RATIONAL APPROXIMATION AND REALIZATION OF GENERALIZED FORCE-DISPLACEMENT RELATIONSHIP OF AN UNBOUNDED MEDIUM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RATIONAL APPROXIMATION AND REALIZATION OF GENERALIZED FORCE-DISPLACEMENT RELATIONSHIP OF AN UNBOUNDED MEDIUM"

Transcript

1 RATIONAL APPROXIMATION AND REALIZATION OF GENERALIZED FORCE-DISPLACEMENT RELATIONSHIP OF AN UNBOUNDED MEDIUM THÈSE No (1 997) PRÉSENTÉE AU DÉPARTEMEM DE GÉNIE CIVIL ÉCOLE POLYTECHNIQUE FÉDÉRALE DE LAUSANNE POUR L'OBTENTION DU GRADE DE DOCTEUR ÈS SCIENCES TECHNIQUES PAR Antonio PARONESSO lngegnere Civile Edile Università degli Studi di Roma "La Sapienza", Italie de nationalité italienne acceptée sur proposition du jury: Dr J. P. Woif, directeur de thèse Prof. D. Aubry, corapporteur Prof. J. Descloux, corapporteur Dr P. Myszkorowski, corapporteur Prof. M. Sayir, corapporteur Lausanne, EPFL 1997

2 Abstract In a dynamic unbounded medium-structureinteraction problem based on the substructure method, the bounded structure (e.g. a building or a dam) and the unbounded (semiinfinite) medium (soil, reservoir of water) are coupled on the structure-medium interface. The spatial discretization of the bounded (generalized) structure (which can include an irregular bounded region of the medium adjacent to the actual structure) with finite elements is well understood, resulting in a system of second-order differential equations describing the motion of the structure with respect to a finite number of degrees of freedom. When the structure behaves non-linearly, the resulting equations of motion are non-linear and must be solved in the time domain. As a consequence, the (generalized) interaction forces {R(t)) acting between the structure and the unbounded medium should also be evaluated in the time domain. The modeling of the linear time-invariant unbounded medium, although much more difficult, is also possible by introducing the symrnetric unit-impulse response matrix [S(t)] which defines the input (generalized) {u (t)) displacement-output {R(t)) (generalized) interaction force relationship of the unbounded medium with respect to the N degrees of freedom of the nodes on the structure-medium interface. In time domain, {R(t)) is computed as a convolution integral of [S(t)] with {u (t)). The relationship is global in time and space, that is, the interaction forces at a specific time depend on the time histories of the displacements in al1 nodes from the start of the excitation onward. In this rigorous evaluation of the interaction forces a large computational effort (proportional to the square of the number of time steps of the numerical analysis) and storage requirement result, which makes it unrealistic to evaluate large practical problem such as the seismic analysis of a dam with many degrees of freedom on the dam-soi1 and dam-reservoir interfaces. The goal of the present thesis is to derive efficient procedures for reducing the computational effort of the evaluation of the interaction forces during an actual analysis in time domain. Two alternatives which make use of concepts of linear system theory will be addressed. In the first one, the force-displacement relationship of the unbounded medium is approximated and realized as a linear time-invariant continuous-time system described by a system of ordinary linear first- or second-order symmetric differential equations with constant coefficients. In frequency domain, this is equivalent to approximating the dynamic stiffness matrix [S(w)] of the unbounded medium (Fourier transform of [S(t)]) with a real rational transfer function [S(iw)] along the iw-axis of the complex plane. Since each element of [S(iw)] is a rational function of iw with real coefficients, [S(iw)] is referred to as a rational approximation of [S(w)]. The unbounded medium is represented in the same manner as the bounded structure, so that the same computer program can be applied. After assemblage with the property matrices of the structure, the resulting equations of motions can be solved using a time integrator. In the second alternative, the convolution integr al leading to {R(t)) is firstly transformed to a convolution sum. This corresponds to transforming the continuous-time system with unit-impulse response matrix [S(t)] to a discrete-time system with time step

3 At and unit-pulse response matrix [G(k)]. The resulting discrete-time force-displacement relationship of the unbounded medium is then approximated and realized as a linear timeinvariant discrete-time system described by a system of first-order symmetric difference or recursive equations with constant coefficients. In frequency domain, this is equivalent to approximating the frequency response [G(w)] of the discrete-time system (discrete-time Fourier transform of [G(k)]) with a real rational transfer function G eiwat along the [ ( 11 unit circle of the complex plane. Since each element of [G (eiwat)] is a rational function Of &wat with real coefficients, [G (eiwat)] is referred to as a rational approximation of [G (w)]. The realizations so obtained permit the recursive evaluation of the interaction forces. The convolution sum is thus avoided? and the number of operations is proportional to the number of time steps of the numerical analysis. To make the rational approximation of the force-displacement relationship of the unbounded medium feasible also when the number N of degrees of freedom in the nodes on the structure-medium interface is large, a preliminary transformation of [S (t)] (or equivalently of [S (w)], [G (k)] and [G (w)]) called 'diagonalization' is performed without introducing any approximation. Since the latter also represents the starting point for deriving a global lumped parameter model, that is a mechanical system with frequency response equal to [S (w)] which physically connects the degrees of freedom in the nodes on the structure-medium interface, a physical interpretation of the transformation and of the subsequent rational approximation is provided. In the context of the goals previously formulated, the following main topics are dealt with in the thesis. A detailed discussion of BIBO-stability and Lyapunov-stability versus causality, noncausaiity, anticausality for both rational continuous and discrete-time systems is provided. Mappings by sampling and interpolation between continuous- and discrete-time systems are studied in depth. An introduction to the rational approximation problem in different normed spaces as well as to the balancing approximation problem is presented. A classification of the different methods for achieving the rational approximation of the force-displacement relationship of the unbounded medium is discussed. A singular-value decomposition based algorithm for the least squares rational approximation of a continuouçtime system described in frequency domain by partial data is derived. A four step algorithm for determining a balancing approximation of a discretktime system described in time domain by partial data is proposed. For the latter, a criterion for stopping the computation of new data is also derived. An exhaustive discussion of the direct and inverse mapping associated with the impulse-invariant method is addressed for the rational case. Several local and global symmetric realizations leading to the property matrices or alternatively to the recursive evaluation of the interaction forces of the unbounded medium are derived. The construction of the global lumped parameter model is also discussed and its application is provided for a few useful practical cases. Sufficient stability criteria which make use of the passivity condition of the continuoustime rational approximation of the unbounded medium are derived for the flexibility formulations of the unbounded medium alone and for the coupled linear structure-medium system. An extension to the discrete-time case is also provided. Some interesting auxiliary results concerning sufficient conditions for the regularity of a symmetric complex matrix are also established.

4 Sommario In un problema d'interazione fra un mezzo illimitato e una struttura di dimensioni finite formulato secondo il metodo delle sottostrutture, la struttura finita (ad esempio una costruzione civile O il corpo di una diga) e il mezzo infinito (suolo, liquido contenuto nell'invaso della diga) sono accoppiati lungo l'interfaccia struttura-mezzo illimitato. La discretizzazione spaziale della struttura (generalizzata) (la quale pu6 includere una porzione finita ed irregolare del mezzo adiacente la struttura propriamente detta) con il metodo agli elementi finiti é prassi comune e conduce ad un sistema di equazioni differenziali del secondo ordine le quali descrivono il moto della struttura rispetto ad un numero finito di gradi di libertii della stessa. Per strutture a comportamento non lineare, le corrispondenti equazioni del moto sono non lineari e devono pertanto essere risolte ne1 dominio del tempo. Di conseguenza le forze (generalizzate) d'interazione {R(t)) agenti fia struttura e mezzo infinito devono essere determinate ne1 dominio del tempo. La modellizzazione del mezzo infinito lineare e tempo invariante, sebbene molto piu complessa di quella della struttura, é anch'essa possibile introducendo la matrice simmetrica di risposta all'impulso unitario [S(t)]. Quest'ultima definisce la relazione fra il vettore degli spost amenti (generalizzati) {u(t)) e il vet tore delle forze d'interazione (generalizzate) {R(t)) del mezzo infinito associata agli N gradi di liberta dei nodi introdotti in corrispondenza dell'interfaccia struttura-mezzo infinito. Ne1 dominio del tempo {R(t)) é calcolato come integrale di convoluzione di [S(t)] con {u (t)). Tale relazione é globale ne1 tempo e ne110 spazio. Le forze d'interazione ad uno specifico istante dipendono dalle time histories degli spostamenti di tutti i nodi presenti sull'interfaccia struttura-mezzo infinito a partite dall'istante di applicazione dell'eccitazione in poi. Questa valutazione rigorosa delle forze d'interazione richiede un notevole sforzo computazionale (proporzionale al quadrato del numero dei passi dell'analisi numerica) ed una elevata disponibilitii di memoria. Ci6 ne rende irrealistica l'applicazione al calcolo di problemi concreti quali l'analisi sismica di dighe con elevato numero N di gradi di liberta presenti sulle interfacce diga-su010 e diga-liquido d'invaso. Obiettivo della presente dissertazione é derivare procedure alternative efficienti capaci di ridurre 10 sforzo computazionale associato alla determinazione delle forze d'interazione in analisi d'interesse pratico effettuate ne1 dominio del tempo. Due alternative basate su concetti sviluppati nella teoria dei sistemi lineari sono discusse. Nella prima, la relazione forza-spostamento del mezzo infinito é approssimata e realizzata con un sistema a tempo continuo, lineare e temp~invariante, descritto, ne1 dominio del tempo, da un sistema simmetrico di equazioni differenziali ordinarie lineari di primo O secondo ordine a coefficienti costanti. Ne1 dominio della frequenza ci6 equivale ad approssimare la matrice di rigidezza dinamica [S(w)] del mezzo infinito (trasformata di Fourier di [S(t)]) con una matrice di trasferimento razionale a coefficienti costanti [S(iw)] lungo l'asse immaginario iw del piano complesso. Dato che ogni elemento di [S(iw)] é una funzione razionale in iw a coefficienti costanti, [S(iw)] é denominata approssimazione razionale di [S(w)]. Il mezzo infinito é quindi rappresentato al10 stesso modo della struttura. Pertanto gli stessi programmi

5 d'integrazione numerica utilizzati per l'analisi dinamica di strutture finite possono essere applicati anche al sistema totale ottenuto assemblando le equazioni del moto delle due sottostrutture. Nella seconda alternativa esaminata, l'integrale di convoluzione che interviene ne1 calcol0 di {R(t)) é in primo luogo trasformato in somma di convoluzione. Ci6 corrisponde a trasformare il sistema a tempo continuo, con matrice di risposta all'impulso unitario [S(t)], in un sistema a tempo discreto di passo At con matrice di risposta alla pulsazione unitaria [G(k)]. La relazione a tempo discreto fra forza e spostamento del mezzo infinito cosi ottenuta é in seguito approssimata e realizzata con un sistema a tempo discreto, lineare e tempo-invariante, descritto, ne1 dominio del tempo, da un sistema simmetrico di equazioni alle differenze di primo ordine O, alternativamente, da un sistema di equazioni ricorsive entrambi a coefficienti costanti. Ne1 dominio della frequenza, ci6 equivale ad approssimare la risposta frequenziale [G (w)] del sistema a tempo discreto (trasformata di Fourier a tempo discreto di [G(k)]) con una matrice di trasferimento razionale a coefficienti reali [G (eiwat)] lungo la circonferenza unitaria del piano complesso. Dato che ogni elemento di [G (ewat)] é una funzione razionale in eiwat a coefficienti costanti, [G (eiwat)] é d e nominata approssimazione razionale di [G (w)]. La realizzazione cosi ottenuta permette il calcolo ricorsivo delle forze d'interazione. La somma di convoluzione é quindi evitata e il numero di operazioni necessarie per il calcolo di {R (t)) é proporzionale al numero di passi dell'analisi numerica. Al fine di rendere fattibile I'approssimazione razionale della relazione forza-spostamento del mezzo infinito anche per valori elevati di N, una trasformazione preliminare denominata 'diagonalizzazione' é applicata, senza introdurre alcuna approssimazione, alla matrice [S (t)] (O in modo equivalente alle matrici [S (w)], [G (k)] e [G (w)]). Un'interpretazione fisica della diagonalizzazione e della successiva approssimazione razionale pu6 essere ottenuta ossemando che tale trasformazione rappresenta anche il punto di partenza per ottenere un 'global lumped parameter model' e cioé un sistema meccanico con risposta frequenziale pari a [S (w)] il quale connette fisicamente i gradi di liberta dei nodi appartenenti all'interfaccia struttura-mezzo infinito. Nell'ambito degli obiettivi precedentemente formulati i principali temi trattati nella tesi sono i seguenti. Discussione dettagliata delle relazioni esistenti fra BIBO-stabilita, Lyapunov-stabilita e causalita, noncausalit6 e anticausalitii per entrambi i casi di sistemi razionali a tempo continuo e a tempo discreto. Studio approfondit0 di trasformazioni ha sistemi a tempo continuo e tempo discreto ottenute per campionamento e interpolazione di [S (t)]. Introduzioni al problema di approssimazione razionale in differenti spazi normati e al problema di approssimazione bilanciata. Classificazione dei metodi di approssimazione razionale della relazione forza-spostamento ne1 mezzo infinito. Definizione di un algoritmo basato sulla decomposizione ai valori singolari per l'approssimazione razionale secondo il metodo dei minimi quadrati di un sistema a tempo continuo descritto ne1 dominio della frequenza da dati parziali. Definizione di un algoritmo per l'approssimazione bilanciata di un sistema a tempo discreto descritto ne1 dominio del tempo da dati parziali. Per quest'ultimo é proposto un criterio d'arresto per il calcolo di nuovi dati. Per il caso razionale é inoltre presentata una discussione approfondita delle trasformazioni diretta ed inversa indotte dal 'impulse-invariant method'. Derivazione di realizzazioni simmetriche locali e globali per la determinazione delle matrici di massa, di smorzamento e di rigidezza statica O, alternativamente, delle matrici di ricorsione del mezzo infinito. In tale contesto é discussa anche la costruzione del global

6 lumped parameter model la cui derivazione é illustrata per alcuni utili casi pratici. Sviluppo di criteri sufficienti di stabilita per le formulazioni in flessibilita del mezzo infinito e del sistema totale ottenuto per accoppiamento del precedente con una struttura lineare, basati sulla condizione di passivita dell'approssimazione razionale a tempo continuo del mezzo infinito. E inoltre fornita un'estensione per il caso dell'approssimazione a tempo discreto. Nello stesso tempo sono stabiliti alcuni interessanti risultati ausiliari afferenti condizioni sufficienti per la regolarita di una matrice simmetrica cornplessa.

7 Contents Abstract 1 Sommario Acknowledgments iii vi 1 Introduction The substructure method Rational approximations and realizations Structure of the thesis Original contributions Continuous-time and discrete-time systems Continuous-time systems in time domain Input-output description Causality Stability Continuous-time systems in transformed domains Frequency domain Laplace domain Rational continuous-time systems Causality and stability Markov parameters and Hankel matrix Realizations Minimal realization, observability and controllability matrices Extensions to MIMO systems Chen's algorithm Reciprocity Discrete-time systems in time domain Input-output description and properties Discrete-time systems in transformed domains Frequency domain z-domain Rational discrete-time systems Causality and stability Markov parameters and Hankel matrix Realizations Hankel operator and Gramians Balanced realizations and mode1 reduction Chen's algorithm... 51

8 viii CONTENTS Recursive realization Extensions to MI340 systems Mapping between continuous- and discrete-time systems Discrete-time systems by sampling and interpolation in time domain Derivation of the unit-pulse response of the discrete-time system Frequency response of the discrete-time system Rational systems Numerical integration Transformations of input-output relationship Diagonalization [Tl as transpose of kinematic matrix of a global lumped parameter mode Parallel displacements Numerical improvements Congruence transformations Ritz vectors Rational approximations The rational approximation problem Metric spaces and normed linear spaces Equation error methods in transformed domain Equation error methods in time domain Hankel-nom methods Balancing approximations Input data for rational approximation Continuouçtime system in time domain Discrete-time system in time domain Continuous-time system in frequency domain Discrete-time system in frequency domain Minimization of the Ln-norm of the equation error Complete data Partial data: least squares method Partial data: results on interpolation problem Numerical issues in least squares method Examples H-norm and balancing approximations Complete data: interpolation problem Complete data: approximation problem Partial data: interpolation problem Partial data: approximation problem The impulse invariant method Rational system& continuous to discrete-time direct mapping Rational systems: discrete to continuous-time inverse mapping Examples Local and global realizations Local realizations from impulse invariant method Discrete-time local symmetric realization Discrete-time local complex symmetric realization

9 CONTENTS ix Discrete-time local recursive realization Continuous-time local first-order symmetric realization Continuous-time local second-order syrnrnetric realization Continuous-time local complex symmetric realization Local realizations from least squares method Continuous-time symmetric realizations using discrete-element models Continuous-time local first-order symmetric realization Continuous-time local second-order symmetric realization Continuous-time global symmetric realizations Starting from the local second-order symmetric realizations Starting from the local complex symmetric realizations Seismic excitation Discrete-time global realizations Discretetime global symmetric realization Discretetime global recursive realizations Global lumped-parameter mode Global lumped-parameter model for through-soi1 coupling of surface foundations Lumped-parameter model for a massless rigid cylindrical foundation embedded in a soi1 layer on rigid rock Stability criteria for flexibility formulations Influence of structure on stability of coupled system Passivity in terms of input-output description Necessary and sufficient conditions for passivity of LTI systems Linear structure: conditions for a passive velocity stiffness transferfunction matrix Unbounded medium: sufficient conditions for a passive velocity stiffness transfer-function matrix Passivity of the inverse operator Linear structure: sufficient conditions for a passive velocity flexibility trançfer-function matrix Unbounded medium: sufficient conditions for a passive velocity flexibility transfer-function matrix Stability criterion for unbounded medium Hybrid system Stability criterion for coupled system Hybrid system Check of passivity conditions Numerical integration Discrete-time stability criterion for unbounded medium Closure Conclusions Suggestions for furt her developments Bibliography 221 Curriculum vitae 227

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Dispensa per il Corso di Controlli Automatici I Uso del software di calcolo Matlab 4. per lo studio delle risposte nel tempo dei sistemi lineari tempoinvarianti

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice

DDS elettronica srl si riserva il diritto di apportare modifiche senza preavviso /we reserves the right to make changes without notice Maccarone Maccarone Maccarone integra 10 LED POWER TOP alta efficienza, in tecnologia FULL COLOR che permette di raggiungere colori e sfumature ad alta definizione. Ogni singolo led full color di Maccarone

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Andrea Dall Aglio - Curriculum vitae et studiorum - aggiornamento: July 20, 2008 1. Andrea DALL AGLIO. Curriculum vitae et studiorum

Andrea Dall Aglio - Curriculum vitae et studiorum - aggiornamento: July 20, 2008 1. Andrea DALL AGLIO. Curriculum vitae et studiorum Andrea Dall Aglio - Curriculum vitae et studiorum - aggiornamento: July 20, 2008 1 Andrea DALL AGLIO Curriculum vitae et studiorum Andrea Dall Aglio è nato a Livorno il 27 aprile 1963. E sposato, ha due

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python

SciPy. Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy Programmazione Orientata agli Oggetti e Scripting in Python SciPy: Informazioni di Base Libreria di algoritmi e strumenti matematici Fornisce: moduli per l'ottimizzazione, per l'algebra lineare,

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione.

IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI. Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione. Struttura ricorsiva della soluzione. IDENTIFICAZIONE dei MODELLI e ANALISI dei DATI Lezione 40: Filtro di Kalman - introduzione Cenni storici Filtro di Kalman e filtro di Wiener Formulazione del problema Struttura ricorsiva della soluzione

Dettagli

Diss. ETH No. 20918. Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design. for the degree of Doctor of Sciences

Diss. ETH No. 20918. Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design. for the degree of Doctor of Sciences Diss. ETH No. 20918 Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design A dissertation submitted to ETH Zurich for the degree of Doctor of Sciences presented by Alberto

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-16 Progetti su più file. Funzioni come parametro. Parametri del main Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo

Analisi dei sistemi nel dominio del tempo Appunti di Teoria dei Segnali a.a. 010/011 L.Verdoliva In questa sezione studieremo i sistemi tempo continuo e tempo discreto nel dominio del tempo. Li classificheremo in base alle loro proprietà e focalizzeremo

Dettagli

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects

Il colore Mapei nel progetto. The Mapei colour in the project. Effetti Estetici Decorative Effects Il colore Mapei nel progetto The Mapei colour in the project Effetti Estetici Decorative Effects Marmorino Marmorino Effetto Classico Marmorino Classical Effect Effetti Estetici Decorative Effects 3 Applicazione

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN2. Parte 3: metodi alle differenze. per Equazioni Differenziali Ordinarie. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN2. Parte 3: metodi alle differenze. per Equazioni Differenziali Ordinarie. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN2 Parte 3: metodi alle differenze per Equazioni Differenziali Ordinarie Roberto Ferretti Qualche richiamo analitico Filosofia generale dei metodi alle differenze: i metodi

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Intelligenza Artificiale. Pianificazione. Intelligenza Artificiale Daniele Nardi, 2003 Pianificazione 0

Intelligenza Artificiale. Pianificazione. Intelligenza Artificiale Daniele Nardi, 2003 Pianificazione 0 Intelligenza Artificiale Pianificazione Intelligenza Artificiale Daniele Nardi, 2003 Pianificazione 0 Pianificazione automatica (Capitolo 12 del R& N) Estensioni di POP: Partial Order Planning Applicazioni

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

application note Chiller di processo Process chillers

application note Chiller di processo Process chillers Chiller di processo Process chillers ... 3... 7 L APPLICAZIONE Nei chiller di processo, le caratteristiche fondamentali del Chiller sono: - risposta immediata al cambiamento delle richieste del carico

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Laboratorio di Elettrotecnica

Laboratorio di Elettrotecnica 1 Laboratorio di Elettrotecnica Rappresentazione armonica dei Segnali Prof. Pietro Burrascano - Università degli Studi di Perugia Polo Scientifico Didattico di Terni 2 SEGNALI: ANDAMENTI ( NEL TEMPO, NELLO

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Luca Lussardi - Universit` a Cattolica del Sacro Cuore Dalla citt` a ideale alle cellule: l ubiquit` a della matematica

Luca Lussardi - Universit` a Cattolica del Sacro Cuore Dalla citt` a ideale alle cellule: l ubiquit` a della matematica Lo studio della matematica costituisce un educazione formativa della mente. La matematica sviluppa tutte le facoltà dell ingegno, affina in particolare le facoltà logiche, educa e rende più retta l intuizione,

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO

DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO DISCIPLINA IVA NEL SUBAPPALTO L articolo 35, comma 5, D.L. n. 223/2006 ha aggiunto il seguente comma all articolo 17, D.P.R. n. 633/72: Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano anche alle

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM

DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID. Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM DTT : DECODER, SWITCH- OFF PROCESS, CNID Roberto de Martino Contents and Multimedia Department RAK/AGCOM List of contents 1. Introduction 2. Decoder 3. Switch-off process 4. CNID Introduction 1. Introduction

Dettagli

Il sistema di Rossler

Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler Il sistema di Rossler è considerato il più semplice sistema di terzo ordine a tempo continuo capace di manifestare comportamenti di tipo caotico. = = + (1) = + Questo sistema presenta

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica FENICE ARREDI Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Prove di vibrazione su sistemi per pavimenti tecnici sopraelevati - Four x Four Relazione tecnica Via Ferrata 1, 27100 Pavia, Italy Tel. +39.0382.516911

Dettagli