Neoplasia Colorettale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Neoplasia Colorettale"

Transcript

1

2 Neoplasia Colorettale Farmaci anti VEGF-alfa, VEGFR e anti-efgr nell era del mantenimento biologico post-progressione: basi molecolari, razionale di utilizzo e necessità di studio Andrea Mancuso, MD Department of Medical Oncology, San Camillo and Forlanini Hospitals, Rome, Italy

3 Scopo della Relazione - mcrc - Comprendere da dove nascono le indicazioni biologiche del Bevacizumab Comprendere le basi molecolari del Cetuximab e valutare la sua azione come mantenimento di risposta e in assetto post progressione Comprendere le basi molecolari di efficacia del Panitumumab, l utilizzo terapeutico e la sequenza biologica ideale Comprendere la biologia molecolare dell Aflibercept e implementare possibili scenari futuri e nicchie di utilizzo Possiamo fare di meglio?

4 Judah Folkman: Padre dell Angiogenesi Prima persona ad osservare l angiogenesi come meccanismo patogenetico nel cancro già dal 1971 Primo a stabilire correlazione tra Microambiente e Tumore Primo a definire il concetto di crescita sostenuta dal microambiente perineoplastico versus una crescita tumorale totalmente indipendente Mori et al. Blood Cancer Journal, 2012

5 Direct angiogenesis inhibitors prevent vascular endothelial cells from proliferating or migrating toward the tumor.

6 Judah Folkman: Padre dell Angiogenesi E possibile controllare la crescita di tumori umani agendo sul microambiente anziché direttamente sulla cellula neoplastica Talidomide nel mieloma Bevacizumab nei tumori del colon Rituximab nel linfoma di Hodgkin classico (CD20-neg) Terapia anti H. Pylori nel linfoma MALT dello stomaco Prevenzione dei tumori del colon-retto con farmaci anti-infiammatori (NSAIDs) Mori et al. Blood Cancer Journal, 2012

7 Bevacizumab Recombinant, humanized monoclonal antibody that binds to all isoforms of VEGF-A such that KDR signaling is inhibited Endost. PDGF PIGF TSP-1 Ang-1 Ang-2 MMP IL-12 HGF Tumstatin bfgf Platelect factor 4 Angiost. sil2r Mori et al. Blood Cancer Journal, 2012

8 Bevacizumab The emergence of resistance depends in part on the genetic instability, heterogeneity and high mutational rate of tumour cells. In contrast, endothelial cells are genetically stable, homogenous and have a low mutational rate Therefore, anti-angiogenic therapy directed against a tumour s endothelial cells should, in principle, induce little or no drug resistance Boehm et al. Nature, 1997

9 Bevacizumab An unexpected finding is that repeated cycles of antiangiogenic therapy are followed by prolonged tumour dormancy Antiangiogenic therapy needs to be maintained to prolong the stability of the tumor and to have a reduced growth of disease in the case of direct progression of the neoplastic cells Concetto di mantenimento e post-progressione (1997) Boehm et al. Nature, 1997

10 Clinical hypothesis: observational studies of post-progression bevacizumab BRITE (AVF2941n) and ARIES (AVF3991n) CRC ARIES 1 Unresectable mcrc treated with first-line bevacizumab + chemotherapy (n=1,548) BRiTE 2 Unresectable mcrc treated with first-line bevacizumab + chemotherapy (n=1,953) First progression (n=1,026*) First progression (n=1,445) Physician decision (no randomisation) Physician decision (no randomisation) No post-pd treatment (n=282) No bevacizumab post-pd (n=336) Bevacizumab post-pd (n=408) No post-pd treatment (n=253) No bevacizumab post-pd (n=531) Bevacizumab post-pd (n=642) *Patients alive 2 months after PD 1. Cohn, et al. WCGC 2010; 2. Grothey, et al. JCO 2008

11 BRiTEa: Significantly improved OS with postprogression bevacizumab (BBP) therapy CRC Estimated probability HR=2.05 (95% CI ) p< BBP (n=642) No BBP (n=531) No treatment (n=253) 31.8 HR=0.49 (95% CI ) p< OS (months) Grothey ASCO 2007 Grothey JCO 2008

12 ARIES: Survival beyond progression according to post-progression bevacizumab exposure CRC Estimated probability Survival beyond progression No BBP (n=336) BBP (n=408) Median, months HR (95% CI) 0.52 ( ) p< Survival beyond progression (months) Cohn ASCO 2010

13 ML18147 study design (phase III) BEV + standard first-line CT (either oxaliplatin or irinotecan-based) (n=820) PD Randomise 1:1 CT switch: Oxaliplatin Irinotecan Irinotecan Oxaliplatin Standard second-line CT (oxaliplatin or irinotecanbased) until PD BEV (2.5 mg/kg/wk) + standard second-line CT (oxaliplatin or irinotecanbased) until PD Primary endpoint Secondary endpoints included Stratification factors Overall survival (OS) from randomisation Progression-free survival (PFS) Best overall response rate Safety First-line CT (oxaliplatin-based, irinotecan-based) First-line PFS ( 9 months, >9 months) Time from last BEV dose ( 42 days, >42 days) ECOG PS at baseline (0/1, 2) Study conducted in 220 centres in Europe and Saudi Arabia

14 OS: ITT population CT (n=410) BEV + CT (n=409) OS estimate Unstratifieda HR: 0.81 (95% CI: ) p= (log-rank test) Stratifiedb HR: 0.83 (95% CI: ) p= (log-rank test) mo 11.2 mo No. at risk Time (months) CT BEV + CT Median follow-up: 0 CT, 9.6 months (range ); BEV + CT, 11.1 months (range ) aprimary analysis method; bstratified by first-line CT (oxaliplatin-based, irinotecan-based), first-line PFS ( 9 months, >9 months), time from last dose of BEV ( 42 days, >42 days), ECOG performance status at baseline (0, 1)

15 Bevacizumab Sulle basi molecolari fornite dal 1997 in avanti ci devono oggi stupire gli studi clinici e le 3 indicazioni del Bevacizumab? Criticità: NO Cosa significa post progressione? Nessuno ci spiega nel TML il tipo, il volume e l organo di progressione Bobrie et al. Cancer Res, 2012 Koontongkaew et al., Journal of Cancer, 2013

16 Bevacizumab BEVACIZUMAB ALL LIFE LONG

17 Bevacizumab Sulle basi molecolari fornite dal 1997 in avanti ci devono oggi stupire gli studi clinici e le 3 indicazioni del Bevacizumab? Criticità: NO Cosa significa post progressione? Nessuno ci spiega nel TML il tipo, il volume e l organo di progressione Sospensione del Bevacizumab quando siamo nel caso di: 1) microenvironment resistance ruolo degli esosomi (Rab27a)???, resistant carcinoma associated fibroblasts (CAFs)??? 2) microenvironment independent tumor growth misura del flusso e densità vascolare intratumorale??? Bobrie et al. Cancer Res, 2012 Koontongkaew et al., Journal of Cancer, 2013

18 Bevacizumab Let s come back to the Lab Boehm et al. Nature, 1997

19 Bevacizumab Predictive factors Investigated determinants: KRAS, BRAF and p53 mutational status; P53 and thrombospondin-1 tissue expression; VEGF epithelial and stromal expression; Microvascular density VEGF and VEGFR SNPs VEGF plasma levels Ellis, ASCO 2010

20 VEGF C/T SNP: a retrospective experience BEVACIZUMAB GROUP T/T (N=29) median PFS: 7.5 months C/T (N=60) median PFS: 10.5 months C/C (N=22) median PFS: 12.8 months Logrank test p= CONTROL GROUP T/T (N=25) median PFS: 8.6 months C/T (N=55) median PFS: 8.2 months C/C (N=27) median PFS: 8.0 months Logrank test p= Loupakis et al. ESMO 2009

21 Prospective evaluation of candidate SNPs of VEGF/VEGFR pathway Prospective validation trial in mcrc pts treated with first-line FOLFIRI+ BV to detect a HR for PFS of 1.7 for VEGF rs T/T compared to C- variants Four-hundred-twenty-four pts included. At a median follow up of 24 months, median PFS was 10.5 months. At the univariate analysis, no differences in PFS according to VEGF rs C/T variants were observed (p=0.38). Among analyzed SNPs, only VEGFR2 rs C- variants (n=118) were associated to shorter PFS compared to TT (n=306) (HR: 1.40 [95%CI: ], p=0.015). In the multivariate model, this association retained significance (HR: [95%CI: ], p=0.012), that was lost by applying multiple testing correction. Conclusions: This prospective experience failed to validate the hypothesized predictive impact of VEGF rs variants. Loupakis et al. ASCO 2012

22 Bevacizumab Let s come back to the Lab Boehm et al. Nature, 1997

23 Bevacizumab Il microambiente è il DRIVER del Bevacizumab Studi sul microambiente dovrebbero moltiplicarsi, ve ne sono pochi, è molto difficile condurli e potenziarli statisticamente per l alto numero di variabili Bevacizumab inutile in adiuvante, perché? E assente il driver di efficacia Il concetto di Time Related Efficacy presente nello studio americano adiuvante (NSABP C-08) non è altro che l implementazione dei dati molecolari discussi e rinforza il concetto di mantenimento e utilizzo in post-progressione in caso di malattia presente anche microscopica Allegra et al. JCO, 2010

24 mab anti EGFR: Caratteristiche, Meccanismo d azione, vantaggi selettivi Cetuximab IgG 1 mab T1/2: 5-7 giorni, somministrazioni settimanali, ogni 2 settimane possibili Affinità recettoriale EGFR: 0.30 nm Proteina Chimerica: Domini costanti di una molecola IgG umana combinati con regioni variabili murine attraverso una fusione trangenica dei geni immunoglobulinici Panitumumab IgG 2 mab Completamente umanizzato: T1/2: 3,6 10,9 giorni, somministrazioni settimanali, ogni 2 wks, 3 wks?? Affinità recettoriale EGFR: 50 pm Innesto all interno di una struttura umana, di regioni CDR umane, selezionate per il riconoscimento specifico dell antigene scelto Yang XD, et al. Crit Rev Oncol Hematol. 2001

25 mab anti EGFR: Caratteristiche, Meccanismo d azione, vantaggi selettivi Principale Classico Meccanismo d azione Cetuximab/Panitumumab e EGFR Legame sul dominio III di una tethered segfr molecule Migliore inibizione classica sul dominio: Panitumumab Panitumumab Panitumumab biologicamente perfetto sul dominio Diverso significato biologico/molecolare Li et al., Cancer Cell, 2005

26 CETUXIMAB L imperfezione come qualità Cetuximab 1) Minore affinità di legame con EGFR (rispetto al Panitumumab) con EGFR 2) Interazione e sensibilità al microambiente 3) Maggiore possibilità di reazioni anafilattiche o anafilattoidi (ordine del 2-3%) 4) Minore emivita 1) Maggiore variabilità di bersaglio 2) Legami stabili e scindibili solo con degradazione 3) Utilizzato meccanismo antitumorale ADCC Ottima Qualità Bio/Oncologica 4) Maggiore versatilità molecolare (Dose Intensity, Tossicità)

27 PANITUMUMAB L iperselettività come qualità 1) Altissima affinità di legame con EGFR 2) Rapida internalizzazione e assente downregulation proteolitica del complesso EGFR/Mab Panitumumab 3) Minore possibilità di reazioni anafilattiche o anafilattoidi (max 1%) 4) Maggiore emivita 1) Interazione con recettori con mutazioni specifiche e diverse da quelle inibite dal Cetuximab Ottima e differente 3) Ritardo di acquisizione delle resistenze Qualità Bio/Oncologica 4) Rapidità d azione (Duillard, ESMO 2012)

28 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB Internalizzazione del complesso recettore EGFR /Cetuximab e downregolation della EGFR espressione EGFs e TGF-α Endosoma PH da 7 5 Scissione Riespressione EGFR Trasporto EGFR al nucleo e attivazione DNA-PK (DNA riparo) Effetto proliferativo degli EGFs e segfr Cetuximab Ferguson et al., 2003 Shiqing et al., Cancer Cell, 2005 Dittmann et al., J Biol Chem, 2005 Endosoma PH da 7 5 Lisosoma Downregulation EGFR (fisica e proteolitica) Nessun effetto proliferativo segfr

29 Quali altri meccanismi d azione? PANITUMUMAB Internalizzazione del complesso recettore EGFR /Panitumumab e downregolation della EGFR espressione Rapida internalizzazione Assenza di degradazione lisosomiale Downregulation di EGFR (fisica e non proteolitica) Possibilità di riespressione sulla membrana di EGFR Assenza di inibizione DNA-Protein Kinasi di riparo attivata dal trasporto intranucleare di EGFR (meccanismo d azione cruciale per la RT) Yang XD, et al. Crit Rev Oncol Hematol Messersmith et al., Clin Cancer Res, 2007

30 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Internalizzazione del complesso recettore/mab e impatto sul clivaggio proteolitico di EGFR Downregulation proteolitica di EGFR / minore espressione EGFR su membrana Assente downregulation proteolitica di EGFR / inalterata espressione EGFR su membrana - +/- By EGFR ubiquitination and degradation and using Src kinase CETUXIMAB/ EGFR PANITUMUMAB/ EGFR Sebbene l EGFR downregulation è un meccanismo di incremento di efficacia, il perdurare di tale pathway potrebbe comportare resistenza Imai et al., Nature Review, 2006 Lu et al., Cancer Res, 2007

31 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Citotossicità complemento/dipendente (CDC/CDCC) e citotossicità cellulare Ab dipendente (ADCC) CDC (complementdependent cytotoxicity ): Dopo il legame del mab, il fattore del complemento interagisce con la regione costante CH2 del mab la quale porta all attivazione della cascata proteolitica classica del complemento formando i membraneattack complexes (MAC) per la lisi delle cellule tumorali Imai et al., Nature Review, 2006

32 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Citotossicità complemento/dipendente (CDC/CDCC) e citotossicità cellulare Ab dipendente (ADCC) CDCC (complementdependent cell- mediated cytotoxicity ): C3b generato durante la CDC reazione funziona come una opsonina per facilitare fagocitosi e citolisi attraverso l interazione con il C3b recettore su macrofagi e NK Imai et al., Nature Review, 2006

33 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB Citotossicità complemento/dipendente (CDC/CDCC) e citotossicità cellulare Ab dipendente (ADCC) ADCC (antibody-dependent cellular cytotoxicity): Macrofagi e cellule NK vengono reclutate e interagiscono con la regione CH3 del mab attraverso il loro FcγRIIIa espresso. Le cellule tumorali ricoperte da mab e cellule immunitarie sono fagocitate dai macrofagi o vengono citolisate dalle NK Regolazione neg effettuata da FcγRIIb sempre espresso dai macrofagi Imai et al., Nature Review, 2006

34 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Citotossicità complemento/dipendente (CDC/CDCC) e citotossicità cellulare Ab dipendente (ADCC) IgG1 e IgG3 possono attivare la pathway classica del complemento e interagire con Fcγ recettori; Non particolarmente le IgG2. In particolare IgG4 non possono attivare la via del complemento CDC/CDCC e ADCC: Cetuximab CDC/CDCC e ADCC: Panitumumab OK/OK NI/NO Ci sono dati preclinici forti che suggeriscono CDC/CDCC e ADCC come importanti meccanismi d azione antitumorali Rivera et al., Acta Oncologica, 2008 Lo et al., AACR-NCI-EORTC Int Conf Mol Targets Cancer Ther, 2003

35 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Inibizione dei recettori mutati o disregolati (differenti mutazioni e disregolazioni inibite) Untethered Monomers : Cetuximab previene la formazione di tali forme (vii) riducendo il legame dei ligandi ad alta affinità sia sul dominio I che III anche con un cambio di conformazione sterica Cetuximab inibisce la forma viii dell EGFR attraverso il legame FabVH/Dominio I EGFR e prevenendo il dominio II dalla conformazione sterica necessaria per la dimerizzazione Li et al., Cancer Cell, 2005

36 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Blocco eterodimerizzazione tra EGFR/IGF-1R e blocco della via di trasduzione del segnale di IGF-1R L attivazione di IGF-1R attraverso l eterodimerizzazione EGFR/IGF-1R e la conseguente espressione di Survivina media la resistenza al Gefitinib nelle NSCLC cells H460: Cellule resistenti al gefitinib Cetuximab/Panitumumab impediscono tale eterodimerizzazione bloccando anche tutta la via a valle di IGF-1R con affinità e modalità differente Morgillo et al., Clin Cancer Res, 2007 Karamouzis et al., Trends Mol Med, 2006

37 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Blocco eterodimerizzazione tra EGFR/PDGFR e blocco della via di trasduzione del segnale di PDGFR-β Cetuximab inibisce eterodimerizzazione naturale EGFR/PDGFR-β a dosi crescenti proporzionalmente all espressione di PDGFR-β Cellule UM-UC5 overesprimenti PDGFR-β sono resistenti al Cetuximab probabilmente per spiazzamento mab dal recettore; Panitumumab meccanismo elettivo vista la sua più alta affinità recettoriale Brown et al., AACR meeting, 2006 Ingram et al., Curr Mol Med, 2006 Karamouzis et al., JAMA, 2007 Black et al., Urologic Oncology, 2007

38 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Blocco eterodimerizzazioni tra EGFR/IGF-1R e EGFR/PDGFR-β rappresentano una VIA COMUNE Blocco eterodimerizzazione tra EGFR/Recettori per Molecole Ormonali e blocco trasduzione del segnale ormonale indiretto PELP1/MNAR Modulatori attività ormonale estrogenica Karamouzis et al., JAMA, 2007 Gururaj et al., Clin Cancer Res, 2006

39 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB/PANITUMUMAB Blocco eterodimerizzazione tra EGFR/Recettori per Molecole Ormonali e blocco trasduzione del segnale ormonale indiretto Ormonoresistenza Cetuximab Panitumumab Blocco eterodimerizzazione potrebbe significare restituita ormonoresponsività (Ca mammella / Ca prostata) Jakobovits et al., Handb Exp Pharmacol, 2008 Gadducci et al., Crit Rev Oncol Hematol, 2006 Ross et al., Cancer Metastasis Rev, 2005

40 Quali altri meccanismi d azione? CETUXIMAB Modificazione della matrice extracellulare Meccanismo ADCC Cetuximab induce infiltrazione macrofagica del tumore 1 TAM: Macrofagi Tumore Associati (1) Degradazione delle metallo-proteinasi di matrice richieste per l adesione e metastatizzazione delle cellule tumorali Panitumumab: nessuna modificazione ECM Assente ADCC Kim et al., Clin Cancer Res, 2006 Frieze et al., Ann Pharm, 2006 Shih et al., J. Cancer Mol, 2006

41 Riassumendo CETUXIMAB VS PANITUMUMAB Meccanismi d azione misconosciuti non da inibizione classica della pathway di EGFR Cetuximab Panitumumab Internalizzazione del recettore SI SI (+ radido) Dowregulation EGFR fisica SI SI (+ rapido) Dowregulation EGFR proteolitica SI NO (vantaggio resistenze acquisite) Inibizione DNA PK (riparo DNA) SI (vantaggio RT) CDC/CDCC SI NI (IgG2 non particolarmente attive nell attivare complemento) NO ADCC SI NO Inibizione recettori mutati o disregolati SI SI Blocco EGFR dimerizzazione con IGF- Reale SI Multitargets 1R, PDGFR, Rec. Ormonali Azione anche MI Interazione con matrice extracellulare SI NO Non è Multitargets No azione su MI SI (diversa > Affinità affinità) Rec Peculiarità di funzione

42 Cosa spiegano tali meccanismi d azione? Cetuximab e Panitumumab sono 2 risorse da sfruttare con intelligenza e ancora tanto da studiare Non sono farmaci in concorrenza ---- Potrebbe essere cruciale una selezione di pazienti anche sulla competenza del complemento o su forme particolari del recettore di EGFR vii, vi, viii per la scelta farmacologica e/o decisione di linea terapeutica Cetuximab viste le caratteristiche biologiche neoplastico/specifiche e microambientali è allo stesso modo del Bevacizumab un ottimo candidato ad essere studiato in mantenimento e post-progressione Cetuximab a fallimento di Panitumumab: un opzione non da scartare, potenzialmente efficace su più target Panitumumab a fallimento di Cetuximab: un opzione non da scartare Imai et al., Nature Review, 2006 Helbling et al., Ann Oncol, 2007

43 Mutation in the EGFR extracellular domain Cetuximab-resistant cells from the highly sensitive human mcrc cell line DiFi (which is wild-type for KRAS, BRAF and PI3K and has an amplification of EGFR) These cells continuously treated with cetuximab. Five months after beginning treatment, was isolated DiFi-derived cetuximabresistant clones (DCR) (DCR 7, DCR 9 and DCR 10) Montagut et al, Nature Medicine, Jan 2012

44 Mutation in the EGFR extracellular domain No detect mutations in KRAS, BRAF or PIK3CA or loss of PTEN expression in the DCR clones Viability and EGFR signaling in the DCR clones were effectively decreased by treatment with the antibody panitumumab Montagut et al, Nature Medicine, Jan 2012

45 Mutation in the EGFR extracellular domain Acquired EGFR ectodomain mutation (S492R) that prevents cetuximab binding and confers resistance to cetuximab In Cells carrying the S492R mutation, only panitumumab blocked the activation of EGFR Comparison of the abilities of cetuximab and panitumumab to interact with WT EGFR and the S492R EGFR mutant in vitro Montagut et al, Nature Medicine, Jan 2012

46 Mutation in the EGFR extracellular domain Clinical Phase Examination pre- and post-therapy specimens from ten individuals with mcrc who experienced disease progression after a prior response to cetuximab with chemotherapy Detection the S492R mutation in two subjects. The detection of the acquired EGFR S492R mutation led investigators to offer him panitumumab according to the approved monotherapy schedule Montagut et al, Nature Medicine, Jan 2012

47 Cetuximab come terapia di mantenimento della risposta nel mcrc Concettualmente, perchè no? Biologicamente, assolutamente si: - Malattia colorettale policlonale ed eterogenea - Farmaco interagisce con il microambiente come il Bevacizumab - Approvato e strutturato per altre patologie Fattibilità, si: -Con qualche stratagemma Eppure il mantenimento non è formalmente strutturato

48 ERBITUX + chemioterapia a base di platino (Studio EXTREME) Disegno dello studio Mantenimento Studio multicentrico, di fase III, randomizzato (n=442) Chemioterapia a base di platino + ERBITUX (n=222) Chemioterapia a base di platino (n=220) ERBITUX fino alla progressione di malattia o tossicità inaccettabile Chemioterapia a base di platino Cisplatino 100 mg/m 2 O carboplatino AUC 5, giorno 1 5-FU 1000 mg/m 2 /giorno, giorni 1 4 cicli di 3 settimane, fino a 6 cicli ERBITUX Dose iniziale di 400 mg/m 2 poi 250 mg/m 2 ogni settimana Vermorken et al. New Engl J Med 2008;359:

49 EXTREME: Overall survival 1.0 Survival probability months 10.1 months Chemotherapy only HR [95%CI]: 0.80 [ ] p= Vermorken JB et al. N Engl J Med 2008;359:

50 Cetuximab come terapia di mantenimento della risposta nel mcrc Almeno 4 strong evidences in altri tumori che il mantenimento è utile Nessun dato strutturato sul mcrc su quanto potrebbe aggiungere tale strategia Considerando che del Cetuximab/Panitumumab: -Non conosciamo i meccanismi di non risposta specie nei K-RAS WT -Non sappiamo la eventuale sequenzialità -Non sappiamo stratificare biologicamente i pazienti -Non conosciamo ruolo in mantenimento e Post progressione Let s come back to the Lab Mecca et al., Eur J Dermatol, 2012 Mesia et al., Ann Oncol, 2013 Colucci et al., Oncology 2010 Jensen et al., Cancer 2011 Argiris et al., JCO 2010

51 Cetuximab come terapia post-progressione Strategia terapeutica ottimale nei pazienti con tumore del colon-retto metastatico K ras wild type: cetuximab in associazione con FOLFIRI seguito dal FOLFOX +/- cetuximab. Studio Multicentrico del GOIM (Prot.2906 CAPRI )

52 Metastatic wt KRAS CRC *FOLFIRI + CETUXIMAB PD *FOLFIRI+Cetuximab until PD FOLFOX+Cetuximab until PD R A N D O M I Z A T I O N FOLFOX + CETUXIMAB FOLFOX Sangue basale per la determinazione dei polimorfismi di EGF, EGFR e FCγ EGFR Plasma per lo studio di 100 proteine microambintali coinvolte nelle risposta e nella resistenza al cetuximab

53 Aflibercept: Come superiamo la resistenza alla terapia anti VEGF?

54 Aflibercept: Come superiamo la resistenza alla terapia anti VEGF? Aflibercept is a recombinant fusion protein which acts as a decoy receptor that binds to: - Vascular Endothelial Growth Factor-A (VEGF-A), VEGF-B and placental growth factor (PIGF-1 and 2) - Binding sequences from VEGF receptors 1 and 2

55 Aflibercept: Come superiamo la resistenza alla terapia anti VEGF? - Expression of VEGFR1-2 on tumors, vessels, and macrophages is high - svegfr1 expression in plasma is high. - Expression of NRP1 on tumor cells is also high such as PIGF1 and 2 - Expression of various other angiogenic molecules, including IL-8, bfgf, PDGF-BB, PDGF-C, VEGF-C, and VEGF-D. Lambrechts D et al. JCO 2013;31:

56 GI Cancer Updates VELOUR Study Author: J Tabernero et al Reviewed by: Dr. Scott Berry Date posted: October 27, 2012

57 Study Design N=1200 Primary Outcome:OS Aflibercept 4 mg/kg IV, day 1 + FOLFIRI q2 weeks R mcrc Previous Oxaliplatin Based Tx FOLFIRI q2 weeks

58 RESULTS FOLFIRI FOLFIRI+ AFLIBERCEPT p-value Response Rate (%) P= PFS/TTP (median, mos) P= OS (median, mos) HR=0.82 P= Van Cutsem D et al. JCO 2012

59 Overall Survival: Patients with or without Prior Treatment with Bevacizumab - ITT Population Placebo/ FOLFIRI Median (mos) N = 614 Aflibercept/FOLFIR I Median (mos) N = 612 P-value for interaction All Patients Prior BEV No Yes P= Interaction between treatment arm and prior bevacizumab factor was not significant at the 2-sided 10% level (p = ). Improvement in OS was consistent regardless of prior treatment with bevacizumab Van Cutsem D et al. JCO 2012

60 Aflibercept: Un Farmaco studiato bene!!! ---per ora--- Prova di principio: SI Studi di fase preclinica e clinica con PK e PD: SI Studi di interazione e di sinergismo molecolare con IRI e OX: Si Studio di interazione con OX non è così schiacciante!!!! ASCO 2010 Studi di fase II e III prima e seconda linea: SI (vd AFFIRM Trial) Wang et al. Med. Oncol. 2012

61 Aflibercept: Cosa manca? Studi in mantenimento e post progression: in vitro e preclinici in vivo. Perché non iniziare da subito? Ricordiamoci che la storia del Beva mantenimento e post-progressione è iniziato concettualmente nel 1997 Studi di combinazione con altri antiangiogenetici (i.e. Inibitori Neuropilina 1 -NRP-1-)

62 Conclusioni

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare

Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari. Corso di Immunologia Molecolare Corso di Laurea Specialistica in Biotecnologie Biomolecolari ANTONELLA GROSSO Corso di Immunologia Molecolare ILAN RIESS LA MOLECOLA Interleukin 4 From Wikipedia, the free encyclopedia Interleukin-4, abbreviated

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO

I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO I I SEGNALI COSTIMOLATORI DEI LINFOCITI T FEDERICA COLLINO ATTIVAZIONE DEI LINFOCITI T L attivazione dei linfociti T vergini richiede la presenza di una particolare regione di contatto tra le cellule T

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova

ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico. Linea di ricerca. Via Gattamelata, 64 35128 Padova ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico Linea di ricerca Via Gattamelata, 64 35128 Padova Linea di ricerca 8 Immunologia dei tumori e approcci terapeutici Innovativi

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Come scrivere un articolo scientifico

Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Come scrivere un articolo scientifico Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche Come scrivere un articolo scientifico Giancarlo Cicolini g.cicolini@unich.it Elisabetta Palma e.palma@unich.it La ricerca della verità

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1

13. Anticorpi. (vedi singoli sottocapitoli) I edizione. 13. Anticorpi...1 1 13. Anticorpi I edizione (vedi singoli sottocapitoli) 13. Anticorpi...1 13.1. STRUTTURA DEGLI ANTICORPI ED I GENI DELLE IMMUNOGLOBULINE...3 13.1.1. Struttura/funzione degli anticorpi...4 13.1.2. Dominii

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Aspetti metodologici e statistici degli studi clinici in oncologia

Aspetti metodologici e statistici degli studi clinici in oncologia Roma, SSFA, November 11, 2013 Aspetti metodologici e statistici degli studi clinici in oncologia Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IRCCS AUO San Martino-IST Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera

La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera La ricerca clinica nel contesto internazionale: l esperienza svizzera G. M. Zanini Convegno AFI-AFTI l impatto delle nuove normative comunitarie sulla produzione dei farmaci per uso sperimentale e sulla

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica

Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica Raccomandazioni per l'impostazione di un Curriculum Globale in Oncologia Medica ESMO-ASCO Task Force on Global Curriculum in Medical Oncology (Task Force ESMO-ASCO per il Curriculum Globale in Oncologia

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

CURRICULUM VITAE DEL DOTT. FRANCESCO FERRUCCI. Dati Personali: Pier Francesco Ferrucci. Data di nascita : 04 Ottobre 1964.

CURRICULUM VITAE DEL DOTT. FRANCESCO FERRUCCI. Dati Personali: Pier Francesco Ferrucci. Data di nascita : 04 Ottobre 1964. CURRICULUM VITAE DEL DOTT. FRANCESCO FERRUCCI Dati Personali: Nome : Pier Francesco Ferrucci. Data di nascita : 04 Ottobre 1964. Luogo di nascita : Livorno, Italia. Presente impiego: Recapiti telefonici:

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli