XVII Convegno Italiano di Meccanica Computazionale SOMMARI E PROGRAMMA. Alghero, settembre Facoltà di Architettura

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XVII Convegno Italiano di Meccanica Computazionale SOMMARI E PROGRAMMA. Alghero, 10-12 settembre 2008 - Facoltà di Architettura"

Transcript

1 XVII Convegno Italiano di Meccanica Computazionale GIMC 2008 SOMMARI E PROGRAMMA Alghero, settembre Facoltà di Architettura

2

3 Sessione Aula I PT Sessione Aula I PT Sessione Aula II PT Mercoledì Registrazione Apertura dei lavori 10 Antonin Chambolle Conferenza di apertura 11 Pausa caffè Sessione A Sessione B 30 Mallardo, Alessandri, Aliabadi Fuschi, Pisano, Sofi A boundary integral approach in nonlinear wave propagation The nonlocal finite element method: computational issues and numerical findings 50 Benedetti, Milazzo, Aliabadi Cremonesi, Frangi, Perego A fast DBEM solver for 3D anisotropic crack problems Approccio Lagrangiano ad elementi finiti per la simulazione di problemi di interazione fluido-struttura Panzeca, Terravecchia, Zito Pitacco Tecniche di trasformazione di integrali di dominio in integrali di contorno nell ambito del SBEM Una famiglia di elementi finiti per la piastra inflessa basata sull espansione in polinomi ortogonali alla curvatura 30 Mazza, Aristodemo Reali, Auricchio, Beirão, Buffa, Lovadina, Sangalli Costruzione efficiente di modelli BEM simmetrici di Un introduzione alla Isogeometric Analysis lastre di Kirchhoff impiegando una descrizione a variabili complesse 50 Panzeca, Cucco, Salerno Ciaramella, Minutolo, Ruocco Impiego dei sottodomini via SBEM nell analisi delle murature Pausa pranzo Elementi finiti ad elasticità variabile e GA per l identificazione delle modifiche indotte da scavi e perforazioni nelle proprietà dei terreni

4 A boundary integral approach in nonlinear wave propagation Vincenzo Mallardo, Claudio Alessandri Dipartimento di Architettura, Università di Ferrara Ferri Aliabadi Department of Aeronautics, Imperial College London (UK) Parole chiave: Nonlinear, acoustics, perturbation technique The interaction of an acoustic signal with matter is said to be linear if the response of the material and the strength of the output signal vary linearly with the strength of the input signal. For high input signal strengths, some nonlinear effects may occur [1], such as acoustic-waveform distortion, higher harmonic generation, etc. On the basis of some recent results [2-3], the paper deals with a two-dimensional numerical procedure based on the boundary integral equations to model acoustic waves of finit e-amplitude. The analysis is performed in the frequency domain. By applying the perturbation technique up to the second order term, the governing differential equations are transformed into a system of two Helmholtz equations, one homogeneous and the other one inhomogeneous. Both equations are transformed into integral equations which can be numerically solved without domain discretisation. The numerical procedure can be applied to predict the propagation of finite but of modera te amplitude acoustic waves in domains of any geometry. The final formulation is validated by comparison with an ad-hoc analytical solution. Reference [1] M.F. Hamilton and D.T. Blackstock, Nonlinear Acoustics, Academic Press, [2] Mallardo V, Aliabadi M.H., Nonlinear wave propagation by boundary integral equations, Journal of the Acoustical Society of America, submitted, [3] Mallardo V., Aliabadi M.H., The Dual Reciprocity Boundary Element Method (DRBEM) in nonlinear acoustic wave propagation, Computer and Experimental Simulations in Engineering and Science (CESES), accepted, 2008.

5 A Fast DBEM for 3D anisotropic cracked bodies Ivano Benedetti, Alberto Milazzo Dipartimento di Ingegneria ed Infrastrutture Aeronautiche, Università di Palermo M.H. Ferri Aliabadi Department of Aeronautics, Imperial College London Parole chiave: Boundary Element Method, Fracture Mechanics, Hierarchical Matrices The use of composite materials in many engineering applications enables improved design for structures, equipment and devices. The performance of such inherently anisotropic materials must be carefully evaluated to meet increasing requirements in critical engineering applications. Much effort has been devoted to experimental studies for composite materials characterization. On the other hand numerical modeling and analysis have recently gathered significant momentum. Computational methods such as the finite difference method (FDM), the finite element method (FEM) and the boundary element method (BEM) have been widely exploited to carry out numerical analyses of structural problems involving both isotropic and anisotropic materials. The boundary element method is particularly appealing for many structural applications in particular in the framework of Fracture Mechanics where the Dual Boundary Element Method (DBEM) has proved very accurate and effective. However, the extensive industrial usage of BEMs, especially when large scale computations are involved, is hindered by some limitations, mainly related to the features of the solution matrix. Such matrix is generally fully populated, thus resulting in increased memory storage requirements as well as increased solution time with respect to other numerical methods for problems of the same order. Moreover, the analysis of three-dimensional anisotropic elastic solids in the framework of the BEM requires some additional considerations. The lack of anisotropic Green s functions for the construction of the boundary integral representation results in the use of either the integral expression of the fundamental solutions or explicit expressions with complex calculations. Due to the form of the 3D fundamental solutions, BEM techniques for anisotropic elasticity applications resulted in slower computations with respect to the isotropic case, for which analytical closed form fundamental solutions are known. Many investigations have been carried out to overcome such limitations. In particular, fast multipole methods (FMMs) have been developed to solve efficiently boundary element formulations for elasticity problems. Although FMMs are very effective, they require the knowledge of the kernel expansion in advance in order to carry out the integration and this is particularly complex for anisotropic elasticity problems, for which analytic closed form expressions of the kernels are not available. In the present paper a Fast DBEM for 3D cracked bodies based on hierarchical matrices and their algebra is proposed. The main step is the construction of the approximation of suitable blocks of the boundary element matrix based on the computation of only few entries of the original blocks. This approximation, in conjunction with the use of Krylov subspace iterative solvers, leads to relevant numerical advantages, namely reduced memory storage requirements and reduced computational time for the solution. The effectiveness of the technique for the analysis of 3D cracked anisotropic solids is numerical demonstrated in the presented applications.

6 Tecniche di trasformazione di integrali di dominio in integrali di contorno nell ambito del SBEM Teotista Panzeca, Silvio Terravecchia, Liborio Zito Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica, Università di Palermo Parole chiave: SBEM, integrali singolari di dominio, integrali in forma chiusa. L analisi di strutture soggette ad azioni volumetriche distorcenti effettuata con il Metodo Simmetrico degli Elementi di Contorno (SBEM) presenta difficoltà di tipo computazionale sia per la presenza di singolarità forti nei nuclei degli integrali di dominio sia per la necessità di valutare gli stessi integrali in presenza di geometrie non regolari. Infatti nell ambito dell approccio del BEM per collocazione, il campo singolare di tensione è ottenuto dall Identità di Somigliana (I.S.) degli spostamenti, che è singolare, attraverso l impiego dell operatore differenziale che genera un integrale di dominio interpretato come Valore Principale di Cauchy (CPV) ed un termine libero (Bui free term). L integrale singolare in letteratura è valutato attraverso un processo di regolarizzazione ed attraverso una successiva sua trasformazione in integrale di contorno con metodologie che impiegano il teorema di Gauss [1] o la tecnica Radial Integration Method (RIM) [2]. L approccio qui presentato, che si inquadra nell ambito del SBEM, opera nel campo degli spostamenti e lo stato di tensione è trattato in modo differente rispetto alle precedenti metodologie. Nella I.S. degli spostamenti l integrale di dominio è regolarizzato e l integrale singolare è trasformato sul contorno attraverso la tecnica RIM. Si ottiene un campo non-singolare di spostamenti su cui si applica l operatore differenziale, dove il Bui free term è presente in forma implicita. Attraverso la legge di Hooke e la formula di Cauchy si genera l I.S. delle trazioni. Quest ultima è valutata sul contorno con un operazione di limite che permette di definire l integrale singolare come CPV, e di valutare il termine libero ad esso associato caratterizzato dalla funzione arcotangente e dal Bui free term in forma esplicita. La strategia usata permette di evitare l impiego degli integrali di dominio dovute ad una distribuzione di distorsioni e di effettuare la successiva integrazione sul contorno al fine di valutare i termini di carico, ottenuti come processo di pesatura alla Galerkin. Questi termini sono stati ottenuti in forma chiusa, consentendo quindi la implementazione nel codice di calcolo Karnak.sGbem secondo un approccio che opera nell ambito della sottostrutturazione. Riferimenti bibliografici [1] Huber O, Dallner P, Parteymuller P, Kuhn G, Evaluation of the stress tensor in 3D elastoplasticity by direct solving of hypersingular integrals, International Journal of Numerical Methods and Engineering, 39, 1996, [2] Gao XW, Boundary element analysis in thermoelasticity with and without internal cells, International Journal of Numerical Methods and Engineering, 57, 2003, [3] Panzeca T, Cucco F, Terravecchia S, Symmetric boundary element method versus Finite element method, Comp. Meth. Appl. Mech. Engng., 191, 2002, [4] Terravecchia S, Closed form coefficients in the symmetric boundary element approach, Engineering Analysis with Boundary Elements 30, 2006,

7 Costruzione efficiente di modelli BEM simmetrici di lastre di Kirchhoff impiegando una descrizione a variabili complesse Mirko Mazza, Maurizio Aristodemo Dipartimento di Modellistica per l ingegneria, Università della Calabria Parole chiave: modelli simmetrici ad elementi di contorno, lastra di Kirchhoff, nuclei singolari, variabili complesse, integrazione analitica I modelli ad elementi di contorno per collocazione si basano sull impiego di equazioni integrali associate a sorgenti puntuali. L imposizione delle condizioni al contorno nei punti di collocazione di tali sorgenti fornisce sistemi non simmetrici. Modelli simmetrici possono essere derivati da forme pesate di equazioni integrali associate a sorgenti, sia di tipo statico che cinematico, distribuite sul contorno. I coefficienti dei sistemi simmetrici discendono in questo caso dall integrazione doppia sul contorno del prodotto tra il nucleo e le funzioni di forma che approssimano le sorgenti e le variabili sul contorno. La valutazione dei coefficienti risulta in genere più accurata e computazionalmente più efficiente quando si adoperi l integrazione analitica al posto dei processi di integrazione numerica. D altra parte l approccio analitico non è del tutto eliminabile nella valutazione dei contributi singolari corrispondenti a domini di integrazione sovrapposti. L integrazione analitica [1] richiede maggiore cura, particolarmente nel caso di funzioni di forma di ordine elevato, di soluzioni fondamentali aventi espressioni articolate ed elevato ordine di singolarità e nel caso di domini di integrazione genericamente orientati. L analisi di lastre inflesse di generica forma poligonale, caratterizzate da nuclei con singolarità fino a O(1/r 4 ), rappresenta un contesto adatto per sperimentare approcci efficienti per la valutazione degli integrali doppi coinvolti nei sistemi BEM simmetrici. Il processo di integrazione analitica, tipicamente sviluppato con l ausilio di manipolatori simbolici, produce risultati la cui compattezza è legata alla scelta della descrizione adottata. L uso di variabili indipendenti di tipo reale produce tipicamente risultati per niente compatti, che diventano quasi impraticabili nel caso di domini genericamente orientati. Un alternativa efficace, presentata in questo lavoro, consiste nello sviluppare la doppia integrazione attraverso una formulazione di tipo complesso. Il lavoro contiene la descrizione a variabili complesse delle soluzioni fondamentali [2] e delle funzioni di forma coinvolte nelle forme pesate alla Galerkin delle equazioni integrali dello spostamento trasversale, della rotazione normale, del momento flettente, del taglio equivalente e della reazione di corner. La valutazione dei coefficienti del sistema avviene attraverso una regola generale adatta a sviluppare l integrazione nel piano complesso. Le singolarità presenti per domini di integrazione parzialmente o totalmente sovrapposti vengono eliminate con una tecnica di regolarizzazione basato sull uso congiunto di un processo di integrazione per parti e di funzioni definite a cappello, dotate di adeguato ordine di continuità. Per dimostrare la compattezza dei risultati analitici ed i vantaggi del processo di regolarizzazione si illustra l integrazione di alcuni coefficienti contenenti alcuni tra i kernel con singolarità più elevata. Alcuni risultati numerici mostrano l accuratezza ottenibile nell analisi di problemi test. Riferimenti bibliografici [1] Mazza M, Leonetti L, Aristodemo M, Analytical integration of singular kernels in symmetric boundary element analysis of Kirchhoff plates, International Journal for Numerical Methods in Engineering, DOI: /nme [2] Sirtori S, Maier G, Novati G, Miccoli S, A Galerkin symmetric boundary-element method in elasticity: formulation and implementation, International Journal for Numerical Methods in Engineering 35, 1992,

8 Impiego dei sottodomini via SBEM nell analisi delle murature. Teotista Panzeca, Filippo Cucco, Salerno Maria Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica, Università di Palermo Parole chiave: metodo simmetrico degli elementi di contorno, sottodomini, pannelli murari. L obiettivo del lavoro è quello offrire un contributo per migliorare la conoscenza dello stato tensionale nelle strutture murarie attraverso una analisi innovativa che utilizza un approccio per sottodomini nell ambito della formulazione simmetrica del metodo degli elementi di contorno. Questo metodo di analisi applicato a vari problemi della meccanica è stato sviluppato computazionalmente da vari autori [1-3]. Panzeca et al. [3] hanno mostrato che tale metodo ha la peculiarità di garantire la compatibilità e l equilibrio in ciascun punto del dominio dovuta all impiego delle soluzioni fondamentali e di permettere una formulazione per sottodomini secondo un approccio simile ai metodi classici di analisi condotti con il FEM. Inoltre, altri vantaggi del metodo sono: la simmetria degli operatori algebrici del sistema risolvente; i sottodomini possono avere qualsiasi forma e dimensione; il sistema risolvente è retto dagli spostamenti dei nodi di interfaccia se si adotta il metodo degli spostamenti, dagli spostamenti e dalle forze mutue degli stessi nodi di interfaccia se si adotta il metodo a variabili miste; le variazioni della discretizzazione del contorno sono eseguite in maniera estremamente semplice e ciò risulta estremamente utile nei problemi di contatto e nella frattura; tutte le azioni esterne di contorno e di dominio possono essere valutate in forma chiusa attraverso la semplice conoscenza della geometria di contorno. Nel lavoro, dopo una sintesi del metodo, si studia il comportamento elastico di un pannello murario formato da blocchi e malta in presenza di lesioni, e si determina lo stato tensionale in punti o lungo linee prefissate, individuando così le zone di maggiore sofferenza del solido. Lo studio del pannello viene effettuato utilizzando il programma di calcolo Karnak.sGbem [4]. Tramite questo programma è possibile valutare la risposta del pannello a tutte le possibili azioni statiche, sia volumetriche che superficiali, nonché a distorsioni volumetriche imposte o cedimenti dei vincoli, anche in presenza di distorsioni lineari. Nelle applicazioni si mostra l effetto di eventuali interventi di consolidamento, potendo così definire le tipologie d intervento più idonee a garantire maggiore sicurezza alla costruzione attraverso un controllo sullo stato di tensione e di deformazione. Gli interventi di miglioramento strutturale introdotti sono rappresentati da: inserimento di catene scorrevoli nei paramenti murari, anche in presenza di uno stato di pretensione, e/o sarciture con connettori lapidei. Riferimenti bibliografici [1] Ganguly S, Layton JB, Balakrishna C, Kane JH, A fully symmetric multi-zone Galerkin boundary element method, Int. J. Num. Meth. Engng., 44, 1997, [2] Gray LY, Paulino GR, Symmetric Galerkin boundary integral formulation for interface and multi-zone problems, Int. J. Num. Meth. Engng., 40, 1998, [3] Panzeca T, Cucco F, Terravecchia S, Symmetric boundary element method versus Finite element method, Comp. Meth. Appl. Mech. Engng. 191, 2002, [4] Cucco F, Panzeca T, Terravecchia S, The program KARNAK SGBEM Release 1.0. Palermo, www. bemsoft.it, 2002.

9 "#$%&''()%%*+""%$,-./0-,%"12342-,%54%#/ %$,78912:4,-23/% % % % % % "#$%&%'&()'*+%+"$$'$,$%",$"#&-. (&,/0")"+&%)'+110$1)%-%0,$2+()'*+%-+%31 /4*56789:)4)4/96;<=:)41=>9 "#$%&'#()*#/541/==2-/2*+,*-%..#+*/0102&#0*345678/9* C0+1+D,E'FG#HE"#&FD#(*I*0E&+&0DC#'0"+HE"#&FD#(I*0120D'+,#HE"#&FD#(* )?1"2)(" * 7G%*J+"1+F01*K#"#(%*81%L%"(*;%(G+M*3JNOK8;9A*(G%+&#P%M*#"*Q>R*+"*(G%*20'%*+,*0*F+"'#'(%"(*,+&LE10(#+"*+,*0*"+"1+F01*(+(01*C+(%"(#01*%"%&.)*C&#"F#C1%A*#'*"EL%&#F011)*#LC1%L%"(%M*#"*(G%* F+"(%S(* +,* *?4* C10"%* '(&%''* "+"1+F01* %10'(#F#()D* 7G%* 10((%&A* G%&%* F+"F%#$%M* #"* (G%* 'G0C%* +,* #"(%.&01O()C%*"+"1+F01*%10'(#F#()A*#'*(&%0(%M*0''EL#".*0"*8&#".%"O()C%*F+"'(#(E(#$%*10TA*'%%*%D.D* Q?RD*7G%*JNOK8;*#'*,+&LE10(%M*+"*(G%*,E"M0L%"(01*0''ELC(#+"*(G0(*(G%*C+'(E10(%M*"+"1+F01* %10'(#F*2%G0$#+E&*+,*(G%*L0(%&#01*#'*F0C(E&%M*2)*0*,#"#(%*%1%L%"(*%"M+T%M*T#(G*0*'%(*+,*F&+''O* '(#,,"%''*%1%L%"(U'*L0(&#F%'*021%*(+*F0(FG*(G%*"+"1+F01*%,,%F('*#"V%F(%M*#"(+*(G%*%1%L%"(*#('%1,* 2)* (G%* "%#.G2+E&#".* %1%L%"('* #"* (G%* L%'GD* 7G%'%* %1%L%"('* 0&%* 1+F0(%M* T#(G#"* 0"* #",1E%"F%* P+"%*TG+'%*T#M%"%''*#'*'(&#F(1)*&%10(%M*(+*0"*#"(%&"01*1%".(G*L0(%&#01*'F01%D*7G%*10((%&*%"(%&'* (G%*0((%"E0(#+"*,E"F(#+"*C&+C%&*+,*(G%*0M+C(%M*8&#".%"O()C%*F+"'(#(E(#$%*10TD** B"* (G%* C&%'%"(* F+"(&#2E(#+"A* 0,(%&* 0* 2&#%,* &%$#%T* +,* (G%* JNOK8;A* TG+'%* "EL%&#F01* #LC1%L%"(0(#+"*G0'*2%%"*M%%C1)*M#'FE''%M*2)*(G%*C&%'%"(*0E(G+&'*#"*0*$%&)*&%F%"(*F+"(&#2E(#+"* +"*(G%*(+C#F*QWRA**M%(0#1'*02+E(*(G%*L%(G+M*0&%*C&%'%"(%M*+E(1#"#".*#('*"+$%1(#%'*T#(G*&%'C%F(*(+* 0*'(0"M0&M*K8;D*7G%*L0#"*F+LCE(0(#+"01*#''E%'*0&#'#".*#"*(G%*"EL%&#F01*#LC1%L%"(0(#+"*+,* (G%*L%(G+M*0&%*(G%"*M#'FE''%M*,+FE'#".*01'+*(G%*0((%"(#+"*+"*(G%*F+"'(&EF(#+"*+,*(G%*"+"1+F01* +C%&0(+&'* 0'* T%11* 0'* +"* (G%#&* CG)'#F01* #"(%&C&%(0(#+"D* 7G%* C+''#2#1#()* +,* E(#1#P#".* %S#'(#".* '(0"M0&M* K8OF+M%'* %"&#FG%M* 2)* 0*,%T* '#LC1%* 0CC+'#(%* 'E2&+E(#"%'A* TG#FG* F+LC1)* T#(G* (G%* C%FE1#0&#(#%'* +,* (G%* M#'FE''%M* L%(G+MA* #'* 01'+* #LC1#F#(1)* C&+$%MD* 5* "EL%&#F01* %S0LC1%* #'* C&%'%"(%M*0"M*(G%*&%1%$0"(*"EL%&#F01*&%'E1('*0&%*M#'FE''%M*(+*'G+T*011*(G%*C+(%"(#01#(#%'*+,*0* L%(G+M*TG#FG*0CC%0&'*(+*2%*$%&)*%,,%F(#$%*,+&*'+1$#".*L%FG0"#F01*C&+21%L'*+,*%".#"%%&#".* #"(%&%'(*T#(G#"*0*"+"*1+F01*%10'(#F*F+"(%S(D* * * -8K8-8J/86* Q>R*/D*X+1#PP+((+*3?YY>9D*ZJ+"1+F01*%10'(#F#()*0"M*&%10(%M*$0&#0(#+"01*C&#"F#C1%'[A*"-1/=-214,-23% Q?R*5D/D*8&#".%"A*/D_D*6C%P#01%A*`D6D*a#L*3>=]]9D*Z/&0FbO(#C*C&+21%L*#"*"+"O1+F01*%10'(#F#()[* QWR* 5D5D* X#'0"+A* 5D* 6+,#A* XD* KE'FG#* 3?YY<9D* ZK#"#(%* 81%L%"(* 6+1E(#+"'*,+&* 8&#".%"O7)C%* J+"1+F01* 810'(#F*?4* X&+21%L'[A* "-1/=-214,-23% D,9=-23% E,=% I97/=4623% #/1<,5F% 4-% J-04-//=4-0*3'E2L#((%M*(+9D*

10 Approccio Lagrangiano ad elementi finiti per la simulazione di problemi di interazione fluido-struttura Massimiliano Cremonesi, Attilio Frangi, Umberto Perego Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Politecnico di Milano Parole chiave: interazione fluido-struttura, approccio Lagrangiano In problemi di fluidodinamica che presentano superfici libere, breaking waves o interazione con pareti solide, può risultare conveniente un approccio di tipo Lagrangiano, in cui le condizioni al bordo e di interfaccia possono essere imposte esplicitamente. In una formulazione di questo tipo, le equazioni di Navier-Stokes sono formulate sfruttando le coordinate di riferimento che vengono aggiornate ad ogni passo dell integrazione temporale [1]. Una significativa difficoltà che nasce sfruttando questo approccio è la distorsione della mesh. Infatti, se si utilizza una mesh ad elementi finiti fissa, e, a causa del flusso del fluido, la posizione dei nodi viene aggiornata, la distorsione degli elementi risulta molto spesso eccessiva. Un possibile rimedio a tali distorsioni è un sistematico remeshing del volume di definizione del problema. Utilizzando una formulazione Lagrangiana il termine convettivo non lineare, tipico della formulazione Euleriana, scompare. Tuttavia, quando nell algoritmo di soluzione si inserisce un remeshing ad ogni passo temporale, compare una nuova sorgente di non linearità, dovuta al fatto che le equazioni discretizzate sono scritte utilizzando operatori matriciali basati su una geometria incognita. In questo lavoro, viene presentato un metodo Lagrangiano ad elementi finiti per l analisi di flussi di fluidi Newtoniani nello spirito del cosiddetto Particle Finite Element Method [2,3]. La caratteristica fondamentale di tale metodo è che sia densità e viscosità che velocità e pressione, sono assegnate ai nodi della mesh, che vengono così identificati come particelle materiali di fluido. Per aggiornare la posizione delle particelle (e quindi dei nodi) ad ogni passo temporale, velocità e pressione vengono calcolate risolvendo le equazioni di Navier-Stokes Lagrangiane, discretizzate con elementi finiti. In virtù della sua natura Lagrangiana, il metodo si presta particolarmente all applicazione a problemi di interazione fluido-struttura dove sia le equazioni per il fluido sia le equazioni per la struttura sono formulate in un riferimento Lagrangiano. Per mostrare le potenzialità del metodo proposto vengono presentati semplici esempi bidimensionali. Riferimenti bibliografici: [1]. Radovitzky R., Ortiz M., Lagrangian finite element analysis of newtonian fluid flows, Int. J. Numer. Methods Engrg. 43 (1998) [2]. Idelsohn S. R., Oñate E., Del Pin F., Calvo N., Fluid-Structure interaction using particle finite element method, Comput. Methods Appl. Mech. Engrg. 195 (2006) [3]. Idelsohn S. R., Oñate E., Del Pin F., The particle finite element method: a powerful tool to solve incompressible flows with free-surfaces and breaking waves, Int. J. Numer. Methods Engrg. 61(7) (2004)

11 Una famiglia di elementi finiti per la piastra inflessa basata sull espansione in polinomi ortogonali della curvatura Igino Pitacco 24 Aprile, Sommario In questo lavoro viene presentata un famiglia di elementi finiti semplici per il modello della piastra sottile inflessa (KP da Kirchhoff Plate). La letteratura sull argomento è vastissima e nonostante che dall inizio dell era degli elementi finiti siano stati proposti centinaia di elementi basati su formulazioni diverse, il dibattito è ancora aperto. La famiglia di elementi finiti qui proposta, denominata ACKP (Approximate Compatible Kirchhoff) è basata su una constatazione molto semplice ma apparentemente ignorata fino ad oggi: dato un campo di spostamenti trasversali definito su un elemento, espandendo le sue curvature in serie di polinomi ortogonali, i coefficienti della parte affine dell espansione dipendono solamente dalla traccia e dalla traccia normale ( derivata normale) dello spostamento sulla frontiera dell elemento. In altre parole, le traccie dello spostamento elementare definiscono completamente una approssimazione affine della curvatura interna, ottimale nel senso che coincide con la proiezione della curvatura (delle sue componenti) nello spazio dei polinomi affini rispetto ad una norma appropriata. Partendo da questo presupposto, negli elementi ACKP si rinuncia ad una descrizione del campo di spostamenti interno assumendo invece un andamento polinomiale per le traccie di tipo compatibile che garantisce cioè la continuità inter-elementare di spostamenti e derivate prime. L energia elastica dell elemento viene determinata in base all approssimazione affine delle curvature ottenuta dalle tracce. La convergenza degli elementi ACKP è garantita dal soddisfacimento quasi automatico dello IET(Individual Element Test). Si dimostra, inoltre, che su base elementare l energia elastica di un elemento ACKP è sempre inferiore a quella di un corrispondente elemento compatibile, cioè di un elemento CKP con le stesse traccie. Questo fatto mitiga uno dei diffetti maggiori degli elementi CKP ovvero l eccessiva rigidezza (tacendo su quanto complicata sia la loro costruzione), e fa dell ACKP un elemento semplice, dotato cioè dei classici gradi di libertà ingegneristici, con caratteristiche interessanti. La sperimentazione numerica ha rilevato che la rigidezza dell ACKP è intermedia tra quella degli elementi DKP (Discrete Kirchhoff Plate) e quelle di tipo CKP. 1

12 Un introduzione alla Isogeometric Analysis. Alessandro Reali, Ferdinando Auricchio Dipartimento di Meccanica Strutturale, Università degli Studi di Pavia Lourenço Beirão da Veiga Dipartimento di Matematica, Università degli Studi di Milano Annalisa Buffa Istituto di Matematica Applicata e Tecnologie Informatiche,CNR, Pavia Carlo Lovadina, Giancarlo Sangalli Dipartimento di Matematica, Università degli Studi di Pavia Parole chiave: Isogeometric Analysis, NURBS, elasticità lineare La Isogeometric Analysis è un approccio alla Galerkin isoparametrico e a geometria esatta, recentemente introdotto da Hughes et al. [1], che sta dando risultati molto promettenti come alternativa alle classiche tecniche di analisi basate sul metodo degli elementi finiti. Dopo un breve richiamo alle principali proprietà delle Non-Uniform Rational B-Splines (NURBS), scelte nel presente contesto come base per l analisi, saranno introdotti e discussi i concetti fondamentali dell approccio. Verranno quindi presentati diversi esempi e risultati numerici al fine di mostrare alcune delle possibilità di questo nuovo tipo di analisi. In particolare, saranno considerate applicazioni relative allo studio di frequenze di vibrazione per problemi elastici lineari [2], di dispersione numerica in problemi di propagazione di onde [3], di risposta statica per problemi lineari elastici incomprimibili [4]. Verranno infine discussi alcuni possibili sviluppi futuri. Riferimenti bibliografici [1] Hughes TJR, Cottrell JA, Bazilevs Y, Isogeometric analysis: CAD, finite elements, NURBS, exact geometry, and mesh refinement, Comput. Methods Appl. Mech. Engrg. 194, 2005, [2] Cottrell JA, Reali A, Bazilevs Y, Hughes TJR, Isogeometric analysis of structural vibrations, Comput. Methods Appl. Mech. Engrg. 195, 2006, [3] Hughes TJR, Reali A, Sangalli G, Duality and unified analysis of discrete approximations in structural dynamics and wave propagation: comparison of p-method finite elements with k- method NURBS, in stampa su Comput. Methods Appl. Mech. Engrg., [4] Auricchio F, Beirão da Veiga L, Buffa A, Lovadina C, Reali A, Sangalli G, A fully lockingfree isogeometric approach for plane linear elasticity problems: a stream function formulation, Comput. Methods Appl. Mech. Engrg. 197, 2007,

