Restauro delle Mura antiche tratto CD - DE (III Stralcio)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Restauro delle Mura antiche tratto CD - DE (III Stralcio)"

Transcript

1

2 Milano, Marzo 2014 Restauro delle Mura antiche tratto CD - DE (III Stralcio) Progetto esecutivo del terzo stralcio Progetto Architettonico: MTa Associati Antonio Troisi, responsabile di progetto Monica Mazzolani Andrea Chiarolini collaboratori Annalisa Ingala, Mattia Demaria consulenti: Architettura dei giardini e del paesaggio Illuminazione e impiantistica Strutture Rilievo Coordinatore della Sicurezza in fase di progettazione Arch. Maria Chiara Piracini Ing. Claudio Smilovich Ing. Simone Francioli Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Progettazione dell'architettura Sezione Architettura e Disegno Responsabile Scientifico Prof. Emma Mandelli Arch. Vania Bargagli Responsabile del Procedimento Area 4 Arch. Sabrina Martinozzi MTa Associati Via Crocefisso, Milano t f C.F. e P.IVA

3 INDICE Documentazione tecnica 2 Premessa 2 1. Elaborati di analisi dello stato attuale Cenni storici relativi al contesto Cenni storici relativi alle mura Cronologia storica delle mura Bibliografia generale Descrizione delle motivazioni e finalità di qualità paesaggistica definiti dagli strumenti normativi e di piano. LIVELLI DI TUTELA Rappresentazione fotografica dello stato attuale dell'area Rappresentazione grafica dello stato attuale 23 Elaborati di progetto Descrizione dell'intervento Opere di mitigazione Rappresentazione grafica dello stato di progetto 29 ALLEGATO: SCHEDE TECNICHE DEGLI INTERVENTI PREVISTI 30 1

4 Documentazione tecnica RICHIEDENTE: Comune di Massa Marittima nella persona dell'arch. Sabrina Martinozzi, dirigente area 4 INDIRIZZO CIVICO DELL OPERA: Mura antiche, tratti CD DE prospicienti la via Massetana. TIPOLOGIA DI INTERVENTO : progetto di riqualificazione e riutilizzo della Cinta Muraria, lato ovest. DESTINAZIONE D'USO: le aree adiacenti alle mura sono, nella parte superiore private e occupate da giardini e orti, nella parte inferiore, prevalentemente rocciosa, destinate a verde pubblico e a parcheggio. Premessa La Regione Toscana, l Università degli studi di Firenze e il Comune di Massa Marittima hanno avviato a partire dal 2005 il progetto di recupero e valorizzazione della cinta muraria. La fase di studio si è conclusa con la realizzazione del progetto pilota per la promozione dei beni paesaggistici Sistema murario di Massa Marittima eseguito dalla Università degli Studi di Firenze. Questa fase ha portato al rilievo di dettaglio della cinta muraria, eseguito attraverso tecniche innovative. La fase di rilievo e indagine è stato il primo passo del lungo processo di recupero della cinta muraria il cui completamento ha consentito di ottenere una adeguata conoscenza delle mura e delle loro relazioni con il centro storico e con la città. La cinta muraria costituisce una fondamentale soluzione di continuità tra l abitato storico e il sistema di accesso viario alla città. Gli spazi adiacenti alle mura civiche sono spesso edificati, ma in buona parte risultano adibiti a orti o a verde pubblico, se non incolti. Pertanto si offre l opportunità di realizzare degli spazi che consentano la valorizzazione delle mura, il loro recupero strutturale, il loro inserimento nel paesaggio e l organizzazione del sistema di accesso al centro storico. Il Comune di Massa Marittima, nelle scelte di pianificazione, ha privilegiato la sistemazione delle aree adiacenti alla cinta muraria per servizi collettivi quali parcheggi, verde pubblico, ecc. Si tratta di una scelta che presenta numerosi profili di complessità, poiché gran parte delle aree sono di proprietà privata, ma è la logica conclusione di un iter che ha impegnato il Comune a partire dagli anni ottanta, quando gli spazi residuali attorno alle mura erano utilizzati prevalentemente come depositi, ricoveri per animali, ecc. La cinta muraria, pressoché integra, è un segno fondamentale nel paesaggio attorno a Massa Marittima e offre scorci spettacolari sul territorio delle colline metallifere, e sull arcipelago toscano. 2

5 A seguito del completamento della fase di studio il Comune di Massa Marittima aveva bandito un concorso di idee allo scopo di esplorare il tema della riqualificazione delle Mura e delle aree circostanti. La necessità di affrontare in modo sistematico la manutenzione della cinta muraria, aggredita dalla vegetazione e bisognosa di restauro, era vista dal Comune come un'opportunità per affrontare l'area circostante nel suo complesso, sia per quanto riguarda il rapporto tra la città storica e i suoi percorsi, che quello con la Via Massetana e il paesaggio circostante. La proposta con cui lo studio MTA Associati aveva vinto il concorso intendeva dare risposta a queste richieste, considerando il restauro delle Mura Antiche parte di un progetto più generale che appunto riguardava la città nel suo complesso, perché comprendeva non solo il restauro di un suo monumento tra i più significativi, ma interessava tematiche più ampie quali: l'accesso alla città, i parcheggi di sosta delle autovetture, l'utilizzo delle aree a verde comprese tra le mura e l'abitato storico; e, più in generale, il ruolo che questo manufatto può avere nella città contemporanea nel suo rapporto con il paesaggio e il territorio rurale. Nella relazione del progetto di concorso si diceva:...città e territorio erano strettamente legati sebbene le mura, che circondavano e proteggevano la città, identificassero con chiarezza il limite tra i nuclei abitati e il territorio. La città trovava le sue risorse nella campagna o nel sottosuolo, come nel caso di Massa, il paesaggio era il risultato dell antropizzazione. Le mura costituivano la vera barriera fisica all assalto dei nemici e per questo il loro tracciato corrispondeva alle postazioni con maggiore apertura visuale verso il territorio, ma - se grandiose e imponenti - riuscivano per forza simbolica a scoraggiarne gli assalti. E oggi quali significati devono prevalere e quali valori possono assumere nella città contemporanea? Le mura raccontano la storia. Le fortificazioni, risultato degli eventi drammatici che hanno caratterizzato la storia della città, sono un monumento da salvaguardare e da conservare. La narrazione della storia delle mura coincide con quella della città e della sua forma, quale risultato di successive stratificazioni condizionate dagli eventi ma anche dalla morfologia del suolo, dai materiali da costruzione locali, dalle opportunità di dominio sul territorio circostante. La loro forma quindi deriva dalla combinazione di tecnica militare e configurazione del sito. Nel caso di Massa la doppia cerchia si configura in due tracce ad anello che si intersecano per un tratto, alla saldatura fra la città vecchia e la città nuova, dando luogo a una forma a farfalla di straordinario potere evocativo che la rende unica. Le mura sono uno straordinario osservatorio tra città e territorio. Il fatto che la città sia in posizione elevata rende la percezione del paesaggio straordinaria. Un osservatorio lineare da cui scoprire un paesaggio duplice: da una parte la natura, dall altra la città; e il loro rapporto appare del tutto esplicito. Attraversare le mura come esperienza. Nel tratto meridionale del tracciato, la continuità delle strutture ancora ben conservate e la quasi assenza di nuove costruzioni mantengono invariato il limite fisico tra città e territorio. Sebbene attraversarle assuma un diverso significato rispetto al passato, l ingresso e l uscita dalla città costituiscono una transizione importante tra artificio e natura, tra un luogo compresso e stratificato - la città - e il paesaggio aperto caratterizzato dalla dilatazione, dalla apertura, dalla luce che abbaglia - la campagna. Due città vicine, il borgo vecchio e il borgo nuovo, modellate dalle mura, un paesaggio - quello toscano - delicatamente antropizzato e di grande presenza: organizzarne la migliore fruizione ed esplicitarne le connessioni è obiettivo principale di questo progetto. Come riscoprire le mura: nel progetto esistono tre modalità possibili di percezione delle mura: - dal centro storico con percorsi radiali resi riconoscibili con segnali caratteristici di forte attrazione che conducano direttamente alle mura concludendosi con episodi significativi; - dalla via Massetana riqualificando e pedonalizzando il margine a ridosso delle mura e ripensando all illuminazione del percorso e delle mura stesse; - seguendo l antico percorso di ronda. Il futuro recupero del manufatto e le indicazioni del piano regolatore che prevedono la realizzazione di una fascia di verde pubblico a ridosso delle mura, fanno pensare che sia possibile avere sul margine interno alcuni tratti di percorso che consentano una visione ampia del territorio circostante. La lettura della città monumentale e delle mura in rapporto al territorio: gli itinerari. 3

6 Il tratto delle mura interessato dal concorso ha oggi un ruolo marginale essendo attraversabile solo dalla Porta di San Bernardino. La vita della città si svolge essenzialmente sugli assi principali che si snodano dalla Porta all Arialla verso il Candeliere e la Città Nuova, interessando i principali monumenti. Questi percorsi consentono di scoprire la città dall interno, con la straordinaria unicità delle sue testimonianze, ma raramente offrono affacci sul doppio anello delle mura e sul territorio, finchè appunto non si raggiungono le strutture fortificate della sommità. Pensiamo che a questo itinerario sia possibile affiancarne un altro, mirato essenzialmente alla riscoperta delle mura e del territorio: percorrendo i margini si rende evidente la continuità del manufatto murario, si consente la vista di scorci panoramici unici sulla campagna circostante, si offre una lettura della città ad oggi sconosciuta. I due itinerari potrebbero essere identificati da segnali evidenti: tracce nella pavimentazione (di notte anche luminose), brevi tratti di corrimano nei punti chiave, pannelli che ci informano sulla storia e le particolarità dei luoghi, il ripetersi di un logo che raffigura le mura, ma che appare stilizzato come una farfalla. Nel progetto si intrecciano e si sovrappongono - l itinerario della città monumentale, che incrocia il piccolo giardino adiacente la Via Parenti; - quello delle mura che si snoda a cavallo del settore interessato e, attraverso un nuovo varco ipotizzato in prossimità dell area attualmente occupata dal distributore, si riconnette al sistema del Cassero Senese e al settore delle mura più recente. 4

7 1. Elaborati di analisi dello stato attuale 1.1. Cenni storici relativi al contesto In un sistema policentrico di civitas fortificate come divenne quello della maremma grossetana, Massa M. assunse ben presto un ruolo strategicamente primario. Nel XII secolo ereditò le funzioni episcopali di Populonia e si trovò ben presto a dominare un esteso patrimonio metallifero minerario. La sua posizione sul confine tra la Toscana e le terre dominate dal papato la resero oggetto di appetiti di conquista. Subì numerosi assalti durante le guerre che coinvolsero Siena, Firenze e Pisa fino alla sottomissione al Granducato di Firenze nel secolo XVI. Libero Comune nel 1225 ebbe un governo autonomo fino al 1335 e in quel periodo furono anche regolamentati gli sfruttamenti dei giacimenti minerari da parte dell Amministrazione pubblica, sostituitasi ai privati. La presenza di Comuni più importanti come Siena e Firenze ebbe un ruolo determinante nel favorire il passaggio dal potere signorile a quello comunale, ma continuò a costituire una minaccia costante che costrinse i Comuni più piccoli a perfezionare il proprio sistema difensivo, con la costruzione di fortificazioni e di casseri nei centri abitati per ospitare le proprie guarnigioni. Dopo la conquista senese di Massa nel 1335 si videro notevoli trasformazioni nel tessuto urbano e nelle mura cittadine con l imponente costruzione del Cassero, dovute alla necessità di presidio e di controllo da parte dei vincitori. Nel complesso l importanza della città e la ragione della sua sopravvivenza sono inscindibili dalla presenza dei giacimenti minerari, la cui chiusura nel secolo XVII determinò spopolamento e il progressivo impoverimento della città. L attività estrattiva e metallurgica era stata coltivata in epoca etrusca e dimenticata nella fase romana per essere ripresa nel periodo medievale grazie al concorso di maestranze provenienti dall area germanica. La loro riattivazione nel XIX secolo aiutò la ripresa economica fino alla chiusura definitiva alla metà del secolo scorso Cenni storici relativi alle mura (Si riporta qui un estratto dalla relazione storica di accompagnamento al Progetto di Rilevazione delle Mura della Città Vecchia elaborato dall Università di Firenze, Dipartimento di Architettura, sezione Architettura e Disegno.) Il nome di Massa Marittima deriva dalla parola massae con cui, in epoca romana, si chiamavano le grandi proprietà terriere. Nei primi documenti il nome Massa non era affiancato da nessuna specificazione, fu solo sotto il dominio Lorenese che le fu aggiunto l attributo marittima o maremma. Nel 1194 il Vescovo Martino ebbe in feudo la città da Enrico VI, insieme ai castelli di Monteregio, dell Accesa e della Marsigliana. Fu allora che iniziò il primo ampliamento dell abitato specialmente nella parte alta 1. La Città Vecchia ed il Borgo sono successivamente sorti ai piedi del poggio di Monteregio dove attualmente è situata la Cattedrale. In questo luogo sorgevano la chiesa di San Cerbone e le modeste abitazioni di lavoratori. La Città Nuova 2 è il cosiddetto Terziere dei Minatori 3, cioè la parte di abitato che si sviluppò a partire dalla seconda metà del XII secolo sul piano contiguo al Castello di Monteregio. 1 Si ipotizza che questo borgo fosse il nucleo originario nato sull antica Massa Veternense sviluppatosi intorno al Corso Diaz, alla Chiesa di S. Pietro e alla Rocca di Monteregio. 2 Questa parte di città si sviluppa dal 1228 in poi ortogonalmente all attuale corso Diaz saldandosi con il vecchio borgo. 3 I tre Terzieri erano il Terziere di Borgo (Città Vecchia), il Terziere di mezzo (Vecchio Borgo) e il Terziere dei Minatori (Città 5

8 Dalla fine del XII secolo si ebbe un forte incremento demografico e di conseguenza edilizio: chi voleva trasferirsi nella Città Nuova doveva costruirsi la casa. In questo periodo la cinta muraria era assai più ampia dell attuale 4 e si svolgeva secondo un tracciato che, osservandolo oggi rispetto all abitato, pareva piuttosto seguire la conformazione morfologica del luogo. Durante il XIV secolo, invece, dopo la prima espansione dovuta ai senesi 5, le mura furono ridotte al tracciato odierno escludendo il convento di San Francesco e la chiesa di San Rocco. I lavori delle fortificazioni senesi 6 compresero anche l erezione di un arco che congiunge il castello di Monteregio alla torre del Candeliere edificata durante il periodo comunale (1228) e un cassero 7 per separare le vie di comunicazione interne al centro abitato. Tale intervento, che come testimonia l incisione posta sopra la Porta alle Silici 8, fu terminato il 19 febbraio 1337, comportò il piegamento ad angolo retto verso la Porta di San Francesco (detta anche a Giannino) 9 delle mura di cinta e la divisione netta tra Città Nuova e Città Vecchia. Osservando la pianta della città risulta palese, infatti, la forma ad ali di farfalla del circuito murario il cui cuore è proprio la fortezza senese; queste mura sono fatte di conci di travertino disposti a filaretto ed erano decorate da archetti guelfi e arrichite da torri, bastioni e rivellini. Dalla riduzione muraria deriva l apertura della Porta Senese o di San Rocco 10 posta sotto la fortezza che sostituì la Porta Bufolona situata presso la Chiesa di San Rocco. La porta più importante delle mura duecentesche è la Porta dell Arialla, che dà accesso alla Città Vecchia dalla strada di Follonica, caratterizzata da una seconda porta interna distrutta nel Questa porzione di città oltre alla Porta dell Arialla ha anche la Porta di San Bernardino riaperta nel 1943 e la Porta alla Spina (attualmente murata), dietro il Duomo, invece, verso la Città Nuova ci sono la Porta delle Formiche (poi detta dell Abbondanza o del Teatro) e la Porta Eleonora (detta Nuova, del Soccorso o della Rocca) riaperta nel Nel 1857 fu abbattuta la Porta S. Pietro, detta anche al Poggio, sormontata da una grossa torre e munita di ponte, per facilitare la viabilità di Città Nuova, qui infatti fu creata l attuale Piazza XXIV maggio Cronologia storica delle mura XIII-XIV secolo. Cinta muraria con andamento irregolare costruita in parte nel XIII (mura massetane) ed in parte nel XIV secolo (fortificazioni senesi). Queste ultime furono erette a cavaliere tra la Città Vecchia e la Citta Nuova per separare le vie di comunicazione interne al centro abitato (nascita della forma a farfalla). Nuova). 4 Il perimetro originario formava un quadrilatero di 2600 metri che andava dalla Valle Aspra alla Porta dell Arialla (o Salnitro o a Mare) 5 Nel 1335 Siena si impadronì di Massa e cacciò i vescovi da Monteregio 6 La Fortezza dei senesi fu progettata dall architetto Angiolo Ventura. 7 Per costruire queste nuove fortificazioni i senesi abbatterono diverse case private. 8 La porta delle Silici è la porta interna che collega la Città Vecchia a quella Nuova ed è affiancata da una torre quadrilatera detta del Candeliere che andò a sostituire quella costruita in periodo comunale tre volte più alta. 9 In origine chiamata dell Ala conserva ancora gli stemmi di Massa, di Siena e dei due castellani che la fecero costruire, Teodorico di Cecco di Ciani e Matteo Peruzzi. 10 Questa Porta reca lo stemma con il Leone coronato simbolo di Siena e lo scudo della Balzana senese. 11 Si ipotizza che tutte le porte cittadine avessero doppia saracinesca; infatti nel 1784 fu abbattuta anche la porta interna di Porta S. Francesco. 6

9 1200. Dal Targioni-Tozzetti ( ) "... essendo molto cresciuta la popolazione di Città Vecchia... si cominciò a costruire un borgo in cima al poggio (chiesa di San Pietro) che nel 1200 fu cinto da mura e chiamato Cittanuova....Le mura castellane che cingono Cittanuova, unendole colla vecchia, sono molto belle e di bella fabbrica di pietre quadrate e con spesse torri.... i senesi... fecero adunque costruire un Cassero o Fortezza molto grande... in travertino... e fabbricavano un ponte a passare che dal Cassero mettesse nella Citta Vecchia e nell'antica Rocca detta del Candeliere o Torre dell'oriolo (1228)..." Con il dominio senese (1337) furono abbattute le mura poste a nord che circondavano il convento di San Francesco fino alla Porta Bufalona. Le mura massetane sono costituite da conci parallelepipedali di travertino disposti a filaretto (non sappiamo come era il coronamento). Il perimetro originario formava un quadrilatero di 2600 metri che andava dalla Valle Aspra alla Porta all'arialla (o Salnitro o a Mare) Costruzione fortificazioni senesi dalle quali rimase escluso il convento di San Francesco. Lo spessore della cinta è costante (circa 1 metro e mezzo), l'altezza però varia a causa dell'andamento morfologico del terreno. Le porte principali (S. Rocco o Senese, S. Francesco o a Giannino, dell'arialla e S. Pietro o al Poggio) vennero aperte in prossimità degli angoli nord, sud ed est ovvero in corrispondenza delle vie di accesso alla città. Inoltre c'era la porta interna delle Silici che divide la Città Vecchia da quella Nuova. La fortezza dei senesi fu progettata dall'architetto Angiolo di Ventura. I senesi eressero anche una torre quadrilatera a controllo della porta delle Silici Le mura senesi (conci squadrati di travertino tenero) furono costruite tra il 1336 e il 1339 e sono caratterizzate da un coronamento di merli e beccatelli ancora ben conservato La fortezza senese fu munita di artiglieria. Tra il 1744 e il 1844 la fortezza fu svuotata per la costruzione dell'ospedale di S. Andrea, oggi istituto G. Falusi. Nel 1857 fu abbattuta la Porta San Pietro eretta nel 1206 e sormontata da una maestosa torre Tutte le porte avevano doppia saracinesca ma nel 1781 fu abbattuta la parte interna della Porta all'arialla e nel 1784 quella di Porta S. Francesco Durante il XIX secolo le mura hanno perso la loro funzione, le merlature sono quasi completamente scomparse, molti tratti sono stati interrotti per agevolare la viabilità ed altri sono divenuti parte integrante degli edifici (vedi catastali Leopoldini) Realizzazione del progetto del 1943 di ampliare piazza Mazzini e quindi di modificare un piccolo tratto di mura riutilizzando però i materiali di recupero ricavati dall'abbattimento. Durante la metà del XX secolo lavori di restauro e consolidamento. Cosa rimane delle mura oggi: un tratto ribassato, irregolare e inglobato nelle abitazioni lungo la statale 439 (Via per Siena) a sud-ovest della piazza del Duomo, un tratto su Piazzale Mazzini, una porzione molto irregolare su Via Valle Aspra dietro S. Agostino, un tratto ben conservato che va da piazza XXIV Maggio fino a porta S. Francesco, la fortezza Senese. XIII-XIV secolo. Cinta muraria con andamento irregolare costruita in parte nel XIII (mura massetane) ed in parte nel XIV secolo (fortificazioni senesi). Queste ultime furono erette a cavaliere tra la Città Vecchia e la Citta Nuova per separare le vie di comunicazione interne al centro abitato (nascita della forma a farfalla) Dal Targioni-Tozzetti ( ) "... essendo molto cresciuta la popolazione di Città Vecchia... si cominciò a costruire un borgo in cima al poggio (chiesa di San Pietro) che nel 1200 fu cinto da mura e chiamato Cittanuova....Le mura castellane che cingono Cittanuova, unendole colla vecchia, sono molto belle e di bella fabbrica di pietre quadrate e con spesse torri.... i senesi... fecero adunque costruire un Cassero o Fortezza molto grande... in travertino... e fabbricavano un ponte a passare che dal Cassero mettesse nella Citta Vecchia e nell'antica Rocca detta del Candeliere o Torre dell'oriolo (1228)..." 7

10 1337. Con il dominio senese (1337) furono abbattute le mura poste a nord che circondavano il convento di San Francesco fino alla Porta Bufalona. Le mura massetane sono costituite da conci parallelepipedali di travertino disposti a filaretto (non sappiamo come era il coronamento). Il perimetro originario formava un quadrilatero di 2600 metri che andava dalla Valle Aspra alla Porta all'arialla (o Salnitro o a Mare) Costruzione fortificazioni senesi dalle quali rimase escluso il convento di San Francesco. Lo spessore della cinta è costante (circa 1 metro e mezzo), l'altezza però varia a causa dell'andamento morfologico del terreno. Le porte principali (S. Rocco o Senese, S. Francesco o a Giannino, dell'arialla e S. Pietro o al Poggio) vennero aperte in prossimità degli angoli nord, sud ed est ovvero in corrispondenza delle vie di accesso alla città. Inoltre c'era la porta interna delle Silici che divide la Città Vecchia da quella Nuova. La fortezza dei senesi fu progettata dall'architetto Angiolo di Ventura. I senesi eressero anche una torre quadrilatera a controllo della porta delle Silici Le mura senesi (conci squadrati di travertino tenero) furono costruite tra il 1336 e il 1339 e sono caratterizzate da un coronamento di merli e beccatelli ancora ben conservato La fortezza senese fu munita di artiglieria. Tra il 1744 e il 1844 la fortezza fu svuotata per la costruzione dell'ospedale di S. Andrea, oggi istituto G. Falusi. Nel 1857 fu abbattuta la Porta San Pietro eretta nel 1206 e sormontata da una maestosa torre Tutte le porte avevano doppia saracinesca ma nel 1781 fu abbattuta la parte interna della Porta all'arialla e nel 1784 quella di Porta S. Francesco Durante il XIX secolo le mura hanno perso la loro funzione, le merlature sono quasi completamente scomparse, molti tratti sono stati interrotti per agevolare la viabilità ed altri sono divenuti parte integrante degli edifici (vedi catastali Leopoldini) Realizzazione del progetto del 1943 di ampliare piazza Mazzini e quindi di modificare un piccolo tratto di mura riutilizzando però i materiali di recupero ricavati dall'abbattimento. Durante la metà del XX secolo lavori di restauro e consolidamento. Cosa rimane delle mura oggi: un tratto ribassato, irregolare e inglobato nelle abitazioni lungo la statale 439 (Via per Siena) a sud-ovest della piazza del Duomo, un tratto su Piazzale Mazzini, una porzione molto irregolare su Via Valle Aspra dietro S. Agostino, un tratto ben conservato che va da piazza XXIV Maggio fino a porta S. Francesco, la fortezza Senese. 8

11 1.4. Bibliografia generale BADII G., Massa Marittima- Il Comune, il Mandamento, la Diocesi, Massa Marittima, Tipografia Pallini, 1926 GABRIELLI A., Storia dell antica città di Massa, Grosseto, Tipografia Barbarulli, 1881 GALLI DA MODIGLIANA S., Memorie storiche di Massa Marittima, compilate dal Prof. Stefano Galli Da Modigliana per cura di Olinto Comparini (con illustrazioni), tipografia A. Dionigi, Massa Marittima - Portoferraio, CARLI E., L arte a Massa Marittima, Centro Offset, Siena, 1976 LOMBARDI E., Breve guida di Massa Marittima, Scuola Tipografica Rifugio S.Anna, Massa Marittima LOMBARDI E., Massa Marittima e il suo territorio nella storia e nell arte, Cantagalli Editore, Siena, LOMBARDI E., San Cerbone nella leggenda, nel culto, nell arte LOPES PEGNA M., Storia di Massa Marittima, ediz. de La Torre Massetana, MXMLVII, 1957 FALOSSI G., LOMBARDI E., Storia e guida ai territori di Massa Marittima, Scarlino, Follonica, ediz. Il Quadrato, Milano, 1966 GUIDONI E., Arte e urbanistica in Toscana, Roma, 1980 LUCCHIN P. I, La P Maiuscola, in Bell Italia n 50, Giugno 1990, G. Mondatori Editore PETROCCHI L., Massa Marittima, arte e storia, A. Venturi Editore, Firenze, 1900 SANTI B. (a cura di), Guida storico-artistica della Maremma, Siena, 1995, p. 29 MAZZOLAI A., Storia ed arte della Maremma, Fratelli Bonari Editori, 1980, Grosseto. TARGIONI TOZZETTI G., Relazione d alcuni viaggi fatti in diverse parti della Toscana, Stamperia Granducale, Firenze MCDLXVIII AA.VV., Città da scoprire Vol 2, Guida ai centri minori Italia centrale, Touring Club Italiano, Milano, 1984 Il soldato del capitano Serafino Burali nobile aretino dove si tratterà di fortificazioni, d alloggiamenti campali, levar piante, discrivere province, il tutto con ogni brevità che sia possibile, manoscritto in biblioteca Consortile di Arezzo,

12 FIG.1: Pianta topografica tratta da La Storia di Massa del prof. Lopes Pegna. 10

13 FIG.2: Pianta topografica della Fortezza Senese tratta dal manoscritto del Capitano aretino Serafino Burali (1664) 11

14 FIG.3: Progetto di rinforzo della cinta con costruzione di bastioni del 1675 (mai portato a termine) FIG.4: Planimetria della cinta muraria tratta dal manoscritto del Capitano aretino Serafino Burali (1664) 12

15 FIG.5: Planimetria a volo d uccello di tutta la città tratta dal manoscritto del Capitano aretino Serafino Burali (1664) Legenda: I Porta Senese, M Porta dell Arialla, P Porta del Soccorso, R Porta S. Pietro, X Porta di S. Francesco 13

16 FIG.6: Planimetria della città 1:1250 (catastale leopoldino del 1825) FIG.7: Planimetria della città 1:1250 (catastale leopoldino del

17 FIG.8: Planimetria della città tratta da Memorie Storiche di Massa del prof. Stefano Galli da Modigliana del 1873 FIG.9: situazione attuale 15

18 1.5. Descrizione delle motivazioni e finalità di qualità paesaggistica definiti dagli strumenti normativi e di piano. LIVELLI DI TUTELA Il vincolo paesaggistico-ambientale è rappresentato dal D.M. del ex legge 1497/1939 recante dichiarazione di notevole interesse pubblico del centro storico del Comune di Massa Marittima in provincia di Grosseto Le mura sono altresì vincolate ai sensi del Codice dei beni culturali D.Lgs n. 42 art

19 1.6. Rappresentazione fotografica dello stato attuale dell'area TRATTO DI MURA CD 01 17

20

21 04 19

22 TRATTO DI MURA DE 01 20

23

24

25 1.7. Rappresentazione grafica dello stato attuale Lo stato di conservazione. L attuale stato di conservazione delle mura è il risultato della combinazione di complessi fattori degenerativi e alterativi che, a un analisi complessiva delle patologie di degrado riscontrate nel tratto di mura oggetto dell intervento, si possono ricondurre, per diffusione e importanza dei fenomeni, a tre grandi classi: a) malta dei giunti: mancanza, disgregazione, erosione, distacco; b) elementi della muratura: mancanze, fessurazioni profonde, dissesti; c) presenza di vegetazione superiore e piante infestanti. I depositi superficiali di polveri e particellato atmosferico sono per lo più incoerenti e i depositi coerenti, calcare, guano e croste nere interessano porzioni circoscritte delle mura. Erosioni superficiali e profonde della pietra, peraltro raramente presenti, non causano degradazione del materiale che mantiene una buona compattezza e resistenza meccanica. I carichi statici cui sono soggette le mura attualmente sono rappresentati dal solo peso proprio, ampiamente sopportabile dal loro spessore. La spinta del terreno, dove presente, appare sopportabile e l esiguo carico trasmesso dalle mura sul terreno lo è anche dai tratti con modesta capacità portante (Briccoli Bati S. Lucchesi M., La consistenza statica della cinta muraria di Massa Marittima in Mandelli E., Le mura di Massa Marittima. Una città fortificata, Pacini Editore, Pisa, 2009, p.163). Al di là delle cause intrinseche dovute alla mancanza di diatoni, sono le cause estrinseche che stanno causando la lenta, ma inesorabile perdita di parti di muratura. La causa della perdita dell equilibrio di porzioni murarie, dei rigonfiamenti, delle fessurazioni, dei dissesti e dei crolli parziali attualmente visibili è da ricercarsi nella progressiva erosione dei giunti di malta e nella mancanza di elementi di protezione sulla sommità delle mura che hanno determinato la formazione di vuoti e lacune nella struttura muraria, aprendo la strada a infiltrazioni che hanno innescato il proliferare di vegetazione. Alcune parti delle mura sono interessate da macchie di umidità, dovute al non corretto deflusso delle acque oppure alla presenza di infiltrazioni causate da perdite provenienti da tubazioni all interno della muratura. I materiali e le tecniche costruttive. I litotipi utilizzati per la costruzione delle mura sono prevalentemente il travertino, reperito sul luogo, e un calcare grigio chiaro anch esso proveniente dalla collina di Massa Marittima. Entrambi hanno caratteristiche meccaniche idonee allo scopo per il quale sono stati utilizzati ma diverse modalità di posa in opera - con conci sbozzati oppure squadrati, con pezzature di varie grandezze, con utilizzo di più o meno malta nei giunti - creano tessiture murarie diverse lungo il perimetro. La muratura, a tratti con grandi spessori e a tratti modificata dalla presenza di edifici adiacenti e da reinterri, era originariamente costituita da un doppio paramento faccia a vista con un riempimento interno, senza diatoni di collegamento. Si vedano in merito gli elaborati grafici di rilievo Tavola 002 e Tavola

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

KATE OTTEN Sudafrica

KATE OTTEN Sudafrica Creare edifici che nutrano lo spirito umano e ispirino l immaginazione. Raggiungere l eccellenza architettonica nel contesto specifico dell Africa. Trovare una risposta adeguata alle peculiarità di ogni

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE -

REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - REGOLAMENTO STRUTTURE TEMPORANEE - 1 2 Art. 1 - OGGETTO E DEFINIZIONI 1. Il presente regolamento disciplina la collocazione su suolo pubblico e privato delle strutture temporanee a servizio di locali ad

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE CAP Arreghini. Cultura della qualità. Un costante processo di evoluzione e di innovazione abbraccia da sempre tutte le attività di CAP Arreghini. L azienda gode infatti

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi

ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi ACQUA CHE CANTA ACQUA CHE INCANTA: DOV E IL VALORE DEL LAVORO DELLE DONNE? Concorso Artistico per il recupero dei lavatoi Bando e Regolamento L Associazione culturale La rosa e la spina di Villanuova sul

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli