Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi di Reti per Telecomunicazioni"

Transcript

1 Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte III) Reti Wireless (Wi-Fi, BLUETOOTH, WiMax) Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2008/2009

2 Contenuti Introduzione: le trasmissioni wireless. IEEE Wireless LAN, caratteristiche, livello fisico e sottolivello MAC IEEE BLUETOOTH, caratteristiche, livello fisico e sottolivello MAC

3 Storia delle Trasmissioni Wireless 1/2 1896: telegrafia wireless, invio e ricezione di codici di Morse (Marconi). 1907: primo servizio wireless su rotte transatlantiche (stazioni base ingombranti e uso di antenne di grandi dimensioni 30x100m). 1920: Marconi scopre le trasmissioni ad onde corte (lunghezza d onda < 100m). 1935: prima telefonata intercontinentale. 1946: primo servizio pubblico telefonico in 25 metropoli USA (larghezza di banda di 120 KHz in modalità half-duplex). 1950: la FCC raddoppia il numero di canali mobili limitando la larghezza di banda della radio-frequenza a 60 KHz e nel 1960 a 30 KHz. 1968: la AT&T sottomette alla FCC il concetto di telefono cellulare.

4 Storia delle Trasmissioni Wireless 2/2 1976: 543 utenti, allocati su 12 canali, sono stati serviti dal sistema mobile NY BELL. 1982: viene creato l European Global System for Mobile Communications (GSM). 1983: la FCC alloca 666 canali duplex per la trasmissione AMPS (Advanced Mobile Phone System, 40 MHz in una banda di 800 MHz con canali di larghezza 30 MHz). 1989: la FCC rilascia altri 166 canali per la trasmissione AMPS. 1991: nascita del sistema IS-54 (sistema digitale cellulare US, USDC): tre utenti per canale larg 30 MHz, successivamente viene raddoppiato il numero di utenti per canale. 1994: nascita del sistema IS-95 con accesso a divisione di codice: CDMA (code division multiple access).

5 Wireless Data Possiamo riassumere i punti fondamentali che hanno segnato questa tecnologia: Nomadicità dell utente Velocità di trasferimento dati comparabile alle reti wired Costi di gestione ridotti Interoperabilità degli apparati di diversi produttori Ovviamente ci sono delle limitazioni nell utilizzo di queste reti che possiamo riassumere con: Area di copertura radio limitata Possibilità di utilizzo limitate da ostacoli fisici

6 Caratteristiche La caratteristica desiderabile che una rete wireless deve avere è sicuramente la mobilità. L obiettivo finale di una comunicazione mobile è, ovviamente, garantire un determinato livello di qualità del servizio (QoS). La progettazione di una rete wireless deve ovviamente essere un trade-off tra le varie caratteristiche che si incontrano corrispondentemente agli strati della pila ISO/OSI ed il livello di QoS garantito. Pc-card 2 Pc-card 1 Stazione 1 AP Stazione 2

7 Pro e Contro Vantaggi: - Installazione non invasiva adatta a particolari edifici o situazioni - Installazione e configurazione veloci e semplici - Flessibilità e scalabilità ottimali - Riduzione costi di esercizio a lungo termine - Mobilità delle stazioni Svantaggi: - Interferenza - Cammini multipli (multipath) - Consumo energetico - Sicurezza - Throughput

8 Applicazioni Applicazioni: - Estensione di reti locali - Interconnessione fra edifici - Connettività per l utenza in movimento - Connettività in ambienti non adatti al cablaggio - Connessione di rete ad hoc Classificazione: in base alla copertura geografica: -WPAN -WLAN - WWAN in base alla tecnologia su cui sono basate: - Infrarosso - Dispersione di spettro (FHSS, DSSS) - Microonde in banda stretta (con o senza licenza)

9 Classificazione di Reti Wireless

10 Reti Wireless

11 Standard Wireless CABLE REPLACEMENT PAN ZigBee Bluetooth UltraWideBand Range HOME, OFFICE PUBLIC ACCESS CITY, SUBURBS WLAN WMAN Wi-Fi b MobileFi a/g/n WiMAX a/e LIMITED Mobility COUNTRY, REGION WIDE WAN GSM GPRS EDGE UMTS HSDPA FULL 1 kbit/s 10 kbit/s 100 kbit/s 1 Mbit/s 10 Mbit/s 100 Mbit/s 1 Gbit/s Bit Rate Source: M. Dècina, D 2004

12 Accesso al Mezzo Trasmissivo Utilizzano onde elettro-magnetiche (EM) ad alta frequenza, infrarossi (IR) o radiofrequenze (RF) per trasmettere informazioni da un punto ad un altro. Le trasmissioni radio multi-portanti possono coesistere nello stesso spazio fisico, nello stesso istante, senza interferenza, trasmettendo a differenti frequenze (FDMA) in differenti intervalli temporali (TDMA) o utilizzando codici specifici per ogni messaggio (CDMA). Tempo Tempo Tempo FDMA Frequenza TDMA Frequenza CDMA Frequenza

13 Coesistenza di più comunicazioni contemporanee Multiplazione FDMA, TDMA e CDMA La condivisione del canale radio da parte di più comunicazioni contemporanee trova una molteplicità di soluzioni Obiettivo: efficienza nell uso della risorsa rispetto ai profili di traffico power Base Station power FDMA frequency TDMA frequency CDMA DL power UL time time time Mobile Station frequency Mobile Station Mobile Station Mobile Station

14 Ambiti di utilizzo della tecnologia Wireless Il raggio di copertura come dimensione fondamentale WAN Personal Operating Space WAN-MAN MAN Pico-Cell MAN-LAN LAN-PAN PAN Tecnologie differenti rispondono in modo ottimale alle diverse esigenze (distanza, mobilità, caratteristiche del canale, ): ~50km ~2km 0km ~10m Integrazione di reti eterogenee fisse e mobili con tecnologie differenti Si rende necessaria una funzione di interlavoro trasparente tra i diversi segmenti di rete operanti con soluzioni eterogenee vertical handover campus-based metropolitan area horizontal handover regional F. Benedetto Corso di Telecomunicazioni in-house A.A. 2008/2009

15 Contenuti Introduzione: le trasmissioni wireless. IEEE Wireless LAN, caratteristiche, livello fisico e sottolivello MAC IEEE BLUETOOTH, caratteristiche, livello fisico e sottolivello MAC

16 Standard per Reti WLAN Lo Standard IEEE (1997) definisce per le WLAN: - Pila di protocolli e livello fisico -Servizi - Protocollo del sottolivello MAC - Struttura del frame Tre diverse implementazioni del livello fisico - Infrarosso (Diffuse Infrared) - Frequency Hopping Spread Spectrum (FH/SS) - Direct Sequence Spread Spectrum (DS/SS)

17 Standard IEEE 802 Nasce nel 1997, ed è stato aggiornato nel 1999 (IEEE ) e adottato anche dall OSI come :1999. Prevede diversi sottogruppi:» D: Additional Regulatory Domains» E: Quality of Services» F: Inter-Access Point Protocols (IAPP)» G: Higher data Rates at 2.4 GHz» H: Dynamic Channel Selection and Transmission Power Control» i: Authentication and Security Due gli standard a livello fisico definiti ad oggi b: opera a 2.4 GHz ed è il più diffuso a: opera a 5 GHz con velocità più elevate

18 Sviluppo degli Standard IEEE b Stato Approvato 97 Obsoleto Approvato 99 Corretto 01 Banda Frequenza (Ghz) , ,5 Velocità (Mbit/s) Potenza (mw EIRP) Range (m) a Approvato g In esecuzione ,

19 Protocolli Wired e Wireless-Pila ISO/OSI

20 WLAN IEEE Scopi ed Obiettivi To provide wireless connectivity to automatic machinery, equipment or stations that require rapid deployment, which may be portable or hand-held, or which may be mounted on moving vehicles within a local area Lo standard stabilito per essere usato nella Banda Industriale, Medica e Scientifica (ISM), alle frequenza MHz, MHz e MHz. Nella banda ISM a 2.4 GHz, presenta due standard per il livello fisico: - uno con tecnica di accesso al mezzo FH/SS (Frequency Hopping Spread Spectrum); - l altro con tecnica DS/SS (Direct Sequence Spread Spectrum). Un alternativa è utilizzare a livello fisico la tecnologia infrarossi (IR). Le stazioni operanti con una delle tre tecnologie menzionate possiedono un data-rate di 1Mbit/s (opzionalmente raggiungono il valore di 2Mbit/s).

21 Componenti di Rete WLAN : basata su una architettura cellulare -La cella, detta BSS (Basic Service Set), è un insieme di stazioni. -Le stazioni vengono controllate tramite una coordination function. Componenti Stazione (STA): terminale con meccanismi di accesso al mezzo wireless e contatto radio con l access point. - Basic Service Set (BSS): gruppo di stazioni che utilizzano la stessa frequenza radio. - Access Point (AP): stazione integrata nella WLAN e nel sistema di distribuzione - Portale: bridge ad altre reti (wired). - Distribuition System (DS): rete di interconnessione per formare una rete logica (ESS: Extendend Service Set) basata su diversi BSS.

22 WLAN IEEE Architettura di Rete Architettura gerarchica - Elemento base BSS: set di stazioni STA controllate da una unica Coordination Function. - Una BSS indipendente è l esempio base di rete : è una rete ad-hoc e consiste almeno di due stazioni. Un portale è il punto logico (bridge) dove una rete LAN non- IEEE è connessa al DS. E quindi permessa la comunicazione tra differenti tipi di LAN.

23 WLAN IEEE Servizi di Rete I servizi sono suddivisi in due categorie: - Station Services (SS). - Distribution System Services (DSS).

24 WLAN IEEE Relazione tra i Servizi

25 WLAN IEEE Protocollo MAC Il livello MAC gestisce e mantiene le comunicazioni tra le STA, coordinando l accesso al mezzo trasmissivo condiviso. Lo strato MAC definisce due metodi d accesso: - Distributed Coordination Function (utilizzato) - Point Coordination Function Il primo dei due sfrutta un meccanismo di accesso che si basa sul concetto di CSMA/CA. Il secondo prevede che un entità logica detta Point Coordinator (PC), che risiede nell AP della BSS, stabilisca istante per istante mediante un operazione di polling quale STA sia autorizzata a trasmettere.

26 Protocollo CSMA L accesso distribuito è basato sul metodo di accesso CSMA/CA: CS (Carrier Sense) ascolto del canale prima di trasmettere MA (Multiple Access) consente l accesso multiplo sullo stesso canale CA (Collision Avoidance) meccanismo che cerca di evitare le collisioni

27 Terminale Nascosto Difficoltà nel rilevare le collisioni negli ambienti radio. Mentre si trasmette non è possibile anche rilevare le collisioni non si può utilizzare la tecnica CSMA/CD (mentre trasmette ascolta). Nelle reti wireless è possibile il verificarsi del problema definito come Hidden Node o Stazione Nascosta. Non tutte le stazioni che appartengono alla stessa LAN possono sentire le altre, con il rischio che si verifichino collisioni. AP 1 STA 1 STA 2 STA 3

28 WLAN IEEE CSMA/CA Prenotazione esplicita del canale Sorgente -Verifica che il canale sia libero per un tempo specificato (DIFS). - Se il canale è libero invia RTS (Request to Send). - Tale messaggio, più piccolo e meno costoso, contiene informazioni come: la sorgente, la destinazione, tempo trasmissione (invio dati + ricezione ACK). Destinazione - Quando riceve RTS controlla se il canale è libero per un prefissato periodo di tempo (SIFS). - Se il canale è libero invia alla sorgente il messaggio CTS (Clear to Send), poco costoso perché piccolo ed include le stesse informazioni dell RTS. - Qualunque stazione che riceve un RTS o CTS setta il NAV (Network Allocation Vector) al valore del campo durata nel frame di dati, RTS o CTS. - Con l invio di RTS e CTS si riduce l overhead di collisione (costano meno di un intero pacchetto). - In trasmissioni di brevi pacchetti si può omettere l invio dei messaggi RTS/CTS.

29 WLAN IEEE CSMA/CA DIFS RTS CTS SIFS DIFS DATA ACK SIFS DIFS Sorgente Destinazione

30 WiFi: Sommario Non solo rete LAN senza fili Tecnica di accesso CSMA/CA Temi critici: Sicurezza: wardriving Standard VoWLAN: VoIP over WLAN a mod. OFDM in banda 5 GHz, 6-54 Mbps b mod. DSSS in banda 2.4 GHz, 5.5 e 11 Mbps c supplemento per funzionalità di bridge d adattamento a differenti contesti regolatori e introduzione della QoS f protocollo tra AP g modulazione OFDM (altre modalità previste) in banda 2.4 GHz, 54 Mbps h arricchimenti di a per gestione spettro e potenza i arricchimenti di sicurezza j arricchimento di a in banda GHz per Giappone k gestione della risorsa radio m correzioni e chiarimenti tecnici n arricchimenti per l alta velocità

31 Contenuti Introduzione: le trasmissioni wireless. IEEE Wireless LAN, caratteristiche, livello fisico e sottolivello MAC IEEE BLUETOOTH, caratteristiche, livello fisico e sottolivello MAC

32 Wireless PAN (Personal Area Networks) La prima rete WPAN fu sviluppata a metà degli anni 90. Era una rete di piccole dimensioni, bassa potenza, larghezza di banda modesta e con copertura radio di circa 2 metri. Altro interessante aspetto della tecnologia Bluetooth consiste nel limitato consumo di energia. Utilizzano tecnologie a radio-frequenze (RF) simili alle WLAN ma disegnate per offrire comunicazioni su aree di copertura meno vaste. Bluetooth (IEEE ) è stato selezionato come lo standard per tali comunicazioni. Il gruppo IEEE si occupa di sviluppare standard per comunicazioni mobili wireless a breve distanza.

33 BLUETOOTH - Si tratta di un tipo di rete studiata per l interconnessione di apparati (pc con stampanti, modem, telefoni fissi e cellulari, ) all interno di una stanza o comunque di un ambiente di piccole dimensioni. -L estensione della rete dovrebbe quindi essere intorno alla decina di metri, ma lo standard prevede anche apparati con potenze sufficienti a raggiungere la distanza di copertura di 50 metri (portandosi a competere con ).

34 BLUETOOTH - Vantaggi: non c è interferenza con apparati Wi-Fi, bassissima potenza di trasmissione, consumi di potenza ridotti (lungo tempo). Dimensioni ridotte dei chip. - Svantaggi: limitata copertura radio: ~10 metri, poca banda disponibile: <1 Mbps. Mantenimento trasmissioni contemporanee. Costi elevati rispetto alle altre wireless locali.

35 Servizi Sono previsti due tipi di servizi: Syncnronous Connection Oriented (SCO) Asynchronous Connectionless (ACL) La rete è organizzata in gruppi di stazioni dette piconet : Ogni piconet vede una stazione assumere il ruolo di master e le altre di slave. Il master fornisce il sincronismo e coordina le trasmissioni interrogando ciclicamente (polling) gli slave.

36 Gestione del Traffico -TDD (Time Division Duplex), Tecnologia impiegata nella gestione del traffico asimmetrico nell'umts come ad esempio la navigazione su internet, offre una mobilità limitata. - Riconoscimento automatico di un altro dispositivo non appena entrambi si trovano sulla stessa piconet. Nel caso di più piconet che formano una scatternet, è disponibile anche la funzionalità di roaming. - Bluetooth permette di gestire sia fonia che dati, utilizzando una trasmissione a pacchetto su rete radio per i dati e una modalità connection-oriented per la voce.

37 Scatternet I dispositivi dotati di questa tecnologia comunicano tra loro creando e riconfigurando dinamicamente delle reti ad hoc (piconet) composte da un massimo di otto nodi. Più picoreti possono a loro volta connettersi ed espandersi creando delle scatternet. Un dispositivo può partecipare a più Piconet contemporaneamente (time-shared)

38 Gestione delle Piconet SDP - Service discovery protocol - permette ad un dispositivo di determinare quali sono i servizi che gli altri apparecchi presenti nella picorete mettono a disposizione. Scansione - Con la prima connessione di un dispositivo avviene la scansione di tutti i nodi presenti. Supporta un collegamento punto a punto ( point to pont ) e multi punto ( multipoint ). La modalità di interconessione dinamica consente di sincronizzare i dati tra due apparecchi automaticamente.

39 Canalizzazione 79 canali da 1 MHz( f = 2402+K MHz; K = 0,1,.78) Frequency hopping (1600 hop/s) per evitare gli effetti di interferenze (interpiconet BT, WiFi, ); tutte le unità che partecipano alla piconet sono sincronizzate al canale in termini di tempo e frequenza ( saltano sulle stesse frequenze negli stessi istanti )

40 Canalizzazione L asse dei tempi è diviso in time slot di 625µs: si permane sulla stessa frequenza per uno, o tre o cinque time slot.

41 Comunicazione Master-Slave Master: stazione che stabilisce il collegamento. Slave: stazioni individuate dal Master nella fase di Inquiry (fase di Inquiry: ricerca delle stazioni collocate nelle vicinanze). Strategia di comunicazione MASTER-SLAVE: 1. Accesso al mezzo controllato dal Master (polling) 2. Trasmissione del Master negli slot pari 3. Trasmissione degli Slave negli slot dispari

42 Tipi di Collegamento COLLEGAMENTO SCO (SynchronousConnection-Oriented): Simmetrico, supporta servizi sincroni, slot riservati COLLEGAMENTO ACL (AsynchronousConnection-Less): Asimmetrico, supporta servizi asincroni, polling

43 Bluetooth: Sommario Nata da un progetto Ericsson del 1984 per la sostituzione dei cavetti (King Harold Blatand, o Bluetooth, Re di Danimarca ( )) Bluetooth SIG (oltre 2500 aziende) IEEE del 2002 ha recepito la BT 1.2 Velocità fino a 1Mbps Spettro 2.4 GHz ISM: 79 MHz di banda = 79 nella gamma GHz Frequency Hopping & TDD Consumo batteria in ore Ritardo > 3s Comunicazioni punto-punto Classe Distanza Potenza Class I m 100 mw Class II Class III 30 m 10 m 2.5 mw 1 mw Comunicazioni in rete: Per le comunicazioni voce: (SCO - Synchronous Connection Oriented) FEC (forward error correction), assenza di ritrasmissioni, 64 kbps duplex, punto-punto a circuito Per le comunicazioni dati: (ACL - Asynchronous ConnectionLess) I nodi sono raggruppati in piconet Ciascuna piconet ha un master e fino a 7 slave (polling) Capacità condivisa di 720kbps a 10m Più piconet connesse tra loro formano una scatternet Sicurezza opzionale cifratura e autenticazione Asincrono, acknowledge rapido, punto-multipunto, fino a kbps simmetrico o kbps asimmetrico a commutazione di pacchetto

44 WiMax: Le caratteristiche principali Tecnologia per reti MAN basata su standard IEEE e ETSI HIPERMAN Accesso a larga banda (wirelessdsl) Backhauling per hot-spot WifI Per le frequenze da 10 a 66 GHz (licensed), ha standardizzato nel 2002 la tecnica per WLL in modalità strettamente LOS Le frequenze usate comunemente sono: 10.5, 25, 26, 31, 38 e 39 GHz Per le frequenze da 2 a 10GHz (unlicensed) in contesto NLOS, norma la comunicazione PMP fissa, mentre e punta alla mobilità Modulazione OFDM multicarrier con multiplazione TDM o FDM Simile ad HyperAccess di ETSI (ma incompatibile) La distanza massima dipende da efficienza spettrale, potenza, topografia, requisiti di disponibilità, antenna, Modulazione adattativa: vicino alla BTS uso modulazione più efficiente 20MHz 10MHz 7MHz 3,5MHz 64-QAM 72Mbps 36Mbps 26Mbps 13Mbps 16-QAM 48Mbps 24Mbps 18Mbps 9Mbps QPSK 24Mbps 12Mbps 9Mbps 4,5Mbps BPSK 12Mbps 6Mbps 4,5Mbps 2,2Mbps

45 WiMax: Le caratteristiche principali Profili iniziali di WiMax Frequenza di lavoro Duplexing Banda di canale 3,5GHz (licensed) FDD e TDD 3,5MHz e 7MHz 5,8GHz (unlicensed) TDD 10MHz (rev d) e Stato : Luglio 2004 Stima 1H05 Spettro Utilizzo Canale Throughput lordo di picco Banda passante del canale Copertura a 2.5 GHz (cella tipica) < 11 GHz Licensed & Unlicensed Fisso Ricevitore: fisso Fino a 75 Mbps con canali a 20MHz 4-18 Mbps in canali a 5 MHz Da 2 a 10 km semi-rurale Da 2 a 5 km urbana/suburbana (funzione della frequenza migliore a 700MHz) Massima copertura 35 km a 700 MHz Non Line of Sight Banda flessibile tra 1.25 e 20 MHz < 11 GHz ( <6 GHz practical) Licensed (& Unlicensed) Mobilità pedestre > Mobilità veicolare Ricevitore: notebook o palmare Fino a 75 Mbps con canali a 20MHz Piena mobilità: 80% della prestazione fissa Nomadica/Mobile Urbana/Suburbana/Semi-rurale 1 5 km (indoor) 2 7 km (outdoor)

46 WiMax: Gli scenari di applicazione Il WiMax e il WLL: In Italia nel 2002 si assegnarono solo 69 delle 210 licenze disponibili per il WLL nella banda 24,5-26,5 GHz (14 operatori tra regionali e nazionali questi ultimi usano il WLL per backup o efficienza nel backhauling) Tecnologia relativamente costosa e con limitazioni trasmissive WLL or WiMAX WiMAX WiFi My Personal Hot-Spot The Internet Residential Hot-Spots Nomadic Hot-Spots Corporate Hot-Spots Public Hot-Spots

47 WiMax: Lo spettro utilizzabile WiMAx è studiato per operare nell intero spettro fra i 2 e gli 11 GHz. Le frequenze sotto i 6 GHz offrono le migliori prestazioni. Le bande vengono definite in base alle regolamentazioni che variano da paese a paese Banda non licenziata 2,4 GHz: rischi di interferenza (specie per il mercato Enterprise) e scarsa potenza Banda non licenziata 5 GHz(specialmente la banda C: 5,8 GHz): interessante soprattutto per il mercato rurale. E molto usata negli USA e raccomandata dall ETSI per l uso in Europa Banda 3,5 GHz: la più comune delle bande licenziate. Offre buone caratteristiche di propagazione ed è disponibile nella maggior parte dei paesi (ma non in Italia allocata al Ministero della Difesa - né negli USA) Bande non licenziate US WCS MMDS ,5 GHz Profili WiMax disponibili Altre bande di interesse 5GHz A GHz C ISM (WiFi): GHz B

48 WiMax: Timeline per standard e prodotti IEEE standard WiMax.16d.16e Inizia processo di certificazione Disponibilità Chipset (Intel) Chip:.16d Chip:.16d/e Vendor (Alcatel, Siemens) Primi prodotti WiMax Primi prodotti WiMax PCMCIA (su laptop) Fonti: Senza Fili Consulting, BWCS Ltd, WiMax Forum

49 WiMax: Stime di sviluppo 90 Chipset Sales (Million Units) Wi-Fi Wi-Max Fonti: Dell Oro (Wi-FI) and ICG (Wi-Max) Esordio di WiMAx mobile (802.16e) Fonte: Senza Fili Consulting e BWCS Ltd Fonte: Intel

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte IV) Wireless LAN: IEEE 802.11, BLUETOOTH Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2006/2007 Contenuti Introduzione: le trasmissioni wireless. IEEE 802.11-Wireless

Dettagli

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Ethernet e 802.X 1 Problemi delle wireless LAN Interferenza e caduta di potenza del segnale Alta probabilità che il frame

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Eliminazione del cablaggio Riduzione costi infrastrutturali Reti temporanee Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi

Dettagli

Bluetooth. Scritto da Savy.uhf

Bluetooth. Scritto da Savy.uhf Lo scopo principale della nascita della tecnologia bluetooth risiede nella capacità di far dialogare e interagire fra loro dispositivi diversi (telefoni, stampanti, notebook, PDA, impianti Hi-Fi, tv,computer,

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi WLAN - 1 M. Baldi: si veda pagina 2 Nota di Copyright Questo insieme di

Dettagli

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Autore: Classe: Michele Naso QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Dispensa Il presente lavoro vuole mostrare le tecniche di codifica

Dettagli

Wireless LAN. Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003.

Wireless LAN. Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003. Wireless LAN Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003. Semplice modello di riferimento Application Application Transport Transport Network Network Network Network

Dettagli

Reti dati senza fili

Reti dati senza fili Reti dati senza fili Ing. Mario Terranova Ufficio Servizi sicurezza e Certificazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione terranova@cnipa.it SOMMARIO Tipologie di reti dati

Dettagli

LO STANDARD IEEE 802.11

LO STANDARD IEEE 802.11 LO STANDARD IEEE 802.11 1.. i terminali sono in continua evoluzione. 2 1 Esempi 3 Standard Comitato IEEE, Giugno 1997: Standard 802.11 4 2 IEEE 802 5 IEEE 802.11 Livello fisico: due metodi di utilizzo

Dettagli

Standard delle reti wireless

Standard delle reti wireless Standard delle reti wireless Pubblicati dalla IEEE, 802 LAN-MAN standards committee. ISO OSI 7-layer model Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical IEEE 802 standards Logical

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo XI

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo XI Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2007/08 - I Semestre RETI TELEMATICHE

Dettagli

Glossario Wireless Network

Glossario Wireless Network Glossario Wireless Network 802.11 Lo standard IEEE per la connettivita wireless a 1 o 2 Mbps nella banda 2.4 GHz 802.11 a Lo standard IEEE per la connettivita wireless a 54 Mbps nella banda 5 GHz 802.11

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 7 - La comunicazione wireless

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Modulo 7 - La comunicazione wireless CdS in INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Modulo 7 - La comunicazione wireless Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione. Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze

Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione. Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze Sorgenti per comunicazione mobile e modalità di esposizione Daniele Andreuccetti IFAC-CNR, Firenze ZigBee Bluetooth Wi-Fi UWB I servizi di telecomunicazione numerica Wi-Max DVB-S GSM DVB-T PCN UMTS DVB-H

Dettagli

Introduzione al protocollo 802.11 (WiFi)

Introduzione al protocollo 802.11 (WiFi) ICT Security n.7 Dicembre 2002, n.8 Gennaio e n. 9 Febbraio 2003 p. 1 di 9 Introduzione al protocollo 802.11 (WiFi) Questo è il primo di due articoli in cui presenteremo alcuni aspetti tecnici dei protocolli

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 1 Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 2 3 4 5 6 7 WiMAX : Worldwide Interoperability for Microwave Access Consorzio no-profit di aziende creato per promuovere e certificare

Dettagli

Capitolo 6 Wireless e reti mobili

Capitolo 6 Wireless e reti mobili Capitolo 6 Wireless e reti mobili Nota per l utilizzo: Abbiamo preparato queste slide con l intenzione di renderle disponibili a tutti (professori, studenti, lettori). Sono in formato PowerPoint in modo

Dettagli

Qos in Wireless Network

Qos in Wireless Network Qos in Wireless Network Parte 8 Domenico Massimo Parrucci Condello isti information science Facoltàand di Scienze technology e Tecnologie institute 1/number 1 Applicazioni Sistema fonia classico Nuovi

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Introduzione. Introduzione.

Introduzione. Introduzione. Indice Indice. Indice. Introduzione Nel campo dell Informatica, delle Telecomunicazioni e delle Radiocomunicazioni la comunicazione senza aiuto di fili e cablaggio (in inglese definito come wireless) [1]

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Nuove tecnologie per la PA: quale sicurezza?

Nuove tecnologie per la PA: quale sicurezza? Nuove tecnologie per la PA: quale sicurezza? Mario Terranova Responsabile Ufficio Servizi sicurezza, certificazione e integrazione VoIP e immagini Area Infrastrutture Nazionali Condivise Centro nazionale

Dettagli

Università degli Studi di Milano - Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 20126, Milano

Università degli Studi di Milano - Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 20126, Milano Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Via Juvara, 22-20129 MILANO Tel. 02.74872261 Fax 02.70124857 Milano, 10 marzo 2009 Prot. N 32013 TIT. 3.3.4 Alla cortese attenzione del Chiar.mo Rettore

Dettagli

0. Introduzione al corso

0. Introduzione al corso 1 INFO-COM Dpt. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza 0. Introduzione al corso TELECOMUNICAZIONI per Ingegneria Informatica

Dettagli

La diffusione delle reti locali (LAN)

La diffusione delle reti locali (LAN) TECNOLOGIE W-LAN E WIMAX: IL FUTURO DELLA CONNETTIVITÀ INDOOR E OUTDOOR di Ing. Paolo Talone, Responsabile Progetti di Ricerca della Fondazione Ugo Bordoni (FUB) LA TECNOLOGIA DELLE RETI È IN CONTINUO

Dettagli

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto

RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica. Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 RETI GEOGRAFICHE Introduzione alle reti geografiche Trasmissione dati su linea telefonica analogica ISDN ADSL RAS Lenee dedicate Reti a commutazione di pacchetto ATM Reti wireless

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Capitolo 6 Wireless e reti mobili

Capitolo 6 Wireless e reti mobili Capitolo 6 Wireless e reti mobili Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 3 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 3 Giovedì 12-03-2015 Reti a commutazione di pacchetto datagram Le reti a commutazione

Dettagli

Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11.

Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11. Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11. Elio Salvadori, Danilo Severina Roberto Battiti, Renato Lo Cigno Maggio 2004 Technical Report # DIT-04-024 Nel periodo da Ottobre 2003 a Marzo

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Wireless Communications

Wireless Communications Le telecomunicazioni wireless nelle nuove infrastrutture della PA : scenari di mercato Emilio Frezza CNIPA Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Wireless Communications Le telecomunicazioni

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

IEEE 802.16 WIRELESS MAN

IEEE 802.16 WIRELESS MAN Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.16 WIRELESS MAN Maria Luisa Merani IEEE 802.16 e WiMAX M LM 1 Oggetto dello standard 802.16 Fornire

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina

Crescita di Internet. Torna alla prima pagina Crescita di Internet Ogni computer connesso ad Internet viene univocamente identificato dal proprio IP address: stringa di 32 bit costituita dall indirizzo della rete (net-id), e dall indirizzo del computer

Dettagli

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired Allegato 4 all Accordo di adesione alla fase sperimentale del progetto "150 Piazze Wi-Fi" relativo alla fornitura a titolo di comodato gratuito di apparecchiature hardware e correlato software di gestione

Dettagli

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE TELEFONIA MOBILE Cenni Storici La propagazione nello spazio libero è usata da quasi 100 anni per le telecomunicazioni I primi (rudimentali) sistemi di telecomunicazione mobile non diffusiva appaiono durante

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Realizzazione ed analisi di una rete Wimax e servizi erogabili Fabio Panunzi Capuano

Realizzazione ed analisi di una rete Wimax e servizi erogabili Fabio Panunzi Capuano Realizzazione ed analisi di una rete Wimax e servizi erogabili Fabio Panunzi Capuano INDICE Presentazione Megabeam Italia S.p.A WiMAX Gli aspetti tecnologci Sperimentazione WiMAX Megabeam L AZIENDA 2001

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI

Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Corso di RETI E SISTEMI DISTRIBUITI Prof : Stefano Bistarelli Seminario : RETI CELLULARI (2 / 3 / 4 G) THANKS TO Sara Di Matteo SOMMARIO: Introduzione 1G (TACS) Architettura della rete cellulare Tecniche

Dettagli

BANDA LARGA. Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005

BANDA LARGA. Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005 BANDA LARGA Lepida, R3 e WiMAX per lo sviluppo del territorio Parma 17 ottobre 2005 SELEX Communications SELEX Communications S.p.A., società del gruppo Finmeccanica, con oltre 100 anni di esperienza è

Dettagli

Tipologie di Network. Tipologie

Tipologie di Network. Tipologie Tipologie di Network reti locali (Local Area Network, LAN), di limitata estensione, che consentono di collegare tra loro dispositivi collocati nello stesso edificio o in edifici adiacenti; reti metropolitane

Dettagli

Reti di accesso wireless metropolitane (WMAN)

Reti di accesso wireless metropolitane (WMAN) Università di Genova Facoltà di Ingegneria Local Loop: Doppino binato 2. Reti Wireless in area locale, personale e d'accesso 2.2 Reti d'accesso wireless (standard IEEE 802.16) Permutatore Prof. Raffaele

Dettagli

Il personale ARPA del Dipartimento Provinciale di Monza e Brianza ha effettuato, come da richiesta

Il personale ARPA del Dipartimento Provinciale di Monza e Brianza ha effettuato, come da richiesta Monza, 02 Dicembre 2014 Il personale ARPA del Dipartimento Provinciale di Monza e Brianza ha effettuato, come da richiesta (su segnalazione del 28/05/2014 rif. prot. 3588/Ap13) pervenuta alla scrivente

Dettagli

Corso di Sistemi di Misura Distribuiti. Ing. Domenico Capriglione capriglione@unicas.it

Corso di Sistemi di Misura Distribuiti. Ing. Domenico Capriglione capriglione@unicas.it Corso di Sistemi di Misura Distribuiti Ing. Domenico Capriglione capriglione@unicas.it LE TECNOLOGIE WIRELESS PER I SISTEMI DI MISURA DISTRIBUITI Nel corso degli ultimi anni, le tecnologie di comunicazione

Dettagli

WiMAX UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO POLO DIDATTICO E DI RICERCA DI CREMA. Sistemi wireless a larga banda di futura generazione:

WiMAX UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO POLO DIDATTICO E DI RICERCA DI CREMA. Sistemi wireless a larga banda di futura generazione: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO POLO DIDATTICO E DI RICERCA DI CREMA Sistemi wireless a larga banda di futura generazione: WiMAX Prof. Giovanni Rapacioli Alberto Braghieri 123456 Luca Uberti Foppa 123456

Dettagli

WiMAX. Sistemi wireless in area locale a.a. 2005/06

WiMAX. Sistemi wireless in area locale a.a. 2005/06 WiMAX Sistemi wireless in area locale a.a. 2005/06 I contenuti di questa presentazione sono stati in gran parte estratti dai white papers del WiMAX forum Sistemi Wireless Data rate MMDS LMDS Satellite

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 6. Wireless (Radiomobile e WLAN) Prof. Raffaele Bolla Wireless! Le reti wireless sono reti in cui i terminali accedono

Dettagli

Le Reti Wireless. Analisi degli standard, delle componenti e delle modalità operative di una rete senza fili

Le Reti Wireless. Analisi degli standard, delle componenti e delle modalità operative di una rete senza fili Le Reti Wireless Analisi degli standard, delle componenti e delle modalità operative di una rete senza fili Introduzione alle trasmissioni senza fili Vantaggi, svantaggi e problematiche tipiche delle reti

Dettagli

Maggio 2006. 802.16 WiMAX. Pietro Nicoletti. Studio Reti s.a.s. www.studioreti.it. WiMAX - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

Maggio 2006. 802.16 WiMAX. Pietro Nicoletti. Studio Reti s.a.s. www.studioreti.it. WiMAX - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 802.16 WiMAX Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s www.studioreti.it WiMAX - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle

Dettagli

Panoramica sulle reti wireless. Standard 802.11

Panoramica sulle reti wireless. Standard 802.11 TESINA PER IL CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Panoramica sulle reti wireless e Standard 802.11 Docente: Concettina Guerra Studente: Marco Benvegnù (436367/IF) Gruppo: Error404 Università di Padova Anno Accademico

Dettagli

Quarta Lezione Le reti Mobili

Quarta Lezione Le reti Mobili Le reti Mobili Università aperta 13 feb 13 Quarta Lezione Le reti Mobili Federico Marcheselli 1 Argomenti del Corso: sistemi di comunicazione: schema a blocchi schema a blocchi di una corretta comunicazione

Dettagli

Programmazione modulare 2015-2016

Programmazione modulare 2015-2016 Programmazione modulare 05-06 Indirizzo: Informatica Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: 4 B Docente: Buscemi Letizia Ore settimanali previste: 4 ore ( teoria + ) Totale ore previste: 4 ore per 33 settimane

Dettagli

Comunicazioni via Satellite

Comunicazioni via Satellite Comunicazioni via Satellite Tratto da wikipedia Il famoso scrittore di fantascienza Arthur C. Clarke (autore di 2001: Odissea nello spazio) viene notoriamente indicato come l'ideatore dei sistemi satellitari

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria

CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria Docente Prof. Marcello Bracale Lezione del 8/10/2008 Reti telematiche wired e wireless nelle strutture ospedaliere A cura dell ing. Riccardo Tranfaglia riccardo.tranfaglia@unina.it

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

La rivoluzione wireless

La rivoluzione wireless Capitolo 1 La rivoluzione wireless Raramente, negli ultimi anni, una tecnologia ha sfondato nel mercato professionale e casalingo come è accaduto al wireless. Famiglie, locali, aziende, aeroporti, negozi

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1

Le Reti Cellulari. Ing. Daniele Tarchi. Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Le Reti Cellulari Ing. Daniele Tarchi Telematica nei Sistemi di trasporto - L08 1 Sistemi cellulari Nei primi sistemi radiomobili ogni terminale di utente operava trasmettendo su un certo intervallo di

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Sistemi di Mobili e Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Communicare Principi Trasporto Segnale Basato su

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia

Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia Belluno, 23 novembre 2007 Esperienze di trial WiMAX in Telecom Italia Technology - Tilab VALERIO PALESTINI Wireless Broadband technologies evolution 2003/4 2005/6 2007/8 2009/10 2011/12 2013/14 WiMax Fixed

Dettagli

Esposito Alessandro matr. 32011

Esposito Alessandro matr. 32011 Esposito Alessandro matr. 32011 Lo scopo principale della nascita della tecnologia bluetooth risiede nella capacità di far dialogare e interagire fra loro dispositivi diversi (telefoni, stampanti, notebook,

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

LTE Long Term Evolution Late To Evolve

LTE Long Term Evolution Late To Evolve LTE Long Term Evolution Late To Evolve 0 Overview della tecnologia 1 Driver del 4G: la domanda di banda del mobile 2 LTE (3GPP Rel.8): ingredienti tecnologici del 4G Architettura Evoluta (E-UTRAN) di tipo

Dettagli

LA TECNOLOGIA BLUETOOTH

LA TECNOLOGIA BLUETOOTH DII - Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Corso di Comunicazioni Wireless LA TECNOLOGIA BLUETOOTH Laura Raffaeli l.raffaeli@univpm.it Cos è Bluetooth? E uno standard di comunicazione radio per

Dettagli

Manuale Intel su reti Wireless

Manuale Intel su reti Wireless Manuale Intel su reti Wireless Una rete basata su cavi non e sempre la soluzione piu pratica, spesso una connettivita wireless risolve i problemi legati alla mobilita ed alla flessibilita che richiediamo

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

scheduling, ossia occorre un algoritmo che nel tempo assegni ciascuna sottoportante dati ad un certo utente. Lo standard non specifica l'algoritmo di

scheduling, ossia occorre un algoritmo che nel tempo assegni ciascuna sottoportante dati ad un certo utente. Lo standard non specifica l'algoritmo di WiMAX WiMAX è il risultato del tentativo di standardizzare soluzioni wireless a banda larga. Gli obiettivi di questa tecnologia sono servire un elevato numero di utenti (migliaia), coprire lunghe distanze

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Reti Wireless - Introduzione

Reti Wireless - Introduzione Reti Wireless - Introduzione Il mondo dei computer cerca da sempre appendici esterne che non abbiano bisogno di collegamenti via cavo Gli studi e gli standard che si sono susseguiti basati sulla tecnologia

Dettagli

Introduzione INTRODUZIONE

Introduzione INTRODUZIONE INTRODUZIONE Nel corso dell'ultimo decennio, le comunicazioni e le reti wireless hanno conosciuto una crescita senza precedenti e hanno raggiunto un elevato grado di diffusione, basti pensare ad esempio

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

802.11: modulazioni a confronto

802.11: modulazioni a confronto 802.11: modulazioni a confronto Normando Marcolongo 20 dicembre 2003 Tivoli 1 Obiettivi dell intervento Cenni sulle tecniche di Spread Spectrum Quali modulazioni vengono impiegate nello strato fisico dei

Dettagli

3. Reti di accesso IEEE 802.X

3. Reti di accesso IEEE 802.X 3. Reti di accesso IEEE 802.X Giacomo Morabito Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania http://www.diit.unict.it/users/gmorabi Introduzione Le reti di accesso

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

Tecnologie wireless del futuro Esperienze di Ricerca Applicata all Istituto Boella

Tecnologie wireless del futuro Esperienze di Ricerca Applicata all Istituto Boella Tecnologie wireless del futuro Esperienze di Ricerca Applicata all Istituto Boella Riccardo Scopigno, Daniele Brevi Istituto Superiore Mario Boella Networking Lab Edoardo Calia, Direttore Ricerca @ ISMB

Dettagli

Classificazione delle reti wireless

Classificazione delle reti wireless 1 Classificazione delle reti wireless Wireless nelle reti di comunicazione Infrastrutture di base per assicurare la connettività Comunicazioni persona-persona (P2P), persona-macchina (P2M) e macchinamacchina

Dettagli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli

Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Reti di Calcolatori: nozioni generali il modello a livelli Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Elementi di Informatica e Programmazione

Dettagli