13 Elementi finiti ad elasticità variabile e GA per la identificazione delle modifiche indotte da scavi e perforazioni nelle proprietà dei terreni. Stefano Ciaramella, Vincenzo Minutolo, Eugenio Ruocco Dipartimento di Ingegneria Civile,Seconda Università di Napoli Parole chiave: identificazione, elasticità variabile, algoritmi genetici In molti interventi sul sottosuolo, in presenza di scavi e perforazioni, si riscontra spesso una sensibile modifica dell assetto del terreno indotta dalla natura dell opera. Questo effetto influenza molto la risposta del complesso terreno opera nei riguardi dei cedimenti immediati e differiti. Per studiare il fenomeno occorre portare in conto l effetto del rimaneggiamento indotto dalle opere di scavo. Una prima e più diretta indagine può essere eseguita a partire da dati di spostamento rilevati durante le fasi di scavo. Una modellazione del complesso suolo struttura può essere effettuata considerando la variazione delle caratteristiche del terreno consistente in una variazione dello stato di addensamento. Questa si può modellare come una variazione delle costanti elastiche differente da punto a punto e decadente con la distanza dall origine del disturbo. Il mezzo continuo, cui si riferisce il comportamento del terreno, assume così il carattere di materiale eterogeneo [1] e deve essere modellato assumendo una distribuzione nello spazio dei parametri meccanici; questa distribuzione deve essere identificata a partire da dati sperimentali acquisiti durante le operazioni di scavo o perforazione che l hanno provocata. Nel lavoro si assegna una legge parametrica di variazione delle costanti del terreno dipendente dai valori dei moduli, massimi e minimi, dall ampiezza della zona di rimaneggiamento e dal gradiente della variazione. Queste quantità, sono assegnate ad un modello per Elementi Finiti Gradati Isoparametrici [2] nel quale le variazioni delle costanti elastiche sono descritte al livello dei nodi del reticolo con funzioni di forma coincidenti con quelle usate per la modellazione delle variabili spostamento. Attraverso una procedura di ottimizzazione basata su algoritmi genetici [3], si ricerca il migliore insieme di parametri di distribuzione delle costanti elastiche del terreno rispetto ad un sistema di dati misurati alla superficie del terreno durante lo scavo. Nel lavoro si mostra l accuratezza della modellazione e l influenza delle norme di convergenza sulla qualità dell identificazione. Il lavoro opera ricostruendo la distribuzione delle costanti elastiche del terreno a partire da risposte simulate, inoltre si riportano anche i confronti con dati ottenuti sperimentalmente durante lo scavo di gallerie urbane e la realizzazione di paratie di pali di contenimento. Riferimenti bibliografici [1] Pan W, Gong J, Zhang L, Chen L, (Eds) Functionally Graded Materials VII, Proc. of the VII int. Symposium (FGM2002), [2] Kim, JH.; Paulino, G.H.: Isoparametric Graded Finite Elements for nonhomogeneous isotropic and orthotropic materials, Journal of Applied Mechanics, 69, 2002, [3] Iuspa L. Minutolo V. Ruocco E. Buckling Optimization of Grid Structures Via Genetic Algorithms III ECCM, Lisbona, 2006.

14

15 Sessione Aula I PT Sessione Aula I PT Sessione Aula II PT Sessione C Mercoledì 10 Sessione D 16 Garcea, Madeo, Zagari, Casciaro Rossi, Oñate Geometrically nonlinear models based on linear Advanced Methods in FSI elastic solutions 20 De Miranda, Ubertini, Mancuso Lacarbonara, Arena A new energy decaying time discontinuous formulation for a non-linear elastodynamics Three-dimensional model of suspension bridges via a fully nonlinear continuum formulation 40 Daghia, De Miranda, Ferri, Ubertini Fileccia Scimemi, Rizzo A patch based procedure for stress recovery in Euristic approach ACOR for structural optimization elastoplasticity 17 Pausa caffè Sessione E Sessione F 30 Abati, Callari, Armero Contraffatto, Cuomo Analisi di localizzazione in mezzi porosi parzialmente saturi con il metodo delle discontinuità forti A variational formulation for the embedded discontinuity method 50 Parrinello, Failla, Borino Artioli, Beirão da Veiga, Hakula, Lovadina Constitutive modelling of cemented granular materials with transition from cohesive to frictional behaviour Asymptotic behaviour of shells of revolution in free vibration Evangelista, Marfia, Sacco Secchi, Simoni, Schrefler A 3D SMA constitutive model in the framework of finite strains A time discontinuous Galerkin numerical procedure for coupled problems 40 Assemblea GIMC

16 Geometrically nonlinear models based on linear elastic solutions Giovanni Garcea, Antonio Madeo, Giuseppe Zagari Dipartimento di Modellistica per l Ingegneria, Università della Calabria, Italy Key Words: Implicit corotational formulation, geometrically nonlinear models, asymptotic analysis. In order to recover geometrically nonlinear models, the implicit corotational formulation [1] is surely a very powerful tool. Its main feature is the possibility of obtain nonlinear models starting from linear ones in easy and automatic fashion. This is a great potentiality because the literature is very rich of linear theories and, conversely, the availability of nonlinear models is not completely satisfactory. The method is based on the polar decomposition theorem and the corotational description of motion [2], which is directly applied at the continuum level, following Biot [3]. The continuum body is thought of as subdivided in small regions, with a corotational reference system for each one that filter its average rigid motion. The accuracy increases with a reduction in the region size and the model become exact by a suitable limit process. In the analysis of slender structures, undergoing large rotations and small strains, by referring to the linear stress solution as Biot s tensor in corotational frame and using a mixed variational formulation, we obtain an automated way of using the information gained by the linear analysis in the nonlinear context. Since linearized solution are always available even for complex beams, plates and shells, it is easy to obtain, by this way, the corresponding nonlinear models in a form convenient for numerical implementations. The theoretical features of the implicit corotational method are presented here regarding some implementation to planar and spatial beams and thin plates models. In these simple context, the methodology and the correctness of the proposed approach appear clearly. In particular for simplified 3D beam and thin plates we recover classical models already available in literature [4]. Finally, the results of a numerical testing performed through both path-following and Koiter s asymptotic analysis are reported and compared, show the great accuracy provided by proposed approach. Rereferences [1] G. Garcea, A. Madeo. Rational strain measures - The implicit corotational method. ECCM Lisbon. [2] B. Nour-Omid, C.C.Rankin Finite rotation analysis and consistent linearization using projectors. Computer Methods in Applied Mechanics and Engineering, 93, , [3] Maurice A.Biot. Mechanics of Incremental Deformations. J. Wiley & Sons, New-York, [4] J.C. Simo, L.Vu-Quoc, A three-dimensional finite-strain rod model. Part II: Computational aspects. Computer Methods in Applied Mechanics and Engineering, 58, ,

17 "#$%$#$&'()$*+(,#'-,.$),/*0#-,#101/20&.13+-,0#20&#0#43,#$+& $3+/-0)(#+.,*/ 5-$2+#0)$6,&+#)+78&+#*$/*09:$&-,#, "#$%&$'()*+,-./+01(2+(34546*7( /0-87*492-:+.7*27;(<*+=49+0'(8.7*>-/>49<=-.0+*+;<*+=49+0( 6+//,.06+#*1/0 :7//+:49:7*></4;<*+:4.-9+0( B-CD4.2/; ),/*0#-,#101/ <+3$&=,#.$->0)7 #0#43,#$+& )(#+.,*/7 -,.$,#-$'&+-,0# /*>$.$/7 $#$&'(4)$*+(,#'+3'0&,->./?# ->$ 3+/- ($+&/.1*> &$/$+&*> >+/ :$$# -0 +**1&+-$ +#) &0:1/- -,.$,#-$'&+-,0#.$->0)/ 20& #0#43,#$+& /-&1*-1&+3 )(#+.,*/B C0 ->,/ $#)7 2,3-$&,#' 01- ->$ 1#%+#-$) >,'>42&$D1$#*( &$/A0#/$ >+/ :$$# &$*0'#,E$) +/ + )$/,&+:3$ 2$+-1&$ +--$.A-/ 0->$&/KB "# +AA&0+*>,/ 022$&$) :( ->$ -,.$ ),/*0#-,#101/ <+3$&=,# FCL<K.$->0)7 %>,*> >+/ :$$# /1**$//2133( +AA3,$) -0 3,#$+& +#) #0#43,#$+& /-&1*-1&+3 )(#+.,*/7 0%,#' -0,-/ '00)/-+:,3,-(+#)+**1&+*(A&0A$&-,$/F/$$20&$M+.A3$GNJKB"3->01'>->$CL<.$->0)A&0A$&3( *0.:,#$/ >,'>$& 0&)$& +**1&+*( +#) >,'>42&$D1$#*( ),//,A+-,0#7 ->$&$ +&$ -%0.+,#,//1$/ ->+- +--$#-,0# 20&,-/ A&+*-,*+3 +AA3,*+:,3,-(B O#$ *0#*$&#/ ->$ *0.A1-+-,0#+3 *0/-7 %>,*>,# 2,&/-,//1$ >+/ :$$# %0&=/ +#)7 20& $M+.A3$7 +# GPJB60&$0A$#D1$/-,0#/&$.+,#*0#*$&#,#'->$/$*0#),//1$7->+-,/->$1#*0#),-,0#+3/-+:,3,-(02 ->$.$->0)0&7,#0->$&%0&)/7,-/1#*0#),-,0#+3$#$&'()$*+(7%>,*>A3+(/+*$#-&+3&03$,##0#4 3,#$+& $3+/-0)(#+.,*/ +#) *0#/-,-1-$/ ->$.+,# 20*1/ 02 ->$ A&$/$#- A+A$&B O# ->,/ &$'+&)7,-,/ ->+- ->$ CL<.$->0),#,-/ *3+//,*+3 20&.13+-,0#,/ 1#*0#),-,0#+33( /-+:3$,# 3,#$+& -$#)/ -0 :$ Q,-> ->,/,#.,#)7 + *0&&$*-,0# 02 ->$ *3+//,*+3 20&.13+-,0# ->+- -&13( $#$&'(4)$*+(,#'7,/ A&0A0/$)B 50.$ #1.$&,*+3 $MA$&,.$#-/ +&$ A&$/$#-$) -0,331/-&+-$ ->$ +&'1.$#-/),/*1//$),#->$A+A$&B &-8-.-*>-/ GHJ R1>3 L7 S&,/2,$3) 6"7 T#$&'( +#) )$*+(,#' +3'0&,->./,# #0#43,#$+& /-&1*-1&+3 )(#+.,*/7"*09(E9(F<:-.9(?-0G42/(A*6.697PU7HVVV7UWVXWYYB GIJ Z+1*>+1O"7[00C7S0.A1-+-,0#+3/*>$.$/20&#0#43,#$+&$3+/-04)(#+.,*/7("*09(E9(F<:-.9(?-0G42/(A*6.697PU7HVVV7WVNX\HVB GNJ ]13:$&-<67#H7>-I0+:-(8+*+0-(-5-:-*0(:-0G42/(84.(/->4*2J4.2-.(GCH-.=45+>(H.4=5-:/7^>BLB GPJ 6+#*1/0 67 9:$&-,#, 87 "# $22,*,$#- -,.$ ),/*0#-,#101/ <+3$&=,# A&0*$)1&$ 20& #0#43,#$+&

18 "#$%&'($)*+#,-&*+.,*/-,)%,*)),*&-0*,123*4$)%-#4$)%2&2%1 5*+*,2&$6$7'2$89%*/$3-+*:2,$3+$89%*/$3-5*,,285,$3&*)&-;(*,%232 "#$%&$'()*+,-./+01(2+(34546*7( %'**)%2=$%2-3-/%'*/232%**4*=*3%+2)&,*%2F$%2-3*,,-,CG'**,,-,87*3*,$44123)%,*))($)*+3-,=)8 2)*)%2=$%*+(1&-=#$,237%'*-,2723$4/232%**4*=*3%)-4.%2-3H2%'%'*,*&-0*,*+-3*CG'*=$I-, )%*# /-,H$,+ 23.)237,*&-0*,1 #,-&*+.,*) H$) %$J*3 23 AKKL8 H2%' %'* 9.#*,&-30*,7*3% M$%&' 2=#,-0*)%,*))*)(1*3/-,&237&-=#$%2(242%1-0*,4-&$4#$%&'*)-/*4*=*3%)CS$&'#$%&'2)(,-J*3 -.%$)$).(>=-+*4).(I*&%*+%-+2)#4$&*=*3%(-.3+$,1&-3+2%2-3)8+*,20*+/,-=%'*-,2723$4/232%* *4*=*3%)-4.%2-3CT*3&*82=#,-0*+4-&$4)%,*))*)$,*&-=#.%*+(1=232=2F237%'*&-=#4*=*3%$,1 *3*,71 -/ %'* #$%&'8 $=-37 $3 $)).=*+ )*% -/ *U.242(,$%*+ )%,*)) /2*4+)C G'2) #,-&*+.,*2)0*,1 #,-=2)237 )23&* 2% '$) (**3 )'-H3 %- (* )2=#4*8 *//2&2*3%8,-(.)% $3+ 3.=*,2&$441 )%$(4*C :-,*-0*,8 2% +-*) 3-% 3**+ $31 J3-H4*+7* -/ ).#*,>&-30*,7*3% #-23%)C?3 %'2) H-,J %'* DPM #,-&*+.,* 2) *E%*3+*+ %- *4$)%-#4$)%2& #,-(4*=)C G'* 3*H #,-&*+.,* *3/-,&*) %'* &-=#$%2(242%1 &-3+2%2-38%-7*%'*,H2%'%'*4-$+>.34-$+&-3+2%2-3)8-0*,%'*7*3*,2&#$%&'CG'2)$44-H)%-,*&-0*,$ 3*H $3+ =-,* $&&.,$%* )%,*)) /2*4+ %-7*%'*, H2%' $3*H #4$)%2& )%,$23 /2*4+8 )- %'$% *4$)%-#4$)%2& &-3)2)%*3&12))$%2)/2*+CV20*3%'*)%,-37$3$4-71(*%H**3%'*DPM#,-&*+.,*$3+%'*=2E*+)%,*)) =*%'-+)8 %'* $(-0* *E%*3)2-3 2) &-3+.&%*+.)237 %*&'32U.*) )2=24$, %- %'-)*.)*+ /-, %'* +*0*4-#=*3%-/=2E*+)%,*))/232%**4*=*3%)/-,*4 "23)H-,%':8X+*3YG8%(C4/ (D..4.(D/0+=70+4*(+*(E+*+0-(D5-=-*0(%*75A/+/8Y-'3Z24*1 _2*3J2*H2&F XP8 _'. Y_8 G'* ).#*,&-30*,7*3% #$%&',*&-0*,1 $3+ $ #-)%*,2-,2 *,,-, c*3*+*%%2 "8 +* :2,$3+$ 98 ;(*,% " #-)%*,2-,2 *,,-, *)%2=$%2-3 ($)*+ -3 %'* c24-%%$ "8 P$)&2$,- D8 " '27'>#*,/-,=$3&* *4*=*3% /-, %'* $3$41)2) -/ L6 *4$)%-#4$)%2& &-3%23.$8IH%HD8AKa8L^^d8bAb`bLbC

19 Analisi di localizzazione in mezzi porosi parzialmente saturi con il metodo delle discontinuità forti A. Andrea 1 C. Callari 2 F. Armero 3 1 Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria 2 Università del Molise Facoltà di Ingegneria 3 UC at Berkeley Dept. of Civil Eng. Parole chiave: discontinuità forti, mezzi porosi, parziale saturazione Sommario Si presenta un analisi di localizzazione basata sul metodo delle discontinuità forti per modellare meccanismi di collasso in mezzi porosi parzialmente saturi. Nell analisi si considera la possibilità di modellare discontinuità sia negli spostamenti, con le corrispondenti distribuzioni singolari delle deformazioni, che nei flussi delle fasi liquida e gassosa, con le corrispondenti distribuzioni singolari di contenuto di massa. In questo modo è possibile modellare l accumulo e/o il drenaggio di massa fluida nelle zone in cui la deformazione si localizza. Il modello costitutivo multi-fase assunto per la caratterizzazione della risposta alla grande scala è basato su un approccio termodinamico macroscopico basato sul lavoro di Biot, dove la parte iperelastica è una particolarizzazione di leggi più generali formulate in [2]. Nell ambito termodinamico macroscopico in cui è sviluppato il modello costitutivo alla grande scala è possibile applicare l approccio multi-scala alle discontinuità forti presentato in [1] e utilizzato in [4] nell ipotesi di completa saturazione. In tale contesto il problema alla piccola scala è definito dai bilanci localizzati di massa fluida, dipendenti dalla dilatanza concentrata nelle superfici di discontinuità degli spostamenti; tale dilatanza è a sua volta governata dalle trazioni efficaci agenti sulle superfici di discontinuità. Il problema alla piccola scala così definito viene quindi incorporato nel problema accoppiato alla grande scala attraverso una forma debole dell equilibrio tra le trazioni agenti sulla discontinuità e le tensioni agenti nel continuo. Nel metodo presentato le equazioni governanti sono approssimate direttamente attraverso una formulazione agli elementi finiti enhanced dalle distribuzioni singolari di deformazioni e contenuti di massa fluida. In particolare, nella formulazione agli elementi finiti il problema accoppiato alla grande scala viene discretizzato come in [3] e i modi enhanced vengono considerati solo al livello dell elemento, consentendone la condensazione statica, come in [1, 4]. Si presentano infine i risultati di diverse simulazioni numeriche allo scopo di mostrare il campo di applicazione del modello sviluppato e le prestazioni del metodo agli elementi finiti proposto. Riferimenti bibliografici [1] F. Armero. Large-scale modeling of localized dissipative mechanism in a local continuum: applications to the numerical simulation of strain localization in rate-dependent inelastic solids, Mechanics of Cohesive and Frictional Materials, 4, , [2] C. Callari and A. Abati. a) Hyperelastic multiphase porous continua with strain-dependent retention laws, to be submitted. [3] C. Callari and A. Abati. b) Finite element methods for unsaturated porous solids, to be submitted. [4] C. Callari and F. Armero. Analysis and numerical simulation of strong discontinuities in finite strain poroplasticity, Computer Methods in Applied Mechanics and Engineering, 193, , 2004.

20 "#$%&'&(&')*+#,*--'$.#/0*+*$&*,.12$(-21+2&*1'2-%3'&4&12$%'&'#$ /1#+0#4*%')*&#/1'0&'#$2-5*42)'#( '$*--#9:762'--29;7:#1'$# "#$%&"'()&*+,"+-).(.)(%"$+/&%0&&0%$1(+(+2(*&(3)"3$4+5)"6(%7"&8+,"+9$1(%'*+ :*%")*;0)"#$<"&4+=%$)3(73*<#$%%")(11*;0)"#$<"&4+:=$"11$;,"7(.<0)"#$<"&+++ '% 0#$0*1$*, 3'&4 #/ 2 0#$%&'&(&')* +#,*- /#1 0#$01*&* 2$,9 +#1*.*$*12-->9 /#1 2$, /(--> 0*+*$&*,.12$(-21 +2&*1'2-% 2%9 /#1 %2$,%&#$*9 #$*9 34'04 '% &*1'E*, 5> #5%*1)25-* 2& +'01#%&1(0&(12- -*)*- 2$, 1*.21,'$.&4*'$&*120&'#$5*&3**$2..1*.2&*%2$,0*+*$&'&'#(%+2&1'A7 N$&4'%3#1B9&4*5*42)'#(1#/%(04+2&*1'2-%'%0#$%&'&(&')*->+#,*--*,0#$%',*1'$.&4*.12$(-21 &4* %2+* &'+* 2$, &4* *//*0&.*$*12&*, 5> &4* +2&1'A9 34'04 5'$,% 2-- &4* 2..1*.2&*% '$ 2 +#$#-'&4'0 %#-',9 2$, '& '% 2%%(+*, &#.#)*1$ &4* +2&*1'2-0#4*%')* 5*42)'#(17?4* +2&1'A '% 2%%(+*, &# 5* %(5O*0&*, &#,'//(%* +'01#0120B'$. 2$, #/ &4* 1*-*)2$& *-2%&'0 &# *A42(%&'#$7?4* 21* 5> 2 /1'0&'#$2- %&1*$.&47 :> &4* '% 0#$%&2$&-> 20&')*9 *)*$ '/ &4* C(0420#$%&'&(&')*/#1+(-2&'#$*$%(1*%&#02&04&4*&12$%'&'#$/1#+&4*'$'&'2-->*-2%&'05*42)'#(19 #/&4*%#($,+2&*1'2-9&#&4*1*%',(2-/1'0&'#$2-%&2.*#/&4*/(-->,2+2.*,#$*7?4*0#$%&'&(&')* +#,*- '$ 25%#-(&* 3'&4 &4*&4*1+#,>$2+'0 FPI9 '$ #1,*1 &# *$%(1*&4*1+#,>$2+'00#$%'%&*$0>7 A(=(%()3(7 FGI %4*2132--%7821&NNTU9B$%&CD<+B).<+/&%03<+?)79GVVWX"<LLG=LPH7 FHI FJI :7\7 Q(00'#$'9 ]7"7 ^#(.'*19 /#1 0#$/'$*, 0#$01*&*U9 G*'#<+ /&%03<9HZZM9%&<HHJ[=HHMP7 FLI 67 ^2.(*$*2(9 "47 Q2 :#1,*1'*9 _7 \2E21%9 RS2+2.* +#,*- /#1 0#$01*&*=-'B* +2&*1'2-% FMI '$*--#9:762'--29;7:#1'$#9R"#4*%')*=/1'0&'#$2-'$&*1/20*0#$%&'&(&')*+#,*-U9-)&+I*0<+ /*1<+/&%03<+`($,*1%(5+'%%'#$a7 FPI _7Q*+2'&1*9_7=Q7"425#04*9bb\*042$'0%#/%#-',%+2&*1'2-%cc9G$':<+5)"6<+9%(779GVVZ7

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto

Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Lezione 4: Principi di Conservazione Conservazione della quantità di moto e del momento della quantità di moto Claudio Tamagnini Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Università degli Studi di

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Studio del trattamento termico di lamine in lega a memoria di forma NiTi per la realizzazione di strutture funzionali

Studio del trattamento termico di lamine in lega a memoria di forma NiTi per la realizzazione di strutture funzionali Leghe a memoria di forma Studio del trattamento termico di lamine in lega a memoria di forma NiTi per la realizzazione di strutture funzionali M. Merlin, C. Soffritti, A. Fortini Il presente lavoro descrive

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Fabio Mazza Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria, 87036, Rende (Cosenza).

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

Diss. ETH No. 20918. Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design. for the degree of Doctor of Sciences

Diss. ETH No. 20918. Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design. for the degree of Doctor of Sciences Diss. ETH No. 20918 Information Theoretic Modeling of Dynamical Systems: Estimation and Experimental Design A dissertation submitted to ETH Zurich for the degree of Doctor of Sciences presented by Alberto

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è

Se il flusso termico specifico fornito dalla resistenza elettrica è Transitorio termico per un Ferro da stiro (esercizio 5.9 di Fundamentals of Heat and Mass Transfer, F.P. Incropera, D.P. Dewitt, T.L. Bergman, A.S. Lavine, 6th Edition, Wiley, 2007. La piastra di un ferro

Dettagli

Risposta sismica locale: confronto tra analisi numeriche nel dominio del tempo e delle frequenze

Risposta sismica locale: confronto tra analisi numeriche nel dominio del tempo e delle frequenze Risposta sismica locale: confronto tra analisi numeriche nel dominio del tempo e delle frequenze Ciro Visone,* Emilio Bilotta,** Filippo Santucci de Magistris*** Sommario Questo lavoro presenta uno studio

Dettagli

Corso di Analisi Numerica - AN2. Parte 3: metodi alle differenze. per Equazioni Differenziali Ordinarie. Roberto Ferretti

Corso di Analisi Numerica - AN2. Parte 3: metodi alle differenze. per Equazioni Differenziali Ordinarie. Roberto Ferretti Corso di Analisi Numerica - AN2 Parte 3: metodi alle differenze per Equazioni Differenziali Ordinarie Roberto Ferretti Qualche richiamo analitico Filosofia generale dei metodi alle differenze: i metodi

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI

Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI Curriculum Vitae di ENRICO NARDELLI (Versione Abbreviata) Ultimo Aggiornamento: 24 Febbraio 2011 1 Posizioni Enrico Nardelli si è laureato nel 1983 in Ingegneria Elettronica (110/110 con lode) presso l

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

@polimi.it. pratica. dei cicli. Sommario. In questa convogli.

@polimi.it. pratica. dei cicli. Sommario. In questa convogli. U UNA PROCEDURA SEMPLIFICATA PER IL CALCOLOO DEI CEDIMENTI DII RILEVA ATI FERROVIARI Gabriele Della Vecchia, Federico Pisanò, Andrea Galli, Claudio di Prisco Politecnico di Milano gabriele.dellavecchia@

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento

Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Knowlab Un Sistema Computerizzato per la Valutazione Adattiva della Conoscenza e dell'apprendimento Debora de Chiusole PhD Candidate deboratn@libero.it Università degli Studi di Padova Dipartimento FISPPA

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014

SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 SOL terra Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2014 MADE IN ITALY SOL - Marco Zanuso Jr, Christophe Mathieu 2013 Sol è un sistema basato interamente sull interpretazione di innovativi principi di calcolo

Dettagli

Andrea Dall Aglio - Curriculum vitae et studiorum - aggiornamento: July 20, 2008 1. Andrea DALL AGLIO. Curriculum vitae et studiorum

Andrea Dall Aglio - Curriculum vitae et studiorum - aggiornamento: July 20, 2008 1. Andrea DALL AGLIO. Curriculum vitae et studiorum Andrea Dall Aglio - Curriculum vitae et studiorum - aggiornamento: July 20, 2008 1 Andrea DALL AGLIO Curriculum vitae et studiorum Andrea Dall Aglio è nato a Livorno il 27 aprile 1963. E sposato, ha due

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing.

Delta. Centro di progettazione e sviluppo. Research & Development Department. Controllo resistenza alla corrosione Corrosion resistance testing. Delta PATENT PENDING Sistema di apertura per ante a ribalta senza alcun ingombro all interno del mobile. Lift system for doors with vertical opening: cabinet interior completely fittingless. Delta Centro

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW

ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW Technical-scientific seminar on Analysis and design of tall building structures University of Patras 16 May 214 h. 11:-18: ISOZAKI TOWER (CITYLIFE COMPLEX): A NEW OFFICE BUILDING IN MILAN (21-214) Structural

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Alberto Maurizi, Francesco Tampieri, CNR ISAC

Alberto Maurizi, Francesco Tampieri, CNR ISAC Contributi locali e non locali agli inquinanti nella Pianura Padana: dal caso particolare a una discussione generale sui modelli di composizione dell atmosfera Alberto Maurizi, Francesco Tampieri, CNR

Dettagli

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica FENICE ARREDI Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Prove di vibrazione su sistemi per pavimenti tecnici sopraelevati - Four x Four Relazione tecnica Via Ferrata 1, 27100 Pavia, Italy Tel. +39.0382.516911

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore

Analisi e controllo di uno scambiatore di calore Università degli Studi di Roma Tor Vergata FACOLTÀ DI INGNEGNERIA Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria dell automazione Progetto per il corso di controllo dei processi Analisi e controllo di uno scambiatore

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli