LO STANDARD IEEE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO STANDARD IEEE 802.11"

Transcript

1 LO STANDARD IEEE i terminali sono in continua evoluzione. 2 1

2 Esempi 3 Standard Comitato IEEE, Giugno 1997: Standard

3 IEEE IEEE Livello fisico: due metodi di utilizzo di frequenze radio, DSSS (Direct Sequence Spread Spectrum), FHSS (Frequency Hopping Spread Spectrum) ed un metodo basato sull infrarosso (DFIR). Ai primi due è stato presto affiancato OFDM (Orthogonal Frequency Division Multiplexing) Livello MAC: variante di Ethernet CSMA/CD (CSMA/Collision Detection) definita come CSMA/CA (CSMA/Collision Avoidance) Banda utilizzata: 2.4 Ghz ISM (Industrial, Scientific, Medical) Power management: possibilità di porre il dispositivo radio in uno stato di attesa per un periodo di tempo specifico o selezionabile dall utente Stazione: qualunque dispositivo che implementi le funzionalità previste dallo standard, ossia i livelli MAC e PHY ed un interfaccia verso il canale radio 6 3

4 IEEE (x) (1997): trasmissione a 2.4 GHz con throughput massimo di 2 Mbps a (1999): trasmissione a 5 GHz con throughput massimo di 54 Mbps b (1999): trasmissione a 2.4 GHz con throughput massimo di 11 Mbps d: rispetta le leggi di alcuni Paesi per l utilizzo della banda a 5GHz e (2003): supporta QoS su a, b e g f (2003): interoperabilità tra diversi Vendor g (2003): trasmissione a 2.4 GHz con throughput massimo di 54 Mbps h (2003): rispetta le leggi europee per l utilizzo della banda a 5 GHz i (2004): aumenta la sicurezza introducendo nuovi metodi di autenticazione e di criptazione che si applicano ad a, b e g n (2009): aumenta significativamente il data rate con l adozione del MIMO 7 IEEE b versione migliorata dello standard originale funziona nella banda ISM a 2.4 GHz velocità massima di 11 Mbps, leggermente più veloci di Ethernet 10-BASE-T tecnica DSSS a approvato poco dopo b funziona nella banda a 5GHz velocità massima di 54 Mbps tecnica OFDM banda più ampia = più canali costo elevato g terzo standard di rete wireless IEEE approvato nel 2002 funziona nella banda ISM a 2.4 GHz velocità massima di 54 Mbps tecnica è la OFDM avanzata compatibilità all indietro con b 8 4

5 LIVELLO FISICO 9 IEEE PHY Il livello fisico è suddiviso in due sotto-livelli: Physical Layer Convergence Procedure (PLCP) Physical Medium Dependent (PMD) OSI L2 MAC OSI L1 PLCP PMD 10 5

6 IEEE PHY Il PLCP realizza il legame tra i pacchetti del MAC ed i segnali in aria Il PLCP aggiunge la propria intestazione a tutti i pacchetti Normalmente, i pacchetti contengono un preambolo che serve a facilitare la sincronizzazione dei segnali ricevuti I requisiti di tali preamboli possono dipendere dal tipo di modulazione scelto, pertanto il PLCP aggiunge la propria intestazione Il PMD è responsabile della trasmissione di ogni bit ricevuto dal PLCP nel canale radio tramite l antenna Il livello fisico incorpora anche una funzione di clear channel assessment (CCA) che serve ad indicare al MAC quando un segnale viene rilevato 11 IEEE (a) PHY Frequency Hopping Spread Spectrum (FHSS) nella banda ISM a 2.4 GHz Direct Sequence Spread Spectrum (DSSS) nella banda ISM a 2.4 GHz Orthogonal Frequency Division Multiplexing (OFDM) nella banda ISM a 2.4 GHz e U-NII a 5 GHz Diffused Infrared (DFIR) 12 6

7 FHSS L utilizzo della banda ISM è concesso nel rispetto di determinate condizioni Ad esempio, negli Stati Uniti l organismo competente è il FCC, che detta le seguenti condizioni (47 CFR ) : - La banda a disposizione è ampia 83.5 MHz - Essa deve contenere almeno 75 canali di hopping - Ciascun canale non deve essere più ampio di 1MHz - I dispositivi devono utilizzare tutti i canali disponibili in modo omogeneo - In un periodo di 30 secondi, lo stesso canale non può essere occupato per un intervallo di tempo superiore a 0.4 secondi (dwell time) In Europa l organismo competente è l ETSI che ugualmente ha emesso delle normative da rispettare per l utilizzo della banda ISM (ETS ) Queste ultime sono meno restrittive sul minimo numero di canali (20) ma impongono un livello massimo di potenza inferiore rispetto alle FCC 13 FHSS Nello standard la banda ISM è suddivisa in canali aventi ampiezza di 1 MHz ciascuno, per un totale massimo di 96 canali utilizzabili Il 99% circa dell energia trasmessa è confinato nel canale utilizzato I canali sono numerati progressivamente a partire da 0: GHz canale GHz canale GHz canale 95 Il numero effettivo di canali disponibili dipende dall autorità competente in ambito nazionale (vedi tabella) Il dwell time è di poco inferiore a 0.4 s, i salti di frequenza non impiegano mai più di 224 µs Ilnumero di salti che compongono una sequenza di hopping dipende ugualmente dall autorità competente in ambito nazionale (vedi tabella) 14 7

8 FHSS Regulatory domain Allowed channels US (FCC) 2 to 79 ( GHz) Canada (IC) 2 to 79 ( GHz) Europe (excluding France and Spain) (ETSI) 2 to 79 ( GHz) France 48 to 82 ( GHz) Spain 47 to 73 ( GHz) Japan (MKK) 73 to 95 ( GHz) Regulatory domain Hop set size US (FCC) 26 Canada (IC) 26 Europe (excluding France and Spain) (ETSI) 26 France 27 Spain GFSK e Gaussian shaped FSK (GFSK) con F CLK = 1 Msymbol/sec Il segnale NRZ passa attraverso un filtro passa-basso con risposta Gaussiana e banda a 3 db pari a 500 KHz Il segnale così ottenuto modula in frequenza la portante Si possono raggiungere velocità di cifra pari a 1 o 2 Mbit/sec con GFSK multilivello 1 Mbit/sec: GFSK a 2 livelli 2 Mbit/sec: GFSK a 4 livelli L operatività a 1 Mbit/sec è obbligatoria, quella a 2 Mbit/sec opzionale Ciò al fine di facilitare l interoperabilità tra apparecchi appartenenti a fasce differenti 16 8

9 DSSS La tecnica DSSS non richiede salti continui di frequenza per ottenere l espansione spettrale, perciò la banda ISM è suddivisa in canali più ampi Se usata con tecnica DSSS, la banda ISM è suddivisa in 14 canali, ciascuno ampio 5MHz, a partire da GHz: GHz canale GHz canale GHz canale 14 Di nuovo il numero di canali effettivamente utilizzabili dipende dall autorità competente in ambito nazionale (vedi tabella) 17 DSSS Regulatory domain US (FCC)/Canada (IC) Europe, excluding France and Spain (ETSI) France Spain Japan (MKK) Allowed channels 1 to 11 ( GHz) 1 to 13 ( GHz) 10 to 13 ( GHz) 10 to 11 ( GHz) 14 (2.484 GHz) 18 9

10 DSSS Dal momento che lo standard b prevede l uso di un clock avente frequenza di 11 MHz per il segnale di chip, la maggior parte della potenza trasmessa è contenuta in un lobo centrale dello spettro ampio 22 MHz Per evitare interferenza con i canali adiacenti, i primi lobi laterali sono attenuati tramite filtraggio di 30 db, gli altri di 50 db 19 DSSS Segue che la spaziatura tra due canali adiacenti non deve essere minore di 22 MHz Dato che i canali sono separati di 5MHzdai più vicini, segue che si può utilizzare contemporaneamente un canale ogni

11 DPSK La DPSK (Differential Phase Shift Keying) è la modulazione associata alla tecnica DSSS nello standard E la modulazione di fase in cui i dati non sono trasmessi sottoforma di valori della fase di un segnale portante, ma piuttosto come sue variazioni 21 HR/DSSS Le tecniche FHSS e DSSS definite nella prima versione dello standard del 1997 permettono di raggiungere una velocità di cifra massima pari a 2 Mbps La seconda versione dello standard rilasciata nel 1999 e denominata b ha introdotto la tecnica HR/DSSS (High Rate DSSS) che permette di raggiungere velocità di cifra pari a 11 Mbps La differenza rispetto alla tecnica DSSS consiste nella modulazione La modulazione DPSK è stata sostituita dalla più complessa CCK (Complementary Code Keying) 22 11

12 OFDM in a La maggior parte degli edifici presenta un delay spread di ns, tuttavia, in alcuni ambienti, il delay spread può arrivare a 200 ns Una scelta comune è quella di un tempo di guardia da2a4voltesuperiore al delay spread medio Di conseguenza, nello standard a si è scelto un tempo di guardia pari a 800 ns Il periodo di simbolo deve essere almeno 5voltesuperiore del tempo di guardia; in a esso è fissato a 4µs La spaziatura delle sottoportanti è pari all inverso del periodo di integrazione, pertanto in a essa è di 0,3125 MHz (1 / 3,2 µs) 23 OFDM in a Periodo di guardia di 800 ns Tempo di simbolo pari a 5 volte il tempo di guardia (4 µs) Spaziatura tra le portanti pari a 0,3125 MHz Canali ampi 20 Mhz ciascuno Ogni canale ospita 52 portanti, di cui 48 usate per i dati e 4 di controllo Le portanti di controllo sono la -21, -7, 7, e

13 OFDM in a Negli USA i canali nella banda a 5GHzsono ampi 5MHzciascuno e numerati in modo crescente, secondo la seguente relazione Frequenza centrale [MHz] = x n, n = 0,1,2, Ovviamente, ogni canale a di 20 MHz occupa 4 canali Inoltre, all interno di ogni canale lo spettro del segnale deve rispettare una maschera prefissata 25 OFDM in a Le modulazioni associate alla tecnica OFDM in a sono diverse, al fine di ottenere velocità di cifra variabili tra 6 Mbps e 54 Mbps In tutti i casi, il livello fisico utilizza un tasso di simboli pari a 250k simboli al secondo su 48 sottoportanti, mentre il numero di bit per simbolo varia in funzione della modulazione Sono previste 4 categorie di velocità di cifra: 6 e 9 Mbps, 12 e 18 Mbps, 24e36Mbps,48e54Mbps E richiesto il supporto per 6, 12 e 24 Mbps, che sono le più basse velocità per le prime 3 categorie, quindi le meno sensibili alle interferenze La categoria più bassa utilizza la BPSK per codificare 1 bit su ciascuna sottoportante, ossia 48 bit per simbolo. Di questi, per via della codifica di canale di tipo convoluzionale, ½ oppure ¼ sono ridondanti, quindi solo 24 oppure 36 sono di dati 26 13

14 OFDM in a La categoria successiva usa la QPSK per codificare 2 bit su ogni sottocanale, per un totale di 96 bit per simbolo; considerando la codifica di canale rimangono 48 oppure 72 bit di dati La terza e la quarta categoria usano costellazioni M-QAM più dense (la 16-QAM che codifica 4 bit per simbolo e la 64-QAM che usa 6 bit per simbolo) La terza categoria usa la 16-QAM insieme con la codifica di canale standard (convoluzionale) a rate ½ o ¾ La quarta categoria usa la 64-QAM insieme a codifica convoluzionale a rate 2/3 o ¾ per raggiungere le velocità di cifra più elevate 27 Speed (Mbps) Modulation and coding rate (R) OFDM in a Coded bits per carrier Coded bits per symbol 6 BPSK, R=1/ BPSK, R=3/ QPSK, R=1/ QPSK, R=3/ QAM, R=1/2 16-QAM, R=3/4 64-QAM, R=2/3 64-QAM, R=3/ Data bits per symbol 28 14

15 LIVELLO DATI (CONTROLLO di ACCESSO al MEZZO) 29 IEEE MAC CSMA/CA (Carrier Sense Multiple Access with Collision Avoidance) Problema delle stazioni nascoste (hidden station) In una WLAN ciascun terminale non è in grado di ascoltare tutte le trasmissioni in corso per ragioni di copertura Non è possibile la Collision Detection, ma serve la Collision Avoidance 30 15

16 IEEE MAC Prima di effettuare la trasmissione di un frame, l entità di livello MAC deve ottenere l accesso al mezzo che può essere gestito mediante una funzione di coordinazione distribuita chiamata DCF oppure mediante una funzione di coordinazione centralizzata chiamata PCF In DCF, quando il mezzo si libera la stazione trasmittente attende che esso rimanga tale per un intervallo di tempo minimo, chiamato DIFS (Distributed Interframe Slot), dopodiché inizia una fase di contesa per l utilizzo del mezzo (Contention Window) La stazione che sente il mezzo libero dopo il tempo DIFS sceglie un intervallo casuale (backoff) al termine del quale se il mezzo è ancora libero invia la richiesta di trasmissione (Request to Send o RTS) L intervallo di backoff serve a ridurre la probabilità di collisione quando, alla fine di una trasmissione, ci sono molte stazioni in attesa che il mezzo si liberi 31 IEEE MAC La stazione ricevente raccoglie la RTS e, se ha disponibilità, risponde con un permesso a trasmettere (Clear To Send o CTS) Per l invio del CTS si impegna il canale subito dopo uno slot SIFS (Short InterFrame Slot) più breve del DIFS Questo anticipo serve ad assicurare che eventuali altri trasmettitori in attesa trovino il canale occupato dopo un DIFS Il trasmettitore che ha ricevuto il permesso attende un altro SIFS ed inizia a trasmettere il proprio messaggio Dopo ogni pacchetto il ricevente risponde con un ACK di conferma Per messaggi brevi si può anche tentare la trasmissione diretta al posto del RTS, nel caso di mancato ACK sarà necessario porsi in attesa 32 16

17 IEEE n n è la più recente revisione dello standard IEEE Il suo scopo è quello di aumentare significativamente il data rate ottenibile (fino a 600 Mbps) L innovazione principale consiste nell adozione di tecniche MIMO (Multiple Input Multiple Output) n MIMO I percorsi multipli sono causa di interferenza per gli schemi di ricezione tradizionali La tecnica MIMO usa i segnali provenienti da percorsi multipli per migliorare la ricezione Inoltre, la tecnica MIMO è usata per realizzare la Spatial Division Multiplexing (SDM) Con la SDM più flussi indipendenti possono essere trasmessi contemporaneamente sullo stesso canale Ogni canale SDM richiede un antenna dedicata su ciascun apparato La tecnica MIMO richiede di moltiplicare l hardware che realizza le catene di trasmissione e ricezione Essa richiede inoltre una operazione di precoding ed una di postcoding ai due capi della trasmissione 34 17

18 802.11n MIMO (2) Le radio multiple trasmettono e ricevono contemporaneamente sullo stesso canale Radio Radio D S P Radio canale Radio D S P TX Radio Radio RX Diversamente a quanto accade negli schemi tradizionali, dove al massimo si può sfruttare la diversity in ricezione TX DSP Radio canale Radio DSP RX n MIMO (3) Il sistema MIMO si descrive con una notazione del tipo: a x b : c a numero di catene RF in trasmissione b numero di catene RF in ricezione c numero di canali SDM Il draft n prevede configurazioni fino a 4x4:4 Configurazioni comuni sono 2x2:2, 2:3:2 e 3x3:2 che ottengono lo stesso throughput massimo Ciascun flusso utilizza la modulazione OFDM Aumento del numero di portanti: 48 (802.11g) 52 (il throughput sale da 54 Mbps a 58.5 Mbps) Aumento del rate di codifica di canale (FEC): 3/4 (802.11g) 5/6 (il throughput sale da 58.5 Mbps a 65 Mbps) 36 18

19 Channel Bonding e Frame aggregation La tecnica del Channel Bonding prevede che una trasmissione possa usare contemporaneamente due canali adiacenti di 20 MHz ciascuno, ottenendo un canale di 40 MHz Questo permette di raddoppiare il data rate rispetto all uso di un canale singolo Un problema presente nei protocolli consiste nell incidenza degli overhead e degli acknowledgment Per ridurre tali fenomeni n prevede meccanismi di aggregazione del traffico: 1. Aggregazione delle MAC Service Data Units (A-MSDU): interna al livello MAC 2. Aggregazione delle MAC Protocol Data Units (A-MPDU): esterna al livello MAC (richiede Block Acknowledgment, già presente in e) 37 Rate Massimo Miglioramento della modulazione 54 Mbps 65 Mbps Uso di MIMO 2x2 o 2x3 65 Mbps 130 Mbps Riduzione del overhead dei protocolli 130 Mbps 145 Mbps Channel Bonding (20MHz 40MHz) 145 Mbps 300 Mbps Uso di MIMO 4x4 300 Mbps 600 Mbps 38 19

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

802.11: modulazioni a confronto

802.11: modulazioni a confronto 802.11: modulazioni a confronto Normando Marcolongo 20 dicembre 2003 Tivoli 1 Obiettivi dell intervento Cenni sulle tecniche di Spread Spectrum Quali modulazioni vengono impiegate nello strato fisico dei

Dettagli

Standard delle reti wireless

Standard delle reti wireless Standard delle reti wireless Pubblicati dalla IEEE, 802 LAN-MAN standards committee. ISO OSI 7-layer model Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical IEEE 802 standards Logical

Dettagli

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802

I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 I protocolli wireless della famiglia IEEE 802 Davide Quaglia Reti di Calcolatori - Ethernet e 802.X 1 Problemi delle wireless LAN Interferenza e caduta di potenza del segnale Alta probabilità che il frame

Dettagli

Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili

Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili Università di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Protocolli per Reti Mobili IEEE 802.11n: Enhancements for Higher Throughput IEEE Std 802.11n Nell'ottobre

Dettagli

Evoluzione dello standard IEEE 802.11 (WiFi): verso IEEE 802.11ac

Evoluzione dello standard IEEE 802.11 (WiFi): verso IEEE 802.11ac Evoluzione dello standard IEEE 802.11 (WiFi): verso IEEE 802.11ac 2 INDICE Indice... 3 Indice delle Figure... 5 Indice delle Tabelle... 5 Introduzione... 6 1. IEEE 802.11... 7 1.1 PLCP (Physical Layer

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 24 Martedì 27-05-2014 1 Una volta che una

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it staff.polito.it/mario.baldi WLAN - 1 M. Baldi: si veda pagina 2 Nota di Copyright Questo insieme di

Dettagli

Introduzione al protocollo 802.11 (WiFi)

Introduzione al protocollo 802.11 (WiFi) ICT Security n.7 Dicembre 2002, n.8 Gennaio e n. 9 Febbraio 2003 p. 1 di 9 Introduzione al protocollo 802.11 (WiFi) Questo è il primo di due articoli in cui presenteremo alcuni aspetti tecnici dei protocolli

Dettagli

Wireless LAN. Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003.

Wireless LAN. Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003. Wireless LAN Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003. Semplice modello di riferimento Application Application Transport Transport Network Network Network Network

Dettagli

Wireless LAN IEEE 802.11

Wireless LAN IEEE 802.11 Reti non cablate Wireless LAN IEEE 802.11 Eliminazione del cablaggio Riduzione costi infrastrutturali Reti temporanee Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Zanella Francesco 575344. Da 802.11g a 802.11n: innovazioni e ottimizzazioni

Zanella Francesco 575344. Da 802.11g a 802.11n: innovazioni e ottimizzazioni Zanella Francesco 575344 Da 802.11g a 802.11n: innovazioni e ottimizzazioni 1 2 Indice Indice... 3 Indice delle figure... 5 Indice delle tabelle... 6 1. Introduzione... 7 1.1. Basi tecniche... 7 1.1.1.

Dettagli

IEEE 802.11. Sommario. Lo standard per Wireless LAN

IEEE 802.11. Sommario. Lo standard per Wireless LAN IEEE 802.11 Lo standard per Wireless LAN 1 Sommario Definizione e caratteristiche delle WLAN Architettura, topologie di rete e servizi dello standard IEEE 802.11 Tecnologie e protocolli dello strato fisico

Dettagli

Glossario Wireless Network

Glossario Wireless Network Glossario Wireless Network 802.11 Lo standard IEEE per la connettivita wireless a 1 o 2 Mbps nella banda 2.4 GHz 802.11 a Lo standard IEEE per la connettivita wireless a 54 Mbps nella banda 5 GHz 802.11

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

802.11ac: Enhancements for Very High Throughput in WLANs

802.11ac: Enhancements for Very High Throughput in WLANs Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Protocolli per reti mobili 802.11ac: Enhancements for Very High Throughput in WLANs Anno Accademico

Dettagli

WLAN IEEE 802.11: Descrizione generale

WLAN IEEE 802.11: Descrizione generale WLAN IEEE 802.11: Descrizione generale INTRODUZIONE Gli standard IEEE 802.11 descrivono le specifiche dell architettura di reti LAN wireless. Questi nascono dall esigenza di realizzare reti in area locale

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

WLAN: Wireless Local Area Networks IEEE 802.11

WLAN: Wireless Local Area Networks IEEE 802.11 WLAN: Wireless Local Area Networks IEEE 802.11 Corso Comunicazioni Wireless A. Tonello 1 Standard IEEE 802.11 Famiglia di Standard Wi-Fi (Wireless Fidelity) è un associazione creata per certificare la

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Autore: Classe: Michele Naso QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Dispensa Il presente lavoro vuole mostrare le tecniche di codifica

Dettagli

Sottolivello MAC (Medium Access Control)

Sottolivello MAC (Medium Access Control) Cap. IV Sotto Livello MAC pag. 1 Sottolivello MAC (Medium Access Control) 4.1 Generalità Protocolli Multiple Access: Nelle reti broadcast uno dei principali problemi è stabilire quale elaboratore ha diritto

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Tecniche di modulazione in segnali radio

Tecniche di modulazione in segnali radio Capitolo 13 Tecniche di modulazione in segnali radio Impatto ambientale dei campi elettromagnetici Misure a banda stretta Elemento fondamentale per le misure a banda stretta è l analizzatore di spettro.

Dettagli

Sviluppo di un simulatore orientato all uso di antenne intelligenti in reti 802.11

Sviluppo di un simulatore orientato all uso di antenne intelligenti in reti 802.11 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Tesi di Laurea Sviluppo di un simulatore orientato all uso di antenne intelligenti

Dettagli

Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11.

Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11. Field-Tests per la realizzazione di HotSpot con reti 802.11. Elio Salvadori, Danilo Severina Roberto Battiti, Renato Lo Cigno Maggio 2004 Technical Report # DIT-04-024 Nel periodo da Ottobre 2003 a Marzo

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

Caratteristiche: Specifiche: Standard IEEE 802.1d (Spanning Tree Protocol) IEEE 802.11a (54 Mbps Wireless LAN) IEEE 802.11b (11 Mbps Wireless LAN)

Caratteristiche: Specifiche: Standard IEEE 802.1d (Spanning Tree Protocol) IEEE 802.11a (54 Mbps Wireless LAN) IEEE 802.11b (11 Mbps Wireless LAN) High-Power Wireless AC1750 Dual Band Gigabit PoE Access Point 450 Mbps Wireless N (2.4 GHz) + 1300 Mbps Wireless AC (5 GHz), WDS, Wireless client isolation, 27.5 dbm, wall-mount Part No.: 525787 Caratteristiche:

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce

Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 1 Spostamento = Velocità utente Frequenza della portante Velocità della luce 2 3 4 5 6 7 WiMAX : Worldwide Interoperability for Microwave Access Consorzio no-profit di aziende creato per promuovere e certificare

Dettagli

Reti IEEE802.11. A. Flammini E. Sisinni P. Ferrari alessandra.flammini @ ing.unibs.it emiliano.sisinni@ing.unibs.it paolo.ferrari @ ing.unibs.

Reti IEEE802.11. A. Flammini E. Sisinni P. Ferrari alessandra.flammini @ ing.unibs.it emiliano.sisinni@ing.unibs.it paolo.ferrari @ ing.unibs. Reti IEEE802.11 A. Flammini E. Sisinni P. Ferrari alessandra.flammini @ ing.unibs.it emiliano.sisinni@ing.unibs.it paolo.ferrari @ ing.unibs.it 1 IEEE802.11: architettura 802.11 è una famiglia di protocolli,

Dettagli

Localizzazione in ambiente indoor di terminali mobili tipo Wi-Fi

Localizzazione in ambiente indoor di terminali mobili tipo Wi-Fi Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni INFOCOM DPT. Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della

Dettagli

Sommario. Guida alle reti WIRELESS LAN. 1. Tecnologia delle onde radio. Frequenze e canali (1)

Sommario. Guida alle reti WIRELESS LAN. 1. Tecnologia delle onde radio. Frequenze e canali (1) Guida alle reti WIRELESS LN appunti tratti da: Garattini, Randazzo, Righi Guida alle reti LN Giordano, Puiatti Technologies for mobile and wireless networking e altri lessandro Memo Sommario 1. Tecnologia

Dettagli

Teoria dei Segnali Modulazione digitale

Teoria dei Segnali Modulazione digitale Teoria dei Segnali Modulazione digitale Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Teoria dei Segnali Modulazione digitale 9 novembre Valentino

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru

Introduzione alle Reti Telematiche Centro Multimediale Montiferru Domande di verifica: Standard IEEE 802.2, IEEE802.3 1. I protocolli di sottolivello MAC (Medium Access Control) hanno lo scopo A. di permettere la condivisione di un canale punto-punto B. di permettere

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo XI

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo XI Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2007/08 - I Semestre RETI TELEMATICHE

Dettagli

Reti di Calcolatori. Protocolli data link layer per Wireless LAN

Reti di Calcolatori. Protocolli data link layer per Wireless LAN Reti di Calcolatori Protocolli data link layer per Wireless LAN SOMMARIO Introduzione Protocolli 802.11 Aspetti legati alla Sicurezza nel wireless 2 Introduzione Wireless ( senza filo ) le informazioni

Dettagli

Il protocollo IEEE 802.11

Il protocollo IEEE 802.11 Il protocollo IEEE 802.11 1 - Introduzione La descrizione del IEEE 802.11 consente di comprenderne i concetti fondamentali, il principio di funzionamento e molte delle ragioni che stanno dietro alle caratteristiche

Dettagli

RETI WIRELESS LAN Paolo Vincenzo Moi. www.paolomoi.com

RETI WIRELESS LAN Paolo Vincenzo Moi. www.paolomoi.com RETI WIRELESS LAN Paolo Vincenzo Moi www.paolomoi.com 1 RETI WIRELESS LAN Generalità Le reti di telecomunicazioni si distinguono in reti: Wired (connessioni con fili) i dati vengono trasferiti attraverso

Dettagli

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol

Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello MAC - Medium Access Protocol Sottolivello del data link Regola l accesso al mezzo per reti broadcast LAN e WAN satellitari allocazione statica - a priori allocazione dinamica - in base allo

Dettagli

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857 TABELLA CANALI TV DIGITALI DVB-T Banda Canale Estremi canale MHz Frequenza MHz E1 40- -47 / E2 47- -54 / VHF I E3 54- -61 / E4 61- -68 / E5 174- -181 177,5 E6 181- -188 184,5 E7 188- -195 191,5 VHF III

Dettagli

Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010

Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010 Tecniche avanzate di trasmissione Docenti: Dott. Franco Mazzenga, Dott.ssa. Ernestina Cianca a.a. 2009-2010 1 Informazioni Docente di questa parte del corso: Dott.ssa Ernestina Cianca Email: cianca@ing.uniroma2.it

Dettagli

La rivoluzione wireless

La rivoluzione wireless Capitolo 1 La rivoluzione wireless Raramente, negli ultimi anni, una tecnologia ha sfondato nel mercato professionale e casalingo come è accaduto al wireless. Famiglie, locali, aziende, aeroporti, negozi

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE CROSS-LAYER COOPERATIVE TECHNIQUES FOR WIRELESS NETWORKS

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE CROSS-LAYER COOPERATIVE TECHNIQUES FOR WIRELESS NETWORKS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica ed Informatica Tesi di Laurea in TRASMISSIONE NUMERICA CROSS-LAYER COOPERATIVE TECHNIQUES FOR WIRELESS

Dettagli

Panoramica sulle reti wireless. Standard 802.11

Panoramica sulle reti wireless. Standard 802.11 TESINA PER IL CORSO DI RETI DI CALCOLATORI Panoramica sulle reti wireless e Standard 802.11 Docente: Concettina Guerra Studente: Marco Benvegnù (436367/IF) Gruppo: Error404 Università di Padova Anno Accademico

Dettagli

Wireless LAN. Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003.

Wireless LAN. Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003. Wireless LAN Jochen Schiller, 'Mobile Communications, Cap.7, Addison-Wesley; 2nd edition, 2003. IEEE 802.11 II Parte PCF (Point Coordination Function) Trasferimento di frame contention-free Un singolo

Dettagli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli

DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete. Maria Missiroli DVB-H Il livello fisico e aspetti di rete Maria Missiroli Cos è il DVB-H? Digital Television for Handheld terminals Il DVB-H non è solo TV, ma è data broadcasting per molti utenti con un singolo servizio.

Dettagli

IEEE 802.16 WIRELESS MAN

IEEE 802.16 WIRELESS MAN Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria dell Informazione IEEE 802.16 WIRELESS MAN Maria Luisa Merani IEEE 802.16 e WiMAX M LM 1 Oggetto dello standard 802.16 Fornire

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni TESI DI LAUREA MISURAZIONE DI CAPACITÀ SU LINK WIRELESS RELATORE Ch.mo Prof. Ing.

Dettagli

WLAN. Vantaggi delle WLAN

WLAN. Vantaggi delle WLAN WLAN Le reti locali wireless, o LAN wireless, stanno modificando il mondo delle reti di computer. Le aziende di tutto il mondo stanno implementando reti wireless indipendenti o in aggiunta a quelle cablate

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. CAPITOLO 1 - Le Comunicazioni Wireless

INDICE INTRODUZIONE. CAPITOLO 1 - Le Comunicazioni Wireless INDICE INTRODUZIONE CAPITOLO 1 - Le Comunicazioni Wireless 1.1 - Caratteristiche generali 1 1.2 WPAN: Bluetooth, Zigbee e UWB. 3 1.3 Reti Locali Wireless (WLAN): 802.11... 8 1.3.1 Vantaggi e svantaggi

Dettagli

SOMMARIO. Protocollo ZigBee e standard IEEE 802.15.4. Applicazioni. Introduzione. Applicazioni SOMMARIO

SOMMARIO. Protocollo ZigBee e standard IEEE 802.15.4. Applicazioni. Introduzione. Applicazioni SOMMARIO Politecnico di Torino a.a. 2005/2006 Elettronica delle Telecomunicazioni II Protocollo ZigBee e standard IEEE 802.15.4 SOMMARIO Introduzione Protocollo ZigBee Standard IEEE 802.15.4 Livelli Rete e Applicazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli

STUDIO DI RETI WIRELESS PER IL CONTROLLO DI INFRASTRUTTURE CRITICHE

STUDIO DI RETI WIRELESS PER IL CONTROLLO DI INFRASTRUTTURE CRITICHE STUDIO DI RETI WIRELESS PER IL CONTROLLO DI INFRASTRUTTURE CRITICHE Autore BOCCI ALESSANDRO Relatore GIULIANO BENELLI Correlatore GIOVANNI LUCA DAINO 2 A Pino, Fernando, Vittoria e Mario anche se non siete

Dettagli

Analisi delle prestazioni di reti ibride Wi-Fi e LTE tramite simulazione di rete.

Analisi delle prestazioni di reti ibride Wi-Fi e LTE tramite simulazione di rete. Università degli Studi di Padova Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Triennale in Ingegneria dell Informazione Analisi delle prestazioni di reti ibride Wi-Fi e LTE tramite simulazione di rete. Laureando

Dettagli

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Firenze, 20 Gennaio 2005 Corso di Sistemi Wireless in Area Locale Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Un approccio

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

L esigenza di localizzare un utente mobile nasce, storicamente, soprattutto

L esigenza di localizzare un utente mobile nasce, storicamente, soprattutto Prefazione L esigenza di localizzare un utente mobile nasce, storicamente, soprattutto da motivi legati alla sicurezza. Infatti, una direttiva della Federal Communication Commission (FCC) ha imposto che

Dettagli

Caratteristiche: Specifiche:

Caratteristiche: Specifiche: Router Wireless AC1200 Dual Band Gigabit 300 Mbps Wireless N (2.4 GHz) + 867 Mbps Wireless AC (5 GHz), 2T2R MIMO, QoS, 4-Port Gigabit LAN Switch Part No.: 525480 Caratteristiche: Crea in pochi minuti una

Dettagli

scheduling, ossia occorre un algoritmo che nel tempo assegni ciascuna sottoportante dati ad un certo utente. Lo standard non specifica l'algoritmo di

scheduling, ossia occorre un algoritmo che nel tempo assegni ciascuna sottoportante dati ad un certo utente. Lo standard non specifica l'algoritmo di WiMAX WiMAX è il risultato del tentativo di standardizzare soluzioni wireless a banda larga. Gli obiettivi di questa tecnologia sono servire un elevato numero di utenti (migliaia), coprire lunghe distanze

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Fondamenti teorici dello SS

Fondamenti teorici dello SS Tecniche a spettro espanso Un sistema a spettro espanso è realizzato sulla base di tecniche per cui il segnale trasmesso ha un occupazione spettrale maggiore (10 3 10 6 ) di quella che avrebbe il convenzionale

Dettagli

Caratteristiche: Specifiche: Standard IEEE 802.1d (Spanning Tree Protocol) IEEE a (54 Mbps Wireless LAN) IEEE b (11 Mbps Wireless LAN)

Caratteristiche: Specifiche: Standard IEEE 802.1d (Spanning Tree Protocol) IEEE a (54 Mbps Wireless LAN) IEEE b (11 Mbps Wireless LAN) High-Power Wireless AC1200 Dual Band PoE Access Point 300 Mbps Wireless N (2,4 GHz) + 867 Mbps Wireless AC (5 GHz), WDS, isolamento client wireless, 26 dbm Part No.: 525688 Caratteristiche: Super-lungo

Dettagli

N. EDV 18260 WLAN PCC 54 05/04. Adattatore WLAN Cardbus

N. EDV 18260 WLAN PCC 54 05/04. Adattatore WLAN Cardbus N. EDV 18260 WLAN PCC 54 05/04 Adattatore WLAN Cardbus Note di carattere normativo e dichiarazioni Wireless LAN, sicurezza e autorizzazione all'uso I dispositivi Wireless LAN emettono energia elettromagnetica

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Architetture e Protocolli per Reti Wireless 2. Reti Wireless in area locale, personale e d'accesso 2.1 Standard IEEE 802.11 (Wi-Fi) Prof. Raffaele Bolla dist

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni. Livello Data Link Wireless

Reti di Telecomunicazioni. Livello Data Link Wireless Reti di Telecomunicazioni Livello Data Link Wireless Autori Queste slides sono state scritte da Michele Michelotto: michele.michelotto@pd.infn.it che ne detiene i diritti a tutti gli effetti 2 Copyright

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni

Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Reti di Telecomunicazioni Studio delle prestazioni Le reti locali si differenziano da quelle geografiche e dai sistemi multiprocessore dalla velocità di trasmissione (data rate) R usata e dalla distanza

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

WiMAX. Sistemi wireless in area locale a.a. 2005/06

WiMAX. Sistemi wireless in area locale a.a. 2005/06 WiMAX Sistemi wireless in area locale a.a. 2005/06 I contenuti di questa presentazione sono stati in gran parte estratti dai white papers del WiMAX forum Sistemi Wireless Data rate MMDS LMDS Satellite

Dettagli

Dispensa (concetti principali): Standard IEEE 802.15.4 e ZigBee

Dispensa (concetti principali): Standard IEEE 802.15.4 e ZigBee Dispensa (concetti principali): Standard IEEE 802.15.4 e ZigBee (Ing. Stefano Maggi) (Dottore di Ricerca Politecnico di Milano) ( stefano.maggi@etec.polimi.it ) 1.0 Introduzione Questa breve dispensa descrive

Dettagli

Tipologie di Network. Tipologie

Tipologie di Network. Tipologie Tipologie di Network reti locali (Local Area Network, LAN), di limitata estensione, che consentono di collegare tra loro dispositivi collocati nello stesso edificio o in edifici adiacenti; reti metropolitane

Dettagli

3. Reti di accesso IEEE 802.X

3. Reti di accesso IEEE 802.X 3. Reti di accesso IEEE 802.X Giacomo Morabito Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania http://www.diit.unict.it/users/gmorabi Introduzione Le reti di accesso

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte IV) Wireless LAN: IEEE 802.11, BLUETOOTH Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2006/2007 Contenuti Introduzione: le trasmissioni wireless. IEEE 802.11-Wireless

Dettagli

DESCRIZIONE DEI SISTEMI VIA RADIO

DESCRIZIONE DEI SISTEMI VIA RADIO Sistema via radio DESCRIZIONE DEI SISTEMI VIA RADIO La comunicazione wireless da anni viene utilizzata nei sistemi anti-intrusione, a volte come estensione complementare di un sistema filare a volte come

Dettagli

WiMAX: uno standard in evoluzione

WiMAX: uno standard in evoluzione WiMAX: uno standard in evoluzione Giovanni Cancellieri Università Politecnica delle Marche Centro Radioelettrico Sper. G. Marconi g.cancellieri@univpm.it Pontecchio Marconi, 9 giugno 26 Sensitivity e data

Dettagli

Wireless LAN (WLAN): Standards a Bassa ed Alta velocità (IEEE 802.11b e 802.11a)

Wireless LAN (WLAN): Standards a Bassa ed Alta velocità (IEEE 802.11b e 802.11a) Politecnico di Torino Anno Accademico 2001/2002 Corso di Reti di Calcolatori II Wireless LAN (WLAN): Standards a Bassa ed Alta velocità (IEEE 802.11b e 802.11a) Tania Cerquitelli Davide Patrucco Sommario

Dettagli

Introduzione Lo Standard IEEE 802.11 Strato fisico Data Link La mobilita Gestione della potenza

Introduzione Lo Standard IEEE 802.11 Strato fisico Data Link La mobilita Gestione della potenza Raodmap Introduzione Lo Standard IEEE 802.11 Strato fisico Wireless eess LAN WIFI Data Link La mobilita Gestione della potenza 2 Obiettivi di 802.11: Introduzione To provide wireless connectivity to automatic

Dettagli

Convegno Wi-Fi C.I.S.A.R. Sabato 25 Ottobre 2003 Hotel La Giocca Roma Iw0gac Vito

Convegno Wi-Fi C.I.S.A.R. Sabato 25 Ottobre 2003 Hotel La Giocca Roma Iw0gac Vito Sabato 25 Ottobre 2003 Hotel La Giocca Roma Iw0gac Vito Argomenti L attuale normativa e le nostre Implementazioni Cosa vuol dire Wireless Lan Distanze coperte da una WWAN Cenni storici WWAN Esempi Pro

Dettagli

CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria

CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria CORSO DI Telemedicina e Telematica Sanitaria Docente Prof. Marcello Bracale Lezione del 8/10/2008 Reti telematiche wired e wireless nelle strutture ospedaliere A cura dell ing. Riccardo Tranfaglia riccardo.tranfaglia@unina.it

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet

Evoluzione della rete Ethernet Evoluzione della rete Ethernet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e

Dettagli

Appunti del corso di Sistemi di elaborazione: Reti I PROF. G. BONGIOVANNI

Appunti del corso di Sistemi di elaborazione: Reti I PROF. G. BONGIOVANNI Appunti del corso di Sistemi di elaborazione: Reti I PROF. G. BONGIOVANNI 4) IL SOTTOLIVELLO MAC (MEDIUM ACCESS CONTROL)...2 4.1) Protocollo ALOHA... 3 4.2) Protocolli CSMA (Carrier Sense Multiple Access)...

Dettagli

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2

Febbraio 1998 GIGABIT ETHERNET. Pietro Nicoletti. p.nicol@inrete.it. GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 GIGABIT ETHERNET Pietro Nicoletti p.nicol@inrete.it GIGABIT - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

RADWIN 5000 HPMP ALTA CAPACITÀ PUNTO-MULTIPUNTO. Opuscolo del prodotto RADWIN 5000 HPMP PERCORRI L AUTOSTRADA SENZA FILI DI RADWIN 5000 HPMP

RADWIN 5000 HPMP ALTA CAPACITÀ PUNTO-MULTIPUNTO. Opuscolo del prodotto RADWIN 5000 HPMP PERCORRI L AUTOSTRADA SENZA FILI DI RADWIN 5000 HPMP Opuscolo del prodotto RADWIN 5000 HPMP RADWIN 5000 HPMP ALTA CAPACITÀ PUNTO-MULTIPUNTO PERCORRI L AUTOSTRADA SENZA FILI DI RADWIN 5000 HPMP RADWIN 5000 HPMP Punto-Multipunto fornisce fino a 200 Mbps a

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing

Multiplexing. Multiplexing. Multiplexing a Divisione di Frequenza (FDM) Tipi di Multiplexing Multiplexing I semestre 02/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Multiplexing In genere un utente non riesce ad utilizzare tutta la banda messa a disposizione

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Maggio 2006. 802.16 WiMAX. Pietro Nicoletti. Studio Reti s.a.s. www.studioreti.it. WiMAX - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2

Maggio 2006. 802.16 WiMAX. Pietro Nicoletti. Studio Reti s.a.s. www.studioreti.it. WiMAX - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 802.16 WiMAX Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s www.studioreti.it WiMAX - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides) è protetto dalle

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

Capitolo 6 Wireless e reti mobili

Capitolo 6 Wireless e reti mobili Capitolo 6 Wireless e reti mobili Nota per l utilizzo: Abbiamo preparato queste slide con l intenzione di renderle disponibili a tutti (professori, studenti, lettori). Sono in formato PowerPoint in modo

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli