1 Sistemi Ultra WideBand Breve storia sull Ultra WideBand Attività industriale ed accademica e principali aree di applicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 Sistemi Ultra WideBand 4 1.1 Breve storia sull Ultra WideBand... 4 1.2 Attività industriale ed accademica e principali aree di applicazione"

Transcript

1 Indice Introduzione 2 1 Sistemi Ultra WideBand Breve storia sull Ultra WideBand Attività industriale ed accademica e principali aree di applicazione Che cosa è l Ultra WideBand L impulso La modulazione ed il Time Hopping Circuiteria Confronto con i sistemi a banda stretta Normativa e sviluppi Normativa Statunitense Sviluppi regolatori negli altri paesi La proposta a Conclusioni

2 Introduzione Sotto il nome di Ultra Wide-Band (UWB) vengono raccolte tutta una serie di modalità di trasmissione di tipo prettamente impulsivo che impiegano impulsi radio di brevissima durata (si parla di frazioni di nanosecondo e quindi di spettri necessariamente molto ampi). L UWB è una tecnologia vecchia di quarant anni ma che sta emergendo velocemente negli ultimi anni grazie alle sue caratteristiche uniche che permettono di ottenere grandi vantaggi in diverse aree di applicazione a radiofrequenze quali: comunicazioni wireless, radar, radar sottosuperficiali, sistemi di posizionamento globale, ecc.... Nel 2002 la Federal Communication Commission (FCC) ha assegnato una nuova banda ( Ghz) senza licenza, nella quale l UWB, lavorando con potenze praticamente sotto la soglia del rumore di fondo, può coesistere con gli altri sistemi a radiofrequenze. Già dal 2003 l European Telecommunications Standard Institute (ETSI) ed altre organizzazioni nazionali ed internazionali sparsi in tutto il mondo (in Giappone, Canada,... ) hanno proposto l utilizzo dell UWB ricalcando sostanzialmente la normativa statunitense. Inoltre il crescente interesse per questa tecnologia ha coinvolto sempre più aziende importanti del panorama mondiale (Intel, Philps, Samsung, Motorola, Texas Instruments,... ) e generato numerose ricerche di tipo accademico. Basti pensare che solo negli ultimi tre anni il numero di pubblicazioni scientifiche riguardanti l UWB sono passate da un centinaio ad oltre un migliaio. Il fascino e le potenzialità di questa tecnologia unito alla rapida esplosione nella tecnologia dell informazione e nella comunicazione wireless, rappresen- 2

3 Introduzione 3 tano la principale motivazione di questo lavoro di tesi. L obbiettivo che ci siamo posti è lo sviluppo di competenze nel campo di sistemi UWB, con particolare riguardo alle problematiche connesse alle antenne. In questo caso, si è mirato alla messa a punto di criteri efficaci e ripetibili per il progetto, la realizzazione e la misura di antenne UWB. Nel primo capitolo di questa tesi, quindi, si descriveranno gli aspetti salienti dei sistemi UWB fra cui principi, struttura, modulazioni, storia e normativa. Nel secondo capitolo si presenterà una descrizione delle antenne comunemente utilizzate per sistemi UWB. In particolare si confronteranno i parametri che caratterizzano un antenna classica con quelli di un antenna UWB, che risulta avere caratteristiche molto particolari: banda estremamente ampia, dispersione del segnale minima ecc.... Nel terzo capitolo si passerà ai risultati della progettazione di tre antenne UWB, effettuata col programma HFSS. La prima antenna considerata, è lo sviluppo di un antenna conica e rappresenta una ottima scelta per quanto riguarda le prestazioni. Le altre due, la single ended antenna (SEA) e la coplanar waveguide fed disc antenna (CPW-FDA), rappresentano un ottimo compromesso fra prestazioni, compattezza e costi. Infine l ultimo capitolo sarà dedicato alla descrizione della realizzazione delle due antenne planari progettate ed ai risultati delle loro misure. In particolare verranno illustrate le diverse tecniche di misura di un antenna UWB ed il confronto con le misure classiche, ed ultimo, i risultati delle misure effettuate nel laboratorio di Microonde dell Università di Pavia. Seguono le conclusioni.

4 Capitolo 1 Sistemi Ultra WideBand 1.1 Breve storia sull Ultra WideBand Le origini della tecnologia Ultra WideBand risalgono al 1962, quando si vollero descrivere le caratteristiche di alcune classi di reti a microonde nel dominio del tempo, attraverso lo studio della loro risposta ad un impulso [?],[?],[?]. Invece di caratterizzare un sistema lineare tempo invariante (LTI) attraverso modulo e fase della funzione di trasferimento, esso poteva essere completamente analizzato studiando la sua risposta ad un impulso h(t). Naturalmente solo con lo sviluppo della tecnologia, ed in particolare con l avvento dell oscilloscopio campionatore (Hewlett-Packard), questo metodo d analisi divenne attuabile. Dal 1962 in poi ci sono stati diversi contributi: Harmuth alla Catholic University of America, Ross e Robbins alla Sperry Rand Corporation, Van Etten allo USAF s Rome Air develepment Center ed in Russia. Tra il 1968 ed il 1984 Harmuth rese di publico dominio gli schemi base dei trasmettitori e ricevitori UWB. Intanto Robbins nel 1972 inventò un ricevitore per impulsi corti e Ross nel 1973 ottenne il primo brevetto relativo a comunicazioni UWB; i due tra il 1972 ed il 1987 utilizzarono questa tecnologia in innumerevoli aree di applicazione, dalle telecomunicazioni ai radar. Nel 1974 Morey progettò un sistema radar sottosuperficiale basato sulla tecnolo- 4

5 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 5 gia UWB denominato Geophisycal Survey Sistem, che ebbe molto successo. Tra gli anni sessanta e settanta lo sviluppo di questa tecnologia rimase sempre molto legata ai progressi delle grandi case produttrici di strumenti di diagnostica nel dominio nel tempo come la Hewlett Packard e la Tektronix. Solo dagli anni settanta in poi lo sviluppo dell UWB non ebbe più ostacoli di tipo tecnologico: infatti, dal 1975 i sistemi UWB di comunicazione e radar poterono essere costruiti direttamente con componenti distribuiti dalla Tektronix. Parallelamente ed indipendentemente dagli americani, anche i russi svilupparono questa tecnologia prima nell Unione Sovietica e poi nell odierna Federazione Russa. Già nel 1951 Zernov notò le differenze tra i metodi di analisi basati su segnali ad onda continua e metodi basati su impulsi ultra corti. Nel 1952 Kharcevitch descrisse la semplicità dei metodi di analisi nel dominio del tempo che utilizzano impulsi corti rispetto ad i metodi classici basati su onde continue. Nel 1957 Astanin sviluppò all accademia militare delle forze aeree Mozjaisky un trasmettitore in banda X di impulsi di 0.5 ns per lo studio delle guide d onda. Nel 1964, all Istituto Radioelettronico dell Accademia delle Scienze dell Urss, Kobzarev gettò le basi dell UWB russo conducendo test sulla propagazione indoor di impulsi ultracorti generati da radar ad alta risoluzione. Come negli Stati Uniti, lo sviluppo dell UWB in Russia si lega al progresso della strumentazione e quindi alla creazione dei primi oscilloscopi campionatori. A differenza degli americani, l attenzione dei russi è inizialmente incentrata essenzialmente sui radar; col tempo però le loro ricerche cominciarono a spaziare sugli stessi campi di applicazione degli americani e raggiunsero sostanzialmente gli stessi risultati. Dagli anni ottanta in poi, sia in Russia che negli Stati Uniti, si conoscevano ormai i concetti basilari di questa tecnologia ed infatti l UWB, più che sviluppato, fu applicato in nuovi campi, quali i dispositivi di posizionamento, la rivelazione di oggetti oltre i muri, in ambito medico, ma soprattutto in

6 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 6 campo militare. Nel 1988 Taylor iniziò a collaborare col dipartimento della difesa degli Stati Uniti d America e Ross insieme a Fontana progettarono, svilupparono e realizzarono un sistema di comunicazione a bassa probabilità di intercettazione e rilevazione (LPI/D) per il Governo degli Stati Uniti. Ed è proprio nell ambito militare di quegli anni che nacque il termine Ultra WideBand: prima di allora, infatti, questa tecnologia aveva svariate denominazioni: baseband, impulse, carrier-free, non-sinusoidal, time-domain. In questi anni, inoltre, nacquero i primi programmi accademici (Università del Michigan, Rochester, Brooklyn,... ) e si moltiplicarono le pubblicazioni scientifiche che cominciarono a considerare i diversi aspetti di questa tecnologia: modulazioni, spettro, interazioni col corpo umano, tipi di impulso, progetto dell antenna ecc... Diverse aziende si focalizzarono sull UWB come per esempio: la Time-Domain, la Multispectral Solution, la Extreme Spectrum e la Pulselink. Fino a dieci anni fa, comunque, l UWB è rimasto in sordina, poco conosciuto e forse anche ostacolato. La sua semplicità circuitale (e quindi il basso costo) e nel contempo gli enormi vantaggi che sembra offrire (altissimi bit-rate, bassi consumi, elevata sicurezza,... ) lo rendono estremamente competitivo soprattutto nel campo delle reti di comunicazione locali e personali al punto di poter mettere in crisi standard consolidati come il WI-FI ed il Bluetooth. Comunque le continue pressioni esercitate non solo dalle consolidate aziende che lavorano ormai da anni sull UWB (Time-Domain ecc... ), ma anche da un numero sempre crescente di aziende importanti (Intel, Philips,Texas Instruments, Samsung,... ), hanno portato alla già citata assegnazione di spettro senza licenza da parte della FCC nel Da quel momento in poi l interesse per l UWB è esploso, ma soprattutto si sono moltiplicati gli investimenti e le proposte di standard in sede IEEE, fra cui l ormai consolidato (WPAN).

7 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand Attività industriale ed accademica e principali aree di applicazione Una delle caratteristiche che rendono interessante questa nuova tecnologia è il fatto di avere innumerevoli aree di applicazione, in ognuna delle quali si sfruttano, tutti o in parte, i diversi pregi dell UWB. Le aree principali sono: Radar. Dispositivi di posizionamento. Progetti in ambito militare. Sistemi per la riproduzione di immagini. Campionamento Ultra veloce. Sistemi di scansione in ambito medico. Comunicazioni W-PAN/LAN. Nell elenco vengono considerate quelle aree che hanno avuto un grande sviluppo o in cui si sta investitendo molto negli ultimi anni [?]. Noi ci soffermeremo in particolare sull ultima area e cioè sulle tecniche per trasmettere informazione in ambito wirelesss. Di seguito inseriamo un elenco delle principali aziende che commercializzano prodotti del mondo UWB [?]: Aether Wire & Location (USA). Dispositivi di comunicazione e localizzazione a bassa potenza. Progetti per la DARPA (Defense Advanced Research Project Agency).

8 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 8 Intel (USA). Trasmissioni dati UWB tra dispositivi (wireless USB). Skycross (USA). Produzione di antenne. Pulse-Link (USA). Sviluppo di una piattaforma UWB per la trasmissione video wireless. Comunicazioni a corto ed a lungo raggio (km). Time Domain (USA). Comunicazioni wireless (home W-LAN) e radar ad alta definizione. Realizzazione del chipset UWB PulseON. Multispectral Solution (MSSI) (USA). Reti di comunicazioni ad alta velocità Dispositivi radar capaci di evitare ostacoli e collisioni. Sistemi di trasporto intelligente. Freescale (Xstreme Spectrum, USA). Realizzazione del chipset UWB Trinity. Wisair (Israele). Sviluppo di chipset per comunicazioni wireless ad alte prestazioni basate sull UWB. I chipset della Wisair promettono connettività a basso costo, basso consumo di potenza ed alti bit-rate.

9 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 9 McEwan Tecnologies (USA). Tecnologia radar. Furaxa (USA). Campionamento ultraveloce e studio della generazione di impulsi. Farr-reasearch (USA). Studio di antenne UWB. IBM Zurich Reasearch lab, Rueschlikon. Studi sugli aspetti in banda base dell UWB. Pulsicom. Sistemi di posizionamento. General Atomics. Sviluppo di sistemi di comunicazione basati sulla tecnicnologia Spectral Keying T M, che rappresenta la base della proposta di standard richiesta all IEEE.

10 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand Che cosa è l Ultra WideBand La tecnica UWB utilizza impulsi brevissimi che vanno dalle centinaia di picosecondi al nanosecondo, lavorando praticamente in banda base. La modulazione viene effettuata in fase, in posizione o in ampiezza, ma le possibilità sono svariate. Uno dei punti di forza dell UWB infatti, è che sostanzialmente non si entra nel merito di come vengono modulati gli impulsi, o che forma debbano avere: l unica caratteristica fondamentale, inserita anche nella definizione che viene data dalla normativa statunitense, è che copra una banda di frequenze molto ampia, oltre i 500 MHz (per la definizione esatta si vedrà più avanti). Per questo motivo, di seguito tratteremo le principali tecniche di modulazione, forme di impulso e gli schemi base di un circuito UWB L impulso La forma degli impulsi spesso utilizzati sono in genere di tipo gaussiano, di Rayleigh, di Scholtz, ecc.... In figura 1.1 mostriamo alcuni esempi di impulso, con i relativi spettri fig.1.2, che ovviamente risultano coprire una banda di frequenze molto ampia [?][?][?][?][?]. Come ben noto, infatti, tanto più è breve la durata dell impulso, tanto più è ampio l intervallo spettrale occupato. La forma dell impulso determina la distribuzione spettrale, come si può notare dalle figure. Il punto focale della tecnica UWB è proprio l utilizzo di densità spettrali di potenza non troppo elevate, in modo tale che il suo spettro praticamente si confonde con quello del rumore di fondo. Questo genera l interessante possibilità di far coesistere segnali di questo tipo con segnali preesistenti (fig. 1.3).

11 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 11 Figura 1.1: Esempi di forme di impulsi nel dominio del tempo. Figura 1.2: Densità spettrale di potenza degli impulsi mostrati nella fig. precedente

12 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 12 Figura 1.3: Spettro di un segnale UWB confrontato con altri sistemi. Lo studio della forma dell impulso è fondamentale non solo per quanto riguarda la buona riuscita della cross-correlazione effettuata in ricezione, ma anche perchè deve andare incontro alle specifiche della normativa statunitense, in particolare deve potersi adattare alla forma della maschera approvata nella normativa della FCC [?][?] La modulazione ed il Time Hopping In generale vengono utilizzati tre periodi di clock: di campionamento (sotto il centinaio di picosecondi). di impulso (dalle centinaia di picosecondi a decine di nanosecondi). di ripetizione (dalle decine alle centinaia di nanosecondi). In fig. 1.4 rappresentiamo uno schema di base. L impulso ha una durata temporale pari a T imp e viene ripetuto secondo il tempo di ripetizione T f. Gli impulsi in genere vengono direttamente applicati all antenna dopo il filtraggio ed in ricezione l informazione è recuperata facendo una semplice

13 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 13 Figura 1.4: Schema di base con i periodi di clock utilizzati nei sistemi UWB. cross-correlazione tra l impulso ricevuto e quello atteso. Naturalmente diventa fondamentale la sincronizzazione dei tempi di impulsi e di ripetizione tra ricezione e trasmissione. Come avevamo accennato le tecniche di modulazione più utilizzate sono modulazione di fase (PSK), di ampiezza (PAM) e di posizione (PPM); di seguito riportiamo alcuni semplici esempi: la pulse position modulation (fig. 1.5), la pulse amplitude modulation (fig. 1.6), e la bi-phase modulation (fig. 1.7). Figura 1.5: Pulse Position Modulation.

14 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 14 Figura 1.6: Pulse Amplitude Modulation. Figura 1.7: Bi-phase Modulation. Insieme ad ogni tipo di modulazione, in genere, viene utilizzata la tecnica del time-hopping (TH), che fornisce diversi vantaggi. Per esempio uno degli approcci più utilizzati ed efficaci per multiplare più utenti resta l Impulse Radio (IR) [?][?], che utilizza una combinazione di PPM e TH, appunto, per generare una tecnica digitale ad accesso multiplo, attraverso la quale l utente i-esimo avrà un segnale espresso come segue: s (i) (t) = m= g(t mt f c (i) m T t(b (i) m )) (1.1) dove g(.) è la forma dell impulso, T f è il periodo di ripetizione, c (i) m è una sequenza TH periodica di periodo L con valori compresi in {0,1,...,N-1}, T è una costante di tempo del TH (generalmente T f =NT), b (i) m rappresenta

15 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 15 la sequenza di dati opportunamente codificati, ed infine t(.) rappresenta la funzione che implementa il PPM. Figura 1.8: Esempio di Time-Hopping nell UWB, modulato con la tecnica PPM. In figura 1.8 si può vedere un tipico segnale IR, dove in ogni periodo di ripetizione T f è posizionato un impulso secondo il codice di Time-Hopping c (i) m, che garantisce la possibilità di multiplare più utenti senza collisioni [?]. Questa tecnica può facilmente utilizzare anche modulazioni di fase o di ampiezza. Un possibile problema è che un treno di impulsi regolari nel tempo corrisponde ad un insieme di spikes nel dominio della frequenza che naturalmente rischiano di aumentare considerevolmente le interferenze con altri apparati a radiofrequenza [?]. Un altro vantaggio del TH, quindi, è che l utilizzo di algoritmi pseudo-casuali permette di mitigare il fenomeno degli spikes in frequenza [?][?]. A questo proposito viene mostrato uno degli approcci più efficaci, basato su una modulazione PPM associata ad un algoritmo pseudocaotico [?]. Lo schema utilizza un flusso di dati binari {b m }, ed il segnale trasmesso risulta essere:

16 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 16 s(t) = g(t mt f f(b m, b m 1,..., b m M )T ) (1.2) m= dove il periodo di ripetizione è T f = 2 M T, T è la spaziatura utilizzata dalla modulazione PPM e la funzione pseudo-caotica è: M f(b m, b m 1,..., b m M ) = 2 M 2 i b m i 2 M (1.3) che assume valori interi nell intervallo [0,2 M ]. La funzione (1.3) è non lineare ed è derivata dalla teoria dei sistemi caotici. Questa tecnica ha ottime proprietà spettrali anche se è stata sviluppata per trasmissioni a singolo utente. L utilizzo di algoritmi pseudo-caotici fornisce, inoltre, un altro interessante vantaggio, in quanto rende le trasmissioni difficilmente intercettabili e quindi più sicure (ciò spiega l utilizzo dell UWB in ambito militare). In definitiva possiamo dire che associare la tecnica di TH alla modulazione (PPM, PAM o PSK), risulta non solo necessario ma soprattutto vantaggioso, infatti: permette di affievolire gli spikes dello spettro del segnale UWB rendendolo simile ad un rumore bianco. permette un efficiente sistema di multiplazione. la trasmissione diventa estremamente sicura, infatti solo chi conosce il codice che regola il TH può recuperare l informazione. i= Circuiteria Lo schema circuitale di base per trasmettere e ricevere impulsi UWB è molto semplice [?][?][?][?] ed in figura 1.9 ne mostriamo un esempio. Il generatore di impulsi utilizzato in trasmissione è comandato da un codice pseudo casuale P-N (pseudo-noise) di TH, i dati vengono modulati con la tecnica PPM e

17 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 17 a) b) Figura 1.9: schema di un circuito UWB: a) in trasmissione. b) in ricezione. l impulso viene filtrato ed applicato all antenna UWB. In ricezione l impulso è amplificato e viene cross-correlato con la forma d impulso attesa; naturalmente la correlazione deve essere effettuata nella finestra temporale comandata dallo stesso codice P-N di TH, altrimenti il sistema non può funzionare. È evidente la semplicità del circuito che di conseguenza è anche poco costoso: infatti non ci sono mixer, PLL (phase-lock loop), VCO (voltage controlled oscillator). L aspetto fondamentale e più stringente nella realizzazione del circuito resta la sincronizzazione, infatti persino un piccolo disallineamento della finestra temporale di acquisizione, porta ad una considerevole perdita dell efficacia della cross-correlazione [?]. Per quanto riguarda la generazione del segnale UWB, in genere, si parte da una funzione a gradino da cui poi si ottiene l impulso desiderato, oppure si utilizzano sorgenti capaci di generare direttamente l impulso [?][?][?]. La forma dell impulso desiderata (gaussiana, monociclo,... ) viene ottenuta filtrando opportunamente il segnale. In figura 1.10 mostriamo la tabella pubblicata da Ross [?] in cui si fa un elenco di possibili sorgenti UWB con i relativi tempi di salita.

18 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 18 Figura 1.10: Possibili sorgenti per sistemi UWB, e relativi tempi di salita. 1.4 Confronto con i sistemi a banda stretta Un sistema di comunicazione wireless ideale dovrebbe poter trasmettere grandi quantità di dati, quanto più velocemente possibile, quanto più lontano possibile, multiplando numerosi utenti e trasmettendo in completa sicurezza. Naturalmente nessuna architettura wireless odierna riesce a soddisfare al meglio tutti gli obbiettivi, ma solo alcuni di essi. Negli ultimi anni l attenzione nei confronti delle reti locali e personali (W-LAN/PAN) capaci di scambiare grandi quantità di dati, è cresciuta enormemente e l UWB si inserisce molto bene in questo ambito, promettendo prestazioni superiori a quelle delle altre tecnologie a banda stretta. Alcuni standard come l b ed a (WI-FI) o il Bluetooth vengono sempre più utilizzati in tutto il mondo, ma non sembrano in grado di raggiungere le prestazione di un sistema UWB, soprattutto nelle reti di tipo PAN. In figura 1.11 mostriamo il risultato di una proiezione, fatta dalla Intel nel 2000 [?], sulla capacità spaziale delle più diffuse tecnologie wireless paragonate all UWB, dove la capacità spaziale è definita come bits/sec./m 2. Ciò mostra le potenzialità di questa tecnologia

19 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 19 Figura 1.11: Confronto tra la capacità spaziale di sistemi WI-FI, Bluetooth ed UWB.

20 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 20 nell implementare reti con molti utenti. L UWB risulta quasi immune al fading, anche in presenza di ambienti ricchi di elementi riflettenti (Dense Multipath Environments). Ciò dipende dalla struttura stessa del sistema: infatti, l informazione viene recuperata in un preciso istante temporale di brevissima durata (periodo di impulso) e qualsiasi impulso riflesso e di conseguenza qualsiasi sentiero di propagazione difficilmente si sovrappone ad un altro [?][?][?][?]. Inoltre l interferenza fra impulsi UWB e corpo umano, dovuti a dispositivi in prossimità del corpo o addirittura indossati (alla cintura per esempio), ha effetti trascurabili sulla comunicazione [?][?]. Questa caratteristica rende il segnale UWB molto robusto rispetto ai classici segnali costruiti su onde continue. Inoltre, un circuito UWB, oltre che molto semplice e quindi poco costoso, consuma meno potenza rispetto ai circuiti usati per sistemi a banda stretta. A questo proposito citiamo un interessante confronto tra un ricetrasmettitore Bluetooth ed uno UWB tratto da un esperimento dell Intel [?]. Il circuito in figura 1.12 rappresenta un esempio di dispositivo bluetooth a basso costo, che trasmette informazione a corto raggio (10 m). Il Bluetooth utilizza il Frequency Shift Keying (FSK) in cui la modulazione avviene spostando (shifting) la portante a frequenze più basse o più alte. Ciò viene effettuato applicando i bit di informazione (TX in figura) ad un Voltage Controlled Oscillator (VCO), mentre per mantenere la frequenza intermedia di oscillazione viene utilizzato un PLL ed un oscillatore di riferimento. Al segnale, che occupa una banda di 1 MHz, viene poi applicata la tecnica del Frequency-Hopping (FH) che lo diffonde (spreading) fino ad occupare una banda di 79 MHz, il tutto centrato alla frequenza di 2.45 GHz. In ricezione il segnale viene amplificato e traslato ad una frequenza intermedia (120 MHz) dalla quale viene poi demodulato. In figura 1.13, invece, è inserito lo schema di base di un dispositivo UWB che può lavorare con modulazioni di ampiezza, fase o posizione. L impulso ha una durata di 200 picosecondi e la sua forma è tale da concentrare la

21 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 21 Figura 1.12: Ricetrasmittente Bluetooth. Figura 1.13: Ricetrasmittente UWB.

22 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 22 massima densità spettrale di potenza tra i 2 ed i 6 GHz; in questo caso si può evitare l uso di un amplificatore di potenza perchè il generatore deve produrre impulsi con ampiezze di soli 100 mv. Sia in trasmissione che in ricezione l impulso viene filtrato con un filtro passa-banda da 2 a 6 GHz, poi viene recuperato in ricezione attraverso la cross-correlazione. Riassumendo, il dispositivo Bluetooth lavora a banda stretta intorno a 2.45 GHz con una banda di 75 MHz raggiungendo 1 Mb/sec. su un raggio di 10 m e consumando una potenza media di 1 mw. Il dispositivo UWB lavora nella banda tra i 2 ed i 6 GHz utilizzando impulsi di durata pari a 200 ps con tensioni dell ordine di 100 mv. Per raggiungere lo stesso bit-rate, su un raggio d azione identico, il dispositivo consuma in media meno di 1 µw. Un altro aspetto che sta vedendo crescere la propria importanza negli ultimi anni è la sicurezza delle trasmissioni radio. L UWB rappresenta un eccellente scelta per chi desidera costruire reti a prova d intruso, e questo perché la densità spettrale dei sistemi UWB giace praticamente al livello o addirittura sotto la soglia del rumore di fondo, rendendolo un sistema cosiddetto a bassa probabilità di rilevazione (LPD, Low Probability Detection). I normali strumenti di rilevazione di un segnale a banda stretta sono i radiometri, che però sono inefficaci nella rilevazione dei segnali UWB. Affinché si rilevino questi tipo di segnali bisogna partire dal presupposto che alcune informazioni devono essere note (periodo di ripetizione, periodo d impulso, sincronizzazione) ed il radiometro, oppurtunamente modificato, deve trovarsi molto vicino alla sorgente di segnale [?][?]. È chiaro che difficilmente si hanno a disposizione tali informazioni e quindi risulta evidente il vantaggio che i sistemi UWB hanno rispetto a quelli a banda stretta.

23 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand Normativa e sviluppi Lo spettro radio è una risorsa internazionale limitata. L utilizzo di radiofrequenze per servizi wireless è regolato dal Settore delle Radiocomunicazioni dell Unione internazionale delle Telecomunicazioni (ITU-R) e dalle rispettive autorità nazionali. Per minimizzare le interferenze, lo spettro radio è tradizionalmente frazionato in bande e l ITU-R assegna, nel mondo o su base locale, ognuna di esse ad uno o più servizi wireless. Le autorità nazionali approvano gli standard ed assegnano le bande di frequenza in base ai propri bisogni ed in genere seguono la regolamentazione ed allocazione dell ITU-R. Di solito i dispositivi wireless devono avere una licenza prima di essere utilizzati, ma alcuni di essi possono non averla, per esempio quelli che utilizzano potenze molto basse (Bluetooth). L UWB è un sistema che si inserisce, almeno in questa prima fase, in questa ultima categoria. In questa sezione tratteremo prima la normativa statunitense e le relative definizioni, che rappresentano in pratica il punto di riferimento per tutti gli sviluppi normativi effettuati negli altri paesi ed a livello internazionale, e poi lo stato normativo di altre nazioni fra cui l Italia Normativa Statunitense Nel 2002, la Federal Communications Commission (FCC) degli Stati Uniti d America ha autorizzato l utilizzo senza licenza di tre tipi di sistemi UWB [?]: 1. Sistemi di misura e comunicazione allocati nello spettro Ghz. La trasmissione è a corto raggio e deve avvenire in ambito indoor sotto specifiche restrizioni. 2. Sistemi radar veicolari (Vehicular Radar System) allocati nello spettro GHz. In questo ambito si intendono tutti quei sistemi che permettono di rilevare e localizzare oggetti fermi o in movimento in

24 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand 24 prossimità di veicoli, al fine di evitare collisioni. Nel 2003 L FCC ha aggiunto la possibilità di utilizzare questo tipo di sistemi anche nella banda GHz [?]. 3. Sistemi per la formazione di immagini (Imaging System) che comprendono: Sistemi radar sottosuperficiali (Ground Penetrating Radar, GPR) che operano nella banda sotto i 960 MHz o in quella GHz. L obiettivo di questi sistemi è la detenzione e la classificazione di oggetti sepolti nel terreno. Sistemi per la riproduzioni di immagini attraverso i muri (Through- Wall Imaging System) che operano nella banda sotto i 960 Mhz o in quella Ghz. L obiettivo è rilevare oggetti o persone ferme o in movimento dietro strutture come per esempio un muro. Sistemi per la riproduzione di immagini dai muri (Wall Imaging System) che operano nella banda sotto i 960 MHz o in quella GHz. Questi sistemi vengono progettati per individuare oggetti dentro i muri o in strutture simili. Sistemi di sorveglianza (Surveillance System) che operano nella banda GHz. Funzionano come delle recinzioni di sicurezza (security fences): viene definita una area attraverso una rete stazionaria a radiofrequenze, e viene rilevata l intrusione di oggetti o persone. Sistemi in ambito medico (Medical System) che operano nella banda GHz. Vengono utilizzati per esaminare l interno del corpo di uomini o animali. Secondo la normativa, un dispositivo UWB è definito come :

25 Capitolo 1: Sistemi Ultra WideBand qualsiasi dispositivo la cui banda frazionale è più grande di 0.25 oppure occupa 1.5 GHz o più di spettro. dove la banda frazionale η è definita come: η = 2 (f h f l ) (f h f l ) (1.4) dove f h ed f l sono rispettivamente la frequenza superiore ed inferiore calcolate a -10 db. Invece, quando si parla di frequenza centrale f c in una trasmissione UWB si intende: f c = (f h + f l ) 2 (1.5) Di seguito riportiamo in figura 1.14 la maschera che riguarda l emissioni di potenza consentite ad un dispositivo UWB utilizzato per le telecomunicazioni. Figura 1.14: limiti di emissione per dispositivi di comunicazione UWB in ambienti indoor (FCC). La potenza emessa è misurata in Equivalent Isotropic Radiated Power (EIRP) cioè potenza isotropica equivalente irradiata che è pari al prodotto

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove

di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove Negli ultimi anni il settore delle telecomunicazioni ha assunto un ruolo di notevole rilievo nell economia di molti paesi. La messa a punto delle nuove tecniche di modulazione e demodulazione digitale

Dettagli

Direct Sequence o Frequency Hopping

Direct Sequence o Frequency Hopping Direct Sequence o Frequency Hopping Questo documento vuole essere un punto di riferimento per aiutare quanti si avvicinano per la prima volta alla tecnologia delle wireless Fidelity LAN Wi-Fi. Un confronto

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONI MODI DI TRASFERIMENTO SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE L informazione da trasferire si ipotizza strutturata in IU Costituita da b bit Da consegnare in t secondi Se

Dettagli

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE

WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Autore: Classe: Michele Naso QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2003/2004 Scuola: Itis Euganeo WIRELESS: TECNICHE DI COMUNICAZIONE Dispensa Il presente lavoro vuole mostrare le tecniche di codifica

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

802.11: modulazioni a confronto

802.11: modulazioni a confronto 802.11: modulazioni a confronto Normando Marcolongo 20 dicembre 2003 Tivoli 1 Obiettivi dell intervento Cenni sulle tecniche di Spread Spectrum Quali modulazioni vengono impiegate nello strato fisico dei

Dettagli

Teoria dei Segnali Modulazione digitale

Teoria dei Segnali Modulazione digitale Teoria dei Segnali Modulazione digitale Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Teoria dei Segnali Modulazione digitale 9 novembre Valentino

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

TECNICHE DI TRASMISSIONE- DATI DIGITALE BASATE SUL CONCETTO DI SPREAD SPECTRUM

TECNICHE DI TRASMISSIONE- DATI DIGITALE BASATE SUL CONCETTO DI SPREAD SPECTRUM Corso di Tecniche e Sistemi di Trasmissione Fissi e Mobili TECNICHE DI TRASMISSIONE- DATI DIGITALE BASATE SUL CONCETTO DI SPREAD SPECTRUM Prima Parte: Generalità Prof. Carlo Regazzoni RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

Dettagli

Wireless LAN. Scritto da BigDaD

Wireless LAN. Scritto da BigDaD Una Wireless local area network, WLAN, è un sistema di comunicazione flessibile e implementabile nella sua estensione, o alternativo, ad una rete fissa (wired LAN). In una W-LAN viene utilizzata una tecnologia

Dettagli

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali

Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Funzioni trigonometriche e modulazione dei segnali Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 263 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/~liberali

Dettagli

Microelettronica per applicazioni wireless a corto raggio

Microelettronica per applicazioni wireless a corto raggio Intervento dal titolo Microelettronica per applicazioni wireless a corto raggio A cura di Andrea Neviani Università degli Studi di Padova Dipartimento di Ingegneria dell Informazione (DEI) 39 MICROELETTRONICA

Dettagli

Modelli elettromagnetici per la progettazione integrata di antenne e front-end in sistemi UWB

Modelli elettromagnetici per la progettazione integrata di antenne e front-end in sistemi UWB UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Modelli elettromagnetici per la progettazione integrata di antenne e front-end in

Dettagli

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing

Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Firenze, 20 Gennaio 2005 Corso di Sistemi Wireless in Area Locale Orthogonal Frequency-Division Multiplexing Un approccio

Dettagli

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN)

WLAN 802.11. Local Area Network (LAN) WLAN 802.11 1 Local Area Network (LAN) Ethernet Server Hub Internet 2 1 Wireless Local Area Network (WLAN) Ethernet Server Access Point Internet 3 Perchè le Wireless LAN Riduzione costi di manutenzione

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

DESCRIZIONE DEI SISTEMI VIA RADIO

DESCRIZIONE DEI SISTEMI VIA RADIO Sistema via radio DESCRIZIONE DEI SISTEMI VIA RADIO La comunicazione wireless da anni viene utilizzata nei sistemi anti-intrusione, a volte come estensione complementare di un sistema filare a volte come

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 2 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Richiami sul concetto di multiplazione 2 Riprendendo il discorso sulle diverse

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM

DL 2513. DL 2512A Ricevitore FM. Trasmettitore FM DL 2513 Trasmettitore FM Il pannello consiste in un trasmettitore FM stereo a sintesi di frequenza e modulazione diretta, operante nella banda delle trasmissioni FM commerciali. L'apparecchio è completo

Dettagli

Università degli Studi di Milano - Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 20126, Milano

Università degli Studi di Milano - Bicocca Piazza dell'ateneo Nuovo, 1 20126, Milano Dipartimento Provinciale di Milano U.O. Agenti Fisici Via Juvara, 22-20129 MILANO Tel. 02.74872261 Fax 02.70124857 Milano, 10 marzo 2009 Prot. N 32013 TIT. 3.3.4 Alla cortese attenzione del Chiar.mo Rettore

Dettagli

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli)

Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Simulazione n. 1 della prova scritta di Telecomunicazioni per l Esame di Stato (a cura del prof. Onelio Bertazioli) Tema n 2 Si progetti un ricetrasmettitore radio modulare operante a modulazione di frequenza

Dettagli

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT

PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT PROBLEMA SU COLLEGAMENTO WIRELESS CON ACCESS POINT Il gestore di un ipermercato richiede l' installazione di un access point da utilizzare per il collegamento wireless delle casse automatiche alla rete

Dettagli

LO STANDARD IEEE 802.11

LO STANDARD IEEE 802.11 LO STANDARD IEEE 802.11 1.. i terminali sono in continua evoluzione. 2 1 Esempi 3 Standard Comitato IEEE, Giugno 1997: Standard 802.11 4 2 IEEE 802 5 IEEE 802.11 Livello fisico: due metodi di utilizzo

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

Appunti di telecomunicazione

Appunti di telecomunicazione Servizio radiomobile GSM Cenni storici Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali.

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

La rivoluzione wireless

La rivoluzione wireless Capitolo 1 La rivoluzione wireless Raramente, negli ultimi anni, una tecnologia ha sfondato nel mercato professionale e casalingo come è accaduto al wireless. Famiglie, locali, aziende, aeroporti, negozi

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Giovedì 22-05-2014 1 Reti wireless Una

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

1.1 Introduzione. 1.2 Rumore del ricevitore

1.1 Introduzione. 1.2 Rumore del ricevitore 1.1 Introduzione La descrizione di un ricevitore HF comprende diversi parametri tecnici che devono illustrare la qualità di un blocco o di tutto il sistema HF. Per rendere più chiari tutti questi dati

Dettagli

LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE I.I.S.S. G. MARCONI piazza Poerio 2 BARI - Progetto EduSAT - LA STAZIONE DI TERRA DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Codici di Linea e Sincronizzazione Universita Politecnica delle Marche A.A. 2014-2015 A.A. 2014-2015 Sistemi di Telecomunicazione 1/36 Codici di linea - I I segnali in logica

Dettagli

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS

Descrizione della struttura e delle funzioni di una stazione radio base TACS c.so Duca degli Abruzzi 4 1019 Torino (Italy) Fax +39 011 564 4099 pag. /34 Premessa Il seguente capitolo illustra i principi tecnici fondamentali a cui si ispirano le tecnologie utilizzate per i serivizi

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept

Coperture cellulari. Marco Listanti. Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 2008/2009. INFOCOM Dept Coperture cellulari Marco Listanti Reti cellulari - Prof. Marco Listanti - A.A. 008/009 Indice Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Motivazioni Il canale radiomobile

Dettagli

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO

COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO COLLEGAMENTI IN PONTE RADIO Il ponte radio è un sistema di radiocomunicazione punto-punto che impiega frequenze nel campo delle microonde, in grado di convogliare informazioni telefoniche, televisive e

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/771/CE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) (2006/771/CE) L 312/66 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.11.2006 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 novembre 2006 relativa all armonizzazione dello spettro radio per l'utilizzo da parte di apparecchiature a corto

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 23 Martedì 26-05-2015 1 Confronto tra switch

Dettagli

MODULAZIONI ANGOLARI

MODULAZIONI ANGOLARI MODULAZIONI ANGOLARI Una sinusoide: v(t) = V M * cos (ω * t + φ o ) = V M * cos φ(t) : t è il tempo e φ(t) = fase istantanea è identificata da: 1. Ampiezza V M o V P oppure anche dal suo valore efficace

Dettagli

Sistemi digitali di telecomunicazioni.

Sistemi digitali di telecomunicazioni. Sistemi digitali di telecomunicazioni. 1. Dall'analogico al digitale I segnali di tipo vocale, che sono stati i primi segnali ad essere utilizzati nei sistemi di telecomunicazioni, sono segnali analogici,

Dettagli

Il Wi-Fi. Il Mondo del Wireless

Il Wi-Fi. Il Mondo del Wireless Il Wi-Fi Il Wi-Fi acronimo di Wireless Fidelity, è uno standard per la creazione di reti locali senza fili. Wireless Local Area Network (WLAN) è una rete locale che utilizza una tecnologia in radio frequenza

Dettagli

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali.

01CXGBN Trasmissione numerica. parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 01CXGBN Trasmissione numerica parte 1: Introduzione ai sistemi di trasmissione numerica. Grandezze fondamentali. 1 TRASMISSIONE NUMERICA Trasmissione da un utente TX a un utente RX di informazione discreta

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 102 Sommario della

Dettagli

Fondamenti teorici dello SS

Fondamenti teorici dello SS Tecniche a spettro espanso Un sistema a spettro espanso è realizzato sulla base di tecniche per cui il segnale trasmesso ha un occupazione spettrale maggiore (10 3 10 6 ) di quella che avrebbe il convenzionale

Dettagli

Tecniche di modulazione in segnali radio

Tecniche di modulazione in segnali radio Capitolo 13 Tecniche di modulazione in segnali radio Impatto ambientale dei campi elettromagnetici Misure a banda stretta Elemento fondamentale per le misure a banda stretta è l analizzatore di spettro.

Dettagli

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio)

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Progetto ARISS ITIS ˆE.fermi Lucca Andrea Ghilardi 2011 The fascinating world of Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Onde Elettromagnetiche Un elettrone immobile genera, a causa della sua carica,

Dettagli

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.

Ing. Alessandro Pisano. Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica. Ing. Alessandro Pisano Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica pisano@diee.unica.it Cagliari, 25 settembre 2009 Impianti domotici Una opportuna interconnessione

Dettagli

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857

LTE Duplex Gap 821- -832 - BANDA Uplink Wind 832- -842 837 Uplink Tim 842- -852 847 Uplink Vodafone 852- -862 857 TABELLA CANALI TV DIGITALI DVB-T Banda Canale Estremi canale MHz Frequenza MHz E1 40- -47 / E2 47- -54 / VHF I E3 54- -61 / E4 61- -68 / E5 174- -181 177,5 E6 181- -188 184,5 E7 188- -195 191,5 VHF III

Dettagli

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo

Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Classificazione delle tecniche di accesso multiplo Le tecniche di accesso multiplo si dividono in tre classi: Protocolli deterministici o senza contesa: evitano la possibilità che due utenti accedano al

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni. Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda

Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni. Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda Elaborazione Numerica dei Segnali per Telecomunicazioni Anno Accademico 2008/2009 Software Defined Radio e Campionamento Passa-Banda Francesco Benedetto (fbenedet@uniroma3.it) Digital Signal Processing,

Dettagli

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza

Modulazioni. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Comunicazione a lunga distanza Modulazioni Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 06 Modulazioni 1/29 Comunicazione a lunga distanza I segnali elettrici si indeboliscono quando viaggiano su un

Dettagli

DESCRIZIONE DI UN NUOVO METODO PER IL RECUPERO DEL SINCRONISMO DI CLOCK

DESCRIZIONE DI UN NUOVO METODO PER IL RECUPERO DEL SINCRONISMO DI CLOCK DESCRIZIONE DI UN NUOVO METODO PER IL RECUPERO DEL SINCRONISMO DI CLOCK Ezio Mazzola 1 Indice Introduzione... 3 Stima dell errore di fase del Clock... 3 Nuovo Algoritmo proposto... 6 Correzione dell HANG-UP...

Dettagli

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale

Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Dipendenza delle misure di segnali GSM dai parametri di impostazione dell analizzatore di spettro digitale Barellini A. 1,Bogi L. 2, Licitra G. 3, Silvi A.M. 2 1 ARPA Toscana Dip. Prov.le Pisa via V.Veneto,

Dettagli

GSM - GSM - parte IV

GSM - GSM - parte IV GSM - parte IV Argomenti della lezione Il livello fisico dell interfaccia radio (Um) Frequenze assegnate al GSM (Europa) GSM primario downlink GSM primario uplink GSM esteso downlink GSM esteso uplink

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Materiale didattico per il recupero di Telecomunicazioni. Classe 4D

Materiale didattico per il recupero di Telecomunicazioni. Classe 4D Materiale didattico per il recupero di Telecomunicazioni Classe 4D A.S. 2013-2014 Istruzioni Il seguente file contiene una parte di appunti per il ripasso degli argomenti e una serie di schede da compilare

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Standard delle reti wireless

Standard delle reti wireless Standard delle reti wireless Pubblicati dalla IEEE, 802 LAN-MAN standards committee. ISO OSI 7-layer model Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical IEEE 802 standards Logical

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

Protocolli di accesso multiplo

Protocolli di accesso multiplo Protocolli di accesso multiplo Quando l accesso ad una risorsa può avvenire da parte di più utenti indipendenti, si parla di risorsa condivisa ed è necessaria l implementazione di particolari protocolli

Dettagli

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM

CARATTERISTICHE COMUNI A ETACS E GSM Page 1 of 10 CENNI STORICI Il primo sistema telefonico radiomobile della storia nacque negli USA nel 1964 e funzionava nella gamma di frequenza dei 160/450 MHz con soli 23 canali bidirezionali. Nel nostro

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà d Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Università degli studi di Napoli Federico II - Facoltà d Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Questo è lo spettro di un segnale FM a 50 MHz. La fm è 10kHz, di conseguenza fp=2,4x10khz =24kHz Siccome si può settare con precisione la frequenza modulata usando un analizzatore di spettro e siccome

Dettagli

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier

Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier Descrizione del funzionamento di un Lock-in Amplifier S.C. 0 luglio 004 1 Propositi di un amplificatore Lock-in Il Lock-in Amplifier é uno strumento che permette di misurare l ampiezza V 0 di una tensione

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI

CAMPI ELETTROMAGNETICI CAMPI ELETTROMAGNETICI Che cos è un campo elettromagnetico? Un campo elettromagnetico è una regione dello spazio in cui c è tensione elettrica. È il caso, ad esempio, della regione di spazio in cui vi

Dettagli

Relazione di elettronica

Relazione di elettronica ANTINORO ANGELO 5IA 16/04/2007 Relazione di elettronica I MODEM INDICE Premessa Le telecomunicazione Il significato di modem Tipi di modem Modem in banda base I modem fonici La modulazione La modulazione

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

Appendice T-Tecniche elettromagnetiche per l acquisizione dell informazione. T1- Generalità

Appendice T-Tecniche elettromagnetiche per l acquisizione dell informazione. T1- Generalità Appendice T-Tecniche elettromagnetiche per l acquisizione dell informazione T1- Generalità Le onde elettromagnetiche possono essere di grande utilità non soltanto per trasmettere informazione da un corrispondente

Dettagli

Linux Day 2003 Pignataro Maggiore (Ce) http://wifice.altervista.org. http://www.81100.org

Linux Day 2003 Pignataro Maggiore (Ce) http://wifice.altervista.org. http://www.81100.org Linux Day 2003 Pignataro Maggiore (Ce) Wifi Ce Projet http://wifice.altervista.org Hackaserta http://www.81100.org Wireless: cos'e? Ogni giorno utilizziamo apparecchi wireless: telefonini, walkie-talkie,

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 10: Carrier Recovery Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/20 Schema generico di ricevitore A.A. 2013-2014

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Struttura Analizzatore di Reti

Struttura Analizzatore di Reti ANALZZATOE D ET truttura Analizzatore di eti test generazione DUT incidente riflesso trasmesso rivelazione visualizzazione e controllo ezione di Generazione Oscillatori spazzolati Oscillatori sintetizzati

Dettagli

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG

DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG DOCUMENTO TRATTO DA WWW.AEREIMILITARI.ORG I Radar ad Onda Continua (CW) Principi di funzionamento dei radar CW. Al contrario dei radar ad impulsi, quelli ad onda continua (CW) emettono radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

WHITE PAPER. Standard ETSI DMR Per le Comunicazioni Radio Professionali

WHITE PAPER. Standard ETSI DMR Per le Comunicazioni Radio Professionali WHITE PAPER Standard ETSI DMR Per le Comunicazioni Radio Professionali Introduzione Le ricetrasmittenti professionali stanno per affrontare la più importante innovazione dall invenzione del transistor:

Dettagli

Modulazione di fase PSK

Modulazione di fase PSK LA MODULAZIONE DI SEGNALI DIGITALI Un canale di tipo passa banda, come per esempio l etere, non permette la trasmissione di segnali digitali in banda base, cioè non modulati. E cioè necessario introdurre

Dettagli

Ricezione satellitare 2014 Totale audio 33

Ricezione satellitare 2014 Totale audio 33 Ricezione satellitare 2014 Totale audio 33 RIC. SATELLITARE Introduzione a TV via satellite 3 Satelliti per telecomunicazioni 2 Posizione satelliti-puntamento 6 Frequenze utilizzate e LNB Scelta della

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA. Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS)

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA. Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS) LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA ELETTRONICA Anno Accademico 2006/2007 Acquisizione e Sincronizzazione Iniziale di Codice in Sistemi 3G (UMTS) ing. Francesco Benedetto (fbenedet@uniroma3.it) Digital Signal

Dettagli

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2

TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 TECNICHE DI TRASMISSIONE 2 I mezzi trasmissivi 2 Il doppino 3 Il cavo coassiale 4 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Comunicazione seriale e parallela 7 Trasmissione sincrona e asincrona 9 Trasmissione asincrona

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

invisibile Bluetooth, la porta

invisibile Bluetooth, la porta Tecnologia Mobile Bluetooth, la porta invisibile L interfaccia Bluetooth, presente ormai in una gran parte dei moderni telefoni cellulari, permette di collegare numerose periferiche: ecco come funziona

Dettagli

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired

150 Piazze Wi-Fi. Unidata S.p.A. Una iniziativa Unidata e Wired Allegato 4 all Accordo di adesione alla fase sperimentale del progetto "150 Piazze Wi-Fi" relativo alla fornitura a titolo di comodato gratuito di apparecchiature hardware e correlato software di gestione

Dettagli

) *!' " * +! #"#, ( -. - ( 0 0 00. - #

) *!'  * +! ##, ( -. - ( 0 0 00. - # ! " $% & ' ( ) *!' " * +! ", ( -. - /. - 0 0( ( ) $% * ++! " * +, ( -. - ( 0 0 00. - / 12! ) 1 1 3 /4**' $% * 3* 0 5 6 0!56" * 7'! "( - $% ' /. - 0560, 8 * 56 *, * 9$, $% 0560 :+; * " 3 *' $% ' /*, '(

Dettagli

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Reti di elaboratori. Reti di elaboratori. Reti di elaboratori INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Reti di elaboratori Rete di calcolatori: insieme di dispositivi interconnessi Modello distribuito INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Funzioni delle reti: comunicazione condivisione di

Dettagli

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg

WiFi: Connessione senza fili. di Andreas Zoeschg WiFi: Connessione senza fili di Andreas Zoeschg Introduzione Le tecnologie wireless risultano particolarmente adatte qualora sia necessario supportare la mobilità dei dispositivi utenti o per il deployment

Dettagli

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento

La telefonia cellulare. Piccola presentazione di approfondimento La telefonia cellulare Piccola presentazione di approfondimento Introduzione Oggigiorno, i telefoni cellulari sono diffusissimi e godono della massima popolarità. Molte persone, tuttavia, non conoscono

Dettagli

MHz. MHz. Fig. 1 Fig. 2

MHz. MHz. Fig. 1 Fig. 2 Esercizio 1 Il Ranger Smith del parco di Yellowstone ha deciso di rafforzare il sistema di sorveglianza a causa dei continui furti di cestini di picnic dei visitatori del parco da parte dell orso Yoghi

Dettagli

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo

Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo Sistema UMTS Tecnica di accesso W-CDMA Introduzione: scelta della tecnica di accesso multiplo... 1 Concetti generali sul CDMA... 3 L operazione di spreading... 6 Parametri caratteristici dell operazione

Dettagli

SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs)

SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs) SUPERLUMINESCENT DIODES (SLDs) Emission spectra and L-I characteristics Capitolo 3 Applicazioni degli SLED. I LED superluminescenti vengono utilizzati in varie applicazioni in cui è richiesta una

Dettagli

Roma, 24 Novembre 2014

Roma, 24 Novembre 2014 Roma, 24 Novembre 2014 Piano di rete Comune di GUARDIAGRELE (CH) Piano 2015 Indice dei contenuti INTRODUZIONE 1 ACCENNI SUL SISTEMA CELLULARE 1.1 UMTS E HSDPA: LA NUOVA TECNOLOGIA E LA SUA EVOLUZIONE 1.2

Dettagli