentopoli' non sia mai davvero esistita. Sorge allora il dubbio che i 35 milioni annui per l'aumento delle tariffe e i 250/300 milioni che si spera di ottenere vendendo rimesse e stabili Atac in disuso, serviranno a malapena ad evitare nell'immediato la bancarotta. A meno che di vero e proprio piano industriale si torni a parlare in caso di privatizzazione di Atac. Ipotesi non peregrina visti i recenti indirizzi del Governo improvvisamente liberista, che invitano le Amministrazioni locali a vendere i loro asset.

4 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it CAMPIDOGLIO istituzioni Appello bipartisan dei consiglieri Masini (Pd) e De Priamo (Pdl) all Assemblea capitolina «Sbloccate la delibera Antimafie» Per i due esponenti le cronache e i dati degli uffici distrettuali sottolineano un serio problema di infiltrazioni delle mafie e della criminalità organizzata a Roma che non va sottovalutato H a suscitato un'eco positiva l'appello bipartisan del consigliere capitolino del Pd Paolo Masini, primo firmatario della delibera Antimafie, e del consigliere del Pdl Andrea De Priamo in vista della fiaccolata contro le mafie del 19 al Pantheon. Per i due consiglieri le cronache e i dati degli uffici distrettuali sottolineano un serio problema di infiltrazioni delle mafie e della criminalità organizzata a Roma che non va sottovalutato. Un fenomeno che si radica sempre di più in città e che richiede da parte del Campidoglio una decisa azione di contrasto attraverso degli strumenti adeguati. «Strumenti che la delibera Antimafie presentata lo scorso ottobre in Consiglio dal centrosinistra ed ora sostenuta anche da una parte della maggioranza, potrebbe fornire, se solo venisse portata al voto dell'aula. Per questo - proseguono Masini e De Priamo - lanciamo un appello ai capigruppo delle forze presenti in Assemblea Capitolina perché la delibera sia posta all'ordine dei lavori e approvata con voto bipartisan in Consiglio entro il 19 luglio, per onorare al meglio l'anniversario della morte di Paolo Borsellino e lanciare un messaggio positivo alla città anche in vista della fiaccolata contro le mafie dello stesso giorno al Pantheon». Attività commerciali, mercato immobiliare, usura e, in futuro, grandi eventi come la candidatura olimpica di Roma attirano nella capitale gli interessi della malavita organizzata. Occorre un salto di qualità non solo nel contrasto alle penetrazioni nel tessuto economico della città, ma anche nella riaffermazione della cultura della legalità. «Nel rispetto delle competenze dei diversi livelli istituzionali proseguono, è soprattutto nell'azione di vigilanza e tutela dei cittadini che deve concentrarsi l'impegno del Campidoglio ed è proprio questo che propone la delibera attraverso la nomina di una figura di alto profilo a delegato antimafie, la costituzione di un osservatorio per il monitoraggio delle infiltrazioni nell'economia della città e per una sana gestione dei beni confiscati alle mafie, l'istituzione di corsi di formazione specifici per amministratori e amministrativi affinché per primi vigilino dall'interno della macchina comunale». «Una proposta di buon senso aggiungono i consiglieri che prescinde dalle valutazioni di parte e ci vede concordi verso un comune obiettivo: la liberazione di Roma dal cappio della criminalità organizzata, che ne asfissia lo sviluppo e ne soffoca il futuro. Per questo chiediamo al sindaco Alemanno di impegnarsi personalmente per garantire il positivo percorso della delibera, bloccata negli uffici del Campidoglio da ben 260 giorni. E allo stesso modo concludono Masini e De Priamo auspichiamo che l'assemblea agisca nella giusta direzione, affinché il Campidoglio affermi la sua presenza e lanci quel messaggio d'impegno che tutti i cittadini aspettano». La richiesta La delibera, bloccata da ben 260 giorni, sia posta all'ordine dei lavori e approvata con voto bipartisan in Consiglio entro il 19 luglio, per onorare al meglio l'anniversario della morte di Paolo Borsellino e lanciare un messaggio positivo alla città anche in vista della fiaccolata contro le mafie dello stesso giorno al Pantheon SCUOLA L assessore ieri a colloquio coi suoi colleghi delle Province L allarme della Sentinelli «Grave la situazione del Lazio» La Regione ha chiesto urgentemente un incontro con il Ministero per spiegare l'emergenza e per ridefinire l'organico dell'anno scolastico 2011/2012 TUMORI L iniziativa Fondazione Ant, due settimane di solidarietà Due settimane di solidarietà per sostenere la Fondazione Ant Onlus, che da oltre trent'anni offre assistenza socio-sanitaria gratuita a domicilio ai sofferenti di tumore e porta avanti progetti di prevenzione oncologica rivolti alla cittadinanza. Da lunedì al 31 luglio, in molti ristoranti, pizzerie, bar e gelaterie di Roma sarà possibile sostenere le attività della Fondazione con una piccola offerta. Il ricavato dell'iniziativa sarà interamente devoluto alle attività di ospedalizzazione domiciliare gratuita e ai progetti di prevenzione oncologica portati avanti dalla Fondazione Ant. Dal 1985 ad oggi, Ant ha assistito oltre sofferenti, 24 ore su 24, tutti i giorni dell'anno e in modo completamente gratuito per un totale di oltre 13 milioni di giornate di assistenza erogate. I sofferenti assistiti nei 20 ospedali domiciliari oncologici Ant presenti in 9 regioni d'italia sono più di ogni giorno. Si tratta di un'assistenza specialistica effettuata da 400 professionisti che lavorano unicamente per Ant: medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, operatori socio-sanitari, farmacisti e funzionari. Ant è anche prevenzione: a oggi sono più di le visite di prevenzione gratuite realizzate in 32 diverse province. La convinzione dei presenti BENEFICENZA Da lunedì al 31 luglio, in molti ristoranti, pizzerie, bar e gelaterie di Roma sarà possibile sostenere le attività della Fondazione con una piccola offerta Effettuare, nel più breve tempo possibile, un monitoraggio della situazione sull'effettivo fabbisogno di personale, provincia per provincia, per ottimizzare le risorse e indicare le criticità della rete scolastica regionale La situazione della scuola nel Lazio è molto grave. Lo ha ammesso l'assessore regionale all'istruzione e Politiche giovanili, Gabriella Sentinelli che ieri ha presieduto un tavolo composto anche dagli assessori provinciali del Lazio. Ed è proprio nel corso dell'incontro che è emersa con drammaticità la grave condizione del sistema scolastico regionale alla luce degli ultimi tagli del personale scolastico, a fronte di un incremento di iscrizioni pari, nel Lazio, a allievi. Questa situazione, è stata evidenziata anche dagli assessori provinciali e sta determinando incertezze nelle famiglie con il risultato di avere effetti sulla minore sorveglianza agli accessi delle scuole, per mancanza di collaboratori scolastici, rendendo alcune volte impossibile l'apertura delle stesse. Altri effetti riguarderanno l'aumento del numero degli alunni nelle classi e l'aumento del pendolarismo degli studenti sul territorio regionale alla ricerca di un istituto scolastico che offra l'indirizzo prescelto. Per questo la Regione ha chiesto urgentemente un incontro con il Ministero per spiegare l'emergenza del Lazio, seconda regione italiana per numero degli iscritti nelle scuole, e per ridefinire l'organico dell'anno scolastico 2011/2012 al fine del mantenimento del diritto allo studio. Inoltre, l'assessore Sentinelli ha concordato con tutti i presenti di effettuare, nel più breve tempo possibile, un monitoraggio della situazione sull'effettivo fabbisogno di personale, provincia per provincia, per ottimizzare le risorse ed indicare le criticità della rete scolastica regionale. Il tavolo ha inoltre evidenziato che il personale Ata risulta sottodimensionato anche in considerazione degli accantonamenti degli ex Lsu, non più realistici rispetto a quelli previsti dalla legge 124/1999.

5 TEL: sabato 16 luglio istituzioni RIFIUTI/1 Lo ha detto la Polverini durante la visita all'impianto di Peccioli «Non ci sarà il commissariamento» Solo nel caso di una emergenza per la chiusura della discarica di Roma il presidente della Regione Lazio potrebbe chiedere un commissario Sull'ipotesi che il commissario possa essere il prefetto Pecoraro la presidente è stata possibilista N on ci sarà commissariamento per il piano dei rifiuti. Solo nel caso di una emergenza per la chiusura di Malagrotta Renata Polverini potrebbe chiedere un commissario della discarica. Lo ha detto la presidente della Regione al termine della visita presso l'impianto per lo smaltimento dei rifiuti di Peccioli, in provincia di Pisa. «Voglio essere chiara - ha ribadito - questo varrà solo per Malagrotta. Se l'ordinanza non darà i suoi effetti allora chiederò lo stato d'emergenza». Sull'ipotesi che il commissario possa essere il prefetto Pecoraro la presidente è stata possibilista. «Potrebbe essere la persona giusta, sarebbe auspicabile - ha detto - sempre che lui sia d'accordo. È un personaggio autorevole che affronta tutti i giorni i problemi dei cittadini». A chi le chiedeva l'ubicazione della discarica provvisoria che dovrebbe sostituire Malagrotta in attesa della realizzazione del nuovo impianto di Fiumicino, Renata Polverini ha risposto che la Regione è al lavoro per trovare il sito più idoneo, «ma se ci fosse un commissario se ne occuperebbe lui». Comunque nel sito indicato a Fiumicino per il nuovo impianto rifiuti non ci sarà alcun gassificatore e non sarà conferito il tal quale. Ci sarà invece un impianto Tmb, cioè di pre-trattamento dei rifiuti e una discarica di servizio. «Spesso - ha aggiunto- si parla di cose che non esistono e bisognerebbe essere più informati. Abbiamo avviato una campagna di comunicazione per diffondere quella che è la verità: prima criticare bisogna informarsi. Mi auguro che nessuno approfitti della buona fede dei cittadini per fare demagogia». Chi rema contro il suo territorio è anche contro un paese civile». Tuttavia i Verdi, con il presidente regionale Bonessio, non la vedono così semplice e toccati sul vivo accusano la presidente di non conoscere il Piano rifiuti approvato dalla sua stessa giunta perché i cittadini vogliono rassicurazioni su riduzione, riuso, raccolta differenziata porta a porta e riciclo.inoltre ignora che l impianto di Tmb che dovrebbe sorgere a Pizzo del Prete-Fiumicino, produce Cdr (eco balle), solo per il 28% dei rifiuti trattati, mentre il resto finisce comunque in discarica. «La Polverini - aggiunge - si sganci dal ricatto degli imprenditori privati dei servizi ambientali, che vogliono che il modello di smaltimento sia legato alla dicotomia discarica-inceneritore, e dia finalmente vita a un ciclo virtuoso». Piano rifiuti Consiglio autonomie locali «Il documento non è coerente» Il Consiglio delle autonomie locali del Lazio (Cal), presieduto dal vicepresidente Giancarlo Righini, ha espresso all unanimità il parere sulla proposta di Piano rifiuti presentata dalla Giunta regionale. Secondo il relatore Bruno Manzi, presidente di Legautonomie Lazio, il documento «non è coerente con l impianto normativo e istituzionale esistente che attribuisce alle Province competenze in materia di rifiuti». Infatti oltre a essere in contrasto con alcune norme della legge regionale n.14 del 1999 sul decentramento delle funzioni amministrative, il Piano violerebbe anche alcune disposizioni sugli Ato (Ambiti territoriali ottimali) contenute nella legge finanziaria 2008 dello Stato. Questa legge disponeva la valutazione prioritaria dei territori provinciali quali ambiti territoriali ottimali (Ato) per l'attribuzione delle funzioni in materia di rifiuti e la possibilità di creare un unico Ato regionale solo per le funzioni in materia di servizio idrico integrato, mentre il Piano della Giunta Polverini ne prevede uno unico anche in materia di rifiuti. Insieme al parere, l assemblea del Cal ha votato all unanimità anche una serie di emendamenti proposti dal presidente della Provincia di Latina, Armando Cusani, il quale ha sostenuto che il piano regionale non tiene in alcuna considerazione, quello delle Provincia di Latina, approvato già nel 2008, che prevede un ciclo chiuso e indipendente per la gestione e lo smaltimento dei rifiuti in provincia. Piano che consentirebbe di chiudere definitivamente la discarica di Borgo Montello la quale che è la terza discarica a livello nazionale con i suoi 3 milioni di rifiuti. RIFIUTI/2 La denuncia del consigliere capitolino Ama, De Luca: «Tre anni di sprechi e irregolarità» E' una vera e propria requisitoria su Ama quella che il vice presidente della commissione ambiente Athos De Luca del Pd, ha presentato ieri in conferenza stampa. Partendo dall'evidenza pubblica di una città sporca, con raccolta differenziata inefficiente, mentre l alternativa a Malagrotta non vede soluzioni e i nuovi impianti di trattamento non si vedono, De Luca ha parlato di una gestione amministrativa poco trasparente, tanto che la stessa magistratura è intervenuta nei confronti dell ad di Ama Panzironi. Lo spunto delle sue critiche nasce anche dalle valutazioni della stessa Agenzia per il controllo dei servizi del Comune di Roma che ha bocciato Ama con pessimi voti: 4,5 per la raccolta e 5,5 per lo spaiamento. Se la politica del personale vede un clima d intimidazione con ricatti e trasferimenti, per altro verso, secondo il consigliere del Pd, si distribuiscono premi ai dipendenti meritevoli con criteri politici. Mentre le consulenze legali secondo l'agenzia ammontano a euro in 2 anni. Sino ad oggi latita l' approvazione del contratto di servizio, licenziato dalla Commissione Ambiente un anno fa, senza il quale il Comune non può controllare il servizio di Ama. Inoltre il piano finanziario per la tariffa 2011 non è stato sottoposto al CdA in violazione del codice di Corporate Governance. Se si guarda poi agli aspetti finanziari il consigliere nota che gli interessi passivi di 8 milioni sono stati inseriti nella tariffa, anziché nella voce remunerazione capitale, in violazione di legge e con il rischio di ricorso degli utenti per un incremento illegittimo della tariffa. Ma a rendere opaca la gestione dell'azienda contribuirebbe il fatto che il bilancio Ama, approvato a maggio, non è stato ancora portato in Assemblea dei soci in attesa di decidere le sorti dell amministratore delegato. Dubbi anche sulla vendita del patrimonio di Ama attraverso un fondo privato per gli edifici alla Montagnola e in via Zucchelli, valore 65 milioni, senza gara pubblica. A questa situazione corrispondono assunzioni parentali e clientelari con relativa violazione del blocco delle assunzioni richiesto dal sindaco, assunzioni alle quali si aggiunge il proliferare di ricche consulenze. Eppure in due anni la tariffa è aumentata del 20%, passando da 528 a 630 milioni, contribuendo all'attivo di bilancio dichiarato di un milione, mentre il debito pregresso viene diluito negli anni con relativo aggravio di interessi a carico dei cittadini. Un indebitamento che nel 2008 era di 1588 milioni e ora di 1734 milioni, dei quali rispettivamente 599 milioni nel 2008 con le banche e 620 milioni oggi. Intanto i crediti verso il Comune nel 2008 erano 184 milioni e ora sono saliti a 433 milioni. Per De Luca Ama si rifiuterebbe di fornire i dati contabili scorporati per non far capire come vengono spesi i soldi, soprattutto sotto la voce personale. L'attacco del consigliere del Pd sembra soprattutto indirizzato alla prossima riconferma di Panzironi quale amministratore delegato di Ama che, nonostante le voci fatte circolare nei mesi scorsi, sembrerebbe probabile, nonostante l'ostilità nei suoi confronti di pezzi importanti della maggioranza di destra. gl

6 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it MUNICIPI CRONACA NOMENTANA Deposito in fiamme evacuata scuola Momenti di paura ieri mattina all'altezza del civico 1108 di via Nomentana a causa delle alte fiamme divampate in un deposito "Nuova Ermini e delle dense colonne di fumo che hanno invaso tutto l'isolato. Per spegnere l'incendio sono dovuti intervenire due squadre di volontari della protezione civile e sei autobotti dei vigili del fuoco. Dopo lo spegnimento del rogo principale, i pompieri sono rimasti impegnati per diverso tempo per eliminare piccoli focolai creatisi intorno al capannone. Una scuola d'infanzia che si trova nelle vicinanze del deposito è stata evacuata per precauzione. Pesanti le ripercussioni che si sono abbattute sulla viabilità: sono state chiuse sul Grande Raccordo Anulare le rampe dello svincolo per via Nomentana, in direzione Roma centro, in entrambe le carreggiate. Le fiamme hanno distrutto tre capannoni, un deposito di accessori per giardino, un autodemolitore e un magazzino di giochi pirotecnici, ma non ci sono stati feriti. L OPERAZIONE Sequestrati oltre 20 kg di stupefacente. Arrestate 6 persone Droga in armadi e congelatori Giro di vite sullo spaccio Blitz della polizia in diverse zone della città: via Cornelia, Borghesiana, San Basilio e via Maiolati G iro di vite sugli stupefacenti. Gli uomini della questura hanno effettuato blitz notturni in contemporanea in 3 diverse zone della città con un bilancio di 6 arresti e oltre 20 kg di diversi tipi di stupefacenti sottratti al mercato dello spaccio. La prima operazione è scattata ieri mattina in via Cornelia intorno alle ore 2,30 quando un equipaggio del reparto volanti della Questura, ha fermato per un controllo un giovane di appena 20 anni e lo ha trovato in possesso di circa 2 kg di sostanza stupefacente. Le prime dosi sono state trovate addosso al 20enne, il resto della droga era nascosta in casa. All interno della stanza da letto, dentro l armadio, gli agenti hanno recuperato quattro scatole con 1625 grammi di hashish, 569 grammi di marijuana, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento, 2 cellulari e un libro in cui erano riportati nomi e cifre riconducibili all attività di spaccio. Contemporaneamente, in via Borghesiana, nella zona del Casilino, sempre gli agenti del reparto volanti, hanno fermato M.M., cittadino del Gana di 27 anni a bordo di una macchina trovato con una bustina di eroina, un bilancino di precisione e una busta con 8920 euro all interno. A quel punto gli agenti hanno deciso Le unità cinofile impegnate nei controlli Casilina Si stava preparando a partire per le vacanze con l'auto dotata di optional molto particolari, una intercapedine dietro alla targa posteriore usata per nascondere droga e armi. L'uomo un 33enne romano è è stato trovato dai carabinieri in possesso 1 kg e 200 gr. di cocaina purissima, 2 pistole, munizioni e sostanza da taglio. Non solo, aveva con sé anche un termos nel quale aveva nascosto 30 grammi di cocaina. di perquisire la sua abitazione in via di Rocca Lumera. L arrestato non ha voluto consegnare agli agenti le chiavi dell appartamento, quindi, una volta giunti nella casa da perquisire, gli investigatori hanno fatto intervenire i vigili del fuoco per aprire la porta. Mentre erano in attesa dei pompieri, un altro uomo ha tentato di calarsi da una delle finestre dell abitazione, ma notando che tutte le vie di fuga erano presidiate dagli uomini in divisa, è rientrato. Approfittando della finestra aperta i poliziotti si sono introdotti nell appartamento sorprendendo 2 persone di colore. Il primo era nascosto sotto il letto, mentre il secondo si trovava nel bagno cercando di disfarsi di alcune dosi di eroina. Perquisiti, i due stranieri sono stati trovati in possesso di eroina. Molte altre dosi sono state invece recuperate in vari punti dell appartamento. Al termine degli accertamenti gli investigatori hanno sequestrato in tutto 2700 grammi di eroina. I tre stranieri, tutti cittadini del Gana, rispettivamente di 27, 31 e 28 anni, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio in concorso. Nella zona di San Basilio, invece, con il supporto delle unità cinofile, sono stati arrestati un uomo e una donna, entrambi romani e pregiudicati, trovati in possesso di oltre 16 kg di hashish. Lo stupefacente, custodito in una valigetta all interno di un surgelatore, è stato recuperato grazie all intuito di un cane poliziotto antidroga. In via Maiolati, la polizia ha denunciato due persone per il possesso di alcune piante di marijuana e 6 kg di hashish, trovati in una valigetta 24 ore nascosta all interno di un surgelatore in cucina. notizie in un minuto Tor Bella Monaca Viale Palmiro Togliatti Via Gregorio VII L'altra sera i carabinieri, con la collaborazione degli ispettori d igiene e del lavoro dell Al Rm/B, hanno sequestrato due opifici cinesi al cui interno sono state riscontrate gravi carenze igienico-sanitarie e gravi inadempienze sulle misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Nei giorni scorsi i militari, dopo aver ricevuto alcune segnalazioni degli abitanti dei quartieri di Tor Bella Monaca e Villaggio Prenestino che avevano notato uno strano via vai di furgoni che caricavano e scaricavano merce, hanno fatto scattare il blitz: all interno delle 4 attività controllate sono state identificate oltre 60 persone che lavoravano in precarie condizioni igienico-sanitarie, producendo anche capi d abbigliamento per griffe italiane. Per due degli opifici sono scattate solo sanzioni per 12 mila euro, mentre per altri due si è proceduto anche al sequestro dell attività. Ogni notte accompagnava una lucciola romena di 31 anni, sua convivente in una baracca del campo nomadi Tor di Quinto, in via Prenestina e via Palmiro Togliatti. Per questo motivo un cittadino romeno di 39 anni, conosciuto dalle forze dell ordine, è stato arrestato dai carabinieri del nucleo operativo della Compagnia Roma Centro. Dovrà rispondere di favoreggiamento della prostituzione. Gli spostamenti dell uomo, più volte notato nelle zone dove è più frequente il fenomeno della prostituzione, soprattutto nelle ore notturne, erano tenuti sotto controllo dai militari e questa notte è scattato il blitz. I carabinieri lo hanno pizzicato a bordo della sua autovettura, proprio mentre stava trasportando la ragazza sul posto di lavoro. Il romeno è stato associato al carcere di Regina Coeli, dove rimarrà a disposizione dell Autorità Giudiziaria. Denunciato un tassista 58enne per aver investito un pedone ed essere scappato senza prestare soccorso. Il pirata della strada ha investito un uomo che stava attraversando la strada fratturandogli il perone di una gamba, e, dopo aver fermato la macchina per accertarsi sommariamente delle sue condizioni, ha proseguito la corsa senza attendere l arrivo dell ambulanza. L'investimento è accaduto intorno alle 13 in via Gregorio VII, al quartiere Aurelio di Roma. La vittima, un cinese, stava attraversando la corsia preferenziale quando il taxi l'ha investito. L uomo è stato rintracciato a fine turno sotto casa ed è stato portato negli uffici del gruppo XVIII dei vigili urbani. Interogato il tassista ha detto che sarebbe stato il cliente che aveva a bordo a imporgli di non fermarsi, dicendogli che avrebbe provveduto lui stesso a chiamare un'ambulanza.

7 TEL: sabato 16 luglio CRONACA PROSTITUZIONE 1 Municipio VII I cittadini di viale P. Togliatti: «Una continua sfilata di clienti e trans» I controlli all ex Mattatoio non hanno bloccato le lucciole C ontinuano le proteste dei cittadini di Viale Palmiro Togliatti contro la prostituzione. L ultimo incontro si è tenuto giovedì sera all Acquedotto Alessandrino, in viale Palmiro Togliatti angolo via degli Olmi. L iniziativa è stata organizzata dal Coordinamento Romano Antilucciole (CRA). Una zona dove, secondo quanto denunciano i residenti del quartiere, decine di trans stazionano quotidianamente, costringendo i cittadini ad assistere a continue scene di violenza. Fino a due anni fa le prostitute erano presenti a piazzale Pino Pascali, sede dell'ex Mattatoio. A seguito delle continue lamentele degli abitanti della zona sono state emesse delle ordinanze del Comune che hanno portato al termine del traffico notturno nell area. Ma il problema è stato semplicemente trasferito dall ex Mattatoio direttamente sotto casa degli abitanti di Viale Palmiro Togliatti. «Siamo profondamente esausti - si foga Francesca, durante la manifestazione dell Acquedotto - ogni sera ci troviamo di fronte a una continua sfilata di clienti e prostitute. Tornare dopo l imbrunire con la propria famiglia è impossibile. E i frequenti litigi per i pagamenti, le frenate, le chiacchierate a voce alta ci rendono la vita a dir poco insostenibile. Per non parlare dell immondizia che troviamo al mattino». «È ora di far sentire la nostra voce e di insistere tutti insieme per togliere dalle strade lo spettacolo indecente che siamo costretti a subire ogni giorno e ogni sera. Vogliamo riprenderci i nostri quartieri», spiega il signor Mario, abitante della zona. «C è una via chiusa e parallela a Via degli Olmi, accanto alla Torraccia in cui si recano la sera. Tornado a casa bisogna fare parecchia attenzione per evitare di imbattersi in scene imbarazzanti - racconta Fabrizio, un giovane manifestante - ho rischiato più volte di fare incidenti a causa delle macchine in doppia fila dei clienti impegnati nelle trattative. E ormai impossibile passare tranquilli nella zona e fare una passeggiata la sera». Sul versante del controllo del territorio e della lotta alla prostituzione Carlo prosegue: «E palese che in strada ben poco può l'ordinanza emanata dal Sindaco Alemanno. Le multe o le minacce di espulsione non stanno risolvendo affatto la questione». Agostina Delli Compagni MUNICIPIO V L ultimatum del Pd a Caradonna «Fine della crisi o dimissioni» D opo la dura presa di posizione di Sinistra e Libertà, uscita l altro ieri dalla giunta e dalla maggioranza del Municipio V, anche il Pd lancia l ultimatum al presidente Caradonna. Ad uscire allo scoperto è il segretario romano del partito Marco Miccoli che, in una nota, attacca a muso duro il minisindaco: «Il presidente ricompatti la maggioranza o rassegni le dimissioni. E ora di mettere fine a questa crisi e di operare scelte chiare e definitive». Ennesima puntata dunque di una lotta, quella tra Caradonna e il Pd, che si trascina ormai dall estate scorsa, quando il presidente lasciò i democratici per l Api, e che ha provocato la dissoluzione della maggioranza di centrosinistra nel Municipio V. Prima l esclusione dalla giunta dell Idv, poi l abbandono di Sel e ora l ultimatum del Pd confinano il presidente in una situazione molto complicata. Caradonna tuttavia, nel rispondere alle dichiarazioni di Miccoli, rilancia: «Condivido l esigenza di risolvere la crisi e lavorerò per ricompattare la maggioranza. Entro lunedì nominerò un assessore che potrebbe dare nuova rappresentanza in giunta all Idv. Per il momento dunque sono ancora fiducioso che nel Pd, diviso al suo interno, prevalga il senso di responsabilità e che l Italia dei valori voglia sostenere ancora questo esecutivo, altrimenti saremmo senza maggioranza». Nel frattempo l opposizione si mobilita. Giovanni Ottaviano, capogruppo Pdl in Consiglio, commenta così l ennesima puntata della crisi: «Il Pdl, lungi dal voler realizzare ribaltoni, è pronto a sostenere una mozione di sfiducia contro il presidente Caradonna anche con chi non si riconosce più in questa maggioranza». E dunque ancora lontana la risoluzione di una crisi che sembra infinita. Dinanzi alla richiesta di chiarezza, l ultima chance che il presidente Caradonna ha di evitare il ritorno alle urne è recuperare l alleanza con l Idv e sperare che il Pd risolva le contrapposizioni interne, sempre che qualche pezzo in uscita dalla maggioranza non appoggi una mozione di sfiducia dell opposizione. Vincenzo Nastasi PROSTITUZIONE 2 Municipio VIII Sgrulletti Pd: «Inutili le ordinanze di Alemanno nella periferia Est» C ome Poncharello dei Chips. Andrea Sgrulletti, segretario del Pd per il Municipio VIII, ironizza riguardo al sopralluogo notturno svolto la scorsa settimana da Alemanno per le vie della prostituzione: «Capisco il fascino dei telefilm anni '80 osserva - ma Roma non ha bisogno di Poncharello come sindaco. Non occorre montare in sella e girare la città per un paio d'ore per accorgersi che le ordinanze che, con grande clamore il sindaco annunciò all'inizio della sua infelice esperienza amministrativa, hanno fallito ogni obiettivo». Ironia che lascia il posto alla preoccupazione sul fenomeno meretrici nelle zone della periferia est della Capitale: «In Municipio VIII, il fenomeno della prostituzione in strada, un tempo limitato ad alcuni tratti molto periferici di via Collatina e via dell'acqua Vergine, dilaga su tutta via Prenestina, mentre sulla via Casilina ve ne è traccia già a Grotte Celoni, noto capolinea dell'atac. Anche via di Rocca Cencia - prosegue Andrea Sgrulletti - è interessata dal fenomeno, il quale è evidentemente gestito su larga scala da imponenti organizzazioni criminali. Evidenza che chiama le istituzioni non solo a un maggiore controllo del territorio, ma anche e soprattutto a un serio lavoro sul contrasto del fenomeno della tratta e all'impostazione di programmi d informazione, istruzione e cultura, per limitare sul medio, lungo periodo il numero di clienti che, secondo un'elementare legge di mercato, è ciò che rende L attacco La presenza delle prostitute in strada, un tempo limitata ad alcuni tratti di via Collatina e via dell Acqua Vergine, dilaga ora su tutta via Prenestina. Mentre sulla Casilina ve ne è traccia a Grotte Celoni, capolinea Atac. Interessata al fenomeno anche via Rocca Cencia davvero difficile il contrasto del fenomeno». Mauro Cifelli

8 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it LAVORI MONTEVERDE I cittadini contro la costruzione di un imponente palazzina al posto dell istituto Arcobaleno «No all ecomostro, resti la scuola» Residenti preoccupati dell impatto ambientale, urbanistico e sociale che il progetto della ditta Itacostruzioni potrebbe avere sul quartiere. Presente alla riunione del Comitato anche il minisindaco Fabio Bellini N di Francesca Bastianelli o a un nuovo ecomostro! Con questo slogan si è costituito il comitato Via Innocenzo X, nato in difesa dell'ambiente, del decoro cittadino e, soprattutto, di una scuola materna paritaria di Monteverde. A spingere i residenti ad attivarsi è stato il rischio che la scuola Arcobaleno possa essere abbattuta per far posto a un'imponente costruzione di tre palazzine di sette piani e la preoccupazione dell impatto ambientale, urbanistico e sociale che il progetto della ditta Itacostruzioni potrebbe avere sul quartiere. Il primo passo è stato unirsi spontaneamente in un comitato alla cui prima riunione mercoledì scorso hanno partecipato, oltre ai residenti di via Innocenzo RIQUALIFICAZIONE X e delle zone limitrofe e alle associazioni di quartiere, anche Fabio Bellini, presidente del Municipio XVI, e numerosi consiglieri municipali. «L'incontro ha avuto una buona partecipazione, considerando anche che si è trattato di un evento organizzato con il passaparola ci conferma Nicola Del Duce, tra i promotori del comitato il presidente Bellini ha assicurato che, nonostante i progetti siano stati depositati dal costruttore, attualmente non c'è alcuna delibera da parte del Comune che autorizzi il progetto. La nostra intenzione è quella di mantenere alta l'attenzione sulla situazione e la partecipazione di esponenti sia del Pdl sia di Sinistra, Ecologia e Libertà evidenzia come l'iniziativa non sia spinta dal colore politico ma solo dall'interesse dei cittadini». Intanto anche i senatori del Pd Francesco Ferrante e Roberto Della Seta si sono attivati in difesa della scuola Arcobaleno, presentando in merito un interrogazione parlamentare e chiedendo, nel caso di abbattimento dell'edificio, un accordo che permetta all'istituto di trasferirsi in un altro spazio limitrofo. L'intento è lo stesso per tutti: salvare dalle ruspe una scuola steineriana che ha assunto negli anni un grande valore didattico nel quartiere». Giovedì scorso la chiusura del cantiere TIBURTINA Grandi opere I cittadini: «Cantieri aperti non ne possiamo più» Grandi opere, incubo della Tiburtina. Questa la tematica affrontata ieri pomeriggio in un incontro organizzato in piazzale della Stazione Tiburtina dall'associazione Radici. «Questo quadrante spiega Andrea Mosetti dell'associazione del Municipio V ha visto nel corso degli anni l'apertura di molti cantieri per la creazione di una serie di opere che non arrivano mai a conclusione. I cittadini subiscono il disagio dei lavori senza mai ricevere in cambio la creazione di servizi». Ad allarmare i residenti, innanzitutto, la faraonica ricostruzione della stazione Tiburtina. Il flusso giornaliero passerà infatti da a Torna a nuova vita il parco «La Contea» di Casetta Mattei Nuova vita per il parco La Contea, in zona Casetta Mattei. In parte già esistente dal 2005, il parco è stato recentemente riprogettato, riqualificato e ampliato. Dopo la festa di giovedì scorso per la chiusura del cantiere, alla presenza del Presidente del Municipio XV Gianni Paris, dell assessore all Ambiente del Municipio XV Riccardo Traversi, del consigliere municipale Alessio Conti e degli architetti progettisti e dell impresa esecutrice dei lavori, il parco rimarrà ancora chiuso per una decina di giorni per dare modo all ultima semina dell erba di crescere. «Il fattore più importante di tutta questa operazione - afferma il consigliere e delegato alle Politiche Giovanili e all Innovazione Tecnologica del Municipio XV Alessio Conti - è di natura sociale. Sono stati i cittadini stessi a decidere come impiegare i fondi a disposizione per il parco attraverso un Progetto Partecipato che ha dato voce agli abitanti del quartiere che, attraverso incontri e confronti, hanno dato vita ad un area che risponderà alle esigenze di ogni età, superando gli iniziali pregiudizi delle varie parti in causa». Infatti, alla sua prossima definitiva apertura, l area offrirà giochi tradizionali e attrezzi ginnici per bambini, area cani (quest ultima già aperta), alberi ed un vero e proprio giardino botanico, panchine, sentieri e area per feste; il tutto valorizzato da illuminazione fotovoltaica e impreziosito da graffiti di prossima realizzazione. Obiettivo finale del Municipio, una volta ultimati i lavori previsti, sarà donare il parco stesso ad una associazione in via di formazione di cittadini del quartiere, che si occuperanno così direttamente di questa nuova area verde e di incontro. Michela di Piazza viaggiatori, senza che le condizioni di viabilità e ricettività dell'area siano state adeguate. Ma destano preoccupazione anche altre grandi opere i cui lavori, iniziati da anni, sembrano interminabili. Le complanari all'a24, il raddoppio della Tiburtina, lo Sdo di Pietralata. Tutti progetti L ASSOCIAZIONE I residenti subiscono il disagio dei lavori senza mai ricevere in cambio la creazione di servizi infiniti, a fronte dei quali erano previsti servizi per i cittadini, ovviamente mai realizzati. Ancora aperta è anche la questione delle compensazioni per la Tav. I residenti hanno subito i cantieri dell'alta velocità, senza ricevere quei miglioramenti in termini di viabilità e verde pubblico, previsti nell'accordo siglato tra Comune di Roma e Ferrovie. «Il Parco archeologico Tiburtino legato ai lavori della Tav avrebbe dovuto compensare un sacrificio, con la valorizzazione del paesaggio e del territorio concorda Ivano Caradonna, presidente del Municipio V - Per quanto riguarda il raddoppio della Tiburtina ci sono ritardi paurosi, non si vede luce». Sembra andare avanti, invece, il progetto dello Sdo di Pietralata. La Sapienza ha finalmente acquisito le aree sulle quali nascerà il campus, ma il progetto è stato fortemente ridimensionato rispetto all'originario e interesserà solo le biotecnologie. «La speranza conclude Caradonna - è che il consiglio municipale, mettendo da parte le problematiche interne, decida di pressare l'amministrazione per far sì che intervenga su queste questioni. Altrimenti il rischio è che le opere saranno completate ma il vantaggio per i cittadini resterà una chimera». Valeria Ferroni

9

10 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it MUNICIPIO XIII Redazione di Ostia: telefono: WATERFRONT Sesa: «Amministrazione e cittadini non coinvolti» Pontile Denuncia di Soccorso Cittadino Quelle bancarelle che disturbano i lidensi Alemanno presenta il progetto. Pd all attacco U di Valeria Costantini n progetto piovuto dal cielo, mai condiviso con i cittadini e le realtà associative del territorio, che eppure stravolgerà il panorama e la vita del litorale. Sono queste le principali, pesanti, critiche che l opposizione tutta rivolge da mesi al maxi-piano del watefront, l insieme di progetti gestiti direttamente dal Campidoglio, che interesseranno il lungomare di Ostia. «Il sindaco Alemanno continua a calpestare la dignità del Municipio XIII. contestano i consiglieri municipali PD Marco Belmonte e Giuseppe Sesa - Troviamo inaccettabile l'atteggiamento del primo cittadino e della sua giunta, che vengono ad Ostia a presentare il fantomatico progetto di riqualificazione del litorale, senza alcun passaggio con l'amministrazione municipale, nè condividendo tale processo con i cittadini». Ieri infatti Gianni Alemanno è intervenuto al multisala Cineland per esporre i dettagli del piano: la prima volta che Ostia ha potuto visionare i progetti, anche se il programma di riqualificazione è già stato presentato in più occasioni. Incontro disertato per protesta dai consiglieri Pd. «E imbarazzante come da una parte il Comune dica di voler decentrare il XIII e dall'altra sulle questioni importanti, il Municipio venga semplicemente invitato ad osservare un progetto sul quale oltretutto nutriamo forti dubbi, sia sulla sostenibilità che sull'utilità. Quindi riteniamo inopportuna la nostra presenza all'evento in assenza di un processo condiviso e partecipato con il territorio». Da Sel XIII invece arriva il contro-waterfront. «Presenteremo a breve l anti-waterfront: una proposta di creazione di un Monumento Naturale delle Dune di Ostia. Si tratta di un progetto dichiara Sandro Lorenzatti, Coordinatore Sel XIII già approvato nella precedente legislatura regionale dall ex assessore all ambiente Filiberto Zaratti che, la nuova maggioranza di centrodestra ha lasciato sepolto in un cassetto. Il progetto era stato già approvato dal Comune e dalla Provincia e prevedeva l istituzione della tutela delle aree verdi residue del lungomare di Ostia, zone naturali di pregio che andrebbero protette. Ostia non vuole il waterfront, un rifiuto chiaro, dimostrato dalle migliaia di cittadini che hanno protestato contro il modello di occupazione violenta del lungomare delle discoteche. Il Waterfront sarebbe la santificazione di questo modello, ovvero la trasformazione definitiva del lungomare in una sorta di luna park spenna polli, un centro commerciale disteso sul mare di Ostia». Manifestazioni troppo invadenti per i gusti dei cittadini. Nel mirino delle segnalazioni dei residenti, ci sono il Pontile tappezzato di gazebi e bancarelle e il Parco Pallotta occupato da feste troppo rumorose. Una polemica non nuova viste le contestazioni mosse alla giunta Vizzani soprattutto dai consiglieri del suo stesso partito, a causa delle concessioni rilasciate con un po troppa nonchalance per le manifestazioni estive sulla passeggiata lidense. A raccogliere le lamentele degli abitanti, questa volta è l associazione Sos Soccorso Cittadino, a cui sono giunte molteplici segnalazioni sui permessi rilasciati dal Municipio XIII. «La cittadinanza considera queste concessioni con tanta diffidenza, in quanto l'area del Pontile è stata sempre preservata a iniziative di pregio culturale e di livello alto, essendo il fiore all'occhiello del nostro territorio sottolineano dal comitato - Ci si chiede quali siano stati i motivi di tale fondamentale cambiamento. Sull iniziativa al Parco Pallotta, i cittadini si chiedono se sia vero che l'area pubblica sia concessa senza pagamento del suolo pubblico, mentre per avere uno spazio per comunicazioni sociali ai bambini si chiedono ben euro. Inoltre ci si chiede se gli spazi a verde che vengono danneggiati, come ogni anno, provvedono gli organizzatori al loro ripristino oppure sono a carico delle istituzioni». «Peraltro, per quanto riguarda il Parco Pallotta, si tratta concludono dall associazione - notoriamente di una organizzazione legata ed ispirata ad un consigliere municipale e al vice-sindaco di Roma». Quindi, secondo i cittadini, proprio per la natura della manifestazione l attenzione verso la comunità dovrebbe essere maggiore. V.C.

11 TEL: sabato 16 luglio MUNICIPIO XIII OSTIA In aumento il numero giornaliero delle segnalazioni nella zona libera Pineta Acque Rosse «Nessuno rimuove i rifiuti» Allarme furti in spiaggia È di Fabrizia Memo emergenza furti sul lungomare e la spiaggia libera dei Cancelli sembra ormai diventata la terra di nessuno. Tempi duri per chi sceglie di non recarsi negli stabilimenti perché la sicurezza sulla battigia è calata molto nell ultima stagione. I furti avvengono non più solamente nei parcheggi, ma anche sulla spiaggia oramai diventati all ordine del giorno e quest anno sono aumentati notevolmente arrivando a raggiungere una media di dieci al giorno. Inutili le rimostranze ai bagnini che sono in numero troppo esiguo per far fronte all emergenza. Il presidio della municipale manca da tre anni e questo non fa che facilitare la vita ai rapinatori giornalieri che prendono di mira soprattutto le comitive di ragazzi. «Stamattina hanno rubato tutti gli zaini a una comitiva di ragazzi», racconta uno dei bagnini in servizio ai cancelli «Erano andati a fare il bagno e hanno lasciato tutto vicino alla mia postazione proprio a ridosso della mia pausa pranzo. Così, Le dune del lungomare quando mi sono allontanato, non più di cinque minuti per andare a comprare un panino, il ladro è entrato in azione. Quando sono tornati prosegue - mancava tutto. Non ho potuto fare molto, però questo significa che questi ladruncoli sanno bene come agire». Per contrastare l aumento dei furti i bagnini avevano inviato un mese fa un fax alla municipale e all amministrazione del Municipio XIII per richiedere un invio di un presidio fisso delle forze dell ordine per evitare questi incresciosi episodi. Purtroppo non è stato inviato ancora nessuno a presidiare la zona per mancanza di personale e i furti si moltiplicano. Sta peggiorando anche la condizione della pulizia della spiaggia. Ogni giorno l arenile è disseminato di bottiglie di plastica, carte di gelati, cucchiaini di plastica, fazzoletti. Sulle dune antistanti, che dovrebbero essere zona naturalistica protetta, i rifiuti sono presenti in quantità maggiore: tra le buste e bottiglie di plastica si trovano anche fogli di giornali abbandonati. L accesso alle dune, sebbene sia vietato, è ormai libero e consentito perché manca su tutto il perimetro la staccionata di protezione. Non pochi sono i bagnanti che si servono di questa zona come orinatoio a cielo aperto. Spesso i venditori ambulanti dormono tra i cespugli insieme alla merce. «È davvero una situazione indegna. Ogni anno la condizione della pulizia peggiora» si lamenta Francesca, una bagnante «Per non parlare del parcheggio selvaggio. I motorini sono posteggiati sino all inizio dei vialetti. Ma come fa a passare l ambulanza se qualcuno si sente male?». La pineta delle Acque Rosse continua a essere invasa dai rifiuti. Più che un parco naturalistico sembra una discarica a cielo aperto. Davanti alla centrale elettrica dell Acea, dove sino a pochi giorni fa sorgeva un campo nomadi, sono rimasti solo i rifiuti e i resti delle baracche. L area ospita di tutto: scatoloni, cassette di plastica, buste, fazzoletti, giornali, piatti e bicchieri. Tutti rifiuti abbandonati tra le sterpaglie. Addirittura un televisore è rimasto tra i cespugli e tra gli aghi di pino. Ma non si tratta solo dei resti delle baracche demolite perché la spazzatura corre lungo tutto il perimetro del marciapiede su via delle Acque Rosse sino ad arrivare su via delle Azzorre. Impossibile passeggiare per gli abitanti della zona su questi marciapiedi. L Ama non si occupa di ripulire la zona perché, non essendo la pineta di proprietà del Comune, non la ritiene di sua competenza. Esasperati dalle condizioni inaccettabili i residenti del quartiere diverso tempo fa hanno ripulito l intera zona. Ma a oggi la situazione di degrado sembra peggiorata perché nessuno è più intervenuto. A pochi metri dai rifiuti abbandonati c è un parco molto frequentato dagli abitanti e dai bambini del quartiere. Tantissime anche le persone che spesso passeggiano accompagnati dai propri cani. Ma nessuno si spinge mai nelle vicinanze della centrale perché la spazzatura non giace solo intorno ai pini, ma arriva anche a invadere i marciapiedi. «Ci sentiamo davvero abbandonati» denuncia Alessandro un residente. (F.M.)

12

13

14 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it S. MARIA DELLE MOLE Comitato locale pronto a una raccolta firme per evitare la delocalizzazione della stazione p.17 PROVINCIA litorale COLLEFERRO Lavori alla discarica Colle Fagiolara: residenti di via Palianese minacciano di occupare il Comune p.20 FIUMICINO Presentata la campagna di Confcommercio litorale che offre vantaggi per clienti e negozianti Desidera card come incentivo allo shopping L iniziativa prevede non solo punti fedeltà ma l applicazione di un marketing one to one: grazie a una smart card i commercianti potranno stilare un identikit preciso dei compratori che consentirà di venire a conoscenza delle singole preferenze P unti jolly, punti extra e lo Squilla e vinci. E poi la smart card, la carta che è in grado di gestire un circuito di fidelizzazione basato sul concetto di punti fedeltà. Ma all insegna della tecnologia, poiché la distribuzione del punto elettronico, a differenza di quello cartaceo, permette la creazione di un database con informazioni continuamente aggiornate. Arriva Desidera card, la campagna della Confcommercio Litorale centro tesa a migliorare lo shopping del consumatore attraverso una serie di iniziative che premiano il cliente. Si tratta di un'idea assolutamente innovativa, sicuramente utile anche per il commerciante associato che potrà disporre di un nuovo strumento che stimola l'acquisto, valido per tutte le tipologie di clientela, premiate con un omaggio dal valore reale e riscontrabile in ogni momento. Il progetto è stato presentato giovedì scorso presso la sede della Confcommercio di via Anco Marzio, a Fiumicino. Grazie alla smart card, realizzabile grazie a una convenzione che l associazione ha stipulato con la società Emmebi, i commercianti potranno stilare un identikit preciso del cliente, comprendente età, sesso, titolo di studio, professione, nucleo familiare; la capacità di spesa attraverso lo scontrino medio, l ultimo acquisto, la frequenza e l intervallo di tempo tra un acquisto e l altro e infine la provenienza e residenza per calcolare il bacino di utenza. Le informazioni così raccolte, nel rispetto della legge sulla privacy, opportunamente analizzate, consentiranno di venire a conoscenza delle preferenze e dei comportamenti d acquisto di ogni singolo cliente. Si passa così dall applicazione di strategie di marketing di massa alla realizzazione di un marketing one to one, basato sulla personalizzazione del rapporto con il proprio cliente, con reciproci benefici. A Fiumicino sono circa 250 gli associati a Confcommercio. (Maria Grazia Stella) L ACCUSA Cutolo (Idv): «Sospetto caso parentopoli a Fiumicino» Dopo aver travolto il Campidoglio, l'ombra di parentopoli si affaccia anche su Fiumicino. Almeno secondo le accuse del battagliero Claudio Cutolo, consigliere Idv, evidentemente per nulla turbato dalla querela sporta dal sindaco Canapini in seguito ad alcune dichiarazioni sui permessi di abitabilità all'isola Sacra. «Secondo alcune indiscrezioni», dice Cutolo, che ha presentato un interrogazione urgentissima alprimo cittadino e agli uffici competenti, «sembra ci sia stata un assunzione dubbia alla Fiumicino Tributi, municipalizzata del Comune. Una chiamata diretta, in favore della moglie di un consigliere comunale di maggioranza. Se le indiscrezioni fossero confermate, e speriamo di no, si tratterebbe di un fatto gravissimo ai danni dell intera comunità». CRONACA IN BREVE Anzio Ricercato in manette Doveva scontare 5 anni, 4 mesi e 11 giorni per associazione a delinquere finalizzata all'estorsione. T.I., 37 anni, moldavo, pensava di farla franca esibendo un documento artefatto, ma gli uomini del commissariato di Anzio sono riusciti a risalire alla sua vera identità. Lavinio Tentato furto alla Conad Una donna di 63 anni è stata arrestata dai militari della stazione carabinieri di Lavinio Lido di Enea dopo aver tentato di rubare merce varia, per un valore complessivo di circa 300 euro, nel supermercato Conad di Lavinio. La refurtiva è stata restituita al proprietario. ARDEA Consiglio comunale Premi di cubatura come a Pomezia Approvati tutti i punti in calendario Tutto approvato all unanimità. Questo l esito del Consiglio comunale di Ardea che si è svolto giovedì al centro anziani Nuova Florida. Dopo due tentativi falliti a causa della mancanza del numero legale, finalmente l assiste si è riunita, cancellando le ipotesi di un ribaltone e mostrando, al contrario, unità di intenti. I punti sono infatti stati oggetto di discussioni brevi e concise, tutte terminate con l approvazione. Importante soprattutto il punto numero 7, che riguardava i parametri per l applicazione per l istituto di perequazione e compensazione nell intesse pubblico nei casi di approvazione di varianti urbanistiche e criteri istruttori. Come Pomezia che approvò un analogo provvedimento tre anni fa per cercare di liberare le coste dalle costruzioni sorte sulla spiaggia con regolare TORVAIANICA concessione edilizia - anche il Comune rutulo pensa di ricorrere allo strumento dello Un nuovo gommone per la Guardia Costiera Più sicurezza sul litorale di Torvaianica grazie al nuovo gommone in dotazione all'ufficio locale marittimo della guardia costiera. Il piccolo natante è stato assegnato grazie a un protocollo d intesa tra l Amministrazione comunale di Pomezia e la Capitaneria di Porto di Roma. Vivo apprezzamento nei confronti della Giunta pometina da parte del Comandante Francesco Tiso, soddisfatto l assessore al Demanio Pubblico e Marittimo Pietro Toce: «Siamo felici dell azione che la Capitaneria stagionalmente compie sulle nostre coste. Con questo nuovo mezzo si potenzia il controllo sul nostro litorale e si assicura ai cittadini maggiore sicurezza sulle coste come in spiaggia». scambio per poter entrare in possesso di aree dove si è costruito in modo regolare ma che si trovano in punti di interesse pubblico. Il Consiglio è durato appena un paio d ore e ha registrato l assenza di Fabrizio Acquarelli, Danilo Petrella, Luca Di Fiori e Gino Marcoccia. Alla chiusura dei lavori soddisfatto il presidente del Consiglio Policarpo Volante. «Ancora una volta ha commentato - l Assemblea ha dimostrato grande maturità e responsabilità politica discutendo in maniera costruttiva su temi importanti per la città e approvando all'unanimità tutti i punti all'ordine del giorno. E' la risposta a chi non perde occasione di criticare senza motivo l'operato del Consiglio». Maria Corrao la Pomezia De Fusco contesta i dati allarmanti di Goletta Verde Il sindaco di Pomezia, Enrico De Fusco, esprime le sue critiche a seguito del dossier presentato da Goletta Verde sulle acque del mare laziale. «I dati forniti da Legambiente sono in contrasto con quelli resi noti da Arpa Lazio il 14 aprile scorso», dice il primo cittadino. «Secondo l'agenzia Regionale Protezione Ambientale le zone non idonee alla balneazione sono esclusivamente le foci dei fossi, che occupano una minima parte, circa un chilometro e mezzo, di tutto il nostro litorale. La situazione pubblicizzata in questi giorni da Legambiente presenta invece un quadro allarmante, che non corrisponde alla reale situazione della balneabilità». E in merito alla bandiera nera, assegnata sempre da Legambiente alla città di Pomezia per il bando istituito dall amministrazione comunale che incentiva i proprietari degli immobili sul lungomare ad abbattere le proprie abitazioni ricevendo in cambio un premio di cubatura a monte, De Fusco replica: «L inganno è nel piano regolatore del 1968 e ancor prima nel programma di fabbricazione. Le case che sorgono a ridosso del demanio a Torvaianica non sono abusive: quindi non possiamo abbatterle, ma vogliamo spingere i proprietari di quelle case a fare una scelta di civiltà. Non capisco quindi rispetto a quali criteri Legambiente abbia consegnato al nostro Comune la bandiera nera per l abusivismo edilizio se è proprio questo che stiamo cercando di combattere», conclude De Fusco.

15 TEL: sabato 16 luglio RIUNITI N uove ombre sul centro trasfusionale dell'ospedale "Riuniti" di Anzio/Nettuno. Una nota della Asl RmH del 12 luglio scorso, infatti, comunica, integrando le disposizioni contenute nel piano sanitario regionale, che "con decorrenza dal 1 agosto 2011 il servizio di immunoematologia e medicina trasfusionale osserverà un nuovo servizio di apertura: dalle 8 alle 20, con la presenza di un tecnico per l'intero orario e di un medico fino alle 14. Negli orari di funzionamento del servizio verranno assicurate la raccolta sangue da donatore, l'ambulatorio e il day service, le attività di immunoematologia routinaria e in urgenza. Servizi che, dalle ore 20 alle ore 8 dei giorni litorale Asl RmH: orari ridotti e alcuni servizi trasferiti al Sit di Velletri Depotenziato da agosto il centro trasfusionale La nota dell azienda del 12 luglio smentisce le rassicurazioni del direttore del Simt Cristina Martorana e del sindaco Bruschini. Il ridimensionamento più pesante all attività ambulatoriale PELAGALLO «Atto grave di miopia politica» feriali e dalle 8 dei festivi alle 8 del giorno successivo, saranno effettuati invece presso il Sit di Velletri, dove si provvederà anche alla lavorazione delle sacche, all'effettuazione di esami per la validazione e alla validazione delle stesse. Il trasferimento dei campioni biologici e delle eventuali richieste sarà organizzato con un apposito servizio di trasporto". «Avevamo cantato vittoria troppo presto, quando il mese scorso avevamo appreso la notizia che il centro trasfusionale degli ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno non sarebbe stato chiuso», commenta Claudio Pelagallo, Coordinatore Sel per il litorale laziale. «Il direttore Maria Cristina Martorana aveva assicurato che il servizio non sarebbe stato trasferito a Velletri, in attesa della riorganizzazione regionale che entro dicembre 2014 deve rispondere alle direttive europee. Evidentemente i piani della Asl RmH erano altri». «Dalla sera alle 20 e fino alle 8 del mattino e dalle 20 di sabato fino alle 8 del lunedì la richiesta di sangue verrà soddisfatta tramite trasporto effettuato con le due sole auto a disposizione del "Riuniti"», continua Pelagallo. «Inoltre l attività ambulatoriale verrà ridotta dalle 8 alle 14 anziché dalle 8 alle 20 attuale. E evidente il tentativo messo in atto dalla direzione della Asl RmH, in accordo con il piano della Polverini, di depotenziare il centro trasfusionale di Anzio, togliendo funzioni e autonomia. Inoltre il provvedimento non comporta alcun risparmio, in quanto assicurare un servizio navetta per il trasporto urgente, andata e ritorno, da Anzio a Velletri, comporta costi ben superiori a quelli sostenuti oggi». «E' un atto di miopia politica», conclude l'esponente di Sinistra ecologia e libertà, «che rischia di penalizzare uno dei centri con maggiore afflusso di utenti e anche uno dei più attivi del Lazio». Servizio idrico Anzio e Nettuno, presto il divorzio da Acqualatina? Acqua eterno rebus. Non si placano ancora le polemiche, sia per quanto concerne la gestione allegra di Acqualatina, sia per la questione arsenico, che lascia ancora molti punti in sospeso. In merito a quest ultima vicenda, va rimarcato che non vi è traccia dei nuovi dati sui livelli di contaminazione in tutto il territorio della Asl Rmh. Peraltro Anzio e Nettuno, ancora sotto l egida di Acqualatina, non si sono ancora attivate secondo le direttive imposte dal governo nazionale. Il recente decreto del ministero della Salute ha stabilito un concetto ben delineato: nelle zone dove l arsenico nell acqua supera i 10mcg per litro, ne è vietata la somministrazione ai neonati e ai bambini fino ai 3 anni. Molti comuni laziali stanno applicando un fai da te discutibile, mentre altri hanno dato già per terminata l emergenza. Ad Anzio e Nettuno al momento attuale regna l assoluta mancanza di dati e provvedimenti, nonostante l acqua provenga direttamente dall acquedotto Carano di Aprilia, città in cui il decreto è stato applicato alla lettera. Sui siti di Acqualatina, Asl e dei rispettivi Comuni non vi è una minima traccia del reale contenuto del metallo incriminato nell acqua. Sull onda di queste notizie e dopo l esito degli ultimi referendum, le classi politiche starebbero contemplando la possibilità di sganciarsi da Acqualatina. Ad Anzio in particolare il processo è stato avviato già attraverso l opera svolta dall assessore Mercuri, che ha previsto una voce in bilancio su uno studio di fattibilità circa l eventualità di intraprendere una nuova via rispetto all'attuale gestore. Un iter complesso, che già in passato era stato preso in considerazione senza mai trovare uno sbocco concreto. Non è da escludere a breve un processo più rapido che porti definitivamente Anzio e Nettuno fuori dall Ato 4, dando vita ad un sub-ato autonomo. Un ipotesi intrigante che allevierebbe il peso di molti cittadini, spesso vessati da bollette astronomiche. Marcello Bartoli NETTUNO L evento dal 18 al 24 luglio al Forte Sangallo Cinema protagonista con il Guerre & Pace Filmfest Il tema della nona edizione della rassegna sarà La storia d Italia dall unità nazionale ad oggi. Ampio spazio anche al genere documentario Il cinema torna protagonista al Forte Sangallo di Nettuno, dove dal 18 al 24 luglio si terrà uno degli appuntamenti culturali estivi più attesi, il Guerre & Pace Filmfest, rassegna cinematografica giunta alla sua nona edizione. Organizzato dall associazione Seven, sotto il patrocinio della presidenza del Consiglio dei Ministri, dell'assessorato Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio e della città di Nettuno, l'evento rappresenta l'occasione per approfondire e riflettere su temi delicati e attuali come conflitti internazionali e pacificazioni. Il tema di questa edizione sarà La nostra storia dall unità nazionale ad oggi per raccontare, con un percorso cinematografico emozionante e coinvolgente, i primi 150 anni di Unità d Italia. Guerre & Pace FilmFest dedicherà ampio spazio anche al genere documentario con la presentazione della recente produzione documentaristica di Cinecittà Luce. Un viaggio alla scoperta di un pezzo di storia italiana che partirà da L ultimo volo, firmato dal grande documentarista Folco Quilici e che si chiuderà con Ma che storia di Gianfranco Pannone. Ad arricchire il programma una serie di FIUMICINO ESTATE eventi collaterali come la mostra Gioventù Ribelle, le esposizioni curate dalla Croce Rossa Italiana e dal Comitato Atlantico Italiano e la presentazione di numerosi libri. Risate, musica e teatro a Villa Guglielmi Si svolgerà nella cornice del parco di Villa Guglielmi il consueto appuntamento con "Estate Città di Fiumicino 2011, che ha preso il via ieri e continuerà ad allietare il pubblico fino al 5 agosto. Il summer village allestito per l'occasione offrirà spettacoli comici, eventi musicali, concorsi e concerti. I giardini saranno i protagonisti, per il secondo anno consecutivo, della manifestazione I Love Comico, organizzata dall assessorato alla Cultura e l associazione Ippocampo, con la collaborazione di AB Management. Tra i nomi più noti Andrea Perroni, Giobbe Covatta, Roberto Ranelli, Lillo & Greg, Rodolfo Laganà, Maurizio Battista, Pablo e Pedro, Massimo Bagnato e Max Giusti. Anche la musica sarà protagonista con i Tibur Gospel Singers, Tony Esposito e gli Stadio, unico evento non gratuito dell'intera rassegna. Spazio poi alla solidarietà con Una voce per l Alzheimer, il 25 luglio, la quale ha come finalità la formazione di personale qualificato per l assistenza. Inoltre spettacoli lirici, teatrali, cinematografici e l'elezione di Miss Fiumicino.

16 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it GROTTAFERRATA area metropolitana - castelli romani La Elmo dopo il no dell istituto San Nilo al prestito dei locali: «Tuteleremo quei 64 bambini» «Il centro socio-educativo non chiude» L Amministrazione troverà una soluzione per tutti i giovanissimi esclusi dalla scuola dell infanzia statale: probabile lo spostamento nella vecchia struttura comunale (opportunamente risistemata) di via Bartolomeo Gosio, in località Borghetto È stato un secco no la risposta dell istituto comprensivo San Nilo di Grottaferrata alla richiesta avanzata dell Amministrazione comunale di concedere per la seconda volta alcuni locali di via Quattrucci per ospitare il centro socio-educativo, progetto che dall anno scorso accoglie tutti i bambini esclusi dalla scuola dell infanzia statale. Il Consiglio d istituto ha infatti espresso parere negativo alle richiesta di disponibilità dei locali già utilizzati precedentemente, vantando la necessità di maggiori spazi per laboratori e altre attività didattiche, anche se, di fatto, le classi non hanno subito nessun aumento. Dopo aver rassicurato le famiglie sulla continuità dell esperienza formativa, a dispetto di alcune voci che circolavano recentemente e che avevano messo in allarme i genitori dei bambini interessati, ora è in programma un ulteriore incontro, probabilmente il prossimo 2 agosto, in cui verranno rese note tutte FRASCATI di Michela Emili L iniziativa A Frascati arriva Acquisti Fuori Orario, l iniziativa voluta in via sperimentale dall Amministrazione comunale, che a partire da questo fine settimana promuove l apertura degli esercizi fino alle 23 nei giorni di venerdì e sabato. L idea è stata realizzata in accordo con l Acra (Albergatori Castelli Romani Associati), la Confcommercio Roma, l Associazione Frascati Vive e Imprende e l Associazione Antiche Osterie con l intento di sostenere l economia locale in un momento di congiuntura economica molto delicato e difficile. «L avvio di un periodo di sperimentazione del nuovo orario consentirà di valutare il numero dei commercianti aderenti e le merceologie dei prodotti posti in vendita, oltre naturalmente a fornire dati sui flussi di visitatori - dichiara il sindaco Stefano Di Tommaso -. È necessario prestare attenzione alle nuove esigenze dei consumatori e ai nuovi modi di fare commercio, più libero, più flessibile, basato su regole chiare ed improntato alla liberalizzazione». «Questa dovrebbe essere una opportunità da cogliere per tutto il tessuto commerciale di Frascati dice Giulio Cavassini, presidente degli albergatori dei Castelli Romani -, sfruttando il naturale afflusso di persone che ogni sera si riversano nel nostro centro storico». «In parte i nostri associati sono pubblici esercizi e già attuano orari di apertura più lunghi» le misure messe in campo dall Amministrazione per ovviare al problema della localizzazione. La Giunta Mori sembra stia già provvedendo a risistemare la vecchia struttura comunale di via Bartolomeo Gosio, in località Borghetto, che già in passato aveva ospitato un polo didattico per l infanzia. Qui, con tutta pro- sottolinea il presidente Confcommercio Roberto Bisegni. «Abbiamo condiviso questa proposta dell'amministrazione e cercheremo di supportarla al meglio delle nostre possibilità, dimostrando di potere e volere stare al passo con i mutamenti e le esigenze della nostra clientela» è il pensiero di Alessandra Mascelli, presidente di Frascati vive e imprende. D accordo il presidente di Antiche Osterie, Massimo Grossi, secondo il quale «per la prima volta tutte insieme le categorie dei commercianti hanno aderito ad un iniziativa comune per rilanciare l immagine del commercio e dell enogastronomia a Frascati». babilità, verranno dirottati i 64 bambini in lista di attesa. «Non abbiamo nessuna intenzione di penalizzare ulteriormente la scuola pubblica ha dichiarato l assessore alle Politiche Educative Maria Giuseppa Elmo, ma bisogna considerare il fatto che anche le amministrazioni locali vivono lo stesso ELMO «Non abbiamo nessuna intenzione di penalizzare ulteriormente la scuola pubblica E nostro impegno non lasciare sole le famiglie» affanno delle istituzioni scolastiche. Tuttavia è un nostro doveroso impegno non lasciare sole le famiglie. Per questo il centro socioeducativo, esperienza positiva e apprezzata, andrà avanti e garantirà la formazione scolastica a tutti i bambini residenti esclusi dalle scuole statali per l'anno scolastico ». Con gli istituti scolastici, San Nilo e Falcone, invece, l appuntamento è rimandato ad ottobre. «C è la necessità di ridefinire insieme un percorso condiviso ha spiegato la Elmo - per far fronte alle problematiche esistenti, che di anno in anno si ripresenteranno uguali se non maggiorate». I commercianti fanno le ore piccole Partito Acquisti fuori orario Da ieri, in via sperimentale, ogni venerdì e sabato i negozi resteranno aperti fino alle 23 Maria Giuseppa Elmo Lunedì l atteso show di Grillo C'è grande attesa a Frascati per l'ormai prossimo arrivo di Beppe Grillo. Lunedì alle 21,30 presso la Villa Aldobrandini lo show man genovese si esibirà nello spettacolo Beppe Grillo is back, un'esibizione che sarò una sorta di magia bianca. Telecinesi, chiaroveggenza, telepatia, teletrasporto, sono diventati realtà. I poteri paranormali della Rete sono ormai a disposizione di ognuno. Grillo is back è sempre work in progress senza un copione fisso, in cui tutto può succedere. Due ore per super spettatori che vogliono volare. Per lo spettacolo è possibile acquistare i biglietti tramite il circuito Greenticket. La rotatoria del Santissimo fa ancora discutere La realizzazione della rotatoria del Santissimo Sacramento torna a far discutere. Il Comune di Monte Porzio, in merito ai lavori di manutenzione straordinaria, ha sottolineato in una nota «di aver adottato tutti gli atti amministrativi per dare inizio ai lavori per la predisposizione di una rotatoria, per regolamentare la viabilità nell incrocio che interessa i comuni di Monte Porzio e Frascati, riconoscendo la delicatezza del sito, in quanto continuamente si verificano ingorghi stradali, creando di conseguenza un disagio alla cittadinanza ed alla qualità della vita sociale». Gli ultimi atti della vicenda hanno riguardato la richiesta di sospensione dei lavori con nota del 18 settembre 2009 da parte dell ufficio tecnico di Frascati e successivamente il Comune tuscolano ha presentato un nuovo progetto per la realizzazione della rotatoria che è stato approvato dal Comune di Monte Porzio a dieci giorni dall avvenuta visione del progetto. «Il Comune di Monte Porzio conclude la nota - ritiene di aver fatto tutto il possibile per favorire la realizzazione della rotatoria e attende quindi con fiducia l inizio dei lavori già sospesi dall ufficio tecnico di Frascati». Verso le Provinciali Il 2013 è già qui: la corsa territoriale a Palazzo Valentini Un collegio elettorale cresciuto rispetto al passato che a Frascati e Grottaferrata ha quindi visto aggiungersi Monte Porzio, Montecompatri e Rocca Priora. Se per la candidatura a presidente prende sempre più corpo il nome di Bruno Astorre, pronto al grande salto da protagonista magari in opposizione alla candidata del centrodestra che potrebbe essere Beatrice Lorenzin (Pdl), a livello candidati consiglieri lo scontro è già palesemente in atto. L uninominalità secca della formula elettorale per le Provinciali, in agenda per il 2013, apre a quella che sarà una lotta senza quartiere all interno dei singoli partiti. In casa del Pd c è davvero di che divertirsi anche se, chiaramente, il nome di Franco Posa, consigliere uscente, non può essere affatto considerato fuori gioco. Astorre, Ponzo, Mancini: ognuno di questi tre consiglieri regionali ha suoi uomini sul territorio. Gli astorriani candidabili ad oggi sono Peppe De Righi, soprattutto se l esperienza in Comunità montana dovesse finire, e Silvio Lavagnini, segretario Pd di Montecompatri ma soprattutto figlio d arte del compianto Severino. Almeno due gli uomini di Ponzo: il grottaferratese Stefano Bertuzzi, nome non facile da imporre, e il frascatano Gianluigi Peduto, vice segretario del circolo locale. L outsider è l assessore ai Lavori pubblici di Frascati, Romualdo Paoletti. L uomo di Mancini, Posa a parte, è il vice sindaco di Grottaferrata Alessandro Broccatelli, ma se Posa dovesse rinunciare potrebbe comunque spingere Gianpaolo Senzacqua, attuale assessore frascatano alla Cultura. Grande incertezza, ovviamente, anche altrove. Sinistra Ecologia e Libertà guarda ancora una volta ai Comuni più alti: Sergio Urilli è ancora in ballo, la sorpresa potrebbe essere quella di Carmen Zorani, assessore a Rocca Priora, ma il nome emergente potrebbe essere quello di Massimo Marciano, attuale coordinatore del centrosinistra frascatano. E sempre da Frascati potrebbe arrivare un outsider. Nel Pdl la scelta non è infinita e probabilmente sarà lotta durissima: in lizza soprattutto il sindaco di Montecompatri Marco De Carolis (che nel recente passato ha sfiorato di pochissimo Montecitorio) e il sindaco di Monte Porzio Luciano Gori. A Frascati attenzione a Mirko Fiasco, a Grottaferrata a Lorenzo Letta che a Roma è molto ben visto. L Udc, infine: Damiano Pucci, sindaco di Rocca Priora, non sembra interessato, Grottaferrata guarda al consigliere comunale Sergio Conti (già candidato sindaco del centrodestra), o al roccapriorese Sergio Raponi, ma il nome più plausibile appare quello del frascatano Alessandro Adotti, ex candidato sindaco civico e promotore di Progetto Frascati, ma da tempo molto vicino al partito di Casini. Marco Caroni

17 TEL: sabato 16 luglio P er l Amministrazione Palozzi è il momento di passare dall emergenza ai servizi: slogan quanto mai fortunato in campagna elettorale e che adesso merita di essere concretizzato. Una delle prime opere in ballo è la realizzazione della nuova stazione ferroviaria con relativo parcheggio di scambio in via XXV aprile. Il progetto già approvato e in fase di attuazione non rappresenta altro che la delocalizzazione dell attuale infrastruttura ferroviaria, meta quotidiana di studenti e lavoratori. A Santa Maria delle Mole la cosa non è "garbata" a molti: il comitato civico locale, ad esempio, per bocca del suo presidente, Alessandro Lioi, ha definito lo spostamento della stazione «uno scippo che ha l'evidente scopo di favorire i nuovi "coloni" adducendo motivazioni quali i posteggi utili soltanto agli automobilisti e non ai pedoni di Santa Maria delle Mole e Cava dei Selci». Implicito, ma non troppo, il riferimento ai futuri abitanti del Divino Amore (coloni, ndr), zona di campagna romana su cui pende una pesante cementificazione. «Partendo dal presupposto area metropolitana - castelli romani S. MARIA DELLE MOLE Un comitato del quartiere marinese contro il progetto di delocalizzazione dell infrastruttura «Giù le mani dalla nostra stazione» Sempre più forte l idea di una raccolta firme per scongiurare lo spostamento da indirizzare a Comune, Provincia e Regione POLITICA di Marco Montini che la delega del voto non dà libertà agli eletti di prendere ogni decisione senza il confronto con la gente - ha bacchettato l ex candidato sindaco della lista civica per Santa Maria delle Mole -, ci sono molte altre possibilità per migliorare il traffico nei pressi dell'attuale stazione con soluzioni anche sperimentali senza l'impiego di eccessivi capitali». Il Comitato non vuole rimanere con le mani in mano e si sta già organizzando per ricorrere ad una raccolta di firme attraverso una petizione per la decadenza automatica ed immediata del progetto per lo spostamento della stazione ferroviaria di Santa Maria delle Mole: il documento sarà poi inviato al primo cittadino di Marino, al presidente della Provincia di Roma, al presidente della Regione Lazio e al Prefetto. «Il metodo amministrativo del centrodestra - ha chiosato Lioi - non conosce lo strumento della partecipazione dei cittadini a decidere sullo sviluppo sostenibile del proprio territorio ed in tal senso credo debbano essere i cittadini a decidere le soluzioni del caso». L analisi di Ciamberlano (Pd) dopo le critiche di Prinzi PALAZZO COLONNA Le nomine di ieri Tre presidenti per altrettante commissioni Si sono riunite ieri mattina a Palazzo Colonna le prime tre commissioni consiliari permanenti. All ordine del giorno un punto unico: la nomina del presidente. A riunirsi sono state le commissioni Urbanistica e Assetto del territorio che hanno eletto il consigliere Pdl, Giordano Cherri il quale ha ottenuto la presidenza con i voti della maggioranza e l astensione dei due CECCHI «Dall opposizione apprezzabili segnali di collaborazione che la maggioranza ha colto con soddisfazione» membri di minoranza Ugo Onorati (Lista Onorati) e Sergio Ambrogiani (Pd). Stessa formula per l elezione del presidente della Commissione Cultura, Sport e Spettacolo che sarà presieduta dal membro Pdl Stefano Pasqualini, eletto coi voti della maggioranza e l astensione del consigliere di minoranza Ugo Onorati (Lista Onorati). Assente l altro membro di minoranza Adolfo Tammaro (Lista Tammaro Sindaco). Eletto all unanimità, invece, Fabio Silvagni che è il nuovo presidente della Commissione Lavori Pubblici, Edilizia scolastica, Servizi cimiteriali, Programmazione Interventi di Urbanizzazione. Soddisfazione per lo svolgimento dei lavori delle prime tre commissioni è stata espressa dal presidente del Consiglio comunale, Stefano Cecchi, che da regolamento è autore delle convocazioni delle prime sedute delle commissioni consiliari permanenti. «Abbiamo iniziato nel migliore dei modi un percorso importante che può soltanto favorire il benessere e la concordia amministrativa - ha detto il presidente del Consiglio comunale -. I presidenti eletti, infatti, non hanno ricevuto voti contro dai membri della minoranza e questo dato non può non essere considerato al pari di una apertura di fiducia se non proprio come una manifesta volontà di collaborazione che certamente la maggioranza vorrà recepire». Gli appuntamenti per le elezioni dei presidenti delle altre quattro commissioni sono già fissati per i prossimi 21 e 26 luglio. «Molto presto altre falle all interno del Pdl» L altro consigliere di minoranza Rapo: «Lo scontro interno? Una novità per il Pdl» Sprezzante il segretario di Sel, Laurenti: «Amministratori dalla dubbia credibilità» La polemica interna al Pdl è una realtà alla quale la scena politica di Marino non era più abituata: dal primo insediamento Palozzi, datato 2006, sono stati davvero pochi i contrasti rilevanti nei partiti di centrodestra. Risulta curioso, dunque, capire cosa ne pensano le diverse anime del centrosinistra, impegnate a ricompattare sé stesse ma con un sguardo attento alle dinamiche avversarie. Per Emanuele Ciamberlano, capogruppo Pd in Consiglio comunale, la diatriba nel Pdl non sembra doversi placare, anzi: «Io penso che lo screzio sia destinato ad aprire altre falle all interno del partito e della maggioranza poiché il loro è il frutto di una politica che per cinque anni ha governato a maglie larghe e che ora si trova in grande difficoltà nella gestione del Comune: dalla lettura del bilancio, ad esempio, le casse comunali rischiano il default. Sono sei anni - continua - che invito i consiglieri di maggioranza a svolgere il proprio ruolo poiché c è un contesto dove la linea decisionale è dettata da pochi personaggi mentre tutti gli altri sono chiamati a raccolta sulle scelte assunte». Situazione da non sottovalutare, quella del Pdl, anche per l altro consigliere di minoranza, Marco Rapo: «Si tratta di una novità per il Pdl locale il quale si distingueva dagli altri partiti proprio per la collegialità e soprattutto l'autonomia con la quale è riuscita finora ad esprimere una forte leadership. Non conosco i retroscena e i motivi reali, ma sembra che vi sia una spaccatura». A chiudere Mirko Laurenti, segretario cittadino di Sel: «Non mi interessa affatto commentare ciò che succede in casa d'altri e parlare di guerre intestine al Pdl, che è lontano anni luce dal modo di fare politica. Un partito che risponde a logiche che poco hanno a che fare con la gente comune e che esprime alcuni amministratori la cui credibilità e trasparenza, nel proprio operato pubblico e privato, è molto più che dubbia». M.M. Precisazioni Asl sul San Raffaele In merito ad un volantino anonimo distribuito nei giorni scorsi ai passanti presso la sede della direzione generale dell Asl Rmh di Albano, l azienda sanitaria ha voluto precisare che la revoca dell autorizzazione alla casa di cura San Raffaele di Velletri è stata disposta dalla Regione Lazio e non dall azienda stessa. L Asl ha inoltre ricordato che sono ancora in corso indagini da parte della magistratura penale e contabile sull attività del San Raffaele. La risposta alle polemiche Da settembre il gruppo unico dei Moderati sbarca in Consiglio comunale Una risposta di unità alle polemiche? Sembra questo la nota del coordinamento dei Moderati di Marino che ha dato il via libera alla costituzione del gruppo unitario in Consiglio comunale. A partire da settembre l attività politica della coalizione di governo si connoterà come formazione unitaria anche in ambito consiliare. «Il gruppo unico in Consiglio comunale dice il coordinatore Minotti è la ratifica anche in sede istituzionale del percorso politico iniziato nel 2006, passato per la nascita del Pdl e oggi pronto ad andare oltre. L obiettivo ambizioso è quello di dare vita a un vero e proprio centro dei Moderati». La decisione presa dal Coordinamento dei Moderati sarà discussa nelle prossime settimane in seno alle riunioni di maggioranza. «Le segreterie politiche regionali e nazionali dei nostri partiti che in ogni caso restano vivi e rappresentati all interno del coordinamento dei Moderati - aggiunge Minotti dovranno prendere atto di questo interessante riposizionamento di Pdl, Udc, Api, Fli e Forza del Sud nella nostra città che in questo senso vuole diventare capofila provinciale e regionale di un progetto che guarda a un rinnovamento del bipolarismo». Porte aperte e confini ampi per il nuovo progetto politico marinese. «Il secondo segnale forte dopo la creazione del gruppo unitario in Consiglio conclude il coordinatore dei Moderati di Marino sarà proprio l apertura del coordinamento dei Moderati a tutte quelle forze che in sede politica vorranno aprire un confronto sereno con la coalizione di governo a esclusivo vantaggio del futuro di Marino per iscrivere la nostra città in un circuito politico-amministrativo meno isolato di quanto non accada oggi e che finalmente ci veda rappresentanti degnamente anche a livello provinciale, regionale e nazionale». Genzano, voti all unanimità per i tre neo presidenti delle commissioni permanenti Le tre commissioni permanenti sono operative: come annunciato nell ultimo Consiglio comunale, il presidente Sandro Giannini le ha convocate con all ordine del giorno la nomina dei presidenti. Sono stati eletti all unanimità Virgilio Seu della Federazione della sinistra per la Prima commissione (Urbanistica, ambiente, casa, Lavori pubblici, viabilità, autoparco); Massimo Di Domenica della Lista Per Gabbarini sindaco per la Seconda commissione (Igiene, sanità, servizi sociali, personale, finanze e patrimonio); Giorgio Gabbarini della Lista Genzano Democratica per la Terza commissione (Agricoltura, artigianato, commercio, pubblica istruzione, cultura, sport e turismo). «Con il completamento del quadro istituzionale ha sottolineato Giannini -, le commissioni permanenti sono operative e possono iniziare a lavorare e affrontare i tanti problemi impellenti».

18 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it TIVOLI tiburtina - casilina - valle del sacco Esplosione ieri mattina di fronte al portone di un palazzo. Avviate indagini a 360 gradi Bomba carta in pieno centro L ordigno, avvolto in un pacco regalo, ha mandato in frantumi i vetri dell ingresso. Paura tra i residenti Si segue la pista dell intimidazione U di Adriana Aniballi n boato intorno alle 6 del mattino, una bomba carta esplosa davanti al portone di una palazzina di via Colsereno a Tivoli in pieno centro storico. Il risveglio per il abitanti del borgo tiburtino ieri è stato brusco, la sorpresa per i residenti è stato poi scoprire che quel botto era il frutto di una esplosione. Un ordigno fabbricato in casa, involucro in metallo e polvere pirica avvolto in un pezzo di stoffa. L esplosione per fortuna non ha provocato grossi danni, solo i vetri del portone sono andati in frantumi. Per il resto solo tanta paura. I carabinieri della Compagnia di Tivoli, diretti dal capitano Emanuela Rocca, che si stanno occupando delle indagini, hanno recuperato quanto potuto e inviato tutto ai Ris di Roma in cerca di eventuali tracce utili. Per il resto tutte le ipotesi restano aperte: potrebbe trattarsi di una bravata estiva come di un gesto intimidatorio. I militari dell Arma stanno in queste ore ascoltando oltre che eventuali testimoni anche gli inquilini del palazzo, all interno dei quattro appartamenti abitati da famiglie normali. La bomba potrebbe essere stata indirizzata a qualcuno di loro. Le indagini proseguono a 360 gradi. Fiano, migliorano le condizioni del bimbo investito E' stato operato giovedì sera alla testa. Un intervento riuscito ma ora la riabilitazione sarà lunga. E' fuori pericolo il bambino investito giovedì pomeriggio da un pirata della strada di 17 anni senza patente. Al momento dell'incidente si pensava al peggio. L'emorraggia causata dal colpo poteva causare conseguenze peggiori. Felici e commossi i genitori fuori dall'ospedale dopo aver appreso la notizia. SUBIACO Controlli Blitz in campagna: presi sei pusher coltivatori Estate tempo di raccolta. Continua l attività dei carabinieri del Nucleo Operativo di Subiaco, coordinati dal capitano Ernesto Di Lorenzi, alla ricerca di piantagioni di marijuana nella zona della Valle dell Aniene. Azioni che negli ultimi due giorni hanno portato al fermo di un 42enne di Roma. D.T.G., trovato sul balcone della sua camera da letto con sei piante di canapa indica alte circa 60 centimetri con un peso complessivo di fogliame di circa 200 grammi. Perquisizione che ha poi portato al rinvenimento di alcune dosi di hashish e tre flaconi di metadone. Blitz che ha portato all arresto dei due cognati dell uomo (L.F. 47 anni e P.A. 38) in quanto nei rispettivi terreni, abilmente occultate, sono state trovate 13 piante di marijuana alte circa 90 centimetri per un peso complessivo di fogliame di oltre 700 grammi, oltre ad un bilancino di precisione. Ricerca dell Erba che nelle scorse settimane ha portato sempre i carabinieri di Subiaco ad arrestare tre pusher, due uomini di 25 e 41 anni, ed una donna di 54 anni, tutti di Vicovaro. In quel caso durante la perquisizione eseguita nella loro villetta in aperta campagna permise ai militari di rinvenire prima 150 grammi di fumo nascosti nella camera da letto del 25enne. Blitz che ha poi portato alla scoperta più importante, quando nel terreno, coltivato e curato personalmente dalla donna, nascoste dietro un muro appositamente i carabinieri hanno rinvenuto 18 piante di marijuana alte oltre due metri, per un peso complessivo di fogliame di 15 chilogrammi. Mauro Cifelli MONTEROTONDO Ferrovie Dopo le promesse tornano i disagi Pendolari minacciano proteste Nessun impegno da Trenitalia dopo l occupazione dei binari di due mesi fa. Ritardi fino a 110 minuti e aria condizionata mal funzionante Nonostante le promesse i disservizi sulla linea Fm1 continuano a rendere difficile la vita dei pendolari dell area. Negli ultimi giorni ritardi e corse soppresse rischiano di provocare nuove clamorose proteste. Ad aggravare la situazione sempre più esplosiva il caldo torrido delle ultime settimane con i treni stracolmi e spesso senza aria condizionata. «Siamo a fianco dei pendolari che quotidianamente vivono disagi ingiustificabili dicono dal Pd di Monterotondo - che condizionano la loro vita come quella dell'intera comunità, denunciamo ancora una volta questa grave e persistente situazione di degrado, chiedendo a Trenitalia Spa e al Dipartimento trasporti della Regione Lazio, che vengano onorati quanto prima gli impegni presi nel corso dell'incontro tenutosi a Palazzo Orsini, il 6 maggio scorso». Il confronto tra i pendolari dell area, la dirigenza del dipartimento trasporti della Regione Lazio e il direttore del trasporto di Trenitalia era arrivato all indomani della clamorosa protesta legata alle gravi problematiche del servizio che portò i viaggiatori a occupare i binari della stazione di Monterotondo. In quella sede sia il dipartimento regionale che la concessionaria del servizio presero impegni seri come la rimozione delle cause dei frequenti allagamenti dei sottopassi, l installazione di nuove pensiline per coprire maggiormente le banchine delle stazioni e, soprattutto, l istituzione di una figura referente a cui segnalare inefficienze del servizio e malfunzionamenti delle vetture per ottenere così interventi puntuali e tempestivi. Il dipartimento trasporti regionale e Trenitalia si assunsero anche l impegno di concordare azioni di intervento in grado di risolvere le più gravi inefficienze evidenziate, in particolare le frequenti soppressioni di corse. Per il momento però i pendolari della zona continuano a soffrire. Ad.Ani. A1, da stasera chiuso il tratto Fiano Castelnuovo Autostrade per l Italia comunica che sulla A1-diramazione di Roma nord, dalle 22 di oggi alle ore 6 di domenica 17 luglio, sarà chiuso il tratto tra Fiano Romano e Castelnuovo di Porto in entrambe le direzioni, per consentire il varo di un nuovo cavalcavia al km , nell ambito dei lavori per la terza corsia. Chiusa anche l area di servizio Feronia Ovest dalle ore 21 di oggi. A chi è diretto verso Firenze si consiglia di uscire a Castelnuovo di Porto, prendere la S.P. Tiberina in direzione Fiano Romano-Rieti con rientro in A1 a Roma nord. Chi è diretto, invece, verso Roma, dopo l uscita a Roma nord può percorrere la S.P. Tiberina in direzione Roma. NOTIZIE IN BREVE Colleferro Vietata la vendita di bevande in bottiglie di vetro È cominciato il giro di vite del Comune contro la vendita di bevande in bottiglie di vetro negli esercizi pubblici di sera. Dal 13 luglio scorso è tornata, infatti, in vigore l ordinanza sindacale che, ogni anno, in occasione del periodo estivo, vieta di vendere di sera bevande contenute in bottiglie di vetro da portare via. Come già negli anni passati, i locali pubblici dovranno ottemperare all ordinanza, a partire dalle ore 22 e fino alla chiusura, al fine di prevenire possibili pericoli per i cittadini. L iniziativa viene presa dall Amministrazione in considerazione del fatto che specialmente in estate può accadere di trovare abbandonate per le vie bottiglie ed altri contenitori di vetro. Guidonia Multe a chi non differenzia nei mercati Parola d ordine differenziare anche nelle aree mercatali settimanali, in caso contrario in arrivo salate sanzioni. La nuova disposizione arriva con una ordinanza emessa il 13 luglio scorso dal sindaco di Guidonia Eligio Rubeis. In pratica per chi non separa i rifiuti o lo fa in maniera errata, per l uso di contenitori e sacchi non conformi da 50 a 300 euro di ammenda, da 25 a 155 euro per l abbandono o il deposito rifiuti non pericolosi sul suolo pubblico. Disposizione analoga era stata presa dal Comune di Guidonia già a giugno 2010

19

20 sabato 16 luglio 2011 WEB: cinquegiorni.it COLLEFERRO tiburtina - casilina - valle del sacco Comitato di via Palianese sul piede di guerra contro l intervento in programma a Colle Fagiolara Lavori alla discarica Protesta dei residenti Entro fine anno bisognerà bonificare una parte della collina dei rifiuti. Il sindaco ha detto stop alle ruspe dopo i malori accusati da alcuni studenti dell Ipia. Le famiglie minacciano di occupare il Comune A piccoli passi la discarica di Colle Fagiolara ha raggiunto le case di via Palianese. Ora i primi rifiuti distano circa 200 metri dalla strada e l effetto oltre che alla vista nuoce pure alla salute. L'odore nauseabondo era stato avvertito più di un mese fa anche dalle classi dell'istituto Ipia dall'altra parte della strada. In quell'occasione furono cinque i ragazzi che accusarono malori (senso di nausea e vomito). Il sindaco rimandò così i lavori in programma a fine anno scolastico. Entro dicembre bisognerà mettere in sicurezza e bonificare una parte di Colle Fagiolara. Si tratta in termini tecnici di un intervento di "profilazione". «Nessun ampliamento - assicura la neo assessora all'ambiente del Comune Cinzia Sandroni. Si tratta di lavori di bonifica e messa in sicurezza che riprenderanno solo dopo l'estate». L'intervento prevede necessariamente il movimento di rifiuti da cui si sprigionerebbe gas dannoso per la salute. I residenti non sono tranquilli e si dicono pronti a occupare il Comune in caso dell'arrivo delle ruspe. «Non ci sarà una prossima volta in cui non abbiamo potuto mangiare e dormine per i cattivi odori - si legge in una lettera inviata da Ina Camilli, del Comitato residenti Colleferro, al responsabile dell'ufficio Ambiente. La prossima volta che ci sarà, la porta del Comune deve restare aperta - aggiunge Camilli - soprattutto di notte, per darci assistenza e consentirci di trascorrere la notte in un luogo uguale a quello dove vive lei e tutti L assessore Stiamo provvedendo a mettere in sicurezza e bonificare l area ma i lavori saranno interrotti per tutta l estate FONTE NUOVA di Carmine Seta La polemica Una vista dei rifiuti gli altri cittadini di Colleferro». Sulla questione il comitato dei residenti aveva pure convocato una riunione insieme al vice direttore di Gaia Marino Galluppo senza però ricevere rassicurazioni in merito. «Ci hanno detto che l'intervento durerà diversi anni a fasi alterne - continua Camilli. Non ci opponiamo al progetto ma alla metodologia utilizzata. Questi lavori ci rendono la vita impossibile». Un caso seguito con attenzione anche dal Consiglio comunale, dove sono tornate le polemiche sul nuovo piano rifiuti. «La discarica resterà aperta ancora per diversi anni - commenta il capogruppo dell'italia dei Valori Emanuele Girolami. Non ci sarà alcun miracolo dalla nuova Amministrazione Cacciotti. Colle Fagiolara conviene anzitutto alle casse comunali, poco importa alla maggioranza della salute delle persone. Saremo a fianco dei residenti per tutelarli da qualsiasi torto - aggiunge Girolami. Chiediamo chiarezza sul futuro dell area. Sul nuovo impianto Tmb previsto è calato il silenzio e questo ci preoccupa». I cittadini Non ci opponiamo al progetto ma alla metodologia utilizzata. Questi lavori ci rendono la vita impossibile Mostra romena al museo, sindaco accusato di «scarsa apertura» CORCOLLE Piano rifiuti Lunedì mobilitazione contro Malagrotta bis Striscioni di protesta IL COMITATO «Vogliamo essere considerati come tutti i romani» «In Consiglio municipale per far comprendere di essere pronti a opporsi duramente». I cittadini di Corcolle pronti alla mobilitazione contro la possibilità di vedere la loro borgata poter ospitare temporaneamente l'immondizia della discarica di Malagrotta, prima dell eventuale dirottamento della stessa a Pizzo del Prete, nella zona di Fiumicino. «Saremo tantissimi spiegano i promotori dell iniziativa prevista per lunedì alle 15,30 per manifestare il nostro disappunto a questo modo scellerato e vergognoso di fare politica. Da destra a sinistra non guarderemo in faccia a nessuno per far comprendere a chi ci governa che, in caso di discarica a Corcolle, saremo pronti a opporci anche duramente». Una preoccupazione che ha raggiunto i residenti di Corcolle subito dopo la decisione di proroga di sei mesi annunciata dalla governatrice della Regione Lazio Renata Polverini in relazione alla discarica di Malagrotta. Sei mesi dopo i quali bisognerà trovare l'alternativa alla stessa, con diverse possibili destinazioni: Pizzo del Prete, Riano, Procoio Vecchio - Pian dell'olmo, Monti dell'ortaccio - Castel Romano e Corcolle - San Vittorino. «I politici prosegue il Comitato No Discarica a Corcolle non abitano qui e non conoscono i nostri problemi. Non conoscono i sacrifici che le persone hanno fatto per costruirsi una casa, certo allora abusiva ma che il Comune ha fatto condonare. Quindi ora siamo come gli altri, se vogliono le nostre tasse e i nostri voti devono considerarci alla stregua di tutti i romani. Per non parlare della salute dei cittadini che è la cosa più importante». Mauro Cifelli GUIDONIA La denuncia Rifiuti ingombranti in via Carcibove Il direttore della galleria di arte contemporanea accusa Di Buò di non aver fatto nulla per la comunità straniera più numerosa della provincia Entusiasmo e rammarico. Questi i due stati d animo con il quale il Museo d Arte Contemporanea di Fonte Nuova si prepara a ospitare dal prossimo 21 luglio le opere di Gabriel Baban, artista romeno che terrà un'esposizione di 20 opere a olio con tematica di paesaggi e nature morte. «E con vero piacere spiega il direttore del Museo d Arte Contemporanea Davide Tedeschini - che la nostra galleria coglie l'occasione di uno scambio culturale con la Romania che ha numerosi cittadini a Fonte Nuova, la più grande comunità del Lazio, di circa unità. Insieme al nostro entusiasmo dobbiamo però registrare con rammarico che alle promesse fatte dal sindaco Di Buò e dalla sua Giunta nei confronti dei cittadini di provenienza romena non è seguita alcuna iniziativa, né di tipo legislativo né di tipo politico che avesse l'obiettivo di un dialogo concreto con la loro comunità, con la quale condividiamo problemi di convivenza e specialmente di politica sociale, urbanistica, dei lavori pubblici, della sicurezza, della scuola, dell'ambiente, di lavoro e di legalità». Artista di estrazione scultorea, autore di diversi monumenti pubblici in Romania Balan apre una ferita aperta, come continuano a spiegare dal Museo d Arte Contemporanea di Fonte Nuova: «Il Comune in più di due anni dal suo insediamento si è prodigato nell'organizzare feste e manifestazioni pseudo culturali, prive d'investimenti ma ricche di spese improduttive, dalle quali i cittadini romeni sono stati sempre esclusi, col risultato di non apportare un reale beneficio culturale per la città di Fonte Nuova. La nostra galleria in linea con quanto stabilisce l'unesco è un piccolo museo che si occupa di attività socioculturali e che apporta un reale beneficio di visibilità alla nostra cittadina, un esempio che andrebbe seguito». Mauro Cifelli E annunciata da materassi e calcinacci. Poi copertoni, passando per mobili e piatti per la doccia. Il tutto come preludio a una maxi discarica di rifiuti dove sono depositati frigoriferi, mobili, sanitari, televisori e cucine a gas, ma anche tappeti, plastica, carta, scarti di materiale edilizio e tanta altra merce Questa la discarica di via di Vecchia Carcibove che dall omonima zona di Guidonia conduce alle pendici del borgo di Montecelio. mc

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica Edilizia 38 Il Sole 24 Ore 23/01/2015 IN BREVE - EDILIZIA 3 Rubrica Lavori pubblici 36 Il Messaggero - Cronaca di Roma 23/01/2015 DAL MUSEO

Dettagli

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA

SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA SANITA': ANAAO, INACCETTABILE IL DOCUMENTO DELLE REGIONI TROISE, COSI' SI SALVAGUARDA L'INVADENZA DELLA POLITICA (ANSA) ROMA, 3 SET "Il documento ultimatum che gli Assessori alla Salute hanno inviato al

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri:

Meglio prevenire. Alcuni accorgimenti da adottare contro i ladri: Introduzione Sono ormai sempre più frequenti i furti negli appartamenti, nelle case e negli uffici. Il senso di insicurezza della popolazione è comprensibile. Con questo opuscolo si vuole mostrare che

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA

O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA L azienda mette in atto alcune iniziative che riteniamo insufficienti (antievasione/filtri a terra/affiancamenti tutor/ nuova

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli