Tensione Seedorf c è l esame Roma Lite Balo-poliziotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tensione Seedorf c è l esame Roma Lite Balo-poliziotti"

Transcript

1 venerdì 5 aprile 0,30 REDAZIONE DI MILANO VIA OLFERINO 8 - TEL REDAZIONE DI ROMA PIAZZA VENEZIA 5 - TEL POTE ITALIANE PED. IN A.P. - D.L. 353/003 CONV. L. 6/00 ART., C, DCB MILANO anno 8 - Numero numero 97 ITALIA L INTERVITA PAROLA AL CROATO, NUMERO 0 NERAZZURRO, ALLA VIGILIA DELLA FIDA COL NAPOLI Kovacic: «ogno un gol nel derby La maglia da titolare non la mollo» INTERVITA DI LUCA TAIDELLI ALLE PAGINE Mateo Kovacic, 9 anni, croato. Con l Inter 5 gare, nessun gol EMIFINALI EUROPA LEAGUE BIANCONERI CONFITTI DI MIURA NELL ANDATA A LIBONA EUROTEVEZ NON BATA L argentino a segno dopo 5 anni in una coppa pareggia l -0 del Benfica. Nel finale Lima firma il -. La Juventus non merita il k.o. nel ritorno può passare CECERE, CENITI, GRAZIANO CHIANCHI, OLIVERO, VERNAZZA DA PAGINA A PAGINA 5 COMMENTO DI CONDO A PAGINA 9 L EX TECNICO BARÇA Tito Vilanova ricoverato: è in fin di vita 3 Vilanova, 5 anni, malato dal 0 RICCI A PAGINA 7 LA TRATTATIVA Parla Berlusconi «Il Milan vale più di 500 milioni» Il proprietario conferma l anticipazione Gazzetta: con quella cifra si prende solo una quota. Lim al bivio, Zong in ascesa 3 Clarence eedorf, 38 anni, davanti alla foto di Berlusconi Tensione eedorf c è l esame Roma Lite Balo-poliziotti CECCHINI, DELLA VALLE, LAUDIA, PAOTTO PAG Carlos Tevez, 30 anni, firma il momentaneo pareggio per la Juve. Non faceva gol in coppe europee dall aprile 009 LAPREE ERIE A 35 a GIORNATA PARTITE OGGI ore 0.5 ROMA-MILAN (-) DOMANI BOLOGNA-FIORENTINA ore 8 (0-3) INTER-NAPOLI ore 0.5 (-) DOMENICA ore 5 VERONA-CATANIA ore.30 (0-0) CAGLIARI-PARMA (0-0) LIVORNO-LAZIO (0-) AMPDORIA-CHIEVO (-0) TORINO-UDINEE (-0) ATALANTA-GENOA ore 0.5 (-) LUNEDI ore 0.5 AUOLO-JUVENTU (0-) CLAIFICA JUVENTU 90 ROMA 8 NAPOLI 68 FIORENTINA 58 INTER 56 MILAN 5 PARMA 5 TORINO 9 LAZIO 9 VERONA 9 ATALANTA 6 AMPDORIA GENOA 39 UDINEE 39 CAGLIARI 36 CHIEVO 30 BOLOGNA 8 AUOLO 8 LIVORNO 5 CATANIA 3 PORTWEEK DOMANI UN NUMERO PECIALE BERGER: «VI RACCONTO IL MIO AMICO AYRTON» In vendita con la Gazzetta a euro,80 DAL 8 IN EDICOLA ARRIVANO I DVD U ENNA L INDIMENTICABILE In vendita a euro 0,99 IL ROMPIPALLONE DI GENE GNOCCHI Thohir a colloquio con Florentino Perez. Ha cercato di vendergli Ventola. w DIRITTI TV ORA E GUERRA APERTA CON KY Mediaset sta con Al Jazeera e Canal+: più soldi per la A IARIA A PAGINA >

2 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0 EUROPA LEAGUE ANDATA EMIFINALI PRIMO TEMPO Benfica subito avanti Alla prima azione il Benfica passa: Garay stacca sopra Bonucci e Buffon non riesce a fermare il colpo di testa BOZZANI 39 ECONDO TEMPO Lima gela la Juve La Juve sembra padrona dopo il pareggio di Tevez, ma il nuovo entrato Lima riporta avanti il Benfica con un tiro sotto la traversa Carlotos Tevez ritrova il gol in Europa dopo oltre 5 anni regalando il momentaneo - alla Juventus: la rete in ogni caso è «pesante» in ottica ritorno a Torino AP Tevez tiramisù Juve Gara- al Benfica, Carlitos-gol fa sperare Vantaggio lampo dei portoghesi con Garay, poi salgono di tono i bianconeri. Alla fine decide Lima DAL NOTRO INVIATO NICOLA CECERE LIBONA Carlito s way: è l Apache a indicare a una Juve castigata la strada della finale. Il suo sigillo (atteso cinque anni!) rende rimediabile una serata che va comunque classificata alla voce delusioni: questa sconfitta è una brutta botta alle sicurezze bianconere, inutile negarlo. Non bruttissima però, poiché si torna a Torino con la consapevolezza di poter rimontare. In fondo basterà un gol e nel finale Marchisio e Chiellini avrebbero potuto segnarlo già qui, per un - che sarebbe stato il risultato più giusto considerando le occasioni sotto porta offerte da un match poco spettacolare. Pur perdendolo, la Juve ha dimostrato di avere un impianto di gioco superiore e nel complesso si fa preferire anche sul piano delle individualità: Conte IL TABELLONE L ULTIMO ATTO NELLA CAA DEI BIANCONERI BENFICA JUVENTU A R (/5) però dovrà azzeccare la formula offensiva. Qui la scelta Vucinic non ha funzionato. E Giovinco, subentrato, non ha avuto modo di mettersi in luce. Il massimo col minimo Il Benfica ha ottenuto il massimo: due tiri, due centri. E così può covare legittimamente la speranza di farcela avendo in Markovic e ulejmani contropiedisti assai veloci: bisognerà tenerli d occhio, questo sì. Ma la Juve è più forte. E lo ha dimostrato nella ripresa schiacciando i padroni di casa nella FINALE mercoledì maggio A R (/5) IVIGLIA Juventus tadium di Torino 0 VALENCIA ore 0.5 Due errori difensivi, Bonucci e Marchisio male sotto porta: tutto è ancora aperto GD propria metà campo. Così che quando Tevez, nel cuore di questo netto predominio, ha colpito duro, tutti gli italiani in tribuna (e magari i milioni incollati alla tv), hanno pensato: è fatta. Di più: ora si può proprio vincere... Due omaggi E invece uscito Tevez... è entrato il secondo pallone nella porta di Buffon. I due episodi non sono collegabili come causa ed effetto, ovvio, trattasi di una pura combinazione: la Juve questa sfida non l ha persa nei cambi ma in la Moviola DI FRANCECO CENITI Niente ritorno per Gomes Perez, no rigore Cakir okay in una gara corretta. Nel primo tempo Lichtsteiner si divora il pari a gioco fermo per un fuorigioco che non c è. alterà il ritorno Gomes (era diffidato): giallo per aver impedito un azione pericolosa a Pogba. contro Chiellini iqueira in area portoghese, prima spinge lo juventino che poi riceve una manata in faccia: l arbitro non rileva nulla. Nella ripresa manca un angolo alla Juve. Il Benfica protesta per la caduta di Perez: leggera ancata di Caceres, troppo poco per un rigore. difesa. Entrambi i gol erano evitabilissimi, specie il primo, su angolo, giusto in avvio. Bonucci ha permesso all altro difensore centrale, Garay, di colpire indisturbato di testa in mezzo all area. E Buffon, pur arrivando a toccare il pallone, non è riuscito a deviarlo, lasciando netta la sensazione che lo abbia tradito la gamba di spinta. Il guizzo di Lima, che ha calciato in modo imparabile, chiama in causa la concentrazione e la determinazione di molti bianconeri visto che è stato consentito al tandem Perez-Cavaleiro di confezionare un duetto privo di ostacoli, e lo stesso Lima è potuto arrivare al tiro, in piena area, senza contrasto. La reazione A Torino bisognerà giocare bene per 90, questo va da sé. Qui la Juve ha impiegato un po a riaversi dall handicap di partenza, così che la prima parte di gara è stata sprecata. La corsia ester- l analisi Jesus sbaglia la mossa Cardozo: zero tiri L Apache super contro i giganti: 56 tocchi ANDREA CHIANCHI Quando un allenatore inserisce dalla panchina il giocatore che poi risolve la partita, di solito, gli si fanno i complimenti. Fuori Cardozo, dentro Lima: vince il Benfica, e verrebbe da dire «bravo» a Jorge Jesus. Tuttavia la realtà non è mai così netta e definita. Un dubbio la oscura: perché il tecnico delle Aquile ha scelto come titolare Cardozo, che è sembrato l equivalente di un palo della luce, e non il più reattivo Lima? Inoltre: perché il guizzante Cavaleiro è stato mandato in campo soltanto come mossa della disperazione? Forse la Juve sarebbe stata più in difficoltà con attaccanti rapidi e tecnici, come dimostra l azione del secondo gol portoghese. Differenza abissale La battaglia si svolge soprattutto sulle fasce e il Benfica, nella prima RLA MOA TATTICA Passaggio Movimento CACERE BONUCCI CHIELLINI CARDOZO ULEJMANI MARKOVIC LUIAO GD parte di gara, qui domina. A destra spinge il giovane Markovic, che ha un passo da centometrista; a sinistra si alternano ulejmani e iqueira, e sono dolori per i difensori di Conte. La Juve fatica a risalire la corrente e si espone spesso, troppo spesso, al contropiede avversario. Però il Benfica, là davanti, ha Cardozo, che non la vede mai, e i bianconeri hanno Tevez, uno che non cede un centimetro di campo, azzanna i difensori avversari quando impostano, si sbatte a dettare i passaggi ai centrocampisti e, se ci riesce e se ha ancora benzina, va pure al tiro. Uno così fa squadra da solo, poche storie. Il gol del pareggio è un esempio classico di quanto l argentino pesi nell economia della Juve: Asamoah appoggia in mezzo, un tocco semplice, poi Tevez è rapido nel dribbling e nell insinuarsi nella difesa del Benfica ed è freddo a superare Artur. Fa tutto da solo, come i veri campioni. E come i veri campioni tiene in piedi la squadra. IL NUMERO 9 I passaggi effettuati da Tevez. ono solo 8 quelli sbagliati alla fine dall Apache. I palloni persi invece sono Il domandone ono 56 i tocchi di Tevez, tantissimi per uno che di mestiere fa l attaccante: segno che i compagni si appoggiano sempre su di lui per risalire, segno che è un punto di riferimento. Preciso nei passaggi (9 effettuati, solo 8 errori) e anche nei lanci (3) e nei cross (): troppi i palloni persi (), ma in mezzo alla difesa portoghese, con quei marcantoni di Garay e Luisao a contrastarlo, non è mica semplice districarsi. I 3 dribbling riusciti confermano le qualità tecniche dell Apache che, sul gioco a terra, mette sempre in difficoltà la retroguardia del Benfica. Altrettanto non riesce a fare Cardozo: il centravanti delle Aquile tocca soltanto 6 volte il pallone nei 63 minuti in cui resta in campo (Lima, in 7 minuti, effettua tocchi), sbaglia 6 passaggi su e non tira mai in porta. Ripetiamo la domanda a Jorge Jesus: perché ha giocato?

3 VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT 3 BENFICA (--3-) Artur; Maxi Pereira, Luisao, Garay, 6 iqueira; 30 André Gomes (dal 37 s.t. 90 Cavaleiro); 50 Markovic, 35 Perez, 8 ulejmani (dal 6 s.t. 3 André Almeida); 7 Cardozo (dal 8 s.t. Lima), 9 Rodrigo ALLENATORE Jorge Jesus. PANCHINA Oblak, 6 Amorim, 0 Djuricic, 33 Jardel. AMMONITI André Gomes, André Almeida per gioco scorretto, Artur per comportamento non regolamentare. CAMBI DI ITEMA nessuno MARCATORI Garay (B ) al p.t.; Tevez (J) al 8, Lima (B) al 39 s.t. ARBITRO Cakir (Turchia) (3-5-) Buffon; Caceres, 9 Bonucci, 3 Chiellini; 6 Lichtsteiner, 6 Pogba, Pirlo, 8 Marchisio, Asamoah; 9 Vucinic (dal 0 s.t. Giovinco), 0 Tevez (dal 38 s.t. 8 Osvaldo) ALLENATORE Conte. PANCHINA 30 torari, 5 Ogbonna, Llorente, 5 Barzagli, 0 Padoin. AMMONITI Pogba per gioco scorretto. CAMBI DI ITEMA nessuno. NOTE spettatori circa. Tiri in porta -. Tiri fuori -. Angoli 3-6. In fuorigioco 0-6. Recuperi e 3 POEO PALLA BENFICA % JUVENTU 58% TIRI IN PORTA II IIII BENFICA JUVENTU MOMENTI CHIAVE PRIMO TEMPO -0 GOL Garay di testa a centro area per impattare un angolo: Bonucci è sovrastato, Buffon, in ritardo, tocca ma non devia. Un velocissimo contropiede porta ulejmani a un tiro agevole da distanza breve: per fortuna spedisce fuori Tevez può calciare dal limite però non ci mette forza. Parata facile tavolta è Markovic a involarsi verso Buffon ma la rapida cavalcata non viene onorata da un tiro degno BARICENTRO BAO 9,8 metri na non ha funzionato, il Benfica intasava il centrocampo e aveva in André Gomes un regista arretrato sulla linea dei due centrali, alla maniera di De Rossi, libero quindi di impostare e innescare un paio di micidiali contropiede alimentati dalle falcate di Markovic, iqueira (ex udinese) e ulejmani. Gente agile, veloce, ma per fortuna ancora priva di piedi ed esperienza di vertice. Buffon non ha dovuto effettuare parate. terilità Il Benfica ha reso progressivamente sterile il suo gioco fatto per lo più di tocchi laterali e con i minuti si è avuta la sensazione che ai portoghesi andasse bene l -0. La Juve ha quindi preso campo, senza però riuscire a mettere le sue punte in condizioni di sparo. Questo perché i due terzini non sfondavano mentre Pirlo e Marchisio trovavano grandi difficoltà a imporre ritmi e CRO BENFICA 5 JUVENTU TIRI FUORI IIII JUVENTU II BENFICA JUVENTU ECONDO TEMPO GOL 8 Tevez riceve in area da Asamoah, dribbla Luisao e Maxi Pereira e depone in rete fra le gambe del portiere GOL 39 Triangolazione a un tocco sulla destra fra Perez, il nuovo entrato Cavaleiro e l accorrente Lima che calcia di prima sotto la traversa : niente da fare Marchisio tira un rigore in movimento ma giusto addosso al portiere 7 Palla gol per Chiellini che però dovrebbe avere un piede più morbido: tiro fuori BARICENTRO MEDIO 5,9 metri passaggi pericolosi. Anche Vucinic e l Apache, comunque, non aiutavano granché i fornitori di borracce. Così il solo Pogba appariva in grado di combinare qualche sconquasso. La ripresa Infatti in avvio di ripresa è proprio Paul (0 ) a colpire di testa in tuffo il pallone che segna l inizio della fase del match targata Juve. Finalmente i terzini salgono fino a fondo campo e riescono a produrre buone cose (un traversone di Lichtsteiner salvato in extremis), come testimonia l iniziativa di Asamoah che consegna a Tevez il pallone buono, che l argentino attendeva da cinque anni. Nel calcio, un letargo incredibile, specialmente se rapportato alla classe di chi lo ha subito. Diciamo allora che Carlitos si è svegliato in tempo. E, magari, completerà il lavoro allo tadium. I NUMERI I gol stagionali in Europa per Tevez. L argentino non segnava dal 7 aprile 009, quando giocava con il Manchester United. Era una gara di Champions League e segnò al Porto nell andata dei quarti di finale 6 Le vittorie consecutive casalinghe del Benfica tra campionato, Coppa del Portogallo ed Europa League Le sconfitte stagionali della Juventus in Europa League. Ieri sera è arrivato il primo stop dopo 5 vittorie e un pareggio il personaggio CARLITO TEVEZ L Apache, finalmente! top all euro-digiuno «Ma ora voglio la finale» L argentino non faceva gol in Europa dal 009: «Ma se segno io o un altro non conta, l importante è che la gara sia aperta». E Conte punta all accoppiata Coppa-scudetto: Trapattoni ci riuscì due volte DAL NOTRO INVIATO MIRKO GRAZIANO LIBONA La Juventus è viva. Grazie a Tevez, che interrompe un digiuno personale di oltre 5 anni nelle coppe europee e ora chiama lo Juve tadium a guidare la squadra a una rimonta decisamente alla portata, visti anche i valori in campo ieri sera. Giovedì prossimo si fa la storia dell era Agnelli- Conte. uccesse pure a Vialli nell anno dell ultima Champions vinta dai bianconeri. Già, perché in quell edizione, , il bomber di Cremona rimase a secco fino alle semifinali, per poi trafiggere il Nantes sia all andata sia al ritorno. Nell ultimo atto, a Roma, i bianconeri superarono ai rigori l Ajax e fu proprio Gianluca ad alzare la Coppa più prestigiosa a livello di club. Capito Carlitos? Quel cambio... Esplode l Apache al minuto 8 del secondo tempo. Un gol capolavoro, un mix di potenza (nello sfondare) e di classe (preparazione e tocco delizioso a tu per tu con Artur). Corsa pazza verso la panchina, a cercare il fisioterapista che in questi giorni lo ha rimesso in piedi, limitando la fastidiosa infiammazione al tendine dell adduttore. Guaio per il quale Conte ha risparmiato al ragazzo gli ultimi 0, quando ancora si era sull -. E magari si è pure pentito, il tecnico leccese, anche se sarebbe ingeneroso e non corretto individuare in quel cambio la spinta decisiva verso il - di Lima: l argentino era al limite, e la Juve aveva davvero in pugno la gara, tanto che dopo il - sono arrivate altre occasioni clamorose con Marchisio e Chiellini. Una vita dopo il gol in Manchester United- Porto -, Tevez ritrova dunque Il momento della sostituzione con il «cinque» battuto da Tevez ad Antonio Conte. Carlos Tevez, 30 anni, ha segnato ieri il suo ventesimo gol stagionale: degli altri, 8 in campionato e uno in Coppa Italia. L anno scorso al City ne fece 7 in tutta la stagione LAPREE la porta avversaria in una competizione internazionale per club: gol tutto ossigeno, e ancora una portoghese come vittima; curioso che da quel 7 aprile 009 il 30enne attaccante non avesse più trovato di fronte una formazione lusitana. «Il gol non è importante - dice Carlitos -. L importante è che la semifinale sia aperta, se segno o no, non conta. Abbiamo giocato bene e comandato, ma non abbiamo concretizzato, ci sono 90 per qualificarci. Ci sono tante possibilità. Il gol? Per la mia famiglia e coloro che amo». Bolgia e precedenti Ora sì che serve la bolgia tanto cara a Conte nella gara di ritorno. Un inferno bianconero per rispondere alla splendida e rumorosa marea biancorossa che ieri ha accompagnato dal primo all ultimo minuto la squadra fresca campione del Portogallo. Lo Juventus tadium di fatto ha già risposto presente: tutto esaurito da giorni e carica a mille per continuare a sognare una doppietta scudetto-coppa europea che a Torino è riuscita solo due volte: nel 977 (tricolore e Coppa Uefa) e nel 98 (campionato e Coppa delle Coppe), sempre con Trapattoni alla guida. La rimonta è possibile, lo dice la forza della Juve, il cammino interno in questa stagione (solo vittorie in A, due vittorie e l - con la Fiorentina in Europa League), oltre a un precedente col Benfica: nei quarti della Coppa Uefa 99-93, i bianconeri persero - a Lisbona (vantaggio di Vitor Paneira, pari di Vialli e nuovo e definitivo vantaggio di Vitor Paneira), ma trionfarono 3-0 nella gara di ritorno. In generale, in Europa, per volte la Juve ha perso - in trasferta all andata, riuscendo a qualificarsi in tre occasioni: contro Vorwaerts (Uefa 973-7, primo turno), CKA ofia (primo turno di Coppa Campioni ) e appunto Benfica; fuori solo nei quarti della Champions contro il Liverpool.

4 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0 EUROPA LEAGUE ANDATA EMIFINALI Conte: «Che dormite sui due gol del Benfica» Il tecnico della Juve non ci sta: «Abbiamo imposto il nostro gioco, pagata l inesperienza. Ma a Torino i tifosi ci daranno una mano» DAL NOTRO INVIATO G.B. OLIVERO LIBONA Notte agitata, quella di Antonio Conte. Piena di pensieri e stati d animo differenti. La Juve avrebbe potuto quasi ipotecare la qualificazione a Lisbona e invece torna a casa con l obbligo di dover vincere al ritorno sapendo di aver regalato due gol al Benfica. Conte prova a trasmettere sensazioni positive, ma siamo sicuri che il primo a essere arrabbiato e magari un po deluso è lui. «Il risultato è ingiusto - afferma il tecnico -. Meritavamo molto di più. La prestazione è stata ottima, potevamo essere più cattivi e determinati sotto porta. Non abbiamo iniziato bene, ci hanno fatto gol subito, ma ci siamo ripresi in fretta. Nel secondo tempo abbiamo comandato. La squadra ha dimostrato maturità in un ambiente caldo». A proposito dell ambiente, Conte lancia un appello ai tifosi: «o che lo Juventus tadium ci darà una grande mano». Poi il tecnico sottolinea un aspetto in particolare: «Abbiamo dormito su entrambi i gol, ma abbiamo imposto il nostro gioco costringendo il Benfica a fare pochissimo possesso e a giocare di rimessa. Il modulo non c entra: abbiamo fatto un calcio propositivo. Altre squadre che giocano a quattro in difesa sono a casa davanti alla tv. Magari ci è mancata un po di esperienza e di attenzione, come sull angolo del primo gol. Ma la Juve ha giocato all europea, con grande ritmo. Abbiamo tenuto alto l onore del calcio italiano, ma la strada da fare è ancora molto lunga». Due momenti della serata di Antonio Conte,. opra la grinta per il massimo sforzo prodotto dalla Juve alla ricerca del pari. otto la rabbia per aver subito il - proprio alla fine ACTION IMAGE-AFP LO COOP DI CANALE 5 «Verissimo» rivela: Buffon-eredova, storia al capolinea Gigi Buffon e Alena eredova «Verissimo» lo dà per certo su Instagram: Gigi Buffon e Alena eredova hanno deciso di separarsi. «Il loro matrimonio è giunto al capolinea», scrive la redazione del programma, annunciando che i dettagli della crisi verranno svelati domani su Canale 5. Qualche giorno fa, «Chi» aveva pubblicato le foto di Gigi e Alena insieme coi figli. Le scelte Un giorno forse Conte ci dirà se davvero, come ha dichiarato ieri sera, gli è piaciuta la prestazione di Vucinic. Era il grande dubbio della vigilia: chi al fianco di Tevez? Avevano chances tutti gli attaccanti della rosa e alla fine dal mazzo è spuntato Vucinic. celta sorprendente, perché nelle ultime esibizioni il montenegrino non era stato convincente. celta sbagliata alla luce dei fatti, perché Vucinic è stato inconcludente ed è stato sostituito a metà ripresa. «Ho scelto Vucinic perché volevo una punta che tenesse palla e attaccasse gli spazi - spiega Conte -: avevamo studiato la linea alta del Benfica. Poi magari lo boccerete perché non ha segnato, ma a me Mirko è piaciuto. Per quanto riguarda la sostituzione di Tevez, è legata al recente infortunio: ero stato in dubbio sul suo utilizzo, abbiamo corso un rischio». I giocatori I Il gruppo della Juve sfila verso il pullman con comprensibile delusione. Lichtsteiner spiega: «Una sconfitta non è mai positiva. Avremmo potuto fare altri gol, ma siamo ottimisti». Paul Pogba è stato tra i migliori: «A Torino dovremo giocare allo stesso modo ma evitando gli errori. Loro sono veloci, ma possiamo qualificarci». Lo ripetono tutti: il sogno europeo non è ancora svanito. LOTTA PER IL POTO Ranking Uefa Il Portogallo aumenta il gap Rodrigo contro Asamoah AFP MILANO (f.li.) Il Portogallo resta (al momento) davanti all Italia nel ranking Uefa con il quale comincerà la prossima stagione. La sconfitta della Juventus con il Benfica peggiora la classifica: adesso il vantaggio dei portoghesi è di mezzo punto (0,55). Ma c è comunque tempo per ribaltare la situazione ed effettuare il sorpasso: serve che la Juventus si qualifichi nella gara di ritorno, vincendo, perché il passaggio del turno garantisce comunque un bonus che consente il sorpasso. E in questo modo l Italia resterà al posto, evitando il 5 dove non è più scesa dal 98. Testa a testa Naturalmente, la classifica Uefa si svilupperà durante la prossima stagione 0-5, nella quale tutto sarà possibile, e il testa a testa tra noi e loro ne sarà il probabile leit-motiv. Ma almeno psicologicamente l Italia non partirà 5 (posizione sconosciuta dal 98). Il posto nel ranking ha effetti concreti, e non soltanto psicologici, perché consente di qualificare due squadre (e non una) direttamente ai gruppi di Europa League, evitando un preliminare che obbliga a un inizio anticipato della preparazione. E un giorno, si spera non lontano, sarà bello riparlare di assalto alle prime tre posizioni del ranking, quelle che garantiscono squadre in Champions League. d HANNO DETTO Pogba «Al ritorno dovremo avere più attenzione. La loro migliore arma è il contropiede, sono veloci, molto forti davanti alla porta» Lichtsteiner «iamo positivi per il ritorno, potevamo fare altri gol anche se quando si perde non è mai una buona cosa. Ci sono state disattenzioni sui gol» Artur «Nel 03 sono scappati tutti i trofei nei minuti finali, ma questo gruppo ha valore. Non è da tutti fare tre finali, ora c è da correggere la storia» AENTE PER IL PROBLEMA AL GINOCCHIO Vidal, a Torino i medici del Cile Ritorno a rischio LIBONA Ieri sera ha tifato e sofferto in tribuna. La sua assenza si è percepita in modo evidente: Arturo Vidal, soprattutto in certe partite, è imprescindibile. Il cileno nelle Arturo Vidal, 6 LAPREE battaglie si esalta, è trascinante, non si spaventa di cercare la giocata quando conta ed è abituato a essere decisivo. Un esempio: a tamford Bridge, in Champions, segnò zoppicando aprendo la rimonta della Juve contro il Chelsea. Conte spera di poter schierare Vidal giovedì nella gara di ritorno con il Benfica, ma non è scontato. Anzi, la contusione ossea al ginocchio andrà monitorata e per informarsi sulle condizioni del Guerriero sono attesi oggi a Torino i medici della federcalcio cilena. Marotta non ha saputo sbilanciarsi sui tempi di recupero: «tiamo tenendo sotto stretto controllo il ginocchio e aspettiamo che si evolva. Non è nulla di grave, ma è fastidioso». Decisamente fastidioso, visto che il cileno ad aprile ha giocato appena due volte per un totale di 77 minuti. gb.o. I RIVALI IL TECNICO DEL BENFICA L orgoglio di Jesus «Noi primi a batterli in Europa League» LIBONA La gran giocata di Tevez aveva spento la passione dei caldissimi tifosi del Benfica, la prodezza di Lima l ha riaccesa e Jesus guarda con ottimismo alla gara di ritorno: «La prestazione Jorge Jesus, 59 anni AFP del Benfica è stata positiva - dice l allenatore portoghese -: abbiamo battuto una squadra che in Europa League non aveva mai perso. Il primo gol ci ha dato tranquillità, poi la Juve è cresciuta e ci ha messo pressione sulle fasce. Il pari è stata un invenzione di Tevez, il - lascia aperto il discorso per la qualificazione, ma siamo fiduciosi». Jesus spiega come mai Lima era rimasto inizialmente in panchina: «Avevo fiducia in Cardozo, ero convinto che in coppia con Rodrigo avrebbe potuto complicare la serata ai difensori della Juve. Poi Lima è entrato bene in partita segnando un bellissimo gol». Il portiere Artur racconta: «Lo scorso anno abbiamo perso tre trofei nei minuti finali, adesso dobbiamo correggere la storia. L unico pensiero che ha il Benfica è vincere. La Juve ha grandi attaccanti, ma la difesa mi ha aiutato a contenerli». gb.o

5 EUROPA LEAGUE ANDATA EMIFINALI VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT 5 le Pagelle DI EBATIANO VERNAZZA BENFICA 6 CARDOZO NON FA MAI PAURA CHE IQUEIRA Gli italiani sono loro: difesa e contropiede. Il tema è caldo: l Europa diventa catenacciara, noi abbiamo smesso. h 7 Artur il migliore La vendetta degli ex della A: migliori in campo iqueira e Artur, che a un certo punto alla Roma faceva il. Qui miracoloso su Pogba e Marchisio. Mah. PARATE RINVII 8 PREE ALTE 6 Maxi Pereira La sua chiusura sul cross di Lichtsteiner salva il Benfica da rete sicura. ull - però ha grosse responsabilità. A volte è Maxi, altre è mini. CONTRATI OK / LANCI 0 PAAGGI OK 9/ 6,5 Luisao Per un ora è Luisao meravigliao: centralone «idraulico», nel senso che tappa ogni perdita. Poi Tevez apre il rubinetto e ciao. CONTRATI OK / LANCI PAAGGI OK 35/ JUVENTU 6 ERATACCIA PER BONUCCI PIRLO LIMITATO Va a Lisbona a fare la partita, ma difende male e i portoghesi vincono. Il mondo è cambiato, non ci sono più gli italiani di una volta. h 7 Tevez il migliore Alleluja, l euro-digiuno è finito. Cinque anni erano troppi per uno come Carlitos. Non si poteva andare oltre e così è stato: gol bellissimo e pesantissimo. Tesoro. TIRI 3 DRIBBLING OK 3/ PONDE 0 5,5 Buffon ull inzuccata di Garay vorrebbe, ma non ce la fa, ci arriva, ma non la devia. Il tempo passa e la reattività non può essere la stessa. Il - è imprendibile. PARATE 0 RINVII 5 PREE ALTE 0 6 Caceres Il male minore della difesa, l unico sul pezzo, sebbene ulejmani per mezz ora vada come un treno. CONTRATI OK / LANCI PAAGGI OK 79/86 6,5 Garay Ma dai, il primo gol lo fa Garay, difensore in libera uscita su corner. Rete segnata per concessione di Bonucci, ma tant è. Garanzia Garay. CONTRATI OK 0/0 LANCI 6 PAAGGI OK 30/ 6 Rodrigo Bravo Rodrigo, ma non fare troppo il figo. Con quel piede ti permetti molti lussi, ma meglio lasciar perdere l estetica e andar sul pratico. TIRI 0 DRIBBLING OK 0/0 PONDE 3 7 iqueira E lui o non è lui? Certo che è lui, quello che giocava nell Udinese, ma sembra un altro, un mezzo fenomeno: spinge e difende senza tregua. CONTRATI OK 0/0 LANCI PAAGGI OK 37/ 5,5 Cardozo cusate, avete visto il vero Cardozo? Perché questo sembrava la sua controfigura triste. ì il lavoro sporco, ma una punta che non tira in porta TIRI DRIBBLING OK 0/0 PONDE 6,5 A. Gomes Davanti o dietro la difesa per necessità. Come De Rossi nella Roma di palletti. Efficace, simbolico del tatticismo «benfiquista». TIRI 0 PAAGGI OK 36/ RECUPERI 6 A. Almeida ulejmani non ce la fa più e così Jorge Jesus ricorre a forze fresche. Mezz ora all insegna dell applicazione e di qualche colpo al limite. CONTRATI OK /3 LANCI 0 PAAGGI OK /5 6,5 Markovic Primo tempo mostruoso. Uno strappo dietro l altro: Asamoah non lo prende, Chiellini non lo tiene. Tecnica nella velocità. Poi si acquieta, per fortuna. TIRI PAAGGI OK /5 RECUPERI 7 Lima Non lavora di lima, ma di martello. Il tiro del - fa paura. Cambio azzeccato, perché Cardozo in un ora non ci aveva neppure provato. TIRI DRIBBLING OK 0/0 PONDE 0 6 Enzo Perez In mezzo il Benfica non pensa, va di ramazza. emplice giochino: recuperare palle per gli esterni «ripartenti». Il tattico Perez. TIRI 0 PAAGGI OK 35/0 RECUPERI 0 6 ulejmani «u le mani, c è ulejmani»: l immagine rende. Meno sprintoso di Markovic, ma lo stesso rognoso. Autonomia limitata, però. Dura un tempo. TIRI PAAGGI OK 7/7 RECUPERI 3 6 l allenatore Jesus Va bene tutto, ciascuno è libero di giocarsela come vuole, ma non ce la racconti: a casa sua ha aspettato la Juve. Difendere e ripartire: vi ricorda qualcosa?,5 Bonucci Fatti più in là, Leo. E lui purtroppo ubbidisce, bella statuina che guarda Garay. Pure sul gol osserva. Maluccio, Bonucci. CONTRATI OK / LANCI 5 PAAGGI OK 73/8 6 Asamoah Gli tocca «Bolt» Markovic, velocista mascherato da calciatore. Per un ora Asa «asado», cioè grigliato. L assist per il gol è il suo salvacondotto. TIRI PAAGGI OK 3/ RECUPERI 5 Chiellini Markovic è troppo veloce e lo spirito guerriero non basta. Chiello perde certezze e sicurezze. Nel conto va messo il gol sbagliato alla fine. CONTRATI OK / LANCI 5 PAAGGI OK 6/69,5 Vucinic Corpo estraneo, moscerino nell occhio. La solita indolenza, ennesima prova da fantasma. Mezzo voto in più per due palloni decenti nella ripresa. TIRI DRIBBLING OK 0/0 PONDE 6 Lichtsteiner Partita a due facce. Arrancante nel tempo, filante nella ripresa. Compensa e prende la sufficienza, ma ci ha abituato ad altro. CONTRATI OK / LANCI 0 PAAGGI OK 38/6 6 Giovinco arà un caso, ma forse non lo è: la Juve con Giovinco si rimette in carreggiata. Col senno di poi ci si chiede perché Vucinic abbia giocato titolare. TIRI 0 DRIBBLING OK 0/0 PONDE 0 6,5 Pogba Lui se ne frega, in senso buono: prende palla e ci prova, senza timori o tremori. È debordante, trainante, martellante. E di testa va a tanto così dal gol. TIRI PAAGGI OK 3/0 RECUPERI 5 s.v. Osvaldo Entra sull - e nel giro di pochi attimi la Juve si ritrova di nuovo sotto. Diciamo che il suo ingresso non ha portato fortuna, ecco. TIRI 0 DRIBBLING OK 0/0 PONDE 0 5,5 Pirlo La Juve fa possesso, ma le sue giocate non hanno grande successo. erata di ordinaria regia. È un periodo così, a creatività limitata: ci sta. TIRI 0 PAAGGI OK 57/67 RECUPERI 8 6 l allenatore Conte La fragilità difensiva, questo è stato il problema. Il pallino del gioco l ha tenuto la Juve, la ignora ha mostrato personalità. Il ritorno è un libro aperto, tutto da scrivere. 5,5 Marchisio È ritornato il giocatore che conoscevamo. Per ritrovarsi deve percorrere l ultimo chilometro: il vero Marchisio non avrebbe fallito il -. TIRI PAAGGI OK 5/3 RECUPERI 5 GLI ARBITRI CAKIR 6 Non del tutto convincente in certe situazioni, ma vede giusto sul presunto rigore Caceres-Perez. L assistente Duran sbaglia un fuorigioco su Lichtsteiner. Duran 5,5-Ongun 6; Gocek 6-imsek 6 h I MIGLIORI Rakitic 7,5 È lui a stabilire il ritmo delle ripartenze, straordinario nel vedere corridoi in cui verticalizzare Bacca 7,5 Perfetti i tempi con cui si butta nello spazio, prezioso nelle sponde di puro fisico L ALTRA EMIFINALE CARIOLATO NON VEDE L OFFIDE UL GOL DI MBIA, RADDOPPIO DI BACCA. PER IL VALENCIA E DURA Che svista l assistente italiano Fuorigioco flop, il iviglia vola IVIGLIA VALENCIA 0 PRIMO TEMPO -0 MARCATORI Mbia al 33, Bacca al 36 p.t. IVIGLIA (--3-) Beto 6,5; Figueiras 5,5, Pareja 6,5, Fazio 7, Navarro 6; Carriço 6, Mbia 6,5; Reyes 6 (dal s.t. Marin 6), Rakitic 7,5, Vitolo 7 (dal 5 s.t. Iborra s.v.); Bacca 7,5 (dal 8 s.t. Gameiro 6). PANCHINA Javi Varas, Cicinho, Jairo, Trochowski. ALLENATORE Emery 7. CAMBI DI ITEMA nessuno. EPULI nessuno. AMMONITI Marin per c.n.r. VALENCIA (--) Guaita 6,5; Joao Pereira 6, Javi Fuego,5, Mathieu,5, Bernat 5,5 (dal s.t. Gaya 6); Feghouli 6 (dal 9 s.t. Jonas 5), Parejo 5,5, Keita 6, Fede Cartabia 5 (dal s.t. Piatti 6); Edu Vargas 6, Alcacer 5. PANCHINA Jaume, Barragan, Ricardo Costa, Romeu. ALLENATORE Pizzi 5,5. CAMBI DI ITEMA nessuno. EPULI nessuno. AMMONITI Alcacer per proteste, Mathieu per gioco scorretto. ARBITRO komina (lo) 5. NOTE spettatori 0mila circa. Tiri in porta 5-5 (con una traversa). Tiri fuori -. In fuorigioco 7-. Angoli -. Recuperi: p.t. 0, s.t. 3. DAL NOTRO INVIATO ALEX FROIO IVIGLIA La storia recente del torneo insegna che le partite di andata non stabiliscono una favorita. Ma il iviglia recupera gran parte della nobiltà europea conquistata nel 006 e nel quando vinse per due volte di fila la Coppa Uefa - e si avvicina (con merito) alla finale di Torino più di quanto non faccia il Valencia, che al Mestalla tra una 6,5 Cavaleiro Attaccante culturista, specie di Hulkbis, dimostra di avere il piedino sensibile: suo il tocco che permette a Lima di esplodere il -. TIRI DRIBBLING OK 0/0 PONDE tephane M bia, 7 anni, segna l -0 di tacco. È al primo anno a iviglia dopo una vita tra Francia e Qpr ACTION settimana dovrà ripetere la «reamuntada» già attuata con il Basilea nei quarti. Ma dovrà farlo senza Alcacer e contro una squadra mortifera in contropiede. Tagli e ripartenze Il match di coppa conferma le indicazioni della Liga, dove il iviglia ha vinto 9 delle ultime 0 partite. Ha più armi, Unai Emery, rispetto al collega Pizzi. A partire dai quattro davanti. Reyes, Vitolo e soprattutto Rakitic (che fa nel iviglia quel che Hamsik non riesce a fare nel Napoli, l «innescatore» avanzato) formano un terzetto prezioso alle spalle del formidabile Bacca, arrivato al gol stagionale. Chi l ha preso dal Bruges, l estate scorsa, merita i complimenti. Il iviglia diventa devastante quando riesce a saltare la prima linea di pressing - non facile, perché a volte Carriço e Mbia faticano a tenere insieme le linee - perché i piedi dei trequartisti innescano alla perfezione i tagli di Bacca, messo quattro Valencia troppo scolastico, ha due occasioni ma Jonas e Vargas non ne approfittano volte davanti al portiere. Il primo gol che fa ribollire ancora di più il anchez Pizjuan arriva per la verità su un grave errore del guardalinee italiano Cariolato, che non vede il fuorigioco nettissimo di Mbia (prezioso comunque il suo tacco). Ma è lo sblocco meritato per una squadra che sa come e quando attaccare, comunque quasi sempre centralmente. L uno-due in velocità tra Bacca e Vitolo per il raddoppio tre minuti dopo l -0 è l estrema ed efficace sintesi. Aggiungiamo una difesa armata sui palloni alti e le alternative in panchina (Marin e Gameiro), ed ecco perché il iviglia a Torino ci può arrivare, e pure per giocarsela. Valencia scolastico ervirà molto di più invece al Valencia. Pizzi gioca un -- quasi scolastico, che funziona finché le linee rimangono strette e può alzare il pressing che per mezzora (solo per mezzora, verrebbe da dire) blocca sul nascere le ripartenze del iviglia. Altrimenti la quercia Keita e due centraloni difensivi non troppo arguti faticano a contenere. E le dormite su palla inattiva (Fazio stacca da solo in area due volte, Iborra nel recupero sfiora il 3-0) sono preoccupanti. Nel primo tempo solo Feghouli, accentrandosi da destra, cerca di animare un po l azione sfruttando la spinta di Joao Pereira, mentre nella ripresa l ingresso di Piatti dà qualcosina, poco eh, in più. Eppure la pressione cui il iviglia si consegna quando le energie scemano concede al Valencia due occasioni per rendere meno «da impresa» il ritorno. Ma Jonas calcia addosso a Beto e l ex Napoli Edu Vargas viene fermato dalla traversa. IL NUMERO le gare consecutive vinte in trasferta in Europa League dalla Juve prima dello stop di ieri sera i I PEGGIORI Mathieu,5 Votaccio da condividere con Javi Fuego. Bacca gli sfreccia a fianco senza che lo veda Alcacer 5 Il vicecapocannoniere si accende una sola volta, poi sparisce. Ammonito e squalificato per il ritorno, ma il Valencia annuncia il ricorso

6 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0 6 ERIE A «L INTERVITA DAL NOTRO INVIATO LUCA APPIANO GENTILE (Como) L apparenza inganna davvero. oprattutto con Mateo Kovacic. Occhi acquosi, sguardo perso, fare compassato. Ti verrebbe da pensare che questo 9enne croato non sia l emblema della reattività. E proprio lì lui inizia a fregarti. Perché come in campo sa lasciare sul posto l avversario e dare quelle sgasate che tanto servono all Inter, così in un intervista si rivela sveglissimo, coraggioso. E critico. Con se stesso, ma non solo. E alla fine capisci che vede la risposta molto meglio che la porta. Anche se il ragazzo sta lavorando pure su questo aspetto. Mateo Kovacic, come si sta dopo aver giocato le prime due gare di fila da titolare? «Molto meglio. e gioco dall inizio non devo strafare come capita quando entro dalla panchina. Ora che ho la maglia, non la mollo più». Un caso che col suo ritorno siano arrivate due vittorie consecutive? «ì, abbiamo anche avuto un po di fortuna. Né a Genova né a Parma abbiamo giocato molto bene. Possiamo e dobbiamo fare meglio». Anche perché arrivano tre gare difficili a an iro, dove state facendo meno bene che in trasferta. «Vero. E non è facile capire il perché. Credo ci sia una somma di fattori. Forse in casa sentiamo di più la pressione, poi in alcune occasioni siamo stati sfortunati. enza dimenticare che qui in Italia le squadre si chiudono tanto». Ma questo succede contro tutte le grandi. E anche quando passate in vantaggio e dovreste trovare più spazio fate molta fatica. «Infatti il vero problema è il gioco. Non rendiamo per quello che potremmo, fatichiamo a portare palla, troppo spesso la lanciamo subito agli attaccanti. Contro il Napoli dobbiamo ripartire anche sul piano del gioco». e non altro, quella di Benitez non è una squadra che si chiude. «Di Napoli e del Napoli mi piacciono tante cose. A cominciare dall atmosfera del an Paolo. La squadra è fortissima davanti, anche se in difesa spesso concede qualcosa. E noi abbiamo dimostrato di rendere di più contro le grandi». Quindi il calendario vi dà una mano, visto che dopo c è la sfida con il Milan. «ono in forma, hanno infilato cinque vittorie consecutive. Ma sappiamo come batterli. È già successo all andata...». D numeri& TATITICHE MATEO KOVACIC CAMPIONATO 03- Gare giocate 8 tra cui 0 gare da titolare 5 gare intere 8 subentrato 5 sostituito.33 minuti giocati ammonizioni 5,70 media voto 9 le gare ufficiali con l Inter dal gennaio 03 ad oggi 0 le reti segnate Inter, voglio Kovacic: «Ci nascondiamo quando inizia l azione E qui servirebbe Dzeko» Il croato: «La maglia da titolare non la mollo più». E sul Milan: «Già battuto all andata, l Europa la merita di più il Parma...» A guardare la classifica, l altra rivale per il quinto posto è il Parma. Però nessuno ne parla. «E non capisco perché, visto che la squadra di Donadoni gioca un ottimo calcio. Migliore di quello del Milan». Un vantaggio che i rossoneri giochino a Roma il giorno prima di voi? «Guarderemo la partita in ritiro, ma l unica cosa che conta davvero è battere il Napoli». Torniamo alla squadra di Benitez. Di fatto certa del terzo posto e con la finale di Coppa la prossima settimana, potrebbe venire a an iro con la testa altrove? «Lo escludo. Hanno una mentalità per cui non mollano nulla». Voi in compenso avete mollato tanti punti per strada. Battendo il Napoli sarebbe più la gioia per un quinto posto quasi certo o il rimpianto per una qualificazione Champions che non era così impossibile? «Inutile guardarsi indietro, ma di certo abbiamo sprecato tante occasioni». Come si colma il gap con le prime, per tornare in Champions l anno prossimo? «Prendendo un top player». Lei preferirebbe Dzeko, Morata e Torres? «Dzeko. Fortissimo tecnicamente, fa gol e aiuta la squadra difendendo il pallone alla grande». Al Napoli invece chi toglierebbe? «Là davanti mi piacciono tutti. Ma la sorpresa è Mertens. Giocatore completo, ha un grande tiro e vede bene la porta». la scheda MATEO KOVACIC 9 ANNI CENTROCAMPITA Mateo Kovacic nasce a Linz il 6 maggio 99. A 3 anni con la famiglia si trasferisce a Zagabria ed entra a far parte delle giovanili della Dinamo. Brucia subito le tappe, e il 0 novembre 00 fa già il debutto tra i professionisti segnando il quarto gol nel 6-0 al Hrvatski Dragovoljac: Kovacic diventa il più giovane debuttante e marcatore nella storia della massima serie croata, a 6 anni e 98 giorni. Nello stesso anno Mateo conquista anche un posto nella Croazia Under. ALL INTER Arriva a Milano nel gennaio 03 per milioni più bonus: sin qui 9 gare con la maglia dell Inter, senza gol. Quello che rimane un tasto dolente per lei... «Questo benedetto primo gol con la maglia dell Inter mi manca, inutile negarlo. Ma non deve diventare un ossessione. in da bambino sono stato abituato a saltare l uomo e a cercare un compagno smarcato, ma non la porta. to lavorando molto su questo aspetto, faccio degli allenamenti specifici con Beppe Baresi». Che cosa sarebbe disposto a fare dopo un gol? «Niente di speciale, magari per l emozione muoio...» ride. Meglio segnarlo al Napoli o al Milan? «Al Milan». Firmerebbe per una sconfitta nel derby e per la qualificazione diretta all Europa League? «Non ha un altra domanda...?». Firmerebbe per una sconfitta nel derby e per la qualificazione diretta all Europa League, ma col Milan che arriva settimo? «Così si può fare...». Torniamo a lei. Nelle sue difficoltà hanno pesato di più i 5 milioni spesi per prenderla o l infortunio durante il ritiro di Pinzolo? «Di quanto sono costato mi interessa poco, penso soltanto a dare il meglio in campo. Quello stupido infortunio invece ha cambiato tante cose. Per Mazzarri ero un titolare, ma essere stato fermo a lungo proprio quando c era da assimilare le sue idee tattiche ha cambiato tutto». Crede di essere tornato titolare più per quell errore di Guarin a Livorno o per il calo di «Rolando e amuel out? Andreolli farà bene, pure lui ha atteso a lungo un occasione U MARCO ANDREOLLI DIFENORE INTER «Il Napoli ha tanti attaccanti bravi, ma la sorpresa è Mertens. Forte e con un gran tiro U DRIE MERTEN CENTROCAMPITA NAPOLI «Livaja è un bravo ragazzo e un attaccante forte, ma a volte non pensa a ciò che fa U MARKO LIVAJA ATTACCANTE ATALANTA

7 VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT 7 gioco e top player 5 i milioni spesi dall Inter nel gennaio 03, bonus compresi, per assicurarsi Mateo Kovacic, il più giovane nella storia del campionato croato a segnare al debutto rendimento di Alvarez? «emplicemente perché ho lavorato duro, aspettando la mia occasione. Ho fatto alcuni allenamenti anche nei giorni di riposo perché se non giochi una partita vera la condizione rischia di calare». Prima di Genova, l ultima da titolare l aveva giocata con la Juve, a inizio febbraio. Non certo l occasione ideale per rilanciare un giovane. «Io voglio giocare sempre, non importa contro chi. Premesso che sul primo gol avevo davvero sbagliato io, Mazzarri non ha mai accusato me come ho letto, ma l atteggiamento della squadra». Mai avuto nessun problema con il mister? «No. È chiaro che quando stai in panchina non puoi essere felicissimo, ma lui voleva che lavorassi sulla fase di non possesso e sul mio posizionamento in campo. In Croazia non mi hanno mai insegnato certe cose. Con Mazzarri abbiamo avuto dei colloqui ogni 0 giorni». E uno immortalato dalle telecamere dopo ampdoria-inter. Che cosa le ha detto? «Che era soddisfatto di come avevo gestito il pallone, ma che c è ancora da migliorare sulle cose che dicevo prima. Prima della amp mi aveva detto che toccava a me e che se facevo bene non sarei più uscito». Che cosa le chiede ora il tecnico? «Di fare l interno sinistro quando la palla ce l hanno i nostri avversari e di trovare la posizione un po più avanzata quando attacchiamo, in modo da potermi girare e puntare avversario e porta. Il problema è che in Italia ci sono sempre pochi spazi e che...». E che...? «Che spesso devo arretrare per prendermi il pallone perché la manovra non è fluida e tendiamo a nasconderci quando si tratta di impostare l azione. Ma siamo giocatori dell Inter e dobbiamo cambiare questo atteggiamento». Forse anche il suo atteggiamento sul rigore di Cassano a Parma non era ideale, visto che si vedono Cambiasso e Palacio pronti ad andare sulla respinta di Handanovic, mentre lei se ne sta con le braccia lungo i fianchi. «Io ho sbagliato, tanto che poi Parolo per poco non segnava in tap-in. Ma ero molto fiducioso perché amir è un grande e avevamo appena studiato al computer le abitudini dal dischetto di Cassano. apevamo che tira quasi sempre forte e alla destra del portiere». d HA DETTO u Icardi «Non amo i social network, non mi piace mettere in piazza gli affari miei. Forse aprirò un profilo su Instagram ma pubblicherò poche cose» u Baresi «Faccio allenamenti specifici con lui per il tiro. in da bambino mi hanno abituato a saltare l uomo e a guardare i compagni, ma non la porta» Mazzarri mi chiede di trovare la posizione da trequartista, ma spesso devo abbassarmi. Il problema è che in Italia c è sempre poco spazio l autocritica Il rigore a Parma e la ribattuta Kovacic fermo mentre Handanovic para il rigore di Cassano a Parma: «Ho sbagliato a non andare sulla ribattuta perché per poco Parolo non segnava, ma avevo fiducia in amir. Avevamo studiato come Antonio tira i rigori» Avete studiato anche Higuain? «Va chiesto a amir. Ha ricevuto qualche critica, ma tutti hanno alti e bassi. E un grande professionista, da lui c è solo da imparare». Le voci di mercato. «to benissimo qui, penso solo alle ultime gare e al Mondiale». Ci risulta che a Hernanes piaccia giocare insieme a lei. «Anche io lo stimo molto, ama giocare la palla, fare gli uno due, verticalizzare. E batte benissimo i calci da fermo». Per far segnare i difensori. Ma col Napoli dietro sarà emergenza per le assenze di Juan, Rolando e amuel. «Nessun problema, chi andrà in campo darà il massimo. A cominciare da Andreolli. Un altro che ha aspettato a lungo la sua occasione». Tre curiosità finali. Dove e con chi vive? «A Milano. La fidanzata purtroppo studia ancora in patria, ma con me c è Luka, amico croato e tuttofare. Cucina e mi porta in giro, visto che non ho ancora la patente». Nell era dei social network, lei è fuori dai radar. «Non mi è mai piaciuto mettere in piazza gli affari miei. Forse aprirò un profilo su Instagram, ma non posterò tante cose». Che cosa pensa fogo del suo connazionale Livaja, che ha litigato con i tifosi dell Atalanta scritto su facebook italiani bastardi? «Marko Livaja è un bravo ragazzo oltre che un grande attaccante. Ma spesso non pensa a quello» che fa». CAMPIONATO ITALIANO A-PALLANUOTO ABATO6APRILE-GARAUNO DIRETTA ALLE 5.00 PRORECCO vs CARIA AVONA MERCOLEDI 30 APRILE- GARA DUE DIRETTA ALLE 9.30 DOOA POILLIPO vs ERIE A MACHILE PLAYOFF CUDETTO AN BRECIA MACHILE FEMMINILE ABATO 6 APRILE EMIFINALI PLAYOFF - POTO- GARA UNO ori Piscina Comunale 5:00 PRO RECCO CARIA AVONA Brescia Piscina di Mompiano 0:00 AN BRECIA DOOA POILLIPO EMIFINALI PLAYOFF 5-8 POTO- GARA UNO Napoli Piscina candone 5:00 CC NAPOLI COMO NUOTO Napoli Piscina candone 9:30 CARPIA YAMAMAY ACQUACHIARA RN FLORENTIA MERCOLEDI 30 APRILE EMIFINALI PLAYOFF - POTO- GARA DUE Napoli Piscina candone 9:30 DOOA POILLIPO AN BRECIA avona Piscina Zanelli 0:00 CARIA AVONA PRO RECCO EMIFINALI PLAYOFF 5-8 POTO- GARA DUE Como tadio del Nuoto :00 COMO NUOTO CC NAPOLI Firenze Piscina Nannini 0:30 RN FLORENTIA CARPIA YAMAMAY ACQUACHIARA ABATO 6 APRILE EMIFINALI PLAYOFF - POTO- GARA DUE Rapallo Piscina Comunale 5.00 RAPALLO MEDITERRANEA IMPERIA GARA UNO 9-6 Padova Piscina Plebiscito 9.30 PLEBICITO PADOVA ORIZZONTE CATANIA GARA UNO 7-8 EMIFINALI PLAYOFF 5-8 POTO- GARA DUE Prato Piscina Comunale 5:00 PRATO FIRENZE GARA UNO 7- MERCOLEDI 30 APRILE EMIFINALI PLAYOFF - POTO- EVENTUALE GARA TRE Catania Piscina Zurria 5:30 ORIZZONTE CATANIA PLEBICITO PADOVA Imperia Piscina Cascione 0:00 MEDITERRANEA IMPERIA RAPALLO EMIFINALI PLAYOFF 5-8 POTO- EVENTUALE GARA TRE Firenze Piscina Nannini 0:30 FIRENZE PRATO

8 8 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0 ERIE A MERCATO LA MIIONE A MADRID Morata, è dura e c è la Juve Più facile Nilton che Obi Mikel Il Real però non vuol cedere la punta. Dubbi su Torres. Il brasiliano costa 5,5 milioni LUCA TAIDELLI MILANO «Ho appena conosciuto Florentino Perez e pensate che mi metta subito a parlargli di mercato? Di queste cose si occupano i dirigenti preposti». Il tentativo di smentita di Thohir finisce col suonare come una conferma. Anche perché a Madrid c è lo stesso uomo mercato dell Inter, il d.t. Piero Ausilio, oltre a Beppe Bozzo, il rappresentante in Italia di Alvaro Morata, il enne attaccante del Real in scadenza nel 05 e nel mirino di diverse big europee. Handicap e rinnovo Con l handicap, per l Inter, che quasi tutta la concorrenza - Juventus compresa - può offrirgli la vetrina Champions. Ma soprattutto il problema è a monte, visto che il Real dichiara il ragazzo incedibile ed è convinta che rinnoverà presto, complice anche il brutto infortunio all altro gioiellino Jesè, che gli aprirà nuovi spazi. Ma potrebbe anche essere un escamotage per poi lasciare partire Morata in prestito e per non dover inserire nel contratto di vendita (a milioni) una clausola di riacquisto, a 5. Bilancio e Casemiro L Inter - la cui priorità resta quella di Alvaro Morata, anni, attaccante del Real Madrid EPA vendere, anche perché va ancora pagato Hernanes e per far tornare i conti non basterà abbattere il monte ingaggi con i pesantissimi contratti dei senatori che scadono a giugno - ha parlato con i dirigenti dei blancos anche di Casemiro, il enne centrocampista brasiliano che già piaceva ai tempi di tramaccioni, ma che nel gennaio 03 è finito appunto a Madrid. Anche qui la pista è però impervia. Perché se è vero che Ancelotti non stravede per il nazionale verdeoro e lo ha utilizzato poco, Florentino Perez invece non vorrebbe proprio privarsene. I NUMERI i milioni che costerebbe il cartellino di Morata, che comunque il Real dichiara incedibile, anche se il suo contratto andrà in scadenza nel 05,5 i milioni che prende di ingaggio il enne attaccante spagnolo del Real Madrid Alternative Chelsea Non a caso Ausilio martedì notte, dopo Atletico-Chelsea, ha avuto un contatto anche con i rappresentanti di Fernando Torres e Obi Mikel, la coppia dei blues alternativa a Morata-Casemiro. Il Nino però non convince fino in fondo e non sembra il top player che potrebbe cambiare volto alla squadra. Inoltre, anche se il Chelsea prendesse Diego Costa e lo cedesse in prestito, ha un ingaggio altissimo. Il primo della lista rimane comunque Edin Dzeko, ma è pure il più difficile da prendere, anche perché nel frattempo si è rivalutato tornando a giocare e a segnare nel Manchester City. e non dovesse rinnovare con i citizens, l ex Wolfsburg preferirebbe comunque rimanere in Premier. enza dimenticare che, oltre al costo del cartellino (almeno 0 milioni), ci sarebbe da pagare anche un lauto ingaggio, che ora si aggira sui 5 milioni all anno. Ecco perché non va assolutamente escluso che, una volta capito che è davvero impossibile arrivare al bosniaco o a Morata, l Inter per l attacco possa virare su un mister X. Nilton congelato Mentre ad Obi Mikel potrebbe comunque essere preferito il 5enne Nilton, brasiliano del Cruzeiro con una clausola da 5,5 milioni. Gioca davanti alla difesa, è tosto fisicamente e dotato di buon tiro. Lo sponsorizza anche da Hernanes. Thohir senza limiti «Torneremo a Madrid per la Champions» Il presidente nerazzurro: «Qui l Inter ha trionfato nel 00 Mazzarri starà con noi per anni. Certo, servono risultati» NELLA CAA DEL REAL LA GIORNATA DELLA DELEGAZIONE NERAZZURRA A MADRID Erick Thohir e Florentino Perez si scambiano le maglie Toldo, Berti e Cordoba al Bernabeu 3 La brochure della partita INTER.IT DAL NOTRO CORRIPONDENTE FILIPPO MARIA RICCI filippomricci MADRID La giornata madrilena di Erick Thohir passa tra ammirazione, programmazione, aspirazioni, relazioni e qualche rivelazione. Tornare al top «L Inter era al livello del Real Madrid, il top, e ora è due o tre scalini più giù. L obiettivo è quello di tornare su: con il lavoro, lo sforzo e l impegno di tutti possiamo conseguirlo», ha detto il presidente nerazzurro sul palco del Bernabeu. Ricordando con orgoglio la Champions League alzata dall Inter anni fa sul prato che aveva alle spalle mentre parlava. Di fronte aveva tra gli altri il sindaco di Madrid Ana Botella, l ambasciatore italiano Pietro ebastiani e naturalmente il padrone di casa, Florentino Perez. Che ha sbagliato due volte il cognome del suo ospite chiamandolo «Thorir», e poi ha fatto gli onori di casa portandolo a pranzo al Puerta 57, uno dei ristoranti dello stadio. Prima ET guidato da Emilio Butragueño aveva passato un ora abbondante al centro tecnico di Valdebebas, visita ispiratrice così come la visione del video sulla ristrutturazione e l ammodernamento del Bernabeu. Thohir ha incontrato Ancelotti ma non i giocatori del Madrid. BENEFICENZA A MADRID Toh, nell Inter vecchie glorie «debutta» Zanetti: l 8 giugno sfiderà il Real al Bernabeu MADRID (f.m.r.) L appuntamento è per domenica 8 giugno al Bernabeu: 5 a edizione del Corazon Classic Match. Dopo Bayern, Manchester United, Milan e Juventus le vecchie glorie del Madrid affronteranno quelle dell Inter: biglietti popolari, stadio normalmente pieno e incasso in beneficenza. Ieri nel video di presentazione il Madrid oltre ai vari Zidane, Butragueno, Hierro, Berti, Zamorano, ha inserito anche Javier Zanetti, e il presidente del Real Perez lo ha citato tra i giocatori: a Madrid l addio al calcio del capitano viene dato per certo. Prima di sfidare l Inter il Madrid sarà a Torino per la rivincita con la Juve. 3 Tra fedeltà e risultati Prima della lunga «comida» altre parole: «Voglio tornare a giocare qui con l Inter, ma ancor di più mi piacerebbe disputare la finale di Champions 06 a an iro. ono rimasto impressionato da ciò che ho visto a Valdebebas ma alle infrastrutture penseremo tra 3 anni: prima la nostra attenzione andrà alla squadra e alla società. Negli ultimi due mesi abbiamo parlato di tante cose con Mazzarri: sarà il nostro allenatore per diversi anni perché cerchiamo stabilità e fedeltà. Non ci interessano soluzioni rapide e temporanee. Tutto deve seguire una strategia, chiaro che allo stesso tempo voglio dei risultati. Non posso permettermi di essere fedele senza risultati, non sarebbe positivo». Finanze ok i avvicina la data della formalizzazione dell acquisto dell Inter: «Non ci saranno problemi, abbiamo un progetto a lungo termine che convince anche le banche». Massimo Moratti ha detto che il club ha bisogno di più «nerazzurri» e meno manager: «C è una discussione in corso: lui sostiene che all Inter ci siano delle persone importanti e ha ragione, da parte mia io penso sia necessaria una struttura manageriale forte. Per fare un esempio abbiamo già parlato due o tre Futuro? aremo competitivi. Mi piacerebbe arrivare in finale a an iro nel 06 volte con Javier Zanetti sul suo futuro: sarà all Inter, ma prima lui e la squadra devono giocare ancora partite». Calcio globale E Peter Lim e il Milan? «Lo conosco bene, è un ottima persona. Non posso fare commenti sull ipotesi di un suo investimento nel Milan, so che ha studiato anche la situazione del Liverpool e del Valencia. L idea di avere amici come lui o come Vincent Tan al Cardiff o Tony Fernandes al Qpr è positiva. Con questi investitori i club assumono valenza globale. Nella Major League occer il City ha investito a New York, io a Washington: c è globalizzazione e sempre più gente s innamora del calcio». d HA DETTO u Moratti «Più nerazzurri e meno manager? Lui sostiene che all Inter ci sono persone importanti e ha ragione, ma penso pure che sia necessaria una struttura manageriale forte» u Lim «Lui al Milan? Lo conosco bene, è un ottima persona, ma non faccio commenti. Dico che l idea di avere amici come lui nel calcio è positiva» MORATTI AD APPIANO Cambiasso fa il corso da allenatore Dubbi a destra ALEANDRO CRIAFULLI MILANO Il «corso» pratico lo sta già facendo, da qualche anno, in campo. Dirigendo il traffico dei compagni con la sua indiscussa sapienza calcistica. E facendo da intermediario con l allenatore di turno in panchina. Ma Esteban Cambiasso, mister per vocazione, sa che servono anche studio e teoria. E si è portato avanti: da ieri è ufficialmente anche un aspirante coach, visto che ha superato il corso per allenatore di Base Uefa B svoltosi a Milano da metà gennaio a metà aprile. Un percorso di ore, quello affrontato dal Cuchu, tra lezioni di tecnica e tattica calcistica (in cui avrebbe potuto fare da docente), metodologia dell allenamento, psicologia, medicina sportiva. All interno, anche lezioni di primo soccorso e la visita guidata ad alcuni vivai doc. Di suo, ha sviluppato un lavoro sul possesso palla. Col patentino, adesso è abilitato per guidare tutte le squadre giovanili, a parte la Primavera, e nei dilettanti. Il primo step di una carriera che l argentino sente nelle vene, magari sulle orme di un connazionale dal cuore nerazzurro che ha già fatto molta strada come imeone. Per entrare tra i 0 corsisti ha usufruito di una postilla del regolamento che permette alla Figc di dare accesso a chi, da calciatore, ha partecipato a una fase finale di Europei o Mondiali. Moratti e Jonathan Ieri Cambiasso ha guidato i compagni nel penultimo allenamento prima del Napoli. A guardarlo anche Massimo Moratti, in visita forse anche scaramantica dopo i blitz prima delle vittorie di Genova e Parma. Jonathan non ha fatto tutto in gruppo. Oggi dovrebbe essere comunque convocato, ma a destra è probabile la conferma di D Ambrosio.

9 VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT 9 ERIE A Trono del gol e Coppa i traguardi di Higuain L argentino del Napoli ha già segnato all andata contro l Inter Nel frattempo vuol chiudere in bellezza in vista del Mondiale GIANLUCA MONTI NAPOLI Non poteva esserci avversaria migliore dell Inter in questo particolare momento della stagione, col terzo posto ormai blindato e ad una settimana dalla finale di Coppa Italia contro la Fiorentina. Disputare una buona partita consentirebbe al Napoli di cancellare il pareggio di Udine e, soprattutto, arrivare all Olimpico col morale alto. Per fortuna degli azzurri, an iro stimola e l Inter non può lasciare indifferenti. Il discorso vale sia per Benitez sia per i suoi giocatori. In particolare Gonzalo Higuain, che nella «cala del calcio» ha già segnato due reti (al Milan): con il Real Madrid (il in Champions) e col Napoli in erie A. Un destro di rara potenza che sorprese Abbiati e mandò in visibilio i napoletani presenti. L unico gol da fuori area della sua stagione. Per il resto, Higuain si è dimostrato rapace nei sedici metri, come contro l Inter all andata quando sfruttò un errore di Nagatomo per battere Handanovic. Gonzalo Higuain, 6 anni, allo stadio Meazza ha già segnato due reti entrambe al Milan INIDE Oggi Giggs, poi Van Gaal Oggi, altra conferenza stampa importante: la prima di Ryan Giggs alla guida del Manchester United. Il gallese ha scelto un luogo simbolico: l accademia del club, dove Ferguson accoglieva i media. L operazione nostalgia riguarda anche il gioco: Giggs ha ordinato di rispolverare pressing, corsa e agonismo, come ai tempi di ir Alex. Domani, col Norwich, vedremo se il messaggio è stato receverso la finale Una maglia speciale per la Fiorentina Forse diverrà storica, certo non sarà come le altre. È la maglia che la Fiorentina indosserà nella finale di Coppa Italia che sarà presentata oggi, dopo la conferenza di Montella. LE AVVENTURE DI JOE DA NAPOLI A LONDRA Amici nemici Quella sera il Pipita vinse anche il duello con Palacio, che si ripeterà domani sera a an iro. L uno ex River, l altro ex Boca. Compagni di nazionale, dovranno giocarsi a breve il posto al fianco di Messi nella eleccion. Higuain parte favorito anche perché, spesso, abella lo ha impiegato insieme alla Pulce e ad Aguero in un tridente davvero da urlo. Con reti nel suo primo anno a Napoli, Higuain ha confermato di essere pronto anche per trascinare l Argentina al Mondiale essendo ormai nel pieno della sua maturità calcistica. Oltre a Palacio, domani il Pipita si troverà di fronte un bel po di amici: l ex di turno Campagnaro, Cambiasso e, soprattutto, Javier Zanetti. Il Pipita fa spesso tappa al Botinero (il locale gestito proprio dal capitano nerazzurro) quando è a Milano per shopping e divertimento. Già, perché Higuain talvolta si concede qualche «fuga» milanese nel tentativo di godersi un po di relax. Del resto, a Napoli fa un po fatica ad uscire di casa per via della sua popolarità mentre, per il centro di Milano, riesce a passare più inosservato. Domani, però, difficilmente Higuain resterà nell anonimato a an iro. Vuole il titolo di cannoniere (è a 7 gol, mentre il re Immobile è a 0), e la terza gioia personale a an iro. Incombe il mercato Intanto, impazzano le voci sui futuri arrivi in azzurro: per Koulibaly del Genk solo dettagli tra le due società mentre ieri l agente di Gonalons, Frederic Guerra, ha riaperto alla trattativa per il francese, ma forse per mossa strategica. In realtà, però, Napoli e Lione da gennaio non hanno contatti per il centrocampista che resta comunque nella lista di Benitez. Infine, da segnalare che, come anticipato dal presidente del Coni Malagò, la Coni ervizi sarà l advisor del Comune di Napoli per il rinnovo della convenzione d uso del an Paolo col club di De Laurentiis. Archiviata poi la posizione del vicesindaco odano nell inchiesta per presunte irregolarità sulla costruzione di un nuovo stadio a Ponticelli. I NUMERI I gol in totale segnati da Gonzalo Higuain per il Napoli nella stagione in corso: 7 in campionato, con 5 rigori a segno, in Champions League, mentre ne ha fatti in coppa Italia e in Europa League 6 I trofei nella bacheca della punta argentina. Tutti conquistati in pagna. Ha vinto 3 scudetti con la maglia del Real Madrid, due upercoppe di pagna e una coppa nazionale. Appunti I GRANATA TRA PREENTE E FUTURO Primo colpo per il Torino Preso Jansson dal Malmoe TORINO cende in campo anche Piero Fassino per rendere omaggio al Grande Torino nel 65esimo anniversario della tragedia di uperga. Il sindaco (bianconero doc) ha scritto al presidente di Lega, Beretta e collega Figc Abete, oltre che a Urbano Cairo, per trovare una soluzione che permetta ai granata di essere presente al Colle domenica maggio per la ricorrenza, data però in cui il Toro è chiamato alla trasferta in casa del Chievo. Intanto il primo colpo del prossimo mercato del Toro è cosa fatta. Per puntellare la squadra di Ventura, Cairo e Petrachi sono partiti dalla difesa con Pontus Jansson, il difensore svedese classe 9, che arriva a parametro zero dal Malmoe, squadra con la quale è in scadenza di contratto. Jansson, che ha già collezionato sei presenze con la nazionale scandinava, ha firmato un quadriennale da 350 mila euro a salire. Il difensore svedese ha un grande fisico, è alto 9 cm, e fa del gioco aereo la propria forza; il Toro ha superato la concorrenza di numerosi club di mezza Europa. Fabrizio Turco DOMANI AL DALL ARA C È LA FIORENTINA Al Bologna serve il pienone I biglietti gratis sono 8 mila La città risponde e il Bologna raddoppia i biglietti gratuiti per la Fiorentina. Ieri alle casse del Dall Ara sono stati bruciati 3 dei mila omaggio per i distinti laterali. E dalle alle 0 di oggi saranno regalati anche mila posti per la curva an Luca ad abbonati, possessori di tessera del tifoso, di una tessera delle Associazioni rossoblù e a chi abbia già acquistato un biglietto in prevendita. Nicola Zanarini UNDER, C È LO TAGE A COVERCIANO Quattro novità per Di Biagio: soltanto turaro gioca in A Quattro novità tra i 5 convocati di Gigi Di Biagio per lo stage dell Under a Coverciano dal 7 al 9 aprile, con test di chiusura con la Fiorentina Primavera. ono Goldaniga (Pisa), uagher (Crotone), turaro (Genoa) e Rosseti (iena). I convocati. Portieri: Bardi (Livorno), Leali (pezia), Perin (Genoa). Difensori: Barba (Empoli), Biraghi (Catania), De Col (Virtus Lanciano), Goldaniga (Pisa), Murru (Cagliari), Rugani (Empoli), abelli (Bari), uagher (Crotone), Zappacosta (Avellino). Centrocampisti: Baselli (Atalanta), Cataldi (Crotone), Crisetig (Crotone), Dezi (Crotone), Molina (Modena), turaro (Genoa), Viviani (Latina). Attaccanti: Belotti (Palermo), Berardi (assuolo), Bernardeschi (Crotone), Improta (Padova), Rosseti (iena), Trotta (Brentford). LO PECIAL ONE/ IL TECNICO TIRATO IN BALLO IN UN CAO DI OMICIDIO A NAPOLI LO PECIAL ONE/ IN INGHILTERRA MOURINHO URLA AL COMPLOTTO CONTRO I BLUE Una foto in compagnia di Josè Mourinho può servire anche a difendersi, proprio come ha fatto il Chelsea a Madrid. tavolta, però, la questione é molto più delicata perché si tratta di un omicidio di camorra, l uccisione di Carmine Amoruso avvenuta a Mugnano il 5 marzo 006. Carmine Pagano, condannato in primo grado all ergastolo per essere il mandante del delitto, potrebbe essere scagionato sulla base di alcune foto, scattate quel giorno, che ritraggono il pregiudicato Rito Calzone con Mourinho, Lampard e Crespo a Barcellona, dove il Chelsea stava preparando la sfida di ritorno degli ottavi di Champions contro i blaugrana (finita poi -). Immagini che contrastano con le tesi di due collaboratori di giustizia che hanno raccontato di un incontro avvenuto a Mugnano, poco dopo il delitto Amoruso, tra Cesare Pagano ed, appunto, Rito Calzone. Quest ultimo, invece, era a Barcellona. Le foto, pubblicate dal quotidiano Roma, sono lì a testimoniarlo. g.m. Mou e il camorrista La foto per smontare le accuse dei pentiti Il pregiudicato Rito Calzone nel 006 a Barcellona nel ritiro del Chelsea ANA DAL NOTRO CORRIPONDENTE TEFANO BOLDRINI LONDRA L ultima provocazione di Mourinho è già materia di bookmakers: si scommette se fa sul serio quando dice che contro il Liverpool schiererà una banda di ragazzini, o sia un bluff. È scontato che l obiettivo primario del portoghese sia conquistare la finale di Champions, nella sua Lisbona, ma pare impensabile che il Chelsea si consegni ai Reds, domenica all Anfield, regalando il titolo alla squadra di Rodgers. In ogni caso, i dirigenti del Chelsea hanno dato il via libera al portoghese: se davvero vuole risparmiare i titolari in vista della semifinale di ritorno con l Atletico Madrid, può farlo. La Federazione ieri ha dato un altra picconata al Chelsea: Ramirez è stato squalificato per giornate. Mou parlerà oggi in conferenza stampa e probabilmente risponderà a quei giornali che, ieri, lo hanno attaccato. Il un lo ha definito «un bambino viziato», mentre il Times ha scritto che «Mou vuole convincere tutti che sia in atto E il Chelsea gli dà l ok per far giocare i baby per protesta a Anfield un complotto contro il Chelsea». Il Daily Mail ha invece illustrato una possibile formazione a Liverpool, con il diciottenne Christensen in difesa e il trentottenne Hilario in porta. empre il Daily Mail ha sparato nella versione online una notizia di mercato: il Chelsea tratterebbe Lavezzi. pito. All Old Trafford, Giggs sarà accolto come un re. I tifosi dei Red Devils hanno annunciato che è stato rimosso lo striscione «The Chosen One», col quale è stato contestato Moyes nell ultimo mese. L ex allenatore ha incassato la solidarietà di Nick Clegg, leader del partito Lib Dem, ma la vera notizia riguarda il suo futuro: Moyes potrebbe essere il nuovo manager del Tottenham. Lo United ha deciso di puntare su Louis Van Gaal. In questo fine settimana, il tecnico olandese dovrebbe ricevere nella sua villa in Portogallo l amministratore delegato dei Red Devils, Ed Woodward. Van Gaal ha già in testa l assistente da coinvolgere nell avventura inglese: l ex centrocampista irlandese Keane, vecchio nemico di Ferguson.

10 0 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0 ERIE A L ANTICIPO DELLA 35 a GIORNATA LA VOLATA CUDETTO E CHAMPION Legenda: Molto difficile Impegnativa Molto facile Difficile Facile In MAIUCOLO le gare in trasferta GIORNATA 35 ª 36 ª 37 ª 38 ª JUVENTU 90 ROMA 8 AUOLO Atalanta ROMA Cagliari Milan CATANIA Juventus GENOA Juve campione lunedì se la Roma frena Con otto punti di vantaggio (e il 3-0 all andata nel confronto diretto) la Juve è a un passo dallo scudetto e potrebbe conquistarlo già lunedì 8, quando giocherà il posticipo contro il assuolo. E LA ROMA VINCE Verdetti rinviati, perchè anche battendo il assuolo la Juve non andrebbe oltre gli otto punti di vantaggio, e ce ne sarebbero ancora 9 disponibili. E LA ROMA PAREGGIA La Juventus potrebbe festeggiare il titolo battendo RC il assuolo nel posticipo, perchè il suo vantaggio salirebbe a dieci punti. E LA ROMA PERDE Alla Juventus potrebbe bastare anche un pareggio contro il assuolo per ipotecare il titolo, perché il suo margine salirebbe a 9 punti e la Roma, per strapparle lo scudetto, oltre a vincerle tutte (nella speranza che la Juve le perda tutte) dovrebbe assicurarsi lo scontro diretto della penultima giornata almeno con 3 gol di vantaggio. LA VOLATA PER L EUROPA LEAGUE GIORNATA 35 ª 36 ª 37 ª 38 ª FIORENTINA 58 INTER 56 PARMA 5 MILAN 5 TORINO 9 LAZIO 9 VERONA 9 ATALANTA6 BOLOGNA assuolo LIVORNO Torino Napoli MILAN Lazio CHIEVO CAGLIARI ampdoria TORINO Livorno ROMA Inter ATALANTA assuolo Udinese CHIEVO Parma FIORENTINA LIVORNO Verona INTER Bologna Catania LAZIO Udinese NAPOLI Genoa JUVENTU Milan CATANIA RC Perché è buono anche il sesto posto La vincitrice della Coppa Italia stacca il biglietto per la fase a gironi dell Europa League. Ma con Fiorentina e Napoli finaliste di Coppa Italia si apre la porta anche per la sesta in serie A. Pericolo preliminare Arrivare sesti costringe però al turno preliminare estivo, con comprensibili problemi legati alla preparazione. Ecco perchè il quinto posto è un obiettivo basilare: non garantisce la partecipazione diretta ai gruppi, ma quella ai playoff, che si giocano comunque a poche settimane dal via del campionato. Napoli Con dieci punti di vantaggio sulla Fiorentina, è ormai certo del terzo posto (che garantisce i preliminari Champions) e potrebbe assicurarselo aritmeticamente ancor prima di scendere in campo domani sera con l Inter se la Fiorentina, impegnata nel pomeriggio a Bologna, dovesse perdere. Fiorentina Vincendo la Coppa Italia, si garantirebbe l accesso diretto ai gironi di Europa League, in caso di sconfitta invece lo otterrebbe solo attraverso il quarto posto, obiettivo non ancora raggiunto, visti i due soli punti di vantaggio sull Inter. Ecco perchè non può permettersi di mollare da qui alla fine, considerato il fatto che dovrà affrontare ben tre squadre impegnate nella lotta per la salvezza prima di chiudere in casa col Torino Inter Può ancora arrivare quarta ma rischia di chiudere al sesto posto se non riuscisse a conservare il vantaggio di 5 punti che ha su Parma e Milan. Ed è attesa da avversarie difficili Milan Un esaltante finale di stagione l ha condotta in zona Europa League, grazie al sesto posto che divide col Parma. Rispetto agli emiliani ha però un calendario molto più impegnativo. La partita di stasera con la Roma e il derby saranno fondamentali. Parma Potrebbe ancora puntare al quinto posto, considerati i difficili turni di campionato che attendono Inter e Milan prima che si affrontino nel derby Le altre Torino, Lazio e Verona in corsa per il sesto posto. Ma devono sperare nei passi falsi di chi le precede. eedorf, tensione c «Berlusconi? Voglio parlare d altro» Il tecnico contro la Roma si gioca tutto. Ma è gelo sulle telefonate del presidente: non arrivano più? COI ALL OLIMPICO ORE 0,5 ROMA -3-3 MILAN DODÒ 5 HONDA LJAJIC BONERA PJANIC BALOTELLI MONTOLIVO 3 6 CATAN 6 0 RAMI 3 DE ANCTI DE ROI TOTTI KAKÀ ABBIATI 5 TOLOI NAINGGOLAN 7 MUNTARI MEXE 3 3 GERVINHO TAARABT MAICON CONTANT ALLENATORE: Garcia ALLENATORE: eedorf PANCHINA: Lobont, 8 korupski, PANCHINA: Amelia, 59 Gabriel, 33 Jedvaj, 6 Romagnoli, 35 Torosidis, 0 Abate, De ciglio, 8 Zaccardo, 0 Bastos, Taddei, Florenzi, 6 ilvestre, 7 Zapata, 8 Emanuelson, 96 Ricci, 9 Mazzitelli, 99 Berisha 5 Essien, 6 Poli, 7 Robinho, Pazzini QUALIFICATI: Destro () QUALIFICATI: De Jong () DIFF: Castan, Nainggolan, Romagnoli DIFF: Abbiati e Bonera INDIPONIBILI: Benatia, Balzaretti, INDIPONIBILI: Cristante, Birsa, trootman aponara ARBITRO Tagliavento di Terni GUARDALINEE Meli, Marzaloni QUARTO UOMO Di Liberatore AITENTI AREA Banti, Celi TV ky Calcio HD, ky upercalcio, MP Calcio INTERNET D ARCO DAL NOTRO INVIATO MARCO PAOTTO MILANELLO (Varese) Una telefonata, oltre ad allungare la vita (sportiva), avrebbe anche il potere di restituire un po di buon umore. Ma a giudicare dalle reazioni di Clarence eedorf, sul display del suo cellulare probabilmente continuano a non comparire utenze di Arcore, né cellulari riconducibili a Berlusconi. e davvero il silenzio prosegue, sta diventando piuttosto pesante perché la stagione del Milan è entrata nella fase della massima delicatezza. E non avere il conforto del proprio presidente non è il massimo. Ieri il tecnico olandese, alla domanda se durante la settimana fosse riuscito a sentirsi con l ex Cavaliere, ha risposto brusco e schivo: «Oggi ho voglia di parlare d altro». Al di là della stranezza del fatto in sé Verso l Olimpico Milan ad alta quota,50 La corsa all Europa League è ancora apertissima e il Milan ci crede, ma stavolta c è da battere la miglior difesa del campionato. Contro la Roma, all Olimpico, non bastano i sei risultati utili consecutivi e il - dell andata: il blitz pagherebbe,50, con i giallorossi favoriti a,75 su bwin.it(pareggio a 3,60). In lavagna è avanti anche l Over: almeno tre reti complessive sigiocanoa,75,perl Under sisalea,95.avantipureil Goal(,70),perilGoalPrimo Temposisalea3,80. Consulta tutte le quote su per sé (l allenatore che non ha voglia di parlare del suo presidente), dalla replica di Clarence si deduce che i contatti con Villa an Martino non siano ripresi. L altra opzione è che come per diversi altri argomenti su cui il tecnico preferisce evitare i dettagli il telefono sia effettivamente squillato, ma la cosa venga gestita in forma estremamente privata. E allora sarebbe ovviamente tutta un altra storia. Contatti Più facile la prima ipotesi. In questo caso la mancanza di comunicazione con ilvio supererebbe ormai il mese. Gli ultimi contatti diretti risalgono ai giorni che precedevano Lazio-Milan, giocata il 3 marzo. Poi, più nulla. Nonostante gli ottimi risultati, il filotto record stagionale di vittorie, e una rimonta in classifica che sembrava utopia. Un assenza inquietante. Venerdì scorso, alla vigilia della sfida col Livorno, eedorf aveva detto: «Abbiamo deciso di lasciare il presidente tranquillo, riprenderemo i contatti la prossima settimana». Magari la chiamata arriverà oggi in ritiro. Per ora la settimana di ilvio è filata via con l organizzazione dei servizi socialmente utili, ma anche con l intervento di ieri da Vespa. Insomma, il tempo per uno squillo volendo si potrebbe trovarlo. Percorso La mancanza di comunicazione invece è pesante perché di fronte allo scenario di un allenatore a forte rischio anche in caso di sesto posto, il silenzio societario fa molto rumore. Il calendario, poi, con oggi entra nella fase da bollino rosso: prima Roma e poi il derby. Mentre il Parma se la vedrà con Cagliari e amp, in un peruna strana antivigilia MARIO ENZA PACE «I suoi documenti, prego» E Balo litiga: «Poliziotti, non avete nulla da fare?» Balotelli a Brescia fermato dagli agenti reagisce con stizza Torna all Olimpico dopo il calcio di Totti del 00. E rischia ancora gli insulti degli ultrà Mario Balotelli, 3 anni. Nel suo parco auto c è anche una Ferrari Mario Balotelli e una pattuglia della Polizia che si incrociano a tarda sera in strada per un controllo. Che cosa ne può saltare fuori? Magari nulla, ma può anche essere che non fili proprio tutto liscio. E infatti. Mercoledì Mario aveva deciso di dormire a Brescia, dove ha un appartamento. A pochi chilometri da dove vivono i genitori. Zone in cui lui ama tornare spesso per motivi affettivi. Quella dell altro ieri, tra l altro, è stata una serata romantica, trascorsa a cena in compagnia di Fanny, con cui è tornata grande sintonia. postarsi a bordo di una Ferrari però non è esattamente garanzia di anonimato. O comunque, richiama parecchia attenzione. In questo caso da parte di una pattuglia della Polizia, che ha chiesto i documenti a Mario non appena sceso dalla macchina, proprio sotto casa. Fastidio E evidente che la sua presenza di solito non passa inosservata, e che probabilmente Balotelli si attendesse di essere riconosciuto. Cosa che non è avvenuta. Almeno, non ufficialmente. Abituato a firmare mille autografi al giorno, probabilmente si è infastidito e la sua risposta è suonata più o meno così: «Ma non avete nulla di meglio da fare che venire a identificare me». Insomma, secondo una prima ricostruzione, agli agenti che gli chiedevano le generalità, lui avrebbe risposto senza troppa diplomazia, sostenendo che la polizia dovrebbe occuparsi di altre faccende. E avrebbe consegnato i documenti soltanto in un secondo momento. Accoglienza Un alterco che comunque non ha avuto altre conseguenze, nell ambito di una settimana che porta Mario e il suo Milan a una sfida dai tratti ambientali molto delicati. Risale tutto a maggio del 00, finale di Coppa Italia Roma-Inter. E per capire la portata che ebbe il fatto, è sufficiente digitare su Google e YouTube la parola calcione. enza aggiungere altro. Il primo suggerimento che danno i motori di ricerca è «calcione di Totti a Balotelli». Premeditazione, si potrebbe dire usando il linguaggio giudiziario. Un gesto violento e volontario da parte di una persona che in quel momento non aveva più lucidità per riflettere. Totti decise di fare giustizia sommaria in seguito così fu raccontata ai ripetuti insulti e provocazioni di Balotelli. Che a sua volta accusò Totti di epiteti razzisti. A proposito di Olimpico, da allora è la prima volta che Balotelli torna nello stadio della capitale con la Roma padrona di casa e non è difficile prevedere un accoglienza bollente. i spera non troppo, visto che proprio per insulti contro di lui da parte degli ultrà della Roma a maggio dell anno scorso a an iro e, assurdamente, in casa col Napoli (la cosa finì sulla Cnn) l Olimpico rimase senza tifosi in curva. Nessuno si sorprenderebbe se le offese stasera dovessero essere ripetute, anche se poi toccherebbe al club giallorosso pagare il prezzo più alto proprio nella prossima partita in casa, quella contro la Juve. Controllo Di sicuro neppure Totti vorrebbe un esito del genere, nonostante fra lui e Mario non sia stata simpatia a prima vista. Anzi. Un esempio? Ripassiamo quello che si dissero anni fa i due litiganti. «In una partita può capitare di

11 VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT IL CAO UL ITO DELLA CURVA UD IL RINGRAZIAMENTO DEGLI ULTRÀ: «IL MARKETING DEVE RIPETTARE LA TORIA» Maglia gialla nel derby? No dei tifosi, Lady B fa dietrofront Contro l Inter in rossonero: il debutto delle nuove divise è rinviato all maggio MILANO Il derby in giallo è diventato il giallo del derby. Nel senso di maglia. Dietrofront: il maggio il Milan non si presenterà di fronte ai cugini vestito di giallo, ovvero con la terza maglia in dotazione la prossima stagione. Ma scenderà in campo con la divisa tradizionale dell annata in corso. Il cambio di rotta è stato deciso ieri da Barbara Berlusconi a.d. con delega commerciale in seguito alle numerose proteste arrivate dai tifosi che non riescono a immaginare un derby con colori diversi dal rosso e nero. Proteste in massima parte civili, ma cadute a pioggia sul Milan: chi ha scritto , chi si è sfogato sui social network. C è anche chi ha fermato per strada direttamente Lady B per chiederle di mettere mano alla situazione. Richiesta accolta. E fine delle proteste. Barbara Berlusconi, 9 anni ANA by non potrà fare da veicolo promozionale? emplice, gli uffici marketing del club rossonero e dello sponsor tecnico stanno allestendo una strategia alternativa che centrerà comunque l obiettivo. Molto probabilmente la maglia gialla che ricorda molto quella del Brasile verrà esibita alla penultima giornata a Bergamo. Una data non casuale: la partita è in programma alle.30 e quindi la futura terza divisa milanista godrà di ampia visibilità in Oriente. In occasione degli ultimi 90 minuti Mercato orientale Da qualche anno è consuetudine che il Milan in occasione delle ultime partite di campionato scenda in campo almeno una volta con le maglie della stagione successiva. Una forma di pubblicità e visibilità per il marchio Milan e adidas, che recentemente hanno rinnovato il matrimonio fino alla stagione 03-. Che cosa succede adesso che il derstagionali, a san iro contro il assuolo, invece si dovrebbe vedere la nuova maglia rossonera. In attesa di verificare l indice di gradimento del popolo milanista, i tifosi sono ovviamente molto soddisfatti per il derby di domenica. ul sito della Curva ud è apparso un ringraziamento per «la lungimiranza e il buonsenso di chi ha capito che le logiche del marketing non possono avere la meglio sulla storia». m.pas. apitale corso decisamente più semplice. enza dimenticare che in ottica sesto posto, per qualificarsi in Europa League il Milan dovrebbe terminare un punto più su degli emiliani per via degli scontri diretti. vecchi veleni La pedata a Balotelli è stata criticata pure da Napolitano Era il 5 maggio 00 quando Totti, durante la finale di Coppa Italia persa dai giallorossi contro l Inter, litigò con Balotelli, per poi inseguirlo e colpirlo con un calcio che gli valse: turni di squalifica, la critica di Napolitano («Una cosa inconsulta») e l ovazione dell Olimpico, che nella partita successiva diede vita a una manifestazione di solidarietà nei suoi confronti. Clarence eedorf 38 anni, alla guida del Milan dalla 0 a giornata: 9 i punti raccolti in 5 partite ANA Modello Occorrerà dunque vedere quali risposte avrà eedorf contro una squadra che gli garantisce ricordi gradevoli: amp-roma fu la sua prima partita italiana (7 agosto 95), e a Roma contro i giallorossi ha vinto il suo ultimo scudetto tre anni fa. E le sensazioni della vigilia sono positive: «La squadra ha trovato l entusiasmo di giocare e un identità. Ora c è chiarezza su cosa sappiamo e possiamo fare. Abbiamo l occasione di dimostrare qualcosa di importante davanti a una grandissima squadra. Complimenti a Garcia, ho grande rispetto per quanto è riuscito a costruire. La ricetta Roma funziona, giocano un calcio propositivo. Noi speriamo di riuscire a farlo in futuro: propositivi e competitivi». Il modello Roma: eedorf ha tracciato la sua strada. Chissà che cosa ne pensa Berlusconi. essere nervosi affermò Totti. ul campo non si riescono sempre a ignorare offese così pesanti, dirette ad infangare una città e intero popolo. oprattutto quando poi questi continui e costanti insulti provengono sempre dalla stessa persona, che fa della provocazione sistematica». All andata infatti, dopo aver segnato il rigore, aveva fatto un gesto ai nostri tifosi (di stare zitti, ndr). Ecco la replica di Balotelli. «Mi dispiace, lo ammiravo. Io gli avevo detto solo una cosa tipo: continui a giocare o vuoi fare il bambino? Lui mi ha risposto negro di m... Poi ho sentito che diceva a Thiago Motta: lo spacco. Dopo è arrivato il calcio. Il gesto all andata? ì, lì ho perso anche io il controllo e ho fatto un gesto, ma si sbaglia. Tutto perdonabile? e chi ha sbagliato lo chiede. Io l ho fatto». Anche Totti ammise i suoi errori ma precisò: «Ho sbagliato, lo so, ma non ho mai detto negro di m..., bensì pezzo di m... E lui quando sono entrato mi aveva detto: Nonno, sei finito». Comportamenti Titoli di coda e tre anni di silenzio, finché il capitano della Roma l anno scorso rispose così a due domande. Balotelli è un già un fenomeno? «Può diventarlo, ma dipende dalla testa che avrà, dai comportamenti. Ciò che fai esternamente lo trasmetti in campo». Eppure certi accanimenti dei media su Mario ci ricordano quelli su di lei quando era giovane. «Certo, a me dicevano che ero romano, coatto, che non avevo voglia di allenarmi, ma lui se le cerca, io no. ono stato sempre un tipo tranquillo». Cecchini-Pasotto I NUMERI 6 le partite consecutive senza sconfitte per il Milan: dopo il ko casalingo col Parma (-), ha pareggiato a Roma con la Lazio e ha poi infilato una serie di cinque vittorie 8 gli anni dall ultima serie di vittorie più lunga in campionato: avvenne fra le stagioni e quando il Milan vinse nove partite di fila. ei nelle ultime sei partite del : Milan- Chievo -; Milan-Inter -0; Messina-Milan -3; Milan- Livorno -0; Parma-Milan - 3; Milan-Roma -. Tre nel campionato successivo: Milan-Lazio -; Parma-Milan 0- ; Milan-Ascoli -0 l ultima serie positiva più lunga di partite in campionato per il Milan, dalla 9. alla 3. giornata dello scorso campionato, chiuso al terzo posto Garcia non vuol dare il match point Juve e gasa il assuolo Il tecnico della Roma: «pero che giochi per salvarsi La prossima stagione? Ci servirà una rosa più ampia» MAIMO CECCHINI ROMA Meglio segnare la data di ieri sul calendario. Comunque andrà la prossima stagione, infatti, nel bene o nel male il futuro della Roma comincia dalle parole di Rudi Garcia che alla vigilia della sfida al Milan - chiede rinforzi, affermando di essere in perfetta sintonia con la squadra e la dirigenza. Insomma, in attesa di scoprire se i giallorossi nel 05 saranno o meno sugli altari, tra un anno si potrà dire: «L allenatore aveva detto che». Ascoltiamolo. Non smantellare «Io non metto condizioni, ma sono ambizioso, e penso che la Roma lo sia come me. La società vuole la stessa cosa: essere competitiva, ma soprattutto lo vogliono i giocatori. Loro sanno che siamo andati avanti con questa rosa solo perché abbiamo giocato una volta a settimana. e giocando ogni tre giorni avessimo gli stessi lunghi infortuni Totti, Destro, Gervinho, trootman - senza una rosa più ampia sarebbe molto difficile. e vogliamo essere competitivi bisogna lavorare su questa cosa. E solo buon senso, e su questo punto siamo d accordo con la società. L anno prossimo sarà molto più duro perché giocheremo ogni tre giorni fino a dicembre, e speriamo fino alla primavera, perché vorrebbe dire che avremmo superato il girone. In Champions saremo in quarta fascia e avremo tre squadre più forti di noi nel girone, e allora lo dico di nuovo: io e i giocatori vogliamo essere protagonisti l anno prossimo in tutte le competizioni, in campionato e in Champions superando almeno il primo turno». Il primo desiderio di Garcia è tanto semplice quanto potente: non smantellare la squadra. «In carriera non sarebbe la prima volta. Dopo averlo fatto al Lilla abbiamo vinto campionato e Coppa di Francia. Lavorando intelligentemente si può fare una grande squadra. Questo anno ad esempio, mettendo 30 milioni in cassa e arrivando secondi, abbiamo lavorato in maniera intelligente». E i tifosi puntano sia sul Rudi Garcia, 50 anni, e Francesco Totti, 37, simboli della Roma PORT IMAGE IL N. CONI MALAGÒ «Renzi come Totti Berlusconi ricorda Nordahl» «A Renzi accosterei Totti». Il presidente del Coni Giovanni Malagò si è scatenato in scherzosi paragoni politicosportivi davanti ai microfoni di ky Tg («L incontro» con Emilio Carelli andrà in onda domani alle.30 sui canali 00 e 500 di ky). Malagò ha firmato altri accostamenti in chiave calcistica «A Berlusconi Nordahl, un bel centravanti di sfondamento. Gigi Meroni a Grillo e Agostino Di Bartolomei al presidente Napolitano. A Papa Francesco, invece, abbinerei Paolo Maldini». presente che sull avvenire, tant è che stasera contro il Milan saranno in e già in oltre hanno rinnovato l abbonamento per la prossima stagione. Frecciate Juve Dribblata con eleganza la (presunta) frizione col d.g. Baldissoni sul ruolo dell allenatore («la società è sempre più importante dei singoli. Tutto può cambiare, la Roma resta sopra tutti e tutto: lui ha ragione in questo senso»), Garcia si lancia sull attualità. «Il campionato non è chiuso, soprattutto se saremo in grado di battere il Milan. Certo, è la squadra italiana che è andata più avanti in Champions, ha giocatori di talento, ha vinto 5 partite di fila. Insomma, sarà tosta, ma vincendo potremo aspettare tranquilli il risultato della Juve». Ovvio però che, se la Roma non vincesse, gli juventini avrebbero il primo match ball scudetto lunedì sera. E qui Garcia aggiunge. «Mi aspetto che il assuolo giochi come una squadra che vuole salvarsi, con i migliori in campo. Non è sempre stato così per chi ha giocato a Torino: non voglio vedere dopo la partita un assuolo che ha lasciato i migliori giocatori in panchina (Livorno, ndr), non voglio allenatori che nel dopo partita dicano: Ah abbiamo perso solo -0, che bel risultato (Bologna, ndr)». Vertonghen & Ben Arfa Titoli di coda sulle critiche di Malagò, presidente del Coni, al nostro mediocre campionato. «In Italia c è bisogno di stadi nuovi per avere grandi società. E dopo bisogna fare come Napoli e Juve, facendo arrivare un Higuain o un Tevez, perché è molto importante per l Italia vedere arrivare questi grandi giocatori». iamo sicuri che il presidente Pallotta sia d accordo su entrambi i punti. E, seppur con meno vetrina, tornano in auge i nomi di Vertonghen (Tottenham) e Ben Arfa (Newcastle). Non saranno come i due argentini, però

12 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0 ERIE A Ma ilvio dice «no» il proprietario INTERVIENE BERLUCONI «Il Milan varrebbe 500 milioni? Ma dài È sacro, non vendo» «Cederlo per quella cifra, non scherziamo». E la Fininvest smentisce ancora una volta «ogni ipotesi di cessione del controllo del club» ilvio Berlusconi, 77 anni, è appena arrivato a «Porta a Porta», condotto da Bruno Vespa ANA FABIANA DELLA VALLE ROMA Quasi due ore di trasmissione, un fiume di parole e la chiusura dedicata al suo unico grande amore. «Il Milan non si vende». Così ilvio Berlusconi ha replicato alla notizia comparsa ieri sulla Gazzetta dello port, che parlava dell interessamento di due magnati asiatici nei confronti del club rossonero. Una cosa sacra Berlusconi ieri è tornato in tv dopo mesi di assenza e per il suo nuovo debutto (così l ha definito Bruno Vespa) ha scelto il salotto di «Porta a Porta». ilvio è arrivato alle 7.0, accompagnato dall inseparabile Maria Rosaria Rossi, e ha trovato tanta gente ad aspettarlo negli studi di via Teulada della Rai. Fuori c era chi cantava «ilvio ilvio olè» e «C è solo un presidente», nel cortile c erano molte persone affacciate alle finestre. Lui è filato via dritto, senza fermarsi a parlare con i giornalisti. Dentro ha trovato Vespa e altri ospiti con i quali ha parlato quasi esclusivamente di politica, spaziando da Renzi a Napolitano, dalla Merkel ad Alfano. Inevitabile la domanda sulla sua condanna ai servizi sociali («Non mi sono dimesso perché sono vittima di un ingiustizia, ma sono certo che la Corte europea dei diritti dell uomo e il Tribunale di Brescia annulleranno la sentenza»). Berlusconi parla, dibatte, s accalora, però la sua espressione resta la stessa. La domanda sul caso del giorno arriva alla fine della trasmissione e il Cavaliere quasi ha un sussulto. «È vero che vuole vendere il Milan per 500 milioni?». Risposta secca: «Il Milan non si vende e non vale 500 milioni». Ancora Vespa: «E quanto vale allora?». «Non lo so». «Ci dica una cifra: 50 milioni?». La chiusura di ilvio: La nota ufficiale, pubblicata sul sito del club rossonero, non sembra chiudere ai soci di minoranza «Non scherziamo sulle cose sacre». entimento e ragione In quest ultima frase è condensato il pensiero del proprietario rossonero. Per lui il Milan è una cosa sacra, un bene intoccabile e di inestimabile valore, per questo non ha mai voluto prendere in considerazione seriamente l idea di vendere il gioiello di famiglia. Negli anni sono stati avviati spesso contatti con possibili investitori stranieri, ma ogni tentativo si è arenato di fronte alla testardaggine del capofamiglia. Berlusconi ieri ha parlato con il cuore, perché lui mai e poi mai vorrebbe privarsi della sua creatura, però la ragione dice che il Milan ha bisogno di altri capitali per tornare a certi livelli e per competere con i top club europei. Anche le parole di sua figlia Barbara il giorno della presentazione di casa Milan («Possibile la cessione del 30 per cento del club») vanno in questa direzione. Ieri mattina era arrivata anche la smentita di Fininvest attraverso una nota ufficiale pubblicata sul sito del club. «In merito a indiscrezioni riportate dalla stampa si legge la Fininvest smentisce nuovamente ogni ipotesi di cessione del controllo del Milan». Una nota dovuta e prevedibile, che non cambia la sostanza delle cose. E comunque parla di «controllo» del Milan e non sembra chiudere a soci di minoranza. In ogni caso ci sarà da superare le resistenze di Berlusconi, che non vuole ancora rassegnarsi all idea di rinunciare a una cosa sacra. IL FUTURO DEL CLUB Dal «colpo» Bloomberg ai nomi dall Oriente Dopo vari rumors sull arrivo di nuovi soci nel Milan, le voci più clamorose sono scoppiate il mese scorso 5 MARZO Bloomberg, la più importante agenzia economica Usa, svela che Fininvest ha incaricato la banca d affari Lazard di esplorare il mercato per valutare la vendita del club, detenuto dalla famiglia Berlusconi dal 0 febbraio 986. La Finivest smentisce APRILE Barbara Berlusconi, a.d. rossonero per l area commerciale, alla presentazione di Casa Milan, la nuova sede rossonera, dichiara di essere pronta a una cessione del 0-30% della società e parte per gli Emirati Arabi 3 APRILE Peter Lim, tycoon di ingapore, è pronto a pagare 500 milioni di euro per «clonare» in rossonero l operazione dell amico Thohir per ottenere il 70% dell Inter. Lim lascerebbe a Berlusconi la presidenza e sarebbe intenzionato a confermare Galliani come plenipotenziario. In parallelo, Barbara nel viaggio negli Emirati ha preso contatti con i rappresentanti del miliardario cinese Zong Quinghou che aveva mostrato interesse per il Milan gli acquirenti IL DUELLO AIATICO Ora Lim è a un bivio: o Italia o Valencia Zong è in ascesa Il magnate di ingapore attende il verdetto per l acquisto del club spagnolo. Un importante banchiere è il gancio con Fininvest per il cinese Zong Quinghou, 68 anni, miliardario cinese. In alto con Berlusconi, l altro asiatico Peter Lim CARLO MILANO Peter Lim continua il suo giro d Europa, inseguendo il grande calcio. Così, dopo aver seguito al Bernabeu Real-Bayern, ieri è volato a Lisbona per Benfica-Juve. empre in compagnia di Jorge Mendes. Per ora pensa ad altro il pretendente alla maggioranza azionaria del Milan, intanto attende un altro verdetto da Valencia. L attesa Nelle scorse settimane ha presentato l offerta per rilevare il club spagnolo, ma in corsa ci sono anche altre cordate. La più pericolosa è quella denominata Cerberus, di cui fa parte anche il figlio di Aznar, l ex premier di pagna. Ragion per cui il magnate di ingapore tiene in caldo l opzione rossonera. La volontà di mettere sul piatto 500 milioni di euro è esplicita. Lim aspetta soltanto un cenno da Fininvest per presentare l offerta. Certo, le parole di ilvio Berlusconi, prese alla lettera, lasciano poche speranze agli acquirenti. I tempi Ma questa rischia d essere una partita a medio termine, tanto è vero che nelle ultime settimane i contatti indiretti non sono mancati. Nella vicenda c è anche l interesse per Andrea Berta, ora all Atletico Madrid come d.s. e molto vicino a Mendes. Dopo il no all Inter, c è un flirt con il Monaco, ma alla finestra c è anche il Milan, ovviamente se andasse in porto un accordo con Lim. Oltre alle parole del presidente rossonero ieri, però, ha lasciato il segno anche il comunicato Fininvest che ha precisato come «non c è alcuna ipotesi di cessione del controllo del club». La lettura implicita è che evidentemente un partner con quota minoritaria non A giorni Lim conoscerà il verdetto per la scalata al club spagnolo La carta dello stadio può stuzzicare Zong sarebbe sgradito. E il teorema di Barbara Berlusconi, ribadito anche di recente. E in questa prospettiva la candidatura di Zong Quinghou, il secondo uomo più ricco di Cina, non viene messa in discussione. Mediazione I contatti con il mondo di Barbara sinora sono stati indiretti, ma è certo che il dossier cinese è da alcuni mesi all attenzione dei manager di Fininvest. Non ci sono incarichi formali a banche d affari, ma a far da tramite è un importante banchiere che negli anni ha maturato importanti contratti nel mondo finanziario di Pechino. Non è escluso che all orizzonte possano spuntare anche altre soluzioni nel più grande Paese asiatico. Lo stop di ieri, insomma, non deve trarre in inganno. A prescindere dagli accordi in vista per Mediaset è chiaro che nel mondo berlusconiano si stanno valutando nuove strade per provare a tenere in alto il club. E non è un caso che Barbara Berlusconi mantenga in primo piano l operazione del nuvo stadio. Nelle scorse settimane, per esempio, l a.d ha preso in esame per l area commerciale l idea di edificare l avveniristico impianto di proprietà (di cui esiste il progetto) nell area dismessa di via Forze Armate. Anche in questo caso gli ostacoli burocratici non mancano, ma è la prova che si sta cercando un alternativa alla soluzione in zona Expo. I NUMERI 8 I trofei conquistati dal Milan sotto la presidenza di ilvio Berlusconi, che acquistò il club rossonero il 0 febbraio Le coppe Campioni nella bacheca del Milan, compresa la prima vinta da un club italiano (Wembley 963, successo contro i campioni in carica del Benfica) Le stagioni fuori dalle coppe europee nel periodo berlusconiano: il Milan non si qualificò alla fine della stagione (acchi in panchina) e (Capello in panchina) 500 I milioni di euro da mettere sul piatto per il tycoon di ingapore Peter Lim, che vorrebbe imitare il suo amico Erik Thohir sull altra sponda milanese

13 LA RIVOLUZIONE TELEVIIVA VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT 3 Diritti tv, sorride la A e Mediaset s allea è battaglia con ky Vicino l ingresso di Al Jazeera e Canal+ nella pay di Berlusconi. La Lega spera di far salire gli introiti MARCO Il mercato televisivo, e di conseguenza quello dei diritti sportivi, è vicino a una rivoluzione epocale. Dopo l approdo, ormai datato, dell australiano Murdoch, l Italia si prepara ad accogliere altri stranieri: i qatarioti di Al Jazeera e i francesi di Canal+ (già azionisti di Tele+) avrebbero raggiunto un intesa preliminare con Mediaset Premium, la pay tv berlusconiana sul digitale terrestre da tempo in cerca di soci internazionali in modo da gettarsi nella contesa globale. I due soggetti interessati accederanno ora alla due diligence, cioè alla verifica contabile. In corso Mediaset precisa che «non è stata conclusa nessuna operazione con alcun partner» e che «gli approfondimenti relativi al progetto sono ancora in corso». i capirà presto se l alleanza sarà a due finora i dossier avevano viaggiato separati o se, come sembra, sarà allargata a tre. Al Jazeera e Canal+ si sono fatti la guerra in Francia, il paese europeo su cui gli sceicchi (anche attraverso il Psg) hanno puntato forte all inizio del loro piano LA PARTITA TRA LE EMITTENTI A PAGAMENTO L asta a maggio: la concorrenza può incrementare il valore del campionato KY Tutta la erie A in diretta pay fino al 0-5: 56 milioni a stagione Tutte le partite in esclusiva della Champions fino al 0-5 tranne la partita più importante del mercoledì; nel 0-5 esclusiva dell Europa League: 30 milioni a stagione MEDIAET PREMIUM Dodici squadre di erie A in diretta pay fino al 0-5: 68 milioni a stagione La diretta della partita più importante del mercoledì della Champions fino al 0-5: 30 milioni a stagione In esclusiva la Champions nel triennio 05-08: 30 milioni a stagione La prossima sfida ERIE A 05-8: In gioco ky e Mediaset Premium, con i probabili alleati Al Jazeera e/o Canal+ d espansione. Ma all ultimo giro della commercializzazione dei diritti calcistici qualcosa è cambiato. Canal+ ha rafforzato la sua presenza nella Ligue aggiungendo un match di prima fascia al palinsesto, ma ha ceduto pezzi prelibati di Champions a bein ports, il canale sportivo di Al Thani. Inoltre Canal+ e Al Jazeera hanno GD interessi comuni in pagna, l altro terreno di caccia del progetto internazionale di Mediaset & Co., in attesa di drizzare le antenne verso la Germania. Rapporti di forza Che siano due o uno i soci di Berlusconi, cambia poco per lo scenario pallonaro. In entrambi i casi in Italia nascerà, o meglio si potenzierà, un big della pay in grado di rivaleggiare ad armi pari, in termini di liquidità da investire, con ky. Basti solo pensare all attuale differenza di fatturato tra le due piattaforme: 55 milioni per Mediaset Premium,,9 miliardi per ky Italia. Finora la televisione a pagamento è stata un avventura in rosso per Fininvest. Impossibile competere con Murdoch, neppure dopo la migrazione degli utenti dall analogico al digitale. Un gap che si è manifestato platealmente nel calcio. ky paga attualmente più del doppio di Mediaset per trasmettere la erie A: 56 milioni contro 68. È vero che la prima fa vedere tutte le partite e l altra ha squadre su 0, ma Mediaset ha comunque in portafoglio i team col bacino d utenza più ampio. Che i rapporti di forza stessero mutando si è capito due mesi fa, quando Mediaset ha sorpreso il rivale prendendosi tutta la Champions 05-8 in cambio della cifra monstre di 690 milioni, con un incremento del % rispetto al ciclo precedente. Tutto rientrava nel piano berlusconiano d internazionalizzazione della pay. Adesso è stato dato un colpo all acceleratore, proprio alla vigilia dell asta per i diritti della erie A del nuovo triennio. La grande sfida Lunedì l assemblea dei club approverà il contratto con l advisor Infront che prevede un minimo garantito da 980 milioni a stagione per il 05-8, con rinnovo automatico in caso di incassi annui per miliardo e 0 milioni. Entro metà maggio la Lega presenterà gli inviti a offrire. Con una Mediaset Premium forte lo scenario cambia radicalmente. Di sicuro è un vantaggio per l intero movimento e per le casse delle società. e prima si temeva un decremento degli introiti televisivi (fino al 05 arriva complessivamente un miliardo a stagione), adesso si può ipotizzare addirittura una crescita. Negli ultimi anni le due pay hanno perso 350mila abbonati, tuttavia la presenza di nuovi attori può ravvivare il mercato: le ricerche parlano di,9 milioni di famiglie potenzialmente interessate. La novità della erie A saranno i pacchetti misti, per piattaforma e per prodotto. La sorpresa potrebbe essere il destinatario: ky sembrava avviato a prendere il meglio, con una buona dose di esclusiva, ma se Mediaset ha capitali freschi... ROMA CANDIDATA PARLA IL N. FIGC ALBERTINI L Italia a Euro 00 «Il nostro dossier è di sicuro vincente» MAURIZIO GALDI «La Federazione è partita da due candidature non riuscite (quelle degli Europei del 0 e 06, ndr), quindi ha messo su una macchina organizzativa forte che ha realizzato un dossier innovativo e, sono sicuro, vincente». Così il vicepresidente Figc e responsabile del Club Italia, Demetrio Albertini, ha parlato della presentazione del dossier per la candidatura di Roma a ospitare le partite dell Europeo 00, il primo itinerante. Perché Roma «La Federazione spiega ancora Albertini in questo momento sta sostenendo due candidature: quella di Milano a ospitare la finale di Champions del 06, e quella di Roma per l Europeo 00. Per l Europeo la scelta è caduta su Roma per due motivi fondamentali. Roma e l Italia sono state la culla dell Unione europea e proprio per questo pensiamo che non possano essere escluse da questo Europeo». Il torneo del 00 coinvolgerà 3 Paesi: anche per questo si parla già di Europeo delle Capitali. Il dossier I punti di forza del dossier italiano per l Europeo, che festeggia i 60 anni, sono la tradizione del calcio italiano, il valore universale di Roma e le location a disposizione dei tifosi. In più, spazio al ruolo dell Italia e di Roma nel processo di unificazione europea, alla favorevole posizione geografica del Paese, alla qualità dell accoglienza italiana e alla capacità ricettiva di Roma in varie tipologie di comfort, al fascino dell Olimpico e alla funzionalità del suo modello organizzativo, come dimostrato in numerosi eventi nazionali e internazionali. Positivo anche il gradimento dell opinione pubblica, come emerge dai risultati di un sondaggio Doxa, in base al quale il 77,% del campione intervistato apprezza il nuovo format dell evento e il 73% è d accordo sulla scelta di ospitare le partite in Italia. INIZIATIVA LEGA-UIP Col «Calciastorie» si parla di razzismo (n.z.) È partito dal Liceo portivo an Vincenzo de Paoli di Bologna il progetto «Calciastorie», con cui Lega di erie A, Uisp, Ministero del Lavoro e Aic vogliono combattere il razzismo nelle scuole di 5 città, raccontando esempi di integrazione tratti dal mondo del calcio. L iniziativa è finanziata con i soldi delle multe inflitte dal giudice sportivo ai club di A.

14 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0

15 ERIE A LA GUIDA VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT 5 35 ª GIORNATA CLAIFICA QUADRE PUNTI PARTITE RETI G V N P F JUVENTU ROMA NAPOLI FIORENTINA INTER MILAN PARMA TORINO LAZIO VERONA ATALANTA AMPDORIA GENOA UDINEE CAGLIARI CHIEVO BOLOGNA AUOLO LIVORNO CATANIA CHAMPION PRELIMINARI CHAMPION EUROPA LEAGUE RETROCEIONE ROMA (-3-3) MILAN (--3-) OGGI Ore 0.5 ARB. Tagliavento (-) MAICON 3 NAINGGOLAN 7 GERVINHO 3 TAARABT MUNTARI CONTANT TOLOI 5 BALOTELLI KAKA 5 MEXE 6 DE ANCTI 6 DE ROI 0 TOTTI CATAN 5 3 DODÒ 8 MONTOLIVO RAMI 3 3 ABBIATI 5 PJANIC 8 LJAJIC 0 HONDA 5 BONERA PANCHINA Lobont, 8 korupski, 33 Jedvaj, 6 Romagnoli, 35 Torosidis, 0 Bastos, Taddei, Florenzi, 96 Ricci, 9 Mazzitelli, 99 Berisha. ALL. Garcia. BALLOTTAGGI Maicon- Torosidis 80-0%, Ljajic-Florenzi 80-0%. QUALIFICATI Destro (). DIFF. Castan, Nainggolan, Romagnoli. IND. trootman, Benatia, Balzaretti. PANCHINA Amelia, 59 Gabriel, 0 Abate, De ciglio, 8 Zaccardo, 6 ilvestre, 7 Zapata, 8 Emanuelson, 5 Essien, 6 Poli, 7 Robinho, Pazzini. ALLENATORE eedorf. BALL. Constant-Abate 60-0%, Honda- Poli 60-0%. QUALIFICATI De Jong (). DIFFIDATI Abbiati, Bonera. INDIPON. Cristante, Birsa, aponara..80 X BOLOGNA (3-5--) FIORENTINA (-3--) DOMANI Ore 8 ARB. Massa (0-3) 5 ANTONON KRHIN 8 GARIC CUADRADO 0 BORJA VALERO CURCI NATALI VARGA AVIC 66 5 G.RODRIGUEZ NETO CHERUBIN CHRITODOULOPOULO PAZIENZA 9 3 MORLEO 33 9 KONE BIANCHI 7 7 JOAQUIN ILICIC 7 0 PIZARRO AQUILANI 0 TOMOVIC PANCHINA 3 tojanovic, 6 ørensen, Mantovani, 35 Cech, Friberg, 3 Laxalt, 5 Perez, 0 Ibson, 0 Moscardelli, Acquafresca, 88 Paponi, 99 Cristaldo. ALL. Ballardini.BALLOTTAGGI Bianchi- Cristaldo 55-5%. QUAL. nessuno. DIFF. Antonsson, Cherubin, Christodoulopoulos, Garics, Pazienza. INDIP. Della Rocca, Crespo. PANCHINA 5 Rosati, Lupatelli, 3 Diakitè, Roncaglia, 5 Compper, 8 Bakic, 88 Anderson, Ambrosini, 7 Wolski, 30 Matos, 9 Rossi. ALL. Montella. BALL. Joaquin Matos 60-0%, Aquilani Ambrosini 70-30%. QUAL. Pasqual (), Matri (). DIFF. Compper, Aquilani, Matos, Ambrosini, Neto. IND. Hegazi, M.Gomez, Rebic, Mati Fernandez. 3.5 X INTER (3-5-) NAPOLI (--3-) DOMANI Ore 0.5 ARB. Rizzoli (-) CAMPAGNARO 3 RANOCCHIA 5 REINA 6 ANDREOLLI HERNANE KOVACIC D AMBROIO CAMBIAO NAGATOMO 8 9 PALACIO ICARDI 9 HIGUAIN MERTEN 8 7 HAMIK 88 JORGINHO INLER GHOULAM 3 5 BRITO HANDANOVIC ALBIOL 33 7 CALLEJON HENRIQUE PANCHINA Carrizo, Castellazzi, Zanetti, Jonathan, 5 Donkor, 3 Guarin, 7 Kuzmanovic, Taider, 0 Botta, Milito. ALL. Mazzarri. BALL. D Ambrosio-Jonathan 60-0%, Kovacic-Guarin 70-30%. QUAL. Rolando (), amuel (). DIFF. Nagatomo, Taider, Alvarez, Jonathan, Palacio, Cambiasso, Juan Jesus IND. Juan Jesus, Alvarez. PANCHINA 80 Doblas, 5 Colombo, 6 Mesto, Reveillere, 8 Zuniga, 85 Behrami, 0 Dz i, Radosevic, Insigne, 9 Pandev, 9 Zapata. ALL. Benitez. BALL. Hamsik-Insigne 60-0%, Britos-Reveillere 60-0%, Jorginho-Behrami 60-0%, Hamsik- Pandev 60-0%. QUAL. Fernandez (). DIFF. Pandev, Dz i, Maggio, Jorginho, Behrami. IND. Rafael, Maggio..5 X VERONA (-3-3) CATANIA (-3-3) DOMENICA Ore.30 ARB. Russo (0-0) PILLUD ROMULO 5 ITURBE 8 BARRIENTO 5 RINAUDO MORA 8 30 DONADEL MAIETTA 9 TONI 9 BERGEIO 0 LODI MONZON 8 GYOMBER RAFAEL FRION ALBERTAZZI 3 0 HALLFREDON 7 MARQUINHO LETO 3 IZCO POLLI 5 PERUZZI PANCHINA Andrade, 9 Cacciatore, 5 Marques, 33 Agostini 3 A. Gonzalez, 6 ala, 7 Donsah, Cirigliano, Jankovic, Gomez, 8 Cacia, 9 Rabusic. ALL. Mandorlini. BALLOTTAGGI Maietta-Marques 80-0%, Donadel-Cirigliano 70-30%. QUAL. nessuno. DIFFIDATI Iturbe. INDIPONIBILI Donati, Martinho. PANCHINA 35 Ficara, 5 Rolin, 6 Legrottaglie, 3 Biraghi, 33 Capuano, Alvarez, 8 Plasil, 7 Fedato, 9 Castro, 3 Boateng, 6 Keko, 3 Petkovic. ALL. Maran. BALL. Leto-Keko 60-0%, Gyomber-Rolin 70-30%, Izco-Plasil 60-0%. QUAL. nessuno. DIFF. Castro, Legrottaglie, Keko, Biraghi, Bellusci, Leto, Bergessio. IND. Bellusci e Almiron..0 X CAGLIARI (-3-3) PARMA (-3-3) DOMENICA Ore 5 ARB. Gervasoni (0-0) ROETTINI 5 3 PERICO ATORI DEENA 0 IBRAIMI 7 PALLADINO 6 PAROLO ILVETRI 5 CONTI 9 AU 99 CAANO 5 GARGANO 83 MIRANTE AVELAR 8 6 ERIKON 5 PINILLA 7 BIABIANY 30 ACQUAH MOLINARO 3 6 FELIPE 9 LUCARELLI CAANI PANCHINA 8 Carboni, Pisano, 9 Oikonomou, Tabanelli, 7 Cossu, Cabrera, 8 Nené. ALL. Lopez. BALLOTTAGGI Perico Pisano 70-30%; Eriksson Tabanelli 70-30%. QUALIFICATI Avramov (), Ibarbo (). DIFFIDATI Conti, Perico. INDIPONIBILI Murru, Ekdal, Vecino, Adryan. PANCHINA 9 Bajza, Pavarini, 35 Rossini, 8 Gobbi, 8 Galloppa, Munari, 6 Mauri, 0 Obi, 3 Marchionni, 3 chelotto, Amauri. ALL. Donadoni. BALLOTTAGGI Palladino-chelotto 60-0%, Acquah-Marchionni 60-0%, Palladino-Amauri 55-5%. QUAL. Paletta (). DIFF. Lucarelli, Pozzi. IND. Pozzi e Vergara. 3.0 X PROIMO TURNO Domenica maggio, ore 5 CATANIA-ROMA (and. 0-) CHIEVO-TORINO (-) GENOA-BOLOGNA (0-) PARMA-AMPDORIA (-) UDINEE-LIVORNO (-) MILAN-INTER ore 0.5 (0-) Lunedì 5 maggio LAZIO-VERONA ore 9 (-) JUVENTU-ATALANTA ore (-) Martedì 6 maggio FIORENTINA-AUOLO ore 9 (-0) NAPOLI-CAGLIARI ore (-) Taccuino PRIMAVERA Pescara-Brescia oggi già in campo Anticipo della penultima giornata del torneo Primavera nel girone B tra Pescara e Brescia (ore.30). I lombardi vincendo aggancerebbero l Udinese al quinto posto. Il programma (in campo domani alle ore 5): Girone A Modena- Bologna, Novara-Carpi, Empoli-Cesena, iena-genoa, ampdoria-juventus, Torino-Parma, assuolo-pezia. Girone B Pescara-Brescia, Padova- Cagliari, Verona-Chievo, Inter-Ternana, Atalanta-Varese, Cittadella-Lanciano, Udinese-Milan (domenica ore.30). Girone C Latina-Avellino (domenica ore.30), Bari-Fiorentina (ore.30), Crotone-Juve tabia (ore ), Palermo- Livorno (ore 5), Lazio-Reggina (ore ), Catania-Trapani (ore 5), Napoli-Roma (ore.30). LIVORNO (3---) LAZIO (-3--) DOMENICA Ore 5 ARB. De Marco (0-) 33 VALENTINI GRECO 9 5 BIGLIA KEITA BARDI 3 EMERON DUNCAN 7 BIAGIANTI 87 6 CANDREVA MAURI LEDEMA 7 CATELLINI MEBAH 6 9 ILIGARDI PAULINHO BELFODIL LULIC 9 7 CANA 3 ONAZI BIAVA 0 7 PEREIRINHA MARCHETTI PANCHINA Anania, 37 Aldegani, 0 Emeghara, Mosquera, 9 Borja, 85 Coda, 3 Gemiti, Piccini, Benassi, 77 Rinaudo, 6 Bartolini, 95 Tiritiello. ALL. Nicola. BALL. Duncan-Benassi 60-0%, Belfodil-Emeghara 60-0%. QUAL. nessuno. DIFF. Emeghara, Bardi, Luci, Greco, Benassi, Paulinho, Coda, Emerson, Castellini, Rinaudo. IND. Luci, Ceccherini, Mbaye. PANCHINA Berisha, 95 trakosha, Ciani, 39 Cavanda, 58 Minala, Crecco, 5 Gonzalez, Kakuta, 7 F. Anderson, 3 Perea, 6 Postiga. ALL. Reja. BALLOTTAGGI Marchetti-Berisha 60-0%, Pereirinha-Gonzalez 90-0 %. QUAL. Novaretti (), Radu (). DIFF. Cana, Candreva, Cavanda, Ledesma, Onazi, Perea. IND. Dias, Ederson, Klose, Konko. 3.5 X AMPDORIA (--3-) CHIEVO (-3--) DOMENICA Ore 5 ARB. Orsato (-0) 30 FIORILLO DE ILVETRI GATALDELLO MUTAFI REGINI 7 0 PALOMBO KRTICIC 3 GABBIADINI EDER ORIANO 3 GUARENTE FREY 0 OBINNA 7 MAXI LOPEZ THEREAU HETEMAJ 7 L. RIGONI CEAR DAINELLI 3 5 AGAZZI 8 RADOVANOVIC 7 ARDO PANCHINA Da Costa, Fornasier, alamon, 3 Costa, 3 Berardi, 6 Rodriguez, 5 Renan, Bjarnason, 77 estu, 5 Wszolek, ansone, 9 Okaka. ALL. Mihajlovic. BALL. Maxi Lopez-Okaka 60-0%. QUAL. nessuno. DIFFIDATI estu, Wszolek, Obiang, Okaka. INDIPONIBILI Obiang. PANCHINA Puggioni, 8 quizzi, Bernardini, 5 Canini, Dos antos, 6 Kupisz, 9 Bentivoglio, Calello, 7 Lazarevic, 3 Pellissier, 39 toian ALL. Corini. BALLOTTAGGI Obinna- Pellissier 60-0%. DIFFIDATI Bentivoglio, Pellissier, Frey, Cesar, Hetemaj. QUAL. Guana (). INDIP. Paredes, Dramè, Rubin, Paloschi,.0 X TORINO (3-5-) UDINEE (-3--) DOMENICA Ore 5 ARB. Valeri (-0) 5 BOVO CERCI 30 PADELLI 5 GLIK 9 3 MURIEL BRUNO FERNANDE 66 3 PINZI ALLAN MORETTI MAKIMOVIC DUNCAN DARMIAN KURTIC EL KADDOURI 9 IMMOBILE 37 PEREYRA 7 BADU GABRIEL ILVA HEURTAUX DANILO WIDMER CUFFET PANCHINA 3 L. Gomis, 3 Berni, 9 Vesovic, Gazzi, 77 Tachtsidis, 69 Meggiorini, 0 Barreto, 6 Larrondo. ALLENATORE Ventura. BALLOTTAGGI nessuno. QUALIFICATI Gillet (6/08/0). DIFFIDATI Bovo, Kurtic, Padelli, Tachtsidis e Vives. INDIPONIBILI Basha, Farnerud, Masiello, Pasquale, Rodriguez. PANCHINA Brkic, 99 Benussi, Naldo, 6 Bubnjic, 8 Basta, 8 Jadson, 0 Yebda, 9 Zielinski, 70 Maicosuel, 7 Nico Lopez, 0 Di Natale. ALL. Guidolin. BALLOTTAGGI Widmer- Basta 60-0%, Pereyra-Nico Lopez 70-30%. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Lazzari, Gabriel ilva, Muriel. INDIPONIBILI Domizzi, Kelava, Lazzari..85 X ATALANTA (--) GENOA (3--3) DOMENICA Ore 0.5 ARB. Peruzzo (-) 77 BENALOUANE 9 DEL GROO 7 RAIMONDI TENDARDO 0 CIGARINI 8 BONAVENTURA 0 ETIGARRIBIA MIGLIACCIO 9 DE LUCA 9 DENI 0 8 CULLI GILARDINO FETFATZIDI TURARO ANTONELLI 3 5 MARCHEE 9 BERTOLACCI 7 CONIGLI DE MAIO 69 PERIN 0 VRALJKO 3 ANTONINI PANCHINA 37 portiello, 78 Frezzolini, 3 Lucchini, caloni, 5 Caldara, 6 Bellini, 8 Brivio, 93 Nica, 5 Giorgi, 8 Baselli, 90 Konè, 9 Bentancourt. ALL. Colantuono. BALL. Cigarini-Baselli 60-0%, Raimondi-Nica-Bellini %. QUAL. Yepes (), Carmona (). DIFF. Denis, Consigli, Cigarini, Estigarribia, Livaja, Benalouane. IND. Cazzola, Brienza, Moralez. PANCHINA 53 Bizzarri, 3 Donnarumma, 90 Portanova, 8 Burdisso, 5 Gamberini, Motta, 33 Kucka, 79 Cabral, Cofie, 9 De Ceglie, 77 Konate, 7 Held. ALL. Gasperini. BALLOTTAGGI Fetfatzidis-Konate 60-0%. QUALIF. nessuno. DIFFIDATI Antonelli, Konate, Motta, turaro. INDIPONIBILI Matuzalem, Calaiò, Centurion..5 X AUOLO (-3-3) JUVENTU (3-5-) LUNEDÌ Ore 0.5 ARB. Damato (0-) GAZZOLA 5 CHIBAH 83 FLORO FLORE 3 CHIELLINI ANTEI 5 8 LONGHI 3 CANNAVARO LLORENTE AAMOAH 8 MARCHIIO 79 PEGOLO MAGNANELLI 0 ZAZA PIRLO 9 BONUCCI 0 TEVEZ LICHTTEINER 6 6 POGBA BUFFON 86 ZIEGLER 7 ANONE 5 BARZAGLI PANCHINA Pomini, 99 Polito, Pucino, 6 Ariaudo, 33 Mendes, 6 Terranova, 87 Rosi, 9 Floccari, Masucci, 70 Farias, 96 anabria. ALL. Di Francesco. BALL. ansone-masucci 55-5%, Zaza-Floccari 60-0%, Gazzola-Rosi 60-0%. QUAL. Biondini, Missiroli, Berardi (). DIFF. Manfredini, Pegolo, Longhi, Marrone, Magnanelli, Gazzola. IND. Alexe, Bianco, Acerbi, Brighi, Manfredini, Marrone. PANCHINA 30 torari, 3 Rubinho, Caceres, 6 Ogbonna, 3 Peluso, 0 Padoin, 33 Isla, 3 Vidal, Giovinco, 8 Osvaldo, 9 Vucinic, 7 Quagliarella. ALLENATORE Conte. BALLOTTAGGI Barzagli-Caceres 60-0%, Bonucci-Ogbonna 70-30%. QUAL. nessuno. DIFFIDATI Llorente. INDIPONIBILI nessuno X IL GIOCO PUÒ CAUARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO ÈVIETATO AI MINORI DI 8ANNI CAMPIONATO ERIE A 03/0 Ven. 5/ ore 0.5 MATCH UNICO, GIOCATA COMBO. ROMA X vs MILAN UNDER,5 OVER, Quanto ne sai di calcio? Prova le nuove giocate combo e scommetti con Better sul big match. ANCHE LIVE! +UNDER.60 Vince la Roma e la partita finisce con meno di 3 gol +OVER.60 Vince la Roma e la partita finisce con 3 o più gol Provale anche in combinata. X+UNDER.85 Finisce in pareggio, con meno di 3 gol X+OVER.00 Finisce in pareggio, con 3 o più gol +UNDER 9.00 Vince il Milan e la partita finisce con meno di 3 gol +OVER 6.50 Vince il Milan e la partita finisce con 3 o più gol Le quote potrebbero subire variazioni. PUNTI VENDITA APP BETTER.IT Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco sui siti e e presso i punti vendita. LOTTOMATICA COMMEE.R.L. CONC. AAM N.03 e N.33 del 8/03/007, CONC. N.507 del 07/07/0 e CONC. N. 50 del 08/07/03

16 6 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0 LO TUDIO il gol CR7-Coentrao Il Real «verticale» ha scelto così il suo simbolo Ronaldo Passaggio/Tiro Movimento Movimento con palla Tiki taken, tutto qui? Il Bayern ha la palla, ma conta zero Coentrao Coentrao Boateng Dante Alaba Benzema Neuer Benzema d HANNO DETTO Beckenbauer «Il possesso palla non significa nulla se il tuo rivale crea occasioni da rete. Possiamo essere soddisfatti del fatto che il Real abbia segnato un solo gol» Guardiola ha avuto il 7,% di possesso però ha subìto il Real di Ancelotti. In contropiede LUCA Ci sono istituzioni che vivono una crisi d identità. Il posto fisso, il enato, il possesso palla. Real-Bayern è stato un manifesto, una partita che sembra disegnata per spiegare il concetto. Da una parte i rossi che tengono palla, la muovono da destra a sinistra poi ancora a destra e di nuovo laggiù a sinistra, dall altra i bianchi che recuperano palla e ripartono. ono due frecce che si incrociano. Quella del Bayern è orizzontale, come i passaggi sulla trequarti, come i tantissimi cross a cercare Mandzukic. Quella del Real taglia in campo in verticale, perché Ancelotti deve averlo teorizzato a inizio settimana: quando recuperiamo palla, su la testa e cerchiamo uno degli attaccanti. Lo scopo era chiaro: sorprendere il Bayern e arrivare in porta con due, tre, quattro passaggi. Il Real ha completato la missione una sola volta ma il risultato è stato l unico gol della due giorni di coppe più attesa dell ultimo anno. TOCCHI PER ZONA REAL MADRID olo tre oltre la metà campo, zone più battute in difesa Casillas Coentrão Isco Xabi Alonso C. Ronaldo Ramos Benzema Modric Pepe Carvajal BAYERN Otto oltre la metà campo, molti tocchi in attacco (verde scuro) Neuer Dante Boateng I CRO DEL BAYERN Di Maria Alaba Ribery Kroos chweinsteiger Mandzukic Lahm Rafinha Robben Media a partita nella Bundesliga 03-: 8.6 Media nella Champions 03-: 9,6 Mercoledì sera a Madrid: 0 GD GD LE ZONE DEL CAMPO NELLE QUALI I È GIOCATO DI PIÙ 3,9% 5,% 0,0% Real Madrid 7,9% Baricentro a 58 metri I numeri sono impressionanti, soprattutto a livello di passaggi completati. Il dato generale: 705 passaggi per il Guardiol- Bayern, 76 per il Real. Il dettaglio delle combinazioni più sfruttate ha uno squilibrio ancora maggiore. Kroos e Lahm si sono scambiati la palla volte: 3 volte dal giovane al capitano, in direzione opposta. In questa classifica, le 0 linee di passaggio più sfruttate sono tutte del Bayern e il dato, anche se un po di nicchia, è pazzesco: ad alto livello non succede mai, neanche per un Barcellona-Betis di fine febbraio. Il Real, allergico al pallone, è arrivato al massimo a 9 passaggi sulle direttrici Ramos-Pepe e Modric-Di Maria. Di più: il Bayern ha vinto la battaglia del possesso con il 7,%, ha calciato 5 corner contro 3, ha toccato la palla 9 volte contro 77, ha avuto il baricentro a 58,6 metri con il Real fermo a,9. Un orgia di numeri che non ha portato a nulla, perché i tiri nello specchio sono stati nove: cinque per il Madrid, quattro per il Bayern. Beckenbauer dixit: «Il possesso palla è inutile se gli altri hanno le chance migliori». Il signore ha il dono della sintesi: 5 tiri in porta per il Real, per il Bayern. Cross e Kroos La cronaca della morte del tiqui taka si completa con il dato dei cross. Nel manuale in catalano del Barcellona di Guardiola, il traversone era sostanzialmente vietato, invece il Bayern mercoledì alzava la palla molto spesso. Conti a fine partita: i rossi hanno sommato 0 cross, di cui 30 su azione. In Bundesliga, in media, non arrivano a 9. Non a caso, due dei pericoli Possesso palla 7,% Bayern Monaco Dati 7 i passaggi riusciti di Kroos Tutto il Real è arrivato solo a 0, Modric a 33 GD TONI KROO CENTROCAMPITA BAYERN maggiori per Casillas sono arrivati così: sponda di Mandzukic per il tiro di Kroos (respinto) nel primo tempo, sponda di Mandzukic per l aggancio di Muller (mancato) nel recupero. E adesso? Il bello delle sfide andata-ritorno però è che ogni punto di arrivo diventa punto di partenza. Guardiola studierà contromosse per evitare di LINEE DI PAAGGIO Le 0 linee di passaggio più frequenti di Real-Bayern sono tutte dei tedeschi Bayern Real dati Opta PAAGGI Kroos 3 Lahm Lahm Kroos Alaba 9 Ribery Robben 8 Lahm Robben 7 Rafinha Kroos 6 chweinsteiger Kroos 6 Alaba Dante 5 Kroos Kroos 5 Ribery Rafinha Robben Ramos 9 Pepe Modric 9 Di Maria farsi sorprendere dai tagli degli esterni: Coentrao nell azione del gol, Carvajal in una situazione simile nel secondo tempo. tudierà per non aggiungersi all elenco delle vittime da contropiede, a cui appartiene dal 0. Barcellona- Chelsea, ritorno delle semifinali: il Barça ne fa due, poi prende gol da una ripartenza centrale di Ramires e dal nonno di tutti i contrattacco, con Torres lanciato verso la meta in 0 metri di deserto. Ha detto Pep, ripensando a Mourinho: «Il Real da anni gioca in contropiede». Nella sua logica, la frase equivale a un insulto, o almeno a una critica. La verità è che il contropiede dei bianchi sabato è stato da instant book: un manualetto da consigliare a tutte le squadre che si difendono per ripartire. Come nelle arti marziali: assorbo la forza del tuo attacco e la sfrutto a mio vantaggio. Martedì, a Monaco, secondo atto, con Ancelotti che avrà il miglior Cristiano e forse il miglior Bale. Modric, sembra di vederlo, al pensiero ha già quel sorriso slavo. GD Rummenigge «Per il Real sarà un inferno a Monaco. Avremo il sostegno di 70 mila spettatori, se loro pensano a Dortmund sappiano che il confronto non regge» Pep Guardiola, 3 anni BOZZANI MAGIC CHAMPION la lista aggiornata dopo l andata delle semifinali PORTIERI Gir. quadra Cod. Nome Costo Punti B (RMAD) 08 CAILLA 7 7 B (RMAD) DIEGO LOPEZ 6 - D (BAY) 8 NEUER 7 5 D (BAY) 0 TARKE - E (CHE) 09 CECH - E (CHE) 37 CHWARZER 6,5 G (ATL) 0 ARANZUBIA - G (ATL) 0 COURTOI 0 6 DIFENORI Gir. quadra Cod. Nome Costo Punti B (RMAD) 3 ARBELOA 8 - B (RMAD) 36 CARVAJAL 6 7 B (RMAD) COENTRAO 7 8 B (RMAD) 35 MARCELO - B (RMAD) 36 NACHO - B (RMAD) 358 PEPE 7 B (RMAD) 375 ERGIO RAMO 3 6 B (RMAD) 397 VARANE 9 6,5 D (BAY) 03 ALABA 9 6,5 D (BAY) 3 BOATENG 0 6 D (BAY) CONTENTO - D (BAY) 8 DANTE 5 D (BAY) 3 LAHM 3 6 D (BAY) 36 RAFINHA 7 D (BAY) 39 VAN BUYTEN - E (CHE) 5 AZPILICUETA 9 6,5 E (CHE) 33 CAHILL 6,5 E (CHE) COLE 8 6,5 E (CHE) 50 DAVID LUIZ 6,5 E (CHE) 95 IVANOVIC 7 - E (CHE) 389 TERRY 7 E (CHE) KALA - G (ATL) 05 ALDERWEIRELD 6 - G (ATL) 73 FILIPE 3 7 G (ATL) 8 GODIN 6 G (ATL) 93 INUA - G (ATL) 303 JUANFRAN 9 6 G (ATL) 339 MIRANDA 7 6 CENTROCAMPITI Gir. quadra Cod. Nome Costo Punti B (RMAD) 5 BALE 37 6 B (RMAD) 57 CAEMIRO 7 - B (RMAD) 57 DI MARIA 0 5,5 B (RMAD) 598 ILLARRAMENDI 9 6 B (RMAD) 60 ICO 9 6,5 B (RMAD) 65 KHEDIRA 6 - B (RMAD) 637 MODRIC 8 7 B (RMAD) 75 XABI ALONO 7 D (BAY) 580 GOTZE 6 D (BAY) 60 KROO 8 5,5 D (BAY) 69 MARTINEZ 8 5,5 D (BAY) 639 MULLER 9 6 D (BAY) 67 RIBERY 3 5 D (BAY) 673 ROBBEN 3 5,5 D (BAY) 685 CHWEINTEIGER 9 5 D (BAY) 688 HAQIRI 5 - D (BAY) 700 THIAGO 9 - E (CHE) 589 HAZARD 6 - E (CHE) 6 LAMPARD 5 E (CHE) 63 MIKEL 6 5,5 E (CHE) 66 OCAR 0 - E (CHE) 666 RAMIRE 5 6,5 E (CHE) 68 CHURRLE 5 6 E (CHE) 707 VAN GINKEL - E (CHE) 7 WILLIAN 6 G (ATL) 507 ARDA TURAN 9 6 G (ATL) 573 GABI 5,5 G (ATL) 67 KOKE 7 6,5 G (ATL) 668 RAUL GARCIA 9 5 G (ATL) 67 RODRIGUEZ 8 - G (ATL) 696 UAREZ 7 6 G (ATL) 70 TIAGO 6 - G (ATL) 7 DIEGO RIBA 6 7 G (ATL) 73 OA 9 5,5 ATTACCANTI Gir. q. Cod. Nome Costo Punti B (RMAD) 86 BENZEMA 33 0 B (RMAD) 85 JEE' 9 - B (RMAD) 873 MORATA 0 - B (RMAD) 890 RONALDO 57 6 D (BAY) 86 MANDZUKIC 3 5 D (BAY) 88 PIZARRO 9 - E (CHE) 80 BA 8 - E (CHE) 835 ETO'O 3 - E (CHE) 90 TORRE 9 5 G (ATL) 803 ADRIAN 6 - G (ATL) 89 DIEGO COTA 7 5 G (ATL) 95 VILLA -

17 MONDO VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT 7 PAGNA BARCELLONA IN ANIA PER L EX ALLENATORE, MALATO DI TUMORE ALLA GOLA DAL NOVEMBRE 0 Vilanova operato di nuovo per il cancro: è in fin di vita DAL NOTRO CORRIPONDENTE FILIPPO MARIA MADRID Tito Vilanova sta lottando per la vita. L allenatore che solo mesi fa ha guidato il Barça al successo in Liga è ricoverato nella clinica Quiron di Barcellona da venerdì scorso e ieri è stato operato d urgenza allo stomaco per complicazioni gastriche, legate al nuovo attacco del cancro alla ghiandola parotide. La notizia ignorata nei giorni scorsi dai giornali spagnoli e catalani impegnati a mantenere il massimo riserbo, ieri è scappata di bocca a un cronista ed è diventata virale su twitter con relativa pioggia di messaggi d incoraggiamento e affetto all ex tecnico blaugrana. L amicizia con Pep Tito ha 5 anni e la sua vita è stata a lungo legata al Barcellona e a Pep Guardiola. I due a metà degli anni 80 si sono trovati insieme alla Masia, la sede della cantera del Barcellona, ed è nata una grande amicizia, incrinata e risaldata in tempi recenti. Il calcio ha separato i destini dei due ragazzi, grande carriera per Pep, modesta per Tito, e poi li ha riuniti: nel 007 Pep al debutto in panchina chiama Tito a dargli una mano al Barça B. Insieme lo portano dalla quarta alla terza serie e nell estate del 008 i due passano al Barça vero. Il resto è storia, trionfale e tragica. Tito Vilanova con Leo Messi durante una partita del Barcellona AFP Il decorso della malattia Il novembre 0 a Vilanova viene diagnosticato il tumore alla gola. Operato d urgenza, riappare al fianco di Guardiola dopo due sole settimane. Tutto sembra procedere per il meglio tanto che nell aprile del 0 il Barça lo presenta come sostituto di Pep, deciso a prendersi un sabbatico, e in maggio il medico del club Pruna annuncia che Tito è totalmente recuperato. Il 0 dicembre 0 però il male torna a farsi vivo: Vilanova viene operato di nuovo e in gennaio parte per New York, dove resta mesi per trattamenti di chemio e radioterapia. Guida la squadra dagli tati Uniti e torna in tempo per guidarla al successo in Liga. Tutto sembra procedere per il meglio ma a luglio Vilanova è costretto a rinunciare alla panchina per curarsi e il Barça chiama il Tata Martino. Da allora le condizioni di Tito hanno subito un lento ma costante peggioramento. Il Brasile brucia Una tensione Mondiale per stadi e sicurezza Corsa contro il tempo: molti impianti non sono pronti e la guerra tra la polizia e i trafficanti di droga infiamma le favelas di Rio MAURICIO CANNONE RIO DE JANEIRO A un mese e mezzo dall apertura del Mondiale il Brasile deve ancora risolvere molti problemi politico-sociali e tecnici, come la messa a punto di alcuni stadi. Certe opere di mobilità urbana e negli aeroporti lasciano a desiderare. Ma tutto sarà pronto per il torneo, promettono gli organizzatori. E se c è qualche rivolta nelle favelas, non ha alcuna relazione con il Mondiale. La situazione comunque non è a livelli di guerra civile come hanno suggerito notizie allarmanti che hanno fatto il giro del mondo. Nel giugno del 03, in occasione della Confederations Cup, l atmosfera era molto più tesa a causa delle manifestazioni politiche, ora molto diminuite. La vicenda che ha fatto più rumore negli ultimi giorni è stata l uccisione di un ballerino durante una retata della polizia nell area delle favela Pavão-Pavãozinho sopra Copacabana, uno dei quartieri più turistici di Rio. i chiamava Douglas Rafael da ilva Pereira, 6 anni, noto come DG: un proiettile gli ha perforato il polmone. IL C.T. DELLA ELEÇAO E colari rivela i primi 9 convocati C è Julio Cesar (m.can.) Felipe colari, c.t. brasiliano, ha annunciato i primi 9 convocati mondiali. i tratta di Julio Cesar, David Luiz, Ramires, Willian, Oscar, Paulinho, Thiago ilva, Fred e Neymar. Di quest ultimo, molto criticato nella Liga, ha detto: «arà accolto bene, anche se il gioco del Barcellona è diverso». La lista dei 3 sarà data il 7 maggio a Rio. C è chi accusa l UPP, Unità di Polizia Pacificatrice, di averlo assassinato. Le UPP sono state messe in varie favela di Rio per porre fine al dominio del traffico di droga. La morte di DG ha scatenato proteste con barricate di fuoco, chiusura di negozi e un morto (altro proiettile) durante gli incidenti. icurezza I brasiliani ritengono che la polizia abbia ereditato metodi truculenti dai tempi della dittatura militare che governò il Paese dal 96 al 985, ma nello stesso tempo sostengono che i trafficanti hanno tutto l interesse di destabilizzare la situazione e mettere la popolazione contro le forze dell ordine. In ogni caso, come accadde per i grandi avvenimenti ospitati dal Brasile negli ultimi anni (i Giochi Panamericani, la conferenza per l ambiente, la visita di Papa Francesco), il sistema di sicurezza verrà rinforzato per il Mondiale. i parla di circa 70 mila agenti dispiegati nelle città «mondiali». tadi Nel frattempo, allarma ancora la questione stadi. L Arena Corinthians, teatro di Brasile-Croazia, gara d esordio mondiale in programma il giugno a an Paolo, non è ancora pronta. i prevedono un paio di partite per la seconda meta di maggio come test. Anche L Arena Pantanal a Cuiabá, nella regione centroovest del Paese, preoccupa: delle 0 mila poltroncine da sistemare, ne mancano 5 mila. La ristrutturazione dell aeroporto locale non è conclusa e forse non lo sarà nemmeno per il Mondiale. L Arena da Baixada, lo stadio di Curitiba, ha scampato il pericolo di rimanere fuori dal torneo, ma si prevede che sarà pronta soltanto all ultimo momento. Ci sarà una partita-test il maggio, ma forse senza 3 mila poltroncine. Auto bruciate e coprifuoco con la polizia speciale (Upp, unità polizia pacificatrice) a fare la ronda nella favela Pavao- Pavaozinho, dove è stato ucciso il ballerino Douglas Da ilva Pereira. Un poliziotto appostato come un cecchino 3 Il Cristo del Corcovado, simbolo di Rio, e sullo sfondo, il nuovo Maracanà 3 OGGI IN CAMPO Gli anticipi pagna, Germania e Francia Oggi si giocano degli anticipi in Liga, Bundesliga e Ligue Liga Elche-Levante, ore Classifica (prime posizioni): Atletico Madrid 85 punti, Barcellona 8, Real Madrid 79, Athletic Bilbao 6, iviglia 59 Bundesliga Hannover- toccarda, ore 0.30 Classifica (prime posizioni): Bayern Monaco 8 punti (campione), Borussia Dortmund 6, chalke 58, Bayer Leverkusen 5 Ligue Nantes- Olympique Marsiglia, ore 0.30 Classifica (prime posizioni): Psg 8 punti, Monaco 7, Lilla 6, aint Etienne 57, Lione 55 FRANCIA VOCI DI EONERO AL MONACO Ranieri: «Il mio futuro? I tecnici come i mariti... ultimi a sapere le cose» PARIGI Due estati fa si presentò ai giornalisti con una battuta: «Bonjour, je suis Catherine Deneuve». Ovvero le poche parole che già sapeva di francese. Claudio Ranieri oggi gestisce con lo stesso humour il finale di stagione del Claudio Ranieri, 6 anni Monaco e le voci che lo spingono verso l esonero: «L allenatore è come il marito cornuto, è sempre l ultimo a sapere le cose». Da settimane il tecnico affronta le domande sul futuro, molto incerto per i media. Anche per via dell ambiguità con cui il d.g. Vadim Vasilyev si è espresso sul rinnovo: «Ranieri va a scadenza nel 05 e di contratto se ne riparla a fine stagione». Il Monaco comunque sta per certificare l obiettivo posto, ma l eliminazione poco gloriosa in semifinale di coppa di Francia sul campo del modesto Guingamp avrebbe indisposto il proprietario russo Rybolovlev. Così è scattata la girandola di nomi dei successori: da Zidane a imeone, da Conte a Mancini, passando per Allegri, Jorge Jesus e Blanc. Ranieri replica : «Le voci le sento, ma mi fido delle smentite dei dirigenti con cui c è rispetto reciproco». E chiude con un altra battuta: «e il Monaco vuole continuare a vincere farebbe meglio a tenermi». ui media si evoca comunque una buonuscita da 3 milioni di euro. Cornuto magari sì, mazziato no. Alessandro Grandesso INGHILTERRA CLUB DI CHAMPIONHIP Bolton made in Italy Per anni giocherà nel «Macron tadium» Nasce una partnership storica: la Macron, azienda bolognese che si occupa di abbigliamento sportivo, legherà il suo nome allo stadio del Bolton, club inglese che milita nella Championship (la B inglese). E così nasce il «Macron tadium»: per la prima volta nella storia un azienda italiana darà il suo nome all impianto calcistico di una squadra inglese. La partnership si allargherà per i prossimi quattro anni anche al materiale tecnico da fornire al Bolton. Benefici Phil Gartside, presidente del club, ha dichiarato: «È un accordo che ci entusiasma molto e che porterà dei notevoli benefici al nostro club. iamo molto orgogliosi di portare il brand Macron sia nello stadio che nella squadra per le prossime stagioni. iamo stati molto colpiti dalla loro passione per il calcio e dalle loro idee per far crescere questa partnership. È un azienda ambiziosa e innovativa, e noi non vediamo l ora di diventare uno dei loro club di punta». Così, dopo nomi di assicurazioni e compagnie aeree, ecco un marchio italiano che esplora nuovi mercati. m.b.

18 8 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0

19 VENERDÌ 5 APRILE 0 LA GAZZETTA DELLO PORT 9 lamotogp di FILIPPO FALAPERA IN ARGENTINA C È LA ROIMANIA VALE VINCE MENO MA PIACE LO TEO T ermas de Rio Hondo è una piccola cittadina dedicata alle vacanze benessere, un po vecchiotta, che per una settimana sarà travolta dalle moto. Dappertutto ci sono i simboli della MotoGP, dei piloti. oprattutto di Valentino Rossi: magliette, caschi, addirittura macchine verniciate con i suoi colori. E poi per strada, nei negozi, le foto di Vale rivaleggiano con quelle di Papa Francesco e, non ce ne voglia Bergoglio, il profano pilota batte nettamente la sacra immagine del pontefice. Un abbraccio caloroso, talvolta anche troppo. L altra sera Valentino stava «tranquillamente» mangiando in uno dei ristoranti sul corso principale di Termas (ma più che altro è una stradina...), con dietro le vetrate decine di appassionati pronti a scrutare ogni gesto del campione. Che quando è uscito è stato addirittura assaltato dai tifosi, tanto che è dovuta intervenire la polizia per riuscire a raggiungere l auto. tesso discorso all arrivo in aeroporto, mercoledì pomeriggio, quando i pochi metri della hall del piccolo (ma efficiente) aeroporto proprio a un passo dalla pista, sono diventati una specie di via crucis di foto e autografi. Del resto, troppo italiano è questo Paese. i calcola che più della metà della popolazione argentina 0-5 milioni di persone - abbia un po di sangue italiano nelle vene. Il pepe in più ce lo mette la passione per i motori. Reciproco: basti ricordare l affetto degli italiani per il Carlos Reutemann ferrarista Quindi, anche qui Rossimania. Non è il primo circuito e non sarà l ultimo dove la si può toccare con mano. Però stupisce vedere una grande tribuna dedicata a «Valentino Rossi VR6»: sono 500 posti, tutti già venduti, anche se non solo ai tifosi vestiti di giallo. Insomma c è tutto per un grande fine settimana. Ma occorre mettersi in modalità Qatar per dimenticare il Texas. l Analisi LA JUVE HA 3 O CAMPIONI IN MENO RIPETTO ALLE REGINE D EUROPA di PAOLO CONDÒ I Paul Pogba, anni, con Andre Gomes REUTER ilcaso CARO PLATINI, MA CHE ROBA È QUETO FAIR PLAY FINANZIARIO? di MARCO IARIA M ichel Platini, uno che non ha peli sulla lingua e che piace anche per i suoi modi a volte fuori dal protocollo, stavolta l ha sparata grossa: «e vi aspettate lacrime e sangue sul fair play finanziario, resterete delusi. Ci saranno cose dure ma non l esclusione dalle coppe europee». L ha sparata grossa per due motivi. Il primo di forma: ci sarebbe un iter investigativo e disciplinare ancora da compiere, quella del presidente dell Uefa appare un inopportuna invasione di campo. Il secondo di sostanza: sono parole che danno l idea di un arretramento, come se a Nyon si stessero rassegnando a deporre le armi perché compiere una vera rivoluzione per un calcio sostenibile avrebbe conseguenze inimmaginabili, anche sul piano giudiziario. Il messaggio sembra essere questo: ragazzi, abbiamo scherzato. Tutti quei paroloni d indignazione di fronte alla deriva economica di certi club, tutto quello sforzo per rompere il mecenatismo esasperato e instillare nel sistema il principio dello spendi solo quello che incassi (la famosa regola del break-even), ma ora che si è arrivati al dunque, anziché rimanere in religioso silenzioso, Platini dà una pacca sulle spalle a chi non ha rispettato le regole. ì, perché Le Roi può pure vantarsi dei presunti effetti del fair play («le perdite dei club europei sono scese l ritorno al gol europeo di Carlos Tevez illumina una serata importante per la Juventus, infine battuta dalla prodezza di Lima ma più che viva in prospettiva finale. offerente nel primo tempo com è normale che sia a questi livelli - nessuno può pensare di andare a fare il gradasso nello stadio del Benfica - la squadra di Conte ha dominato la ripresa: per volume di gioco e per coraggio avrebbe meritato il pari, ma quando arriva la primavera delle coppe il discorso dei meriti diventa carta straccia, perché vince chi commette meno errori. E il grande calcio, bellezza. Comunque sia, il ritorno allo tadium è una cruna dell ago da attraversare, ma anche una porta sull estate da spalancare. E la fiducia di farcela non manca. Ma quanto è distante la Juve di ieri sera dall élite continentale, quella che abbiamo visto in azione in Champions martedì e mercoledì, nella grande epifania di Madrid? Alcuni paralleli aiutano a calibrare la risposta. Atletico e Chelsea, protagoniste della prima semifinale, diciamo quella plebea, sono le ultime due detentrici dell Europa League. Il loro ingresso nelle final four della competizione regina ha un po sorpreso - Barcellona e Paris t.germain erano più accreditate - ma in entrambi i casi il verdetto suonava esatto: il che significa, forzando il discorso ma non troppo, che dopo le prime stagioni di assestamento una finale di Europa League oggi valga un quarto di finale di Champions. e ci fate caso, era l ultimo domicilio conosciuto della Juve nel torneo dei grandi - un anno fa uscì dal Bayern, poi campione - prima del terribile flop dello scorso autunno. enza fenomeni - quei cinque o sei giocatori di livello supremo - si può andare ulteriormente più avanti? Il sopravvissuto fra Mourinho e imeone organizzerà di certo piani diabolici per tentare di vincere la finale, nella quale gli spetterà il ruolo di sfavorito. Ma quando mercoledì, nella ripresa di Real-Bayern, il quarto uomo ha fatto via via entrare Bale, Muller e Gotze, è stato inevitabile pensare alla diversa potenza di fuoco delle due corazzate, che il prossimo anno potranno pure contare su Lewandowski (il Bayern) e su chissà quale nuovo galattico il Real. In queste settimane tutto il mondo sta mormorando che se davvero qualche pazzo - sì, lo chiamano così - arrivasse a offrire 50 milioni per Pogba (nessuno crede ai 70 di cui a volte si scrive), il francese andrebbe impacchettato e consegnato prima che l acquirente ci ripensi. arà anche vero. Ma visto che la Juve non può realisticamente ambire a comprare un Messi, un Ronaldo o un uarez, nemmeno con 50 milioni in più nel portafoglio, non avremmo tutta questa fretta di monetizzare un possibile (probabile?) fenomeno miracolosamente pescato a costo zero. Nella speranza che Pogba sia decisivo per risalire la corrente contro il Benfica e per vincere poi l Europa League, non dimentichiamoci che il Mondiale, col suo superiore peso specifico, aumenterà di molto la sua esperienza internazionale. Andando a spanne, oggi Real e Bayern sopravanzano la Juve di tre o quattro campioni: sarebbe una buona cosa ridurre questo gap, non accentuarlo. da,7 a miliardo di euro») ma in un mondo così variegato ci sono le cicale e le formiche. Tutti sanno che certe società se ne sono strafregate delle regole incombenti e, anzi, hanno inventato gli stratagemmi più arditi per aggirarle. Le sponsorizzazioni fittizie, in primis. Come quella dell ente del turismo del Qatar che ha ingrossato le casse del Paris aint-germain: 5 milioni nel 0- e 00 nel 0-3. I valori di mercato sono di gran lunga inferiori. Ipotizzando un tetto di 50 milioni a stagione (e siamo stati generosi), il Psg registrerebbe un deficit aggregato di oltre 00 milioni. Non parliamo di un piccolo sforamento rispetto al rosso consentito di 5 milioni, ma di una violazione gravissima. Una multa farebbe il solletico agli sceicchi. È qui che Platini si gioca la faccia. Buttare fuori dalle coppe il Malaga o il Besiktas è facile, ma ora serve coerenza. È necessaria la stessa severità per big come Psg o Manchester City. La differenza la fanno le punizioni sportive: se non l esclusione dalle coppe, almeno la limitazione delle rose o la penalizzazione di punti. Certo, c è una differenza tra stipendi non pagati e spese eccessive ma ne va della filosofia sottintesa all intero progetto: evitare di drogare il mercato e di creare sogni effimeri. Perché quando i qataroioti, magari dopo il Mondiale 0, si saranno stufati, la principessa parigina rischia di tornare una cenerentola. lavignetta DI TEFANO FROINI TwitTwit IL CINGUETTIO DEL GIORNO MAX CHILTON Pilota di F. con la Marussia C è un Alonso in TEFAN BRADL Pilota MotoGP elfie! L ultima curva del circuito MATTEO TAGLIARIOL Oro a Pechino nella spada i, le ho comprate... E JACK INTINI Palleggiatore nella Trentino #Raiport Finale cudetto 0 Noi siamo in prima Marca la differenza di ANTIAGO EGUROLA Adjunto al director di «Marca» quotidiano sportivo spagnolo Ritorna in auge il difensivismo Una brutta storia L e grandi competizioni Champions League, Mondiali, Europei - rivelano le tendenze del calcio e i cambi che marcheranno il futuro. L anno scorso il Brasile ha vinto la Confederations Cup con un gioco pragmatico e poco allegro. Fu la squadra che commise il maggior numero di falli il doppio di quelli fatti dalla pagna con un proposito molto chiaro: rompere il gioco nella metà campo avversaria, organizzarsi in difesa e prevenire qualsiasi tipo di sorpresa. Neymar è stato il brasiliano più falloso, un dato rilevante e nient affatto casuale. Gli attaccanti carioca hanno commesso più falli dei centrocampisti, e i centrocampisti più dei difensori. Avvicinarsi all area del Brasile era come attraversare un campo minato. Le semifinali della Champions hanno evidenziato un notevole cambio di tendenza rispetto al calcio espresso negli ultimi anni. L egemonia del Barça e i successi della nazionale spagnola avevano generato una passione per il possesso palla e per il gioco offensivo che ora, però, comincia a svanire. La Germania aveva seguito la moda. L Italia è stata meritatamente elogiata per il cambio di stile. Il Bayern Monaco ha deciso di ingaggiare Guardiola. ono tornati protagonisti gli attaccanti laterali e i centrocampisti di fantasia. Hanno recuperato tutto il loro prestigio giocatori con le caratteristiche di Pirlo, Iniesta e Xavi. L Inghilterra, la patria del gioco aereo e della palla lunga, ha accolto con entusiasmo gente come ilva, Mata e Cazorla, tre pesi piuma che fanno magie con il pallone. Tuttavia, sembra che questa epoca stia già volgendo al tramonto. L Atletico Madrid e il Chelsea sono due squadre dalle caratteristiche simili. Preferiscono difendere piuttosto che attaccare. ono maestre nel capitalizzare al massimo gli errori commessi dagli avversari. Martedì si sono affrontate al Manzanares. Il Chelsea si è comportato con l Atletico come normalmente l Atletico suole comportarsi con tutti i suoi rivali. È stata una partita di rara bruttezza. Mourinho ha costruito un muro difensivo al cui cospetto il vecchio catenaccio è un allegra avventura offensiva. La mancanza di interesse per il gioco è stata assoluta. Nessuno degli inglesi ha effettuato due passaggi consecutivi. Per la verità nessuno ci ha provato. Addirittura non si sono affidati nemmeno al contropiede. Una fase di Atletico-Chelsea EPA Mourinho ha messo in piedi un fortino che sembrava impossibile da assaltare. L Atletico ci ha provato, ma è troppo simile al Chelsea. Non gli piace attaccare. Nessuno può stupirsi del fatto che tanto il Chelsea quanto l Atletico abbiano sofferto in modo particolare contro quelle squadre che occupano le ultime posizioni dei rispettivi campionati: West Bromwich, Fulham, underland, Osasuna e Almería. Non dominano l arte di attaccare, e questo è un problema destinato ad aggravarsi con il tempo. Il giorno successivo anche il Real Madrid ha offerto un saggio di quella che è la nuova tendenza del calcio. Ha sconfitto il Bayern con una solida difesa e quattro contropiedi. La prima ripartenza è stata quella che ha deciso il match. Benzema ha depositato la palla in rete al termine d un contrattacco prodigioso, in perfetto stile Real Madrid. Atleti del calibro di Cristiano Ronaldo e Gareth Bale sono implacabili quando hanno spazi a disposizione. Il possesso palla del Real Madrid è stato del 36%. In casa, al Bernabéu. Ancelotti ha ripetuto la stessa disposizione tattica che si era rivelata vincente nella finale della Copa del Rey contro il Barcellona.Ha approfittato dell influenza di Bale per mettere in campo la squadra che più gli piace, soprattutto quando si trova ad affrontare le grandi d Europa, e in particolare i due profeti del possesso palla, il Barcellona e il Bayern. Tuttavia, a differenza del Chelsea, il Real Madrid si è permesso l estetica del contropiede, un arma che Mourinho ha disprezzato contro l Atletico Madrid. La squadra di Ancelotti è più versatile. In ogni caso, tutto sembra indicare un ritorno del calcio difensivo, in Europa e nel mondo. È l effetto che provocano i vincitori. Ed è, a mio modesto parere, un gran peccato.

20 0 LA GAZZETTA DELLO PORT VENERDÌ 5 APRILE 0 ERIE B LA 36 a GIORNATA A MAURIZIO ARRI Maurizio arri, 55 anni, seconda stagione all Empoli: in B ha allenato anche Pescara, Arezzo e Grosseto. Vanta una promozione nel in C con la angiovannese Empoli e Cesena, momento no Ma il treno per la A è in attesa arri aspetta Tavano-Maccarone. Bisoli sorride: tolto il punto di penalizzazione ROBERTO PELUCCHI Giù il cappello davanti al Latina e Crotone: stanno scalando l Everest e vogliono arrivare in cima per piantare la bandiera. Ma il secondo posto come passaporto diretto per la A fa gola a tanti. oprattutto all Empoli, che l ha perso nell ultimo turno dopo averlo difeso da novembre, e al Cesena, che in questa fase decisiva e in un momento di sbandamento ha avuto ieri una bella notizia: tolto il punto di penalizzazione arrivato il 3 aprile (respinto invece il ricorso del iena, per il - dovuto ai mancati pagamenti di maggio e giugno 03). Ma andiamo per ordine. I guai di arri L Empoli la stagione scorsa vide sfumare la promozione nella finale dei playoff, ma non si disperò più di tanto perché aveva posto le basi per riprovarci subito. Il problema è che tutto ruota attorno alla coppia-gol Tavano e Maccarone (ieri ai box) e se non segnano loro, bisogna farsi il segno della croce (8 gol su, ma soltanto a testa nel ritorno). Questo spiega la brusca frenata del 0. E se a un certo punto il Castellani era diventato tabù ( mesi senza vittorie in casa), adesso a preoccupare arri è il rendimento in trasferta (3 sconfitte di fila). Una crisi sul più bello. Il tecnico è convinto che la squadra di oggi non sia forte come quella di un anno fa (ha perso aponara e Regini), ma i tifosi cominciano a mugugnare: le critiche dicono che arri non cambia mai modulo (neppure nell emergenza) e giocano sempre gli stessi. E domani c è lo pezia, che ha battuto Cesena e iena non è la squadra più facile da affrontare in questo momento. Ma una vittoria farebbe di sicuro invertire la tendenza: se davanti quei due tornassero a segnare... e quelli di Bisoli La Corte di giustizia federale ha accolto il ricorso contro il - inflitto dalla Disciplinare. Il Cesena e(difeso da Grassani) ra stato condannato per il ritardo di un giorno nel pagamento degli stipendi di settembre e ottobre. Il presidente Lugaresi si era sempre detto sicuro dell accoglimento del ricorso perché il ritardo era imputabile al «sistema interbancario» e la stessa banca aveva ammesso che il ritardo dipendeva esclusivamente da loro. Ottima notizia dunque dopo le due sconfitte di fila (tra l altro senza gol all attivo) contro pezia e Cittadella. Bisoli ha mille alibi: infortunio dopo infortunio, ha visto cadere i pilastri della squadra e in alcuni casi i migliori sostituti. Capelli, Renzetti e Cascione (senza di lui una vittoria in partite) tornano al momento giusto: la doppia sfida interna con Brescia e Avellino è l occasione giusta per ripartire. Per l occasione il tecnico pensa a un nuovo cambio di modulo: con il si vedrà Belingheri alle spalle di Marilungo e ucci, nel ruolo che un anno fa l ha portato a realizzare gol a Livorno. RIPRODUZIONE IERVA A PIERPAOLO BIOLI Pierpaolo Bisoli, 7 anni, quarta stagione a Cesena: dopo la doppia promozione (008-0) dalla C alla A, è ritornato all inizio della stagione scorsa al posto di Nicola Campedelli GLI ANTICIPI DUE GARE Il Pescara è anti-crisi Il Modena per i playoff i giocano oggi due anticipi: alle 5 Pescara-Novara e alle 8 Modena-Ternana. Due gare delicate: la squadra di Cosmi deve uscire dalla crisi ma riceve un Novara che sta cercando di evitare il playout, quella di Novellino sta scalando verso i playoff e attende una Ternana ostica ma decimata. Ciampi record La giornata regala anche una piccola curiosità: Maurizio Ciampi, l arbitro della gara di Pescara, lunedì farà anche l addizionale a assuolo-juventus. E la prima volta che si verifica una simile doppietta. Il motivo? Le carenze di organico, ma anche un premio a uno dei migliori fischietti della Can B, destinato a ricoprire in futuro una nuova carriera dirigenziale nell Aia. Così domani (ore 5) IL PALERMO A LATINA CON UN TIFOO DOC: IL PREIDENTE DEL ENATO GRAO CLAIFICA QUADRE PUNTI PARTITE RETI G V N P F PALERMO LATINA EMPOLI CROTONE CEENA IENA (-8) PEZIA LANCIANO MODENA TRAPANI AVELLINO PECARA BARI (-3) BRECIA CARPI TERNANA 35 0 VAREE NOVARA CITTADELLA PADOVA REGGINA JUVE TABIA PROMOE PLAYOFF PLAYOUT RETROCEE PROIMO TURNO Venerdì maggio, ore 0.30 PEZIA-REGGINA (-) abato 3 maggio, ore 5 BRECIA-EMPOLI (-) CARPI-PECARA (-) CEENA-AVELLINO (0-0) CITTADELLA-VAREE (-) CROTONE-PADOVA (0-0) JUVE TABIA-LATINA (0-) NOVARA-PALERMO (-) IENA-MODENA (-) TERNANA-BARI (-) LANCIANO-TRAPANI, ore 8 (0-) AVELLINO CROTONE Dentro Togni e Galabinov Biglietti di curva a 5 euro AVELLINO Diversi i dubbi per Rastelli orientato a cambiare modulo e uomini rispetto all ultima gara con la Juve tabia. qualificato Arini, al suo posto spazio per Togni. Infortunato Bittante. In attacco al fianco di Castaldo probabile il ritorno di Galabinov. conti e promozioni per i tifosi: 5 euro il costo del biglietto in curva. QUALIFICATI Arini. DIFFIDATI Ciano, Fabbro, Zappacosta, Millesi, Pisacane. PROBABILE FORMAZIONE (-3--) eculin; Zappacosta, Izzo, Fabbro, Pisacane; D Angelo, Togni, chiavon; Ciano; Castaldo, Galabinov. All. Rastelli. Ligi è di nuovo disponibile In cinque per l Under CROTONE Torna disponibile Ligi, l unico ancora in dubbio è Giannone reduce da un attacco febbrile. Crotone sempre più azzurro con Bernardeschi, Dezi, Crisetig, Cataldi e uagher convocati da Di Biagio per lo stage dell Under. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Galardo, Bidaoui, Crisetig, Bernardeschi, Dezi, Gomis, Pettinari, Ligi, Del Prete. PROBABILE FORMAZIONE (-3-3) Gomis; Del Prete, Cremonesi, Ligi, Mazzotta; Catladi, Crisetig, Dezi; Bernardeschi, Ishak, Bidaoui. All. Drago. ARBITRO Pinzani di Empoli (-3) CEENA BRECIA Camporese e Consolini sono da valutare oggi CEENA Oltre al punto restituito, le buone notizie per Bisoli arrivano anche dai recuperi di Capelli, Renzetti e Cascione. Il tecnico prepara il -3-- ma il problema muscolare accusato da Consolini potrebbe indurlo a tornare al Decisiva la rifinitura di oggi al Manuzzi, dove si valuta anche Camporese. E out Defrel. QUALIFICATI Garritano, Volta. DIFFIDATI Cascione, Coppola, De Feudis, Defrel, Volta. PROBABILE FORMAZIONE (-3--) Coser; Consolini, Camporese, Capelli, Renzetti; Gagliardini, Cascione, Coppola; Belingheri; ucci, Marilungo. All. Bisoli. Caracciolo è recuperato odinha o Corvia in avanti BRECIA Allenamento di rifinitura mattutino a porte chiuse al Rigamonti per la formazione di Iaconi, che ha pronta una variante: Zambelli centrale (resterebbe fuori Di Cesare) e Mandorlini esterno. In attacco ballottaggio odinha-corvia per affiancare Caracciolo (recuperato). Acciaccati Grossi e Freddi, indisponibile Ntow. QUALIFICATI Paci. DIFFIDATI Grossi, Kukoc, Zambelli. PROBABILE FORMAZIONE (3-5--) Cragno; Di Cesare, Budel, Camigliano; Zambelli, Finazzi, Olivera, Benali, caglia; odinha; Caracciolo. All. Iaconi. ARBITRO Roca di Foggia (0-0) EMPOLI PEZIA arà Croce il trequartista Mchedlidze verso il rientro EMPOLI Maccarone non si è allenato per un affaticamento muscolare: la sensazione è che però possa comunque recuperare in tempo e giocare al fianco di Tavano. Mchedlidze ha provato a lavorare in gruppo, ma difficilmente recupererà. Possibile impiego di Croce sulla trequarti al posto di Verdi e Pucciarelli. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Castiglia, Pucciarelli, Rugani, Verdi, Laurini, Mario Rui. PROBABILE FORMAZIONE (-3--) Bassi; Laurini, Tonelli, Rugani, Hysaj; ignorelli, Valdifiori, Mario Rui; Croce; Tavano, Maccarone. All. arri. chiattarella con Ebagua eymour per ammarco PEZIA L infortunio di Giannetti apre diverse possibilità: o gioca uno tra Catellani e Ferrari accanto ad Ebagua, oppure c è l inserimento del jolly chiattarella a garantire maggior copertura. eymour rimpiazza ammarco a centrocampo. QUALIFICATI ammarco. DIFFIDATI Appelt, Catellani, cozzarella, Giannetti. PROBABILE FORMAZIONE (--) Leali; Baldanzeddu, Lisuzzo, Magnusson, Migliore; cozzarella, eymour, Gentsoglou, Culina; chiattarella, Ebagua. All. Mangia. ARBITRO Candussio di Cervignano (3-) LATINA PALERMO Crimi out, gioca Morrone Jefferson è a disposizione LATINA E fermo Crimi per un malanno muscolare, per la sua sostituzione è pronto Morrone; in alternativa Ristovski interno e Milani sulla fascia. Ha ripreso ad allenarsi Jefferson, è tornato in gruppo anche Laribi. Domani probabile la presenza del presidente del enato Pietro Grasso, tifoso del Palermo. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Alhassan, Jonathas, Morrone, Paolucci, Viviani. PROBABILE FORMAZIONE (3-5-) Iacobucci; Brosco, Cottafava, Esposito; Ristovski, Morrone, Viviani, Bruno, Alhassan; Jonathas, Paolucci. All. Breda. Il processo di Benevento: Zamparini è stato assolto PALERMO Hernandez torna disponibile, Munoz ancora out, in miglioramento Maresca. Il presidente Zamparini intanto è stato assolto perché il fatto non sussiste da tutti i reati (tra cui truffa, falso, abuso d ufficio e corruzione) che gli erano stati contestati per la realizzazione del centro commerciale «I anniti» di Benevento. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Lafferty, Lazaar, Ujkani. PROBABILE FORMAZIONE (3---) orrentino; Vitiello, Terzi, Andelkovic; Pisano, Bolzoni, Barreto, Lazaar; Vazquez; Lafferty, Dybala. All. Iachini. ARBITRO Pairetto di Nichelino (-) ORE 5 AND. 0-0 PECARA NOVARA PECARA (3---) PELIZZOLI 6 ZAURI 33 ZUPARIC 5 CAPUANO 3 ALVIATO 0 NIELEN 6 BRUGMAN BALZANO 7 RAGUA 8 CAPRARI 9 MANIERO All. PALAZZI (Cosmi squal.) PANCHINA vedkauskas, 9 Rossi, 8 Karkalis, 8 Bovo, 8 Rizzo, 6 Mascara, Cutolo, 7 Politano, 3 forzini. NOVARA (3-5-) MONTIPÒ 3 VICARI PERTICONE 3 POTOURIDI CRECENZI FARAGÒ 3 PECE RIGONI 3 LAMBRUGHI 8 MANCONI 8 ANOVINI All. AGLIETTI PANCHINA Kosicky, 7 Nava, 37 Golubovic, 8 Marianini, 9 Rocca, 7 Lepiller, 9 Rubino, 9 Gonzalez, 30 Josipovic. ARBITRO Ciampi di Roma GUARDALINEE Peretti Alassio PREZZI da 0 a 55 euro TV ky Calcio HD PECARA Ancora fuori per infortunio chiavi, in difesa Cosic centrale con Zauri e Capuano. Torna Maniero in attacco, con Ragusa e Caprari alle sue spalle. Nielsen e Bovo si contendono un posto a centrocampo. qualificati nessuno. Diffidati Cutolo, Bocchetti, chiavi. NOVARA Ballottaggio tra Montipò e il rientrante Kosicky con il primo in vantaggio. Potouridis al posto di Ludi. qualificati Ludi. Diffidati Faragò, Kosicky, Marianini, Perticone, Pesce, Rigoni, Vicari. PADOVA BARI Ecco Rocchi-Vantaggiato ugli spalti.000 scudi PADOVA Da valutare le condizioni di Iori che nell ultima partita ha riportato una frattura della sesta e settima costola di destra ma ieri è rientrato in gruppo. La squalifica di Melchiorri lascia un posto libero in attacco, dove dovrebbero giocare Rocchi e Vantaggiato. Jelenic in ballottaggio con Improta a destra. Pronta una coreografia con.000 scudi rossi. QUALIFICATI Melchiorri. DIFFIDATI Almici, Musacci, Mazzoni. PROBABILE FORMAZIONE (--) Mazzoni; Almici, Benedetti, Carini, Vinicius; Jelenic, Cuffa, Moretti, Pasquato; Rocchi, Vantaggiato. All. erena. Romizi e Lores sono k.o. A centrocampo c è Fossati BARI Quasi impossibili i recuperi di Romizi e Lores, alle prese con affaticamenti muscolari: anche ieri entrambi hanno svolto lavoro differenziato. C è Fossati a centrocampo. Noie alla spalla per Nadarevic, ma è disponibile. ul fronte societario si lavora per trovare una soluzione. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI abelli, Beltrame, Guarna, Galano, Polenta, ciaudone. PROBABILE FORMAZIONE (-3-3) Guarna; abelli, Ceppitelli, Polenta, Calderoni; ciaudone, Fossati, Defendi; Galano, Joao ilva, Nadarevic. All. Alberti-Zavettieri. ARBITRO Baracani di Firenze (-) REGGINA CITTADELLA Riecco Pambou e Maicon Di Michele unica punta REGGINA Dopo avere scontato il turno di squalifica, tornano disponibili Pambou e Maicon che saranno in campo dall inizio; candidati a lasciare loro il posto a centrocampo sono trasser e Fischnaller. Per il resto Gagliardi e Zanin sembrano orientati a confermare lo schieramento di Palermo con il solo Di Michele al centro dell attacco. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Di Michele, Lucioni. PROBABILE FORMAZIONE (--3-) Pigliacelli ; Maicon, Adejo, Lucioni, Barillà; Bochniewicz, baffo; Dall Oglio, Pambou, Dumitru; Di Michele. All. Gagliardi-Zanin. Restano fuori in quattro In porta ritorna Pierobon CITTADELLA ono i convocati da Foscarini per questo scontro diretto per la salvezza: tra gli assenti figurano Pecorini e De Leidi, infortunati, Colombo squalificato per un turno, e Azzi. In porta dovrebbe tornare Pierobon: ancora problemi per Di Gennaro. tamattina il ritrovo al Tombolato quindi la partenza. QUALIFICATI Colombo. DIFFIDATI Coly, caglia, Pellizzer. PROBABILE FORMAZIONE (-3-3) Pierobon; Coly, caglia, Pellizzer, Alborno; Rigoni, Paolucci, Lora; urraco, Coralli, Piscitella. All. Foscarini. ARBITRO Nasca di Bari (0-0) IENA CARPI Dietro ritorna Giacomazzi Possibile Fabbrini dal IENA Rientra Giacomazzi in difesa dopo la squalifica. Beretta, che conferma il 3- -3, ha di nuovo a disposizione anche Dellafiore, che dovrebbe ritrovare una maglia da titolare. Mancherà Vergassola, ballottaggio fra chiavone e Pulzetti in mezzo, possibile il ritorno di Fabbrini dal primo minuto a sinistra in attacco. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Milos, D Agostino, Dellafiore, chiavone, Rosina, Morero. PROBABILE FORMAZIONE (3--3) Lamanna; Belmonte, Giacomazzi, Dellafiore; Angelo, chiavone, Valiani, pinazzola; Rosina, Rosseti, Fabbrini. All. Beretta. Dubbio modulo per Pillon Bertoni, stagione finita CARPI Pillon spera di recuperare l acciaccato Concas. Out Porcari squalificato e gli infortunati Letizia e Bertoni (rottura del legamento crociato anteriore, stagione finita), al massimo vanno in panchina Poli e Mbakogu. olito dubbio fra -- - e ---: nel primo caso grigna unica punta e Bianco in regia. QUALIFICATI Porcari. DIFFIDATI Bianco, Lollo, grigna. PROBABILE FORMAZIONE (---) Colombi; Pasciuti, Pesoli, Romagnoli, Gagliolo; Bianco; Concas, Lollo, Memushaj, Di Gaudio; grigna. All. Pillon. ARBITRO aia di Palermo (-0) TRAPANI JUVE TABIA Il centrocampo è un rebus Basso sostituisce Pacilli TRAPANI Ancora assenze importanti a centrocampo per via degli infortuni di Caccetta e Pirrone. Probabile impiego di Feola, ma non è da escludere l utilizzo di Gambino in posizione più arretrata, come a Novara. Basso dovrebbe sostituire Pacilli sulla fascia destra, con Nizzetto confermato dall altra parte. QUALIFICATI Pacilli. DIFFIDATI Ciaramitaro, Martinelli, Rizzato. PROBABILE FORMAZIONE (--) Nordi; Garufo, Pagliarulo, Terlizzi, Rizzato; Basso, Feola, Ciaramitaro, Nizzetto; Iunco, Mancosu. All. Boscaglia. Benassi, ultima partita Liviero in forse: naso rotto JUVE TABIA Benassi disputerà la sua ultima partita stagionale prima dell operazione al tendine rotuleo del ginocchio. A sinistra in dubbio Liviero, che si è rotto il naso alla ripresa degli allenamenti in uno scontro di gioco: nel suo ruolo dovrebbe essere adattato Mezavilla. QUALIFICATI nessuno. DIFFIDATI Caserta, Di Carmine, Doukara, Liviero, owe, uciu, Vitale. PROBABILE FORMAZIONE (3--3) Benassi; Ghiringhelli, Contini, Lanzaro; Zampano, De Falco, Caserta, Mezavilla; Falco, Doukara, Elefante. All. Braglia. ARBITRO Minelli di Varese (3-) VAREE LANCIANO Rientra Rea dopo lo stop In campo con gli anziani VAREE ottili dovrebbe passare al con il ritorno di Rea in difesa dopo le tre giornate di squalifica. i spera nel recupero di Forte (affaticamento). Anche Corti è in forse. Per la prima volta le squadre saranno accompagnate in campo non dai bimbi ma da un gruppo di anziani, invitati dal Varese in accordo con la Lega di B. QUALIFICATI Blasi, Damonte. DIFFIDATI Oduamadi, Tremolada, Damonte. PROBABILE FORMAZIONE (3---) Bressan; Rea, Ely, Trevisan; Fiamozzi, Zecchin, Barberis, Grillo; Di Roberto; Pavoletti, Falcone. All. ottili. Baroni, avanti col 3-5- ono diffidati giocatori LANCIANO Con una intera squadra sotto diffida, Baroni pensa di confermare l undici vittorioso con l Empoli, con le dovute varianti dell ultima ora con Buchel, Minotti e Vastola che potrebbero rilevare qualche compagno di centrocampo. QUALIFICATI Comi. DIFFIDATI Gatto, Turchi, Casarini, Piccolo, Thiam, Troest, Ferrario, Minotti, Paghera, Di Cecco, Aquilanti. PROBABILE FORMAZIONE (3-5-) epe; Aquilanti, Troest, Amenta; Germano, Casarini, Paghera, Di Cecco, Mammarella; Piccolo, Falcinelli. All. Baroni. ARBITRO Bruno di Torino (0-) ORE 8 AND. - MODENA TERNANA MODENA (--) PINOGLIO 3 GOZZI 6 CIONEK 8 ZOBOLI 9 GAROFALO 7 MOLINA BIANCHI 0 ALIFU RIZZO 3 GRANOCHE 5 BABACAR All. NOVELLINO PANCHINA Manfredini, Calapai, 8 Marzorati, 7 Manfrin, 30 Burrai, Nardini, 8 ignori, 0 Mazzarani, 7 tanco TERNANA (-3--) BRIGNOLI 30 RIPOLI MAI FERRONETTI 3 FAZIO 8 GAVAZZI 5 MIGLIETTA 7 MAIELLO 0 NOLÈ 7 ANTENUCCI 9 LITTERI All. TEER PANCHINA ala, 9 Meccariello, 6 Farkas, 3 Zito, 5 Valeri, 3 Paparusso, Ceravolo, Alfageme, 8 Avenatti. ARBITRO Borriello di Mantova GUARDALINEE Vicinanza Bellutti PREZZI da a 75 euro TV ky Calcio HD MODENA quadra al completo col rientro di Gozzi: fuori Marzorati. alifu favorito su ignori. qualificati nessuno. Diffidati Bianchi, Cionek, Manfrin, Mazzarani, tanco, Granoche, Garofalo, Pinsoglio. TERNANA Masi o Farkas in difesa. Viola è out, Zito non è al meglio. qualificati nessuno. Diffidati Lauro, Falletti, Zito.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Obiettivo minimo GRANDI MANOVRE NON SOLO CALCIO. LA PARTITA SI GIOCA ANCHE AI VERTICI

Obiettivo minimo GRANDI MANOVRE NON SOLO CALCIO. LA PARTITA SI GIOCA ANCHE AI VERTICI GRANDI MANOVRE NON SOLO CALCIO. LA PARTITA SI GIOCA ANCHE AI VERTICI SOCIETÀ MILANO DOMENICA 19 APRILE 2015 WWW.METRONEWS.IT Inter-Milan oggi vale per restare in corsa Europa League. E Inzaghi è quello

Dettagli

abbonamenti 2015.2016

abbonamenti 2015.2016 abbonamenti 2015.2016 FARE DEL NOSTRO STADIO UNA FORTEZZA Caro Interista, San Siro e piu bello quando ci sei tu, io lo so bene. L ho visto vibrare nelle sue notti piu belle. Ho sentito la spinta, la voglia

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Uno contro uno in movimento attacco

Uno contro uno in movimento attacco Uno contro uno in movimento attacco Utilizzando gli stessi postulati di spazio/tempo, collaborazioni, equilibrio analizziamo l uno contro uno in movimento. Esso va visto sempre all interno del gioco cinque

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche

Parte Prima Il censimento del calcio italiano. Sezione 1 Statistiche Parte Prima Il censimento del calcio italiano Sezione 1 Statistiche 17 La Federazione Italiana Giuoco Calcio Settori Settore tecnico Settore Giovanile e Scolastico Società 14.90 di cui: Professionistiche

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015

Ospitalità stagione sportiva 2014-2015 Ospitalità STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 BENVENUTI A SAN SIRO Il nuovo modo di vivere la partita Amala e colora un emozione di nero e d azzurro. Inter Corporate 2014-15 è l esclusivo programma di Corporate

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

SENZA ALCUN LIMITE!!!

SENZA ALCUN LIMITE!!! Il Report Operativo di Pier Paolo Soldaini riscuote sempre più successo! Dalla scorsa settimana XTraderNet ha uno spazio anche sul network Class CNBC nella trasmissione Trading Room. Merito soprattutto

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

1 von 6 04.02.2012 18:49

1 von 6 04.02.2012 18:49 1 von 6 04.02.2012 18:49 Serie A Calendario Classifica Statistiche Squadre Alleghe Asiago Bolzano Cortina Fassa Pontebba Ritten Sport Valpellice Val Pusteria Vipiteno Serie A2 Classifica A2 Serie C Serie

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA

UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA UEFA EUROPA LEAGUE - STAGIONE 2014/15 CARTELLE STAMPA Liverpool FC Anfield - Liverpool Giovedì, 19 febbraio 2015 21.05CET (20.05 ora locale) Sedicesimi di finale, Andata Beşiktaş JK Ultimo aggiornamento

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati?

Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto? Furto con destrezza: si possono evitare? Cosa fare per non trovarsi beffati? ESPERTI RIFERME SERRATURE ITALIA - 20090 FIZZONASCO (MI) - V.LE UMBRIA 2 TEL. 02/90724526 FAX 02/90725558 E-mail: info@ersi.it Web Site: www.ersi.it Furto con scasso: cosa potevo fare che non ho fatto?

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio!

Piermario Lucchini. L importante è che sia... sveglio! Piermario Lucchini L importante è che sia... sveglio! Libri Este 2009 Edizioni E.S.T.E. S.r.l Via A. Vassallo, 31 20125 Milano www.este.it info@este.it Prima edizione: novembre 2009 Copertina di Laura

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore )

SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA divisione Quotidiani- con sede in via Rizzoli 8 20132 Milano (di seguito: Promotore ) REGOLAMENTO ART.11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001,430 CONCORSO A PREMI DENOMINATO MAGIC+3 CAMPIONATO 2014-2015 PROMOSSO DALLA SOCIETA RCS MEDIAGROUP SPA MILANO CL 410/2014 SOGGETTO PROMOTORE RCS Mediagroup SpA

Dettagli